Issuu on Google+

n. 14

Marzo 2009

euro

1,90

7

Corrado Calabrò

Iva, le nuove norme che permettono al contribuente di versare l’imposta dopo i pagamenti di Carmela Valente

Un giurista dal volto europeo con una spiccata vena poetica

Quando la cultura va al potere Il Garante per le Telecomunicazioni esempio di eccellenza e positività 9

12

4

Crediti minori

Professioni

Personaggio

Libri di testo quanto si risparmia a leggerli o consultarli on line

Maria Latella arriva da Reggio la direttrice di "A" e stella di Sky

E’ il momento di puntare sull’alta tecnica professionale

di Elida Sergi

di Nadine Solano

di Carmela Valente


News

2

Affitti, raddoppio in dieci anni Punte record a Roma e Firenze, più accessibile Torino

Affitti più che raddoppiati tra il 1999 e il 2008 con punte record a Roma e Firenze. È quanto emerge da uno studio elaborato da Cgil e Sunia secondo il quale i canoni di locazione in 10 anni sono aumentati in media del 130% ma a Roma e Firenze gli incrementi hanno raggiunto il 145%. Gli affitti più elevati sono a Roma e Milano. Nelle due città per un appartamento di 80 mq l’affitto mensile è di 2.300 euro in zona centrale e 1.200 euro in periferia. Anche a Firenze si

superano i 2mila euro al mese mentre a Bologna ne occorrono 1.800 per un alloggio in centro. Decisamente più accessibile Torino dove 80 mq centrali costano in media 850 euro, meno dei 1.200 di Napoli e dei 900 a Bologna. Per un monolocale a Roma occorrono in media 805 euro al mese, oltre mille euro per un bilocale nella capitale ma anche a Milano, Firenze e Bologna. Lo studio rileva che continuano a diminuire le compravendite sia nelle grandi città che nei centri minori e si allungano i tempi medi di transazione. Nel 2007 le transazioni sono state poco più di 800 mila, contro 845 mila dell’anno precedente e 833 mila del 2005. Questo trend fa aumentare la domanda di affitto per la maggiore difficoltà di accesso al credito’. Lo studio inoltre sottolinea che aumenta l’offerta di affitto a seguito degli investimenti degli ultimi anni e si riduce il gap tra domanda e offerta ma il livello dei canoni non si riduce.

Mobili ed elettrodomestici, detrazione del 20% Nuovo decreto-legge anticrisi. Tra le misure finalizzate a rilanciare i consumi, la detrazione dall’Irpef del 20% delle spese per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici, sostenute tra il 7 febbraio e il 31 dicembre 2009. Può usufruire del beneficio chi intende avviare lavori di recupero del patrimonio edilizio su singole unità immobiliari mediante Denuncia di inizio attività, usufruendo della detrazione del 36% (lavori di manutenzione straordinaria, ristrutturazione edilizia, restauro e risanamento conservativo). Lo sgravio fiscale si applicherà anche ai mobili e agli elettrodomestici. Il tetto massimo della spesa agevolabile è fissato a 10.000 euro, di conseguenza l’importo massimo della detrazione è di

2.000 euro da ripartire in dieci quote annuali da 200 euro ciascuna. Il bonus è cumulabile con la detrazione per la sostituzione di frigoriferi e congelatori.

Dal Fmi stime pessimiste serve più coordinamento Il Pil italiano viaggerà in negativo sia nel 2009 che nel 2010. Non basta. La crescita dell’economia mondiale nel 2009 sarà prossima al punto di arresto, con un aumento del Pil limitato allo 0,5%, il più basso livello del dopoguerra. A tagliare drasticamente le stime è il Fondo monetario internazionale, Fmi, che secondo le ultime bozze di revisione del World economic outlook, ha sensibilmente ridotto anche le previsioni per l’Italia, accreditata per quest’anno di un calo del Pil pari al 2,1%. Una stima ancora più pessimistica rispetto al calo del 2% recentemente previsto sia dalla Banca d’Italia sia dalla Commissione Ue. Un pessimismo che fra peraltro viene confermato dagli economisti di Washington anche per il 2010 con una crescita negativa dello 0,1% a fronte del +0,5% e del +0,3% previsti rispettivamente da via Nazionale e da Bruxelles. Il fondo ha tagliato le sue stime sulla contrazione economica nel 2009 nell’Eurozona, portandole a - 2% dal precedente 0,5% e quelle negli Usa, da 0,7% a 1,6%. Le nuove previsioni del Fondo, segnano anche una drastica revisione rispetto alle precedenti stime stilate nel mese di novembre dello stesso Fmi, che indicavano una crescita globale del 2,2% mentre per il 2010 la crescita globale dovrebbe rimbalzare al 3%

a fronte del 4,2% previsto in precedenza. Anche per l’Italia il - 2,1% dell’ultima bozza segna una drastica revisione al ribasso rispetto al 0,6%di novembre. Di tutto rilievo la contrazione dell’economia statunitense che quest’anno vedrà il Pil calare dell’1,6% a fronte del 0,7% della precedente stima Fmi per poi recuperare a un + 1,6% nel 2010. In brusca frenata anche il Giappone (- 2,6% nel 2009 a fronte del - 0,2% precedentemente stimato) e la Russia, che dal + 6,2% registrato nel 2008 a consuntivo quest’anno vedrà il Pil calare dello 0,7% a fronte del +3,5% stimato in precedenza. Secondo il direttore generale del Fmi, Dominique Strass Kahn, la priorità è restaurare la fiducia nelle banche, ha detto, anche se i piani di stimolo sono una componente importante per la ripresa economica ma "la priorità è restaurare fiducia nel sistema finanziario globale. Finchè non tornerà la fiducia, potremo iniettare quanti soldi vogliamo nell’economia, ma non avremo questa ripresa". C’è bisogno di uno sforzo coordinato, ha evidenziato il numero uno del Fmi, per stimolare l’economia globale e procedere con il deleveraging del sistema bancario. Carmela Valente

QUIECONOMIA Edizione Calabriacity Registrazione Tribunale di Catanzaro nr. 5 del 17/05/2007 EDITORE Cooperativa Millenaria Scarl Discesa Piazza Nuova, 19 88100 Catanzaro Tel. 0961.709626 - fax 0961.489109 DIRETTORE EDITORIALE Guido Talarico DIRETTORE RESPONSABILE Giuseppe Gangale AMMINISTRATORE E TRATTAMENTO DATI Carmela Valente

DIREZIONE E AMMINISTRAZIONE Discesa Piazza Nuova, 19 88100 Catanzaro Tel. 0961.709626 - Fax 0961.489109 redazionecalabria@calabriacity.it INIZIATIVE SPECIALI Mediatag Spa Loc Serramonda 88040 Marcellinara (Cz) Tel. 0961.996802 attendere e comporre il 4, fax 0961.903421 info@mediatag.it

CENTRO STAMPA Stiem,Viale dell’industria, n° 5 Fisciano (Salerno) DIFFUSIONE E ABBONAMENTI Media Services di Franco Arcidiacono & C. Sas mediaservicesrc@virgilio.it Tel. 0965.644464 fax 0965.630176

PUBBLICITA LOCALE E NAZIONALE COMMERCIALE Millenaria Scarl Discesa Piazza Nuova, 19 88100 Catanzaro Tel. 0961.709626 fax 0961.489109 RUBRICATA E SPECIALI Mediatag Spa Loc Serramonda 88040 Marcellinara (Cz) Tel. 0961.996802 attendere e comporre il 4, fax 0961.903421 info@mediatag.it


News

3 Al via la seconda edizione del premio giornalistico Barbiellini Amidei

Una scuola post-universitaria per formare la classe dirigente del futuro. E’ questo l’ambizioso progetto avviato dalla provincia di Vibo Valentia, in collaborazione con il comune capoluogo e l’Istituto Isfa/Reis. L’iniziativa nasce dalla considerazione che la Calabria sconta una notevole arretratezza determinata soprattutto dall’incapacità di selezionare e motivare una classe dirigente all’altezza. Da qui l’idea di allestire nel Vibonese una scuola di alta formazione, che consenta ai neolaureati più brillanti di approfondire le tematiche più rilevanti legate allo sviluppo della regione. I tre partner hanno costituito il Consorzio Laboratorio Calabria che promuoverà la realizzazione e il finanziamento del progetto attraverso l’utilizzo delle risorse messe a disposizione dal Fondo sociale europeo (Fse).

Arrivano nuovi dirigenti Il presidente della regione Agazio Loiero ha inaugurato nella sede dell’università Magna Grecia di Catanzaro il corso di formazione per i nuovi quarantancinque dirigenti regionali, vincitori del pubblico concorso conclusosi nei giorni scorsi. «È il primo che si fa da quando è nata la regione. Hanno partecipato in molti - ha detto il presidente Loiero rivolgendosi ai neo dirigenti ma avete vinto voi. Onore al merito in una regione dove spesso il merito viene messo da parte. Questi quarant’anni la nostra regione li ha vissuti sempre passando da un’emergenza all’altra, rendendo più problematico il suo percorso e costringendola a navigare sugli abissi. Ora, da parte vostra, desideriamo avere non solo la dedizione, ma un supplemento di impegno per una causa difficile».

Fino al 15 maggio sono aperte le iscrizioni alla seconda edizione del premio giornalistico Gaspare Barbiellini Amidei, rivolto ai giovani giornalisti sotto i 35 anni che abbiano saputo raccontare l’Italia e l’Europa contemporanee con gli occhi di chi si affaccia alla professione. Per il 2009 il premio è rivolto ai servizi giornalistici pubblicati o trasmessi su testate italiane e della Svizzera italiana tra il primo gennaio 2008 e il 15 maggio 2009, che abbiano riguardato: "L’Italia e l’Europa al tempo della crisi: vivere e sopravvivere tra attesa e cambiamento". La giuria valuterà: il miglior articolo pubblicato su quotidiani, periodici e web; il miglior servizio

radio-televisivo trasmesso da emittenti locali e nazionali. Nella giuria figurano nomi prestigiosi del giornalismo e della cultura, tra i quali Claudio Magris (scrittore), Massimo Nava (Corriere della Sera), Gianni Riotta (Tg1), Carlo Verdelli (La Gazzetta dello Sport), Andrea Vianello (Rai Tre), Giuseppe Mascambruno (La Nazione) e Ferruccio de Bortoli (Il Sole 24 Ore) come Giurato speciale per l’Edizione 2009. Tutta la Giuria sul sito www.barbielliniamidei.it. Il premio giornalistico dedicato alla memoria e all’impegno di Gaspare Barbiellini Amidei è nato nel 2008 sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica,

con il patrocinio dell’Ordine nazionale dei giornalisti, dell’ordine dei giornalisti del Lazio, della Federazione nazionale stampa italiana, dell’Associazione Ticinese dei Giornalisti e della Città di Lugano, con l’obiettivo di incoraggiare un giornalismo libero, innovativo e di qualità. Innovative le modalità di partecipazione al premio, interamente on line attraverso il sito www.barbielliniamidei.it. La cerimonia di consegna si svolgerà all’Isola d’Elba, tra luglio e agosto 2009, in collaborazione con il Premio letterario Isola d’Elba Raffaello Brignetti, il comune di Marciana e l’Apt dell’arcipelago toscano.

Eurispes, disoccupazione e lavoro precario giovani in difficoltà Molti disposti a lasciare la Calabria o a lavorare in nero Nuovi preoccupanti dati dall’Eurispes Calabria. Oltre 65 mila giovani sono disposti a lasciare la Calabria. Il 18,7 per cento lavorerebbe in nero. La maggior parte si sacrificherebbe anche di notte. Molte le difficoltà a trovare un’occupazione stabile dopo il percorso formativo. E, intanto, un giovane calabrese su due resta precario. Confrontando i valori assunti dai principali indicatori del mercato del lavoro (tasso di occupazione e tasso di disoccupazione), fra le regioni italiane viene confermata la debolezza del mercato del lavoro delle regioni del Mezzogiorno (Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna) rispetto alla media italiana. Considerando il tasso di disoccupazione, nel terzo trimestre 2008, nelle aree del Sud si attesta all’11,1%, quasi il doppio di quello medio italiano, pari al 6,1%. In termini di variazione, rispetto allo stesso periodo del 2007, aumenta di quasi un punto percentuale, +0,8, mentre in Italia l’incremento risulta più contenuto, +0,5 punti. Per quanto riguarda la Calabria, si posiziona al penultimo posto della graduatoria del tasso di occupazione più basso d’Italia, con il 43,6%, subito dopo la Campania con il 43,3% e con uno scarto rispetto al dato medio nazionale (59%) di ben 15,4 punti percentuali. Analizzando in profondità il fenomeno della disoccupazione in relazione all’età è possibile osservare come soltanto il Mezzogiorno presenta un tasso di disoccupazione giovanile (giovani compresi tra i 15 e i 24 anni di età) al di sopra della

media nazionale (32,3% vs 20,3% con una differenza di ben 12 punti percentuali). La Calabria conferma la difficile situazione del lavoro giovanile con quasi un terzo, il 31,6%, di disoccupati. È stato chiesto ai giovani calabresi la loro disponibilità a trasferirsi per motivi di lavoro in altri luoghi. Una domanda rivolta alle nuove generazioni calabresi sia per rilevare le difficoltà di trovare un lavoro stabile in Calabria e sia per misurare il livello di aspettative rispetto al mercato del

www.aste.eugenius.it

lavoro regionale. I dati non lasciano spazio ad alcun dubbio: oltre il 13% dei giovani calabresi si dice pronto a lasciare la Calabria alla ricerca di un’occupazione stabile o più gratificante. i giovani calabresi mostrano qualche remora solo al trasferimento fuori dall’Europa. Non vi sono differenze tra maschi e femmine, nè per i diversi titoli di studio. Circa il 18,7% degli intervistati da Eurispes Calabria dichiara che accetterebbe qualsiasi remunerazione, anche in nero.


Il personaggio

4

«Avvocato, mestiere in balìa delle regole del merato» Parla Antonella Prestia, alla sua prima esperienza nel consiglio dell’Ordine di Catanzaro di Carmela Valente

L’avvocato Antonella Prestia è oggi alla sua prima esperienza nel consiglio dell’Ordine degli avvocati di Catanzaro, in un periodo in cui anche una professione liberale come quella dell’avvocato si vede costretta a misurarsi con le regole e le esigenze del mercato. Avvocato Prestia come sta incidendo la globalizzazione sulla professione forense? «Il fenomeno della globalizzazione nella sua complessità ha inciso sulla nostra professione sicuramente sotto più profili e diverse dovrebbero essere le riflessioni. In ogni caso nessuna di queste può prescindere, a mio parere, dalla constatazione di come l’antico mestiere dell’avvocato, mediatore necessario di svariati processi sociali, sia profondamente mutato, e ciò nel senso che nell’ambito del processo di bilanciamento tra interesse sociale ed interesse privato

Nell’ambito del process di bilanciamento tra interesse sociale e interesse privato l’avvocato non è più chiamato ad affermare i diritti di difesa ma a rispondere alla committenza

l’avvocato non è più chiamato ad affermare quei diritti di difesa - diritti senza tempo, baluardi di libertà astratte universalmente condivise, ma piuttosto sempre più a rispondere alle esigenze della "committenza". Il servizio legale si presenta sempre di più come merce di scambio variabile per qualità e prezzo, merce soggetta al gioco brutale delle regole del mercato. L’avvocato è poi chiamato a rispondere ad esigenze settoriali che richiedono specializzazioni sempre più raffinate, dunque la macchina di produzione del "servizio legale" - perché ormai in termini di servizio si discute non si identifica più con il sapere consolidato dell’esperienza dell’avvocato artigiano, piuttosto si identifica nel frutto di un’organizzazione complessa di conoscenze specializzate e diverse e di un’interpretazione di saperi complementari. E ciò al fine di fornire "velocemente" un prodotto di qualità capace di concorrere con quello di parte avversa. Non può quindi sottacersi come siano tramontati anche i tradizionali itinerari di costruzione della clientela: conta anche in ciò il gioco brutale della competizione che irrompe su una platea crescente di utenti ai quali viene illustrata la convenienza del servizio. Come vede uso dei termini che sino a poco tempo fa erano inimmaginabili per dire della nobile professione intellettuale quale quella forense, ma è venuto il tempo in cui non si può disconoscere o, ancora peggio rifiutare, tale nuova dimensione».

L'avvocato Antonella Prestia

E sotto il profilo tecnico? «Anche sotto tale profilo l’avvocato si è visto e si vede costretto a fornire una consulenza diversa in quanto anche nella nostra realtà è divenuto centrale lo scambio economico, e dunque il contratto, a scapito della proprietà immobiliare e dei diritti rea-

li. È conseguentemente cambiato il tipo di contenzioso da affrontare. Sempre più raramente si controverte sulla proprietà, sempre più di frequente oggetto dei giudizi è il contratto. Ma se questa trasformazione si era prodotta in passato molto lentamente (oggi possiamo dire che si è

Lo studio e la sua attività L’Avvocato Antonella Prestia esercita la professione forense dal 1995, si specializza in diritto civile presso l’università Magna Grecia di Catanzaro e frequenta poi un Master di alta formazione in contratti d’impresa, perché considera la centralità del ruolo dell’impresa all’interno del sistema economico nazionale e la conseguente importanza della corretta applicazione del diritto attraverso uno dei suoi principali strumenti L'avvocato Prestia al lavoro con la dottoressa Grande

quale è il contratto. Nello svolgimento dell’attività professionale si avvale del valido contributo di due dottori commercialisti, Giovanna Grande e Maurizio Toraldo, con cui divide anche lo studio: affrontare le tematiche relative all’impresa insieme porta a conseguire risultati piu’soddisfacenti. Studio legale commerciale avv. Prestia, dott.sa Grande, dott. Toraldo - Via Acri 95, 88100 Catanzaro. Info: 0961727888.


Il personaggio

5 quasi completamente realizzata), il tratto saliente degli ultimi anni è il rapido mutamento, non tanto dell’oggetto del giudizio - il contratto - ma delle problematiche giuridiche ad esso connesse. Nella prassi commerciale, non solo in quella tra le imprese, ma anche in quella tra imprese e consumatori, si registra un rapido allontanamento dall’uso del contratto tipico regolato dal codice civile per approdare a figure contrattuali non disciplinate espressamente dalla legge. Nel primo caso alla specificità della regolamentazione corrisponde la rigidità dello scambio cui corrisponde una non perfetta economicità dello stesso. Nel secondo caso, la mancanza di apposita disciplina comporterebbe il vantaggio della sua flessibilità e conseguentemente, secondo le teorie economiche che stanno alla base dei processi di globalizzazione, un vantaggio economico per le parti e per il sistema nel suo complesso. Il rischio connesso all’uso di tale ultimo tipo di contratto è la incertezza giuridica che può derivarne durante l’esecuzione del contratto, incertezza che l’operatore giuridico è chiamato a risolvere. Capirà che non basta più soltanto, l’aggiornamento professionale, ma un vero e proprio cambio culturale nel modo di affrontare la professione». Anche da noi l’avvocato americano ? «Magari le cose non staranno proprio così, ma se si considera che negli ultimi anni è venuta meno la rigida separazione tra sistemi positivistici fondati essenzialmente sulla legge scritta- come il nostro e sistemi di common law, quale quello americano, in cui prevale il ruolo di altri formanti giuridici diversi dalla legge, risulterà evidente che il modo di esercitare la professione di avvocato tipicamente americano in certa misura diventerà anche il nostro». Può fare qualche esempio?

Il palazzo di Giustizia a Catanzaro

«In un sistema tipicamente giuspositivistico quale quello delineato dal nostro codice civile del 1942, davanti ad un contratto "tipico" (ed esempio una compravendita) l’operazione tecnica da compiersi è pressoché limitata all’inquadramento del fatto (ad esempio un difetto della cosa venduta) nella fattispecie giuridica di riferimento che stabilisce le conseguenze e i rimedi). Oggi però sempre più frequentemen-

te al fine di agevolare gli scambi commerciali, si ricorre a forme contrattuali atipiche non disciplinate dal codice. In tali casi la difficoltà risiede nell’individuare gli istituti giuridici cui fare riferimento. Poiché tali contratti non sono inquadrabili in una singola fattispecie, ma presentano tratti comuni con diverse figure contrattuali, oppure come spesso accade non è inquadrabile in alcuna figura contrattuale tipica, ecco che entrano in gioco non più le singole norme ma i principi generali. In quanto generali tali principi sono ontologicamente flessibili, quindi l’indagine che l’interprete è chiamato a compiere diventa più complessa. Non più quindi un lavoro quasi meccanico di incasellamento del fatto in una norma, ma uno studio a più ampio spettro che coinvolge situazioni un tempo trascurate quali ad esempio la volontà dei contraenti e il loro comportamento durante lo svolgimento delle trattative, e nell’adempimento delle obbligazioni nascenti dal contratto. In questo nuovo contesto per l’avvocato diviene fondamentale non più e non solo la sua preparazione tecnica, ma anche la sua formazione culturale, la sua sensibilità». Questo cambiamento sta avvenendo anche in Calabria ? «È certamente anche da noi il momento di puntare sull’alta tecnica professionale. Del resto è stato lo stesso Consiglio nazionale forense che poco più di un anno fa ha disciplinato in modo più incisivo e pregnante la formazione della categoria forense. Il Cnf ha avvertito da un lato

l’urgenza di garantire competenza e professionalità dei propri iscritti, dall’altro la necessità di continuità nella formazione e costanza nell’aggiornamento, e questo con l’obiettivo di assicurare non solo più elevata qualità della prestazione professionale, quanto adeguato contatto con il diritto vivente, soprattutto in presenza di un sistema normativo complesso e di una produzione giurisprudenziale sempre più numerosa e sofisticata. Ma non può parlarsi di formazione e prestazione eccellente, a mio parere, prescindendo dalla integrazione con altri saperi. Come si può fornire consulenza alle imprese senza tenere in conto l’impatto fiscale di una scelta aziendale? Si impone quindi quasi una rivoluzione culturale ed a mio avviso la presenza femminile, quantitativamente crescente, potrebbe svolgere un importante ruolo, le donne potrebbero dimostrare di essere più pronte alla navigazione, come hanno sempre dimostrato di saper viaggiare verso modi e stili diversi, e per dirla alla Baricco, "necessita una mutazione nell’ambito della quale vi può essere anche la possibilità di navigare nella corrente che ci porta nella nuova dimensione portando con noi i valori in cui crediamo non dalla mutazione ma nella mutazione". In un periodo di grande cambiamento la tentazione diffusa in particolar modo nella nostra terra è di difendere a spada tratta il ruolo storico dell’avvocato contro questa nuova dimensione che appare senza cultura né storia. A mio parere, questo atteggiamento non permette di cogliere come sia in atto una mutazione».


Imprese

6 De Rose soddisfatto per Banca di garanzia «Il sistema Confindustria da tempo ha messo sotto osservazione l’aumento delle difficoltà nel rapporto banche-imprese, soprattutto per l’accesso al credito per nuove iniziative. ’’Ecco perche’ conclude Umberto De Rose - insistiamo tanto nel chiedere interventi urgenti per una politica economica a sostegno dell’economia nazionale e locale». In riferimento alla costituzione del comitato promotore della Banca di Garanzia da parte della Camera di com-

mercio di Cosenza, dell’Amministrazione provinciale di Cosenza, del comune di Cosenza e della fondazione Carical, il presidente degli Industriali calabresi, Umberto De Rose, ha espresso tutto il suo compiacimento per la validità dell’iniziativa. «Il progetto che stanno portando avanti i presidenti Giuseppe Gaglioti della Camera di Commercio, Mario Oliverio della Provincia di Cosenza e Mario Bozzo della Fondazione Carical sarà sostenuta dal siste-

ma Confindustria perchè va nella direzione di creare una realtà capace di sostenere l’impresa e di dare forza e stimolo reale al sistema economico, facilitando l’accesso al credito soprattutto per le piccole e medie imprese». «In un panorama finanziario tra i più turbolenti della storia la Banca di Garanzia - continua il presidente De Rose - rappresenta una sfida in cui credere ed impegnarsi perchè si tratta di strumento di garanzia innovativo ed efficace».

Tra Calabria e Toscana l’intesa è produttiva Per le nostre imprese appuntamento a Firenze ediaDaniele Siena il 25 aprile e ilpubblicato 3 maggio Tosatti sul sito internet di Crescono e diventano sempre più produttivi la collaborazione e gli scambi tra la Calabria e la Toscana su diversi fronti. E si rafforzano anche i legami con le associazioni dei calabresi che vivono in Toscana: ne è testimonianza l’inaugurazione, da parte dell’assessore alle attività produttive Francesco Sulla, dell’evento ’’Specchio magico’’ Antonio Carracci e Mimmo Rotella: un confronto. La mostra è appunto un confronto dedicato alla bellezza femminile, i cui artefici sono due grandi maestri italiani del passato e della nostra contemporaneità. Il messaggio è chiaro: l’arte unisce territori e tempi. L’assessore Sulla ha lavorato a Firenze per mettere a punto il programma di scambi a favore delle imprese delle due regioni. Sono state confermate le date (25 aprile e 3 maggio) dell’evento ’’Gusto di Calabria’’ a Firenze e Siena ed il bando per l’iscrizione delle aziende calabresi (agroalimentari, artigianali e della moda) è

Unioncamere Calabria (www.unioncamere-calabria.it). Oltre alla parte commerciale, ’’Gusto di Calabria’’ sosterrà anche l’impegno solidale della Toscana verso le imprese calabresi colpite dal racket. Novità anche sul versante dell’innovazione e del trasferimento tecnologico con l’inserimento della Calabria nel programma internazionale della rete Erik. Sulla sponda dell’internazionalizzazione e cooperazione mediterranea con l’intervento Inpromed si punta ad avviare le due regioni all’apertura nel 2010 dell’area di libero scambio nel Mediterraneo. Sul fronte della legislazione si cercherà, invece, di trasferire la buona pratica dei distretti industriali toscani nella realtà calabrese. Sull’aspetto del sostegno alle piccole e medie imprese verrà sviluppato il sistema del microcredito orientato e assistito (già realizzato positivamente in Toscana) legato ai requisiti della responsabilità sociale dell’impresa.

Confindustria: Mezzogiorno più fragile Di fronte alle forti difficoltà che la crisi economica e finanziaria sta producendo su scala internazionale, il Mezzogiorno si presenta ancora con il suo pesante fardello di problemi irrisolti. E se fino a qualche tempo fa uno scarso inserimento di questa parte del paese nell’economia globale la teneva parzialmente al riparo dagli eventi negativi esterni, oggi la "protezione" è meno attiva e l’intreccio fra perduranti problemi strutturali e la crisi globale rende l’economia

meridionale più fragile ed esposta. Questo è il messaggio che emerge dal check up Mezzogiorno, una guida aggiornata alla lettura dei principali indicatori economici e sociali territoriali, curata dal Comitato Mezzogiorno di Confindustria e dall’Ipi (Istituto per la promozione industriale). In effetti il divario, misurato in termini di Pil pro-capite rispetto al Centro-Nord, oltrepassa i 42 punti percentuali e nel confronto con gli altri paesi europei il reddito per

abitante del Sud è superato ormai non solo da Spagna, Grecia e Portogallo, ma anche da alcuni paesi di nuova adesione come Repubblica Ceca, Slovenia, Malta e Cipro. E, ancora: rimane forte il flusso migratorio del Mezzogiorno (annualmente, il 2 per mille della popolazione) e gli investimenti esteri non solo non crescono, ma sono addirittura in calo. Infine, resta invariato il divario infrastrutturale, fermo a 25 punti al disotto della media nazionale.


Imprese

7

Iva, modifica dell’esigibilità Le nuove norme permettono al contribuente di versare l’imposta dopo i pagamenti bando la commissione di massimo scoperto, che è una percentuale, sulla massima esposizione avuta sul conto corrente durante il trimestre di riferimento e si aggiunge agli interessi convenzionali. La commissione di massimo scoperto è motivata dal fatto che il fido bancario ha natura onerosa per l’istituto di credito. In sostanza, la provvigione di conto remunera la banca per il semplice fatto di tenere impegnata e a disposizione una certa somma anche se non prelevata dal cliente. In virtù di tale decreto le banche sono obbligate ad offrire una commissione alternativa per per-

di Carmela Valente

Il Dl 185/2008, meglio conosciuto come decreto anti crisi, introduce alcune importanti novità a sostegno di famiglie ed imprese fra cui la modifica del momento di esigibilità dell’Iva, ossia la così detta "Iva per cassa", che permette al contribuente di versare l’imposta solo dopo aver ottenuto il pagamento del corrispettivo da parte del cessionario e l’eliminazione della commissione di massimo scoperto sui conti correnti bancari in rosso per un periodo continuativo non superiore a un mese. La modifica riguardante l’esigibilità dell’Iva per le imprese che ne potranno beneficiare por-

terà ad un contestuale differimento del diritto a detrazione da parte del cessionario/committente sino all’effettuazione del pagamento. Poiché l’Iva è detraibile quando diventa esigibile, e a sua volta l’esigibilità è fatta coincidere con il momento di effettuazione dell’operazione, allora identificare l’esigibilità con il pagamento del corrispettivo porta a procrastinare la detrazione sino all’atto del materiale pagamento alla controparte commerciale, eliminando l’attuale possibilità di liquidare l’imposta a credito anche senza aver provveduto a saldare la fattura. Con la conversione in legge del Dl anticrisi viene anche messa al

Introdotta anche l’eliminazione della commissione di massimo scoperto sui conti correnti bancari in rosso per un periodo continuativo non superiore a un mese mettere al consumatore di scegliere l’opzione più conveniente, ed hanno deciso di offrire commissioni commisurate all’importo dell’affidamento accordato e ai giorni di permanenza dello stesso, oppure commissioni di mancato utilizzo delle somme parcheggiate dalle banche a favore del cliente. Alle famiglie deve essere data

un’informazione dettagliata e trasparente, con l’indicazione periodica del costo sostenuto per il fido concesso, comprensivo degli interessi debitori, raffrontata con il costo che sarebbe derivato dall’applicazione di eventuali commissioni alternative. Gli istituti di credito, in qualità di professionisti, secondo l’Autorità avrebbero posto in essere nell’ultimo anno pratiche commerciali scorrette. In particolare la condotta è consistita: nell’applicazione della commissione di massimo scoperto oltre i limiti dell’affidamento, nell’applicazione della commissione riferita agli utilizzi di somme oltre la disponibilità del conto corrente da parte di clienti titolari di conti sui quali non erano operativi affidamenti. Tutto ciò "senza che il consumatore fosse informato sulle diverse tipologie di commissioni e la ratio che le contraddistingue; sulle modalità di calcolo,con particolare riguardo al criterio di individuazione del massimo saldo debitore. Secondo la nuova norma inserita nel Dl 185 del 2008 i contratti di affidamento già in corso che prevedono la commissione di massimo scoperto devono essere adeguati entro 150 giorni dall’entrata in vigore della legge di conversione. La norma prevede infatti che le commissioni sono nulle "se il saldo del cliente risulti a debito per un periodo continuativo inferiore a trenta giorni" o se percepite "a fronte di utilizzi in assenza di fido".

Questionario per valutare gli effetti della crisi La Società per gli studi di settore (Sose) dallo scorso 5 febbraio ha messo a disposizione delle imprese, un questionario con le relative istruzioni alla compilazione, diretto a raccogliere informazioni utili ad analizzare lo stato di crisi che gli operatori economici hanno vissuto nel 2008 e a individuare, quindi, i necessari correttivi da apportare agli Studi di Settore, che saranno applicabili già per l’anno 2008. La compilazione e l’invio del questionario, che è comunque volontario e non obbligatorio, devono essere effettuati, anche in forma anonima, direttamente on-line (all’indirizzo internet www.sose.it) fino al 5 marzo. La raccolta di tali dati è funzionale all’attuazione di quanto previsto dal cosiddetto "decreto anti-crisi", in base al quale, in considerazione degli effetti dell’attuale crisi economica e dei mercati, e con riferimento a determinati settori o aree territoriali, gli Studi di Settore attualmente in vigore possono essere integrati, sentito il parere della Commissione degli Esperti, con apposito decreto del Ministro dell’Economia e Finanze.

Il 13 marzo Confindustria in collaborazione con l’Ispat, l’Agenzia turca per l’attrazione degli investimenti, organizza una Country presentation sulle opportunità di investimento in Turchia. La Turchia è un ponte strategico che fornisce l’accesso a circa 1.2 miliardi di potenziali clienti in Europa, Asia Centrale, Medio Oriente e Africa del Nord. Negli ultimi quindici anni, ha avuto uno sviluppo sostenuto che l’ha trasformata in un paese aperto agli scambi con l’estero e sempre più vicino ai modelli occidentali. La Turchia, oltre a rappresentare un fondamentale mercato di sbocco, in particolare, per le forniture "Made in Italy" di beni strumentali, è caratterizzata da un sistema industriale compatibile con quello italiano. L’evento è finalizzato ad approfondire anche gli strumenti nazionali a favore degli investimenti esteri. Le aziende e associazioni interessate a partecipare possono inviare la scheda di adesione all’Area Politiche industriali, Europa e Internazionalizzazione di Confindustria (d.ssa Chiara Bartoli, tel. 065903546, e-mail: c.bartoli@confindustria.it).


Mutui

8 Polizze vita, partono i primi controlli dell’Isvap Avviata dall’Isvap l’indagine sulle polizze vita a interesse predeterminato. L’Authority avrebbe infatti messo sotto osservazione il fenomeno in voga dei contratti "con specifica provvista di attivi" che negli ultimi tempi, secondo stime di mercato, sarebbe giunto a rappresentare il 50%-60% della nuova raccolta del ramo I del settore vita. L’Isvap ha acceso i riflettori pur senza inviare alle compagnie una specifica richiesta di informa-

zioni; sotto esame il flusso di dati ricevuto entro gennaio dalle imprese, relativo agli attivi a copertura delle polizze collocate fino al 31 dicembre. Le polizze con specifica provvista di attivi sono dei prodotti assicurativi con cui le compagnie retrocedono agli assicurati buona parte delle cedole relative ad un bond (o ad un portafoglio di un bond) da esse detenute. Le società trattengono solo una parte del rendimento a garanzia di

eventuali rischi di default dell’obbligazione. Questi contratti sono generalmente vantaggiosi per gli assicurati ma, secondo l’Authority, le compagnie starebbero prendendo rischi eccessivi. Per verificare che le esposizioni non siano eccessive l’Authority ha avviato il monitoraggio dei flussi dei dati che le imprese hanno inviato entro gennaio relativo agli attivi a copertura delle polize.s.

Il bonus di aiuti per le famiglie adesso è aperto anche ai disabili Una circolare delle Entrate stanzia mille euro per chi ha un reddito al di sotto dei 35mila L’aiuto spetta, per redditi fino a 35mila euro, in tutti i casi in cui il coniuge, un figlio o un altro familiare del richiedente sia portatore di handicap. A mettere i puntini sulle "i" una circolare delle Entrate (la numero 2 del 3 febbraio), con cui si forniscono ulteriori importanti chiarimenti sul beneficio fiscale. Naturalmente rimane la soglia di 35 mila euro di reddito del nucleo familiare ma la novità riguarda il fatto che il bonus sarà concesso a qualsiasi membro della famiglia portatore di handicap (e non più solo al figlio). Nessun beneficio doppio per i genitori separati o divorziati o non coniugati; non è possibile far parte di più di un nucleo familiare. Il principio vale per tutti: richiedente, coniuge, figli e altri familiari. Pertanto, i figli a carico di un solo genitore possono partecipare solo al nucleo familiare di quello, mentre i figli a carico di entrambi i genitori possono comparire, ai fini della fruizione del beneficio, nel nucleo di uno soltanto dei genitori. Stesso discorso per gli altri familiari: un genitore a carico di due figli, ad esempio, può rientrare nel nucleo di un solo figlio. Il principio generale comporta anche

che chi è a carico di un altro soggetto non può a sua volta richiedere autonomamente il bonus. La circolare ricorda che può richiedere il bonus chi, nel 2008, ha posseduto soltanto: redditi di lavoro dipendente,redditi di pensione o determinati redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente (compensi percepiti da soci di cooperative di produzione e lavoro, redditi derivanti da rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, remunerazioni dei sacerdoti, compensi percepiti da soggetti impegnati in lavori socialmente utili, assegni periodici corrisposti dall’ex coniuge). Il richiedente, in aggiunta, può essere titolare anche di redditi fondiari, ma questi ultimi, nell’intero nucleo familiare (sommati cioè agli eventuali redditi fondiari degli altri componenti), non devono superare il tetto di 2.500 euro. Il bonus non spetta se si possiedono soltanto redditi fondiari e non anche una o più delle tipologie di reddito su indicate. Il bonus può essere richiesto una sola volta facendo riferimento alla situazione familiare e reddituale del 2007 o a quella del 2008.il termine ultimo per l’erogazione del bonus è il 31

L’Italia a rate vista dall’Eurispes: il 66,1% non arriva a fine mese Il Rapporto Italia 2009 dell’Eurispes parla chiaro: due cittadini su tre non riescono a fronteggiare tutte le spese e si indebitano per pagare i debiti. E’ la preoccupante realtà della situazione economica che imperversa l’Italia e che mette in ginocchio numerose famiglie. Da un lato ci sono due italiani su tre che faticano ad arrivare a fine mese e dall’altra parte aumentano le famiglie che contano su un capitale superiore al milione di euro. Rimane quindi costante la si-

tuazione percepita dalla maggior parte degli italiani che si lamentano della crisi economica che non permette loro di arrivare alla quarta settimana ( 66,1% degli italiani.). Se da una parte c’è chi vive con il problema far quadrare i conti a fine mese, solo una famiglia su tre riuscirebbe a risparmiare qualcosa (33,4%) e le disuguaglianze all’interno del Paese si fanno più forti: nel 2006 le famigli italiane che potevano contare su un capi-

tale superiore ad un milione di euro erano 359mila, ma nel giro di pochi anni, addirittura l’anno prossimo secondo gli esperti, potrebbero arrivare a 712mila. Sempre il rapporto Eurispes dichiara che solo una famigli su tre riesce a risparmiare qualcosa e il credito al consumo diventa l’unica soluzione possibile. Sono infatti aumentati del 1o per cento gli italiani che per acquistare beni e servizi hanno optato per un finanziamento.


Crediti minori

9 Sicurezza domestica prevenire è meglio

Corre sul Web la campagna di prevenzione Inail per la sensibilizzare dei lavoratori domestici rispetto al tema dell’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni. E’ nato infatti di recente su Msn il primo "mini sito", che propone aggiornamenti, normative e informazione, ma anche tanto spazio, dedicato alla condivisione e all’interazione, in pieno spirito Msn e Windows Live. Dalla homepage, infatti, si può accedere direttamente al blog, creato con Windows Live Spaces. Una vera e propria community, dove potersi esprimere liberamente sugli argomenti più vari a partire, ovviamente, dalla sicurezza fino ad abbracciare le diverse problematiche delle casalinghe. Il tutto corredato da video, suoni e immagini. Al termine del progetto tutti i messaggi e i contributi degli utenti verranno pubblicati anche sul sito www.inail.it. In attesa di elaborare i dati sul numero di casalinghe che hanno rinnovato l’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni domestici entro il 31 gennaio, l’INAIL diffonde intanto i dati sull’andamento generale dell’assicurazione. In Italia le persone soggette all’obbligo assicurativo perché svolgono in via esclusiva l’attività’ di cure domestiche sono, secondo le stime dell’INAIL, poco più di 5 milioni; ad oggi le persone assicurate sono meno della metà ( 2.160.082), anche se il loro numero si e’ raddoppiato rispetto al 2001, quando e’ entrata in vigore la legge che ha reso obbligatoria l’assicurazione. L’assicurazione, che a suo tempo venne salutata come un doveroso riconoscimento del valore, anche economico, dell’attività’ svolta in casa dalle donne, costa 12,91 euro l’anno, interessa i soggetti tra i 18 e i 65 anni e copre con una rendita la morte dell’assicurato e l’inabilita’ permanente di almeno il 27% riportata a seguito degli infortuni avvenuti in casa. L’ambiente domestico infatti e’ fonte di pericoli nei quali incorrono ogni anno oltre 3 milioni di persone, di cui il 60% donne.

Con la consultazione online dei libri di testo il risparmio sbarca in tutte le scuole italiane Per limitare la spesa a carico delle famiglie continuare il comodato d’uso gratuito e la possibilità di noleggio di Elida Sergi

L’istruzione costerà e peserà meno. La rivoluzione tecnologica entra a scuola con una Circolare ministeriale. Tra i principali cambiamenti introdotti dalla disposizione ministeriale, oltre al mantenimento per 5 anni dei testi, anche l’utilizzo di testi digitali come complemento ai programmi formativi. La circolare appena emanata dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca prevede dunque alcuni cambiamenti nella scelta dei libri di testo da parte dei docenti delle scuole di ogni ordine e grado per il prossimo anno scolastico: a fianco del tradizionale libro a stampa le scuole potranno scegliere testi scaricabili in tutto o in parte da internet. Le scelte, inoltre, non potranno essere cambiate per almeno 5 anni nella scuola primaria e 6 in quella secondaria. Rimane, comunque, la possibilità per gli editori di integrare i testi con appendici di aggiornamento, se ne-

cessario in relazione a modifiche dei programmi di insegnamento. Per limitare al massimo la spesa a carico delle famiglie le scuole potranno continuare a ricorrere al comodato d’uso gratuito e al noleggio dei testi scolastici. Per limitare al massimo la spesa a carico delle famiglie le scuole potranno continuare a ricorrere al comodato d’uso gratuito e al noleggio dei testi scolastici. L’adozione dei testi dovrà essere effettuato entro il 15 aprile 2009 per le classi di scuola secondaria di primo grado (scuole medie) ed entro la fine di maggio 2009 per tutte le classi di scuola primaria (scuola elementare) e secondaria di secondo grado (scuola superiore). La scadenza è invece fissata al 31 marzo per tutte le classi in cui sono presenti alunni con disabilità visiva. Riconfermato l’utilizzo delle cedole librarie per le famiglie a basso reddito. I libri di testo saranno dunque gratuiti

per tutti gli alunni delle scuole elementari e vengono forniti attraverso la consegna di cedole librarie. Per gli studenti delle scuole medie e dei primi due anni delle scuole superiori appartenenti a famiglie meno abbienti è invece possibile richiedere borse di studio e rimborsi parziali della spesa sostenuta per l’acquisto dei libri. A questo fine, le risorse finanziarie disponibili, assegnate complessivamente alle amministrazioni comunali, sono pari a euro 103.291.000 per i rimborsi da erogare alle famiglie e a euro 154.937.070 per le borse di studio agli alunni in obbligo scolastico. Con un decreto che sarà emanato in tempi brevi dopo la riforma vvoluta dal ministro dell’istruzione Maria Stella Gelmini saranno definite le caratteristiche tecniche e tecnologiche dei libri di testo che sarà possibile consultare online e i tetti di spesa per ciascuna classe di scuola secondaria di primo e di secondo grado.


Agricoltura e artigianat

10

Al via l’edizione 2009 di Oscar green Un premio per le imprese agricole più innovative Coldiretti Giovani Impresa ha aperto la terza edizione del concorso Oscar Green, che premia gli imprenditori che hanno saputo innovare la propria impresa e l’agricoltura italiana. Il premio si rivolge a tutti gliimprenditoriagricolie agroalimentari, singoli o associati operanti sul territorio nazionale e di qualsiasi età che abbiano sviluppato un’idea innovativa, in grado di testimoniare il contributo offerto dall’agricoltura alla società in termini di valore, sicurezza, fiducia e qualità della vita. L’originalità delle idee imprenditoriali dovrà riflettersi in una delle 6 categorie del premio: Stile e cultura d’impresa, Sviluppo locale, Energia per il futuro, Esportare il territorio, Oltre la filiera, Campagna amica. Coldiretti Giovani Impresa intende premiare le nuove

di Daniele Tosatti

idee in agricoltura, valorizzando quelle imprese che si sono maggiormente distinte in progetti innovativi e che possono fungere da modelli per gli altri imprenditori. Donato Fanelli, delegato nazionale dei giovani di Coldiretti, nell’invitare tutti coloro chehannoosatoecambiato la propria azienda per trasformare il proprio sogno imprenditoriale in realtà a partecipare all’Oscar Green

2009, ricorda come le oltre 600 imprese che hanno concorso nelle edizioni precedenti rappresentino "le facce del vero Made in Italy", quelle imprese che ogni giornooffronosicurezza e qualità ai cittadini consumatori.Perpartecipare a Oscar Green 2009 èpossibilerivolgersialle federazioni Coldiretti oppure cliccare sul sito http://www.coldiretti.it. C’è tempo fino al 31 marzo per iscriversi.

Alla Fruit logistica di Berlino successo per il made in Calabria Grande successo per le imprese calabresi alla Fruit logistica 2009 di Berlino, la più grande fiera mondiale del comparto ortofrutticolo, che ha chiuso i battenti lo scorso febbraio. Lo stand della regione Calabria ha ospitato le migliori produzioni locali: dodici Op (organizzazionideiproduttori) e i consorzi per la tutela

Credito, per le pmi è ormai una chimera

della cipolla rossa di Tropea e delle clementine di Calabria sono riusciti a ottenere numerosi contatti commerciali, che torneranno utili per l’internazionalizzazione dei nostri prodotti. Con la cipolla rossa e le clementine, molto apprezzate - si legge in un comunicato - anche le produzioni di fragola, lattuga, kiwi, divenute per il

mercato agricolo calabrese punto di riferimento economico e commerciale. Protagoniste dell’evento le regioni mondiali dalla produzione ortofrutticola consolidata. «Non potevamo mancare a Fruit logistica, vetrina di riferimento del mercato, manifestazione in costante crescita in cui viene presentata la gamma completa di prodotti e servizi utili per fornire ai consumatori di tutto il mondo frutta e verdura fresca di prima qualità», ha dichiarato l’assessore regionale all’Agricoltura, Mario Pirillo. «Il nostro settore ortofrutticolo ha raggiunto da anni livelli di eccellenza e gli eventi come Fruit logistica - ha aggiunto - sono l’occasione per consolidare questa immagine».

Nonostante le denunce, le forti prese di posizione di politici e associazioni di categoria, e i dati a confermare la situazione di disagio e disuguaglianza rispetto al resto d’Italia, la situazione continua a peggiorare. Le banche sembrano sempre più ostili nei confronti del comparto produttivo calabrese. Tassi esagerati e credito ormai diventato una chimera per chi lavora nella nostra regione. E poi c’è la crisi economica globale a rendere tutto più difficile. Quella crisi che fa sentire i suoi effetti specialmente sulle piccole imprese, con un peggioramento delle condizioni di accesso al credito bancario, che negli ultimi mesi è negato quasi totalmente, in particolare nella provincia di Crotone. ’«Lo rileva un’indagine dell’osservatorio di Confartigianato Giovane di Roma e dalle rilevazioni effettuate in questi mesi dalla nostra struttura - ha detto Salvatore Lucà, presidente di Confartigianato Crotone - che

La crisi globale fa sentire i suoi effetti specialmente sulle piccole imprese, con un peggioramento delle condizioni di accesso al credito bancario che negli ultimi mesi è negato quasi totalmente

registra un vero e proprio impasse tra mondo imprenditoriale e sistema bancario, che nella pratica sta ignorando totalmente una economia, che poi è quella reale e la sola che crea nuova occupazione. Le restrizioni nel mondo creditizio stanno mettendo in ginocchio specialmente le nuove imprese, quelle nate per intenderci con gli incentivi statali degli ultimi anni». «Queste piccole aziende, che in fase di avvio sono state accolte dal sistema finanziario per accaparrarsi evidentemente i fondi statali assegnati, nella fase operativa lo stesso mondo bancario nega addirittura continua Lucà - qualsiasi approccio all’accesso al credito, causando ed accentuando di fatto una crisi che potrebbe essere superata proprio da questa rete di imprese che nel concreto è il reale tessuto economico calabrese. Una situazione a dir poco allarmante che può causare entro il 2009 una vero e proprio tracollo di queste piccole aziende, invece se sostenute adeguatamente potrebbero rivelarsi la carta vincente per far uscire la nostra regione e la provincia di Crotone da questa preoccupante recessione». «I timori per la crisi e queste restrizioni del sistema creditizio sicuramente non scoraggiano i nostri imprenditori - conclude Lucà - perche’ comunque registriamo una gran voglia di fare impresa e la volontà di espandersi. La politica ed il sistema bancario devono fare la loro parte, i nostri ’’capitani’’ di queste piccole imprese sono pronti a fare la loro con impegno e serietà».


Commercio e finanza

11 Terziario, cresce la quota rosa

Il terziario parla sempre più al femminile. È quanto emerge da una ricerca realizzata da Confcommercio e Censis. Negli ultimi 4 anni le imprese femminili sono cresciute del 9% a fronte del 5,7% di quelle maschili; 15 su 100 sono nel terziario che è il solo settore produttivo dove le donne imprenditrici registrano una crescita del 2%, mentre gli imprenditori uomini calano dell’1%. Geograficamente, le imprenditrici del terziario non solo sono quelle che presentano percentuali più elevate (31% al Sud e Isole, 28% Nord Ovest, il 20% al Nord Est e il 20% al Centro) ma sono anche le sole che segnano degli incrementi: 1,5% nel Nord Est, il doppio al Centro e circa un +4% nel Sud. La metà delle donne al vertice di imprese ’’terziarie’’ opera nel commercio soprattutto in quello al dettaglio (+37%). Tra i servizi, sono quelli pubblici, sociali e alla persona a registrare una più elevata presenza di donne al vertice (quasi il 50%). In quanto alla forma giuridica, è l’impresa individuale quella preferita: nel 2008 erano più di 500 mila (quasi il 60%) seguite dalle società di persone (oltre 350 mila, pari al 40%) e dalle società di capitali. In forte crescita quest’ultime, che sono raddoppiate negli ultimi quattro anni. Le imprese femminili crescono grazie anche alle donne immigrate: nei settori trasporti, magazzinaggio e comunicazioni, registrano dal 2004 un incremento del 52,6%, mentre le italiane negli stessi settori crescono solo dell’1,4%; incremento molto forte anche nel settore del commercio: + 47%, e in particolare nel commercio al dettaglio dove le imprenditrici immigrate crescono del 53,4%; e questo sempre a fronte di una diminuzione di quelle italiane: -3,6%. Questi alcuni degli elementi che emergono dai primi dati de ’’L’osservatorio sull’evoluzione dell’imprenditoria femminile del Terziario’’ realizzato da Terziario Donna Confcommercio e Censis.

Abi aderisce a Reti amiche per facilitare i servizi pubblici Progetto per ridurre i tempi di attesa e le procedure burocratiche L’Abi, l’Associazione bancaria italiana, aderisce a "Reti amiche", un progetto che consente al cittadino di accedere ai servizi pubblici attraverso speciali strumenti del circuito bancario. Quindi ritirare un certificato anagrafico o lo stato di famiglia, rinnovare il passaporto, pagare un ticket sanitario o i contributi Inps attraverso il proprio conto corrente ondine o gli sportelli della propria filiale presto diventerà possibile. Questo implicherà non solo risparmio di tempo per i cittadini, ma anche di denaro per la Pubblica amministrazione. L’Associazione bancaria italiana, infatti, partecipa al piano e-Government 2012 e al progetto Reti amiche promossi dal Ministro per la Pubblica amministrazione e l’Innovazione per facilitare l’accesso di cittadini e imprese ai servizi pubblici, riducendo i tempi e le attese delle procedure burocratiche.

Il presidente dell’Abi, Corrado Faissola, e il ministro per la Pubblica amministrazione e l’Innovazione, Renato Brunetta, hanno firmato nei giorni corsi un protocollo d’intesa che rafforza la collaborazione con il settore bancario in vista della partecipazione delle banche italiane al piano e-Government 2012 e al progetto Reti amiche. Grazie alla partecipazione delle banche italiane, che l’Abi si impegna a promuovere, la relazione tra Pubblica amministrazione e cittadini potrebbe avvalersi di una rete presente in modo capillare su tutto il territorio nazionale con oltre 32 mila sportelli, quasi 42 mila Atm (Automated teller machine), 28 milioni di carte Bancomat, più di 1,1 milioni di Pos (Point of sale), che raggiunge 12,2 milioni di cittadini col canale telematico dell’home banking e oltre 750 mila imprese grazie all’infrastruttura del Corpo-

rate Banking Interbancario. «Le banche italiane - ha detto il presidente dell’Abi, Corrado Faissola sono da sempre impegnate sul fronte dell’innovazione, che rappresenta un elemento costitutivo del loro patrimonio genetico. Offrire a famiglie e imprese strumenti, soluzioni, canali di accesso ai servizi sempre più evoluti, comodi, sicuri ed efficaci, infatti, è la sfida che le nostre banche accettano quotidianamente e, sempre di più, anche il terreno sul quale si fanno concorrenza a colpi di investimenti e tecnologia. In questa direzione, il progetto "Reti Amiche" rappresenta un passo importante, al quale il settore bancario vuol dare il proprio contributo, verso un Paese più moderno ed efficiente e soprattutto verso una maggiore semplicità e vicinanza nel rapporto tra cittadini, imprese e Pubblica Amministrazione».


Professioni

12

Maria Latella: radici calabresi, passione per carta e penna La sua carriera giornalistica è iniziata nel 1980. Con una borsa di studio di Nadine Solano

Maria Latella è una giornalista e conduttice televisiva. Attualmente dirige "A", noto settimanale femminile, ed è al timone del programma di approfondimenti politici "Sky tg24 Pomeriggio". Maria Latella è nata a Reggio Calabria il 13 giugno 1957, anche se, ha raccontato qualche anno fa durante un’intervista, "in Calabria non ci ho mai vissuto: mia madre stava già a Sabaudia. Ma le radici contano, e molto. A parte il fatto che sono tornata in Calabria ogni anno, per le vacanze, fino a quando ero diciassettenne; il legame con la terra d’origine è sempre forte". Nella mente di Maria Latella è impressa l’immagine del nonno che "portava al mare me, mio fratello e i nostri cugini. Sempre al tramonto". E quella distesa azzurra, familiare quanto imponente, nel suo cuore "ha un posto speciale". Figlia di un militare, Maria si è laureata in Giurisprudenza a Genova. Ha sempre coltivato il sogno di diventare giornalista, "ma pensavo - ha spiegato alla collega Cristina Taglietti - che bisognasse essere raccomandati. Studiavo all’università, quando sul ‘Secolo XIX’ ho visto un bando di concorso per sessanta borse di studio della Fede-

Attualmente dirige "A", noto settimanale femminile, e conduce il programma di approfondimenti politici e culturali "Sky tg24 Pomeriggio"

razione nazionale della stampa. Era il 1980, ho fatto il concorso, c’erano settemila concorrenti e l’ho vinto. Anzi, sono addirittura arrivata terza". Maria avrebbe voluto trasferirsi subito a Roma, "invece i miei genitori hanno messo al primo posto Genova perché volevano che mi laureassi. Sono andata a fare lo stage al ‘Secolo’ e ci sono rimasta per dieci anni". Durante quest’arco di tempo, la Latella si è occupata di cronaca giudiziaria e spes-

so ha indossato le vesti di inviata. Poi è diventata corrispondente de "Il Corriere della sera" e dopo breve tempo è entrata a far parte della redazione di questo quotidiano, scrivendo principalmente di politica, costume e società. Negli anni ’90 Maria Latella ha condotto su Rai 3 le trasmissioni "Dalle 20 alle venti" e "Salomone", dedicata ai problemi della giustizia. Nel 2003 ha pubblicato "Regimental Dieci anni con i politici che non sono

passati di moda", libro in cui passa in rassegna i vezzi e le virtù dei protagonisti della seconda Repubblica, descrivendo così uno stile che non tramonta mai, ovvero il Regimental: "Perché l’Italia è soffice, incline a farsi possedere, si fa plasmare ed è comunque convinta di trovarsi meglio nel regime che arriva, meglio di quanto si sia trovata nel regime che se n’è andato". Nel 2004, invece, è uscito "Tendenza Veronica", volume che raccoglie i ricordi, le riflessioni, i pensieri di Veronica Lario, moglie di Silvio Berlusconi. Nel 2006 la Latella è stata nominata direttore di "A", e il suo arrivo è coinciso con una sorta di rivoluzione. Lei ha voluto che cambiasse praticamente tutto, dal nome (che prima era "Anna"), alla grafica, ai contenuti. I risultati ci sono e si vedono, il giornale ha conquistato una nuova fetta di lettori e se li tiene stretti. Sempre nel 2006, la giuria del Premio internazionale Nino Martoglio le ha assegnato il premio per la sezione ‘giornalismo’. Oggi, dunque, lei si divide fa la carta stampata e il piccolo schermo; un po’ di tempo fa Milena Minutoli ha detto: "Maria Latella, giornalista e conduttrice un po’ austera, ha fatto breccia nelle fantasie erotiche dei telespettatori". Non sappiamo cosa pensi la diretta interessata circa una simile affermazione: non dovrebbe dispiacerle, comunque. E, d’altra parte, il suo stile e il suo savoir fare di certo non passano indifferenti. Maria Latella non ama parlare della propria vita privata. Anzi, l’ha sempre difesa con determinazione. Così come non ama fare una vita troppo mondana. Certo, il mestiere le impone di partecipare a eventi di vario tipo, a essere spesso sotto i riflettori. Ma, arrivato un certo punto, torna dietro le quinte. Anzi: torna a casa, per stare un po’ con sua figlia Alice.

Un blog per comunicare con le sue lettrici "E’ il primo blog della mia vita. Ovviamente non so da che parte cominciare. Scrivere di scrivermi? Sicuro. Scrivetemi. Anche per non chiedermi come la penso, ma per dirmi come la pensate voi". Così Maria Latella esordiva, lo scorso 10 novembre, su blog.leiweb.it/marialatella. Il suo blog. Un diario che aggiorna quasi tutti i giorni. Nonostante i numerosi impegni, ritaglia il tempo per mettersi lì, dire la sua e invitare le lettrici a dire la propria. I

post riguardano tutta l’attualità: dalla legge sullo stalking ("avrà se non altro il merito di ratificare l’esistenza del problema e il diritto delle vittime a una vera difesa") al divieto di ricorso al bisturi per le minori intenzionate a ritoccare il seno, proposto dal sottosegretario alla Salute Francesca Martini; dal giuramento di Obama ("che io ricordi, non c’è mai stata una tale attenzione per un evento, sempre seguitissimo dai media, ma mai così atteso dall’opinione pubbli-

ca") al ricordo di Anna Politkovskaia e Anastasia Baburova ("Una era una giornalista navigata, 50enne, ben nota anche fuori dalla Russia. L’altra una 20enne che credeva nel suo mestiere e credeva di poter raccontare. Non dimentichiamole"). Maria Latella mette nero su bianco stimoli, pensieri, opinioni. Ma lascia che siano le lettrici, le altre, a completare ogni discorso. Ottima idea. N.S.

Maria Latella con l'attrice Claudia Gerini


Professioni

13 Magistrato di gran carriera

ROMA - Corrado Calabrò, Presidente dell’Autorità per le Garanzie nelle Telecomunicazioni dal 2005, è nato nel 1935 a Reggio Calabria e si è laureato in giurisprudenza nel giugno 1957 all’Università di Messina con 110 e lode. Oggi vive a Roma. Entrato per concorso nel maggio ’68, nella magistratura del Consiglio di Stato, provenendo dalla magistratura della Corte dei Conti, ne è divenuto Presidente di sezione nel 1982. Presso il Consiglio di Stato è stato addetto sia alle sezioni giurisdizionali che a quelle consultive, nonché al Consiglio di giustizia amministrativa per la Regione Sicilia. Al Consiglio di Stato è stato presidente aggiunto alla III Sezione dal 1990 e della V Sezione dal 1996. Presidente titolare della III Sezione dal 1997 al 2000. Presidente titolare della Sezione per gli atti normativi dal 1 gennaio 2001. È stato estensore di sentenze pilota sull’effettività e concludenza della tutela giurisdizionale. Dal 1 ottobre 2001 al 9 maggio 2005 è stato presidente del Tribunale amministrativo regionale del Lazio, dove ha presieduto anche la I Sezione, quella che si occupa della funzione pubblica nell’economia e in particolare dell’Antitrust, della Consob e della Banca d’Italia. E’ autore di monografie in diritto del lavoro e in diritto amministrativo. Tra queste, gli scritti in materia di giudizio di ottemperanza e quelli che tendono a spostare l’oggetto del giudizio dall’atto dell’azione amministrativa si collocano, con innovativi apporti, nel solco di una profonda svolta nel diritto amministrativo. A.C

Un giurista con vena poetica, calabrese dal volto europeo

Corrado Calabrò è Garante delle Telecomunicazioni nonchè un conosciuto scrittore e un autore di poesie di Alessandro Caruso

ROMA - Di Corrado Calabrò si possono osservare vari aspetti della professionalità, che lo hanno reso un personaggio gradito e apprezzato in Italia e all’estero. Ciò che non ti aspetti da un Presidente dell’Autorità Garante nelle Telecomunicazioni (Agcom), infatti, è che sia un poeta e scrittore la cui fama e il cui talento sono stati già riconosciuti in varie parti d’Europa, e i cui testi sono stati tradotti in ben tredici lingue. Dopo aver conseguito la laurea in Giurisprudenza, Calabrò entrò giovanissimo nella Magistratura di Stato, ma sin dagli esordi di questa prestigiosa ascesa, da giovane, ha nutrito una forte passione per la lirica, che lo ha portato a scrivere il suo primo volume di poesie, Prima attesa , tra i diciotto e i vent’anni. Dopo un lungo silenzio, uscì una nuova raccolta di versi intitolata Agavi in fiore , alla quale seguirono numerosi altri volumi. E la sua produzione letteraria non si è

fermata al diletto. Nel 1992 è uscita una raccolta delle sue liriche nelle edizioni Mondadori intitolata Rosso d’Alicudi. La Mondadori è stata la casa editrice che ha mostrato più interesse nei confronti di questo insolito poeta. Nel 2002, infatti, ha pubblicato un’altra vasta raccolta dell’ultraquarantennale produzione poetica di Calabrò, in un Oscar dal titolo Una vita per il suo verso. Per le sue opere letterarie, l’Università di Odessa, in Ucraina, nel 1997 e quella di Timisoara, in Romania, nel 2000, gli hanno conferito addirittura la Laurea Honoris Causa . Dai critici è stato definito un poeta profondamente mediterraneo, e varie sono state le manifestazioni letterarie in cui sono state presentate le sue opere o anche lette e interpretate da attori e attrici. La sensibilità del poeta, nel suo carattere, si sposa col pragmatismo del giurista. Dal 2005 il suo nuovo incarico di Presidente dell’Agcom è arrivato a incorniciare un cur-

sus honorum fatto di importanti funzioni svolte nella magistratura e nella Pubblica Amministrazione. È stato presidente di più sezioni del Consiglio di Stato, presidente del Tribunale amministrativo regionale del Lazio, capo della segreteria tecnico-giuridica del Presidente del Consiglio dei Ministri Aldo Moro a Palazzo Chigi, e capo di gabinetto in vari ministeri. Nel campo delle telecomunicazioni la sua ultima sfida riguarda l’estensione della fibra ottica, cioè il metodo più avanguardistico per la trasmissione informatica."Ormai la velocità della trasmissione è fondamentale per lo sviluppo delle telecomunicazioni - ha detto Calabrò nel corso di un’intervista - e la rete in rame da sola non ce la fa. La politica però deve ritenerlo un obiettivo da conseguire perché per realizzarlo in tutto il Paese servono grandi investimenti. Obama, ad esempio, l’ha messo tra i primi punti del suo programma".


Enti locali

14

Waterfront, firmato l’accordo: Reggio Calabria cambia volto Il Museo del mare e il Centro polifunzionale progettati da Zaha Hadid di Nadine Solano

Giuseppe Scopelliti e la sua giunta ce l’hanno fatta: il Waterfront, ambizioso progetto urbanistico destinato a ridisegnare (anzi: a rivoluzionare) il lungomare di Reggio Calabria, presto diventerà realtà. Nelle sale dell’ambasciata italiana a Londra, il sindaco apprezzato dal 75 % dei cittadini ha siglato l’accordo fra il Comune e l’architetto iraniana Zaha Hadid, vincitrice di un bando internazionale a cui hanno partecipato ben 49 grossi studi tecnici di fama internazionale. Coadiuvata dal collega Patrick Schumacher, adesso la Hadid ha a disposizione 17 mesi per terminare la progettazione. Nei prossimi tre anni, quindi, saranno realizzati due importanti centri di attrazione, turistica e non solo: il Museo del mare, all’estremità del porto, e il Centro polifunzionale, all’altezza della stazione centrale. Il contratto, nel complesso, ammonta a curca cento milioni di euro. "Con questo concorso internazione - ha continuato Scopelliti - abbiamo inteso proseguire il recupero estetico di un territorio dalle grandi potenzialità. Una volta realizzate, le opere renderanno Il lungomare di Reggio Calabria

"Con questo concorso abbiamo inteso proseguire il recupero estetico di un territorio dalle grandi potenzialità. Una volta realizzate, le opere renderanno ancora più bello e affascinante il lungomare"

ancora più bello e affascinante il nostro lungomare, decantato dai poeti del Novecento. Questo investimento consentirà di valorizzare ancora di più il litorale, vero volano di sviluppo di una terra dalla grande vocazione turistica". Il Museo del mare avrà il compito di raccontare la storia del Mediterraneo, ma anche di sottolinearne il valore nel presente. All’interno, fra l’altro, saranno ospitati i Bronzi di

Riace. Verrà inoltre costruita un’intera sezione dedicata a Gianni Versace, cui si affiancheranno spazi espositivi, un acquario, una biblioteca, laboratori di restauro. La costruzione, ha spiegato la Hadid, sarà una sorta di "paesaggio sull’acqua" in cui "l’esterno entrerà nell’interno" con una serie di aperture e cortili. Il design, ha aggiunto Schumacher illustrando i disegni, si ispira alle forme di una stella marina

Fondo casa, quindici milioni per le famiglie a basso reddito I cinque milioni di euro assegnati dal Governo al Fondo nazionale per il sostegno all’accesso alle abitazioni in locazione per il 2007 sono diventati venti. Su proposta dell’assessore ai Lavori pubblici Luigi Incarnato, infatti, la Regione Calabria ha stanziato ulteriori quindici milioni a favore delle famiglie a basso reddito. "E’ ancora la Regione - è stato il commento del presidente Agazio Loiero - a farsi carico del grave problema abitativo che interessa numerose fami-

glie calabresi bisognose. Per la quarta volta, infatti, il Governo ha inviato somme insufficienti per garantire il fitto della casa a chi versa in condizioni disagiate. Abbiamo recentemente dimostrato con altri provvedimenti simili la grande attenzione che riserviamo verso le fasce sociali più deboli e continueremo a impegnarci in questa direzione". La somma totale sarà distribuita ai Comuni che hanno avanzato specifica richiesta e che, a loro volta, in base a quan-

to stabilito con l’Anci e con le associazioni degli inquilini le divideranno fra gli aventi diritto inclusi nelle graduatorie. L’assessore Incarnato non nasconde la sua soddisfazione: "La Giunta - ha detto ha assunto un impegno finanziario straordinario per dare risposte efficaci ai bisogni abitativi dei cittadini calabresi. Con queste somme copriremo l’85 per cento del fabbisogno delle famiglie calabresi". N.S.

e privilegia forme "allungate, fluide ed astratte, con superfici ondulate e concave e punti d’ingresso spettacolari". Il centro polifunzionale, invece, sarà composto di tre edifici articolati intorno a una piazza centrale parzialmente coperta ed è stato studiato per essere "il più permeabile possibile - si legge nella descrizione del progetto - rispetto al flusso della passeggiata. Il piano terra vuole essere una naturale estensione dello spazio pubblico del lungomare, in grado di adattarsi al mutare delle condizioni di utilizzo tra il giorno e la sera. Dall’ingresso Nord si accederà alla galleria commerciale, "attraverso la quale si può raggiungere il livello inferiore tramite scala o rampa per disabili. Al primo livello si trovano la palestra e i laboratori per l’artigianato. La galleria commerciale prosegue al livello inferiore terminando in uno spazio centrale comune al grande cinema da 2000 mq". L’edificio Sud ospiterà i tre auditorium: "La disposizione di questi è tale che in caso di eventi eccezionali, mediante l’avvolgimento delle serrande di separazione, sia possibile aprire i fronti interni mettendo in comunicazione le tre sale. In questa particolare configurazione, l’edificio sud diventa un unico auditorium di grande capienza. Lo spazio centrale unificato offre caratteristiche uniche, per l’articolazione della copertura e per le aperture a nord e a sud che consentono viste sul mare, sulla darsena interna e sui volumi dell’edificio contrapposto. Il gioco di affacci diversi sugli spazi interni consente ai visitatori di partecipare all’attività frenetica e alla vitalità di tutto il complesso".


Sviluppo

15

"Difendere i disabili per difendere tutti" Il lungo cammino di Giuseppe Trieste, calabrese trapiantato a Roma di Nadine Solano

"Ognuno deve avere il suo trampolino, no? Il mio è stato quell’albero di ulivo: una benedizione": nel pronunciare questa frase, Giuseppe Trieste se la ride. Poi specifica: "sto dicendo sul serio". Sì, meglio metterlo in chiaro. Perché altrimenti si potrebbe pensare che stia facendo dell’amara ironia. Perché da quel gigantesco albero di ulivo, quando era un ragazzino di appena undici anni, Giuseppe Triste è caduto giù. Fratturandosi la colonna vertebrale e rimanendo con le gambe paralizzate. E allora come fa a parlare di trampolini e benedizioni? "Se non ci fosse stato quel colpo così violento - spiega - non avrei fatto nessuna delle cose che invece ho fatto". Figlio di contadini, fino ad allora Giuseppe aveva vissuto nel suo paese d’origine, San Giorgio Morgeto in provincia di Reggio Calabria. Poi le cose sono cambiate: "Tutta la comunità si è

"La diversità fa parte dell’essere umano. E’ necessario che l’ambiente risulti favorevole per ognuno. Il nuovo dev’essere come questa società richiede, il vecchio dev’essere modificato”

stretta intorno a mia madre, anche perché mio padre era morto tre mesi prima. Ci hanno aiutato moltissimo. Mi hanno trovato i medici e mandato a Roma, nel centro di riabilitazione per gli invalidi di guerra. Ovvero, quella che oggi è la Fondazione Santa Lucia". Giuseppe Trieste c’è rimasto per dodici anni: "ho abitato lì. E lì, a 16 anni, mi sono anche messo a lavorare. Facevo il centralinista". Sempre grazie a questa struttura, ha scoperto l’amore per lo sport: nel ’65, a Londra, ha partecipato ai primi campionati del mondo per disabili. Vincendo 5 medaglie d’oro. Così è nata la sua sfida: far riconoscere la parità dello sport per tutti. Nel ’70 è stato fra i fondatori dell’Anspi, Associazione nazionale sport paraplegici. Oltre a ricoprire una carica dirigenziale, ha continuato con l’atletica e ha gareggiato a tre olimpiadi. Così, col sudore e la costanza, è stata vinta la sfida: "ora ci sono le paraolimpiadi, la strada è in discesa. Ma se si sapesse quanto abbiamo lottato noialtri, per seminare il terreno...". Raggiunto il primo obiettivo, Giuseppe Trieste ha individuato il secondo: "far sì che i disabili fisici, psichici e sensoriali avessero pari opportunità nell’esprimersi nel lavoro e nella vita sociale". Nel 1983 è nata l’Anthai, Associazione nazionale tutela handicappati e invalidi: "Erano i tempi in cui, finalmente, si cominciava a parlare di handicap in senso globale e da una prospettiva diversa. Solo che si trattava, almeno in Italia, di una realtà troppo spezzettata. Esistevano varie associazioni, ognuna ‘dedicata’ a un

singolo handicap. Noi abbiamo cercato di unificare, accogliendo qualsiasi disabile. Senza distinzioni di sorta". Tramite l’Anthai, Giuseppe Trieste ha condotto tante battaglie. Fra cui quella legata all’incontinenza, problema che affligge tante persone, disabili e non: "grazie a 10 anni di convegni e campagne di sensibilizzazione, l’80 per cento dei curabili ha trovato il coraggio di rivolgersi agli specialisti; per chi, invece, soffriva e soffre di incontinenza permanente, abbiamo fatto inserire gli ausili gratutiti". A un certo punto della sua vita, in Giuseppe Trieste si è fatta strada una convin-

zione: "non si può lottare soltanto per la qualità della vita ai disabili: e gli altri? I cosiddetti ‘normali’? In fondo, siamo tutti ‘diversi’. La diversità fa parte dell’essere umano, ed è necessario che l’ambiente risulti favorevole per ognuno di noi". La convinzione ha dato vita, nel 2000, a "Fiaba", Fondo italiano abbattimento barriere architettoniche. Trieste ne è il presidente. Partecipa a incontri, convegni, riunioni: "L’obiettivo è sedersi a tutti i tavoli di lavoro, affinché tutto ciò che si fa possa essere usato da ciascuno e per i singoli bisogni". Non si ferma mai. A volte gli torna in mente quel gigante-

Universal design per un ambiente accessibile Fiaba onlus è l’associazione nazionale fondata nel 2000 e presieduta da Giuseppe Trieste, calabrese doc. Sgomberiamo il campo da un possibile equivoco: Fiaba non si rivolge solo ai disabili, ma a tutti gli individui. Perché tutti gli individui devono fare i conti con una lunga serie di ostacoli presenti nel tessuto sociale. Ecco, dunque, che "la nostra missione è informare le istituzioni pubbliche e private sul tema dell’abbattimento delle barriere fisiche, culturali e comportamentali, stimolare i canali di comunicazione e coinvolgere l’opinione pubblica, al fine di realizzare un ambiente accessibile

e fruibile da tutti". Per questi motivi, le azioni di Fiaba mirano principalmente a promuovere "la fruibilità universale e la progettazione di ambienti totalmente accessibili secondo i principi dell’Universal design", anche attraverso la collaborazione di diversi enti e associazioni di categoria presenti su tutto il territorio italiano. Al 10 febbraio 2009, il numero dei protocolli d’intesa è di 269: fra gli altri, anche la Regione Calabria, la Provincia di Catanzaro, di Reggio Calabria e di Vibo Valentia, il Comune di Isola Capo Rizzuto e di N.S.


Opportunità

16 Global junior challenge premia l’innovazione

Aperte le iscrizioni alla quinta edizione del concorso internazionale "Global junior challenge" (Gjc), indetto ogni due anni dalla fondazione Mondo digitale per combattere il "digital divide" (divario digitale e ’analfabetismo’ informatico). Il concorso premia l’uso innovativo delle tecnologie nel campo della formazione, della solidarietà e della cooperazione interculturale. Gjc è aperto a scuole e università, istituzioni pubbliche e private, cooperative e associazioni culturali, imprese e privati cittadini. Sono ammessi a partecipare i progetti in corso d’opera al 31 dicembre 2008, rivolti ai giovani fino a 29 anni, incentrati sull’impiego di hi-tech informatico e telematico a fini educativi e formativi. I progetti partecipano al concorso divisi in quattro categorie, secondo l’età dei destinatari - fino a 10 anni, fino a 15 anni, fino a 18 anni e fino a 29 anni - e in due categorie speciali: la prima, come nelle precedenti edizioni, riguarda l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro; la seconda (novità di quest’anno) è dedicata alle idee che promuovono la creatività e l’innovazione sociale. La scadenza per la registrazione dei progetti è il 30 luglio 2009. Per presentare un progetto, basta inserire i dati nel ’form’ on line su www.gjc.it, oppure spedire il modulo compilato per posta (Fondazione Mondo Digitale, via Umbria 7, 00187 Roma), via fax (06- 42000442) o per e-mail (info@gjc.it). Una giuria internazionale selezionerà i progetti finalisti e proclamerà i vincitori. In occasione dell’evento finale, il 7-8 ottobre 2009 a Roma, sarà allestito uno spazio espositivo con i progetti finalisti, animato da workshop e convegni. La premiazione avverrà il 9 ottobre 2009. Nelle quattro precedenti edizioni i giurati hanno valutato più di 2.000 progetti, realizzati in ogni parte del mondo. Oltre 24 mila i partecipanti ai meeting conclusivi, oltre 70 i paesi di provenienza.

Berlino vent’anni dopo impegna i giovani giornalisti Il concorso paneuropeo è dedicato alla caduta del muro e all’allargamento dell’Ue. Scade il 31 maggio di Daniele Tosatti

Vent’anni dalla caduta del muro di Berlino: 1989-2009. Evento da celebrare, che ha segnato la fine di un’epoca e l’inizio di un’altra, confusa, difficile, ancora in diverire. Vent’anni da raccontare, e chi meglio del "giornalista" pouò farlo. L’Unione europea, figlia di questi anni, acerba e piena di entusiasmo, ha indetto un premio rivolto ad un settore della categoria, quello degli emergenti, per ricordare un doppio anniversario: insieme alla caduta del muro, i cinque anni dall’allargamento Ue. Ecco nel dettaglio di cosa si tratta. La Direzione generale per l’allargamento, in collaborazione con l’associazione Stampa europea della gioventù e Café Babel , ha lanciato il premio europeo per giovani giornalisti 2009. Gli anniversari offrono uno speciale spunto per manifestare ed esprimere il proprio punto di vista sull’allargamento dell’Unione europea. In seguito al successo della

scorsa edizione, la Commissione europea vuole offrire ad altri giovani giornalisti l’opportunità di mostrare il proprio talento. Inoltre, l’edizione 2009 è aperta, oltre che ai giornalisti della stampa e ai giornalisti online, anche a quelli radiofonici. Il concorso si apre il primo febbraio e si concluderà il 31 maggio 2009. L’argomento centrale dei lavori per entrambe le categorie dovrà essere legato al tema dell’allargamento dell’Ue e/o alla visione futura dell’Europa. I partecipanti dovranno essere di età compresa tra i 17 ed i 35 anni, e provenire da uno degli stati membri Ue, da un paese candidato o potenzialmente candidato all’adesione (Balcani occidentali e Turchia). In occasione del lancio del concorso Olli Rehn, Commissario per l’allargamento, ha affermato: «I giovani sono degli "opinion leader" importanti per la loro generazione e il concorso offre loro l’opportunità di condividere le

proprie esperienze e opinioni sul nostro futuro europeo». Nella valutazione delle candidature, i membri delle giurie nazionali cercheranno un tocco di stile giornalistico in tutte le clip radiofoniche e gli articoli inviati che dovranno trattare il tema dell’allargamento. I partecipanti possono accedere al concorso tramite il sito: www.eujournalist-award.eu. Il sito fornisce inoltre informazioni relative alla politica dell’allargamento Ue, dritte per fare carriera nel giornalismo e un blog interattivo. Le clip radiofoniche e gli articoli vincitori saranno pubblicati sul sito web del concorso; gli articoli saranno inoltre pubblicati in un fascicolo. I 35 vincitori saranno premiati con un viaggio storico-culturale a Berlino tra la fine di agosto e l’inizio di settembre 2009. Alla conclusione del viaggio i vincitori potranno incontrare rappresentanti dell’Ue, politici, ambasciatori e giornalisti di tutta Europa.


Opportunità

17 Un bando a sostegno della "meglio gioventù" Presentato nel Complesso monumentale San Giovanni di Catanzaro, dalll’assessore comunale alla cultura e politiche giovanili, Antonio Argirò, il bando ’’Giovani protagonisti’’, proposto dal dipartimento del ministero della Gioventù. Il bando è finanziato dal fondo delle Politiche giovanili e si prefigge di promuovere progetti volti a sostenere la creatività giovanile, a sviluppare la cultura del merito e dell’eccellenza tra le giovani generazioni e a favorire la

partecipazione alla vita sociale, culturale ed economica della comunità. L’ammontare complessivo delle risorse destinate ai progetti è di dieci milioni di euro. Ciascun progetto è finanziabile nella misura massima del 90% del suo costo complessivo e comunque non oltre il limite di 250.000 euro, Iva inclusa. L’assessorato comunale, attraverso lo sportello Informa Giovani fornisce, attraverso la consulenza di professionisti incaricati dalla fondazione Imes, i ser-

vizi di assistenza necessari alle associazioni che intendono presentare idee progettuali coerenti con le aree tematiche del bando. Previste diverse linee di attività, distinte per 4 aree tematiche: attività e azioni di promozione sociale; attività culturali, artistiche e sportive; attività di protezione ambientale e di tutela, promozione e valorizzazione del patrimonio culturale italiano; attività ricreative, del tempo libero e del turismo. Info: www.gioventu.it.

Field, borsa di studio per giovani imprenditori Opportunità di formazione negli Usa. Scade il 9 marzo Anche quest’anno una prestigiosa opportunità di crescita professionale per i giovani imprenditori calabresi. E’ stato pubblicato sul bollettino ufficiale della Regione Calabria l’avviso pubblico per l’assegnazione di cinque borse di studio, messe a disposizione dalla fondazione Field, per sostenere la partecipazione al programma internazionale ’’The global village for future leaders of business and industry’’ della Lehigh university di Bethlehem in Pennsylvania, che si svolgerà negli Stati Uniti dal 20 giugno al primo agosto 2009. L’iniziativa è rivolta a titolari, dirigenti, funzionari, dipendenti di imprese calabresi, mentre i requisiti per l’ammissione sono la perfetta conoscenza della lingua inglese (scritta e parlata) oltre al possesso del diploma di scuola superiore. Per partecipare occorre prendere visione del bando e compilare l’apposito modulo disponibile sul sito di Field (www.fieldfondazione.org) o alla sede operativa di Catanzaro Lido. La domanda deve essere corredata da un curriculum formato europeo sottoscritto in originale. Le candidature dovranno pervenire alla sede opera-

tiva della fondazione Field, (via Melito Porto Salvo 3, Catanzaro Lido) per posta, agenzia di recapito autorizzata o consegna a mano, entro e non oltre il 9 marzo. Le richieste pervenute oltre i termini fissati non saranno considerate ammissibili. La borsa di studio, assegnata dalla fondazione Field è di 4.000 euro, su un costo complessivo della tuition fee prevista dal Global village pari a 6.500 dollari. La fondazione da anni è partner dello Iacocca institute, diretto da Richard Brandt, che ogni anno promuove il Global village destinato a imprenditori e manager provenienti da tutto il mondo. Nel 2008 le borse di studio sono state assegnate, da una commissione presieduta dal professor Luca Meldolesi, a Irene Magistro, imprenditrice di Crotone, Anna De Caro, imprenditrice di Rende e Samuele Furfaro, imprenditore di Polistena. Circa quaranta giorni di formazione manageriale negli Usa hanno arricchito il bagaglio di conoscenze professionali di questi giovani imprenditori. S. N.

Pmi, agevolazioni fiscali per chi si aggrega Un’agevolazione fiscale a favore delle piccole e medie imprese che si aggregano "al fine di incentivare le imprese ad incrementare le loro dimensioni per affrontare in modo più agevole l’attuale perido di recessione". É quanto prevede il decreto legge approvato dal consiglio dei ministri che contiene anche gli aiuti al settore automobilistico e degli elettrodomestici. Il bonus viene

riconosciuto alle aziende che si aggregano nel 2009 con il proposito di estendere la norma anche al 2010 e 2011. "Il beneficio - si legge nella relazione illustrativa - si sostanzia nel riconoscimento a fini fiscali del maggiore valore attribuito ai beni strumentali materiali ed immateriali per effetto della imputazione in bilancio, secondo corretti principi contabili - del solo disavanzo da concambio o dei

maggiori valori iscritti dal soggetto conferitario. Il maggiore valore fiscalmente riconosciuto non può superare l’ammontare complessivo di 10 milioni di euro". Le pmi interessate devono essere operative da due anni, non far parte dello stesso gruppo, non essere legate da un rapporto di partecipazione superiore al 20%, non essere indirettamente controllate dallo stesso soggetto.


Mercato immobiliare

18

Tecnocasa, boom di bilocali Nelle grandi città la scelta si impone La casa è diventata un lusso e trilocali e bilocali vanno per la maggiore nelle grandi città. È quanto emerge dall’analisi della domanda di mercato a gennaio2009effettuatadall’UfficiostudiTecnocasa che evidenzia come, nelle grandi città, la tipologia più richiesta sia appunto il trilocale con il 35,7% delle preferenze. A seguire il bilocale con il 28,6% delle richieste e infine il quattro locali con il 21,4%. A Milano, Napoli e Roma la maggioranza della domanda si concentra invece sui bilocali e nella capitale cresce la disponibilità di spesa. Rispetto a settembre si registra una novità: a Bari ritorna il dominio del trilocale. A Milano e a Napoli i monolocali e bilocali insieme raccolgono il 53% e il 52,7% delle preferenze. A Torino in-

di Bruno Tosatti

vece la concentrazione delle richieste è abbastanzavicinatrabilocali e trilocali. Certo il prezzo fa la differenza. Quasiunacquirentesu quattro, il 24%, è disposto a spendere tra 170 e 249 mila euro (24%), il 21,6% è pronto ad afrontare una spesa più elevata, tra 250 a 349 mila euro, e solo il 20,1% tra 120 e 169 mila euro. Nella fascia di spesa compresa tra 170 e

249 mila si cercano soprattutto trilocali e, a seguire, bilocali. Rispetto a settembre, a parità di disponibilità di spesa, si nota un incrementodellaconcentrazione delle richieste per i quattro locali e cinque locali. Rispetto alla media delle grandi città fanno eccezione: Roma e Firenze dove la maggioranza delle richieste si concentra nella fascia tra 250 e 349 mila euro.

Assoedilizia, in Italia 2 milioni di case disabitate Affitti elevati e mutui per l’acquisto della casa diventati proibitivi. La crisi non fa che peggiorare la situazione e intanto, come inevitabile conseguenza, cresce il numero delle abitazioni disabitate. Lo rivela un’indagine condotta da Assoedilizia. Secondo il rapporto, in Italia

Compravendite il calo è del 16%

sono oltre 2 milioni le case disabitate e inutilizzate,prevalentemente situate nelle campagne (ma molte si trovano in posizioni panoramiche privilegiate): casolari, casupole, baite, ville rustiche, antiche magioni, casali, rocche, cascinali. Iscritte al catasto terreni o al ca-

tasto fabbricati ovvero abusive o non iscritte ai catasti. Non sono infrequenti gli immobili del demanio civile e militare. Il numero è stato calcolato con metodo induttivo dal Cescat-Centro studi casa ambiente e territorio di Assoedilizia, nel territorio nazionale e nelle singole regioni. Si tratta di una stima in ordine di grandezza sulla base di coefficienti parametrati al numero di abitazioni in rapporto al territorio, alla densità abitativa e alla tipologia degli insediamenti e dell’ambiente. In Calabria sono stati registrati 55 abitazioni ogni 100 abitanti con 115.000 unità disabitate.

L’aria di recessione che si respira purtroppo viene confermata giorno per giorno da studi e ricerche, sondaggi e rapporti. La sostanza non cambia e gli allarmismi si moltiplicano. E il mercato immobiliare, da cui la crisi ha avuto origine in quel di Usa, non è immune dagli effetti deleteri della crisi economica strisciante, anzi le cose non danno segni tangibili di miglioramento nonostante gli appelli alla fiducia e alla calma. L’ufficio studi Ubh ha diffuso nei giorni scorsi un aggiornamento sulle tendenze e le previsioni relative al mercato immobiliare residenziale italiano. Come sempre, poche le sorprese. Innanzitutto, si evince che il calo delle compravendite effettuate nell’ultimo anno in Italia sia ormai superiore al 16%. La stretta creditizia e le oggettive difficoltà di spesa della fascia media e medio bassa della popolazione italiana hanno inevitabilmente ridotto il potere d’acquisto nel settore immobiliare. Pochi riescono a permettersi case a costi

Con lo stipendio medio di oggi si acquistano circa 15 mq in meno rispetto a dieci anni fa Scendono gli acquisti di immigrati e giovani coppie per la prima casa con una bassa percentuale di liquidità

troppo elevati e con mutui inaccettabili. Di conseguenza con lo stipendio medio di oggi si acquistano circa 15 mq in meno rispetto a dieci anni fa. Scendono gli acquisti di immigrati e giovani coppie per la prima casa con una bassa percentuale di liquidità a disposizione. A questo si aggiunga che l’effetto della discesa sui tassi di interesse viene attenuato dalla politica restrittiva delle banche. Nel segmento immobiliare la discesa dei prezzi delle case in Italia, già annunciata nel primo trimestre 2008 si è materializzata dopo l’estate con un decremento medio nominale del 8,8%. Da settembre a oggi i prezzi delle abitazioni sono però scesi meno di quanto ci si potesse aspettare, dato il calo di domanda, negli ultimi 5 mesi la discesa è stata di circa 2 punti percentuali, compreso il tasso di inflazione. Naturalmente questo non basta a far decollare un mercato sfiduciato e in difficoltà. La flessione delle compravendite si è fatta sentire maggiormente nei comuni non capoluogo che registrano un decremento del 17% circa, mentre nei capoluoghi di provincia il calo è stato più contenuto (-10%). Si deve anche rammentare, tuttavia, dell’impetuosa crescita del mercato della provincia negli ultimi 10 anni: in questo arco di tempo le compravendite nei capoluoghi sono diminuite del 7% circa, mentre in provincia la crescita è stata superiore al 30%. Un’ulteriore aconferma del fatto che la vita fuori dai grandi centri urbani non solo è preferibile perchè meno stressante, ma soprattutto perchè meglio gestibile economicamente.


Mercato immobiliare

19

A Malpensa parte ‘Abitare 2009’ Con oltre 18 mila mq di padiglioni espositivi, parteciperanno le maggiori aziende del settore.

investire in Europa Rapidi cambiamenti coinvolgono tutti i comparti del settore immobiliare ma anche alcune zone che godevano di un ottima posizione nel marcato degli investimenti. Attualmente sembra calato l’indice di gradimento per alcune zone in cima alla lista come le metropoli Italiane. Infatti secondo un indagine dell’Urban Land Istitute che analizza 27 mercati di vari paesi, si evince che le grandi metropoli italiane come Milano e Roma un tempo viste come un ottima zona per gli investimenti immobiliari, ora scendono nella classifica lasciando il posto ad altre capitali europee piu’ quotate. Questa inevitabile conseguenza è causata anche di tassi che le banche fin ora hanno applicato. Le banche applicano fra loro sui prestiti trimestrali dei depositi, era a minimi record la scorsa settimana, quando si era collocato all’1,94%, in un mercato ribassista sulle attese di un deciso tagli dei tassi da parte della banca centrale europea a marzo.

“Stati generali” per l’Ance contro la crisi Di fronte alla crisi l`Ance ha deciso di convocare gli Stati Generali delle costruzioni per valutare congiuntamente con tutte le Organizzazioni imprenditoriali e sindacali del settore le azioni necessarie da intraprendere per evitare la perdita di posti di lavoro e lo stallo di un settore chiave per la ripresa economica. Abbiamo deciso di chiamare a raccolta, con gli Stati Generali, tutto il mondo delle costruzioni - ha dichiarato il presidente dell`Ance Paolo Buzzetti- in un momento particolarmente grave per il nostro settore, che impone la scelta di interventi urgenti ed efficaci a sostegno di migliaia diimpreseelavoratori".

Al via Abitare 2009, la fiera dedicata all’arredamento e all’edilizia in programma dal 20 e al 22 e ancora dal 27 al 29 marzo al Polo Fieristico Sud Malpensa di Milano. Ormai giunta alla quarta edizione, con il patrocinio della Regione Lombardia, della Camera di Commercio di Milano e del Comune di Castano Primo, Abitare 2009 aspira ad diventare punto di riferimento di un modello operativo da consolidare in vista dell’Expo 2015. Da fiera interregionale a esempio di lavoro internazionale, la manifestazione dedicherà quest’anno una vasta sezione al verde/ giardino e un ampissimo spazio al mercato immobiliare, senza dimenticarne i servizi. Si amplia dunque l’offerta indirizzandola ad un pubblico più esteso, sia in termini di espositori che di visitatori. E in un periodo certamente non brillante per l’edilizia e per il mercato immobiliare, ‘Abitare 2009’ vuole sostituire la parola ‘crisi’ con ‘possibilità’. Ne è più che sicuro il direttore del Polo Fieristico Malpensa Sud, Angelo Schillaci. «Mi piace pensare che l’ideogramma della crisi sia pari a quello delle opportunità - conferma - , mi piace pensare al

Mi piace pensare che l’ideogramma della crisi sia pari a quello delle opportunità , mi piace pensare al cliente/fornitore come a un partner cliente/fornitore come a un partner». Ecco che Abitare 2009 diventa, in questa ottica, manifestazione di incontro e di opportunità, non più semplice vetrina per le aziende che possono mettersi in mostra. Così come non è una semplice iniziativa per il Polo, che inserisce ‘Abitare 2009’ in un piano di sviluppo che vede in campo professionisti tout court. La stessa organizzazione e promozione, affidata a Delphi International, va in questa direzione. «L’ambizione è consolidare i vecchi

clienti ma creare ovviamente nuovi contatti - spiega il direttore generale, Riccardo Cavicchi -, dando a tutte le aziende di settore la possibilità di farsi conoscere, soprattutto a quelle che non riescono ad entrare in determinati circuiti. Puntando, questo è il punto, non solo a quelle dell’hinterland milanese, ma anche alle regioni confinanti, quindi Piemonte, Emilia Romagna. Ma non ci poniamo dei limiti. Comune denominatore - chiude - è il concetto di qualità». Per informazioni, visitare il sito www.saloneabitare.it.

TUTTE LE INFO: Organizzazione: Polo Fieristico S ud Malpensa S .p.a. - Via del Lavoro, 5 - 20022 Castano Primo (MI) Segreteria commerciale: Delphi International S rl Via Zucchini, 79 - 44100 Ferrara Tel. 0532 595011 F ax 0532 773422 abitare@ delphiinternational.it Alessio De Grano


I LMENS I LECHE TITROVACAS A ABBONATIAD ASTEI NFOAPPAL TI ,NON PERDERE L ’ OCCASI ONE

CARTACEO 11NUMERI€29, 00 OPPUREABBONATIGRATUI TAMENTEONLI NE

UN PROGETTO EDI TORI ALE,NUOVO EDIFACI LELETTURA,CHEHARAGGI UNTO I N POCO TEMPO LALEADERSHI PNELSETTOREDEIMEDI ASPECI ALI ZZATI .CON UNADI STRI BUZI ONECAPI LLARE I N TUTTO I LTERRI TORI O NAZI ONALEECON OL TRE350. 000COPI EDI FFUSEASTEI NFOAPPAL TI HAAVUTO LAQUALI TÀDIFARSIAPPREZZAREPERLABONTÀDEICONTENUTIREDAZI ONALI , PERLAFACI LI TÀDICONSUL TAZI ONE,PERLACERTEZZANELLADI FFUSI ONE.UN MEZZO DI COMUNI CAZI ONECHEÈDI VENTATO UNAVERAGUI DAPERGLIOPERATORIDELSETTOREEPER TUTTICOLORO CHEI NTENDONO PARTECI PAREAUN’ ASTAI MMOBI LI ARE.

WWW. ASTEI NFOAPPAL TI . I T


Enti e Istituzioni - Marzo 2009

21

Elenco Bandi Tribunale di Catanzaro TRIBUNALE DI CATANZARO Prima sezione civile Procedura fallimentare N.04/07 Il Giudice, vista la richiesta del curatore in data 06 novembre 2008; Dispone la vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto unico: Unità immobiliare su due piani, con area di pertinenza siti nel comune di Sellia Marina (CZ), Contrada Cipollina, al catasto N.C.E.U., F. 19, partic. 461, subalterni 9 e 30, cons. 4 vani, Rendita euro 194,19. al prezzo di € 40.326,00; fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a € 1.000,00 l’udienza del 15.04.2009; dispone che le offerte di acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro - Procedura fall. N.4/07" portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione entro le ore 12.00 del giorno 14.04.2009 TRIBUNALE DI CATANZARO Esecuzioni Immobiliari IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE D.ssa Maria Carmela Andricciola Nella procedura esecutiva n. 5/95 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto, con riduzione di ¼ del prezzo a base d’asta, dei seguenti beni: Lotto n. 2: * Terreno agricolo in Badolato (F.11; P.lle 307, 605, 610, 613, 614) * Terreno agricolo in Badolato (F. 11; P.lla 666) Prezzo a base d’asta Euro 1.352,63 Lotto n. 3 * Terreno agricolo in Badolato (F. 29; P.lle 222, 225, 228, 229, 237, 242, 246) * Terreno agricolo in Badolato (F. 29; P.lle 53, 216, 221) Prezzo a base d’asta Euro 11.164,13 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 15 aprile 2009. TRIBUNALE DI CATANZARO Prima sezione Civile Fallimento n° 11/03; Il Giudice Delegato dott. Giuseppe Cava, Vista la richiesta di vendita del curatore; dispone la vendita senza incanto del compendio di seguito descritto: lotto 1: "quota pari ad ½ di nuda proprietà di terreno sito in Simeri Crichi, loc. Cona (CZ), are 26, centiare 35; con soprastante fabbricato, identificato in Catasto al foglio 20, p.lla 229". Prezzo base d’asta: € 19.458,00. Fissa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 24.03.2009, ore 12.00; fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a € 2.000,00, l’udienza del 25.03.2009, ore 9.30 TRIBUNALE DI CATANZARO il Giudice dell’Esecuzíone, dott. Cava, nella procedura esecutiva n.37/01 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto del seguente bene: lotto unico : Appartamento in Sorbo san Basile loc. Vaccaio identificato in catasto al fg.7 mapp.37 sub.5 Prezzo base Euro 16.579,00 L’ immobile, venduto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, è meglio descritto nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 cpc è fissata per il giorno 25.03.2009.

TRIBUNALE DI CATANZARO Prima Sezione Civile Procedura esecutiva n. 71/07 R.G.Es. Il Giudice dell’Esecuzione, dott. Giuseppe Cava, a scioglimento della riserva assunta all’udienza del 30.10.08, dispone la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto: Lotto unico "appartamento in Catanzaro in Catasto al fg. 47 part. Graffate 618 sub 19 e 620 sub 9 al prezzo base di € 576.840,00" fissa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 24.03.2009 ore 12.00; fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a € 5.000,00, l’udienza del 25.03.2009 ore 9,30 TRIBUNALE DI CATANZARO Prima Sezione Civile Procedura esecutiva n.105/05 R.G.Espr. Il Giudice dell’esecuzione, dott. Giuseppe Cava, a scioglimento della riserva assunta all’udienza del 02.10.08 . Dispone la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto : lotto unico "appartamento e garage siti in Soverato in catasto al fg.14 part.186 sub 48 e 6 al prezzo base di Euro 168.000,00 ; fissa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 24.03.09 ore 12.00 ; fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a Euro 4.000,00, l’udienza del 25.03.09 ore 9.30 TRIBUNALE DI CATANZARO I SEZ. CIV. Il G.E., dott.ssa M.C. Andricciola, con ordinanza, pronunciata nella procedura esecutiva n. 109/92 R.G.E.; visti gli atti, ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto 2) Appartamento al 1° piano, in Zagarise, via Principe Umberto, 3 vani più accessori, posto in edificio a tre piani f.t., mq 123.90 oltre mq. 13 di balcone, in catasto al fg 16, p.lla 771, sub 2. Prezzo base d’asta euro 57.000,00 Lotto 3) Appartamento al 2° piano, in Zagarise, via Principe Umberto, 4 vani più accessori, mq 123.90 oltre mq. 13 di balcone, sito in edificio a tre piani f.t., in catasto al foglio 16 p.lla 771 sub 3. Prezzo base d’asta euro 57.000,00 Lotto 4) Appartamento al piano rialzato, in Zagarise, via Roma 80, sup. mq 157,61 oltre mq 9,60 di balconi, in catasto al foglio 18 p.lla 180 sub 2. Prezzo base d’asta euro 72.300,00 Lotto 5) Appartamento al piano I°, in Zagarise, via Roma 80, sup. mq 157,61 oltre mq 9,60 di balconi, in catasto al foglio 18 p.lla 180 sub 5. Prezzo base d’asta euro 75.375,00 Lotto 6) Appartamento al piano II°, in Zagarise, via Roma 80, sup. mq 157,61 oltre mq 9,60 di balconi, in catasto al foglio 18 p.lla 180 sub 6. Prezzo base d’asta euro 74.925,00 Lotto 7) Locale seminterrato utilizzato a magazzino, in corso di costruzione, in Zagarise, via Roma 80, sup. mq 157,61, in catasto al foglio 18 p.lla 180 sub 4. Prezzo base d’asta euro 33.142,50 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione stima consultabile nella Cancelleria di questo tribunale. L’offerente, con la presentazione dell’offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. L’udienza ex art. 572 c.p.c. è fissata in data 18/3/2009, ore 9.30. TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell’Esecuzione Dr. Giuseppe Cava nella procedura esecutiva n°.128/91 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni in Magisano: lotto n. 5: Fabbricato (F. 28, P.lla 35) Euro 31.151,45

lotto n. 6: Fabbricato Euro 19.336,53 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di consulenza tecnica consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 cpc è fissata per il giorno 25.03.2009 TRIBUNALE DI CATANZARO Prima Sezione Civile Il Giudice dell’esecuzione ha pronunciato la seguente Cron.507/08 ORDINANZA nel procedimento n. 130/06 R.G.E. pendente tra BCC Gestione Crediti E Omissis visti gli atti; DISPONE procedersi alla vendita senza incanto dei beni seguenti: lotto 1: Magazzino costituito da due locali in Sersale, via Roma 150, in catasto al foglio 19, part. 60, sub 3, cat. C/2, c1.2, cons. 32 mq, rendita euro 16,53 prezzo euro11.700,00 lotto 2: Appartamento in Zagarise, C.da Feruli, costituito da ingresso, soggiorno con zona cottura, tre camere, doppi servizi, ripostigli, terrazza e balconi, in catasto al foglio 18, part. 223, sub 4, cat. A/3, c1.2, vani 7,5, rendita euro 275,01 prezzo euro 82.462,50 lotto 3: Appartamento in Zagarise, C.da Feruli, mansardato, costituito da ingresso soggiorno, cucina, tre, camere, bagno, ripostiglio e terrazza, in catasto al foglio 18, part. 223, sub 5, cat. A/3, c1.2, vani 6,5, rendita euro 238,34 prezzo euro 58.930,32 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato Tribunale di Catanzaro proc. n. 130/06 portante un importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12 del giorno 14 aprile 2009, restando a carico del procedimento le spese di trasferimento. L’udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c. e per l’eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 c.p.c. è fissata in data 15 aprile 2009. TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dott.ssa Maria Carmela Andricciola nella procedura esecutiva n. 255/1994 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto del seguente bene: Lotto Unico: terreno in Pentone alla località Malaventura di mq 1820. In catasto al F. 14, P.lla 259. Prezzo base d’asta: Euro 365,00. L’immobile venduto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, è meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 cpc è fissata per il giorno 15/4/2009 ore 9,30 TRIBUNALE DI CATANZARO Prima sezione civile Procedura esecutiva n. 290/90 R.G.Espr. Il Giudice dell’esecuzione, dott. Giuseppe Cava, a scioglimento della riserva assunta all’udienza del 30.10.08, Dispone la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto: lotto 1 "quota ideale di ½ di unità immobiliare in Catanzaro in catasto al fg. 64 part. 381 al prezzo base di Euro 64.126,00; lotto 2 "quota ideale di ½ di unità immobiliare in Catanzaro in catasto al fg. 64 part.382 al prezzo base di Euro 2.272,00; lotto 3 "quota ideale di ½ di unità immobiliare in Catanzaro in catasto al fg. 64 part.383 al prezzo base

di Euro 9.709,00; lotto 4 "quota ideale di ½ di unità immobiliare in Catanzaro in catasto al fg. 64 part. 384 al prezzo base di Euro 3.925,00; lotto 5 "quota ideale di ½ di unità immobiliare in Catanzaro in catasto al fg. 64 part. 380 sub. 1 al prezzo base di Euro 41.698,00; lotto 6 "quota ideale di ½ di unità immobiliare in Catanzaro in catasto al fg. 64 part. 380 sub. 2 al prezzo base di Euro 53.995,00; lotto 7 "quota ideale di ½ di unità immobiliare in Catanzaro in catasto al fg. 64 part. 380 sub. 4 al prezzo base di Euro 43.769,00; lotto 8 "quota ideale di ½ di unità immobiliare in Catanzaro in catasto al fg. 64 part. 380 sub. 5 al prezzo base di Euro 55.002,00; lotto 9 "quota ideale di ½ di unità immobiliare in Catanzaro in catasto al fg. 64 part. 380 sub. 6 al prezzo base di Euro 34.860,00 Fissa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 24.03.09 ore 12,00: fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a Euro 2.000,00 l’udienza del 25.03.09 ore 9,30

TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari Il GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dott.ssa Maria Carmela Andricciola nella procedura esecutiva n. 296/92 R.G.E. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto unico: Terreni in Simeri Crichi, loc. Pisica (F. 19, P.lle 10 e 160) € 25.440,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 cpc è fissata per il giorno 15 Aprile 2009 TRIBUNALE DI CATANZARO Prima sezione civile Il Giudice Istruttore, dott. Giuseppe Cava, nella causa di divisione n. 1142/2008; a scioglimento della riserva assunta all’udienza del 20 novembre 2008; rilevato che dalla ctu in atti emerge la non comoda divisibilità in quote uguali del compendio, trattandosi di appartamento e locale sottotetto; ritenuto, pertanto, di procedere a vendita, senza incanto dell’intero; Dispone la vendita senza incanto del compendio di seguito descritto: lotto 1 "appartamento ubicato in Tiriolo identificato in catasto al fg. 13, part.959 sub. 2" al prezzo base di € 96.135,00; lotto 2 locale sottotetto ubicato in Tiriolo identificato in catasto al fg. 13, part.959 sub. 3" al prezzo base di € 23.417.00; fìssa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 7-04-2009 ore 12,00; fìssa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a € 3.000,00, l’udienza dell’8.04.2009 ore 9,30 TRIBUNALE DI CATANZARO Prima sezione civile Procedimento n. 1472/07 Udienza del 15.01.2009 Il Giudice Istruttore, dott. Giuseppe Cava, rilevata la non comoda divisibilità del compendio da dividere; Dispone la vendita senza incanto dei beni di seguito descritti: Lotto 1 "unità abitativa in Catanzaro via S. Nicola Gagliano in catasto al fg. 24 part.701 sub. 6" Prezzo base di € 95.100,00; Lotto 2 "terreno in Catanzaro via S. Nicola Gagliano in catasto al fg. 24 part. 1102, 1103 Prezzo base di € 111.000,00 fissa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 24.03.09 ore 12,00; fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a € 3.000,00, l’udienza del 25.03.09 ore 9,30

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it

Segue


Enti e Istituzioni - Marzo 2009

22 TRIBUNALE DI CATANZARO Prima sezione civile Il Giudice dell’esecuzione, Dott.ssa Maria Carmela Andricciola, nel procedimento n. 8/06R.G.E. con ordinanza del 5 novembre 2008 ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto 1. Due Appartamenti di mq 133,00 posti al 1° e 2° piano di un fabbricato ubicato in San Vito Sullo Ionio Via Trovato 15 e relativo lastrico solare, in catasto al foglio 12, p.lla 890 sub. 8, 10 e 12 prezzo euro 109.929,75 Gli Immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato Tribunale di Catanzaro proc. n. 8/06 portante un importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12 del giorno 17.03.2009, restando a carico del procedimento le spese di trasferimento. L’udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c. e per l’eventuale gara tra gli offerenti ex. art. 573 c.p.c. è fissata in data 18.3.2009.

TRIBUNALE DI CATANZARO Sezione Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell’esecuzione dott. G. Cava nella procedura esecutiva n. 67/86 R.G.E. ORDINA Procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti immobili : LOTTO unico: Appartamento in Satriano, loc. Rodano( foglio 3, p.lla 159, sub.2 e 3) Prezzo base d’asta euro 23.186,00 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 8 aprile 2009 ore 9,30.

TRIBUNALE DI CATANZARO Prima sezione civile Il Giudice dell’esecuzione, dott. Giuseppe Cava, nel procedimento n. 103/07 R.G.E. con ordinanza del 30 ottobre 2008 ha disposto procedersi alla vendita senza incanto del seguente bene: - Lotto unico terreno ubicato in Taverna, in catasto al foglio 35 part. 738 e 740 al prezzo base di euro 203.880,00. L’immobile, venduto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, è meglio descritto nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro Procedura n. 103/07" portante un importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12 del giorno 24.03.2009, restando a carico del procedimento le spese di trasferimento. L’udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c. e per l’eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 c.p.c. è fissata in data 25.03.2009. TRIBUNALE DI CATANZARO Sezione Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell’esecuzione dott. Cava nella procedura esecutiva n. 108/89 R.G.E. ORDINA Procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti immobili : LOTTO 1) appartamento in Cerva alla via Martiri di Melissa di mq. 290. Riportato in catasto al foglio 8, p.lla 69, sub. 1 Prezzo base d’asta euro 16.207,00 LOTTO 2) appartamento in Cerva alla via Martiri di Melissa mq. 144 in catasto foglio 8, p.lla 69, sub. 5. Prezzo base d’asta euro 4.305,00 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella

Cancelleria di questo Tribunale. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 8 aprile 2009, ore 9,30. TRIBUNALE DI CATANZARO AVVISO DI VENDITA BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC Cancelleria esecuzioni immobiliari Il Giudice dell’Esecuzione Dr. Giuseppe Cava nella procedura esecutiva n.18/99 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto del seguente bene: Lotto unico: Appartamento in Caraffa di CZ (F.6,P.lla 767,Sub 7) Euro 17.487,75 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritti, in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art.572 c.p.c. è fissata per il giorno 08 aprile 2009 Nella medesima data è fissata l’udienza ex art.569 c.p.c. , in caso di mancanza di offerte d’acquisto.

TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dott.Cava, nella procedura esecutiva n. 69/02 R.GE., ha disposto, all’udienza del 14.01.2009, procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni siti in S. Vito Jonio e Davoli: * Lotto 1: quota 2/3 di immobile in Via Regina Elena n. 3/5 (f. 12, p.lla 455) € 1.142,44 * Lotto n. 2: quota 10/24 di terreno (f. 11, p.lla 3) € 4.610,25 * Lotto n. 3: quota 2/3 di terreno (f. 11, p.lla 23) € 1.557,00 * Lotto n. 4: quota 5/6 di terreno in Davoli (f. 3, p.lla 71) € 1.265,62 * Lotto n. 5: quota 5/24 di terreno in Davoli (f. 3, p.lle 73, 74 e 75) € 1.663,87 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 25.03.2009. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 c.p.c.in caso di mancanza di offerte d’acquisto.

TRIBUNALE DI CATANZARO Prima sezione civile Procedura esecutiva n. 113/07 R.G.Espr. Il Giudice dell’esecuzione, visti gli artt. 569 e ss. c.p.c. e vista la richiesta di vendita, Dispone la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto: lotto unico "appartamento in Sellia Marina Fraz. Uria c.da Malacoppola in catasto al fg. 5 mapp. 215 sub 2-4" al prezzo base di € 21.375,00. fissa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 24.03.09 ore 12,00; fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a € 3.000,00, l’udienza del 25.03.09 ore 9,30 TRIBUNALE DI CATANZARO Avviso di vendita beni immobili pignorati ex art.569 c.p.c. Cancelleria esecuzioni immobiliari IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dr. Giuseppe Cava nella procedura esecutiva n.276/95 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei beni indicati nel prospetto allegato e ai seguenti prezzi: Lotto n.1: Terreno Agricolo in Badolato (CZ), loc. Zicchinaro (F.7, P.lle 55, 61, 66, 466, 468, 469, 471) Euro 3.600,00 Lotto n.2:Terreno Agricolo in Badolato (CZ), loc. Orto di Provvidenza. Euro 450.00 Lotto n.3: Abitazione con Corte esclusiva in Badolato (CZ), Frazione Marina, Via F. Caporale (F.28, P.lla 552, sub 1 - 8) Euro 49.500,00 Lotto n.4: Locali pluriuso saltuariamente utilizzati come residenza turistica siti in Badolato (CZ), Frazione Marina, Via F. Caporale (F.28, P.lla 552, sub 3) Euro 27.450,00

Lotto n.5: Magazzini saltuariamente destinati a residenza turistica siti in Badolato (CZ), Frazione Marina, Via F. Caporale (F.28, P.lla 552 - sub 4 - 11) Euro 30.510,00 Lotto n.6: Magazzini saltuariamente destinati a residenza turistica siti in Badolato (CZ), Frazione Marina, Via C. Alvaro (F.28, P.lla 552 - sub 5 - 12) Euro 29.430,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e dí diritti, in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria., L’udienza di vendita ex art.572 c.p.c. è fissata per il giorno 08 aprile 2009 Nella medesima data è fissata l’udienza ex art.569 c.p.c. , in caso di mancanza di offerte d’acquisto. TRIBUNALE DI CATANZARO AVVISO VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC Cancelleria Esecuzioni Immobiliari IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dr. Giuseppe Cava nella procedura esecutiva n.1/00 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto unico: Appartamento in Caraffa, corso Colombo (F. 7, P.lla 460, sub 1-2) Euro 32.1462,50 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto, in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria., L’udienza di vendita ex art.572 c.p.c. è fissata per il giorno 08 aprile 2009 Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 c.p.c., in caso di mancanza di offerte d’acquisto.

TRIBUNALE DI CATANZARO Prima Sezione Civile Il Giudice dell’esecuzione, Dott.ssa Maria Carmela Andricciola, ha pronunciato la seguente ORDINANZA Nel procedimento n.R.G.E. 32/00 promossa da Banca Popolare di Crotone s.p.a..; visti gli atti; dispone procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto 1: "" Quota pari ad 1/3 di Terreno in Davoli, in Catasto al foglio 9, p.lle 432 e 459; Prezzo base € 11.475,00 Lotto 2: ""Quota pari ad 1/3 di Appartamento in Davoli, Via Cavour, in Catasto al foglio 11, p.lla 139 sub.1 e 2 ; Prezzo base € 11.250,00 Lotto 4: ""Quota pari ad 1/6 di Appartamento su due livelli in Davoli, Via Cavour n.98, in Catasto al foglio 11, p.lla 157, sub. 3. Prezzo base € 11.250,00 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro proc. n.32/00 R.G.E. di importo pari al 10% del prezzo base, a titolo di cauzione, entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita sotto fissata, restando a carico del procedimento le spese di trasferimento. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata in data 1 aprile 2009. TRIBUNALE DI CATANZARO PRIMA SEZIONE CIVILE Il Giudice dell’esecuzione, dr. CAVA, ha pronunciato la seguente ORDINANZA Nel procedimento n. 133/06 R.G.E. pendente tra INPS E [ OMISSIS] Visti gli atti, DISPONE Procedersi alla vendita senza incanto dei beni seguenti: - Lotto 1: Quota ideale di ½ della proprietà di apparamento in Catanzaro,via Magenta, in catasto FG 89, plla 285, sub 14; - PREZZO BASE: € 42.501,00

Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta d’acquisto in busta chiusa , entro le ore 12 del giorno precedente l’udienza sotto fissata, unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro - "Procedura n. 133/06" portante una somma pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione restando a carico dell’aggiudicatario le spese di trasferimento L’udienza per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a € 2.000,00 è fissata in data 08/04/09. TRIBUNALE DI CATANZARO Prima sezione civile Procedura esecutiva n. 137/05 RG.Espr. Il Giudice dell’esecuzione, dott. Giuseppe Cava; visti gli artt. 569 e ss. c.p.c. Vista la richiesta di vendita, Dispone la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto lotto 1 "edificio industriale sito in Botricello in catasto al fg.5 part. 731 sub 1101 al prezzo base di € 1.948.500,00 (nel lotto non sono ricompresi i macchinari aziendali, non compresi nel pignoramento ed erroneamente valutati dal perito estimatore); lotto 2 " Terreno sito in Mercellinara in catasto al fg.15 partt.53 e 54 al prezzo bae di € 675.000,00 fissa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 07/04/2009 ore 12,00; fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a € 20.000,00, l’udienza del 08/04/2009 ore 9,30

TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dott.ssa Maria Carmela Andricciola nella procedura esecutiva n.139/1989 R.G.E. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto n.1 - Appezzamento di terreno denominato Colangelo, sito in agro di Amato, della superficie di ha 3.17.80, in catasto al foglio 9 particelle 21, 22, 69, 70, 73, 76, 153, 155, 156, 224, 502, 514, 515, 516, 607, 608 e 609 - prezzo base euro 9.848,00. Lotto n.2 - Quota pari a 3/4 di appezzamento di terreno denominato Colangelo, sito in agro di Amato, della superficie di ha 02.33.60, in catasto al foglio 8 particelle 35, 482, 483, 565 - prezzo base euro 5.429,00. Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in cancelleria. L’udienza di vendita ex art.572 c.p.c. è fissata per il giorno 15/4/2009 ore 9,30.

TRIBUNALE DI CATANZARO PRIMA SEZIONE CIVILE Il Giudice dell’esecuzione, dr. CAVA, ha pronunciato la seguente ORDINANZA Nel procedimento n. 158/95 R.G.E. pendente tra INPS E [ OMISSIS] Visti gli atti, DISPONE Procedersi alla vendita senza incanto dei beni seguenti: - Lotto 1: Quota ideale di ½ della proprietà di terreni siti in Cardinale, in catasto FG 10, plla 352, 353, 356, 357, 367; - PREZZO BASE: € 600,00 - Lotto 2: Quota ideale di ½ della proprietà di terreni siti in Cardinale, in catasto FG 10, plla 607, 608, 610, 611, 613, 614, 617, 618, 412; FG 13, plla 456, 461, 464; - PREZZO BASE: € 7.125,00 - Quota ideale di ½ della proprietà di terreni siti in Cardinale, in catasto FG 10, plla 621;

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it

Segue


Enti e Istituzioni - Marzo 2009

23 FG 10 plla 466, 66, 460; - PREZZO BASE: € 3.263,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta d’acquisto in busta chiusa , entro le ore 12 del giorno precedente l’udienza sotto fissata, unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro - "Procedura n. 158/95" portante una somma pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione restando a carico dell’aggiudicatario le spese di trasferimento L’udienza per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a € 1.000,00 è fissata in data 08/04/09. TRIBUNALE DI CATANZARO PRIMA SEZIONE CIVILE Procedura esecutiva N. 200/87 R.G. Espr. Il Giudice dell’esecuzione, dott. Giuseppe Cava, all’esito della richiesta di fissazione della vendita avanzata all’udienza del 26.11.08; visti gli artt. 569 e ss. c.p.c.; Dispone la vendita senza incanto del compendio pignorato descritto nel prospetto, redatto dall’esperto stimatore, riportato in calce alla presente ordinanza; fissa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 7.04.2009 ore 12,00; fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non infe-riore ad € 4.000,00, l’udienza del 8.04.2009 ore 9,30 TRIBUNALE DI CATANZARO Prima sezione civile Procedura esecutiva n. 207/95 (cui sono riunite le procedure nn. 208, 209, 210) R. G. Espr.. Il Giudice dell’esecuzione, dott. Giuseppe Cava, all’udienza del 14 gennaio 2009 visti gli artt. 569 e ss. c.p.c. e vista la richiesta di vendita, Dispone la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto: lotto 3: "appartamento sito in Botricello villaggio Costa del Turchese - loc. Botro identificato in catasto al fg. 5 part. 720 sub. 2" al prezzo base di € 27.000,00; lotto 4: "appartamento sito in Botricello villaggio Costa del Turchese - loc. Botro identificato in catasto al fg. 5 part. 720 sub. 1" al prezzo base di € 27.000,00; si rappresenta che in relazione ai beni posti in vendita è stata proposta domanda di usucapione trascritta il 13.03.07 ai nn. 4330/2861. fissa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 7 aprile 2009, ore 12,00; fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a € 3.000,00, l’udienza dell’8 aprile 2009 ore 9,30 TRIBUNALE DI CATANZARO PRIMA SEZIONE CIVILE Il Giudice dell’esecuzione, dr. CAVA, ha pronunciato la seguente ORDINANZA Nel procedimento n. 225/95 R.G.E. pendente tra INPS E [ OMISSIS] Visti gli atti, DISPONE Procedersi alla vendita senza incanto dei beni seguenti: - Lotto 1: Magazzino in fabbricato sito in Montepaone, in catasto: fg. 9, partic. 431, sub 4; - PREZZO BASE: € 2.788,00 - Lotto 2: Magazzino in fabbricato sito in Montepaone, in catasto: fg. 9, partic. 431, sub 3; - PREZZO BASE: € 7.456,00 - Lotto 3: Appartamento in fabbricato sito in Montepaone, in catasto: fg. 9, partic. 424, sub 4; - PREZZO BASE: € 10.856,00 - Lotto 4: Terreno in fabbricato sito in Montepaone, in catasto: fg. 6, partic. 61; - PREZZO BASE: € 17.151,00 - Lotto 5: Terreno sito in Montepaone, in catasto: fg. 7, partic. 178;

- PREZZO BASE: € 28.663,00 - Lotto 6: Terreno sito in Montepaone, in catasto: fg. 7, partic. 487; - PREZZO BASE: € 1.162,00 - Lotto 7: Terreno sito in Montepaone, in catasto: fg. 7, partic. 483; - PREZZO BASE: € 11.329,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta d’acquisto in busta chiusa , entro le ore 12 del giorno precedente l’udienza sotto fissata, unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro - "Procedura n. 25/95" portante una somma pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione restando a carico dell’aggiudicatario le spese di trasferimento L’udienza per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a € 1.000,00 è fissata in data 08/04/09.

TRIBUNALE DI CATANZARO IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE dott.sa ANDRICCIOLA nella procedura n. 314/95 R.G.E. ha disposto precedersi alla vendita senza incanto dell’intero fabbricato sito in Gasperina, contrada Pilinga suddiviso nei seguenti lotti aventi ciascuno pertinenze in comune( F. 21, P.lla, sub 1 e 2): Lotto n. 1 : Magazzino( F. 21, part. 492, sub 3) Euro 33.000,00 Lotto n. 2 : Magazzino( F. 21, part. 492, sub 4) Euro 33.000,00 Lotto n. 3 : Appartamento I piano( F. 21, part. 492, sub 5) Euro 71.000,00 Lotto n. 4: Appartamento II piano( F. 21, part. 492, sub 6) Euro 36.000,00 Lotto n. 5: Appartamento II piano( F. 21, part. 492, sub 7) Euro 36.000,00 Lotto n. 6: Appartamento II piano( F. 21, part. 492, sub 8) Euro 36.000,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritti, in cui si trovano,sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c è fissata per il giorno 15/04/2009.

TRIBUNALE DI CATANZARO Il Giudice dell’Esecuzione Dott. Giuseppe Cava, con ordinanza assunta all’udienza del 28.1.2009; Visti gli artt. 569 e ss. c.p.c.; Vista la richiesta di vendita, DISPONE la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto: Appartamento sito in Cropani - Viale Taranto, 6, identificato in catasto al fg. 27 mapp. 817 sub 1 Prezzo base € 17.789,84 FISSA per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 7.4.2009, ore 12,00. FISSA per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore ad € 3.000,00, l’udienza del 8.4.2009, ore 9,30. TRIBUNALE DI CATANZARO PRIMA SEZIONE CIVILE Il Giudice dell’esecuzione, Dott.ssa Maria Carmela Andricciola, ha pronunciato la seguente ORDINANZA nel procedimento n. 40/05 R.G.E. promossa da BNL Visti gli atti DISPONE procedersi alla vendita senza incanto dei beni seguenti: Lotto 1: appartamento sito in Catanzaro, Viale De Filippis n. 122, in catasto al fo-glio 64, p.lla 10, sub. 106 Prezzo euro 90.472,70

Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono me-glio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tri-bunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’im-mo-bile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato Tribunale di Catanzaro proc. n. 40/05 portante un importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12 del giorno 18.12.2007, restando a carico del procedimento le spese di trasferimento. L’udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c. e per l’even-tuale gara tra gli offerenti ex art. 573 c.p.c. è fissata in data 15.04.2009.

TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari Il Cancelliere comunica che il G.E,, dott. Giuseppe Cava, nella procedura esecutiva n.144/97 RGE ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: appartamento in Sellia Marina, via Giardinello, in catasto al foglio 12, p.lla 899 sub.4. Prezzo 19.282,50 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in cancelleria. L’udienza di vendita ex art.572 cpc è fissata per il giorno 8.4.2009.

TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari Il Cancelliere Comunica che il Giudice dell’esecuzione dr.Giuseppe Cava,esaminati gli atti della procedura di espropriazione immobiliare n.77/06 ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: lotto unico : quota ideale di ½ della proprietà di unità abitativa in Catanzaro Lido . In catasto Fol.96/A, P.lla 333 sub 1 PREZZO BASE D’ASTA € 87.540,00 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano,sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art.572 cpc è fissata per il giorno 8 aprile 2009 ore 9,30. TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari Il Cancelliere Comunica che il Giudice dell’esecuzione ,esaminati gli atti della procedura di espropriazione immobiliare n.97/97 ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto 1 : appartamento al piano terra sito nel Comune di Botricello,loc.Chiusa,composto da tre vani ed accessori,circondato da giardino di mq.540,sup mq 120,00,in catasto Fol 26, P.lla 2594 sub 2 PREZZO BASE D’ASTA € 11.733,00 Lotto 2 : locale magazzino al piano terra sito nel Comune di Botricello,loc.Chiusa,composto da unico vano oltre un bagno,circondato da giardino di mq.540,sup mq 54,00 lordi,in catasto Fol 26, P.lla 2594 sub 3 PREZZO BASE D’ASTA € 5.280,00 Lotto 3 : appartamento al primo piano sito nel Comune di Botricello,loc.Chiusa,composto da quattro vani più accessori,circondato da giardino di mq.540,sup mq 174,00 oltre mq 52,45 di balconi,in catasto Fol 26, P.lla 2594 sub 4 PREZZO BASE D’ASTA € 21.885,00 Lotto 4 : appartamento al piano secondo sito nel Comune di Botricello,loc.Chiusa,composto da quattro vani più accessori,circondato da giardino di mq.540,sup mq 174,00 oltre mq 52,45 di balconi,in catasto Fol 26, P.lla 2594 sub 5 PREZZO BASE D’ASTA € 21.885,00 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano,sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art.572 cpc è fissata per il giorno 15 aprile 2009 ore 9,30.

Nella medesima data è fissata l’udienza ex art.569 cpc in caso di mancanza di offerte di acquisto. TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari Il Cancelliere comunica che il G.E,, dott. Giuseppe Cava, nella procedura esecutiva n.127/96 RGE ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: lotto n.1: Immobile con destinazione deposito artigianale sito in Catanzaro, via Redipuglia n.11, in catasto al foglio 79, particella 569, sub.1. Prezzo Euro 23.627,25 Lotto n.3: Capannone industriale sito in Catanzaro via Gorizia n.20. In catasto al foglio 79 particella 727. Prezzo Euro 20.589,75 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in cancelleria. L’udienza di vendita ex art.572 cpc è fissata per il giorno 8.4.2009. TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari Il Cancelliere comunica che il G.E,, dott. Giuseppe Cava, nella procedura esecutiva n.135/94 RGE ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: lotto n.1: appartamento in Sersale , via Indipendenza (foglio 20, p.lla 1077 sub. 3-6) Euro 45.128,00 lotto n.2: locale deposito e n. magazzini in Cerva, via Cavour (f.9,p.lla 711/8, p.lla 654/1101, p.lla 711/6-3) Euro 53.008,00 lotto n.3: appartamento e locale pertinente in Cerva, via Cavour (f.9, p.lla 654/2 e p.lla 711/8) Euro 25.504,00. Lotto n.4: appartamento e locale di pertinenza in Cerva, via Cavour (f.9, p.lla 654 sub.2) Euro 23.629,00. Lotto n.5: Opificio in Cerva, via Cavour, comprendente magazzino (f. 9, p.lla 711 sub. 4) locale seminterrato (p.lla 711 sub.3, p.lla 654 sub.6, p.lla 654 sub.4, p.lla 711 sub.7) e terreno ( f.9 p.lla 86) Euro 73.267,00 Lotto n.6: terreno agricolo in Cerva (f.12 p.lle 2 e 56) Euro 748,00 Lotto n.7: terreno in Cerva (f.10, p.lle 39, 41 e 48) Euro 29.929,00 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in cancelleria. L’udienza di vendita ex art.572 cpc è fissata per il giorno 8.4.2009. TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dr. Giuseppe Cava nella procedura esecutiva n. 157/91 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto n° 1: Quota ½ appartamento in Sellia M.na, loc. Chiaro (F. 18, P.lla 204, Sub 1 e 4). Euro 33.652,96; Lotto n° 2: Quota ½ magazzino in Zagarise (F. 17, P.lla 591, Sub 13. Euro 17.695,96; Lotto n° 3: Quota ½ appartamento in Zagarise via Genova (F. 17, P.lla 591, Sub 4). Euro 16.027,56; Lotto n° 4: Quota ½ appartamento in Zagarise, via Genova (F. 17, P.lla 591, Sub 6). Euro 10.017,10; Lotto n° 5: Quota ½ appartamento in Zagarise via Genova (F. 17, P.lla 591, Sub 8). Euro 6.863,48. Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 cpc è fissata per il giorno 08 aprile 2009.

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it

Segue


Enti e Istituzioni - Marzo 2009

24 TRIBUNALE DI CATANZARO PROCEDURA ESECUTIVA N. 31/08 R.G.Espr. Il Giudice dell’esecuzione, dott. Giuseppe Cava, dispone la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto: lotto unico "unità abitativa in Tiriolo in catasto al fg. 36 part. 240 al prezzo base di E 313.500,00"; fissa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 21.04.09 ore 12,00;

TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dr. Andricciola Nella procedura esecutiva n. 89/97 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto n. 2: Appartamento in Sellia M.na (F5, P.lla 177, sub 7) Euro 13.200,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 1° aprile 2009. TRIBUNALE DI CATANZARO Avviso di vendita beni immobili pignorati ex art.569 c.p.c. Cancelleria esecuzioni immobiliari IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dr. Giuseppe Cava nella procedura esecutiva n.100/92 r.g.e., a scioglimento della riserva di cui all’udienza del 04.12.08, ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto n.1: terreno in Davoli (CZ), identificato al catasto al Fg.13, part.lle 324 e 390, al prezzo a base d’asta di euro 7.750,00 Lotto n.2: unità abitativa in Davoli (CZ), Via Veneto in catasto al Fg. 11 part.lla 448, sub. 5 e 1001 al prezzo a base d’asta di euro 15.620,00 Gli immobili, meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e di diritto, in cui si trovano, che si intenderà conosciuto dall’aggiudicatario, anche con riferimento alla situazione di conformità degli impianti e alla situazione energetica. L’udienza di vendita ex art.572 c.p.c. è fissata per il giorno 22 aprile 2009 TRIBUNALE DI CATANZARO PRIMA SEZIONE CIIVLE Ufficio Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell’Esecuzione dott. Giuseppe Cava, all’udienza del 28 Gennaio 2009 ha pronunciato la seguente ORDINANZA nella procedura esecutiva n. 103/99 R.G.E., pendente tra .........OMISSIS visti gli atti; DISPONE procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto 1: Quota di proprietà pari a ¼ relativa ai seguenti beni: * Rudere in S. Andrea J. Via Vittorio Emanuele, identificato in Catasto al foglio MU1 mappale 448, sub 1, Cat C/2, classe 2 della superficie catastale di mq 11, posto al piano terra, e foglio MU1 mappale 1139 - Valore di stima E 129,11 * negozio in S. Andrea J. Via Vittorio Emanuele, identificato in Catasto al foglio MU1 mappale 633, sub 1, Cat. C/1, classe 2 della superficie catastale di mq 30 posto al piano terra, composto da un vano in condizioni statiche pessime e abitative disastrose. Valore di stima E 387,34 Prezzo base d’asta E 246,93 Lotto 2: Quota di proprietà pari a ¼ dell’immobile sito in Comune di S. Andrea J., Via Vittorio Emanuele, costituito da 3 piani fuori terra, composto da deposito, cucina, corridoio, ingresso, WC, camera, camera, terrazza sottotetto, posto al piano T-1-2 per una superficie lorda complessiva di circa mq 80, identificato in Catasto al foglio MU1 mappale 448, sub 1, cat. A/4, classe 2, composto da vani 5,5, posto al piano T-1-2 mappale 570, cat. A/4, classe 2,, posto al piano T-1-2 mappale 1139 sub 3, cat A/4,

classe 2, posto al piano T-1-2. Valore di stima E 2.194,94 Prezzo base d’asta E 1.049,45 Lotto 3: Quota di proprietà pari ad ¼ del terreno agricolo sito in S. Andrea Ionio della superficie di circa mq 2690 identificato in Catasto al foglio 13, mappale 184 della superficie catastale di mq 1.110, rendita E 1,32 e mappale 174 della superficie catastale di mq 1580, rendita E 0,65. Valore di stima E 1.041,95. Prezzo base d’asta E 498,18 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente,depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta in busta chiusa, recante la data della vendita ed il nome del Giudice, contenente domanda di partecipazione in bollo, fotocopia del documento d’identità nonché un assegno circolare intestato Tribunale di Catanzaro proc. n. 103/99 RGE dell’’importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12 del giorno 07.04.2009 restando le spese di trasferimento a carico della procedura. L’udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c. e per l’eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 c.p.c. è fissata in data 08.04.2009. Aumento minimo in caso di gara euro 1.000,00. TRIBUNALE DI CATANZARO Il Giudice dell’esecuzione esaminati gli atti della procedura di espropriazione immobiliare N.110/05 Dispone Procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto 1) appartamento sito in un edificio a due piani fuori terra,oltre seminterrato in Guardavalle via Raffaele Salerno,composto da cucina,salone,tre camere da letto,ripostiglio,2 bagni,superficie lorda mq 205,56. In catasto Fol.31,part.132 sub 2 PREZZO BASE D’ASTA E 123.340,00 Lotto 2) appartamento sito in un edificio a due piani fuori terra,oltre seminterrato in Guardavalle via Raffaele Salerno,composto da cucina,salone,tre camere da letto,ripostiglio,2 bagni,superficie lorda mq 108,34. In catasto Fol.31,part.132 sub 3 PREZZO BASE D’ASTA E 70.420,00 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano,sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art.572 cpc è fissata per il giorno 15 aprile 2009 ore 9,30. TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell’Esecuzione, Dott.Giuseppe Cava, nella procedura esecutiva n. RGE 197/94 ha disposto procedersi alla vendita senza incanto del seguente bene: Lotto Unico : Fabbricato in Isca sullo Ionio, Loc. Spinella ( F. 21, P.lla 396/b) Prezzo base Euro 20.494,27 ; L’immobile, venduto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova , è meglio descritto nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 8.4.2009. Nella medesima data è fissata l’udienza ex. art 569 c.p.c. in caso di mancanza di offerte d’acquisto. TRIBUNALE DI CATANZARO Prima Sezione Civile Il Giudice dell’esecuzione, Dott. Cavallo, ha pronunciato la seguente ORDINANZA Nel procedimento n. 10/07 R.G.E. pendente tra Banco di Napoli S.p.A. e visti gli atti; DISPONE Precedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto 1: piena proprietà di fondo rustico in Agro di Gimigliano, località Acqua Le Pere

in catasto foglio 44, p.lle 288 e 289; F. 51, p.lle 21,322,320. Prezzo base E 33.000,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritti, in cui si trovano,sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria di questo Tribunale. L ‘offerente,depositando offerta,dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta, entro le ore 12.00 del giorno precedente l’udienza sotto fissata, con somma pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione restando a carico del procedimento le spese di trasferimento. L’udienza di vendita ex art.572 cpc è fissata per il giorno 01/04/2009, ore 9.30. TRIBUNALE DI CATANZARO Prima sezione civile Procedura esecutiva n. 131/06 R.G. Espr. Il Giudice dell’esecuzione, dott. Giuseppe Cava, visti gli artt. 569 e ss, c.p.c. e vista la richiesta di vendita. Dispone la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto: lotto unico "unità abitativa in Montepaone in catasto al fg. 15part. 746 sub. 1 (sub. 5 e 6 in comunione) al prezzo base di E 154.089,85 oltre le spese a carico dell’aggiudicatario; fissa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 7.04.2009 ore 12.00 TRIBUNALE DI CATANZARO Esecuzioni Immobiliari IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dottor Cava Nella procedura esecutiva n. 229/97 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto, con riduzione di ¼ del prezzo a base d’asta, dei seguenti beni: Lotto n. 3: quota di 1/3 di abitazione in Davoli Superiore Traversa S. Francesco. In Catasto al F. 11 p.lla 261 sub 1; Prezzo base d’asta Euro 2.743,03 Lotto n. 5: quota di 1/3 di proprietà indivisa di locale di sgombero, sito al vicolo traversa S. Francesco di Davoli Superiore. In Catasto al F. 11 p.lla 265 sub 1; Prezzo Base d’asta: Euro 126,57 Lotto n. 6: Terreno destinato a zona verde privato sito in agro di Davoli Superiore adiacente Chiesa di S. Caterina e Fiume Peramo. In Catasto al F. 11 p.lla 43 superficie ha13 ca10; terreno agricolo sito in Davoli Superiore adiacente Chiesa di S. Caterina e Fiume Peramo. In Catasto al F. 11 p.lla 1008 ha00 ca80; Prezzo Base d’asta: Euro 1.970,58 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 8 aprile 2009 TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell’esecuzione - Dr. Giuseppe Cava nella procedura esecutiva n° 295/94 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni : lotto unico : Appartamento in Botricello ( F.5 , P.lla 78, Sub 4) Prezzo E. 34.425,00; Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata in data 08.04.2009 TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dott. Giuseppe Cava Nella procedura esecutiva n. 7/1991 R.G.E. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto n.1 Locale sito in Catanzaro alla via Barlaam da Seminara n. 47, della superficie di mq.29,50, ubicato al piano seminterrato e riportato in catasto alla partita 21044 foglio 43 particella 194 sub 64 prezzo base euro

11.181.00 Lotto n.3 Locale sito in Catanzaro alla via Barlaam da Seminara n.47, della superficie di mq. 8,90, ubicato al piano seminterrato e riportato in catasto alla partita 21044 foglio 43 particella 194 sub 66 prezzo base euro 2.110.00 Lotto n.4 Locale sito Catanzaro alla via Barlaam da Seminara n.47, della superficie di mq. 10.40, ubicato al piano seminterrato e riportato in catasto alla partita 21044 foglio 43 particella 194 sub 67 prezzo base euro 2.532,00 Lotto n.5 Locale sito Catanzaro alla via Barlaam da Seminara n.47, della superficie di mq. 11.10, ubicato al piano seminterrato e riportato in catasto alla partita 21044 foglio 43 particella 194 sub 68 prezzo base euro 2.743,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritti in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 25/3/2009 ore 9,30 Nella medesima data è fissata l’udienza ex art 569 c.p.c. in caso di mancanza di offerte d’acquisto. TRIBUNALE DI CATANZARO Prima Sezione Civile AVVISO DI VENDITA BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC Il Giudice dell’esecuzione, dr. Luigi Cavallo, ha pronunciato la seguente ORDINANZA nella procedura esecutiva n.46/04 RGE pendente tra I.G.C. S.p.A. e * * * * * ; visti gli atti; DISPONE procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto 1: Laboratorio artigianale sito in Catanzaro, alla Via F. Burza n.20, composto da due ampi vani comunicanti, antibagno, bagno e piccola corte interna, piano terra sup. mq 87 in catasto foglio 48, p.lla 159 sub.1 Prezzo base d’asta Euro 33.277,50 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritti, in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato Tribunale di Catanzaro proc. N.46/04 RGE portante un importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12 del giorno 28.04.2009, restando a carico del procedimento le spese di trasferimento. L’udienza per la deliberazione sulle offerte ex art.572 c.p.c. e per l’eventuale gara tra gli offerenti ex art.573 c.p.c. è fissata per il giorno 29.04.2009 TRIBUNALE DI CATANZARO Sezione Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell’Esecuzione , dott. Giuseppe Cava, nella procedura esecutiva n.13/06 R.G. E. ORDINA Procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti immobili: LOTTO 1) " Villa bifamiliare sita in Borgia via Falcone 36-38 di mq.168,90 circa con annesso giardino di mq. 378,00, identificato in catasto al fg. 27, part. 178 sub. 1-3"; Prezzo base E 66.622,50; LOTTO 2) "Quota ideale di 1/6 della proprietà di appartamento sito in Catanzaro via Barbaro 25, identificato in catasto al fg.38 ,part.216 sub. 14; Prezzo base E 12.852,00; Gli immobili, venduti nello stato di fatto e diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella cancelleria di questo Tribunale. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 08.04.2009,ore 9,30. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art.569 c.p.c. in caso di mancanza di offerte di acquisto.

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it

Segue


Enti e Istituzioni - Marzo 2009

25 TRIBUNALE DI CATANZARO Avviso di vendita beni immobili pignorati ex art.569 c.p.c. Cancelleria esecuzioni immobiliari IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dr. Giuseppe Cava nella procedura esecutiva n.71/06 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto del seguente bene: Lotto unico: Capannone industriale in Settingiano (CZ) identificato in catasto al fg. 16, mapp.267 (derivante dalla fusione delle partt. 207 e 210) al prezzo base di euro 154.461,94 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto, in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art.572 c.p.c. è fissata per il giorno 08 aprile 2009. TRIBUNALE DI CATANZARO Il Giudice dell’Esecuzione Dott. Cava, nella procedura esecutiva n.72/93 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto unico: immobile in Chiaravalle C. via Filangeri n.34 (F.24 P.lla 272 sub.1 e P.lla 268 sub.3 al prezzo base di E.19.125,00. Gli ímmobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano,sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art.572 cpc è fissata per il giorno 18.03.2009 TRIBUNALE DI CATANZARO CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dott. Luigi Cavallo nella procedura esecutiva N° 88/01 R.G.E. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto n. 1 Appartamento in Belcastro, Via D’Orso n. 8 (F. 11, P.lla 41, Sub 3) Euro 24.387,75. Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata in data 15 Aprile 2009. TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari II GIUDICE DELL’ESECUZIONE DOTT.SSA MARIA CARMELA ANDRICCIOLA nella procedura esecutiva n. 88/06 R.G.E. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto del seguente bene: Lotto unico: quota pari a ½ di immobile per civile abitazione in Sersale, Via Tre Fontane, fraz. Ortobarone costituito da due piani fuori terra, sup. 114,00 e 121,61 in catasto al foglio 18, p.lla 641 sub. 2, 3 e 4. Prezzo a base d’asta E 18.000,00. L’immobile, venduto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, è meglio descritto nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 cpc è fissata per il giorno 15 aprile 2009. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 cpc, in caso di mancanza di offerte di acquisto. TRIBUNALE DI CATANZARO prima sezione civile Il Giudice, dott, ssa Maria Carmela Andricciola, ha pronunciato la seguente ORDINANZA nella procedura esecutiva n. 92/05 R.G.E, pendente tra Cassa di risparmio di Firenze e visti gli atti; DISPONE procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto 1: quota pari a 2/15 di appartamento in Vallefiorita, Via della resistenza, piano primo, in catasto al foglio 11 p.lla 274 sub. 1 Prezzo E 2.482,00 Lotto 2 quota pari a 2/15 di due depositi in Vallefiorita, Via della resistenza, piano terra, in catasto al foglio il plla 274 sub. 2 e 3 Prezzo E 680,00 Lotto 3 quota pari a 2/15 di terreni in Vallefiorita, loc. Mortille e Coture, in catasto al foglio 34 p.lle 48, 140, 304, 364 Prezzo E 1074,23

Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato Tribunale di Catanzaro proc. n. 92/05 RGE un importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, oltre al 20% per le spese di trasferimento entro le ore 12 del giorno 31.3.2009. L’udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c. e per l’eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 c.p.c. è fissata in data 1.4.2009. TRIBUNALE DI CATANZARO PRIMA SEZIONE CIVILE Il Giudice dell’esecuzione, dr. CAVA, ha pronunciato la seguente ORDINANZA Nel procedimento n. 95/83 R.G.E. pendente tra INPS E [ OMISSIS] Visti gli atti, DISPONE Procedersi alla vendita senza incanto dei beni seguenti: Lotto b: Terreno in Sorbo San Basile, loc. Difisula, mq 1900, confinante con Benefcio Parrocchiale di Gimigliano e con strada provinciale Cafarda-piano di Maio, incorporato nella partic. 3, fg. 28; PREZZO BASE: E 8.676,48 Lotto c: Terreno costituente il fondo Manganello, in Comune di Albi, al catasto fg. 12, partic. 135, 136, 137; PREZZO BASE: E 1.1471,92 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta d’acquisto in busta chiusa , entro le ore 12 del giorno precedente l’udienza sotto fissata, unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro - "Procedura n. 95/83" portante una somma pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione restando a carico dell’aggiudicatario le spese di trasferimento L’udienza per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a E 500,00 è fissata in data 15/04/09. TRIBUNALE DI CATANZARO Prima sezione civile Ufficio esecuzioni immobiliari Il Giudice dell’esecuzione, dott. Carmela Andricciola, ha pronunciato la seguente Ordinanza Nel procedimento n° 96/2005 R.G.E pendente tra S.G.A spa in pregiudizio di ......... Visti gli atti della procedura esecutiva n°96/05 promossa dalla soc. S.G.A spa nei confronti di ........... ; all’esito dell’udienza di comparizione nella quale le parti chiedevano la vendita del compendio pignoratizio; visto l’art. 569 cpc e dato atto dell’avvenuto adempimento delle formalità pubblicitarie disposte e dell’avvenuto avviso agli aventi diritto dell’istanza di vendita; ritenuto di dover procedere nell’espropriazione mediante vendita senza incanto; letti gli artt 570 ess. cpc Dispone la vendita senza incanto alla modalità seguenti, dei seguenti beni: Lotto 1: Diritto di usufrutto su appartamento in Gagliato (Cz), loc. Subartolo, Via T. Campanella, Piano Terra in catasto foglio 3 part. 477 sub.1. Prezzo base: E 20.023,20. Lotto 2: Diritto di usufrutto su appartamento in Gagliato (Cz), loc. Subartolo, Via T. Campanella, Piano Primo in catasto foglio 3 part. 477 sub.2. Prezzo base euro 15.837,53 Gli immobili sono meglio descritti nella relazione di Consulenza tecnica consultabile in Cancelleria e che si considera interamente conosciuta dagli offerenti e dall’aggiudicatario; l’udienza di vendita ex art. 572

c.p.c avverrà avanti al GE dell’intestata procedura in una sala delle pubbliche udienze del Tribunale, il giorno 01.04.2009 ore 9,30. TRIBUNALE DI CATANZARO Prima sezione civile Procedura esecutiva n. 97/05 R.G. Espr. Il Giudice dell’esecuzione, dott. Giuseppe Cava, con ordinanza assunta all’udienza del 28 GENNAIO 2009; visti gli artt. 569 e ss. c.p.c. e vista la richiesta di vendita del creditore procedente, come da verbale. Dispone la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto: 1) lotto1 appartamento in Catanzaro di circa mq 164,00 in catasto al fg. 2 part. 780 sub 2-3 oltre quota ideale di ½ su parti comuni (part. 780 sub. 1, 4, 6, 7; part. 777), via O. Colace, (prezzo base originario di E 162.000,00), con la ulteriore riduzione nella misura di un quarto, al prezzo base d’asta pari ad E 38.443,36; 2) lotto 2 appartamento in Catanzaro di circa mq 163,00 in catasto al fg. 2 part. 780 sub. 5 oltre quota ideale di ½ su parti comuni (part. 780 sub 1, 4, 6, 7; part. 777), Via O. Colace, (prezzo base originario di E 188.000,00), con la ulteriore riduzione nella misura di un quarto, al prezzo base d’asta pari ad E 44.613,28. Fissa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 07 APRILE 2009 ore 12,00.

TRIBUNALE DI CATANZARO Prima Sezione Civile Il Giudice dell’esecuzione ha pronunciato la seguente ORDINANZA Nel procedimento n.100/06 R.G.E. pendente tra E visti gli atti; DISPONE procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: lotto unico:Piena proprietà di appartamento sito in Satriano, Condominio Gardenia, via Bocconi 11/13, composto da due vani letto, soggiorno pranzo, bagno, sottotetto non abitabile, con relativo posto auto e giardino; in catasto foglio 2, mappale 729, sub. 6, cat.A/3, cl.3, sup. cat. 87, composto da vani 6, rendita 220,01,prezzo base E87.598,35, ridotto di un quarto rispetto al prezzo base dell’ordinanza precedente. Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta, entro le ore 12 del giorno precedente l’udienza sotto fissata, con una somma pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione restando a carico del procedimento le spese di trasferimento. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata in data 1 aprile 2009, ore 9,30. TRIBUNALE DI CATANZARO Cancellaria esecuzioni Immobiliari IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dott. Giuseppe Cava nella procedura esecutiva n. 101/2004 R.G.E. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto del seguente bene: Lotto n.1: Appartamento sito in Catanzaro alla via Galiani n. 90 con annessa cantina e identificato in catasto al foglio 20 particella 737 sub 5 - prezzo base euro 43.391,00. Lotto n.2: Appartamento sito in Catanzaro alla via Galiani n. 90 e identificato in catasto al foglio 20 particella 737 sub 6 - prezzo base euro 150.590,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritti in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 8/4/2009 ore 9,30. TRIBUNALE DI CATANZARO PRIMA SEZIONE CIVILE UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Il Giudice dell’Esecuzione, dott. Giuseppe Cava,

letti gli atti della procedura esecutiva n. 105/2003 R.G. Espr.; ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: DESCRIZIONE IN ALLEGATO Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 cpc è fissata per il giorno 25.3.2009 con riduzione di un quarto del prezzo base. TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dr. Giuseppe Cava nella procedura esecutiva n.115/03 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni in Chiaravalle C.le: Lotto n.1: Villa, via Nazionale n.102 - 104 (F.35,P.lla 317,Sub 2) Euro 64.013,63 Lotton .2: Ristorante, via Nazionale (F.35, P.Ila 317 ,Sub 1) Euro 27.638,44 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritti, in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria., L’udienza di vendita ex art.572 cpc è fissata per il giorno 08 aprile 2009 Nella medesima data è fissata l’udienza ex art.569 c.p.c., in caso di mancanza di offerte d’acquisto. TRIBUNALE DI CATANZARO PRIMA SEZIONE CIVILE Il Giudice dell’esecuzione, dr. CAVA, ha pronunciato la seguente ORDINANZA Nel procedimento n. 115/06 R.G.E. pendente tra INPS E [ OMISSIS] Visti gli atti, DISPONE Procedersi alla vendita senza incanto dei beni seguenti: - Lotto 1: Unità abitativa e annessi magazzini sita nel comune di Cropani, Via Grimaldi, in catasto: fg. 15, partic. 360, sub 1, 3, 4; - PREZZO BASE: E 30.600,00 - Lotto 2: Quota ideale di ½ della proprietà di locale sito in Cropani, al catasto fg. 15, partic. 307; - PREZZO BASE: E 7.841,25 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta d’acquisto in busta chiusa , entro le ore 12 del giorno precedente l’udienza sotto fissata, unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro - "Procedura n. 115/06" portante una somma pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione restando a carico dell’aggiudicatario le spese di trasferimento L’udienza per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a E 2.250,00 è fissata in data 08/04/09. TRIBUNALE DI CATANZARO Avviso di vendita Beni immobili pignorati ex art.569 c.p.c. Cancelleria esecuzioni immobiliari IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dr. Giuseppe Cava nella procedura esecutiva n.128/99 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto del seguente bene: Lotto unico: Unità abitativa in Zagarise (CZ) al prezzo base di euro 18.068,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto, in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art.572 c.p.c. è fissata per il giorno 08 aprile 2009

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it

Segue


Enti e Istituzioni - Marzo 2009

26 TRIBUNALE DI CATANZARO Ufficio Esecuzioni immobiliari Procedura esecutiva n. 129/96 Il Giudice dell’esecuzione, Dott. Cava DISPONE la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto: Lotto 1: " terreni con soprastanti fabbricati in Guardavalle in catasto al foglio 50, part.lle 181, 178, 118, 182, 120, 121, 122, 126, 127, 128, 125, 132" al prezzo base di € 297.740,25; Lotto 2: " terreni con soprastanti fabbricati in Guardavalle in catasto al foglio 55 part.lle. 61, 63, 64, 65, 66, 67, 68, 69, 174, sub. 1-2-3; al prezzo base di € 228.692,25; fissa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 21.04.2009 ore 12.00; fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo inferiore a € 5.000,00, l’udienza del 22.04.2009 ore 9.30. TRIBUNALE DI CATANZARO Prima Sezione Civile Il Giudice, a scioglimento della riserva che precede, ha pronunciato la seguente ORDINANZA Nelle procedure esecutive riunite n. 140/05 e 107/07 R.G.E., pendenti tra BNL e ( omissis) Visti gli atti; DISPONE Procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto 1 : piena proprietà di appartamento e deposito commerciale in Sellia Marina, loc. La Petrizia, sup. mq. 152 l’appartamento e mq 51 il deposito commerciale, in catasto al foglio 8, p.lla 444 sub.10 e sub. 5 Prezzo € 130.129,69 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente depositando l’offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato al Tribunale di Catanzaro proc. n.140/05 R.G.E. di importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12 del giorno 14.04.09. restando le spese di trasferimento a carico della procedura. L’udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c. e per l’eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 c.p.c. è fissata in data 15.04.09. TRIBUNALE DI CATANZARO PRIMA SEZIONE CIVILE Il Giudice dell’esecuzione, dr. CAVA, ha pronunciato la seguente ORDINANZA Nel procedimento n. 141/86 R.G.E. pendente tra INPS E [ OMISSIS] Visti gli atti, DISPONE Procedersi alla vendita senza incanto dei beni seguenti: - Lotto 1: Appartamento posto al I piano di fabbricato sito in Botricello,realizzato in difformità della concessione edilizia, in catasto FG 6, plla 682, sub 5; - PREZZO BASE: € 58.101,00 - Lotto 2: Appartamento posto al I piano di fabbricato sito in Botricello,realizzato in difformità della concessione edilizia, in catasto FG 6, plla 682, sub 6; - PREZZO BASE: € 57.172,00 - Lotto 3: Appartamento posto al II piano di fabbricato sito in Botricello,realizzato abusivamente, in catasto FG 6, plla 682, sub 7; - PREZZO BASE: € 64.454,00

- Lotto 4: Area delimitata dalla sola muratura, posta al II piano di fabbricato sito in Botricello,realizzato in difformità della concessione edilizia, in catasto FG 6, plla 682, sub 8; - PREZZO BASE: € 26.978,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta d’acquisto in busta chiusa , entro le ore 12 del giorno precedente l’udienza sotto fissata, unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro - "Procedura n. 141/86" portante una somma pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione restando a carico dell’aggiudicatario le spese di trasferimento L’udienza per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a € 1.000,00 è fissata in data 08/04/09. TRIBUNALE DI CATANZARO AVVISO DI VENDITA BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC Cancelleria esecuzioni immobiliari Il Giudice dell’esecuzione Dr. Giuseppe Cava nella procedura esecutiva n.143/90 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto unico: Fabbricato in Sellia M.na, Via Case Sparse (F.9, P.lla l7) Euro 48.010,22 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritti, in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria., L’udienza di vendita ex art.572 cpc è fissata per il giorno 25 marzo 2009 Nella medesima data è fissata l’udienza ex art.569 c.p.c., in caso di mancanza di offerte d’acquisto. TRIBUNALE DI CATANZARO Sezione Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell’esecuzione dott. G. Cava nella procedura esecutiva n. 146/93 R.G.E. ORDINA Procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti immobili : LOTTO 1) quota ideale di ½ della proprietà di terreno sito in agro di Cerva loc. Falace identificato in catasto al foglio 19 p.lle 39, 49, 55, 71. Prezzo base d’asta euro 12.782,25 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 28 gennaio 2009. TRIBUNALE DI CATANZARO Prima sezione civile Cancelleria esecuzioni immobiliari Il Cancelliere Comunica che il G.E dr.ssa Andricciola, nella procedura esecutiva n° 173/92 R.G.E, pendente tra Banco di Napoli spa in pregiudizio di........... ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni LOTTO UNICO: Terreno sito in Davoli, loc. Roella, in catasto al foglio 7, part. 315 di ha 2520, p.lla 194 di di ha 1250 e p.lla 195 di ha 4480. Prezzo base euro 91.918,07 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto di cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di Consulenza tecnica consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, con la presentazione dell’offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c avverrà avanti al GE dell’intestata procedura in una sala delle pubbliche udienze del Tribunale, il giorno 15.04.2009 ore 9,30. TRIBUNALE DI CATANZARO Prima sezione civile Cancelleria esecuzioni immobiliari

Il Cancelliere comunica che il G.E dr. Cava, nella procedura esecutiva n°187/93 R.G.E ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto unico: appartamento a piano terreno di un fabbricato di tre piani f.t in ca composto da quattro vani ed accessori, ubicato in Cropani ( Cz ) alla via Sila Piccola n°24. Confina con Via Sila Piccola, vano scala e proprietà dello stesso debitore . E’ riportato in N.C.E.U alla partita n°858 foglio 14, sub 4 di cui alla scheda di variazione n°1981/83; Prezzo base: € 3.387,83 Gli immobili sono meglio descritti nella relazione di Consulenza tecnica consultabile in Cancelleria e che si considera interamente conosciuta dagli offerenti e dall’aggiudicatario; l’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c avverrà avanti al GE dell’intestata procedura in una sala delle pubbliche udienze del Tribunale, il giorno 08.04.2009 ore 9,30. TRIBUNALE DI CATANZARO Prima Sezione Civile Procedura esecutiva n. 198/87 R.G. Espr. Udienza del 28/01/2009 Il Giudice, visti gli artt. 569 e segg. c.p.c.; vista la richiesta di vendita; visto l’art. 591 c.p.c.; Dispone la vendita con incanto del compendio pignorato descritto nell’allegato prospetto redatto dall’esperto stimatore ai prezzi base ivi indicati con ulteriore riduzione di ¼: LOTTO DI VENDITA N. 1: Piena proprietà per la quota di 500/1000 relativamente a appartamento in corso di costruzione sito al primo piano con annessi quota di proprietà pari a ½ (mq. 65.00 di superficie lorda coperta) del piano seminterrato in corso di costruzione (cantina) e quota di proprietà pari a 1/6 (mq. 105.00 circa) dell’intera area di pertinenza al fabbricato. Identificazione catastale: il terreno in cui ricade il fabbricato è individuato nel Catasto Terreni del Comune di Santa Caterina dello Ionio con foglio di mappa n. 41, particella n. 139. Il fabbricato in cui ricadono i beni di questo lotto, in corso di costruzione, non è accatastato. VALORE LOTTO DI VENDITA N. 1 Euro 5.102,05 (Euro cinquemilacentodue/05). LOTTO DI VENDITA N. 2: Piena proprietà per la quota di 500/1000 relativamente a appartamento in corso di costruzione sito al secondo piano con annessa quota di proprietà pari a 1/6 (mq. 105.00 circa) dell’intera area di pertinenza del fabbricato. Identificazione catastale: il terreno in cui ricade il fabbricato è individuato nel Catasto Terreni del Comune di Santa Caterina dello Ionio con foglio di mappa n. 41, particella n. 139. Il fabbricato in cui ricadono i beni di questo lotto, in corso di costruzione, non è accatastato. VALORE LOTTO DI VENDITA N. 2 Euro 3.298,53 (Euro tremiladuecentonovantotto/53). LOTTO DI VENDITA N. 3: Piena proprietà per la quota di 500/1000 relativamente a appartamento in corso di costruzione sito al terzo piano con annessi quota di proprietà pari a ½ (mq. 68.00 circa di superficie lorda coperta di cui mq. 22.50 circa abitabili) del piano sottotetto parzialmente abitabile e quota di proprietà pari a 1/6 (mq. 105.00 circa) dell’intera area di pertinenza al fabbricato. Identificazione catastale: il terreno in cui ricade il fabbricato è individuato nel Catasto Terreni del Comune di Santa Caterina dello Ionio con foglio di mappa n. 41, particella n. 139. Il fabbricato in cui ricadono i beni di questo lotto, in corso di costruzione, non è accatastato. VALORE LOTTO DI VENDITA N. 3: Euro 4.596,58 (Euro quattromilacinquecentonovantasei/58) Fissa per la presentazione delle offerte di acquisto il termine del 07/04/2009 ore 12.00 Fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti - con rialzo minimo non inferiore a Euro 2.000,00 l’udienza dell’08.04.2009,ore 9,30.

TRIBUNALE DI CATANZARO Prima sezione civile Il Giudice dell’esecuzione, Dott.ssa Maria Carmela Andricciola, nel procedimento n. 198/99 R.G.E. con ordinanza del 3 dicembre 2008 ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: LOTTO DI VENDITA N. 1: Piena proprietà per la quota di 1000/1000 relativamente ad appartamento, sito nel Comune di Sersale - Cz - I traversa via Laco, n.15, composto da soggiorno, camera da letto, cucina e bagno, per una superficie lorda coperta di mq 103,00, con corte esclusiva di mq 35 circa e piccolo appezzamento di terreno di mq 108 circa adibito a orto familiare. Identificazione catastale: Catasto fabbricati, foglio 26, mappale 386, subalterno 1. Valore di stima lotto di vendita n. 1: Euro 24.890,62 (euro ventiquattromilaottocentonovanta/62). LOTTO DI VENDITA N. 2: Piena proprietà per la quota di 1000/1000 relativamente ad appartamento sito nel Comune di Sersale - Cz - I Traversa via Laco, snc, composto da salotto, soggiorno-cucina, n. 2 camere da letto, bagno e ripostiglio, per una superficie lorda coperta di mq 140,00 oltre a una superficie a balconi di mq 19,50. Identificazione catastale: Catasto fabbricati, foglio 26, mappale 386, subalterno 3. Valore di stima lotto vendita n. 2: Euro 69.750,00 (euro sessantanovemilasettecentocinquanta/00). LOTTO DI VENDITA N. 3: Piena proprietà per la quota di 1000/1000 relativamente ad appartamento rustico, sito nel Comune di Sersale - Cz - I Traversa via Laco, snc, composto da 3 ambienti e il corridoio per una superficie lorda coperta di mq 143,50, oltre a una superficie a balconi di mq 19,50. Identificazione catastale: Catasto fabbricati, foglio 26, mappale 386, subalterno 4. Valore di stima lotto di vendita n. 3: Euro 32.287,50 (euro trentaduemiladuecentottantasette/50). LOTTO DI VENDITA N. 4: Piena proprietà per la quota di 1000/1000 relativamente a box singolo sito nel Comune di Sersale - Cz - I Traversa via Laco, n. 17, piano strada, composto di un locale di superficie lorda coperta pari a mq 36. Identificazione catastale: Catasto fabbricati, folglio 26, mappale 386, subalterno 2. Valore di stima lotto di vendita n. 4: Euro 6.018,75 (euro seimiladiciotto/75). LOTTO DI VINDITA N. 5: Piena proprietà per la quota di 1000/1000 relativamente a box singolo, sito nel Comune di Sersale - Cz - II Traversa via Laco, snc piano strada, composto di un locale di superficie lorda coperta pari a mq 40 circa oltre a una piccola area antistante adiacente alla via pubblica pavimentata in cemento. Identificazione catastale del terreno: catasto terreni, foglio 26, mappale 499. Valore di stima lotto di vendita n. 5: Euro 2.334,00 (euro duemilatrecentotrentaquattro/00). Gli Immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria del Tribunale. L’offerente, con la presentazione dell’offerta, dichiara di conoscere lo stato degli immobili. L’udienza ex art. 572 è fissata in data 15.4.2009, ore 9.30. TRIBUNALE DI CATANZARO Procedura Esecutiva n. 208/91 R.G.Espr. Il Giudice dell’esecuzione, dott.ssa Andricciola, visti gli artt. 569 e ss. c.p.c. e vista la richiesta di vendita, Dispone la vendita senza incanto dei compendio pignorato di seguito descritto: lotto unico: immobile in Cerva via Martiri di Melissa n.33. In catasto al F.8 p.lla 69 sub.4 prezzo base di € .24.030,00; L’immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall’aggiudicatario; L’udienza di vendita ex art. 572 cpc è fissata per il giorno 1.04.2009.

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it


Enti e Istituzioni - Marzo 2009

27 Tribunale di Lamezia Terme TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME N. 44/1991 Reg. Es. Imm. AVVISO DI VENDITA Il professionista delegato NOTAIO DOTTOR MARIO BILANGIONE Presso ASSOCIAZIONE NOTARILE PROCEDURE ESECUTIVE DI LAMEZIA TERME Piazza della Repubblica - Lamezia Terme nella Procedura Esecutiva proposta da BANCA NAZIONALE DEL LAVORO S.p.A. Visto il provvedimento di delega alla vendita emesso dal Giudice dell’Esecuzione del Tribunale di Lamezia Terme in data 09/06/2006 ai sensi dell’art. 591 bis c.p.c.; Ritenuto necessario pertanto fissare la vendita dei beni pignorati; Atteso che gli esperimenti di vendita senza incanto e con incanto sono stati infruttuosi; Che non appare opportuno ridurre ulteriormente il prezzo base: Visto l’art. 569 e segg. c.p.c. AVVISA che in data 31 marzo 2009 alle ore 10,00 nel Palazzo di Giustizia di Lamezia Terme, Piazza della Repubblica, piano primo seminterrato, presso i locali dell’Associazione Notarile, si terrà la vendita con incanto dei seguenti immobili: LOTTO N. 1: In territorio di Nocera Terinese alla località "Serra" o "Vorgenia" (nota anche con altre denominazioni) fondo rustico di forma irregolare, diviso in due corpi dal "tratto" di autostrada Salerno-Reggio Calabria, con entrostanti quattro fabbricati rurali (in stato di completo abbandono praticamente inutilizzati ed inutilizzabili in quanto inaffidabili dal punto di vista statico e funzionale), nel suo intero della superficie di Ha 7.50.03 (Ettari Sette, Are Cinquanta e Centiare Zerotre);. riportato nel corrispondente Catasto Terreni del Comune di Nocera Terinese al foglio di mappa 4 particelle: - 36 uliveto cl. 1, are 53.80; - 39 sem. irr. arb. cl 2, superficie catastale are 19.00 (superficie reale are 12.60); - 54 fabbricato rurale, are 2.10; - 55 fabbricato rurale, are 1.20; - 58 fabbricato rurale, are 1.40; - 59 sem. irr. arb. cl 2, are 26.80; - 89 uliveto cl. 2, superficie catastale are 77.40 (superficie reale are 67.40); - 90 uliveto cl. 2, superficie catastale are 73.70 (superficie reale are 69.10); - 92 sem. irr. arb. cl. 2, are 5.60; - 93 pascolo cl. 1, are 3.70; - 104 uliveto cl. 1, are 38.50; - 105 sem. irrig. cl. 2, are 5.70; - 118 sem. arbor. cl. 2, superficie catastale Ha 4.20.60 (superficie reale Ha.4.06.90); - 135 uliveto cl. 2, are 15.40; - 136 uliveto cl. 1, are 34.93; - 140 uliveto cl. 1, are 4.90. Secondo il Piano Regolatore Generale del comune di Nocera Terinese l’area ha la seguente destinazione urbanistica: = Z.T.O. E4 di la del Savuto (TNU2 - Agricola); = Z.T.O. di tipo E1.2 di qua del Savuto (TNU1 - Agricola). Prezzo base euro 118.681,80 (Euro Centodiciottomila Seicentoottantuno virgola Ottanta). Cauzione euro 11.868,18 (undicimila ottocentosessantotto virgola diciotto). Aumento minimo euro 5.934,09 (cinquemila novecentotrentaquattro virgola zero nove ). LOTTO N. 2: In territorio di Nocera Terinese alla località "Destro-Marino", "Cutura" e "Destro", fondo rustico con entrostante fabbricato rurale (completamente diroccato in assenza di copertura e solai, inutilizzabile in quanto presenti solo i muri portanti e di valore insignificante) nel suo intero della superficie di Ha.10.59.85 (Ettari Dieci, Are Cinquantanove e Centiare Cinque); riportato nel corrispondente Catasto Terreni del Comune di Nocera Terinese con le seguenti indicazioni: foglio di mappa 11 particelle: - 45 uliveto cl. 2, Ha. 1.30.40; - 46 fabbricato rurale, are 1.50; - 54 uliveto cl. 3, are 20.70; - 56 pasc. cespug. cl. 2, Ha 2.41.80; - 57 uliveto cl. 3, are 47.60; - 174 uliveto cl. 4, are 08.00; - 175 uliveto, cl.3, Ha 1.26.20; - 177 sem. irr. arb. cl.3, are 6.45;

- 180 uliveto cl. 3, are 52.70; - 181 uliveto cl. 2, are 77.20; - 267 uliveto cl. 1, are 28.60; - 268 uliveto cl. 1, are 33.90; foglio di mappa n. 12, particelle: - 38 pascolo cl. 1, are 2.30; - 39 fabbricato rurale, are 3.70; - 41 pascolo, cl 1, are 18.40; - 42 sem. arbor. cl. 2, are 25.10; - 43 pascolo arbor. cl. 2, Ha 1.52.90; - 263 uliveto cl. 2, are 70.90; - 336 uliveto cl. 2, are 11.50; Secondo il Piano Regolatore Generale del comune di Nocera Terinese l’area ha la seguente destinazione urbanistica: = Z.T.O. di tipo E1.2 di qua del Savuto (TNU1 - Agricola). Prezzo base euro 70.031,40 (Euro Settantamila Trentuno virgola Quaranta). Cauzione euro 7.003,14 (settemila zero zero tre virgola quattordici). Aumento minimo euro 3.501,57 (tremila cinquecentouno virgola cinquantasette). LOTTO n. 3: In territorio di Nocera Terinese alla località "Maletta" appezzamento di terreno della superficie complessiva di are 17.20; riportato nel corrispondente Catasto Terreni del Comune di Nocera Terinese al foglio di mappa 16 particelle: - 451 semin. arbor. cl. 2, are 8.40; - 452 semin. arbor. cl. 3, are 5.20; - 453 pasc. cespug. cl. 1, are 3.60. Secondo il Piano Regolatore Generale del comune di Nocera Terinese l’area ha la seguente destinazione urbanistica: = Z.T.O. di tipo E1.2 di qua del Savuto (TNU1 - Agricola). Prezzo base euro 2.788,80 (Euro Duemila Settecentoottantotto virgola Ottanta). Cauzione euro 278,88 (duecentosettantotto virgola ottantotto). Aumento minimo euro 139,44 (centotrentanove virgola quarantaquattro). LOTTO N. 4: Porzione immobiliare facente parte del fabbricato destinato a civili abitazioni posto in territorio del Comune di Falerna, frazione Marina, località "Marinella", e precisamente l’appartamento ubicato al terzo piano (pari al quarto piano fuori terra), composto da vani catastali cinque e mezzo; riportato nel corrispondente Catasto Fabbricati al foglio di mappa 9 particella 276/subalterno 8, contrada Marinella, piano 3°, int.8, categoria A/3, cl 2, vani 5,5, R.C. E 204,52. Prezzo base euro 31.141,2 TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI In danno di proc. nr.59/02 R.G.E., SI RENDE NOTO che il giorno 01.04.2009 alle ore 9:30 e segg. nella sala delle pubbliche udienze di questo Tribunale, avanti al G.E., si procederà alla vendita senza incanto del seguente bene immobile, alle seguenti condizioni: prezzo base lotto unico: E 177.111,00 Elenco beni immobili lotto unico: fabbricato su due livelli sito in Jacurso, località Basile, composto da otto vani (cucina, soggiorno-pranzo, disimpegni, un vano annesso, due bagni, tre camere da letto), tre balconi e soffitta, riportato nel NCEU di detto Comune al foglio 1 part.lla 638, sub 1102, cat a/7, vani 7, classe U, nonché sub 1101, cat. C/6, classe 3. Ciascun offerente, per partecipare alla vendita, dovrà depositare presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari, entro le ore 13:00 del giorno 31.03.2009 dichiarazione in regola con il bollo contenente l’indicazione del numero di rge della procedura, l’indicazione del prezzo offerto, del bene (lotto) cui si riferisce e di ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta, nonché ancora generalità dell’offerente incluso codice fiscale e copia di documento di identità dell’offerente o valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (procura speciale o certificato camerale); all’offerta in busta chiusa e senza segni di riconoscimento deve essere allegato l’assegno circolare non trasferibile intestato a Poste Italiane spa in misura non inferiore al decimo del prezzo da lui proposto; l’offerta è irrevocabile salvo che a) il Giudice ordini l’incanto, b) siano decorsi 120 gg. dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; l’offerta non è effica-

ce: 1) se perviene oltre il termine indicato, 2) se è inferiore al prezzo base, 3) se l’offerente non presta cauzione a mezzo di assegno circolare non trasferibile intestato a Poste Italiane spa in misura non inferiore al decimo del prezzo da lui proposto. Le spese di trasferimento sono a carico dell’aggiudicatario come pure le attività e i costi per la cancellazione delle formalità. Qualora la vendita senza incanto non abbia luogo viene fissata la data del 15.04.2009 ore 9:30 e segg. per la vendita ai pubblici incanti del bene su descritto TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO DI VENDITA BENI IMMOBILI procedura esecutiva n°.40/1999 R.G.E. richiesta da MPS SpA si rende noto che il giorno 08.04.2009 ore 12.00 nella sala delle pubbliche udienze di questo Tribunale, avanti al Giudice delle Esecuzioni, si procederà alla vendita senza incanto dei beni immobili elencati in calce alle seguenti condizioni: prezzo base (determinato ex art. 568 cpc): E.40.753,45 per il lotto n°.1 (beni A+B) E.2.520,00 per il lotto n°.2 (bene C) E.5.642,35 per il lotto n°.3 (bene D) Elenco beni immobili: Lotto n° 1 Bene A e B: Appartamento sito al piano terra rialzato, distinto con l’int. n° 2 scala E, foglio di mappa 23, particella 289, sub. 4, Zona Cens. 1, Categoria in corso di costruzione, composto da due vani ed accessori, confinante con l’int. 1, interno 3, scala E, restante proprietà, giusta denunzia di nuova costruzione presentata all’UTE di Catanzaro in data 24.03.93 prot. 2023 e appartamento sito al piano terra rialzato, distinto con l’int. n° 3 scala E, foglio di mappa 23, particella 289, sub. 6, Zona Cens. 1, Categoria in corso di costruzione, composto da due vani ed accessori, confinante con scala condominiale E, giusta denunzia di nuova costruzione presentata all’UTE di Catanzaro in data 24.3.93 prot. 2023; Lotto n° 2 Bene C: Posto auto sito al piano terra seminterrato dell’immobile foglio di mappa 23, particella 289, sub 282, Zona Cens. 1, Categoria C/6, Classe 1, Consistenza 16 mq, Rendita E 17.35, giusta denuncia di nuova costruzione presentata all’UTE di Catanzaro in data 11.10.94 prot. 6668; Lotto n° 3 Bene D: Posto auto sito al piano terra seminterrato dell’immobile foglio di mappa 23, particella 289, sub 285, Zona Cens. 1, Categoria C/6, Classe 1, Consistenza 28 mq, Rendita E 30.37, giusta denuncia di nuova costruzione presentata all’UTE di Catanzaro in data 11.10.94 prot. 6668. Lamezia Terme lì Il Cancelliere (C/1) Bruna Bernardi TRIBUNALE DI LAMEZIA AVVISO DI VENDITA BENI IMMOBILI EX ART. 569 COMMA 3 - CPC NELLA PROCEDURA ESECUTIVA IMMOBILIARE N. 56/92 RE si rende noto che il giudice dell’esecuzione nella procedura esecutiva immobiliare n°.56/92 RGE, promossa da Banca MPS SpA ha disposto la vendita all’incanto in più lotti dei seguenti beni immobili nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano: QUARTO LOTTO: porzione del fabbricato sito in San Mango D’Aquino, costituita dall’unita immobiliare al piano terra composta da un locale adibito ad esercizio commerciale per una superficie complessiva di mq. 27,00; riportato al NCEU del predetto comune censuario al foglio di mappa 7, particella 100, subalterno 1; Prezzo base E.4.015,96 OTTAVO LOTTO: appezzamento di terreno in San Mango D’Aquino, esteso are 62.50 e coltivato a querceto riportato in NCT del predetto comune censuario alla partita 1383 foglio di mappa 6, particelle 11 ( di are 27.20) e 70 ( di are 35.30); Prezzo base E.2.324,05 FISSA

la vendita con l’incanto per il 08.04.2009 ore 9.30 e seg. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA BENI IMMOBILI EX ART. 569 COMMA 3 C.P.C. NELLA PROCEDURA ESECUTIVA IMMOBILIARE N. 93/2005 R.E. SI RENDE NOTO Che il giudice dell’esecuzione nella procedura n. 93/2005 R.E., promossa da: con ordinanza del 10/10/2007 ha disposto la vendita senza incanto, in unico lotto del seguente immobile nello stato di fatto e di diritto in cui di trova: LOTTO UNO - "Unità immobiliare sita in Nocera Torinese, località Marina De Luca, composta da un piano terra e un primo piano, con superficie complessiva di mq. 96, oltre 24 mq. di balcone e 88 mq. di giardino, riportata nel NCEU di detto comune al foglio 32, p.lla 304 sub. 3, cat. A/3, vani 4,5 e p.lla 304 sub 7, cat. A/3, vani 4"; prezzo base d’asta E 114.576,00 LOTTO DUE - "Appartamento sito in Nocera Torinese, località Marina De Luca, esteso mq. 45, oltre 24 mq. di balcone e 44 mq. di terrazzo soprastante, riportato nel NCEU di detto comune al foglio 32, p.lla 304 sub. 11, cat. A/3, vani 4"; prezzo base d’asta E 67.146,00 Gli interessati a presentare offerta di acquisto possono esaminare i beni in vendita chiedendo di accedere agli immobili, previa preventiva comunicazione scritta al debitore-custode, nei giorni e nelle ore indicati nel combinato disposto ex artt. 519 e 147 cpc. Gli immobili sopra indicati e meglio descritti nella relazione dell’esperto in atti, cui si fa espressa riferimento FISSA La vendita senza incanto per il 01/04/2009 ore 9,30 presso il Tribunale Ordinario di Lamezia Terme e, per il caso che la predetta vendita non abbia eventualmente esito, in via sussidiaria, la vendita con l’incanto per il 15/04/2009 ore 9:30 al prezzo base d’asta così come determinato, ai sensi dell’art. 568 cpc, in data 01/04/2009 all’esito della vendita senza incanto. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME R.E. n. 14/2006 IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE letti gli atti del procedimento e sciolta la riserva assunta all’udienza del 4 dicembre 2008; preso atto dell’istanza di vendita formulata dal creditore procedente; rilevato che ai sensi dell’art. 173 bis ultimo comma, disp. att. c.p.c, le parti possono depositare all’udienza di cui all’art. 569 c.p.c., note alla relazione tecnica d’ufficio, purchè abbiano provveduto, almeno dieci giorni prima, ad inviare le predette note al perito, secondo le modalità prefissate dal legislatore, onde consentire al medesimo di intervenire all’udienza per rendere i chiarimenti richiesti; rilevato che la prefata disposizione normativa non consente alle parti di formulare ulteriori deduzioni sulle note illustrative rese dall’esperto a seguito della richiesta di chiarimenti; considerato, pertanto che le ulteriori osservazioni del tecnico nominato dal debitore sono inammissibili e, come tali, inidonee ad incidere sulle risultanze della relazione tecnica d’ufficio; considerato che i chiarimenti forniti dall’esperto in ordine all’indicazione dei criteri metodologici estimativi utilizzati e ai motivi dell’indivisibilità dell’immobile risultano del tutto esaustivi; rilevato, in ogni caso, che la sussistenza di due creditori ipotecari preclude la possibilità di frazionare l’unità immobiliare pignorata, in funzione di una possibile restrizione del vincolo; rilevato altresì che secondo consolidata giurisprudenza di legittimità, il prezzo stabilito nell’ordinanza di vendita quale base d’asta costituisce un dato meramente indicativo, inidoneo, come tale, quand’anche inadeguato al valore di mercato dell’immobile, a pregiudicare la proficuità dell’alienazione forzata e la realizzazione del

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it

Segue


Enti e Istituzioni - Marzo 2009

28 giusto corrispettivo in esito all’espletamento di una gara concorrenziale fra gli offerenti ( Cass. 6 ottobre 1998, n. 9908, Cass. 17 maggio 2005, n. 10334); ritenuto dunque di poter condividere e prendere a fondamento del proseguo della procedura le conclusioni della relazione dell’esperto, in ordine sia all’individuazione del compendio immobiliare che alla stima del relativo valore di mercato; rilevato che il custode del bene pignorato è il debitore; considerato che la natura e la destinazione dei cespiti, adibiti ad unità abitative degli esecutati, unitamente alla carenza di elementi probatori da cui poter evincere il concreto pericolo di un ulteriore deterioramento del cespite nelle more della definizione della procedura di vendita, induce a ritenere che la sostituzione del debitore con un terzo quale custode giudiziario non abbia allo stato utilità, ex art. 559, comma 4, c.p.c. come novellato dalle leggi 80/2005, 263/2005 e 51/2006, fermo restando l’obbligo degli stessi di rendere il conto di gestione, ex artt. 560 e 593 c.p.c.; ravvisate, pertanto, le condizioni per procedere, ai sensi degli artt. 569, 571 e 576 c.p.c., come novellati dalle leggi 80/2005, 263/2005 e 51/2006 al prezzo base di euro 142.000,00, alla vendita coattiva del seguente bene: lotto unico -" immobile per civile abitazione sito in Lamezia Terme, Via E. Toti n. 107, composto da ingresso, soggiorno, studiolo, camera da letto matrimoniale con ripostiglio, camera doppia, cucina, dispensa, bagno e balconate. FISSA, IN RELAZIONE ALLA VENDITA SENZA INCANTO per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle offerte di acquisto, ex art. 571 c.p.c., dell’immobile sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, cui si fa espresso riferimento, termine fine alle ore 13.00 del giorno 7 aprile 2009 con le modalità e per il prezzo base dì cui sopra; per l’esame delle offerte di acquisto, ai sensi dell’art. 572 c.p.c., ovvero per la gara sulle medesime, se presentate in misura superiore ad una, l’udienza del giorno 8 aprile, ore 9.30 e segg.;FISSA, NEL CASO IN CUI LA VENDITA SENZA INCANTO NON ABBIA LUOGO per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni immobiliari dell’ istanza di partecipazione agli incanti termine fino alle ore 13.00 del giorno 21 aprile 2009, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME R.E. n. 18/2007 IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Letti gli atti del procedimento e sciolta la riserva assunta all’udienza del 27 novembre 2008; preso atto dell’istanza di vendita formulata dal creditore procedente; rilevato che, allo stato, sono suscettibili di costituire oggetto di vendita soltanto gli immobili censiti nel NCEU del comune di Lamezia Terme al foglio 31, p.lla 1036, sub 20 e sub17, atteso che l’incontroversa situazione di comproprietà caratterizzante il cespite riportato nel NCT nel comune di Vibo valentia al foglio 25, p.lla 245, impone, ex art. 600, comma 2, c.p.c., l’introduzione di apposito giudizio di divisione, non sussistendo né la certezza della possibilità della separazione della quota in natura, ne elementi di valutazione tali da indurre a ritenere che l’alienazione della stessa possa avvenire a prezzi non inferiori a quelli di stima; rilevato, inoltre, che, ai sensi dell’art. 559, comma 4, .p.c., come novellato dalle leggi 80/2005, 263/2005 e 51/2006, la sostituzione del debitore con un terzo quale custode giudiziario diviene automatica ed ineludibile conseguenza dell’ordinanza di fissazione delle modalità di vendita, onde garantire la produttività e l’ottimale gestione del compendio pignorato nell’interesse dei creditori, fatta salva l’ipotesi in cui la custodia non risulti a tal fine utile; considerato che la natura dei beni staggiti e del diritto vantato dall’esecutata su di essi inducono a ritenere che la relativa sostituzione con un terzo quale custode giudiziario non abbia utilità, fermo restando l’obbligo del debitore di rendere conto il di gestione, ex artt. 560 e 593 c.p.c.;

ritenuto di poter condividere e prendere a fondamento del prosieguo della procedura le conclusioni della relazione dell’esperto, in ordine sia all’individuazione del compendio immobiliare sito in Lamezia terme che alla stima del relativo valore di mercato; ravvisate, pertanto, le condizioni per procedere ai sensi degli artt. 569,571 e 576 c.p.c., come novellati dalle leggi 80/2005, 263/2005 e 51/2006, al prezzo base di euro 95.904,00 per il lotto n. 1 e di euro 16.302,00 per il lotto n. 2, alla vendita coattiva dei seguenti beni: lotto uno - "diritto di usufrutto di un’unità immobiliare ad uso residenziale in Lamezia terme, località Ferrantazzo, via Perugini, n. 32, riportata nel NCEU di detto comune al foglio 31, p.lla 1036, sub 20, cat. A/3, classe 3, vani 6,5"; lotto due - "diritto di usufrutto di un’unità immobiliare adibita a garage in Lamezia Terme, località Ferrantazzo, via Perugini, n. 32, riportata nel NCEU di detto comune al foglio 31, p.lla 1036, sub 17, cat. C/6, classe 4"; rilevato che occorre fissare i termini per la presentazione delle offerte di acquisto senza incanto, la successiva udienza per l’esame della stessa e, per il caso in cui non abbia per qualsiasi motivo luogo la vendita senza incanto, fin d’ora la data per gli incanti; evidenziato, quanto alla vendita senza incanto ed a anorma del vigente testo dell’art. 571 cod. proc. civ., che: * Ciascun offerente, tranne il debitore, è annesso a formulare offerte per l’acquisto personalmente o a mezzo di procuratore legale anche a norma dell’art. 579, ultimo comma, presentando presso la Cancelleria dell’Esecuzioni Immobiliari, dichiarazione, in regola con il bollo, contenente l’indicazione del prezzo, del tempo, del modo del pagamento e di ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta; * L’offerta è irrevocabile, salvo che: 1. il giudice ordini l’incanto; 2. siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; * L’offerta non è efficace: 1) se perviene oltre il termine stabilito; 2) se è inferiore al prezzo determinato a norma dell’articolo 568 e più sopra ricordato; 3) se l’offerente non presta cauzione, a mezzo di assegno circolare non trasferibile intestato a "Poste italiane spa", in misura non inferiore al decimo del prezzo da lui proposto; * L’offerta deve consistere in dichiarazione, in regola con il bollo, contenete, a pena efficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, del prezzo offerto, del bene (e del lotto) cui si riferisce l’offerta e ogni altro elemento utile alla valutazione di questa; * Detta dichiarazione deve, altresì, recare le generalità dell’offerente(nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi) ed essere corredata da copia di valido documento di identità dell’offerente e , se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso ( ad es. procura speciale o certificato camerale); * In caso di dichiarazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; * All’offerta, da depositarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi) ed essere corredata da copia di valido documento di identità dell’offerente e , se allegato l’assegno circolare per la cauzione, come innanzi indicato; all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di cui materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per l’esame delle offerte; le buste saranno aperte all’udienza fissata per l’esame delle offerte, alla presenza degli offerenti, ove comparsi; * In ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità; evidenziato, quanto all’eventuale, successiva vendita agli incanti, che: * Essa deve aver luogo al prezzo sopra indicato di euro 95.904,00 per il lotto n. 1 e d euro 16.302,00 per il lotto n. 2;

FISSA, IN RELAZIONE ALLA VENDITA SENZA INCANTO * per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle offerte di acquisto, ex art. 571c.p.c., dell’immobile sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, cui si fa espresso riferimento, termine fino alle 13.00 del giorno 7 aprile 2009 , con le modalità e per il prezzo base di cui sopra; * per l’esame delle offerte di acquisto, ai sensi dell’art. 572 c.p.c., ovvero per la gara sulle medesime, se presentate in misura superiore ad una, l’udienza del giorno 8 aprile 2009, ore 9,30 e segg.; FISSA , NEL CASO IN CUI LA VENDITA SENZA INCANTO NON ABBIA LUOGO, * per la presentazione press la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari dell’istanza di partecipazione agli incanti, termine fino alle ore 13.00 del giorno 21 aprile 2009, ore 9.30 e segg., con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA BENI IMMOBILI EX ART 569 Co. 3 CPC NELLA PROCEDURA ESECUTIVA n. 133/1996 R.G.E. Si rende noto che il G. ES. ha disposto la vendita alle condizioni di cui all’ordinanza di autorizzazione alla vendita depositata in cancelleria in data 14/01/08, fissando, la vendita senza incanto del lotto unico, nello stato di fatto e di diritto in cui si trova per l’udienza del 01.04.2009 e, per il caso in cui la stessa non abbia luogo, la vendita con incanto del medesimo lotto unico nello stato di fatto e di diritto in cui si trova per l’udienza del 15.04.2009, presso la sala delle pubbliche udienze . Descrizione bene: lotto unico - "quota pari a 1/2 della piena proprietà di un immobile adibito a civile abitazione sito nel comune di Filadelfia, frazione Montesoro, via Prato, riportato nel NCEU al foglio 3, p.lla 613, sub 4". Ed al prezzo di stima di € 28.176,00 . TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME N. 33/92 Reg. Es. Imm. AVVISO DI VENDITA IL PROFESSIONISTA DELEGATO NOTAIO DOTTOR SEBASTIANO PANZARELLA presso ASSOCIAZIONE NOTARILE PROCEDURE ESECUTIVE DI LAMEZIA TERME Piazza della Repubblica - Lamezia Terme nella Procedura Esecutiva proposta da "BANCO DI NAPOLI S.p.A." Visto il provvedimento di delega alla vendita emesso dal Giudice dell’Esecuzione del Tribunale di Lamezia Terme in data 19/01/2009 ai sensi dell’art. 591 bis c.p.c.; Ritenuto necessario fissare la vendita dei beni pignorati: Visto l’art. 569 c.p.c; AVVISA che in data 7 aprile 2009 alle ore 12,00, nel Palazzo di Giustizia di Lamezia Terme, Piazza della Repubblica, piano primo seminterrato, presso i locali dell’Associazione Notarile, si terrà la vendita senza incanto della piena proprietà dei seguenti immobili: LOTTO N. 2: Piena proprietà di un intero fabbricato a due piani fuori terra con corte circostante di 505 mq. circa, sito nel Comune di Filadelfia (VV), contrada Tre Carlini, composto da appartamento ancora in corso di costruzione a piano terra per una superficie v.p.p. di mq.161,04 ed appartamento a piano primo costituito da ingresso, corridoio, soggiorno-pranzo, tre stanze, cucina, wc e bagno per un totale di mq. 172,00 v.p.p. con mq 15,00 di balcone; il fabbricato è censito nel C.F. del Comune di Filadelfia (VV) con le seguenti indicazioni: foglio di mappa n. 1, particella 259, Contrada Tre Carlini snc, piano T-1°, cat. A/3,cl.2°, vani 9, rend. cat. euro 334,66; Il terreno è censito nel C.T. del Comune di Filadelfia (VV) con le seguenti indicazioni: foglio di mappa n.1, particelle: 263: porz. AA, uliveto cl.3°, are 2.00, redd. dom. euro 0,67, redd. agr. euro 0,46; porz: AB, pascolo cl.u, are 0,40, redd. dom. euro 0,04, redd. agr. euro 0,02; 264, pascolo cl.u, are 2.65, redd. dom. euro 0,25, redd. agr. euro 0,16.

PREZZO BASE: euro 324.845,64 (euro trecentoventiquattromilaottocentoquarantacinque virgola sessantaquattro) LOTTO N. 3: Piena proprietà di un intero fabbricato a due piani fuori terra con corte circostante di 790 mq. circa, sito nel Comune di Filadelfia (VV), contrada Carbone, composto da abitazione su due livelli per una superficie complessiva v.p.p. di mq.237,18 costituito da soggiorno-cucina, tre stanze, cucina rustica, cantina, lavatoio-stenditoio e bagno con mq. 15,50 di balcone; censito al C.F. del Comune di Filadelfia (VV) con le seguenti indicazioni: foglio di mappa n. 5, particella: 512, Contrada Lucente snc, piano T-1°, cat.A/3, cl.2°, vani 6, rendita euro 223,11. PREZZO BASE: euro 214.469,28 (euro duecentoquattordicimilaquattrocentosessan- tanove virgola ventotto) LOTTO N. 4: Piena Proprietà di un fondo agricolo sito nel Comune di Filadelfia (VV) in località Carbone, coltivato ad uliveto e pascolo, della superficie catastale di ha 00.25.60 (Ettari zero, Are venticinque e Centiare sessanta) pari a mq. 2.560; censito nel C.T. del Comune di Filadelfia (VV) con le seguenti indicazioni: foglio di mappa 5, particella: 511: porz. AA, uliveto cl.2°, are 5.00, redd. dom. euro 2,58, redd. agr. euro 1,55; porz: AB, seminativo cl.2°, are 20,60, redd. dom. euro 4,79, redd. agr. euro 1,81; PREZZO BASE: euro 3.530,00 (euro tremilacinquecentotrenta virgola zero zero) LOTTO N. 5: Piena Proprietà di un fondo agricolo sito nel Comune di Filadelfia (VV) in località Carbone, coltivato ad uliveto e seminativo, della superficie catastale di ha 00.53.60 (Ettari zero, Are cinquantatre e Centiare sessanta) pari a mq. 5.360; censito nel C.T. del Comune di Filadelfia (VV) con le seguenti indicazioni: foglio di mappa 5, particelle: 92: porz. AA, uliveto cl.2°, are 13.00, redd. dom. euro 6,71, redd. agr. euro 4,03; porz: AB, seminativo cl.4°, are 4,80, redd. dom. euro 0,30, redd. agr. euro 0,15; 200:porz. AA, uliveto cl.2°, are 32.00, redd. dom. euro 16,53, redd. agr. euro 9,92; porz: AB, seminativo cl.3°, are 3,80, redd. dom. euro 0,49, redd. agr. euro 0,20;. PREZZO BASE: euro 23.360,00 (euro ventitremilatrecentosessanta virgola zero zero) LOTTO N. 6: Piena Proprietà di un fondo agricolo sito nel Comune di Filadelfia (VV) in località Carbone, coltivato a pascolo, della superficie catastale di ha 00.02.80 (Ettari zero, Are due e Centiare ottanta) pari a mq. 280, confinante con fosso Catarinella; censito nel C.T. del Comune di Filadelfia (VV) con le seguenti indicazioni: foglio di mappa 5, particella: 151, pascolo cl.u. are 2.80, redd. dom. euro 0,26, redd. agr. euro 0,17 ; PREZZO BASE: euro 140,00 (euro centoquaranta virgola zero zero) LOTTO N. 7: Piena Proprietà di un fondo agricolo sito nel Comune di Filadelfia (VV) in località Carbone, coltivato a pascolo, della superficie catastale di ha 00.16.20 (Ettari zero, Are sedici e Centiare venti) pari a mq. 1.620, confinante con fosso Catarinella; censito nel C.T. del comune di Filadelfia (VV) con le seguenti indicazioni: foglio di mappa 5, particella: 57, pascolo cl.u. are 16.20, redd. dom. euro 1,51, redd. agr. euro 1,00 PREZZO BASE: euro 810,00 (euro ottocentodieci virgola zero zero) LOTTO N. 8: Piena Proprietà di un fondo agricolo sito nel Comune di Filadelfia (VV) in località Carbone, coltivato a seminativo e bosco ceduo, della superficie catastale di ha 00.20.70 (Ettari zero, Are venti e Centiare settanta) pari a mq. 2.070, confinante con fosso Catarinella; censito nel C.T. del Comune di Filadelfia (VV) con le seguenti indicazioni: foglio di mappa 5, particelle: 177, bosco ceduo cl.2°, are 17.90, redd. dom. euro 0,92, redd. agr. euro 0,55 196, seminativo cl.3°, are 2.80, redd. dom. euro 0,36, redd. agr. euro 0,14 PREZZO BASE: euro 2.428,00

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it

Segue


Enti e Istituzioni - Marzo 2009

29 AVVISA ALTRESÌ Che nelle ipotesi in cui: - non siano proposte offerte di acquisto entro il termine stabilito; - le offerte non siano efficaci ai sensi dell’art. 571 c.p.c.; - si verifichi una delle circostanze previste dall’art. 572, comma 3, c.p.c.; - la vendita senza incanto non abbia luogo per qualsiasi altra ragione; avrà luogo la vendita con incanto dei medesimi beni nelle seguenti date e luoghi: 6 maggio 2009 alle ore 12,00, Palazzo di Giustizia di Lamezia Terme. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME R.E. N°61/2004 IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Letti gli atti del procedimento e sciolta la riserva assunta all’udienza del 21 novembre 2007; preso atto dell’istanza di vendita formulata dal creditore procedente; rilevato che custodi del bene pignorato sono gli esecutati; considerato che la particolare natura di tale bene, costituito dalla casa familiare, unitamente alla carenza di elementi probatori da cui potere evincere il concreto pericolo di un deterioramento del cespite nelle more della definizione della procedura di vendita, induce a ritenere che la sostituzione degli esecutati con un terzo quale custode giudiziario, non abbia, allo stato, utilità,ex art.559, comma 4,c.p.c., come novellato dalle leggi 80/2005,263/2005,51/2006, fermo restando l’obbligo dei debitori di rendere il conto di gestione, ex art.560 e 593 c.p.c.; ritenuto di poter condividere e prendere a fondamento del prosieguo della procedura le conclusioni della relazione dell’esperto, in ordine sia all’individuazione del compendio immobiliare che alla stima del relativo valore di mercato; ravvisate, pertanto, le condizioni per procedere, ai sensi degli artt. 569,571,576 c.p.c., come novellati dalle leggi 80/2005,263/2005,51/2006 al prezzo base di Euro 179.320,00 alla vendita coattiva del seguente bene: lotto unico- "immobile realizzato su due livelli, sito in San Pietro a Madia, alla via Diaz, N°90, riportato nel NCEU di detto Comune al foglio 13, p.lla 1513, cat A/3, classe2, consistenza 8 vani"; rilevato che occorre fissare i termini per la presentazione delle offerte di acquisto senza incanto, la successiva udienza per l’esame delle stesse e, per il caso in cui non abbia per qualsiasi motivo luogo la vendita senza incanto, fin d’ora la data per gli incanti; evidenziato, quanto alla vendita senza incanto ed a norma del vigente testo dell’art.571 cod.proc.civ., che: * ciascuno offerente, tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte per l’acquisto personalmente o a mezzo di procuratore legale a norma dell’art.579, ultimo comma, presentando presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari, dichiarazione, in regola con il bollo, contenente l’indicazione del prezzo, del tempo, del modo del pagamento e di ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta; * l’offerta è irrevocabile,salvo che: 1. il giudice ordini l’incanto;2. siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; * l’offerta non è efficace: 1) se perviene oltre il termine stabilito; 2) se è inferiore al prezzo determinato a norma dell’art 568 e più sopra ricordato) se l’offerente non presta cauzione, a mezzo di assegno circolare non trasferibile intestato a " Poste Italiane Spa", in misura non inferiore al decimo del prezzo da lui proposto; * l’offerta deve consistere in una dichiarazione, in regola con il bollo, contenente, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, del prezzo offerto, del bene (e del lotto) cui si riferisce l’offerta e ogni altro elemento utile alla valutazione di questa; * detta dichiarazione deve, altresì, recare le generalità dell’offerente (nome, cognome,luogo e data di nascita, codice fiscale,residenza,stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi) ed essere corredata da copia di valido documento di identità dell’offerente, se necessario,

valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (procura speciale o certificato camerale); * in caso di dichiarazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; * all’offerta, da depositarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere allegato l’assegno circolare per la cauzione, come innanzi indicato; all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per l’esame delle offerte; le buste saranno aperte all’udienza fissata per l’esame delle offerte, alla presenza degli offerenti, ove comparsi; * in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità; evidenziato, quando all’eventuale successiva vendita agli incanti,che: * essa deve aver luogo al prezzo sopra indicato di Euro 179.320,00; * le offerte in aumento, appena di inammissibilità, non devono essere inferiore ad Euro 8.00,00 ; * ogni concorrente, per esser ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto, cui l’istanza stessa si riferisce, le proprie generalità (nome, cognome,luogo e data di nascita, codice fiscale,residenza,stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi); * all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento d’identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso ( ad esempio procura speciale o certificato camerale); * in caso di dichiarazione di partecipazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; * con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle "Poste Italiane Spa", tramite cui effettuare il versamento della cauzione ( ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; * all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per la vendita; le buste saranno aperte all’udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli offerenti, ove comparsi; * in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità; FISSA, IN RELAZIONE ALLA VENDITA SENZA INCANTO, * per la presentazione presso la Cancelleria dell’Esecuzioni Immobiliari delle offerte di acquisto ex art. 571 c.p.c., dell’immobile sopraindicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, cui si fa espresso riferimento, termine fino alle ore 13.00 del giorno 7 Aprile 2009 , con le modalità e per il prezzo base di cui sopra; * per l’esame delle offerte di acquisto, ai sensi dell’art.572 c.p.c., ovvero per la gara sulle medesime, se presentate in misura superiore ad una, l’udienza del giorno 8 Aprile 2009, ore 9.30 e segg.; FISSA, NEL CASO IN CUI LA VENDITA SENZA INCANTO NON ABBIA LUOGO , * per la presentazione presso la Cancelleria dell’Esecuzioni Immobiliari dell’istanza di partecipazione agli incanti, termine fino alle ore 13.00 del giorno 21 Aprile 2009, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; * per il giorno 22 Aprile 2009, ore 9.30 e segg., la vendita ai pubblici incanti. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO DI VENDITA BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione nella procedura esecutiva immobiliare n°.116/1989

RGE, promossa da Cassa di Risparmio di Calabria e Lucania con ordinanza emessa all’udienza del 26.11.2008 ha disposto la vendita senza incanto dei tre lotti, nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano per l’udienza del 8.04.2009 ed ha fissato, per il caso in cui la stessa non abbia luogo, la vendita con incanto del medesimo lotto sette nello stato di fatto e di diritto in cui si trova per l’udienza del 22.04.2009 Lotto uno "appartamento di mq 138, sito in San Pietro a Maida, alla via Po, n. 2, piano primo, riportato nel NCEU di tale comune al foglio 11, p.lla 1138, sub 5 e annessa quota di 1/3 della piena proprietà, comune ed indivisa del vano scala"; Valore euro 23.748,94 Lotto due "appartamento di mq 138, sito in San Pietro a Maida, alla via Po, n. 2, piano secondo, riportato nel NCEU di tale comune al foglio 11, p.lla 1138, sub 6 e annessa quota di 1/3 della piena proprietà, comune ed indivisa del vano scala"; Valore euro 23.748,94 Lotto tre "appartamento di mq 138, sito in San Pietro a Maida, alla via Po, n. 2, piano primo, riportato nel NCEU di tale comune al foglio 11, p.lla 1138, sub 7 e annessa quota di 1/3 della piena proprietà, comune ed indivisa del vano scala"; Valore euro 38.782,66 SI RENDE ANCORE NOTO CHE IL GE HA STABILITO CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1. VENDITA SENZA INCANTO ciascun offerente, tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte per l’acquisto personalmente o a mezzo di procuratore legale anche a norma dell’art. 579, ultimo comma, presentando presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari, dichiarazione, in regola con il bollo, contenente l’indicazione del prezzo, del tempo, del modo del pagamento e di ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta; l’offerta è irrevocabile, salvo che: 1. il giudice ordini l’incanto;2. siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; l’offerta non è efficace: 1) se perviene oltre il termine stabilito: 2) se è inferiore al prezzo determinato a norma dell’articolo 568 e più sopra ricordato: e) se l’offerente non presta cauzione, a mezzo di assegno circolare non trasferibile intestato a "Poste Italiane s.p.a.,", in misura non inferiore al decimo del prezzo da lui proposto l’offerta deve consistere in una dichiarazione, in regola con il bollo, contenente, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, del prezzo offerto, del bene (e del lotto) cui si riferisce l’offerta e ogni altro elemento utile alla valutazione di questa; detta dichiarazione deve, altresì, recare le generalità dell’offerente (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi) ed essere corredata da copia di valido documento di identità dell’offerente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale); in caso di dichiarazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; all’offerta, da depositarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere allegato l’assegno circolare per la cauzione, come innanzi indicato; all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per l’esame delle offerte; le buste saranno aperte all’udienza fissata per l’esame delle offerte, alla presenza degli offerenti, ove comparsi; in ogni caso, le spese del trasferimento cadono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità; per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle offerte di acquisto, ex art. 571 c.p.c., dell’immobile sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, cui si fa espresso riferimento, termine fine alle ore 13.00 del giorno 7 aprile 2009 con le modalità e per il prezzo base dì cui sopra; per l’esame delle offerte di acquisto, ai sen-

si dell’art. 572 c.p.c., ovvero per la gara sulle medesime, se presentate in misura superiore ad una, l’udienza del giorno 8 aprile 2009, ore 9.30 e segg.; 2.VENDITA CON INCANTO essa deve aver luogo al prezzo sopra indicato di euro 23.748,94 per il lotto n. 1, di euro 23.748,94 per il lotto n. 2 di euro 38.782,66 per il lotto n. 3; le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 3% del prezzo base indicato per tutti e tre i lotti; ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa si riferisce, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi); all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale); in caso di dichiarazione di partecipazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle "Poste Italiane s.p.a.", tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per la vendita; le buste saranno aperte all’udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli offerenti, ove comparsi; in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità; per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni immobiliari dell’ istanza di partecipazione agli incanti termine fino alle ore 13.00 del giorno 21 aprile 2009 ore 9.30 e segg., con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra: per il giorno 22 aprile 2009, ore 9.30 e segg. la vendita ai pubblici incanti dell’immobile sopra indicato. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO DI VENDITA BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione nella procedura esecutiva immobiliare n°. 35/99 RGE, ha disposto la vendita senza incanto di n. 3 lotti, nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, per l’udienza del 15.4.2009 ed ha fissato, per il caso in cui la stessa non abbia luogo, la vendita con incanto dei medesimi lotti per l’udienza del 29.4.2009 Lotto N. 2 "Locale magazzino sito nel Comune di Cortale, località Vallonata, esteso per circa mq. 75, riportato nel N.C.E.U. di detto comune al foglio 19, p.lla 538, sub. 1101". Prezzo base euro 32.500,00 Lotto N. 3 "Appartamento per civile abitazione sito nel Comune di Cortale, alla via Serg. Bartuca n. 34, piano terra, composto da tre vani più ingresso-cucina, bagno e disimpegno per mq. 94,35 di superficie reale. L’immobile, accessoriato con una corte di pertinenza di mq. 25,5 e con un deposito esterno, utilizzabile anche come garage di mq 13,6, è riportato nel N.C.E.U. di detto comune al foglio 19, p.lla 539, sub. 1, cat. A/3, classe 2, vani 6,5". Prezzo base euro 51.500,00 Lotto N. 4 "Appartamento per civile abitazione sito nel Comune di Cortale, alla via Serg. Bartuca n. 30, primo piano, composto da quattro vani più cucina, ripostiglio bagno e disimpegno ed accessoriato con due balconi. L’immobile è riportato nel N.C.E.U. di detto comune al foglio 19, p.lla 539, sub. 2, cat. A/3, classe 2, vani 6". Prezzo base euro 54.700,00

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it

Segue


Enti e Istituzioni - Marzo 2009

30 TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME UFFICIO FALLIMENTI BANDO DI VENDITA ALL’INCANTO DI BENI IMMOBILI PROCEDURA DI CONCORDATO PREVENTIVO N. 2/1994 SI RENDE NOTO Che il Giudice Delegato al Concordato Preventivo n. 2/1994, con ordinanza del 10/12/2008, ha disposto la vendita all’incanto, con riduzione di 1/4, al prezzo base di: - euro 108.068,61 per il lotto 2 - euro 205.678,95 per il lotto 3 dei seguenti beni immobili: Lotto 2 -" magazzino sito in Lamezia TermeNicastro, via Oberdan, n. sub 38 e n. 40, della superficie complessiva di mq. 164, riportato nel NCEU di detto comune al foglio 16. p.lla 463, sub 26, Z.C. 1, Cat. C/1 classe 3"; Lotto 3 -" locale cantinato sito in Lamezia Terme- Nicastro, via Oberdan, n. 24, della superficie complessiva di mq. 587, riportato nel NCEU di detto comune al foglio 16, p.lla 463, sub 28, P. S1, Z.C. 1, Cat. C/2, classe 1; Ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare, istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.c.p.. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa si riferisce, le proprie generalità ( nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e ,se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi); All’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso ( ad es. procura speciale o certificato camerale); In caso di dichiarazione di partecipazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento.; Con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile intestato al "concordato preventivo R.C.P.. 2/1994", tramite cui effettuare il versamento della cauzione ( ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; Le spese di trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità: FISSA Per la presentazione presso la Cancelleria Fallimentare dell’istanza di partecipazione agli incanti, termine fino alle ore 13.00 del 13/04/2009 con le modalità di cui sopra. FISSA Il giorno 14/04/2009 ore 12.00 la vendita ai pubblici incanti degli immobili sopra indicati e meglio descritti. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME N. 02/1996 Reg. Es. Imm. AVVISO DI VENDITA Il professionista delegato NOTAIO DOTTOR MARIO BILANGIONE Presso ASSOCIAZIONE NOTARILE PROCEDURE ESECUTIVE DI LAMEZIA TERME Piazza della Repubblica - Lamezia Terme nella Procedura Esecutiva proposta da Comit Factoring S.p.A. Visto il provvedimento di delega alla vendita emesso dal Giudice dell’Esecuzione del Tribunale di Lamezia Terme in data 11/06/2008 ai sensi dell’art. 591 bis c.p.c.; Ritenuto che sono andati deserti i precedenti esperimenti d’asta e che appare opportuno rifissare con la riduzione del prezzo base di un quarto giusta autorizzazione del G.E.; Visto l’art. 569 e segg. c.p.c. AVVISA che in data 24 marzo 2009 alle ore 11,00 nel Palazzo di Giustizia di Lamezia Terme, Piazza della Repubblica, piano primo seminterrato, presso i locali dell’Associazione Notarile, si terrà la vendita senza incanto dei seguenti immobili: LOTTO N.1: In territorio di Lamezia Terme, sezione Nicastro alla via Roberto il Guiscardo, (contrada "Scinà-Papazzo"), appezzamento di terreno della superficie di Ha.1.07.58; riportato

nel corrispondente Catasto Terreni al foglio di mappa 33, particella: 404, uliveto cl.2°, Ha.1.07.58, redd.dom. euro 61,12, redd.agr. euro 38,89 In base al Piano Regolatore Generale vigente nel Comune di Lamezia Terme il terreno ricade in zona "BR - area urbana ad organizzazione morfologica complessa da riqualificare". Prezzo base: euro 160.125,00 (Euro centosessantamila centoventicinque virgola zero zero) LOTTO N.2: In territorio di Lamezia Terme, sezione Nicastro, porzioni immobiliari facenti parte del fabbricato posto alla via Roberto il Guiscardo (contrada "Scinà-Papazzo"), e precisamente due locali deposito ubicati al piano terra (attualmente allo stato rustico) della superficie lorda complessiva di mq.265 (metri quadrati duecentosessantacinque); riportati nel corrispondente Catasto Fabbricati al foglio di mappa 33, particelle: 344/sub.1101, Contrada Papazzo snc, piano T. in corso di costruzione; 344/sub.1102, Contrada Papazzo snc, piano T. in corso di costruzione. Le particelle sopra descritte, a seguito di variazione presentata all’UTE di Catanzaro per "divisione- ampliamento", derivano "per soppressione" dalla originaria particella 344/sub.1 del foglio di mappa 33. Prezzo base: euro 104.250,00 (Euro Centoquattromila duecentocinquanta virgola zero zero) LOTTO N.3: In territorio di Lamezia Terme, sezione Nicastro, porzione immobiliare facente parte del fabbricato posto alla via Roberto il Guiscardo (contrada "Scinà-Papazzo"), e precisamente l’appartamento sviluppatesi al piano terra e primo; il piano terra ha una superficie lorda di mq.58 (metri quadrati cinquantotto), mentre il primo piano ha una superficie lorda di mq.190 (metri quadrati centonoanta); riportato nel corrispondente Catasto Fabbricati al foglio di mappa 33, particella: 344/sub.2, Contrada Papazzo snc, piano 1°, Zc.2°, cat.A/3, cl.u., vani 10,5, rc.euro 542,28 Prezzo base: euro 201.862,50 (Euro Duecentounomilaottocentosessantadue virgola cinquanta) LOTTO N.4: In territorio di Lamezia Terme, sezione Nicastro, porzione immobiliare facente parte del fabbricato posto alla via Roberto il Guiscardo (contrada "Scinà-Papazzo"), e precisamente l’appartamento al primo piano della superficie di mq.167 (metri quadrati centosessantasette); riportato nel corrispondente Catasto Fabbricati al foglio di mappa 33, particella: 344/sub.3, Contrada Papazzo, piano 1°, int.2, in corso di costruzione Prezzo base: euro 134.400,00 (Euro Centotrentaquattromila quattrocento virgola zero zero) LOTTO N.5: In territorio di Lamezia Terme, sezione Nicastro, porzione immobiliare facente parte del fabbricato posto alla via Roberto il Guiscardo (contrada "Scinà-Papazzo"), e precisamente il locale al primo terra-rialzato della superficie lorda di mq.205 (metri quadrati duecentocinque); riportato nel corrispondente Catasto Fabbricati al foglio di mappa 33, particella: 345/sub.1, Contrada Papazzo, piano T°, z.c.1°, cat.C/3, cl.3°, mq.117, rend.cat.368,60 Prezzo base: euro 74.250,00 (Euro settantaquattromila duecentocinquanta virgola zero zero) LOTTO N.6: In territorio di Lamezia Terme, sezione Nicastro, porzione immobiliare facente parte del fabbricato posto alla via Roberto il Guiscardo (contrada "Scinà-Papazzo"), e precisamente l’appartamento al primo piano della superficie lorda di mq.130 (metri quadrati centotrenta); riportato nel corrispondente Catasto Fabbricati al foglio di mappa 33, particella: 345/sub.2, Contrada Papazzo, piano 1°, int.1, z.c.1°, cat.A/3, cl.2°, vani 5, rend. Cat. 271,14 Prezzo base: euro 107.625,00 (Euro Centosettemila seicentoventicinque virgola zero zero) LOTTO n.7: In territorio di Lamezia Terme, sezione Nicastro alla località "Petrappa" appezzamento

di terreno della superficie catastale di are 41.80 (are quarantuno e centiare ottanta); riportato nel corrispondente Catasto Terreni al foglio di mappa 58, particelle: 100, sem. arb. cl.3°, are 15.80, redd.dom. euro 4,90, redd. agr. euro 2,04; 128, sem. irr. cl.1°, are 26.00, redd.dom. euro 16,78, redd. agr. euro 6,04; In base al Piano Regolatore Generale vigente nel Comune di Lamezia Terme il terreno ricade in zona "E2 - agricola collinare". Prezzo base: euro 31.350,00 (Euro trentunomila trecentocinquanta virgola zero zero). AVVISA ALTRESÌ Che nelle ipotesi in cui: 1 non siano proposte offerte di acquisto entro il termine stabilito; 2 le offerte non siano efficaci ai sensi dell’art. 571 c.p.c.; 3 si verifichi una delle circostanze previste dall’art. 572, comma 3, c.p.c.; 4 la vendita senza incanto non abbia luogo per qualsiasi altra ragione; avrà luogo la vendita con incanto dei medesimi beni nelle seguenti date e luoghi: 16 aprile 2009 alle ore 11,00, Palazzo di Giustizia di Lamezia Terme, piazza della Repubblica, piano primo seminterrato, presso i locali dell’Associazione Notarile. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI procedura esecutiva n°.2/1997 R.G.E. richiesta da MPS SpA si rende noto che il giorno 01.04.2009 ore 12.00 nella sala delle pubbliche udienze di questo Tribunale, avanti al Giudice delle Esecuzioni, si procederà alla vendita all’incanto dei beni immobili elencati in calce alle seguenti condizioni: prezzo base (determinato ex art. 568 cpc): € . 1.024,00 per il lotto n°.1 € . 1.024,00 per il lotto n°.2 € . 16.128,00 per il lotto n°.3 Elenco beni immobili: LOTTO UNO: n°1 posto auto, sito al piano seminterrato di un fabbricato di maggiore consistenza, in località Ginepri a Lamezia Terme (ex S. Eufemia Lamezia), - identificato in catasto al foglio di mappa 23 p.lla 289 sub 189 Sezione Censoria 1, categoria C/6, classe 1; consistenza mq. 16, rendita catastale euro 17,35; LOTTO DUE n°1 posto auto sito al piano seminterrato di un fabbricato di maggiore consistenza, in località Ginepri a Lamezia Terme (ex S. Eufemia Lamezia), - identificato in catasto al foglio di mappa 23 p.lla 289 sub 190 Sezione Censoria di S. Eufemia, in corso di costruzione; LOTTO TRE: appartamento, in un edificio di maggiore consistenza, sito al terzo piano fuori terra, con soprastante copertura piana, in località Ginepri a Lamezia Terme (ex S. Eufemia Lamezia), interno 17 e 18 Scala C, composto da tre stanze, una cucina, due bagni, per un totale di mq 83,80, due balconi per complessivi mq 15,40 e un terrazzo di mq. 15,00 - identificato in catasto al foglio di mappa 23 p.lla 289 sub 118 e 120 Sezione Censoria di S. Eufemia, in corso di costruzione, confinante con appartamento indicato come sub 116, con appartamento indicato come sub 122, con corridoio e scala condominiale; l’appartamento è lievemente difforme alla concessione rilasciata, per sanarlo occorrono euro 716,46 (spese condono e spese tecniche). TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA BENI IMMOBILI EX ART. 569 COMMA 3 C.P.C. NELLA PROCEDURA ESECUTIVA IMMOBILIARE N. 5/1993 R.E. SI RENDE NOTO Che il giudice dell’esecuzione nella procedura n. 5/1993 R.E., promossa da: con ordinanza del 26/11/2008 ha disposto la vendita senza incanto, in unico lotto del seguente immobile nello stato di fatto e di diritto in cui di trova: LOTTO UNICO "Appartamento di tipo economico utilizzato come residenza estiva, sito nel Comune di Lamezia Terme, località Marinella, riportato nel relativo catasto al foglio 9, p.lla 774 categoria A/3. L’unità immobiliare è composta da soggiorno con angolo cottura, una

camera, un bagno, una piccola veranda e una terrazza" prezzo base d’asta € 21.098,75 Gli interessati a presentare offerta di acquisto possono esaminare il bene in vendita chiedendo di accedere all’immobile, previa preventiva comunicazione scritta al debitore-custode, nei giorni e nelle ore indicati nel combinato disposto ex artt. 519 e 147 cpc. L’immobile sopra indicato e meglio descritto nelle relazioni dell’esperto in atti, cui si fa espressa riferimento FISSA La vendita senza incanto per il 01/04/2009 ore 9:30 presso il Tribunale Ordinario di Lamezia Terme e, per il caso che la predetta vendita non abbia eventualmente esito, in via sussidiaria, la vendita con l’incanto per il 15/04/2009 ore 9:30 al prezzo base d’asta così come determinato, ai sensi dell’art. 568 cpc, in data 01/04/2009 all’esito della vendita senza incanto. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione nella procedura esecutiva immobiliare n°.40/2001 RGE con ordinanza emessa all’udienza del 19 novembre 2008 ha disposto la vendita senza incanto in unico lotto, nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano per il 01.04.2009 ed ha fissato, per il caso in cui la stessa non abbia luogo, la vendita con incanto del medesimo lotto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova per l’udienza del 15.04.2009 lotto uno - "terreno sito nel comune di Lamezia Terme, località Piane, riportato nel NCT al foglio 50, p.lla 511, di mq. 980, su cui insiste un fabbricato plurifamiliare composto da tre appartamenti, di cui due al piano terra ed uno al primo piano. Il fabbricato è dotato di una pertinenza adibita a parcheggio e spazio verde"; prezzo base d’asta euro 128.553,37 TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME IL CANCELLIERE DELL’UFFICIO ESPROPRIAZIONI IMMOBILIARI RENDENOTO che il giudice dell’esecuzione dott. Alessandro Brancaccio nella procedura di espropriazione immobiliare n.43/2000 R.E. con provvedimento del 19/11/2008 ha disposto procedersi alla vendita senza incanto del seguente bene: LOTTO UNICO - Quota parte pari a 1/2 della piena proprietà di un terreno a destinazione urbanistica sito nel Comune di Lamezia Terme, località Carrà Cola. PREZZO BASE D’ASTA: euro 11.025,00 La vendita avrà luogo avanti al giudice dell’esecuzione nell’aula delle pubbliche udienze del Tribunale all’udienza del 1 APRILE 2009 ore 9,30 e segg.. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO DI VENDITA BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione nella procedura esecutiva immobiliare n°.52/1987 RGE con ordinanza emessa all’udienza del 19 novembre 2008 ha disposto la vendita senza incanto in più lotti, nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano per il 01.04.2009 ed ha fissato, per il caso in cui la stessa non abbia luogo, la vendita con incanto dei medesimi lotti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano per l’udienza del 15.04.2009 lotto uno - "fabbricato destinato a civile abitazione a due piani fuori terra, oltre sottotetto, sito in Lamezia Terme, Sambiase, via vico I corso della Repubblica, n. 3, costituito, al primo piano, da un piccolo stanzino di mq. 37, al secondo piano, da tre camere da letto, una cucina, due salotti, due piccoli bagni, ingresso e corridoio e, al piano sottotetto, da due vani più una terrazza di circa 90 mq, Prezzo base d’asta euro 170.037,50 lotto due - "magazzino adibito ad autolavaggio sito in Lamezia Terme, Sambiase, via De Gasperi; prezzo base d’asta euro 54.000,00

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it

Segue


Enti e Istituzioni - Marzo 2009

31 TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA BENI IMMOBILI EX ART. 569 COMMA 3 C.P.C. NELLA PROCEDURA ESECUTIVA IMMOBILIARE N. 52/2005 R.E. SI RENDE NOTO Che il giudice dell’esecuzione nella procedura n. 52/2005 R.E., promossa da: con ordinanza del 19/11/2008 ha disposto la vendita senza incanto, in unico lotto del seguente immobile nello stato di fatto e di diritto in cui di trova: LOTTO UNICO "Complesso industriale sito in Feroleto Antico, loc. Melia, composto da due capannoni principali, attualmente destinati ad allevamento di animali, da un capannone destinato a macello e da uffici, oltre che da un’ampia area di pertinenza in parte asfaltata, da tre particelle di terreno boschivo, da due di terreno coltivato ad uliveto e da quattro di terreno incolto. Il compendio è riportato nel NCEU di detto comune al foglio 23, p.lla 446, cat. D/8, nonché nel NCT al foglio 22, p.lle 17 e 40 e al foglio 23, p.lle 152,227, 230,235"; prezzo base d’asta € 283.800,00 Gli interessati a presentare offerta di acquisto possono esaminare il bene in vendita chiedendo di accedere all’immobile, previa preventiva comunicazione scritta al debitore-custode, nei giorni e nelle ore indicati nel combinato disposto ex artt. 519 e 147 cpc. L’immobile sopra indicato e meglio descritto nelle relazioni dell’esperto in atti, cui si fa espressa riferimento FISSA La vendita senza incanto per il 01/04/2009 ore 9,30 presso il Tribunale Ordinario di Lamezia Terme e, per il caso che la predetta vendita non abbia eventualmente esito, in via sussidiaria, la vendita con l’incanto per il 15/04/2009 ore 9:30 al prezzo base d’asta così come determinato, ai sensi dell’art. 568 cpc, in data 01/04/2009 all’esito della vendita senza incanto. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO DI VENDITA BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione nella procedura esecutiva immobiliare n°.70/2005 RGE con ordinanza emessa all’udienza del 19 novembre 2008 ha disposto la vendita senza incanto in più lotti, nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano per il 01.04.2009 ed ha fissato, per il caso in cui la stessa non abbia luogo, la vendita con incanto dei medesimi lotti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano per l’udienza del 15.04.2009 lotto uno - " appezzamento di terreno ubicato in Curinga, località Feghetto-Donale, riportato nel NCT di detto comune al foglio 1, p.lla 6,7,95,98,171 e 174 e al foglio 3, p.lla 1, e costituito da serre per Ha 1.00.00, da un frutteto per Ha 4.83.10, da un seminario irriguo per Ha 2.95.70 e da un uliveto per Ha 2.77.80" al prezzo base d’asta 264.450,00 lotto due - " appezzamento di terreno ubicato in Curinga, località Pruscini-La Piana, riportato nel NCT di detto comune al foglio 5, p.lla 51 (frazionata nelle p.lle 216 e 217), 61, 66(frazionata nelle p.lle 222 e 223), n.68 (frazionata nelle p.lle 224 e 225) e n.70, tutte destinate a serre, dalla superficie totale di Ha 1.74.25" prezzo base d’asta 88.875,00

TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO DI VENDITA Esecuzione immobiliare n. 73/2007 Il Giudice dell’ esecuzione, Dr. Alessandro Brancaccio, letti gli atti del procedimento che precede e tenuto conto del fatto che tanto la vendita con incanto che quella senza incanto sono andate deserte e che, quindi, non è stato possibile procedere alla vendita del bene pignorato, ha ravvisato le condizioni per procedere al prezzo base di Euro 55.747.50,( prezzo base già ridotto di ¼) alla vendita coattiva dei seguenti beni: lotto unico - "appartamento sito in Francavilla Angitola, contrada Eccellente, costitui-

to da un ampio salone adibito a soggiorno-pranzo-cucina, tre camere da letto, due bagni e un piccolo ripostiglio, per una superficie complessiva di mq. 135,23, oltre a mq. 53,72 di corte. L’immobile e riportato nel NCEU di detto comune al foglio 1, p.l1a 183, sub 1-2, cat. A/3, classe 2"; ha disposto che le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, devono essere fatte con aumento minimo del 30% rispetto al prezzo base di € 55.747,50 si rende noto che è stata fissata, in relazione alla vendita senza incanto, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle offerte di acquisto, ex art. 571 c.p,c. dell’immobile sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, cui si fa espresso riferimento, termine fino alle ore 13.00 del giorno 31 marzo 2009, con le modalità ed il prezzo base di cui sopra; per l’esame delle offerte di acquisto ai sensi dell’art. 572 c.p.c., ovvero per la gara sulle medesime, se presentate in misura superiore ad una, l’udienza del giorno 1 aprile 2009, ore 9.30 e segg. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO DI VENDITA BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione nella procedura esecutiva immobiliare n. 82/2002 RE, con ordinanza del 26.11.2008 ha disposto la vendita - in unico lotto - del seguente bene immobile, nello stato di fatto e di diritto in cui si trova lotto unico - "immobile destinato a civile abitazione posto al quarto piano di un fabbricato di maggiore consistenza sito in Falerna, località Malvitano. L’appartamento è composto da ingresso-corridoio, cucina abitabile, soggiorno, due camere da letto e servizio, per una superficie lorda complessiva di mq. 62, con annesso terrazzo e veranda. È riportato nel NCEU di detto comune al foglio 9, p.lla 75, sub 8, cat A/3, classe 2, vani 4,5"; Valore del bene € . 27.562,50 gli interessati a presentare offerte di acquisto possono esaminare il bene in vendita, chiedendo di accedere al bene immobile, previa comunicazione scritta al debitore-custode, nei giorni e nelle ore indicati dal combinato disposto ex artt. 519 e 147 c.p.c.; FISSA La vendita senza incanto per il 08.04.2009 ore 9:30 e segg. presso il Tribunale Ordinario di Lamezia Terme e, per il caso in cui la predetta vendita non abbia eventualmente esito, in via sussidiaria, la vendita con l’incanto per il 22.04.2008 ore 9,30 e segg. al prezzo base d’asta così come sarà determinato, ai sensi dell’art. 568 cpc, in data 08.04.2009 all’esito della vendita senza incanto. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI EX ART. 569 COMMA 3 - C.P.C. NELLA PROCEDURA ESECUTIVA IMMOBILIARE N. 89/2002 R. E. SI RENDE NOTO Che il giudice dell’esecuzione nella procedura n. 89/2002 R.E., con ordinanza del 12/11/08 ha disposto la vendita senza incanto, in unico lotto del seguente bene immobile nello stato di fatto e di diritto in cui si trova: LOTTO UNICO "Immobile sito in Lamezia Terme, Nicastro laghetto S. Francesco, distribuito tra piano terra, piano secondo dalla superficie complessiva di vendita di mq 89,60 circa, riportato nel CNEU di detto comune al foglio 16 p.lla 333 sub 1 cat. C/6 classe 2, consistenza 2 mq e 333, sub 4 cat. A/4 classe 3 consistenza 1 vano"; Prezzo base d’asta € 42.000,00 Gli interessati a presentare offerta di acquisto possono esaminare il bene in vendita chiedendo di accedere all’immobile, previa preventiva comunicazione scritta al debitore - custode, nei giorni e nelle ore indicati dal combinato disposto ex artt. 519 e 147 cpc. FISSA la vendita con l’incanto per il 11/03/2009

ore 9:30 e segg. al prezzo base d’asta così come già determinato. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO DI VENDITA BENI IMMOBILI PROC. N. 119/93 R.E. In danno di : Richiesta da Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. SI RENDE NOTO Che il giorno 01/04/2009, ore 12,00, nella sala delle pubbliche udienze di questo Tribunale avanti al Giudice dell’Esecuzioni, si procederà alla vendita all’incanto del bene immobile elencato in calce di proprietà dei debitori OMISSIS alle seguenti condizioni: Prezzo base: € 205.000,24 primo lotto; Ogni concorrente per essere ammesso all’incanto, dovrà depositare nella Cancelleria di questo Tribunale almeno quattro giorni prima la data fissata per l’incanto. - € 20.500,00 per cauzione ed € 41.000,00 per spese di trasferimento. L’aumento minimo da apportarsi alle offerte è fissato in € 39.100,44; L’aggiudicatario dovrà depositare il prezzo di aggiudicazione, dedotta la cauzione già prestata e dovrà provvedere a sua cura e spese alla voltura catastale dell’immobile trasferitogli. Maggiori informazioni in Cancelleria. Elenco beni immobili: Lotto n. 1 Costituito dalle particelle n. 65 e 76 del foglio n. 66 dell’ex Comune di Nicastro che comprendono: 1) n. 10 fabbricati, tra piccoli medi e grandi residenziali e non, alcuni ad uso abitativo altri strumentali alla conduzione di un’azienda zootecnica - foraggiera; 2) Manufatti vari ad uso zootecnico - foraggiero 3) Mq. 2.050 di terreno di pertinenza di quanto sopra; 4) Mq. 8.000 di terreno agricolo a suscettività edificatoria; 5) Ha 3.90.40 di terreno agricolo, autonomamente irriguo, in parte ad uso cerealicolo- foraggiero e, in parte, impiantato a kiweto. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME ESECUZIONE IMMOBILIARE N. 128/95 R.G. Es. IL CANCELLIERE DELL’UFFICIO ESPROPRIAZIONI IMMOBILIARI RENDE NOTO che il Giudice dell’Esecuzione, dr. Brancaccio, nell’espropriazione immobiliare n. 128/95 R.G. Es. Imm., con ordinanza del 26 novembre 2008 ha disposto procedersi alla vendita ai pubblici incanti a prezzo ribassato del seguenti beni : LOTTO 1: "Intera proprietà dell’appartamento ubicato nel comune di Lamezia Terme, alla Via Marconi n. 329, primo piano, composto da due stanze da letto, due servizi, cucina e salottino per mq comm.li 134, in catasto al foglio 83, p.lla 519, sub. 3, cat. A/3, vani 5,5". PREZZO BASE D’ASTA EURO 70.602,36. LOTTO 2: "Intera proprietà dell’appartamento ubicato nel comune di Lamezia Terme, alla Via Marconi n. 329, primo piano, composto da due stanze da letto, due servizi, cucina e salottino per mq comm.li 121, in catasto al foglio 83, p.lla 519, sub. 2, cat. A/3, vani 5,5". PREZZO BASE D’ASTA EURO 64.226,24 LOTTO 3: "Intera proprietà del magazzino/deposito sito in Lamezia terme, Via Miceli, di mq comm.li 64, in catasto al foglio 24, p.lla 77, sub. 12, cat. C/2". PREZZO BASE D’ASTA EURO 32.752,48 Gli immobili sono meglio descritti nella relazione di consulenza tecnica consultabile presso la Cancelleria delle Esecuzioni immobiliari. La vendita avrà luogo avanti al Giudice dell’Esecuzione alle ore 9:00 del giorno 1 aprile 2009 nell’aula delle pubbliche udienze del Tribunale di Lamezia Terme. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME RE. n. 137/1997 Il Cancelliere Dott.ssa Bruna Bernardi AVVISA CHE il Giudice delle Esecuzioni Dott. Alessandro Brancaccio ha fissato la vendita senza in-

canto per il giorno 8 APRILE 2009, ore 9,30 del seguente immobile: "fabbricato adibito a ristorante con terreno di pertinenza sito in Maida, c.da Vallini, riportato nel NCEU di detto comune al foglio 58, p.lla 151, sub 2, cat C/1 , classe 1"; Prezzo base di euro 302.383,78 ciascun offerente, tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte per l’acquisto personalmente o a mezzo di procuratore legale anche a norma dell’art.579, ultimo comma, presentando presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari, dichiarazione, in regola con il bollo, contenente l’indicazione del prezzo, del tempo, del modo di pagamento e di ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta; l’offerta è irrevocabile, salvo che: 1. il giudice ordini l’incanto; 2. siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; l’ offerta non è efficace: 1) se perviene oltre il termine stabilito; 2) se è inferiore al prezzo determinato a norma dell’articolo 568 e più sopra ricordato; c) se l’offerente non presta cauzione, a mezzo di assegno circolare non trasferibile intestato a. ‘Poste italiane spa", in misura non inferiore al decimo del prezzo da lui proposto; - l’offerta deve consistere in una dichiarazione, in regola con il bollo, contenente, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di rge, della procedura, del prezzo offerto, del bene (e del lotto) cui si riferisce l’offerta e ogni altro elemento utile alla valutazione di questa; detta dichiarazione deve, altresì, recare le generalità dell’offerente (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi ) ed essere corredata da copia di valido documento di identità dell’offerente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale); in caso di dichiarazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; all’offerta, da depositarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere allegato l’assegno circolare per la cauzione, come innanzi indicato; all’esterno . della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’ esecuzione e la data dell’udienza fissata per l’ esame delle offerte, le buste saranno aperte all’udienza fissata per l’esame delle offerte, alla presenza degli offerenti, ove comparsi; in ogni caso, le spese de trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario,cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità, Nel caso in cui la vendita senza incanto andasse deserta, si procederà il giorno 22 APRILE 2009, ore 9,30 e seguenti alla vendita con incanto. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione nella procedura esecutiva immobiliare n°16/2007 R.E., con ordinanza emessa il 17.12.2008 ha disposto la vendita senza incanto, in unico lotto del seguente bene immobile, nello stato di fatto e di diritto in cui si trova Lotto Unico: " Terreno esteso 3.350 mq, sito nel Comune di Decollatura, località Cutura. Su porzione del terreno insiste un fabbricato (ancora non accatastato) adibito ad essiccatoio per legname, così suddiviso: mq 78,02 locale cella di essiccazione in muratura termoisolante con porte in materiale isolante e chiusura di sicurezza; mq 23,18 locale caldaia, quadro elettrico di comando; il tutto in ottimo stato di conservazione, con tutte le attrezzature di corredo perfettamente funzionanti. Prezzo base € 87.000,00. FISSA La vendita senza incanto per il giorno 15.04.2009 ore 9,30 e segg. presso il Tribunale Ordinario di Lamezia Terme.

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it


Enti e Istituzioni - Marzo 2009

32 Tribunale di Locri TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che Il Giudice dell’Esecuzione, Dr. Davide Lauro, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 5/00 promossa da INTESA GESTIONE CREDITI SPA ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: 1^ LOTTO - Unità immobiliare per civile abitazione posta al secondo piano di un fabbricato a tre piani fuori terra sito nel Comune di Marina di Gioiosa Jonica alla via Spilinga n. 20/B riportato nel NCEU alla partita n. 1001022 foglio di mappa 12, particella 448 sub 8 cat. A/3 classe 2^ vani 9, in ditta --Prezzo base del lotto: Euro 82.922,00 Deposito per cauzione: Euro 8.292,20 Deposito per spese: Euro 12.438,00 2^ LOTTO - Unità immobiliare adibita a deposito posta al piano interrato di un fabbricato a due piani fuori terra con piano interrato sito nel Comune di Grotteria contrada Marcinà inf. riportato nel NCEU alla partita 1000281 foglio di mappa 45 particella 289 sub 5 in corso di costruzione, in ditta --Prezzo base del lotto: Euro 24.273,00 Deposito per cauzione: Euro 2.427,30 Deposito per spese: Euro 3.641,00 3^ LOTTO - Unità immobiliare adibita in parte a laboratorio artigianale ed in parte ad ufficio posta al piano terra di un fabbricato a due piani fuori terra con piano interrato sito nel Comune di Grotteria contrada Marcinà inf. riportato nel NCEU alla partita 1000281 foglio di mappa 45 particella 289 sub 3 in corso di costruzione, in ditta --Prezzo base del lotto: Euro 48.547,00 Deposito per cauzione: Euro 4.854,70 Deposito per spese: Euro 7.282,00 4^ LOTTO - Unità immobiliare per civile abitazione posta al primo piano di un fabbricato a due piani fuori terra con piano interrato sito nel Comune di Grotteria contrada Marcinà inf. riportato nel NCEU alla partita 1000281 foglio di mappa 45 particella 289 sub 4 in corso di castruzione, in ditta --Prezzo base del lotto: Euro 48.547,00 Deposito per cauzione: Euro 4.854,70 Deposito per spese: Euro 7.282,00. L’incanto avverrà, con il prezzo da ridurre di 1/5+1/5, all’udienza del 27.02.2009 ore 9.00, davanti a sé nella presente sede, ed in secondo esperimento in data -- alle stesse condizioni e con le stesse modalità.

TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO (ai sensi del combinato disposto degli artt. 490 e 570 cpc) che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della procedura Esecutiva n. 24/2007 promossa da ARTINGIANCASSA - CASSA PER IL CREDITO ALLE IMPRESE ARTIGIANE SpA DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell’allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 28. DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI: LOTTO 1: "Unità immobiliare in Siderno, contrada Pantanizzi, così composta: - al piano terra, locale destinato ad attività commerciale (tappezzeria), in catasto al foglio 25, p. 1202 sub 2; - al piano terra e primo, locale destinato a civile abitazione, in catasto al foglio 25, p 1202 sub 3; - a piano primo, unità in corso di costruzione, in catasto al foglio 25, p. 1202 sub 4; - spazio destinato ma corte comune, in catasto al foglio 25, p 1202 sub 1"; PREZZO BASE: Euro 403.300,00 CAUZIONE: 10% DEL PREZZOPRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA SENZA INCANTO (Per quanto non indicato - tranne quanto sotto riportato - vedere l’ordinanza di vendita del 06.10.2008 (punti da 1 a 28) riportata di seguito al presente avviso) La vendita senza incanto, in cui procederà all’esame delle singole offerte, avverrà all’udienza del 02.04.2009

TRIBUNALE DI LOCRI Cancelleria Esecuzioni Immobiliari SI RENDE NOTO Che Il Giudice dell’Esecuzione DR. Davide Lauro letti gli atti della procedura esecutiva n. 29/1993 promossa da CARICAL. ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: 1^ Lotto Unità immobiliare costituita da un capannone industriale adibito alla lavorazione marmi sito nel Comune di Siderno contrada Pantanizzi, riportato nel NCEU al foglio di mappa 25, particella 95 sub 1, cat. D/7 r. L. 10.208.000 e particella 95 sub 2, cat. D/7 r. L. 1.032.800, per complessivi mq 970 in ditta .... Prezzo base del lotto: L. 679.000.000 Euro 350.674,23 Deposito per cauzione: L. 67.900.000 Euro 35.067,42 Deposito per spese: L. 101.850.000 Euro 52.601,14 2^ Lotto Unità immobiliare adibita a garage non ultimata posta al piano terra di un fabbricato a quattro piani fuori terra sito nel Comune di Siderno, alla via Cesare Battisti, riportato nel NCEU alla partita 1002248, foglio di mappa 31, particella 1202 sub 2, cat. C/6 classe 2^ 45 mq, r. L 202.500 in ditta... Prezzo base del lotto: L. 61.600.000 Euro 31.813,74 Deposito per cauzione: L. 6.160.000 Euro 3.181,37 Deposito per spese: L. 9.240.000 Euro 4.772,06 3^ Lotto Unità immobiliare per civile abitazione posta al primo piano di un fabbricato a quattro piani fuori terra sito nel Comune di Siderno, alla via Cesare Battisti, riportato nel NCEU alla partita 1002247, foglio di mappa 31, particella 423 sub 13, cat. A/2 classe 3^, vani 9, e particella 1202 sub 3, r L. 1.440.000 in ditta... Prezzo base del lotto: L. 292.800.000 Euro 151.218,58 Deposito per cauzione: L. 29.280.000 Euro 15.121,86 Deposito per spese: L. 43.920.000 Euro 22.682,79 4^ Lotto Unità immobiliare per civile abitazione posta al secondo piano di un fabbricato a quattro piani fuori terra sito nel Comune di Siderno, alla via Cesare Battisti, riportato al NCEU alla partita 1002246, foglio di mappa 31, particella 423 sub 12, cat A/2 classe 3^, vani 8,5 e particella 1202 sub 4, r. L. 1.360.000 in ditta... Prezzo base del lotto: L. 252.000.000 Euro 130.147,14 Deposito per cauzione: L. 25.200.000 Euro 13.014,71 Deposito per spese: L. 37.800.000 Euro 19.522,07 5^ Lotto Unità immobiliare per civile abitazione posta al terzo piano -mansarda di un fabbricato a quattro piani fuori terra sito nel Comune di Siderno, alla via Cesare Battisti, riportato nel NCEU alla partita 1002248, foglio di mappa 31, particella 423 sub 11, cat A/2 classe 1^, vani 6 e particella 1202 sub 5 r. L. 690.000 in ditta...Pierino Prezzo base del lotto: L. 216.000.000 Euro 111.554,69 Deposito per cauzione: L. 21.600.000 Euro 11.155,47 Deposito per spese: L. 32.400.000 Euro 16.733,20 6^ Lotto Unità immobiliare adibita a garage con quota parte di terrazzo, non ultimata, posta al piano terra di un fabbricato a quattro piani fuori terra oltre a parziale piano cantinato e terrazzo, sito nel Comune di Siderno, alla via Fiume, riportato nel NCEU alla partita 4976, foglio di mappa 31, particella 1198 sub 3, cat C/2 classe 1^, 92 mq, r. L. 312.800 in ditta... Prezzo base del lotto: L. 97.600.000 Euro 50.406,19 Deposito per cauzione: L. 9.760.000 Euro 5.040,62 Deposito per spese: L. 14.640.000 Euro 7.560,93 7^ Lotto Unità immobiliare adibita a cantina con quota parte di terrazzo, non ultimata, posta

al piano interrato di un fabbricato a quattro piani fuori terra oltre parziale piano cantinato e terrazzo, sito nel Comune di Siderno, alla via Fiume, di mq 64 Prezzo base del lotto: L. 41.600.000 Euro 21.484,61 Deposito per cauzione: L. 4.160.000 Euro 2.148,46 Deposito per spese: L. 6.240.000 Euro 3.222,69 8^ Lotto Unità immobiliare per civile abitazione con quota parte di terrazzo posta al primo piano di un fabbricato a quattro piani fuori terra oltre parziale piano cantinato e terrazzo, sito nel Comune di Siderno, alla via Fiume, riportato nel NCEU alla partita 4976, foglio di mappa 31, particella 1198 sub 4, cat A/3 classe 4^, vani 5,5, r. L. 742.500 in ditta Prezzo base del lotto: L. 166.900.000 Euro 86.196,66 Deposito per cauzione: L. 16.690.000 Euro 8.619,67 Deposito per spese: L. 25.035.000 Euro 12.929,50 9^ Lotto Unità immobiliare per civile abitazione posta al secondo piano di un fabbricato a quattro piani fuori terra oltre parziale piano cantinato e terrazzo, sito nel Comune di Siderno, alla via Fiume, riportato nel NCEU alla partita 4976, foglio di mappa 31, particella 1198 sub 5, cat. A/3 classe 4^, vani 5, r. L. 675.000 in ditta... Prezzo base del lotto: L. 166.900.000 Euro 86.196,66 Deposito per cauzione: L. 16.690.000 Euro 8.619,67 Deposito per spese: L. 25.035.000 Euro 12.929,50 10^ Lotto Unità immobiliare per civile abitazione posta al terzo piano di un fabbricato a quattro piani fuori terra oltre parziale piano cantinato e terrazzo, sito nel Comune di Siderno, alla via Fiume, riportato nel NCEU alla partita 4976, foglio di mappa 31, particella 1198 sub 6, cat. A/3, classe 4^, vani 6, r. L. 810.000 in ditta... Prezzo base del lotto: L. 166.900.000 Euro 86.196,66 Deposito per cauzione: L. 16.690.000 Euro 8.619,67 Deposito per spese: L. 25.035.000 Euro 12.929,50 11^ Lotto Diritti vantati, in ragione di 1/10, su un fabbricato rurale sito nel Comune di Mammola, località Chiusa, catastalmente riportato alla partita 3515, foglio di mappa 73, particella 568, di are 00.02.00, in ditta ... proprietario per 1/5, ... proprietario per 4/5, ...proprietario per 4/5,... proprietario per 4/5,... proprietario per 1/5,... proprietario per 4/5. Prezzo base del lotto: L. 100.000 Euro 51,65 Deposito per cauzione: L. 10,000 Euro 5,16 Deposito per spese: L. 15.000 Euro 7,75 12^ Lotto Diritti di livello vantati, in ragione di 1/6, su un terreno sito nel Comune di Mammola, catastalmente riportato alla partita 3511, foglio di mappa 73, particella 283, seminativo, classe 3^, di are 00.06.50, e particella 432 vigneto di classe 3^ di are 00.07.10, in ditta...minore livellaria per 1/3,... livellario per 2/3,... tutore di ... e ... concedente Prezzo base del lotto: L. 345.000 Euro 178,18 Deposito per cauzione: L. 34.500 Euro 17,82 Deposito per spese: L. 51.750 Euro 26,73 13^ Lotto Diritti vantati, in ragione di 1/8, sul terreno sito nel Comune di Mammola, catastalmente riportato alla partita 3745, foglio di mappa 72, particella 325, uliveto, classe 2^, di are 00.00.17, e foglio di mappa 73, particella 495, seminativo, classe 3^, di are 00.01.10, in ditta... comproprietario e... comproprietario Prezzo base del lotto: L. 438.750 Euro 226,60 Deposito per cauzione: L. 43.875 Euro 22,66 Deposito per spese: L. 65.810 Euro 33,99 14^ Lotto Diritti di livello vantati, in ragione di 1/4, sul terreno sito nel Comune di Mammola, catastalmente riportato alla partita 3509, foglio di mappa 73, particella 136, querceto, classe 1^, di are 00.15.50; particella 137, seminativo arborato, classe 3^, di are 00.06.10; particella 139, fabbricato rurale di are

00.00.32; particella 141, uliveto, classe 3^, di are 00.12.90;particella 147 seminativo di classe 4^, di are 00.42.60; particella 179 seminativo irriguo arborato, classe 3^, di are 00.19.00; particella 181, seminativo arborato di are 00.83.20; particella 182, seminativo classe 4^ di are 00.15.60; particella 364, seminativo classe 2^, di are 00.34.10; particella 455, pascolo classe U, di are 00.34.10; particella 738, seminativo classe 3^, di are 00.01.50; particella 855 seminativo irriguo classe 3^ di are 00.00.68; particella 998 pascolo classe U, di are 00.44.50; particella 999 seminativo classe 4^ di are 00.09.20; particella 144 querceto classe 2^ di are 00.04.20; particella 254 seminativo arborato classe 3^ di are 00.03.10, in ditta... livellario, ... concedente Prezzo base del lotto: L. 9.577.500 Euro 4.946,37 Deposito per cauzione: L. 957.750 Euro 494,64 Deposito per spese: L. 1.436.625 Euro 741,95 15^ Lotto Diritti vantati, in ragione di 2/9, sul terreno sito nel Comune di Mammola, riportato catastalmente alla partita 5556, foglio di mappa 71, particella 377, uliveto classe 3^, di are 00.09.30, in ditta... proprietaria per 3/12,... proprietaria per 3/12, ... proprietaria per 1/12,... proprietaria per 8/12,... usufruttuaria parziale,... proprietario per 8/12 Prezzo base del lotto: L. 414.000 Euro 213,81 Deposito per cauzione: L. 41.400 Euro 21,38 Deposito per spese: L. 62.100 Euro 32,07 16^ Lotto Diritti vantati, in ragione di 1/9, sul terreno sito nel Comune di Mammola, catastalmente riportato alla partita 3410, foglio di mappa 73, particella 505, seminativo classe 2^, di are 00.02.10; particella 506, seminativo arborato, classe 3^, di are 00.00.81; particella 507 seminativo, classe 3^, di are 00.01.30, in ditta... fu ... proprietario per 2/3,... fu ... proprietario per 2/3,... proprietaria per 1/3,... proprietaria per 1/3,... usufruttuaria parziale,... proprietario per 1/3 Prezzo base del lotto: L. 57.800 Euro 29,85 Deposito per cauzione: L. 5.780 Euro 2,99 Deposito per spese: L. 8.670 Euro 4,48 17^ Lotto Diritti vantati, in ragione di 1/16, sul terreno sito nel Comune di Mammola, catastalmente riportato alla partita 6458, foglio di mappa 70, particella 250, cast. Frutto, classe 3^, di are 00.02.10; particella 252, vigneto classe 3^, di are 00.07.40; particella 276 pascolo arborato, classe 3^ di are 01.46.00; particella 281 fabbricato rurale, di are 00.00.41; particella 282 pascolo di classe U, di are 00.17.30; particella 283, uliveto classe 3^, di are 01.84.60; particella 284, pascolo cespugliato, classe 1^, di are 00.66.40, in ditta... proprietario per 7/64, ... proprietario per 7/64, ... proprietario per 7/64, ... proprietaria per 7/64, ... proprietario per 7/64, ... proprietaria per 7/64, ... proprietaria per 12/64, ... proprietaria per 12/64, ... usufruttuaria parziale, ... proprietario per 12/64, ... proprietaria per 24/64 Prezzo base del lotto: L. 2.011.560 Euro 1.038,88 Deposito per cauzione: L. 201.156 Euro 103,89 Deposito per spese: L. 301.730 Euro 155,83 18^ Lotto Diritti vantati, in ragione di 1/4, sul terreno sito nel Comune di Mammola, catastalmente riportato alla partita 3507, foglio di mappa 70, particella 259 uliveto classe 3^, di are 00.12.00; particella 267 uliveto classe 3^ di are 00.09.10; particella 269 uliveto classe 3^ di are 00.07.20; particella 291 pascolo cespugliato classe 1^ di are 00.10.00; particella 192 uliveto classe 2^ di are 00.24.80; particella 299 seminativo classe 2^, di are 00.15.30; particella 419 uliveto classe 2^ di are 00.06.00; particella 423 uliveto classe 2^ di are 00.14.40; particella 425 querceto classe 1^ , di are 00.02.70; particella 426 uliveto classe 2^ di are 00.04.70; particella 475 uliveto classe 2^, di are 00.04.80; particella 490 seminativo arborato classe 2^ di are 00.12.60; particella 638 pascolo classe U di are 00.05.90; particella 639 uliveto classe 2^ di are 00.22.60; foglio di mappa 73 particella 172 pascolo arborato classe 4^ di are 00.03.60; particella 173 seminativo

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it

Segue


Enti e Istituzioni - Marzo 2009

33 irriguo classe 3^ di are 00.05.00; particella 472 seminativo classe 3^ di are 00.02.00; particella 493 seminativo classe 3^ di are 00.01.60; particella 494 seminativo arborato classe 3^ di are 00.01.70; particella 516 pascolo classe U di are 00.00.41; particella 517 seminativo arborato classe 3^ di are 00.04.00; particella 786 seminativo arborato classe 3^ di are 00.01.30; particella 824 seminativo arborato classe 3^ di are 00.00.28; particella 842 pascolo classe U di are 00.01.30; particella 945 fabbricato rurale di are 00.00.37; foglio di mappa 74 particella 88 uliveto classe 3^ di are 00.03.90; particella 115 querceto classe 2^ di are 00.33.80; particella 116 uliveto classe 3^ di are 00.05.20; particella 117 uliveto classe 3^ di are 00.14.70; particella 118 querceto classe 2^ di are 00.07.50; particella 122 uliveto classe 4^ di are 00.46.70; particella 123 querceto classe 2^ di are 00.03.50; particella 133 uliveto classe 3^ di are 00.01.90 in ditta... Prezzo base del lotto: L. 12.955.000 Euro 6.690,70 Deposito per cauzione: L. 1.295.500 Euro 669,07 Deposito per spese: L. 1.943.250 Euro 1.003,60 19^ Lotto Diritti vantati, in ragione di 1/6, su un fabbricato rurale sito nel Comune di Mammola, catastalmente riportato alla partita 5799, foglio di mappa 71, particella 91, di are 00.01.80 in ditta... proprietaria... proprietario, ... proprietario, ... proprietario Prezzo base del lotto: L. 250.000 Euro 129,11 Deposito per cauzione: L. 25.000 Euro 12,91 Deposito per spese: L. 37.500 Euro 19,37 20^ Lotto Diritti vantati, in ragione di 1/6, sul terreno sito nel Comune di Mammola, riportato catastalmente alla partita 3409, foglio di mappa 74, particella 452 pascolo classe U, di are 00.02.80 in ditta... proprietaria per ½... proprietaria per ½, ... usufruttuaria parziale, ... proprietario per ½, ... proprietaria per ½. Prezzo base del lotto: L. 46.670 Euro 24,10 Deposito per cauzione: L. 4.667 Euro 2,41 Deposito per spese: L. 7.000 Euro 3,62 21^ Lotto Diritti di livello vantati, in ragione di 1/6, sul terreno sito nel Comune di Mammola, catastalmente riportato alla partita 2972, foglio di mappa 74, particella 242 uliveto classe 3^, di are 00.24.50 e particella 243 querceto classe 2^, di are 00.02.80 in ditta... concedente, ... livellaria per ½... livellaria parziale per ½... livellaria parziale per ½... usufruttuaria parziale di livello... livellario parziale per ½. Prezzo base del lotto: L. 910.000 Euro 469,98 Deposito per cauzione: L. 91.000 Euro 47,00 Deposito per spese: L. 136.500 Euro 70,50 22^ Lotto Diritti di livello vantati, in ragione di 7/36, sul terreno sito nel Comune di Mammola, catastalmente riportato alla partita 3510, foglio di mappa 73, particella 138 uliveto classe 3^, di are 00.59.30 e particella 996 seminativo classe 3^ di are 00.21.50 in ditta... livellario per 7/9 ... livellario per 2/9 Prezzo base del lotto: L. 1.973.580 Euro 1.019,27 Deposito per cauzione: L. 197.358 Euro 101,93 Deposito per spese: L. 296.000 Euro 152,87 23^ Lotto - Diritti vantati, in ragione di 1/3, sul terreno sito nel Comune di Mammola, catastalmente riportato alla partita 6650, foglio di mappa 70, particella 255 vigneto classe 3^ di are 00.05.00; particella 400 uliveto classe 2^ di are 00.10.70; particella 402 seminativo irriguo arborato classe 2^ di are 00.03.00; foglio di mappa 71 particella 760 seminativo irriguo classe 2^ di are 00.05.10; particella 763 seminativo irriguo classe 2^, di are 00.08.10; particella 840 uliveto classe 3^ di are 00.11.00; particella 847 seminativo irriguo classe 3^ di are 00.06.80; particella 852 seminativo irriguo arborato classe 3^ di are 00.03.00; particella 858 seminativo irriguo arborato classe 3^

di are 00.08.40; foglio di mappa 72 particella 34 seminativo classe 1^, di are 00.09.70; particella 35 seminativo irriguo classe 2^ di are 00.07.00; particella 66 seminativo classe 1^ di are 00.06.00; particella 353 seminativo classe 3^ di are 00.04.40; foglio di mappa 73 particella 263 seminativo classe 3^ di are 00.05.00; particella 490 pascolo classe U di are 00.21.20; particella 715 fabbricato rurale di are 00.00.31; particella 883 seminativo irriguo arborato classe 4^ di are 00.01.80; particella 977 seminativo irriguo classe 3^ di are 00.03.00; particella 979 seminativo irriguo classe 3^ di are 00.04.50; particella 981 seminativo irriguo arborato classe 4^ di are 00.02.00; particella 984 seminativo irriguo arborato classe 4^ di are 00.02.70; particella 989 seminativo irriguo arborato classe 4^ di are 00.01.70; foglio di mappa 74 particella 175 querceto classe 1^ di are 00.25.80; particella 417 uliveto classe 3^ di are 00.02.90; particella 437 pascolo arborato classe 4^ di are 00.82.80; particella 449 seminativo irriguo classe 3^ di are 00.02.30; particella 451 seminativo irriguo classe 3^ di are 00.08.70; particella 888 seminativo classe 2^ di are 00.23.10; particella 893 seminativo classe 5^ di are 00.11.10; particella 894 seminativo irriguo arborato classe 3^ di are 00.26.60; particella 896 pascolo classe U di are 00.03.70; particella 905 vigneto classe 3^ di are 00.06.60; particella 906 vigneto classe 3^ di are 00.01.80, particella 911 pascolo classe U di are 00.03.10 in ditta.... Prezzo base del lotto: L. 16.090.000 Euro 8.309,79 Deposito per cauzione: L. 1.609.000 Euro 830,98 Deposito per spese: L. 2.413.500 Euro 1.246,47 L’incanto avverrà, con il prezzo da ridurre di 1/5+1/5, all’udienza del 27.03.2009 ore 9.00, davanti a sé nella presente sede, ed in secondo esperimento in data --- alle stesse condizioni e con le stesse modalità. TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO ai sensi del combinato disposto degli art.490 e 570 c.p.c., che, Il Giudice dell’Esecuzione, DR. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n°40/1993 promossa da ITALFONDIARIO S.p.A. DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell’allegata ordinanza di vendita. VEDERE PARTE DESCRITTIVA DELLA SOTTO RIPORTATA ORDINANZA DI VENDITA la vendita senza incanto, in cui si procederà all’esame delle singole offerte ai sensi degli art.572 e 573 c.p.c., avverrà il giorno 27.03.2009 DESCRIZIONE immobili: LOTTO 1: "quota di ½ della piena proprietà di un appartamento al piano terra di un edificio a quattro piani f.t. ubicato in c.da Favaco di Stignano, censito nel NCEU al foglio 18, p.lla 295 sub 3"; PREZZO BASE: € 18.000,00; CAUZIONE: 10% DEL PREZZO LOTTO 2: "quota di ½ della piena proprietà di un appartamento al piano terra di un edificio a quattro piani f.t. ubicato in c.da Favaco di Stignano, censito nel NCEU al foglio 18, p.lla 295 sub 4"; PREZZO BASE: € 19.250,00; CAUZIONE: 10% DEL PREZZO LOTTO 3: "quota di ½ della piena proprietà di un appartamento al piano terra di un edificio a quattro piani f.t. ubicato in c.da Favaco di Stignano, censito nel NCEU al foglio 18, p.lla 295 sub 5"; PREZZO BASE: € 19.250,00; CAUZIONE: 10% DEL PREZZO LOTTO 4: "quota di ½ della piena proprietà di un appartamento al piano terra di un edificio a quattro piani f.t. ubicato in c.da Favaco di Stignano, censito nel NCEU al foglio 18, p.lla 295 sub 6"; PREZZO BASE: € 18.000,00; CAUZIONE: 10% DEL PREZZO LOTTO 5: "quota di ½ della piena proprietà di un appartamento al piano primo di un edificio a quattro piani f.t. ubicato in c.da Favaco di Stignano, censito nel NCEU al foglio 18, p.lla 295 sub 7";

PREZZO BASE: € 22.750,00; CAUZIONE: 10% DEL PREZZO LOTTO 6: "quota di ½ della piena proprietà di un appartamento al piano primo di un edificio a quattro piani f.t. ubicato in c.da Favaco di Stignano, censito nel NCEU al foglio 18, p.lla 295 sub 8"; PREZZO BASE: € 24.000,00; CAUZIONE: 10% DEL PREZZO LOTTO 7: "quota di ½ della piena proprietà di un appartamento al piano primo di un edificio a quattro piani f.t. ubicato in c.da Favaco di Stignano, censito nel NCEU al foglio 18, p.lla 295 sub 9"; PREZZO BASE: € 24.000,00; CAUZIONE: 10% DEL PREZZO LOTTO 8: "quota di ½ della piena proprietà di un appartamento al piano primo di un edificio a quattro piani f.t. ubicato in c.da Favaco di Stignano, censito nel NCEU al foglio 18, p.lla 295 sub 10"; PREZZO BASE: € 22.750,00; CAUZIONE: 10% DEL PREZZO LOTTO 9: "quota di ½ della piena proprietà di un appartamento al piano secondo di un edificio a quattro piani f.t. ubicato in c.da Favaco di Stignano, censito nel NCEU al foglio 18, p.lla 295 sub 11"; PREZZO BASE: € 22.750,00; CAUZIONE: 10% DEL PREZZO LOTTO 10: "quota di ½ della piena proprietà di un appartamento al piano secondo di un edificio a quattro piani f.t. ubicato in c.da Favaco di Stignano, censito nel NCEU al foglio 18, p.lla 295 sub 12"; PREZZO BASE: € 24.000,00; CAUZIONE: 10% DEL PREZZO LOTTO 11: "quota di ½ della piena proprietà di un appartamento al piano secondo di un edificio a quattro piani f.t. ubicato in c.da Favaco di Stignano, censito nel NCEU al foglio 18, p.lla 295 sub 13"; PREZZO BASE: € 24.000,00; CAUZIONE: 10% DEL PREZZO LOTTO 12: "quota di ½ della piena proprietà di un appartamento al piano secondo di un edificio a quattro piani f.t. ubicato in c.da Favaco di Stignano, censito nel NCEU al foglio 18, p.lla 295 sub 14"; PREZZO BASE: € 22.750,00; CAUZIONE: 10% DEL PREZZO TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 45/83 promossa da INTESA GESTIONE CREDITI SpA ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: Lotto n. 1: Terreno in Grotteria località Ablaci oggi contrada Maida composto da diverse particelle formanti unico appezzamento di terreno (447 - 506 - 394 - 500 - 429) del foglio n. 18 del NCT del Comune di Grotteria, per complessivi mq. 1170 circa. Su detto terreno vi insiste un fabbricato a due piani fuori terra, dell’estensione di mq. 267 circa a piano terra e mq. 250 circa al primo piano. Prezzo base del lotto Euro 100.709,10 Lotto n. 2: Appezzamento di terreno in agro di Grotteria distinto in catasto al foglio 18 particella 492 di mq. 450 circa Prezzo base del lotto Euro 2.556,46 Lotto n. 3: Quota pari ad 1/3 di un appezzamento di terreno in Grotteria sulla S.S. 281, in catasto al foglio 18, particelle 236 (mq. 1280 circa) e 237 (mq. 1840 circa) Prezzo base del lotto Euro 2.203,21 Lotto n. 4: Appezzamento di terreno in Grotteria contrada Farri in catasto al foglio di mappa n. 22, particelle 282 e 283 (già 36/b e 38/b) della estensione complessiva di circa mq. 6020 Prezzo base del lotto Euro 9.347,87 Lotto n. 5: Appezzamento di terreno in agro di Grotteria contrada Farri in catasto al foglio 21, particelle 188 e 190 (già 6/C e 9/c) della estensione complessiva di circa mq. 8100 Prezzo base del lotto Euro 10.458,25 Lotto n. 6: Quota pari ad 1/3 di terreno sito in agro di Grotteria in catasto al foglio 22 particelle 223 e 224 della estensione complessiva di mq. 4100 circa. Prezzo base del lotto Euro 2.822,95 Lotto n. 7: Quota pari ad 1/6 di terreno sito in agro di Grotteria contrada Zirri in catasto al foglio 26, particella 95 della estensione

complessiva di circa mq. 1690. Prezzo base del lotto Euro 794,31 L’incanto avverrà con prezzo DA RIDURRE DI 1/5 all’udienza del 27.03.2009, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 64/97 promossa da Curatela Fallimentare ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: 1° LOTTO: VENDUTO: 2° LOTTO: Unità immobiliare per civile abitazione posta al primo piano e porzione del piano seminterrato di un fabbricato a quattro piani fuori terra e piano interrato sito nel Comune di Bianco, alla via Garibaldi, riportato nel NCEU alla partita 1000533, foglio di mappa 20, particella 466, sub 3, Cat. A/2, classe 2^ vani 8, r. £. 960.000, in ditta ...... proprietario per 1/2 e ............ proprietaria per 1/2 Prezzo base del lotto: Euro 124.115,18 Deposito per cauzione: Euro 12.411,49 Deposito per spese: Euro 18.617,24 3° LOTTO: Unità immobiliare per civile abitazione posta al secondo piano e porzione del piano seminterrato di un fabbricato a quattro piani fuori terra e piano interrato sito nel Comune di Bianco, alla via Garibaldi, riportato nel NCEU alla partita 1000533, foglio di mappa 20, particella 466, sub 4, Cat. A/2, classe 2^ vani 8, r. £. 960.000, in ditta ...... proprietario per 1/2 e ............ proprietaria per 1/2 Prezzo base del lotto: Euro 123.495,43 Deposito per cauzione: Euro 12.349,52 Deposito per spese: Euro 18.524,28 4° LOTTO: Unità immobiliare costituita da un vano annesso al lastrico solare di mq. 200 di un fabbricato a quattro piani fuori terra e piano interrato sito nel Comune di Bianco, alla via Garibaldi, riportato nel NCEU alla partita 1000533, foglio di mappa 20, particella 466, sub 5, in ditta ...... proprietario per 1/2 e ............ proprietaria per 1/2 Prezzo base del lotto: Euro 15.493,71 - Deposito per cauzione: Euro 1.549,37 - Deposito per spese: Euro 2.324,06 5° LOTTO: Unità immobiliare costituita da un garage posto al piano seminterrato di un fabbricato a quattro piani fuori terra e piano interrato sito nel Comune di Bianco, alla via Garibaldi, riportato nel NCEU alla partita 1000533, foglio di mappa 20, particella 466, sub 6, Cat. C/6, mq. 50 r. £. 180.000, in ditta ...... proprietario per 1/2 e ............ proprietaria per 1/2 Prezzo base del lotto: Euro 12.911,42 - Deposito per cauzione: Euro 1.291,14 - Deposito per spese: Euro 1.936,71 6° LOTTO: Unità immobiliare per civile abitazione posta al piano terra di un fabbricato a quattro piani fuori terra e piano interrato sito nel Comune di Bianco, alla via Garibaldi, riportato nel NCEU alla partita 1000534, foglio di mappa 20, particella 465, sub 2, in ditta ...... proprietario per 1/2 e ............ proprietaria per 1/2 Prezzo base del lotto: Euro 127.252,91 Deposito per cauzione: Euro 12.725,29 Deposito per spese: Euro 19.087,94 7° LOTTO: Unità immobiliare per civile abitazione posta al primo piano di un fabbricato a quattro piani fuori terra e piano interrato sito nel Comune di Bianco, alla via Garibaldi, riportato nel NCEU alla partita 1000534, foglio di mappa 20, particella 465, sub 3, in ditta ...... proprietario per 1/2 e ............ proprietaria per 1/2 Prezzo base del lotto: Euro 127.252,91 Deposito per cauzione: Euro 12.725,29 Deposito per spese: Euro 19.087,94 8° LOTTO: Unità immobiliare per civile abitazione posta al secondo piano di un fabbricato a quattro piani fuori terra e piano interrato sito nel Comune di Bianco, alla via Garibaldi, riportato nel NCEU alla partita 1000534, foglio di mappa 20, particella 465, sub 4, in corso di costruzione, in ditta ...... proprietario per 1/2 e ............ proprietaria per 1/2 Prezzo base del lotto: Euro 73.467,29 - Deposito per cauzione: Euro 7.346,70 - Deposito per spese: Euro 11.020,05

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it

Segue


Enti e Istituzioni - Marzo 2009

34 9° LOTTO: Unità immobiliare costituita da un vano annesso al lastrico solare di un fabbricato a quattro piani fuori terra e piano interrato sito nel Comune di Bianco, alla via Garibaldi, riportato nel NCEU alla partita 1000534, foglio di mappa 20, particella 465, sub 5, non accatastato, in ditta ...... proprietario per 1/2 e ............ proprietaria per 1/2 Prezzo base del lotto: Euro 15.493,71 - Deposito per cauzione: Euro 1.549,37 - Deposito per spese: Euro 2.324,06 10° LOTTO: Unità immobiliare per civile abitazione posta al piano interrato di un fabbricato a quattro piani fuori terra e piano interrato sito nel Comune di Bianco, alla via Garibaldi, riportato nel NCEU alla partita 1000534, foglio di mappa 20, particella 465, in corso di costruzione, in ditta ...... proprietario per 1/2 e ............ proprietaria per 1/2 Prezzo base del lotto: Euro 33.569,70 - Deposito per cauzione: Euro 3.356,97 - Deposito per spese: Euro 5.035,45 11° LOTTO: Unità immobiliare costituita da un garage posto al piano seminterrato di un fabbricato a quattro piani fuori terra e piano interrato sito nel Comune di Bianco, alla via Garibaldi, riportato nel NCEU alla partita 1000534, foglio di mappa 20, particella 465, sub 6, in ditta ...... proprietario per 1/2 e ............ proprietaria per 1/2 Prezzo base del lotto: Euro 12.911,42 - Deposito per cauzione: Euro 1.291,14 - Deposito per spese: Euro 1.936,71 12° LOTTO: Unità immobiliare ad un piano fuori terra costituita da un manufatto di due vani in blocchi di cemento con tetto in tegole adibito a deposito e cucina sito nel Comune di Bianco, sorgente sulla porzione di terreno catastalmente riportato alla partita 5372, foglio di mappa 20, particelle 467 di are 00.03.45 e 470 di are 00.00.09 (ex 242-243), in ditta ......... proprietario per 1/2 e ............ proprietaria per 1/2 Prezzo base del lotto: Euro 5.164,57 - Deposito per cauzione: Euro 516,46 - Deposito per spese: Euro 774,69 13° LOTTO: Unità immobiliare costituita da un fabbricato a due piani fuori terra con sovrastante tettoia in ferro sito nel Comune di Bianco, alla via Garibaldi, riportato nel NCEU alla partita 1486, foglio di mappa 13, particella 192, sub 1, cat. C/2 mq. 45, r. £. 229.500 e sub 2, cat. A/4, classe 4^, vani 5, rendita £. 410.000 e foglio di mappa 14, particella 735, in ditta ...... proprietario per 1/2 e ............ proprietaria per 1/2 Prezzo base del lotto: Euro 67.139,40 - Deposito per cauzione: Euro 6.713,94 - Deposito per spese: Euro 10.079,91 14° LOTTO: Terreno a destinazione agricola, attualmente coltivato a vigneto, sito nel Comune di Bianco, località Marasà, catastalmente riportato alla partita 2439, foglio di mappa 12, particella 65, di are 00.56.40, seminativo classe 3^, r.d. £. 25.380, r.a. £. 16.920 in ditta ................. Prezzo base del lotto: Euro 21.486,13 - Deposito per cauzione: Euro 2.184,61 - Deposito per spese: Euro 3.276,92 STABILISCE PER LA VENDITA LE SEGUENTI CONDIZIONI: L’incanto avverrà, CON IL PREZZO DA RIDURRE DI 1/5+1/5, all’udienza del 27.03.2009, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO ai sensi del combinato disposto dagli artt. 490 ° 570 c.p.c., che il Giudice dell’Esecuzione, DR. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 69/2004 promossa da BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CITTANOVA Scrl DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell’allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1 a 28. DESCRIZIONE IMMOBILI VEDERE PARTE DESCRITTIVA DELLA SOTTO RIPORTATA ORDINANZA DI VENDITA PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA SENZA INCANTO (Per le condizioni complete, tranne quanto sotto riportato, vedere l’ordinanza di vendi-

ta del 12.06.2007 - punti da 1 a 28 - allegata al presente avviso) La vendita senza incanto, in cui procederà all’esame delle singole offerte ai sensi degli artt. 572 e 573 cpc, avverrà all’udienza del.... alle seguenti condizioni: ENTRO LE ORE 12:00 DEL GIORNO ANTECEDENTE LA VENDITA, l’offerente deve presentare nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari DOMANDA IN BOLLO (vedi ordinanza di vendita per la compilazione) per partecipare alla vendita senza incanto; l’offerta deve essere inserita in busta chiusa, al cui esterno... non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l’offerta è prestata; l’offerta deve essere accompagnata dal DEPOSITO DELLA CAUZIONE, pari alla decima parte del prezzo offerto, da versare con ASSEGNI CIRCOLARI NON TRASFERIBILI intestati all’offerente, che, a cura dell’offerente, dovranno essere inseriti nella medesima busta; le OFFERTE IN AUMENTO, nel caso di cui all’art. 573 cpc, non potranno essere inferiori al 3% DEL PREZZO BASE; l’offerente dovrà, nel termine perentorio di GG. 60 dall’aggiudicazione, depositare: - il residuo prezzo, detratto l’importo per cauzione già versato; - l’importo complessivo per le spese collegate alla vendita necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento; il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dall’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II cpc (richiamato dall’art. 574, III co., cpc).PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCANTO (Per le condizioni complete, tranne quanto sotto riportato, vedere l’ordinanza di vendita del 12.06.2007 - punti da 1 a 28 - allegata al presente avviso) Ove si debba procedere ai sensi degli artt. 571, 572 e 573 cpc, il PUBBLICO INCANTO avverrà all’udienza del 27.03.2009 DISPONE procedersi alla vendita dei seguenti immobili: DESCRIZIONE LOTTO 1: "diritto di piena proprietà sui terreni, di natura agricola, siti in Benestare, loc. Cutiti, così individuati in catasto: al foglio di mappa n. 10, particella 125, mq 340 circa; al foglio di mappa n. 10, particella 126, mq 1060 circa. PREZZO BASE: € 2.800,00 cauzione: 10% del prezzo. LOTTO 2: "diritto di piena proprietà sul terreno, di natura edificatoria, sito in Ardore, loc. Piani d’Area, individuato in catasto al foglio di mappa n. 32, particella 116, mq 260 circa’. PREZZO BASE: € 20.800,00 cauzione: 10% del prezzo. LOTTO 3: "diritto di piena proprietà sui terreni, di natura agricola, siti in Ardore, loc.. Tafaria, così individuati in catasto: al foglio di mappa n. 27, particella 393, mq 240 circa; al foglio di mappa n. 27, particella 394, mq 36 circa (area di sedime di un fabbricato demolito); al foglio di mappa n. 27, particella 404, mq 150 circa (lo stato di fatto evidenzia una servitù di passaggio a carico che però non risulta trascritta)".PREZZO BASE: € 759,60 cauzione: 10% del prezzo. LOTTO 4: "diritto di piena proprietà, per la quota di ¼, sul terreno, di natura agricola, sito in Ardore, individuato in catasto al foglio di mappa n. 23, particella 636, mq 1200 circa". PREZZO BASE: € 600,00 cauzione: 10% del prezzo.

TRIBUNALE DI LOCRI SEZIONE ESCUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 78/86 promossa da CARICAL, ORDINA la vendita con incanto dei seguenti beni immobili: LOTTO UNICO: Fabbricato di vecchia costruzione ad uso civile abitazione, con annessa area di pertinenza; il tutto avente una superficie coperta e scoperta di mq. 950 circa compresa tra la via Gramsci, Via dei Colli, Via 4 Novembre e Via Reggio. L’edificio si compone di un

piano rialzato, di un seminterrato ed un primo piano ed è riportato nel NCEU del Comune di Siderno alla partita 1828, fgl. 31, part.lla 472, via Gramsci n. 15, CTG A/3, cl. 3, vani 14,5 e part.lle 473 e 475. L’area di pertinenza è riportata nel NCT del Comune di Siderno alla partita 5494, fgl. 31, part.lla 474 Ha 0.50.60, r.d. £. 21.28, r.a. £. 5,04. PREZZO BASE DEL LOTTO Euro 317.620,99 L’incanto avverrà, con il prezzo sopra indicato, all’udienza del 27.03.2009, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede.

TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 85/1997 promossa da INTESA GESTIONE CREDITI SpA. ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: 1° LOTTO: Unità immobiliare sita al secondo piano di un fabbricato a quattro piani fuori terra, sito nel Comune di Grotteria, alla via Marcinà Inferiore, riportata nel NCEU alla partita 2446, foglio di mappa 45, particella 192 sub 7, cat. A/2, classe 2^, vani 7, r. £. 875.000, in ditta ......... Prezzo base del lotto Euro 50.612,78 Deposito per cauzione Euro 5.061,28 Deposito per spese Euro 7.591,92 2° LOTTO: Unità immobiliare sita al secondo piano di un fabbricato a quattro piani fuori terra, sito nel Comune di Grotteria, alla via Marcinà Inferiore, riportata nel NCEU alla partita 2446, foglio di mappa 45, particella 192 sub 8, cat. A/2, classe 2^, vani 7, r. £. 875.000, in ditta ..................... Prezzo base del lotto Euro 50.612,78 Deposito per cauzione Euro 5.061,28 Deposito per spese Euro 7.591,92 3° LOTTO: Unità immobiliare sita al piano terra di un fabbricato a quattro piani fuori terra, sito nel Comune di Grotteria, alla via Marcinà Inferiore, riportata nel NCEU alla partita 2446, foglio di mappa 45, particella 192 sub 3, cat. A/2, classe 1^, vani 4, r. £. 420.000, in ditta ................................ Prezzo base del lotto Euro 27.113,99 Deposito per cauzione Euro 2.711,40 Deposito per spese Euro 4.067,10 4° LOTTO: Unità immobiliare destinata a garage sita al piano terra di un fabbricato a quattro piani fuori terra, sito nel Comune di Grotteria, alla via Marcinà Inferiore, riportata nel NCEU alla partita 2446, foglio di mappa 45, particella 88 sub 2, cat. C/6, classe 2^, mq. 17, r. £. 71.400, in ditta ................... Prezzo base del lotto Euro 4.389,88 Deposito per cauzione Euro 438,99 Deposito per spese Euro 658,48 L’incanto avverrà, con il prezzo da ridurre di 1/5+1/5+1/5, all’udienza del 02.04.2009, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI AVV. A.M. SPEZIALE FASCICOLO della VENDITA IMMOBILIARE Disposta dal Giudice dr. Davide LAURO con ordinanza in data 02.2.2006 e successive. nella Proc. Di Espr. Immob. N. 97/1995 R.Es.I. promossa da :Intesa BCI G. C. c/ ..................... 1° Incanto fissato per il 27. 02.2009 2° Incanto fissato per il XXX Rinvio al 27.02.2009 ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI

SEGUENTI BENI IMMOBILI: Ordinanza del 02.02.2006. LOTTO 1: "locale deposito sito in Sidemo, alla via Fiume, di cima 470 mq, facente parte di una struttura a tre piani f. t., riportato nel N.C.E.U. del medesimo Comune al foglio di mappa 30, particella n. 1207 sub 22 (ex sub 13), cat. C/2" Prezzo base d’asta: € 197.820,00 Deposito per cauzione: € 19.782,00 - Deposito per spese: € 29.673,00 LOTTO 2: "locale deposito sito in Sidemo, alla via Fiume, di cima 129 mq, posto al piano terra di un fabbricato a tre piani f.t., riportato nel N.C.E.U. del medesimo Comune al foglio di mappa 30, particella n. 1207 sub 23 (ex sub 3), cat. C/" Prezzo base d’asta: € 108.360,00 Deposito per cauzione: € 10.836,00 - Deposito per spese: € 16.254,00 LOTTO 3: "locale adibito parzialmente a garage e parzialmente a deposito sito in Sidemo, alla via Fiume, di cima 262 mq, posto al piano terra di un fabbricato a tre piani f. t., riportato nel N.C.E.U. del medesimo Comune al foglio di mappa 30, particella n. 1207 sub 24 (ex sub 3), cat. C/i" Prezzo base d’asta: € 220.080,00 Deposito per cauzione: € 22.008,00 - Deposito per spese: € 33.012,00 L’incanto avverrà, con il prezzo SOPRA INDICATO, all’udienza del 27.02.2009 ore 9.00, davanti a sé nella presente sede, ed in secondo esperimento in data alle stesse condizionie con le stesse modalità. TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’Esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 104/1982 promossa da MONTE DEI PASCHI DI SIENA SpA ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: LOTTO UNICO: Piena proprietà dell’immobile adibito a sala ristorante (attualmente in disuso) con annessa cucina, cella frigorifera e servizi sito nel Comune di Ardore (c.da Feudo) riportato nel NCEU al foglio di mappa 31, particella 1063 sub 5" Prezzo base d’asta Euro 203,000,00 Deposito per cauzione 10% del prezzo Deposito per spese 15% del prezzo L’incanto avverrà, con il prezzo SOPRA INDICATO, all’udienza del 27.03.2009, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. TRIBUNALE DI LOCRI SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 113/91 promossa da CARICAL ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: LOTTO n. 1: Unità immobiliare ubicata al piano S1, composto da garage e locali, di complessivi mq.103 facente di un fabbricato sito nel Comune di Portigliola, via Olivarello n.45, riportato nel NCEU alla partita n. 702, foglio di mappa n. 3, particella 751, sub 5, insistente su un terreno catastalmente riportato alla partita 33093, foglio di mappa 3, particella 469, uliveto, classe 3^, in ditta....quale livellario al...... Prezzo base del lotto Euro 40.283,64 Deposito per cauzione Euro 4.028,36 Unità immobiliare ubicata al piano terra, di complessivi mq.180 facente di un fabbricato sito nel Comune di Portigliola, via Olivarello n.45. Prezzo base del lotto Euro 92.962,24 Deposito per cauzione Euro 9.296,22 Deposito per spese Euro 13.944,34 LOTTO n. 3: Unità immobiliare ubicata al primo piano, di complessivi mq.180 facente di un fabbricato sito nel Comune di Portigliola, via Olivarello n.45. Prezzo base del lotto Euro 27.888,67

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it

Segue


Enti e Istituzioni - Marzo 2009

35 Deposito per cauzione Euro 2.788,87 Deposito per spese Euro 4.183,30 L’incanto avverrà, CON PREZZO DA RIDURRE DI 1/5+1/5+1/5, all’udienza del 05.03.2009, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede, ed in secondo esperimento in data ----alle stesse condizioni e con le stesse modalità. TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della procedura Esecutiva n. 105/93 promossa da CARICAL (Richiesta da BANCA CREDITO COOP. CITTANOVA) ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: 1° LOTTO: Terreno sito nel Comune di Bovalino località Melena riportato nel NCT al foglio di mappa 13, particella 6, uliveto di are 00.04.50 classe 1^ e particella 25 uliveto di are 00.39.40 classe 2^ PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 43.900,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 4.390,00 DEPOSITO PER SPESE: Euro 6.585,002° LOTTO: Terreno sito nel Comune di Bovalino riportato nel NCT alla partita 4446 foglio di mappa 14 particella 827 uliveto di are 00.05.90 classe 2^ PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 47.200,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 4.720,00 DEPOSITO PER SPESE: Euro 7.080,003° LOTTO: Unità immobiliare costituita da un vano inglobato all’interno di un edificio a due piani fuori terra di proprietà di terzi sito nel Comune di Bovalino riportato nel NCEU alla partita 2112 foglio di mappa 8 particella 494 sub 2 PT cat. A/4 Classe 1^ vani 1 PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 7.040,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 704,00 DEPOSITO PER SPESE: Euro 1.056,004° LOTTO: Diritti vantati in ragione di 1/3, sull’unità immobiliare per civile abitazione posta al secondo piano di un fabbricato a quattro piani fuori terra con annesso ampio garage sito nel Comune di Bovalino contrada Pozzo riportato nel NCEU al foglio di mappa 13 particella 424 sub 6 P2 cat. A/4 classe 4^ vani 6 PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 19.390,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 1.939,00 DEPOSITO PER SPESE: Euro 2.907,005° LOTTO: Diritti vantati in ragione di 1/3, sull’unità immobiliare per civile abitazione posta al terzo piano di un fabbricato a quattro piani fuori terra con annesso ampio garage sito nel Comune di Bovalino contrada Pozzo riportato nel NCEU al foglio di mappa 13 particella 424 sub 7 P3 cat. A/4 classe 4^ vani 4 PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 13.700,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 1.370,00 DEPOSITO PER SPESE: Euro 2.055,006° LOTTO: Diritti vantati in ragione di 1/3, sull’unità immobiliare per civile abitazione posta al primo piano di un fabbricato a quattro piani fuori terra con annesso ampio garage sito nel Comune di Bovalino contrada Pozzo riportato nel NCEU al foglio di mappa 13 particella 424 sub 5 P1 cat. A/4 classe 4^ vani 5,5 PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 21.120,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 2.112,00 DEPOSITO PER SPESE: Euro 3.165,007° LOTTO: Diritti vantati in ragione di 1/3, sull’unità immobiliare per civile abitazione posta al piano terra di un fabbricato a quattro piani fuori terra con annesso ampio garage sito nel Comune di Bovalino contrada Pozzo riportato nel NCEU al foglio di mappa 13 particella 424 sub 4 PT cat. C/6 classe 3^ mq. 13 PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 9.930,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 993,00 DEPOSITO PER SPESE: Euro 1.490,008° LOTTO: Diritti vantati in ragione di 1/3, sull’unità immobiliare adibita a garage posta al piano terra di un fabbricato a quattro piani fuori terra con annesso ampio garage sito nel Comune di Bovalino contrada Pozzo riportato nel NCEU al foglio di mappa 13 particella 424 sub 8 PT cat. C/2 classe 1^ mq. 80 PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 3.520,00

DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 352,00 DEPOSITO PER SPESE: Euro 528,009° LOTTO: Diritti vantati in ragione di 1/20, sull’unità immobiliare costituita da un edificio a due piani fuori terra (il primo piano è completato e rifinito, mentre il secondo piano è in corso di costruzione), sito nel Comune di Bovalino, contrada Pozzo, riportato nel NCEU al foglio di mappa 8 particella 493 sub 3, cat. A/3, classe 1^, vani 5, sub 4 in corso di costruzione e sub 5 lastrico solare di mq. 118 PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 3.830,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 383,00 DEPOSITO PER SPESE: Euro 575,00L’incanto avverrà, con il prezzo DA RIDURRE DI 1/5+1/5+1/5, all’udienza del 27.02.2009, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’Esecuzione, Dr. Davide Lauro, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 5/01, promossa da MONTE DEI PASCHI DI SIENA, ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: LOTTO N. 1 - Unità immobiliare per civile abitazione posta al primo piano di un fabbricato a due piani fuori terra sito nel Comune di Siderno in Corso Garibaldi, n. 215 - 217, riportato nel NCEU alla partita 4482, foglio di mappa 30, particella 901, sub 3, in ditta..., proprietario per 1/2 e..., proprietaria per 1/2 PREZZO BASE DEL LOTTO € 69.586,00 DEPOSITO PER CAUZIONE € 6.958,60 DEPOSITO PER SPESE € 10.438,00 LOTTO N. 2 - Unità immobiliare per civile abitazione posta al primo piano di un fabbricato a due piani fuori terra sito nel Comune di Siderno in Corso Garibaldi, n. 215 - 217, riportato nel NCEU alla partita 4482, foglio di mappa 30, particella 901, sub 4, in ditta..., proprietario per 1/2 e..., proprietaria per 1/2 PREZZO BASE DEL LOTTO € 47.424,00 DEPOSITO PER CAUZIONE € 4.742,40 DEPOSITO PER SPESE € 7.113,00 LOTTO N. 3 - Unità immobiliare per civile abitazione posta al primo piano di un fabbricato a due piani fuori terra sito nel Comune di Siderno in Corso Garibaldi, n. 215 - 217 riportato nel NCEU alla partita 4482, foglio di mappa 30, particella 901, sub 5, in ditta..., proprietario per 1/2 e..., proprietaria per 1/2 PREZZO BASE DEL LOTTO € 40.775,00 DEPOSITO PER CAUZIONE € 4.077,50 DEPOSITO PER SPESE € 6.116,00 L’incanto avverrà, con il prezzo sopra indicato, all’udienza del 05.03.2009 - ore 9:00, davanti a sé nella presente sede ed, in secondo esperimento, in data ----- alle stesse condizioni e con le stesse modalità. Stabilisce per la vendita le seguenti condizioni: -- Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% del prezzo base per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà, mediante consegna in Cancelleria di n. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all’offerente. -- Le offerte in aumento non potranno essere inferiori a: € 2.500,00 per il 1° lotto; € 1.800,00 per il 2° lotto ed € 1.500,00 per il 3° lotto. -- L’aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall’incanto il prezzo di aggiudicazione, detratta la cauzione versata, con le stesse modalità di cui sopra. Sito Internet sul quale è pubblicata la relazione di stima: www.aste.eugenius.it Custode Giudiziario: Dr. Maurizio PEDULLÀ (Tel. 0964.82978) Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale e/o presso il custode giudiziario. Rinvia per il prosieguo all’udienza del 05.03.2009. TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO ai sensi del combinato disposto dagli artt.

490 e 570 c.p.c., che il Giudice dell’Esecuzione, DR. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 5/2005 promossa da SVILUPPO ITALIA SPA DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell’allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1 a 28. DESCRIZIONE IMMOBILI VEDERE PARTE DESCRITTIVA DELLA SOTTO RIPORTATA ORDINANZA DI VENDITA PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA SENZA INCANTO (Per le condizioni complete, tranne quanto sotto riportato, vedere l’ordinanza di vendita del 27.07.2008 - punti da 1 a 28 - allegata al presente avviso) La vendita senza incanto, in cui procederà all’esame delle singole offerte ai sensi degli artt. 572 e 573 cpc, avverrà all’udienza del 27.03.2009 alle seguenti condizioni: ENTRO LE ORE 12:00 DEL GIORNO ANTECEDENTE LA VENDITA, l’offerente deve presentare nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari DOMANDA IN BOLLO (vedi ordinanza di vendita per la compilazione) per partecipare alla vendita senza incanto; l’offerta deve essere inserita in busta chiusa, al cui esterno... non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l’offerta è prestata; l’offerta deve essere accompagnata dal DEPOSITO DELLA CAUZIONE, pari alla decima parte del prezzo offerto, da versare con ASSEGNI CIRCOLARI NON TRASFERIBILI intestati all’offerente, che, a cura dell’offerente, dovranno essere inseriti nella medesima busta; le OFFERTE IN AUMENTO, nel caso di cui all’art. 573 cpc, non potranno essere inferiori al 3% DEL PREZZO BASE; l’offerente dovrà, nel termine perentorio di GG. 60 dall’aggiudicazione, depositare: - il residuo prezzo, detratto l’importo per cauzione già versato; - l’importo complessivo per le spese collegate alla vendita necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento; il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dall’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co. II cpc (richiamato dall’art. 574, III co., cpc).PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCANTO (Per le condizioni complete, tranne quanto sotto riportato, vedere l’ordinanza di vendita del 27.07.2008 - punti da 1 a 28 - allegata al presente avviso) Ove si debba procedere ai sensi degli artt. 571, 572 e 573 cpc, il PUBBLICO INCANTO avverrà all’udienza del 07.05.2009 TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 46/1996 promossa da ITALFONDIARIO SPA ordina la vendita con incanto dei seguenti beni immobili: ordinanza del 09.07.2008 LOTTO UNICO: "piena proprietà dell’immobile costituito da un fabbricato destinato a civile abitazione sito nel Comune di Siderno (loc. S. Marini) riportato nel NCEU al foglio di mappa 9, particella 501" PREZZO BASE D’ASTA: Euro 121.200,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: 10% del prezzo DEPOSITO PER SPESE: 15% del prezzo L’incanto avverrà, con il prezzo SOPRA INDICATO, all’udienza del 05.03.2009, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. STABILISCE PER LA VENDITA LE SEGUENTI CONDIZIONI: Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria, sino alle ore 12,00 del giorno anteriore alla vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% del prezzo base per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà, mediante consegna in Cancelle-

ria di n. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all’offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base, eventualmente ribassato. L’aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall’incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Sito Internet sul quale è pubblicata la relazione di stima: www.aste.eugenius.it Custode Giudiziario: Avv. Stefania PERRONE FILARDI (Tel. 0964.20141) Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale e/o presso il custode giudiziario. Rinvia per il prosieguo all’udienza del 05.03.2009. TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della procedura Esecutiva n. 68/1986 promossa da CARICAL SPA DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell’allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 28. DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI: LOTTO n. 1: "Piena proprietà di un attico posto al piano 4° di un fabbricato in Bovalino, via F.S. Alessio, censito nel NCEU al foglio 9, p.lla 279 sub 13, vani 7,5, mq. 215 circa;" PREZZO BASE: Euro 182.000,00 CAUZIONE: 10% DEL PREZZOLOTTO n. 2: "Piena proprietà di un lastrico solare posto al piano 5° di un fabbricato in Bovalino, via F.S. Alessio, censito nel NCEU al foglio 9, p.lla 279 sub 15, vani 7,5, mq. 209 circa;" PREZZO BASE: Euro 43.900,00 CAUZIONE: 10% DEL PREZZOPRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA SENZA INCANTO (Per le condizioni complete, tranne quanto sotto riportato, vedere l’ordinanza di vendita del 27.07.2008 (punti da 1 a 28) riportata di seguito al presente avviso) La vendita senza incanto, in cui procederà all’esame delle singole offerte ai sensi degli artt. 572 e 573 cpc, avverrà all’udienza del 27.03.2009 alle seguenti condizioni: entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l’offerente deve presentare nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari domanda in bollo (vedi ordinanza di vendita per la compilazione) per partecipare alla vendita senza incanto;; l’offerta deve essere inserita in busta chiusa, al cui esterno non sarà consentito annotare nessun altro elemento e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l’offerta è prestata; l’offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte del prezzo offerto, da versare con assegni circolari "NON TRASFERIBILI" intestati all’offerente, che, a cura dell’offerente, dovranno essere inseriti nella medesima busta; le offerte in aumento, nel caso di cui all’art. 573 cpc, non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; l’offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall’aggiudicazione, depositare: - il residuo prezzo, detratto l’importo per cauzione già versato; - l’importo complessivo per le spese collegate alla vendita necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento; il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II cpc (richiamato dall’art. 574, III co, cpc);PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCANTO (Per le condizioni complete, tranne quanto sotto riportato, vedere l’ordinanza di vendita del 27.07.2008 TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della procedura Esecutiva n. 71/2006 promossa da BANCA ANTONIANA POPOLARE VENETA SPA DISPONE procedersi alla vendita dei beni

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it

Segue


Enti e Istituzioni - Marzo 2009

36 immobili indicati nella parte descrittiva dell’allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 28. DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI: LOTTO UNICO: "Piena proprietà di aun appartamento al piano terra rialzato, facente parte di un edificio a tre piani f.t. in c.da Elisabetta di Gioiosa Jonica, censito nel NCEU al foglio 34, p.lla 1549 sub 3"; PREZZO BASE: Euro 137.088,00 CAUZIONE: 10% DEL PREZZOPRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA SENZA INCANTO (Per quanto non indicato vedere l’ordinanza di vendita del 23.11.2007 (punti da 1 a 28) riportata di seguito al presente avviso) La vendita senza incanto, in cui procederà all’esame delle singole offerte ai sensi degli artt. 573 e 573 cpc, avverrà all’udienza del 02.04.2009 TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 82/90 promossa da INTESA GESTIONE CREDITI SPA ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: ordinanza del 15.05.2007 LOTTO 1: "Unità immobiliare composta da un alloggio ed un locale deposito, sita in Siderno (RC), via dei Vignali, riportato in catasto al foglio 23, p.lla 351 sub 2 e 3" Prezzo base del lotto: Euro 102.703,00 Deposito per cauzione: Euro 10.270,36 Deposito per spese: Euro 15.405,55 L’incanto avverrà con il prezzo SOPRA INDICATO all’udienza del 27.03.2009, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede.

TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 179/89 promossa da CARICAL ORA INTESA GESTIONE CREDITI IGC SPA ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: LOTTO N. 1: VENDUTO LOTTO N. 2:"Appartamento per civile abitazione sito in Siderno, via S. Michele n. 70, piano primo, allo stato rustico. L’intero fabbricato è privo di concessione edilizia." Prezzo base del lotto: Euro 10.330,00 Deposito per cauzione: Euro 1.033,00 - Deposito per spese: Euro 1.550,00 LOTTO N. 3:"Appartamento per civile abitazione sito in Siderno, via S. Michele n. 70, piano terzo, di mq. 110, oltre terrazza ed accessori. L’intero fabbricato è privo di concessione edilizia." Prezzo base del lotto: Euro 37.185,00 Deposito per cauzione: Euro 3.718,50 - Deposito per spese: Euro 5.577,00 (prezzi stabiliti con ordinanza del 25-27.05.2004) L’incanto avverrà con il prezzo SOPRA INDICATO all’udienza del 05.03.2009, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO (ai sensi del cobinato disposto dagli artt. 490 e 570 c.p.c.) che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della procedura Esecutiva n. 35/2005 promossa da MPS GESTIONE CREDITI BANCA SpA, DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell’allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 28. (PER LA DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI VEDERE PARTE DESCRITTIVA DELLA SOTTO RIPORTATA ORDINANZA DI VENDITA) PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCANTO (Per le condizioni complete vedere l’ordinanza di vendita - punti da 1 a 28 - riportata di seguito al presente avviso) Ove si debba procedere ai sensi degli artt.

571, 572 e 573 cpc, il pubblico incanto avverrà all’udienza del 27.03.2008 DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI: LOTTO 1: "Terreni in Locri, c.da Gnura Momma, in catasto: 1) al foglio 24, particella 615, qualità Agrumeto, Classe 2, Sup. 225 mq.; 2) al foglio 31, particella 497, qualità Agrumeto, Classe 2, Sup. 875 mq. " PREZZO BASE Euro 38.500,00 CAUZIONE: 10% del PREZZO. LOTTO 2: "Appartamento al piano 3° (4° fuori terra), di un edificio a quattro piani f.t., sito in Locri, contrada Gnura Momma o Riposo, n. 42, in catasto Comune di Locri Partita 2616 - Foglio 31 - Partricella 181 sub 7 - Categoria: in corso di costruzione" PREZZO BASE Euro 88.000,00 CAUZIONE: 10% del PREZZO. LOTTO 3: "Terreno in Ardore in catasto al foglio 19 particella 133 di are 6,70, ubicato in località Laganà" PREZZO BASE Euro 1.005,00 CAUZIONE: 10% del PREZZO. LOTTO 4: "Terreno in Ardore, attualmente incolto, in catasto al foglio 19, particella 135 di are 48,20, ubicato tra località Laganà e il torrente Condojanni" PREZZO BASE Euro 1.928,00 CAUZIONE: 10% del PREZZO.

TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO (ai sensi del combinato disposto dagli artt. 490 e 570 c.p.c.) che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della procedura Esecutiva n. 40/2003 promossa da INTESA GESTIONE CREDITI SpA, DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell’allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 28. (PER LA DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI VEDERE PARTE DESCRITTIVA DELLA SOTTO RIPORTATA ORDINANZA DI VENDITA) PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA SENZA INCANTO (Per le condizioni complete, tranne quanto sotto riportato, vedere l’ordinanza di vendita del 27.07.2008 - punti da 1 a 28 - riportata di seguito al presente avviso) La vendita senza incanto, in cui procederà all’esame delle singole offerte ai sensi degli artt. 573 e 573 cpc, avverrà all’udienza del 27.03.2009 LOTTO 1: "Insediamento produttivo adibito alla produwione di costruzioni metalliche in Siderno, c.da Pantanizzi, censito nel NCEU al foglio 25, p.lla 805, comprensivo di capannone e locale servizi" PREZZO BASE: Euro 500.000,00 CAUZIONE: 10% DEL PREZZO LOTTO 2: "Quota di 2/3 del diritto di proprietà sui terreni in Siderno, loc. S. Marini, censiti in catasto al foglio 23 p.lle 8 (fabbricato ruraLE) 260-335-336-341-343-347-352-353 per una superficie complessiva di circa mq 10.198" PREZZO BASE: Euro 50.000,00 CAUZIONE: 10% DEL PREZZO

TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della procedura Esecutiva n. 87/1998 promossa da MONTE DEI PASCHI DI SIENA SpA, DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell’allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 28. (PER LA DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI VEDERE PARTE DESCRITTIVA DELLA SOTTO RIPORTATA ORDINANZA DI VENDITA) PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCANTO (Per le condizioni complete vedere l’ordinanza di vendita - punti da 1 a 28 - riportata di seguito al presente avviso) Ove si debba procedere ai sensi degli artt. 571, 572 e 573 cpc, il pubblico incanto avverrà all’udienza del 02.04.2009 DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI:

LOTTO 1: "Terreno agricolo di natura uliveto di circa mq. 1320, in Siderno loc. Zammariti, riportato in catasto terreni al foglio 29 part. 53" PREZZO BASE: Euro 3.300,00 CAUZIONE: 10% DEL PREZZO LOTTO 2: "Fabbricato adibito a civile abitazione ad un piano fuori terra, con annessa corte, in Siderno, loc. Zammariti, riportato in catasto terreni al foglio 29 part. 927 sub 1-2-3-4; il fabbricato è stato edificato sulla particella 927 (ex 668) del foglio 29 del catasto terreni del medesimo Comune" PREZZO BASE: Euro 131.750,00 CAUZIONE: 10% DEL PREZZO TRIBUNALE DI LOCRI Cancelleria Esecuzioni Immobiliari SI RENDE NOTO che il Giudice dell’Esecuzione, Dr. Davide Lauro, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 2/1965 promossa da Banco di Napoli Ordina la Vendita con incanto dei seguenti beni immobili: Ordinanza del 29.7.2008 Lotto Unico: "Fondo agricolo in Ardore, loc. Spilinghi-Cardusa, con sovrastanti fabbricati rurali, riportato in catasto al foglio 10, come segue: FABRICATI: - 123 (ora 319) Fabbr. Rurale, di 46,20 m2; - 322 Ente urbano (due fabbricati)- Rudere (74,50 m2)- Dep.Attr. agricoli (mediocri condizioni, 37,00 m2); TERRENI: - 123, (ora 319) ha 46,20 - 327, ha 4.31,48 - 322, ha 20.82 2,4 - 155, ha 31,50 - 156, ha 17,80 - 213, ha 03,20 - 331, ha 08,10 - 333, ha 08,65 - 335, ha 0,30 - 129, seminativo, ha 25,50 - 130, incolto, ha 04,00 - 131, uliveto, ha 54,00 - 217, incolto, ha 16,40 - 218, incolto, ha 14,30 - 154, seminativo, ha 09,30 Prezzo Base d’asta: Euro 117.973,00 Deposito per cauzione: 10% del prezzo Deposito per spese: 15% del prezzo L’incanto avverrà, con il prezzo SOPRA INDICATO, all’udienza del 27.03.2009 ore 9.00, davanti a sé nella presente sede, ed in secondo esperimento in data...alle stesse condizioni e con le stesse modalità. TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO ai sensi del combinato disposto dagli artt. 490 e 570 c.p.c., che Il Giudice dell’Esecuzione, DR. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 28/2005 promossa da GESCO CONSORZIO. DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell’allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 28. DESCRIZIONE IMMOBILI: VEDERE PARTE DESCRITTIVA DELLA SOTTO RIPORTATA ORDINANZA DI VENDITA PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA SENZA INCANTO (Per le condizioni complete, TRANNE QUANTO SOTTO RIPORTATO, vedere l’ordinanza di vendita del 13.11.2008 - punti da 1 a 28 - allegata al presente avviso): La vendita senza incanto, in cui procederà all’esame delle singole offerte ai sensi degli artt. 572 e 573 cpc, avverrà all’udienza del 02.04.2009 alle seguenti condizioni: * entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l’offerente deve presentare nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari domanda in bollo (vedi ordinanza di vendita per la compilazione) per partecipare alla vendita senza incanto; * l’offerta deve essere inserita in busta chiusa, al cui esterno ... non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e special-

mente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l’offerta è prestata; * l’offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte del prezzo offerto, da versare con assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente, che, a cura dell’offerente, dovranno essere inseriti nella medesima busta; * le offerte in aumento, nel caso di cui all’art. 573 cpc, non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; * l’offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall’aggiudicazione, depositare: - il residuo prezzo, detratto l’importo per cauzione già versato; - l’importo complessivo per le spese collegate alla vendita necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento; * il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dall’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II cpc (richiamato dall’art. 574, III co., cpc); PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCANTO (Per le condizioni complete, TRANNE QUANTO SOTTO RIPORTATO, vedere l’ordinanza di vendita del 13.11.2008 - punti da 1 a 28 - allegata al presente avviso): Ove si debba procedere ai sensi degli artt. 571, 572 e 573 cpc, il pubblico incanto avverrà all’udienza del 04.06.2009 TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione, Dr. Davide Lauro, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 69/93 promossa da CARICAL ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: LOTTO UNICO Unità immobiliare per civile abitazione ubicata al secondo piano di un fabbricato sito nel Comune di Bovalino, alla via degli Oleandri n. 118, riportato nel NCEU alla partita n. 1000389, foglio di mappa n. 17, particella 180, sub 8, cat. A/3, classe 4^, di vani 5, R. 550.000, intestato a ... Prezzo base del lotto: euro 40.283,64 (Lire 78.000.000) Deposito per cauzione: euro 4.028,36 (Lire 7.800.000) Deposito per spese: euro 6.042,55 (Lire 11.700.000) L’incanto avverrà, con il prezzo DA RIDURRE DI 1/5, all’udienza del 02.04.2009 ore 9.00, davanti a sé nella presente sede, ed in secondo esperimento in data ------alle stesse condizioni e con le stesse modalità. TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 114/95 promossa da CARICAL. ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: LOTTO UNICO: Fabbricato a tre piani fuori terra allo stato rustico (strutture in calcestruzzo armato e solai) sito nel Comune di Locri, via Napoli, riportato nel NCEU alla partita 1001741, foglio di mappa 25, particella 1651, sub 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 10, 11, 12, 13, 14, 15, 16 (tutti in corso di costruzione oltre al lastrico solare) per complessivi mq. 1706, in ditta ........................... Prezzo base del lotto: Euro 308.376,41 Deposito per cauzione: Euro 30.387,64 Deposito per spese: Euro 46.256,46 L’incanto avverrà, con il prezzo SOPRA INDICATO, all’udienza del 02.04.2009, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede.

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it

Segue


Enti e Istituzioni - Marzo 2009

37 TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione, Dr. Davide Lauro, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 88/95 promossa da BANCO AMBROSIANO VENETO. ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: LOTTO UNICO Fabbricato in muratura ordinaria a due piani fuori terra sito nel Comune di Locri, località Basilea S.S. 106, attuale via Marconi n. 167, riportato nel NCEU alla partita n. 1000652, foglio di mappa 11, particella 24, cat. A/4, classe 2^, vani 5, rendita Lire 285.000, in ditta ... Prezzo base del lotto: euro 30.538,61 Deposito per cauzione: euro 3.053,86 Deposito per spese: euro 4.580,00 L’incanto avverrà, con il prezzo DA RIDURRE DI 1/5, all’udienza del 02.04.2009 ore 9.00, davanti a sé nella presente sede, ed in secondo esperimento in data ------alle stesse condizioni e con le stesse modalità. Stabilisce per la vendita le seguenti condizioni: - Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria entro le ore 12.00 del giorno antecedente l’incanto, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% del prezzo base per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà, mediante consegna in Cancelleria di N. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all’offerente. - Le offerte in aumento non potranno essere inferiori a: Euro 1.549,00. TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della procedura Esecutiva n. 88/00 promossa da INTESA GESTIONE CREDITI SpA ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: 1° LOTTO: Unità immobiliare per civile abitazione posta al piano rialzato scala A interno 2 con annessi garage e cantina posti al piano seminterrato di un complesso edilizio a tre piani fuori terra e piano interrato sito nel Comune di Brancaleone, località Sperlongara, riportato nel NCEU al foglio di mappa 36, particella 323 sub 2, cat. A/3, classe 1^, vani 2 e sub 44, cat. C/2, classe 1^, mq. 5, in ditta ...(omissis)... PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 14.750,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 1.475,00 DEPOSITO PER SPESE: Euro 2.212,002° LOTTO: Unità immobiliare per civile abitazione posta al piano rialzato scala A interno 5, con annessa veranda, di un complesso edilizio a tre piani fuori terra e piano interrato sito nel Comune di Brancaleone, località Sperlongara, riportato nel NCEU al foglio di mappa 36, particella 323 sub 5, cat. A/3, classe 1^, vani 2, in ditta ...(omissis)... PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 15.900,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 1.590,00 DEPOSITO PER SPESE: Euro 2.385,003° LOTTO: Unità immobiliare per civile abitazione posta al piano rialzato scala C interno 3 con annessa cantina posta al piano seminterrato di un complesso edilizio a tre piani fuori terra e piano interrato sito nel Comune di Brancaleone, località Sperlongara, riportato nel NCEU al foglio di mappa 36, particella 323 sub 22, cat. A/3, classe 1^, vani 2 e sub 41, cat. C/2, classe 1^, mq. 100, in ditta ...(omissis)... PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 12.750,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 1.275,00 DEPOSITO PER SPESE: Euro 1.912,004° LOTTO: Unità immobiliare per civile abitazione posta al primo piano, scala C, interno 1 con annesso box posta al piano seminterrato di un complesso edilizio a tre piani fuori terra e piano interrato sito nel Comune di Brancaleone, località Sperlongara, riportato nel NCEU al foglio di mappa 36, particella 323 sub 25, cat. A/3, classe 1^, vani 3, in ditta ...(omissis)...

PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 17.000,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 1.700,00 DEPOSITO PER SPESE: Euro 2.550,005° LOTTO: Locale posto al piano seminterrato interno A di un complesso edilizio a tre piani fuori terra e piano interrato sito nel Comune di Brancaleone, località Sperlongara, riportato nel NCEU al foglio di mappa 36, particella 323 sub 43, cat. C/2, classe 3^, in ditta ...(omissis)... PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 33.250,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 3.325,00 DEPOSITO PER SPESE: Euro 4.987,006° LOTTO: Unità immobiliare per civile abitazione posta al primo seminterrato, interno 19 di un complesso edilizio a tre piani fuori terra e piano interrato sito nel Comune di Brancaleone, località Sperlongara, riportato nel NCEU al foglio di mappa 36, particella 323 sub 56, cat. A/3, classe 1^, vani 3,5 in ditta ...(omissis)... PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 15.900,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 1.590,00 DEPOSITO PER SPESE: Euro 2.385,007° LOTTO: Locale posto al piano seminterrato interno B di un complesso edilizio a tre piani fuori terra e piano interrato sito nel Comune di Brancaleone, località Sperlongara,non identificato catastalmente PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 750,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 75,00 DEPOSITO PER SPESE: Euro 112,00L’incanto avverrà, CON IL PREZZO DA RIDURRE DI 1/5, all’udienza del 05/03/2009, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 118/1995 promossa da IFIRO ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: LOTTO UNICO: "Immobile adibito a civile abitazione, sito in Siderno, via A. Diaz 23, non accatastato ma sorto sulle particelle 230 (sub 1 e 2) e 234 del foglio 33 del NCEU del medesimo Comune, composta da piano terra (mq. 78 circa), piano primo (mq. 78 circa) e sottotetto (mq. 22 circa)" Prezzo base d’asta: Euro 127.260,00 Deposito per cauzione: Euro 12.726,00 Deposito per spese: Euro 19.089,00 L’incanto avverrà, con il prezzo SOPRA INDICATO, all’udienza del 27.03.2009 ore 09.00 davanti a sé nella presente sede. TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 172/93 promossa da BANCA DI ROMA SPA, ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: ORDINANZA del 28.7.2008 LOTTO N. 1: Piena Proprietà di un appartamento situato al primo piano del fabbricato facente angolo tra via 1° Maggio e via Toselli, con ingresso su quest’ultima, riportato in catasto al foglio di mappa 20 particella 478, sub 27; PREZZO BASE D’ASTA: Euro 102.000,00 Deposito per cauzione: 10% del prezzo Deposito per spese: 15% del prezzo LOTTO N. 2: Piena Proprietà di un appartamento situato al primo piano del fabbricato facente angolo tra via 1° Maggio e via Toselli, con ingresso su quest’ultima, riportato in catasto al foglio di mappa 20 particella 478, sub 28; PREZZO BASE D’ASTA: Euro 117.480,00 Deposito per cauzione: 10% del prezzo Deposito per spese: 15% del prezzo L’incanto avverrà, con il prezzo sopra indicato, all’udienza del 27.03.2009, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede.

TRIBUNALE DI LOCRI FALLIMENTO N.1053 REG.FALL. VENDITA DI BENI IMMOBILI Si rende noto che il G.D. al fallimento in oggetto, Dott.ssa Francesca Reale, con Ordinanza del 20/1/2009, ha disposto la vendita con incanto per il giorno 14/04/2009, ore 9.30, da tenersi innanzi a sé, dei seguenti beni immobili nello stato di fatto o di diritto in cui si trovano anche in riferimento alla Legge n. 47/85 e meglio descritti in ogni parte - compresi i dati catastali e i confini , nelle consulenze estimative agli atti della procedura: LOTTO n.1: "Unità immobiliare a piano terra sita in Siderno, al C.so Garibaldi, n. 191,193 riportato in catasto al foglio 30, particella 891 sub 3". Prezzo base d’asta (iva esclusa, se dovuta) E 38.400,00 Aumento minimo ( pari al 2 % del prezzo base) E 768,00 Deposito per spese (pari al 15% del prezzo base) E 5.760,00 Deposito per cauzione (pari al 10% del prezzo base) E 3.840,00 LOTTO n. 2: "Unità immobiliare a piano terra ubicata nel Comune di Siderno, alla via Garibaldi, in catasto al foglio 30, particella 891 sub 5". Prezzo base d’asta (iva esclusa, se dovuta) E 16.912,00 Aumento minimo( pari al 2 % del prezzo base) E 338,24 Deposito per spese (pari al 15% del prezzo base) E 2.536,80 Deposito per cauzione (pari al 10% del prezzo base) E 1.691,20 LOTTO n. 3: "Unità immobiliare a piano terra sita nel Comune di Siderno, al C.so Garibaldi 195, in catasto al foglio 30, particella 891 sub 9 e sub 10". Prezzo base d’asta (iva esclusa, se dovuta) E 127.200,00 Aumento minimo( pari al 2 % del prezzo base) E 2.544,00 Deposito per spese (pari al 15% del prezzo base) E 19.080,00 Deposito per cauzione (pari al 10% del prezzo base) E 12.720,00 LOTTO n. 4: "Prop. ½ dell’unità immobiliare sita nel Comune di Siderno, alla via Magnagrecia, in catasto al foglio 29, particella 1304 sub 2, sub 3 e sub 5". Prezzo base d’asta (iva esclusa, se dovuta) E 66.400,00 Aumento minimo( pari al 2 % del prezzo base) E 1.328,00 Deposito per spese (pari al 15% del prezzo base) E 9.960,00 Deposito per cauzione (pari al 10% del prezzo base) E 6.640,00 LOTTO n. 5: "Terreno in agro del Comune di Ciminà, in catasto al foglio 1, particella 97". Prezzo base d’asta (iva esclusa, se dovuta) E 8.096,00 Aumento minimo ( pari al 2 % del prezzo base) E 161,92 Deposito per spese (pari al 15% del prezzo base) E 1.214,40 Deposito per cauzione (pari al 10% del prezzo base) E 809,60 Coloro che intendono partecipare all’incanto dovranno in Cancelleria - nel termine perentorio sino alle ore 12.30 del giorno precedente l’udienza di vendita- personalmente o a mezzo mandatario munito di procura speciale: a- depositare apposita domanda in carta semplice; b- versare le somme sopra determinate per cauzione e spese a mezzo assegni circolari intrasferibili intestati all’offerente.

L’aggiudicatario entro il termine perentorio di gg. 60 dalla provvisoria aggiudicazione dovrà versare il residuo prezzo e l’Iva, detratta la cauzione già corrisposta, su un libretto di deposito giudiziario vincolato al fallimento. All’offerente non aggiudicatario verranno restituite le somme depositate subito dopo la chiusura dell’incanto. Il mancato versamento nel suddetto termine perentorio del prezzo residuo e dell’Iva comporterà la decadenza dell’aggiudicazione e l’incameramento della cauzione da parte della Curatela. Tutte le spese relative alla vendita, comprese quelle inerenti la cancellazione di trascrizioni ed iscrizioni gravanti sui beni, sono a carico dell’aggiudicatario. IN CASO DI ASTA DESERTA AVRA’ LUOGO ALTRO ESPERIMENTO D’INCANTO IL GIORNO 12 GIUGNO 2009 - ORE 10.30, CON RIDUZIONE DI 1/5 DEL PREZZO BASE FISSATO PER OGNI LOTTO AL I° INCANTO. TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOIBLIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’Esecuzione, DR. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 3/1985 promossa da CARICAL. ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: 1° LOTTO Terreno sito nel Comune di Brancaleone, catastalmente riportato alla partita 1697, foglio di mappa 14, particella 54, di are 00.10.10, vigneto, classe 1^, r.d. Lire 16.160, r.a. Lire 9.595, particella 55 di mq. 80, fabbricato rurale, particella 56, di are 00.10.60, seminativo, classe 2^, r.d. Lire 9.540, r.a. Lire 2.650 in ditta .... Prezzo base del lotto: Lire 1.517,000 Deposito per cauzione: Lire 151.700 - Deposito per spese: Lire 227.550 2° LOTTO Terreno sito nel Comune di Brancaleone, catastalmente riportato alla partita 1697, foglio di mappa 32, particella 75, di mq. 70390, di cui mq. 20.000 vigneto e mq. 50390 seminativo, classe 3^, r.d. Lire 316.755, r.a. Lire 175.975, particella 76 di are 02.20.90, pascolo, classe 1^, r.d. Lire 33.135, r.a. Lire 11.045 in ditta ... Prezzo base del lotto: Lire 55.930.000 Deposito per cauzione: Lire 5.593,000 - Deposito per spese: Lire 8.389.500 3° LOTTO Terreno sito nel Comune di Brancaleone, catastalmente riportato alla partita 3995, foglio di mappa 32, particella 103, di are 00.018.84, seminativo, classe 3^, r.d. Lire 8478, r.a. Lire 4.710, particella 104, di are 00.01.92, seminativo, classe 3^, r.d. Lire 864, r.a. Lire 480, particella 105, di are 00.11.80, seminativo, classe 3^, r.d. Lire 5310, r.a. Lire 2.950 in ditta .... Prezzo base del lotto: Lire 1.378.000 Deposito per cauzione: Lire 137.800 - Deposito per spese: Lire 206.700 4° LOTTO Terreno sito nel Comune di Brancaleone, catastalmente riportato alla partita 3994, foglio di mappa 32, particella 106, di are 00.12.48, seminativo, classe 3^, r.d. Lire 5.616, r.a. Lire 3120, particella 107, di are 00.02.09, seminativo, classe 3^, r.d. Lire 940, r.a. Lire 522, particella 108, di are 00.17.97, seminativo, classe 3^, r.d. Lire 8.086, r.a. Lire 4492 in ditta .... Prezzo base del lotto: Lire 1.376.000 Deposito per cauzione: Lire 137.600 - Deposito per spese: Lire 206.400 5° LOTTO Diritti vantati, in ragione di ½, sul terreno sito nel Comune di Brancaleone, catastalmente riportato alla partita 4633, foglio di mappa 25, particella 34, di are 01.48.80, uliveto, classe 4^, r.d. Lire 59.520, r.a. Lire 81.840, in ditta ...proprietaria per ½ ...per ½ Prezzo base del lotto: Lire 2.797.500 Deposito per cauzione: Lire 279.750 - Deposito per spese: Lire 419.625 L’incanto avverrà, con il prezzo da ridurre SOPRA INDICATO, all’udienza del 02.04.2009 ore 9.00, davanti a sé nella presente sede, ed in secondo esperimento in data -------- alle stesse condizioni.

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it

Segue


Enti e Istituzioni - Marzo 2009

38 TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 12/88 promossa da INTESA GESTIONE CREDITI SpA. ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: LOTTO N. 1 Quota pari a 1/2 di terreno sito in Gioiosa Jonica, C.da San Filippo, con fabbricato rurale (rudere) di complessivi ha 09.63.10 in catasto alla partita 5490, foglio 29, particelle: -147 di are 10.00; -150 di are 66.20; -158 di ha 1.78.50; -174 di are 1.70; -175 di ha 7.06.70 Prezzo base del lotto Euro 19.234,18 LOTTO N. 2 Quota pari a 1/2 di terreno sito in Marina di Gioiosa Jonica, C.da Ceravolo, di complessivi ha 02.39.20, in catasto alla partita 3372, foglio 4, particelle: -131 di are 54.40; -132 di are 40.90; -184 di ha 1.43.90 Prezzo base del lotto Euro 4.321,32 LOTTO N. 3 Quota pari a 1/2 di terreno sito in Marina di Gioiosa Jonica, C.da San Filippo, con fabbricato rurale (rudere) di complessivi ha 04.07.10 in catasto alla partita 3372, foglio 4, particelle: -220 di ha 04.03.70; - 221 di are 03.40 Prezzo base del lotto Euro 8.899,71 L’incanto avverrà, con il prezzo DA RIDURRE 1/5+1/5+1/5, all’udienza del 02.04.2009, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 40/00 promossa da BANCA POPOLARE DI NOVARA, ORDINA la vendita con incanto dei seguenti beni immobili: LOTTO UNICO: Unità immobiliare per civile abitazione costituita da un fabbricato ad un piano fuori terra, con terreno adiacente annesso, sito nel Comune di Benestare contrada Russellina n. 5, riportato nel NCEU alla partita 1000126 foglio di mappa 16 particella 32, cat. A/3, classe 2^ vani 7,5, in ditta ............ PREZZO BASE DEL LOTTO Euro 98.767,00 DEPOSITO PER CAUZIONE Euro 9.876,70 DEPOSITO PER SPESE Euro 14.815,00 L’incanto avverrà, con il prezzo DA RIDURRE DI 1/5+1/5, sopra indicato, all’udienza del 02.04.2009, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione, Dr. Davide Lauro, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 48/1987 promossa da CARICAL ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: 1^ lotto - fondo rustico sito nel Comune di Grotteria località Ligore, in stato di abbandono, catastalmente riportato alla partita 5195, foglio di mappa 32, particella 77, seminativo arborato, di are 01.04.20. Prezzo base del lotto (L. 31.260.000) euro 16.144,44 Deposito per cauzione (L. 3.126.000) euro 1.614,44 - Deposito per spese (L. 4.689,000) euro 2.421,67 2^ lotto - terreno in stato di completo abbandono, sito nel Comune di Grotteria località Dragone, catastalmente riportato alla partita 5004, foglio di mappa 38, particella 89/c, uliveto, classe 3^ di are 00.01.70, con annessa area di fabbricato distrutto, ricadente nella particella 324, di mq. 18. Prezzo base del lotto (L. 374.000) euro 193,15 Deposito per cauzione (L. 37.400) euro 19,32 - Deposito per spese (L. 56.100) euro 28,97 3^ lotto - terreno sito nel Comune di Grotteria, località Bombaconi, catastalmente ri-

portato alla partita 378, foglio di mappa 34, particella 378, seminativo irriguo di are 00.05.00, seminativo. Prezzo base del lotto (L. 1.870.000) euro 965,77 Deposito per cauzione (L. 187.000) euro 96,58 - Deposito per spese (L. 280.500) euro 144,87 4^ lotto - terreno sito nel Comune di Grotteria, località Aspalmo, catastalmente riportato alla partita 4641, foglio 35, particella 154, di are 00.22.70 seminativo arborato. Prezzo base del lotto (L. 1.589.000) euro 820,65 Deposito per cauzione (L. 158.900) euro 82,07 - Deposito per spese (L. 238.350) euro 123,10 5^ lotto - fabbricato rurale semidistrutto sito nel Comune di Grotteria, località Pirgo, catastalmente riportato alla partita 4641, foglio di mappa 38, particella 213/1 con diritto alla corte. Prezzo base del lotto (L. 7.000.000) euro 3.615,20 Deposito per cauzione (L. 700.000) euro 361,52 - Deposito per spese (L. 1.050.000) euro 542.28 6^ lotto - terreno sito nel Comune di Grotteria, località Dragone, catastalmente riportato alla partita 4641, foglio di mappa 38, particella 325, uliveto di are 00.01.40. Prezzo base del lotto (L. 308.000 ) euro 159,07 Deposito per cauzione (L. 30.800) euro 15,91 - Deposito per spese (L. 46.200) euro 23,86 7^ lotto - terreno sito nel Comune di Grotteria, località Dragone, catastalmente riportato alla partita 4641, foglio di mappa 38, particella 12, di are 00.09.20 uliveto. Prezzo base del lotto (L. 2.024.000) euro 1.045,31 Deposito per cauzione (L. 202.400) euro 104,53 - Deposito per spese (L. 303.600) euro 156,80 8^ lotto - terreno sito nel Comune di Grotteria, località Aspalmo, catastalmente riportato alla partita 1523. foglio di mappa 30, particella 243/b, di are 00.08.00 seminativo. Prezzo base del lotto (L. 400.000) euro 206,58 Deposito per cauzione (L. 40.000) euro 20,66 - Deposito per spese (L. 6.000) euro 3,10 L’incanto avverrà, con il prezzo DA RIDURRE DI 1/5, all’udienza del 05.03.2009 ore 9.00, davanti a sé nella presente sede, ed in secondo esperimento in data ------alle stesse condizioni e con le stesse modalità. Stabilisce per la vendita le seguenti condizioni: - Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria sino all’inizio effettivo dell’udienza di , vendita unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% del prezzo base per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà, mediante consegna in Cancelleria di N. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all’offerente. - Le offerte in aumento non potranno essere inferiori a: Euro 774,69 (L. 1.500.000) per il 1° lotto; Euro 15,49 (L. 30.000) per il 2°; Euro 51,65 (L. 100.000) per il 3°; Euro 51,65 (L. 100.000) per il 4°; Euro 206,58 (L. 400.000) per il 5°; Euro 10,33 (L. 20.000) per il 6°; Euro 51,65 (L. 100.000) per il 7°; Euro 10,33 (L. 20.000) per l’8°. - L’aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall’incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all’udienza del 05.03.2009.

mune di Bovalino, alla via S.S. 112, riportato nel NCEU alla partita 1000865 al foglio di mappa 8, particella 383, cat. A3, classe II^, vani 8, r.c. Lire 640.000, in ditta per 1/12 ad ..... Prezzo base del lotto: euro 3.460,26 Deposito per cauzione: euro 346,03 - Deposito per spese: euro 519,04 LOTTO N. 2 Quota pari ad 1/12 del terreno, con quanto vi insiste, sito nel Comune di Bovalino, alla loc. Sarullina-Campagna, catastalmente riportato alla partita 8759, al foglio di mappa 8, particella 155, mq. 1.550 querceto, classe II^, r.d. Lire 1.705, r.a. Lire 310; particella 156, mq. 510, vigneto classe 3^ r.d. Lire 5.355, r.a. Lire 3.570; particella 159, mq. 200 querceto, classe II^, r.d. Lire 220, r.a. Lire 40; particella 160, mq. 140, vigneto classe 3^, r.d. Lire 1.470, r.a. Lire 980; alla partita 8758, foglio di mappa 8, particella 157, mq. 330 vigneto, classe 3^, r.d. Lire 3.465, r.a. Lire 2.310; particella 158, mq. 350 querceto, classe 2^, r.d. Lire 385, r.a. Lire 70, in ditta per1/12 ad .... Prezzo base del lotto: euro 129,11 Deposito per cauzione: euro 12,91 - Deposito per spese: euro 19,37 LOTTO N. 3 Quota pari ad 1/12 del terreno, con quanto vi insiste, sito nel Comune di Bovalino, alla loc. Ielarti, catastalmente riportato alla partita 8759, al foglio di mappa 20, particella 28, mq. 370 seminativo irriguo erborato, classe 1^, r.d. Lire 12.617, r.a. Lire 3.515, in ditta per 1/12 ad ... Prezzo base del lotto: euro 30,99 Deposito per cauzione: euro 3,10 - Deposito per spese: euro 4,65 LOTTO N. 4 Quota pari ad 1/12 di ¼ del terreno, con quanto vi insiste, sito nel Comune di Bovalino, alla loc. Pozzo, catastalmente riportato alla partita 650, al foglio di mappa 7, particella 230, mq. 200 seminativo, classe 1^, r.d. Lire 2.000, r.a. Lire 800, in ditta a .... Prezzo base del lotto: euro 149,77 Deposito per cauzione: euro 14,98 - Deposito per spese: euro 22,47 L’incanto avverrà, con il prezzo sopra indicato, all’udienza del 02.04.2009 ore 9.00, davanti a sé nella presente sede, ed in secondo esperimento in data ------alle stesse condizioni e con le stesse modalità.

TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione, Dr. Davide Lauro, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 50/1992 tra CARICAL C/... ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: LOTTO N. 1 Quota pari ad 1/12 del fabbricato a due piani fuori terra e lastrico solare sito nel Co-

TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della procedura Esecutiva n. 74-2000 promossa da ITALFONDIARIO SpA. DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell’allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 28. (PER LA DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI

TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO (ai sensi del combinato disposto degli artt. 490 e 570 cpc) che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della procedura Esecutiva n. 53/2004 promossa da I.L.R. INDUSTRIE LATERIZIE RIUNITE SpA, DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell’allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 28. (PER LA DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI VEDERE PARTE DESCRITTIVA DELLA SOTTO RIPORTATA ORDINANZA DI VENDITA) PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCANTO (Per le condizioni complete vedere l’ordinanza di vendita - punti da 1 a 28 - riportata di seguito al presente avviso) DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI: LOTTO UNICO: "Diritto di piena proprietà sul fabbricato in Gioiosa J., via Abruzzo 25, p. terra, attualmente adibito alla produzione e confezione di cosmetici e detersivi (mq. 129), identificato nel NCEU al foglio di mappa n. 26, particella 342 sub 4" PREZZO BASE: Euro 25.800,00 (bene assoggettato ad IVA, non inclusa) CAUZIONE: 10% DEL PREZZO.

VEDERE PARTE DESCRITTIVA DELLA SOTTO RIPORTATA ORDINANZA DI VENDITA) PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA SENZA INCANTO (Per le condizioni complete vedere l’ordinanza di vendita del 25.07.2008 - punti da 1 a 28 - riportata di seguito al presente avviso) DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI: LOTTO UNICO: "Diritto di piena proprietà su di un alloggio di mq. 113 calpestabili con balconi, sito in Marina di Gioiosa Jonica, via Montezemolo, censito al Nuovo Catasto Edilizio e Urbano di Reggio Calabria al foglio 17,particella 253, sub 40, cat. A/3, classe 3.a, vani 6,5" PREZZO BASE: Euro 113.900,00 CAUZIONE: 10% DEL PREZZO. TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBLIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’Esecuzione, DR. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 79/1990 promossa da CARICAL ORA INTESA GESTIONE CREDITI SPA. ORDINA LA VENIDTA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: Ordinanza del 11.03.2000 I^ LOTTO Unità immobiliare ubicata al piano seminterrato, di mq. 152 facente di un fabbricato in c.a. con corte annessa non accatastato, allo stato rustico, sito nel Comune di Locri, località Riposo.Prezzo base del lotto: Euro 23.550,43 II^ LOTTO Unità immobiliare ubicata al piano terra, di mq. 218 facente di un fabbricato in c.a. con corte annessa non accatastato, allo stato rustico, sito nel Comune di Locri, località Riposo.Prezzo base del lotto: Euro 33.776,28 III^ LOTTO Unità immobiliare ubicata al primo piano, di mq. 255 facente di un fabbricato in c.a. con corte annessa non accatastato, allo stato rustico, sito nel Comune di Locri, località Riposo.Prezzo base del lotto:Euro 39.508,95 IV^ LOTTO Unità immobiliare ubicata al secondo piano, di mq. 255 facente di un fabbricato in c.a. con corte annessa non accatastato, allo stato rustico, sito nel Comune di Locri, località Riposo.Prezzo base del lotto:Euro 39.508,95 V^ LOTTO Unità immobiliare ubicata al terzo piano, di mq. 255 facente di un fabbricato in c.a. con corte annessa non accatastato, allo stato rustico, sito nel Comune di Locri, località Riposo.Prezzo base del lotto:Euro 39.508,95 VI^ LOTTO Unità immobiliare ubicata al quarto piano, di mq. 255 facente di un fabbricato in c.a. con corte annessa non accatastato, allo stato rustico, sito nel Comune di Locri, località Riposo.Prezzo base del lotto:Euro 39.508,95 VII^ LOTTO Fabbricato in blocchi di cemento ad un piano fuori terra, da adibire a garage-deposito, di mq. 22,50 non accatastato, allo stato rustico, sito nel Comune di Locri, località Riposo. Prezzo base del lotto:Euro 2.905,07 da ridurre di 1/5 L’incanto avverrà, con il prezzo da ridurre di 1/5, all’udienza del 02.04.2009 ore 9.00.

Tribunale di Reggio Calabria TRIBUNALE DI REGGIO CALABRIA IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE ORDINA procedersi alla vendita senza incanto degli immobili qui di seguito descritti all’udienza del 07.04.2009 ore 9,00 con seguito, nella stanza del G.Es. presso Palazzo CEDIR torre III piano IV: DESCRIZIONE Villa ad un piano fuori terra, piano sottotetto e parziale piano cantinato, con annessi un corpo di fabbrica adibito a deposito ed autorimessa e un vasto giardino, con piscina sita nel Comune di Melito Porto Salvo località San Leo (o Pilati) n.14. Prezzo base del lotto: euro 245.800,00 La presente ordinanza dovrà essere affissa all’albo del Tribunale di Reggio Calabria per tre giorni continui a cura della Cancelleria e pubblicata per una volta sia sul quotidiano "La Gazzetta del Sud" edizione di Reggio Calabria, sia su PROGETTO ASTE.

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it


Enti e Istituzioni - Marzo 2009

39 Tribunale di Vibo Valentia TRIBUNALE DI VIBO VALENTIA PROCEDURA ESECUTIVA IMMOBILIARE N. 26/2003 RGEI AVVISO DI VENDITA Il Cancelliere dell’intestato Ufficio rende noto che: - con ordinanza del 17.10.07 il Giudice delle Esecuzioni Immobiliari ha ordinato procedersi a vendita dei seguenti beni: quota pari a ½ indiviso della piena proprietà di un terreno in Comune di Cessaniti, catastato al foglio 7 p.lla 159 di are 15 e centiare 10; - prezzo base Euro 1.250,00, offerte minime in aumento Euro 1.000,00; - offerte da depositare in Cancelleria in busta chiusa entro le ore 12.00 del giorno precedente l’udienza fissata con una somma pari al 10% per cauzione e 15% in conto spese da depositarsi su libretto bancario intestato alla procedura; - l’udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 cpc e per l’eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 cpc è fissata per il 23.3.09 TRIBUNALE DI VIBO VALENTIA UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Procedura di espropriazione immobiliare n.29/91 SI RENDE NOTO che il Giudice dell’Esecuzione ha disposto la vendita in un unico lotto, per l’udienza del giorno 23 marzo 2009, ore 11.00, dei seguenti beni pignorati: Fabbricato sito nel Comune di Joppolo, Località San Bruno Melia a due piani fuori terra con annessi garage e ripostiglio al piano seminterrato ed annessa tettoia con forno a legna distaccata dal fabbricato principale di metri lineari 4,85 ed annessa corte di pertinenza di metri quadrati 500 circa, il tutto riportato in Catasto al foglio di mappa 19, part. 326, piano terra e primo, vani 9, rendita catastale E 464,81. Prezzo base E 59.231,36 ridotto di 1/5. TRIBUNALE DI VIBO VALENTIA Procedura di espropriazione immobiliare N. 30/03 R.G.E AVVISO DI VENDITA Il cancelliere dell’intestata ufficio rende noto: che con ordinanza 22.07.2008 il G.E. Ha ordinato procedersi a vendita con incanto per il giorno 24.3.20069 ore 11,00 sui seguenti beni pignorati al debitore: quota pari a ½ indiviso della piena proprietà di un fabbricato di antica costruzione per civile abitazione sito in Pizzo calabro alla Via De Pasquali, composto da un piano terra, un piano primo e una copertura a terrazzo. Riportato nel NCEU di detto Comune al foglio 6, particella 334, cat. A/5 vani 4,5. Prezzo base: euro 6.200,00. TRIBUNALE DI VIBO VALENTIA AVVISO DI VENDITA Procedura esecutiva immobiliare nr. 36/04 Letti gli artt. 569 ss c.p.c; Vista la richiesta di vendita; dispone la vendita, senza incanto, delle unità immobiliari di seguito descritte. Ogni offerente dovrà depositare in cancelleria la propria offerta in busta chiusa entro le ore 12 del giorno precedente l’udienza sotto fissata con una somma pari al 25% del prezzo base (10 % per cauzione e 15% in conto spese, mediante deposito su libretto bancario intestato alla procedura). L’offerente depositando l’offerta dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. L’udienza per la deliberazione sull’offerte ex art. 572 c.p.c e per l’eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 c.p.c è fissata in data 24.03.2009, ore 11. Aumento minimo in caso di gara E.700,00. L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo d’acquisto dedotta la cauzione già versata entro il termine di 60 giorni dalla data di aggiudicazione in cancelleria Le spese di trasferimento e di cancellazione delle ipoteche saranno a carico dell’aggiudicatario. BENI IN VENDITA LOTTO UNO IN VENDITA:

Appartamento sito in Serra San Bruno, via Villini Damiani località scorciatine, piano terzo interno 11 composto da tre vani, oltre la cucina, bagno e ripostiglio riportato in catasto al foglio 4, p.lla 582, sub. 10, cat. A/3, classe 2. Prezzo base : E. 42.194,00 LOTTO DUE IN VENDITA: Appartamento sito in Serra San Bruno, via Villini Damiani località scorciatine, piano terzo interno 10 composto da quattro vani, oltre la cucina, due bagni, riportato in catasto al foglio 4, p.lla 582, sub. 11, cat. A/3, classe 2. Prezzo base: E. 83.469,00 TRIBUNALE DI VIBO VALENTIA PROCEDURA ESECUTIVA IMMOBILIARE N.RO 52/95 R.G.E. Il sottoscritto Avv. ELEONORA GRECO, professionista delegato ai sensi e per gli effetti dellart. 591 bis C.P.C. dal Giudice Delle Esecuzioni Immobiliari, in merito all’esecuzione di cui sopra, promossa da Istituto San Paolo a v v i s a che IL GIORNO 3 aprile 2009 ALLE ORE 10,30 PRESSO LO STUDIO LEGALE VIA VITTORIO VENETO N.68, AL PIANO PRIMO A CURA DEL SOTTOSCRITTO PROFESSIONISTA DELEGATO - SI TERRA’ LA VENDITA SENZA INCANTO DEL BENE IMMOBILE MEGLIO DESCRITTO NELLA RELAZIONE DI STIMA redatta dall’Arch. De Vito Attilia e consultabile on line sul sito www.aste.eugenius.it, POSTO IN VENDITA IN UN UNICO LOTTO e precisamente: - Diritto di proprietà superficiaria dell’alloggio posto al piano terzo di un più ampio corpo di fabbrica indicato come lotto n. 14, sito in Comune di Pizzo località "Sant’Antonio", facente parte della Cooperativa denominata "Pizzo Nuova", indicato con il numero interno 9, riportato in Catasto Fabbricati del Comune di Pizzo al Foglio di Mappa 22 particella 409 sub 29, Via Sant’Antonio, piano terzo, interno 9, scala B, categoria A/3, classe 2, vani 5,5 rendita catastale euro 252,81 PREZZO BASE EURO CON RIDUZIONE DI UN QUINTO EURO 32.640,00 Si farà luogo alla VENDITA CON INCANTO nei casi: di mancanza di offerte o qualora le offerte siano pervenute oltre i termini indicati nel punto 1); nel caso in cui la gara non possa avere luogo per mancanza di adesioni da parte degli offerenti; nel caso in cui l’unica offerta non sia superiore ad un quinto del prezzo base tranne che il creditore procedente abbia manifestato espressamente il suo assenso all’aggiudicazione;CHE FISSA SIN D’ORA per il giorno 23 aprile 2009 alle ore 10 al prezzo base d’asta suindicato con offerta minima in aumento E 980,00 pari al 3% (tre per cento) del prezzo base; con cauzione pari al 10% (dieci per cento) del prezzo base d’asta.

TRIBUNALE DI VIBO VALENTIA UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Il Giudice dell’Esecuzione immobiliare Dott.ssa Vincenzina Andricciola: A scioglimento della riserva di cui al verbale di udienza del 15 gennaio 2008; Letti gli atti relativi alla procedura esecutiva immobiliare n. 149/94 R.E., promossa da CENTROBANCA BANCA CENTRALE DI CREDITO POPOLARE SpA; con l’intervento di - CENTROBANCA SpA; - CENTROBANCA quest’ultima rappresentata dagli Avvocati Antonio Pallone e Francesco Criscoli, elettivamente domiciliata presso lo studio dell’Avv. Giuseppe Corigliano in Vibo Valentia- Viale Kennedy n. 65; - Pronunciando sull’istanza di vendita dei beni pignorati; - ritenuto che sussistono le condizioni di legge per l’accoglimento dell’istanza di vendita all’incanto dei beni oggetto di pignoramento; - visti gli artt. 576 e segg. c.p.c.; ha pronunciato la seguente Ordinanza di vendita immobiliare con incanto dei beni immobili di proprietà della debitrice, così come di seguito descritti "LOTTO N:01": Piano terra adibito a magazzino del fabbricato sito Comune di Joppolo (VV) Contrada "Oliveto", riportato al N.C.E.U. del Comune di Joppolo al foglio di mappa n.18, partita 1314, particella 743, sub.1, categoria C/6 classe 2, superficie mq.90. Questa in vendita1000/1000, valore complessivo E 11.155,47. "LOTTON.02": Appartamento posto al piano primo per civile abitazione del fabbricato sito in Comune di Joppolo (VV) Contrada "Oliveto", riportato al N.C.E.U. del Comune di Joppolo al foglio di mappa n. 18, partita 1314, particella 743, subalterno 2, categoria A/3, classe 2, con una superficie di mq. 105. Questa in vendita 1000/1000. Valore complessivo E 12.085,09. "LOTTO N.03": Appartamento posto al piano secondo del fabbricato sito in Comune di Joppolo (VV) Contrada "Oliveto", per civile abitazione in fase di costruzione. Valore complessivo E 10.628,68. La vendita avrà luogo all’incanto, in più lotti il giorno 7.04.2009, ore 11, davanti al G.E. dell’intestata procedura in una sala delle pubbliche udienze del Tribunale di Vibo Valentia; gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui appartengono al debitore e sulla base dei dati emergenti dai certificati catastali ed ipotecari e dalla relazione di stima dell’esperto Arch. Francescantonio Tedesco depositata il 07 settembre 2000, consultabile in Cancelleria. Stabilisce per la vendita le seguenti condizioni: Il prezzo base è di E 11.155,47 per il lotto n.1; E 12.085,09 per il lotto n.2; E 10.628,68 per il lotto n.3; come da stima del C.T.U. Arch. Francescantonio Tedesco depositata il 07. Settembre 2000.

TRIBUNALE DI VIBO VALENTIA il giudice dell’esecuzione Dott. Vincenzina Andricciola nella procedura espropriativa immobiliare RGE n. 94/04 con ordinanza del 24 e 28 luglio 2008 ha disposto la vendita senza incanto dei beni indicati in calce al presente avviso. Ogni offerente dovrà depositare in cancelleria la propria offerta in busta chiusa entro le ore 12,00 del giorno precedente l’udienza sotto fissata con una somma paria al 25% del prezzo base (10% per cauzione e 15% in conto spese, mediante deposito su libretto bancario intestato alla procedura). L’offerente depositando offerta dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. L’udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c. e per l’eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 c.p.c. è fissata in data 14.04.2009. Nel caso in cui non siano proposte offerte nel termine stabilito, ovvero nel caso in cui le stesse non siano efficaci ai sensi dell’art. 571 c.p.c. ovvero nel caso in cui si verifichi una delle circostanze di cui all’art. 572 co. 3 c.p.c. ovvero nel caso in cui la vendita senza incanto non abbia luogo per qualsiasi ragione si procederà alla vendita con incanto del bene in data 14.07.2009 alle ore 11,00.

TRIBUNALE DI VIBO VALENTIA UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Procedura di espropriazione immobiliare n. 33/92 SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione con ordinanza emessa in data ha disposto la vendita dei beni di seguito elencati: LOTTO N. 3 : Locale posto al piano terra di un fabbricato sito in Vibo Valentia Marina, via Toscana, angolo con via Piemonte, ad uso commerciale, della superfìcie commerciale di mq. 122,00; Prezzo base E 43.900,00; LOTTO n. 4 : Locale posto al piano terra dì un fabbricato sito in Vibo Valentia Marina alla via Toscana, angolo con vìa Piemonte, ad uso deposito-magazzino, della superfìcie commerciale di mq. 63,00; Prezzo base 18.180,00 ridotto 1/5 LOTTO N: 6 appezzamento di terreno sito in Vibo Valentia, frazione Porto Salvo, zona industriale, località Pantani-Vescovado, della superfìcie catastale di mq. 3700, costituito da n. 2 p.lle catastali distinte, la n. 357 di mq. 3200, e la n. 358 di mq. 500 del foglio di mappa 5 catasto terreni. Sulla sola p.lla 357 è stato realizzato un capannone con annessa corte;

Prezzo base E 117.752,17, ridotto di 1/5. LOTTO N. 7 appartamento posto al primo piano del fabbricato sito in Vibo Valentia Marina alla via Toscana, angolo con via Piemonte, sopraindividuato, composto da un ingresso, disimpegno, 4 camere, doppi servizi, tre balconi, della superfìcie commerciale di mq. 158,00; Prezzo base E 34.400,00 LOTTO N. 8: Appartamento posto al secondo piano del fabbricato sito in Vibo Valentia Marina alla via Toscana, angolo con via Piemonte, sopraindividuato, composto da due ampi vani, disimpegno, bagno e ampio terrazzo, della superfìcie commerciale di mq. 116,00; Prezzo base E 26.856,00 ridotto 1/5. La vendita , in più lotti ,avrà luogo all’udienza del 17/3/2009 ore 11,00. TRIBUNALE DI VIBO VALENTIA UFFICIO FALLIMENTI FALLIMENTO N. 842 IL GIUDICE DELEGATO Letta l’istanza del Curatore del fallimento in epigrafe portante richiesta di nuova fissazione di vendita dei beni mobili inventariati all’attivo della Curatela, costituenti il "Lotto n. 2" della relazione di perizia dell’Ing. Antonio D’Agostino del 27.4.07, al prezzo base di stima di: Euro 268.558,40 oltre IVA, ridotto del triplo quinto e quindi per Euro 137.501,70 oltre IVA;visti gli artt. 108 RD 16.3.42 n. 267 e 570 e segg. CPC; HA ORDINATO procedersi alla vendita con incanto dei beni mobili di seguito descritti con a base i prezzi di stima a lato di ciascuno indicati nella relazione di perizia dell’Ing. Antonio D’Agostino del 27.4.07 ridotti del triplo quinto, con offerta minima in aumento nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, che l’offerente, depositando la domanda di partecipazione all’incanto, dichiara implicitamente di ben conoscere. Il lotto di beni mobili posto in vendita si compone di impianti e macchinari, arredi e macchine per ufficio i cui valori sono stati aggiornati nella richiamata relazione dell’Ing. D’Agostino. Non è compreso nella vendita quanto indicato al punto 21 della descrizione surrichiamata perché relativo a beni esclusi dalla presente ordinanza. HA DISPOSTO ALTRESI’ Che la vendita abbia luogo il giorno: 15 APRILE 2009alle ore 10.30; Con seguito avanti al Giudice Delegato dell’indicato fallimento nella sala delle pubbliche udienze del Tribunale di Vibo Valentia.

Enti e Istituzioni REGIONE CALABRIA Dipartimento 11 Istruzione Alta formazione - Università Legge 62/2000 Assegnazione borse di studio a.s. 2008/2009 AVVISO PUBBLICO La Regione Calabria - Dipartimento n.11 avvisa le famiglie, le scuole statali e paritarie, i Comuni della Calabria che, ai sensi della Legge 62/2000, con D.D n. 822 del 10.2.2009 è stato approvato il Bando per l’assegnazione delle "Borse di Studio" a sostegno della spesa delle famiglie per l’istruzione degli alunni frequentanti le scuole primarie, medie e superiori statali e primarie a.s. 2008/2009. Possono presentare domanda i genitori degli alunni frequentanti le scuole primarie, medie e superiori statali e paritarie il cui reddito ISEE 2007 non sia superiore a euro 10.633,00. Nel bando, disponibile sul sito della Regione www.regione.calabria.it/istruzione, sono individuati i beneficiari delle Borse di Studio. I modelli di domanda e di autocertificazione delle spese sostenute sono disponibili presso le scuole. Per eventuali informazioni rivolgersi allo 0961/852119 / 852197 Il Dirigente di Settore Sonia Tallarico Il Dirigente generale Arch. Laura Mancuso

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it



QuiEconomia