Page 1

YouTabloid

•Anno 2 Nr. 37• Settembre 2010 StadioGiallorosso: Edizione di Qui- Reg. Tr. Cz - Nr. 135 del 30-12-2002

Direttore Responsabile: Giuseppe Gangale

NEWS | COMMENTI | INTERVISTE | CRONACA | CLASSIFICHE

Vince la noia Catanzaro - Matera 0-0

5° giornata

Il Catanzaro conquista il primo punto al Ceravolo dopo una gara povera d’emozioni » pagg. 2 e 3

Fotocronaca della partita Debutta il neo acquisto Morello che sbaglia un gol facile a due metri dalla porta avversaria » da pag. 4 a 7

Io penso positivo! In sala stampa

«Abbiamo creato tante occasioni da gol e stiamo crescendo anche sul piano del gioco» » pag. 3

Morello con le mani nei capelli dopo il gol sbagliato al 65'

di ACM Forse fa bene Ze Maria a sottolineare i progressi della sua squadra sul piano della tenuta difensiva e per le occasioni da gol (poche) create da un undici, quello giallorosso, che fino ad ora la porta avversaria l’aveva vista solo con il binocolo. Ben venga il secondo punto di fila, che evita di dover fare i conti con l’ennesima figuraccia casalinga. Ma non è condivisibile l’opinione del tecnico brasiliano che ritiene che questa squadra stia crescendo, perché se è vero che qualche volta il Catanzaro è riuscito ad entrare nell’area di rigore avversaria, è altrettanto vero che c’è riuscito solo grazie a qualche iniziativa dei singoli (bene Catalano e il solito Corapi, che però non può continuare a predicare da solo nel deserto), senza essere mai riuscito a costruire

un’azione di gioco degna di nota. E bisogna ricordarsi che l’unico gol del Catanzaro in stagione è arrivato grazie ad un calcio di rigore. Una pochezza, sul piano della manovra, aggravata anche dalle prestazioni di alcuni giocatori che hanno collezionato una serie di errori nei movimenti e, cosa ancora più grave, anche nei fondamentali del gioco. L’unica nota positiva sul piano tecnico (oltre alla "garanzia" Vono), è quella di un ritrovato Ciano, sempre puntuale in chiusura e in anticipo sugli avversari, ma se al suo fianco Boyomo è quello pasticcione visto contro il Matera (che maschera gli errori grazie allo strapotere fisico) è meglio sperare che gli acciacchi lascino in pace Di Meglio che, per i soliti problemi fisici che lo accompagnano da due anni, ha dovuto accomodarsi in tribuna. Paradossalmente il Catanzaro riesce a non essere

relegato all’ultimo posto perché c’è qualcuno che riesce a fare ancora peggio, come il Milazzo di Ferrigno (e Logiudice) e, da domenica, anche dall’Isola Liri di Grossi che ha una differenza reti peggiore di quella giallorossa. La speranza è che almeno con Ngrandira e Martinez, dalla prossima giornata, un po’ di chili in più a centrocampo (quelli di Ngrandira) e un esterno sinistro alto di ruolo che dovrebbe essere capace di saltare l’uomo e creare la superiorità numerica (come dovrebbe essere Martinez) possano migliorare le cose. Miglioramenti necessari, perché il derby contro la Vibonese che andrà di scena al Ceravolo domenica prossima, e ancora di più quello fra due settimane del D’Ippolito di Lamezia contro la Vigor, potrebbero trasformarsi in un calvario con conseguenze facili da prevedere sul piano

www.stadiogiallorosso.it

Segui Stadio Giallorosso anche sulle pagine di facebook

del morale nello spogliatoio. Se poi si guarda agli aspetti societari non si possono attendere altri miglioramenti. Anzi, se possibile, il disimpegno di Tribuna Gianna e la probabile "erosione" delle quote dell’associazione di scopo da parte degli altri soci (perché all’orizzonte non si vede nessun possibile compratore), non lascia presagire nulla di buono. Se la solidità economica con questa ripartizione era una chimera, figuriamoci cosa potrebbe accadere con il forfait di quello che è stato il "bancomat" di luglio. Solo uno sponsor potrebbe aiutare le casse giallorosse, ma chissà se l’azienda cinese Li Ning abbia veramente l’intenzione di investire sul Catanzaro o sia soltanto una bufala, l’ennesima, dopo un’estate che ha lasciato in eredità una società povera sul piano economico e una squadra altrettanto povera su quello tecnico.


2

Stadio GialloRosso

redazione@stadiogiallorosso.it Settembre 2010

Stadio Giallorosso

Stadio Giallorosso

Catanzaro pericoloso solo a sprazzi nel 1° tempo di ACM Conferma le indicazioni della vigilia Ze Maria, schierando il Catanzaro con un 4-4-2 e affiancando Beha a Puntoriere in attacco. In mediana Corapi e Benincasa occupano le posizioni centrali, mentre sulle fasce ci sono Capicotto a sinistra e il recuperato Gigliotti a destra; in difesa Boyomo, dopo aver osservato un turno di squalifica, riprende il suo posto al centro insieme a Ciano, mentre Lauteri e Gaglione occupano rispettivamente le corsie di destra e sinistra; Vono, ovviamente, difende la porta a tinte giallorosse. Il Matera, privo della guida tecnica dello squalificato Cadregari, risponde con un 4-3-3 composto da Lorello in porta; Fedi, Villagatti, Malquori e Di Fusco dalla destra alla sinistra della difesa; il capitano Logrieco, Provenzano e Stella a centrocampo; Alassani e Ancora sulle ali, di supporto all’unica punta Del Sorbo. Dopo il fischio d’inizio di Intagliata di Siracusa, ci si accorge che le tre punte del Matera sono tali soltanto sulla carta, perché sia Alassani che Ancora ripiegano sulla linea dei centrocampisti, a riprova di un atteggiamento molto guardingo dei lucani per lunghi tratti del primo tempo. E i primi minuti, in cui il Catanzaro si trova ad attaccare controvento, mostrano una squadra di casa che a folate, senza un gioco particolarmente brillante, prova a far male alla difesa ospite. Al 5’ un fuorigioco attivo di Puntoriere vanifica il gol di Beha, sbucato nell’area piccola a deviare in rete un traversone basso di Corapi dalla sinistra. Un minuto più tardi il Matera risponde con un corner insidioso, ma nulla più. Su un terreno reso pesante dalla pioggia degli ultimi giorni, e che anche oggi ha bagnato a tratti i giocatori e i pochi tifosi presenti sugli spalti, gli uomini di Ze Maria cercano di far valere il fattore campo: all’11’ Corapi lancia dalla metà campo Puntoriere che aggancia la sfera, ma viene anticipato dalla pronta uscita di Lorello, tempestivo prima che venga superato dall’attaccante nativo di Reggio. Un giro di lancette più tardi Gaglione crossa dal fondo della fascia sinistra e di nuovo Lorello smanaccia anticipando Gigliotti, in agguato sul palo più lontano per una possibile deviazione di testa. Il Matera subisce gli attacchi del Catanzaro, probabilmente anche sul piano mentale, dato che sembra troppo rinunciatario l’atteggiamento dei lucani, e al 16’ una pre-

gevole triangolazione fra Benincasa e Gigliotti sul limite destro dell’area di rigore avversaria libera Lauteri per un cross dal fondo, respinto ancora una volta da Lorello, il più sicuro sulle palle alte nella retroguardia materana. Cinque minuti più tardi ancora il Catanzaro, con Corapi che dirige dalla mediana e tenta di pescare con un lancio lungo l’inserimento di Gigliotti in area, ma sempre Lorello è bravo a bloccare anticipando l’esterno destro giallorosso. Sul capovolgimento di fronte Ciano, il migliore della retroguardia insieme a Vono, chiude su Ancora che provava a dribblarlo e a entrare in area dalla sinistra. Al 22’ Catalano deve sostituire Capicotto che avverte un problema alla coscia sinistra. La parte centrale del primo tempo vive senza ulteriori scosse offensive, con il Catanzaro che prova a fare gioco, ma con la manovra che risulta troppo lenta e condizionata sia dal campo che dagli errori dei singoli (troppe volte gli avanti giallorossi sono finiti in fuorigioco), mentre il Matera attende e si difende senza strafare. Le

fendente di Logrieco termina a lato. Un minuto dopo, dalla parte opposta, con un’iniziativa personale sulla sinistra, Catalano crossa in mezzo, ma sia Puntoriere che Gigliotti arrivano leggermente in ritardo. Quindi, al 33’, una punizione dalla destra di Corapi evidenzia gli affanni ospiti in queste situazioni di gioco, risolte sempre dalle uscite alte di Lorello. Sul finire del tempo il Matera si Il tentativo di rovesciata di Beha scuote dal torpore e prova a pungere, prima con un colpo di testa di Del Sorbo (38’) opposte aree di rigore, le due squadre, stroncato da Vono; poi con un’incornale guardano da lontano. Al 30’ Beninta in tuffo di Stella ben servito da un casa commette fallo intorno ai 20 metri traversone dalla destra di Alassani: è della metà campo difensiva catanzareancora una volta bravo Vono a deviare se e dà la possibilità agli ospiti di tirare in corner. una punizione da buona posizione; il

::Risultati 0-0

Avellino - Isola Liri

3-0

Aversa Normanna - Neapolis M.

1-0

Brindisi - Vigor Lamezia

2-1

Campobasso - Pomezia

0-1

Latina - Trapani

0-0

Milazzo - Fondi

1-2

Vibonese - Melfi

1-2

Il prossimo turno

Catanzaro Vibonese

Stadio GialloRosso EDITORE

::Classifica

Catanzaro - Matera

13 11 10 10 9 9 8 8 7 6 5 3 2 2 2 1

Edizione di Qui - Reg. Tr. Cz - Nr. 135 del 30-12-2002

POSTA ELETTRONICA

Mediatag Spa : Divisione Editoria redazione@stadiogiallorosso.it Sede Legale: 88040 Marcellinara (CZ) info@stadiogiallorosso.it Loc. Serramonda - Registro Operatori delle Comunicazione: nr.11629

INTERNET

www.stadiogiallorosso.it

DIRETTORE RESPONSABILE Giuseppe Gangale

DIREZIONE AMMINISTRATIVA

REPORTER

Sede Legale: 88040 Marcellinara (CZ) Loc. Serramonda

Andrea Celia Magno Foto: Cosimo Simonetta

Brindisi Latina Melfi Pomezia Trapani Neapolis M. Vigor Lamezia Aversa Normanna Avellino Matera Fondi Vibonese Campobasso Catanzaro Isola Liri Milazzo

AMMINISTRATORE E TRATTAMENTO DATI Carmela Valente

PUBBLICITA' Mediatag Spa : Divisione pubblicità Loc. Serramonda 88040 Marcellinara (CZ) Tel: 0961.996802 Fax: 0961.903421 info@mediatag.it www.mediatag.it

DIFFUSIONE E ABBONAMENTI Mediatag Spa

ABBONATI A STADIOGIALLOROSSO Per informazioni telefonare allo 0961.996802 ( attendere e comporre il 4)


Stadio GialloRosso

redazione@stadiogiallorosso.it Settembre 2010

Stadio Giallorosso

3

Stadio Giallorosso

Secondo tempo noioso Catanzaro pericoloso solo su un corner, ma Morello sbaglia da due passi il tap-in vincente

Catanzaro - Matera 0-0 Stadio Nicola Ceravolo Catanzaro 26/09/10 ore 15:00

Vono è sempre pronto

Nel secondo tempo (in cui all’inizio ci sono gli stessi effettivi del primo, ma Gigliotti e Catalano invertono la fascia di competenza) Morello fa il suo debutto con la maglia del Catanzaro al 50’, sostituendo il macchinoso Beha. Il primo tiro in porta (al 56) del nuovo attaccante giallorosso finisce alto di parecchio sulla traversa materana. Il Catanzaro non riesce a creare nulla neanche per sbaglio, mentre gli ospiti provano con un piattone dal limite di Alassani (a lato) servito da una sponda di petto di Del Sorbo. Solo su una palla inattiva il Catanzaro riesce ad essere pericoloso, quando al 65’ un corner dalla destra di Corapi viene spizzato di testa sul primo palo da Ciano; la palla arriva sul palo più lontano dove Morello, tutto solo, sbaglia un gol facile facile sparando alle stelle. Due minuti dopo Ze Maria sostituisce Puntoriere con Ferrara che ci prova a inquadrare la porta con un tiro al volo al 78’ (ed è la prima azione degna di nota dopo un quarto d’ora soporifero) su una palla spiovente (alto non di molto). Il Matera, a cui il pareggio sta bene, si porta in avanti solo al 79’ con un cross di Villagatti che arriva sul fondo dalla sinistra e trova sul palo più lontano Del Sorbo, che prova la zampata vincente, ma non centra la porta. Il campo pesante e la mancanza di idee nello sviluppo del gioco da parte del Catanzaro lasciano sempre più spazio alla noia a mano a mano che passano i minuti. Noia interrotta solamente all’87, quando Gigliotti allarga il gioco sulla destra per Catalano, il quale serve con un preciso traversone al centro dell’area Ferrara, il cui colpo di testa, seppure esteticamente pregevole, è bloccato in tuffo da Lorello. L’espulsione di Fedi al 90’ è l’ultima annotazione di una partita che ha portato comunque un punto in più alla deficitaria classifica del Catanzaro, che fra una settimanaospiteràlaVibonese.

La squadra sta crescendo

Catanzaro (4-4-2) : 1 Vono, 2 Lauteri, 3 Ciano, 4 Boyomo, 5 Benincasa (C), 6 Gaglione, 7 Gigliotti, 8 Beha (50’ Morello), 9 Puntoriere (67’ Ferrara), 10 Corapi, 11 Capicotto (22’ Catalano). A disposizione: 12 Scerbo, 13 Basile, 14 Catalano, 15 Giampà, 16 Santaguida, 17 Ferrara, 18 Morello. Allenatore: Ze Maria. Matera (4-3-3): 1 Lorello, 2 Fedi, 3 Villagatti, 4 Malquori, 5 Di Fusco, 6 Provenzano, 7 Logrieco (C), 8 Stella, 9 Del Sorbo, 10 Alassani (71’ Capolei), 11 Ancora (82’ Lorini). A disposizione: 12 Cifarelli, 13 Manetta, 14 Calà, 15 Capolei, 16 Losicco, 17 Lorini, 18 Formuso. Allenatore: Nicola Tarroni (in seconda; Cadregari squalificato). Arbitro: sig.Gaetano Intagliata di Siracusa; assistenti: Giuseppe Tudisco e Antonio Santoro di Catania. Ammonizioni: Corapi, Lauteri, Benincasa (Cz) per gioco falloso; Stella e Del Sorbo (Mat) per gioco falloso; espulso: Fedi (Mat) per somma di ammonizioni.

Ze Maria

Al termine della partita è soddisfatto Nicola Tarroni , allenatore in seconda del Matera, che ha diretto dalla panchina per la squalifica di Cadregari: «Un punto positivo. Il campo e il vento hanno condizionato tanto la partita e per noi sarebbe stato complicato creare gioco come facciamo di solito. Credo che vada bene così, perché le occasioni le abbiamo avute sia noi che loro. Il Catanzaro è una squadra viva, che lotta e che ha fame di punti e che per questo motivo può mettere in difficoltà chiunque». Ze Maria è soddisfatto della prestazione del Catanzaro, vedendo il bicchiere mezzo pieno nonostante la prestazione nient’affatto spumeggiante del Catanzaro: «Non abbiamo perso, non abbiamo preso gol, abbiamo creato tante occasioni. C’è stato annullata una rete, non abbiamo rischiato quasi mai e la squadra sta crescendo anche sul piano del gioco». Io penso positivo, sembra voler dire Ze Maria canticchiando il motivetto della canzone di Jovanotti, perché «siamo stati bravi a bloccare i loro esterni, il loro punto di

Stefano Morello

forza. Anche se poi nel secondo tempo la squadra si è stancata, abbiamo retto bene, nonostante il campo pesante. La squadra sta crescendo». Stefano Morello si presenta ai microfoni con lo sguardo di chi sa di aver mancato un gol più difficile da sbagliare che da segnare. Un biglietto da visita, nel Ceravolo deserto, che certamente non avrebbe voluto presentare: «La palla mi è sbucata davanti alla fine e il terreno non mi ha aiutato. Mi dispiace averlo sbagliato, non tanto per non aver segnato all’esordio, ma soprattutto per la squadra che avrebbe potuto incamerare tre punti». Un giudizio positivo, quello di Morello, sui suoi nuovi compagni, con cui ancora c’è da lavorare, fra le altre cose, sul piano dell’intesa: «Siamo una buona squadra; una squadra che corre, ma che ancora deve riuscire a verticalizzare di più senza far girare troppo la palla. Ancora però non conosco bene le loro caratteristiche: con Puntoriere e Ferrara facevamo gli stessi movimenti, ma penso che sia normale perché mi alleno con loro solo da quattro giorni».

Calci d’angolo: 6 a 5 per il Matera. Note. Recupero: 2’nel p.t. 4’ nel s.t. Spettatori: 250 circa (una decina provenienti da Matera). Giornata ventosa con pioggia a tratti; terreno pesante.

IL PROSSIMO TURNO

Catanzaro - Vibonese Fondi - Avellino Isola Liri - Campobasso Matera - Brindisi Melfi - Milazzo Neapolis M. - Vigor Lamezia Pomezia - Latina Trapani - Aversa Normanna


4

Stadio GialloRosso

redazione@stadiogiallorosso.it Settembre 2010

Stadio Giallorosso

Stadio Giallorosso

Il gol annullato a Beha

F O T O

Sarebbe stato il primo gol al Ceravolo

Giudicata attiva la posizione di Puntoriere L'urlo di gioia di Beha soffocato dalla bandiera del guardalinee

Boyomo contro Del Sorbo

Beha fra due avversari


Stadio GialloRosso

redazione@stadiogiallorosso.it Settembre 2010

Stadio Giallorosso

5

Stadio Giallorosso

Lorello ribatte di pugno

Lorello anticipa Gigliotti

Capicotto esce dopo 20' per un problema alla coscia

Ze Maria sprona i suoi

Catanzaro pericoloso su palla inattiva

C R O N A C A


6

Stadio GialloRosso

redazione@stadiogiallorosso.it Settembre 2010

Stadio Giallorosso

Stadio Giallorosso

Beha dopo la sostituzione

F O T O

Morello

Ferrara al tiro La cartellina di Di Pierro

Ciano su Alassani

Gigliotti


Stadio GialloRosso

redazione@stadiogiallorosso.it Settembre 2010

Stadio Giallorosso

7

Stadio Giallorosso

Morello ha sul piede la palla del vantaggio, ma la spreca malamente

Il socio Catalano in tribuna

Un difensore ospite anticipa di testa Ferrara

I tifosi del Matera

Un'azione confusa in area ospite sul finire di gara

C R O N A C A

Stadio GialloRosso  

Anno 2 nr. 37 Stadio Giallorosso Settembre 2010