Page 17

Mattatoio comunale col “Bollo Ceâ€? Ăˆ uno dei pochi mattatoi della provincia ad aver acquisito il “Bollo Ceâ€?, il necessario riconoscimento di idoneitĂ che consente di poter operare nel rispetto di rigidi VWDQGDUG ÂżVVDWL GDOOD &RPXQLWj HXURSHD riguardanti il settore della sicurezza sanitaria ed alimentare. Dopo gli interventi di manutenzione straordinaria effettuati lo scorso dicembre, ha riaperto i battenti il macello di contrada Sampieri dotato oggi, LQ YLD GHÂżQLWLYD GHO GHFUHWR GL LGRQHLWj per l’esercizio dell’attivitĂ  di macellazione di ungulati domestici rilasciato lo scorso 11 ottobre dal Dipartimento per le AttivitĂ  sanitarie e osservatorio epidemiologico dell’assessorato regionale alla Salute.

Il rimodernato mattatoio comunale spiega l’assessore comunale Angelo Conti - fornisce oggi agli operatori del territorio un servizio di eccellenza che nel 2010 ha accresciuto la sua operatività raddoppiando il numero dei capi macellati. In PHGLDRJQLPDUWHGuJLRUQRLQFXLqSUHvista l’attività di abbattimento del bestiame, vengono macellati 13 bovini, 30 ovini e 20 suini. Numeri che, secondo le potenzialità della struttura comunale, potrebbero anche essere raddoppiati. )UD OœDOWUR FRQÀXLVFRQR YHUVR 9DOOHGROmo operatori di Vallelunga Pratameno, Mussomeli, Villalba, Caltavuturo, Sclafani Bagni, Alia, San Giovanni Gemini e

Cammarata. ÂŤI suoi punti forza - prosegue l`assessore Conti - sono la linearitĂ e la funzionalitĂ  della catena di macellazione che consentono di ridurre tempi di attesa. Inoltre, una capiente cella frigorifera fornisce la possibilitĂ  di conservare sul posto le carni macellateÂť. Previsto a breve termine anche un ulteriore inveVWLPHQWRÂżQDOL]]DWRDOODFUHD]LRQHGLXQD FRQFLPDLDSHUOÂśLQWHUUDPHQWRGLVSHFLÂżFL ULÂżXWLGLRULJLQHDQLPDOH



(A. Z.)

In prima linea in difesa degli agricoltori L’amministrazione comunale, guidata da Mimma Di Baudo, sin GDOqYLFLQDDJOLDJULFROWRULFKHVLWURYDQRLQGLI¿FROWjDFDXsa della pesante crisi. Il sindaco, fra l’altro, è stato scelto come delegato di tutto il comprensorio madonita per rappresentare il settore nell’incontro avvenuto qualche tempo fa con il ministro all’Agricoltura, che allora era Luca Zaia.

In tutte le manifestazioni (proteste, cortei, ecc.) il Comune è stato sempre in prima linea per difendere questo settore vitale per la Sicilia e il sindaco, oltre che dal ministro, è stata ricevuta piÚ volte anche dal presidente della Regione, Raffaele Lombardo.



(Sa. Bu.)

Nasce il Consorzio produttivo Ăˆ nato il Consorzio produttivo di Valledolmo, presieduto da Calogero Muscarella. Otto imprese si sono unite sotto un unico marchio per valorizzare i prodotti locali. Il consorzio è privato, ma il Comune ha fatto da collante, tra queste imprese insieme con la Banca di credito cooperativo di Valledolmo, sin dalla prima creazione di un pacco-dono offerto ai visitatori nel corso della Fiera dell’Agricoltura:

una cassetta in legno con tutti i prodotti alimentari valledolmesi e lo stemma del Comune. A far parte del Consorzio sono le aziende Castellucci-Miano (vino), Fattorie siciliane (carni e salumi), Valledoro (pasta), Azienda agricola San Giovanni di Conti (formaggi), Azienda agricola La Nina (olio del Kassaro), Cooperativa Rinascita (pomodoro), Ceramiche Zammito e Agriturismo Celso.



(Sa. Bu.)

La scheda Dal 1999 a Valledolmo , sotto il patrocinio dell’ amministrazione comunale, si svolgono le “Giornate dell’agricolturaâ€?, ÂżRUH DOOÂśRFFKLHOOR GHO FHQWUR DJULFROR]RRWHFQLFR FKH UDSpresenta una tradizione consolidata e imprescindibile per il territorio. Nata con l’intento di attuare una politica di rilancio e valorizzazione dell’agricoltura del comprensorio e delle attivitĂ artigianali, tale avvenimento ha sempre registrato il favorevole consenso degli espositori e l’apprezzamento dei numerosi visitatori provenienti da tutta la Sicilia.

Sin dalla prima edizione, si svolge in giornate e momenti diYHUVLÂżFDWLXQPRGRSHUIDUFRQRVFHUHODFDPSDJQDHOHVXH ricchezze in un momento in cui c’è, da parte degli abitanti delle cittĂ , una richiesta crescente di “naturaâ€?. Il successo sin qui ottenuto, costituisce per l’amministrazione municipale un forte incoraggiamento e il miglior “biglietto da visitaâ€? per la realizzazione della XIII edizione delle “Giornate dell’agricolturaâ€? che quest’anno si svolgerĂ  dal 28 aprile al primo maggio. (Giusi Iemolo)

15

=b\^f[k^+)*)_OZee^]hefh\hfngb\Z_

Valledolmo 2010  
Valledolmo 2010