Issuu on Google+

GIORNALINO DELl'oasi A CURA

DELL'ASSOCIAZIONE VOLONTARI AMICI RANDAGI VIA ORZINUOVI - PARCO DEL MELLA (BS)

TELEFONO 339-4206389 FAX 030-2584320

PER AIUTARE I NOSTRI MICI

C/C BANCO POSTA 37480720 PAY PAL email: offerte@avar.it sito web: www.avar.it e-mail : info@avar.it

prodotto e stampato in proprio Gennaio 2009 n°1 – bimestrale

NEWS DAL GATTILE PROGETTO “microchip anche per micio”

Augurandovi un fantastico 2009 vogliamo ringraziare di cuore tutti coloro che con piccoli o grandi gesti di solidarietà ci sono stati vicini ... Grazie di cuore a chi ha adottato un nostro trovatello donandogli un futuro migliore, chi è diventato “Amico dell'Oasi” , chi ha adottato un micio a distanza , chi ci è venuto a trovare portandoci cibo , medicinali , materiali, etc... o per scambiare 4 chiacchiere e conoscere i nostri mici, chi si è avvicinato ai nostri banchetti ed ha partecipato alle nostre iniziative benefiche, chi si è unito al nostro gruppo di volontari ..... i ringraziamenti sarebbero davvero tanti e quindi che dire se non GRAZIE A CHI CI HA AIUTATO AD AIUTARE TANTI MICI SFORTUNATI !!! Un detto dice “Anno nuovo vita nuova” e così con l'inizio del nuovo anno abbiamo deciso di lanciarci in questa nuovissima iniziativa che speriamo vi faccia piacere, un giornalino tutto nostro ,da condividere con chi come noi ama gli animali, dove troverete le storie a lieto fine dei nostri mici, appelli per i più sfortunati, iniziative Attualmente per i gatti non esiste un'anagrafe obbligatoria, “Gattosolidali”, news a 4 zampe dal mondo animale, i soli felini microchippati e quindi identificati sono quelli curiosità, utilità, .........insomma di tutto e di più , ed udite che viaggiano all'estero muniti di Passaporto Europeo. udite , anche una sezione dove pubblicheremo le vostre Ma se valutiamo attentamente la possibilità che il nostro storie a 4 zampe! micio possa inavvertitamente fuggire o perdersi o esserci Per contattare la redazione e-mail: sottratto da malintenzionati, il microchip diventa marina.avar@gmail.com importantissimo non solo quando dobbiamo viaggiare , ma anche nella vita quotidiana perchè ha la funzione di identificare inequivocabilmente l'identità del nostro micio LIBRERIA GATTOSA e quindi darci modo di poter rintracciare il legittimo proprietario , senza dimenticare che il microchip può essere un ottimo deterrente contro l'abbandono. Amati Gatti Anche se oggi nessuna legge impone di microchippare il gatto abbiamo deciso di compiere un piccolo ma Josè Jorge Letria importantissimo passo affinchè anche i gatti siano tutelati Racconti sulla vita di gatti nel miglior modo possibile . famosi e dei loro illustri padroni Il 29 dicembre 2008 la nostra associazione ha inaugurato il Progetto “Microchip anche per Micio” , Rosy è stata la Un libro dedicato agli amanti dei meravigliosi felini che prima micia del gattile ad essere microchippata ed è l’uomo non è mai riuscito ad addomesticare. Una raccolta di racconti che reinventano, partendo da basi reali, le storie diventata per noi il simbolo di questa iniziativa unica nel suo genere. A breve verranno dotati di microchip anche gli dei gatti famosi e dei loro illustri padroni, da Richelieu a altri mici del gattile e così sarà per tutti quelli che verranno Lenin, da Hemingway ad Anna Frank, passando per accolti in futuro.I costi del Progetto “Microchip anche per Churchill, Marilyn Monroe, Paul Klee, Zola, Picasso e Micio” attualmente sono sostenuti interamente dalla molti altri. nostra associazione , che si autofinanzia, uno sforzo economico notevole , ma che ci sentiamo in dovere di Edizioni Cavallo di Ferro – Novembre 2008 sostenere come atto di responsabilità nel tutelare i mici che accudiamo. Per informazioni Marina 339-4206389


TUTELIAMOLI ...... NON SOLO CANI ABBANDONATI: AI GATTI CHI CI PENSA? Di Oscar Grazioli I gatti, questi animali odiati o amati, senza mezze misure, quasi sempre dimenticati e trattati come "cani minori". Chissà perché si fa un gran parlare, e a ragione, dell'abbandono dei cani (sport che vede l'Italia partecipare ai prossimi giochi olimpici con medaglia certa), e non dei gatti. Campagne contro l'abbandono dei gatti - Ormai inizieranno gli spot televisivi che vediamo ogni estate. L'uomo si avvicina alla rete del canile mentre i "detenuti" abbaiano e ringhiano, poi si ferma a riflettere. Una voce scandisce "mettiamoci una croce sopra" e compare il logo della Protezione Animali. Non è che per par condicio si potrebbe proiettare qualche spot dove lo stesso uomo si avvicina ad un gattile in cui, tra miagolii e digrignar di denti, gli ospiti lo inducano allo stesso gesto? Il microchip serve anche al micio - E' pur vero che il gatto abbandonato, se non finisce spappolato sotto una macchina, in qualche modo se la cava e difficilmente rischia di provocare incidenti seri, ma ciò non toglie che sbatterlo giù dalla macchina sulla A1 è altrettanto criminale che sbatterci Fido. Per i cani tutte le regioni hanno emanato norme per istituire un'anagrafe attraverso il microchip e, nonostante i ritardi, la mancata applicazione delle leggi e la cronica mancanza di controlli da parte delle autorità, il sistema di riconoscimento costituisce un deterrente per chi ha intenzioni poco zoofile.

UTILITA' E CURIOSITA' GATTO E TRASLOCO Per noi persone traslocare e cambiare casa anche per poco tempo è un vero stress, specie se non si è abituati. Nel gatto questo fenomeno si ingigantisce: la casa è il suo regno, impregnata di odori e dove si sente protetto, al sicuro e specialmente dominante. Vedendo sparire gli oggetti negli scatoloni si sentirà in preda al panico, come se il suo mondo stesse scomparendo e, nel caso degli esemplari giovani, o dei maschi non castrati, la paura potrebbe spingerli a una fuga precipitosa. Questo fenomeno è più raro nei gatti che vivono esclusivamente in casa. Durante il trasloco è bene chiudere il gatto in una stanza con tutti i suoi oggetti più cari: le ciotole, la lettiera, il graffiatoio, i giocattoli, magari anche una maglietta che ha l'odore dei suoi compagni umani, la coperta su cui dorme più volentieri eccetera. Il procedimento va ripetuto per alcuni giorni nella nuova casa, dopodiché si lascerà libero il gatto, per farlo ambientare. Lui annuserà tutto, se un maschio emetterà piccoli spruzzi di urina su molti oggetti e si strofinerà con il muso e la coda contro divani e sedie. Ricordate però che per un gatto il trasloco può essere visto come un tradimento da parte del suo compagno umano, e in alcuni casi i gatti più selvatici potrebbero preferire la libertà ad un regno che ormai temono di aver perso. Attenzione dunque ai vostri gatti!

Non scordiamo inoltre di tenerlo sempre d'occhio anche durante il trasporto. Tenetelo con voi, piuttosto che affidarlo alla ditta di traslochi, la paura che ha accumulato è già tanta. Un gatto ritrovato a 4.550 km da casa - Per i gatti non si capisce bene il motivo per cui non debbano valere le stesse Tratto da www.tittiweb.it regole. Tra l'altro questo comporterebbe anche numerosi vantaggi per i loro proprietari, che sarebbero ben felici di provare l'emozione di Pamela Edwards. Aveva perso il suo L'ANGOLO DEL amato Cheyenne (un bel micione nero) anni fa, in Florida. VETERINARIO Lo hanno ritrovato a S. Francisco (4500 Km. dalla Florida) e, tramite il microchip, riconsegnato alla sua proprietaria. Come abbia attraversato l'America coast to coast non è la struvite ... chiaro ma che lo abbia fatto e sia tornato a casa, anche se cos'e' ? un po' invecchiato, è un fatto e non un ipotesi. La struvite o fosfato ammonico Microchip felino In Usa e Inghilterra - E' stato possibile magnesiaco è il tipo di calcoli più frequente nel gatto. perché negli Stati Uniti, come in Gran Bretagna i E' causa di Flutd, cistiti ricorrenti. Si forma in urine con proprietari di gatti, se non sono obbligati per legge, ambiente basico, per cui la cura consiste nell'acidificare le vengono fortemente stimolati a fare inserire il microchip ai urine per sciogliere appunto i cristalli di struvite prima che loro gatti, magari quando sono in anestesia per la si aggreghino a formare dei calcoli veri e propri. sterilizzazione o una semplice detartrasi, così non provano alcun disagio. Nel mese di giugno in Inghilterra si è svolge Si diagnostica con un semplice esame delle urine, ma la giornata del microchip per gatti sponsorizzata dalla bisogna fare attenzione perchè spesso, quando il calcolo Protezione Animali britannica. vero e proprio si è già formato, nelle urine non rilascia i cristalli di struvite e perciò l'esito dell'esame dell'urine L'anagrafe funziona se ben organizzata - Naturalmente potrebbe essere un falso negativo. dovrebbero però funzionare anche le banche dati. Qui da noi se uno è di Milano e ha la sfiga di smarrire il cane a Il cibo curativo che solitamente viene consigliato è Torino è un calvario ritrovarlo. Sono due regioni diverse, Struvite Urinary. Santo Dio che pretendete?. Tratto da www.gattopoli.it Io, per il momento mi accontenterei del microchip. Mica tutti i gatti viaggiano come Cheyenne. Di Oscar Grazioli


FOTO BUFFE DAL WEB

DALLA LORO PARTE ...

... appena esci ti porto a fare un giro !

DIFENDIAMOLI

L'angolo della poesia .... IN RICORDO DI lEOPOLDO DE PERSIo

Un gattino abbandonato Come posso dir di no ad un gattino abbandonato? L’ accolgo,lo riscaldo,lo nutro. Mi commuove il pianto accorato, è sempre l’amore che prevale e mi lega, dolce è la magia di questa creatura smarrita profonda è la pietà che mi pervade, resto commosso e felice e come d’incanto mi perdo. Piccola creatura Come visione appari agli occhi miei. Non hai più le tenere cure della tua mamma. Posso abbracciarti,asciugare il tuo pianto, posso nutrirti e consolarti, poi col tempo diventeremo amici in una perfetta affinità. Ora riposa,dormi,sogna beato Sono vicino a te,non sei più solo.

Stop pellicce cani e gatti 31 dicembre 2008 - Entra in vigore oggi il Regolamento 1523/2007, relativo al divieto all’importazione e al commercio di pelli di cani e gatti nei Paesi UE, approvato un anno fa dal Consiglio dei Ministri dell’Agricoltura dell’Unione Europea, e sostenuto, durante tutto l’iter, anche dal Governo italiano, con il Ministero della Salute. L’Unione Europea si unisce quindi a USA, Australia, Nuova Zelanda e Svizzera, che avevano già bandito il commercio di tali pelli, utilizzate come inserti nei prodotti di abbigliamento e di alcuni giocattoli. Tratto da www.animalieanimali.it

Uccide gatto , pensionato condannato a 2 mesi di carcere 31 dicembre 2008 - Ha avuto luogo venerdì 19 dicembre presso il Tribunale di Vigevano il processo a carico di M.E., un pensionato della Provincia di Pavia, che aveva ucciso un gatto colpevole di essersi introdotto nel suo orto. Il fatto risale all'agosto scorso quando l'uomo venne sorpreso a gettare nel cassonetto dell'immondizia il corpo del gatto ucciso, insieme all'esca con cui lo aveva attirato (una scatoletta di carne per gatti). La ricostruzione dei fatti operata a seguito della denuncia ha permesso di inchiodare l'assassino: testimonianze di precedenti minacce, la scatoletta, il tentativo di disfarsi del corpo del gatto trucidato, perfino una confessione alla stampa locale. Il colpevole, imputato per il reato di uccisione di animali, ha chiesto di patteggiare la pena base di quattro mesi e 15 giorni di reclusione, ridotta così a due mesi di reclusione. La proprietaria del gatto e la LAV - che si erano costituite parte civile al solo scopo di seguire attivamente il processo ed avere titolo per chiedere una condanna esemplare esprimono perplessità in ordine alla possibilità di chiedere uno sconto di pena (patteggiamento) proprio quando l'evidenza delle prove sia idonea a dimostrare la colpevolezza e l'intenzionalità della condotta. Pur consapevoli di come ciò rappresenti un aspetto complesso del sistema giudiziario, auspicano una riforma che scardini il paradosso esistente nel legame tra evidenza della prova e sconto di pena, e che restituisca dignità e valore alle vittime dei reati. Tratto da www.animalieanimali.it

AFORISMI E FRASI CELEBRI SUI GATTI Se si potesse incrociare un uomo con un gatto, l'essere umano ne risulterebbe migliorato, ma il gatto peggiorato. ( Mark Twain)


NON SOLO GATTI ..... AUSTRIA: CANI IN UFFICIO CON IL PADRONE I cani presto potranno andare in ufficio insieme ai loro padroni. Almeno in Austria. Qui infatti hanno voluto risolvere un problema davvero molto importante per tutti i proprietari di cani che ogni giorno erano costretti a lasciarli a casa da soli. Adesso, dopo un corso di addestramento, potranno affiancarli sul loro.Prima di rendere possibile questo fatto, sono stati fatti degli studi secondo i quali con i cani in ufficio il clima sul posto di lavoro, soprattutto tra colleghi, si fa piu’ distensivo, permettendo cosi’ di aumentare e incentivare la produttivita’. “All’interno delle aziende più grandi, dove sono ammessi i cani, è stato riscontrato un minore tasso di ammalati tra i dipendenti, e c’è molto meno mobbing“. E cosi’ l’Austria si appresta ad aprire le porte degli uffici agli animali. Ma prima il cane, ma anche il suo padrone, dovranno superare un corso, per dare l’idoneita’ all’animale e al proprietario di poter convivere insieme all’interno dell’ufficio. Sempre che il datore di lavoro sia d'accordo.

CRONACHE FELINE ritrovato bimbo scomparso, salvo grazie ai gatti randagi Lo ha raccontato portavoce della polizia della città di MisionesBUENOS AIRES (Argentina)

un canale della città ho notato un gruppo di gatti. È piuttosto inusuale vedere tanti gatti tutti insieme e così mi sono avvicinata e ho visto il piccolo. Il bambino era disteso e i gatti lo stavano leccando perché era davvero molto sporco». «Quando ho tentato di avvicinarmi di più - ha proseguito - i gatti sono diventati iperprotettivi e mi hanno addirittura sputato. Tenevano il bambino al caldo mentre dormiva». La polizia, dopo una serie di ricerche, ha trovato il padre del bambino, che è un senza tetto e che ha raccontato di aver perso il bambino diversi giorni fa mentre raccoglieva cartoni da vendere. Il padre ha aggiunto che il figlioletto è sempre stato curato e protetto dai gatti della zona che gli procurano anche il cibo. Tratto da : www.LaZampa.it 21 dicembre 2008

Il giornale dei gatti

( Gianni Rodari) I gatti hanno un giornale con tutte le novità e sull'ultima pagina la "Piccola Pubblicità". "Cercasi casa comoda con poltrone fuori moda: non si accettano bambini perché tirano la coda". "Cerco vecchia signora a scopo compagnia. Preferisco referenze e conto in macelleria". "Premiato cacciatore cerca impiego in granaio. Vegetariano, scapolo, cerca ricco lattaio".

La sua vita assomiglia a quella di Mowgli, il «cucciolo d’uomo» del Libro della Giungla di I gatti senza casa Rudyard la domenica dopo pranzo Kipling,bbandonato leggono questi avvisi nella giungla più belli di un romanzo: indiana e adottato da un branco di per un'oretta o due lupi. L’unica sognano ad occhi aperti, differenza è che il poi vanno a prepararsi per i loro concerti. bambino, trovato dalla polizia in Se volete inviarci “Le vostre storie a 4 zampe” o la foto Argentina, è stato del vostro beniamino, contattate la redazione di adottato da un gruppo di gatti randagi. “Giornalino dell'Oasi” scrivendo una mail a Così ha raccontato la portavoce della polizia della città di marina.avar@gmail.com e le pubblicheremo Misiones, teatro della sensazionale scoperta, Alicia Lorena Lindgvist al Sunday Telegraph: «Mentre camminavo lungo


Giornalino del Gattile Avar - Gennaio 2009 - n. 1