Issuu on Google+

Calabriacity

l'informazione della tua città COPIA PROMOZIONALE GRATUITA

il Corriere dei due mari Catanzaro - Lamezia Terme - Soverato

Anno 1 nr. 4

Novembre 2008

Questo numero è stato chiuso in redazione il 18 Novembre 2008

Diffusione 10.000 copie Risparmi e banche

La crisi come occasione di opportunità

Che fine faranno i nostri soldi? I soldi, i risparmi, le ansie, in un confronto sereno che mira ad informare e conoscere meglio la reale situazione In questo numero Provincia di Catanzaro

Wanda Ferro

Fondamentale la gestione virtuosa dei fondi a pagina 5 Banca di credito cooperativo

Flavio Talarico

Far diventare la banca un interlocutore più presente a pagina 7 Banca Etica

Tonino Perna

Nel breve periodo scarsi rischi ma attenti ai tagli a pagina 9

Gli osservatori economici, quelli veri non quelli che sfornano opinioni su commissione, sono tutti concordi nel ritenere che l'economiareale i problemi veri li avrà l'anno prossimo. Il 2009 sarà certamente peggiore del 2008 e tutti ci dovremo confrontare con la difficoltà di far quadrare i conti, mentre le imprese dovranno fare di tutto per mantenere un certo grado di profittabilità. Ma una buona regola da tener presente è che i periodi di peggior crisi possono essere anche occasione di opportunità, è il momento di applicare

nelle aziende l'aurea legge di Darwin: chi vince la sfida del cambiamento, sopravvive più forte di prima. Gli imprenditori illuminati pertanto non faranno l'errore di rintanarsi aspettando tempi migliori, ma investiranno nel cambiamento e nella comunicazione, pronti a raccogliere i frutti quando l'emergenza finirà. E, per quanto riguarda la comunicazione, mai come oggi è valida la massima di Henry Ford: "Chi smette di fare pubblicità per risparmiare soldi, è come se fermasse l'orologio per risparmiare il tempo". E' fondamentale quindi, e questo vale anche per il cittadino comune e non solo per gli imprenditori, affrontare questa fase senza perdere la calma cercando di comprendere quali sono le cause reali di questo stato di cose. Biso-

gna capire la lezione, di portata storica, che c'è dietro il grande crack che, subito dopo l'estate, ha fatto crollare i castelli di cartapesta della finanza creativa: i mutui subprime, i derivati, i debiti venduti come crediti, "tutti figli dell'avidità senza limiti dei manager delle banche d'affari e di una globalizzazione finanziaria esplosa come una colossale vescica infetta", come ha detto il finanziere Francesco Micheli in un'intervista. Potrebbe essere l'occasione storica per inventare un modello nuovo di capitalismo, che sappia fare a meno dei mega-manager che si sono arricchiti con stock option e bonus miliardari, e che punti invece sullo sviluppo dell'economia più

www.quinotizie.info

segue a pag. 2

Distante dal solito ... a due passi da casa

Agriturismo Contrada Guido Sellìa Marina (CZ) Tel & Fax +39 0961 96.14.95


2

corriereduemari@mediawe.net Novembre 2008

Sommario

Numeri precedenti

QuiNotizie - il Corriere dei due mari

In questo numero

Numero 1

QuiMotori

Numero 3

Le super offerte di auto usate proposte dalle concessionarie

continua dalla prima

:: Lamezia Terme

che della finanza, rendendo competitive le grandi strutture pubbliche e associative e il settore della cultura e dell'università. I piccoli investitori che non riescono a stare lontani dalla Borsa, possono approfittare, invece, delle quotazioni ormai raso-terra acquistando azioni di Società sane e consolidate. Le famiglie che faticano ad arrivare alla fine del mese, dovranno, oltre che sperare nel buon senso dei governanti, attuare una seria politica di risparmio domestico tagliando le spese superflue e riservando ogni risorsa possibile alla formazione culturale e professionale dei propri figli, nella consapevolezza che il mercato del lavoro sarà sempre più esigente nel richiedere preparazione e specializzazione e che i tempi dell'assistenzialismo, delle assunzioni clientelari e del posto fisso sono definitivamente destinati a scomparire.

La città si stringe attorno a Franco Talarico: Prima due colpi di pistola contro la

Franco Arcidiaco

:: Catanzaro

segue a pagina 15 La polizia municipale ha una nuova sede. Dopo circa vent'anni il Comando della Polizia Municipale lascia la sede di Piazza D'Acquisto e si trasferisegue a pagina 17 Prosegue la risalita della Vigor. I biancoverdi, soprattutto fuori casa, stanno ottenendo buoni risultati. Col Noicattaro è stata una vera e propria beffa. Ma la Vigor Lamezia c'è segue a pagina 27 Le difficoltà nei derby della Berretti biancoverde. Altri due week end amari per la formazione Berretti della Vigor Lamezia costretta a digerire due sconfitte in segue a pagina 28

Lettura numeri arretrati Se hai perso un numero de " il Corriere dei due mari", puoi leggerlo comodamente sul tuo computer selezionando l'edizione che ti interessa. Vai sul sito www.quinotizie.info, il servizio è completamente gratuito.

Un punto di riferimento per chi cerca casa, immobili, ville, locali commerciali

segue a pag. 11 Aziende calabresi pronte a sbarcare in Canada. Nuovi spazi commerciali per le

Cerchi casa? Prova all'incanto!! Partecipa alle aste immobiliari

Emergenza droga. Fenomeno da debellare Un giorno no. L'altro sì e quello successivo pure. Tante volte si legge di arresti di giovani trovati in possesso segue a pagina 19

Alex Del Piero come Massimo Palanca? Alex Del Piero è l'eroe calcisegue a pagina 23

segue a pagina 31

Calcio a 5 - Serie B Catanzaro sconfitto col minimo punteggio dalla Cadi Reggio. Un episo-

Hanno collaborato in questo numero

segue a pagina 24

a pagina 37 e 38

Reg. Tribunale Catanzaro Nr. 5 del 17-05-2007

:: Soverato

Massimo Scalzo è campione europeo di Kuoshu. Si sono svolti l'8 e il 9 novembre in Svizzera, a Lugano, i campionati Europei Ufficiali I.C.K.F. "International

segue a pagina 12

www.quinotizie.info

IL CORRIERE DEI DUE MARI Edizione di Calabriacity

L'ascensore ecomostro non c'è più: Per fortuna. E' stato demolito, infatti, il vano ascensore che di fatto impediva la visuale di Bellavista verso il mare a coloro i quali vi arrivava-

a pagina 34

QuiAste

Numero 2

QuiCasa

a pagina 33

email corriereduemari@mediawe.net

Carlo Talarico Franco Arcidiaco Alessandro Crupi Alessio De Grano

Scriveteci

FaxWeb: 0961.693111

Direttore Editoriale Franco Arcidiaco Direttore Resp: Giuseppe Gangale Editore Cooperativa Millenaria Scarl Ufficio di corrispondenza territoriale Catanzaro - Lamezia T. - Soverato Serramonda di Marcellinara 88040 Marcellinara (Cz) Diffusione certificata: copie 10.000

www.quinotizie.info

Centro Stampa

Direzione territoriale e Amm.ne Discesa Piazza Nuova, 19 88100 Catanzaro Tel. 0961.996802 attendere e comporre il 4 Fax 0961.903421-info@mediatag.it Pubblicità - Locale e Nazionale

Diffusione e Abbonamenti

Mediatag Spa

Media Services

Sede Territoriale: Loc. Serramonda 88040 Marcellinara (Cz) Tel. 0961.996802 attendere e comporre il 4 Fax 0961.903421- info@mediatag.it

Tel. 0965.644464 Fax 0965.630176 mediaservicesrc@virgilio.it

Tipografia Stiem Viale dell'Industria, 5 Fisciano (Salerno)

Hai un’idea, un commento o un’opinione su un fatto di cronaca, di politica, di economia? Mandaci una email a

Testata associata all'USPI

corriereduemari@mediawe.net

corriereduemari@mediawe.net

saremo ben lieti di pubblicare le Tue opinioni nella rubrica

... La parola ai lettori I materiali ricevuti non verranno restituiti

Fax: 0961.693111


QuiNotizie - il Corriere dei due mari

corriereduemari@mediawe.net Novembre 2008

Agenda

Agenda Carabinieri 112

Vigili del fuoco 115

Farmacie

:: CATANZARO Pronto intervento 112 Via Niccoloso Da Recco tel: 0961 360210

:: CATANZARO Comando Provinciale Via Vinicio tel: 0961 531911 Dipartimento Dei Vigili Del Fuoco Via Vinicio, 11 tel: 0961 771360 Dipartimento Dei Vigili Del Fuoco Viale Seminara tel:0961 717511

:: CATANZARO

:: LAMEZIA TERME

Farmacia - Ruffa Dr. Clara Via Educandato, 7/9 tel:0961 7213400961 721354 Farmacia Alcaro Dott. Vincenzo Via Jannoni Giovanni, 51 tel:0961 720571 Farmacia Aversa Dr. Raffaella Viale Dei Bizantini, 11 tel:0961 752370info Farmacia Barbalace Via Menniti Ippolito Antonio, 1 tel:0961 721218 Farmacia Colace Dr. Anna Maria Viale Crotone, 35 tel:0961 31464 Farmacia Colao Di Stefano Via Gulli' Tommaso, 18/20 tel:0961 31045 Farmacia Del Gesu' D.ssa Amalia Giampa' Corso Mazzini Giuseppe, 151 tel:0961 726005 Farmacia Dello Stadio Viale Pio X, 88 tel:0961 726016info Farmacia Di Elvira Ciacci Elky S.a.s. Viale Dei Bizantini, 97 tel:0961 751503 Farmacia Dr. Raffaella Aversa Viale Dei Bizantini, 11 tel:0961 752370 Farmacia Dr. Riccardo Durante Corso Mazzini Giuseppe, 102 tel:0961 741307 Farmacia Dr.maria Giovanna Gallelli Via Greco Mario, 156 tel:0961 726124 Farmacia Europa Vigliante Farmacia Europea Via Milano, 24 tel:0961 792995 Farmacia Europea Via Milano, 24/A tel:0961 792995info Farmacia Giancotti Francescantonio Corso Mazzini Giuseppe, 237 fax:0961 727900 - tel:0961 722078 Farmacia Giusti Viale Cassiodoro, 233 tel:0961 611690961 62737 Farmacia Giusti Dr.Giovannina Santa Maria (CZ) - Viale Cassiodoro, 233 tel:0961 61169 Farmacia Ioppolo Dr.Ornella Gagliano (CZ) - Via Campanella Tommaso, 95 tel:0961 772832 Farmacia Leo Carlo Traversa I V. Ettore Vitale, 14 tel:0961 744986 - 0961 744986 Farmacia Leone Dr. G. Tambato Corso Mazzini, 176 tel:0961 720568info Farmacia Miceli Dr. Vera Gagliano (CZ) - Via Campanella Tommaso, 114 tel:0961 772003 Farmacia Naturale Dr. Antonio Via Ferdinandea, 23 tel:0961 469536 Farmacia Pitaro Maria Luisa Farmacia Viale Magna Grecia tel:0961 780819 Farmacia Sestito Via Indipendenza, 4 tel:0961 746577info Farmacia Tambato Dr. Giovanna Corso Mazzini Giuseppe, 176 tel:0961 720568 - 794792

Farmacia Aiello D.ssa Marisa Via La Pira tel: 0968 465028 - 464210

Stazione Bellamena Via Paglia Francesco tel: 0961 725195 Stazione di Gagliano Viale Campanella Tommaso tel: 0961 770089 Sezione Polizia Giudiziaria Via Paglia Francesco tel: 0961 726958 Via Paparo Gianfrancesco tel: 0961 726956 Via Acri Francesco, 2 tel: 0961 722004

:: SOVERATO Localita' Caldarello tel: 0967 22186 :: LAMEZIA TERME Dipartimento Dei Vigili Del Fuoco Del Soccorso pubblico Via Aeroporto, 1 - tel: 0968 51777 Via Caronte - tel: 0968 436768

:: SOVERATO Piazza Renato 40, 1 tel: 0967 112 - 0967 21458 0967 21766 - 0967 537300

Polizia 113

:: LAMEZIA TERME Caserma Piazza Italia, 4 tel: 0968 411277 Comando Compagnia Via S. Ten. Notaro tel: 0968 287600 - 201681 - 21010 Stazione Lamezia Terme Via Provinciale - tel: 0968 436714 Stazione Lamezia Terme Scalo-caserma Piazza Italia, 4 tel: 0968 51036

Guardia di Finanza 117 :: CATANZARO Comando Compagnia Centralino Via Corace, 22 tel: 0961 31221 Reparto T.l.a. Calabria Ufficio Amministrazione Centralino Via Giuseppe, 4 - tel: 0961 727695 Uffici Giudiziari Sezione Polizia Giudiziaria Piazza Giacomo tel: 0961 792577 - 0961 792641 :: SOVERATO Comando Tenenza Centralino Via Fratelli, 26 - tel: 0967 21459

:: SOVERATO Polizia Stradale Distaccamento Soverato Via Nazionale - tel: 0967 528303

:: LAMEZIA TERME Comando Compagnia Centralino Via Progresso tel: 0968 442261 Squadra Aeroportuale-squadra Operativa Stanziale Via Aeroporto tel: 0968 51713 tel: 0968 51107 tel: 0968 53708 Compagnia Pronto Impiego Via Progresso - tel: 0968 22765

Corpo Forestale 1515 :: CATANZARO Coordinamento Provinciale Viale Tommaso, 15 - tel: 0961 777514 Ispettorato Regionale Delle Foreste Sezione Assestamento Viale Tommaso, 15 - tel: 0961 772084 Segnalaz. Incendi Boschivi Viale Tommaso - tel: 800 887011 Corpo Forestale Dello Stato Via Ercolino - tel: 0961 773117 :: SOVERATO Comando Stazione Corso Vittorio Veneto tel: 0967 533375 :: LAMEZIA TERME Corpo Forestale Dello Stato Via Terme tel: 0968 436707 Coordinamento Distrettuale Sambiase Via Terme tel: 0968 439009

:: CATANZARO Posto Di Polizia Ospedale Pugliese Viale Pio X - tel: 0961 725831 Questura - Centralino Corso Mazzini Giuseppe, 85 - tel: 0961 889111 Polizia Provinciale Parco Della Biodiversita Via Cortese Vinicio - tel: 0961 723139 Procura Della Repubblica Presso La Pretura Sezione Polizia Giudiziaria Via Paparo Gianfrancesco - tel: 0961 701142 Presso Pretura Circondariale Polizia Giudiziaria Via Vercillo Giovanni, 1 - tel: 0961 741901 Sezione Polizia Giudiziaria Carabinieri Via Paglia Francesco - tel: 0961 726958 Via Paparo Gianfrancesco - tel: 0961 726956 Via Acri Francesco, 2 - tel: 0961 722004 Tribunale Di Catanzaro Ufficio Polizia Giudiziaria Via Vercillo Giovanni - tel: 0961 792141 Uffici Giudiziari Guardia Di Finanza Sezione Polizia Giudiziaria Piazza Matteotti Giacomo - tel: 0961 792577 0961 792641 Uffici Giudiziari Polizia Giudiziaria Via Vercillo Giovanni, 1 tel: 0961 743715 - 0961 743716 0961 743719 - 0961 743753

:: LAMEZIA TERME Via Aeroporto, 1 - tel: 0968 419296 Via Stazione S. Pietro Lametino - tel: 0968 419292 Localita' Pullo - tel: 0968 417111 Posto Polizia Comunita' Malgrado Tutto Contrada Piano Del Duca - tel: 0968 453016 Polizia Ecozoofila Protezione Civile Via Einaudi Luigi, 4 - tel: 0968 430386 - 0968 430387 - 0968 430388 -0968 430389 - 0968 430391 - 0968 430390 C Commissariato Di Polizia Via Perugini - tel: 0968 203211 Centralino Polizia Municipale Via Lissania tel: 0968 22130 - 442602

Ferrovie della Calabria

Farmacia Di Cello Corso Nicotera Giovanni, 158 tel:0968 23405 Farmacia Diaco D.ssa M. Loredana Corso Numistrano, 47 tel:0968 21068 Farmacia Diaco Maria Loredana Nicastro (CZ) - Corso Numistrano, 4 tel:0968 21068 Farmacia Dr Cotroneo Di Paolo & Giuseppe Cotroneo Snc Corso Numistrano, 71 tel:0968 21005 Farmacia Dr.Raspa Stefano Via Del Progresso, 339 tel:0968 27110 Farmacia Feroleto Gerardo Corso Numistrano, 35 tel:0968 21145 Farmacia G.l. Petronio Di Petronio Maria Elena & C. Snc Sambiase (CZ) - Via Cavour, 1 tel:0968 433485 433516 Farmacia Internazionale Delle Dott. E. Filice & M. Luzzo Via G. Marconi tel:0968 21950 Farmacia Parise Dr. Isabella Via Nenni tel:0968 29107 Farmacia R. Frezza Via S. Miceli, 14 tel: 0968 231320968 201757 Farmacia Raspa Dr. Stefano Via Del Del Progresso tel:0968 27110 Farmacia Salus Via G. Leopardi, 34 tel:0968 433504 Farmacia Caputi Dr. Luigi Mario Via Fiorentino F., 6 tel:0968 437223 Farmacia De Sando Dr. Francesco Sambiase (CZ) - Via Della Liberta', 11 tel:0968 437238 Farmacia Feroleto Dr. Gerardo Corso Numistrano, 25 tel:0968 21145 Farmacia Frezza Dr. Rosario Nicastro (CZ) - Via S. Miceli tel:0968 23132 Farmacia Furci Dr. Ferdinando Via Manfredi Capitano tel:0968 21503 Farmacia Lezoche Dr. Giuseppe Via Scotellaro R. tel:0968 51056

:: CATANZARO Call Center 892021 Piazza Castello, 2 tel: 0965 861111 - 0965 21778 0965 866221 -199 303060

Farmacia Mallamo Dr. Antonio Via Marconi Guglielmo, 228 tel:0968 437546 Farmacia Roperto Carmen Corso Nicotera Giovanni, 73 tel:0968 21457

:: LAMEZIA TERME Ferrovie Dello Stato S.p.a. Dirigenti Centrali Operativi Via Aeroporto, 1 - tel: 0968 411061 Ferrovie Dello Stato S.p.a. Reparto Esercizio Infrastrutture Viale Stazione tel: 0968 51522

:: SOVERATO Farmacia Chiefari D.ssa Vittoria Farmacia Soverato Superiore (CZ) tel:0967 21685

:: SOVERATO Stazione Soverato Trenitalia tel: 0967 521666

Farmacia Sangiuliano Corso Umberto I, 176 tel: 0967 21270

PER LA PUBBLICITA' SU "IL CORRIERE DEI DUE MARI" RIVOLGERSI A Mediatag Spa -Tel 0961.996802 attendere e comporre il 4

corriereduemari@mediawe.net

Faxweb: 0961.693111

3


QuiNotizie - il Corriere dei due mari

Occhio alla crisi economica, prudenza, ottimizzare al massimo le risorse disponibili e fiducia nel futuro e nelle enormi potenzialità che caratterizzano la terra di Calabria. Questa la sintesi estrema del confronto molto diretto e franco che "Il Corriere dei due mari" ha avuto con il Presidente della Provincia di Catanzaro Wanda Ferro in relazione al momento di recessione che sta investendo il mondo intero con il nostro territorio e la condizione dei suoi abitanti nel mirino di questa valutazione. "La situazione del cittadi-

corriereduemari@mediawe.net Novembre 2008

Per Wanda Ferro fondamentale la gestione virtuosa dei fondi. no calabrese medio - esordisce - si aggrava ulteriormente con questa crisi sulla base di uno stato economico generale di difficoltà nel Paese. In Calabria il problema principale è rappresentato dal fatto che i fondi veicolati sul territorio sono in larga parte inutilizzati e non vengono spesi in tutto ciò che potrebbe essere un indotto importante. Per queste ragioni in Calabria, oltre al danno

simboleggiato dalla recessione che riguarda il resto del Paese, si aggiunge anche la beffa del mancato utilizzo delle tante risorse finanziarie disponibili che, come è noto, potrebbero generare economia e sbocchi occupazionali". Una precisazione, questa, che quindi lascia intendere come la crisi potrebbe non intaccare solamente l'integrità delle banche ma anche l'economia reale.

Focus

5

"Certamente. C'è da dire in modo particolare che questo momento difficile riguarda le banche ma soprattutto i tassi che gli istituti di credito applicano al Sud per cui anche da questo punto di vista occorrerebbero degli accorgimenti finalizzati a favorire delle zone che hanno un'arretratezza decennale. Fermo restando che, a mio parere, la politica che si sta facendo a livello nazionale mira a contenere gli sprechi e con l'ausilio di una corretta applicazione della riforma federale può mettere in condizione i calabresi a usufruire dei ser-

I nostri soldi: a colloquio con il Presidente della provincia di Catanzaro Intervista esclusiva a cura di Città del Sole Edizione per il Corriere dei due mari

Foto archivio T&P

Nella foto: il Presidente Wanda Ferro

La recessione secondo il Presidente della Provincia di Catanzaro vizi effettivi e reali che una popolazione deve avere. Tutte le componenti, politica compresa, devono comunque rimboccarsi le maniche e fare lavoro di squadra per risollevare la situazione". Quali potrebbero essere dunque le iniziative a livello istituzionale e di enti che si potrebbero avanzare per dare una spinta propulsiva in tal senso? "Intanto parto dal presupposto che la tanto sbandierata idea di attuare crediti agevolati per gli enti pubblici non si discosta molto dall'essenza della Cassa Depositi e Prestiti. Credo che le istituzioni dovrebbero anzitutto investire i fondi messi a disposizione dalla Comunità Europea sul territorio e offrire opportunità di sviluppo contribuendo, così, ognuno per la propria par-

www.quinotizie.info

te, a creare economia ed evitare che questi soldi siano non spesi o mal impiegati. L'attenzione si deve concentrare su tutto ciò che può rappresentare per la nostra terra indotto economico. Al momento in Calabria tutto questo non avviene". E in futuro ci possiamo aspettare previsioni più rosee? "La speranza è ultima a morire ma la situazione è abbastanza preoccupante. Abbiamo regioni come la Basilicata che non fanno più parte dell'Obiettivo 1 dove, per esempio, nella sanità si sono riconvertite strutture che non avevano ragione di esistere con nuove specializzazioni e competenze. Quando le province e i comuni vengono messi in grado di operare autonomamente nel proprio territorio

probabilmente c'è maggiore efficacia a tutti i livelli". E l'ente provinciale catanzarese ha in serbo alcune iniziative particolari per poter disporre di una maggiore forza amministrativa? "Per quello che riguarda ciò che l'ente può fare con le proprie capacità noi ci possiamo ritenere un'isola felice in quanto in tutti questi anni si è lavorato molto a 360 gradi su diversi settori come edilizia scolastica, viabilità e infrastrutture. Oggi intendiamo proseguire su questo cammino ma se la legge prevede un trasferimento di fondi per deleghe di competenze agli enti provinciali le annualità 2007-2013 dei fondi comunitari debbono essere concertate e programmate con questi istituti amministrativi. Ci giochia-

corriereduemari@mediawe.net

mo una partita importante: quella della gestione dei fondi comunitari in modo che non succeda ciò che si è verificato con le annualità 2000-2006". Il nostro sistema bancario è solido? "Credo di si in quanto tanti sono i risparmiatori ma nello stesso tempo non è un sistema che favorisce lo sviluppo a causa della politica dei tassi di cui prima si diceva. Sarebbe necessario impiantare un sistema creditizio vantaggioso che darebbe più ossigeno al tessuto economico calabrese, di per sè labile. Ci vuole un'attenzione particolare verso un Sud che spesso, per l'incapacità della politica, non ha saputo sfruttare le condizioni per mettersi al pari con le altre regioni facendone pagare il prezzo ai cittadini in termini di benessere personale e disoccupazione". Sulle contromisure che il cittadino può adottare contro la crisi Wanda Ferro evidenzia il suo diritto di protesta perché la politica faccia il proprio dovere, per avere garantiti i propri diritti fondamentali e per svolgere quel ruolo fondamentale comeparteattivadellasocietà. Alessandro Crupi

Fax: 0961.693111


QuiNotizie - il Corriere dei due mari

Crisi economica, crisi finanziaria, il bombardamento mediatico sta percuotendo la mente dei cittadini da diversi mesi su temi delicati incidenti sul complesso di elementi che stanno alla base della sopravvivenza di ciascuno di noi e che raggruppati reggono il sistema economico. Innegabilmente il periodo di recessione attualmente in atto e tanto sbandierato non è certo un'invenzione divulgata dal buontempone di turno. Si tratta di una realtà con cui convivere e i cui effetti possono essere più o meno gravi, di breve e lungo perio-

corriereduemari@mediawe.net Novembre 2008

"Far diventare la banca un interlocutore più presente" do a seconda delle situazioni particolari di una determinata area territoriale e del contesto produttivo e finanziario al quale ci si rapporta. Ma, in concreto, dal punto di vista del cittadino, italiano ma soprattutto calabrese, quali sono i rischi e le conseguenze che questa crisi comporta? "Il Corriere dei due mari" ha cercato di esaminare la situazione generale avendo riguardo proprio a

questo ambito specifico, che è quello, poi, maggiormente a contatto con la gente e i problemi oggettivi della sua quotidianità. E siccome un aspetto singolo come questo non può prescindere dall'azione degli attori-protagonisti che determinano e movimentano le regole del gioco su cui si fonda l'intero apparato economico mondiale abbiamo pensato di rendere partecipe di questo no-

Focus

7

stro intento le banche, e in modo particolare il settore bancario cooperativo, il cui obiettivo è quello di rispondere alle esigenze economiche e sociali della comunità con un'attenzione marcatamente mutualistica e attenta alle realtà locali. La Federazione delle banche cooperative della Calabria, nella persona del suo presidente Flavio Talarico, ci offre il proprio contributo al fine di avere le idee più chiare in una problematica che potrebbe generare equivoci e perplessità. Presidente Talarico, sulla base della

I nostri soldi: a colloquio con il Presidente della Federazione Banche Cooperative della Calabria Intervista esclusiva a cura di Città del Sole Edizione per il Corriere dei due mari

Nella foto: il Presidente Flavio Talarico

Flavio Talarico punta al rapporto di fiducia tra cittadino e banca crisi economico-finanziaria in atto e da quanto lei può toccare con mano direttamente, i soldi dei cittadini calabresi sono al sicuro o esiste un problema specifico più grave sul nostro territorio in questo ambito rispetto a quanto possa avvenire a livello nazionale con ulteriori danni all'economia reale? "Le banche di credito cooperativo non hanno subito in modo diretto le conseguenze della crisi economica e finanziara poiché nei loro portafogli sono mancate determinate tipologie di investimenti (es. derivati) che hanno penalizzato le realtà bancarie di maggiori dimensioni. Inoltre i settori di attività economica più penalizzati dalla crisi sono presenti solo in maniera modesta all'interno del tes-

www.quinotizie.info

suto imprenditoriale calabrese per cui possiamo dire che, anche da questo punto di vista, il rallentamento e la situazione di difficoltà sarà avvertita in maniera meno intensa in Calabria rispetto alle altre regioni italiane". Come valuta la solidità del sistema bancario cooperativo calabrese anche e soprattutto alla luce di questa crisi? "La crisi non ha avuto impatti rilevanti sul grado di solidità del sistema del credito cooperativo calabrese che mostra dei coefficienti patrimoniali sostanzialmente rassicuranti. Inoltre, a garanzia di una maggiore tutela dei clienti, c'è da sottolineare l'appartenenza ad un sistema bancario che si estende a livello nazionale

e che recentemente ha costituito un fondo di garanzia allo scopo di tutelare tutte le forme di raccolta e risparmio della clientela delle banche di credito cooperativo (BCC)". Nella vita di ogni giorno è però importante, per il cittadino, avere dei suggerimenti sulle contromisure immediate da adottare per far fronte al periodo difficile che potrebbe presentarsi in relazione a risparmio, liquidità ed investimenti. "Una soluzione - illustra Talarico - potrebbe essere certamente quella di affidarsi alla propria banca di fiducia - direi quindi la Banca di Credito Cooperativo di riferimento sul territorio - che garantirà una gestione dei risparmi efficiente e, soprattutto, in linea con il profilo rischio/rendimento desidera-

corriereduemari@mediawe.net

to. Le soluzioni di investimento "fai da te", infatti, potrebbero risentire di una non completa informazione finanziaria ed essere guidate da comportamenti impulsivi che ne minerebbero le finalità ed i risultati". A questo proposito, come Presidente della Federazione delle banche di credito cooperativo della Calabria quali iniziative pensa di intraprendere per dare sostegno alle esigenze della classe imprenditoriale e, in generale, alla comunità dei cittadini calabresi per accesso a credito e risparmio? "Sia per gli imprenditori che per i cittadini privati, il proposito è quello di far diventare la banca un interlocutore ancora più presente e importante per individuare insieme le più opportune e sostenibili forme di finanziamento e investimento. Approfitto per chiamare a raccolta tutti i calabresi a servirsi del Credito Cooperativo che con, ormai, circa 100 sportelli sul territorio rappresenta una realtà pronta a costruire i calabresi". Alessandro Crupi

Fax: 0961.693111


QuiNotizie - il Corriere dei due mari

Intuitivo è comprendere come a livello internazionale le fondamenta economiche e finanziarie che supportano il sistema mondiale stiano scricchiolando pericolosamente, molto meno immediato è percepire la misura negativa dell'entità che questo avvenimento possa generare nel quadro locale del tessuto produttivo della Calabria. I nostri soldi sono al sicuro nonostante la sfavorevole congiuntura che interessa mercati e borse? In questi casi e vista la complessità della situazione attualmente in corso abbiamo ritenu-

corriereduemari@mediawe.net Novembre 2008

"Nel breve periodo scarsi rischi ma attenti ai tagli". to fondamentale affidarci anche alle impressioni di chi opera direttamente nel ramo economico sia a livello teorico come professore che sul piano pratico quale esponente di un istituto di credito. Il riferimento è a Tonino Perna, economista e sociologo, docente presso l'Università degli Studi di Messina che vanta un'importante esperienza nel Comitato etico della Banca popolare etica di

Padova come presidente. Una valutazione che proviene quindi da chi esamina le dinamiche economiche con un occhio attento alla realtà sociale manifestando nel contempo schiettezza nel tratteggiare i punti della nostra indagine. Arriviamo al dunque: sono sicuri i soldi dei cittadini calabresi? "Si tratta della stessa sicurezza - ci dice subito - che potevano avere gli

Focus

9

azionisti della Parmalat. Una parte dei nostri cittadini che hanno messo i loro risparmi nei fondi che sono falliti o che sono stati nazionalizzati corrono un certo rischio. Per quanto riguarda invece altre operazioni che riguardano anche depositi in buoni ordinari del tesoro difficoltà non ce ne sono in quanto questi titoli di credito sono garantiti dagli Stati e quindi non corrono alcun pericolo, almeno per adesso. Quello che, invece, è il problema più grave in questo momento riguarda il settore finanziario. A questo proposito il go-

I nostri soldi: a colloquio con Tonino Perna del comitato etico della Banca popolare etica di Padova Intervista esclusiva a cura di Città del Sole Edizione per il Corriere dei due mari

Nella foto: Tonino Perna

La crisi economica dall'ottica dell'economista Tonino Perna verno nella ricerca dei fondi per coprire le banche e rilanciare l'economia ha già preso qualcosa come otto miliardi di euro dai fondi europei per l'aiuto allo sviluppo e destinati al Mezzogiorno che saranno utilizzati nella prossima Finanziaria. Diciamo, quindi, che la Calabria perde in prospettiva per quanto concerne i trasferimenti dei proventi da parte dello Stato per gli investimenti ma la crisi economica sarà, inizialmente, meno grave rispetto al resto d'Italia. Abbiamo un modello econometrico che ci dimostra come ogniqualvolta in Italia ci sia lo sviluppo la Calabria è più lenta nella crescita rispetto al resto della Penisola mentre nelle fasi di recessione il nostro territorio locale tende a non crollare come accade

www.quinotizie.info

in altre regioni industrializzate. Ciò avviene per un motivo ben preciso. La nostra ricchezza proviene, infatti, da circa l'80% dalla spesa pubblica. E mentre nel passato, quando c'era una crisi economica essa non si contraeva e ne risentivamo meno in termini di ricadute negative adesso attraverso il federalismo fiscale e i tagli del governo per trovare le risorse, per la prima volta dal dopoguerra, anche sul piano dell'economia reale, potremo riscontrare difficoltà, pur se la gravità del fenomeno è ancora un punto interrogativo in quanto, soprattutto, non conosciamo adesso il costo del federalismo, i cui effetti li vedremo l'anno prossimo". Sembrerebbe quindi che per certi aspetti il gap del Meridione in termi-

ni di sviluppo globale rispetto al territorio nazionale non costituisca in questo caso una penalizzazione ulteriore. "Direi che due elementi rappresentano un vantaggio per i meridionali e calabresi in particolare: la presenza di un numero elevato di proprietari di case e piccoli terreni a disposizione (e qui ciò che si chiama arretratezza in questo caso è un punto di forza) e la spesa pubblica che non si contrae come invece accade nel settore industriale. Perciò questo essere assistititi da una parte ed avere delle quote di auto produzione fuori dal mercato dall'altra ci difende economicamente nel breve periodo, e cioè da ora fino a tre anni. Il problema è quello di stabilire quale sarà l'impatto di questo taglio

corriereduemari@mediawe.net

alla spesa pubblica. Prevedo, in quest'ottica, che sopra i 20.000 euro l'anno di reddito ci pagheremo sanità, istruzione e tutti quei servizi che generalmente riceviamo dallo Stato". Tonino Perna precisa poi che non esiste un grosso sistema bancario calabrese su cui misurare la solidità. Sul piano invece delle misure protettive che il cittadino calabrese potrà adottare per far fronte alla crisi egli punta il dito nuovamente contro i tagli alla spesa pubblica "che se dovessero proseguire genereranno parecchi danni per la popolazione. "In futuro un valido aiuto potrebbe essere offerto dall'uso di una moneta locale complementare in modo da poter finanziare attività che lo Stato altrimenti non potrebbe portare avanti". Ultima chiosa, infine, sulla Banca etica che, sottolinea Perna, costituisce un supporto fondamentale soprattutto per piccoli imprenditori che operano nel settore dell'energia alternativa e dell'agricoltura biologica i quali ricevono finanziamenti che gli altri istituti di credito non offrono più. Alessandro Crupi

Fax: 0961.693111


QuiNotizie - il Corriere dei due mari

corriereduemari@mediawe.net Novembre 2008

Quindici giorni Catanzaro

11

Qualche disagio per le forti precipitazioni Il nuovo look del Palazzo di Vetro I vigili del fuoco di Catanzaro hanno avuto un bel da fare nei giorni scorsi, dopo le abbondanti pioggie sul Catanzarese che hanno creato disagi anche all'Universita e nella zona di Germaneto. La situazione è comunque tornata alla normalità. In particolare, i vigili del fuoco si sono concentrati nella zona di Settingiano dove il fango ed i detriti hanno provocato problemi ad alcune abitazioni di campagna ed alla statale 280.

Piccoli lavori di maquillage che rendono, però, più accattivante l'intero edificio. Questa la sintesi dell'abbellimento che i cittadini possono scorgere nel cosiddetto Palazzo di Vetro, quello che ospita l'Ente intermedio. La scritta visibile nella parte che si affaccia sulla grande piazza antistante, con l'apposizione della dicitura "Provincia di Catanzaro", rende, infatti, più accattivante il fabbricato ristrutturato all'interno pochi anni fa.

Quindici giorni Catanzaro Servizi a cura di Carlo Talarico per il Corriere dei due mari

L'ascensore ecomostro a Bellavista non c'è più

Un 4 novembre denso di significati Celebrata in modo solenne la giornata delle Forze Armate Si è celebrata, lo scorso 4 novembre, la festa dell'Unità nazionale e della Giornata delle Forze Armate. Nei giorni precedenti il Prefetto di Catanzaro, Sandro Calvosa, aveva annunciato una serie di iniziative che hanno avuto luogo in molte città della regione. Primo appuntamento in piazza Matteotti di buon mattino presso il Monumento ai caduti. Qui, d'intesa con il Comandante della Regione Calabria, ha avuto luogo una cerimonia militare a cui hanno partecipato autorità religiose, politiche, civili e militari. Un'alzabandiera solenne a cui ha fatto seguito la lettura della preghiera per la Patria. Ma il 4 novembre è stata anche la ricorrenza del 90° anniversario del primo conflitto mondiale. Una concomitanza di eventi significativa che ha spinto il Ministro della difesa,

www.quinotizie.info

Ignazio Larussa, a dare vita ad una serie di iniziative per rinsaldare il legame che unisce la Nazione e le sue forze armate. Ad avviare in Calabria queste attività è stato l'Ufficio scolastico regionale. Grazie a queste iniziative più di 100 scuole hanno partecipato alle cerimonie e alla visita nelle caserme, che sono state aperte a tutti. Il Ministero ha voluto dunque rendere i giovani partecipi dei valori che hanno sorretto l'Italia nella Grande guerra. Valori come la fedeltà alla patria, l'onore e il sacrificio che ancora oggi animano gli uomini e le donne con le stellette. Dopo l'alzabandiera in piazza Matteotti una serie di appuntamenti hanno animato per l'intera giornata la città di Catanzaro. A mezzogiorno il Comando militare Esercito "Cala-

bria" in collaborazione con l'associazione Calabria in Armi hanno deposto una corona d'alloro presso la cappella della famiglia Scalfaro sita nel cimitero del capoluogo. Con la cerimonia si è voluto ricordare il capitano Ercolino Scalfaro, medaglia d'oro al valore militare, appartenente al 19° reggimento fanteria della Brigata Brescia, deceduto per la patria il 16 luglio 1915 a Sella di San Martino. Un atto importante che ha certificato indissolubilità di appartenenza alla Patria ed agli uomini che offrirono la loro vita per essa, guadagnandosi oggi come ieri la gratitudine dei cittadini per essere stati espressione perfetta in operosità per amor della Patria, una e indivisibile. Per le strade anche gli uomini del 4° Reggimento Carabinieri a cavallo.

corriereduemari@mediawe.net

Lo scempio non esiste più. Per fortuna. E' stato demolito, infatti, il vano ascensore che di fatto impediva la visuale di Bellavista verso il mare a coloro i quali vi arrivavano da corso Mazzini-piazza Roma. Ora la visuale è possibile e il contestato manufatto è diventato macerie. Ciò non significa che non vi sarà più l'ascensore per il sottostante parcheggio (da 130 posti auto), ma il nuovo sistema di risalita entrerà in funzione tra gennaio e febbraio 2009 e, finalmente, rispetterà il paesaggio. Infatti le pareti del corpo scala-ascensore saranno rivestite da pareti vetrate che consentiranno la veduta a valle. Il sindaco Rosario Olivo che ha visitato il cantiere di Bellavista, in compagnia dell'ingegnere Giuseppe Cardamone, dirigente del settore grandi opere, ha espresso soddisfazione per un intervento che, ha affermato «guarisce una ferita che era stata inferta al centro storico». L'ascensore di Bellavista consentirà agli utenti di raggiungere corso Mazzini in pochi secondi. L'impianto fa parte integrante del sistema di scale mobili che il Comune è sul punto di appaltare e che collegherà le principali stazioni ferroviarie delle Ferrovie della Calabria. Pertanto potrà essere utilizzato da chiunque, e non solo da quanti lasciano l'auto nel parcheggio sottostante Bellavista. Oltre al servizio parcheggi, il sistema potrà contare su due punti focali d'interesse collettivo: uno a monte (la "terrazza Bellavista"), l'altro a valle (una serie di locali commerciali). È stata prevista la divisione del parcheggio in tre settori, ciascuno servito da una viabilità di accesso, con l'indicazione di posti per disabili. I percorsi pedonali saranno protetti da pensiline in policarbonato.

Fax: 0961.693111


12

corriereduemari@mediawe.net Novembre 2008

Quindici giorni Catanzaro

Quindici giorni Catanzaro

QuiNotizie - il Corriere dei due mari

Servizi a cura di Carlo Talarico per il Corriere dei due mari

Aziende catanzaresi pronte a sbarcare in Canada Nuovi spazi commerciali per le aziende della provincia di Catanzaro con la possibilità di scambi culturali fra l'Università Magna Graecia con atenei d'oltreoceano. Questi i primi risultati della missione organizzata dalla Camera di Commercio di Catanzaro e dall'amministrazione provinciale, che ha visto impegnata in Canada, per una settimana, una delegazione composta dall'assessore provinciale alle Attività Produttive Roberto Costanzo, dal presidente di PromoCatanzaro (azienda speciale della Camera di Commercio) Raffaele Mostaccioli, dal consigliere d'amministrazione della stessa azienda Raffaele D'Ambra e dai rappresentanti di sette aziende del catanzarese operanti nel comparto agroalimentare ed in particolare nei settori oleario, del caffè, della produzione di sott'oli, della pasticceria, della preparazione di pasta fresca. Due le tappe della missione, che ha consentito alle imprese catanzaresi di partecipare ad altrettanti work-

shop a Winnipeg, capitale dello stato di Manitoba, ed a Toronto, capitale dell'Ontario, dove la delegazione e' stata ricevuta dai rispettivi vicesindaci, Steves e Pantaleone. Numerosi gli importatori presenti ai due eventi, provenienti soprattutto dalle città portuali di Vancouver e Calgary, interessati alle produzioni della provincia di Catanzaro, con i quali sono stati avviati contatti, grazie all'attività di intermediazione svolta dai presidenti delle Camere di Commercio italiane all'estero dei

due centri canadesi, Jacuzzi e Visentin. L'interesse del Canada verso la produzione calabrese potrebbe concretizzarsi a breve sulla base di un progetto, in fase di elaborazione, e sottoscritto dalle sette imprese coinvolte nell'operazione, dalla Provincia di Catanzaro, dalla Camere di Commercio e dagli importatori canadesi. Primo passo verso la concretizzazione del progetto sarà l'invio di alcune campionature di prodotto che dovrebbero riscuotere l'interesse della comunità italo-canadese, con la quale pure sono stati avviati contatti ed i cui rappresentanti si sono impegnati a promuovere il consumo di prodotti calabresi. Ma è sopratutto sul piano della cooperazione culturale che la missione della Provincia di Catanzaro ha attivato i canali più fruttuosi. I rappresentanti delle università di Winnipeg e York, sono interessati ad un rapporto di collaborazione con l'Università Magna Graecia.

Al campus universitario un ufficio pari opportunità E' stato inaugurato, nei giorni scorsi al Campus di Germaneto, il nuovo ufficio Pari Opportunità dell'Università Magna Graecia di Catanzaro. Nel corso dell'incontro è stato presentato il progetto "Tutela salute donna", frutto di una convenzione tra Università Magna Graecia e Fondazione per la ricerca e la cura dei tumori Tommaso Campanella. Promuovere una cultura di parità mediante la formazione, realizzare iniziative volte a sostenere le donne nella pianificazione degli impegni lavorativi, fornire informazioni finalizzate allo sviluppo della professionalità femminile, accogliere richieste di sostegno e fornire ascolto, questi gli obiettivi del Comitato Pari Opportunità dell'Università Magna Graecia di Catanzaro che, questo pomeriggio, ha inaugurato il suo nuovo Ufficio, situato al terzo livello dell'Edificio clinico B del Campus di Germaneto. In tale occasione si è svolto anche un incontro, nella sala dell'University Club dell'Ateneo, durante il quale sono state illustrate le attività svolte e quelle in fase avanzata di realizzazione del Comitato e fornite indicazioni sull'operatività dello sportello di ascolto Pari Opportunità. Ha aperto l'incontro il Rettore dell'Università Magna Graecia di Catanzaro, Francesco Saverio Costanzo, che ha sottolineato l'importanza di iniziative simili che si propongono come spunto propositivo

di idee e progetti per l'intera comunità universitaria. Ha illustrato le attività del Comitato la professoressa Rosaria Arcone che presiede il Comitato stesso, mentre, a seguire, la professoressa Patrizia Doldo, componente del Comitato, e la dottoressa Caterina De Filippo, direttore sanitario della Fondazione per la ricerca e la cura dei tumori Tommaso Campanella, hanno presentato il progetto "Tutela salute donne", frutto di una convenzione tra l'Università Magna Graecia e la Fondazione stessa. Obiettivo della convenzione è la realizzazione di uno studio rivolto a tutta la componente femminile della comunità universitaria catanzarese, studentesse e personale, per quanto riguarda la prevenzione dei tumori alla mammella e alla cervice uterina. Infatti, secondo il Rapporto sullo stato di salute delle donne del marzo 2007 su dati Istat, richiamato durante l'incontro, emerge che le cause più frequenti di morte nelle donne sono malattie dell'apparato circolatorio (46,8%) tra le più anziane, invece tra le più giovani tumori della mammella (17%) e quelli della cervice (6%). Le fasi di questo programma di prevenzione previsto dalla convenzione tra Università di Catanzaro e Fondazione Tommaso Campanella, sono due: un primo livello che prevede pap-test e mammografia e un secondo livello che prevede colposcopia e approfondimento se-

nologico. Infatti la mammografia, ripetuta ogni due anni, riduce del 35% il rischio di morte mentre il pap-test e la colposcopia riducono significativamente la possibilità della creazione del tumore della cervice uterina. Lo Sportello di ascolto Pari Opportunità dell'Ateneo è un servizio rivolto alla comunità accademica catanzarese, in cui poter segnalare le problematiche che emergono quotidianamente. Il personale addetto fornirà le indicazioni utili ed i supporti idonei a rispondere a quei bisogni che possono manifestarsi durante il proprio percorso relazionale con l'Ateneo catanzarese. L'Ufficio Pari Opportunità sarà aperto il martedì dalle 12 alle 14 ed il giovedì dalle 15 alle 17. Il Comitato per la pari opportunità dell'Università Magna Græcia è presieduto dalla professoressa Rosaria Arcone, delegato del Rettore, e composto dalle professoresse Patrizia Doldo e Annarita Trotta, in rappresentanza del corpo docenti, e da Cinzia Armida Carrozza, Maria Carmine Falbo e Ornella Melecrinis, in rappresentanza del personale tecnico-amministrativo. È possibile interagire con il Comitato anche tramite e-mail, scrivendo all'indirizzo cpo@unicz.it e consultare un apposito sito internet per ricevere tutte le informazioni del caso.

www.quinotizie.info

Un incontro per approfondire l'Ars magna di Raimondo Lullo "L'Ars Magna di Raimondo Lullo" è l'argomento di un interessante incontro promosso dalle Edizioni Ursini e dall'Associazione Accademia dei Bronzi, che si terrà mercoledì 19 novembre, alle ore 17,30, nei locali del Circolo Unione di Catanzaro. Il convegno prende spunto dal testo "Il Re degli alchimisti" di Jacob Phanus, (noto studioso catanzarese) pubblicato di recente da Ursini, libro che sta suscitando grande curiosità non solo tra gli studiosi del Medioevo. Introdurrà l'incontro Sergio Dragone, relazionerà Antonio Benefico, studioso di storia catanzarese e medioevale. Nel libro, Phanus va al di là della diatriba se sia veramente Lullo, o lo pseudo-Lullo, l'autore di numerosi testi alchemici a suo nome. Al protagonista "storico", Lullo, l'Autore ne affianca uno inventato, Mundanus. Dai dialoghi e dalle interazioni fra i due, Phanus mette anche, fra le righe, il frutto del suo studio e delle sue tante traduzioni. Ricercatore molto conosciuto soprattutto nel Nord-Italia, Phanus si è specializzato nella traduzione dal latino di testi medievali. Dalle lunghe conversazioni davanti i forni, ha ricavato idee chiare su una dottrina sconosciuta. L'interesse su Lullo, venerato in Spagna come Beato, non è mai cessato e molti scrittori hanno approfondito l'argomento nel corso dei secoli e soprattutto negli ultimi decenni. "Il romanzo di Phanus sottolinea giustamente Tonna - svela e rivela i segni della grande opera, filtrati nelle espressioni sublimi dei canti poetici che si ispirano al bellissimo libro lulliano dell'amico e dell'amato, anche nella trama avvincente della narrazione che cede talvolta il passo a brani di saggistica, sacrificando il dato biografico per celebrare significati trascendenti".


corriereduemari@mediawe.net Novembre 2008

QuiNotizie - il Corriere dei due mari

Quindici giorni Catanzaro

Quindici giorni Catanzaro

Servizi a cura di Carlo Talarico per il Corriere dei due mari

La diga sul Melito si farà in tempi brevi Danni solo teorici, quelli quantificati dal lodo arbitrale riguardanti la costruzione della Diga sul fiume Melito. La diga si farà in tempi brevi: basterebbe questo al Consorzio di Bonifica per replicare a quanto "maliziosamente" affermato in un'apposita conferenza stampa della Fillea Cgil. Ma è anche necessario ribadire come recita un comunicato a firma del direttore del Consorzi odi Bonifica "Alli Punta Copanello" Flavio Talarico - la nostra posizione assunta con trasparenza e spiegata da tempo: il lodo arbitrale ad una semplice lettura appare fortemente lacunoso visto che, durante i lavori, ha glissato su quesiti fondamentali posti alla base dell'arbitrato. Il Consorzio, al solo fine di tutelare gli interessi della collettività, non aveva altra scelta che allontanare l'impresa dal cantiere ed attivare, a norma di regolamento, le procedure per il riappalto e la messa in sicurezza delle opere per la realizzazione della Diga. Il lodo arbitrale, ignoran-

do totalmente gli impegni contrattuali solennemente assunti da Astaldi di fronte all'intera collettività calabrese in occasione della firma dell'atto di transazione (eravamo a luglio 2003 e l'Impresa - in quell'occasione - dichiarò che il progetto era perfettamente esegubile e l'opera realizzabile nei tempi previsti, e in tal senso assunse esplicito impegno) ha incredibilmente graziato l'Impresa dalle sue responsabilità ed ha così quantificato danni a senso unico. Lasciamo discutere agli avvocati, in altri gradi di giudizio, la legittimità formale e sostanziale del lodo. - Ricordiamo solo come già in passato la giustizia statale - e non quella privata di un collegio arbitrale - ha riconosciuto appieno le ragioni del Consorzio contro chi, fin dall'epoca, tentava a tutti i costi - per ragioni facilmente comprensibili - di prolungare il fermo dei lavori (ricordiamo come la Corte di Cassazione, con sentenza n. 71/2001 a Sezioni Unite Civili

depositata il 10.01.2001 dava ragione in toto alle istanze del Consorzio). Dopo una infaticabile stagione di confronto e tavoli di concertazione, oggi, è solo con il lavoro ed il rispetto delle normative vigenti che possiamo rinnovare la richiesta di condivisione fatta da tempo a tutta la comunità ed in particolare a tutti gli operatori sociali e sindacali (ivi compresi la Fillea Cgil). Siamo troppo impegnati - prosegue il comunicato - ad assicurare il riavvio del cantiere e la costruzione della Diga per affannarci a ripetere spiegazioni che il Presidente Manno ha illustrato innumerevoli volte. Lasciamo ad altri discutere su chi ha veramente lavorato per dare risposte concrete ai bisogni del nostro territorio, su chi ha cercato di assecondare finalità non sempre chiare e su chi ha semplicemente cercato, con dignità ed onestà intellettuale, di restituire ruoli e tempi certi ai produttori di speranze autoctone.

Nel 2009 vedrà la luce l'unità di cura fetale Nel 2009 il "Fetal Care Team" Unità di Cura Fetale - vedrà la luce all'interno del Dipartimento dell'Integrazione e Tutela della Maternità e dell'Infanzia dell'Ospedale Pugliese-Ciaccio. La notizia è emersa nel corso di un workshop, cui hanno preso parte numerosi specialisti nella tutela della salute della maternità e dell'infanzia. Voluto ed organizzato dal dottor Renato Rubino, direttore del Dipartimento della Integrazione e Tutela della salute della maternità e dell'infanzia, il meeting ha rappresentato un decisivo passo avanti per l'attuazione di un piano di riordino nell'erogazione dell'assistenza all'area materno-infantile. Aprendo i lavori del workshop, il direttore generale dell'azienda ospedaliera

"Pugliese-Ciaccio" Vincenzo Ciconte ha voluto esprimere il suo impegno rispetto allo sviluppo dell'area materno-infantile. Ciconte ha precisato che è suo preciso intendimento puntare sullo sviluppo del Materno infantile in generale. In tal senso - ha detto Ciconte - vanno interpretate le numerose iniziative intraprese

13

dall'Azienda ed oramai giunte a compimento. Tra queste la creazione di una sala operatoria dedicata di Chirurgia Pediatrica appositamente studiata ed ideata, nella quale potranno trovare giusto riscontro le molteplici problematiche assistenziali peri-operatorie connesse con la fascia di età che va dal neonato all'adolescente. Nella medesima direzione il progetto innovativo realizzato all'interno del Dipartimento diretto dal dottor Rubino, per il quale è previsto il trasferimento della Soc di Chirurgia Pediatrica al piano della Pediatria, con l'individuazione degli spazi già occupati dalla oncoematologia pediatrica, ora al "De Lellis", e con spazi ambulatoriali incongrui per i piccoli pazienti.

www.calabriatv.net

www.quinotizie.info

A convegno per combattere le emergenze criminali Si è svolto, a cura della Fondazione Imes Catanzaro (alla cui presidenza si è insediato da poche settimane il professor Armando Vitale), lo scorso 6 novembre, il primo incontro preparatorio al convegno seminario del 12 e 13 dicembre, organizzato dalla stessa Fondazione su "'Ndrangheta e altre mafie: un'emergenza criminale". Il primo degli appuntamenti preliminari è dedicato alla presentazione di due libri recentemente editi: "‘Ndrangheta" di Enzo Ciconte (Rubbettino editore) e "Intendo rispondere" di Arturo Buongiovanni (Donzelli editore). I testi saranno discussi da Salvatore Bullotta, componente del direttivo Fondazione Imes Catanzaro, dagli universitari dell'associazione Ulixes e da studenti del Liceo Classico Galluppi. Le due letture proposte descrivono il volto della criminalità organizzata con formule diverse: il testo di Ciconte è un'indagine storica sulla ‘ndrangheta dalle sue più remote origini ai giorni nostri, attraverso la ricognizione delle alterne vicende che hanno visto l'organizzazione criminale adattarsi ai mutamenti della società ma anche conservare alcune sue caratteristiche particolari. Il romanzo di Buongiovanni, avvocato di pentiti di Camorra, d'altro canto, racconta il dissidio interiore di un condannato della Camorra davanti alle accuse che gli vengono mosse. I testi sono già disponibili nella biblioteca Imes di Catanzaro, in via di strutturazione presso la sede del San Giovanni, grazie alla collaborazione dell'Assessorato alla Cultura del Comune di Catanzaro. Gli autori dei volumi, Ciconte e Buongiovanni, interverranno entrambi al convegno del 12 e 13 dicembre. A questo primo appuntamento ne seguirà un secondo, previsto per il 28 novembre.


QuiNotizie - il Corriere dei due mari

Il movimento politico Catanzaro nel Cuore ha inteso esprimere solidarietà per gli ultimi fatti di Lamezia che hanno colpito Franco Talarico e Salvatore Cittadino. Questo il testo del comunicato diffuso agli organi di stampa: "Due fatti drammaticamente importanti accaduti nella vicina Lamezia Terme ci inducono ad esprimere la vicinanza del nostro movimento e dell’intera comunità catanzarese non soltanto alle persone direttamente coinvolte, bensì a tutta la società civile lametina che con forte senso civico e responsabilità vuole

corriereduemari@mediawe.net Novembre 2008

Quindici giorni Lamezia

Solidarietà anche da Catanzaro nel cuore dare risposte al malaffare. Ci riferiamo agli attentati subiti da Franco Talarico, consigliere regionale e segretario dell’Udc, e alla vicenda che vede protagonista – suo malgrado – Salvatore Cittadino, imprenditore nonché presidente della sezione lametina di Confcommercio Catanzaro. Pur trattandosi di due faccende completamente diverse, appartenenti ed originatesi in ambiti differenti

l’uno dall’altro, si rappresentano purtroppo attraverso un comune vulnus presente sul nostro territorio, ovvero una criminalità organizzata che arrogantemente e con propri metodi fa sentire la sua barbara voce. Di fronte alla tronfia tracotanza del malaffare, tutti abbiamo il dovere di fare fronte comune per percorrere e proteggere da pressioni e interferenze le istanze di legalità che provengono

15

dalla parte sana delle nostre città. In quest’ottica ognuno deve fare ciò che è demandato al proprio specifico ruolo, dal singolo cittadino che esprime solidarietà per non lasciare soli quanti subiscono la prepotenza dei criminali, allo Stato che ha il compito di mantenere l’ordine e la legalità, passando dalle varie istituzioni e organizzazioni. Bene ha fatto il ministro Maroni ad intervenire subito assegnando la scorta a Talarico su suggerimento del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica di Catanzaro (...)".

Quindici giorni Lamezia Servizi a cura di Carlo Talarico per il Corriere dei due mari

La città si stringe attorno a Franco Talarico

Colpi di pistola a casa Poi l'attentato a mare

Dopo gli atti intimidatori Speranza ha voluto una manifestazione contro le 'ndrine

Prima due colpi di pistola contro la sua casa a Lamezia, dopo quattro giorni una bomba manda in aria il pianterreno della casa al mare. Franco Talarico improvvisamente è diventato un bersaglio. Tutti si mobilitano per offrire solidarietà all'esponente politico lametino. Il presidente del suo partito, Pierferdinando Casini ha telefonato al ministro dell'Interno Roberto Maroni che ha prontamente promesso: «Tutto il mio sostegno su questa vicenda». Nel frattempo si tiene una riunione del Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica nella Prefettura di Catanzaro, alla stessa ora scoppia una bomba, anche se non ad alto potenziale, che ha la forza di scaraventare a qualche metro di distanza un infisso in alluminio di una veranda, distrugge il sottotetto del portico e danneggia seriamente i mobili del soggiorno. Il boato è stato avvertito distintamente fino al vicino quartiere di Sambiase. Immediatamente arriva la polizia con la sezione scientifica per i rilievi del caso. Arrivano anche vigili del fuoco e carabinieri. Vengono interrogati i proprietari, poi procedono alla ricognizione del luogo tra finestre divelte e vari calcinacci. Schegge dovunque in quello che è proprio un campo di battaglia. La domanda che ci si pone è perché questi attentati? Negli ultimi periodi Talarico ha preso scelte importanti. Lui, vicino all'onorevole Pino Galati, non è passato col Pdl quando il parlamentare è migrato verso quei lidi. Il consiglio comunale, con un documento unitario portato in Prefettura dal sindaco, ha chiesto l'assegnazione di una scorta a Franco Talarico, al pari di Gianni Speranza, Ida d'Ippolito e Doris Lo Moro.

Sono stati centinaia coloro i quali hanno partecipato alla manifestazione voluta dall'Amministrazione comunale di Lamezia per dire "no", in maniera ferma, ai poteri forti della mafia. Centinaia di lametini, molti dei quali rimasti fuori per assistere all'evento su un maxi schermo, hanno preso parte all'incontro pubblico che Speranza ha indetto, invitando a partecipare anche i rappresentanti istituzionali regionali e provinciali oltre che tutte le forze dell'ordine e la Chiesa, affinché tutti insieme si possa sconfiggere la grande piaga delle 'ndrine. A ribadire il rifiuto del condizionamento della criminalità organizzata a pochi giorni dagli episodi di intimidazione contro il segretario dell'Udc calabrese, Franco Talarico, presente anch'egli, sono intervenuti il vescovo della diocesi, monsignor Luigi Cantafora, i presidenti della Regione Calabria, Agazio Loiero e del Consiglio regionale calabrese, Giuseppe Bova, il sostituto procuratore della Dda di Catanzaro, Gerardo Dominijanni, il vicesegretario dell'Udc, Mario Tassone. Un incontro quello lametino, che si organizza a pochi giorni dai due gravi atti intimidatori subiti dal consigliere regionale e segretario dello scudocrociato, Franco Talarico, a pochi giorni ancora dalla denuncia del presidente di Confcommercio, Salvatore Cittadino, ma soprattutto a due anni dalla grande manifestazione antiracket promossa il 5 novembre del 2006 in seguito all'incendio che distrusse la dimora dei Godino e che fece registrare in città la forte presa di posizione della comunità con la

www.quinotizie.info

prima serrata dei commercianti. Allora, tanti gli appelli e le richieste rivolte al Governo centrale quali l'istituzione di una sezione distaccata della Dda a Lamezia, il rafforzamento della procura ordinaria e l'istituzione di un pool di intelligence supportato da strumenti e mezzi idonei e tecnologicamente avanzati per colpire il sistema economico-finanziario della criminalità. Richieste di supporto e di aiuto che si sono ribadite anche ieri assieme all'impegno che le istituzioni sono chiamate ad assumersi nei confronti della comunità e verso una città che ha fatto, negli ultimi tempi enormi passi in avanti. «In città si sta svolgendo un processo importante e le persone estorte così come il movimento antiracket stanno dando una grande mano alle forze dell'ordine - ha ricordato il sindaco Gianni Speranza -. Lo stesso presidente dei commercianti ha denunciato i fatti consegnando alla giustizia i suoi estortori e come lui, tanti altri ancora che hanno trovato

la forza di dire basta ai sopprusi del malaffare. C'é poi il Comune che per la prima volta nella sua storia si costituisce parte civile nei processi per mafia e il tribunale di Catanzaro che risarcisce i lametini con 5 milioni di euro. Tutti risultati importanti così come importante é il patto Calabria sicura che ha portato al rafforzamento delle forze di polizia, il sistema di videosorveglianza in città e nell'area industriale e queso stesso incontro che deve insieme istituzioni, chiesa e cittadini». Un punto di svolta positivo, dunque, sottolineato nelle parole del vescovo Luigi Cantafora, che col suo intervento ha rimarcato come «la Chiesa partecipa alla crescita di una comunità civile, religiosa e laica. Come uomini e donne si sono ribellati alle minacce e alle intimidazioni e come la libertà e la democrazia non sono valori di riserva ma, valori che vanno allenati, formati ed educati nelle coscienze». L'atteso intervento del consigliere regionale Franco Talarico è iniziato ringraziando quanti, in questa difficile fase della sua vita, gli sono stati vicini, ma soprattutto ha esortato i presenti, nella sua prima uscita pubblica dopo i vili attentati subiti, «ad abbassare i toni e ritornare alla discussione costruttiva. Ma soprattutto, a tenere bene in mente che la responsabilità di un politico, non é solo amministrare una città ma soprattutto quando va a formare le liste elettorali. In quel momento il politico onesto deve avere rigore morale e rigettare tutte le negatività che si possono presentare».

corriereduemari@mediawe.net

Fax: 0961.693111


16

corriereduemari@mediawe.net Novembre 2008

Quindici giorni Lamezia

Quindici giorni Lamezia

QuiNotizie - il Corriere dei due mari

Servizi a cura di Carlo Talarico per il Corriere dei due mari

Danneggiata una macelleria a Capizzaglie Nei giorni in cui la città di Lamezia si mobilitava per dare solidarietà al politico Udc Franco Talarico, la criminalità non arrestava i propri biechi programmi scatenandosi nell'ennesimo atto di violenza. Si è trattato di un segnale inquietante, giunto anche alla vigilia della manifestazione al teatro Umberto contro la mafia e contro il condizionamento delle cosche sulla città della Piana organizzata dal sindaco Gianni Speranza. Un ordigno a basso potenziale è stato fatto esplodere nella notte tra sabato e domenica 9 novembre, poche ore prima dell'evento nel centro città, davanti alla saracinesca di una macelleria. La deflagrazione, secondo quanto è venuto fuori da una prima stima effettuata dagli investigatori, ha provocato solo lievi danni: l'infisso è risultato annerito ma non danneggiato gravemente. Il fatto è avvenuto nel popoloso quartiere di Capizzaglie, ed è stato prontamente denunciato dai proprie-

tari dell'esercizio ai carabinieri. I militari dell'Arma hanno immediatamente avviato le indagini per individuare la matrice del gesto e pare che siano concretamente sulle tracce dei malviventi autori dell'atto intimidatorio. Tra le varie piste già battute dagli inquirenti, naturalmente, anche quella che condurrebbe al racket delle estorsioni. Anche la zona teatro dell'attentato, Capizzaglie, uno dei quartieri nei quali la presenza criminale è più marcata, potrebbe fornire agli inquirenti ulteriori elementi utili alle indagini. Del resto, che quella di Lamezia Terme e del suo popoloso comprensorio sia, sotto questo aspetto, una delle aree più a rischio è ormai definitivamente accertato dalle risultanze di numerose indagini giudiziarie, soprattutto della Direzione distrettuale antimafia, ma anche dai dossier di addetti ai lavori. Si tratta di una pressione ben delineata ed enucleata in maniera

esaustiva nell'ultima relazione della commissione parlamentare antimafia e nell'ultimo rapporto semestrale della Direzione investigativa antimafia e in quella del Ros dei carabinieri. Ormai imprenditori e commercianti sono i principali obiettivi da colpire ad opera delle 'ndrine, come si evince del resto anche dall'ultimo rapporto "Sos Impresa" della Confesercenti, che, sul fronte del racket delle estorsioni e dell'usura pone la provincia di Catanzaro tra le tre più a rischio in tutt'Italia, insieme a Caserta e Napoli, indicando in particolare Lamezia Terme e il Lametino come "zone rosse" insieme a quelle del Reggino e del Vibonese. Si tratta di terre di frontiera nelle quali è vietato abbassare la guardia per far sì che la società civile abbia il legittimo sopravvento su logiche di violenza ed intimidazione. Bisogna essere vigili e combattere partendo dal basso ogni forma di sopruso che genera paura nella popolazione e nell'imprenditoria locale.

Il premio Anthurium a Raffaele Gaetano Raffaele Gaetano è il vincitore della ventunesima edizione dell'Anthurium d'argento. La cerimonia di consegna dei premi, svoltasi presso l'Auditorium del Liceo Campanella, davanti ad una sala gremita oltre la normale capienza, ha visto la partecipazione di diverse autorità civili, militari e religiose, oltre che di semplici cittadini che non sono voluti mancare all'appuntamento col prestigioso Premio Anthurium, che si è svolto come ha voluto precisare, nel suo saluto il presidente Francesco Ruberto, in un luogo diverso dal solito ed in un periodo altrettanto diverso. Sul palco è salito anche il direttore delle Terme Caronte, Emilio Cataldi, che ha espresso l'augurio «di poter risolvere le problematiche e fare ritorno il prossimo anno nel sito (il Parco delle Terme) che 21 anni fa ha visto la nascita di questo Premio». Ha quindi preso il via la premiazione, condotta da Maria Scaramuzzino. Primo a sedersi sulla poltrona il giornalista e scrittore Raffaele Gaetano, al quale è andato il Premio Anthurium d'Argento - Sezione Lamezia, per la Rassegna Culturale "Il Sabato del Villaggio", «un appuntamento ormai stabile - ha detto Gaetano - per la nostra città e per la regione, una festa della cultura, con ospiti capaci di coinvolgere un pubblico eterogeneo». A premiare Gaetano il presidente del Consiglio Comunale, Gianfranco Luzzo. Sul palco anche

l'onorevole Doris Lo Moro che ha sottolineato il buon rapporto della città con Raffaele Gaetano. Ospite d'onore della serata l'attore Andrea Giordana, che ha letto poesie di Tommaso Campanella e di altri illustri autori calabresi. Il secondo premio, il Riconoscimento Anthurium "La Calabria nel cuore" è andato alla nota sociologa tedesca Renate Siebert, docente all'Unical di Cosenza. «Da 34 anni ha detto la Siebert - la Calabria rap-

presenta la linfa della mia vita quotidiana. Inizialmente sono approdata in questa regione per caso, a seguito di una proposta di lavoro... E così nella seconda metà degli anni '70, per me ha avuto inizio una sorta di vita nuova, una rinascita legata, un po' per scelta, un po' per destino, alla Calabria; la Calabria umida, boscosa, irta, silenziosa, la Calabria difficile, diffidente, ma col cuore in mano». Anche l'onorevole Ida D'Ippolito, condividendo il percorso dell'Anthurium, ha rimarcato che «le istituzioni devono ritrovarsi unite per dare sostegno al Premio Anthurium». Poi è stata la volta di consegnare il terzo premio, l'Anthurium d'Argento per la Sezione Calabria, è andato a Saverio Di Bella, docente all'Università di Messina. Anche lui si è soffermato a parlare di «'ndrangheta e di mafia, come un modello di gestione dei poteri che può essere vincente in alcune aree e può addirittura crescere, proprio perché ha complici all'interno dello Stato». Quindi è arrivato il momento dell'ultima premiata della serata per il Riconoscimento nazionale Anthurium Sezione Letteraria "Rosario Rubbettino", assegnato ad Antonia Arslan, scrittrice di origine armena autrice di "La masseria delle allodole", sul primo genocidio del ventesimo secolo del popolo armeno, il cui testo è stato scelto dal filosofo Renzo Mulato, presente alla serata.

www.quinotizie.info

Ritornano i voli Ryanair Lamezia Terme Londra Stansted

Il volo Ryanair da Lamezia Terme per Londra Stansted (sospeso solo per il mese di novembre) riprenderà l´operatività a partire dal prossimo 6 dicembre. Lo ha reso noto la Sacal, società che gestisce lo scalo aereo internazionale della città della Piana con un comunicato. Il collegamento verrà effettuato inizialmente due volte la settimana: nei giorni di sabato e martedì, per tutta la stagione invernale e fino al 28 marzo 2009. Dopodiché andrà in vigore l´orario estivo ed il collegamento raddoppierà la frequenza con quattro voli a settimana. ´´Il volo viene ripristinato - chiarisce il presidente della società aeroportuale Eugenio Ripepe - Sacal fa dunque ancora una volta la sua parte: che è, e deve rimanere ´´tecnica´´, propria di una Società di gestione aeroportuale. Ai calabresi e agli operatori turistici principalmente, allora, il compito di favorire il successo del volo (e quindi il suo mantenimento) assicurandone il riempimento e cercando al contempo di favorire l´incoming, l´arrivo e la permanenza degli inglesi in Calabria. L´altro nostro augurio è poter registrare la mobilitazione attiva di quanti in questi ultimi giorni hanno suonato il campanello d´allarme, preoccupati dalla cancellazione del volo, e che ora, risolta la questione, sono idealmente e concretamente chiamati a portare il loro fattivo contributo´´. Inutile sottolineare l'importanza dell'annuncio che torna ad aprire le porte della Calabria ad un pubblico nuovo e notoriamente attratto dalle bellezze naturalistiche della nostra regione. La circostnaza che il cuore del Regno Unito sia a portata di mano e delle tasche di tutti, serve a rompere un certo isolamento della Calabria dal resto d'Europa. Questi voli, poi, serviranno anche ai calabresi desiderosi di andare in vacanza in un Paese affascinante come quello inglese.


QuiNotizie - il Corriere dei due mari

corriereduemari@mediawe.net Novembre 2008

Quindici giorni Lamezia

Quindici giorni Lamezia

Servizi a cura di Carlo Talarico per il Corriere dei due mari

La polizia municipale ha una nuova sede Dopo circa vent'anni il Comando della Polizia Municipale lascia la sede di Piazza D'Acquisto e si trasferisce nel nuovo stabile in località Maddamme. Una sede sicuramente più prestigiosa e dotata di ogni comfort, con annesso un ampio garage capace di accogliere tutti i mezzi in dotazione al Corpo e un'apposita area per consentire una più razionale sistemazione degli archivi. «Da tempo - si legge in una nota - i vigili chiedevano di lasciare i vecchi locali, ormai non rispondenti alle più elementari norme della legge riguardante i luoghi di lavoro e, l'Amministrazione co-

munale, conscia della situazione che si era venuta a creare, ha disposto l'immediato trasferimento del Comando nella stessa zona dove insistono gli uffici più importanti. Tutto ciò consentirà una migliore sinergia

tra i vari settori del Comune, con evidente risparmio di risorseeconomiche e umane. Il Comandante del Corpo, Giuseppe Caputo, a fronte del particolare momento, auspica la comprensione dei cittadini che, per un breve lasso di tempo, affronteranno oggettivi disagi o qualche ritardo nell'istruttoria di pratiche che li riguardano. Tutto sarà compensato, aggiunge il Comandante, - quando avremo il Comando a pieno regime, da un servizio più efficiente ed efficace, così da rispondere alle esigenze della cittadinanza e alle aspettative dell'Amministrazione comunale».

Un interessante seminario di Confagricoltura Promosso dalla Confagricoltura Calabria, in collaborazione con la Direzione Organizzativa Confederale, si è tenuto a Lamezia Terme, un seminario di aggiornamento riservato ai dipendenti delle strutture provinciali dell'Organizzazione degli imprenditori agricoli calabresi che quotidianamente operano a supporto delle imprese agricole associate. L'incontro, tenuto dai funzionari confederali Michele Di Stefano e Sara Bianchi, rientra nell'ambito di una serie di attività istituzionali e di iniziative territoriali, promosse dalla Confagricoltura Calabria, dirette all'approfondimento delle tematiche di carattere sindacale ed organizzativo connesse all'attività di assistenza amministrativa e tecnica agli imprenditori agrico-

17

li. In particolare nel corso del seminario è stata evidenziata la necessità di strutturare un percorso di formazione a supporto dei dipendenti delle sedi delle Unioni Provinciali Agricoltori, che permetta loro di avere una visione più ampia della ‘mission' della Confagricoltura, sia dal punto di vista delle politiche sindacali che da essa vengono attuate, sia da quello strettamente legato alla gestione delle risorse umane, al fine di poter mettere il personale nelle migliori condizioni possibili per poter adempiere efficacemente alle proprie mansioni. Introducendo la giornata di lavoro, il Direttore di Confagricoltura Calabria, Giovanni Iannuzzi, ha voluto rimarcare «la necessità di creare per i

partecipanti un momento conoscitivo e di integrazione con il sistema Confederale, favorendo un innovativo sistema di comunicazione tra i funzionari e gli uffici territoriali, nell'ottica di un incremento qualitativo dei processi lavorativi». Il Presidente della Confagricoltura Calabria, Francesco Macrì, dal canto suo, ha sottolineato «l'importanza di questo incontro diretto a migliorare la professionalità dei dipendenti delle Unioni Agricoltori, per poter offrire loro strumenti di aggiornamento che garantiscano servizi sempre più efficienti agli associati e per far sì che gli uffici di Confagricoltura continuino ad essere un importante punto di riferimento per tutti gli agricoltori calabresi».

www.quinotizie.info

E' partita la formazione dei volontari ospedalieri E' partito presso l'ex Azienda sanitaria numero 6 di Lamezia Terme, il nono corso di formazione per volontari ospedalieri promosso dall'Avo del presidente della sezione locale nonché vicepresidente regionale, Vincenzo Nicastri. Si tratta di otto lezioni e di un colloquio finale al quale prenderà parte anche la dottoressa Caterina Mastroianni dell'ospedale locale, e che consisteranno nell'"Identikit" dell'Associazione volontari ospedalieri; nello studio della la persona umana senza trascurare il suo corpo e la sua dignità, con l'aiuto di padre Alber, cappellano dell'ospedale lametino. E ancora, Stati fisici e conseguenze psichiche affrontate dal dottore, due lezione specifiche sulla comunicazione umana, assertività, partecipazione e cambiamento, curate dalla relatrice dottoressa Annamaria Bruni, psicologa e responsabile dell'Ufficio relazioni con il pubblico, e altre ancora riguardante la deontologia e l'igiene, presentati ai nuovi avolini dai professori Gabriella Luzzo e professore Giovanni Cerra. La stessa Associazione volontari ospedalieri informa, inoltre, che ormai è dallo scorso mese di settembre che il gruppo lametino è presente nel reparto di ginecologia come accoglienza, dal lunedì al mercoledì dalle 8,30 alle 12,30. Informa altresì, che per informazioni e iscrizioni è possibile contattare il mobile 348/4096779. L'auspicio poi, è sempre lo stesso, che sempre più giovani si avvicinino a questa associazione che nasce e si sviluppa, sul desiderio di portare un sorriso agli ammalati ospedalizzati. A vestirsi con gli abiti della solidarietà per alleviare le sofferenze dei meno fortunati. Ora non resta che aspettare gli esiti dell'interessante iniziativa portata avanti con abnegazione dall'Avo.


QuiNotizie - il Corriere dei due mari

Guida controsenso: patente ritirata Un posto di blocco del comando polizia municipale di Soverato, impegnato in operazioni di routine ha fermato un'autovettura che nei pressi delle scuole cittadine e ad orario scolastico, circolava, controsenso, nella corsia di sinistra. Alla richiesta della esibizione dei documenti il cinquantunenne alla guida, residente a Centrache, ne risultava sprovvisto, in quanto da qual-

corriereduemari@mediawe.net Novembre 2008

che giorno gli erano state ritirate patente di guida e carta di circolazione. Quali conseguenze previste dal codice della strada si è, immediatamente, provveduto al fermo amministrativo del mezzo per un periodo di novanta giorni, con conseguente denuncia del conducente. Negli ultimi periodi la polizia municipale di Soverato, grazie a servizi mirati e nonostante l'esiguità del personale, ha ritirato quattro patenti di guida e numerose carte di circolazione non in regola.

Quindici giorni Soverato

A S. Andrea si firma per le strisce Grazie al buon senso di alcuni cittadini è in corso, a Sant'Andrea Apostolo dello Jonio, una raccolta di firme per realizzare le strisce pedonali in alcuni punti del tratto della strada statale 106 che attraversa il centro abitato. L'iniziativa, del tutto spontanea, sta avendo buoni riscontri. La richiesta verrà inoltrata al sindaco Maurizio Lijoi affinché interessi l'ente competente, l'Anas, per realizzare le

19

strisce pedonali di fronte l'area commerciale "Lagocentro", una zona spesso teatro di gravi incidenti automobilistici. Negli anni passati, infatti, ha perso la vita una donna, dopo essere stata travolta da un'auto, e diversi pedoni sono rimasti feriti in altri incidenti, accaduti in ore diverse del giorno. Dunque, per rendere più sicuro quell'attraversamento i cittadini chiedono una segnaletica adeguata che distolga il traffico della strada statale 106 da andature troppo veloci e perciò pericolose.

Quindici giorni Soverato Servizi a cura di Carlo Talarico per il Corriere dei due mari

Il Piano Strutturale Comunale arriverà in consiglio con il nuovo anno

Emergenza droga. Fenomeno da debellare Non passa giorno in cui non vengano sequestrate sostanze stupefacenti Un giorno no. L'altro sì e quello successivo pure. Tante volte si legge di arresti di giovani trovati in possesso di sostanze stupefacenti. Un fenomeno ch, purtroppo, dilaga tra consumatori e spacciatori. Sono piene le cronache dei giornali che parlano giorno dopo giorno di arresti. Uno degli ultimi ha visto coinvolto un giovane ventiseienne di Montauro, ritenuto responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente da parte dei carabinieri di Gasperina, comandati dal maresciallo Domenico Misogano, che hanno proceduto all'arresto del giovane di Montauro fermato mentre, con la sua autovettura, era nel

www.quinotizie.info

centro abitato di Stalettì. Insospettiti dal suo fare, i militari hanno deciso di procedere ad una perquisizione personale e veicolare, rinvenendo, all'interno dell'autovettura, cinque grammi di hashish confezionata con cellophane trasparente. Il giovane si è giustificato dicendo di aver acquistato la sostanza a Soverato da una persona non meglio identificata. I catrabinieri a questo punto, hanno esteso la perquisizione all'abitazione del giovane nel comune di Montauro. Nello svolgimento di questa attività, i militari hanno rinvenuto altri due involucri di plastica celati nelle tasche di un giubbotto contenenti rispetti-

vamente circa trentacinque grammi di hashish e quaranta di marijuana, immediatamente posti sotto sequestro dai carabinieri, unitamente ai cinque grammi già ritrovati. Considerate quindi le modalità di rinvenimento della sostanza stupefacente e la quantità complessiva, i carabinieri hanno così posto in stato di arresto il giovane prima che si spalancassero per lui le porte del carcere di Catanzaro prima dello svolgimento del giudizio per direttissima. Si riuscirà finalmente ad arginare un fenomeno che desta allarme in tutta la popolazione del comprensorio soveratese?

corriereduemari@mediawe.net

Il prossimo 20 novembre il consiglio comunale di Soverato, convocato dal suo presidente Giancarlo Tiani, discuterà anche di due importanti argomenti: il regolamento comunale e il problema dell'erosione della costa. E' slittata, invece, la data in cui si porterà in aula il Piano Strutturale Comunale per cui ci sono al lavoro gli esperti incaricati dal comune per la stesura del Piano stesso. Nelle intenzioni del sindaco Raffaele Mancini, c'è l'idea di uno sviluppo globale del territorio proteso verso tutto il comprensorio Soveratese. Ecco perchè si parla di un Piano strutturale comunale associato con il vicino comune di Satriano, che è praticamente attaccato a quello di Soverato, e anche con i comuni di Petrizzi, Montepaone e Gagliato. L'idea sembra fattibile ove si pensi che già da tempo si sta lavorando alla realizzazione dell'Unione dei Comuni, per meglio gestire in un'ottica di risparmio e di migliore qualità i servizi e non solo e quindi ottimizzare le risorse, piuttosto scarse, che ogni singolo comune ha a disposizione. Appare complesso l'iter per l'elaborazione del Piano urbanistico che è distinto in plurime fasi successive, ciascuna caratterizzata da una propria documentazione: il quadro conoscitivo, il documento preliminare, la valutazione sostenibilità ambientale e territoriale, la conferenza di pianificazione; il progetto di Piano, il Piano operativo comunale e il Regolamento urbanistico-edilizio. Dunque si dovrà attendere l'anno nuovo perchè lo strumento di pianificazione urbanistica possa essere portato all'attenzione dell'aula. Il Piano strutturale comunale punterà sull'incremento delle strutture ricettive.

Fax: 0961.693111


20

corriereduemari@mediawe.net Novembre 2008

Quindici giorni Soverato

QuiNotizie - il Corriere dei due mari

Un interessante cineforum sull'emigrazione Briatore e la Gregoraci Fermata la corsa di un autobus Al via il ricco programma nel presepe napoletano non sottoposto a revisione dell'università della terza età in programma all'istituto Natale? E' quasi alle porte. Ma a Una autovettura di un privato senza E' stato comunicato, ad opera della "Malafarina" Napoli l'atmosfera è già piena di revisione non è una notizia. Ma se segreteria dell'università della terza

Quindici giorni Soverato

presepi. Quelli di via San Gregorio Armeno, la celebre strada famosa in tutto il mondo per le botteghe artigiane dedicate al presepe. E come ogni anno, oltre a quelli classici, non mancano i "pastori d'eccezione", raffiguranti personaggi che nel corso dell'anno hanno fatto qualcosa di importante. C'è il neopresidente degli Stati Uniti, Barack Obama, con la moglie Michelle, il suo avversario John McCain, il premier Berlusconi, il ministro dell'istruzione Mariastella Gelmini, lo scrittore Roberto Saviano, autore del best seller "Gomorra", il presidente francese Nicolas Sarkozy e la consorte Carla Bruni. Accanto all'onnipresente Diego Armando Maradona, neo allenatore della nazionale argentina, troviamo i calciatori del Napoli. E in questa sfilata di gente famosa non potevano mancare, poi, i novelli sposi Flavio Briatore ed Elisabetta Gregoraci. Soverato, dunque è presente anche a San Gregorio Armeno.

Servizi a cura di Carlo Talarico per il Corriere dei due mari

ad essere bisognevole di revisione è un autobus di linea, la notizia c'è e fa anche rumore. E così è capitato che poco più di una settinama fa i carabinieri hanno fermato, nei pressi di Soverato un autobus che circolava tranquillamente senza aver fatto la revisione. Conseguenze? Libretto di circolazione posto sotto sequestro e pullman fermato dai militari. Ma gli interrogativi che si pongono immediatamente sono molteplici e finiscono con la paura di viaggiare con autobus che potrebbero avere problemi di sicurezza perché non sottoposti alle normai e periodiche revisioni per accertarne l'efficienza degli impianti. Dietro il blocco di quell'autobus potrebbe esserci una voragine, ovvero un numero cospicuo di mezzi che servono tratte in concessione. Mai come in questo periodo sono necessari maggiori controlli sulle strade. Prima che sia troppo tardi.

età "Magno Aurelio Cassiodoro", il programma delle attività didattiche relative al trimestre novembre 2008-gennaio 2009 del nuovo anno accademico. Di lunedì saranno tenuti corsi di letteratura, lettura e commento di testi classici di latino e greco dal professor Ulderico Nisticò; i corsi di lingua inglese, al martedì, saranno a cura della professoressa Karim Van Beck; mentre i corsi di educazione artistica e di recupero delle arti minori (mercoledì) si gioveranno delle lezioni delle professoresse Vittoria Lijoi e Nilde Zumbo; l'informatica sarà insegnata dalla professoressa Nunziatina Alvaro (ogni giovedì). Nell'aula magna dell'Istituto Commerciale "Antonio Calabretta" di via Carlo Amirante, poi, tutti i venerdì, con inizio alle ore 18, sono previsti interessanti "venerdì culturali" che tratteranno, di volta in volta, gli argomenti più diversi e interessanti.

Intimidazioni alla giunta comunale di Torre di Ruggiero La violenza contro politici amministratori ha tornato a fare capolino a Torre di Ruggiero. Prima è toccato all'impianto di distribuzione Agip di Chiaravalle Centrale, gestito dall'assessore Salvatore Chiefari, dove sono stati sparati nove colpi di pistola al chiosco e alla colonnina, quindi le attenzioni sono state rivolte nei confronti dell'assessore all'Ambiente Vincenzo Chiefari, che ha avuto la sorpresa di vedere la cucina rustica della casa di campagna situata in contrada Logge, distrutta da un incendio di chiara matrice dolosa. I piromani hanno scardinato una finestra e hanno dato fuoco ad una bottiglia contenente del liquido infiammabile. A chi non piace la giunta di Torre di Ruggiero guidata dal sindaco Giuseppe Pitaro? Difficile stabilirlo. Ad ogni modo, immediatamente, il sindaco Giuseppe Pitaro, ha chiesto al Prefetto di Catanzaro un incontro urgente e la convocazione del comitato per l'ordine e la sicurezza, evidenziando la grave situazione. «Interpelleremo le autorità preposte alla repressione, ma anche al controllo del territorio - ha comunicato con fermezza il primo cittadino - la condizione di isolamento dell'entroterra calabrese non aiuta a rasserenare gli animi. Ciò che serve - ha concluso Pitaro - è sicuramente solidarietà, ma anche attenzioni concrete. In gioco è la libertà di amministrare».

Al termine dell'incontro di Giuseppe Pitaro a Catanzaro col prefetto Sandro Calvosa ed il Comitato per l'ordine e la sicurezza, alla luce dei due atti intimidatori nei confronti di altrettanti esponenti della maggioranza del governo cittadino, il primo cittadino ha avuto modo di dichiarare: «Esprimo enorme soddisfazione dall'incontro avuto con il prefetto al quale va il mio enorme ringraziamento per la vicinanza ed il sostegno dimostratimi. Ho trovato attenzione e disponibilità in questo colloquio così come da parte della dottoressa Iannelli, vice prefetto e responsabile della sicurezza». Si tratta di un sostegno concreto, che vedrà, da subito un potenziamento dei controlli sul territorio comunale da parte delle forze dell'ordine. Anche in Parlamento, l'onorevole Nicodemo Oliverio (Pd) ha avanzato un'interrogazione nella quale ha messo in luce «l'azione di rinnovamento messa in atto da solerti amministratori comunali che non possono essere lasciati soli contro l'illegalità diffusa» e ha ribadito come l'azione amministrativa del sindaco Pitaro e della sua maggioranza abbia «innescato un rilancio complessivo del territorio anche in termini di sua maggiore visibilità». L'esponente del Pd ricorda i danni provocati un anno e mezzo fa dall'incendio doloso che ha devastato il comune di Chiaravalle ribadendo, oggi come al-

lora, che «nonostante le promesse, le pur minime richieste per attrezzare una risposta democratica significativa siano rimaste, fino ad ora, senza alcuna risposta: tenenza dei carabinieri o potenziamento della locale stazione dei carabinieri di Chiaravalle con una presenza fissa nel comune di Torre di Ruggiero». Nicodemo Oliverio ha chiesto ai ministri una iniziativa forte e comune per dare un segnale della vicinanza del Governo centrale, stimolando «gli organi periferici competenti - prosegue l'onorevole - ad un impegno straordinario affinché i responsabili degli atti intimidatori e criminali riferiti siano individuati e puniti». Sono numerose le intimidazioni a danno di amministratori in Calabria. Oltre 700 negli ultimi otto anni. E nel 2008 la lista si è allungata. E' un triste primato che fa riflettere, evidenziato nei numeri dal presidente della "Legautonomie Calabria" Antonio Acri, di cui il sindaco Giuseppe Pitaro è anche componente la direzione. Acri ha sottolineato come «il disastro, oramai non è negli eventi; sta in ciò che si ripete ogni giorno e, ripetendosi, non fa più notizia. Oramai il dramma appare la normalità delle centinaia di attentati. Al sindaco di Torre di Ruggiero ed ai suoi assessori, - continua Acri - non solo va la nostra convinta solidarietà, ma la piena adesione alla sue parole che segnalano la difficoltà di amministrare i piccoli comuni».

www.quinotizie.info

Grazie all'infaticabile opera collaborativa di Eugenio Attanasio e Giovanni Scarfò della Cineteca calabrese di Catanzaro, l'Istituto d'Istruzione Superiore "G. Malafarina" di Soverato ha predisposto un cineforum rivolto agli studenti su un tema di grande attualità: "Emigrazione ed Integrazione razziale nel cinema". Gli studenti di questa scuola avevano già partecipato negli scorsi anni all'esperienza del cineforum, dando prova d'interesse e gradimento, per cui il dirigente scolastico Domenico Servello, assieme al referente progetto cinema, Vincenzo Femia, ed al gruppo di collaboratori, ha pensato bene di ripeterla. Il progetto mira a sensibilizzare i giovani su questo tema che ormai appartiene a tutti i paesi occidentali, in una società semprepiù multiculturale. Il problema vero è farla diventare una società interculturale: è questo che ha spinto il gruppo di lavoro alla realizzazione del nuovo progetto, che ha preso il via domani il 12 novembre con la proiezione del film del calabrese Gianni Amelio "Così ridevano","Leone d'oro"alla cinquantacinquesima Mostra internazionale del Cinema di Venezia A fine proiezione gli studenti hanno incontrato Attanasio e Scarfò. Il secondo film sarà proiettato il 27 novembre alle ore 9: si tratta di "Saimir", di Francesco Munzi, cui seguirà l'incontro con Attanasio e Scarfò. L'11 dicembre, sempre alle 9 ed all'Itg, sarà la volta del terzo film in programma, "Lettere dal Sahara", del calabrese Vittorio De Seta. Quest'ultimo, assieme a Cissoko Soungoutuba, Eugenio Attanasio e Giovanni Scarfò, incontrerà studenti e docenti.


QuiNotizie - il Corriere dei due mari

corriereduemari@mediawe.net Novembre 2008

Quindici giorni Soverato

Quindici giorni Soverato

Servizi a cura di Carlo Talarico per il Corriere dei due mari

Chi e quando provvederà a ripulire l'autostazione? Autostazione di Soverato. Storia di ordinario degrado nel balletto di competenze. A chi tocca la pulizia dell'area?Spetta al Comune? No. L'area appartiene alle Ferrovie della Calabria. Ma il tempo passa e la congerie di rifiuti aumenta, rendendo meno vivibile un'area in cui tante persone passano decine di minuti in attesa dell'autobus. E che dire di autisti e personale che in quei luoghi lavora e passa parecchio tempo della propria giornata lavorativa dribblando cartacce e rifiuti di ogni tipo? Si tratta di un'area piuttosto estesa e ormai centrale per tutta la mobilità del comprensorio soveratese. Vederla in questo stado di abbandono non è un biglietto da visita spendibile per una città come Soverato sempre impegnata a tenere alto il proprio nome in tutto il mondo. Non resta che aspettare l'intervento di pulizia che, con cadenza fissa, renda fruibile questo spazio.

La castagna diventa una cuccagna "La castagna che cuccagna" questo il tema dell'interessante progetto della Scuola Primaria dell'Istituto Maria Ausiliatrice che ha coinvolto tutte le classi facendo diventareprotagonisti i bambini dai sei ai dieci anni. Il percorso progettuale durato per tutto il mese di ottobre, ha coinvolto le maestre delle cinque classi che hanno illustrato ai propri alunni, la castagna, le sue qualità e le caratteristiche di frutto autunnale. Nelle proprie classi i bambini hanno potuto apprendere una importante conoscenza sul castagno, un albero che si trova e cresce nelle nostre colline che matura dei frutti racchiusi in un particolare e caratteristico riccio protettivo. Tutti i bambini hanno realizzato disegni sulla tematica del progetto che sono stati poi, esposti nei corridoi della stessa scuola, per essere ammirati e posti all'attenzione dei familiari. I bambini hanno, inoltre, portato a scuola ricci e castagne dalle loro gite nei boschi, e dolci e pane preparati dalle mamme per sperimentare insieme,

21

come può essere trasformata la castagna. Gli alunni hanno, altresì, imparato favole e storie apprezzando la qualità di questo seme e di questo frutto, che veniva, un tempo, chiamato il pane dei poveri. Per la giornata conclusiva è stata organizzata una grande festa, presso il cortile interno dell'Istituto, che ha coinvolto tutti i bambini, i quali a turno e con in mano una bandierina a forma di castagna, hanno recitato filastrocche, poesie e storielle sulla castagna, entusiasmando i genitori e i familiari, arrivati in massa ad applaudire i propri piccoli. A fare da cornice tanti stand quanti

sono le classi della Primaria, allestiti con tanti dolci e leccornie rigorosamente tutti a base di quel frutto autunnale che piace a grandi e piccini. Il momento festoso si è concluso con una grande degustazione dei tanti dolci e prelibatezze preparati dalle mamme. Oltre al contenuto del progetto, la festa è servita a ricordare un episodio legato alla vita di Don Bosco, "il Miracolo delle castagne", «che ancora oggi - precisa suor Enza coordinatrice del progetto - costituisce un elemento della tradizione salesiana». Nel lontano 1800 don Bosco al ritorno dal cimitero, nella festa di tutti i Santi, aveva promesso le castagne a tutti i suoi ragazzi, ma Mamma Margherita pur avendone cotte a sufficienza si accorge che non sarebbe riuscita a soddisfare tutti. I ragazzi erano tanti e le castagne in pentola durante la consegna diminuivano. All'improvviso, quel mestolo che affondava nel fondo, risaliva in superficie sempre più colmo.

www.quinotizie.info

L'amministrazione comunale diserta le celebrazioni per il 4 novembre

«Non ho parole per descrivere la mortificazione che ho potuto provare nel constatare la completa assenza dell'Amministrazione comunale alla celebrazione liturgica e civile per la ricorrenza della giornata delle Forze Armate che coincide con il doveroso ricordo di quanti dispersi e caduti in guerra hanno dato il loro tributo, attraverso l'olocausto, per garantire oggi a tutti noi pace, libertà e democrazia». E' lo sfogo di Vincenzo Cilurzo, ex Presidente del Consiglio comunale di Soverato, che in una nota lamenta: «Quel banco e quei posti normalmente riservati per queste occasioni alla stessa Amministrazione, tristemente e desolatamente vuoti anche se occupato sul finire della celebrazione religiosa dal Sindaco, tra l'altro mestamente solo nell'assolvimento di questo doveroso quanto dovuto impegno istituzionale, ha lasciato sconcerto in quanti come me presenti, con stupore, hanno preso atto costernati dell'atteggiamento disinteressato di quanti hanno con ingratitudine ed irriconoscenza voluto ignorare questa giornata dedicata alla Memoria di quanti eroicamente si sono battuti per l'Unità d'Italia. Concludo questo mia riflessione ringraziando tutte le forze armate presenti che personalmente mi preoccupavo di invitare all'epoca del mio mandato insieme, tra l'altro, a tutte le Associazioni di Volontariato ed al Parroco della vicina Marina, ed in particolare l'Arma dei Carabinieri, la Polizia di Stato, la Guardia di Finanza, la Polizia Municipale, la Capitaneria di Porto l'Associazione Carabinieri che si prodigano quotidianamente per garantire e tutelare la legalità in questa città ed in questo territorio così come ringrazio anche la Banda Città di Soverato che attraverso le note dell'Inno, del Silenzio e della Leggenda del Piave riesce sempre a trasmettere le emozioni degne di questi momenti che suscitano una straordinaria emotività».


QuiNotizie - il Corriere dei due mari

corriereduemari@mediawe.net Novembre 2008

Sport Catanzaro

Sport Catanzaro

23

Servizi a cura di Carlo Talarico per il Corriere dei due mari

Alex Del Piero come Massimo Palanca? L'allenatore della Juventus elogia il giocatore chiamando in causa 'O Rey

Claudio Ranieri il recordman dei giallorossi

fatto sognare più di una generazione grazie alle sue magie che hanno castigato tutte le grandi, nessuna esclusa, del calcio nostrano. Giunto al Catanzaro che lo strappa alla Reggina a venti anni, rimane in giallorosso per sette stagioni, prima di essere ceduto al Napoli dal presidente Merlo per una cifra record (per il Catanzaro), di un miliardo e trecentocinquanta milioni di lire. Complice il carattere poco incline ad aprirsi, nel Napoli non ha fortuna e, nell'ottobre del 1982, viene spedito a Como prima di tornare nel capoluogo partenopeo e da qui scendere in C2 nella "sua" Foligno, dove retrocede nell'interregionale. Era una carriera, quella di Palanca che volgeva, malinconicamente, al termine quando giunge la chiamata del suo vecchio compagno di squadra Gianni Improta, dirigente del Catanzaro del presidente Pino Albano. Palanca raccoglie la sfida e rinasce: dall'ottobre 1986 alla stagione 1989/'90 delizia i tifosi entrando definitivamente nella leggenda giallorossa. Rivivono i suoi tocchi deliziosi di un tempo, le punizioni maligne e i corner pieni di effetto che entrano in porta senza difficoltà, castigando tutti e allungando la carriera di quel "vecchietto" terribile, da molti, dato per finito.

Claudio Ranieri, da calciatore ha giocato con le maglie di Roma, Catanzaro, Catania e Palermo. Inizia a giocare giovanissimo come attaccante, a 17 anni nella Roma Juniores, viene trasformato in terzino. L'esordio in serie A reca la data del 4 novembre 1973 in Genoa-Roma 2-1, a lanciarlo è il tecnico Manlio Scopigno. Gioca 6 partite in campionato, per poi passare al Catanzaro ove diventa un punto fermo della difesa giallorossa. Claudio Ranieri è il giocatore del Catanzaro ad aver disputato più gare in serie A: ben 128 presenze tra il 1976 e il 1982. Chiude quindi la carriera a Catania e poi coi rosanero del Palermo.

Alex Del Piero è l'eroe calcistico del momento grazie alle prodezze su calcio di punizione. Il numero 10 bianconero è allenato da una vecchia gloria dell'U.S. Catanzaro, quell'arcigno numero tre degli anni più belli: Claudio Ranieri, che, una settimana fa, in conferenza stampa, nell'elogiare il suo calciatore ha tirato in ballo un suo vecchio compagno di squadra. Un certo Massimo Palanca. Ecco le parole di mister Ranieri: "Del Piero non è solo punizione, è molto di più. Quando giocavo con Palanca ero sempre tranquillo, perché da lui ci si aspettava che potesse sempre fare qualcosa di imprevedibile. E questo ti portava ad essere positivo". Riviamo per sommi capi la leggenda di Massimo Palanca, piedino numero 37, idolatrato a Catanzaro ove viene ancora appellato come 'O Rey, un mancino naturale che trasformava punizioni e corner in calci di rigore, tanto alta era la sua percentuale realizzativa quando calciava col suo sinistro le punizioni leggermente decentrato sulla destra o i calci d'angolo dal fronte destro dell'attacco. Se a distanza di trenta e più anni ci si ricorda ancora di questo numero undici significherà pur qualcosa. Claudio Ranieri, terzino sinistro, ha giocato a Catanzaro insieme a Palanca dalla stagione

1974/'75 (quella dello spareggio maledetto di Terni col Verona che negò la serie A alla pattuglia guidata da Gianni Di Marzio), fino al 1980/'81 (settimo posto con Tarcisio Burgnich in panchina). Sette stagioni insieme, praticamente una vita, fatta di memorabili promozioni nel massimo campionato (1975/'76 e 1977/'78), una retrocessione in B (1976/'77), e poi gli anni della prima permanenza in A e delle soddisfazioni regalate alla tifoseria a suon di reti: Palanca è vicecapocannoniere nel %u201880/'81 alle spalle di Roberto Pruzzo. Ma chi è stato in realtà Massimo Palanca? Un uomo-calciatore schivo, di poche parole e perciò grande, in un mondo in cui si sproloquia tantissimo, un'ala sinistra di stampo antico, il numero 11 per antonomasia a Catanzaro. Alto centosettantuno centimetri per sessantuno chilogrammi di peso, nato il 21 agosto del '53, è Il giocatore che sta più di ogni altro nei cuori dei tifosi giallorossi per l'attaccamento e la dedizione dimostrata in oltre dieci anni di militanza. Palanca si presenta con baffetti e capigliatura riccioluta, sopracciglia folte, maglietta e pantaloncini sempre più grandi rispetto alla sua taglia ed un volto triste, quasi rassegnato. Eppure, nonostante il carattere, ha

www.quinotizie.info


24

corriereduemari@mediawe.net Novembre 2008

Sport Catanzaro

Sport Catanzaro

QuiNotizie - il Corriere dei due mari

Servizi a cura di Carlo Talarico per il Corriere dei due mari

Mister Provenza vince ma rimane coi piedi per terra Catanzaro inizia ad entusiasmarsi per le vittorie della sua squadra di calcio. Il suo condottiero, il dottor Nicola Provenza, invece, rimane coi piedi ben piantati per terra e non si esalta nemmeno dopo la bella vittoria di Melfi, giunta poco prima del triplice fischio finale. «Non dobbiamo venire mai meno - dice mister Provenza a quelle che sono le nostre prerogative, ovvero riuscire a fare disputare al Catanzaro un torneo indubbiamente migliore rispetto a quello dello scorso anno, migliorando quindi, il piazzamento per quel che concerne la classifica. Non possiamo, quindi, discostarci da queste idee, ne fare progetti a lunga distanza. Con i discorsi non si va lontano, il presente e il futuro del Catanzaro, invece, devono e dovranno essere rappresentati sempre dal lavoro che il gruppo svolge durante la settimana e che sfocia poi la domenica nella gara di campionato». uno che parla così è più realista del re, come si direbbe. Provenza, poi, prosegue sullo stesso argomento: «E' come una semina: se va bene, ci sarà un buon raccolto, in caso contrario è evidente che la stessa non è stata all'altezza della situazione. Ecco allora che, pur riconoscendo alla squadra quanto di buono fatto·in queste prime dodici giornate di campionato, è preferibile rimanere con i piedi per terra, prendendo per buono quello che viene gara dopa gara. Sono soddisfatto per la prova offerta dai ragazzi a Melfi, dove hann fatto vedere un buon calcio nella prima parte del match, andando poi, prima della fine del tempo, a ribaltare il risultato e ciò dopo il vantaggio dei lucani. Nellaa seconda frazione di gioco, invece, abbiamo consentito ai padroni di casa di guadagnare campo, la qual cosa ha permesso agli stessi di sfruttare alcune palle inattive, che invece, come ben sappiamo, costituiscono la nostra caratteristica. Proprio su una di quelle il Melfi si è riportato in parità, grazie al suo giocatore piu in vista, De Angelis, complice una deviazione di Berardi che non ha lasciato scampo a Mancinelli, il quale merita in ogni caso un grosso plauso per avere salvato, proprio nell'ultimo giro di orologio, il risultato, falto poi nostrograzie al lampo di Max Caputo». Ma se il risultato è stato quello migliore per il Catanzaro molti dei meriti vanno ascritti all'allenatore che ha operato alcuni cambi che hanno ridisegnato la squadra nel secondo tempo. Vediamo, al riguardo, il Provenza-pensiero: «L'allenatore sta in panchina per riuscire a fare interpretare al meglio la gara alla propria squadra. Diciamo che ho rivisto qualcosa nella zona nevralgica del

campo, con Berardi e Zaminga, ad esempio, che hanno dato una maggiore pressione nella fase offensiva.L'ingresso, poi, di Criniti ha consentito un maggiore dinamismo alla manovra, alla pari di quello di Iannelli. Vorrei aggiungere che anche Benincasa; nei pochi minuti in cui è stato in campo, si è dato un gran da fare svolgendo al meglio i compiti assegnati». L'allenatore quindi si sente di promuovere tutti i suoi ragazzi, indistintamente: «Non soltanto quelli che

corriereduemari@mediawe.net

hanno giocato, ma anche gli altri giocatori a disposizione in panchina; quelli che hanno assistito alla gara dagli spalti, quelli che sono rimasti a casa. Come ho avuto modo di ribadire, la forza del Catanzaro, è il gruppo, i cui componenti, più si calano nella parte, più possono diventare protagonisti, attraverso l'umiltà e la collaborazione, mettendosi sempre al servizio della squadra. Del resto non si vanno a vincere determinati incontri senza la presenza di queste prerogative».

Faxweb: 0961.693111

Calcio a 5 - Serie B Catanzaro sconfitto col minimo punteggio dalla Cadi Reggio

Un episodio ha condannato, col minimo punteggio il Catanzaro calcio a 5 nell'importante derby di serie B disputato a Reggio Calabria contro la Cadi. Al termine di una gara condotta a ritmi sempre bassi e poco spettacolare sono usciti vincitori i padroni di casa grazie, come si diceva, ad un episodio: a metà secondo tempo grazie all'assist di Oliveri, Donato Marcianò di testa ha messo alle spalle di Rodrigo, apparso incerto nell'occasione non essendo riuscito a trattenere la sfera. E alla fine il vantaggio dei reggini verrà conservato fino al termine regalando tre punti alla formazione di mister Emo e castigando oltremodo la formazione giallorossa che nel corso dell'intera gara si era lasciata preferire per il gioco espresso anche se, davanti, ha sprecato troppe occasioni. Sarà stata la giornata di gloria del portiere reggino, sarà stata la troppa foga ma il Catanzaro non è riuscuto a buttarla dentro. Dopo un primo tempo noioso in cui non sono stati annotati tiri nello specchio è seguita una ripresa leggermente più frizzante che si è movimentata quando Durante ha colpito un palo in pieno dopo un errore dell'estremo difensore giallorosso. Il pericolo ha portato l'immediata risposta del Catanzaro con capitan Celia, tra i migliori in campo, che cerca l'affondo e pareggia il conto dei legni con un destro preciso e potente. La formazione di mister Tuoto ribatte colpo su colpo senza però riuscire a portarsi in vantaggio, tutto ciò fino a quando Marcianò scardina la difesa giallorossa. Segue l'arrembaggio dei giallorossi, con tanto di portiere attaccante ma non riescono a trovare un pareggio che sarebbe stato sicuramente meritato per quanto visto al Botteghelle contro una Cadi da rivedere. Ora toccherà al Catanzaro rimettersi in carreggiata superando la formazione di Scafati.


QuiNotizie - il Corriere dei due mari

Sport Catanzaro

corriereduemari@mediawe.net Novembre 2008

Servizi a cura di Carlo Talarico per il Corriere dei due mari

La Nautica Alcaro si sbarazza della capolista Dopo la convincente vittoria di Pozzuoli, la Nautica Alcaro si ripropone con una bella prestazione che le consente di liquidare, dopo una grande prestazione, la capolista San Severo, uscita sconfitta dal PalaPulerà con il punteggio di 79-71. Decisa, autoritaria nelle fasi decisive, brava a non perdersi nei momenti difficili, dominante a rimbalzo (ben 38 contro i 26 dei pugliesi) e insuperabile in difesa: questi sono i connotati della rinata formazione catanzarese, brava a rialzarsi dopo un periodo di appannamento coinciso con qualche sconfitta di troppo. La Nautica Alcaro, in serata di grazia, ha avuto in uno strepitoso Ogliaro (18 punti e 6 assist), nel solito Cattani e nel superlativo Fiasco (seconda doppia doppia consecutiva con 16 punti e 10 rimbalzi) i suoi trascinatori.

Il primo periodo ha viaggiato sui binari dell'equilibrio per oltre 8', poi si è scatenato Cattani che, con le sue due triple, unite ai canestri di Fiasco e De Monaco, consentiva alla sua squadra di chiudere sul +9 nei confronti di un San Severo apparso sorpreso dall'allungo dei giallorossi. Nei secondi 10' di gioco la formazione di casa partiva forte e andava sul +12 (33-19 massimo vantaggio al 12'), prima della reazione del San Severo che, sotto l'impeto di Bottiroli, ricuciva parzialmente lo strappo, andando al riposo lungo in svantaggio di sole 5 lunghezze, distacco facilmente recuperabile. E al rientro gli ospiti tiravano fuori la grinta e l'orgoglio, mentre la Nautica Alcaro riusciva in qualche modo a contenere il loro ritorno grazie ai punti di Ogliaro e De Monaco. Ma al 30' era Bartolini a firmare il

sorpasso: 58-57. Negli ultimi 10' il capolavoro della Nautica Alcaro che entusiasmava il pubblico accorso al PalaPulerà di Giovino. Il San Severo si portava infatti sul +3 (65-62) al 32', ma da quel momento i padroni di casa non sbagliavano più nulla, piazzando un tremendo break di 17-0 che avrebbe steso chiunque e chiudevano, così il match. Solo nell'ultimo giro d'orologio le due bombe di Di Viccaro rendevano meno pesante il passivo per i pugliesi: il finale diceva 79-71 per Cattani e compagni che rispedivano a casa battuta la temuta capolista. Ora per la Nautica Alcaro, che raggiunge quota sei punti in classifica, si può realmente riaprire il campionato. Prossimo impegno dei giallorossi in casa del Gragnano che sopravanza il quintetto di coach Tunno di due sole lunghezze.

Bocce, la Tomassi vince e convince Esordio positivo per la Tomassi che nel corso dei campionati italiani di serie C è presentata sulle piste dell'impianto Janò con il nome del nuovo sponsor "Five camerette". Un esordio scoppiettante che ha portato il team catanzarese, in gara contro il Presicce di Lecce, a concludere la pratica con un ottimo 3 a 0. Una vittoria che dà morale e nuovo entusiasmo alla rinnovata formazione del presidente Rosati. Contro una compagine non trascendentale, i locali, pur commettendo alcuni errori tecnici, con una prova di carattere hanno avuto ragione dei pugliesi. Chi ne guadagnava era lo spettacolo e gli applausi elargiti del pubblico. Certo gli uomini di mister Oreste Savaro, che ha lasciato l'onore di dirigere la formazione della Tomassi al suo secondo Franco Scozzafava, hanno faticato ma il punteggio finale ha rispecchiato l'andamento di una gara che li ha visti quasi sempre avanti. Prima fase della Tomassi con giocate ben congeniate che mettevano in difficoltà i pugliesi, costretti, nella partita individuale a cedere il primo set per 8-1. Secondo set più equilibrato con il giocatore di casa, Pino Leone, che si impone sul filo di lana per 8-7, dopo una buona partenza che lo aveva portato sul 5-1 ha dovuto subire la veemente rimonta del suo avversario portatosi sul 5-7, ma con carattere e determinazione, riusciva nelle ultime tre giocate a ribaltare il punteggio ed aggiudicarsi il set. Dopo due ore esatte di gioco, termina anche la partita di terna con Codamo-Venneri-Perricelli che hanno la meglio su

Buccarello-Giannotta-Mancarella per 8-6/8-6. Al rientro in pista dopo il meritato riposo, con la Tomassi in vantaggio per 2-0, gli ospiti, grazie anche ad un leggero rilassamento dei padroni di casa e ad una maggiore padronanza delle piste, tentano un improbabile recupero. Si portano in vantaggio per 0-3 nella coppia e per 1-4 nell'individuale. A questo punto, spronati da mister Savaro e dal tecnico in campo Scozzafava ed incitati dal numeroso pubblico assiepato sulle gradinate, i padroni di casa reagiscono, aggiudicandosi tutte e due i set per 8-6 sequenza coppia e sequenza individuale. Nel secondo set di coppia, a punteggio acquisito, sullo 0-3 il tecnico sostituisce Perricelli con Emanuele Scozzafava e a nulla valgono tutti i tentativi per impedire agli ospiti di salvare

l'onore conquistanto il secondo set di coppia per 3-8. Prosegue invece la marcia trionfale di Codamo che si impone anche nel secondo set individuale per 8-2. Ottima la prova di tutta la squadra; regolare e millimetrico all'accosto il debuttante Perricelli, devastante, preciso e spettacolare nella bocciata Carmine Venneri, sicuro e trascinatore il capitano Pino Leone, inculcatore di fiducia e tranquillità ai compagni in pista Emanuele Scozzafava, ma una nota di merito in particolare al giovane Giuseppe Codamo, altro debuttante in questa squadra ed in questa società, che dopo un tentennante avvio nelle partite di terna, vinta l'emozione ha saputo dare un grosso apporto ai compagni e conquistare il punto nella terna e poi in scioltezza il punto nel secondo individuale.

www.quinotizie.info

Sport Catanzaro

25

Prende il via la IV edizione del progetto "Giovani a canestro" "Giovani a Canestro", il progetto, arrivato alla sua quarta edizione, è stato presentato all'Università della Calabria, all'interno del XV Congresso Nazionale di Medicina dell'Adolescenza (Sima). Un anno di lavoro e di sport durante il quale venti ragazzi in età adolescenziale si alleneranno quattro giorni a settimana a Catanzaro come una vera e propria squadra di basket. Aspetto medico e aspetto tecnico si fondono per mettere al centro l'adolescente e la sua attività sportiva. Lo staff tecnico che seguirà i ragazzi è di primo livello. Il coordinatore tecnico sarà Pasquale Iracà, allenatore nazionale e formatore Fip, che ha spiegato nei dettagli cosa i ragazzi andranno a fare dal punto di vista tecnico; allenatore Simona Pronestì; vice allenatore Sonia Smacchia; preparatore fisico Rosario Scarfone. Per la Fip (Federazione Italiana Pallacanestro) era presente il presidente del Comitato di Cosenza Rito Vuono. L'ideatore del progetto e responsabile dello stesso è il dottor Giuseppe Raiola, past president del Sima e neo presidente della Magam. «I ragazzi che faranno parte della squadra - ha spiegato saranno sottoposti a test fisici e medici che permetteranno di tarare la proposta sulle reali esigenze dei giovani atleti. Particolare attenzione, infine, verrà posta alla metodologia e all'aspetto psicologico vista la criticità propria dell'età adolescenziale. Ma la cosa più importante - ha concluso Raiola - è che i ragazzi non sono di nostra proprietà. Anche se investiamo su di loro, non esistono cartellini di vincolo, saranno sempre liberi di andare dove vogliono». Alla conferenza stampa per la presentazione della quarta edizione di "Giovani a canestro", esponenti del mondo politico hanno patrocinato l'evento con la loro presenza. La senatrice Dorina Bianchi ha sottolineato l'importanza di questa iniziativa, definendo «l'adolescenza età più impegnativa, nella quale però si sviluppano delle abitudini che devono essere il più possibile sane. Spero allora che il calcio non sia più il solo sport nazionale. Mi auguro che attraverso questo progetto anche il basket, che è sport di squadra sano, diventi sempre più praticato». Dello stesso avviso l'onorevole Beniamino Donnici, parlamentare europeo, il quale ha sottolineato «la dimensione umana alla quale "Giovani a canestro" riporta lo sport. In questa società convulsa, globalizzata e piena di contraddizioni - ha ammonito Donnici - la bellezza di questa squadra, è proprio quella di arrivare al connubio mens sana in corpore sano».


QuiNotizie - il Corriere dei due mari

corriereduemari@mediawe.net Novembre 2008

Sport Lamezia

Sport Lamezia

27

Servizi a cura di Carlo Talarico per il Corriere dei due mari

Prosegue la risalita della Vigor I biancoverdi recriminano per la beffa finale col Noicattaro che costa due punti

Ammirata non molla: "Andiamo a Barcellona per prendere i tre punti"

berato bene dal limite dell'area, ma il tiro è centrale e viene neutralizzato senza gorssi affanni dall'estremo difensore del Noicattaro. La supremazia vigorina si concretizza e diventa rete al 28' grazie alla precisione nel calciare una punizione da trenta metri ad opera di Riccobono. Palla che termina la sua corsa all'incrocio dei pali e finalmente squadra e publbico possono esultare per il vantaggio e per la bella rete messa a segno. a questo punto basta gestire Basterebbe dunque gestire con acume la gara per portare a casa i tre punti. E questo succede fino allo scadere quando il direttore di gara indica 4 minuti di recupero. La forza della disperazione spinge anche il portiere ospite Sassanelli in avanti su due corner. Al 46' Lucioni di testa sfiora la traversa. Il centrocampo della Vigor si smarrisce e un minuto dopo consente un lungo traversone che finisce sui piedi proprio di Lucioni, bravo e veloce ad infilare l'incolpevole Panìco. E' la più classica delle beffe. Occorre ripartire immediatamente capitalizzando la piccola striscia positiva di risultati, a partire dalla due prossime trasferte contro Igea Virtus e Aversa Normanna, squadre ampiamente alla portata degli ammirevoli ragazzi biancoverdi.

Prevale il rammarico dopo il pareggo col Noicattaro, un pari che ha il sapore della beffa. Mister Ammirata analizza così iuna gara che, dopo il vantaggio con Riccobono stava per prendere una piega favorevole: «Dopo la nostra rete siamo stati bravi a non farli giocare perché ci tenevamo tanto a questa vittoria. Eravamo riusciti, con quel bel calcio di punizione di Riccobono, a fare gol. Devo dire però che abbiamo incontrato un avversario molto ostico; molto duro e che per tutta la partita ha giocato per non farci giocare. Noi non abbiamo mai rischiato nulla, per cui il gol negli ultimi due minuti di recupero è stato come se avessimo preso due schiaffi quando meno te lo aspetti. Purtroppo il calcio è fatto anche di questo cose. Bisogna prenderne atto e andare avanti». A questo punto viene da chiedersi se questa beffa potrà avere contaccolpi psicologici... «Io dico che è una mazzata - prosegue Alfonso Ammirata -. Questa è la verità. Però deve influire soltanto oggi e domani. Poi penseremo a preparare come si deve la gara di Barcellona Pozzo di Gotto, dove incontreremo un'Igea Virtus che in casa è squadra che riesce a vincere. Bisogna prepararsi bene, scrollandosi di dosso questa partita per cercare i tre punti». Parola di Fofò Ammirata.

Col Noicattaro è stata una vera e propria beffa. Ma la Vigor Lamezia c'è ed è in via di ripresa sempre che gli infortuni non la danneggino ulteriormente. Questa l'estrema sintesi dell'ultimo periodo vigorino. Con la formazione pugliese i biancoverdi hanno perso due punti in pieno recupero quando, ormai, assaporava la gioia della prima e ancora tanto attesa vittoria in casa. Al termine di una gara non di alto livello, la formazione di Ammirata, encomiabile dal punto di vista del cuore e della grinta messa in campo, dopo essere passata in vantaggio grazie a una prodezza balistica di Riccobono poco dopo la metà della ripresa su calcio di punizione, veniva raggiunta, o meglio beffata, sul finire rimandando a giorni migliori i titoloni per la prima vittoria casalinga stagionale. Gli infortuni, negativa costante di questa stagione, avevano penalizzato la Vigor già dopo una manciata di minuti di gioco, con mister Ammirata costretto a rinunciare al difensore centrale Filippi bloccato da una contrattura muscolare. Al suo posto veniva spedito in campo Stroffolino che disputava una gara diligente. Dopo una incursione ospite con Siclari che costringeva Panico alla parata la Vigor tardava a svegliarsi e continuava a cedere campo agli avversari che provavano con Rana per ben

due volte, nella seconda delle quali l'attaccante pugliese si presentava solo davanti a Panìco e il pallone finiva la sua corsa sul palo alla sinistra portiere biancoverde. Poco dopo la mezzora un altro infortunio falcidia la Vigor Lamezia: Manca si invola sulla sinistra e viene letteralmente steso in maniera violenta da Lucioni, che viene soltanto ammonito. L'attaccante biancoverde termina la sua gara esce in barella con una distorsione al ginocchio. Seconda tegola per l'allenatore Ammirata che manda in campo Ragaztu. La ripresa vede in campo solo la Vigor Lamezia che cerca ripetutamente il vantaggio. Ci prova con Rondinelli, anticipato da un difensore, con Di Donato che colpisce di testa con la difesa che intercetta la sfera, ci prova, ancora con Ciotti la cui punizione viene respinta dalla barriera. Il Noicattaro esce dal guscio in una sola circostanza, con un tiro dell'ex catanzarese Siclari che si perde alto sopra la traversa difesa da Panìco. A metà della ripresa Ragatzu, servito in area da Riccobono, supera il portiere ospite Sassanelli ma viene chiaramente atterrato. L'arbitro non concede il calcio di rigore e ammonisce per le successive proteste l'attaccante biancoverde. Ragatzu prova ancora a scardinare la difesa rossonera pugliese, dopo essersi li-

www.quinotizie.info


28

corriereduemari@mediawe.net Novembre 2008

Sport Lamezia

Sport Lamezia

QuiNotizie - il Corriere dei due mari

Servizi a cura di Carlo Talarico per il Corriere dei due mari

Le difficoltà nei derby della Berretti biancoverde Al via la stagione

della Volley Futura

Altri due week end amari per la formazione Berretti della Vigor Lamezia costretta a digerire due sconfitte in altrettanti derby contro Catanzaro e Cosenza. Netto il divario tra giallorossi e biancoverdi, coi primi che nella gara disputata domenica 2 novembre a Catanzaro Lido hanno superto i pari età allenati da mister Barone, con cinque reti messe a segno da Alfieri (autore di una doppietta in avvio di gara grazie anche ad un infortunio difensivo del portiere lametino Granieri), Capicotto, Sticozzi e

Colao. Gara priva di spettacolarità visto che il Catanzaro, al termine del primo tempo, era già avanti di tre reti. Nella gara disputata sabato 8 novembre in casa contro il Cosenza, la Vigor è stata superata da una rete di Viscardi lesto a castigare i padroni di casa nel corso del secondo tempo. La Vigor Lamezia, colpita dal vantaggio dei lupi rossoblu cerca di replicare con determinazione, cercando con insistenza le incursioni dei centrocampisti, bloccati, però, dall'attenta difesa cosentina che ha

corriereduemari@mediawe.net

evitato guai al proprio numero uno. Nel finale di gara, la Vigor Lamezia, dopo aver rischiato in qualche occasione la seconda rete perché troppo protesi in avanti alla ricerca del pareggio, cercano in tutte le maniere il forcing finale per rimettersi in partita, ma, alla fine, gli sforzi profusi risultano vani e il risultato non cambia premiando coi tre punti il Cosenza, mentre alla Vigor rimane il rimpianto di aver perso una gara che poteva tranquillamente terminare con un risultato positivo.

Faxweb: 0961.693111

Una nuova società di volley femminile arricchisce il panorama dello sport lametino. La Volley Futura Lamezia è la novità e conta già più di sessanta ragazze iscritte. L'iniziativa è nata dalla passione dei suoi dirigenti, tra i quali il presidente Giulio Dattilo ed il suo vice Ettore Cevola che hanno consentito a diverse famiglie di assecondare la passione delle proprie ragazze di ricevere insegnamenti in uno sport seguito, socializzante e sano. La nuova società è composta soltanto da genitori e si pone l'obiettivo di diventare un centro catalizzatore di un nuovo movimento che sia in grado di far appassionare nuovamente tutta Lamezia dopo le delusione che è stata costretta ad inghiottire negli ultimi anni nel campo pallavolistico. non c'è intento lucrativo nell'iniziativa che tende a valorizzare le ragazze che poi sono le figlie dei dirigenti. In ciò il nome dato alla società pare azzeccato mirando a costruire un gruppo che tra un paio di anni potrà essere in grado di dare soddisfazioni con la naturale crescita delle ragazze. Dal punto di vista tecnico si è deciso di affidare il sestetto nelle mani di tecnici giovani ma già con una buona esperienza alle spalle. Si tratta di Matteo Tarzia (venticinque anni) e Giuseppe Cugnetto, ragazzi che, anche sul fronte educativo, hanno valori che poi potranno trasmettere alle atlete. La Futura giocherà le gare interne nella palestra della scuola per Geometri, cosa di non poco conto, pur essendo una società giovanissima, disputerà tutti i campionati giovanili: under 18, under 16, e under14, oltre che al campionato di Prima Divisione che avrà inizio a fine novembre e vedrà protagoniste società delle province di Catanzaro e Crotone. La Prima Divisione verrà affrotnata dalla Futura con un gruppo giovanissimo composto per la maggior parte da under 15 oltre a qualche under 17. Dunque, in questa stagione, a Lamezia c'è una valida alternativa alla Engeco Lamezia, società che disputa la serie B femminile, E' un'alternativa che vuole creare nuovi entusiasmi in tutte quelle persone rimaste deluse dal passato e perciò allontanatesi da un ambiente, quello della pallavolo, pur sempre sano ed esaltante ad ogni livello. Oltre che dal presidente Giulio Dattilo e dal suo vice Ettore Cevola, l'organigramma è composto dal segretario Giacinto Longo e dai consiglieri Giovanni Battista Gallo, Luigi Tarzia e Demetrio Perri.


QuiNotizie - il Corriere dei due mari

Sport Lamezia

corriereduemari@mediawe.net Novembre 2008

Servizi a cura di Carlo Talarico per il Corriere dei due mari

Il Tiriolo Martelletto prosegue la sua marcia Il Tiriolo Martelletto continua il suo splendido momento di forma. Dopo la vittoria interna contro il Torretta sono arrivati altri tre risultati utili consecutivi. Due importanti vittorie in trasferta contro Raffaele Nicastro e Corigliano e un pareggio interno contro il Mirto Crosia di mister Tedesco. Nella gara contro la Raffaele Nicastro si è visto un Tiriolo voglioso e determinato ad ottenere i tre punti. Al vantaggio di Pasquale Talarico, ben lanciato da Fabiano, ha risposto capitan Cerminara su calcio di rigore. A chiudere il match nella ripresa ci ha pensato Rocca che, ancora su assist di Fabiano, mette dentro il pallone della vittoria.

Poi, nel match seguente, il Tiriolo ha ospitato al "Cuture" il Mirto Crosia. Nella prima frazione di gioco sono gli ospiti a passare in vantaggio dopo pochi minuti con un goal di Bongiorno. Poco dopo il Tiriolo Martelletto trova il pareggio con un goal di testa di Davide Romagnuolo che

sfrutta al meglio un calcio piazzato dalla sinistra di Rocca. Sul finire di primo tempo il Tiriolo cerca la rete del vantaggio prima con Lorenzo Fazio che, ben lanciato da Gregorace, con una conclusione volante impegna il portiere ospite e poi con Nisticò, il cui colpo di testa finisce di poco alto. Nella ripresa succede davvero poco, eccezion fatta per una buona occasione per il Mirto con salvataggio provvidenziale di Romagnuolo. Da sottolineare in questa gara la grande prestazione del centrocampista Gregorace. Nell'ultimo turno, un ottimo Tiriolo dopo una partenza un po' lenta, riesce a rimontare il risultato a Corigliano grazie alle prodezze di Nisticò e Rocca.

La corsa dei due mari rinnova il suo successo Leonardo Sestito della Hobby Marathon Catanzaro e Vita Passalacqua dell'Atletica Marathon Santeremo, si aggiudicano il titolo individuale della quinta edizione della Corsa dei Due Mari. La supermaratona di 57 chilometri valevole come prova di campionato regionale individuale e staffetta di gran fondo, organizzata per il quinto anno consecutivo dalla società sportiva lametina, Violettaclub del presidente Franco Cerra. Una gara unica nel suo genere, che come di consueto ha avuto origine da Marina di Curinga ed attraversato i centri urbani di Acconia, Maida, Jacurso, Cortale, Girifalco e Borgia per poi concludersi sulla splendida spiaggia di Roccelletta di Borgia. Un percorso articolato, pianeggiante per i primi 15 Km, che diventa più faticoso via via che si arriva al 38º Km con la difficoltà per gli atleti in gara, di dovere affrontare prima un tratto in salita e poi, da Girifalco un tratto più veloce in discesa e pianeggiante sino all'arrivo. Una gara che ha visto vittoriosi nella fase individuale, Leonardo Sestito e Vita Passalacuqa mentre, nella steffetta maschile, a salire sul primo gradino del podio, la Società organizzatrice dell'evento. La Violettaclub di Piricò e Cerra composta dai bravi Francesco Cuzzocrea, Filippo Lo Piccolo e Francesco Duca. Per la staffetta mista, "oro" per la francese Spiridon Voiron Charteuse che ha messo in campo il miglior organico composto

da Pierre Caillat e Anne Marie Lomanto. Per la staffetta dei Comuni, primatisti gli atleti in forza all'Amministrazione di Girifalco, Sergio Ferraina, Stefano De Stefani, Antonio Giampà, Domenico Rodio, Antonio Stranieri Antonio, Salvatore Marinaro e Antonio Cristofaro. La quinta edizione della gara, è stata poi anche l'edizione dei record con Leonardo Sestito che nell'individuale maschile batte con il tempo di 3h56'07" il primato del collega della Libertas Lamezia, Antonio Guzzo detentore (4h 06'25"). Idem per la vincitrice in campo femminile con Vita Passalacqua. Nella staffetta, ancora record lametino per la società Violettaclub che con il tempo di 3h20'14", espugna il miglior tempo della staffetta dell'Hobby Marathon

Catanzaro attestatosi a 3h34'09. Riguardo poi agli ospiti presenti, immancabile la presenza dei francesi della Spiridon Dauphinois Voiron Charteuser capitanati dal nicastrese ed ideatore dell'edizione zero del 2003, Salvatore Perri, di rappresentante della Fidal regionale, Mirna Caiulli e Santino Mineo nonché di numerose personalità politiche dei comuni interessati all'evento. Tra questi, il consigliere della provincia di Catanzaro Riccardo Bruno, il sindaco di Borgia, Domenico Rijllo e gli assessori Rosanna Passafaro e Salvatore Abruzzo, i consiglieri Leonardo Maiolo e Concetta Varano. Per quanto riguarda la premiazione finale, il trofeo in palio è andato al primo cittadino di Borgia, Domenico Reijllo.

www.quinotizie.info

Sport Lamezia

29

Il tennis lametino si afferma a Roma nel quarto trofeo della Lupa con Viola e Ascioti Il tennis lametino continua a riscuotere buoni successi anche a livello nazionale. Grazie a Fabrizio Viola e Carmelo Ascioti, vincitori nel 4° "Trofeo della Lupa" svoltosi sui campi romani in terra rossa del circolo tennis "Lanciani". Torneo a squadre organizzato dall'Alleanza sportiva italiana e svoltosi con una formula a staffetta innovativa distribuita in tre manche con conclusione a 6 -12 e 18 games, ha coinvolto tennisti provenienti dalla maggior parte delle regioni d'Italia. Numerosi atleti che in soli tre giorni si sono sfidati in continue ed appassionate oltre che impegnative prove, che ha portato alla fine, la coppia Viola-Ascioti, a prevalere sui campioni uscenti del circolo tennis "Lanciani" trascinando nell'entusiasmo il numeroso pubblico presente con tutto il repertorio tecnico in possesso dei finalisti fino all'eloquente punteggio di 18 a 16.

Eccellenza Il Sambiase travolto (4-1) dal Bagaladi Brutta battuta d'arresto per il Sambiase nel torneo di Eccellenza calabrese. L'Omega Bagaladi, infatti, ha annientato la capolista avvicinandosi alla testa della graduatoria. I giallorossi lametini sono stati piegati dalla giornata di grazia di Vittorio di Maggio, autore di una tripletta, mentre Laurendi e Spader hanno completato il tabellino dei marcatori. Insipegabile il ko di un Sambiase che era chiamato a dare continuità ad un campionato già da incorniciare ma che, alla prva dei fatti, ha subito un brusco stop per via del pesante passivo (4-1) subito da una squadra che ha dimostrato soltanto di crederci dall'inizio alla fine. Una giornata storta può capitate, sicuramente, ma, come sostenuto da Francesco Sbano, assente per infortunio nella disfatta reggina, «Va dato il merito al Bagaladi, che è una buona squadra. Loro hanno fatto la loro partita e ci hanno superato. Ma, non dobbiamo abbatterci e bisogna continuare lungo la strada che abbiamo intrapreso sperando di riprenderci immediatamente da questo passo falso nel prossimo appuntamento casalingo contro la Taurianovese».


QuiNotizie - il Corriere dei due mari

corriereduemari@mediawe.net Novembre 2008

Sport Soverato

Sport Soverato

31

Servizi a cura di Carlo Talarico per il Corriere dei due mari

Un curriculum di tutto rispetto Massimo Scalzo, è nato a Catanzaro il 3 luglio del 1982. Appassionato da sempre dall'arte scientifica del combattere, comincia a praticare Arti Marziali nel 1991. Sotto la guida del suo Maestro Alfredo Giuliano, intraprende il suo cammino nel WuShu KungFu presso l'Accademia Nazionale Italiana Arti Marziali Cinesi di Catanzaro. Da subito si nota una grande passione e dedizione verso l'Arte Marziale Cinese e i suoi contenuti etici e morali. Dopo alcuni anni di pratica, Massimo Scalzo fa del WuShu KungFu esercizio quotidiano. Nel 1997, il suo Maestro nota la sua predisposizione all'insegnamento delle Arti Marziali, avviandolo all'assistenza Tecnica presso l'Accademia di Catanzaro, affidandogli prima un gruppo di giovani allievi per poi passare ad insegnare a gruppi di allievi di tutte le fasce d'eta. Nel 2000, iniziano i suoi successi agonistici, vincendo tutte le selezioni e i Campionati Italiani. Nel 2002 è Pluri Campione Italiano e viene convocato per i Campionati europei I.K.F.F. a Bilbao (Spagna), dove conquista un secondo posto nelle Armi Corte Tradizionali. Nell'ottobre del 2002, corona finalmente il suo sogno piu grande, fondando la sua scuola di WuShu KungFu a Soverato, portando per primo le Arti Marziali Cinesi in questa Città.

Massimo Scalzo è campione europeo di Kuoshu Prestigiosa affermazione del direttore tecnico del centro di arti marziali cinesi Si sono svolti l'8 e il 9 novembre in Svizzera, a Lugano, i campionati Europei Ufficiali I.C.K.F. "International Chinese Kuoshu Federation" (Zhonghua Guoshu Guoji Lianmeng Gonghui) la Federazione riconosciuta ufficialmente dal Governo di Taiwan R.O.C. Republic of China con sede a Tai Pei. Presenti per l'occasione oltre a varie personalità politiche Svizzere, anche il presidente mondiale in persona Yang Jui Fong giunto direttamente da Taiwan. Le specialità di questo campionato Europeo sono state Tao Lu (forme) Tradizionali, Tai JiQuan, Shuai Jiao (lotta cinese) e Lei Tai (combattimento tradizionale cinese), è tipico infatti della federazione ICKF portare avanti le competizioni solo di specialità tradizionali non facendosi influenzare dal modernismo portato avanti dalle federazioni della Cina Popolare che negli ultimi anni hanno spinto molto il lato puramente agonistico sportivo con le specialità di alto livello di Wushu Moderno e SanDa. Molto più conservatrice e tradiziona-

lista, infatti, la Federazione ICKF, che ci tiene ancora a preservare le caratteristiche originali della dell'Arte del Wushu-Kungfu indicandola ancora con il termine Nazionalista di Kuo Shu "Arte Nazionale" da cui il nome della federazione stessa. Tra gli atleti della Nazionale Italiana PWKA era presente anche il Maestro Massimo Scalzo, oramai veterano di questa Nazionale giunto alla sua ottava presenza ufficiale che non ha certo smentito i pronostici e i risultati che lo hanno sempre visto protagonista degli

eventi internazionali di categoria. Di tutto rispetto i risultati ottenuti da Massimo Scalzo che sono Stati 1 oro e 3 bronzi e che lo vedono ufficialmente Campione Europeo ICKF 2008. Moltoagguerriti sono stati i suoiconcorrenti in particolar modo spagnoli e polacchi che hanno reso la competizione uno confronto di alto livello tecnico marziale incerto fino alla fine. Il Maestro Massimo Scalzo, direttore tecnico del Centro Studi Interdisciplinari Arti Marziali Cinesi di Soverato, con questi ultimi risultati risulta

www.quinotizie.info

essere anche l'atleta calabrese più medagliato a livello internazionale nella disciplina del Wushu-Kungfu, pur predicando costantemente, sempre e comunque che l'agonismo è solo l'ultimo aspetto del Wushu kungfu, valore che gli è stato trasmesso direttamente dal suo Maestro Alfredo Giuliano, facendo sì che oltre che ad essere un agonista di alto profilo, sia soprattutto noto come insegnante, divulgatore e umile professionista dell'Arte Marziale Cinese. Ancora una volta l'accademia nazionale italiana arti marziali cinesi del Maestro Capo Scuola Alfredo Giuliano, pioniere del Wushu-Kungfu in Calabria, con il suo studente Maestro Massimo Scalzo, si trova protagonista, con pieno merito, della scena internazionale e porta ancora una volta lustro non solo alla città di Soverato ma anche a tutta la regione in una disciplina che va oltre lo sport avendo tanti significati legati alla sua pratica, ormai millenaria non soltanto nella Cina, paese di origine del Wushu-Kungfu.


32

corriereduemari@mediawe.net Novembre 2008

Sport Soverato

Sport Soverato

QuiNotizie - il Corriere dei due mari

Servizi a cura di Carlo Talarico per il Corriere dei due mari

Il primo trofeo per don Guglielmo Papaleo Il 30 ottobre, allo stadio Comunale S. Lucia di Borgia si è svolto il primo trofeo "Don Guglielmo", dedicato all'indimenticabile fondatore della gloriosa società Guglielmo. Alla presenza del giovane nipote di Gugliemo Papaleo, Daniele Rossi, presidente dei giovani industriali di Catanzaro oltre che responsabile della comunicazione e della pianificazione delle attività produttive dell'azienda, si è svolto il torneo che ha visto tre squadre partecipanti: Soverato Virtus (da due stagioni sponsorizzata Guglielmo), la Promosport Lamezia Terme e l'U.S. Borgia. Due le squadre di promozione Soverato (girone B) e Promosport (girone A) mentre il Borgia disputa la terza categoria (girone G). Le partite si sono disputate con una durata di 40' minuti totali. La prima partita ha visto di fronte il

Borgia contro il Soverato di mister Galati, in campo col "nuovo" acquisto Parisi che ha servito, su corner, l'assist per Paparo che ha deciso la partita. Nella seconda gara la perdente Borgia si è arresa alla Promo-

sport per 6-0, e si è nettamente vista la differenza di categoria tra le due squadre. A rete sono andati Sirianni e Graziano con una doppietta ciascuno, quindi Vescio e Gaetano. In finale la Promosport ha affrontato un'avversaria di pari categoria e ha avuto la meglio sul Soverato superandolo con il punteggio di due a zero grazie alle reti di Sirianni bravo a superare il portiere con un delizioso pallonetto e Dell'Amica. In questa partita Galati ha potuto schierare diversi giovani e provato diversi schemi di gioco che torneranno utili per il prosieguo del campionato. La Promosport si è così aggiudicata la coppa di prima classificata mentre una targa è stata consegnata a Daniele Rossi per ricordare l'amato nonno "don" Guglielmo Papaleo.

L'accorato appello del presidente dell'Us Badolato

L'ultima sconfitta interna dell'U.S. Badolato, contro il Siderno, ha spinto il presidente della società giallorossa, Enzo Larocca, a scrivere una lettera aperta agli sportivi di Badolato che riportiamo per estratto: «Carissimi, è questa la prima volta, da quando sono stato eletto presidente dell'U.S. Badolato, che vengo a rivolgermi pubblicamente a tutti voi. Innanzitutto, devo congratularmi con tutti i dirigenti dello scorso anno, e con il Commissario prefettizio Dott. Sebastiano Cento, per aver tanto validamente contribuito a far accogliere, dalla Lega nazionale dilettanti della Calabria, la nostra istanza di essere ripescati nel campionato di Promozione. È la prima volta che il Badolato milita in un

campionato così prestigioso, un campionato che abbraccia quasi tutte le province della regione, Reggio Calabria, Vibo Valentia, Catanzaro e Crotone, e penso sia per noi motivo di vero orgoglio che il nome di Badolato sia oggi associato al nome di altre città importanti della Calabria. Vorrei anche ringraziare gli organi istituzionali del nostro paese: il Consiglio comunale, il sindaco Nicola Parretta, l'assessore allo Sport Vincenzo Piperissa, la Giunta tutta, perché da quando mi sono insediato li sento tutti molto vicini alle problematiche dello sport e della nostra Società. Ho riscontrato in loro una reale volontà di migliorare gli impianti sportivi, ed in specie di ristrutturare e arredare l'interno degli spoglia-

corriereduemari@mediawe.net

toi e di costruire anche, sempre che si riesca a reperire i fondi necessari, una tribuna coperta». Il presidente Larocca, quindi, passa a spiegare i motivi che l'hanno spinto ad accettare la carica di presidente, grazie alla grande passione per il calcio e al ricordo del padre, già presidente dell'U.S. Badolato negli anni ‘70, «ma il motivo più importante per il quale ho accettato è sicuramente quello di mantenermi al servizio del mio paese, nel quale mi onoro di essere nato, anche se ne sono fisicamente distante, e di far qualcosa di concreto per i tanti giovani che, attraverso questo nobile sport, hanno modo non solo di trascorrere momenti di allegria e serenità, ma anche di educarsi a valori come la lealtà sportiva, il fair play in campo e fuori e la buona civiltà.In campionato, non stiamo certo attraversando un momento florido, ed anzi la classifica ci assegna l'ultima posizione. E' normale che tutto ciò mi rammarichi non poco, ma resto convinto che il lavoro sul campo del mister Sinopoli e del direttore Sportivo, Salvatore Cundò, possa farci sperare in migliori risultati futuri. La Società, per suo stile, non ha mai esonerato allenatori durante il campionato, salvo rarissime eccezioni, e comunque conserva la massima fiducia in Mister Sinopoli, mentre i dissapori che possono essersi creati tra di lui e qualche dirigente si dissolveranno a breve».

Faxweb: 0961.693111

Soverato corsaro ad Africo col minimo sforzo. E ora si va a Marina di Gioiosa Soverato corsaro in quel di Africo, al cospetto di una squadra in confusione (giunta alla seconda sconfitta interna, terza consecutiva). I ragazzi di mister Galati, grazie ad una rete di Paparo ad un quarto d'ora dal termine, hanno piegato le resistenze dei locali al termine di una gara giudiziosa, ordinata, senza grossi pericoli corsi. Le migliori cose sono venute dal centrocampo del Soverato, sempre superiore a quello degli avversari che non sono mai riusciti a prendere le misure. Da rilevare, ad ogni modo come i tre punti conquistati siano stati asoslutamente meritati, anche in virtù di una gara senza sbavature fatta di attenzione costante in difesa con fulminee ripartenze sulle fasce dove i due Micelotta e Spanò hanno fatto il bello e cattivo tempo, e va rimarcato solo come qualche imprecisione di troppo sotto porta abbia impedito ai ragazzi di mister Galati di ottenere un risultato più rotondo o di sbloccare prima il punteggio. Eppure all'inizio era partiti meglio i padroni di casa dell'Africo che sfioravano il vantaggio con Mollica che su gli sviluppi di una punizione si vedeva respingere la palla sulla linea. Da quel momento in poi l'Africo sparisce dal campo ed è il Soverato a rendersi più volte pericoloso con Ursino, i Micelotta e Gullà. Nella ripresa lo stesso spartito: Soverato sempre pericoloso e Africo guardingo. Al 33' la svolta: incursione di Spanò che serve al limite Paparo che controlla e con destro preciso batte Romeo regalando il goal del vantaggio e quindi i tre punti preziosissimi, anche perché la reazione rabbiosa dell'Africo non impensierisce mai veramente gli ospiti che sul finire sprecano il 2-0 con Cristallo che solo davanti a Romeo conclude a lato. Da rilevare, come la mossa di mister Galati di inserire al 22' della ripresa Paparo al posto di Crispino, sia stata premiata perché l'attaccante ha indovinato la giocata vincente dopo pochi minuti dal suo ingresso in campo dando una vittoria di platino alla sua squadra. a questo punto del campionato, dopo aver disputato dieci gare è interessante la posizione del Soverato, quarta forza del campionato alle spalle della Nuova Gioese, del Marina di Gioiosa e dell'Isola Capo Rizzuto. Ma il vero esame di maturità per il Soverato ci sarà domenica 23 novembre, allorquando la formazione di mister Galati affronterà la seconda consecutiva trasferta sul campo del Marina di Gioiosa.


corriereduemari@mediawe.net Novembre 2008

QuiNotizie - il Corriere dei due mari

QuiMotori

33

QuiMotori Obama punta al Auto, andamento rispetto dell'ambiente ancora più negativo

Il neoeletto presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ancor prima del suo insediamento previsto per il 20 gennaio, ha già diverse questioni delicate da affrontare. Fra queste, spicca senz'altro la gravissima crisi in cui versa il mercato dell'auto, con le "big three", ai minimi storici dal dopoguerra, che sembrano incapaci di rialzarsi da sole. Già nel corso della lunga campagna elettorale, il candidato democratico ha ribadito più volte la sua intenzione di incentivare la produzione e la vendita di auto ibride, nel tentativo di risolvere, almeno in parte, anche l'annoso problema dell'inquinamento. Obama, infatti, in risposta al premio di 300 milioni di dollari offerto dal rivale McCaine per sviluppare nuove batterie per le vetture ibride, ha promesso un credito d'imposta di 5000 dollari per l'acquisto di veicoli a emissioni zero. E per quanto riguarda la massiccia riduzione delle emissioni inquinanti, il senatore afroamericano ha intenzione di lasciare definitivamente in garage la sua Chrysler . Puntare sul rispetto per l'ambiente: questa la ricetta, come già affermato durante la campagna elettorale, incentivando la produzione di veicoli ibridi, elettrici o con qualsiasi altro sistema di propulsione a bassa emissione di agenti inquinanti. Secondo il nuovo Presidente, attraverso la ricerca di nuove soluzioni e l'immissione sul mercato di veicoli ecologici il mondo dell'auto si risolleverà, e tutti potranno contribuire a risolvere il problema dell'inquinamento. Se davvero sarà così allora è probabile che sulle strade d'America vedremo ancor prima modelli praticamente pronti, come Chevrolet Volt, Toyota Prius, Honda Insight, Tesla Motors, Mini E e magari l'italiana Pininfarina B0

In ottobre le immatricolazioni di nuovi veicoli in Italia sono diminuite del 18,89 per cento rispetto all'ottobre 2007. Il gruppo Fiat ha registrato un calo del 13,1 per cento, con una quota di mercato del 32,83 per cento, in crescita dal 30,72 di un anno fa Come era nelle attese, le immatricolazioni di auto in Italia hanno segnato in ottobre un ennesimo rallentamento. Il ribasso è del 18,89 per cento a quota 167.940 veicoli, secondo le cifre comunicate dal ministero dei Trasporti. Anche l'automobile, dunque, risente alla grande della crisi dei consumi. Tuttavia, il gruppo Fiat ha registrato un calo inferiore a quello del mercato, con il 13,1 per cento di veicoli immatricolati in meno (55.129 unità). La casa del Lingotto ha aumentato la

sua quota di mercato portandola al 32,83 per cento contro il 30,72 per cento dell'ottobre 2007. Nello stesso periodo sono stati registrati 476.371 trasferimenti di proprietà di auto usate, con un calo del 4,05 per cento rispetto a ottobre 2007. Il volume globale delle vendite (644.311 autovetture) ha dunque interessato per il 26,07 per cento auto nuove e per il 73,93 per cento auto usate.

:: Vetrina dell'auto usato Bmw Z4 3.0 I Roadster

Bmw X3 2.0 D. Futura

Euro 24.000,00

Euro 36.500,00

Anno 2004 - Km. 65.000 , Interni in poelle, cruise controll, PDC, fari allo xeno, sedili elettrici.

Anno 2006 - Km 36.000 Interni in pelle, nav. sat., bluethoot, tetto panoramico, barre portatutto,PDCantepos,volantemultifunzione

Max Motors 0961.759047

Max Motors 0961.759047

Land Rover Discovery 3 Mod. SE Range Rover Sport 2.7 TDV6

Euro: 26.500,00

Euro: 47.000,00

Anno 2004 - Km. 100.000 - Vernice met., nav. satellitare, imp. audiovisivo post., Tv, dvd,tel.integrato,barreportapacchi,portabici

Modello HSE. Immatricolazione ottobre 2007 - Km 22.000

Autofamar 0961.770258

Autofamar 0961.770258

Hyundai Santa Fè 2.2 CRDI Dynamic

Hyundai I30

Euro: 31.500,00

Euro: 14.500,00

Km 0 - 09/2008. Full-optional (Cerchi in lega - Clima aut. Interni in pelle - ecc...)

Hyundai Ruga 0961.759659

Km 0 - 08/2008 Full optional

Hyundai Ruga 0961.759659

PER LA PUBBLICITA' SU

"il Corriere dei due mari " il giornale della grande area metropolitana

MEDIATAG SPA

Tel. 0961.996802 attendere e comporre il 4 info@mediatag.it - www.mediatag.it

Per essere presente con le tue offerte in questa rubrica telefona a Mediatag spa 0961.996802


34

QuiCasa

corriereduemari@mediawe.net Novembre 2008

QuiNotizie - il Corriere dei due mari

QuiCasa :: Vetrina Immobiliare :: Kasa Doc Immobiliare

Tecnoborsa, Compravendite: il settore residenziale registra il maggior calo

Kasa Doc Immobiliare

A partire da E. 214.000,00

E. 270.000,00

CATANZARO - Loc. Caraffa - vendesi villette a schiera, di nuova costruzione.Termoautonomo a metano. Rifiniture di pregio. Posto auto. COD. M /G - www.kasadoc.it

MONTEPAONE LIDO - A circa 100 metri dal mare - vendesi villetta con giardino e doppio accesso. Posti auto recintati. COD. 137 - www.kasadoc.it

Tel. 0961.744162 - 707849

Tel. 0961.744162 - 707849

Kasa Doc Immobiliare

A partire da E. 194.000,00 CATANZARO - Nella splendida cornice del Golfo di Squillace, vendesi villette a schiera. Patio, giardino, posto auto. Termoautonome. Nuova costruzione - COD. SM/G -www.kasadoc.it

Tel. 0961.744162 - 707849

Kasa Doc Immobiliare

A partire da E. 197.000,00 CATANZARO - M. Domini- in zona residenziale, vendesi splendidi appartamenti con terrazze e alcuni con giardino. Posto auto - Rifiniture medio/alte COD. 191 - www.kasadoc.it

Tel. 0961.744162 - 707849

Kasa Doc Immobiliare

E. 425.000,00 CATANZARO CENTRO - Discesa Filanda appartamento ristrutturato al 4° piano di circa 185 mq, più due terrazze COD. 165 - www.kasadoc.it

Tel. 0961.744162 - 707849

L'Agenzia del Territorio evidenzia come nel I semestre 2008 il volume di compravendite complessivo sia stato di 780.953 transazioni con un decremento complessivo pari a -12,3%, sul I semestre 2007. Si conferma, pertanto, il trend negativo già segnalato a partire dal II semestre 2006, dopo un lungo periodo di crescita più o meno continua. Il settore residenziale, con 355.265 compravendite, è quello con il decremento più elevato, pari a -14%, più forte al Nord (-15,4%), meno al Sud (-10,7%), mentre il Centro segna un -14,8%. Il mercato del settore residenziale subisce un forte calo, anche nei Comuni non capoluogo, con una contrazione del 14% pari a quella delle città capoluogo. La quotazione media delle abitazioni è salita ancora dell'1,4% nel I semestre 2008, rispetto ai sei mesi precedenti. Su base annua, i prezzi salgono del 4,3% contro il 5,6% del semestre precedente. Il settore terziario, con 8.818 transazioni, risulta in decrescita del -12,5%; il settore commerciale, con 22.880 transazioni, risulta in calo del -8,6%; il settore produttivo, con 7.771 transazioni, è quello con il calo più ridotto, -3,5%; i magazzini (compresi cantine e depositi al servizio delle abitazioni), sono in calo del -9,2%, con 52.718 compravendite; le tipologie raggruppate nella categoria 'altro' (box e posti auto in prevalenza, ma anche alberghi, immobili pubblici e categorie speciali), con 333.501 transazioni, subiscono un decremento del -11,4%. Assoedilizia rassicura i risparmiatori italiani del settore edilizio, affermando che non c'è nessuna preoccupazione di rischio crack del mercato immobiliare ma neppure rimbalzi dei prezzi degli immobili che, data la tempesta sulle Borse, possano essere individuati come oggetto di speculazione quali beni-rifugio. La casa in Italia, peraltro, pur vedendo assestarsi il proprio valore, è ben lontana dai rischi che hanno travolto il mercato immobiliare in America e in altri Paesi. Le operazioni di riporto dell'immobile cui hanno fatto largo ricorso le famiglie americane - operazioni favorite storicamente da una continuativa crescita dei valori, dal basso costo dei mutui, dal minor rapporto di copertura della esposizione debitoria rispetto al valore immobiliare, adottato dalle banche in sede di erogazione dei mutui (coperture talora superiori ai prezzi di acquisto) - hanno fatto sì che, ai primi segnali di crisi dei valori di mercato, si sia scatenato un effetto-domino che ha travolto l'intero comparto. Tutto ciò in Italia non si è verificato, e probabilmente non si verificherà, in quanto il mercato immobiliare italiano ha un andamento poco dinamico (scarsa mobilità abitativa e ridotto ricorso al sistema dell'investimento a reddito per gli usi diversi dall'abitazione) e le famiglie italiane che hanno comprato casa non si sono lanciate nella irresponsabile corsa alla speculazione arrivando, come negli Usa, a cambiar casa per fare un affare e a finanziare anche le spese familiari con i finanziamenti dei mutui. Inoltre, il patrimonio immobiliare italiano è stabilmente nelle mani di oltre 20 milioni di famiglie,

sensibilmente meno indebitate di quelle statunitensi ed europee; il flottante annuo è pari a meno del 2% del valore di capitalizzazione degli immobili e quest'ultimo rappresenta oltre dieci volte la capitalizzazione della Borsa. Ciò non vuol dire che il settore sia esente da sofferenze; ad esempio, il rincaro del costo del denaro ha fatto innalzare il costo delle rate dei mutui, creando problemi alle famiglie; inoltre, il calo della domanda per investimento dato dalla bassa redditività degli immobili che riduce l'offerta delle locazioni rappresenta un ulteriore freno per l'economia nazionale, quasi ferma. Per rilanciare il mercato immobiliare sarebbe necessaria una nuova politica di alleggerimento fiscale che generasse una ripresa del settore e una maggiore dinamicità delle compravendite e dell'offerta abitativa in locazione. La maggiore onerosità dei finanziamenti e le politiche di razionamento del credito, operate dalle banche come conseguenza della crisi finanziaria, avranno un effetto deprimente sul mercato immobiliare. La previsione è di Nomisma, che per il 2008 stima un calo di 90.000 compravendite per il solo comparto residenziale, mentre per i prezzi è atteso un calo medio in termini reali tra il 3% e il 5%, rispetto al 2007. La diminuzione delle compravendite sarà più consistente nelle grandi città, con cali dal 5% all'8%. In questo quadro di incertezza, testimoniato dall'aumentata propensione alla liquidità degli investitori, solo un ulteriore allentamento della politica monetaria risulterebbe in grado di attenuare i vincoli che limitano molto la capacità di spesa delle famiglie. E' il trilocale l'immobile preferito da chi cerca casa: lo rivela un'inchiesta di Tecnocasa, relativa a settembre 2008. Nelle grandi città, il trilocale è la tipologia più richiesta (36,6%); a seguire, il bilocale con il 26,9% delle richieste e, infine, il quattro locali con il 21,2%. A Milano, Napoli e Bari la maggioranza della domanda si concentra sui bilocali. Da luglio a ottobre si osserva un lieve aumento di concentrazione di richieste sui bilocali (+0,2%) e sui cinque locali (+0,3%). A Milano e a Napoli i monolocali e bilocali insieme raccolgono il 52% delle preferenze. Per quanto riguarda l'analisi della disponibilità di spesa nelle grandi città, la maggioranza delle richieste si concentra nella fascia compresa tra 169 e 249 mila euro (24,2%); a seguire, la fascia compresa tra 250 e 349 mila euro (21%) e quella tra 119 e 169 mila euro (20,1%). Rispetto alla media delle grandi città fanno eccezione Roma e Firenze, dove la maggioranza delle richieste si concentra nella fascia tra 250 e 349 mila euro; a Roma si cercano bilocali e a Firenze trilocali; Genova, Palermo e Verona registrano una maggiore concentrazione di richieste nella fascia compresa tra 119 e 169 mila euro e in tutte e tre le città si cercano trilocali; Torino registra una concentrazione di richieste nella fascia di spesa entro i 120 mila euro e in quella compresa tra 119 e 169 mila euro e, in entrambe le fasce di spesa, le richieste riguardano monolocali, bilocali e trilocali.

Kasa Doc Immobiliare

E. 245.000,00 CATANZARO Loc. Sarrottino - vendesi villetta prestigiosa - su tre livelli di circa 235 mq - Rifiniture di pregio. Giardino , 2 posti auto , garage. Cod. 42 - www.kasadoc.it

Tel. 0961.744162 - 707849

Kasa Doc Immobiliare

E. 750.000,00 BOLOGNA - Via Francesco Orsoni - appartamento di circa 230 mq con locale seminterrato di circa 50 mq e sottotetto di circa 64 mq. COD. 126 - www.kasadoc.it

Tel. 0961.744162 - 707849

Kasa Doc Immobiliare

E. 420.000,00 BOLOGNA - in zona centrale - vendesi splendido appartamento di circa 88 mq con terrazza, cantina e garage. Rifiniture di pregio. COD. 176 - www.kasadoc.it

Tel. 0961.744162 - 707849

Per essere presente con le tue offerte in questa vetrina telefona a Mediatag spa 0961.996802


36

corriereduemari@mediawe.net Novembre 2008

QuiAste

QuiNotizie - il Corriere dei due mari

QuiAste

In collaborazione con AsteInfoappalti

Glossario

BACHECA DEGLI ANNUNCI D'ASTA IMMOBILIARE

TRIBUNALE di Catanzaro www.aste.eugenius.it Assegno circolare non trasferibile : Titolo di credito con il quale una banca si assume un obbligo incondizionato di pagare una cifra indicata avendo preventivamente ricevuto dal richiedente un versamento equivalente. Asta: Procedimento attraverso il quale vengono venduti beni al miglior offerente. Bonifico bancario: Trasferimento di fondi ordinato da un debitore a favore di un creditore effettuato tramite banca. Causale (di versamento o bonifico): Espressione che illustra i motivi per i quali si sta disponendo una somma di denaro in favore di un soggetto. Cauzione: Deposito di una somma di denaro o di titoli a garanzia dell'adempimento di un obbligo. Dicitura: Breve scritta che serve come indicazione, chiarimento, avviso. Elenco Lotti Invenduti: Elenco degli immobili che risultano non aggiudicati ad alcun Offerente al termine della fase delle Offerte Segrete. Elenco Offerenti Residuali: Elenco dei soggetti ammessi alla fase d'asta delle Offerte Residuali Ex-aequo: Condizione di parità tra due o più soggetti in una situazione di competizione. Garanzia bancaria assicurativa o finanziaria Strumento di tipo economico per assicurare l'osservanza di un impegno. Irrevocabile: Che non può essere annullato o modificato. Lotto: Ognuna delle unità mobiliari messe all'asta secondo la numerazione. Mutuo: Contratto con cui una banca consegna una somma determinata ad una parte che s'impegna a restituirla, con relativi interessi, a scadenze determinate . Notaio incaricato: Libero professionista che svolge funzioni di pubblico ufficiale. Numero Massimo di Lotti: Numero massimo di immobili che un Offerente disposto ad acquistare attraverso le Offerte Residuali. Offerente: Colui che presenta una offerta contente il prezzo al fine di aggiudicarsi un immobile. Offerte Palesi: Offerte di prezzi per l'aggiudicazione di un immobile attraverso alzata di mano. Offerte Residuali: Fase d'asta nella quale si presentano offerte a prezzo base d'asta su liste di immobili. Offerte Segrete: Fase d'asta nella quale si presentano offerte in busta chiusa, in rialzo rispetto al prezzo base d'asta. Offerte in Prelazione: Fase d'asta nella quale gli immobili, prima di essere messi all'asta, vengono offerti per l'acquisto agli inquilini che legittimamente li abitano. Plico Offerte Residuali : Plico contenente i documenti e l'offerta economica per la partecipazione alla fase d'asta delle Offerte Residuali. Plico Offerta Segreta: Plico contenente i documenti e l'offerta economica per la partecipazione alla fase d'asta delle Offerte Segrete. Raccomandata con ricevuta di ritorno: Lettera o plico per la quale il destinatario firmerà una ricevuta che sarà spedita al mittente. Propriamente denominata "Raccomandata con avviso di ricevimento (o raccomandata A. R .)". Rialzo: Offerta di un prezzo per l'acquisto dell'immobile superiore rispetto al prezzo base d'asta o rispetto al prezzo precedentemente offerto, dallo stesso o da altri soggetti. SCIP I e SCIP II: Denominazione dei conti correnti bancari accesi presso la Deutsche Bank dalla SCIP Srl, sui quali a seconda che i Lotti appartengano al primo o al secondo portafoglio di immobili ceduti alla stessa Srl, devono confluire le cauzioni per la partecipazione alle aste. Valuta: Il giorno in cui, per una certa somma versata, incominciano a decorrere gli interessi. Versamento: Consegna, corresponsio: e di una somma di denaro. Vincolante: Che comporta un obbligo. In questo caso si riferisce all'impegno preso con la presentazione di un'offerta in un fase d'asta.

TRIBUNALE DI CATANZARO Prima sezione civile Il Giudice dell’esecuzione Dott. Giuseppe Cava, nel procedimento n.83/2005 R.G.E. con ordinanza del 15.10.2008 ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti lotti: 1. Laboratorio sito in San Vito sullo Ionio, di mq 343 circa, al prezzo base d’asta euro 64.452,00; 2. Appartamento sito in San Vito sullo Ionio, di mq 160 circa, al prezzo base d’asta euro 36.749,25;3. Immobile sito in San Vito sullo Ionio, di mq 109 circa, al prezzo base d’asta euro 25.203,00;4. Immobile sito in San Vito sullo Ionio, di mq 194 circa, al prezzo base d’asta euro 36547,50.Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria del Tribunale. L’udienza ex art. 572 è fissata in data 14.01.2009 ore 09,00.

TRIBUNALE DI CATANZARO Sezione Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell’esecuzione Dott. Cava nella procedura esecutiva n. 205/93 R.G.E. ORDINAProcedersi alla vendita senza incanto dei seguenti immobili : LOTTO UNICO: appartamento in Badolato M.na alla via Spasari 85. Prezzo base d’asta euro 10.687,50 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 14 gennaio 2009, ore 9,30.

TRIBUNALE DI CATANZARO PRIMA SEZIONE CIVILE Il Giudice dell´esecuzione Dr.ssa Maria Carmela Andricciola, ha pronunciato la seguente ORDINANZA nel procedimento n. 74/07 R.G.E. pendente traBANCA CARIME EOMISSISVisti gli atti,DISPONEProcedersi alla vendita senza incanto dei beni seguenti: Lotto 1: Terreno in Botricello di mq 2070 su cui insiste un fabbricato. PREZZO : Euro 189.000,00 L´udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c e per l´eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 c.p.c è fissata in data 14.01.2009.

TRIBUNALE DI CATANZARO Prima Sezione Civile II Giudice dell' esecuzione Dott.ssa Maria Carmela Andricciola, ha pronunciato la seguente ORDINANZA nel procedimento n. 66/07 R.G.E. pendente traBNLEvisti gli atti; DISPONE procedersi alla vendita senza incanto dei be-

ni seguenti: lotto 1: tre locali, uno ad uso commerciale e due ad uso deposito siti in un complesso edilizio composto da due fabbricati in Catanzaro, quartiere Lido, loc. Tiriorello, al prezzo euro 367.200,00 L'udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c. e per l'eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 e.p.e. è fissata in data 14.01.2009. TRIBUNALE DI CATANZARO Prima Sezione Civile Il Giudice dell’esecuzione Dr. Luigi Cavallo, ha pronunciato la seguente ORDINANZA nella procedura esecutiva n.46/04 RGE pendente tra I.G.C. S.p.A. e D’Errico Paolo; visti gli atti; DISPONEprocedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto 1: Laboratorio artigianale sitoin Catanzaro, alla Via F. Burza n.20, composto da due ampi vani comunicanti, antibagno, bagno e piccola corte interna, piano terra sup. mq 87. Prezzo base d’asta euro 44.370,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritti, in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato Tribunale di Catanzaro proc. N.46/04 RGE portante un importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12 del giorno 20.01.2009, restando a carico del procedimento le spese di trasferimento. L'udienza per la deliberazione sulle offerte ex art.572 c.p.c. e per l’eventuale gara tra gli offerenti ex art.573 c.p.c. è fissata per il giorno 21.01.2009 TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dr. Giuseppe Cava nella procedura esecutiva n.115/03 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni in Chiaravalle C.le: Lotto n.1: Villa, via Nazionale n.102 - 104 Euro 85.351,50 Lotto n.2: Ristorante, via Nazionale Euro 36.851,25 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritti, in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L'udienza di vendita ex art.572 cpc è fissata per il giorno 14 gennaio 2009 TRIBUNALE DI CATANZARO CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI IL GUDICE DELL'ESECUZIONE Dr. Giuseppe Cava nella procedura esecutiva n. 29/97 R.G.E. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto del seguente bene: LOTTO UNICO: "Quota di 1/2 di fabbricato rurale in Simeri Crichi, localita' Merano (foglio 21, particella 54)". PREZZO BASE: EURO 1.815,38. L'immobile, venduto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, e' meglio descritto nella relazione di stima consultabile in Cancelleria.

L'udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. e' fissata per il giorno 14.01.2009. TRIBUNALE DI CATANZARO Prima sezione civile Procedura esecutiva n. 113/07 R.G.Espr. Il Giudice dell'esecuzione, visti gli artt. 569 e ss. c.p.c. e vista la richiesta di vendita, Dispone la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto: Lotto unico "appartamento in Sellia Marina Fraz. Uria c.da Malacoppola in catasto al fg. 5 mapp. 215 sub 2-4" al prezzo base di E 28.500,00. fissa per la presentazione delle offerte d'acquisto il termine del 13.01.09 ore 12,00; fissa per la deliberazione sull'offerta e per l'eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a E 3.000,00, l'udienza del 14.01.09 ore 9,30; TRIBUNALE DI CATANZARO Prima Sezione Civile Ufficio Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell'esecuzione, dott. Giuseppe Cava, letti gli atti della procedura esecutiva n.223/91 R.G. Espr. Promossa da Carical S.p.A. in pregiudizio di ...omissis...; letti gli artt.570 e ss. C.p.c. DISPONE la vendita senza incanto, alle modalità seguenti, dei beni assoggettati ad espropriazione e così individuati: Lotto n. 1: Quota di 1/2 di fabbricato in Chiaravalle C.le PREZZO BASE E. 11.550,94. L'udienza di vendita ex art.572 cpc è fissata per il giorno 14.01.2009. TRIBUNALE DI CATANZARO Prima Sezione Civile Ufficio Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell'esecuzione, dott. Giuseppe Cava, letti gli atti della procedura esecutiva n.347/93 R.G. Espr. Promossa da Carical S.p.A. in pregiudizio di ...omissis...; letti gli artt.570 e ss. C.p.c. DISPONE la vendita senza incanto, alle modalità seguenti, dei beni assoggettati ad espropriazione e così individuati: Lotto unico: Porzione di fabbricato in Montepaone, Loc. Pantano. Prezzo base Euro 32.108,62 Gli immobili sono meglio descritti nella relazione di consulenza tecnica consultabile in Cancelleria e che si considererà interamente conosciuta dagli offerenti e dall'aggiudicatario. L'udienza di vendita ex art.572 cpc è fissata per il giorno 28.01.2009. TRIBUNALE DI CATANZARO Prima Sezione Civile Il Giudice, a scioglimento della riserva che precede, ha pronunciato la seguente ORDINANZA Nelle procedure esecutive riunite n. 140/05 e 107/07 R.G.E. DISPONE Procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto 1 : piena proprietà di appartamento e deposito commerciale in Sellia Marina, loc; Prezzo 173.506,25 L'udienza per la deliberazione delle offerte ex art. 572 c.p.c.e per l'eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 c.p.c.fissata in data 3.12.08.

QuiEconomia

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it


QuiNotizie - il Corriere dei due mari

corriereduemari@mediawe.net Novembre 2008

QuiAste TRIBUNALE di Lamezia Terme www.aste.eugenius.it TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell'Esecuzione nella procedura esecutiva immobiliare n°92/2007 R.E., con ordinanza emessa il 25.09.2008 ha disposto la vendita senza incanto, dei seguenti beni immobili, nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano: Lotto uno: " quota pari a 1/10 della piena proprietà di terreno agricolo sito in Carlopoli, esteso complessivamente per mq. 300. Prezzo base E 480,00. Lotto due: " quota pari a 1/5 della piena proprietà di un appartamento di tipo popolare sito in Carlopoli, alla via XX Settembre, n.22/28, costituito da due camere da letto, sala, cucina, sala da pranzo, un bagno, due terrazze. Prezzo base E 6.800,00. Lotto tre: " quota pari a 1/5 della piena proprietà di un appartamento di tipo economico sito in Carlopoli, alla via XX Settembre, n.30/36, piano T-1. Esteso su tre livelli, è costituito da due camere da letto e un soggiorno al piano terra, da una cucina e un caminetto al piano rialzato e da due camere da letto al primo piano . Prezzo base E 9.000,00. FISSA La vendita senza incanto per il giorno 14.01.2009 ore 9,30 e segg,per il caso in cui la predetta vendita non abbia eventualmente esito, in via sussidiaria, la vendita con l'incanto per il giorno 28.01.2009 ore 9,30 e segg.

TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME UFFICIO ESECUZIONE IMMOBILIARI AVVISO VENDITA DI BENI IMMOBILI NELLA PROCEDURA ESECUTIVA IMMOBILIARE N.65/2002 R.E. SI RENDE NOTO Che il Giudice dell'esecuzione dr. A.Brancaccio con ordinanza di cui all'udienza del 15 ottobre 2008 ha disposto la vendita in unico lotto del seguente bene immobile nello stato di fatto e di diritto in cui si trova: LOTTO UNICO "Fabbricato costituito da tre piani fuori terra più corte, sito in via Marconi, I trav. n. 59/G del comune di Lamezia Terme. PREZZO BASE E 212.758,00 FISSANDO presso il Tribunale di Lamezia Terme, la vendita senza incanto per il giorno 14/01/2009 ore 9,30 e segg, nonché, qualora la predetta vendita non abbia luogo, la vendita con incanto per il giorno 28/01/2009 ore 9,30 e segg.

TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME SI RENDE NOTO Che il GE nella procedura esecutiva immobiliare n. 123/96 ha disposto la vendita del seguente immobile nello stato di fatto e di diritto in cui si trova: LOTTO 5 appartamento per civile abitazione sito in Tropea, Via Conicella snc - p.4 - sup. commerciale mq 144,94. Prezzo base E 110.000,00 Fissa vendita con incanto: - per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni immobiliari dell'istanza di partecipazione agli incanti, termine fino alle ore 13,00 del giorno 20.01.2009 con le modalità e il prezzo minimo di cui sopra; - per il giorno 21.01.2009 ore 9,30.

TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO DI VENDITA Procedura esecutiva immobiliare n. 68/2006 R. E. (nominativi omessi ex art. 174 del D. Lgs. n. 196/2003) II professionista delegato avv. Francesca Misuraca, con studio in Lamezia Terme (CZ), Via Garibaldi n. 3, nella procedura esecutiva indicata in epigrafe promossa da AGOS ITAFINCO S.P.A., visto il provvedimento di delega, ex art. 591 bis c.p.c., delle operazioni di vendita, emesso dal Giudice dell'esecuzione del Tribunale di Lamezia Terme dott. Alessandro Brancaccio in data 7.3.2008 sciolta la riserva presa in data 7.10.2008, ritenuto necessario fissare la vendita con incanto del bene pignorato visti gli artt. 569, 576 e 591 c.p.c. AVVISA che nella data e nel luogo sotto indicati si terrà la vendita con incanto del seguente bene immobile: LOTTO UNICO Complesso immobiliare con destinazione agrituristica alberghiera, di recente costruzione, realizzata in strutture portanti in cemento armato, solai in latero-cemento, muratura esterna ed interna in mattoni forati. Rifiniture esterne ed interne in materiale di ottima qualità e manifattura, con giardino esterno arredato e corredato di piscina, posti auto e piantumazione a verde. Il complesso espone targa pubblicitaria con 4 stelle, ha una superficie complessiva di mq. 2.080 e si sviluppa su 4 livelli. Al piano seminterrato, su una superficie lorda di mq. 530, sono allocati i servizi principali (centrale termica, celle frigorifere, gruppo elettrogeno, lavanderia, cucina, spogliatoi, servizi igienici del personale, centrale aria condizionata) ed un locale tavernetta. Al piano terra, su una superficie lorda di mq. 730, trovasi la hall con angolo bar, una sala di attesa, la reception, l'ufficio, due sale ristorante, disimpegni e servizi vari nonché un portico di circa mq. 70. Al primo piano, su una superficie lorda coperta di mq. 400, sono allocate 10 camere, ciascuna con bagno e balcone, spogliatoi e servizi per il personale, nonché un terrazzo di circa mq. 40. Al piano secondo-sottotetto, su una superficie di mq. 270, sono allocati i locali di sgombero e di alloggio del personale nonché un terrazzo aperto di mq. 40 circa. Il complesso immobiliare gode di una magnifica vista panoramica di tipo collinare ed è situata nel verde, sopra ad una collinetta, a pochi km dal centro abitato, facilmente raggiungibile. È posta in Curinga (CZ), Località Croce Cappello o Iencarello Prezzo base E 3.536.000,00 Rilancio minimo E 176.800,00 Data dell'incanto 15 gennaio 2009, ore 15,00 e segg. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME Bando Vendita immobiliare Si rende noto che con ordinanza del 08/10/2008 il Giudice dell'Esecuzione, nel giudizio di espropriazione immobiliare iscritto al n. 80/2005 R.G.E., ha fissato la vendita davanti a sé in questa sede degli immobili pignorati alle seguenti modalità e condizioni: Lotto unico: " azienda agricola sita in Soveria Mannelli, frazione Pirillo, composta da quattro capannoni, destinati in parte all'allevamento dei suini, una casa adibita ad abitazione, un pozzo, due vasche di raccolta delle deiezioni animali, un depuratore per disinquinamento delle acque reflue, una grande corte con andamento pianeggiante. Vendita senza incanto per il giorno 14/01/2009 ore 09,30 al prezzo non inferiore di Euro 300.000,00. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME N.43/84 Reg. Es. Imm. AVVISO DI VENDITA IL PROFESSIONISTA DELEGATO DOTTOR GIANLUCA PERRELLA Presso ASSOCIAZIONE NOTARILE PROCEDURE ESECUTIVE DI LAMEZIA TERME

QuiAste

37

In collaborazione con AsteInfoappalti

Piazza della Repubblica - Lamezia Terme Procedura Esecutiva N. 43/84 R.E. Visto il provvedimento di delega alla vendita emesso dal Giudice dell'Esecuzione del Tribunale di Lamezia Terme in data 26/01/07 ai sensi dell'art. 591 bis c.p.c. a seguito di istanza di vendita formulata dal creditore procedente Intesa Gestione Crediti S.p.A.; Considerato che sono andati deserti i precedenti esperimenti d'asta; Ritenuto necessario pertanto rifissare la vendita dei beni pignorati; Visto l'art. 569 c.p.c. RENDE NOTO che in data 19 gennaio 2009 alle ore 10,30 nel Palazzo di Giustizia di Lamezia Terme, Piazza della Repubblica, piano primo seminterrato, presso i locali dell'Associazione Notarile, si terrà la vendita con incanto della piena proprietà del seguente immobile: LOTTO UNICO: In territorio del Comune di Pianopoli (CZ) alla località "Rizzuto" fondo rustico della superficie catastale complessiva di Ha 6.35.00 (ettari sei are trentacinque e centiare zero); Prezzo Base: Euro 541.020,00 TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO VENDITA DI BENI IMMOBILI In danno di proc. nr.17/04 R.G.E., richiesta da INTERNATIONAL CREDIT RECOVERY SRL SI RENDE NOTO che il giorno 14.01.2009 alle ore 9:30 e segg. nella sala delle pubbliche udienze di questo Tribunale, avanti al G.E., si procederà alla vendita senza incanto del seguente bene immobile, alle seguenti condizioni: prezzo base lotto n.1: E 19.293,75 Elenco beni immobili lotto unico: immobile adibito a civile abitazione sito in Lamezia Terme, loc. Ginepri residence Lamezia Golfo, posto al primo piano di un fabbricato su quattro livelli, accesibile da scale condominiale, riportato al NCEU al foglio 23, part.lla 184, sub 23. L'alloggio è composto da cucina-soggiorno, due camere da letto, bagno, ripostiglio e terrazzo ha una superficie commerciale di 70 mq Ciascun offerente, per partecipare alla vendita, dovrà depositare presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari, entro le ore 13:00 del giorno 13.01.2009 dichiarazione in regola con il bollo contenente l'indicazione del numero di rge della procedura, l'indicazione del prezzo offerto, del bene (lotto) cui si riferisce e di ogni altro elemento utile alla valutazione dell'offerta, nonché ancora generalità dell'offerente incluso codice fiscale e copia di documento di identità dell'offerente o valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (procura speciale o certificato camerale); all'offerta in busta chiusa e senza segni di riconoscimento deve essere allegato l'assegno circolare non trasferibile intestato a Poste Italiane spa in misura non inferiore al decimo del prezzo da lui proposto; l'offerta è irrevocabile salvo che a) il Giudice ordini l'incanto, b) siano decorsi 120 gg. dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; l'offerta non è efficace: 1) se perviene oltre il termine indicato, 2) se è inferiore al prezzo base, 3) se l'offerente non presta cauzione a mezzo di assegno circolare non trasferibile intestato a Poste Italiane spa in misura non inferiore al decimo del prezzo da lui proposto. Le spese di trasferimento sono a carico dell'aggiudicatario come pure le attività e i costi per la cancellazione delle formalità. Qualora la vendita senza incanto non abbia luogo viene fissata la data del 28.01.2009 ore 9:30 e segg. per la vendita ai pubblici incanti. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO VENDITA DI BENI IMMOBILI ex art. 569 Comma 3 C.P.C. NELLA PROCEDURA IMMOBILIARE n. 24/03 R.E. Il professionista delegato Avv. Rosanna Andricciola, con studio in Lamezia Terme via A.

Anile n. 3, nella procedura esecutiva promossa dal Monte dei Paschi di Siena Gestione Crediti s.p.a., visto il provvedimento di delega alla vendita emesso dal Giudice delle Esecuzioni Immobiliari del Tribunale di Lamezia Terme in data 08.11.2007 ed in data 07.10.2008 ai sensi dell'art. 591bis c.p.c.; ritenuto necessario, pertanto, fissare, ai sensi dell'art. 591 c.p.c., la vendita dei beni pignorati; visti gli artt. 569 e 576 c.p.c. AVVISA Che nella data e nel luogo sotto indicati si terrà la vendita senza incanto dei seguenti beni immobili: LOTTO 1 Locale adibito ad uso artigianale posto al piano terra, sito in Pianopoli, via Maggiore Toselli n. 4 e n. 6 e C.so Roma n. 102, di mq. 80 PREZZO BASE VENDITA SENZA INCANTO: E 104.000,00 LOTTO 2 Locale da adibire a civile abitazione posto al piano primo, sito in Pianopoli, via Maggiore Toselli n. 4 e n. 6, di mq. 88 PREZZO BASE VENDITA SENZA INCANTO: E 52.800,00 LOTTO 3 Locale da adibire a civile abitazione posto al piano secondo, sito in Pianopoli, via Maggiore Toselli n. 4 e n. 6, di mq. 89,03 PREZZO BASE VENDITA SENZA INCANTO E 101.430,00 Per entrambi i lotti: Data dell'esame delle offerte senza incanto: 13 Gennaio 2009 ore 17,30. Luogo di esame delle offerte: Studio Legale del Professionista delegato avv. Rosanna Andricciola sito in Lamezia Terme alla via A. Anile n. 3. Avvisa altresì Che nell'ipotesi in cui: - la vendita non abbia luogo per qualsiasi altra ragione; avrà luogo la vendita con incanto dei medesimi beni nella seguente data e luogo: Data dell'incanto: 27 Gennaio 2009 ore 17,30 TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI EX ART.569 COMMA 3 - C.P.C. NELLA PROCEDURA ESECUTIVA IMMOBILIARE N. 36/2004 R.G.E. SI RENDE NOTO Che il giudice dell'esecuzione nella procedura n.36/2004 R.G.E., su istanza del CREDITO VALTELLINESE S.C.R.L., con ordinanza del 1/10/2008 ha disposto la vendita con incanto, in unico lotto del seguente bene immobile nello stato di fatto e di diritto in cui si trova: LOTTO UNICO "appartamento al primo piano con cantina al seminterrato di un fabbricato Ina-Casa sito in Lamezia Terme, alla via Razionale n.19/b, riportato nel NCEU al foglio 24, p.lla 714, sub 11, vani 6, cat.A/3. Superficie mq.110, balconi mq. 6,40, cantina mq. 15,40". Valore del bene E 117.800,00. FISSA La vendita con incanto per il giorno 14/01/2009 ore 9,30 e segg. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO DI VENDITA BENI IMMOBILI Proc. N. 19/89 R.E. Richiesta da: INTESA GESTIONE CREDITI S.p.A. SI RENDE NOTO che il giorno 14.01.2009, ore 12,00 nella sala delle pubbliche udienza di questo Tribunale avanti al Giudice delle Esecuzioni, si procederà alla vendita all'incanto dei beni immobili elencati in calce, alle seguenti condizioni: Prezzo base:E 3.807,74 per il terzo lotto Prezzo base:E 24.115,65 per il quarto lotto ELENCO BENI IMMOBILI: TERZO LOTTO: Appezzamento di terreno agricolo nel territorio del Comune di Maida. QUARTO LOTTO:Fabbricato, adibito oggi ad oleificio, posto nel Comune di Maida.

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it


38

corriereduemari@mediawe.net Novembre 2008

QuiAste

QuiAste TRIBUNALE di Locri www.aste.eugenius.it TRIBUNALE DI LOCRI Cancelleria Esecuzioni Immobiliari SI RENDE NOTO Che il Giudice dell'Esecuzione, dr. Davide Lauro, letti gli atti della procedura esecutiva n. 85 / 1987, promossa da ITALFONDIARIO S.p.A. n.q. ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI : Ordinanza del 28.12.2002 1^ LOTTO Fondo rustico in stato di abbandono con annessi fabbricati rurali diruti e ricoveri per animali in pessimo stato di conservazione sito nel comune di Roccella Jonica, località Cappellano, riportato nel NCT alla partita 3368, foglio di mappa 23, particella 1 di ha 15.37.20, classe 1, particella 2 di ha 01.98.70,pascolo cespugliato ,classe 2^, particella 3 di ha 01.17.00 pascolo classe 2^, particella 4 di ha 08.38.90 uliveto, particella 5 di are 00.02.70, fabbricato rurale, particella 6 di ha 01.79.30 pascolo cespugliato classe 1^, particella 7 di ha 03.08.70 pascolo arborato, classe 1^, particella 8 di are 00.06.00 fabbricato rurale, particella 9 di are 00.10.20 fabbricato rurale, particella 57 di ha 01.29.30, pascolo classe 1^, particella 73 di ha 04.51.80 seminativo classe 4^, particella 74 di are 00.13.90, incolto produttivo classe U, particella 75 di are 00.19.40 incolto produttivo classe U, in ditta ......; prezzo base del lotto : E 72.820,00 Deposito per cauzione : E 7.282,00 - deposito per spese : E 10.923,00. 2^ LOTTO Appezzamento di terreno in stato di abbandono sito nel comune di Roccella Jonica località Cappellano, riportato nel NCT alla partita 4551 foglio di mappa 23, particella 15 di are 00.39.60, seminativo classe 3^ in ditta ............. prezzo base del lotto : E 1.032,91 - Deposito per cauzione : E 103,29 - deposito per spese : E 155,00. 3^ LOTTO Appezzamento di terreno in stato di abbandono sito nel comune di Roccella Jonica località Cappellano, riportato nel NCT alla partita 3368 foglio di mappa 30, particella 43 di ha 01.61.30 uliveto classe 2^ in ditta....... prezzo base del lotto : E 8.263,00- Deposito per cauzione : E 826,30 - deposito per spese : E 1.239,00. 4^ LOTTO Appezzamento di terreno in stato di abbandono sito nel comune di Roccella Jonica località Cappellano, riportato nel NCT alla partita 3368 foglio di mappa 30,particella 52 di are 00.63.30, seminativo classe 2^ in ditta............... prezzo base del lotto : E 3.098,00 - Deposito per cauzione : E 309,80 - deposito per spese : E 464,00. 5^ LOTTO Appezzamento di terreno sito nel comune di Roccella Jonica, località Cappellano, riportato nel NCT alla partita 3368, foglio di mappa 30, particella 108 di are 00.70.30 uliveto classe 2^ in ditta.......... prezzo base del lotto : E 5.164,00 - Deposito per cauzione : E 516,40 - deposito per spese : E 774,00. 6 ^ LOTTO Appezzamento di terreno in stato di abbandono sito nel comune di Roccella Jonica località Cappellano, riportato nel NCT alla partita 3368, foglio di mappa 30, particella 107 di are 00.69.40, pascolo erborato classe 1^ in ditta......... prezzo base del lotto : E 1.807,60 - Deposito per cauzione : E 180,76 - deposito per spese : E 271,00. 7^ LOTTO Appezzamento di terreno in stato di abbandono sito nel comune di Roccella Jonica località Cappellano, riportato nel NCT alla partita 3368, foglio di mappa 30, particella 45 di are 00.52.30 uliveto classe 3^ in ditta a ............ prezzo base del lotto : E 4.648,00-

Deposito per cauzione : E 464,80 - deposito per spese : E 697,00. 8^ LOTTO Appezzamento di terreno di risulta dalla demolizione di fabbricato rurale sito in Comune di Roccella Jonica, località Cappellano, riportato nel NCT alla partita 3368, foglio di mappa 30, particella 23 di are 00.01.00, fabbricato rurale in ditta ............ prezzo base del lotto : E 77,50 - Deposito per cauzione : E 7,75 - deposito per spese : E 11,00. 9^ LOTTO Appezzamento di terreno sito in Comune di Roccella Jonica, località Cappellano, riportato nel NCT alla partita 3368, foglio di mappa 30, particella 10 di are 00.50.70, uliveto classe 2^, particella 11 di are 00.13.70 pascolo classe 2^, particella 105 di are 00.20.00 pascolo arborato classe 1^, particella 106 di are 00.66.40 pascolo arborato classe 1^ in ditta.... prezzo base del lotto : E 9.813,00 - Deposito per cauzione : E 981,30 - deposito per spese : E 1.471,00. 10^ LOTTO Fondo rustico in stato di abbandono sito nel Comune di Roccella Jonica località Cappellano riportato nel NCT alla partita 4551, foglio di mappa 23, particella 31 di are 00.29.50 seminativo classe 3^, particella 37 di are 00.40.40 uliveto classe 2^, particella 38 di ha 01.53.40 seminativo classe 4^, particella 39 di are 00.01.30, fabbricato rurale, particella 40 di are 00.36.10 seminativo classe 4^, particella 68 di are 00.54.20 seminativo classe 4^ in ditta .............. prezzo base del lotto : E 4.390,00 - Deposito per cauzione : E 439,00 - deposito per spese : E 658,00. 11^ LOTTO Fondo rustico con annesso fabbricato rurale sito nel comune di Stilo , località Morrone, riportato nel NCT alla partita 719, foglio di mappa 35 particella 13 di are 00.93.00 uliveto classe 3^, in ditta.......................e alla partita 33,25, foglio di mappa 35, particella 14 di are 00.00.34 in ditta ................... prezzo base del lotto : E 723,00 - Deposito per cauzione : E 72,30 - deposito per spese : E 108,00. 12^ LOTTO Fondo rustico in stato di abbandono sito nel comune di Stilo , località Morrone, riportato nel NCT alla partita 3325, foglio di mappa 35, particella 76 di are 00.43.50 seminativo arborato classe 1^ in ditta..........prezzo base del lotto : E 1.343,00 - Deposito per cauzione : E 134,30 - deposito per spese : E 201,00. 13^ LOTTO Fondo rustico in stato di abbandono sito nel comune di Stilo , località Morrone, riportato nel NCT alla partita 3325, foglio di mappa 57, particella 25 di are 00.09.40 agrumeto classe 2^ in ditta........ prezzo base del lotto : E 2.066,00 - Deposito per cauzione : E 206,60 - deposito per spese : E 310,00. 14^ LOTTO Fondo rustico sito nel comune di Stilo , località Morrone, riportato nel NCT alla partita 3325, foglio di mappa 57, particella 11 di ha 02.21.20 agrumeto classe 1^ in ditta.............., prezzo base del lotto : E 73.853,00 - Deposito per cauzione : E 7.385,30 - deposito per spese : E 11.076,00. 15^ LOTTO Fondo rustico con annesso fabbricato rurale allo stato demolito, gravato di due servitù di elettrodotto in favore del .........................e della ...................sito nel comune di Stilo , località Morrone, riportato nel NCT alla partita 3325, foglio di mappa 57, particella 18 di ha 01.09.50 agrumeto classe 1^, particella 19 fabbricato rurale, particella 20 di are 00.44.40 seminativo classe 1^ in ditta.......... prezzo base del lotto : E 51.646,00 - Deposito per cauzione : E 5.164,60 - deposito per spese : E 7.747,00. 16 ^ LOTTO Fondo rustico in stato di abbandono con annesso fabbricato rurale e ricovero per animali in pessimo stato di conservazione sito nel comune di Stilo , località Morrone, riportato nel NCT alla partita 3325, foglio di mappa 52, particella 31 di ha 01.36.20 uliveto classe 2^, particella 32 di ha 07.58.60

QuiNotizie - il Corriere dei due mari

In collaborazione con AsteInfoappalti

seminativo arborato classe 3^, particella 35 di ha 00.46.60 uliveto classe 2^, particella 36 di ha 08.26.40 seminativo classe 2^, particella 38 di ha 00.52.00 uliveto classe 1^, particella 39 di ha 00.70.30 vigneto classe 1^ , particella 40 di ha 02.82.50 pascolo classe 1^, particella 43 di ha 00.02.00 fabbricato rurale, particella 116 di ha 00.01.90 seminativo arborato classe 2^ in ditta ............. ; alla partita 1831 foglio di mappa 52, particella 60 di are 00.88.15 seminativo arborato classe 2^ in ditta ........usufruttuario per 1/3, proprietario............. prezzo base del lotto : E 74.886,00 - Deposito per cauzione : E 7.488,60 - deposito per spese : E 11.233,00. L'incanto avverrà, con il prezzo SOPRA INDICATO, all'udienza del 23 gennaio 2009, ore 9,00 davanti a sé nella presente sede , od in secondo esperimento in data ----- alle stesse condizioni e con le stesse modalità. Stabilisce per la vendita le seguenti condizioni - Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria entro le ore 12,00 del giorno antecedente alla vendita, unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% del prezzo base per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà, mediante consegna in Cancelleria di n. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all'offerente. - Le offerte in aumento non potranno essere inferiori a: E 2.500,00 per il primo lotto, a E 50,00 per il 2^, a E 350,00 per il 3^, a E 150,00 per il 4^, a E 250,00 per il 5^, a E 50,00 per il 6^, a E 200,00 per il 7^, a E 5,00 per l'8^, a E 400,00 per il 9^, a E 200,00 per il 10^, a E 30,00 per l'11^, a E 50,00 per il 12^, a E 100,00 per il 13^, a E 2.500,00 per il 14^, a E 2.000,00 per il 15^ e a E 2.500,00 per il 16^. - L'aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall'incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. - Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all'udienza del 23.01.2009. Estratto conforme per uso pubblicità. Locri,09.09.2008 Esatte : E 14,62 per bollo E 6,20 per diritti. Il Cancelliere TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell'esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 96/90 promossa dalla CURATELA FALL., ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: LOTTO UNICO: Fabbricato per civile abitazione costituito da un piano terra con annesso garage, pozzo freatico, tettoia esterna e recinzione e da un primo piano che si sviluppa su due livelli, sito nel Comune di Locri alla via Giacomo Matteotti, riportato nel NCEU al foglio di mappa 25, particella 904 Cat. A/7, classe 3^, vani 11, in ditta .... Prezzo base del Lotto:Euro 144.268,00 Deposito per cauzione:Euro 14.426,80 Deposito per spese:Euro 21.640,00 L'incanto avverrà, con il prezzo SOPRA INDICATO, all'udienza del 04.12.2008, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. STABILISCE PER LA VENDITA LE SEGUENTI CONDIZIONI: Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria, sino all'inizio effettivo dell'udienza di vendita, unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto, una somma pari al 10% per cauzione e 15% per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà, mediante consegna in Cancelleria di assegni circolari non trasferibili intestati all'offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori a Euro 5.000,00. L'aggiudicatario dovrà depositare entro il ter-

mine di 60 giorni dall'incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all'udienza del 04.12.2008. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA'. Addì, 04 novembre 2008 IL CANCELLIERE TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell'esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 101/1988 promossa da MEDIOCREDITO REGIONALE CALABRIA richiesta da INTESA CESTIONE CREDITI SpA ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: 1° LOTTO: Capannone industriale di mq. 240, non censito, sito in Locri, insistente su terreno accatastato alla partita 4379, fl. 6, p.lla 59, con annessa costruzione adibita ad uffici, servizi e deposito, di mq. 90 Prezzo base del lotto: Euro 68.172,31 2° LOTTO: Terreno sito in Locri, in catasto alla partita 4379, fl. 6, p.lla 59, di mq. 1400 Prezzo base del lotto: Euro 21.691,19 L'incanto avverrà, con prezzo DA RIDURRE di 1/5 1/5 1/5, all'udienza del 23.01.2009, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. STABILISCE PER LA VENDITA LE SEGUENTI CONDIZIONI: Ciascun offerente dovrà depositare, entro le ore 12,00 del giorno non festivo precedente quello della vendita, unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà, mediante consegna in Cancelleria di n. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all'offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori ad Euro 2.582,28 per il 1° lotto ed Euro 516,46 per il 2° lotto, da ridurre di 1/5 1/5 1/5. L'aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 30 giorni dall'incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all'udienza del 23.01.2009 ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA'. Addì, 04 novembre 2009 IL CANCELLIERE TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell'esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 9/1978 promossa da GALLITO B. ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: (Ordinanza del 08.07.2008) LOTTO 1: "Piena proprietà di un terreno in Ardore, e dei volumi edilizi ivi esistenti, riportato in catasto al foglio di mappa 34, particelle 357, 40-41-39 Prezzo base d'asta: Euro 118.000,00 Deposito per cauzione: 10% del prezzo Deposito per spese:15% del prezzo LOTTO 2: "Piena proprietà di un terreno in Ardore, riportato in catasto al foglio di mappa 26, particella 258-357, 40-41-39; Prezzo base d'asta: Euro 14.000,00 L'incanto avverrà, con il prezzo SOPRA INDICATO, all'udienza del 04.12.2008, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede.

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it


QuiNotizie - il Corriere dei due mari

corriereduemari@mediawe.net Novembre 2008

Notizie Brevi

39

Notizie Brevi :: Notizie brevi :: Prezioso scarabeo in vendita su Ebay WASHINGTON - Per il 60/o anniversario del gioco con le lettere dell'alfabeto, uno 'Scarabeo' di 30mila cristalli è stato messo in vendita su eBay. Prezzo base dell'asta online 20mila dollari. I proventi della vendita, precisa la società 'Scrabble' che produce l'omonimo gioco, andranno in beneficenza.

SYDNEY - Solo leccandolo dal cono si può godere bene il gusto di un gelato. Lo sostiene lo scienziato sensoriale Kay McMath, docente dell'università di Massey in Nuova Zelanda, che dice: «Quando lo si lecca la lingua si ricopre di un sottile strato di gelato, che si riscalda uniformemente, e il suo gusto viene percepito dalle papille gustative». Il cucchiaino invece agisce da isolante.

di un progetto speciale realizzato daMipaaf ed Enoteca Italiana di Siena, in collaborazione con le Regioni e l'Università di Siena, il cui debutto è previsto a Siena il 15 novembre con la partecipazione di Gianna Nannini. "Siamo sempre stati dalla parte di chi promuove il consumo responsabile di vino di qualità - ha detto il ministro Luca Zaia, intervenuto all'incontro, ricordando che - l'Italia è la culla del vino, leader mondiale con 50 milioni di ettolitri".

Fa 37mila km a piedi insieme al suo cane TORINO - È' tornato a Torino dopo un viaggio di 37mila kma piedi per l'Italia e l'Europa insieme a Shira, il suo husky di otto anni, e si fermerà nel capoluogo piemontese fino alla prossima primavera: Gianluca Ratta, 36 anni, torinese, riprenderà amarciare quando verranno riaperti i passi alpini. «Viaggio - spiega - per promuovere lo sport pulito, il rispetto per l'ambiente e l'amore per gli animali».

"Vino e Giovani" torna per insegnare a bere ROMA - È 'Art de Vivre' lo slogan che caratterizza la terza edizione di 'Vino e Giovani' 2008-2009, presentato ieri alministero delle Politiche Agricole, alimentari e forestali. L'obiettivo è sensibilizzare con spettacoli, gare e degustazioni le nuove generazioni ad un consumo responsabile di uno dei simboli del made in Italy. Si tratta

L'emicrania il dolore più diffuso tra le donne MILANO - Cefalee,mal di schiena, artrosi. Il dolore è uno scomodo compagno di vita per le donne, visto che in Italia otto su dieci ne sono colpite o lo sono state in passato. A rivelarlo è un'indagine promossa dall'Osservatorio nazionale sulla salute della donna (Onda).

Sarkozy e la Bruni nel presepe napoletano NAPOLI - Il presidente francese Nicolas Sarkozy e la consorte, Carla Bruni, eletta coppia dell'anno anche nel presepe napoletano. I due 'pastorì, realizzati dall'artigiano Genny Di Virgilio, hanno già preso posto tra le altre creazioni, tutte ispirate a fatti e personaggi famosi, nella bottega di San Gregorio Armeno a Napoli. I due inquilini dell'Eliseo sono riprodotti in classici abiti blu, la statuina della Bruni è un poco più alta, e sorridono. Indubiamente la prima coppia di Francia fa molto parlare di sè.

PER LA PUBBLICITA' SU

"il Corriere dei due mari " il giornale della grande area metropolitana MEDIATAG SPA Tel. 0961.996802 attendere e comporre il 4 info@mediatag.it - www.mediatag.it

La scienza afferma: leccare il gelato fa bene

www.quinotizie.info

Creato il software che conta i capelli SYDNEY - Un nuovo software sviluppato in Australia è in grado di contare conmassima accuratezza il numero di capelli in testa. Potrà anche contare i peli su una certa area di pelle e servire a misurare l'efficacia di trattamenti contro la calvizie e delle creme depilatorie. È opera dei ricercatori di scienze matematiche e dell' informazione del Csiro, l'Ente nazionale di ricerca. Il software si affida a immagini catturate da uno scanner pressato sulla pelle.

Diamante da 478 carati sarà esposto a Dubai DUBAI - Un diamante bianco da 478 carati, il terzo diamante grezzo per dimensione rinvenuto nel nuovo millennio, sarà esposto per la prima al pubblico a Dubai sabato prossimo. Estratto dalla miniera di Letseng nel Lesotho, in Africa, a settembre, il diamante, tra i più puri mai trovati, sarà esposto all’Atlantis Hotel di Palm Jumeirah in occasione della prima edizione del Middle East China Diamond and Jewellery Summit (Mecdjs) che si terrà l’8-9 novembre, riferisce l’agenzia di stampa emiratinaWam. Il diamante, il cui nome verrà annunciato in occasione del suo debutto al pubblico, è del tipo II D, la qualità di colore più alta riconosciuta ad un diamante bianco. Per l’elevato grado di purezza allo stato grezzo ha inoltre la potenzialità di divenire uno dei diamanti tagliati, senza imperfezioni, più grandi al mondo.

Da Tokyo il robot che fa bucato e piatti TOKYO - Il prototipo funzionante della prima cyber-colf nuova lavoratrice cibernetica è stato presentato in anteprima all'università di Tokyo. La macchina pesa 130 chili e ha un'altezza di 155 centimetri. Durante la dimostrazione, l'androide ha fatto le pulizie delle camere e lavato con cura i piatti, poi riposti nella credenza.

L'acqua su Marte? Sì e c'è rimasta a lungo ROMA - L'acqua su Marte è scomparsa soltanto due miliardi di anni più tardi fa, unmiliardo di anni più tardi di quando si pensava. La scoperta, annunciata dalla Nasa e pubblicata nel numero di novembre della rivista Geology, si deve allamissione Mars Reconnaissance Orbiter (Mro). L'evidenza che l'acqua è rimasta suMartemolto più a lungo del previsto si basa su nuove ricerche geologiche.

Ogni mese nascono 50 nuove case editrici MILANO - Nell'ultimo decennio ogni mese sono nati in Italia circa 50 nuovi editori, il 30%dei qualimicro. Imicroeditori sono 2.900 (su un totale di 7.500 case editrici) e pubblicano almeno un titolo l'anno. Il 30% non supera le mille copie. Spesso trovabili esclusivamente via Internet. I dati sono stati forniti durante la presentazione della sesta edizione della Rassegna della Microeditoria.

Cane provoca incidente Il padrone responsabile ROMA - I proprietari di cani rispondono penalmente degli incidenti stradali provocati dai loro quattrozampe fuggiti alla sorveglianza e finiti in mezzo alla strada. Lo sottolinea la Cassazione avvertendo che il principio vale anche per i padroni dei cani di piccola taglia non compresi nell’elenco dei cani pericolosi. In particolare il proprietario ha l’obbligo di affidare il cane solo a chi è in grado di prendersene cura e di evitare che scappi.

Sigaretta in lattina? O è un bluff o fa male ROMA - La sigaretta in lattina o è un bluff, senza nessun effetto, o è rischiosa perchè potrebbe indurre a dipendenza. Il farmacologo Silvio Garattini parla così dell'arrivo del "Liquid Smoking", una bibita a base di estratti naturali che promette effetti simili a quelli della nicotina, facendo passare la voglia di accendere. Se si dimostrasse efficace creerebbe dipendenza nell'assuntore.

Ippica fuori legge Blitz della Finanza CATANIA - Sette cavalli da corsa e cinque stalle illegali, due delle quali in fase di costruzione, che avevano complessivamente 10 box, sono stati sequestrati nello storico rione San Cristoforo dalla guardia di finanza di Catania che ha denunciato in stato di libertà sei persone alla Procura della Repubblica. Gli investigatori hanno anche trovato farmaci da doping, che servivano per aumentare le prestazioni degli equini.

I principali imputati sono emicranie (15,4%), artrosi, artriti e osteoporosi (11,5%) e dolori alla schiena (11%).

corriereduemari@mediawe.net

Maestro unico bocciato da nove bimbi su dieci ROMA - I bambini dicono no al maestro unico nelle scuole elementari, una delle novità più significative della legge Gelmini. È quanto emerge da un sondaggio di www.focusjunior. it, sito web del mensile rivolto a bambini e ragazzi tra 8 e 13 anni. Su 655 votanti, l’86% si dice contrario al ritorno delmaestro unico. “Ognimaestra è brava in unamateria, non può esserlo in tutte”, sono alcune delle motivazioni del dissenso. Blitz degli animalisti duemila visoni liberi MODENA - Circa duemila visoni sono stati liberati dalle loro gabbie, l’altra notte, in un allevamento di Sant’Antonio in Mercadello a Novi di Modena. Il raid nell’azienda è avvenuto intorno alle tre. Già in passato alcuni animalisti avevano compiuto lo stesso gesto ai danni dell’allevamento.

Fax: 0961.693111



il Corriere dei due mari