Issuu on Google+

Anziano ritrovato dopo una notte al freddo

Donne in giunta, D’Ascanio alla prova

MACCHIA VALFORTORE - Si era allontanato da casa domenica pomeriggio e dopo aver vagato per un’intera notte, ieri mattina, è stato ritrovato dei Vigili del Fuoco. Sta bene il 90enne affetto da Alzheimer. PAG 11

CAMPOBASSO - La proposta della Macchiarola (Pd) di modificare lo statuto è all’ordine del giorno del consiglio provinciale di oggi. Il presidente D’Ascanio accoglierà l’iniziativa dell’ex segretario del Pd? PAG 4

ANNO III - N° 07 MARTEDÌ 12 GENNAIO 2010 DISTRIBUZIONE GRATUITA

L’editoriale

Armiamoci e partite di Ignazio Annunziata Molti assessori, molti uomini e donne ad ogni livello del sistema parliamoci chiaramente - devono la loro esistenza politica e il loro spazio di potere esclusivamente a Michele Iorio. Ci sono politici in questa Regione che vivono di luce riflessa: la sua. Non che non siano capaci di fare il loro mestiere, ma semplicemente senza Michele Iorio tornerebbero a casa domani mattina. A fronte di tanta generosità da una parte – quella di Iorio – registriamo un ingiustificabile “facciamoci i fatti nostri” dall’altra: tutti i vantaggi a loro e tutte le rogne al Presidente della Regione: ma che ragionamento è questo? E non si pretende una difesa fine a se stessa, come fosse una forma di riconoscenza servile: queste persone che fanno parte della squadra del Presidente conoscono meglio di altre le delibere, gli atti, i documenti, il ragionamento che sovrintende all’adozione di un progetto. Un ragionamento che può anche essere attaccabile politicamente (e sulle opportunità) - il contraddittorio è la base della democrazia - ma che è sicuramente mosso da onestà (con la “O” maiuscola), trasparenza e disinteresse. Perché non parlano, documenti alla mano, perché non lo difendono? (Segue a pagina 3)

Gino muratore www.lagazzettadelmolise.it

IL TAPIRO DEL GIORNO A GIUSEPPE CIARRAPICO Spesso dalle colonne del suo quotidiano tuona contro l’immoralità di questo o di quel nemico di turno, ma da ora in poi è bene che metta ordine prima negli affari di casa propria. L’editore di Nuovo Molise, Giuseppe Ciarrapico, non paga da mesi l’affitto dei locali della redazione di Campobasso ed è stato perciò prima sfrattato e poi convocato (ieri) dal giudice (atto poi annullato per un vizio di forma). Per la stessa ragione (mensilità non pagate) tre mesi fa era stato sfrattato dalla redazione di Isernia. A questo punto un consiglio (e un tapiro): l’editore ciociaro prima di vedere la pagliuzza nell’occhio altrui tolga la trave dal proprio.

L’OSCAR DEL GIORNO A NICO ROMAGNUOLO È l’unico che è sceso in campo per difendere la gestione del post-sisma in Molise e i provvedimenti adottati dal commissario delegato, Michele Iorio. Il consigliere regionale, Nico Romagnuolo, respinge gli attacchi al governatore da parte di certa stampa, i quali “non fanno altro che generare confusione tra i lavoratori che da sette anni sono impegnati nella gestione delle pratiche della ricostruzione come mai è stato fatto in Italia”. A Romagnuolo va, dunque, l’oscar del giorno: non è da tutti assumere una posizione così netta in un periodo cruciale della legislatura.

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


01a