Issuu on Google+

Indagine sulle carceri, a Isernia si peggiora

SS. Rosario, un Psr che non convince nessuno

ANNO III - N° 23

Quello che solo fino a qualche mese fa era considerato un’isola felice, si sta rapidamente conformando al resto del Paese. L’universo carceri in Molise, e più precisamente ad Isernia, sta perdendo la sua caratteristica di pianeta modello, e rischia su due fronti, da un lato l’eccessiva popolosità negli istituti penitenziari locali, dall’altro la carenza di agenti.

Nuova puntata del reality Ss. Rosario di scena a Palazzo Cimorelli. Venerdì sera, infatti, nella sede municipale si è svolto l’ennesimo incontro straordinario tra i capigruppo del consiglio comunale , i rappresentanti del Comitato Ss. Rosario e i medici che operano all’interno della struttura. Al centro del dibattito, questa volta, il documento stilato dai medici del nosocomio venafrano.

DISTRIBUZIONE GRATUITA

DOMENICA 31 GENNAIO 2010

Redazione: via Carlomagno, 9 - tel 0865.414168 email: lagazzettaisernia@alice.it

L’OSCAR DEL GIORNO AD ANGELO ANGIOLILLI

Azioni forti, seppur dal semplice valore simbolico, servono a volte a far sentire il senso di “vicinanza” a chi attraversa momenti difficili. Angelo Angiolilli, presidente della Confcommercio di Isernia, ha deciso di manifestare la sua solidarietà ai lavoratori dell’Ittierre, non solo con le parole, ma anche attraverso un’iniziativa che avrà sicuramente un impatto sull’opinione pubblica. Abbassare le saracinesche mentre è in atto lo sciopero. Un oscar alla volontà di unire, seppur con un gesto, tutta la città intorno alla disperazione di centinaia di persone che rischiano di restare senza lavoro.

Sovraffollamento a Ponte San Leonardo MA

IL TAPIRO AL GIORNO A FERDINANDO CARMOSINO

C’ENTREREMO TUTTI?

Nel manuale del bravo amministratore c’è un capitolo dedicato all’importanza da dedicare alle piccole cose. Ma a Rionero Sannitico, stando a quanto riferiscono alcuni cittadini, il Comune sembra non tenerne conto. Almeno questo si evince dalla questione della “Fonte Litiera”, la storica fontana del paese, oggetto, o vittima (?), di un lavoro di restyling ad opera del Comune, secondo i cittadini, di dubbio valore. La fontana, sarebbe ridotta “ad un rudere” dopo lavori di ricostruzione discutibili, con tanto di ruspe in azione a “distruggere” gli storici lavatoi in pietra. Per tutto questo, il tapiro del giorno va al sindaco di Rionero Ferdinando Carmosino, non certo perché responsabile diretto della situazione, ma perché simbolo dell’attuale amministrazione.

www.lagazzettadelmolise.it

lagazzettaisernia@alice.it 30.000 copie in omaggio


13a