Issuu on Google+

Cassino, la crisi si sposta alla Pisana

Pontecorvo, Giunta a lavoro sul bilancio

CASSINO - La crisi in seno al Consiglio comunale di Cassino si sposta alla Pisana. Il sindaco Bruno Scittarelli, infatti, ha consegnato il proprio “libro di memorie” ai coordinatori regionali del Pdl i quali adesso saranno chiamati al difficile compito di esaminare le richieste politiche avanzate dal gruppo dei ribelli che fanno capo a Mario Abbruzzese. PAG.5

PONTECORVO - Riunione di Giunta ieri pomeriggio a Pontecorvo per discutere del bilancio e della programmazione delle opere pubbliche. Ad illustrare ai colleghi assessori i vari capitoli dello strumento contabile, è stato il vicesindaco, Raffaello Carocci. Nel frattempo si lavora già al prossimo Consiglio che potrebbe essere convocato per la fine del mese. PAG. 7

ANNO I - N° 45 GIOVEDÌ 22 APRILE 2010 DISTRIBUZIONE GRATUITA

Allegato alla Gazzetta del Molise free press. Registrazione Tribunale di Campobasso n. 3/08 del 21/03/2008. Direttore responsabile: Angelo Santagostino. Redazione di Cassino Corso della Repubblica n. 5. Tel: 0776.278040 Fax: 0776.325688 e-mail: redazione@lagazzettacassino.it. A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 86100 Campobasso tel. 0874/481034. Tipografia A.I Communication Sessano Del Molise (IS) GIORNALE SATIRICO

La Fiat raddoppia la produzione www.lagazzettacassino.it IL TAPIRO DEL GIORNO AL SINDACO ANTONIO NOTA Ha promosso il progetto legato alla creazione di centri commerciali naturali proprio per dare nuovo slancio alle attività presenti sul territorio, e per questo va lodato. Gli consegniamo il tapiro, però, poiché nel divulgare la notizia e, forse, per dimostrare ai suoi concittadini di aver coinvolto un gran numero di persone, tra amministratori, imprenditori, commercianti e responsabili di associazioni, ha trovato una foto di gruppo e sopra, attraverso un fotomontaggio, ha inserito le facce di chi a quella riunione, evidentemente, doveva esserci ma non vi ha preso parte. Sindaco Nota, ma ci faccia il piacere. L’antico adagio “Pochi ma buoni” vale sempre, anche per lei.

L’OSCAR DEL GIORNO ALLA DIRIGENZA FIAT Nonostante le congiunture negative mondiali e le strumentalizzazioni di chi, in più di un’occasione, ha tracciato un’immagine dello stabilimento non rispondente alla realtà, raccontando di una situazione catastrofica, alla dirigenza dello stabilimento Fiat-Cassino va il merito di aver lavorato bene. In tutti questi anni le scelte di marketing hanno premiato un sito che oggi, dopo la presentazione del nuovo piano industriale dell’amministratore delegato, Sergio Marchionne, diventa il secondo più importante all’interno del gruppo torinese.

redazione@lagazzettacassino.it 10.000 copie in omaggio


REGIONE Infarto, ogni anno nel Lazio muoiono 3mila persone L’allarme lanciato dal direttore di cardiologia interventistica del San Camillo-Forlanini “Occorre riorganizzare la rete ospedaliera per fronteggiare tutte le emergenze” ROMA - Nel Lazio 3 mila persone muoiono d'infarto ogni anno a fronte delle circa 30 mila che muoiono per lo stesso motivo in Italia. “Occorre riorganizzare la rete per fronteggiare le emergenze» e per questo “è improcrastinabile l'impegno della Regione”. Lo ha detto Roberto Violini, direttore dell'Unità operativa di cardiologia Interventistica dell’Azienda sanitaria san CamilloForlanini presentando Intercardio 2010, appuntamento romano annuale di cardiologia, dal 21 al 23 aprile presso il Conference Center. “Il 50% dei decessi per infarto miocardico - ha spiegato Violini - avviene ancora fuori dall'ospedale, prima che sia

possibile instaurare una terapia vera e propria. È su questo numero di decessi che la buona sanità ha l'obbligo di agire attraverso l'organizzazione di una rete regionale adeguata a fronteggiare le emergenze; una rete che, lavorando in modo ottimale, può, secondo le previsioni, arrivare a salvare ogni anno almeno 600 vite umane nel nostro territorio”. Secondo Violini “se la medicina ha fatto passi da gigante nella cura delle malattie cardiovascolari, la vera sfida in questo campo resta la messa a punto di reti organizzate per fronteggiare l'insorgenza dell’infarto miocardico acuto. Un’ urgenza improcrastinabile in campo sanitario a cui la nuova

Presidenza della Regione Lazio sarà chiamata a dare risposte concrete. La Presidente Renata Polverini - si è chiesto - avrà la determinazione e la lungimiranza di non schiacciare sul debito i provvedimenti riguardanti la sanità, ma di prendere un impegno di più ampio respiro in questa direzione?”. “Mentre in alcune regioni questo sistema funziona perfettamente - ha aggiunto Violini - ci sono regioni come il Lazio dove, pur avendo messo a esso a punto la rete, questa non funziona al massimo delle possibilità: i pazienti sono poco sensibilizzati a rivolgersi al 118 e arrivano in ospedale con mezzi propri. Inoltre, non tutte le ambulanze del 118 sono attrez-

zate per trasmettere l'elettrocardiogramma al centro di riferimento. Nell'area urbana di Roma

oramai si è vicini a completare la rete, ma al di fuori non è stata predisposta”.

Unione industriali, firmato il protocollo d’intesa sull’apertura di uno sportello dedicato alle imprese ROMA - È stato firmato, ieri mattina presso la sede dell'Unione degli industriali di Roma, un protocollo d’intesa che prevede l’apertura di uno sportello dedicato a tutte le imprese associate nella sede centrale di Equitalia Gerit. Grazie a questo accordo, firmato dal presidente dell’Uir Aurelio Regina e l’Amministratore Delegato di Equitalia Gerit Spa Gaetano Mangiafico, le aziende associate potranno

rivolgersi allo sportello a loro esclusivamente riservato nella sede centrale di Equitalia Gerit che prevederà un ufficio, linee telefoniche e personale addetto, per ricevere assistenza in materia di semplificazione amministrativa, adempimenti fiscali e contributivi e prevenzione di contenziosi. Inoltre, le aziende potranno utilizzare uno sportello telematico, per recepire o dare in-

formazioni o per presentare istanze, che fino ad oggi hanno richiesto lunghe file e documenti cartacei. “Da oggi - commenta Regina - grazie a questo accordo i nostri imprenditori e le nostre aziende associate avranno un canale privilegiato per affrontare in maniera efficace e, soprattutto, senza dispendio di tempo e di risorse i noti problemi legati agli adempimenti fiscali e contributivi”. Dal canto suo Mangiafico sot-

tolinea che “con il protocollo puntiamo a rendere più semplice ed efficace l’accesso alle imprese per l’assolvimento degli obblighi fiscali. In quest’ottica, lo strumento delle rateazioni, messo a disposizione da Equitalia dal 2008, ha già dato la possibilità a circa 7.000 aziende di Roma e provincia di avvalersi del pagamento a rate per regolarizzare la propria posizione con il fisco”

Polverini: Bonino rinuncia? Allora smentisce se stessa

Ministero della sanità, al via l’operazione trasparenza

Piccole imprese, accordo tra Federlazio e università

ROMA - Con la decisione di non sedere in Consiglio regionale, Emma Bonino “ha smentito ciò che ha detto durante tutta la campagna elettorale”. Lo ha detto la presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, a proposito della scelta della vicepresidente del Senato di non lasciare Palazzo Madama per la Pisana, dove è stata eletta come consigliere regionale al termine delle ultime elezioni.

ROMA - Parte l'operazione trasparenza della sanità. Da ieri sarà online sul sito del ministero della Salute il lavoro svolto dalle Asl e dalle Aziende ospedaliere, regione per regione. Un'analisi che si snoda attraverso l'elaborazione di 34 indicatori (23 di valutazione e 11 di osservazione) per misurare l'appropriatezza, l'efficienza e la qualità dei servizi erogati e comprendere così le criticità e gli aspetti positivi delle principali componenti della sanità. A presentare la ''novità''', frutto di un lavoro di due anni, il ministro della Salute, Ferruccio Fazio, durante una conferenza a Palazzo Chigi con il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Paolo Bonaiuti. ''Una classica operazione trasparenza ha detto il sottosegretario - uno svelamento della realtà secondo il principio di concretezza del nostro Governo”. Gli indicatori formano una vera e propria ''mappa'' della qualità dei servizi a disposizione degli italiani: per esempio, dopo la rottura del femore bisognerebbe essere operati entro due giorni per garantire un completo recupero.

ROMA - Sviluppare tra università e sistema della piccola e media impresa rapporti di collaborazione su progetti di ricerca, sviluppo ed innovazione, ''con l'obiettivo di rafforzare il sistema produttivo della regione da un lato, e fornire un supporto industriale alle attività di ricerca dell'Università, dall'altro''. Questo lo scopo dell'accordo tra l'ateneo La Sapienza di Roma e la Federlazio che sarà siglato lunedì 26 aprile presso il Rettorato dell'ateneo romano tra il Presidente della Federlazio Maurizio Flammini e il Rettore de La Sapienza Luigi Frati. Nel corso dell'incontro, si sottolinea in un comunicato, ''il presidente Flammini e il rettore Frati approfondiranno i dettagli dell'accordo entrando nel merito delle varie aree tematiche interessate dall'accordo stesso''.

2 ANNO I - N° 45 GIOVEDÌ 22 APRILE 2010

Ventotene, la Regione pensa a una task force ROMA - ''L'attenzione su Ventotene, e più in generale sulla messa in sicurezza delle coste laziali, è massima. Si sta provvedendo a costituire presso la Regione una task force, con le direzioni regionali competenti in materia di dissesto idrogeologico, per la definizione di un piano straordinario per la sicurezza in vista dell'apertura della stagione estiva. Sarà una delle prime delibere''. Lo dichiara il presidente Renata Polverini.

Gasolio, respinte agevolazioni Gpl ROMA - Con il parere contrario del Governo e della V Commissione Bilancio, la Camera ha respinto, nel corso della discussione sul Ddl Comunitaria 2009, l'emendamento a firma dei parlamentari Quartiani e Froner che prevede la proroga fino al 31 dicembre prossimo delle agevolazioni sul gasolio e GPL che interessano le frazioni parzialmente non metanizzate di comuni ricadenti nella zona climatica E.


PROVINCIA “Borsisti? Ancora un po’ di pazienza” L’assessore Tersigni chiarisce i termini della questione pagamenti 2009 FROSINONE – Non si placano le polemiche relative al cosiddetto, ormai, “affaire borse lavoro 2009”, il progetto promosso dalla Provincia di Frosinone e gestito dall’Agenzia Frosinone Formazione. Il progetto, ricordiamolo, mirava a far acquisire a giovani disoccupati e a soggetti svantaggiati, un bagaglio di esperienze lavorative attraverso un periodo di stage retribuito in un’azienda del territorio. Inoltre, era una possibilità concreta di permettere l’incontro tra domanda e offerta di lavoro. I ragazzi, in massima parte, hanno risposto al bando di concorso e 350, il numero totale degli ammessi allo stage, ha svolto un periodo di lavoro di tre mesi, tra maggio e settembre 2009. Per il periodo di permanenza in azienda, ai ragazzi doveva essere corrisposta una cifra totale pari a circa 1.700,00 euro. Oltre agli stagisti, coinvolti nel progetto erano

anche le figure dei tutor e dei coordinatori. Nel bando era espressamente scritto che il compenso sarebbe stato erogato dopo tre mesi dalla scadenza dell’attività. Anche tenendosi larghi con i tempi, comunque per natale 2009 la cifra si sarebbe dovuta trovare sul conto dei ragazzi e di tutti gli altri interessati. Ad oggi, però, ancora niente: quella cifra, che per giovani disoccupati, è anche consistente, è rimasta nel mondo dei sogni. Dall’Agenzia dicono che non ci sono soldi e che bisogna trovare le risorse. In merito è intervenuto l’assessore provinciale alla formazione, il dottor Ernesto Tersigni che ha chiarito i termini della vicenda: “Da parte dell’amministrazione provinciale, anche se non ero io in carica, ma la precedente giunta, dunque il precedente assessore, tutto è stato fatto in regola. Per il progetto Borse

lavoro 2009 è stata trasferita all’Agenzia Frosinone Formazione la cifra complessiva di 860 mila euro. Solo che questi fondi sembrano es-

sere spariti nelle more dei capitoli di spesa della società di formazione. Stiamo predisponendo, insieme al nuovo Cda dell’Agenzia, le

verifiche opportune per capire in che modo, soprattutto se è un modo improprio, sono stati utilizzati i soldi. Però ci tengo a ribadire un aspetto: i ragazzi e tutti coloro che sono stati impiegati nel progetto saranno liquidati. Hanno lavorato, hanno svolto l’attività per la quale avevano sottoscritto un rapporto di collaborazione, dunque va saldato il debito. Solo che non è una cosa che si può fare in breve tempo, anche perché la cifra da stanziare per le liquidazioni è abbastanza onerosa. Chiedo a tutti, borsisti, tutor e coordinatori, di pazientare ancora un po’. Comunque verranno pagati. Noi stiamo facendo del tutto per recuperare le risorse, è difficile anche capire la rendicontazione di certe cifre all’Agenzia. Noi stiamo cercando di fare chiarezza e soprattutto di rispettare le forme e le regole del corretto amministrare”.

Inps, gli Lsu in protesta a Roma Chiedono una sanatoria sui contributi previdenziali FROSINONE – La protesta dei lavoratori socialmente utili della provincia di Frosinone si trasferisce a Roma. Dalla sede dell’amministrazione provinciale al palazzo regionale dell’Inps. I precari, che da quattordici anni, lavorano per 529 euro al mese, senza contributi previdenziali, oltre a chiedere la definitiva stabilizzazione nel posto di lavoro, chiedono una sanatoria sui contributi previdenziali. Molti di loro, sono cresciuti in questa situazione di precariato, molti sono anche vicini all’età in cui comunque

la pensione non è un traguardo così lontano. Non per loro, però. Loro i contributi, pur svolgendo una prestazione professionale, non li hanno mai avuti versati. Allora, ecco il tentativo di trovare una soluzione anche a quest’altro annoso problema. Si ritroveranno stamattina, alla stazione centrale di Frosinone, organizzati dalla sigla sindacale Rdb e si recheranno verso la capitale. Non saranno soli a Roma. Intanto, agli Lsu della Provincia si aggregheranno gli altri in servizio presso gli enti locali ciociari, in totale circa 900 per-

sone. Poi, ulteriori “colleghi di sventura” confluiranno anche dalle altre province del Lazio. Tutti insieme per dire no a questa insostenibile situazione. Elisabetta Callari, responsabile della sigla sindacale Rdb, chiarisce i termini della situazione: “Andremo a Roma, sotto la sede dell’Inps, a chiedere quello che è un sacrosanto diritto dei lavoratori. Il trattamento pensionistico. Verranno da tutto il Lazio, bisogna dare voce e visibilità a chi non ha i diritti fondamentali sanciti dalla Costituzione”.

Autotrasporto merci, istituito il gruppo di lavoro FROSINONE - L’assessore provinciale ai trasporti Gabriele Picano, in concerto con la giunta, ha deliberato nei giorni scorsi, in merito all’istituzione e organizzazione di un gruppo di lavoro in materia di autotrasporto merci. Poiché alla Provincia è attribuita la funzione relativa al rilascio delle licenze per l’autotrasporto di merci in conto proprio ed alla tenuta dell’Albo Nazionale degli autotrasportatori di cose per conto terzi, l’assessore ai rasporti ha promosso l’ istituzione e l’ organizzazione di un gruppo di lavoro in materia di autotrasporto merci. Il gruppo sarà costituito attraverso protocollo di intesa, allo scopo di supportare la fun-

Provincia, fondi per la cultura FROSINONE – E’ in programma per oggi, alle ore 11,30 presso la sala Cascella del palazzo della Provincia, la conferenza stampa di presentazione del bando per i finanziamenti 2010 per le iniziative culturali. Il bando è emesso dall’assessorato alla cultura di Antonio Abbate, che ne gestirà le modalità di attuazione.“Finanzieremo solo le iniziative di grande spessore e di grande impatto per il territorio”- ha dichiarato l’assessore Abbate.

zione assessorile di indirizzo dell’ attività amministrativa mediante l’ apporto di operatori ed esperti del settore, nonché di rispettare il principio di trasparenza e di partecipazione dei soggetti interessati ai procedimenti relativi alle funzioni di cui è delegata la Provincia , in merito al rilascio delle licenze per l’ autotrasporto di merci in conto proprio ed alla tenuta dell’ Albo nazionale degli autotrasportatori di cose per conto di terzi. Parte integrante del gruppo sarà il Dirigente del Settore Trasporti, membri designati dal Dipartimento dei Trasporti Terrestri di Frosinone, dalla Camera di Commercio, dall’ Ufficio Territoriale di Governo, dalla Polizia Stradale

di Frosinone, dalle Associazioni di categoria maggiormente rappresentative, aderenti alle associazioni Nazionali dell’ autotrasporto, così come individuato dalla Camera di commercio. “Intendo contribuire alla risoluzione delle diffuse situazioni di crisi/difficoltà aziendali e di settore – ha dichiarato Picano - e credo che la sicurezza e l’efficienza dei servizi di trasferimento/mobilità, nonché le disponibilità di infrastrutture adeguate, incidono fortemente sulla crescita della Provincia e che la complessità delle trasformazioni e dell’ammodernamento del comparto dei trasporti necessitano di una gestione consensuale dei cambiamenti e dei relativi effetti sociali.

Conservatorio, ecco le borse di studio FROSINONE – Martedì prossimo alle ore 18, presso il Conservatorio Licinio Refice, ci sarà la cerimonia di consegna delle borse di studio dell’undicesima edizione del Premio “Vinicio Mancini” del Rotary Club, riservata ai nove migliori diplomati nella scorsa sessione. Saranno presenti il presidente del Rotary, Luigi Annunziata, il direttore del Conservatorio e la signora Valeria Mancini, vedova del dott.Vinicio Mancini al quale è intitolato il premio.

3 ANNO I - N° 45 GIOVEDÌ 22 APRILE 2010


PRIMO PIANO Il dirigente medico è accusato dalla Procura di Cassino di aver sottratto 500mila euro dal servizio sanitario nazionale per non aver mai fatturato i ricavi delle visite svolte privatamente che per metà erano destinati alla Asl

Peculato ed evasione, primario ospedaliero finisce alla sbarra CASSINO - Un vero e proprio “tesoretto” quello che sarebbe riuscito a mettere da parte un primario dell’ospedale “Santa Scolastica” di Cassino che ora rischia una condanna da tre a dieci anni per peculato ed evasione fiscale. Cinquecentomila euro la somma che, in tanti anni di servizio prestato presso il nosocomio cittadino, il dirigente medico avrebbe intascato evadendo le tasse e certificando il falso in merito alle prestazioni svolte privatamente. Ieri mattina, infatti, il magistrato ha disposto il rinvio a giudizio, concludendo così un accurato lavoro di indagine compiuto dalla Guardia di Finanza di Cassino. Un’accusa pesante per il professionista, molto conosciuto e stimato a Cassino e nel Cassinate, giunta al termine di un’attività investigativa partita da semplici accertamenti compiuti dalle Fiamme gialle. A scoprire il tutto, infatti, i finanzieri giunsero a seguito di alcuni controlli sulla spesa sanitaria pubblica, disposti per cercare di ridurre gli sprechi di un servizio davvero esoso ed anche per evitare proprio situazioni di malaffare. Così, nel corso di questi accertamenti, furono riscontrate alcune anomalie, tant’è che nel giro di poco l’atten-

zione della Finanza si concentrò sui guadagni del dirigente medico. Non molto tempo avrebbero impiegato gli investigatori per avere il quadro della situazione. A seguito di una verifica fiscale, infatti, sarebbero emersi guadagni per 500mila euro sottratti dal professionista alle casse dello Stato. ma vi sarebbe di più, poiché al primario viene contestato anche il reato di peculato. Infatti, secondo la ricostruzione compiuta dai finanzieri l’uomo, oltre a lavorare come primario ospedaliero per lo Stato, era autorizzato ad esercitare la professione anche privatamente presso il suo studio (attraverso le cosiddette visite “intramoenia”), ma, come previsto dalla legge, avrebbe dovuto versare la metà dei suoi guadagni “privati“ alla Asl di Frosinone. Il medico, invece, avrebbe omesso di fare le ricevute ai pazienti, nascondendo così i ricavi al Servizio sanitario nazionale ed appropriandosene indebitamente. Adesso il medico rischia una condanna molto pesante e forse anche la radiazione dall’Ordine dei medici. Una brutta storia che, seppur per un momento e nella consapevolezza che si tratta di un solo caso accertato, il lavoro di chi onesta opera per i pazienti.

Ferruccio Fazio: “Le visite private come raccomandazioni per ricoveri” ROMA - Stupisce che proprio neio giorni scorsi il ministro della Salute, Ferruccio Fazio, parlasse dell’”intramoenia” come di un meccanismo imperfetto “abusato” anche dai medici per agevolare i ricoveri ospedalieri e, pertanto, da rivedere. In base, infatti, ad un’indagine condotta dal Censis risulta che proprio nel centro e nel Meridione del nostro Paese, per accelerare il ricovero in ospedale, il 21 per cento dei pazienti sarebbe costretto a ricorrere alla “raccomandazione”. “Al centro e al sud Italia ha dichirato Fazio - ben il 30 per cento ha dovuto scomodare le proprie conoscenze personali. È un dato preoccupante, che ci porterà ad avviare una riflessione sugli strumenti specifici da adottare per evitare questo fenomeno in futuro”. Que-

Quattro giorni senza acqua CASSINO - “Acqua Campania spa” comunica che nei prossimi giorni a causa di lavori da eseguire presso il manufatto di Monte Trocchio 2 sarà necessario interrompere la fornitura idrica per tutta la città di Cassino, a partire dalle ore 8 alle ore 16 dei giorni 27 e 28 aprile e dalle ore 9 alle ore 16 dei giorni 5 e 6 giugno 2010.

sto perché nonostante il ricovero sia programmato, e si disponga della necessaria indicazione del medico, il percorso che porta in ospedale si rivela, in molti casi, fatto di burocrazia, ostacoli vari e spintarelle per superarli. Un paziente su tre dovrebbe prima sottoporsi a una visita a pagamento o in intramoenia dal medico dell'ospedale. “Il dato - prosegue il ministro - non è mai emerso in maniera così chiara -.Indica che ci sono ancora grossissimi problemi sul meccanismo dell'intramoenia che, pertanto, appare molto lontano dall’essere di per sé perfetto. L'intramoenia può funzionare, ma deve avere come pilastro la misurazione del numero delle prestazioni, in modo che i medici siano obbligati a svolgerne un certo numero”.

Amministrativi, bando di formazione CASSINO - E’ stato pubblicato nei giorni scorsi il bando per la sesta edizione dei Seminari di specializzazione universitaria per il personale dei Comuni, province e regione, città metropolitane, associazione di comuni, comunità montane e aziende private. Si tratta di un corso organizzato dall’Anci Lazio, dal Comune di Cassino e dall’Ateneo.

5 ANNO I - N° 45 GIOVEDÌ 22 APRILE 2010


CASSINO Comune, la crisi al tavolo regionale Giangrande: ”Abbiamo fatto delle richieste politiche e attendiamo le risposte” CASSINO - La crisi politica e amministrativa che da alcune settimane è in atto al comune di Cassino sarà esaminata probabilmente domani dal coordinamento regionale del Pdl. Infatti il sindaco Bruno Scittarelli ha rimesso la composizione della diatriba ai coordinatori provinciali e in particolare alla sede romana del partito. A far scattare la crisi sono state le rivendicazioni del gruppo dei dieci consiglieri e cinque assessori vicini ai neo consiglieri

Scittarelli “Ho chiesto alla direzione regionale del Pdl di esaminare le richieste che mi sono state presentate Io attendo fiducioso perché è mia intenzione continuare a governare fino alla scadenza”

sindaco, Mignanelli e gli esponenti del gruppo ribelle per cercare di chiudere la crisi. Sereno il sindaco Scittarelli:”Ho chiesto alla direzione regionale del Pdl di esaminare le richieste che mi sono state presentate. Io attendo fiducioso perché è mia intenzione continuare a governare fino alla scadenza. Certe decisioni non spetta a me prenderle. Certo bisognerà accelerare i tempi perché ci sono delle scadenze importanti come il bilancio da approvare”.

FIAT / Illustrato il piano industriale

Cassino raddoppia la produzione

regionali Abbruzzese e D’Aguanno. Chiedono un nuovo presidente del consiglio comunale, un assessorato e la definizione di un programma amministrativo fino al termine della consigliatura. Mignanelli non intende dimettersi dalla carica di presidente e da qui è iniziato il braccio di ferro fra le parti. Probabilmente i vertici romani chiameranno al tavolo politico il

“Centrosinistra unito per battere il Pdl”

Sanità Congresso di neonatologia

CASSINO - “Unità nel partito per ridare un futuro a questa città”. Lo sostiene il capogruppo del pd Tommaso Marrocco analizzando la situazione all’interno del centrosinistra. “Basta con le diatribe interne – osserva Marrocco – perché sono contrario a chi si chiude nelle stanze e decide anche per gli altri. Penso che ci sia bisogno di fare operazioni aperte, partecipate, che servano davvero a rilanciare il partito e non farlo arroccare su se stesso. Occorre ampliare il dibattito ed evitare necessariamente guerre fra fazioni. Avere la supremazia numerica nel partito non significa automaticamente vincere le prossime elezioni amministrative. Dobbiamo , invece, rafforzare la coalizione. Ricominciamo a fare politica ripartendo dalla discussione sui problemi reali della nostra città.” Secondo Marrocco aa elaborato un progetto di “città” alternativo alla maggioranza di centrodestra. “Un progetto – spiega - su cui far convergere , oltre ai vari partiti d’opposizione , anche la società civile ed i vari comitati cittadini che sono sorti sul nostro territorio. Se tutto ciò non sarà possibile forse è giunto il momento di chiedere il commissariamento del nostro comitato cittadino e si aprirà una nuova stagione politica. Auspico un reale rinnovamento del partito ed un cambio di passo senza precedenti”.

“CASSINO - Si terrà venerdì 23 e sabato 24 il I° Congresso Neonatologico Pediatrico “De Puero” organizzato dal dott. Ettore Cataldi Direttore della S.C. di Neonatologia del P.O. di Cassino nonché Direttore del Dipartimento DISS dell’Azienda ASL di Frosinone e Presidente dell’Associazione Pediatri Ospedalieri della Regione Lazio ed è rivolto al personale Medico Neonatologico e Pediatrico ai Medici Ostetrici e al personale infermieristico e ostetrico. Il Congresso si svolgerà secondo un programma che vede la giornata introduttiva svolta presso l’Abbazia di Montecassino dove il Presidente della Società Italiana di Pediatria, il Prof. Alberto Ugazio, terrà una lettura magistrale sul tema delle vaccinazioni. A seguito verranno trattati temi inerenti il “Neonato in periferia” e a finire della prima giornata una tavola rotonda dal tema “Dalla neonatologia al Pediatra di famiglia”.

Lo auspica il consigliere Marrocco (Pd)

CASSINO - Gli impianti italiani a fine 2014 produrranno 1,6 milioni di vetture con un migliore utilizzo della capacità produttiva dei cinque stabilimenti distribuiti sul territorio nazionale. Così Sergio Marchionne, a.d. di Fiat ha disegnato il quadro in cui si muoverà livello industriale il gruppo torinese. Nello specifico Marchionne ha affermato che Mirafiori si dedicherà alla produzione di vetture piccole e compatte per un totale di circa 350 mila vetture, Cassino (compatte) nello stesso periodo quadruplicherà i volumi a 450 mila unità come Melfi (piccole cilindrate), Pomigliano (vetture mini) 300 mila unità e lo stabilimento di Termoli di Sevel raggiungerà una produzione di 350 veicoli leggeri. Marchionne ha ribadito che Termini Imerese sarà chiuso alla fine del 2011. L'a.d. di Fiat ha poi sostenuto che alla luce di questo piano bisogna «ridefinire gi accordi con i sindacati perchè quelli in vigore non sono più adeguati alla realtà attuale» Il gruppo Fiat investirà in Italia 26 miliardi di euro entro il 2014, più altri quattro in ricerca e sviluppo, per un totale quindi di 30 miliardi di euro. Lo ha affermato l'amministratore delegato Sergio Marchionne, parlando dello spin off. «Il livello degli investimenti che si

vuole destinare all'Italia - ha detto Marchionne - è enorme, pari a due terzi di quelli di tutti i business del gruppo Fiat a livello mondiale». Marchionne ha aggiunto che le radici della Fiat Auto «sono e resteranno in Italia», dove il gruppo prevede di produrre, nel 2014, 1,4 milioni di vetture l'anno, il 65% per le esportazioni a fronte del 40% del 2009. Fiat per il settore auto ha indicato «un programma industriale ambizioso che ricaccia i fantasmi di un progressivo abbandono della produzione di vetture nel nostro Paese». È il commento di Roberto Di Maulo, segretario generale Fismic. «Un quadro quindi, confortante dopo le innumerevoli grida di allarme che ci sono state nel recente passato», dice il sindacalista, che aggiunge: «Per arrivare a questi traguardi importanti la Fiat vuole procedere attraverso il piano di investimenti annunciato, ad un rigoroso contenimento dei costi ed a un recupero della produttività, che passi anche per nuovi accordi sindacali, per i quali la Fismic si dichiara pronta, se questi sono la contropartita per mantenere in Italia buona occupazione e salvaguardia del reddito per i lavoratori della Fiat e delle Aziende dell'indotto».

Mutui e rinegoziazioni - Leasing - Fidejussioni Finanziamenti aziendali e personali Cancellazione protesti e banche bati Cassino (FR) - Corso Della Repubblica, 5 SOCIETA DI CONSULENZA E SERVIZI FINANZIARI ATTIVITA’ BANCARIE AZIENDALI

tel. 0776.24557 - fax 0776.326677 - e-mail elabostudio@libero.it


CASSINATE Potrebbe funzionare anche per le attività del Cassinate. Incontro a Colle San Magno

Commercio e centri naturali L’obiettivo d’ora in poi quello di istituire un coordinamento provinciale dei poli per mettere in sinergia i trentadue già finanziati dalla Regione Lazio COLLE SAN MAGNO - Promuovere un Coordinamento Provinciale dei Centri Commerciali naturali, di questo si è parlato durante un incontro a Colle San Magno, per mettere in sinergia iniziative calibrate per le esigenze del territorio. Nel Lazio, infatti, esiste un’associazione Regionale dei Centri

Commerciali Naturali che si occupa di servizi promozionali e finanziamenti a fondo perduto per questo tipo di attività. A Colle San Magno, quindi, si è tenuto il primo di quattro incontri relativi alla zona est della nostra provincia, secondo un programma concordato dall'Associazione Regionale con l'Assessore Provinciale Francesco Trina. Presenti i rappresentanti di tali centri naturali e delle amministrazioni comunali di Colle San Magno, Fontana Liri, Vicalvi, Santopadre, Fontechiari, Isola del Liri, Boville Ernica, Ceprano e Monte San Giovanni Campano, alla presenza del Presidente del Ccn regionale Antonio Mattia. I Centri Commerciali Naturali sono aggregazioni di negozi e pubblici esercizi che si trovano nella stessa area urbana: una zona del centro storico oppure un quartiere periferico dotato di una concentrazione di servizi. L’insieme dei singoli esercizi si trasforma così in un vero e proprio “Centro Commerciale Naturale” quando gli esercenti si associano per sviluppare strategie comuni, organizzare eventi, coordinare promozioni

che li rendono, agli occhi dei cittadini, un posto ideale per lo shopping, come e più di un centro commerciale tradizionale. Esperienze di questo tipo sono diffuse in Canada e in Giappone già dagli anni Sessanta, mentre in molti paesi europei si stanno sviluppando solo in questi anni. L’obiettivo anche nel territorio cassinate, quindi, è quello di creare una rete tra amministrazioni comunali, organismi di gestione dei Ccn, associazioni di categoria ed amministrazione provinciale: “tanto più questi organismi e queste organizzazioni entreranno in contatto tra loro per preparare eventi o iniziative, tanto più – hanno detto durante l’incontro - si potrà guidare lo sviluppo dei centri in un’ottica provinciale”. A conclusione degli incontri, il 10 Maggio 2010, presso il Salone dell’Amministrazione Provinciale, si terrà il 1° Convegno Provinciale dei Centri commerciali naturali che avrà un duplice ruolo: “farli conoscere, perché più se ne prende coscienza e più facilmente potranno coordinarsi; istituire un Coordinamento Provinciale dei centri per mettere in

Costituito il Comitato Pro Referendum.Tante le adesioni

Liberiamo l’acqua, è fronte comune CASSINO - Si è tenuta martedì a Cassino un’assemblea pubblica per organizzare il comitato referendario provinciale acqua pubblica Frosinone.Tante sono state le associazioni, i comitati e i cittadini che hanno aderito alla campagna e tanti non hanno potuto partecipare all’iniziativa ma sono pronti a raccogliere le firme per un referendum che chiede con forza di tutelare il bene comune più importante che abbiamo: L’Acqua. Hanno partecipato le seguenti associazioni: Arce Progresso e solidarietà, Cassino il centro dei diritti e della solidarietà Cds Onlus, Città Città, Comitato Salvalacqua, Eqo, Fare Verde,Peppino Impastato, Le Contrade, Liberi per, Vas Cassino, da Cervaro Pier Paolo Pasolini, da Pontecorvo il Comitato Cittadino una nuova era, Fare Verde, e numerosi cittadini, rappresentanti locali e consiglieri dei comuni di Aquino, Cervaro, Colfelice, Pontecorvo, Roccasecca, Sant'Andrea del Garigliano e San Giorgio a Liri. Per il momento

hanno aderito come comitato di sostegno i partiti: La federazione della Sinistra, La federazione dei Verdi e Sinistra Ecologia e Libertà. L’obiettivo del comitato provinciale è quello di sensibilizzare quante più associazioni e comitati e soprattutto invita tutti i partiti ad aderire alla campagna referendaria proprio perché l’acqua è un bene comune e ha bisogno di una difesa che vada al di là degli schieramenti partitici.“L’iniziativa intrapresa dal comitato – spiegano gli organizzatori - per la modifica dello statuto comunale a Cassino non solo è in linea con gli obiettivi del comitato promotore ma rappresenta un ottimo esempio di condivisione comune di obiettivi che vanno poi a favorire gli interessi reali dei cittadini. Consiglieri e assessori di maggioranza e consiglieri di minoranza hanno firmato la proposta di modifica della delibera comunale consapevoli dell’importanza di mantenere la gestione è pubblica dell’acquedotto comunale. Tariffe, qualità del servizio, trasparenza ma soprattutto salvaguardia delle risorse idriche sono alcune degli obiettivi irraggiungibili da una gestione totalmente privata del servizio idrico. Il nostro presente in provincia (Acea Ato 5 Spa) rappresenta il futuro delle gestioni idriche in Italia: i disservizi e le inadempienze denunciate da anni interesseranno tutti i cittadini. Sabato 24 e domenica 25, intanto, verranno organizzati i banchetti per la raccolta firm. Sabato e domenica vi aspettiamo tutti: associazioni, comitati, cittadini, sindaci, assessori e consiglieri: perché – concludono - si scrive acqua ma si legge democrazia”.

Disagi aerei a Londra, operatore di Teleuniverso bloccato dal vulcano AQUINO/CASSINO - Ancora disagi nei collegamenti aerei a causa della violenta eruzione del vulcano islandese: bloccati, infatti, non solo i due anziani di Cassino nell’aero-

porto Charles De Gaulle di Bruxelles ma anche un operatore di Teleuniverso, fermo a Londra, che sarebbe dovuto rientrare lunedì a lavoro ma a causa dei voli cancellati - se tutto va bene - potrebbe far rientro in redazione domenica in giornata. Di rimborsi per il momento non se ne parla, il

Ordigno tra i binari, treni bloccati per ore CASSINO - Circolazione ferroviaria sospesa per alcune ore tra le stazioni di Vairano e Cassino, sulla linea Napoli - Cassino, per il ritrovamento di un ordigno bellico in prossimità dei binari tra Rocca D'Evandro e ToraPresenzano. È successo martedì pomeriggio. Il residuato è stato rinvenuto durante le operazioni di scavo per lavori di palificazione lungo la linea ferroviaria.

giovane operatore televisivo ha dovuto procurarsi attraverso le prenotazioni online un altro biglietto. Ma le conseguenze della nube dall'Islanda non sono ancora totalmente risolte, anche la nebbia causa disagi negli scali della capitale.A Fiumicino sono rallentate soprattutto le operazioni di decollo. Inevitabili i ritardi. Per Alitalia, in particolare, i rallentamenti rischiano di ripercuotersi su gran parte della rete. Stessa situazione a Ciampino, dove peraltro le 52 cancellazioni in programma sono

sinergia i 32 già finanziati dalla Regione Lazio e creare un sistema integrato che punti, con azioni mirate, ad uno sviluppo del territorio”. Si tratta della prima esperienza in Italia di Centri Commerciali Naturali coordinati a livello Provinciale tra associazioni, amministrazioni e provincia.

Pontecorvo, Giunta a lavoro su bilancio e programmazione

Pd Aquino,

PONTECORVO - L’amministrazione comunale mette mano al Bilancio. Riunione di giunta ieri pomeriggio presso il Comune di Pontecorvo, il sindaco Michele Notaro ha incontrato gli assessori per programmare le priorità da affrontare nei prossimi giorni. Molto probabilmente il secondo consiglio comunale si terrà tra la fine del mese o nei primi giorni di maggio. Nell’incontro di ieri il vice sindaco Raffaello Carocci,

con deleghe al Contenzioso e Programmazione, industria e attività produttive, avrebbe presentato un documento contenente la stesura tecnica del Bilancio comunale, lo strumento contabile indispensabile per la gestione della macchina comunale e soprattutto per il raggiungimento del fine ultimo del Comune che è il soddisfacimento costante e crescente dei bisogni della collettività. In cantiere per l’amministrazione Notaro numerosi progetti, in particolare quelli che mirano a portare a termine quelli incompiuti dalla vecchia amministrazione Roscia e che sarebbero di fondamentale utilità per la cittadinanza, primi fra tutti quelli che migliorerebbero la viabilità locale. I nuovi amministratori starebbero affrontando altre delicate questioni che riguardano i ruoli assegnati ai dirigenti dei vari settori comunali, riorganizzando la macchina amministrativa nella sua globalità.

ancora conseguenza della nube di cenere dall'Islanda. L’odissea è, invece, continuata per la coppia cassinate, marito e moglie rispettivamente di 63 e 60 anni che sarebbe dovuta rientrare nella città martire nella giornata di sabato. I coniugi forse rientreranno in queste ore utilizzando un autobus messo a disposizione della compagnia aerea ma che li accompagnerebbe solo fino alla frontiera italiana. Da quel punto in poi i due malcapitati dovranno cavarsela da soli.

Settimana culturale Eventi ad Aquino AQUINO - Sarà presentata domani alle 17,30 presso il Comune, in occasione della settimana della cultura, la ristampa anastatica del volume “Aquinum” del 1907 di Eliseo Grosso, e la cartella di grande formato e a colori del Museo della Città. La presentazione sarà preceduta dagli interventi del Sindaco Grincia, del delegato alla cultura La Starza, e dell’Assessore provinciale alla cultura Antonio Abbate.

7 ANNO I - N° 45 GIOVEDÌ 22 APRILE 2010


Al Comune arriva la Posta@certificata

Repulisti dell’Arma a Sora e dintorni

FROSINONE - Il Municipio del Comune capoluogo al passo con i tempi. Dopo il decreto voluto dal ministro Brunetta per sveltire la Pubblica amministrazione, il Comune di Frosinone ha già attivato la propria casella di Pec (Posta elettronica certificata). In questo modo, a partire dal prossimo 26 aprile, si potrà dire addio alla raccomandata. PAG. 11

SORA - Nell’ambito di un servizio di prevenzione e controllo del territorio predisposto dal Comando provinciale di Frosinone, la Compagnia di Sora ha identificato 154 persone, controllato 125 automezzi, perquisiti quattro automezzi. Undici persone, invece, sono state sottoposte ad accertamento etilometrico, mentre nove cittadini stranieri sono stati identificati. PAG. 13

ANNO I - N° 45 GIOVEDÌ 22 APRILE 2010 DISTRIBUZIONE GRATUITA

Allegato alla Gazzetta del Molise free press. Registrazione Tribunale di Campobasso n. 3/08 del 21/03/2008. Direttore responsabile: Angelo Santagostino. Redazione di Cassino Corso della Repubblica n. 5. Tel: 0776.278040 Fax: 0776.325688 e-mail: redazione@lagazzettacassino.it. A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 86100 Campobasso tel. 0874/481034. Tipografia A.I Communication Sessano Del Molise (IS) GIORNALE SATIRICO

Frosinone respira veleni www.lagazzettacassino.it IL TAPIRO DEL GIORNO ALL’EX CDA DELL’AGENZIA LAVORO Cosa direste voi se dopo sette mesi dalla conclusione del vostro periodo di lavoro, non foste stati ancora pagati? Sicuramente sareste incazzati. E’ quello che sta accadendo ai ragazzi impegnati nel progetto Borse lavoro relativo al 2009. Parliamo di una retribuzione di circa 1700 euro per tre mesi di lavoro. I fondi per il progetto, la Provincia di Frosinone li ha trasferiti all’Agenzia Formazione lavoro, ma il nuovo Cda, insediatosi dopo la vittoria del presidente dell’Amministrazione provinciale Iannarilli, non ne ha trovato traccia nel bilancio. Che fine gli hanno fatto fare i vecchi amministratori?

L’OSCAR DEL GIORNO AGLI LSU DI FROSINONE In marcia su Roma. E’ proprio il caso di dire così. Oggi, circa 900 lavoratori socialmente utili della provincia di Frosinone, che lavorano nell’amministrazione provinciale e negli altri enti locali, si recheranno nella capitale a protestare sotto la sede dell’Inps per chiedere una sanatoria dei contributi previdenziali, mai versati il tipo di contratto di lavoro che hanno. Molti si stanno avvicinando alla fatidica età della pensione, e non hanno mai versato contributi, anche perché con 529 euro mensili di stipendio farlo autonomamente sarebbe stato difficile. Così va l’Italia.

redazione@lagazzettafrosinone.it 10.000 copie in omaggio


PRIMO PIANO Linguaggio dei sordi Il corso della Provincia Palazzo Gramsci ha attivato già da tre anni il Lis per personale di assistenza FROSINONE – A chi di noi non è mai capitato di guardare in televisione un telegiornale per non udenti? Oltre all’anchorman in studio, Mentana per intenderci, che legge normalmente le notizie, c’è un riquadro, si solito sul lato destro del televisore, in basso, con un altro personaggio che muove le mani in una maniera particolare. Non è uno scherzo della tv, soprattutto in questi periodi di bizzarrie del segnale digitale, ma è un professionista che traduce le notizie nel linguaggio per coloro che sono affetti dal problema della sordità. Infatti, non sono solo coloro che soffrono di un handicap a doversi adattare alla realtà che li circonda, ma anche il mondo cosiddetto normale deve venire incontro e favorire l’integrazione dei soggetti svantaggiati. L’esperto che traduce le notizie, per svolgere il mestiere che fa, ha dovuto frequentare un corso di formazione sulla Lis, il linguaggio d’interpretazione dei segni. La provincia di Frosinone, pro-

prio per favorire questo processo di integrazione, in particolare per i ragazzi disabili nelle scuole, ha attivato già da tre anni corsi di Lis per personale di assistenza, affidandone la realizzazione all’Ente nazionale sordi, sezione di Frosinone. Proprio nei giorni scorsi, è

partito il terzo livello del corso, propedeutico per l’accesso ai corsi di Operatore tecnico della Comunicazione Lis e di Assistente alla comunicazione o Interprete di Lis. Ventisei sono gli alunni frequentanti, che già hanno partecipato ai primi due livelli della formazione. Il corso terminerà nel prossimo mese di settembre ed è tenuto da insegnanti qualificati, scelti dall’ENS e dall’Uici, grazie ad un apposito protocollo d’intesa firmato con l’amministrazione provinciale di Frosinone. I corsi di Lis sono uno strumento importante per far scoprire a molti un nuovo mondo, un mondo vicino e invisibile; per far conoscere e promuovere una nuova lingua e una nuova cultura: quella dei sordi; per favorire una migliore integrazione sociale, educativa, scolastica, familiare, culturale e per offrire, inoltre, possibili sbocchi lavorativi nel mondo del lavoro. Per la buona riuscita di un corso Lis è necessario predi-

sporre un’adeguata programmazione didattica ed organizzativa ed avvalersi di operatori preparati e qualificati. Per insegnare una lingua non è sufficiente conoscerne solo la grammatica, ma bisogna anche possedere competenze metodologico didattiche e psicopedagogiche necessarie per effettuare una corretta programmazione e stabilire un’interazione ottimale con gli allievi. Va dunque menzionata

Staiano: non vogliamo lasciare da soli nessuno

Damizia: formazione di un certo livello

FROSINONE - “La Provincia di Frosinone si è posta l’obiettivo di non lasciare indietro nessuno – ha sottolineato la dirigente del settore politiche sociali, nonché segretario generale dell’ente di piazza Gramsci, la dottoressa Costanza Staiano – Per questo stiamo mettendo in campo tutta una serie di iniziative nei confronti dei portatori di handicap. Parlo del servizio di assistenza scolastica ai disabili per circa quaranta scuole ciociare e di questo importante corso di formazione sul linguaggio dei segni per i sordi. In questa maniera la Provincia interpreta anche il ruolo di coordinamento delle politiche di formazione nel territorio”.

FROSINONE “Un corso di formazione di livello importante – ha dichiarato la responsabile del settore disabilità della Provincia di Frosinone, la dottoressa Antonietta Damizia – la Provincia nel suo ruolo di coordinamento del territorio assolve anche all’importante ruolo della formazione del personale nel settore dei servizi alla persona. Quello di quest’anno è il terzo livello del corso Lis, ci sono 26 alunni e docenti qualificatissimi. La possibiltà che offre il corso è quella di rappresentare la base propedeutica per accedere ai corsi di Operatore tecnico della Comunicazione Lis e di Assistente alla comunicazione o Interprete di Lis”.

l’iniziativa messa in campo dalla Provincia di Frosinone, di favorire il processo d’integrazione dei disabili. Oltre ai corsi, bisogna anche ricordare l’importante servizio di assistenza scolastica agli alunni diversamente abili. Un modo concreto per permettere a chi non ha le stesse capacità di partenza degli alunni normali, comunque di frequentare la scuola e cercare di apprendere.

Ed ecco il programma FROSINONE - Il terzo livello del corso Lis ha come obiettivo

quello di portare gli alunni ad acquisire una completa padronanza della lingua, in tutti i suoi aspetti linguistici e comunicativi. Ci si concentra sull’utilizzo appropriato dei diversi tipi di classificatori, sugli aspetti grammaticali e sintattici della Lis in generale, sulla comunicazione internazionale e sulla comparazione transculturale Lis/italiano. Il corso si svolge nei locali di via Brighindi dell’Ufficio politiche sociali della Provincia.


FROSINONE A Frosinone si respira smog Continuano a preoccupare i dati sul livello di Pm10 presenti nell’atmosfera del capoluogo La concentrazione di polveri sottili continua ad aumentare mentre sembra che ad incidere fortemente sia la vicinanza con il distretto industriale per lo spostamento di fumi e gas FROSINONE - Continua lo stillicidio di dati sul livello di PM10 presenti nell’aria di Frosinone. Uno snocciolarsi di numeri che porta il capoluogo ciociaro nelle parti basse (o alte, se ai primi posti vengono messi quelli con i livelli più alti) della classifica redatta da Legambiente. Frosinone è prima nel Lazio, seconda in Italia, dopo Torino. Sono 57 i giorni di sforamento dei livelli massimi giornalieri di polveri sottili. Periodo considerato: gennaio-marzo 2010. La causa non sarebbe da attribuirsi soltanto a ciò che accade in città, ovvero: una quantità di auto tra la più alta in Italia (circa il 73%) e un flusso quotidiano di vetture provenienti da fuori comune ma anche al microclima, alle correnti atmosferiche ed alla vicina zona industriale. Altro motivo del contendere il posizionamento della (unica) centralina di rilevamento dei dati posta alle spalle della stazione ferroviaria, in uno dei punti più critici per il traffico, accanto a un deposito di pullman ed a solo un chilometro e mezzo dall'autostrada (che attraversa in pratica un paio di quartieri di Frosinone). A questo proposito l’Amministrazione comunale è riuscita a concludere, di concerto con l’Arpa Lazio, la procedura di istallazione di una nuova centralina di rilevamento presso il Polivalente, struttura posta in viale Mazzini, che consentirà di avere una conoscenza più approfondita della situazione della qualità dell’aria nell’intero territorio della città e non soltanto in riferimento ad una zona limitata come quella del quartiere scalo, dove è attualmente collocata l’unica centralina di misurazione dei vari inquinanti tra cui il PM10. Nell’analisi dei dati degli ultimi quattro anni (fonte:Arpalazio), fanno sapere ancora dal Comune di Frosinone, occorre evidenziare che il dato relativo al valore

medio annuale, espresso in µg/m3, è diminuito passando da 64,4 del 2006, a 58,4 nel 2007, a 51,7 nel 2008 a 47,4 nel 2009. A tal proposito va evidenziato anche che i dati relativi all’ultima settimana di marzo ed ai primi giorni di aprile sono tendenzialmente più bassi dei dati dello scorso anno. Se a questo andamento positivo si aggiunge il fatto che da qualche settimana è stato aperto sia il casello autostradale di Ferentino che la parte di superstrada che da Ferentino arriva fino a Sora (conosciuta come Ferentino – Frosinone – Sora) è prevedibile un ulteriore miglioramento della situazione atmosferica. Anche perché questo nuovo “raccordo” dovrebbe andare a decongestionare la parte urbana della Monte Lepini. L’Amministrazione prevede anche di approvare definitivamente, nelle prossime sedute di Consiglio comunale, il nuovo Piano Generale del Traffico, che prevede tra l’altro la istituzione permanente di zone ZTL a traffico limitato e la istituzione delle Zone 30. Subito dopo questa approvazione verranno redatti i piani di dettaglio specifici tra cui la revisione e razionalizzazione del TPL con l’aumento delle corse e la predisposizione di navette alimentate a gas. Per ultimo, ma non ultimo, va ricordato che dal 3 aprile scorso è in funzione il sistema meccanizzato di collegamento tra via Aldo Moro e piazzale Vittorio Veneto, noto a tutti come ascensore inclinato, completamente elettrico, quindi a basso impatto ambientale, che dovrebbe, vista la grande affluenza riscontrata in queste prime settimane di attività contribuire alla riduzione del traffico veicolare di collegamento tra la zona bassa e la zona alta di Frosinone. Sempre che i cittadini capiscano che una bella camminata è più salutare di uno stressante spostamento in auto. Paola Palleschi

Vecchia raccomandata addio, al Comune arriva la “Pec” Il Municipio del capoluogo ha attivato la Posta elettronica certificata FROSINONE - Posta elettronica certificata: il Comune di Frosinone si adegua ed è al passo con i tempi. Diverso, invece, il discorso per Amministrazione provinciale e Regione Lazio che ancora non si sarebbero dotati di una “Pec”. Si tratta di un “passaggio importante” che si inserisce nell’ambito del progetto, varato a livello nazionale, e che prevederà per il prossimo 26 aprile, la possibilità di dotarsi di una propria casella di Posta elettronica certificata. Per questa ragione il ministro per la Pubblica amministrazione e l’Innovazione Renato Brunetta ha predisposto un controllo accurato sull’attivazione o meno delle Pec da parte di tutte le Pubbliche amministrazioni italiane. "A pochi giorni da questo importante appuntamento - si legge in una nota del Ministero - molte di esse risultano infatti non aver ancora pubblicato sul proprio sito Internet e sull’indice delle

pubbliche amministrazioni gli indirizzi di Pec che pure detengono da molto tempo". Il Comune di Frosinone risulta tra gli Enti che hanno attivato almeno una Pec, mentre la Regione Lazio e la Provincia di Frosinone no. Quindi il conto alla rovescia per l'addio alla vecchia raccomandata è ormai iniziato, si avvicina l'avvio definitivo della Posta elettronica certificata. La Pec, posta elettronica certificata, è lo strumento che consente di attribuire ad un messaggio di posta elettronica lo stesso valore di una raccomandata con avviso di ricevimento. "Il suo utilizzo non solo consente di lavorare e comunicare meglio, ma è anche un obbligo previsto dalla legge“ spiega Brunetta, ricordando che è dal 2005 che gli uffici pubblici sono autorizzati ad attrezzarsi. Ad oggi sono circa 12 mila le Pec attivate dalle amministrazioni centrali e locali e il tasso di copertura è praticamente totale per le camere di com-

Il Comune “ricorda” la Liberazione FROSINONE - Come da tradizione, anche quest’anno, l’Amministrazione Comunale celebrerà l‘Anniversario della Liberazione nella giornata di domenica 25 Aprile.La cerimonia si svolgerà secondo il seguente programma: ore 10.00 partenza del Corteo da PiazzaVI Dicembre che muoverà lungo Corso della Repubblica; ore 10.30 deposizione di una corona di alloro al Monumento a Nicola Ricciotti e ai Martiri Ciociari in Piazza della Libertà.

mercio e le regioni; più basso, tra il cinquanta e il sessanta per cento nelle università e nelle Asl. I comuni che si sono dotati di Pec sono invece 1.745 su 8.094, il 22 per cento, ma sono già 60 su 107 i comuni di grandi dimensioni e capoluoghi che sono in regola. L'obiettivo del ministero è di arrivare lunedì al 100 per cento di copertura per le amministrazioni destinatarie più rilevanti. In pratica, per trovare gli indirizzi Pec delle diverse pubbliche amministrazioni c'è il sito www.indicepa.gov.it; oppure il sito www.paginepecpa.gov.it, una specie di motore di ricerca per districarsi nella ricerca degli indirizzi per ogni singola amministrazione. Per ottenere la propria posta certificata, invece, i cittadini possono accedere, da lunedì prossimo, direttamente al sito web all’indirizzo: www.postacertificata.gov.it e seguire la procedura guidata.

Fisioterapista si getta dal balcone FROSINONE - Un fisioterapista di 39 anni si è tolto la vita gettandosi da un balcone. Si tratta di B. B., originario di Frosinone ma da qualche tempo residente ad Alatri. Lo hanno trovato alcuni passanti riverso a terra nei pressi del garage di un albergo della zona. In base alle ricostruzioni delle forze dell’ordine l’uomo si sarebbe gettato da un balconendo, compiendo un volo di circa una decina di metri. Subito è stato allertato il 118 che ha provveduto a trasportare l’uomo presso un ospedale della zona dove, però, ogni tentativo di rianimarlo è risultato inutile. Gli agenti della polizia, prima di confermare il suicidio, hanno voluto constatare che nell'appartamento abitato dal trentanovenne non ci fosse nessuno. Per poter entrare nelle stanze hanno dovuto far ricorso all'aiuto dei vigili del fuoco che con l'autoscala sono saliti al terzo piano del palazzo ed entrando dalla finestra da cui si era gettato il suicida (che viveva da solo) hanno permesso alla polizia di iniziare le indagini.

Sfruttavano immigrati, in manette FROSINONE - Un’indagine partita da Rimini contro lo sfruttamento di immigrati e giunta sino a Frosinone. Trenta le ordinanze di custodia cautelare notificate dal gip di Rimini; tra questi alcuni ciociari che avrebbero fatto parte di un’organizzazione che procurava lavoro in nero, pretendendo dalle vittime il 60 per cento dello stipendio oppure cifre tra i 5 e i 15 mila euro per l'ottenimento di un visto di ingresso. Da Rimini, le trenta ordinanze di custodia hanno interessato tredici province, da Venezia a Crotone: in nove di esse sono state eseguite le catture (Rimini, Bologna, Crotone, Ferrara, Forli'- Cesena, Frosinone, Novara, Padova, Pesaro-Urbino, Ravenna, Roma, Siracusa, Venezia) per le accuse, a vario titolo, di associazione a delinquere in violazione della legge sull'immigrazione, riduzione in schiavitu'e spaccio di stupefacenti. Della rete - che vede in totale 87 persone indagate - facevano parte anche cittadini italiani, tra i quali imprenditori marchigiani, romagnoli e calabresi, a fianco di cittadini tunisini e del Bangladesh.

Frecce tricolori a Frosinone FROSINONE - Hanno sfidato le ceneri del vulcano islandese per continuare l’addestramento in vista della manifestazione che si terrà a Frosinone il prossimo mese. Parliamo delle Frecce tricolori che, nonostante la presenza delle ceneri dle vulcano islandese hanno sorvolato sui cieli di Bibione. Non s'è fatta trovare «impreparata» la Pan, la Pattuglia acrobatica nazionale, che ieri mattina è tornata ad allenarsi lungo il litorale Adriatico tra Bibione e Lignano.

11 ANNO I - N° 45 GIOVEDÌ 22 APRILE 2010


FRUSINATE Prevenzione e controllo, vasta operazione dell’Arma SORA - Carabinieri impegnati ieri mattina nel nord della provincia ciociara nell’ambito di una vasta operazione disposta dal Comando provinciale dell’Arma per la prevenzione dei reati di ogni genere. Al termine dei contolli i carabinieri hanno diramato una nota stampa attraverso la quale hanno tracciato il bilancio dell’attività. Trentanove le persone controllate; trentasette gli automezzi passati al “lumicino”; tre contravvenzioni elevate e due esercizi commerciali controllati. Questo il resoconto generale. Nello specifico, invece, le diverse Compagnie operanti sul territorio hanno condotto altre attività. Per quello che riguarda la Compagnia di Sora, i militari dell’Arma hanno denunciato due persone in stato di libertà. Si tratta di un 25enne di Arpino , perché sorpreso a guidare in

stato di ebbrezza. Il giovane è stato fermato mentre si trovava alla guida di un motociclo, risultato essere di sua proprietà. Alle domande dei carabinieri rispondeva manifestando un evidente stato di alterazione psicofisica dovuta all’uso smodato di bevande alcoliche. Scattava la denuncia e il sequestro del motorino. Due romene, invece, sono state denunciate per l’inosservanza del provvedimento di allontanamento dal territorio nazionale. Tre fogli di via, inoltre, sono stati notificati ad altrettanti rumeni sorpresi mentre si aggiravano con fare sospetto presso alcuni centri commerciali della zona. Inoltre la Compagnia di Sora ha provveduto a controllare automezzi, identificare “personaggi equivoci” e porre automezzi sotto sequestri. Si tratta di un’importante operazione che segue ad una serie di

attività finalizzate a reprimere reati e a cercare di arginare anche al dilagante fenomeno dello spaccio di droga.

Cresce l’allarme sicurezza nelle periferie di Sora SORA - “L'aumento di furti soprattutto nella periferia della città, il transito di veicoli a velocità folle nelle ore notturne lungo le strade del centro storico, e gli atti di vandalismo perpetrati nei confronti di negozi, arredo urbano e monumenti di Sora, vengono sistematicamente sottovalutati dall'amministrazione comunale”. A lanciare l'allarme il coordinatore de La Destra di Sora, Lorenzo Mascolo. “Sabato scorso - dichiara - ho assistito personalmente ad una tragedia sfiorata: un'auto di grossa cilindrata, guidata da un soggetto sicuramente sotto effetto di alcool o stupefacenti, per poco non falciava due giovani ragazze che passeggiavano serenamente sul marciapiedi. Tutto ciò non è accaduto sui grandi e larghi viali che collegano il centro alla zona Fiera, bensì a pochi metri da piazza Santa Restituta. Alcuni giorni prima si sono verificati alcune rapine e furti di auto in zone periferiche della città, non illuminate (grazie al disinteresse degli am-

voloso ha messo più volte in pericolo i passanti, oppure la qualità delle nuove stese effettuate di recente che ha già mostrato la sua scarsa resistenza alle intemperie e all'usura del tempo. Inoltre e non per ultimo, ci risulta che dalla normativa vigente L.R. 18 Giugno 1980, n. 72: ... “Sono ammissibili a contributo regionale, nell'ambito dei programmi previsti dall' art. 2 della legge regionale 26 gennaio 1977, n. 12, e successive modificazioni, i lavori che riguardano la costruzione o la ristrutturazione di strade provinciali e comunali con esclusione dei lavori di riparazione delle stesse.....La delibera di approvazione del progetto esecutivo, adottata dall'ente locale, deve far menzione della relazione dei Piani Catastali stradali. Le amministrazioni suddette sono tenute ad integrare ed aggiornare il piano catastale entro il 31 dicembre di ogni anno. Quindi alla luce di quest'ultimo assunto, ci chiediamo ma l'assessorato ai lavori pubblici ha redatto secondo i termini le integrazioni e l'aggiornamento del piano catastale stradale del Comune di Sora?”

Rifacimento delle strade E’ polemica sul mutuo SORA - Scoppia la polemica suIla decisione del Comune di Sora di stipulare un mutuo per oltre due milioni di euro destinato al rifacimento delle strade. E tutto a carico dei contribuenti. A chiedere spigazioni al primo cittadino è il responsabile de La Destra, Luigi Gabriele che esordisce:”Neppure fossimo a Monza”. “Apprendiamo la notizia, con toni quasi trionfalistici, - ha dichiarato Gabriele - della spesa che l'ente comunale sorano si appresta a mettere sulle spalle delle future amministrazioni per coprire spese che in condizioni di normalità verrebbero effettuate con i tributi , oppure con gli oneri derivanti dalle concessioni edilizie o dall'occupazione del suolo pubblico. Le cifre propagandate ci appaiono decisamente spropositate se pensiamo che il comune di Roma a gennaio annuncia la stessa notizia ma per un importo di 4 milioni di euro(ma Roma ha dimensioni molto diverse), oppure il comune di Fasano che con un importo di 1.800.000 euro, ha ef-

fettuato il rifacimento di 46 strade comunali, che comunque coprono un percorso di 31 km, a fronte dei soli 11 di asfalto e 5 di marciapiedi prospettati da Casinelli. Siamo molto preoccupati per i costi che ne deriverebbero dall'attivazione dei mutui che normalmente si effettuano con la “Cassa depositi e prestiti”, mentre nel caso sorano il sindaco già si è prodigato a specificare che valuteranno le migliori condizioni sul mercato. Quest'ultimo passaggio, ci fa presagire che già si stanno valutando condizioni da Banche che in alcuni casi, l'attuale amministrazione ha considerato come partnership anche per eventi e manifestazioni culturali che non sempre si sono dimostrati un vantaggio per l'ente. Ma la cosa che più ci preoccupa, è la qualità delle opere che verrà effettuata, che se corrisponde a quella già sotto gli occhi dei cittadini, come i nuovi marciapiedi fatti in questi anni (ad esempio il lungo Liri o il ponte di Napoli), dove il manto sci-

Autobus di studenti tamponato sull’A1 COLLEFERRO - Un autobus che trasportava studenti di un liceo di Acerra, in provincia di Napoli, è stato tamponato ieri mattina lungo l’Autosole all’altezza del casello di Colleferro.Leggermente ferita una ragazza. Lo ha riferito il dirigente scolastico dell'istituto, sottolineando di aver richiesto la visita degli studenti in ospedale in via precauzionale.I ragazzi erano diretti a Roma in gita scolastica. Per fortuna il tutto si è risolto con un grosso spavento.

ministratori) e dunque poco protette. Infine, proseguono gli atti di vandalismo nei confronti dei negozi del centro, con vetrine infrante e sfregi di vario genere. I fatti appena citati sono solo una parte del lunghissimo elenco di problemi che a Sora hanno praticamente distrutto la quiete pubblica. I residenti del centro storico non possono più riposare perché si è diffusa la pessima abitudine di aprire i portelloni delle auto ed improvvisare delle discoteche per strada fino a notte inoltrata, sia nei giorni feriali che in quelli festivi. Stendiamo un velo pietoso, poi, sulla quantità di bottiglie che vengono abbandonate o frantumate a terra dagli "eroi della notte", minando la sicurezza dei bambini che poche ore dopo vanno a giocare in quegli stessi luoghi con i loro genitori. In ogni caso la situazione è grave e va contrastata energicamente, innanzitutto con l'incremento delle forze a disposizione”.

“Palco oscenico” sbarca a Napoli FONTANA LIRI - La compagnia teatrale “Palco oscenico” di Fontana Liri è stata ammessa al concorso nazionale “Prima Rassegna di Teatro Amatoriale” indetta dal teatro Augusteo di Napoli. In occasione di questa rassegna-concorso, aartedì 4 Maggio, alle ore 21 il Palco Oscenico si esibirà al Teatro Politeama di Napoli portando in scena “Omaggio al Teatro, ma oggi in che mese siamo?”. “Presenteremo uno spettacolo che sarà un viaggio attorno al mondo del teatro – ha detto il capo compagnia Gianpio Sarracco –attraverso dei nostri

Tecchiena, furto con sparatoria TECCHIENA - Un negozio di autoricambi diTecchiena ieri è stato preso di mira dai ladri. Ignoti si sono intrufolati all���interno dell’esercizio commerciale ie per intimorire il proprietario hanno sparato in aria alcuni colpi di pistola. Il titolare, però, ha reagito rispondendo al fuco con la propria pistola.ne è nato un vero e proprio conflitto a fuoco. L’episodio dio ieri è il secondo, in pochi mesi, che avviene sempre all’interno dello stesso negozio.

personali omaggi a grandi artisti delle scene teatrali. Gag, canzoni, poesie, sketch e la minicommedia ispirata a “La Lettera di mammà” di Peppino De Filippo, per offrire uno spettacolo brillante e divertente e, nel contempo, per cercare di far conoscere alla giuria la nostra originalità e poliedricità che da sempre contraddistingue la nostra compagnia. Infine, confidiamo che molti dei nostri affezionati spettatori ci seguano anche in Campania, perché è comunque importante esibirsi in un teatro gremito e diventa anche occasione di orgoglio”.

13 ANNO I - N° 45 GIOVEDÌ 22 APRILE 2010


SPORT CALCIO SERIE B

Il portiere ha recuperato dall’infortunio e chiede una maglia contro l’Albinoleffe

Frosinone, il ritorno di Sicignano Moriero sperimenta la difesa a tre, Mondonico ritrova Bombardini e Bernardini FROSINONE - Prosegue il lavoro in casa Frosinone in vista dell'importantissima partita esterna contro l'Albinoloffe di mister Mondonico. Allo stadio “Alteti azzurri d'Italia” il Frosinone è chiamato a manifestare qualche segnale di risveglio immediato. Sceso in una sorta di stato comatoso da ormai molte gare, forse troppe per sperare in un futuro roseo, la squadra canarina sembra essere alle corde. Fisicamente a pezzi. Ma quello che fa più paura al momento la totale mancanza di gioco. Moriero ormai da troppe gare non viene più seguito dai suoi giocatori (oppure il contrario?) e nei novanta minuti regna sovrana in campo la confusione tra le fila dei ciociari. Confusione che si evince ancora di più nella molteplicità dei schieramenti che mister Moriero ha provato nelle ultime quattro – cinque gare. Passando dallo zemaniano 4-2-3-1 al classico 4-4-2 per non trascurare

in alcune partite anche il 43-3. E sembra proprio che gli esperimenti non siano finiti qui visto che sabato prossimo contro l'Albinoleffe Moriero

intenzionato a cambiare totalmente il modo di giocare della squadra in questo finale di stagione, mettendo al centro del nuovo progetto

Sicignano pronto a tornare a difendere la porta canarina dovrebbe esordire con un'inedita difesa a tre. Infatti pare che il mister, in comune accordo con lo staff tecnico (e forse anche societario), sia

tattico proprio la difesa a tre. Inoltre, vista la ormai drammatica posizione di classifica, Moriero starebbe meditando un cambio non

solo tattico ma anche di uomini. Fuori i giovani e più spazio ai “senatori” già dalla sfida di sabato prossimo. Ad incominciare dal portiere, con il ritorno tra i pali di Sicignano al posto di Frattali. Intanto continuano intesi gli allenamenti. Seduta tattica al Casaleno per Santoruvo e soci, per preparare al meglio la delicata gara di sabato prossimo a domicilio dell’Albinoleffe. La squadra dopo una parte atletica introduttiva ha lavorato sull’intensità e sulle fasi di gioco disputando diverse mini partitelle tematiche agli ordini dello staff tecnico. Sgambatura alla quale non hanno preso parte Stellone che ha lavorato a parte, Basso e Troianiello che hanno sostenuto un programma di lavoro in palestra sottoponendosi a terapie specifiche e Biso che ha lavorato a parte continuando nel programma di recupero. Infine assente Caremi che si sta sottoponendo a specifici approfondimenti medici circa

il problema dovuto alle vertigini. Oggi pomeriggio nuova seduta di lavoro allo stadio Casaleno a partire dalle 15:30. Ripresa degli allenamenti martedi anche in casa AlbinoLeffe, per avviare il conto alla rovescia in vista del match salvezza di sabato (fischio d'inizio ore 15,30 ). La buona notizia per Mondonico è che sono rientrati in gruppo Bernardini e Bombardini, mentre restano indisponibili Bergamelli e Cissè, oltre ai lungodegenti Grossi e Offredi. Contro i canarini ciociari non ci sarà nemmeno Piccinni, appiedato per due giornate dal giudice sportivo (nessuno squalificato invece tra le fila dei ciociari). Ieri doppio appuntamento per il gruppo guidato da mister Mondonico: allenamento mattutino a Verdello e amichevole pomeridiana (ore 15) ad Adro, contro la Virtus Franciacorta, squadra che milita nel campionato di Promozione. Andrea Mastrantoni

VOLLEY UNDER 18

CALCIO GIOVANILE

La Globo Sora accede alla Top Pool di Lega Coach Cortese: “Soddisfazione immensa”

Primavera canarina ancora ko Il bilancio stagionale è pessimo

SORA - Nella straordinaria stagione della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora risuona ancora la parola “play-off”: dopo i campioni della Serie A2, in piena lotta per l’accesso alle semifinali promozione (appuntamento per gara due contro Crema stasera ore 20.30), la gioia arriva dai ragazzi dell’Under 18 di Lega guidati da Mister Cortese e dal Team Manager Celani, i quali con una giornata di anticipo ottengono la certezza matematica di partecipare alla Top Pool di Lega, fase a eliminazione diretta che assegnerà gli ultimi posti disponibili per le finali nazionali di categoria in programma a Cagliari dal 10 al 13 giugno prossimi. La qualificazione alla Top Pool, che si disputerà nel week-end 8-9 maggio, significa per la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora essere tra le migliori 12 squadre della Lega Pallavolo Serie A dopo una stagione che vedeva al via ben 30 formazioni tra società di A1 e A2. Per dare un’idea ancora più chiara dell’impresa compiuta da Cacciatore e compagni, basta dire che i prossimi avversari nella Top

14 ANNO I - N° 45 GIOVEDÌ 22 APRILE 2010

Pool saranno la Trenkwalder Modena (terza classificata nel girone H) e una formazione tra Bre Banca Lannutti Cuneo e Itas Diatec Trentino, insomma il meglio della tradizione pallavolistica giovanile italiana. La qualificazione alla Top Pool arriva grazie alla suonante vittoria di Sora contro la Prisma Taranto, battuta per 3 set a 0 in un Tensostatico di Sora

Il coach dell’under 18 Cortese in cui ancora echeggiano le festose esultanze dei parenti e amici dei ragazzi venuti come al solito a dar man forte alla squadra insieme ai dirigenti della Globo, anche loro visibilmente

soddisfatti per il risultato raggiunto. Ad esultare anche e soprattutto l’allenatore di questi ragazzi Antonio Cortese: “Abbiamo vissuto le ultime 3 settimane in funzione di questa partita: sapendo che Monopoli difficilmente avrebbe fatto punti contro l’M.Roma, dipendeva solo da noi centrare la qualificazione alla prima occasione utile. I ragazzi sono stati encomiabili per lo spirito dimostrato, la determinazione e il gioco espresso; ancora una volta nelle partite decisive che valgono una stagione (vedi contro Perugia e Isernia nella prima fase e Monopoli nella seconda) hanno tirato fuori il meglio di loro stessi sia dal punto di vista tecnico che mentale. Giocare la Top Pool contro Modena, Cuneo o Trento sarà per noi una soddisfazione immensa perché solo il confronto con certe realtà ti da la misura di quanto ancora bisogna crescere e impegnarsi. Per i ragazzi poi sarà un’esperienza indelebile che sicuramente darà loro ancora più voglia di continuare a lavorare e a migliorarsi come atleti e come persone”. andr.mastr.

FROSINONE - Ancora una battuta d’artresto per la compagine Primavera canarina. Una pesante sconfitta casalinga per il Frosinone di mister De Angelis che soccombe contro la Salernitana. Per tutto il primo tempo le squadre si sono affrontate prevalentemente a centrocampo, da segnalare solo una traversa colpita da Cadeddu con un tiro dal limite dell’area. La svolta della partita arriva al 7° del secondo tempo quando veniva ammonito per la seconda volta Marinelli per un fallo a centrocampo. A questo punto la Salernitana con un uomo in più riusciva a passare in vantaggio con Siano abile a sfruttare di testa un calcio d’angolo. La Salernitana raddopLa Primavera del Frosinone piava al 24’ con un tiro dal limite di Franco e triplicava al 46°st ancora con Siano. Nulla da fare per i ragazzi di De Angelis. In classifica i primavera gialloblu “mantengono” per modo di dire la poco invidiabile posizione di penultimi della classe davanti esclusivamente ai parigrado del Gallipoli. Il campionato primavera terminerà con due giornate d'anticipo rispetto ai campionati nazionali di serie A e B Tim e i ciociari dovranno affrontare nelle ultime due giornate rispettivamente l'Ascoli in trasferta per poi chiudere questa ennesima deludente stagione in casa contro il Napoli. Da diverse stagioni a questa parte ormai la squadra primavera ( un po' tutte le formazioni giovanili del Frosinone), è stabilmente nelle zone bassissime della classifica. Una programmazione più efficiente e costruttiva del settore giovanile ciociaro potrebbe portare risorse importanti anche alla prima squadra.

Calciopoli 2, è ufficiale Scatta l’inchiesta Figc

Cannavaro carica Napoli: “Champions,si può fare”

La procura della Federcalcio ha aperto un'altra indagine su Calciopoli, in riferimento "al nuovo filone di intercettazioni", e chiede al Tribunale di Napoli di acquisire "tutto il materiale probatorio prodotto dalle parti, ogetto di perizia che potrà essere disposta dal Tribunale, avviando così l’indagine con riferimento sulla base delle nuove intercettazioni».

Il primo ostacolo verso il sogno-Champions si chiama Cagliari: «Per noi è stata una bestia nera, ma non dobbiamo pensare ai risultati del passato. In questo momento le nostre motivazioni sono superiori alle loro. Sicuramente non li sottovalutiamo ma, se giochiamo da squadra, sappiamo che possiamo fare bene. Dobbiamo continuare così».


SPORT CALCIO LEGA PRO

Secondo il tecnico gli azzurri in Calabria hanno giocato con il massimo dell’impegno

La difesa d’ufficio di Pellegrino “A prescindere dal risultato finale la stagione del Cassino è da considerarsi più che positiva” CASSINO - Il tecnico azzurro Maurizio Pellegrino si è presentato con un giorno di ritardo dinanzi ai taccuini dei cronosti nel consueto appuntamento settimanale programmato dalla società. L’allenatore del Cassino, rivisitando la prestazione tutt’altro che positiva offerta contro la Vibonese, non ha nascosto il grande rammarico per l’occasione perduta dalla sua squadra. “La sconfitta di Vibo non ci voleva perché ci eravamo resi

Per Murolo è tutto ok?

protagonisti di una rimonta incredibile che dopo la prova di domenica rischia concretamente di essere vanificata.- ha esordito il tecnico siracusano - A causa di qualche episodio abbiamo perso una gara delicata ed importante in ottica play-off: questo però non significa che i ragazzi non si siano impegnati dando il massimo. Siamo andati a Vibo con l’intento di fare la partita ma l’infortunio di Amadio ha rotto gli equilibri che si erano creati in campo e da quel momento non siamo stati più in grado di invertire l’andamento dell’incontro. L’incertezza del nostro portiere credo che nel calcio ci possa stare: Remo ha pagato la sua inesperienza e la voglia di ben figurare gli ha giocato un brutto scherzo: peccato che il Cassino non sia stato in grado di reagire nei quaranta minuti successivi”. Un vero peccato aver gettato al vento la possibilità di agganciare il Brindisi, portarsi ad un punto dal Siracusa proprio alla vigilia del match del Salveti contro il Barletta. Alla luce del passo falso di Vibo Valentia invece, tutto diventa molto più complicato. “Dome-

nica arriva il Barletta e per noi sarà una sfida importante: certo ora i pugliesi hanno aumentato il vantaggio nei nostri confronti che è salito a cinque punti ma dal canto nostro proveremo a diminuire questo distacco. ha chiosato Pellegrino - Centrare i playoff a questo punto credo che sia difficilissimo, però i ragazzi sanno che hanno il dovere di finire il campionato nel miglior modo possibile. Una stagione questa che, a prescindere dal risultato che verrà raggiunto, sarà comunque da considerarsi positiva nonostante ci sia più di qualche rammarico per i punti persi per strada: l’obiettivo prefissato dalla società era quello di lottare fino alla fine per centrare gli spareggi promozione e ritengo che sia quello che il Cassino sta facendo in questo scorcio finale di campionato nonostante le difficoltà incontrate nell’arco del torneo”. In particolare Maurizio Pellegrino non ha perso occasione per operare una strenua difesa del gruppo che gli è stato affidato: la classica difesa d’ufficio che viene utilizzata in quei momenti

CASSINO - La società azzurra, a seguito della pesante sconfitta di Vibo, ha inviato in sala stampa Youssuf Konè, il giocatore più amato in assoluto dai sostenitori cassinati, senza dubbio uno di quelli che preferisce parlare sul campo a suon di prestazioni piuttosto che davanti ai miscofoni. Il centrocampista ivoriano, schietto e sincero com’è, ha analizzato il passo falso di domenica senza troppi giri di parole. “Sicuramente il gol preso domenica a Vibo Valentia si poteva evitare però non è il caso di attribuire le cause della sconfitta all’indecisione di Amadio. - ha esordito Konè - Siamo andati a giocare in casa della penultima della classe e con un po’ più di concentrazione avremmo potuto portare a casa una vittoria fondamentale per il nostro cammino play-off. Sapevamo Il centrocampista Konè che sulla carta i nostri avversari erano inferiori a noi: il Cassino invece era reduce dalla bella e convincente vittoria sul Siracusa e forse inconsciamente la concentrazione mentale e l’attenzione per un incontro che celava diverse insidie è venuta meno. Siamo andati in Calabria con l’intenzione e la voglia di vincere: loro non hanno fatto niente di eccezionale ma purtroppo è stato il nostro atteggiamento a consentire alla Vibonese di conquistare tre punti insperati. Questo non deve accadere ad una squadra che punta ad obiettivi come quello degli spareggi promozione ed ora possiamo provare a riparare pensando a fare ciò di cui siamo capaci a cominciare dalla sfida di domenica col Barletta. Il Cassino ora è costretto a fare bottino pieno nelle restanti tre partite che restano da giocare: certo, ora dobbiamo sperare che giungano notizie positive dagli altri campi ma prima di ogni cosa dobbiamo concentrarci per evitare ulteriori uscite a vuoto come quella che si è verificata a Vibo”. ant.mass.

particolari in cui si è consapevoli di aver gettato alle ortiche un’occasione importante ma si ritiene che tuttosommato poi non sia così grave in quanto i giocatori del Cassino ce l’hanno messa proprio tutta. “Questo gruppo in diverse occasioni è sempre riuscito a risalire la china superando i momenti meno brillanti sotto l’aspetto della forma fisica e del gioco espresso. - ha colcluso Pellegrino - Per questo sono orgo-

glioso di questi uomini che a mio avviso stanno facendo il massimo con serietà e professionalità e nessuno potrà mai farmi cambiare questo pensiero. Partendo da questo presupposto preparerò la partita col Barletta, certo che i ragazzi faranno di tutto per portare a casa una vittoria che potrebbe rivelarsi ancora più preziosa se dagli altri campi dovesse arrivare qualche notizia per noi positiva”. Antonino Massara

COPPA ITALIA PROMOZIONE

CALCIO LEGA PRO

Konè non si nasconde dietro un dito: “A Vibo è mancata la concentrazione”

Per Pellegrino i risultati sono il linea con gli obiettivi

Roccasecca impatta 1-1 a Marino: è finalissima Pecoraro: “Raggiunto l’obiettivo, ora il traguardo” MARINO - Grandissima impresa del Roccasecca Terra di San Tommaso, che nel ritorno della semifinale di Coppa Italia Promozione, pareggia per 11 sul campo del Città di Marino e, in virtù dello 0-0 casalingo dell’andata, approda alla finalissima. Una soddisfazione enorme per i rossoblù, che

Il tecnico Antonio Pecoraro

sono riusciti nell’intento di uscire imbattuti in casa di una squadra, il Marino, che nel proprio girone ha fatto del fattore campo un’arma letale, lasciando le briciole agli avversari. Il primo tempo si è chiuso sullo 0-0, mentre nella seconda frazione di gioco sono stati i locali a portarsi in vantaggio. I ragazzi del presidente Marsella però non si sono mai arresi, trovando a tempo scaduto il gol qualificazione grazie a Tarabonelli, in grado di sfruttare alla perfezione un ottimo lancio di Ripa. Emozionantissimo, in quanto nel pieno dei festeggiamenti, mister Pecoraro, raggiunto telefonicamente pochi minuti dopo la fine del match: “Questa è la vittoria di tutto il gruppo. – ci dice – Abbiamo disputato una grandissima gara, cogliendo un risultato che ci ripaga di tanti momenti brutti vissuti durante

Moratti su Balotelli: “Provvedimenti in vista”

Borriello spinge il Milan: “Fondamentale il 3° posto”

I l p re s i d e n t e d e l l ' I n t e r t o r n a s u l g e s t o d i b a l o t e l l i n e l l a g a ra c o l B a rc e l l o n a : « Q u a l c o s a s u c c e d e rà , m a i l d e s i d e r i o è che i l g i o c a to re s i re i n te gri a l p i ù p re s t o c o n l a s q u a d ra p e rch é a b b i a m o b i s o g n o d i l u i . L a v i t t o r i a s u i b l a u g ra n a ? M e r i t o d i u n allenatore serio e di un gruppo di calcia t ori s e ri s s i mi » .

L’attaccan te rosson ero: «E ’ una s et t i m a n a m o l t o i m p o r t a n t e p e r ch é a f fron terem o u n a squ adra che a ques t o pu n to del l a stagi on e è u n a nos t ra dir e t t a c o n c o r r e n t e p e r c o n q u i s t a re i l t e r z o p o s t o i n c l a s s i f i c a . B i s o g n e rà c e r c a r e d i ch i u d e r e i c o n t i s a b a t o s e ra , p e r p o i p o t e r g i o c a re l e u l t i m e tre gare con l a m en te sgombra».

la stagione. Ci tengo a sottolineare come l’approdo in finale rappresenti un grande obiettivo, ma non un traguardo. Ormai non possiamo nasconderci: arrivati fin qui, proveremo con tutte le nostre forze ad alzare la coppa. Per il momento non posso che fare i complimenti ai miei ragazzi, tra i quali ci sono molti giovanissimi. Entrare nella storia del club con un gruppo dall’età media così bassa non può che inorgoglire ulteriormente”. La conquista dell’ultimo atto della competizione risulta fondamentale in vista dei ripescaggi in Eccellenza. Il salto di categoria sembra praticamente cosa fatta: si dovrà attendere solo l’ufficialità. Nella finalissima gli uomini di Antonio Pecoraro incontreranno la vincente dell’altra semifinale tra San Cesareo e Ladispoli. Luca Tedeschi

15 ANNO I - N° 45 GIOVEDÌ 22 APRILE 2010



lagazzettacasino220410a