Page 1

Crollo Jovine, lo stato sul banco degli imputati

Maltempo, la perturbazione si sposta sulla costa

CAMPOBASSO – “Come lo Stato ha potuto costituirsi parte civile in questo processo quando, insieme al terremoto doveva essere seduto sul banco degli imputati”. E’ stato il succo della prima parte della discussione del legale Messere. Seconda tranche questa mattina. A pag. 4

TERMOLI – Ieri mattina Termoli e il basso Molise sono stati interessati dalla neve che é durata fino intorno alle 13, creando non pochi problemi alla viabilità veicolare e pedonale. La situazione è migliorata sul Molise centrale e sull’alto Molise. Servizi a pag. 4 e 12

Buon Caffè

VENERDÌ 20 FEBBRAIO 2009 DISTRIBUZIONE GRATUITA

Meno male che esiste Iorio

Michele e il nulla

Fate come il vostro capo “jatevenne a la casa” SATIRA POLITICA

La recente commemorazione della figura politica dell’onorevole Girolamo Lapenna, ci consente di aprire una finestra sulla deputazione parlamentare molisana che è venuta fuori dopo la scomparsa degli uomini targati Dc. Roberto Ruta, Augusto Massa, Federico Orlando. Eugenio Riccio così come lo stesso Luigi Biscardi non hanno mai dato risultati a favore dei cittadini di questa terra. Soprattutto, poi, i rappresentanti di Margherita e Ds, finiti nel Pd, Ruta e Massa che non hanno lasciato traccia a livello parlamentare. Né, tantomeno, hanno indirizzato verso la loro terra uno straccio di provvedimento. Eppure sono tornati a chiedere voti. Per una speranza politica, per un progetto politico, ebbero a dire. Vestiti di bianco, rosso e verde come se stessero partecipando ad una manifestazione carnascialesca. I cittadini elettori hanno capito e li hanno bocciati, Pd compreso. E meno male che per il Molise c’è Michele Iorio, l’ineffabile Presidente che, nonostante alcune sue pecche, è sempre pronto a farsi trovare su qualsiasi argomento. E pronto, soprattutto, a dare soluzioni ai problemi. Alternative, purtroppo per gli equilibri di democrazia, non ce ne sono. Salvo a pensare il mutismo della Macchiarola che, pure, è affezionata alla sedia. Anche se inutile e sfasciata. Buon caffè. Il Forbiciastro

ANNO II - N° 41

IL TAPIRO DEL GIORNO A CORRADO SALA Ancora un tapiro per il mitico corsivista Sala, mitico copione della satira e della domenica e ora anche satirico da autoincensamento. Nonostante le segnalazioni della Gazzetta del Molise con tanto di esempi di articoli integralmente copiati, infatti, Pasquale Di Bello in arte Corrado Sala continua imperterrito a saccheggiare il repertorio satirico di altri limitandosi a cambiare solo i nomi dei politici destinatari delle sue esternazioni. E’ veramente incredibile poi il fatto che molto spesso Sala abbia lodato nei suoi corsivi Pasquale Di Bello. L’autocelebrazione e’ servita: se qualcuno volesse vedere coi propri occhi il numero di volte in cui Corrado Sala elogia Pasquale Di Bello (cioè se stesso) deve solo venire da noi alla Gazzetta. Ci siamo divertiti infatti ad appendere al muro della nostra sede, in bacheca, questi esempi da campionato internazionale di sbruffoneria. E chi si loda s’imbroda!

L’OSCAR DEL GIORNO A GIANFRANCO VITAGLIANO L’oscar di oggi lo consegniamo nelle mani dell’assessore Gianfranco Vitagliano. Ogni giorno lo cerchiamo nel suo ufficio di via Cavour. Scappa sempre a Roma per portare un po’ di soldini in questa piccola regione. l’assessore non viene apprezzato per la mole di lavoro che svolge. Quando tutti sono a casa per la neve in Molise, lui è in macchina con il buon Pasqualino e va scappando tra misteri e ministri per poter portare la croce di questa regione e dargli il giusto risalto.

www.gazzettadelmolise.com 18.000 copie in omaggio


REGIONE L’Istituto sede del Registro Regionale e nella Rete nazionale

Malattie rare, Neuromed capofila in Molise Neuromed è uno dei 3 centri inclusi in un ampio progetto della Regione Molise volto allo sviluppo di percorsi assistenziali e terapeutici per i pazienti affetti da malattie rare

Quotidiano del mattino

L'IRCCS Neuromed è uno dei 3 centri inclusi in un ampio progetto della Regione Molise volto allo sviluppo di percorsi assistenziali e terapeutici per i pazienti affetti da malattie rare. Il Neuromed è l'unico Centro Regionale Neurologico di riferimento. Tale progetto è nato dal bisogno di sensibilizzare l'opinione pubblica verso questo rilevante problema sociale, causa importante di patologie croniche, disabilità ed enorme sofferenza sia per i bambini che per gli adulti. Fondamentale contributo deriverà, in particolare, dall' associazione di famiglie con il problema della Còrea di Huntington, A.I.C.H. Neuromed. Il primo passo di tale progetto, attivo già da alcuni mesi è la composizione di un Registro Regionale per le malattie Rare Neurologiche ovvero una sorta di censimento dove saranno finalmente individuate le patologie rare che giungono all'osservazione. All'Unita' di Neurogenetica del Neuromed spetta il compito di redigere questo registro in Molise per quanto concerne la parte neurologica. Le malattie rare coinvolgono circa 2 milioni di italiani, ne esistono 7000 diverse tipologie e proprio per la loro bassa incidenza sono difficili da diagnosticare. Il 75% di queste patologie rare colpisce i bambini e almeno l'80% ha un'origine genetica. Neuromed, da alcuni anni, si occupa di prestare assistenza alla famiglie con persone affette da malattie rare ed in particolare si occupa di Malattia (Corea) di Huntington, una malattia neurologica per cui attualmente non esiste alcuna cura. E' attivo presto la struttura un numero verde (gratuito da tutta Italia, compresi i cellulari), dove i pazienti ed i loro familiari con patologie rare possono chiedere informazioni utili, info sui possibili trattamenti farmacologici ed una selezione delle più importanti novità nel campo della ricerca e dove è possibile informarsi sui test genetici e sulle ricerche del gruppo di Neurogenetica diretto dal Prof. Ferdinando Squitieri, gruppo che ha avuto riconoscimenti internazionali e la cui attività scientifica è giunta ad importanti risultati nell'ambito della ricerca clinica e genetica.

Registrazione al Tribunale di Campobasso n°3/08 del 21/03/2008

Dopo l’approvazione della legge sui piccoli comuni torna a riaprirsi la questione

Aree interne, l’incubo spopolamento

DIRETTORE RESPONSABILE Angelo Santagostino

A.I. COMMUNICATION SEDE LEGALE via Gorizia, 42 86100 Campobasso Tel. 0874.481034 - Fax 0874.494752 E-mail: lagazzettadelmolise@tin.it Sito internet: www.gazzettadelmolise.com

STAMPA: Tipografia Poligrafica Ruggiero Avellino

Il lunedì non siamo in distribuzione La collaborazione è gratuita

2 ANNO II - N° 41 VENERDÌ 20 FEBBRAIO 2009

Esiste una legge regionale specifica sullo sviluppo e la valorizzazione del territorio montano, del 2003, ma, ad oggi, tale regolamento è stato del tutto inapplicato. E’ questo il senso delle polemiche che si stanno alzando in queste ore dopo l’approvazione della proposta di legge sui piccoli comuni approvata in consiglio regionale. Così, mentre da un lato si sollecita la giunta regionale ad applicare tale normativa, di grande importanza soprattutto per quei piccoli comuni dell’alto Molise dove il fenomeno della migrazione verso altri centri urbani è più evidente, dall’altra, si è cercato di porre un nuovo

Dl sicurezza: ronde, ma con un albo Nel dl sicurezza che domani sara' in Consiglio dei ministri si prevede di legalizzare le ronde, chi partecipa sara'iscritto in registri. Le ronde dovranno essere disarmate e agiranno d'intesa con i prefetti e potranno solo segnalare alle forze dell'ordine casi di allarme e disagio sociale.

tassello con iniziative volte a supportare i piccoli comuni del Molise con specifici fondi per iniziative produttive e garanzia di continuità degli stessi servizi fin qui erogati e che oggi sono a rischio. Solo che c’e’ chi ritiene che i fondi siano pochi e non in grado di assicurare continuità ai servizi erogati. Nei mesi addietro era stato il sindaco di Capracotta a spronare il consiglio regionale ad affrontare serenamente e con serietà la questione delle aree interne che nell’ultimo triennio hanno conosciuto una vera e propria emorragia di giovani. Dal canto suo l’estensore della proposta di legge sui piccoli co-

muni, Gennaro Chierchia ha sottolineato come questa debba considerarsi un primo tassello per l’avvio di un confronto più ampio e serrato. Mentre le associazioni dei comuni e le associazioni continuano a chiedere alla regione Molise di assumere come priorità strategica, nel Por 2007-2013, il riequilibrio nell’allocazione dei fondi per favorire le zone interne e montane. Un tema, dunque, che riesce, finalmente, a trovare ruolo all’interno del dibattito politico del consiglio regionale. Fino ad oggi, infatti, l’argomento è rimasto fuori dal confronto politico nonostante proprio il Molise

fa segnare uno degli indici più alti di spopolamento e di perdita di peso sociale. A rischio scomparsa, nel prossimo decennio, i paesi che non raggiungono i 300 abitanti mentre sono il 65 per cento del totale quelli ormai scesi a 1.000 abitanti. Dati e numeri che dovrebbero portare ad un’attenta riflessione proprio per le implicanze sociali e di mantenimento della stessa autonomia regionale. La legge sui piccoli comuni, al di là delle polemiche, deve volgere proprio verso l’obiettivo di riaprire un capitolo rimasto per troppo tempo chiuso.

Rai: Villari ricorre a Consulta Il sen.Riccardo Villari si e' rivolto alla Corte Costituzionale sollevando il conflitto di attribuzione relativo alla sua rimozione. La decisione e' stata adottata contro la sua rimozione da presidente della commissione di vigilanza Rai, decisa dopo che i presidenti di Camera e Senato hanno sciolto la commissione parlamentare di Vigilanza per farne cadere il presidente.


REGIONE L’unica realtà politica della nostra regione è rappresentata dal presidente

Iorio, il segno del comando pace di guidare la Regione e di raggiungere taluni obiettivi. Al di là di ogni altra considerazione. Tutto il resto è politica da bar

Perché Michele Iorio continua a guidare indisturbato la Regione Molise? Perché ne è capace ma anche perché non ci sono alternative. Il resto è il nulla politico Perché Michele Iorio continua a guidare indisturbato la Regione Molise? Perché ne è capace ma anche perché non ci sono alternative. Il resto è il nulla politico. A partire dal Partito democratico che avrebbe dovuto rappresentare il nuovo ed una speranza. Facciamo un po’ una cronistoria. Un tempo, a guidare il glorioso Partito Comunista Italiano, c'era il «Migliore», al secolo Palmiro Togliatti. Passano gli anni, passano i decenni. Cade il Muro. Il Pci cambia nome: prima Pds, poi Ds. E finalmente Pd, Partito Democratico. Niente più comunismo. Niente più sinistra. E niente più «Migliore». Oggi è il tempo del suo contrario. La parabola incominciata con Togliatti ha ora il suo epilogo in Veltroni. Dal «Migliore» al «Peggiore», il più mediocre capo che la storia comunista e post-comunista in Italia abbia mai avuto. Una carriera costellata da sconfitte e fallimenti politici, a partire dalla guida della segreteria diessina che portò il partito ai minimi storici (16,6%) nelle elezioni del 2001, con la débacle del 13 e 14 aprile scorsi, con la sconfitta alle regionali dell’Abruzzo per finire alla caduta in Sardegna. In mezzo, i lunghi anni alla guida della Capitale, gli anni del nuovo mito romano e delle Notti Bianche, del modello Roma come migliore dei mondi possibili. Finito nella polvere anche quello, con il Comune in deficit per svariati mi-

dove, preso il caffè, nulla resta. Ma una regione vuole ben altro. E Michele Iorio è ben altro.

Interventi a sostegno della rappresentanza femminile nelle istituzioni

liardi di euro e la vittoria di Gianni Alemanno alle ultime amministrative. Stessa fotografia in Molise dove a guidare la delegazione parlamentare, Roberto Ruta, già Margherita e Augusto Massa già Ds. Ma cosa hanno fatto per il Molise e i molisani nel loro passaggio in Parlamento? Nulla. Nessuna cosa che ricordi la loro azione politica in Parlamento. Cercando di far vedere partiti di appartenenza vivi e ben disposti alle esigenze dei cittadini. Fintanto che gli elettori se ne sono accorti ed hanno bocciato i due parlamentari che hanno lasciato vuoto il contenitore Pd così come vuoti i panieri delle cose da fare. Eppure nel periodo di loro maggiore fulgore ad imperare era alla guida del governo nazionale, Romano Prodi. Un nullismo politico che ha finito con il fiaccare le speranze dei molisani che li hanno abbattuti elettoralmente. Dopodichè la scomparsa dalla scena, ma pre-

Milleproroghe: Camera vota fiducia L'Aula della Camera ha votato la fiducia al governo Berlusconi sul decreto legge milleproroghe con 284 si'. I voti contrari sono stati 243. L'Aula ora procedera' alla discussione dei 103 ordini del giorno al decreto, su cui stasera il governo rendera' il parere.L'esame del testo riprendera' martedi' quando gli ordini del giorno saranno votati in quanto stabilito dalla conferenza dei capigruppo.

sente nelle caverne del partito, di Roberto Ruta. Mentre l’Augusto è alla ricerca di un passo indietro per tornare al Comune di Campobasso. E nel bel mezzo un partito spaccato, dilaniato dalle polemiche e con una guida affatto di forza carismatica come quella di Annamaria Macchiarola. Un altro caso di non senso politico a giudicare dai risultati elettorali ottenuti e dall’accrescersi di lotte intestine, abbandoni di amministratori e richieste continue di dimissioni. Ma lei sempre saldamente alla guida del Partito democratico in attesa delle elezioni prossime venture. Poi, di sicuro, finirà come Veltroni. Questa è la classe politica regionale che ha avuto anche pretese di guidare il Molise. Ecco perché, nonostante qualche sbavatura, qualche colpo di forza, Michele Iorio è l’unico politico nel vero senso della parola. L’unico politico che è stato ca-

“Nell’imminenza delle elezioni comunali, provinciali ed europee, questa Commissione Regionale del Molise per la Parità e le Pari Opportunità vuole promuovere una campagna “antidiscriminatoria “ finalizzata ad una equa presenza delle donne nella prossima formazione delle liste elettorali. Come noto, la legge costituzionale del 30 maggio 2003 ha integrato l’art. 51 che ha così stabilito:“ Tutti i cittadini dell’uno e dell’altro sesso possono accedere agli uffici pubblici e alle cariche elettive in condizioni di eguaglianza, secondo i requisiti stabiliti dalla legge”, aggiungendo la previsione:“ A tal fine la Repubblica promuove con appositi provvedimenti le pari opportunità tra uomini e donne”.Tale riforma ha posto al centro dell’attenzione di chi legifera la necessità di porre rimedio alla questione, ormai ampiamente conosciuta e denunciata, della scarsa partecipazione delle donne alla vita politica del Paese.L’esistenza di una situazione di sottorappresentanza delle donne nelle istituzioni politiche richiede, infatti, specifiche misure di intervento, poiché testimonia uno scollamento fra politica e società che rischia di mettere in crisi gli schemi della democrazia rappresentativa.Si sottolinea che la necessità di introdurre misure volte a rimediare alla sottorappresentanza femminile nelle istituzioni si presenta in modo particolarmente drammatico in Molise ad esempio, nel Consiglio Regionale e nella Giunta , su 30 consiglieri, una ( 1 ) sola donna riveste entrambe le cariche. Ciò impone una attenta riflessione e la ricerca di meccanismo correttivo di tale situazione. A tale proposito, questa Commissione Regionale per la Parità e le Pari Opportunità nell’audizione per l’Autoriforma dello Statuto Regionale del Molise, ha formulato emendamenti a garanzia dell’equa rappresentanza delle donne nelle istituzioni pubbliche regionali. La Commissione ritiene indispensabile e doveroso prevedere liste elettorali equamente rappresentate, con rigorosa alternanza di candidati e candidate, così da restituire alle donne pari dignità e pari possibilità di elezione. Tale condizione non si deve configurare come una sorta di concessione minimale che tende comunque a tenere separate in un ristretto gruppo solo di facciata le donne all’interno delle liste; ciò non è sufficiente a rappresentare il rimedio al problema della sottorappresentazione femminile. Questa Commissione vuole invece richiamare l’attenzione sulla necessità di individuare (all’interno di una comunicazione sinergica) strumenti per indurre i partiti a sostenere le candidature femminili con lo stesso impegno profuso per quelle maschili. Nella società odierna risulta indispensabile rafforzare la presenza delle donne in politica, promuovendo la loro candidatura e la loro presenza in posizioni cruciali in cui possano risultare visibili e possano esprimere al meglio le loro potenzialità, attraverso un reale sostegno anche nel corso della campagna elettorale. La presenza femminile ad ogni livello è indice oltre che di benessere e civile convivenza, di progresso e democrazia e non un “ favore verso le donne”. Per quanto detto ci auguriamo di aprire un tavolo di concertazione per meglio offrire la nostra collaborazione”.

Senato: Storace salvato dall'aula Il Senato con 145 voti a favore, 110 no e 11 astenuti ha concesso l'immunita' a Francesco Storace accusato di vilipendio al Capo dello Stato.Il voto e' di una vicenda avvenuta nella scorsa legislatura (ottobre del 2007), quando il leader della Destra defini' il capo dello Stato 'indegno di una carica usurpata a maggioranza' e 'senza titolo per dare patenti etiche' perche' stigmatizzo' le frasi offensive che Storace rivolse alla senatrice a vita Rita Levi Montalcini.

3 ANNO II - N° 41 VENERDÌ 20 FEBBRAIO 2009


CAMPOBASSO In aula la protesta dei genitori della sulle dichiarazioni dei difensori sulla scuola Jovine

“Lo Stato sul banco degli imputati” Seconda tranche della discussione di Messere questa mattina. Sentenza il 25 febbraio CAMPOBASSO – “Come lo Stato ha potuto costituirsi parte civile in questo processo quando, insieme al terremoto doveva essere seduto sul banco degli imputati”. È stata questa la parte della discussione dell’avvocato Arturo Messere, nel processo sul crollo della Jovine, che sembra aver colpito di più la terna di giudici formata da Iapaolo, Parisi e Di Giacomo. Una discussione che, data l’eccessiva lunghezza, è stata divisa in due tranche e continuerà quindi nella

giornata di oggi prima di dare spazio alle repliche del procuratore generale Claudio Di Ruzza e degli avvocati di parte civile. Con molta probabilità finirà nel tardo pomeriggio. La sentenza potrebbe quindi slittare a mercoledì 25 febbraio per permettere ai giudici di decidere con coscienza. Una laboriosità dovuta alla necessità di difendere due diverse posizioni, il progettista Giuseppe La Serra ed il tecnico comunale ed responsabile unico del procedimento di soprelevazione Mario Marinaro.”Allo Stato – ha sottolineato- va richiesto il risarcimento danni”. Una discussione basata su sofismi e parallelismi con figure mitologiche dell’antica Grecia per chiedere alla Corte di non condannare i suoi assistiti. “La colpa – ha sottolineato- è come la fuliggine che si posa su ogni dove”. Nella parte più tecnica della sua discussione Messere ha sottolineato che alcun evento di crollo può essere attribuito ai due im-

putati. “I prevenuti- ha evidenziatohanno agito come dovevano agire”. La sopraelevazione, secondo il legale, non è altro che ampliamento della struttura di cento metri quadrati.”Gli imputati – ha dichiarato – hanno agito diligentemente e rispettano tutte le norme”. Sulla tragedia Messere ha messo in mezzo

anche la figura del dirigente scolastico Giuseppe Colombo il quale, secondo risultanze processuali, non si sarebbe nemmeno preoccupato la mattina del terremoto di sincerarsi quali erano le condizioni dell’edificio scolastico. In primo grado il pm ha contestato a La Serra e Marinaro anche il crollo di una parte della scuola sulla quale non avevano mai messo mano. Durante la discussione dell’avvocato Messere c’è stato un fuoriprogramma. Il procuratore generale Claudio Di Ruzza ha chiesto alla Corte di non concedere interventi lunghi e ripetitivi. Successivamente l’avvocato Messere ha continuato spiegando come era costruita la struttura. Si trattava di scuola e sopraelevazione in muratura e non solai di cemento armato. I solai utilizzati erano prefabbricati ed omologato era il materiale in laterizio. L’avvocato Messere, al termine della prima parte della discussione ha annunciato la presentazione di

una memoria di 104 pagine la quale dimostra che i solai della scuola erano poggiati soltanto su dei cordoli in muratura. Il corpo di fabbrica era costruito, sempre secondo i periti, con parti verticali in muratura. Durante il termine della discussione dell’avvocato Santoro si è verificata una dura protesta dei genitori della vittime. La madre dei gemelli di quarta deceduti sotto le macerie della vecchia Jovine, ha detto agli avvocati di smettere di essere bugiardi. “Ci dovevano essere i vostri figli- ha detto con decisione- sotto le macerie della scuola. State facendo un processo al terremoto mentre gli imputati hanno fatto un’associazione a delinquere per costruire l’edificio. Tutti sapevano cosa stavano facendo”. Mentre sono stati allontanati dal giudice ha continuato: ”Mi hanno ammazzato due figli, hanno distrutto una comunità e pretendono di passare come angioletti”. Viviana Pizzi

“La scuola è caduta per un evento della natura” La tesi dell’avvocato Santoro in difesa del tecnico comunale Marinaro CAMPOBASSO – “In caso di dubbio è preferibile l’assoluzione di un reo che la condanna di un innocente”. Con questa affermazione ha avviato, ieri mattina, la discussione in difesa di Mario Marinaro, l’avvocato Claudio Santoro. Le tesi principali sono state snocciolate in poco più di tre ore durante le quali sono state messe a fuoco tutte le cause della tragedia del 31 ottobre 2002. L’avvocato Santoro ha chiesto anche l’ammissione agli atti di uno studio effettuato dai periti su tutti gli edifici di San Giuliano di Puglia in seguito al terremoto. In precedenza sono stati stabiliti i tre punti focali per i quali la sentenza D’Arcangelo del 13 luglio 2007, andrebbe confermata. “Come già è stato detto in quest’aula dall’avvocato Gianfederico Cecanese - ha sottolineato Santoro - il dispositivo D’Arcangelo è granitico ed inattaccabile sulle motivazioni”. Questo sarebbe vero per tre ordini di motivo. Il primo è relativo al fatto che la scuola è caduta per causa del terremoto, la seconda perché la sopraelevazione non ha inciso sulla struttura nel provocare l’evento traumatico e terzo perché la scuola non era predisposta per resistere all’azione sismica. Il tecnico comunale Mario Marinaro non sarebbe imputabile per il suo

4 ANNO II - N° 41 VENERDÌ 20 FEBBRAIO 2009

Decreto di espulsione, 19enne in manette CAMPOBASSO – Inosservanza del decreto di espulsione. Per questo reato un 19enne è stato arrestato U.M.Z. 19enne senza fissa dimora. Lo straniero era stato colpito da un decreto di espulsione e da una ordinanza di intimazione a lasciare il territorio nazionale entro 5 giorni. L’udienza per direttissima è prevista per la mattinata di domani.

legale, e quindi va assolto, perché con le leggi vigenti a San Giuliano di Puglia il 31 ottobre 2002, non era obbligatorio costruire l’edificio scolastico secondo le normative antisismiche. “L’ordinanza del 1998 – ha sottolineato Santoro- dava soltanto indicazioni fiscali su come costruire ma non costituiva alcun dettame legislativo. Era un documento nel quale si valutava soltanto ilo rischio sismico derivante da un terremoto che si era verificato in quel comune sette otto secoli fa. La classificazione sismica era tutta altra cosa ed è stata effettuata soltanto nel 2003”. Il terremoto del 31 ottobre 2002 non è affatto un evento sismico di poco conto come avevano detto le accuse pubblica e privata. E’ stata invece una forza della natura da tenere in considerazione. “Se fossero morte molte più persone – ha evidenziato Santoro – non stavamo qui a celebrare questo processo”. Per sottolineare la forza della scossa del 31 ottobre 2002 dell 11.32 e sconfessare la teoria della possibilità della caduta della scuola con una nevicata ha messo in evidenza le cinque scosse della notte. “Una scossa della forza di 3,5 gradi della scala Richeter – ha sottolineato Santoro – che non aveva provocato alcuna lesione nelle murature della scuola. Nessun

rigonfiamento. Il crollo non poteva assolutamente avvenire a causa di una festa di bambini così come affermato dal procuratore di Larino Nicola Magrone. Tutto quello che affermo non è altro che il frutto dello studio di esperti che sono andati a verificare quali sono le cause reali del crollo”. L’avvocato Santoro è poi passato a spiegare la necessità di un consolidamento prima della sopraelevazione. Secondo i periti non era essenziale per prevedere l’azione sismica. “Per rendere quella struttura antisismica – ha dichiarato – la scuola andava abbattuta. Con la sopraelevazione è diventato soltanto simicamente vulnerabile non strutturalmente. L’edificio era più esposto al crollo perché era costruito come scuola e con caratteristiche diverse da quelle delle abitazioni tipo mura più lunghe e finestre più ampie”. “Se si doveva fare un consolidamento- ha continuato – il tipo di struttura sarebbe cambiato. Il tipo di rinforzo che sarebbe stato fatto non era di natura sismica ma soltanto strutturale. Qualsiasi lavoro statico fosse stato eseguito sarebbe servito soltanto ad aumentare la capacità di sopportazione dei carichi verticali ma non a rendere l’edificio più antisismico”. Vivip

Maltempo, situazione in miglioramento CAMPOBASSO – Sembra migliorare, nell’interno, la situazione del maltempo. Non nevica più sul capoluogo di regione da ieri. Il manto nevoso è regredito anche per il progressivo rialzamento delle temperature. La polizia stradale non ha segnalato particolari problemi. Soltanto qualche mezzo Anas è intervenuto a Termoli a causa del ghiaccio.


CAMPOBASSO Riordino delle Comunità montane, dalla Regione un salvagente per i lavoratori

Muccilli: “Enti montani, salvi i Lsu” Un emendamento alla legge di riordino delle Comunità montane permetterà ai lavoratori socialmente utili di non perdere il posto BOJANO - Per i lavoratori socialmente utili attualmente in servizio presso le Comunità Montane regionali sta per arrivare dalla Regione Molise un’ancora di salvezza. Alla fine di giugno prossimo, con il nuovo riordino degli enti montani che ha ridotto da dieci a sei gli ambiti territoriali, avrebbero dovuto cessare il loro rapporto di lavoro con le Comunità di appartenenza. I diciotto Lsu, attualmente distribuiti tra le Comunità Montane di Isernia, Agnone, Trivento, Venafro e Bojano, dal 1° luglio prossimo si sarebbero così trovati fuori dal mondo del lavoro, per via della loro condizione lavorativa non ancora definita, dopo diversi lustri passati alle dipendenze di questi enti durante i quali hanno svolto attività di una certa utilità ed importanza per il loro funzionamento.

“Sarebbe stato un destino tragico per questi lavoratori di età variabile che, per un verso, sono considerati troppo vecchi per un reinserimento nel mondo del lavoro, per l’altro, troppo giovani per essere collocati in pensione – ha spiegato il Presidente della IV Commissione Regionale, Salvatore Muccilli –. Ho predisposto un emendamento alla legge di riordino delle comunità montane, in particolare è una modifica che riguarda il comma 3 dell’art. 10, quello riferito alle ‘Disposizioni concernenti il personale’, cioè il passaggio del personale assunto a tempo indeterminato alle nuove comunità montane costituitesi a seguito dei nuovi ambiti territoriali. L’attuale normativa non tiene in considerazione la posizione degli lsu in forza presso gli enti montani, la modifica consentirà ai lavoratori socialmente utili di essere assorbiti nelle nuove strutture ai fini del mantenimento delle attività per i progetti in corso, in questo modo si estenderà agli Lsu la possibilità di chiedere il trasferimento ad altro

D’Ascanio alla Bit di Milano La provincia di Campobasso partecipa alla Borsa internazionale del turismo di Milano

ente, sia esso comunità montana, amministrazione locale e ente sub regionale”. Muccilli ha così concluso: “Per tali lavoratori si precisa che il processo di stabilizzazione presso gli enti locali, viene attuato nelle more e alle condizioni previste dalla normativa nazionale vigente”. L’emendamento prima dell’approvazione definitiva in Consiglio regionale sarà discusso in 1^ Commissione.

CAMPOBASSO- La Giunta provinciale riunita dal Presidente D’Ascanio ha deliberato la partecipazione della Provincia di Campobasso alla B.I.T. (Borsa Internazionale del Turismo) di Milano che si svolgerà fino al 22 febbraio prossimo. La presenza alla B.I.T. avverrà nell’ambito articolato e di forte impatto organizzativo del Coordinamento Meridionale Agricoltura, recentemente formatosi tra gli Assessorati delle Province meridionali del Paese, che consentirà di proporre non solo l’offerta turistica del nostro territorio ma anche un paniere di prodotti e proposte che facciano risaltare la nostra storia, la cultura, il paesaggio e l’ambiente quali elementi indispensabili di uno sviluppo locale sostenibile e capace di ritorni soddisfacenti anche in termini occupazionali per i più giovani. Al proposito, va sottolineato che sono previsti incontri ai massimi livelli del Coordinamento degli Assessorati, nel quale la nostra Provincia riveste un ruolo di primo piano, con organi di informazione specializzati ed esponenti politici e istituzionali, tra i quali il Ministro alle Politiche Agricole, Luca Zaia, rappresentanti delle Commissioni Agricoltura della Camera e del Senato e con operatori economici e turistici dei settori di riferimento. L’esecutivo ha anche approvato il Programma relativo ai “Corsi di educazione stradale” per il 2009, che coinvolgono ogni anno centinaia di scolari di numerosissime scuole elementari dei centri della provincia in un percorso didattico-pratico, secondo quanto stabilito dagli appositi programmi ministeriali. I Corsi, organizzati d’intesa con le Autorità scolastiche provinciali ed in collaborazione con l’A.C.I. – Automobil Club d’Italia – e i Lions Club, si avvalgono della preziosa opera delle Forze dell’Ordine: Polizia Stradale, Carabinieri, Guardia di Finanza e Forestale.

Il nuovo organismo per la gestione degli appalti vede contrari i costruttori

Acem: “No alla centrale di commitenza” CAMPOBASSO - L’Acem non condivide la costituzione di una Centrale regionale unica di committenza per aggiudicare le gare di lavori, servizi e forniture. Innanzitutto, essa si pone in contrasto con il principio di autonomia degli enti locali, che rischiano seriamente di ve-

dere compromessa ogni possibilità di definire le proprie esigenze e le proprie priorità infrastrutturali, anche con probabili maggiori oneri relativi alla progettazione e pianificazione dei relativi appalti. Il rischio è quello di introdurre un istituto che non corrisponde alle esigenze della realtà territoriale molisana e che va a limitare notevolmente le attività di pianificazione territoriale dei piccoli comuni. Inoltre, una centrale unica per la gestione degli appalti, viste le dimensioni del Molise, potrebbe vanificare gli indiscussi obiettivi di efficienza, trasparenza ed economicità cui essa è finaliz-

Si corre il rischio di creare una struttura inutile e dannosa specie per i piccoli comuni zata, a danno delle imprese che già risentono aspramente della crisi in atto. In tali sensi, l’Acem ha inoltrato una nota al Presidente della Regione Michele Iorio.

Tasse, in Italia è evasione di massa Lo Stato perde 200 mld all'anno

Prezzi, in Italia calano meno che in Europa

L’evasione fiscale è “un fenomeno di portata molto ampia, possiamo parlare di evasione di massa”. Lo ha detto il direttore generale del Dipartimento delle Finanze del ministero dell’Economia, Fabrizia Lapecorella, nel corso di un’audizione alla Commissione parlamentare sull’Anagrafe tributaria.

I prezzi dei carburanti sono scesi del 7,3% in Italia, contro l’8,1% dell’area euro. In Italia l’inflazione cala, ma meno che nel resto d’Europa. Lo ha sottolineato il presidente dell’Antitrust, Antonio Catricalà, nel corso di un’audizione al Senato.

5 ANNO II - N° 41 VENERDÌ 20 FEBBRAIO 2009


CAMPOBASSO Continuano senza sosta le iniziative commerciali internazionali della Unioncamere di Campobasso

In Ungheria si mangia molisano Dopo toccherà ad Hong Kong Nei supermercati ungheresi i prodotti agroalimentari molisani, l’iniziativa nasce con la collaborazione di Regione, Ice e Unioncamere CAMPOBASSO - I prodotti agroali mentari molisani debuttano a Budapest. L’iniziativa, nata dalla collaborazione tra ICE, Regione Molise e Unioncamere Molise, nell’ambito della Convenzione 2008, prevede l’inserimento delle produzioni regionali presso la catena di ipermercati Cora presenti con sette punti vendita in Ungheria.

L’evento è stato presentato nel corso di una conferenza stampa a Budapest, alla presenza dell’Ambasciatore italiano S.E. Giovan Battista Campagnola e dal Direttore dell’ICE di Budapest, Dr. Alessio Ponz de Leon. Negli ipermercati verranno allestiti degli spazi ad hoc caratterizzati da prodotti e immagini del Molise e da materiale promozionale sulla regione in lingua ungherese. In palio, un viaggio premio in Molise per due consumatori ungheresi che si saranno dimostrati “fedeli degustatori” delle produzioni tipiche della nostra regione.La promozione durerà fino al 1° marzo 2009. Dopodiché sarà la volta di Hong Kong. Nella prima settimana di marzo, infatti, sarà presente a Campobasso, una delegazione di rappresentanti della catena Jusco di Hong Kong per incontrare le aziende molisane dell’agroalimentare interessate a questo mercato. I meeting porteranno alla selezione dei prodotti da inserire nei punti vendita di Hong

Kong.La scelta di tali Paesi non è casuale. Gli ipermercati coinvolti, infatti, hanno fatto espressa richiesta di nuovi prodotti Made in italy agli uffici ICE dei Paesi di appartenenza, al fine di soddisfare la pressante richiesta di “novità” da parte dei con-

A Sepino non arriva il sale Cittadini infuriati se la prendono col sindaco e il tecnico comunale SEPINO – Come sempre qualcosa va storto quando si parla di maltempo e in particolare di neve. Il sindaco Mosca, che in questi giorni tanto si prodiga nel comunicare ai cittadini i complimenti del Capo del Dipartimento della Protezione Civile Bertolaso, perché finalmente, dopo tante peripezie, ed estenuanti battaglie, finalmente i lavori per il completamento del nuovo polo scolastico pare si siano avviati, ha, però, perso di vista il reale problema che in questi giorni sta tormentando la collettività. Nonostante la neve e il persistente ghiaccio, il primo cittadino cosa fa per evitare brutti incidenti alla popolazione studentesca locale? Spieghiamo meglio la situazione. Lo spiazzo antistante l’attuale edificio scolastico, le scale che conducono allo stesso edificio sono ricoperte da uno spesso strato di ghiaccio, rendendo pericolosissimo ai ragazzi entrare a scuola. Immaginate quali gravi conseguenze si potreb-

6 ANNO II - N° 41 VENERDÌ 20 FEBBRAIO 2009

bero verificare in seguito ad una caduta. Ci si chiede se è mancanza di interesse, o cattiva, se non addirittura assenza di manutenzione e prevenzione in caso di avversità atmosferiche. Ma l’assurdo non finisce qui. Alcuni genitori che hanno cercato di esporre il problema in primis ai vigili urbani, e poi, da questi invitati a contattare il tecnico comunale, Cacchione, si sono sentiti rispondere dallo stesso Cacchione con toni privi di gentilezza e in maniera superficiale, liquidando gli utenti con poche battute sottolineando di non avere tempo per le lamentele. Allora viene spontaneo da affermare: Se il Comune vuole solo plausi non deve attendere le segnalazioni dei cittadini in merito ad evidenti e seri problemi, ma attivarsi per evitare disservizi e perdite di tempo ai propri dipendenti, che non hanno tempo da perdere, vista la mole di lavoro da snellire per un’utenza di duemila anime. Carla Ferrante

sumatori. Il format adottato per l’Ungheria ed Hong Kong è stato già utilizzato in Lettonia dove, grazie ad un’azione analoga, sono presenti da un anno prodotti molisani presso gli ipermercati Sky di Riga. Si tratta di iniziative che portano a risultati con-

creti per le imprese molisane – dichiara l’Assessore regionale alle Attività Produttive, Franco Giorgio Marinelli – considerato che, nei nuovi flussi di interscambio, l’Italia rappresenta nel complesso uno dei maggiori partner commerciali dell’Ungheria e di Hong Kong. Pertanto le istituzioni non possono non contribuire a creare nuove opportunità d’affari in tali Paesi, seguendo e promuovendo la fase di lancio dei prodotti. Il resto lo fa il mercato”. “L’utilità di tali strumenti – sottolinea Paolo di Laura Frattura, Presidente dell’Unioncamere Molise - è confermata dall’alto numero di aziende che vi aderiscono. In un periodo difficile come quello attuale è di fondamentale importanza dare la possibilità alle aziende di ampliare i propri mercati di riferimento. E queste iniziative rappresentano un’ottima occasione per mettere in contatto diretto le nostre produzioni con le catene della GDO che mirano sempre più a prodotti di qualità”.

Frane, monitoraggio della Provincia CAMPOBASSO - Organizzato dalla Provincia di Campobasso, si terrà questa mattina dalle ore 9.30, presso la Sala conferenze della Biblioteca provinciale “Pasquale Albino” di Campobasso il convegno: “sistema integrato per il monitoraggio delle frane”durante il quale saranno presentati i primi risultati del progetto di monitoraggio delle aree in frana del territorio provinciale, frutto della collaborazione tra la Provincia di Campobasso e la Provincia di Benevento attraverso la sua Agenzia di telerilevamento satellitare e monitoraggio ambientale “MARSEC”. Va sottolineato che il sistema realizzato è estremamente innovativo in quanto riesce ad incrociare i dati rilevati a terra grazie ad appositi apparecchi sensori con i dati satellitari ad altissima risoluzione (Eros B) e dati radar (satellite Radarsat – 1). Tra gli altri saranno ampiamente illustrati i risultati del monitoraggio

condotto nei territori di San Giuliano di Puglia e Colletorto da un’apposita sottorete locale. Il convegno sarà aperto dai saluti e dalle comunicazioni del Presidente della Provincia di Campobasso, Nicola D’Ascanio, dall’Assessore ai Lavori Pubblici della Regione Molise, Luigi Velardi, del Presidente della Provincia di Benevento, Aniello Cimitile, e dal Presidente della MARSEC S.p.A., Giovanni De Gennaro.

Decreti ingiuntivi digitali progetto del tribunale di Milano

Nelle grandi città le multe aumentano del 19%

Sul piatto ci sono 16 milioni di euro per attivare in tutti i distretti, entro il 2010, l'invio telematico delle comunicazioni e delle notifiche dagli uffici giudiziari agli avvocati e agli ausiliari del giudice. L'invio di decreti ingiuntivi per via digitale a tutti gli avvocati che hanno attivato un proprio indirizzo di accesso diretto con la cancelleria unica e che a regime, probabilmente già a fine anno, dovrebbe consentire l'invio on line di notifiche esecutive.

Nel 2007, secondo gli ultimi certificati consuntivi resi disponibili nei giorni scorsi dal ministero dell'Interno, i Vigili Urbani hanno staccato verbali per 1,64 miliardi di euro, con un aumento del 13,3% rispetto all'anno prima; guardando solo ai capoluoghi, l'impennata annuale supera il 19%.


Meteo Campobasso Mattino Pomeriggio Sera Notte Isernia

Termoli Mattino

Mattino

Pomeriggio

Pomeriggio

Sera

Sera

Notte

Notte

La Ricetta Polenta “onta” 750 g di farina di granone 2 litri di acqua un dl di olio di oliva extravergine 4 fette di ventresca fresca

4 “peparulesse” sottaceto 2 cipolle peperoncino a piacere abbondante formaggio pecorino grattugiato q. b. di sale

Mettete a bagno le “peparulesse” in acqua fresca, perché perdano l’eccesso di aceto, quindi sgocciolatele e tagliatele a fette. In un tegame di terracotta fate soffriggere nell’olio la cipolla affettata finemente con le “peparulesse” e le fette di ventresca. Portate a cottura, un po’ più del solito, la polenta preparata nel solito modo, secondo le regole indicate nella ricetta base. A questo punto, con la ritualità di una volta, aiutandovi con un cucchiaio intinto nel condimento, disponete la polenta in una “spasa”, alternandola con uno strato di condimento, una pioggia di formaggio pecorino ed un pizzico di peperoncino, se piace. Terminate con il restante condimento, tocchi di ventresca, “peparulesse” ed un’abbondante spolverata di formaggio grattugiato. tratta da Molisenda 2009 a cura di Enzo Nocera e Rita Nocera Mastropaolo

Numeri utili

CAMPOBASSO Farmacia di turno CARUSO Corso V. Emanuele II, 69 Tel. 0874.415360 Ospedale Cardarelli centralino 0874.4091 Municipio 0874.4051 Stazione Ferroviaria Tel. 892021 Taxi 0874.311587-92792 Soccorso Aci 803116

ISERNIA Farmacia di turno FORTINI P.zza G. Carducci, 15 Tel. 0865.414123 Ospedale Veneziale centralino 0865.4421 Municipio Tel. 0865.50601 Stazione Ferroviaria Tel. 0865.414143

TERMOLI Farmacia di turno CAPPELLA - Via Maratona, 1 - Tel. 0875.703233 Ospedale San Timoteo centralino 0875.71591 Municipio 0875.7121 Stazione Ferroviaria Tel. 0875.706432 Capitaneria di porto Tel. 0875.746484

A D N E AG

ORARI

Oroscopo

TRENI

CAMPOBASSO-TERMOLI Partenza Arrivo Feriale 06:02 07:40 06:49 08:35 09:30 11:07 12:20 14:11 14:12 15:56 Festivo 15:44 17:27 Feriale 17:14 19:01 18:23 20:08 20:55 22:45 TERMOLI-CAMPOBASSO Partenza Arrivo Feriale 05:46 07:39 06:49 08:23 12:13 13:56 13:22 15:00 14:40 16:25 16:13 17:59 17:14 18:55 20:40 22:30 CAMPOBASSO-ROMA TERMINI Partenza Arrivo Feriale 05:50 08:53 08:28 11:40 14:15 17:16 Festivo 16:28 19:28 Feriale 16:30 19:25 17:00 (cambio) 21:39 19:43 22:50 ROMA TERMINI-CAMPOBASSO Partenza Arrivo Feriale 06:15 09:18 07:38 (cambio) 11:05 09:15 12:15 09:45 (cambio) 15:22 10:27 (cambio) 15:22 10:45 (cambio) 16:02 14:15 17:30 15:38 (cambio) 20:15 17:15 20:46 19:40 22:40

Ariete 21 mar - 20 apr

CAMPOBASSO-NAPOLI Partenza Arrivo Feriale 05:18 07:48 05:30 (cambio) 07:56 Festivo 05:50 (cambio) 09:26 Feriale 06:24 09:16 07:30 (cambio) 10:17 Festivo 08:28 (cambio) 12:18 Feriale 13:11 16:02 Festivo 14:15 (cambio) 19:01 Feriale 14:50 (cambio) 17:39 Festivo 16:28 (cambio) 19:54 Feriale 17:00 (cambio) 19:36 18:03 21:00 NAPOLI-CAMPOBASSO Partenza Arrivo 05:51 (cambio) 08:35 06:48 (cambio) 09:54 08:24 (cambio) 11:05 08:30 (cambio) 12:15 Feriale 12:14 15:22 12:40 (cambio) 16:02 14:15 17:09 Feriale 15:06 (cambio) 17:30 Festivo 15:27 (cambio) 20:46 Feriale 17:30 20:28 18:25 (cambio) 21:14 Festivo 19:41 22:33 Feriale 19:43 22:20 Feriale Festivo

Toro 21 apr - 20 mag

Gemelli 21 mag - 21 giu

Cancro 22 giu - 22 lug

Leone 23 lug - 23 ago

AUTOBUS MOLISE TRASPORTI Tel. 0874.493080-60276 Fax 0874.628193 TERMOLI-CAMPOBASSO-ROMA-FIRENZE Il prolungamento per Perugia, Siena e Firenze si effettua solo il lunedì, mercoledì e venerdì Termoli: (Terminal) 5,10-12,30-18,00 Campobasso: (Terminal) 5,00-5,45-6,107,30-9,30- 11,30-13,30-16,00-19,00 Bojano: (P.zza Roma) 5,20-6,18-6,307,50-10,00-11,55-13,55-16,30-19,25 Isernia: (P.zza Repubbl.) 5,45-6,50-7,008,20- 10,30-12,20-11,30-14,25-17,00-19,50 Venafro: (S.S. 85) 6,05-7,18-7,25-8,4510,55 12,45-12,00-14,50-17,25-20,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 7,45-7,5511,20-13,20- 12,25-15,15-17,55 Roma: (Staz. Tiburtina) 8,00-9,25-10,3013,00- 14,50-16,45-19,30-22,00 Perugia: (Staz. Fontivegge) 11,25 Siena: (P.zza Rosselli) 12,40 Firenze: (P.zza Adua) 13,45 FIRENZE-ROMA-CAMPOBASSO-TERMOLI Firenze: (P.zza Adua) 14,10 Siena: (P.zza Rosselli) 15,15 Perugia: (Staz. Fontivegge) 16,30 Roma: (Staz. Tiburtina) 7,00-9,30-11,3013,30 15,00-16,30-18,30-20,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 8,30-11,009,30-14,05 15,00-16,30-20,00 Venafro: (S.S.85) 9,00-11,35-9,55-13,1514,30 15,35-17,00-18,15-20,30-22,00 Isernia: (P.zza Repubbl.) 9,25-12,00-10,2513,45 15,00-16,00-17,25-18,45-20,55-22,25 Bojano: (P.zza Roma) 10,00-12,25-14,10 -15,30 16,25-18,00-19,10-21,25-22,45 Campobasso: (Terminal) 10,30-12,50-14,3016,05 16,45-18,30-19,30-21,45-23,15 Termoli: (Terminal) 11,30-17,45-22,45 AUTOLINEE CERELLA Tel. 0874.61171 CAMPOBASSO-NAPOLI: 4,45-5,156,10-6,50-7,55-8,45-12,50-13,3014,00-15,30 NAPOLI-CAMPOBASSO: 5,40-6,006,20-7,30-8,30-12,25-14,20-15,0016,00-18,00

Vergine 24 ago - 22 set

AUTOLINEE SATI Tel. 0874.605220 Fax 0874.605230 CAMPOBASSO-TERMOLI: 4,35-6,30 (anche festivo)-6,45-7,00-7,45 8,00-8,10 (anche festivo)-9,20-10,10 (an- che festivo) -12,00-12,30-12,45 (festivo)-13,3014,00-14,10-15,30 (anche festivo) 16,1017,10 (festivo)-17,45-19,00-20,35 (anche festivo)-20,45 (festivo)-21,15 TERMOLI-CAMPOBASSO 5,55-6,30-6,50-7,00-7,40-8,10 (anche festivo)8,30 (festivo)-9,40 (anche festivo)-11,2012,15-12,40 (festivo) -13,30-13,45 -14,00 (festivo)-14,10-15,15 -15,55-16,20 (festivo)17,15-17,30 (anche festivo) -18,40 -20,0021,35 (festivo)-22,10-22,20 (festivo) CAMPOBASSO-TERMOLI-PESCARA 5.30 6.40 8.00 6.30 7.40 9.00 8.05 9.15 10.35 14.15 15.25 16.45 PESCARA-TERMOLI-CAMPOBASSO 8.40 10.00 11.10 11.10 12.40 13.50 14.35 15.55 17.05 18.30 20.00 21.10 É STATA ISTITUITA L’AUTOLINEA STATALE: VENAFRO / ISERNIA / BOIANO / CAMPOBASSO / TERMOLI / RIMINI / CESENA / IMOLA / BOLOGNA IL SERVIZIO VERRÀ SVOLTO NEI GIORNI FERIALI DI: LUNEDÌ - MERCOLEDÌ - VENERDÌ DA VENAFRO 3.40 Venafro - 4.05 Isernia - 4.35 Bojano 5.00 Campobasso - 6.00 Termoli - 9.00 Area ser. Conero Est e Ovest - 10.20 Rimini 11.05 Cesena - 11.55 Imola - 12.40 Bologna DA BOLOGNA 15.20 Bologna - 16.05 Imola - 16.55 Cesena 17.40 Rimini - 19.20 Area ser. Conero Est e Ovest - 22.00 Termoli - 23.00 Campobasso 23.25 Bojano - 23.55 Isernia - 00.20 Venafro

Bilancia 23 set - 22 ott

Scorpione 23 ott - 22 nov

Sagittario 23 nov - 21 dic

Capricorno 22 dic - 20 gen

Acquario 21 gen - 19 feb

Pesci 20 feb - 20 mar

Ariete - Quando si è affaticati e tesi è facile scattare per un nonnulla: cercate di mantenere la calma e la lucidità di pensiero per evitare di vedere ombre dove non ci sono. Con il passaggio della Luna in Capricorno è alto il rischio di fraintendimenti, soprattutto in famiglia! Toro - Se vi siete rimessi in senso psicologico avete fatto la cosa giusta! Ora pensate a sistemarvi dal punto di vista economico ad esempio trovando un lavoro più redditizio. Non rimproverate al partner una disattenzione di cui non ha colpe; esaminate, invece, la vostra irrequietezza interiore.

Gemelli - Questo venerdì, per quanto vi riguarda,si annuncia effervescente e ricco di novità e colpi di scena, il che è esattamente quello che vi piace. Prenderete parecchie iniziative su molti fronti: le faccende procedono nella direzione desiderata. Cancro - Se volete cambiare qualcosa allora buttatevi adesso, il momento è propizio specie per i Cancro nati alla fine di giugno. Se lavorate in squadra con altri ricordatevi di attenervi alla massima chiarezza, precisione e organizzazione. Se siete innamorati, accontentate la persona amata. Leone - Il settore professionale è in grande movimento, ma avrete la sensazione di rincorrere gli eventi senza riuscire a focalizzare le vostre prospettive. Prendetevi il tempo necessario per ponderare le vostre decisioni: potrebbe essere il momento giusto per una svolta decisiva. Vergine - Questo giorno promette momenti intensi col partner, dopo giorni di fiacca e di insoddisfazione. Non si escludono spostamenti per motivi di lavoro, tanto meno buoni affari da cogliere al volo, nonostante il giorno festivo. Un pizzico di fortuna non guasta mai!

Bilancia - Qualche attenzione in più non guasterà in una giornata contrassegnata dallo stress, da qualche disarmonia familiare e da possibili incomprensioni col partner. Se avvertite stanchezza, rallentate i ritmi; concedetevi una pausa, e se è possibile, qualche giorno di vacanza. Scorpione - Le vostre ambizioni professionali, grazie alla Luna che vi sponsorizza, possono portarvi davvero lontano. In questo giorno, infatti, sono privilegiati gli incontri e le trattative d'affari, foriere, per molti di voi, d'ottimi guadagni. Se siete in coppia, tutto andrà come sperato. Sagittario - Nel lavoro è il momento di raccogliere i frutti del vostro impegno, soprattutto per quanto riguarda gli aspetti finanziari. Troverete le risposte che cercate, le certezze che desiderate; otterrete buoni risultati grazie anche alla comunicativa che saprete suscitare intorno a voi.

Capricorno - Buone stelle vi assicurano energia, idee chiare, spirito critico, intelligenza pronta e, come se non bastasse, praticità e fortuna. Fate abbondante uso di queste caratteristiche che questo giorno vi offre: farete salire alle stelle la vostra immagine sociale e il vostro prestigio! Acquario - Le giuste intuizioni che avrete vi aiuteranno a risolvere delle situazioni stagnanti. Nel lavoro siete perfettamente in grado di vedere molto più in là di tutti gli altri; non abbiate, però, fretta di vedere i risultati, per questi c'è da pazientare ancora un po'.

Pesci - Potrete contare su un clima di relax e di distensione, nonché su rinnovate energie. Potrete così mettere da parte il lavoro e dedicarvi al dolce far niente! Le stelle suggeriscono di moderare le uscite di denaro e di non esagerare a tavola.

7 ANNO II - N° 41 VENERDÌ 20 FEBBRAIO 2009


SPETTACOLI Nulla di ufficiale da Live Nation, l’agenzia che cura il tour del cantautore

Vasco Rossi live, una bufala? Regione, Provincia e Comune non sono gli organizzatori di Charles N. Papa CAMPOBASSO - La notizia rimbalza nella rete come una pallina da ping pong. Vasco Rossi a Campobasso il 13 giugno per la data zero del suo tour 2009. Ripresa da un quotidiano locale, la notizia non trova fondamento in alcuna istituzione regionale e in nessuna probabile agenzia o mangement. Al Comune di Campobasso, all’Assessorato alla Cultura e Sport e all’Ufficio Patrimonio (che concede lo stadio) non ne sanno nulla. L’Assessorato alla Cultura alla Regione Molise non conferma ma anzi, smentisce il tutto. In Provincia l’addetto stampa conferma la non veridicità dell’indiscrezione. Live Nation, l’agenzia che organizza i live del cantatutore non ne sa nulla. Il sito ufficiale di Vasco non da alcuna ndata. Insomma pare proprio che il live di Rossi sia una bufala. Ad avvalorare questa ipotesi, l’agibilità del nuovo Romagnoli per soli 7.000 spettatori. Peccato, perchè per un pò ci avevamo creduto.

Aspettando Ranieri MIRANDA- Ormai quasi introvabili gli ultimi tagliandi per lo spettacolo di Massimo Ranieri al palasport di Miranda il 28 febbraio. “Canto perchè non so nuotare” è uno show che accontenta più generazioni per la bravura di Ranieri di rapportarsi con almeno due generazioni. La sua poliedricità fa si che lo show sia in giro da circa due anni e che non si fermi prima dell’estate prossima a Roma, dopo aver toccato tutta l’Italia, e il Molise l’inverno scorso (teatro Savoia). Un plauso alla Pro loco e al comune di Miranda per aver scelto uno spettacolo di così variegata natura che si adatta alle famiglie.

Carnevale alle Terme SEPINO - Alle Terme di Sepino in località Tre fontane domani sera ci sarà “Carnival party”, evento dance realizzato da alcuni giovani del paese e dalla Pro Loco. Si comincia alle 21:30 ingresso euro 8,00 in prevendita euro 6,00.

De Paula live al Ludwig pub CAMPOBASSO - Prosegue la buona programmazione jazz alla birreria Ludwig del capoluogo. Oggi di scena un figlio d’arte importante, Ronaldinho De Paula figlio del grande Irio, leggenda jazz che da anni vive in Italia. Il Ludwig pub è in vico Percettore.

ISERNIA- Il ristorante discobar La Strada, continua con costanza, ad essere il locale più frequentato ad Isernia nel fine settimana. Da ormai oltre due anni, il venerdì è il giorno scelto dalla movida isernina quale preferito per ballare. Di recente la programmazione affianca ai resident Pietro Rama e Charles Papa, nomi nazionali ed internazionali. Stasera è di scena Debora De Luca (nella foto).

Premio a ‘Cartoline da Roma’ Giulio Base al festival Los Angeles - Italia

Valentina al Mamamè BOJANO - Sarà live al Mamamè di Bojano questa sera Valentina Lupi. Alla ripresa del suo tour (Roma, Circolo degli artisti, 30 gennaio), la data di Bojano si frappona sul tragitto che la porta in giro per l’Italia e, nel mese di marzo, in Francia. Sul palco violino, basso e batteria con la voce di Valentina su tutto, senza fronzoli, essenziale e ruvida.

Dance

Giulio Base è originario, da parte di mamma, di Mirabello Sannitico e non Baranello come erroneamente scritto nella pagina di venerdì scorso, chiediamo scusa all’interessato e ai due paesi

Domani sfilata di carri allegorici CAMPOLIETO - Dopo alcuni anni, torna la sfilata dei carri allegorici a Campolieto. Saranno rappresentati i dodici mesi dell’anno accompagnati da canti in dialetto con costumi tradizionali.Domani a partire dalle 15:30 torna “La mascarata” con le scene de i “Briganti”.

LOS ANGELES - Quarta edizione del festival Los Angeles-Italia, al Teatro Cinese di Hollywood. Quest’anno è dedicato a Federico Fellini e, l’organizzazione di Pascal Vicedomini, vedrà molti attori italiani in lista tra cui Christian e Brando De Sica, Adriano Giannini, Mariasole Tognazzi, Franco Nero, Giulio Base. L’attore molisano sarà premiato per il film “Cartoline da Roma” che vanta un primato nel guiness ufficiale, quale pellicola con la corsa più lunga, infatti 90 minuti di film vedono Base e il suo border collie correre per Roma, giorno e notte.

9 ANNO II - N° 41 VENERDÌ 20 FEBBRAIO 2009


ISERNIA Salone internazionale di Ginevra. Ampliata la gamma entrando anche nel segmento B

Anteprima mondiale per la Dr2 Ha una velocità massima di 156 km/h ed un’accelerazione da 0 a 100 di 12,1 secondi. Poco più lunga della DR1, 3,70 mt contro 3,50 GINEVRA - Anteprima mondiale al 79esimo Salone internazionale dell’automobile di Ginevra. Dopo la presentazione della DR1, a distanza di tre mesi, un’altra anteprima mondiale per la DR. Al salone di

Ginevra 2009 fa il suo debutto la DR2. Poco più lunga della DR1, 3,70 mt contro 3,50, monta lo stesso propulsore, un 1.3 Acteco da 83 Cv disponibile anche nella versione bi-fuel GPL ( da 78 Cv ). Ha una velocità massima di 156 km/h ed un’accelerazione da 0 a 100 di 12,1 secondi. Anche in questo caso la DR ha penato ad un’unica versione full optional di serie. Con la DR2, la DR entra nel segmento B, ampliando ulteriormente la propria gamma. Sarà commercializzata a partire da maggio/giugno 2009, precederà di un mese il lancio commerciale della DR1. Maggiori dettagli saranno forniti nel corso della conferenza stampa che si terrà il 3 marzo2009 alle 17.45 presso lo stand DR (1033) – Salone internazionale dell’Automobile di Ginevra.

Ittierre, Perna e i fallimenti aziendali ISERNIA - Doveva esser il noto settimanale Panorama a descrivere minuziosamente gli ultimi trent’anni di storia dei fratelli Perna e La Gazzetta del Molise a prendere spunto per pubblicarla, senza più veli e protezionismi di sorta che hanno congelato la stampa, anche quando le cose non andavano già bene per la Ittierre di Pettoranello. E’ vero che gli organi di informazione bisogna tenerli buoni e Tonino Perna non ha esitato nel corso degli anni ad elargire contratti a tutte le testate giornalistiche pur di non lasciar trapelare nulla di negativo. Anche quando già nell’aria vi era una crisi galoppante per la holding del tessile, i comunicati stampa diffusi dall’azienda erano sempre straordinariamente ottimistici. Sulla stessa riga i sindacati che di fatto non sono mai entrati nel palazzo di vetro del Presidente Perna, la stragrande maggioranza dei dipendenti temeva di fare un torto al grande big della moda internazionale e mai e poi mai si sarebbero sentiti di far entrare qualcuno a difendere i propri diritti di lavoratori. Ebbene oggi il castello è crollato. Le responsabilità non sono di Tonino Perna, ma di tutte le istituzioni che nel corso degli ultimi trent’anni hanno permesso ben tre mega fallimenti nel

10 ANNO II - N° 41 VENERDÌ 20 FEBBRAIO 2009

Sorbo: sul ricorso al Tar abbiamo gli avvocati VENAFRO - “Nella mattinata di oggi ho provveduto a comunicare al sindaco Cotugno di aver ricevuto la disponibilità degli avvocati Iacovino e Di Pardo a patrocinare il ricorso al Tar contro gli atti dell’Asrem e della Giunta regionale che prevedono il ridimensionamento dell’ospedale Ss Rosario”. Così Antonio Sorbo capogruppo di Città Nuova.

Molise. Ancora c’è chi si lecca le ferite del fallimento Pop 84 con case e locali pignorati dagli esattori, i fasonisti dell’epoca che hanno perso tutto immolati alla causa dei Perna. Le istituzioni, insieme alle banche sempre solerti a rifinanziare i progetti megalomani e ad orologeria dei due fratelli pettoranellesi, mentre le piccole e medie imprese affogavano. Provate dopo un fallimento ad aprire un conto in banca, nemmeno se garantite con la vita dei vostri figli avrete accesso ad un fido, invece ai mega imprenditori tutto è stato concesso. Cosa ha prodotto nella nostra regione tutto ciò? Un indebolimento dell’economia sostanziale e drammatico; una filiera del tessile basata solo su un unico fornitore che fallendo ha provocato il collasso dell’intera filiera com’è successo per ben due volte più questa in corso, con i Perna sempre alla guida di grandi imprese. Pop 84, GTR ed infine Ittierre. Oggi quello che era silente, ma nelle preoccupazioni di tutti i molisani si manifesta con la forza del tradimento istituzionale dei nostri politici e delle organizzazioni finanziare collaterali stimolate dalle istituzioni sempre pronte ad elargire, sempre in un’unica direzione, quella della grande impresa che può

garantire centinaia di posti di lavoro; quella di un unico interlocutore che può in tempi di elezioni, produrre centinaia di voti elargiti, non con il ricatto ma, con una semplice indicazione sul politico che è vicino all’azienda ed è pronto ad aiutarla in tempi di bisogno. E’ così che la fuoriuscita dall’ “Obiettivo Uno” per il Molise cade sulla responsabilità della holding Perna che a suo tempo per la quotazione in borsa, con un fatturato straordinariamente elevato, fece scivolare i parametri territoriali del Molise, dettati dalla comunità europea in fasing –out e oggi alla completa inesistenza di fondi europei per le nuove imprese. Praticamente siamo ricchi e non lo sapevamo. Sicuramente poteva andare diversamente con un minimo di oculatezza e la verità è che siamo poveri, ed ancora di più lo saremo nei prossimi anni. Il tentativo di frenare la debacle totale dell’azienda di Pettoranello, ci appare come un “deja vù” vissuto qualche anno fa targato Pop 84. E la cosa ancora più strana che oggi come allora tutti sono pronti ad aprire il portafogli e ad elargire pur di salvare il salvabile. Possibile che l’esperienza non insegni nulla ai nostri politici? Kefa

Filignano festeggia il suo“emigrante” FILIGNANO - Tutta la popolazione di Filignano può essere orgogliosa dei propri cittadini che si trovano all’estero per svariati motivi. Questa volta è toccato a Jean Pierre Cascarino portare alto il nome del piccolo paese mainardico, grazie ad un successo ottenuto nel campo educazionale e della cultura.


ISERNIA Il sindaco di Venafro, Nicandro Cotugno, interviene sulla costruzione della centrale

“No alla turbogas di Presenzano” Stiamo parlando di una struttura che rappresenta l’ennesima minaccia per il nostro territorio VENAFRO - Il sindaco Nicandro Cotugno è assolutamente contrario alla costruzione della centrale termoelettrica di Presenzano. «Questa amministrazione –rimarca il primo cittadino- è assolutamente contraria alla realizzazione della centrale Turbogas di Presenzano. Stiamo parlando di una struttura che rappresenta l’ennesima minaccia per il nostro territorio, sia in termini di salvaguardia della salute pubblica sia per quanto concerne la tutela di una intera area. Essendo Presenzano a soli pochi chilometri dalla nostra Città, è evidente che il problema, l’allarme in-

quinamento ci tocca da vicino. Tutta l’area ha una forte vocazione agricola che va difesa nella sua integrità ad anzi potenziata per rafforzare quella eccellenza produttiva che le viene riconosciuta. Sul nostro territorio insistono già condizioni di inquinamento causate proprio da una concentrazione di fattori che, nel loro insieme, hanno determinato negli anni un crescente allarme ambientale e sociale. Tutta l’area rappresenta anche un vanto naturalistico, che sarebbe certamente penalizzato dalla costruzione di un altro colosso come una nuova centrale turbogas. Come in passato ci siamo battuti per evitare che il nostro territorio fosse deturpato e minacciato, anche oggi, proseguiamo questa battaglia, anche al fianco delle altre istituzioni e di quelle forze sociali che stanno lottando per scongiurare questa minaccia. In tal senso, - fa sapere Cotugno- stiamo predisponendo una delibera di giunta ad hoc per motivare il nostro diniego alla realizzazione di questo nuovo impianto nel nostro territorio. Questa amministrazione provvederà ad informare dell’iniziativa le istituzioni competenti».

Crisi It Holding, sindacati in riunione ISERNIA – Nei giorni scorsi si è svolta a Bologna la riunione del Coordinamento sindacale delle aziende che fanno capo alla It Holding- ittierre. Erano presenti le strutture sindacali e le rappresentanze dei lavoratori degli stabilimenti di Isernia. La riunione ha avuto l’obiettivo di ricostruire una visione unitaria della struttura organizzativa e produttiva del Gruppo, dell’incidenza delle produzioni proprie e di quelle in licenza, dei ruoli, funzioni e dimensioni occupazionali dei singoli stabilimenti e infine della dimensione del conto terzismo che lavora per il Gruppo. Si è inoltre analizzata la situazione finanziaria del Gruppo, i suoi problemi, lo scenario che si apre con il ricorso alla Legge Marzano e le urgenze da affrontare per evitare che la pesantissima situazione in essere trascini il Gruppo verso una soluzione catastrofica. Il Coordinamento ha sottolineato come il ricorso alla Legge Marzano possa essere il primo passo per risa-

nare il Gruppo e salvaguardare il patrimonio produttivo e occupazionale. Esprime grandissima preoccupazione per l’incertezza rispetto allo sblocco della situazione in merito al completamento delle collezioni, allo svolgimento delle sfilate, alla consegna dei campionari, al ripristino delle consegne ai negozi, alla normalizzazione del rapporto con i licenziatari. Fondamentale risulta essere lo sblocco del credito per garantire la funzionalità dell’impresa ed evitare il depauperamento delle sue capacità già messe alla prova

Castel SanVincenzo, inaugurato centro giovani CASTEL SAN VINCENZO - La collaborazione avviata nei mesi scorsi sta ottenendo i suoi frutti. Infatti, a Castel San Vincenzo nel pomeriggio di giovedì verrà inaugurato il nuovo centro di aggregazione giovanile “Il Colle”, voluto dall’ attuale amministrazione comunale guidata dal sindaco Domenico Di Cicco.

dalla grave crisi globale in cui si dibatte tutta l’economia. Per tutti questi motivi il Coordinamento ha chiesto di avere in tempi rapidi un incontro con i Commissari nominati dal Governo secondo le normative della Legge Marzano per avere chiarezza sulla situazione e indicazioni sulle iniziative che si intendono attivare. Intende inoltre sollecitare il Ministero dello Sviluppo Economico a sostenere tutte le iniziative per trovare soluzione ai problemi, a partire da quello del rapporto con le banche, che permettano all’azienda di far fronte alla situazione di emergenza. Il Coordinamento sindacale sollecita tutte le forze politiche e istituzionali ad una azione organica e coordinata per sostenere lo sforzo di salvataggio e risanamento del Gruppo. Il Coordinamento infine invita tutti i lavoratori al massimo di unità per sostenere le iniziative che sarà necessario intraprendere per governare la situazione e salvaguardare l’occupazione.

Igea medica, i dipendenti di nuovo sul piede di guerra ISERNIA - Se per la sanità pubblica i problemi sono evidenti, per alcune strutture sanitarie private lo sono ancora di più. Quando si giunge a sette mesi senza stipendio, si cerca di fare del tutto per farsi sentire. I dipendenti dell’Igea medica di Isernia sono di nuovo sul piede di guerra e sempre per il solito motivo: il denaro non arriva dalla Asrem e gli stipendi non si pagano. E’ di ieri la lettera di protesta delle maestranze Igea indirizzata al Procuratore della Repubblica, Antonio La Venuta, all’assessore alla sanità della Regione Molise, e al Prefetto Raffaele D’Agostino. Esortano a prendere in considerazione le loro difficoltà retributive e a produrre efficaci soluzioni alle loro giuste richieste. Da maggio 2008 sono senza stipendio, nonostante il ricorso a decreti ingiuntivi, a pignoramenti all’Asrem competente, hanno ottenuto l’ingiunzione di pagamento dal tribunale di Isernia nei confronti dell’azienda sanitaria regionale che avrebbe dovuto corrispondere il dovuto entro il 12 febbraio c.m.. Non è stato così, non si è visto il becco di un quattrino. Non è servita nemmeno l’intimazione al pagamento immediato delle spettanze, l’Asrem pare infischiarsene di questa situazione, come se l’Igea fosse un fornitore di beni di cui poter fare a meno. Mentre i dipendenti della struttura di contrada Acqua Solfurea languono, ottemperando a tutti gli impegni assunti con l’azienda sanitaria privata, a questo punto non si sa fino a quando…

Per olio obbligatoria l'origine in etichetta ISERNIA - Dal prossimo primo lugliosarà obbligatorio indicare in etichetta l’origine degli oli vergini ed extravergini d’oliva. “Le decisioni adottate – ha affermato Patriciello - rappresentano una svolta per la Ue e nel contempo un atto di rispetto e garanzia verso il consumatore finale spesso ingannato da prodotti spacciati come Made in Italy ”.

11 ANNO II - N° 41 VENERDÌ 20 FEBBRAIO 2009


TERMOLI La coltre bianca è iniziata a cadere intorno alle sette di mattina coprendo le strade

Termoli e il basso Molise nella morsa della neve Il Sindaco della città adriatica ha ordinato la chiusura delle scuole cittadine alle 12,42, a pochi minuti dal suono delle campanelle per il temine delle lezioni TERMOLI – Ieri mattina Termoli e il basso Molise sono stati interessati dalla neve che é durata fino intorno alle 13, creando non pochi problemi alla viabilità veicolare e pedonale. La coltre bianca é iniziata a cadere intorno alle 7 coprendo le strade che già intorno alle 9 erano percorribili con molta cautela. Pochi gli studenti pendolari che sono giunti a Termoli per prendere parte alle lezioni e quelli residenti, non

molti, che si sono recati nei rispettivi Istituri, ad una certa ora sono stati recuperati dai rispettivi genitori. Forse, visto anche l'allerta diramato dalla Prefettura di Campobasso, il Sindaco avrebbe fatto meglio ad ordinare la chiusura delle scuole già nel pomeriggio di mercoledì. Invece no. Vincenzo Greco, dopo molte polemiche da parte di genitori, ha atteso le 12,42 di ieri, a pochi minuti dal suono della campanella per il termine delle lezioni,

per diramare l'ordinanza di chiusura ma solo per la giornata di ieri. Cioè il primo cittadino ha chiuso le scuole a pochi minuti dalla loro chiusura naturale mentre per oggi tutto dovrebbe tornare alla normalità normale. A Termoli accade anche questo ma non c'è da meravigliarsi. Tornando alle avverse condizioni del tempo l'Amministrazione comunale ha atteso le 10,30 per fare entrare in azione 7 spazzaneve e 2 spargisale mentre alcuni operai comunali hanno provveduto a spalare la neve davanti agli istituti scolastici. Anche nell'hinterland non sono mancati problemi e molti pullman di linea dal Terminal bus termolese non sono partiti ne arrivati. Problemi anche per il collegamento via mare con le Isole Tremiti e la marineria. Il mare forza 5 – 6 non ha permesso che la Motonave Isola di Capraia salpasse le ancore per raggiungere le Diomedee, mentre i pescherecci sono rientrati in porto con 24 ore di anticipo. Problemi di viabilità anche lungo la Statale 16, Bifernina e Trignina con rallentamenti, così come lungo la dorsale adriatica dell'Autostrada tra Pescara nord e Poggio Imperiale. Comunque per oggi alcune scuole nei comuni dell'hinterland resteranno ancora chiuse e le condizioni meteo dovrebbero tendere al miglioramento e la situazione tendere alla normalità.

A tutti piace parlare di turismo ma ai fatti…il nulla Il Consorzio Turistico Molisano “Acque Chiare” rappresentato da Giancarlo Perrella e la Federalberghi presieduta da Anna Vaccaro chiedono spiegazioni alla Provincia di Campobasso in relazione alla partecipazione alla Bit (Borsa Internazionale del Turismo) di Milano in programma fino al 22 febbraio. Inoltre, domandano al Presidente della Provincia Nicola D’Ascanio quali siano l’offerta turistica e le proposte di cui si parla nell’articolo di giornale dal momento che i consorzi turistici, gli albergatori ed operatori turistici locali non sono stati contattati e quindi risultano assenti alla rassegna fieristica di Milano. Al fine di valorizzare la nostra storia, la cultura, il paesaggio e l’ambiente è sufficiente qualche degustazione di prodotti tipici o una semplice presenza istituzionale da parte di qualche membro della Giunta Provinciale? Non crediamo che sia corretto parlare di promozione turistica dal momento che, in questa occasione il soggetto promotore dell’iniziativa è il Coordinamento Meridionale Agricoltura, formato dall’unione degli assessorati delle Province meridionali d’Italia in procinto d’incontrare il Ministro delle politiche agricole Luca Zaia. A nostro avviso servono scelte

12 ANNO II - N° 41 VENERDÌ 20 FEBBRAIO 2009

Il Nucleo industriale e i mucchi di rifiuti TERMOLI - Discariche a cielo aperto sono nate in questo ultimo periodo su tutto il territorio della periferia termolese. Situazione nata ormai da tempo, mucchi di rifiuti escono come funghi in luoghi più o meno nascosti. Le campagne dell' hinterland termolese, sono divenute luogo privilegiato di raccolta per depositi di scarti e pattume di vario genere. Situazione a cui non si è trovato ancora una soluzione adeguata e risolutiva nonostante tanto si è detto a voler sensibilizzare da una parte chi dimostra poco rispetto per l' ambiente e dall' altra a voler informare e spronare gli organi preposti ad avviare un vero e proprio lavoro di bonifica. Situazione ad oggi immutata nonostante le continue sollecitazioni mediatiche a riprova che non sempre ciò che viene denunciato raccoglie i risultati attesi e dovuti. Ha dell'inverosimile, per quantità e qualità dei rifiuti che accoglie, l'ennesima discarica rilevata nei giorni scorsi alla periferie della città adriatica ed esattamente lungo una delle strade che si interna nel cuore del Nucleo Industriale. Parliamo della strada che corteggia le spalle dello Zuccherificio. Si presenta ai bordi della detta strada un enorme quantità di scarti lavorati, che per la loro fattezza sembrerebbero provenire da una qualche officina industriale o simile in quanto sono rifiuti tipici di ditte che si occupano o utilizzano prodotti impiegati nel settore meccanico. Scarti provenienti quindi da ditte che, per quanto riguarda gli scarti prodotti, devono seguire un protocollo preciso sempre a salvaguardia dell' ambiente. Un cumulo di scarti sminuzzati e quindi preparati per la fase finale dello smaltimento: grossi filtri di motori di autocarri e macchine, pneumatici vari per forme e dimensioni, nonché lattine di oli lubrificanti. Opera dei soliti ignoti, che questa volta si sono proprio organizzati. Per come si presenta il mucchio variegato, si tratta senza dubbio di almeno due scarichi effettuati da autoarticolati, per una quantità pari a 200 ql circa di materiale. Due scarichi che hanno invaso parte della corsia di marcia, tanto che sono stari coperti da rete plastificata color arancio e recintati da paletti di ferro, sui quali legati nastri bianchi e rossi. Accorgimenti questi usati da chi si occupa di evidenziare i "lavori in corso" lungo le strade per renderne sicura la percorrenza. Un lavoro curato, che non rende di certo il gesto più apprezzabile. Ida Petrone

Oggi tavola rotonda su salute e sicurezza nei posti di lavoro partecipate con gli operatori turistici molisani ed un confronto soprattutto tra Enti istituzionali (Assessorato regionale, assessorati provinciali e comunali) per poter ottimizzare le poche risorse economiche riservate al settore turistico molisano ed approfittare tutti insieme delle differenti iniziative utili alla promozione territoriale. Considerando che il Consorzio Turistico Molisano“Acque Chiare” e la Federalberghi rappresentano organismi che insieme raccolgono da anni la totalità degli albergatori

Larino, rinviato il carnevale LARINO - Le proibitive condizioni atmosferiche impongono il rinvio del Carnevale Larinese. La sfilata dei carri allegorici si terrà Sabato 28 e Domenica 29 prossimi. Rimangono immutati orari e modalità. L’assessore alla Cultura Massimo Starita ringrazia per la collaborazione i protagonisti della manifestazione.

della costa molisana e che al suo interno è possibile reperire risorse umane di elevata competenze nel Settore Turistico e dell’accoglienza richiediamo un riscontro sui risultati raggiunti in seguito alla partecipazione alla rassegna fieristica milanese; inoltre, siamo curiosi e desiderosi di essere messi a conoscenza delle eventuali e future attività di promozione e comunicazione che l’Assessorato Provinciale al Turismo di Campobasso intende intraprendere per l’anno 2009.

TERMOLI – Oggi alle 15, nell'Istituto Tecnico Industriale organizzato dall'Associazione il Mosaico, si terrà una tavola rotonda sul tema della salute e sicurezza nei posti di lavoro. Alle varie domande a tema risponderanno l'ingegner Leonardo Candeloro della Fiat, Enrico Miele, presidente de “Il Melograno”, il consulente sicurezza Pasquale Chiarizia, Vincenzo De Lisio, direttore generale Ispesl Molise, Giuseppe Sciarretta, coordinatore regionale Aias, Cesare Montazzoli, for-

matore Aifos. Oltre alla tavola rotonda, l'incontro servirà a presentare il corso in salute e sicurezza sul lavoro che l'Associazione “Il Mosaico” ha organizzato per una trentina tra studenti e personale tecnico, dell’Istituto Tecnico Industriale termolese. Il corso, finanziato completamente dal Mosaico, ha il patrocinio dell'Amministrazione comunale, Giovani Imprenditori del Molise di Assindustria, Ispesl Molise, Aias, Aifos e Associazione Cultura Etica.

Emergenza neve, chiuse le scuole TERMOLI – Il sindaco Greco “considerata la abbondante nevicata che ha colpito il territorio comunale nei giorni dal 18 al 19 febbraio scorsi e che ha creato gravi disagi alla circolazione stradale”, ha disposto per ieri la chiusura di tutte le scuole del Comune Termoli”.


TERMOLI Il ministero dell'Ambiente ha dato il via libera alla società Trevi mentre

A Manfredonia il primo parco eolico off–shore Secondo il progetto l'impianto sarà costituito da 170 pale e probabilmente sarà il primo in assoluto in Italia MANFREDONIA – Mentre a Termoli, Campomarino e Montenero di Bisaccia, si é detto no alla presunta realizzazione di un impianto, giusto o meno che sia, un parco eolico off – schore sorgerà nella vicina Puglia, a Manfredonia. Il progetto era stato presentato circa un anno fa dalla società Trevi ed ha ottenuto il si del mini-

stero dell'Ambiente. Secondo il progetto l'impianto sarà costituito da 170 pale e probabilmente sarà il primo in assoluto in Italia. La

notizia é stata diramata dall'assessore regionale all'Ambiente della Puglia, Michele Losappio, che comunque ha precisato che

“Non siamo stati informati, nè credo sia stato messo a conoscenza di questo provvedimento l’amministrazione comunale di

Manfredonia”. Sull'impianto si sa ancora poco se non che “sorgerà molto più vicino alla costa rispetto al progetto presentato qualche anno fa dalla Gamesa, e le pale saranno «piantate sul fondo del mare, non su isole galleggianti come prevedono i progetti più evoluti”. Comunque ci sono delle perplessità sulle procedure perché “la norma non è stata ancora ben chiarita - ha detto Losappio – e si ritiene che le Valutazioni di impatto ambientale (Via) debbano essere rilasciate dai governi regionali”. Ma non é tutto perchè oltre all'off – shore, a qualche chilometro più a sud, Trinitapoli, potrebbe sorgere un rigassificatore. Un impianto proposto dalla società Sirgenia e che ha buone possibilità di andare a buon fine dopo che il Comitato regionale Via ha bocciato in modo definitivo i progetti per i rigassificatori di Taranto e Brindisi.

Fiat, le vendite restano stabili in Europa Il disegno di legge Berlusconi a tutela dei minori Nonostante la crisi mantiene la quota dell'8,8% contro l'8,9% dello stesso mese di un anno fa TERMOLI – Nello stabilimento Fiat di Termoli é stata annunciata una nuova Cassa integrazione guadagni per il mese di marzo. Motivo della nuova Cig la contrazione dei volumi di vendita a tutti i livelli in Europa ma, a guardare bene i dati, per la casa automobilistica torinese non andrebbe così male. La Fiat Group Automobiles nonostante il calo delle vendite in Europa, che sono scese del 26%, mantiene stabile la quota di 8,8% in riferimento allo stesso mese di un anno fa (8,9) e si piazza al quarto posto nella graduatoria generale. Tra le autovetture più vendute Fiat Panda e 500 con che insieme hanno il 32,2% del mercato. Positivo l'inizio di anno per Alfa Romeo con una quota dello 0,9% e un calo vendite del 2,5%, mentre si mantiene stabile la Lancia con lo 0,9% di quota anche se le vendite sono calate del 28%. dando uno sguardo fuori dall'Italia,

Fiat in Francia continua a galoppare con una crescita dei volumi del 10,6%. Dunque, anche se c'é crisi, il gruppo tiene abbastanza bene. Intanto il cda ha approvato all'unanimità il Bilancio 2008 riscontrando un utile netto di 1,2 miliardi circa. Una prossima assemblea é stata fissata per il prossimo 27 marzo.

Fatti di cronaca che hanno per protagonisti minori vittime di violenze ed abusi sessuali sono sempre più frequenti anche in Italia. Basti guardare solo gli avvenimenti dei giorni scorsi denunciati a Roma, Bologna, Milano. Una violenza inaudita, ad opera, in questi casi, di extra comunitari senza scrupoli a danni dei nostri giovanissimi adolescenti. Fatti di cronaca che si intrecciano con episodi di violenza troppe volte incestuose e non sempre denunciate. Casi di pedofilia in cui giovani vittime indifese sono alla mercé di spregevoli orchi il più delle volte si nascondono tra parenti, amici, conoscenti, educatori ed insegnanti, chi insomma, conscio della posizione di autorevolezza ed autorità che detiene rende il minore succube di violenze fisiche e consequenzialmente psicologiche. in difesa dei minori arriva un disegno di legge del Governo Berlusconi, presentato con il Ministro delle pari opportunità Mara Carfagna, in conferenza stampa a Palazzo Chigi. E' un importante passo avanti a tutela delle giovanissime vittime di un' infanzia violata, purtroppo realtà anche nella nostra regione. L'ultimo caso in Molise è quello registrato la scorsa settimana

quando, un uomo della provincia di Campobasso, è stato tratto in arresto. Per anni ha abusato della figlia con problemi psicolabili. Le novità introdotte con il disegno di legge riguarderanno il raddoppio del termine di prescrizione per il reato di violenza sessuale commessa su minore di anni 14; la previsione di reato di associazione (atr. 461) diretta a commettere reati sessuali contemplati dalla Convenzione; l' integrazione del reato di atti sessuali con minorenne con la punizione dei soggetti che abusino della loro posizione di auto-

Ancora Cassa integrazione alla Fiat di Termoli

Alle Tremiti istituita in via permanente la zona di tutela biologica

TERMOLI – La direzione aziendale della Fiat ha comunicato un nuovo ricorso alla Cassa integrazione guadagni. Il nuovo provvedimento avrà durata di due settimane, dal 16 al 29 marzo, e interesserà tutti i lavoratori dell’Unità Cambi e Motore 16V. In merito, e per non penalizzare economicamente solo una cerchia di lavoratori, il sindacato Fiom – Cgil ha chiesto che sia applicata la rotazione della Cig.

ISOLE TREMITI – Il Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, Luca Zaia, ha firmato il Decreto che istituisce in via permanente la zona di tutela biologica denominata «Area Tremiti» istituita, in via sperimentale, con decreto ministeriale il 18 febbraio 2004. Zaia ha firmato il documento dopo il parere espresso dalla Commissione consultiva centrale per la pesca e l'acquacoltura.

rità o influenza sul minore anche quando questi siano ultrasedicenni; l'integrazione del reato di prostituzione minorile mediante l'indicazione della fattispecie del reclutamento; l'adeguamento dell'articolo 600 ter comma 1 - che prevede il reato di induzione di minorenni a partecipare a esibizioni pornografiche - alla Convenzione mediante la previsione della condotta consistente nel costringere il minore a prendere parte a spettacoli pornografici e trarne profitto o altrimenti sfruttare un minore per tali scopi; l'introduzione del reato di adescamento dei minori a scopi sessuali, anche tramite Internet, punito con la reclusione da uno a tre anni; la confisca dei patrimoni delle associazioni criminali che si dedicano ai reati in esame; la subordinazione della concezione dei benefici penitenziari, quando possibili, alla positiva partecipazione ad un programma di riabilitazione. Un disegno di legge, quindi, atto a tutelare il minore che troppe volte è vittima di un carnefice, e di una colpevole omertà che rende complici di simili bestialità e che non permette a nessuna autorità di intervenire o a qualsivoglia legge di seguire il suo corso. Ida Petrone

13 ANNO II - N° 41 VENERDÌ 20 FEBBRAIO 2009


SPORT CALCIO SERIE D

La società ha omesso di depositare entro i termini previsti la fideiussione prevista

Inibizione per Capone e multa al Campobasso I fatti risalgono alla scorsa stagione sportiva. Il patron dei Lupi aveva presentato un assegno circolare al posto della fideiussione CAMPOBASSO- Con provvedimento del 18 dicembre 2008, il Vice Procuratore Federale ha deferito alla Commissione Disciplinare Nazionale, in ordine alle violazioni rispettivamente ascritte, così come individuate nell'atto di deferimento, il Sig. Ferruccio Capone, Presidente della Pol. Nuovo Campobasso Calcio Srl, nonché la medesima Pol. Nuovo Campobasso Calcio Srl. In particolare, emerge dall'atto di deferimento che la predetta società ha omesso di depositare, entro il termine perentoriamente previsto (12.7.2007) per la presentazione delle domande di iscrizione al Campionato Nazionale di Serie D, s.s. 2007/08, la regolare fideiussione bancaria, per l'importo di € 31.000,00, necessaria ai fini del perfezionamento dell'iter amministrativo, come stabilito dal C.U. Comitato Interregionale FIGC-LND n. 198 del 5.6.2008. Inoltre, emerge che la medesima Pol. Nuovo Campobasso Calcio Srl non ha provveduto allo specifico adempimento nemmeno entro la successiva data del 31.1.2008, come espressamente richiesto e sollecitato dal Comitato Interregionale con propria lettera del 24.1.2008. Nei termini assegnati, il Sig. Capone, in proprio, nonché la società sportiva deferita, in persona del suo Presidente, legale rappresentante pro tempore, hanno fatto pervenire una memoria difensiva. Alla riunione odierna è comparso il rappresentante della Procura Federale, il quale ha insistito dichiararsi la responsabilità dei deferiti e l'irrogazione delle seguenti sanzioni: trenta giorni di inibizione a carico del Sig. Ferruccio Capone; ammenda di € 2.000,00 a carico della Soc. Pol. Nuovo Campobasso Calcio Srl. E’ altresì presente il difensore dei deferiti che si riporta integralmente alle memorie difensive in atti. La Commissione Di-

14 ANNO II - N° 41 VENERDÌ 20 FEBBRAIO 2009

sciplinare Nazionale, esaminati gli atti, osserva che il deferimento è fondato e, pertanto, deve essere accolto. Infatti, la norma che si assume violata stabilisce chiaramente che “le domande di iscrizione dovranno essere depositate, presso al sede del Comitato Interregionale, entro il termine perentorio di giovedì 12 luglio 2007, ore 12. Tali domande, per tutte le società aventi diritto, dovranno essere corredate dalla seguente documentazione: ... omissis... d) fidejussione esclusivamente bancaria di € 31.000,00, secondo il modello predisposto dal Comitato Interregionale e trasmesso alle stesse società”. Nel caso di specie è pacifico che la società sportiva deferita non ha agito in conformità della previsione contenuta nella richiamata disposizione normativa, non solo in considerazione dell'omesso deposito della garanzia fideiussoria entro il termine perentoriamente assegnato, ma anche tenuto conto che, a distanza di oltre 6 mesi, nonostante fosse stato previsto un ulteriore termine perentorio di adempimento (31/01/2008), la Pol. Nuovo Campobasso Calcio Srl non ha oltremodo provveduto al riguardo. Né a manlevare i soggetti deferiti in ordine agli addebiti rispettivamente ascritti, risultano idonee le argomentazioni contenute nelle controdeduzioni prodotte in giudizio, essenzialmente volte a sostenere il regolare adempimento sulla base di un'asserita equipollenza tra il pagamento dell'importo di € 31.000,00, effettuato a mezzo di assegno circolare, e deposito di fideiussione bancaria per il medesimo importo. Rilievo dirimente a giudizio della Commissione assume l’evidente inettitudine strutturale del predetto pagamento ad accreditare effetti conformi alle condizioni prescritte dalla disciplina di settore e, dunque, opponibili come rituale adempimento degli obblighi imposti dalla normativa federale. Ciò che la normativa in questione richiedeva non era tanto l'adempimento tout court (pagamento a mezzo assegno circolare), ma la garanzia dell'adempimento, al fine di favorire la regolarizzazione della posizione amministrativa del sodalizio deferito. Si fa rilevare, infatti, come l’assegno circolare non potrebbe assolutamente essere equiparato alla garanzia fideiussoria. Essa presuppone, di per sé, l’esistenza di un preliminare giudizio di affidabilità da parte dell’Istituto bancario, giudizio di affidabilità che va oltre la mera salva-

Coppa Italia dilettanti, la finalissima a Venafro Il Comitato Regionale Molise della FIGC-LND, valutate le condizioni dei campi di Montenero di Bisaccia e Guglionesi, ha disposto che la Finale Regionale della Coppa Italia Dilettanti, tra le società a.s. Frentana Larino e u.s. Termoli, verrà disputata sabato 21 febbraio 2009, alle ore 15,00, presso lo stadio “Marchese del Prete” di Venafro.

guardia da danni per inadempimento e rappresenta una garanzia a priori per un ordinato e corretto svolgimento del Campionato di riferimento. L’assegno (in generale), viceversa, altro non è che un titolo di credito e, come nel caso dell’assegno circolare, può costituire un mezzo di pagamento, ma non può assumere funzione di garanzia, vietata dagli artt. 1 e 2 del R.D. n. 1735/1933. Per affermare la diversa natura e disciplina giuridica tra i due istituti, sia sufficiente osservare come gli assegni circolari offerti in garanzia possono essere oggetto di sequestro o pignoramento da parte di terzi, mentre, al contrario, tale evenienza non è riscontrabile relativamente alle fidejussioni bancarie. Parimenti diversi, in via ulteriore, sono gli effetti in tema di revocatoria fallimentare, laddove il pagamento effettuato con denaro proprio dal terzo fideiussore, in adempimento della propria obbligazione nascente dal rapporto di garanzia instaurato direttamente con il creditore, non è revocabile, mentre diversa sarebbe la sorte degli assegni e delle somme depositate eventualmente in garanzia, in caso di fallimento del debitore garantito. La garanzia prescritta, dunque, non poteva essere che quella tassativamente richiesta, non potendosi ammettere mezzi equipollenti Ove, infatti, le Isti-

tuzioni federali preposte, in altri casi, abbiano inteso autorizzare il ricorso a strumenti di garanzia diversi dalla fidejussione bancaria, lo hanno espressamente previsto. Si fa osservare, inoltre, per mera completezza espositiva, come, “in termini giuridici, l'iscrizione al campionato sportivo è un'ammissione in senso tecnico al cui procedimento devono, perciò, applicarsi, i principi generali in materia di ammissioni, per cui: a) ogni soggetto deve rispettare, strettamente, le norme che disciplinano il procedimento, ovvero impugnarle; sotto il profilo procedimentale, una volta che la disciplina dell'iscrizione abbia preveduto il rilascio (rectius, il deposito)

di una fidejussione bancaria (a garanzia e secondo il modello predisposto dal Comitato Interregionale, nel caso di specie), per poter considerare valido l'adempimento deve essere prestata la garanzia richiesta e non altro; pertanto, del tutto correttamente è stata giudicata non valida la prestazione, in luogo della prescritta fidejussione, di un pagamento effettuato con bonifico bancario ...omissis...” (C.d.S., sez. VI, sent. n. 6083 del 12.10.2006). In realtà, nonostante gli asseriti impegni professionali, il Sig. Capone, a far data dal 12.7.2007, e sino a tutto il 31.1.2008, ben avrebbe potuto provvedere, secondo le modalità prescritte, nell'interesse del sodalizio rappresentato; e ciò, anche in ragione del fatto che la disposizione normativa violata, al pari di altre del medesimo genere, é finalizzata alla tutela e al perseguimento di interessi collettivi presenti nel mondo sportivo, ovvero all'ordinato svolgimento delle attività sportive o la solidità economico-finanziaria dei club, necessaria per un regolare svolgimento delle competizioni. P.Q.M. La Commissione Disciplinare Nazionale, in accoglimento del deferimento, infligge la sanzione della inibizione per giorni 10 (dieci) al Sig. Ferruccio Capone e l’ammenda di € 500,00 (cinquecento/00) alla Soc. Pol. Nuovo Campobasso Calcio Srl.

Pericolo scampato per l’Angolana CAMPOBASSO- Pericolo scampato: nessuna penalizzazione per l'Angolana che adesso può concentrarsi solo sul campionato. Quattro erano i punti da recuperare sulla capolista Fano e quattro restano, squalifica evitata pure per Sergio Di Corcia, l'ex calciatore nerazzurro che secondo l'accusa aveva tentato di combinare il risultato della gara contro l'Agnonese della passata stagione. La Commissione Disciplinare ha sentenziato che "non risulta raggiunta la prova di una condotta del Di Corcia idonea ad influenzare lo svolgimento o l'esito della gara e delibera di prosciogliere entrambi i deferiti dalle violazioni ad essi rispettivamente ascritte". Questa in sintesi la motivazione del dispositivo ufficializzata nella mattinata di ieri, in netto ritardo sui tempi previsti. Sul capo della società angolana pendeva una richiesta di ben sei punti di penalizzazione ma alla fine il castello accusatorio si è sciolto quasi da solo, il rapporto dello 007 federale infatti non lasciava spazio ad interpretazione differente da quella che è poi stata. Anticipo. Il Comitato Interregionale ha accettato la richiesta pervenuta dalla Santegidiese di anticipare a sabato il match con il Canistro, valido per la 23esima giornata. A Sant'Egidio domenica si festeggia lo storico carnevale. VASTO. C'è stata una schiarita tra la società e la tifoseria vastese circa la "Giornata Biancorossa" indetta per domenica, quando sarà il Chieti

l'avversario di turno della Pro Vasto: varranno solo gli abbonamenti, al contrario di tessere e biglietti omaggio. Di fronte, due formazioni che nulla hanno più a che vedere con l'andata, quando i neroverdi, che hanno perso per 1-0 con rete di Bonfiglio, accusavano un inizio di stagione deludente, e la Pro Vasto, reduce da tre turni non buoni, metteva a segno la terza vittoria di fila proprio contro il Chieti del tecnico Giusto. Sono trascorsi quattro mesi e mezzo, i biancorossi di Di Meo, complice pure gli ultimi quattro pareggi, hanno perso molti punti per strada ma sono sempre secondi, mentre i teatini stanno recuperando terreno. Di Meo è tranquillo e lo è anche la squadra che sta lavorando con impegno e nella consapevolezza che non sarà possibile alcuna distrazione. «I ragazzi andranno in campo con il solito impegno e concentrati - ammette l'ex difensore di Trani -. Sanno benissimo che il match con il Chieti costituirà un bivio e noi dobbiamo prendere la strada della vittoria. Il campionato è ancora lungo, c'è da soffrire e sono convinto che a decidere le sorti di alcune squadre saranno le ultime giornate». Tornano disponibili Digno e Scielzo, mentre Fiore deve scontare la terza giornata di stop. Domani Crisci e l'avvocato Cerella saranno a Roma per la discussione del ricorso contro i provvedimenti nei confronti dello stesso Fiore e dell'allenatore Di Meo.

Età media: Mobilieri Ponsacco la squadra più giovane Il Mobilieri Ponsacco ha la rosa più giovane di tutta la Serie D, la squadra infatti ha un’età media inferiore ai 21 anni. Alla fine del girone di andata la Società toscana è risultata prima in questa speciale graduatoria ufficializzata dal Comitato Interregionale, seguita dall’Arrone al 2° posto e da Messina Peloro, Acicatena e Rieti terze a pari merito. Fanalino di coda è invece il Savona.


SPORT CALCIO

L’Agnone a San Giuseppe Vesuviano, il Trivento a Gaeta, il Campobasso a Gambatesa

Le molisane preparano gli impegni di domenica Solo il Venafro è restato al Marchese del Prete per preparare il riscatto CAMPOBASSO - Si lotta contro il tempo e contro il maltempo affinché il big match contro il Fano si possa giocare regolarmente. Dopo la ‘tormenta’ dei giorni scorsi la situazione dovrebbe migliorare. Ciò, però, renderebbe necessario lo sgombero del terreno di gioco dalla spessa coltre nevosa presente. E la dirigenza sembra orientata in tal senso, per non dover restare un’altra giornata a riposo. Il Campobasso non si gioca una gara di campionato dal 1° febbraio, ovvero dalla vittoria interna con l’Elpidiense Cascinare. E’ ovvio, quindi, che si farà di tutto per scendere in campo contro la capolista. Tra l’altro, anche a Fano c’è la neve e la squadra di Gaudenzi è stata costretta a fare i salti mortali per potersi allenare. A tre giorni dalla sfida che in un modo o nell’altro influirà sulle sorti del Campobasso, c’è da riscontrare una rinnovata voglia di tornare a sostenere i Lupi: il momento è topico, e molti sostenitori si dicono pronti a spalare il campo dalla neve. AGNONE. Si registrano due piacevoli novità a San Giuseppe Vesuviano, dove l’Olympia Agnonese ha momentaneamente ‘trasferito’ il suo quartier generale. Si corre e si suda nella cittadina in provincia di Napoli, dove non ci sono problemi di campi innevati né

di temperature rigide, e la truppa granata può continuare a preparare con tutta tranquillità la missioneMaceratese. La prima buona notizia riguarda il capitano Antonio Orlando, che sta recuperando in fretta dall’infortunio e farà parte della lista dei convocati per la trasferta marchigiana. Davvero una bella novità per la società, la squadra e per i tifosi. L’attaccante manca dai campi di calcio dallo scorso 11 gennaio. Ieri pomeriggio l’Olympia Agnonese ha affrontato la Puteolana, formazione impegnata nel girone I del campionato di serie D. Si è trattato di un test utile per il trainer Agovino e per l’intera squadra visto che si affrontato un avversario tosto, abituato a giocare sui campi caldi di Campania, Sicilia e Calabria, anche se attualmente occupa la parte calda della classifica. L’allenatore degli altomolisani ha potuto verificare la tenuta atletica e mentale dei suoi ragazzi in vista di un appuntamento da non fallire. TRIVENTO. Nel ritiro di Gaeta, dove alloggia in un bell’albergo sul lungomare e dove la neve del Molise è solo un ricordo, il Trivento sta preparando nei minimi dettagli l’operazione Montecchio. Il peggioramento delle condizioni atmosferiche ha costretto anche la truppa gialloblu a fare ‘armi e bagagli’, così come successo ai ‘cugini’ dell’Olympia Agnonese. Nella cittadina pontina, Corradino e soci potranno recuperare il tempo perso e ritrovare la concentrazione necessaria per la trasferta in provincia di Pesaro Urbino. Una soluzione che ci voleva proprio dopo una settimana passata a lavorare in palestra, lontani dai campi di gioco. Dopo aver lasciato l’Acquasantianni, i trignini hanno trovato a Gaeta un campo sempre in erba sintetica. Dopo il duro allenamento di ieri, mister Ca-

rannante potrà testare la condizione dei suoi uomini in una amichevole contro una formazione laziale che milita nel campionato di Prima Categoria. In questa occasione l’allenatore campano potrà verificare le migliori soluzioni da adottare a causa delle defaillances di tre pedine per squalifica: Barbato, Guglielmi e Giuseppe Monaco Di

Monaco. VENAFRO. La settimana più lunga per il Venafro è cominciata, con un allenamento intenso, preceduto da una ramanzina nel chiuso degli spogliatoi. Via gli under, Buccilli è rimasto a colloquio per molto tempo con tutti i veterani del team venafrano. Il tecnico non ha praticato sconti per nessuno. Un colloquio tra uomini seri, per ten-

tare di voltare pagina. Il faccia a faccia di martedì deve essere lo spartiacque tra il Venafro attuale, quello che ha conquistato tre punti in cinque partite, e quello futuro che si spera possa essere quanto più somigliante possibile a quello della passata stagione. Fino a domenica, per così dire, tutti blindati al “Marchese del Prete”.

BASKET DI SERIE B/F

Women’s, De Martino rassegna le dimissioni CAMPOBASSO- La Women’s Basket CampobassoRegione Molise comunica che il signor Luigi De Martino ha rassegnato le dimissioni da allenatore della squadra partecipante al Campionato di Serie B d’Eccellenza Femminile “Lo faccio perché mi sento legato a questa società dove ho collaborato con una dirigenza molto professionale e seria. Ho lavorato con professionalità ma, a questo punto, non riesco a dare la giusta sferzata alle ragazze ed in una situazione come questa ritengo che lasciare la conduzione tecnica della squadra sia l’unica cosa affinché il gruppo ridiventi coeso e continui a credere nella salvezza che è ancora possibile”. Queste sono le parole che coach De Martino ha detto ieri al Presidente Maiella dopo la gara interna con il Pesaro. A questa dichiarazione ha fatto seguito l’invito da parte della dirigenza tutta della Women’s a desistere da tale decisione invitandolo a continuare nella collaborazione e sulla strada programmata all’inizio della stagione. Ma il coach sannita è risultato ina-

movibile dalla decisione assunta affermando che la scelta è stata dettata dalla consapevolezza che la squadra ha necessità di seguire una persona che possa dare stimoli nuovi. Alla luce di quanto sopra le dimissioni sono state accettate “nella speranza che questa decisione dia la giusta scossa alla squadra e per togliere definitivamente qualsiasi tipo d’alibi a tutti”. La dirigenza nel ringraziare De Martino per il lavoro svolto, per la professionalità con cui ha diretto la squadra in questo campionato e per il grande senso di responsabilità dimostrato, gli formula i migliori auguri per il prosieguo della sua attività professionale con la speranza che negli anni prossimi la collaborazione possa essere ripresa. Nella attesa di prendere decisioni sulla situazione che si è determinata, la squadra è stata affidata al preparatore atletico Marco Rossi e Rosario Filipponio, che gentilmente ha offerto la sua collaborazione per seguire la compagine campobassana in questo momento di stasi.

CICLISMO

Parte da Termoli il campionato Italiano Silver Cross CAMPOBASSO- Il campionato di ciclismo Silver cross sbarca a Termoli, dove il prossimo primo marzo si aprirà la stagione agonistica 2009, con la prima di 22 tappe complessive distribuite su tutta la Penisola. Il ritrovo dei concorrenti, che saranno oltre 1.000 inizierà da sabato 29 febbraio a Piazza S. Antonio presso la galleria d’arte per la punzonatura, il ritiro pacchi gara e pettorali, mentre la partenza avverrà sul Corso Nazionale, la domenica mattina del 1 Marzo alle ore 9. Due i percorsi di cui il primo per i meno allenati sulla distanza di km. 90, mentre il secondo percorso valido per il Campionato sarà sulla distanza di km 128 e saranno i seguenti: 1° Percorso: Termoli ore 9-Casacalenda ore 10.30 –Larino ore 10.45-Termoli ore 11,30; 2° Percorso: Termoli ore 9-Casacalenda ore 10.30-Colletorto ore 11-San Giuliano di Puglia ore 11,15Santa Croce di Magliano ore 11,25-Rotello ore 11,30 -Bivio Larino-Termoli 12.45. L’Associazione organizzatrice che vanta al suo interno 86 tesserati, fondata nel 1984, è tra le società più accreditate in ambito Nazionale. Nel 2008 ben 8 atleti hanno conquistato lo scudetto di ’Prestigiosi’, che rappresenta in ambito ciclistico il più ambito traguardo oltre a vincere 3 maglie di Campioni Regionali, nonché il

La 3^ edizione della Clericus Cup al via a Roma

Sci di fondo: Marianna Longa argento ai mondiali

Con la sfida inaugurale tra i campioni in carica del Mater Ecclesiæ e i debuttanti del Collegio Brasiliano, conclusasi con il risultato di 2-1, ha preso il via quest’oggi allo Stadio dei Marmi di Roma la 3^ edizione della Clericus Cup, torneo pontificio riservato a seminaristi e sacerdoti. A dirigere il match inaugurale è stato designato l’arbitro internazionale Stefano Farina.

Marianna Longa ha conquistato il secondo posto nella 10 km in tecnica classica a Liberec in Repubblica Ceca nella prima prova dei Campionati Mondiali di Sci Nordico. La gara è stata vinta dalla finlandese Aino Kaisa Saarinen che ha preceduto l'azzurra di soli 4"2.

titolo di Campioni Regionali. La “Fondo Molisana” giunta alla nona edizione porterà a Termoli, circa 3.000 persone tra atleti e accompagnatori che oltre ad ammirare il nostro territorio dal punto di vista turistico, sportivo, culturale e sociale, daranno una boccata d’ossigeno agli albergatori che per l’occasione faranno registrare il tutto esaurito. L’evento verrà sponsorizzato dal Comune di Termoli, dalla Provincia di Campobasso e dalla Regione Molise, mentre l’Assessorato allo Sport della Regione Molise coordina tutto lo svolgimento della gara.

15 ANNO II - N° 41 VENERDÌ 20 FEBBRAIO 2009


Gazzetta del Molise - free press  

Gazzetta del Molise - free press - quotidiano del mattino - online

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you