Page 1

Guido Talarico Editore

Gennaio 2011

Copia Promozionale Gratuita

IL SOLE 24 ORE S.p.A System Comunicazione Pubblicitaria legale@ilsole24ore.com

IL SOLE 24 ORE S.p.A System Comunicazione Pubblicitaria legale@ilsole24ore.com

Anno 4 - Nr 27

Parla il dottor Luciano Alfani, vicepresidente del Tribunale di Bergamo, che spiega come la crisi stia rallentando il volume di affari

Tempi duri per le vendite all’asta «Le procedure esecutive vanno a rilento perché, a causa della crisi, gli immobili si vendono solo dopo molti esperimenti d’asta andati deserti» di Alessandro Caruso

Borsa Immobiliare

Il settore immobiliare sta risentendo del generale momento di crisi. Lo confermano molti indici, tra cui l’aumento delle procedure fallimentari, nonostante una riforma della legge fallimentare dall’indirizzo tendenzialmente assistenzialista nei confronti del debitore, e la flessione delle vendite all’asta, come ci ha illustrato il dottor Luciano Alfani, vicepresidente del Tribunale di Bergamo: «La partecipazione alle aste è scarsa a causa della diminuzione del potere di acquisto e perché in questo periodo si acquista solo a prezzi estremamente vantaggiosi». Questo è uno dei principali fattori che introduce un argomento che spesso ritornerà nel corso dell’anno appena iniziato: la crisi delle vendite all’asta nel campo immobiliare. E, a detta di Alfani, se il 2010 è stato un anno da dimenticare, il 2011 non inizia con le premesse idonee ad essere più ottimisti: «Non sarà un 2011 molto diverso dall’anno appena trascorso, non essendo in vista alcun apprezzabile miglioramento della situazione economica, mentre si stanno esaurendo gli effetti degli ammortizzatori sociali».

Mutui: Italia il Paese più caro d’Europa L’Ance stima che, in media, rispetto agli altri Paesi europei, l’importo in più da pagare sia pari a 9mila euro. Ma non solo rincari sui costi: a gravare sulle famiglie italiane anche il differenziale sui tassi e cresce il numero di pignoramenti. pag. 16

Notai Parte la trasmissione telematica degli atti Dal 29 dicembre dello scorso anno i notai italiani possono facoltativamente trasmettere gli atti notarili per via telematica alle Conservatorie del registro immobiliare di Bologna, Firenze, Lecce e Palermo. pag. 14

a pag. 6

Servizi al cittadino

Il progetto dei commercialisti sull’insolvenza civile

Detrazioni del 55% e 36% per Piano Casa

«Una seconda chance agli onesti che se lo meritano»

L’Agenzia delle Entrate con tre specifiche risoluzioni ha voluto fare chiarezza su alcune importanti novità circa le detrazoni fiscali. I bonus fiscali riguardano gli interventi per la ristrutturazione e per il risparmio ergetico.

Quello del debito e dell’accesso al credito per imprese e famiglie è sempre un tema caldo, ma lo è ancora di più ora che ci si interroga sulla ripresa dell’economia nel dopo crisi. I commercialisti, sottolineando una lacuna nell’attuale ordinamento giuridico, hanno presentato un disegno di legge che propone l’introduzione di procedure a favore dei cosidetti soggetti "non fallibili". Per capirne di più abbiamo intervistato Giulia Pusterla, consigliere nazionale dell’ordine dei commercialisti e autrice della proposta.

pag. 19

pagg. 12 e 13

In questo numero gli annunci del Tribunale di Milano a pag. 21


Sommario

AsteInfoappalti

2

SOMMARIO Domande e Risposte 2

Aste: guida per l’uso

Primo Piano 4 Primo Piano 5 Focus 6 Attualità 7 Economia 9 Economia 11 Intervista 12 Intervista 13 Notai 14 Avvocati e Magistrati 15 Borsino 16 Risparmio Energetico 17 Incentivi 19

Aste - Elenco dei bandi

Da pagina 21 a pagina 39

Invia le tue domande a Aste Infoappalti. I tuoi quesiti verranno sottoposti a degli esperti che risponderanno sul numero successivo. Scrivi a redazioneaste@guidotalaricoeditore.it

DOMANDE 1. Come posso fare per partecipare ad un’asta giudiziaria? 2. Bisogna disporre di denaro liquido per partecipare ad un’asta giudiziaria? 3. Qual è la percentuale da versare subito? 4. In che modo va versato l’importo? 5. Nel caso di non aggiudicazione dell’immobile, dopo quanto tempo posso riavere gli assegni? 6. Nel caso di aggiudicazione, quanto tempo ho per versare il prezzo finale d’acquisto? 7. È possibile visitare gli immobili prima di partecipare all’asta? 8. Sono al corrente che nella maggior parte dei casi, gli immobili all’asta non sono visionabili. Mi chiedo come è possibile conoscerne lo stato? 9. Cosa succede se l’immobile che ho acquistato all’asta, risulta essere occupato? 10. Quando vengono cancellate le ipoteche e i pignoramenti gravanti sull’immobile? 11. Cosa posso fare se al momento dell’immissione in possesso dell’immobile, questo non mi piace?

12. Vorrei conoscere le modalità di svolgimento dell’asta giudiziaria con incanto. 13. È vero che esistono società che curano l’acquisto dell’immobile durante l’incanto, senza che l’interessato sia presente? 14. Un immobile messo all’asta può essere acquistato prima dell’incanto? 15. Se l’inadempiente non ha la possibilità di pagare i suoi debiti e quindi di riscattare il suo immobile, può partecipare all’asta per tentare di recuperarlo? 16. Che vuol dire asta deserta? 17. Quando in sede d’asta si presenta un solo offerente a concorrere all’aggiudicazione dell’immobile, cosa succede? 18. È vero che bisogna aspettare 10 giorni, per essere certi che l’immobile sia stato aggiudicato? 19. Sono al corrente che è possibile presentare entro 10 giorni dalla data d’asta un’offerta pari ad 1/6 del prezzo di aggiudicazione e che il Giudice in tal caso stabilirà una nuova data per l’incanto. Quello che invece vorrei sapere è se il prezzo di base d’asta subirà dei cambiamenti.

20. Il mio immobile è andato all’asta per svariati motivi. Possiedo in parte della liquidità ma non è sufficiente a saldare il debito con i miei creditori.Vista la mia posizione, nessun Istituto bancario è in grado di erogarmi un mutuo. La cosa che vi chiedo è se posso intestare il mutuo a mio figlio e chiedere la restante somma che mi serve per non perdere l’immobile? 21. Vorrei sapere se una volta partecipato ad un’asta immobiliare con esito positivo, potrò intestare l’immobile a mio figlio. 22. Che cos’è una transazione di crediti? 23. Molto spesso sulle pubblicazioni degli immobili che vanno in asta, noto il termine “quota pari a mezza indivisa del diritto di superficie”, vorrei conoscerne il significato. 24.L’immobileall’astaoccupatodapersone anziane, senza un regolare contratto di locazione, al momento dell’aggiudicazione devono comunque lasciare l’immobile? 25. Dopo l’aggiudicazione di un incanto e trascorsi i 10 giorni per le offerte di un sesto, l’immobile quando viene effettivamente consegnato?

RISPOSTE 1.Devepresentareistanzadipartecipazione come previsto dall’ordinanza del giudice delegato e presso il tribunale di competenza. 2. No, i tribunali non accettano contanti, ma soltanto assegni circolari non trasferibili. 3. La percentuale è indicata nell’ordinanza di vendita e può variare da un minimo del 10% ad un massimo del 60%. 4. È obbligatorio versare l’esatto importo quale deposito cauzionale e deposito in conto spese. 5. Immediatamente dopo l’asta. 6. Il tempo è stabilito nell’ordinanza di vendita e può variare dai 30 ai 60 giorni. 7. No. In caso di asta fallimentare è possibile farlo dopo specifica autorizzazione del giudice. 8. È consigliabile avvalersi di un professionista in grado di valutare l’immobile oggetto dell’asta e farsi consigliare al meglio. 9. Nel caso in cui l’immobile risulti occupato con titolo valido, esso diventa opponibile pertanto l’aggiudicatario dovrà rispettare le norme che lo regolano. Se è occupato sen-

za alcun titolo, dopo l’emissione del decreto di aggiudicazione dell’immobile si potrà eseguire lo sgombero. I tempi tecnici variano dai 90 ai 150 giorni dalla prima notifica. 10. La cancellazione verrà eseguita dopo aver effettuato il saldo prezzo a spese e a cura dell’acquirente. 11. Rivenderlo. Gli immobili all’asta sono venduti nello stato di fatto e di diritto. 12. È una gara al rialzo che si tiene davanti al Giudice o presso lo studio di un Notaio delegato. Colui il quale ha presentato domanda di partecipazione potrà offrire, quando il giudice aprirà l’incanto, il prezzo a lui conveniente, rispettando il minimo rialzo previsto dall’ordinanza di vendita. 13. Si, basta dare giusta procura. 14. Si, tenuto conto che dovranno essere pagati tutti i debiti gravanti sull’immobile e chiedere l’estinzione della procedura. 15. No. 16. Se alla data dell’asta non vi sono offerenti, allora si dice che l’asta è deserta. 17. In questi casi l’offerente si aggiudica provvisoriamente l’immobile con il prezzo

base più il rilancio minimo, previsto dall’ordinanza di vendita. 18. Si, perché si può far ricorso all’Art. 584 del Codice Civile che stabilisce che chiunque può presentare, ad asta avvenuta entro 10 giorni, un’offerta superiore di almeno 1/6 al prezzo di aggiudicazione. In questo caso il Giudice deciderà di rifissare una seconda data per l’incanto. 19. Si riparte dal prezzo di aggiudicazione provvisoria più l’aumento di 1/6. 20. Si, è possibile se ci sono tutti i presupposti per stanziarlo. 21. Si se nella domanda di partecipazione è stata espressa richiesta. Nel caso di minore dovrà essere presentata l’autorizzazione del Giudice titolare. 22. È una trattativa extra giudiziale con gli Istituti di credito. 23. L’asta prevede la vendita della quota parte del 50% dell’immobile. 24. Si. 25. Bisogna effettuare il saldo prezzo nei termini previsti dall’ordinanza di vendita, in seguito si iniziano le pratiche per lo sgombero.

ASTE INFOAPPALTI Direttore responsabile Guido Talarico Direzione, redazione e amministrazione: Via Archimede 201 - 00197 Roma Tel: 06.8080099 - 06.99700377 Fax: 06.99700312 SEDE: Roma - via Archimede 205 e-mail:redazioneaste@guidotalaricoeditore.it Portale: www.astepress.it Registrazione tribunale di Roma N.386/2008 del 20/11/2008 AsteInfoappalti da un'idea di Giuseppe Gangale

www.aste.eugenius.it

Asteinfoappalti è edito da Guido Talarico Editore Spa (Presidente Guido Talarico, A.D. Carlo Taurelli Salimbeni, cons. Anne Sophie Cnapelynck). Impresa iscritta al ROC con n° 15822 Responsabile trat. dati Guido Talarico. È vietata la riproduzione, anche parziale dei testi e delle informazioni pubblicate. Tutti i diritti sono riservati. Il materiale inviato non verrà restituito.

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITA’

CENTRI STAMPA

Il Sole 24 Ore Spa System Direzione generale: Gianni Vallardi Direzione amministrativa: Via Monterosa, 91 - 20149 Milano Tel: 02.30223594 - 02.30223126 02.30223257 e-mail: legale@ilsole24ore.com

Tipografia Stiem Viale dell’industria, n° 5 Fisciano (Salerno)

Questa testata è associata all’Unione Stampa Periodica Italiana

Il sito internet www.aste.eugenius.it della Guido Talarico Editori Spa è stato iscritto nell'elenco ministeriale dei siti gestiti dai soggetti in possesso dei requisiti professionali di cui all'Art. 3 e 4 del D.M. 31/10/2006 con provvedimento del 28.06.2010. In base a tale provvedimento il sito www.aste.eugenius.it è autorizzato a effettuare la pubblicità delle vendite giudiziarie per tutti i Tribunali appartenenti ai Distretti di Corte d'Appello italiani


VERONA (VRa007) Prezzo base e 8.000.000

Complesso immobiliare, denominato “Area Donati”, della superficie di 14.590 mq circa, costituito da un’area edificabile sulla quale insistono alcuni fabbricati per una superficie coperta di 1.890 mq circa. Per informazioni: FERSERVIZI VERONA Tel. 045 9273871-873 - Fax 045 8006011 verona.immobili@ferservizi.it COLLEGNO (TO) (TOa012/01) Prezzo base e 750.000 Complesso immobiliare, ex industriale, in Via Torino angolo Via S. Massimo, che insiste su un’area della superficie, tra coperto e scoperto, di 7.330 mq catastali. Il complesso è costituito da un fabbricato a tre piani fuori terra più interrato e diversi altri fabbricati minori per una superficie coperta complessiva di 1.430 mq circa e una volumetria di oltre 17.000 mc. Per informazioni: FERSERVIZI TORINO Tel. 011 6653343-3711 - Fax 011 6653530 torino.immobili@ferservizi.it

ROMA (RM051 - 053) Prezzo base e 333.000 Due locali commerciali, in Via Prenestina, 131 e 135-135/a, della superficie complessiva di 190 mq circa. ROMA (RM033) Prezzo base e 229.000 Locale commerciale di 190 mq circa, in Via Prenestina 29. ROMA (RM163) Prezzo base e 72.000 Locale commerciale di 45 mq circa, in Via O. Gentiloni 30.

ROMA (RMa002) Prezzo base e 10.800.000

MONTEBELLO JONICO (RC) (RC005) Prezzo base e 7.300.000

Complesso immobiliare, in Via Pigafetta, posto in ambito urbano nel quartiere Ostiense/Colombo, sito in prossimità di alcune sedi del Comune di Roma e della Regione Lazio. Il bene è costituito da un edificio su sei piani fuori terra, per una superficie complessiva di 5.700 mq circa, oltre a una pertinenza, destinata a parcheggio e giardino, di 2.400 mq circa. Per informazioni: FERSERVIZI ROMA Tel. 06 4410936 3346835075 Fax 06 44109047 roma.immobili@ferservizi.it

Complesso Immobiliare, nelle vicinanze della Stazione Ferroviaria di Saline Joniche e della S.S. 106, costituito dall’ex impianto industrale delle Officine Grandi Riparazioni. Il complesso si estende su un’area di 350.000 mq circa, sulla quale insistono 17 fabbricati che sviluppano una superficie di 73.000 mq circa, tra i quali si evidenziano il capannone di 56.000 mq circa, un fabbricato uffici di 3.500 mq circa ed un fabbricato spogliatoio-mensa di 7.300 mq circa. Per informazioni: FERSERVIZI REGGIO CALABRIA Tel. 0965 866211-935 Fax 0965 332391 reggiocalabria.immobili@ferservizi.it

SIMAXIS (OR) (CAa006) Prezzo base e 6.600 Terreno della superficie complessiva di 2.900 mq circa, tra il km 100+639 e 100+820 della linea Cagliari - Golfo Aranci. Per informazioni: FERSERVIZI CAGLIARI Tel. 070 6794470 Fax 070 6794345 cagliari.immobili@ferservizi.it RENDE (CS) (RCa028) Prezzo base e 513.000 Complesso immobiliare, costituito dall’ex stazione ferroviaria della linea dismessa Paola-Cosenza, per una superificie complessiva di 21.420 mq circa, sulla quale insistono vari fabbricati ad un piano fuori terra, per complessivi 280 mq circa.

PORTO EMPEDOCLE (AG) (PAa053) Prezzo base e 73.000 Terreno di 660 mq circa, dal km 122+310 al km 122+365 della ex linea Castelvetrano - Porto Empedocle. LICATA (AG) (PAa048) Prezzo base e 36.000 Ex casa cantoniera, al km 054+035, sulla ex linea Agrigento bassa-NaroLicata, articolata su due piani fuori terra, oltre terreno ex linea di 3.690 mq circa. Per informazioni: FERSERVIZI PALERMO Tel. 091 6033992-494 Fax 091 6165495 palermo.immobili@ferservizi.it

Le offerte dovranno pervenire entro le ore 12 del 15 febbraio 2011.


Primo Piano

AsteInfoappalti

4

Le nuove tariffe di incentivazione per gli impianti fotovoltaici saranno valide fino al 2013

Cosa cambia nel 2011 con il terzo Conto energia Classificazione semplificata degli impianti e maggiori differenziazioni per fasce di potenza di Gaia Mutone

Nuovo anno, nuovo Conto energia. A differenza degli impianti fotovoltaici entrati in esercizio entro il 31 dicembre del 2010, che continueranno ad usufruire dei vecchi incentivi definiti dal Dm 19 febbraio 2007, tutti quelli attivi a partire dal 1° gennaio 2011 dovranno obbligatoriamente attenersi alle «tariffe incentivanti» e alle nuove regole contenute nel Dm 6 agosto 2010, note come Terzo Conto energia, valido fino al 2013. Proprio l’entrata in funzione dell’impianto è l’elemento che definisce il sistema di incentivazione di cui si potrà usufruire. A questo proposito va precisato, infatti, che gli impianti per i quali saranno finiti i lavori entro il 2010 - anche se non ancora entrati in esercizio perché non connes-

Le nuove tariffe subiranno un taglio del 6% ogni quadrimestre, dal 1° gennaio 2011, arrivando a fine anno ad un -18% rispetto a oggi, mentre, per gli impianti che entreranno in esercizio nel 2012 e nel 2013, le tariffe saranno decurtate del 6% l’anno

si alla rete - potranno contare ugualmente sulle tariffe più generose del 2010, a patto che l’installazione dell’impianto sia conclusa entro il 31 dicembre e che questo entri in esercizio entro il 30 giugno 2011. Va inoltre ricordato che la dichiarazione di effettiva conclusione dei lavori di installazione entro la fine dell’anno deve essere effettuata unicamente da un tecnico abilitato, così come previsto dal decreto legge 105/2010 (cosiddetto "salva Alcoa"). Categorie di impianti e incentivazione. Rientrano nel terzo Conto energia le seguenti quattro specifiche categorie: gli impianti fotovoltaici ("su edifici" o "altri impianti"); gli impianti fotovoltaici integrati con caratteristiche innovative;

gli impianti fotovoltaici a concentrazione; gli impianti fotovoltaici con innovazione tecnologica. Per ognuna di queste è poi previsto un tetto massimo di potenza incentivabile: 3000 MW per gli impianti fotovoltaici; 300 MW per gli impianti fotovoltaici integrati architettonicamente con caratteristiche innovative; 200 MW per gli impianti fotovoltaici a concentrazione. L’energia elettrica prodotta dagli impianti è incentivata a partire dalla data di entrata in esercizio per un periodo di 20 anni e la tariffa è costante in moneta corrente per tutto il periodo di incentivazione; periodo di diritto che è considerato al netto di eventuali interruzioni dovute a problematiche connesse alla sicurezza della

rete o a seguito di eventi calamitosi riconosciuti come tali dalle competenti autorità. In caso di esaurimento della disponibilità di potenza incentivabile è previsto un periodo di moratoria di 14 mesi (24 mesi per i soggetti pubblici) dalla data di raggiungimento di ciascun limite, comunicata dal Gse sul proprio sito internet. Importante: ai fini del raggiungimento dei limiti di potenza incentivabile relativi alle singole tecnologie viene contabilizzata la sola potenza effettivamente realizzata e non la potenza totale dell’impianto dichiarata in fase di registrazione della prima sezione (questo perché vi è, a determinate condizioni, la possibilità di procedere all’installazione di un impianto fotovoltaico suddiviso in più sezioni, ciascuna realizzata con la propria tecnologia e con una specifica caratterizzazione architettonica). In linea generale, secondo il decreto, l’impianto entra in esercizio alla data in cui si verificano tutte le seguenti condizioni: l’impianto è collegato in parallelo con il sistema elettrico; risultano installati tutti i contatori necessari per la contabilizzazione dell’energia prodotta e scambiata o ceduta con la rete; risultano assolti gli eventuali obblighi relativi alla regolazione dell’accesso alle reti; risultano assolti gli obblighi previsti dalla normativa fiscale in materia di produzione di energia elettrica. Procedura. Il soggetto esponsabile, entro 90 giorni dalla data di entrata in esercizio dell’impianto, deve presentare al Gse la richiesta dell’incentivo corredata da tutti la documentazione prevista (si veda l’Allegato 3 del decreto e dalla delibera). L’invio della richiesta oltre i 90 giorni dalla data di entrata in esercizio comporta la non ammissibilità alle tariffe incentivanti per il periodo intercorrente fra la data di entrata in esercizio e la data della presentazione al Gse. Nel caso di presentazione di documentazione non completa o non conforme il Gse può richiedere integrazione documentale. Il soggetto responsabile è tenuto a inviare l’integrazione entro 90 giorni dalla data di ricezione della suddetta richiesta. Il Gse, dopo aver verificato la conformità della richiesta concederà al soggetto responsabile l’erogazione della tariffa spettante entro 120 giorni dal ricevimento della richiesta. A differenza della vecchia procedura, la documentazione per l’ottenimento dell’incentivo dovrà essere inviata esclusivamente per via telematica utilizzando l’apposito portale https://applicazioni. gse.it. La domanda di concessione dell’incentivodovrà,inoltre,essereinviata al Gse esclusivamente via fax o tramite posta elettronica certificata (Pec). Tagli alle tariffe. Per gli impianti fotovoltaici che entrano in funzione a partire Segue >>

Gli annunci integrali con eventuali perizie sono consultabili sul sito www.astepress.it


Primo Piano

AsteInfoappalti

5

continua dal 2011, è previsto un taglio degli incentivi che arriverà al 18% alla fine di quest’anno. Per gli impianti che entreranno in esercizio nel 2012 e nel 2013 è stabilita un’ulteriore riduzione delle tariffe del 6% all’anno, mentre per gli anni successivi si provvederà con un nuovo decreto. La riduzione degli incentivi è comunque più contenuta per i piccoli impianti e più marcata per quelli con maggiori dimensioni. Impianti fotovoltaici. Il decreto fornisce una classificazione semplificata prevedendo una distinzione tariffaria tra due sole tipologie di intervento: gli impianti fotovoltaici "sugli edifici", installati seguendo particolari modalità di posizionamento (Allegato 2 del decreto) e gli "altri impianti fotovoltaici", ovvero tutti gli impianti non ricadenti nella precedente tipologia ivi inclusi gli impianti a terra. Gli impianti devono avere una potenza non inferiore a 1 kW. Le tariffe degli impianti che entreranno in esercizio nel 2012 e 2013 saranno decurtate del 6% annuo rispetto ai valori del terzo quadrimestre del 2011, con arrotondamento commerciale alla terza cifra decimale. Impianti fotovoltaici integrati con caratteristiche innovative. Gli impianti fotovoltaici che utilizzano moduli e componenti speciali sviluppati specificatamente per integrarsi e sostituire elementi architettonici degli edifici hanno diritto a specifiche tariffe incentivanti: 0,44 euro/kWh per impianti di potenza compresa tra 1 e 20 KW; 0,40 euro/kWh tra 20 e 200 KW; 0,37 euro/kWh tra 200 e 5000 KW. Possono beneficiare delle tariffe incentivanti le persone fisiche, le persone giuridiche, i soggetti pubblici e i condomini di unità immobiliari ovvero di edifici. Gli impianti, entrati in esercizio a partire dal 1° gennaio 2011, devono quindi avere una potenza non inferiore a 1 kW e non superiore a 5 MW. I valori delle tariffe saranno decurtati del 2% annuo per gli anni 2012 e 2013, con arrotonda-

mento commerciale alla terza cifra decimale. Impianti fotovoltaici a concentrazione. Possono accedere agli incentivi le persone giuridiche e i soggetti pubblici: sono quindi esplicitamente esclusi le persone fisiche e i condomini. Queste le tariffe corrispondenti alla potenza realizzata: 0,37 euro//kWh per impianti di potenza compresa tra 1 e 200 KW; 0,32 euro/kWh tra 200 e 1000 KW; 0,28 euro/kWh tra 1000 e 5000 KW. Premi. Il terzo Conto energia prevede la possibilità di ottenere maggiorazioni della tariffa incentivante. I premi sono previsti sia per gli impianti fotovoltaici realizzati su edifici che operano in regime di scambio sul posto, sia per gli impianti integrati con caratteristiche innovative. Rispetto al 2010 però, il risparmio energe-

tico minimo del 10% non verrà più calcolato utilizzando l’indice di prestazione energetica dell’edificio ma dovrà essere conseguito su entrambi gli indici, estivo e invernale, relativi all’involucro edilizio. L’entità della maggiorazione, inoltre, è commisurata all’entità del risparmio energetico conseguito ma non può, in nessun caso, eccedere il 30% della tariffa incentivante. Questa verrà riconosciuta a decorrere dall’anno solare successivo alla data di presentazione della richiesta e per il periodo residuo di diritto alla tariffa incentivante. Il diritto ad usufruirne decade nel momento in cui l’impianto cessa di operare in regime di scambio sul posto. Nel dettaglio si avrà: una maggiorazione del 5% nel caso in cui gli impianti non installati su edifici, e quindi ricadenti nella tipologia "altri impianti", siano realizzati

Il bilancio delle entrate e delle uscite per famiglie, imprese e professionisti

Trattamento fiscale dei bonus Se la principale entrata per il titolare dell’impianto è la tariffa incentivante, che remunera tutta l’energia prodotta (consumata o ceduta alla rete) ed è versata per 20 anni dalla data di entrata in esercizio dell’impianto, il soggetto che non utilizza direttamente l’energia prodotta o ne produce in surplus rispetto ai propri consumi, può valorizzarla in due modi: lo scambio sul posto (per gli impianti fino a 200 kW) o la vendita (tramite il ritiro a prezzo fisso da parte del Gse o tramite la cessione sul mercato). Famiglie. Se un impianto di piccole dimensioni (fino a 20 kW) è finalizzato al solo consumo domestico, l’energia prodotta in eccesso non concretizza mai lo svolgimento di un’attività commerciale abituale. In questo caso sia la tariffa incentivante che il contributo in conto scambio versato dal Gse al privato sono fi-

scalmente irrilevanti, mentre i proventi derivanti dalla vendita di energia prodotta in eccesso rilevano come redditi diversi. Per gli impianti di maggiore dimensione, cioè di potenza superiore a 20 kW, l’energia prodotta in eccesso e venduta configura fisiologicamente l’esercizio di impresa commerciale indipendentemente dalla destinazione dell’impianto ai bisogni energetici del l’abitazione. Imprese. Se la produzione di energia costituisce l’oggetto principale dell’attività o se nell’esercizio di un’attività commerciale si utilizza prioritariamente l’energia prodotta nell’ambito di tale attività, cedendo quella in esubero, l’impianto utilizzato costituisce bene strumentale. La tariffa incentivante non è soggetta all’Iva e rileva come contributo in conto esercizio ai fini delle imposte dirette e dell’Irap. Sarà inoltre intera-

mente soggetta a ritenuta del 4%. I ricavi derivanti dall’attività di vendita di energia (inclusa la liquidazione delle eccedenze nello scambio sul posto) concorrono alla determinazione della base imponibile ai fini Ires/Irpef e Irap e sono da assoggettare a Iva. Professionisti. Se l’impianto è utilizzato esclusivamente per le esigenze di lavoro autonomo, i contributi corrisposti a titolo di tariffa incentivante non possono considerarsi rilevanti nella determinazione del reddito di lavoro autonomo. Quando invece l’impianto è utilizzato per l’esercizio dell’attività di lavoro autonomo e per la vendita di energia non autoconsumata, si configura un’attività commerciale da gestire con contabilità separata. Se l’impianto è utilizzato anche per esigenze personali il costo è ammortizzabile per il 50%.

in zone industriali, commerciali, cave o discariche esaurite, siti contaminati; una maggiorazione del 10% per gli impianti realizzati su edifici in sostituzione di coperture in eternit o comunque contenenti amianto; una maggiorazione del 5% per gli impianti realizzati su edifici e operanti in regime di scambio sul posto se realizzati da Comuni con meno di 5000 abitanti. Per impianti fotovoltaici i cui moduli costituiscono elementi costruttivi di pergole, serre, barriere acustiche, tettoie e pensiline è riconosciuta una tariffa incentivante (Tabella 4), pari alla media aritmetica fra la tariffa spettante agli impianti realizzati "su edifici" e a quella spettante agli "altri impianti fotovoltaici". Autoconsumo o vendita. L’energiaelettricaprodottadall’impianto può essere direttamente utilizzata dal titolare (autoconsumo) oppure ceduta, in tutto o in parte, alla rete. Un impianto fotovoltaico, infatti, non produce energia inn modo costante (con il buio, in inverno o con il cielo coperto), quindi può capitare di dover utilizzare elettricità che non si produce (prelevandola dalla rete elettrica) o a produrre elettricità che non utilizza (cedendola alla rete). L’energia prelevata dalla rete va sempre pagata al proprio fornitore. Quella ceduta, invece, può essere remunerata con diversi meccanismi. Quello più interessante per gli impianti fino a 200kW di potenza è lo scambio sul posto, che consente di "compensare" il valore di prelievi e cessioni. Ogni anno il Gse valorizzerà l’elettricità ceduta alla rete e verserà un contributo in conto scambio, che tiene conto sia del valore dell’energia sia di alcune componenti della bolletta elettrica. Dopodiché, se alla fine dell’anno ci sarà un "credito", il titolare potrà scegliere se utilizzarlo negli anni seguenti o farselo liquidare dal Gse. L’alternativa allo scambio sul posto è la vendita, che può essere effettuata attraverso il ritiro dedicato da parte del Gse, oppure tramite contratti bilaterali al prezzo direttamente negoziato con un grossista di energia elettrica o, ancora, in borsa elettrica.

Per l'inserimento di ordinanze rivolgersi a System Comunicazione Pubblicitaria: legale@ilsole24ore.com


Focus

AsteInfoappalti

6

INTERVISTA ESCLUSIVA al dottor Luciano Alfani, vicepresidente del Tribunale di Bergamo

«Le aste a ribasso sono un sintomo di crisi» E sulla riforma del diritto Fallimentare: «Troppa libertà a professionisti e creditori, che non operano sempre nell’interesse della massa» nione. Si può dire che tale intervento legislativo abbia semplificato e migliorato il vostro lavoro oppure no? «Assolutamente no, perché la riforma ha drasticamente ridotto i poteri dell’autorità giudiziaria, lasciando troppa libertà ai professionisti e ai creditori, i quali non sempre operano nell’interesse della massa». Il vostro Tribunale è uno dei più autorevoli della regione Lombardia. Nonostante ciò anche voi siete alle prese con le ristrettezze che vincolano in molti casi il sistema Giustizia nel nostro Paese. Quali sono i principali problemi che ostacolano le attività dei vostri uffici? «Principalmente la carenza di risorse economiche necessarie per l’informatizzazione del lavoro e, soprattutto, la gra-

di Alessandro Caruso

ROMA - «La crisi mondiale si è sovrapposta all’impennata delle procedure esecutive già in corso da alcuni anni in seguito all’aumento dei tassi di interesse variabili sui mutui, che aveva posto molti lavoratori dipendenti nell’impossibilità di fare fronte a rate originariamente sostenibili», così il dottor Luciano Alfani, vicepresidente del Tribunale di Bergamo, ha rappresentato alcune delle enormi difficoltà che il settore immobiliare sta attraversando. Per toccare con mano gli effetti della crisi economica, uno degli esercizi consigliati è quello di girovagare per le sezioni fallimentari dei Tribunali italiani e verificare la situazione. E prestandoci a questo interessante approfondi-

«La situazione della crisi immobiliare si è inoltre aggravata perché molti debitori hanno anche perso ultimamente il posto di lavoro, per cui si è assistito alla vendita forzata di appartamenti anche per il mancato pagamento di poche migliaia di euro di spese condominiali» mento abbiamo potuto effettivamente constatare che la poca liquidità sta diventando la principale causa dell’indebitamento e, in molti casi, dell’avvio di procedure fallimentari. Fallimenti a cui seguono, paradossalmente, dei veri e propri affari da parte degli investitori nelle aste, che possono approfittare della latitanza di offerte nei primi esperimenti d’asta, dovuta alla poca disponibilità finanziaria, e aspettare che il prezzo si abbassi notevolmente rispetto al valore stimato per aggiudicarsi l’immobile. Il quadro che Luciano Alfani ha dipinto è notevolmente critico e suona quasi da monito diretto alle forze politico-sociali cui spetterebbe il difficile compito di restituire al sistema quella linfa che sembra smarrita. Finito il 2010, è tempo di bilanci e di previsioni per il nuovo periodo. Come si sente di valutare l’anno appena trascorso per quello che riguarda il settore delle aste immobiliari? «È stato un anno difficile perché la crisi mondiale si è sovrapposta all’impennata delle procedure esecutive già in corso da alcuni anni in seguito all’aumento dei tassi di interesse variabili sui mutui, che aveva posto molti lavoratori dipendenti

nell’impossibilità di fare fronte a rate originariamente sostenibili. La situazione si è da ultimo aggravata perché molti debitori hanno anche perso il posto di lavoro, per cui assistiamo alla vendita forzata di appartamenti anche per il mancato pagamento di poche migliaia di euro di spese condominiali. Le procedure esecutive vanno a rilento perché, a causa della crisi, gli immobili si vendono solo dopo ripetuti esperimenti d’asta andati deserti e il bene viene quindi aggiudicato ad un prezzo molto inferiore rispetto al valore stimato». Il quadro che lei traccia è particolarmente allarmante. A questo andamento generale delle esecuzioni si è aggiunta anche una sensibile flessione della partecipazione della cittadinanza alle aste con o senza incanto del vostro Tribunale? «La partecipazione è scarsa a causa della diminuzione del potere di acquisto e perché in questo periodo si acquista solo a prezzi estremamente vantaggiosi». A fronte di tale panoramica e considerando gli equilibri politico economici che si stanno radicando in Italia in questa fase, che 2011 vi as-

pettate? « Non molto diverso dall’anno appena trascorso, non essendo in vista alcun apprezzabile miglioramento della situazione economica, mentre si stanno esaurendo gli effetti degli ammortizzatori sociali». Quali sono i vostri suggerimenti per risollevare le sorti del settore e agevolarne il funzionamento? «Dopo le opportune riforme del 2006 e del 2009 mi risulta particolarmente difficile, se non impossibile, suggerire alcun ulteriore intervento legislativo, essendo le cause dell’attuale complesso periodo eminentemente economiche». Fino ad oggi abbiamo riscontrato, da parte di alcune categorie di addetti ai lavori, pareri tendenzialmente positivi in merito alla riforma del diritto fallimentare del 2008. Ma le sue critiche ci fanno pensare che lei non sia della stessa opi-

«Previsioni per il prossimo anno? Non c’è da essere ottimisti. Non mi aspetto un 2011 molto diverso dall’anno appena trascorso, non essendo in vista alcun apprezzabile miglioramento della situazione economica, mentre si stanno esaurendo gli effetti degli ammortizzatori sociali» vissima carenza di personale amministrativo. La vacanza dell’organico, dovuta al pensionamento, non viene colmata in quanto dal 1996 non sono stati espletati nuovi concorsi».

«Carenza di risorse economiche necessarie per l’informatizzazione del lavoro e, soprattutto, la gravissima carenza di personale amministrativo. Sono questi i gravi problemi cui porre rimedio. Oltre alla vacanza dell’organico, dovuta al pensionamento, che non viene colmata con nuovi concorsi»

Per l'inserimento di ordinanze rivolgersi a System Comunicazione Pubblicitaria: legale@ilsole24ore.com


Attualità

AsteInfoappalti

7

Il centro studi Demetra ha proposto le linee guida per la liberalizzazione degli aeroporti non commerciali

Privatizzare il settore aereo è possibile Nel convegno sono state illustrate le iniziative legislative mirate a tracciare questo percorso

di Giuseppe Dealgeni

Si è svolto nei primi giorni di dicembre presso l’università Roma Tre un interessante convegno promosso dal centro studi Demetra, presieduto dall’avvocato dello Stato Pierluigi Di Palma, in materia di liberalizzazione degli aeroporti non aperti al traffico commerciale. Seguendo una ormai delineata continuità, che muove dal processo di liberalizzazione e privatizzazione del trasporto aereo e dalla identificazione del comparto aerospaziale, il convegno si è rivolto, oltre che ai trentacinque qualificati operatori associati, anche al mondo dei liberi professionistiinteressatiadapprofondire criticamente le problematiche del settore dell’aviazione e di quello aerospaziale. La grande partecipazione registrata dall’evento ha confermato l’attualità e l’interesse dei temi dibattuti, confermando l’esistenza di una filiera sistemica del comparto aerospaziale, che collega i vari soggetti pubblici e privati impegnati nello sviluppo del settore. Con il dichiarato obiettivo di favorire la cooperazione e la sinergia tra gli attori del nuovo comparto

aerospaziale, la manifestazione si è anche occupata di affrontare, con il contributo di giuristi e tecnici, le tematiche che recentemente sono sfociate in proposte di carattere normativo. Molto interesse ha destato la relazione sul disegno di legge del senatore Angelo Cicolani sulla costituzione del comparto aerospaziale e la liberalizzazione degli aeroporti non aperti al traffico commerciale (S-2366), e quella sul disegno di legge dell’onorevole Francesco Scalia, consigliere della regione Lazio, in materia di aeroporti di interesse regionale, nonché la proposta, elaborata dal centro studi Demetra, del decreto legislativo di recepimento della direttiva diritti n. 2009/12/CE. Il convegno organizzato da Demetra, ente sostenuto a livello istituzionale da Enac, Enav, Asi, Cira, Assoaeroporti, Assocatering e Unica, ha rappresentato un’importante occasione di incontro per

determinare nuove e diverse relazioni tra il mondo politico, accademico, istituzionale ed imprenditoriale di riferimento, come del resto confermato dalla affluenza di partecipanti e dalla presenza di oltre cinquanta autorevoli relatori che si sono alternati durante i tre giorni di lavori.

Molto interesse ha destato la relazione sul ddl del senatore Cicolani sulla costituzione del comparto aerospaziale e la liberalizzazione degli aeroporti non aperti al traffico commerciale

Cipe: stanziati 413 milioni per interventi medio-piccoli nel Sud Nuove strade, porti ed edifici pubblici. Sono queste le opere che saranno realizzate nelle regioni del Mezzogiorno grazie a una recente delibera del Cipe che assegna un finanziamento di 413 milioni di euro, a carico del Fondo infrastrutture, per interventi medio-piccoli nel Sud. Interventi che saranno selezionati dai Provveditori interregionali alle opere pubbliche delle Regioni del Mezzogiorno i quali daranno priorità a quelle opere immediatamente cantierabili e a quelle per le quali la progettazione è in fase più avanzata. Entro 30 giorni dalla pubblicazione della delibera in Gazzetta, il ministero delle Infrastrutture comunicherà l’elenco degli interventi da finanziare, aggiungendo eventualmente interventi relativi ad "opere di culto" e spese per studi, indagini e consulenze. Secondo la delibera, i lavori relativi alle opere finanziate dovranno terminare entro il 31 dicembre 2012. Nello specifico le opere che potranno usufruire dei finanziamenti riguardano gli interventi infrastrutturali per la realizzazione di reti viarie, fognarie ed impianti portuali e interventi per l’adeguamento, ristrutturazione e nuova costruzione di sedi istituzionali. Saranno inoltre incentivati gli interventi infrastrutturali per lavori di adeguamento, ristrutturazione e nuova costruzione diretti a Forze dell’ordine e al settore della sicurezza pubblica. «Il Piano - spiega l’Associazione nazionale costruttori edili - consentirà di attivare circa 250 interventi medio-piccoli diffusi sul territorio. I progetti sono principalmente di importo inferiore ai 5 milioni di euro: 243 progetti (il 94%) sono di valore inferiore ai 5 milioni di euro, 9 progetti hanno un valore compreso tra 5 e 10 milioni e 6 progetti sono di importo superiore ai 10 milioni di euro». Per quanto riguarda la ripartizione territoriale delle risorse, l’Ance calcola che a Sicilia, Campania e Puglia sono destinati gli importi più significativi: le quote degli interventi da realizzare in queste regioni sono rispettivamente di 133,2 milioni, 89,3 milioni e 72,8 milioni di euro.

A poche settimane dal via, la Cgia di Mestre fa i conti in tasca ai proprietari delle circa 2.730.000 abitazioni in affitto

Con la cedolare secca si risparmia 1 miliardo di euro Con l’introduzione della "cedolare secca" sugli affitti delle abitazioni, i proprietari risparmieranno quasi un miliardo di euro l’anno di tasse. Una cifra enorme che la Cgia di Mestre ha voluto mettere nero su bianco per i proprietari delle circa 2.730.000 abitazioni in affitto presenti sul territorio italiano a poche settimane dall’entrata in vigore del provvedimento che introduce sui redditi da locazione un’imposta unica con aliquota del 20%. I maggiorni beneficiari saranno le persone fisiche con un reddito superiore ai 29.000 euro l’anno. Da questa soglia, lo sgravio fiscale medio oscillerà tra i 740 euro, fino a 2.172 euro per un locatore con un reddito complessivo superiore ai

75.000 euro. Inoltre, se per i locatori che applicano il canone libero i vantaggi economici saranno sempre assicurati, per coloro che applicheranno il canone concordato l’applicazione della cedolare secca non sempre garantirà una riduzione di imposta. Va ricordato che attualmente esistono 2 tipologie di contratti di locazione: quelle a canone libero , in cui le parti possono fissare liberamente l’ammontare del canone e quelle a canone concordato , in cui il prezzo dell’affitto viene stabilito in base ad accordi raggiunti tra le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative della proprietà e degli inquilini. Quest’ultima tipologia contrattuale è pressoché inutilizzata rappre-

sentando solo lo 0,6% circa di tutti i contratti di locazione presenti in Italia. Con la cedolare secca un proprietario con un reddito inferiore a 30 mila euro che concede in locazione il suo immobile ad un canone di 10 mila euro l’anno, vedrà ridursi la tassazione da 3.230 euro a 1.700 euro. Il vantaggio aumenta per i proprietari con redditi più alti: per chi guadagna complessivamente meno di 60 mila euro, la tassazione passa da 3.485 euro a un importo pari a 1.700 euro. Ma la portata benefica dell’introduzione della cedolare secca non riguarda i soli proprietari delle abitazioni: secondo uno studio di Solo Affitti, infatti, con l’introdu-

zione del provvedimento l’Italia diventerà il Paese europeo più conveniente in materia di tassazione sui redditi da locazione, sorpassando Ungheria, Finlandia e Olanda, dove sono vigenti imposte con aliquota fissa, rispettivamente pari al 25%, 28% e 30%. Silvia Spronelli, presidente di Solo Affitti spiega che la maggior parte delle altre nazioni europee prevede la possibilità per i proprietari di portare in deduzione al reddito complessivo della locazione dell’immobile, una quota di rimborso per la gestione dell’immobile, le tasse municipali e/o l’ammortamento.

Per l'inserimento di ordinanze rivolgersi a System Comunicazione Pubblicitaria: legale@ilsole24ore.com

G.T


di F.S. Sistemi Urbani

F.S. Sistemi Urbani, tramite Ferservizi, pone in vendita:

BARI (SU7BA02) Prezzo base e 1.050.000

Complesso immobiliare, porzione dell’ex scalo FS Bari Parco Sud, con accesso da Via Liside, posto nelle vicinanze della località Punta Perotti e collegato alla marina attraverso un sottopasso pedonale. Il bene è costituito da un’area recintata, in larga parte asfaltata, della superficie catastale complessiva di 23.300 mq circa. Per informazioni: FERSERVIZI BARI Tel. 080 5925540-542 Fax 080 5925532 bari.immobili@ferservizi.it

BARI (SU7BA03) Prezzo base e 1.570.000

Complesso immobiliare, porzione dell’ex scalo FS Bari Parco Nord, con accesso da Via Napoli, posto nelle vicinanze della Fiera del Levante, della Biblioteca Nazionale e dello Stadio della Vittoria. Il bene è costituito da un’area della superficie catastale complessiva di 68.200 mq circa. Per informazioni: FERSERVIZI BARI Tel. 080 5925540-542 Fax 080 5925532 bari.immobili@ferservizi.it

ISERNIA (SU7BA01) Prezzo base e 2.800.000

Complesso immobiliare, ubicato in contesto urbano centrale, con accessi da Via Laurelli e Via Pio La Torre, della superficie catastale complessiva, tra coperto e scoperto, di 17.000 mq circa e una cubatura esistente di 24.000 mc circa. Si segnala che sono in corso attività di sviluppo urbanistico. Per informazioni: FERSERVIZI NAPOLI Tel. 081 19322138 Fax 081 19322407 napoli.immobili@ferservizi.it

MONZA Complesso immobiliare, ubicato in Via Savonarola, nella zona antistante il parcheggio della stazione FS Monza Sobborghi: (Mt4Mi04/02) Prezzo base e 290.000 Lotto 2 costituito da un fabbricato della superficie di 120 mq circa, con relativa area di pertinenza di 1.100 mq circa. (Mt4Mi04/03) Prezzo base e 325.000 Lotto 3 costituito da un fabbricato in disuso della superficie di 630 mq circa con relativa area di pertinenza di 600 mq circa. Per informazioni: FERSERVIZI MILANO Tel. 02 63713550-551 - Fax 02 63713569 - milano.immobili@ferservizi.it Per il solo immobile di Isernia (SU7BA01) le offerte dovranno pervenire entro le ore 12 del 18 aprile 2011. Per tutti gli altri beni, la scadenza è fissata per le ore 12 del 15 febbraio 2011.


Economia

AsteInfoappalti

9

Le ultimissime aste hanno dimostrato un dato confortante: il nostro Paese sta bene

Bot e Btp, Italia ed Europa in salute Ma anche il resto d’Europa non è da meno, come sottolineano da Bruxelles patto di stabilità europeo. «Dovremo stimolare o costringere Paesi a fare le riforme necessarie per la solidità finanze pubbliche» ha concluso il presidente del Consiglio europeo, spiegando che questa sorveglianza più stringente sui conti pubblici dei paesi europei sarà possibilegrazie al patto di stabilità rafforzato. Van Rompuy ha avuto un ruolo importante finora nella riforma del Patto attraverso il lavoro dei ministri europei da lui presieduti nella forum della Task Force. «Ho potuto contare sul ministro dell’Economia Giulio Tremonti nel lavoro della Task Force» ha riconosciuto il presidente. Parlando in generale degli sviluppi dell’economia mondiale nel corso della crisi, il presidente Ue ha detto che nel summit di Seul, lo scorso novembre, il G20 è stato chiaro sulla necessità che i tassi di cambio sul mercato valutario riflettano i fon-

di Carlo Bassi

I conti italiani sono a posto per i mercati e lo dimostra l’operazione andata in porto con successo il 13 gennaio, l’asta dei Btp quinquennali e quindicennali, effettuata per la prima volta dai primi di novembre. Buona la domanda e rendimenti in netta discesa, con riduzione dello spread - il differenziale - sul bund tedesco. I Btp, cedola 3%, scadenza 2015, sono stati assegnati con un rendimento del 3,67% in rialzo rispetto alla precedente asta (3,24%), fatto scontato considerando il generale innalzamento della curva dei rendimenti. Ma si è invece registrato un netto calo rispetto al mercato secondario, dove il quinquennale era trattato con un rendimento del 3,85%, il

«Il risultato è senz’altro buono, dato il contesto di mercato: la domanda è stata di 11,6 miliardi, il bid to cover è un po’ sceso rispetto a dicembre ma bisogna considerare che l’importo offerto è stato decisamente più consistente» ha spiegato uno strategist di Unicredit top da gennaio 2009. Sono stati assegnati 3 miliardi, la domanda è stata pari a 1,4 volte l’offerta, invariata rispetto alla precedente asta. I Btp, cedola 4,5%, scadenza 2026, sono stati assegnati con un rendimento del 5,06% in rialzo rispetto alla precedente asta (4,81%), anche qui un fatto scontato che registra l’innalzamento della curva dei rendimenti. Ma si è invece registrato un netto calo rispetto al mercato secondario, dove il quindicennale era scambiato con un rendimento del 5,23%. Sono stati assegnati 3 miliardi, la domanda è stata pari a 1,4 volte l’offerta, in aumento rispetto alla precedente asta. Il calo dei rendimenti rispetto al mercato secondario è stato favorito anche dal buon andamento delle aste dei titoli di stato spagnoli e portoghesi, nonché dall’ammontare complessivo piuttosto esiguo dell’emissione. Immediato l’effetto sullo spread di rendimento tra il Btp decennale e il Bund tedesco, sceso a 168, all’inizio di settimana si era toccato un picco di 204 punti. L’Europa e i Paesi dell’euro dovranno comunque continuare a lottare anche nel 2011 per salvaguardare la stabilità finanziaria della moneta unica europea, messa alla prova da mercati che assegnano ad alcuni membri dell’euro una

probabilità di fallimento che non corrisponde alla realtà. Le 17 nazioni riunite dalla moneta unica europea, però, hanno già dato prova di grande coraggio sia agendo singolarmente, sia insieme, nell’anno passato e i mercati non devono sottovalutare l’impegno degli europei a difendere il loro progetto comune. Lo ha detto il presidente del Consiglio Europeo Herman Van Rompuy aprendo l’anno accademico 2010/11 del Master in alti studi europei del Collegio europeo di Parma. «Gli sviluppi recenti [dei mercati] non sono sempre in linea con i fondamentali», ha detto Van Rompuy parlando nel Teatro Regio di Parma. «Gli spread (tra i titoli di Stato della zona euro) fanno apparire rischi di default eccessivi. È assurdo che alcuni Paesi europei mostrino un rischio di default superiore ad esempio a quello di nazioni come l’Argentina e l’Ucraina che hanno vissuto fasi ben piùdrammatiche», ha detto il presidente del Consiglio europeo. «Nel 2011 dovremo continuare a salvaguardare la stabilità finanziaria dell’euro», ha riconosciuto Van Rompuy, che ha messo in dubbio il verdetto dei mercati

indicando come i Paesi della zona euro siano stati capaci nel 2010 di dotarsi di un fondo di salvataggio come l’European financial stability facility e che hanno dato il via libera a una modifica dei trattati per trasformarlo in un meccanismo permanente. «L’euro è forte - ha proseguito l’ex premier belga - È assurdo che nessuno dicesse che era debole quando valeva 0,80 dollari mentre oggi che ne vale circa 1,30 viene attaccato. Si sottovaluta la determinazione dei Paesi della zona euro ad adottare le misure per difendere la solidità della moneta unica. Ogni paese (europeo) ha mostrato un atteggiamento coraggioso - ha sottolineato Van Rompuy-. E agli europei dico di non avere paura, di mostrare fiducia nel futuro». Tra le sfide che attendono i paesi europei nell’anno appena aperto, Van Rompuy ha citato, sul lato delle riforme economiche, il completamento della riforma del

«È assurdo che alcuni Paesi europei mostrino un rischio di default superiore ad esempio a quello di nazioni come l’Argentina e l’Ucraina che hanno vissuto fasi ben più drammatiche», ha detto il presidente del Consiglio Europeo damentali, ma questo richiederà lungo tempo. Secondo l’ex premier belga, il G20 deve restare il forum più importante per la politica mondiale.

L’Europa e i Paesi dell’euro dovranno continuare a lottare anche nel 2011 per salvaguardare la stabilità finanziaria della moneta unica europea, messa alla prova da mercati che assegnano ad alcuni membri dell’euro probabilità di fallimento che non corrispondono alla realtà

Per l'inserimento di ordinanze rivolgersi a System Comunicazione Pubblicitaria: legale@ilsole24ore.com


PER CHI HA

IDEE DA VALORIZZARE

TALENTO DA MOSTRARE O UN LAVORO DA PUBBLICARE

Skill Edition grazie alla tecnologia on-demand ti consente di pubblicare con facilità il tuo lavoro e con una ef� cace campagna di comunicazione farà emergere il tuo nome e il tuo talento.

Fa vedere chi sei

www.skilledition.it


Economia

AsteInfoappalti

11

Dalla tanto discussa vicenda del referendum a Mirafiori emergono molti interrogativi

Se l’economia non la fanno i numeri ma le parole Il futuro della Fiat nel nostro Paese è legato alle ideologie e non ai criteri economici di Carlo Bassi

«Fiat Industrial chiude in rialzo del 5,39% a 10,16 euro, superando l’importante soglia psicologica dei 10 euro, sull’ottimismo per il titolo dopo l’interesse espresso per Man e Scania, i marchi nei camion del gruppo Volkswagen. E dopo l’euforia già vista sull’annuncio della salita al 25% di Chrysler, Fiat Spa sale ancora e guadagna il 3,25% a 7,79. L’azionista Exor fa un passo in avanti del 3,66% a 25,76». È solo un’Ansa della prima settimana di gennaio. Ma è molto importante per mettere a fuoco alcuni problemi che sembrano affliggere in questo momento la natura stessa dell’economia italiana. Fa riferimento ad alcuni avvenimenti epocali per la prima grande impresa privata

E in vista del voto si sono moltiplicate le iniziative di azienda e sindacati per spiegare le ragioni del "sì" e del "no" In particolare hanno suscitato critiche le assemblee convocate dai capisquadra dello stabilimento per spiegare ai lavoratori i contenuti dell’accordo italiana alle prese con la necessità di resistere alla concorrenza dei Paesi emergenti e continuare a fare utili. E ad alcuni cambiamenti che l’amministratore delegato della rinascita (cinque anni fa, non si dimentichi, si parlava di fallimento), Sergio Marchionne, ha cercato di introdurre. Come ha scritto il Sole 24 Ore con la quotazione distinta in Borsa di Fiat e di Fiat Industrial si è compiuto, oltre che un passaggio determinante nell’assetto d’impresa, una trasformazione destinata a incidere sulla struttura e sul carattere dell’industria italiana. Scindendo il comparto delle autovetture da quello dei veicoli industriali e delle macchine movimento terra, la Fiat ha definitivamente abbandonato la propria configurazione novecentesca e, insieme con essa, un modello di crescita fondato sull’aggregazione di attività non omogenee. In questo senso, il nostro paese dismette, probabilmente in via definitiva, la forma della conglomerata, che aveva contraddistinto la formazione e lo sviluppo del GruppoFiat,facendonequelformidabile aggregato di capacità economica, di potere e di influenza sociale che tutti gli italiani hanno conosciuto. Allo stesso tempo, negli Stati Uniti, Fiat

Sergio Marchionne

saliva oltre il 25 per cento in Chrysler, Marchionne annunciava che potrebbe arrivare al 51 entro l’anno, e dall’amministrazione Obama arrivavavano elogi sperticati per l’imprenditore italo canadese che ha salvato il colosso. Nel bel mezzo di tutto questo, in Italia, Marchionne ha avuto bisogno di un referendum per sapere se è possibile investire un miliardo di euro a Mirafiori. Il referendum sull’accordo di Mirafiori si è tenuto il 13 e il 14 gennaio. E in vista del voto si sono moltiplicare le iniziative di azienda e sindacati per spiegare le ragioni del "sì" e del "no". In particolare hanno suscitato critiche le assemblee convocate dai capisquadra dello stabilimento per spiegare ai lavoratori la versione dell’azienda sui contenuti dell’accordo. Tutto questo, secondo i sindacati estremisti, sarebbe proibito. Sull’intesa a Mirafiori è intervenuto il ministro del Lavoro Maurizio Sacconi, che ha ribadito come «i lavoratori della Fiat non perdono nulla, anzi guadagnano non solo una sicurezza relativa al posto di lavoro ma anche miglioramenti delle loro condizioni salariali». Proibito anche questo.Alla vigilia del referendum tra gli operai di Mirafiori -

cioè della scelta se mantenere o meno in Italialamaggiorepresenza industrialeprivata - con un investimento di un miliardo di euro garantito però da cambiamenti nella turnazione, si è espresso anche il presiente del Consiglio: apriti cielo. A Ballarò e altri talk show, si è parlato di "ricatto" da parte di Marchionne. In realtà si tratta semplicemente di un ragionamento economico: mi danno un miliardo da investire a Mirafiori se riesco a rispettare certi criteri di produttività. Se non li posso ottenere qui, li posso avere in Polonia. Decidete voi. Si badi bene: in Polonia (non in India) e sono criteri che vigono anche in Germania, negli stessi Stati Uniti dove i sindacati applaudono Marchionne (che li ha salvati dal fallimento) ogni volta che lo vedono. Il ragionamento sembra tanto semplice che gli stessi dirigenti nazionali del Pd hanno deciso... di non decidere. Stretti tra il no duro della Fiom, il ni della Cgil ed il sì delle altre con-

federazioni ritenute, chissà perché, amiche di Sergio Marchionne e del governo, Pier Luigi Bersani ed il suo responsabile economico, Stefano Fassina, non hanno trovato altro da dire che rispetteranno comunqueilrisultatodellaconsultazione. Nel frattempo la segretaria della Cgil Susanna Camusso attacca Marchionne («Da lui solo insulti»), e poiché è grazie ed al fianco della Cgil che il vertice del Pd ha potuto tornare in piazza, ecco Bersani costretto a glissare. La verità è che per Bersani ed i suoi l’imbarazzo non viene solo dal dover restare aggrappato alla Cgil, a sua volta appesa alla Fiom, ma anche dal movimentismo della sinistra di Nichi Vendola, che ha deciso di recarsi alla famosa Porta 2 di Mirafiori. Dove è stato peraltro contestato da alcuni. Eppure la storia dovrebbe insegnare qualcosa: a quei cancelli decise di andare a parlare

Allo stesso tempo, negli Stati Uniti, Fiat saliva oltre il 25 per cento in Chrysler, Marchionne annunciava che potrebbe arrivare al 51 per cento entro l’anno, e dall’amministrazione Obama arrivavano elogi sperticati per l’imprenditore italo canadese Enrico Berlinguer durante la vertenza del settembre 1980. E benché l’allora segretario avesse un carisma ben diverso, il Pci, la Cgil e la sinistra rimediarono una batosta storica.

Come ha scritto il Sole 24 Ore con la quotazione distinta in Borsa di Fiat e di Fiat Industrial si è compiuto un passaggio determinante nell’assetto d’impresa, una trasformazione destinata a incidere sulla struttura e sul carattere dell’industria italiana

Per l'inserimento di ordinanze rivolgersi a System Comunicazione Pubblicitaria: legale@ilsole24ore.com


Intervista

AsteInfoappalti

12

INTERVISTA a Giulia Pusterla, autrice dello schema di legge che propone l’introduzione dell’insolvenza civile

Un progetto per le realtà che non possono fallire «Lo scopo è dare a tutti gli onesti una seconda possibilità, senza nulla togliere ai creditori. Questo è lo spirito della proposta» ditore è avvantaggiato. Inoltre, introducendo procedimenti ad hoc per gli insolventi civili si andrebbero a togliere tutta una serie di opacità molto diffuse. Si pensi solo a quanti debitori si celano dietro prestanome. La nostra proposta è utile per l’intero sistema e tutti ne traggono vantaggio perché introduce trasparenza nel raporto debitore-creditore». La vostra è un’iniziativa che arriva all’indomani di una crisi che ha travolto molti, imprese e famiglie, e ha contribuito a moltiplicare le opacità alle quali accennava. «Sì. Tuttavia è importante precisare che il nostro non è un progetto di carattere emergenziale. Tutto ciò che abbiamo proposto, per dare i suoi vantaggi, deve essere introdotto a regime. L’emergenza è unicamente nei tempi di approvazione del disegno di legge, che dovrebbe essere adottato quanto prima. Del resto i dati del Censis parlano chiaro: negli ultimi quindici anni è più che raddoppiato l’indebitamento privato e, solo

di Gaia Mutone

Attualmente, secondo il nostro ordinamento giuridico (r.d. 16 marzo 1942, n. 267), gli unici soggetti che possono fallire sono gli imprenditori commerciali di grandi e medie dimensioni, i quali, se non sono più in grado di adempiere ad una o più obbligazioni (sono cioè insolventi), possono richiedere istanza di fallimento al Tribunale. Una volta che il Tribunale accoglie la richiesta e pronuncia la sentenza dichiarativa di fallimento, viene nominato sia il Giudice delegato, che coordinerà la procedura di vendita dei beni del fallito per il risarcimento dei creditori, sia il curatore fallimentare, al quale è affidato il compito di porre in vendita i beni del fallito. Nei casi previsti dunque il debitore-imprenditore può accedere a procedure esecutive di carattere concorsuale che agevolino le azioni di recupero dei creditori e che consentano di eseguire la

segue

«La nostra proposta è rivolta a tutti i soggetti cosiddetti “non fallibili”: vale a dire tutti i privati (e quindi le famiglie e i consumatori), più tutte quelle imprese che non possono effettuare la esdebitazione» "esdebitazione" dalle obbligazioni, in via preventiva (Concordato preventivo) o successivamente (Concordato fallimentare). Ben diverso è invece il discorso per i piccoli e piccolissimi imprenditori e per tutti gli altri privati che non possono contare su un istituto giuridico che li tuteli adeguatamente. Questo lo stato dell’arte. Per tutti questi motivi, i commercialisti italiani, che già partecipano ai quattro tavoli tecnici istituiti dal Tesoro per coordinare i lavori per la futura riforma del sistema fiscale e molto attivi sul fronte dell’accesso al credito per le Pmi, hanno presentato un progetto di legge che mira a coprire questa lacuna giuridica, con un occhio agli strumenti già in uso all’estero e uno alla situazione dell’economia italiana che, se comincia a dare tiepidi segnali di ripresa, ha lasciato sul campo molte vittime, strette dalla morsa dei debiti. Abbiamo quindi chiesto alla dottoressa Giulia Pusterla, membro del Consiglio

nazionale dei Dottori commercialisti ed esperti contabili con delega al Diritto concorsuale e alla Crisi e risanamento d’impresa e autrice, insieme al professor Sido Bonfatti dell’università di Modena, dello schema del disegno di legge in cui si articola la proposta di riconoscere nel nostro ordinamento anche l’insolvenza civile, di illustrarci l’argomento aiutandoci a capire la bontà del progetto. Dottoressa Pusterla, cosa si intende per "insolvenza civile"? E quali sono i soggetti interessati? «La nostra proposta intende rivolgersi a tutti quei soggetti cosiddetti "non fallibili": vale a dire tutti i privati (e quindi le famiglie e i consumatori), più tutte quelle imprese che, per ragioni dimensionali (piccole) o soggettive (agricole), non possono effettuare la esdebitazione dalle obbligazioni che hanno assunto verso terzi perché pur risultando "insolventi" non possono essere dichiarate fallite e quindi nemmeno accedere a quelle procedure di favore, tipo Concordato preventivo. Un caso molto comune, inoltre, è quello dei fideiussori: ogni volta che si concede una fideiussione ad un’impresa qualcuno deve risponderne e anche in questo caso è importante che vi siano delle tutele». Perché è importante che venga riconosciuta all’interno del nostro ordinamento? «Perché si tratta di una proposta che, se venisse accolta, consentirebbe a molti debitori rimasti senza risorse per fronteggiare la sovraesposizione di effettuare l’esdebitazione verso i propri creditori, permettendo a molte imprese non solo di sopravvivere, ma anche di effettuare una concreta ripartenza, quel

fresh start che rappresenta la possibilità di continuare a fare business e di avere rapporti con le banche, e di poter quindi avere ancora accesso al credito. Un ragionamento che vale anche per i privati». Lo schema di disegno di legge da voi presentato introduce degli strumenti in più a tutela dei soggetti sovraindebitati (ma non fallibili), ma ciò non andrebbe a scapito dei creditori? «No. Il riconoscimento delle procedure per l’insolvenza civile andrebbe a vantaggio anche dei creditori. Un debitore che sa di poter ottenere l’esdebitazione a proprio favore è sicuramente più spinto a comportamenti collaborativi con i suoi creditori. Nella pratica, anche il cre-

«Il riconoscimento delle procedure per l’insolvenza civile andrebbe a vantaggio anche dei creditori. E un debitore che sa di poter ottenere l’esdebitazione è più spinto a comportamenti collaborativi con i creditori»

La dottoressa Giulia Pusterla

Per l'inserimento di ordinanze rivolgersi a System Comunicazione Pubblicitaria: legale@ilsole24ore.com


Intervista

13

AsteInfoappalti

continua nel periodo giugno 2009 - settembre 2010, la percentuale delle famiglie insolventi rispetto ai pagamenti delle rate dei mutui sulla prima casa è passata dall’1,7 al 5,1%. Ricordiamo anche che c’è una moratoria sui mutui che sta per scadere. Inoltre, nel Nord, abbiamo avuto suicidi di piccoli imprenditori strangolati dai debiti che sentivano di non avere via d’uscita. Fare qualcosa è doveroso». Non c’è il pericolo che si possa "incoraggare" l’indebitamento? «Assolutamente no. Riconoscere il fenomeno dell’insolvenza civile non determina né favorisce il moral hazard. È previsto infatti che si possa ricorrere alla procedura di esdebitazione agevolata solo una volta ogni dieci anni, e ciò è messo nero su bianco perché è prevista la pubblicazione dell’accordo omologato dal tribunale su un apposito archivio istituito presso l’Osservatorio

«Nel caso di imprenditori abbiamo previsto che si debba intercettare l’adesione di creditori che rappresentino almeno il 60% del totale dei debiti. Se invece il debitore è un privato, occorre che le adesioni raggiungano almeno il 75%»

«Riconoscere il fenomeno dell’insolvenza civile non determina né favorisce il moral hazard. È previsto che si possa ricorrere alla procedura di esdebitazione agevolata solo una volta ogni dieci anni, e ciò è messo nero su bianco perché è prevista la pubblicazione dell’accordo in apposito archivio» nazionale per il monitoraggio degli interventi anticrisi, sia che si tratti di un’impresa sia di un privato». Cosa avviene nella pratica? «Innanzitutto occorre distinguere tra piccoli imprenditori da una parte e tutti i privati dall’altra. Nel caso di imprenditori (poiché chi tratta con loro deve mettere in conto che siano fallibili) abbiamo previsto che si debba intercettare l’adesione di tanti creditori che rappresentino almeno il 60% del totale dei debiti. Se invece il debitore è un privato, occorre che le adesioni raggiungano almeno il 75%. Quindi il professionista prepara una proposta di accordo, raccoglie le adesioni e, se si raggiungono le percetuali citate, chiede l’omologa dell’accordo al tribunale e poi ne segue l’esecuzione». Ma a che tipo di accordo si punta? «Ogni proposta fa storia a sé, è libera e detipizzata. Ci può essere, ad esempio, un accordo che preveda di pagare il 90% o un accordo che preveda, invece, di pagare il 10% dei debiti; può essere un accordo remissorio, dilatorio. Potrebbe prevedere la cessione di una percentuale dello stipendio futuro. In una parola, il contenuto dell’accordo è libero e dipende dalla situazione concreta». Qual è il ruolo del professionista? «Premetto che il professionista deve essere un legale o un commercialista iscritto anche al registro dei revisori legali dei conti. Il professionista che è chiamato ad assistere chi si trova in difficoltà ha una funzione cruciale: deve seguire il debitore nella fase del confezionamento e predisposizione della proposta di accordo, procedere all’individuazione della maggioranza dei creditori aderenti, verificare i requisiti del debitore (verificare cioè che non sia fallibile e che non abbia già usufruito della procedura di insolvenza) e seguire l’esecuzione dell’accordo raggiunto». Qual è la caratteristica fondamentale del vostro progetto di legge? «Nel fatto che l’accordo, una volta che è stato omologato, è vincolante anche per i creditori non aderenti». L’insolvenza civile è già riconosciuta all’estero? «Sì. Ciò di cui abbiamo parlato è una realtà in molti Paesi europei e noi siamo indietro. Si pensi solo che la Grecia, con le enormi difficoltà che sta affrontando, ha varato un provvedimen-

to che va nella direzione della nostra proposta il 1° settembre scorso perché ha capito che è una cosa utile per i debitori, ma anche per le banche creditrici. Dobbiamo adeguarci». Cosa serve ora? «Serve un interessamento concreto della politica. La questione dell’insolvenza civile ha una portata sociale, interessa tutto il Paese. Bisogna tenere conto del fatto che abbiamo un alto livello di disoccupazione e che gli stessi tempi di ripresa dell’economia sono troppo lenti per lasciare le cose come stanno. Non porsi il problema delle numerose microrealtà sovraindebitate sarebbe il segno di una grave insensibilità sociale».

«Serve un interessamento della politica. La questione della insolvenza civile ha una portata sociale. Bisogna tenere conto che i tempi di ripresa dell’economia sono troppo lenti per lasciare le cose come stanno. Non porsi il problema delle numerose microrealtà sovraindebitate sarebbe segno di insensibilità sociale»

Gli annunci integrali con eventuali perizie sono consultabili sul sito www.astepress.it


Notai

AsteInfoappalti

14

L’iniziativa, partita il 29 dicembre 2010, riguarda per ora 4 città: Bologna, Firenze, Lecce e Palermo

Parte la trasmissione telematica degli atti Laurini: «Il Notariato italiano si avvia verso la totale informatizzazione delle procedure» di Giuseppe Tetto

Dal 29 dicembre dello scorso anno i notai italiani possono facoltativamente trasmettere gli atti notarili per via telematica alle Conservatorie del registro immobiliare di Bologna, Firenze, Lecce e Palermo. La collaborazione tra l’Agenzia del Territorio e il Consiglio nazionale del Notariato, con la propria Commissione informatica, ha infatti portato all’attivazione in via sperimentale della trasmissione telematica (facoltativa) degli atti notarili alle suddette Conservatorie dei registri immobiliari. La completa informatizzazione del procedimento è stata prevista con Decreto interdirigenziale del 21 dicembre

La trasmissione telematica riguarda la copia autenticata dell’atto notarile originale cartaceo predisposta per intero con strumenti informatici e con l’uso della firma digitale. Per ogni nota, l’Agenzia del Territorio restituisce un certificato di eseguita formalità provvisto di firma digitale

Giancarlo Laurini

2010 del Direttore dell’Agenzia del Territorio, di concerto con il Direttore generale della Giustizia civile, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 302 del 28 dicembre 2010. «Grazie alla collaborazione con l’Agenzia del territorio e il Ministero della Giustizia e agli investimenti tecnologici della categoria (14 milioni di euro in dieci anni)- sostiene Giancarlo Laurini, presidente del Consiglio nazionale del notariato - il Notariato italiano si avvia verso la totale informatizzazione delle procedure relative alla registrazione degli atti notarili e la loro trascrizione nei registri immobiliari». Va ricordato che la trasmissione tele-

Sul sito del Notariato l’elenco degli "Sportelli per il cittadino”

matica riguarda la copia autenticata dell’atto notarile originale cartaceo predisposta per intero con strumenti informatici e con l’uso della firma digitale. Per ogni nota trasmessa, l’Agenzia del Territorio restituisce, sempre in via telematica, un certificato di eseguita formalità provvisto anch’esso di firma digitale. Adesso grazie all’introduzione di questa importante innovazione potranno essere quindi trascritti, iscritti o annotati secondo la nuova procedura solo gli atti riguardanti immobili ricompresi nel circondario delle Conservatorie di Bologna, Firenze, Lecce e Palermo. Successivamente, con prov-

vedimento dell’Agenzia del Territorio e del Ministero della Giustizia, saranno stabilite modalità e termini per l’estensione a tutto il territorio nazionale. «Questa ultima innovazione - conclude Laurini - porterà immediati vantaggi in termini di risparmio di tempi e costi per la trascrizione degli atti, soprattutto per quelli stipulati o autenticati da Notai con sedi distanti dalla Conservatoria ove l’atto deve essere sottoposto a pubblicità immobiliare, assicurando, però, l’alto livello di sicurezza giuridica, cardine del nostro sistema. Anche questa è un’altra tappa verso la completa digitalizzazione dell’attività notarile che culminerà con l’approvazione dei decreti attuativi del dlgs 110/2010, che ha introdotto l’atto notarile informatico».

«Questa innovazione - afferma Giancarlo Laurini - porterà immediati vantaggi in termini di risparmio di tempi e costi per la trascrizione degli atti, soprattutto per quelli stipulati o autenticati da Notai con sedi distanti dalla Conservatoria ove l’atto deve essere sottoposto a pubblicità immobiliare»

Soddisfazione del Cnn per le nuove prove a fine febbraio

Consulenza gratuita on line Ecco le date del concorso notarile Sul sito del Notariato è ora attiva una nuova sezione dedicata agli "Sportelli per il cittadino" da cui è possibile scaricare l’elenco aggiornato degli sportelli di informazione notarile per i cittadini attivati a titolo gratuito dai notai, in tutta Italia, in materia di acquisto della casa, mutuo, donazioni, testamenti e successioni. L’elenco è suddiviso per città, regione, Consiglio Notarile Distrettuale che offre il servizio, tipologia di servizio reso al cittadino (dallo sportello di consulenzanotarileall’assistenzaallevittime di usura, ecc.), durata, data, orario, modalità di prenotazione e luogo dove viene reso il servizio. Da tempo il Notariato a livello locale è attivo per la tutela dei consumatori per ridurre la carenza d’informazioni, che può produrre gravi conseguenze, di fronte a scelte importanti come l’acquisto della casa, il mutuo o la gestione del proprio patrimonio. Dal 2008 ad oggi sono state 102 le

città italiane che hanno attivato uno sportello di informazione e altre forme di consulenza al pubblico, presso le sedi del consiglio notarile o in collaborazione con gli enti locali, oppure hanno organizzato incontri aperti o colloqui individuali. Attualmente sono 60 i comuni in cui il servizio è attivo, ad oggi è prevista l’apertura di altri 3 sportelli per il 2011. G.C

Il ministero della Giustizia con avviso pubblico ha reso note le nuove date per lo svolgimento delle prove scritte del concorso pubblico da 200 posti di notaio, indetto con D.D. 28 dicembre 2009, annullate lo scorso novembre per motivi di ordine pubblico. Le nuove prove si svolgeranno nei giorni 23, 24 e 25 febbraio 2011, a Roma presso l’Ergife Palace Hotel (Via Aurelia n. 619). La comunicazione sarà pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 14 dicembre 2010, serie speciale concorsi. «Ringrazio molto il ministro della Giustizia Angelino Alfano - ha dichiarato Giancarlo Laurini, presidente del Consiglio nazionale del notariato che, grazie al suo intervento repentino ed efficace, consentirà ai candidati di ripetere nel tempo più breve possibile le prove del concorso in un clima sereno, così come auspicato dal

Consiglio nazionale del notariato sin dal primo momento. Questa infatti era la priorità assoluta per il Notariato che deve dare atto, con soddisfazione, dell’eccezionale sforzo organizzativo del ministero della Giustizia, in condizioni certamente non facili, per assicurare un rapido svolgimento delle nuove prove».

Per l'inserimento di ordinanze rivolgersi a System Comunicazione Pubblicitaria: legale@ilsole24ore.com

G.C


Avvocati e magistrati

15

AsteInfoappalti

Novità regolamentari per gli avvocati: introdotta la difesa tecnica quando prevista per legge e le proposte di mediazione solo dal mediatore del procedimento

Mediazione: Cnf, regolamento per i Consigli dell’ordine Lo schema di regolamento si propone di fornire un supporto normativo per la organizzazione degli organismi di conciliazione di Giulio Crocitti

Un modello di regolamento per gli organismi di mediazione costituiti dai Consigli dell’ordine forensi. Una proposta che viene dal Consiglio nazionale forense che ha articolato uno schema di regolamento unitario per gli organismi di conciliazione forense. Un modello che si propone di fornire ai Consigli degli ordini degli avvocati un supporto normativo per la organizzazione degli organismi di conciliazione, nella convinzione che «l’uniformità di regole e principi nel-

Alcuni dei punti del programma sono le previsioni della necessaria difesa tecnica, almeno nei casi in cui è richiesta in giudizio, e la formulazione della proposta dal mediatore del procedimento, solo in caso di richiesta congiunta della parti

la conduzione del procedimento costituisca una garanzia per il cittadino» e anche per rispondere all’esigenza degli stessi Consigli dell’Ordine di «ricevere assistenza nella fase di costituzione degli organismi». Cardini del programma sono le previsioni della necessaria difesa tecnica almeno nei casi in cui è richiesta in giudizio; la formulazione della proposta del mediatore (e non da uno terzo) e solo in caso di richiesta congiunta delle parti (tranne che nelle mediazioni in materia di responsabilità medica e da circolazione di veicoli); la disciplina delle cause di incompatibilità e dei doveri di imparzialità mutuata dal Codice deontologico forense. La predisposizione di questo regolamento, sollecitata anche dalle numerose richieste dei Coa, si inserisce in «un’attività di collaborazione istituzionale - come si legge in una nota del Cnf - al funzionamento delle nuove norme, garantita dal Cnf pur nelle perplessità avanzate al ministero della Giustizia circa alcune scelte di fondo della normativa principale e secondaria; scelte criticate dall’avvocatura, quali l’obbligatorietà della mediazione come condizione di procedibilità del successivo processo o i criteri di qualificazione dei mediatori, ritenuti troppo blandi». Nello specifico il modello proposto dal Cnf disciplina alcuni aspetti salienti del procedimento di mediazione come ad esempio la domanda e il suo contenuto. «L’organizzazione dell’ufficio di Segreteria dell’Organismo di conciliazione - continua la nota -, diventa un ganglo strategico con la competenza di tenere il registro, anche informatico, dei procedimenti di mediazione e di informare le parti sia dei benefici fiscali sia delle conseguenze processuali negative conseguenti alla mancata partecipazione al procedimento di mediazione». Dopo aver disciplinato le cause di incompatibilità e dettato le regole di imparzialità, il regolamento disciplina l’aspetto della riservatezza del procedimento: «tutto quanto dichiarato nel corso della procedura non può essere verbalizzato e le dichiarazioni/informazioni rese non possono esser usate nell’eventuale giudizio successivo, salvo il consenso del titolare. Quanto al procedimento di mediazione, esso è improntato alla massima informalità». La proposta del mediatore è formulata solo se le parti ne fanno richiesta congiunta e, in questo caso, il

mediatore deve avvisare le parti delle conseguenze possibili nel successivo giudizio. «Le parti - conclude la nota - possono, entro 7 giorni dalla ricezione, accettare o rifiutare la proposta, comunicandolo in qualunque forma idonea a comprovarne l’avvenuta ricezione. Solo nelle controversie in materia di responsabilità medica o da circolazione di veicoli il mediatore può fare la proposta anche in assenza di volontà congiunta per l’esigenza di stimolare la partecipazione del presunto danneggiante».

«Tutto quanto dichiarato nel corso della procedura non può essere verbalizzato e le dichiarazioni/informazioni rese non possono essere usate nell’eventuale giudizio successivo, salvo il consenso del titolare» afferma in una nota il Cnf

Gli annunci integrali con eventuali perizie sono consultabili sul sito www.astepress.it


Borsino

16

AsteInfoappalti

Non solo rincari sul costo delle case: pesa anche il differenziale sui tassi e cresce il numero di pignoramenti

Mutui: Italia il Paese più caro d’Europa L’Ance stima che in media rispetto agli altri Paesi europei l’importo in più da pagare sia pari a 9mila euro cuzioni immobiliari. Secondo le stime dell’Adusbef, inoltre, le procedure immobiliari, accelerate con la nuova legge fallimentare del 2004 sono pari al 2,4 % del totale dei mutui, (150.000 su 3,6 milioni), con circa 28.000 procedure avviate nel 2010, contro le 21.000 del 2009, che, sommate alle 20.000 registrate nel 2008, potrebbero far sparire una media città come Monza, che vede proprio aumentati del 20,2% i pignoramenti nel 2009. Il boom di pignoramenti ed esecuzioni immobiliari, con aumenti stimati nel 2010 rispetto al 2009, da un minimo del 13,8% a Rovigo, e del 13,9% a Venezia contro il 16,1% a Forlì e 16,7% a Vicenza, non risparmia praticamente nessuna città. Salgono infatti del

di Giuseppe Tetto

Non diminuiscono i rincari sul costo della casa. Una vera piaga per gli italiani che non solo devono fare i conti con aumenti dei prezzi esorbitanti rispetto al resto d’Europa, ma anche con il continuo incremento del differenziale dei tassi applicati in tutto il continente. E, cifre alla mano, i dati appaiono ancora più preoccupanti: non solo 9 mila euro in più rispetto a chi vive a Londra, Parigi, Berlino, ma cresce pure, da ottobre 2010, il differenziale dei tassi applicati in Italia e in Eurolandia per i prestiti: più gravosi dell’1,04% (104 punti base) quelli imposti nel nostro Paese, incre-

Ance:«In Italia continua a pesare il differenziale con l’Europa sul costo dei mutui erogati a tasso fisso alle famiglie per l’acquisto di abitazioni: mentre nell’area euro a settembre i tassi medi sui mutui erano al 3,74%, in Italia la media era pari al 4,1%, per un differenziale dello 0,36» mentando così i costi in più che il cliente bancario italiano deve sopportare rispetto al cugino inglese, francese o tedesco. L’Associazione dei consumatori Adusbef, inoltre, ha rilevato come nel nostro paese continui la crescita dei pignoramenti. L’unico dato positivo risiede nei mutui fondiari che rispetto alla media degli altri Paesi europei in Italia tende a diminuire: dallo 0,56% di luglio allo 0,42%. Una situazione non facile per le famiglie italiane, confermata dagli allarmi lanciati sia da Bankitalia sia dall’Ance, l’Associazione dei costruttori edili. Quest’ultima sottolinea infatti come in Italia continua a pesare il differenziale con l’Europa sul costo dei mutui a tasso fisso erogati alle famiglie per l’acquisto di abitazioni: mentre nell’area euro a settembre i tassi medi sui mutui erano al 3,74%, in Italia la media era pari al 4,1%, con un differenziale dello 0,36%. Il margine a settembre si è tuttavia ridotto dopo aver raggiunto il massimo ad agosto (0,69%). Ma c’è «la resistenza a scendere (inelasticità) dei tassi d’interesse rispetto all’Irs 10 anni

(tasso base di indicizzazione): il differenziale è aumentato sensibilmente», arrivando a toccare ad agosto un +1,9%. Per arrivare a questa conclusione l’Associazione dei costruttori ha preso come riferimento un’ipotesi di finanziamento per l’acquisto della prima casa in Italia e nella zona euro, per un mutuo pari a 150 mila euro da rimborsare in 25 anni. In sostanza, afferma l’Ance, «è come se le famiglie italiane pagassero per dodici mesi in più rispetto a quelle europee», come si evince dal Rapporto "Il credito nel settore delle costruzioni in Italia". «Questo differenziale - sostiene l’Ance - di certo non contribuisce ad una ripresa del mercato immobiliare italiano e provoca un peggioramento nella competitività del Paese». Poco prima, invece, la Banca d’Ita-

lia aveva sottolineato che le famiglie italiane fanno più fatica a far fronte al pagamento della rata del mutuo: l’insolvenza riguarda infatti circa il 5% dei sottoscrittori di un mutuo. In pratica, una famiglia su venti ha difficoltà a rimborsare il debito sottoscritto con la banca per l’acquisto di una abitazione. E anche l’Adusbef aveva rilevato che nel nostro Paese crescono i pignoramenti delle abitazioni, che sono cresciuti nel 2010 del 31,8% rispetto al 2009. Nel triennio 2008-2010 invece sono state messe all’asta circa 150 mila abitazioni. Dati preoccupanti questi che fanno più impressione se si prende in considerazione la caduta dei tassi di interesse che, nonostante siano i più bassi dal primo dopoguerra ad oggi, non riescono a contenere il boom dei pignoramenti e delle ese-

Secondo le stime dell’Adusbef le procedure immobiliari, accelerate con la nuova legge fallimentare, sono pari al 2,4 % del totale dei mutui, (150.000 su 3,6 milioni), con circa 28.000 procedure avviate nel 2010, contro le 21.000 del 2009 18,1% i pignoramenti a Perugia, contro il 18,7% di Padova e il 20,1% di Reggio Emilia, seguiti da Modena che vede crescere i pignoramenti del 21,7, mentre a Napoli la crescita si attesta al 23,7%, a Firenze al 25,2% a Brescia al 25,9% e a Palermo al 28,6 % . Non va meglio per Lecce che fa segnare la maggiore crescita con il 29,9%, per passare ai valori più elevati di Torino con un +54,8% e di Milano, che registra un incremento del 48,3%, poco al di sotto Genova con il 46,8 %, e Como con il 42,3%. Gli aumenti maggiori di pignoramenti si registrano a Milano (+1.592, che ammontano a 4.885), seguita da Torino +930 con un totale di 2.627); Roma (+ 728, con un totale di 2.703); Monza (+ 424, per un totale di 1.539; Verona + 425 per un totale di 1.996; Bergamo (+ 416, pari a 1.586); Lecce (+ 365 per un totale di 1.586); Brescia (+ 290 con un totale di 1.408); Genova (+ 336 con un ammontare di 1.053); Bari (+ 340 che assommano a 1.390); Firenze (+199, che ammontano a 987); Padova (+ 168 per 1.067 pignoramenti).

Per l'inserimento di ordinanze rivolgersi a System Comunicazione Pubblicitaria: legale@ilsole24ore.com


Risparmio energetico

17

AsteInfoappalti

L’allarme di Legambiente: fuorviati dagli sconti gli italiani potrebbero comprare elettrodomestici fuori norma

Saldi: occhio agli elettrodomestici succhiawatt I consumatori devono leggere attentamente l’etichetta energetica che indica i consumi in modalità stand by di Sofia Ricciardi

Dopo un Natale tutto sommato magro dal punto di vista delle vendite, i saldi, iniziati da pochi giorni, promettono di risollevare a colpi di sconti le sorti del vasto mondo della tecnologia e dell’elettronica. Chi intende fare l’affare però dovrà stare attento alle insidie. Pochi sanno infatti che già a partire dal gennaio del 2010 i nuovi elettrodomestici immessi sul mercato avrebbero dovuto rispettare la nuova direttiva europea che ne riduce i consumi sotto a 1 Watt quando sono in standby, cioè spenti ma pronti all’uso (2 Watt se la modalità stand-by serve ad illuminare un display che visualizza informazioni). A spiegarlo è Legambiente, che ricorda

La direttiva Ue prevedeva che già dal 2010 i nuovi apparecchi immessi sul mercato in Europa in modalità spenta o stand-by non dovessero superare 1 W di potenza assorbita e 2 W se la modalità stand-by serve ad illuminare un display che visualizza informazioni

i risultati di una recente indagine secondo la quale le apparecchiature collegate alla rete elettrica, spente o non in uso, consumano l’11% di tutta l’elettricità utilizzata, per una spesa di 50 - 60 euro all’anno a famiglia e per un quantitativo complessivo di 43 terawattora in tutta Europa, l’equivalente dell’energia prodotta da 8 grandi centrali termoelettriche. Detto questo, va ricordato anche che nel 2013 è previsto un ulteriore abbassamento dei limiti, fino quasi ad imporre lo spegnimento completo (con tempi differenziati per tipo di apparecchi). Sebbene possa sembrare "vessatorio" per i produttori, costruire apparecchi che rispettino i nuovi parametri non costa di più. Eppure, nonostante le norme siano entrate in vigore un anno fa, l’associazione ambientalista mette in guardia i consumatori invitandoli a fare attenzione a non acquistare elettrodomestici ormai fuori norma: anche se comprati a un prezzo apparentemente vantaggioso c’è il rischio di portarsi a casa un’apparecchiatura obsoleta e energivora che contribuirà sostanziosamente a far lievitare i costi in bolletta. Bisogna dunque leggere bene le etichette e chiedere informazioni al negoziante di fiducia per non farsi rifilare vecchi apparecchi. Per quelli che abbiamo già in casa invece, bisogna acquistare una bella ’ciabatta’ dotata di interruttore e ricordarsi di spegnerla. Esistono poi delle prese elettriche intelligenti che staccano completamente la corrente quando l’apparecchio resta in stand by per più di 2 minuti e altri

ancor più programmabili e sofisticati. L’etichetta energetica, ormai presente su gran parte dei grandi elettrodomestici di cucina (i cosiddetti "bianchi"), comprende anche i consumi da spenti e, quasi sempre, indica già la massima classe di risparmio, al contrario di quanto accade per gli elettrodomestici "neri": stereo, televisori o computer non hanno l’indicazione obbligatoria dei consumi complessivi e solo alcune aziende adottano, volontariamente, standard di efficienza energetica e indicano l’assorbimento di potenza in con-

dizione di standby. Tra gli elettrodomestici che in stand by consumano più di 3 Watt troviamo le macchinette per il caffè, le casse acustiche di bassa frequenza (subwoofer), i videoregistratori con hard disk, i modem o i router, i decoder della Tv, gli stereo, i lettori Dvd, i televisori, i computer da tavolo, le casse acustiche dei computer, stampanti laser, alcuni carica batterie di cellulari, alcuni monitor di computer, fornelli elettrici, purificatori d’aria e condizionatori, tostapane, forni a microonde e spazzolini elettrici.

Stampanti laser, decoder, videogiochi e macchinette del caffè tra gli energivori

Una buona azione per bollette leggere Non si immagina nemmeno quale possa essere l’impatto in bolletta di quella piccola lucina rossa che lasciamo accesa uscendo dall’ufficio o prima di andare a dormire. Eppure varrebbe la pena pensarci. Uno studio condotto su 6 mila prodotti in vendita nei diversi paesi europei condotto dal gruppo di ricerca eErg del Politecnico di Milano ha rivelato che oltre il 30% del campione preso in esame non rispetta ancora le nuove norme per gli standby e che il 18,5% supera i limiti di consumo in modalità "spento". Gli elettrodomestici più voraci quando non si stacca la spina sono le fotocopiatrici e le stampanti laser, i decoder della nuova TV digitale, i router, i televisori, i videogiochi e le macchinette del caffè. Attenzione anche a forni, impianti ste-

reo E caricabatterie dei cellulari che, anche senza luci accese, attaccati alla presa continuano a consumare. Addirittura Playstation 3 e X-box, sia da spenti che da accesi, assorbono quasi la stessa quantità di energia, consumando 5 volte di più di un frigorifero efficiente e circa il triplo rispetto a uno con le peggiori prestazioni. Lasciarle accese, calcolando un costo di 0,15 euro a kWh, può comportare una spesa di 250 euro l’anno. Il computer acceso 24 ore può costare 130 euro l’anno, cui si aggiungono altri 20 euro se si lasciano accese anche le casse e 43 euro se non si spegne il monitor Lcd. Il set di casse per l’home theatre poi, consuma in stand by più di 98 kWh all’anno, per circa 15 euro in più in bolletta.

Per l'inserimento di ordinanze rivolgersi a System Comunicazione Pubblicitaria: legale@ilsole24ore.com


Bando d’asta per la vendita dell’immobile di proprietà della Ginori Real Estate s.p.a. in liquidazione sito in via Giulio Cesare n. 50 Sesto Fiorentino Firenze PREMESSO CHE (a) Ginori Real Estate s.p.a., con sede in Calenzano via delle Vigne n° 62 iscritta presso la CCIAA di Firenze - REA n°54969, Codice Fiscale e Registro Imprese di Firenze 05475920483, è stata posta in liquidazione ai sensi dell’art. 2484, n. 3 cod. civ. con provvedimento del Tribunale di Prato del 17 dicembre 2009, con il quale ha nominato i liquidatori nelle persone dei sig.ri dott. Fabrizio Franchi, avv. Luciano Tanteri e prof. avv. Giuseppe Guizzi; (b) che Ginori Real Estate s.p.a. in liquidazione è proprietaria esclusivamente di un compendio immobiliare sito in Sesto Fiorentino (FI) Via Giulio Cesare n. 50, costituito da fabbricati con destinazione industriale, aree di pertinenze degli stessi e aree libere adiacenti, per una estensione di 131.600 mq.(superficie catastale); (c) che detto compendio immobiliare è pervenuto alla Ginori Real Estate spa tramite contratto di compravendita del 20/12/2004 dalla Richard Ginori 1735 S.p.A. atto notaio Giambattista Nardone Rep. 47016 / 13288 con nota di trascrizione del 23/12/2004 presso la Conservatoria dei Registri Immobiliari di Firenze registro particolare n° 30954 e registro generale n° 48408. (d) che il predetto compendio immobiliare – situato in prossimità del centro storico di Sesto Fiorentino, in zona con prevalente vocazione residenziale e commerciale – è attualmente condotto in locazione dalla società Richard Ginori 1735 s.p.a., che vi svolge attività industriale consistente nella produzione di manufatti in ceramica, e ciò in base a contratto di locazione del 20 dicembre 2004, (registrato al n° 7675 Mod.3 il 24/10/2005 presso Agenzia Entrate-Ufficio di Prato) automaticamente prorogato sino al dicembre 2016; (e) che nella prospettiva della vendita del detto compendio immobiliare – rispetto al quale il conduttore Richard Ginori 1735 s.p.a. non vanta diritto di prelazione secondo quanto disposto dagli artt. 35 e 41, comma secondo, l. 27 luglio 1978, n. 392, dal momento che l’attività svolta nell’immobile e nell’area oggetto di vendita non comporta contatti diretti con il pubblico degli utenti e dei consumatori – i liquidatori hanno proceduto ad acquisire una perizia di stima del compendio immobiliare a cura dell’ing. Luca Sanesi che ne ha indicato il valore tra un minimo di € 33.347.897,00 e un massimo di € 36.858.202,00 ; (f) che la descrizione catastale del compendio immobiliare di cui al punto precedente (b) è la seguente: lotto n. 1: complesso immobiliare a carattere industriale per attività di tipo produttivo, collocato all’interno di una grande area di terreno con superficie catastale di mq. 103.480. Il lotto è censito al Catasto Fabbricati del Comune di Sesto Fiorentino foglio di mappa 44 particelle n° 39 sub. 500 e 1354 sub. 500 con corrispondenza al Catasto Terreni Comune di Sesto Fiorentino foglio di mappa 44 particelle n° 39 e 1354. lotto n. 2: appezzamento di terreno con superficie catastale di mq. 10.695 Il lotto è censito al Catasto Terreni Comune di Sesto Fiorentino al foglio di mappa 44 particelle n° 209 e 210. lotto n. 3: appezzamento di terreno con superficie catastale di mq. 17.015 Il lotto è censito al Catasto Terreni Comune di Sesto Fiorentino al foglio 44 particelle n° 25 – 27 – 1358 e 1359. lotto n. 4: appezzamento di terreno con superficie catastale di mq. 410. Il lotto è censito al Catasto Terreni Comune di Sesto Fiorentino al foglio 44 particella n° 572. Il tutto come pervenuto dalla Richardi Ginori 1735 spa mediante contratto di compravendita notaio G. Nardone del 20/12/2004 (Rep.47016/13288 con nota di trascrizione del 23/12/2004 presso Conservatoria Registri Immobiliari di Firenze registro particolare n°30954 e registro generale n°48408); (g) che l’immobile in questione è gravato da ipoteca in favore delle banche Unicredit – Cariprato – Banca Nazionale del Lavoro per un complessivo debito di € 22.056.546,00 alla data del 15/11/2010. Il tutto come meglio descritto nell’Allegato alla perizia di stima. (h) che l’immobile viene posto in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui esso si trova Tutto ciò premesso GINORI REAL ESTATE s.p.a. in liquidazione (d’ora in avanti soltanto GRE) indice procedura competitiva per la vendita, per una base d’asta di € 33.500.000,00 (trentatremilionicinquecentomila/00), del compendio immobiliare di sua proprietà sito in Via Giulio Cesare n. 50, confinante a nord-est con la via Pratese, a nord-ovest con via Alfredo Oriani e via Berchet e a sud-ovest con la ferrovia Firenze-Bologna, costituito dai tre fabbricati ad uso industriale, relative pertinenze ed aree libere, il tutto come meglio identificato dalla planimetria del Certificato Urbanistico n° 113/2010 rilasciato dal Comune di Sesto Fiorentino ed allegato alla perizia di stima sopracitata che è a disposizione degli interessati presso lo studio del co-liquidatore, dott. Franchi, che ne rilascerà copia ai soggetti richiedenti, il tutto secondo le modalità e condizioni che seguono. 1. I soggetti interessati all’acquisto del suddetto compendio immobiliare sono invitati a formulare dichiarazioni di manifestazione di interesse all’acquisto entro il termine del 16 Febbraio 2011. Le manifestazioni di interesse dovranno essere redatte per iscritto in lingua italiana e dovranno pervenire in busta chiusa, entro e non oltre le ore 12,00 del giorno di scadenza del termine suddetto, presso lo studio del dott. Fabrizio Franchi, in Prato Via A. Cecchi n° 30. (tel. 0574 – 562811; fax 0574 – 562812; e-mail: franchi@studiofranchi.it) Le manifestazioni di interesse dovranno indicare con chiarezza: a) i recapiti del mittente (indirizzo completo, telefono, fax, e-mail); b) il nome e, nel caso di società, la carica ivi rivestita, della persona cui inviare le comunicazioni inerenti alla procedura di vendita; c) dichiarazione d’interesse all’acquisto del compendio immobiliare, sottoscritta dal dichiarante in proprio ovvero quale titolare o legale rappresentante dell’impresa interessata; d) breve descrizione del profilo del soggetto interessato all’acquisto, e ove si tratti di società, indicazione dei suoi soci e dei suoi amministratori. Alla manifestazione di interesse dovranno essere altresì allegati: e) i bilanci degli ultimi due esercizi del soggetto interessato, ovvero ove si tratti di una società di nuova costituzione (Newco) dei suoi soci; f) assegno circolare di importo pari ad € 10.000 (diecimila/00) intestato a “GINORI REAL ESTATE s.p.a. in liquidazione”, come deposito cauzionale a garanzia della serietà della manifestazione di interesse e che sarà restituito in caso di mancata presentazione dell’offerta irrevocabile di cui al punto 3 e comunque in caso di mancato accoglimento dell’offerta. Non saranno in nessun caso prese in considerazione le manifestazioni di interesse di soggetti che alla data della presentazione siano sottoposti a procedure di liquidazione o concorsuali o, comunque, a qualsiasi tipo di procedura, di ordinamento italiano od estero, che denoti stato di insolvenza, cessazione dell’attività, gestione coattiva, così come non saranno prese in considerazione manifestazioni di interesse per persona da nominare o in cui non sia chiaramente identificabile la persona giuridica o il raggruppamento o i soggetti che intendono costituire la Newco. 2. I soggetti che manifesteranno interesse, secondo le modalità di cui al precedente punto 1, saranno invitati a compiere un sopralluogo sull’immobile, in modo da prendere visione dello stato di fatto in cui si trova nonché ad esaminare la documentazione contrattuale ad esso inerente, secondo un calendario che sarà loro comunicato dai liquidatori, e ciò al fine di permettere una formulazione ponderata dell’offerta di acquisto. 3. L’offerta irrevocabile di acquisto dovrà essere presentata nel termine perentorio di trenta giorni decorrenti dalla comunicazione dei liquidatori attestante il completamento delle attività di esame dell’immobile e della relativa documentazione. Il completamento di tali operazioni sarà comunicato ai soggetti che hanno manifestato interesse con raccomandata A/R anticipata via fax o e-mail. L’offerta irrevocabile dovrà pervenire entro le ore 12,00 del giorno di scadenza del termine per la sua presentazione in busta chiusa, recante il riferimento “Offerta Irrevocabile – GINORI REAL ESTATE s.p.a. in liquidazione”, indirizzata a GINORI REAL ESTATE s.p.a. in liquidazione c/o il co-liquidatore dott. Fabrizio Franchi Via A. Cecchi n° 30 – 59100 PRATO (PO). L’Offerta irrevocabile deve recare all’esterno della busta l’indirizzo di posta elettronica dell’ offerente a cui la Società darà conferma della avvenuta ricezione. L’Offerta irrevocabile è redatta in forma scritta, in lingua italiana, in tre esemplari originali. Essa dovrà contenere: a) l’esplicito riconoscimento che GRE non sarà tenuta a corrispondere alcun compenso di intermediazione né di altro genere; b) la formulazione in Euro della cifra offerta per l’acquisto del compendio immobiliare, la cui misura è libera e rimessa alla discrezionalità dell’offerente. La cifra sarà indicata in numeri e lettere. In caso di contrasto, prevarrà l’indicazione in lettere; c) tutte le ulteriori pattuizioni concernenti il contenuto e le modalità della compravendita, reputate utili ai fini di una valutazione della complessiva convenienza dell’Offerta da parte della Società; d) l’indicazione dell’eventuale necessità di autorizzazioni, consensi o nulla-osta da parte di autorità competenti per il perfezionamento dell’operazione; e) l’espresso riconoscimento che l’offerente ha ottenuto tutte le informazioni utili alla formulazione di una ponderata offerta economica; f) l’indicazione della persona, l’indirizzo, il numero di fax e l’indirizzo di posta elettronica ove indirizzare eventuali comunicazioni inerenti il contratto di cessione. 4. GRE provvederà all’apertura delle buste contenenti l’Offerta irrevocabile, in un unico contesto, con l’assistenza di un Notaio, e alla presenza dei soggetti offerenti alle ore 15.30 del giorno di scadenza del termine fissato per la loro presentazione. La procedura competitiva sarà eventualmente aggiudicata all’offerente il quale avrà formulato l’offerta più conveniente tenuto conto innanzitutto del prezzo offerto, ma in base alla discrezionale ed insindacabile valutazione effettuata dalla Società, in persona dei suoi liquidatori. In nessun caso si procederà alla aggiudicazione là dove tutte le offerte dovessero risultare inferiori al prezzo minimo indicato come base d’asta. GRE si riserva comunque espressamente di non accettare nessuna delle offerte presentate anche ove le stesse dovessero risultare superiori alla base minima. A tal riguardo, GRE si riserva di sospendere e/o revocare la procedura di vendita in qualsiasi momento, anche dopo la presentazione delle Offerte irrevocabili. GRE si riserva di procedere a trattative separate, con uno o più degli Offerenti, volte a migliorare le Offerte Irrevocabili. 5. Il contratto di compravendita in forma di atto pubblico, a cura del Notaio individuato dall’aggiudicatario, sarà stipulato entro e non oltre il termine essenziale del trentesimo giorno successivo all’aggiudicazione. Qualora il Concorrente aggiudicatario non proceda alla stipula del contratto di cessione, GRE avrà il diritto di incamerare l’assegno circolare di cui all’art. 2, lett. b), salvo comunque il diritto al risarcimento dell’eventuale maggior danno, ivi compresi i costi sostenuti per lo svolgimento della procedura competitiva. Ogni imposta, tributo, tassa, onere e spesa comunque inerente e/o conseguente alla vendita è a carico dell’acquirente. 6. Il trattamento dei dati degli Offerenti sarà conforme alle disposizioni del D. Lgs. n. 196 del 30 giugno 2003, ed improntato a liceità, correttezza e riservatezza nella piena tutela dei diritti dei Soggetti Interessati; il trattamento dei dati avrà la finalità di consentire l’accertamento dell’idoneità dei soggetti a partecipare alla procedura di cessione dell’ immobile, nonché il corretto e concorrenziale svolgimento della medesima. Responsabile del trattamento è il Collegio dei Liquidatori, nei cui confronti il soggetto interessato potrà far valere i diritti di cui agli artt. 7 e ss. del D. Lgs. n. 196 del 30 giugno 2003. 7. La presente procedura competitiva e ogni atto connesso e/o dipendente sono regolati dalla legge italiana. Eventuali controversie, connesse o dipendenti dalla procedura competitiva e dai successivi atti anche in punto di trattativa nonché dall’interpretazione, esecuzione, risoluzione, validità o efficacia dell’eventuale Contratto di compravendita, ivi comprese quelle dipendenti dalle trattative pre-contrattuali, sono deferite alla competenza esclusiva del Foro di Prato. Il Collegio dei Liquidatori Prof. Avv. Giuseppe Guizzi Avv. Luciano Tanteri Dott. Fabrizio Franchi


Incentivi

19

AsteInfoappalti

L’Agenzia delle entrate, con tre specifiche risoluzioni, ha fatto chiarezza su alcune novità circa le detrazoni fiscali

Detrazioni del 55% e 36% anche per Piano Casa I bonus fiscali riguardano in particolare gli interventi relativi a ristrutturazioni e risparmio ergetico di Giulio Crocitti

I lavori di ampliamento previsti dal Piano Casa possono usufruire delle detrazioni fiscali del 36% (ristrutturazioni edilizie) e del 55% (risparmio energetico) a valere sull’Irpef. A renderlo noto e l’Agenzia delle entrate con con la Risoluzione 4/E del 4 gennaio in merito ai lavori eseguiti in attuazione del Piano Casa, che prevede la possibilità di ampliare o ricostruire le abitazioni in deroga ai piani regolatori locali. Inoltre, le Entrate chiariscono che la ritenuta d’acconto del 10% sui relativi bonifici può essere trasferita dai Consorzi alle singole imprese e non va effettuata sulle somme pagate ai Comuni in

Il Fisco ha però precisato che i bonus fiscali devono essere calcolati con qualche limite e spettano solo nel caso in cui vengano rispettate le condizioni che regolano le ristrutturazioni

caso di oneri di urbanizzazione. Il Fisco ha però precisato che i bonus fiscali devono essere calcolati con qualche limite e spettano solo nel caso in cui vengano rispettate le condizioni che regolano le ristrutturazioni. Il conteggio della detrazione viene cioè effettuato solo per le spese relative ai lavori sulla volumetria originaria e non a quelle sostenute per la realizzazione dell’ampliamento. La domanda di detrazione fiscale può quindi essere presentata anche per gli interventi previsti dal Piano Casa. Il bonus, però, sarà limitato agli interventi sulla parte di edificio esistente e non spetterà per tutta la

spesa sostenuta. Per quanto riguarda il pagamento ai Comuni degli oneri di urbanizzazione e di quelli collegati alla realizzazione degli interventi agevolati al 36% (ristrutturazioni) o al 55% (risparmio energetico) non vi è l’obbligo di bonifico per beneficiare dell’agevolazione (risoluzione n. 229/E/2009, per la Tosap). I versamenti non devono quindi essere assoggettati alla nuova ritenuta d’acconto del 10%, trattenuta dalla banca o dalla posta del beneficiario del pagamento, quando il bonifico è obbligatorio per poter usufruire del bonus fiscale. Con la risoluzione 3/E le

Entrate hanno chiarito che, se il pagamento di questi oneri avviene comunque tramite bonifico, «per evitare l’applicazione di ritenute, nella motivazione del bonifico l’ordinante deve indicare il Comune come soggetto beneficiario e la causale del versamento». Non vanno riportati, invece, i riferimenti agli interventi edilizi agevolati e i provvedimenti legislativi che danno diritto all’agevolazione. Non deve neanche essere utilizzato il modulo predisposto dalla banca o dall’ufficio postale. Se gli interventi sulle ristrutturazioni edilizie o quello per la riqualificazione energetica sono imputati formalmente a un consorzio con attività esterna che operi con mandato senza rappresentanza, ma sono effettivamente realizzati dai singoli consorziati (ad esempio, le imprese artigiane), la ritenuta del 10% subita sul bonifico pagato al consorzio può essere trasferita da quest’ultimo ai singoli consorziati, applicando la procedura prevista dalla circolare n. 56/E/2009. Con la risoluzione 2/E, infatti, l’Agenzia delle entrate ha chiarito che i consorzi, una volta azzerato il proprio eventuale debito Ires, possono trasferire la residua quota di ritenuta del 10% ai consorziati che hanno eseguito i lavori, a patto che la volontà del trasferimento risulti da un atto con data certa (ad esempio, verbale del consiglio di amministrazione o atto costitutivo del Consorzio).

A disposizione 60 mln per investimenti di miglioramento

Inail: incentivi per la sicurezza L’Inail ha stanziato 60 milioni di euro ripartiti in budget regionali, con l’obiettivo di incentivare le imprese a realizzare interventi finalizzati al miglioramento dei livelli di salute e di sicurezza nei luoghi di lavoro. Possono essere presentati progetti di investimento, di formazione e per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale. Dal 12 gennaio fino al 14 febbraio sarà possibile presentare all’Inail, attraverso procedura informatica, le domande di contributo economico per l’adeguamento di strutture, macchinari, impianti e modelli organizzativi alle norme sulla salute e la sicurezza sul lavoro. L’incentivo è costituito da un contributo in conto capitale che copre dal 50% al 75% dei costi di progetto ed è compreso da un minimo di 5 mila a un massimo di 100 mila euro, ma per le imprese individuali e per i progetti di formazione sono previsti limiti più bassi.

È attivo da una settimana sul sito web dell’Inail la procedura informatica che consente alle imprese di compilare una serie di campi per verificare la possibilità di presentare la domanda di contributo. Oltre ai requisiti di ammissibilità, per presentare domanda sono necessarie altre condizioni, come il raggiungimento di un punteggio di soglia ottenuto in base a dimensione aziendale, rischiosità dell’attività di impresa, numero di destinatari, finalità ed efficacia dell’intervento. È inoltre previsto un bonus se nella pianificazione dell’intervento sono coinvolte le parti sociali. Una volta ottenuto responso positivo, si potrà presentare domanda di finanziamento con procedura informatica dalle ore 14 di mercoledì 12 gennaio al 14 febbraio 2011. Lo sportello telematico potrebbe essere però chiuso in anticipo in caso di esaurimento dei fondi disponibili nel budget regionale.

Per l'inserimento di ordinanze rivolgersi a System Comunicazione Pubblicitaria: legale@ilsole24ore.com


Gennaio 2011

AsteInfoappalti

21

www.astepress.it

www.asteinfoappalti.it

VENDITE IMMOBILIARI E FALLIMENTARI

TRIBUNALE DI MILANO -Sezione2ª Civile Fallimentare - 2°piano LE VENDITE GIUDIZIARIE sono aperte a tutti e per parteciparvi non è richiesta l’assistenza di un legale o di altro professionista. Si tengono presso l’ufficio del Giudice Delegato. Possono essere con incanto o senza incanto, come indicato nell’ordinanza di vendita. Oltre al prezzo sono dovuti gli oneri fiscali (IVA E IMPOSTA DI REGISTRO) con possibilità di utilizzare le agevolazioni di legge (prima casa, imprenditore agricolo, ecc..). Il trasferimento della proprietà e la consegna avvengono all’atto del decreto di trasferimento, previo versamento del saldo prezzo nel termine previsto e delle eventuali spese di voltura catastale. Il mancato pagamento del saldo nel termine comporta la perdita della cauzione, salvo il risarcimento del danno ex art. 587 C.P.C. (leggere attentamente l’ordinanza di venAbitazioni e Box FM69471 FILAGO (BG) - VIA IV NOVEMBRE / VIA TRENTO, 2 - LOTTO 1) FABBRICATO: di 3 piani fuori terra costituito da n. 3 appartamenti, n.2 negozi, n.2 magazzini e n.4 autorimesse/box con annessi terreni pertinenziali. Prezzo base Euro 651.300,00. Vendita senza incanto 19/01/11 ore 10:00. Eventuale vendita con incanto in data 02/02/11 ore 10:00. G.D. Dott. F. Lamanna. Curatore Fallimentare Avv. R. Zanfagna tel. 0272003218. Rif. FALL 152/09 FM70218 LAIGUEGLIA (SV) - VIA DEI GLICINI, 1 LOTTO 1) A) APPARTAMENTO: composto da 2 locali più accessori e terrazzo, con superficie commerciale complessiva di circa 61 mq; A1) Posto auto di 11,50 mq utili (2,15x5,35), ubicato al piano seminterrato. Prezzo base Euro 440.000,00. Vendita senza incanto 28/03/11 ore 13:00. Eventuale vendita con incanto in data 13/04/11 ore 12:30. G.D. Dott.ssa C. Macchi. Curatore Fallimentare Prof. P. Benigno tel. 0258306379. Rif. FALL 374/10 MILANO (MI) - ZONA 5 VIA SETTEMBRINI LUIGI, 7 - IN PALAZZO PRESTIGIOSO DALLE FINITURE DI LUSSO: n. 34 unità immobiliari poste all’asta singolarmente, di cui n. 3 cantine, n. 6 box e n. 25 appartamenti (monolocali, bilocali, trilocali; varie metrature, tipologie e consistenze; alcuni al rustico, altri in parte da finire, altri finiti); per maggiori informazioni consultare la documentazione pubblicata sui siti internet di riferimento o rivolgersi al Curatore. Prezzo base: variabile in base alla consistenza del lotto Rilancio minimo: Euro 5.000 per gli appartamenti, Euro 2.000 per i box, Euro 500 per le cantine. Vendita senza incanto 14/03/11 ore 09:30 dinnanzi al Curatore e presso l’aula B del Palazzo di Giustizia (I piano, lato via San Barnaba) Termine per la presentazione delle offerte di acquisto: 11 marzo 2011, ore 13.00 Eventuale vendita con incanto in data 28/03/11 ore 09:30. G.D. Dott. F. Ciampi. Num. telef. per informazioni e visita immobile: 02/54.10.79.54 (fallimenti@orlando-fornari.it) Curatore Fallimentare: Avv. Maurizio Orlando (via Podgora n. 13 - Milano). Rif. FALL 601/08 (rge 2781)FM71972 FM70170 MONZA (MB) - VIA MANARA ANG. PIAZZA VIRGILIO - Vendita senza incanto 08/02/11 ore 15:00. Termine per la presentazione delle offerte 04/02/2011 ore 12.00. La vendita avverrà secondo una delle seguenti tipologie: Tipologia di vendita A): vendita in un unico lotto. Tipologia di vendita B): vendita in uno o più lotti distinti. La tipologia di vendita sarà decisa dal curatore, sulla base di scelte di mera convenienza economica, e sarà insindacabile. La vendita sarà effettuata tramite gara competitiva sulla base del prezzo di vendita, come di seguito indicato, e della tipologia di vendita prescelta (A o B).TIPOLOGIA DI VENDITA A) UNICO LOTTO RISTORANTE-RESIDENCE: immobile di recente ristrutturazione, composto da nove lotti, costituiti da mono/bilocali ad uso abitativo (dai 38 ai 59 mq.), semiarredati, e da uno adibito ad attività commerciale. Prezzo base Euro 2.300.000. Rilancio minimo Euro 50.000.TIPOLOGIA DI VENDITA B) IN UNO O PIU’ LOTTI DISTINTI: LOTTO 1) RISTORANTE: posto al piano terra costituito da un unico locale di circa mq. 347 con destinazione uso commerciale, composto da quattro locali, una cantina ed un cortile esterno. Prezzo base Euro 890.000, rilancio minimo Euro 15.000. LOTTO 2) APPARTAMENTO: posto al primo piano, composto da unico locale (soggiorno-pranzo e camera), angolo cottura e servizi igienici, della superficie di circa 40 mq. Prezzo base Euro 153.000. Rilancio minimo Euro 5.000. LOTTO 3) APPARTAMENTO: posto al primo piano, composto da unico locale (soggiorno-pranzo e camera), angolo cottura e servizi igienici, della superficie di circa mq.

www.aste.eugenius.it

dita). La trascrizione dell’acquisto e la cancellazione degli eventuali pignoramenti e ipoteche avvengono a cura del Tribunale senza spese. Non è previsto l’intervento del Notaio. Il decreto di trasferimento prevede l’ordine di rilascio dell’immobile se occupato dal fallito. COME PARTECIPARE - Presentare la domanda di partecipazione su carta semplice con BOLLO di euro 14,62 contenente: la denominazione del fallimento e del numero della Procedura Esecutiva, delle generalità dell’offerente (codice fiscale, stato civile, regime patrimoniale se coniugato, visura camerale se trattasi di una società - allegando preferibilmente fotocopia della carta di identità), della descrizione del bene o del lotto che si intende acquistare nel caso di più lotti, del prezzo offerto (necessario se la vendita è

SENZA INCANTO), allegando assegno/i circolare/i intestato all’ Ufficio Esecuzioni Immobiliari - Tribunale di Milano pari al 10% del prezzo offerto (quale cauzione) e altro assegno circolare (a titolo di spese) pari al 15% ove la vendita sia soggetta a registro,o di un importo in misura fissa indicato espressamente nell’ordinanza (di solito 542,28 euro) ove la vendita sia soggetta ad IVA. ATTENZIONE: LEGGERE ATTENTAMENTE LE DISPOSIZIONI DELL’ORDINANZA DI VENDITA PRIMA DI EMETTERE GLI ASSEGNI CIRCOLARI. NON INSERIRE NEGLI ASSEGNI IL NUMERO DELLA PROCEDURA. La domande e gli assegni debbono essere consegnate presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari, piano primo, entro le ore 12.30 del secondo giorno precedente la

38. Prezzo base Euro 143.000. Rilancio minimo Euro 4.000. LOTTO 4) APPARTAMENTO: posto al primo piano, composto da due locali soggiorno-pranzo, camera, angolo cottura e servizi igienici, della superficie di circa mq. 47. Prezzo base Euro 180.000. Rilancio minimo Euro 6.000. LOTTO 5) APPARTAMENTO: posto al primo piano, composto da due locali soggiorno-pranzo, camera, angolo cottura e servizi igienici, della superficie di circa mq. 59. Prezzo base Euro 226.000,00. Rilancio minimo Euro 8.000. LOTTO 6) APPARTAMENTO: posto al secondo piano composto da unico locale (soggiorno-pranzo e camera), angolo cottura e servizi igienici, della superficie di circa mq. 41. Prezzo base Euro 157.000. Rilancio minimo Euro 5.000. LOTTO 7) APPARTAMENTO: posto al secondo piano, composto da unico locale (soggiorno-pranzo e camera), angolo cottura e servizi igienici, della superficie di circa mq. 38. Prezzo base Euro 145.000. Rilancio minimo Euro 4.000. LOTTO 8) APPARTAMENTO: posto al secondo piano, composto da due locali soggiorno-pranzo, camera, angolo cottura e servizi igienici, della superficie di circa mq. 47. Prezzo base Euro 180.000. Rilancio minimo Euro 6.000. LOTTO 9) APPARTAMENTO: posto al secondo piano, composto da due locali soggiorno-pranzo, camera, angolo cottura e servizi igienici, della superficie di circa mq. 59. Prezzo base Euro 226.000. Rilancio minimo Euro 8.000.La vendita sarà tenuta secondo le modalità indicate nel Regolamento di procedura competitiva pubblicato sui siti internet www.tribunale-milano.net e www.asteimmobili.it. G.D. Dott. Vitiello. Curatore Fallimentare Dott. G. La Croce tel. 026709466. Rif. FALL 580/09

Via G. Carducci, 8. Il Tribunale ha delegato alla procedura il Giudice Delegato Dott. F. Ciampi ed ha nominato Commissario Giudiziale il Dott. Carlo Giraudo con studio professionale in Milano (MI) - Via Ramazzini, 11, fissando la data del 15/02/2011 ore 11,00 per l’adunanza dei creditori nell’ufficio del GD st.N. 33 II piano, lato Via Manara del Palazzo di Giustizia FM70681

FM69355 PUMENENGO (BG) - LOCALITÀ FINILETTI - STRADA DEL CIABATTINO, SNC LOTTO 1) FABBRICATO: ad uso residenziale comprensivo di lotto di terreno: complesso immobiliare composto di cinque villette unifamiliari a schiera su due piani fuori terra, in corso di ultimazione; superficie del terreno mq 1962, di cui 1113,63 di natura edificatoria e mq 848,37 di natura agricola; superficie commerciale area con fabbricato mq 610 ca. Prezzo base Euro 488.000,00. Vendita senza incanto 9/02/2011 ore 13:20. Termine presentazione offerte: 8/02/2011 ore 13:00. Rilancio minimo: Euro 10.000,00 Vendita con incanto (eventuale) 23/02/2011 ore 13:20, termine presentazione offerte: 22/02/2011 ore 13:00. Rilancio minimo: Euro 5.000,00 Luogo asta: Palazzo di Giustizia di Milano, Via Manara 1 - secondo piano Sezione Fallimentare, stanza G.D. Dott. R. Fontana. Curatore Fallimentare Dott. Antonio Castiglioni tel. 02/48015636. Rif. FALL 712/2009.

Bene Mobile FM69592 FALLIMENTO 569/09 IL FALLIMENTO CLAN DES TEAM CHALLENGE S.P.A. METTE IN VENDITA I SEGUENTI BENI: LOTTO 1) Imbarcazione America’s Cup V5 ITA 85 completa di vele, con specifici accessori; mobili e attrezzature varie. I beni si trovano presso il Porto di Valencia (Spagna). Prezzo base E 150.000. LOTTO 2) Marchio internazionale registrato "+39". Prezzo base E 5.000. Le offerte dovranno pervenire entro il 28.2.2011. Per informazioni contattare il Curatore Dott.ssa Francesca Cochetti tel. 02/9235354 email cochetti@tiscali.it

Convocazione CONCORDATO PREVENTIVO N. 78/2010 -Il Tribunale di Milano Sezione Fallimenti con decreto in data 04/11/2010 dep. 05/11/2010, ha dichiarato aperta la procedura di concordato preventivo dell’impresa Callabiana Spa in liq.ne con sede in Milano -

CONCORDATO PREVENTIVO N. 69/10 -Il Tribunale di Milano Sezione Fallimenti ha dichiarato aperta la procedura di concordato preventivo dell’impresa Flexo Group Srl in liq.ne sede in Milano (MI) - Via Giulio Ceradini, 14. Il Tribunale ha delegato alla procedura il Giudice Delegato la Dott.ssa C. Macchi ed ha nominato Commissario Giudiziale l’Avv. Marco Villani con studio professionale in Milano (MI) - Viale Regina Margherita, 43, fissando la data del 11/04/2011 ore 10,15 per l‘adunanza dei creditori. FM70738 FM70212 CONCORDATO PREVENTIVO N. 60/2010 -Il Tribunale di Milano Sezione Fallimenti con decreto in data 18/11/2010 dep. 19/11/2010, ha dichiarato aperta la procedura di concordato preventivo dell’impresa TX Italia Srl con sede in Cernusco sul Naviglio - Via A. Ponchielli, 4. Il Tribunale ha delegato alla procedura il Giudice Delegato Dott. F. Ciampi ed ha nominato Commissario Giudiziale il Dott. M.G. Candiani con studio professionale in Magnago (MI) - Via Sardegna, 42, fissando la data del 09/02/2011 ore 11,15 per l’adunanza dei creditori nell’ufficio del GD st.N33 II piano, lato Via Manara Palazzo di Giustizia

Quota Societaria VENDITA QUOTA DI PARTECIPAZIONE SOCIETARIA: pari al 10% (dieci per cento) del capitale della società "Vaz Immobiliare S.r.l., codice fiscale e numero di iscrizione al Registro imprese di Milano Sezione ordinaria 07340190151. MI71499

Immobili industriali commerciali, strutture turistiche CERNUSCO SUL NAVIGLIO (MI) - VIA BRESCIA, 15 - LOTTO 1) COMPLESSO INDUSTRIALE: della superficie territ. mq. 5700 con capannone e palazzina. Prezzo base Euro 2.440.000,00. Vendita senza incanto 16/03/11 ore 13:20. Eventuale vendita con incanto in data 30/03/11 ore 13:00. G.D. Dott. Fontana. Curatore Fallimentare Avv. C. Matranga tel. 0286996479. Rif. FALL 177/08 FM71977 FM68310 LEGNANO (MI) - VIA CESARE BATTISTI, 59/61 - LOTTO 1) CAPANNONE: di mq. 2.127, composto al piano terra da due vani laboratorio, due magazzini, due depositi, tettoia, centrale termica, ufficio e annesso magazzino sotterraneo, area cortilizia, autorimessa; al piano primo da otto vani, ufficio e terrazzo. Prezzo base Euro 800.000,00. Vendita senza incanto 07/02/11 ore 13:00. Eventuale vendita con incanto in data 21/02/11 ore 13:10. G.D. Dott.ssa C. Macchi. Curatore Fallimentare Avv. M.A. Russo tel. 0229010051. Rif. FALL 96/08 (rge 2651/08) FM68773 LEGNANO (MI) - VIA CIRO MENOTTI, 201 - IMMOBILE INDUSTRIALE: composto da capannone ( mq 3900), uffici (mq 120), servizi - spogliatoi - mensa - verniciatura (mq 580) e terreno (mq 10.000) situato in Legnano in zona periferica ad utilizzo artigianale ed industriale. Prezzo base Euro 2.652.000,00. In caso di pluralità di offerenti rilancio minimo Euro 50.000. Vendita senza incanto 22/03/11 ore 12:00. Eventuale vendita con incanto in data 20/04/11 ore

vendita (orari cancelleria per informazioni lun-sab 9-13). Nelle vendite con incanto (se stabilito in ordinanza), l’offerente non divenuto aggiudicatario che abbia omesso di partecipare all’incanto senza documentato e giustificato motivo vedrà restituita la cauzione solo nella misura dei 9/10 dell’intero importo versato. Prima di presentare l’offerta, secondo le modalità previste nell’ordinanza, è opportuno consultare la perizia depositata in cancelleria o pubblicata sul sito web www.fallimentitribunalemilano.net e visionare l’immobile previo accordo con il curatore al quale potranno essere rivolte ulteriori richieste di chiarimenti. Per informazioni su tutti i fallimenti consultare il sito www.tribunale.milano.it 12:00. G.D. Dott.ssa I. Lupo. Curatore Fallimentare Dott. L. Martinelli tel. 02437455. Per visite in loco contattare 340 9219002 Rif. FALL 560/10 FM68747 LEGNANO (MI) - VIA QUASIMODO, 12 COMPEDIO INDUSTRIALE: composto da un fabbricato di n. 3 piani fuori terra, con annessi capannone a carattere produttivo ed un’area edificabile. Prezzo base Euro 6.830.000,00. Vendita senza incanto 16/02/11 ore 10:30. Eventuale vendita con incanto in data 02/03/11 ore 10:00. G.D. Dott. Vitiello. Curatore Fallimentare Dott. V. Masciello tel. 0243995584. Rif. FALL 592/06 FM69739 MILANO (MI) - ZONA 6 PIAZZALE LORETO, 7/9 - LOTTO 1) UFFICIO, CANTINA, MAGAZZINO/DEPOSITO: composto da ufficio posto al piano primo di circa mq. 315, cantina posta al piano secondo interrato di circa mq. 16, magazzino/deposito open space con servizio igienico di circa mq. 270. Prezzo base Euro 1.320.000,00. Vendita senza incanto 09/02/11 ore 13:15. Eventuale vendita con incanto in data 02/03/11 ore 12:50. G.D. Dott. Fontana. Curatore Fallimentare Dott. M. Benassi tel. 0229401745. Rif. FALL 708/09 FM70188 MILANO (MI) - ZONA 8 VIA PALLIA PAOLO, 5 - UFFICIO: di circa mq. 420 commerciali posto al piano rialzato, con porzione di seminterrato di pertinenza di circa mq. 54 commerciali, e magazzino posto al piano seminterrato di circa mq. 64 commerciali. Prezzo base Euro 750.000,00. Vendita senza incanto 08/02/11 ore 09:20. Eventuale vendita con incanto in data 01/03/11 ore 09:15. G.D. Dott. F. Ciampi. Curatore Fallimentare Avv. C.P. Franzi tel. 0255185647 . Rif. FALL 282/08 FM68792 TREZZO SULL’ADDA (MI) - VIA GIOVINE ITALIA, 21/A - NEGOZIO: al piano terra mq. 220 e due magazzini nel piano seminterrato. Prezzo base Euro 660.000,00. Vendita senza incanto 09/02/11 ore 13:10. Eventuale vendita con incanto in data 23/02/11 ore 12:40. G.D. Dott.ssa C. Macchi. Curatore Fallimentare Rag. S. Cavalli tel. 023311615-023311963. Rif. FALL 60787 FM70202 TURBIGO (MI) - VIA SANTA MARIA LOTTO 1) COMPLESSO IMMOBILIARE: composto da un’area con sovrastanti vari fabbricati costituenti un opificio industriale, oltre ad una palazzina con locali uffici e un appartamento ad uso abitazione. Prezzo base Euro 300.000,00. Vendita senza incanto 28/02/11 ore 12:45. Eventuale vendita con incanto in data 14/03/11 ore 12:45. G.E. Dott.ssa C. Macchi. Curatore Fallimentare Dott. V. Cassaneti tel. 0267101037. Rif. RGE 304/08

Invito ad Offrire TRIBUNALE DI MILANO IL FALLIMENTO NUOVA REMU SRL N. 343/2010 INVITA ALLA FORMULAZIONE DI OFFERTE PER L’ACQUISTO, AL PREZZO DI PERIZIA, DEI SEGUENTI BENI: 1) Arredi ufficio. Macchinari per taglio laser e altri, magazzino Euro 325.761,00; 2) Carroponte Sarmas Euro 34.000,00; 3) Autocarro Fiat Scudo del 1997 Euro 900,00. Le offerte di acquisto, non vincolati per la procedura, dovranno pervenire allo studio del Curatore Avv. Simona Viola - Via Larga, 31 Milano tel 0276001636 fax 02794645 e-mail simonaviola@tiscali.it, entro il 15/02/2011. segue

Il sito internet www.aste.eugenius.it della Guido Talarico Editori Spa è stato iscritto nell'elenco ministeriale dei siti gestiti dai soggetti in possesso dei requisiti professionali di cui all'Art. 3 e 4 del D.M. 31/10/2006 con provvedimento del 28.06.2010. In base a tale provvedimento il sito www.aste.eugenius.it è autorizzato a effettuare la pubblicità delle vendite giudiziarie per tutti i Tribunali appartenenti ai Distretti di Corte d'Appello italiani


Gennaio 2011

AsteInfoappalti

22

www.astepress.it

www.asteinfoappalti.it

VENDITE IMMOBILIARI E FALLIMENTARI La procedura si riserva di indire gara fra gli offerenti secondo modalità successivamente comunicate. Per informazioni contattare il Curatore ai recapiti sopra indicati. FM71983 FM69600 FALLIMENTO TELEA SRL N. 381/08 SI INVITA A PRESENTARE OFFERTE PER L’ACQUISTO DEL COMPLESSO ECONOMICO AZIENDALE GIÀ CONDOTTO IN AFFITTO DI AZIENDA ATTO ALLA PROGETTAZIONE, PRODUZIONE ED INSTALLAZIOE DI SISTEMI DI TELEVISIONE A CIRCUITO CHIUSO, SISTEMI INTEGRATI DI SICUREZZA E CONTROLLO. PREZZO EURO 50.800,90 COSÌ COSTITUITO: - Valore degli arredi, scaffalatura, attrezzature e carrelli elevatori Euro 8.108,50 - Valore delle giacenze e magazzino Euro 6.692,40 - Valore del Marchio "T TELEA" e del logo "T" Euro 36.000,00 - Totale euro 50.800,90 Si accettano unicamente proposte di acquisto pari o superiori al detto importo. All’esito del ricevimento delle offerte seguirà gara non formale tra gli offerenti presso lo Studio del Curatore con modalità e condizioni da stabilirsi in seguito. I beni sono visionabili presso la Deletron Srl in Arcore Via F. Matteucci, 27 previo appuntamento telefonico. Ulteriori informazioni presso il Curatore Dott. A. Lapi C.so Concordia, 8 Milano tel. 02/76023873 - fax 02/76002206 email studioangelolapi@interfree.it nonché sul sito www.tribunale.mialno.it (vendite giudiziarie - invito ad offrire)

Tribunale di Busto Arsizio Abitazioni e Box BESNATE (VA) - VIA GIACOMO LEOPARDI, 19 - ABITAZIONE RESIDENZIALE: su due livelli, LABORATORIO e POSTO AUTO COPERTO su terreno di pertinenza composto da: - abitazione: soggiorno, cucina, due camere, bagno e balcone al piano primo e da locale lavanderia, cucina e vano scala interno al piano terra. - laboratorio: annesso

all’abitazione di mq. 43,63 con accesso diretto dal cortile/giardino di pertinenza. Prezzo base Euro 257.130,59. Vendita senza incanto 01/03/11 ore 12:30. Eventuale vendita con incanto in data 15/03/11 ore 12:30. G.E. Dott. S. Passafiume. Professionista Delegato alla vendita Dott. Tosi A. Cooperativa Adjuvant tel. 0331321353. Ausiliario e Custode Giudiziario GIVG srl tel. 0332335510. Rif. RGE 527/09 M BU70970

a piano terreno, tre locali e servizi a piano primo nonchè due locali ad uso cantina al piano interrato con annessa piccola area cortilizia di pertinenza. Prezzo base Euro 266.000,00. Vendita senza incanto 03/03/11 ore 09:00. Eventuale vendita con incanto in data 17/03/11 ore 09:00. Notaio Delegato Dott.ssa P. Cianci tel. 0296280388. Ausiliario e Custode Giudiziario GIVG srl tel. 0332335510. Rif. PD 2240/09 R. sas BU70999

BUSTO ARSIZIO ( VA ) - FRAZIONE BORSANO - VIA CARDINALE SIMONE, 9/A - RUSTICO A "CORTE": oggetto di intervento edilizio di recupero del sottotetto e ridistribuzione interna co mp osto da n. 5 un ità abitative e n. 3 box così individuati: - unità 1: ingresso dal cortile comu ne composta da un locale con scala di accesso al primo piano e da due locali oltre antibagno e bagno al primo piano. - unità 2: ingresso dal cortile comune composta un loca le oltre disimpegno, ampio antibagno e bagno al piano terreno. - unità 3: ingresso dal cortile comu ne compo sta un locale oltre antibagno e bagno al piano terra. - unità 4: ingresso dal cortile comu ne compo sta da due locali oltre a disimpegno e bagno al piano terra. - unità 5: al primo piano con scala di accesso estern a composta d a ampio locale oltre bagno, tre camere, altro ampio bagno e locale adibito a sgabuzzino. - unità 6: box al piano terreno - unità 7: box al piano terreno unità 8: box al piano terreno Prezzo base Euro 317.440,00. Vendita senza incanto 03/03/11 ore 09:00. Eventuale vendita con incanto in data 17/03/11 ore 09:00. G.E. A. D’Elia. Professionista Delegato alla vendita Dott. R. Armiraglio tel. 029341153 . Ausiliario e Custode Giudiziario GIVG s.r.l. tel. 0332335510. Rif. R.G.E. 400/09 V. BU71035

CASTELLANZA (VA) - VIA ELIO COLOMBO, 4 LOTTO 1) CASA INDIPENDENTE: con annessa area pertinenziale a giardino, così composta: al PT da ingresso di servizio, lavanderia, bagno, ingresso padronale, soggiorno, cucina/pranzo, nonchè androne e 2 locali ad uso ripostiglio; al P1° da 3 camere,2 bagni e 2 balconi; al PS1° da ripostiglio e cantina; con scala interna di collegamento che dal PS1° porta al P1°. Prezzo base Euro 636.111,11. Vendita senza incanto 01/03/11 ore 08:40. Eventuale vendita con incanto in data 17/03/11 ore 09:40. Notaio Delegato Dr. B. Leo tel. 0331635146. Custode Giudiziario GIVG srl tel. 0332335510. Rif. RGE 318/07 C BU70879

CASSANO MAGNAGO (VA) - VIA SAN GIULIO, 12, 14, 16 (GIÀ N. 6) - A PARTE DEL FABBRICATO IN CORTE AD USO ABITATIVO: di due piani fuori terra oltre un piano interrato, l’alloggio disposto su tre livelli e composto da tre locali e servizi

SARONNO (VA) - VIA MONTE SANTO, 5 COMPLESSO IMMOBILIARE: caratterizzato da tre corpi di fabbrica, due composti da due piani fuori terra, uniti tra loro, ad uso abitazione, il terzo monopiano ad uso magazzino deposito; gli edifici residenziali contengono due appartamenti così composti: -appartamento disposto su due piani, a piano terra ingresso/soggiorno, cucina, lavanderia/bagno, disimpegno, vano scala, a piano primo tre camere da letto, bagno, ballatoio; -appartamento disposto su due piani, a piano terra ingresso, soggiorno, cucina, tinello, lavanderia/bagno, disimpegno, vano scala, a piano primo due camere da letto, disimpegno notte, bagno, ripostiglio, ognuno dotato di scala interna; il terzo edificio ad uso magazzino deposito è caratterizzato da due ambienti, uno di grosse dimensioni utilizzato come autorimessa, il secondo più piccolo utilizzato come

deposito attrezzi. Prezzo base Euro 350.000,00. Vendita senza incanto 01/03/11 ore 15:00. Eventuale vendita con incanto in data 15/03/11 ore 15:00. G.E. Dott. M. Radici. Professionista Delegato alla vendita Avv. A. Cadorin tel. 0331630093. Custode Giudiziario GIVG srl tel. 0332335510. Rif. RGE 144/07 B BU71018

Immobili industriali commerciali, strutture turistiche BUSTO ARSIZIO (VA) - VIA MENTANA, 7 - NEGOZIO: al piano terra di un condominio denominato "Residenza il Parco" di mq. 140, di forma circolare e pareti quasi completamente finistrate con soppalco, bagno, antibagno e annesso locale caldaia. Prezzo base Euro 316.679,40. Vendita senza incanto 01/03/11 ore 12:30. Eventuale vendita con incanto in data 15/03/11 ore 12:30. G.E. Dott. S. Passafiume. Professionista Delegato alla vendita Dott.ssa Borghi P. - Cooperativa Adjuvant tel. 0331321353. Ausiliario e Custode Giudiziario GIVG srl tel. 0332335510. Rif. RGE 108/09 L BU70949 SARONNO (VA) - VIA ACHILLE MARAZZI, 4 LABORATORIO ARTIGINALE: di mq. 260 al piano terra con spogliatoio e servizi e locali adibiti ad uso uffivio al primo piano oltre all’area antistante ad uso esclusivo. Prezzo base Euro 238.680,00. Vendita senza incanto 08/03/11 ore 09:00. Eventuale vendita con incanto in data 29/03/11 ore 09:00. G.E. Dott. S. Passafiume. Professionista Delegato alla vendita Dott. Masci M. - Cooperativa Adjuvant tel. 0331321353. Ausiliario e Custode Giudiziario GIVG srl tel. 0332335510. Rif. RGE 85/08 E BU70914 Fine

Elenco dei Bandi nimo Euro 10.000,00. Deposito domande entro le ore 13.00 del 25/01/2011. Liquidatore Giudiziale Dr. Vittorio D’Ecclesiis, tel. 0805541051. Maggiori info in cancelleria fallimentare e sul sito www.astegiudiziarie.it (A134243, A134244, A134245).

• TRIBUNALE DI •

BARI

• TRIBUNALE DI • TRIBUNALE DI BARI CONC. PREV. N. 1/09 R.F. G.D. Dott.ssa Anna De Simone. Vendita a gara informale: 26/01/2011 ore 11.00. Lotto 1 traghetto per trasporto di mezzi rotabili non ferroviari ubicato nel Porto di Tolone (Francia). Prezzo base: Euro 1.200.000,00 ; aumento minimo Euro 10.000,00. Lotto 2 traghetto per trasporto di mezzi rotabili non ferroviari ubicato nel Porto di Augusta (SR) . Prezzo base: Euro 1.200.000,00 ; aumento minimo Euro 10.000,00. Lotto 3 traghetto per trasporto di mezzi rotabili non ferroviari e container ubicato nel Porto di Genova. Prezzo base: Euro 1.200.000,00; aumento mi-

Cerchi casa? ... prova all’incanto! www.aste.eugenius.it

CATANZARO

TRIBUNALE DI CATANZARO Prima Sezione Civile Il Giudice dell’esecuzione, dott.ssa Giovanna Gioia ha pronunciato la seguente ORDINANZA Nel procedimento n. 56/05R.G.E. pendente tra E visti gli atti; DISPONE procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: lotto 1: complesso industriale in Marcellinara, loc. Serramonda, con entro stante capannone, sup. lorda complessiva mq.29588, il capannone misura mq 7300, in catasto al foglio 15, p.lla 140 e foglio 15 p.lla 57 sub.2 prezzo euro 11.382.560,00. Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo

Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato al Tribunale di Catanzaro proc. n. 56/05 RGE recante un importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12 del giorno precedente l’udienza sotto fissata, sono a carico del procedimento le spese di trasferimento. L’udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 cpc e per l’eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 cpc è fissata in data 23 marzo 2011. Aumento minimo in caso di gara euro 5000,00. L’aggiudicatario, dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta giorni dalla data di aggiudicazione in cancelleria. TRIBUNALE DI CATANZARO Prima sezione civile Il Giudice dell’esecuzione, nel procedimento n. 8/06R.G.E. con ordinanza del 10.11.2010 ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto 1. Due Appartamenti di mq 133,00 posti al 1° e 2° piano di un fabbricato ubicato in San Vito Sullo Ionio Via Trovato 15 e relativo lastrico solare, in catasto al foglio 12, p.lla 890 sub. 8, 10 e 12 - prezzo euro 61.835,48 Gli Immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato Tribunale di Catanzaro

proc. n. 8/06 portante un importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12 del giorno 22.03.2011, restando a carico del procedimento le spese di trasferimento. L’udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c. e per l’eventuale gara tra gli offerenti ex. art. 573 c.p.c. è fissata in data 23.03.2011. Aumento minimo in caso di gara euro 1.000,00 L’aggiudicatario, dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione in cancelleria. TRIBUNALE DI CATANZARO PRIMA SEZIONE CIVILE Il Giudice dell’esecuzione, Dott.ssa GIOIA, ha pronunciato la seguente ORDINANZA Nel procedimento n. 140/99 R.G.E. pendente tra INPS E [ OMISSIS] Visti gli atti, DISPONE Procedersi alla vendita senza incanto dei beni seguenti: Lotto 1: Appartamento in Sellia Marina Via Calcarella, piano terra oltre garage e deposito, in catasto al foglio 14 p.lla 196 sub.3 e 369; PREZZO BASE: E 154.635,00; Lotto 2: Appartamento in Sellia Marina Via Calcarella, piano primo, mq 174,75 oltre balconi, in catasto al foglio 14 p.lla 196 sub. 4; PREZZO BASE: E 141.284,73 Lotto 3: Appartamento in Sellia Marina Via Calcarella, piano secondo, mq 174,75 oltre balconi, allo stato rustico, in catasto al foglio 14 p.lla 196 sub. 5; - segue

Il sito internet www.aste.eugenius.it della Guido Talarico Editori Spa è stato iscritto nell'elenco ministeriale dei siti gestiti dai soggetti in possesso dei requisiti professionali di cui all'Art. 3 e 4 del D.M. 31/10/2006 con provvedimento del 28.06.2010. In base a tale provvedimento il sito www.aste.eugenius.it è autorizzato a effettuare la pubblicità delle vendite giudiziarie per tutti i Tribunali appartenenti ai Distretti di Corte d'Appello italiani


Gennaio 2011

AsteInfoappalti

23

www.astepress.it

www.asteinfoappalti.it

Elenco dei bandi PREZZO BASE: E 72.061,33 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta d’acquisto in busta chiusa , entro le ore 12 del giorno precedente l’udienza sotto fissata, unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro "Procedura n. 140/99" portante una somma pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione restando a carico dell’aggiudicatario le spese di trasferimento L’udienza per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a E 2.000,00 è fissata in data 09/03/2011. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 in caso di mancanza di offerte. L’aggiudicatario, dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine perentorio di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione, in cancelleria. TRIBUNALE DI CATANZARO Prima Sezione Civile Il Giudice dell’esecuzione, dott.ssa Giovanna Gioia, ha pronunciato la seguente ORDINANZA nella procedura esecutiva n. 148/05 R.G.E. pendente tra Pennisi Maria Giuseppina e *********** visti gli atti: DISPONE procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto unico: fabbricato per civile abitazione in Comune di San Sostene, Vicolo 3 Roma 12 e 14, costituito da piano terra, piano primo, piano secondo e sottotetto, in catasto al foglio 12 p.lla 339 sub. 1 Prezzo E 10.139,43 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato Tribunale di Catanzaro proc. n. 148/05 portante un importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12 del giorno 22.02.2011, restando le spese di trasferimento a carico della procedura. L’udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c. e per l’eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 c.p.c. è fissata in data 23.02.2011. Aumento minimo in caso di gara euro 3.000,00. L’aggiudicatario, dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione in cancelleria. TRIBUNALE DI CATANZARO Esecuzioni Immobiliari IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dott.ssa Giovanna Gioia Nella procedura esecutiva n. 241/96

www.aste.eugenius.it

r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto. Con riduzione di ¼ sul prezzo a base d’asta, dei seguenti beni: Lotto n. 1: quota pari ad ½ di terreno agricolo sito nel comune di San Sostene, loc. Cacarella mq. 18.780. Riportato in Catasto al Foglio 36 p.lla 169 e 180 . Prezzo base d’asta Euro 832,16 Lotto n. 2: quota pari ad 1/12 di terreno agricolo sito nel comune di Torre Ruggiero con piccola casa colonica in stato di abbandono, mq 28.010, in Catasto al foglio 15 p.lle 124, 158 159, 224, 425,598. Prezzo Base d’asta: Euro 216,72 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 23 febbraio 2011. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 c.p.c., in caso di mancanza di offerte di acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenete domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo; fotocopia del documento d’identità nonché un Assegno Circolare "Non trasferibile" intestato a "Tribunale di Catanzaro proc. N 241/96" di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. In casa di gara tra più offerenti, l’aumento minimo è fissato in euro 1000,00. L’aggiudicatario dovrà versare in cancelleria il prezzo di acquisto - dedotta la già versata cauzione - entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva. TRIBUNALE DI CATANZARO Il Giudice dell’esecuzione,esaminati gli atti della procedura di espropriazione immobiliare n.107/96 Dispone Procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto unico: quota pari ad ½ di terreno edificatorio sito in Marcellinara,località Campo, sup mq 470,00 in catasto Fol 7, P.lla 187,seminativo arborato cl 1 PREZZO BASE D’ASTA E 14.100,00 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano,sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente depositando offerta,dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta,entro le ore 12 del giorno precedente l’udienza sotto fissata con somma pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione restando a carico del procedimento le spese di trasferimento. L’udienza di vendita ex art.572 cpc è fissata in data 23 febbraio 2011,ore 9,30. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art.569 cpc in caso di mancanza

di offerte.Aumento minimo in caso di gara di E 500,00. L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo d’acquisto in Cancelleria,dedotta la già versata cauzione,entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione. TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell’esecuzione, dott.ssa Gioia nella procedura esecutiva n. 365/93 r.g.e; visti gli artt. 569 e ss. C.p.c. e vista la richiesta di vendita, DISPONE procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: lotto n.1: ""Unità immobiliare n.12 [f.17, p.lla 430]"" prezzo base: E 53.530,50 lotto n.2: ""Unità immobiliare n.11 [f.17, p.lla 645]"" prezzo base: E 45.948,00 lotto n.3: "Unità immobiliare n.8 [f.17, p.lla 528]"" prezzo base: E 34.812,00 lotto n.4: "Unità immobiliare n.6 [f.17, p.lla 1360]"" prezzo base: E 10.990,50 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 23 febbraio 2011. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 c.p.c., in caso di mancanza di offerte di acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d’identità, nonché un Assegno Circolare "Non trasferibile" intestato a "Tribunale di Catanzaro proc. n. ..." di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. In caso di gara tra più offerenti l’aumento minimo è fissato in euro 1000,00. L’aggiudicatario dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d’acquisto - dedotta la già versata cauzione -, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico della procedura. TRIBUNALE DI CATANZARO Prima Sezione Civile Procedura esecutiva n.88/00 R.G.Espr. Il Giudice dell’esecuzione, dott.ssa G. Gioia, a scioglimento della riserva assunta in data odierna Dispone la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto: lotto unico: ""Quota pari a i/2 di proprietà di appartamento sito in SEllia Marina (CZ), Fraz. Calabricata, Via Firenze, in Catasto al fg 7 mappale 516 sub 3""

prezzo euro base: E 46.200,40 L’immobile, venduto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, è meglio descritto nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato a "Tribunale di Catanzaro -Procedura n.88/00 R.G.E.""portante una somma pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12 del giorno 8 febbraio 2011, restando le spese di trasferimento a carico della procedura . L’udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c. e per l’eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 c.p.c. è fissata in data 9 febbraio 2011, ore 9.30. L’aumento minimo in caso di gara è di euro 1000,00. L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo d’acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione in cancelleria. TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell’esecuzione, dott. Giuseppe Cava, nella procedura esecutiva n. 27/09 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: lotto unico: ""Appartamento in Caraffa di Catanzaro in Catasto al fg.7 part. 62 sub. 5" prezzo base: E 36.750,00 fissa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 1 febbraio 2011 ore 12.00; fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore ad euro 3.000,00, l’udienza del 2 febbraio 2011 ore 9.30; dispone che le offerte d’acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato intestato a "Tribunale di Catanzaro proc. n. ..." di un importo pari al 10% del prezzo proposto, da imputare a cauzione. L’immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in Cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall’aggiudicatario, anche con riferimento alla situazione di conformità degli impianti. L’aggiudicatario dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d’acquisto - dedotta la già versata cauzione -, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento sono a carico della procedura esecutiva. TRIBUNALE DI CATANZARO AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che nella procedura esecutiva n 29/05 R.G.Espr. Il Giudice dell’esecuzione. dott. Giuseppe Cava. Ha disposto la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto: lotto unico "appartamento con magazzino oltre a quota di 1/5 su scale e corte - segue

Il sito internet www.aste.eugenius.it della Guido Talarico Editori Spa è stato iscritto nell'elenco ministeriale dei siti gestiti dai soggetti in possesso dei requisiti professionali di cui all'Art. 3 e 4 del D.M. 31/10/2006 con provvedimento del 28.06.2010. In base a tale provvedimento il sito www.aste.eugenius.it è autorizzato a effettuare la pubblicità delle vendite giudiziarie per tutti i Tribunali appartenenti ai Distretti di Corte d'Appello italiani


Gennaio 2011

AsteInfoappalti

24

www.astepress.it

www.asteinfoappalti.it

Elenco dei bandi esterna in Soveria Simeri in catasto a1fg.7 part.430 sub. 7, sub. 3, sub.1 al prezzo base di E 41.551,12; ha fissato per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 01.02.2011 ore 12,00: ha fissato per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti , con rialzo minimo non inferiore a E 5.000,00, l’udienza del 02.02.2011 ore 9,30; ha disposto che le offerte d’acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno intestato "Tribunale di Catanzaro - Procedura n.29/05" portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione; L’immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e diritto in cui si trova. che si intenderà conosciuto dall’aggiudicatario, anche con riferimento alla situazione di conformità degli impianti e alla situazione energetica; L’aggiudicatario dovrà versare i1 prezzo d’acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall’aggiudicazione; Le spese di trasferimento saranno a carico dell’aggiudicatario; TRIBUNALE DI CATANZARO Prima sezione civiie Procedura esecutiva n. 49/06 R.G.Espr. Il Giudice dell’esecuzione dott. Giuseppe Cava, visti gli arrt. 569 e ss. c.p.c. e vista la richiesta di vendita, Dispone la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto: lotto 1 "fabbricato sito in Chiaravalle c.le contrada Sorbia in catasto al fg. 40 part 827 al prezzo base di E 119.196,56 fissa per la presentazione delle offerte d’acquisto i termine del 15/02/2011 ore 12.00; fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a E 4.000,00, l’udienza del 16/02/2011 ore 9.30; dispone che le offerte d’acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare Ìntestato "Tribunale di Catanzaro - Procedura n.49/06" pOrtante una somma pari al decimo del prezzo proposto da imputare a cauzione. L’immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in cancelleria sarà venduto nello stato di fatto e diritto in cui si trova ivi compresa la situazione di conformità degli impianti in relazione alle prescrizioni di cui al DM n.37/08, che si intenderà conosciuto dall’aggiudicatario. L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo d’acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall’aggiudicazione. Le spese di trasferimento saranno a carico dell’ aggiudicatario: TRIBUNALE DI CATANZARO Procedura Esecutiva n. 52/01 R.G. Espr. Il Giudice dell’esecuzione, dott.ssa Giovanna Gioia, a scioglimento della riserva assunta in data odierna, Dispone la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto:

www.aste.eugenius.it

lotto unico: terreno con annesso fabbricato sito in Settingiano (CZ), loc. Corace, via dei Gelsi, in catasto al fg 13 part. 571 e 711, al prezzo base di E 179.896,00; fissa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine dell’08.02.2011 ore 12,00; fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a E 2.000,00, l’udienza del 09.02.2011 ore 9,30; dispone che le offerte d’acquisto siano presentate in busta chiusa unitamene ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro - Procedura n. 52/01 portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione; L’immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall’aggiudicatario, anche con riferimento alla situazione di conformità degli impianti e alla situazione energetica; L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo d’acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall’aggiudicazione; Le spese di trasferimento saranno a carico della procedura esecutiva; TRIBUNALE DI CATANZARO Prima Sezione Civile Procedura esecutiva R.G.Espr. n. 225/95 Il Giudice dell’esecuzione , Dr.ssa Song Damiani, visti gli artt. 569 e ss. c.p.c. e vista la richiesta di vendita ,dispone la vendita senza incanto del compendio pignorato e di seguito descritto: Lotto nr. 1 " magazzino in fabbricato sito in Montepaone in Catasto al foglio 9 , part. 431, sub 4 al prezzo base di Euro 496,31; Lotto nr.2 "Appartamento in fabbricato sito in Montepaone, in catasto al foglio 9, particella 431 sub. 3" al prezzo base di Euro 1.326,98; Lotto nr. 3 "Appartamento in fabbricato sito in Montepaone, in catasto al foglio 9, particella 424 subalterno 3" al prezzo base di Euro 1.932,19; Lotto nr. 4 "Terreno sito in Montepaone in catasto al foglio 6 , particella 61" al prezzo base di Euro 3.052,52; Lotto nr. 5 " terreno sito in Montepaone in catasto al foglio 7, particella 178" al prezzo base di Euro 5.101,37 ; Lotto nr. 6 " terreno sito in Montepaone in catasto al foglio 7, particella 487" al prezzo base di Euro 206,78; Lotto nr. 7 "terreno sito in Montepaone, in catasto al foglio 7, particella 483 " al prezzo base di Euro 2.016,42. Fissa per le presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 15.03.2011 ore 12.00; Fissa per la deliberazione dell’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore ad Euro 1.000,00 , l’udienza del 16.03.2011 ore 10.00; dispone che le offerte d’acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro - Procedura nr.

225/95 " portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione. L’immobile , meglio descritto, nella relazione tecnica consultabile in cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall’aggiudicatario; l’aggiudicatario dovrà versare il prezzo d’acquisto , dedotta la cauzione , entro il termine perentorio di sessanta giorni dall’aggiudicazione ; le spese di trasferimento saranno a carico dell’aggiudicatario. TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari Il Cancelliere COMUNICA che il Giudice dell’esecuzione, dott.ssa Gioia, nella procedura esecutiva n. 193/93 R.G.E. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto unico: Immobile in Palermiti, via Cannistrà n. 156 (F. 24 p.lla 133 e 134) Prezzo base d’asta: Euro 71.718,75 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 23.03.2011. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 c.p.c. in caso di mancanza di offerte d’acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento di identità nonché un ASSEGNO CIRCOLARE "non trasferibile" intestato a "Tribunale di Catanzaro procedura n........" di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto a titolo di deposito cauzionale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. In caso di gara tra più offerenti, l’aumento minimo è fissato in euro 1.000,00. L’aggiudicatario, dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d’acquisto dedotta la già versata cauzione - entro il termine di 60 giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva.

• TRIBUNALE DI •

CHIETI

TRIBUNALE DI CHIETI Sezione Fallimentare *** Fallimento "San.Stef.Ar. s.r.l." n. 23/2010 in esercizio provvisorio Giudice Delegato: Dott. Adolfo Ceccarini

Curatore: Avv. Giuseppina Ivone AVVISO DI VENDITA DI COMPLESSO AZIENDALE Il Fallimento di "San.Stef.Ar. s.r.l." avvisa che, nel quadro delle attivita’ finalizzate al realizzo dell’attivo, intende procedere alla vendita di un complesso aziendale (il Complesso Aziendale) cosi’ composto: - varie unità immobiliari ubicate in Comune di Teramo, via Alberto Pepe n. 31/e, per una superficie complessiva di circa 300 mq; - autorizzazioni all’esercizio dell’attivita’ sanitaria ed accreditamenti predefinitivi (con la Regione Abruzzo e la Regione Molise), per diciotto centri di riabilitazione di tipo estensivo, ex art. 26 L. 833/78, in convenzione con il SSN ed a pagamento, in regime ambulatoriale, domiciliare ed extramurale; - beni mobili ed attrezzature varie; - rapporti di lavoro pendenti; - altri rapporti contrattuali; il tutto, comunque, come meglio descritto e specificato nel "Disciplinare per la vendita del complesso aziendale della società San.Stef.Ar. s.r.l. in fallimento in esercizio provvisorio" e nella ulteriore documentazione inerente la procedura di vendita, costituente la data room virtuale, consultabile (dal giorno 12 gennaio 2011) sul sito internet: www.fallcoweb.it/villapini. La procedura di vendita si espletera’ mediante un’asta, che si terra’ avanti il notaio dottor Alfredo Pretaroli, con studio in Chieti, 66100, via Arniense, 55, tel.: 0871.348180, 0871.348270, fax: 0871.320944, il giorno 4 marzo 2011, alle ore 11,30. Termine perentorio di presentazione delle offerte: giorno 4 marzo 2011, alle ore 11,00. Ai fini della presentazione delle offerte di acquisto, il prezzo base d’asta deI Complesso Aziendale e’ stabilito nella misura di euro 7.948.806,00 (euro settemilioninovecentoquarantottomilaottocentosei/00); Il Complesso Aziendale potrà essere visionato previa richiesta da inviare in forma scritta, via fax, al numero 06.37500515. La visita sarà confermata in forma scritta dalla Procedura e potrà avere luogo alla presenza di un delegato del Curatore, nel periodo dal giorno 12 gennaio 2011 al 3 marzo 2011 (nei giorni dal lunedì al venerdì, dalle ore 9,00 alle ore 17,00). Il presente avviso, in ogni caso, non costituisce proposta irrevocabile né offerta al pubblico, né sollecitazione al pubblico risparmio, né impegna in alcun modo il Curatore Fallimentare a contrarre con gli offerenti. Chieti, data della pubblicazione. Il Curatore Fallimentare - segue

Cerchi casa? Prova all'incanto!

Il sito internet www.aste.eugenius.it della Guido Talarico Editori Spa è stato iscritto nell'elenco ministeriale dei siti gestiti dai soggetti in possesso dei requisiti professionali di cui all'Art. 3 e 4 del D.M. 31/10/2006 con provvedimento del 28.06.2010. In base a tale provvedimento il sito www.aste.eugenius.it è autorizzato a effettuare la pubblicità delle vendite giudiziarie per tutti i Tribunali appartenenti ai Distretti di Corte d'Appello italiani


Gennaio 2011

AsteInfoappalti

25

www.astepress.it

www.asteinfoappalti.it

Elenco dei bandi • TRIBUNALE DI •

CROTONE

TRIBUNALE DI CROTONE Concordato Preventivo 1/08 G.E.: Dr. Michele Sessa Lotto Unico: Complesso industriale (Caseificio) per la lavorazione e trasormazione del latte sito nel comune di Crotone , loc. Passovecchio, zona industriale Prezzo base: E. 1.650.000,00 Rilancio: E. 5.000,00 Vendita con incanto: 08/03/2011 Vendita con incanto: 29/03/2011 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita Per maggiori informazioni rivolgersi alla cancelleria fallimentare o consultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it. TRIBUNALE DI CROTONE Esecuzioni Imm. n. 57/1993 R.G.E. G.E.: Dr. Francesco Murgo Lotto Unico: Terreno in Comune di Strongoli, loc. Zigari Campanella e Sotto Castello impiantato parzialmente ad oliveto, parte seminativo e parte pascolo Prezzo base: E 8.887,50 Rilancio: 200,00 Vendita con incanto: 23/03/2011 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita Per maggiori informazioni rivolgersi al Custode Giudiziario Avv. Stefania Ragura, consultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it. TRIBUNALE DI CROTONE Fallimento n. 12/06 G.D.: Dr. Michele Sessa Lotto unico: Complesso industriale per la produzione di cellulosa ubicato nel comune di Crotone costituito da beni mobili e immobili e dell’impianto di produzione Prezzo base: E 2.857.000,00 Rilancio: E 2.000,00 Vendita con incanto: 08/03/2011 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita Per maggiori informazioni rivolgersi alla cancelleria Fallimentare del Tribunale di Crotone, consultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it.o presso il Curatore Rag. Iole Madarena - tel. 0962/26414 TRIBUNALE DI CROTONE Esecuzioni Imm. n. 125/89 + 19/91 R.G.E. G.E. Dr. Francesco Murgo Custode Giudiziario: Avv. Marco Luigi Mancini Lotto 1:

www.aste.eugenius.it

Quota 1/2 della proprietà di un garage sito nel comune di Cutro Prezzo base: E. 600,00 Rilancio: E . 500,00 Vendita con incanto: 09/03/2011 Lotto 2: Piena ed intera proprietà di una unità immobiliare sito nel comune di Cutro Prezzo base: E. 9.300,00 Rilancio: E . 500,00 Vendita con incanto: 09/03/2011 Lotto 3: Piena ed intera proprietà di una unità immobiliare sito nel comune di Cutro Prezzo base: E 22.275,00 Rilancio: E . 500,00 Vendita con incanto: 09/03/2011 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita Per maggiori informazioni rivolgersi alla cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari del Tribunale di Crotone, o al custode Giudiziario Avv. Marco Luigi Mncini Tel. 0962/20757 consultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it. TRIBUNALE DI CROTONE Esecuzioni Imm. n. 76/03 R.G.E. G.E. Dr. Francesco Murgo Custode Giudiziario: Avv. Andrea Aloisio Lotto 1: Piena ed intera proprietà di un opificio industriale sito nel comune di Rocca di Neto Prezzo base: E. 151.500,00 Rilancio: E .2.000,00 Vendita senza incanto: 16.03.2011 Vendita con incanto: 23.03.2011 Lotto 2: Piena ed intera proprietà di un opificio industriale sito nel comune di Rocca di Neto Prezzo base: E. 175.605,00 Rilancio: E .2.000,00 Vendita senza incanto: 16.03.2011 Vendita con incanto: 23.03.2011 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita Per maggiori informazioni rivolgersi alla cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari del Tribunale di Crotone, o in alternativa al Custode Giudiziario Avv. Andrea Aloisio - Tel. 0962/21020 , consultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it. TRIBUNALE DI CROTONE Esecuzioni Imm. n. 96/07 R.G.E. G.E.: Dr. Francesco Murgo Lotto Unico: Piena ed intera proprietà di un fabbricato sito nel comune di Crotone Fraz. Zigari Cipolla composta da piano terra e I piano ovvero laboratorio di mq. 343,65 oltre corte di mq. 666,00 Prezzo base: E . 135.382,00 Rilancio: E. 2.000,00 Vendita senza incanto: 16.03.2011 Vendita con incanto: 23.03.2011 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita Per maggiori informazioni rivolgersi al Custode Giudiziario Avv. Olga Arcuri te. 0962/23063, o consultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e

www.asteimmobili.it. TRIBUNALE DI CROTONE Esecuzioni Imm. n. 21/2007 R.G.E. G.E. Dr. Francesco Murgo Custode Giudiziario: Avv. Antonio Elia Lotto: Piena ed intera proprietà di serra e relitto di terreno siti nel comune di Belvedere Spinello Prezzo base: E. 230.318,00 Rilancio: E. 2.000,00 Vendita senza incanto: 16.03.2011 Vendita con incanto: 23.03.2011 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita Per maggiori informazioni rivolgersi alla cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari del Tribunale di Crotone, o presso il Custode Avv. Antonio Elia tel. 389/1967804 oconsultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it. TRIBUNALE DI CROTONE Esecuzioni Imm. n. 63/09 R.G.E. G.E. Dr. Francesco Murgo Custode Giudiziario: Avv. Antonio Prestinice Lotto 1: Piena ed intera proprietà di un terreno agricolo sito nel comune di Strongoli Prezzo base: E.. 108.000,00 Rilancio: E . 1.000,00 Vendita senza incanto: 16.03.2011 Vendita con incanto: 23.03.2011 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita Per maggiori informazioni rivolgersi alla cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari del Tribunale di Crotone, o presso il custod Avv. Antonio Prestinice - Tel. 328.0703390 o consultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it. TRIBUNALE DI CROTONE Esecuzioni Imm. n. 134/1998 R.G.E. G.E.: Dr. Francesco Murgo Lotto uno: La piena ed intera proprietà di appartamento sito in Crotone loc. Gabella Grande. Prezzo base: E 45.000,00 Rilancio: 1.000,00 Lotto due: La piena ed intera proprietà di appartamento sito in Crotone loc. Gabella Grande. Prezzo base: E 45.000,00 Rilancio: 1.000,00 Vendita senza incanto: # Vendita con incanto: 09/03/2011 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita Per maggiori informazioni rivolgersi al Custode Giudiziario Avv. Serafina Astorino, consultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it. TRIBUNALE DI CROTONE Esecuzioni Imm. n.119/2009 R.G.E. G.E.: Dr. Francesco Murgo Lotto Unico: Intera proprietà di appartamento sito in agro di Belvedere Spinello al viale Gramsci n.4/2. Prezzo base: E 49.000,00 Rilancio: 1.000,00 Vendita senza incanto: 16/03/2011

Vendita con incanto: 23/03/2011 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita Per maggiori informazioni rivolgersi al Custode Giudiziario Avv. Stefania Ragusa, consultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it. TRIBUNALE DI CROTONE Esecuzioni Imm. n. 44/2002 R.G.E. G.E.: Dr. Francesco Murgo Lotto uno: La piena ed intera proprietà di locale rimessa sito in Cirò Marina Località Agro, alla via Napoli. Prezzo base: E 12.656,25 Rilancio: 1.000,00 Lotto due: La piena ed intera proprietà di appartamento sito in Cirò Marina Località Agro, alla via Napoli. Prezzo base: E 25.231,25 Rilancio: 1.000,00 Lotto tre: La piena ed intera proprietà di appartamento sito in Cirò Marina Località Agro, alla via Napoli. Prezzo base: E 22.359,32 Rilancio: 1.000,00 Vendita senza incanto: # Vendita con incanto: 09/03/2011 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita Per maggiori informazioni rivolgersi al Custode Giudiziario Avv. Maria Levato, consultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it. TRIBUNALE DI CROTONE Esecuzioni Imm. n. 88/1994 R.G.E. G.E.: Dr. Francesco Murgo Lotto Unico: La piena ed intera proprietà di terreno agricolo sito in Isola di Capo Rizzuto, loc. Bugiafro. Prezzo base: E 47.461,00 Rilancio: E 1.000,00 Vendita senza incanto: # Vendita con incanto: 09/03/2011 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita Per maggiori informazioni rivolgersi al Custode Giudiziario Avv. Andrea Aloisio, consultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it. TRIBUNALE DI CROTONE Esecuzioni Imm. n. 88/2006 + 87/2008 R.G.E. G.E.: Dr. Francesco Murgo Lotto Unico: Piena ed intera proprietà di appartamento sito in Crotone - frazione Papanice - via Pironte n.9. Prezzo base: E 50.350,00 Rilancio: E 1000,00 Vendita senza incanto: 16/03/2011 Vendita con incanto: 23/03/2011 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita Per maggiori informazioni rivolgersi al Custode Giudiziario Avv. Vincenzo Bianchi, consultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it. - segue

Il sito internet www.aste.eugenius.it della Guido Talarico Editori Spa è stato iscritto nell'elenco ministeriale dei siti gestiti dai soggetti in possesso dei requisiti professionali di cui all'Art. 3 e 4 del D.M. 31/10/2006 con provvedimento del 28.06.2010. In base a tale provvedimento il sito www.aste.eugenius.it è autorizzato a effettuare la pubblicità delle vendite giudiziarie per tutti i Tribunali appartenenti ai Distretti di Corte d'Appello italiani


Gennaio 2011

AsteInfoappalti

26

www.astepress.it

www.asteinfoappalti.it

Elenco dei bandi TRIBUNALE DI CROTONE Esecuzioni Imm. n. 49+50+62+2006 R.G.E. G.E.: Dr. Francesco Murgo Lotto uno: Appartamento sito in Petilia Policastro loc. Foresta alla via Garibaldi. Prezzo base: E 26.261,00 Rilancio: E 2.000,00 Lotto due: Piena ed intera proprietà di terreno sito in agro di Petilia Policastro frazione foresta alla via Tommaso Campanella. Prezzo base: E 100.017,50 Rilancio: E 1.500,00 Lotto tre: Appartamento sito in Petilia Policastro loc. Foresta alla via Garibaldi. Prezzo base: E 26.261,00 Rilancio: E 2.000,00 Lotto quattro: Terreno sito in Petilia Policastro loc. Foresta. Prezzo base: E 231.609,00 Rilancio: E 2.000,00 Lotto cinque: Piena proprietà per la quota di 250/1000 di deposito commerciale sito in agro di Petilia Policastro frazione Foresta via Garibaldi 26. Prezzo base: E 15.350,00 Rilancio: E 250,00 Lotto sei: Piena proprietà per la quota di 3/10 di terreno agricolo sito in agro di Petilia Policastro - frazione Maddalena. Prezzo base: E 10.876,00 Rilancio: E 250,00 Vendita senza incanto: # Vendita con incanto: 23/03/2011 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita Per maggiori informazioni rivolgersi al Custode Giudiziario Avv. Vincenzo Bianchi, consultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it. TRIBUNALE DI CROTONE Esecuzioni Imm. n. 57/2009 R.G.E. G.E.: Dr. Francesco Murgo Lotto Unico: La piena ed intera proprietà di terreno agricolo, sito in agro di Mesoraca destinato al pascolo. Prezzo base: E 18.750,00 Rilancio: E 500,00 Vendita senza incanto: 16/03/2011 Vendita con incanto: 23/03/2011 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita Per maggiori informazioni rivolgersi al Custode Giudiziario Avv. Mariangela Mesorsaca, consultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it. TRIBUNALE DI CROTONE Fallimento 15/04 G.D.: Dr. Michele Sessa Lotto Unico: A) Quota parte di musura pari a 2/6 di due magazzini comunicanti tra loro destinati ad attività commerciale ubicati nel comune di Isola Capo Rizzuto. B) Quota parte di musura pari a 2/6di un fabbricato di tre piani fuori terra composto da piano terra primo piano e secondo piano Prezzo base: E 20.000,00

www.aste.eugenius.it

Vendita con incanto: 08.03.2011 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita Per maggiori informazioni consultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it.

• TRIBUNALE DI •

LAMEZIA TERME

TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI R.E n. 43/2010 IL GIUDICE DELL’ESECUZIONI letti gli atti del procedimento e sciolta la riserva assunta all’udienza dell’ 11 novembre 2010; preso atto dell’istanza di vendita formulata dal creditore procedente; rilevato che custode dei beni pignorati è il debitore; considerato che la natura e la destinazione d’uso del compendio pignorato, unitamente alla carenza di elementi probatori da cui poter evincere il concreto pericolo di un relativo deterioramento nelle more della definizione della procedura di vendita, inducono a ritenere che la sostituzione del debitore con un terzo nell’attività di custodia giudiziaria non abbia , allo stato, utilità, ex art. 559, comma 4 , c.p.c., come novellato dalle leggi 80/2005 , 263/2005 e 51/2006 , fermo restando l’obbligo di rendere il conto di gestione, ex artt. 560 e 593 c.p.c.; ritenuto di poter condividere e prendere a fondamento del prosieguo della procedura le conclusioni della relazioni dell’esperto, in ordine sia all’individuazione del compendio immobiliare che alla stima del relativo valore di mercato; ravvisate, pertanto, le condizioni per procedere, ai sensi degli artt. 569, 571 e 576 c.p.c., come novellati dalle leggi 80/2005 , 263/2005 e 51/2006, al prezzo base di euro 166.500,00 ( al netto delle spese occorrenti per la sanatoria edilizie e per rendere l’immobile funzionalmente indipendente ), alla vendita coattiva del seguente bene : lotto uno "appartamento per civile abitazione sito in Lamezia Terme, rione Grandinetti articolato su due livelli, per una superficie commerciale di mq. 187, riportato nel NCEU di detto comune al Foglio 13, P.lla 505, sub 2, cat. A/4, classe 2, vani 6,5 " ; rilevato che occorre fissare i termini per la presentazione delle offerte di acquisto senza incanto, la successiva udienza per l’esame delle stesse e, per il caso in cui non abbia per qualsiasi motivo luogo la vendita senza incanto, fin d’ora la data per gli incanti; evidenziato , quanto all’eventuale, successiva vendita agli incanti, che : Essa deve aver luogo al prezzo sopra indicato di euro 166.500,00; Le offerte in aumento , a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori a euro 7.500,00;

Ognugno, ai sensi dell’art.579, comma 1, c.p.c. ( il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autentica, non essendo sufficiente l’ordinario mandato alle liti ; nell’ipotesi di cui al citato art 579. Comma 3 , il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autentica dovrà essere depositao contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all’art. 583, comma 1 c.p.c.) FISSA, IN RELAZIONE ALLA VENDITA SENZA INCANTO Per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle offerte di acquisto, ex art. 571 c.p.c. , del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza , termine fino alle 13.00 del giorno 8 febbraio 2011 ,con le modalità e per il prezzo base di cui sopra; Per l’esame delle offerte di acquisto, ai sensi dell’art.572 c.p.c., ovvero per la gara sulle medesime, se presentate in misura superiore ad una , ai sensi dell’art.573 c.p.c., l’udienza del giorno 9 febbraio 2011, ore 12,00 e segg; FISSA, NEL CASO IN CUI LA VENDITA SENZA INCANTO NON ABBIA LUOGO Per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza,termine fino alle ore 13.00 del giorno 22 febbraio 2011 , con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; Per il giorno 23 febbraio 2011, ore 12,00 e segg., la vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi. AVVERTE Fin d’ora le parti che, ove l’udienza fissata per la celebrazione dell’incanto, questo non abbia luogo per qualunque motivo , si riserva di applicare immediatamente - e cioè a quella stessa udienza - l’articolo 591 cod. proc . civ ., senza alcun rinvio intermedio o ulteriore, in quello stesso contesto sentendo le parti e provvedendo sulla disposizione dell’amministrazione giudiziaria o sulla fissazione di una nuova vendita; ONERA Il creditore procedente di notificare entro il 20 gennaio 2011 la presente ordinanza ai creditori di cui all’art.498 che non sono comparsi; DA’ ATTO Di non disporre, allo stato, la sostituzione del custode per le motivazioni innanzi espresse; ORDINA Al debitore di presentare il conto di gestione, ex artt. 560 e 593 c.p.c., a far data dal pignoramento, entro e non oltre il 20 gennaio 2011, con espresso avviso che, in caso di inottemperanza, l’omissione sarà valutata ai fini dell’eventuale nomina di un custode esterno; FISSA Ai sensi dell’art. 499, comma 5, c.p.c. , l’udienza di comparizione del debitore e del creditore privo di titolo esecutivo, al fine del riconoscimento del credito azionato, per il 9 febbraio 2011, dispo-

nendo la notifica del ricorso per intervento, dell’estratto autentico notarile e della presente ordinanza a cura dell’Edif S.p.A. Lamezia Terme, li 11 novembre 2010 Il Giudice dell’esecuzione Dott.Alessandro Brancaccio TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI R.E n. 42/2010 IL GIUDICE DELL’ESECUZIONI letti gli atti del procedimento e sciolta la riserva assunta all’udienza dell’ 11 novembre 2010; preso atto dell’istanza di vendita formulata dal creditore procedente; rilevato che custode dei beni pignorati è il debitore; considerato che la natura e la destinazione d’uso del compendio pignorato, unitamente alla carenza di elementi probatori da cui poter evincere il concreto pericolo di un relativo deterioramento nelle more della definizione della procedura di vendita, inducono a ritenere che la sostituzione del debitore con un terzo nell’attività di custodia giudiziaria non abbia , allo stato, utilità, ex art. 559, comma 4 , c.p.c., come novellato dalle leggi 80/2005 , 263/2005 e 51/2006 , fermo restando l’obbligo di rendere il conto di gestione, ex artt. 560 e 593 c.p.c.; ritenuto di poter condividere e prendere a fondamento del prosieguo della procedura le conclusioni della relazioni dell’esperto, in ordine sia all’individuazione del compendio immobiliare che alla stima del relativo valore di mercato; ravvisate, pertanto, le condizioni per procedere, ai sensi degli artt. 569, 571 e 576 c.p.c., come novellati dalle leggi 80/2005 , 263/2005 e 51/2006, al prezzo base di euro 136.000,00 per il lotto n.1 e di euro 107.200,00 per il lotto n. 2 , alla vendita coattiva del seguente bene : lotto uno "appartamento sito al piano primo di un fabbricato a cinque piani fuori terra oltre porzione di un sottotetto non abitabile facente parte di un complesso di beni immobiliari sito nel comune di Lamezia Terme, frazione Fronti , rione Grandinetti, accessibile dalla strada provinciale percorrendo una strada privata di accesso , comprendente particelle di terreno di varia ampiezza su cui sono stai realizzati strade accesso, cortili e piazzali; su tali ultimi, insistono locali ad un piano fuori terra, tettoie e box auto, che costituiscono di fatto, in parte , pertinenze del fabbricato principale dotato di vano ascensore esterno. L’appartamento confina ad est con appartamento a livello , in testa ad altra dita e vano scala; a sud con affaccio su spazio indiviso destinato a viabilità comune di cui si ha accesso al fabbricato principale. L’appartamento è costituito funzionalmente da cucina-pranzo-soggiorno, ripostiglio, due bagni e due camere da letto, due balconi rispettivamente sul lato nord con accesso K/PS e l’altro con accesso da camera da letto. L’appartamento è in buono stato di conservazione , pavimenti, servizi igienici, infissi interni ed esterni ed intonacato sono di buona qualità; con impianti sia elettrico che idrico funzionanti e munito inoltre di impianto di riscaldamento autonomo. Il lotto comprende appartamento censito catastalmente nel N.C.E.U. - segue

Il sito internet www.aste.eugenius.it della Guido Talarico Editori Spa è stato iscritto nell'elenco ministeriale dei siti gestiti dai soggetti in possesso dei requisiti professionali di cui all'Art. 3 e 4 del D.M. 31/10/2006 con provvedimento del 28.06.2010. In base a tale provvedimento il sito www.aste.eugenius.it è autorizzato a effettuare la pubblicità delle vendite giudiziarie per tutti i Tribunali appartenenti ai Distretti di Corte d'Appello italiani


Gennaio 2011

AsteInfoappalti

27

www.astepress.it

www.asteinfoappalti.it

Elenco dei bandi del comune di Lamezia Terme al Foglio 11 Part.lle 352 Sub 4 e una quota di comproprietà pari alla meta di 1/5 dei terreni censiti nel N.C.T di Lamezia Terme al Foglio 11 Part.lle 351, consistenza; 92 centiare; Part.lle 958, consistenza 12 are 5 centiare; Part.lle 960 ,consistenza:1 are 95 centiare; Part.lle 966; consistenza 5 centiare; Part.lle 967, consistenza: 1 are 60 centiare ; Part.lle 969, consistenza: 85 centiare: Part.lle 976, consistenza 5 centiarie; Part.lle 980 , consistenza :25 centiare ; Part.lle 981, consistenza : 1 are 10 centiare oltre che una quota di comproprietà pari alla metà di 2/20 dei terreni censiti nel N.C.T. Lamezia Terme al Foglio 11 - al Foglio 11 - Part.lle 962, consistenza: 3 are 80 centiare; Part.lle 965, consistenza: 70 centiare; Part.lla 968, Consistenza: 1 are 20 centiare; Part.lle 970, consistenza: 17 centiare; Part.lle 974, consistenza :5 are 85 centiare ; Part.lle 975, consistenza: 2 are 88 centiare ; Part.lle 977, consistenza : 2 are 38 centiare; Part.lle 982, consistenza : 1 are 15 centiare. Sulla particella 958, prospiciente il fabbricato contenente i due appartamenti oggetto di pignoramento, insistono corpi di fabbrica ad un piano fuori terra, rispettivamente dalle dimensioni in pianta di 7,00 m x 7,50 m e 10,40 m x 7,00 m . La superficie commerciale dell’appartemento è pari al 124,93 mq. Nella valutazione si è tenuto conto delle spese di sanatoria dell’ampia disponibilità di aree pertinenziali e cortilizie, della presenza dell’ascensore e manufatti a servizio dell’abitazione. Concessione Edilizia in Sanatoria n°29 del 17/01/2006n rilasciata dal Comune di Lamezia Terme. In merito all’esistenza della dichiarazione di agibilità l’esperto da ricerche effettuate presso l’archivio dell’Ufficio Tecnico del Comune di Lamezia Terme non ha rinvenuto alcuna licenza di abitabilità o agibilità; lotto due "appartamento sito al piano primo di un fabbricato a cinque piani fuori terra oltre porzione di un sottotetto non abitabile facente parte di un complesso di beni immobiliari sito nel comune di Lamezia Terme, frazione Fronti , rione Grandinetti, accessibile dalla strada provinciale percorrendo una strada privata di accesso , comprendente particelle di terreno di varia ampiezza su cui sono stai realizzati strade accesso, cortili e piazzali; su tali ultimi, insistono locali ad un piano fuori terra, tettoie e box auto, che costituiscono di fatto, in parte , pertinenze del fabbricato principale dotato di vano ascensore esterno. L’appartamento confina ad ovest con appartamento a livello , in testa ad altra dita e vano scala; a sud con affaccio su spazio indiviso destinato a viabilità comune di cui si ha accesso al fabbricato ; a nord ed a est con affaccio su corte esclusiva al fabbricato . L’appartamento è costituito funzionalmente da cucina-pranzo-soggiorno, ripostiglio, due bagni, un disimpegno, due camere da letto e due balconi rispettivamente sul lato nord con accesso K/PS e l’altro con accesso da camera da letto. L’appartamento non è completato nelle finiture, mancano pavimenti , rivestimenti , sanitari ed apparecchi utilizzatori ,la tinteggiatura. È dotato di infissi interni ed esterni, con impianti sia elettrico che idrico. Il lotto comprende appartamento censito catastalmente nel N.C.E.U. del co-

www.aste.eugenius.it

mune di Lamezia Terme (CZ) al Foglio 11 Part.lle 352 Sub 4 e una quota di comproprietà pari alla meta di 1/5 dei terreni censiti nel N.C.T di Lamezia Terme al Foglio 11 Part.lle 351, consistenza; 92 centiare; Part.lle 958, consistenza 12 are 5 centiare; Part.lle 960 ,consistenza:1 are 95 centiare; Part.lle 966; consistenza 5 centiare; Part.lle 967, consistenza: 1 are 60 centiare ; Part.lle 969, consistenza: 85 centiare: Part.lle 976, consistenza 5 centiarie; Part.lle 980 , consistenza :25 centiare ; Part.lle 981, consistenza : 1 are 10 centiare oltre che una quota di comproprietà pari alla metà di 2/20 dei terreni censiti nel N.C.T. Lamezia Terme al Foglio 11 - al Foglio 11 - Part.lle 962, consistenza: 3 are 80 centiare; Part.lle 965, consistenza: 70 centiare; Part.lla 968, Consistenza: 1 are 20 centiare; Part.lle 970, consistenza: 17 centiare; Part.lle 974, consistenza :5 are 85 centiare ; Part.lle 975, consistenza: 2 are 88 centiare ; Part.lle 977, consistenza : 2 are 38 centiare; Part.lle 982, consistenza : 1 are 15 centiare. Sulla particella 958, prospiciente il fabbricato contenente i due appartamenti oggetto di pignoramento, insistono corpi di fabbrica ad un piano fuori terra, rispettivamente dalle dimensioni in pianta di 7,00 m x 7,50 m e 10,40 m x 7,00 m . La superficie commerciale dell’appartemento è pari al 124,93 mq. Nella valutazione si è tenuto conto delle spese di sanatoria dell’ampia disponibilità di aree pertinenziali e cortilizie, della presenza dell’ascensore e manufatti a servizio dell’abitazione. Concessione Edilizia in Sanatoria n°29 del 17/01/2006n rilasciata dal Comune di Lamezia Terme. In merito all’esistenza della dichiarazione di agibilità l’esperto da ricerche effettuate presso l’archivio dell’Ufficio Tecnico del Comune di Lamezia Terme non ha rinvenuto alcuna licenza di abitabilità o agibilità; rilevato che occorre fissare i termini per la presentazione delle offerte di acquisto senza incanto, la successiva udienza per l’esame delle stesse e, per il caso in cui non abbia per qualsiasi motivo luogo la vendita senza incanto, fin d’ora la data per gli incanti; evidenziato , quanto all’eventuale, successiva vendita agli incanti, che : Essa deve aver luogo al prezzo sopra indicato di euro 136.000,00 per il lotto n.1 e di euro 107.200,00 per il lotto n.2 ; Le offerte in aumento , a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori a euro 6.500,00 per il lotto n.1 e ad euro 5.000,00 per il lotto n. 2; Ognugno, ai sensi dell’art.579, comma 1, c.p.c. ( il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autentica, non essendo sufficiente l’ordinario mandato alle liti ; nell’ipotesi di cui al citato art 579. Comma 3 , il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autentica dovrà essere depositao contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all’art. 583, comma 1 c.p.c.) FISSA, IN RELAZIONE ALLA VENDITA SENZA INCANTO Per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle offerte di acquisto, ex art. 571 c.p.c. , del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, alla quale si fa

espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza , termine fino alle 13.00 del giorno 8 febbraio 2011 ,con le modalità e per il prezzo base di cui sopra; Per l’esame delle offerte di acquisto, ai sensi dell’art.572 c.p.c., ovvero per la gara sulle medesime, se presentate in misura superiore ad una , ai sensi dell’art.573 c.p.c., l’udienza del giorno 9 febbraio 2011, ore 12,00 e segg; FISSA, NEL CASO IN CUI LA VENDITA SENZA INCANTO NON ABBIA LUOGO Per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza,termine fino alle ore 13.00 del giorno 22 febbraio 2011 , con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; Per il giorno 23 febbraio 2011, ore 12,00 e segg., la vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi. AVVERTE Fin d’ora le parti che, ove l’udienza fissata per la celebrazione dell’incanto, questo non abbia luogo per qualunque motivo , si riserva di applicare immediatamente - e cioè a quella stessa udienza - l’articolo 591 cod. proc . civ ., senza alcun rinvio intermedio o ulteriore, in quello stesso contesto sentendo le parti e provvedendo sulla disposizione dell’amministrazione giudiziaria o sulla fissazione di una nuova vendita; ONERA Il creditore procedente di notificare entro il 20 gennaio 2011 la presente ordinanza ai creditori di cui all’art.498 che non sono comparsi; DA’ ATTO Di non disporre, allo stato, la sostituzione del custode per le motivazioni innanzi espresse; ORDINA Al debitore di presentare il conto di gestione, ex artt. 560 e 593 c.p.c., a far data dal pignoramento, entro e non oltre il 20 gennaio 2011, con espresso avviso che, in caso di inottemperanza, l’omissione sarà valutata ai fini dell’eventuale nomina di un custode esterno; FISSA Ai sensi dell’art. 499, comma 5, c.p.c. , l’udienza di comparizione del debitore e del creditore privo di titolo esecutivo, al fine del riconoscimento del credito azionato, per il 9 febbraio 2011, disponendo la notifica del ricorso per intervento, dell’estratto autentico notarile e della presente ordinanza a cura dell’Edif S.p.A. Lamezia Terme, li 11 novembre 2010 Il Giudice dell’esecuzione Dott. Alessandro Brancaccio TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART. 569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione nella procedura esecutiva immobiliare n°. 129/95 R.G.E., promossa da Credito Emiliano S.p.a, all’udienza del 28.10.2010, ha disposto la vendita senza incanto di n.11 lotti, nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano per l’udienza del 16 marzo 2011 ed ha fissato, per il caso in cui la stessa non ab-

bia luogo, la vendita con incanto dei medesimi lotti sempre nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano per l’udienza del 30 marzo 2011: lotto uno "appezzamento di terreno di mq 2910 sito in San Pietro a Maida, destinato ad uliveto, riportato nel NCT di tale comune al foglio n. 5, p.lla 188"; lotto due " appezzamento di terreno di mq. 1030 sito in San Pietro a Maida, destinato ad uliveto, riportato nel NCT di tale comune al foglio n. 2, p.lle 28 e 290"; lotto tre " appezzamento di terreno di mq. 1400 sito il San Pietro a Maida , destinato ad uliveto, riportato nel NCT di tale comune al foglio n. 8, p.lle 623 e 629"; lotto quattro " appezzamento di terreno di mq. 630 sito in San Pietro a Maida, destinato ad uliveto, riportato nel NCT di tale comune al foglio n. 8 p.lle 353 e 356; lotto sei " locale posto al piano terra di 59 mq. Sito in San Pietro a Maida, rione Carpitone, riportato nel NCEU di tale comune al foglio n. 13, p.lla 1215, sub 1, cat. C/6; lotto sette " appartamento posto al primo piano di mq. 114, sito in San Pietro a Maida, rione Carpitone, riportato nel NCEU di tale comune al foglio n. 13, p.lla 1215, sub. 2, cat. A/3; lotto otto " quota pari ad ½ della piena proprietà di un locale seminterrato di mq. 36, sito in San Pietro a Maida, rione Carpitone, riportato nel NCEU di tale comune al foglio 13, p.lla 1215, sub 5; lotto nove "quota pari ad ½ della piena proprietà di un immobile a tre piani fuori terra sito in San Pietro a Maida, piazza Michele Bianchi, riportato nel NCEU di tale comune al foglio n. 13, p.lla 310, sub. 4, cat. A/4; lotto dieci " appartamento sito in Lamezia Terme, via dei Mille n. 67, piano quinto, esteso per mq. 126,40, riportato nel NCEU di tale comune al foglio n. 15, p.lla 332, sub. 13; lotto undici A " appartamento sito in Lamezia Terme, località Ginepri, piano terra, esteso per mq. 81,00, riportato nel NCEU di tale comune al foglio n. 23, p.lla 159, sub. 3 int. 1; lotto undici B " appartamento sito in Lamezia Terme, località Ginepri, piano primo, esteso per mq. 81,00, riportato nel NCEU di tale comune al foglio n. 23, p.lla 159, sub. 6, int. 4; SI RENDE ANCORA NOTO CHE IL G.E. HA STABILITO CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: Quanto alla vendita senza incanto, da effettuarsi al prezzo base di euro 11.239,88 per il lotto n. 1, di euro 3.978,38 per il lotto n. 2, di euro 16.608,75 per il lotto n. 3, di euro 2.433,83 per il lotto n. 4, di euro 17.700,00 per il lotto n. 6, di euro 63.525,00 per il lotto n. 7, di euro 4.758,75 per il lotto n. 8, di euro 23.276,25 per il lotto n. 9, di euro 94.687,50 per il lotto n. 10, di euro 53.537,46 per il lotto n. 11A, di euro 52.877,46 per il lotto n. 11B; - segue

Il sito internet www.aste.eugenius.it della Guido Talarico Editori Spa è stato iscritto nell'elenco ministeriale dei siti gestiti dai soggetti in possesso dei requisiti professionali di cui all'Art. 3 e 4 del D.M. 31/10/2006 con provvedimento del 28.06.2010. In base a tale provvedimento il sito www.aste.eugenius.it è autorizzato a effettuare la pubblicità delle vendite giudiziarie per tutti i Tribunali appartenenti ai Distretti di Corte d'Appello italiani


Gennaio 2011

AsteInfoappalti

28

www.astepress.it

www.asteinfoappalti.it

Elenco dei bandi TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME UFFICIO ESECUZIONI MOBILIARI N.2 N. 158/2009 R.E. L’anno 2010 il giorno 18 del mese di NOVEMBRE nel suddetto ufficio, davanti al Giudice dell’Esecuzione Dr. V. VERALDI, assistito dal Cancelliere sottoscritto nella procedura esecutiva, promossa da Interbanca S.p.A. ora GE Capital S.p.A. rappresentato e difeso dall’avv. Monica Agostinelli contro XXXXXXXXXXX Sono comparsi l’Avv. Giovanni Arena per il creditore Nessuno è comparso per il debitore. L’avv. suddetto chiede che il G.E. voglia fissare la vendita di quanto pignorato con verbale di pignoramento in atti dell’Ufficiale Giudiziario, al debitore predetto. Letti ed applicati gli artt.534 bis - 538 e 588 C.P.C. Il G.E. esaminato l’esito infruttuoso delle aste precedenti dispone procedersi alla vendita dei beni pignorati al debitore di cui sopra ed all’uopo Fissa il giorno 15-03-2011 ore 9 e seg. al prezzo ridotto di 1/5 rispetto a quello d’asta precedente e nel luogo dell’IVG delegato, ovvero presso il debitore ovvero il custode-terzo in caso di impossibilità all’asporto. In caso di asta deserta dispone che si proceda a nuovo incanto, previa riduzione del prezzo di ulteriore 1/5 rispetto a quello d’asta precedente ed al miglior offerente, sempre nel luogo di cui sopra, il giorno 30-03-2011. Le vendite saranno precedute dalle forme ordinarie di pubblicità e rimangono affidate a ISTITUTO VENDITE GIUDIZIARIE Lamezia Terme che resta sin d’ora autorizzato a restituire al debitore il bene invenduto in assenza d’istanze di assegnazione ex art.588 C.P.C. In difetto gli oneri di custodia s’intenderanno a carico della parte procedente. Rinvia per l’ulteriore corso all’udienza del 12 MAGGIO 2011 che resta fissata anche ai sensi dell’art.499 c.p.c.. Del che è verbale. Si comunichi entro il 15.01.2011 alla parte escussa ed all’IVG ed al custode-terzo ove diverso dalla parte escussa a cura del procedente cui compete l’onere di 1) versare le spettanze all’IVG entro il 15.02.2011 2) curare la relativa pubblicità ai sensi dell’art.490 2° c. c.p.c. mediante inserimento dell’avviso sui seguenti siti internet www.aste.eugenius.it e www.asteannunci.it se trattasi di beni mobili registrati per un valore superiore a EURO 25.000,00. Avverte il procedente che laddove non dovesse essere dato impulso alla procedura, sarà valutata la possibilità di estinguere il processo esecutivo ai sensi dell’art.630 C.P.C.. Il Cancelliere Il G.E. Martedì 15 MARZO 2011, ore 9.00 e segg., presso l’Istituto Vendite Giudiziarie di Lamezia Terme, in Lamezia Terme (CZ), Via dei Mille, 27 Procedura Esecutiva Mobiliare R.G.N. 158/2009 - Tribunale di Lamezia Terme Lotto unico composto da: 1) Pressa meccanica a collo di cigno CI 200-750-600, potenza Kw 12, forza nominale KN 2000, 30 corse al minuto, apertura basamento n°1, piano mm 600 x 450, h mm 2800, motore a velocità fissa, impianto di lubrifica-

www.aste.eugenius.it

zione, freno-frizione comando pneumatico, sovraccarico idraulico, indicatore angolare, conta pezzi con azzeramento, marca Mario Bianchi S.r.l., matricola HS3215, anno di fabbricazione 2006; 2) Gruppo elettrogeno KWA 250 effettivi completo di gruppo di continuità e completamente insonorizzato, colore rosso, marca GEI S.r.l., anno di fabbricazione 2006, matricola 3946, corredato di motore marca Volvo di colore verde; 3) Impianto climatizzazione con tecnologia inverter per uso industriale marca HITACHI AIR CONDITIONER S.r.l., completo di quattro unità esterne multisplit di 70.000 btu cadauno, n° 16 split interni da 12.000 btu e n° 8 split interni da 9.000 btu, matricole U4NV3719/20/21/22, anno di fabbricazione 2006; 4) Impianto antincendio marca Lowara S.r.l., composto da gruppo gemellato pompe, quadro elettrico automatizzato con test automatico di prova impianto, potenza gruppo 15 HP, n°2 serbatoi riserva acqua per capacità complessiva 1. 18.000 ca, n°10 cassette antincendio complete di manichette da mt 25 ad incasso, mt 100 di tubo F/M da 1,5 pollici, n°50 ampolle springhler complete di campana di distribuzione costante, modello matricola T44327 - anno di fabbricazione 2006 PREZZO BASE D’ASTA: Euro 204.800,00 = (Euro duecentoquattromilaeottocento//00) IN CASO DI ASTA DESERTA E’ PREVISTO NUOVO INCANTO, PREVIA RIDUZIONE DI 1/5 DEL PREZZO BASE ED AL MIGLIOR OFFERENTE, SEMPRE NEL LUOGO DI CUI SOPRA, IL GIORNO 30 MARZO 2011 Per la visione dei beni o per maggiori informazioni rivolgersi al delegato alla vendita, Istituto Vendite Giudiziarie di Lamezia Terme (CZ), Via dei Mille, 27, Tel. 0968-22999 TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO DI VENDITA Procedura n. 64/2000 Registro Esecuzioni Immobiliari Il professionista delegato AVV. FRANCESCA VESCI, con proprio studio legale sito in Piazzetta Nicastro n. 18 di Lamezia Terme, nella procedura esecutiva promossa da BANCO DI NAPOLI SPA (ora Sanpaolo Banco di Napoli spa) ; visto il provvedimento di delega alla vendita emesso dal Giudice dell’Esecuzione del Tribunale di Lamezia Terme in data 31.5.2007 ai sensi dell’art. 591 bis c.p.c.; ritenuto necessario fissare l’incanto dei beni pignorati, ai sensi dell’art. 591 cpc; visti gli art 569 e 576 c.p.c. AVVISA che il 15 MARZO 2011 alle ore 18.00 si terrà la vendita al pubblico incanto del seguente immobile: LOTTO UNICO: Piena proprietà relativamente ad un appartamento adibito a civile abitazione posto al terzo piano interno 6 e ad un garage posto a piano terra, facenti parte di un corpo di fabbrica a cinque piani f. t., sito nel Comune di Lamezia Terme Nicastro, in via degli Itali n. 6; l’appartamento di mq 94 circa, è composto da ingresso, cucina-soggiorno, ripostiglio, n° 2 stanze da letto, salotto e bagno; presenta anche n° 3 balconi che com-

plessivamente misurano 12 mq circa; confina con vano scala, vano ascensore, spazio d’isolamento e appartamento sub. 10 Interno 5; il garage di mq 22 circa confina con spazio d’isolamento, sub. 7 e sub.13. Esternamente alla struttura si svolge un’area di pertinenza recintata con muretto in calcestruzzo e sovrastante ringhiera in ferro. L’immobile è riportato al NCEU al foglio 37, particella 1330, subalterno 11. Occupato da terzi. Nel prezzo indicato non sono incluse le spese di sanatoria o condono. PREZZO BASE: E. 88.561,35 (euro ottantottomilacinquecentosessantuno/35) RILANCIO MINIMO: E. 4.429,00(euro quattromilaquattrocentoventinove/00); TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Alla Cancelleria e ai creditori procedenti IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Ordinanza n. 28/2008 rilevato che, al fine di rendere ancora più analitiche e dettagliate le modalità di partecipazione alle vendite giudiziarie e di garantirne l’uniformità, occorre apportare delle integrazioni al contenuto di tutti gli avvisi di gara già predisposti, anche se relativi ad ordinanze emesse prima dell’1 marzo 2006, limitandosi, in quest’ultima ipotesi, a recepire le disposizioni concernenti gli incanti, purché compatibili con il pregresso sistema normativo; rilevato che è assolutamente necessario evitare, nella redazione degli avvisi di vendita, incongruenze o inesattezze derivanti da errori meramente materiali o da difetti di coordinamento; DISPONE che, in tutti gli avvisi di gara, siano riportate le condizioni di seguito indicate. Quanto alla vendita senza incanto, da effettuarsi al prezzo base di euro 70.000,00 per lotto unico "unità immobiliare allo stato rustico sita in Lamezia Terme, via delle Imprese, n. 19, avente una superficie di circa 115,00 mq., oltre a 28 mq. di balconi.. L’immobile, riportato nel NCEU di detto comune al foglio 38, p.lla 1681, sub. 5, presenta difformità edilizie ed urbanistiche, suscettibili di sanatoria ecc. IN RELAZIONE ALLA VENDITA SENZA INCANTO è fissato, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle offerte di acquisto, ex art. 571 c.p.c., del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del 15 marzo 2011, con le modalità e per il prezzo base di cui sopra; è fissata, per l’esame delle offerte di acquisto, ai sensi dell’art. 572 c.p.c., ovvero per la gara sulle medesime, se presentate in misura superiore ad una, ai sensi dell’art. 573 c.p.c., l’udienza del 16 marzo 2011, ore 12.00 e segg.; NEL CASO IN CUI LA VENDITA SENZA INCANTO NON ABBIA LUOGO, è fissato, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo,

quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del 29 marzo 2011, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; è fissata, per il giorno 30 marzo 2011, ore 12.00 e segg., la vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME N.60/2004 Reg. Es. Imm. AVVISO DI VENDITA IL PROFESSIONISTA DELEGATO DOTTOR GIANLUCA PERRELLA Presso ASSOCIAZIONE NOTARILE PROCEDURE ESECUTIVE DI LAMEZIA TERME Piazza della Repubblica - Lamezia Terme nella Procedura Esecutiva N. 60/2004 R.E. Visto il provvedimento di delega alla vendita emesso dal Giudice dell’Esecuzione del Tribunale di Lamezia Terme in data 20/03/2007, ai sensi dell’art. 591 bis c.p.c. a seguito di istanza di vendita formulata dal Creditore Procedente "Interbanca S.p.A."; Considerato che appare opportuno rifissare la vendita del bene staggito con la riduzione del prezzo base di un quarto giusta autorizzazione del G.E. in data 20 dicembre 2010; Visto l’art. 569 c.p.c.; AVVISA che in data 24 febbraio 2011 alle ore 11,00, nel Palazzo di Giustizia di Lamezia Terme, Piazza della Repubblica, piano primo seminterrato, presso i locali dell’Associazione Notarile, si terrà la vendita senza incanto della piena proprietà del seguente immobile: LOTTO UNICO: In territorio di Lamezia Terme, sezione Nicastro alla via del Progresso (località "Marsomiglio"): intero immobile a due piani fuori terra con seminterrato e ampio piazzale, destinato ad attività artigianale il piano seminterrato, attività commerciale il piano terra ed uffici il piano primo, per una superficie coperta complessiva di circa 2000 mq, con 30 mq di balcone al piano terra e 490 mq circa di terrazzo al piano primo. E’ pertinenziale alla struttura un’area di mq 5.450 circa recintata con muretto in calcestruzzo e sovrastante ringhiera in ferro. L’immobile è riportato al catasto fabbricati del predetto comune sezione di Nicastro (Catanzaro) al foglio 44, particelle 547/subalterno 1, contrada Marsomiglio, Piano S1, z.c. 2, categoria C/2, classe 1, consistenza mq.715; 547/subalterno 2, contrada Marsomiglio, Piano T., z.c. 2, categoria C/2, classe 1, consistenza mq.691; 547/subalterno 3,contrada Marsomiglio (vano scala); 547/subalterno 4, contrada Marsomiglio (corte). L’area di pertinenza è riportata nel corrispondente Catasto Terreni del predetto comune al foglio 44, particella 549, uliveto 3, are 10.50, rend.dom.E 3,52, rend.agr.E 3,25 In base il Piano Regolatore Generale del Comune di Lamezia Terme il terreno rappresentato dalla particella 549 ha la seguente destinazione e prescrizione: in parte "AMBITO VIA DEL PROGRESSO -"E1" e in parte "VERDE DI RISPETTO" (certificato destinazione - segue

Il sito internet www.aste.eugenius.it della Guido Talarico Editori Spa è stato iscritto nell'elenco ministeriale dei siti gestiti dai soggetti in possesso dei requisiti professionali di cui all'Art. 3 e 4 del D.M. 31/10/2006 con provvedimento del 28.06.2010. In base a tale provvedimento il sito www.aste.eugenius.it è autorizzato a effettuare la pubblicità delle vendite giudiziarie per tutti i Tribunali appartenenti ai Distretti di Corte d'Appello italiani


Gennaio 2011

AsteInfoappalti

29

www.astepress.it

www.asteinfoappalti.it

Elenco dei bandi urbanistica in atti). Prezzo Base: E 1.866.121,88 AVVISA ALTRESÌ Che nelle ipotesi in cui: -non siano proposte offerte di acquisto entro il termine stabilito; -le offerte non siano efficaci ai sensi dell’art. 571 c.p.c.; -si verifichi una delle circostanze previste dall’art. 572, comma 3, c.p.c.; -la vendita senza incanto non abbia luogo per qualsiasi altra ragione; avrà luogo la vendita con incanto dei medesimi beni nelle seguenti date e luoghi: 17 marzo 2011 alle ore 10,00, Palazzo di Giustizia di Lamezia Terme, piazza della Repubblica, presso i locali dell’Associazione. LOTTO UNICO Prezzo Base: E 1.866.121,88 (euro unmilioneottocento sessantaseimilacen-toventuno virgola ottantotto) Cauzione: E 186.612,19 (euro centoottantaseimilaseicentododici virgola diciannove) Aumento minimo: E 93.306,09 (euro novantatremilatrecentosei virgola zeronove) In tale udienza, a differenza della prima, per aggiudicarsi i beni sarà necessario effettuare almeno un rilascio del prezzo.

• TRIBUNALE DI •

LATINA

TRIBUNALE DI LATINA Esecuzione Immobiliare n. 277/2006 R. Gen. Es. Il dottor Giuseppe Celeste, notaio in Latina, con studio in Corso della Repubblica n. 197, AVVISA che il giorno 15 febbraio 2011, alle ore 10:30, presso il suo studio è fissata la VENDITA SENZA INCANTO del seguente bene immobile: LOTTO UNICO: Fabbricati con annessa area di pertinenza della superficie di mq. 2.070, tra coperto e scoperto, siti in Comune di Priverno (LT), Via Torretta Rocchigiana n. 217, costituiti da: - abitazione posta al piano terra del fabbricato principale composta da soggiorno-pranzo, cucina, una camera da letto, un bagno ed un disimpegno per una superficie utile di circa mq. 64,26; - abitazione composta da ambienti ad uso residenziale al piano primo del fabbricato principale, per una superficie utile di mq. 110,42, oltre due balconi, e due locali ad uso deposito-cantina al piano terra per una superficie utile di circa mq. 37,70; - manufatto adibito a deposito-tettoie (ex stalla-fienile-porcile) ad unico piano terra, in pessimo stato di conservazione, posto nella parte retrostante l’edificio principale, di circa mq. 50,40 (deposito) e mq. 36,11 (tettoie); - manufatti adibiti a tettoie e piccolo deposito ad unici piani terra della superficie complessiva di mq. 468,81; locale caldaia posto a ridosso della pa-

www.aste.eugenius.it

rete perimetrale dell’edificio ad uso residenziale. Prezzo base: Euro 232.000,00 - Rilancio minimo: Euro 4.600,00 OFFERTE: le offerte dovranno pervenire, in busta chiusa, presso lo studio del notaio delegato, entro le ore 13.00 del giorno precedente l’asta e saranno esaminate il giorno dell’asta. CUSTODE: Notaio Giuseppe Celeste Latina - Corso della Repubblica n. 197 - Tel. 0773/480328. AVVISA ALTRESI’ CHE L’EVENTUALE SUCCESSIVO INCANTO dell’immobile di cui sopra si terrà nello stesso luogo il giorno 22 febbraio 2011 ore 10:30 Prezzo base: Euro 232.000,00 - Rilancio minimo: Euro 4.600,00 Per informazioni: Notaio Giuseppe Celeste - Latina, C.so della Repubblica, 197 Tel. 0773/480328, dal lunedì al giovedì, dalle ore 9:00 alle ore 12:00 e dalle ore 16:00 alle ore 18:00 TRIBUNALE DI LATINA FALLIMENTO N 28/96 AVVISO DI VENDITA FALLIMENTARE Si rende noto che il giorno 24 Febbraio 2011 alle ore 9,30 si terrà la vendita con incanto del seguente lotto: fabbricato principale per le lavorazioni meccaniche Foglio 4 part 27 sub 1 superficie lorda mq 1505,00 con adiacente edificio ad uso uffici e servizi superficie lorda mq 150,00 e con una tettoia di mq 67,00 sul lato opposto; -- piccolo manufatto adibito a cabina elettrica di trasformazione con la cabina ENEL della superficie lorda di mq 45,00 -- ampio piazzale adibito a parcheggio di mq 3.988,00 A carico del capannone principale (sub 1) vi è l’obbligo di servitù di passaggio dal cancello carrabile fino al limite del sub 2 Prezzo minimo E 427.000,00 oltre oneri fiscali. Aumento minimo E 15.000,00 Coloro che intendono partecipare all’asta dovranno depositare in cancelleria domanda in bollo entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita ivi formalmente eleggendo un domicilio nel Comune di Latina ed indicando il proprio numero di codice fiscale; La domanda dovrà essere accompagnata dal versamento, mediante assegni circolari non trasferibili emessi a favore di " Curatore Fallimento Industrie Marpell Srl Dott Francesco Rizzuto" di una somma pari al 30% del prezzo base di cui il 10% a titolo di cauzione ed il 20 % a garanzia del rimborso delle spese di vendita, del trasferimento di proprietà, della cancellazione delle ipoteche e di ogni altra spesa dipendente dalla vendita che rimarrà a carico dell’acquirente. Per informazioni rivolgersi al Curatore Dott. Francesco Rizzuto 0773-611220 IL GIUDICE DELEGATO: DOTT ROBERTO AMATORE TRIBUNALE DI LATINA Il Notaio Carla Quattrociocchi avvisa che per l’ Esecuzione Immobiliare n. 160/03 R.Es. procederà alla vendita senza incanto il giorno 2 marzo 2011 ore 16,30 e seguenti in Latina, Via Vincenzo Rossetti n. 24, presso il Victoria Residence Palace. Avvisa altresì che in caso di vendita deserta procederà alla vendita con incanto il giorno 9 marzo 2011 alle ore 16,30 in Latina, Via del Lido n. 104, presso il suo studio. LOTTO UNICO: Immobile sito nel Comune di Sabaudia (LT), Via Formicosa e più precisa-

mente: - diritti indivisi pari a 10/12 (dieci dodicesimi) su fabbricato residenziale c di mq. 130 circa, insistente su appezzamento di terreno agricolo della superficie complessiva, tra coperto e scoperto, di ettari uno circa. Prezzo base d’asta euro 120.840,00. Offerte in aumento per la vendita con incanto euro 2.400,00 Informazioni, consultazione e visione perizia: Notaio Carla Quattrociocchi, Via del Lido n. 104 - Latina - Tel. 0773/608091. TRIBUNALE DI LATINA Avviso vendita immobiliare Il notaio Claudio Maciariello, avvisa che per l’esecuzione immobiliare n. 243-00, presso il suo studio in latina, Corso Matteotti n 5, il 01.02.2011 ore 16:45, sarà effettuata la vendita con incanto in unico lotto del terreno di complessivi ha. 14.00.76 con sovrastanti fabbricati abbandonati, siti in Sermoneta, via Cese e precisamente: fabbricati di cui uno per uso abitativo ed altri per uso magazzini e stalla, foglio 55, part.lla 25 ( fabbricato rurale di are 00.62), part.lla 61 ( terreno di ha. 13.75.14), part.lla 62 ( fabbricato rurale are 21.93), part.lla 63, ( terreno di are 03.07). Prezzo Base d’asta E 488.000,00 Offerte minime in aumento E 12.000,00. L’aggiudicatario dovrà presentare il certificato di destinazione urbanistica aggiornato. Gli immobili risultano locati con contratto del 2.2.99 trascritto il 12.2.99, reg.part. 1832. Informazioni presso il Notaio. Notaio Claudio Maciariello

• TRIBUNALE DI •

LOCRI

TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO (ai sensi del combinato disposto dagli artt. 490 e 570 del cpc) che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della procedura Esecutiva n. 46/2005 promossa da BANCA POPOLARE DI CROTONE, DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell’allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 28. (PER LA DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI VEDERE PARTE DESCRITTIVA DELLA SOTTO RIPORTATA ORDINANZA DI VENDITA) PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA SENZA INCANTO (Per le condizioni complete, tranne quanto sotto riportato, vedere l’ordinanza di vendita riportata di seguito al presente avviso) La vendita senza incanto, in cui procederà all’esame delle singole offerte ai sensi degli artt. 573 e 573 cpc, avverrà all’udienza del 03.03.2011, alle seguenti condizioni: entro le ore 12,00 del giorno antece-

dente la vendita, l’offerente deve presentare nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari domanda in bollo (vedi ordinanza di vendita per la compilazione) per partecipare alla vendita senza incanto;; l’offerta deve essere inserita in busta chiusa, al cui esterno non sarà consentito annotare nessun altro elemento e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l’offerta è prestata; l’offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte del prezzo offerto, da versare con assegni circolari "NON TRASFERIBILI" intestati all’offerente, che, a cura dell’offerente, dovranno essere inseriti nella medesima busta; le offerte in aumento, nel caso di cui all’art. 573 cpc, non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; l’offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall’aggiudicazione, depositare: - il residuo prezzo, detratto l’importo per cauzione già versato; - l’importo complessivo per le spese collegate alla vendita necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento; il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II cpc (richiamato dall’art. 574, III co, cpc); PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCANTO (Per le condizioni complete, tranne quanto sotto riportato, vedere l’ordinanza di vendita riportata di seguito al presente avviso) Ove si debba procedere ai sensi degli artt. 571, 572 e 573 cpc, il pubblico incanto avverrà all’udienza del 05.05.2011, con il prezzo riportato nell’ordinanza di vendita, alle seguenti condizioni: ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d’asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente; le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è restituita nella misura stabilita dall’art. 680 cpc; l’aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l’importo delle spese secondo quanto previsto per la vendita senza incanto, ferma restando la decadenza di cui all’art. 587 cpc in caso di mancato deposito. IL SITO INTERNET SUL QUALE E’ PUBBLICATA LA RELAZIONE DI STIMA è: www.aste.eugenius.it Custode Giudiziario: Avv. Daniela PAPALLO (Tel. 0964.20550). Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale e/o presso il custode giudiziario. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA’. Locri, 10 dicembre 2010 - ORDINANZA DI VENDITA TRIBUNALE DI LOCRI - Sezione Civile - Esecuzioni R.E. Imm.: 46/2005 IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE, - segue

Il sito internet www.aste.eugenius.it della Guido Talarico Editori Spa è stato iscritto nell'elenco ministeriale dei siti gestiti dai soggetti in possesso dei requisiti professionali di cui all'Art. 3 e 4 del D.M. 31/10/2006 con provvedimento del 28.06.2010. In base a tale provvedimento il sito www.aste.eugenius.it è autorizzato a effettuare la pubblicità delle vendite giudiziarie per tutti i Tribunali appartenenti ai Distretti di Corte d'Appello italiani


Gennaio 2011

AsteInfoappalti

30

www.astepress.it

www.asteinfoappalti.it

Elenco dei bandi ..... OMISSIS .... , DISPONE PROCEDERSI ALLA VENDITA DEI SEGUENTI IMMOBILI: DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI: LOTTO UNICO: "Quota di 1/2 sulla piena proprietà di un terreno sito nel Comune di Agnana Calabra, riportato nel NCT al foglio 28, part. 187-30 e 31" PREZZO BASE: Euro 36.900,00 CAUZIONE: 10% DEL PREZZO TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che Il Giudice dell’Esecuzione, DR. SERGIO MALGERI, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 16/91 promossa da BANCO DI NAPOLI. ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: LOTTO N. 2 Diritti vantati in ragione di 1/5, sul fabbricato a tre piani fuori terra sito nel Comune di Siderno, alla Via Portosalvo n. 55, riportato nel NCEU alla partita 3306, foglio di mappa 33, particella 477 pt-p1, cat. A/5, classe 2^ vani 3,5 r.£.157.500, in ditta ... Prezzo Base del lotto E 2.611,41# Deposito per cauzione E 261,14# Deposito per spese E 391,71# L’incanto avverrà, con il prezzo sopra indicato, all’udienza del 25/02/2011 ore 9.00, davanti a sé nella presente sede, ed in secondo esperimento in data ------ alle stesse condizioni e con le stesse modalità. Stabilisce per la vendita le seguenti condizioni: > Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria , unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% del prezzo base per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà, mediante consegna in Cancelleria di N. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all’offerente. > Le offerte in aumento non potranno essere inferiori a: E 129,11 per il 2°. > L’aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di giorni dall’incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all’udienza del 25/02/2011. Estratto conforme per uso pubblicità. Locri, 30.12.2010 Il Cancelliere TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO Che Il Giudice dell’Esecuzione, DR. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 103/1989 promossa da CARICAL ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: (Ordinanza di vendita del 02.03.2007) LOTTO UNICO: "TERRENO SITO IN BOVALINO, C.DA SAN NICOLA, INDIVIDUATO NEL NCT DEL MEDESIMO COMUNE AL FOGLIO 23 PART. 694, ARE 11,40, CON SOVRASTANTE FABBRICATO, ADIBITO A CIVILE ABITAZIONE, A DOPPIA ELEVAZIONE, CON ANNES-

www.aste.eugenius.it

SO CORTILE E GIARDINO, NEL NCEU AL FOGLIO 23 PART. 11" PREZZO BASE D’ASTA: Euro 82.500,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 8.250,00 DEPOSITO PER SPESE: Euro 12.375,00 L’incanto avverrà, con il prezzo da ridurre di 1/5+1/5+1/5, all’udienza del 03/03/2011 ore 9.00, davanti a sé nella presente sede, ed in secondo esperimento in data ----- alle stesse condizioni e con le stesse modalità. TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO (ai sensi del combinato disposto dagli artt. 490 e 570 cpc) che il Giudice dell’esecuzione, Dr. SERGIO MALGERI, letti gli atti della procedura Esecutiva n. 124/89 promossa da CARICAL, DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell’allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 28. (PER LA DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI VEDERE PARTE DESCRITTIVA DELLA SOTTO RIPORTATA ORDINANZA DI VENDITA) PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA SENZA INCANTO (Per le condizioni complete, tranne quanto sotto riportato, vedere l’ordinanza di vendita - punti da 1 a 28 - riportata di seguito al presente avviso) La vendita senza incanto, in cui procederà all’esame delle singole offerte ai sensi degli artt. 572 e 573 cpc, avverrà all’udienza del 25.02.2011 alle seguenti condizioni: entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l’offerente deve presentare nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari domanda in bollo (vedi ordinanza di vendita per la compilazione) per partecipare alla vendita senza incanto;; l’offerta deve essere inserita in busta chiusa, al cui esterno non sarà consentito annotare nessun altro elemento e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l’offerta è prestata; l’offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte del prezzo offerto, da versare con assegni circolari "NON TRASFERIBILI" intestati all’offerente, che, a cura dell’offerente, dovranno essere inseriti nella medesima busta; le offerte in aumento, nel caso di cui all’art. 573 cpc, non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; l’offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall’aggiudicazione, depositare: - il residuo prezzo, detratto l’importo per cauzione già versato; - l’importo complessivo per le spese collegate alla vendita necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento; il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II cpc (richiamato dall’art. 574, III co, cpc); PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCANTO (Per le condizioni complete, tranne quanto sotto riportato, vedere l’ordinanza di vendita - punti da 1 a 28 - allegata al presente avviso) Ove si debba procedere ai sensi degli artt. 571, 572 e 573 cpc, il pubblico in-

canto avverrà all’udienza del 25.03.2011, con il prezzo riportato nell’ordinanza di vendita, alle seguenti condizioni: ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depoditare, sino alle ore 12,00 del giorno antecedente l’incanto, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d’asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente; le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è restituita nella misura stabilita dall’art. 580 cpc; l’aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l’importo delle spese secondo quanto previsto per la vendita senza incanto, ferma restando la decadenza di cui all’art. 587 cpc in caso di mancato deposito. IL SITO INTERNET SUL QUALE E’ PUBBLICATA LA RELAZIONE DI STIMA è: www.aste.eugenius.it - Custode Giudiziario: Avv. RITA ROBERTA TRIVERI (Tel. 338.2090656). Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale e/o presso il custode giudiziario. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA’. Locri, 22 dicembre 2010 - ORDINANZA DI VENDITA TRIBUNALE DI LOCRI - Sezione Civile - Esecuzioni R.E. Imm.: 124/1989 IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE, ..... OMISSIS .... , DISPONE PROCEDERSI ALLA VENDITA DEI SEGUENTI IMMOBILI: DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI: LOTTO 1: "Piena proprietà della porzione dell’appartamento adibito a civile abitazione, sito nel Comune di Banestare (RC) via Roma n. 24, riportato nel catasto al foglio 6 particelle 487 sub 2 e 490 sub 2" - PREZZO BASE: Euro 9.662,15 CAUZIONE: 10% DEL PREZZO LOTTO 2: "Diritto do proprietà pari ad 1/5 sul fondo rustico di tipo seminativo arboreo, sito nel Comune di Bnestare (RC), località Mastro Iennaro, riportato nel catasto al foglio3 particella 242" - PREZZO BASE: Euro 207,90 CAUZIONE: 10% DEL PREZZO TRIBUNALE DI LOCRI - CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. SERGIO MALGERI, letti gli atti della procedura Esecutiva n. 105/93 promossa da CARICAL (Richiesta da BANCA CREDITO COOP. CITTANOVA) ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: 1° LOTTO: Terreno sito nel Comune di Bovalino località Melena riportato nel NCT al foglio di mappa 13, particella 6, uliveto di are 00.04.50 classe 1^ e particella 25 uliveto di are 00.39.40 classe 2^ PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 43.900,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 4.390,00 DEPOSITO PER SPESE: Euro 6.585,00

2° LOTTO: VENDUTO 3° LOTTO: Unità immobiliare costituita da un vano inglobato all’interno di un edificio a due piani fuori terra di proprietà di terzi sito nel Comune di Bovalino riportato nel NCEU alla partita 2112 foglio di mappa 8 particella 494 sub 2 PT cat. A/4 Classe 1^ vani 1 PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 7.040,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 704,00 DEPOSITO PER SPESE: Euro 1.056,00 4° LOTTO: Diritti vantati in ragione di 1/3, sull’unità immobiliare per civile abitazione posta al secondo piano di un fabbricato a quattro piani fuori terra con annesso ampio garage sito nel Comune di Bovalino contrada Pozzo riportato nel NCEU al foglio di mappa 13 particella 424 sub 6 P2 cat. A/4 classe 4^ vani 6 PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 19.390,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 1.939,00 DEPOSITO PER SPESE: Euro 2.907,00 5° LOTTO: Diritti vantati in ragione di 1/3, sull’unità immobiliare per civile abitazione posta al terzo piano di un fabbricato a quattro piani fuori terra con annesso ampio garage sito nel Comune di Bovalino contrada Pozzo riportato nel NCEU al foglio di mappa 13 particella 424 sub 7 P3 cat. A/4 classe 4^ vani 4 PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 13.700,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 1.370,00 DEPOSITO PER SPESE: Euro 2.055,00 6° LOTTO: Diritti vantati in ragione di 1/3, sull’unità immobiliare per civile abitazione posta al primo piano di un fabbricato a quattro piani fuori terra con annesso ampio garage sito nel Comune di Bovalino contrada Pozzo riportato nel NCEU al foglio di mappa 13 particella 424 sub 5 P1 cat. A/4 classe 4^ vani 5,5 PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 21.120,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 2.112,00 DEPOSITO PER SPESE: Euro 3.165,00 7° LOTTO: VENDUTO 8° LOTTO: Diritti vantati in ragione di 1/3, sull’unità immobiliare adibita a garage posta al piano terra di un fabbricato a quattro piani fuori terra con annesso ampio garage sito nel Comune di Bovalino contrada Pozzo riportato nel NCEU al foglio di mappa 13 particella 424 sub 8 PT cat. C/2 classe 1^ mq. 80 PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 3.520,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 352,00 DEPOSITO PER SPESE: Euro 528,00 9° LOTTO: Diritti vantati in ragione di 1/20, sull’unità immobiliare costituita da un edificio a due piani fuori terra (il primo piano è completato e rifinito, mentre il secondo piano è in corso di costruzione), sito nel Comune di Bovalino, contrada Pozzo, riportato nel NCEU al foglio di mappa 8 particella 493 sub 3, cat. A/3, classe 1^, vani 5, sub 4 in corso di costruzione e sub 5 lastrico solare di mq. 118 PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 3.830,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 383,00 DEPOSITO PER SPESE: Euro 575,00 - segue a pag 32

Il sito internet www.aste.eugenius.it della Guido Talarico Editori Spa è stato iscritto nell'elenco ministeriale dei siti gestiti dai soggetti in possesso dei requisiti professionali di cui all'Art. 3 e 4 del D.M. 31/10/2006 con provvedimento del 28.06.2010. In base a tale provvedimento il sito www.aste.eugenius.it è autorizzato a effettuare la pubblicità delle vendite giudiziarie per tutti i Tribunali appartenenti ai Distretti di Corte d'Appello italiani


Gennaio 2011

AsteInfoappalti

32

www.astepress.it

www.asteinfoappalti.it

Elenco dei bandi L’incanto avverrà, con il prezzo DA RIDURRE DI 1/5+1/5+1/5, all’udienza del 25.02.2011, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO (ai sensi del combinato disposto dagli artt. 490 e 570 cpc) che il Giudice dell’esecuzione, Dr. MALGERI, letti gli atti della procedura Esecutiva n. 24/2008 promossa da RESNOVA SPA DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell’allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 28. DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI: LOTTO 1: "Appartamento al piano 3, int. 9 di fabbricato, sito in Marina di Gioiosa Jonica, via XX Settembre, censito al catasto fabbricati di Marina di Gioiosa Jonica, al foglio 20, particella 690 sub 12 e lastrico solare, costituente pertinenza del medesimo appartamento, censito al catasto fabbricati di Marina di Gioiosa Jonica al foglio 20, particella 690 sub 13" PREZZO BASE: Euro 176.110,00 CAUZIONE: 10% DEL PREZZO PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA SENZA INCANTO (Per quanto non indicato - tranne quanto sotto riportato vedere l’ordinanza di vendita del 11.06.2009 (punti da 1 a 28) riportata di seguito al presente avviso) La vendita senza incanto, in cui procederà all’esame delle singole offerte ai sensi degli artt. 573 e 573 cpc, avverrà all’udienza del 25.03.2011 con il prezzo DA RIDURRE DI 1/4, alle seguenti condizioni:: entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l’offerente deve presentare nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari domanda in bollo (vedi ordinanza di vendita per la compilazione) per partecipare alla vendita senza incanto;; l’offerta deve essere inserita in busta chiusa, al cui esterno non sarà consentito annotare nessun altro elemento e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l’offerta è prestata; l’offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte del prezzo offerto, da versare con assegni circolari "NON TRASFERIBILI" intestati all’offerente, che, a cura dell’offerente, dovranno essere inseriti nella medesima busta; le offerte in aumento, nel caso di cui all’art. 573 cpc, non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; l’offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall’aggiudicazione, depositare: - il residuo prezzo, detratto l’importo per cauzione già versato; - l’importo complessivo per le spese collegate alla vendita necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento; il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II cpc (richiamato dall’art. 574, III co, cpc); PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCANTO (Per quanto non indicato - tranne quanto sotto riportato vedere l’ordinanza di vendita del 11.06.2009 (punti da 1 a 28) riportata di

www.aste.eugenius.it

seguito al presente avviso) Ove si debba procedere ai sensi degli artt. 571, 572 e 573 cpc, il pubblico incanto avverrà all’udienza del 22.04.2011, con il prezzo DA RIDURRE DI 1/4, alle seguenti condizioni: ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depoditare, sino alle ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d’asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente; le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è restituita nella misura stabilita dall’art. 680 cpc; l’aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l’importo delle spese secondo quanto previsto per la vendita senza incanto, ferma restando la decadenza di cui all’art. 587 cpc in caso di mancato deposito. TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO Che Il Giudice dell’Esecuzione, DR. LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 62/1989 promossa da ITALFONDIARO SPA ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: Ordinanza del 15.02.2005 e successive. LOTTO UNICO: Quota indivisa di 1/2 sul fabbricato adibito civile abitazione che si eleva su quattro piani fuori terra, sito nel Comune di Siderno, contrada Latticugna, riportato nel N.C.E.U. del Comune medesimo al foglio di mappa 30, particella 2363, sub 4, 5, 6, 7, 8. Il piano terra ha una superficie totale di mq 226; il primo ed il secondo piano di mq 181; il terzo (una mansarda) di mq 122. Alla data di deposito della relazione di stima, il fabbricato - sfornito di regolare concessione edilizia - risulta abitabile solo per il piano terra, essendo gli altri piani ancora allo stato rustico. Il bene è pervenuto alla debitrice, nella sua originaria consistenza, per atto Notaio Ieraci del 8.4.1987 Prezzo base d’asta: Euro 79.425,00 Deposito per cauzione: Euro 7.942,50 Deposito per spese: Euro 11.913,75 L’incanto avverrà, con il prezzo RIBASSARE DI 1/5+1/5, all’udienza del 03.03.2011 ore 9.00, davanti a sé nella presente sede, ed in secondo esperimento in data ------ alle stesse condizioni e con le stesse modalità. TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO (ai sensi del combinato disposto dagli artt. 490 e 570) che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della procedura Esecutiva n. 70/2009 promossa da PIRELLI RE CREDIT SERVICING CALLIOPE SRL, DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell’allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 28. (PER LA DESCRIZIONE DEGLI IMMO-

BILI VEDERE PARTE DESCRITTIVA DELLA SOTTO RIPORTATA ORDINANZA DI VENDITA) PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA SENZA INCANTO (Per le condizioni complete, tranne quanto sotto riportato, vedere l’ordinanza di vendita del 03.01.08 - punti da 1 a 28 - riportata di seguito al presente avviso) La vendita senza incanto, in cui procederà all’esame delle singole offerte ai sensi degli artt. 573 e 573 cpc, avverrà all’udienza del 03.03.2011, alle seguenti condizioni: entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l’offerente deve presentare nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari domanda in bollo (vedi ordinanza di vendita per la compilazione) per partecipare alla vendita senza incanto;; l’offerta deve essere inserita in busta chiusa, al cui esterno non sarà consentito annotare nessun altro elemento e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l’offerta è prestata; l’offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte del prezzo offerto, da versare con assegni circolari "NON TRASFERIBILI" intestati all’offerente, che, a cura dell’offerente, dovranno essere inseriti nella medesima busta; le offerte in aumento, nel caso di cui all’art. 573 cpc, non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; l’offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall’aggiudicazione, depositare: - il residuo prezzo, detratto l’importo per cauzione già versato; - l’importo complessivo per le spese collegate alla vendita necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento; il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II cpc (richiamato dall’art. 574, III co, cpc); l’offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall’aggiudicazione, depositare: - il residuo prezzo, detratto l’importo per cauzione già versato; - l’importo complessivo per le spese collegate alla vendita necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento; il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II cpc (richiamato dall’art. 574, III co, cpc); PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCANTO (Per le condizioni complete, tranne quanto sotto riportato, vedere l’ordinanza di vendita del 03.01.08 - punti da 1 a 28 - riportata di seguito al presente avviso) Ove si debba procedere ai sensi degli artt. 571, 572 e 573 cpc, il pubblico incanto avverrà all’udienza del 05.05.2011, con il prezzo riportato nell’ordinanza di vendita, alle seguenti condizioni: ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depoditare, SINO ALLE ORE 12,00 DEL GIORNO ANTECEDENTE L’UDIENZA DI VENDITA, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d’asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria di assegni circolari NON TRAS-

FERIBILI intestati all’offerente; le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è restituita nella misura stabilita dall’art. 680 cpc; l’aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l’importo delle spese secondo quanto previsto per la vendita senza incanto, ferma restando la decadenza di cui all’art. 587 cpc in caso di mancato deposito. IL SITO INTERNET SUL QUALE E’ PUBBLICATA LA RELAZIONE DI STIMA è: www.aste.eugenius.it Custode Giudiziario: Avv. Tullio CATALANI (Tel. 0964.629566). Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale e/o presso il custode giudiziario. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA’. Locri, 11 novembre 2010 - ORDINANZA DI VENDITA TRIBUNALE DI LOCRI - Sezione Civile - Esecuzioni R.E. Imm.: 70/2009 IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE, ..... OMISSIS .... , DISPONE PROCEDERSI ALLA VENDITA DEI SEGUENTI IMMOBILI: DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI: LOTTO UNICO: "Piena proprietà di un immobile per civile abitazione, facente parte di una costruzione a quattro piani f.t. sito nel Comune di Agnana Calabra, c.da Petto, riportato nel NCEU al foglio 7, part. 481 sub 3 (box auto, p.t., mq. 62 circa), 4 (magazzino deposito, p.t., mq. 51 circa), 5 (appartamento con annesso locale deposito)" PREZZO BASE: Euro 284.000,00 CAUZIONE: 10% DEL PREZZO TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della procedura Esecutiva n. 68/1986 promossa da CARICAL SPA DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell’allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 28. DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI: LOTTO n. 1: "Piena proprietà di un attico posto al piano 4° di un fabbricato in Bovalino, via F.S. Alessio, censito nel NCEU al foglio 9, p.lla 279 sub 13, vani 7,5, mq. 215 circa;" PREZZO BASE: Euro 182.000,00 CAUZIONE: 10% DEL PREZZO LOTTO n. 2: "Piena proprietà di un lastrico solare posto al piano 5° di un fabbricato in Bovalino, via F.S. Alessio, censito nel NCEU al foglio 9, p.lla 279 sub 15, vani 7,5, mq. 209 circa;" PREZZO BASE: Euro 43.900,00 CAUZIONE: 10% DEL PREZZO PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA SENZA INCANTO (Per le condizioni complete, tranne quanto sotto riportato, vedere l’ordinanza di vendita del 27.07.2008 (punti da 1 a 28) riportata di seguito al presente avviso) La vendita senza incanto, in cui procederà all’esame delle singole offerte ai sensi degli artt. 572 e 573 cpc, avverrà all’udienza del 25.02.2011 - segue

Il sito internet www.aste.eugenius.it della Guido Talarico Editori Spa è stato iscritto nell'elenco ministeriale dei siti gestiti dai soggetti in possesso dei requisiti professionali di cui all'Art. 3 e 4 del D.M. 31/10/2006 con provvedimento del 28.06.2010. In base a tale provvedimento il sito www.aste.eugenius.it è autorizzato a effettuare la pubblicità delle vendite giudiziarie per tutti i Tribunali appartenenti ai Distretti di Corte d'Appello italiani


Gennaio 2011

AsteInfoappalti

33

www.astepress.it

www.asteinfoappalti.it

Elenco dei bandi alle seguenti condizioni: entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l’offerente deve presentare nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari domanda in bollo (vedi ordinanza di vendita per la compilazione) per partecipare alla vendita senza incanto;; l’offerta deve essere inserita in busta chiusa, al cui esterno non sarà consentito annotare nessun altro elemento e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l’offerta è prestata; l’offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte del prezzo offerto, da versare con assegni circolari "NON TRASFERIBILI" intestati all’offerente, che, a cura dell’offerente, dovranno essere inseriti nella medesima busta; le offerte in aumento, nel caso di cui all’art. 573 cpc, non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; l’offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall’aggiudicazione, depositare: - il residuo prezzo, detratto l’importo per cauzione già versato; - l’importo complessivo per le spese collegate alla vendita necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento; il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II cpc (richiamato dall’art. 574, III co, cpc);

www.aste.eugenius.it

PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCANTO (Per le condizioni complete, tranne quanto sotto riportato, vedere l’ordinanza di vendita del 27.07.2008 (punti da 1 a 28) riportata di seguito al presente avviso) Ove si debba procedere ai sensi degli artt. 571, 572 e 573 cpc, il pubblico incanto avverrà all’udienza del 25.03.2011, con il prezzo riportato nell’ordinanza di vendita alle seguenti condizioni: ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino alle ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d’asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente; le offerte in aumento non potranno es-

Cerchi casa? ... prova all’incanto!

sere inferiori al 3% del prezzo base; se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è restituita nella misura stabilita dall’art. 580 cpc; l’aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l’importo delle spese secondo quanto previsto per la vendita senza incanto, ferma restando la decadenza di cui all’art. 587 cpc in caso di mancato deposito

A.P.E.I.M. - Via del Vespro n.75 - Messina Professionista delegato: dott.Francesca la Torre per info A.P.E.I.M. 090/6783616 - 348 65 15 598 Custode: avv. Antonella Mancuso per informazioni e visita dell’edificio Tel. 090 - 712995 G.E. Dr Ugo Scavuzzo - Rif.N. 41/08 R.G. Esec. Imm. Trib. Messina

• TRIBUNALE DI •

• TRIBUNALE DI •

MESSINA

NOVARA

TRIBUNALE DI MESSINA Giardini Naxos Via Tysandros N°22 edificio adibito ad albergo, VII^ elev. f.t. oltre seminterrato, 30 camere con wc oltre lavanderia , cucina, sala ristorazione ed annessi balconi e terrazze; sup. compl. lorda mq.1454,00 circa. Prezzo base: E 1.360.350,00 (già E 1.813.800,00) Rilancio minimo: E 27.000,00 Vendita senza incanto con ribasso del 15.03.2011 Ore 17,00 Luogo asta:

TRIBUNALE DI NOVARA - SEZIONE FALLIMENTARE INVITO A MANIFESTARE INTERESSE FALLIMENTO n. 44/2010 Il curatore fallimentare raccoglie manifestazioni di interesse per procedere alla cessione di: a) partecipazione pari al 13% del capitale sociale di Linea s.p.a. con sede in Novi Ligure (AL), attiva nel settore ferroviario, ad un prezzo non - segue

Il sito internet www.aste.eugenius.it della Guido Talarico Editori Spa è stato iscritto nell'elenco ministeriale dei siti gestiti dai soggetti in possesso dei requisiti professionali di cui all'Art. 3 e 4 del D.M. 31/10/2006 con provvedimento del 28.06.2010. In base a tale provvedimento il sito www.aste.eugenius.it è autorizzato a effettuare la pubblicità delle vendite giudiziarie per tutti i Tribunali appartenenti ai Distretti di Corte d'Appello italiani


Gennaio 2011

AsteInfoappalti

34

www.astepress.it

www.asteinfoappalti.it

Elenco dei bandi inferiore al valore di perizia pari ad E 191.880,00; b) partecipazione pari all’8% del capitale sociale di Areagas s.r.l. con sede in S. Ambrogio di Valpolicella (VR), esercente attività di stoccaggio di GPL, ad un prezzo non inferiore al valore di perizia pari ad E 970.000,00. Gli interessati all’acquisto dovranno far pervenire la manifestazione di interesse, entro il 15 febbraio 2011, presso lo studio del curatore dott. Daniele Frè, via Pietro Custodi n. 34, Novara (tel. 0321-456677, fax 0321-452917, daniele.fre@studiodulio.it). A pena di inammissibilità ogni offerta dovrà essere garantita in misura pari al 10% del prezzo offerto, mediante assegno circolare intestato alla procedura. La procedura fallimentare si riserva di valutare liberamente le offerte pervenute con possibilità di avviare una gara fra gli offerenti. Il presente annuncio non costituisce un’offerta al pubblico ex art. 1336 c.c., né una sollecitazione del pubblico risparmio ex art. 94 e seguenti del D. Lgs. n. 58/1998. IL CURATORE FALLIMENTARE dott. Daniele Frè

• TRIBUNALE DI •

PALMI

TRIBUNALE DI PALMI Avviso d’Asta Procedimento di esecuzione immobiliare n.ro 80/85 promosso da SIB SPA. Il sottoscritto notaio Maria Tripodi, con studio in Polistena alla via Cavour n.ro 5, delegato dal Giudice dell’Esecuzione Immobiliare con provvedimento del 26 novembre 2007; Avvisa in data 21 marzo 2011 alle ore dieci e minuti trenta, (10.30), presso i locali dell’intestato Tribunale (aula delle pubbliche udienze denominata Aula Corte di Assise) si procederà alla vendita senza incanto; in data 28 marzo 2011 alle ore dieci e minuti trenta, (10.30), presso i locali dell’intestato Tribunale (aula delle pubbliche udienze denominata Aula Corte di Assise) si procederà alla vendita al pubblico incanto, per il caso di esito negativo della vendita senza incanto; degli immobili di seguito descritti: LOTTO 1 Descrizione: in Taurianova, alla via Francesco Sofia Alessio, opificio realizzato in struttura edilizia di mq. 420 (quattrocentoventi) e terreno su cui è edificato, della superficie di circa mq. 2.450 (duemilaquattrocentocinquanta). Il terreno ricade in zona urbanizzata. La destinazione urbanistica risulta "B5" o "strada" o "F2". Il fabbricato è stato costruito in parte anteriormente al 1967, in parte successivamente a tale data per cui risulta Concessione Edilizia rilasciata il 24 marzo 1977 n.ro 1909. Diritti dell’esecutato: intero; Prezzo base vendita senza incanto: Euro 54.905,85;

www.aste.eugenius.it

in aumento: il 2% del prezzo base in caso di gara; Prezzo base vendita con incanto: Euro 54.905,85; in aumento: il 2% del prezzo base. LOTTO 2 Descrizione: in Taurianova, alla via Francesco Sofia Alessio, fabbricato per civile abitazione composto da piano terra e 1° piano, per una superficie convenzionale di circa mq. 230 (duecentotrenta), nonchè di circa mq. 430 (quattrocentotrenta) di pertinenze esterne, del fabbricato insistente sulla particella di mq. 610 (seicentodieci). L’immobile fa parte di un fabbricato costruito giusta Concessioni Edilizie rilasciate in data 6 giugno 1977 n.ro 4107 ed in data 13 dicembre 1979 n.ro 86. Diritti dell’esecutato: intero; Prezzo base vendita senza incanto: Euro 62.749,35; in aumento: il 2% del prezzo base in caso di gara; Prezzo base vendita con incanto: Euro 62.749,35; in aumento: il 2% del prezzo base. LOTTO 3 Descrizione: in Taurianova, alla via Francesco Sofia Alessio, fabbricato per civile abitazione composto da appartamento mansardato, privo di finiture interne, al secondo piano del fabbricato ivi. L’immobile fa parte di un fabbricato costruito giusta Concessioni Edilizie rilasciate in data 6 giugno 1977 n.ro 4107 ed in data 13 dicembre 1979 n.ro 86. Diritti dell’esecutato: intero; Prezzo base vendita senza incanto: Euro 16.537,50; in aumento: il 2% del prezzo base in caso di gara; Prezzo base vendita con incanto: Euro 16.537,50; in aumento: il 2% del prezzo base. LOTTO 4 Descrizione: in Taurianova, alla via Francesco Sofia Alessio, terreno edificatorio, della superficie di mq. 2856 (duemilaottocentocinquantasei), con annesso fabbricato in corso di costruzione, ad un piano fuori terra della superficie di mq. 186,67 (centottantasei virgola sessantasette). Il terreno ricade in zona urbanizzata. La destinazione urbanistica risulta "B5" o "strada" o "F2". Il fabbricato è stato costruito giusta concessione edilizia prot. n.ro 4252, del 20 luglio 2000. Diritti dell’esecutato: intero; Prezzo base vendita senza incanto: Euro 52.312,50; in aumento: il 2% del prezzo base in caso di gara; Prezzo base vendita con incanto: Euro 52.312,50; in aumento: il 2% del prezzo base. LOTTO 5 Descrizione: in Cittanova, alla località "Zomaro", terreno edificatorio, di mq. 390 (trecentonovanta). Il terreno ricade in zona residenziale, turistica-montana. Diritti dell’esecutato: quota di 1/2 (un mezzo); Prezzo base vendita senza incanto: Euro 3.567,38; in aumento: il 2% del prezzo base in caso di gara; Prezzo base vendita con incanto: Euro 3.567,38; in aumento: il 2% del prezzo base.

• TRIBUNALE DI •

ROMA

TRIBUNALE DI ROMA ESEC. IMM. N. 90718/96 R.G.E. G.E. Dott. Francesco Cottone - Vendita senza incanto: 29/03/2011 ore 11.00 c/o Tribunale civile di Roma, IV Sez. EE.II. Apertura buste ore 09.30. Lotto Unico: Comune di Monte Compatri (RM), Via Tuscolana km 27,700. Complesso Immobiliare denominato Ristorante Albergo "Il Castagneto" composto da 2 corpi di fabbrica comunicanti tra loro composti da: sala ristorante-convegni con annesso locale di sgombero, vano ingresso ristorante-albergo, servizi igienici, ripostigli e magazzino al piano seminterrato; ingresso-guardaroba, 4 saloni ristorante, sala ricevimento-portineria albergo, cucine con annessi servizi, locali di sgombero, sala ristorante con terrazzo, vano scala di accesso al piano primo,al piano rialzato e parte retrostante del piano terra; albergo con 21 camere da letto doppie con servizi igienici e terrazzo, locali di servizio, vani tecnici, sala tv e terrazzo al piano primo; palazzina di 2 piani composta da garage e locale caldaia al piano terra e 2 appartamenti composti da ingresso, soggiorno pranzo, cucina, disimpegno, bagno e 2 camere al piano primo; manufatto destinato a magazzini e cella frigorifera. Libero. Prezzo base Euro 5.695.312,50. In caso di gara, rilancio minimo Euro 20.000,00. Offerte entro 28/03/2011 ore 12.30. Custode: Avv. Laura Romano tel. 068610471. Maggiori info in cancelleria IV Sez. EE.II., su www.tribunale.roma.it e www.astegiudiziarie.it (cod. A72859). TRIBUNALE DI ROMA ESEC. IMM. N. 947/08 R.G.E. G.E. Dott. Francesco Cottone - Vendita con incanto: 01/03/2011 ore 10.30 c/o Tribunale civile di Roma, IV Sez. EE.II. Lotto 1: Comune di Roma, Via Publio Elio. Appezzamento di terreno in posizione pianeggiante con annesso fabbricato. Prezzo base Euro 2.035.000,00. Rilancio minimo Euro 20.000,00. Domande entro 28/02/2011 ore 12.30. Custode: Avv. Claudio Turci tel. 0639744659. Maggiori info in cancelleria IV Sez. EE.II., su www.tribunale.roma.it e www.astegiudiziarie.it (cod. A136422). TRIBUNALE DI ROMA Sezione fallimentare Letta l’istanza che precede, depositata dal Curatore in data 16.11.2010 ed in data 14.10.2010 ( proc. Fall. 372/2006); Rilevato che nulla osta al suo accoglimento e che occorre procedere ad un ribasso del prezzo atteso l’esito negativo del precedente tentativo di vendita, disposto con ordinanza del 01.02.2010;

Visto l’art. 106 I. fall.: autorizza il curatore istante a vendere a trattativa privata, in unico lotto i beni mobili di cui all’istanza in epìgrafe ( vds, verbale di inventario del 26.07.2006), nello stato di fatto e di diritto, al prezzo dì E 5.110,00, ribassato del 50%, oltre IVA e con ogni spesa a carico dell’ acquirente. previa pubblicazione di avviso su Porta Portese nei mesi di gennaio-febbraio-marzo 2011 e su Asteinfoappalti, per una volta al mese con termine di mesi 3 a partire dal mese di gennaio 2011 ovvero sino all’ assunzione di idonea offerta, da dichiararsi irrevocabile per un periodo minimo di 90 giorni, opportunamente cauzionata nella misura del 20% del prezzo offerto e successiva gara inforrnale opportunamente pubblicizzata davanti a questo Giudice delegato, con obbligo di partecipazione da parte degli offerenti a pena di perdita della cauzione. Si dispone la pubblicazione per il medesimo periodo di mesi 3 sul sito internet di www.aste.eugenius.it. Roma, il 10.12.2010. Il Giudice Delegato Dott. Aldo Ruggiero TRIBUNALE DI ROMA - Fallimento n. 742/05 (Curatore: Dott. RIMICCI A.) ASTA DEL 27.01.2011, ORE 12:00 Si rende noto che il GD. Dott.ssa DE RENZIS ha disposto la vendita all’incanto dei seguenti beni: Lotto 1 99% delle quote sociali della società S. SIMEONE Srl in Liquidazione con sede in Roma C.F. e P. IVA n. 00371050618 - Prezzo base E 10.772.789,00 - Rialzo minimo E 10.000,00 Lotto 2 99% delle quote sociale della società BOSCARELLO Srl in Liquidazione con sede in Roma - CF. e P. IVA n. 00371060617 - Prezzo base E 7.034.968,00 - Rialzo minimo E 10.000,00 Lotto 3 99% delle quote sociale della società MATESE Srl in Liquidazione con sede in Roma CF e P. IVA n. 00371070616 - Prezzo base E 3.273.200,00 - Rialzo minimo E 10.000,00 Deposito dell’offerta in busta chiusa presso la cancelleria entro le ore 13:00 del giorno antecedente l’asta. Domanda in bollo corredata da assegni circolari NON TRASFERIBILII intestati a favore del fallimento, di una somma pari al 15% del prezzo base, di cui il 5% a titolo di cauzione ed il 10% a titolo di spese presuntive di vendita. Ulteriori informazioni in Cancelleria. TRIBUNALE DI ROMA Sezione Fallimentare *** Liquidazione Concordataria dei Beni di "Casamercato s.r.l." Concordato Preventivo n. 24/2008 AVVISO DI VENDITA La Liquidazione Concordataria dei Beni di "Casamercato s.r.l." - Concordato Preventivo n. 24/2008 (la Procedura), comunica che nel quadro delle attivita’ finalizzate al realizzo delle attivita’ cedute, intende procedere alla vendita in lotti separati, dei seguenti complessi immobiliari ceduti ai creditori: LOTTO NUMERO 1: complesso immobiliare ubicato - segue

Il sito internet www.aste.eugenius.it della Guido Talarico Editori Spa è stato iscritto nell'elenco ministeriale dei siti gestiti dai soggetti in possesso dei requisiti professionali di cui all'Art. 3 e 4 del D.M. 31/10/2006 con provvedimento del 28.06.2010. In base a tale provvedimento il sito www.aste.eugenius.it è autorizzato a effettuare la pubblicità delle vendite giudiziarie per tutti i Tribunali appartenenti ai Distretti di Corte d'Appello italiani


Gennaio 2011

AsteInfoappalti

35

www.astepress.it

www.asteinfoappalti.it

Elenco dei bandi in Comune di Alseno (PC) consistente in un centro commerciale della superficie complessiva di circa 41.681 mq; LOTTO NUMERO 2: complesso immobiliare ubicato in Comune di Cava Manara (PV), consistente in un centro commerciale della superficie complessiva di circa 26.543 mq.; LOTTO NUMERO 3: complesso immobiliare ubicato in Comune di Sesto Fiorentino (FI), consistente in un terreno della superficie di circa 8.110 mq. catastali e soprastanti fabbricati consistenti in vari immobili a destinazione commerciale, della superficie complessiva coperta di circa 637,2 mq. e n. due immobili a destinazione abitativa, della superficie complessiva coperta di circa 174,9 mq.; LOTTO NUMERO 4: complesso immobiliare ubicato in Comune di Alseno (PC), consistente in un terreno della superficie di circa 6.542 mq. catastali e soprastanti fabbricati consistenti in una abitazione in villa, della superficie complessiva coperta di circa 313 mq., un’abitazione rurale, della superficie complessiva coperta di circa 244 mq. ed un magazzino, della superficie complessiva coperta di circa 125 mq.; LOTTO NUMERO 5: complesso immobiliare ubicato in Comune di Lavagno (VR), frazione Vago, consistente in un terreno edificabile della superficie complessiva di circa 30.431 mq. Catastali. I Complessi Immobiliari sono comunque meglio descritti nella documentazione inerente la procedura di vendita, consultabile sul sito internet: www.casamercato.it. La procedura di vendita si espletera’ mediante un’asta, che si terra’ avanti il notaio dottor Luca Troili (il notaio incaricato), avente studio in Roma, via Oslavia, 12, tel.: 06.3720548, fax.: 06.37526536, il giorno 24 febbraio 2010, alle ore 12,00. L’integrale disciplina della procedura di vendita e’ contenuta nelle "NORME CHE REGOLANO L’INVITO A PRESENTARE OFFERTE DI ACQUISTO DI COMPLESSI IMMOBILIARI COMPRESI NELL’ATTIVO DELLA PROCEDURA, COSTITUENTI LOTTI SEPARATI - DISCIPLINARE D’ASTA (in breve: "Regolamento di vendita"). Il Regolamento di Vendita puo’ essere consultato sul sito web: www.casamercato.it. Ai fini della presentazione delle offerte segrete di acquisto, i prezzi base d’asta dei Complessi Immobiliari sono stabiliti come segue: LOTTO NUMERO 1: prezzo base d’asta euro 17.589.659,49 (euro diciassettemilioni cinquecentoottantanovemilaseicentocinquantanove/49); LOTTO NUMERO 2: prezzo base d’asta euro 12.421.060,83 (euro dodicimilioni quattrocentoventunomilasessanta/83); LOTTO NUMERO 3: prezzo base d’asta euro 1.980.450,00 (euro unmilione novecentoottantamilaquattrocentocinquanta/00); LOTTO NUMERO 4: prezzo base d’asta euro 637.951,14 (seicentotrentasettemila novecentocinquantuno/14); LOTTO NUMERO 5: prezzo base d’asta euro 6.642.000,00 (euro seimilioniseicento quarantaduemila/00). I Complessi Immobiliari possono essere visionati previa richiesta da inviare in

www.aste.eugenius.it

forma scritta, via fax, al numero 06.37500515. La visita sara’ confermata in forma scritta dalla Procedura e potra’ avere luogo alla presenza di un delegato dei Commissari Liquidatori. Il presente avviso, in ogni caso, non costituisce proposta irrevocabile né offerta al pubblico, né sollecitazione al pubblico risparmio, né impegna in alcun modo i Commissari Liquidatori a contrarre con gli offerenti. Roma, data della pubblicazione I Commissari Liquidatori Avv. Giuseppina Ivone Dott. Roberto Falcone TRIBUNALE DI ROMA Sezione Fallimentare FALLIMENTO N. 246/2007 INTERPORTO ROMA EST S.R.L. ****** VERBALE D’ASTA DESERTA L’anno 2010 il giorno 21 del mese di dicembre alle ore 12:00, innanzi al Giudice Delegato dott. Giuseppe Di Salvo, è presente il Curatore dott. Enrico Maria Capozzi il quale dichiara essere fissato, come da ordinanza del 15-26.10.2010, per la data di oggi primo esperimento di vendita senza incanto, nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, alle condizioni di cui all’ordinanza sopra citata di cui viene data lettura, di una quota del valore nominale di E. 45.390,00 pari al 100% del capitale sociale della società "Polverifici Giovanni Stacchini S.r.l. in liq.ne" - sede in Roma Via Latina 20 Cod. Fisc. 00902330588 Il Curatore esibisce copia della pubblicità effettuata sui quotidiani: Il Messaggero di Roma in data 31.10.2010, 07.11.2010 e 05.12.2010 Il SOLE 24 ORE in data 03/11/2010 e 05.12.2010 Certificato di conferma pubblicazione sul sito internet www.Astegiudiziarie.it del 05.11.2010, codice asta A148214. Copia dell’estratto di Ordinanza di vendita affissa a cura dell’ufficio campione fallimentare all’albo del Tribunale Civile di Roma il 10/4/2010 Il Curatore precisa che non sono pervenute offerte di acquisto presso la Cancelleria Fallimentare. Il Giudice Delegato dichiara l’asta deserta e fissa un nuovo esperimento d’asta senza incanto per l’udienza del 9/3/2011 alle ore 12:00 con termine per il deposito della cauzione entro le ore 13:00 del giorno feriale precedente alle condizioni previste dall’ordinanza di vendita precedente ad eccezione del prezzo che viene ribassato al prezzo base di E 5.500,000,00(cinquemilionicinquecentomila/00 e della pubblicità che viene ordinata come segue. La presente ordinanza sarà pubblicata, a cura del curatore fallimentare, per estratto 45 giorni prima della data fissata per l’asta su Il Messaggero di Roma, Il SOLE 24 ORE sul sito internet www.Astegiudiziarie.it. sul periodico Portaportese La pubblicità dovrà comparire una volta nel mese di gennaio 2011 e una volta nel mese di febbraio 2011 Roma 21 dicembre 2010 Il Giudice Delegato Dott. Giuseppe Di Salvo TRIBUNALE DI ROMA ESEC. IMM. N. 346/07 R.G.E. G.E. Dott. Francesco Cottone - Vendita con incanto: 22/03/2011 ore 12.00 c/o Tribunale civile di Roma, IV Sez. EE.II.

Lotto Unico: Comune di Roma, Loc. Lunghezzina, Piano di zona C/21 bis Lunghezzina 2, comparto M/parte, angolo Via Arsita Via Tortoreto, CAP 00132. Terreno in concessione superficiaria ai sensi dell’art. 35 L. 865/1971 in tema di edilizia residenziale pubblica e sovrastante fabbricato sviluppantesi su 4 piani fuori terra (T-1º-2º-3º) in corso di costruzione per complessivi 32 appartamenti divisi in 8 abitazioni per piano, oltre autorimessa collettiva al piano seminterrato e cantine al piano sottotetto (4º). Superficie complessiva terreno mq. 2.034. Libero. Prezzo base Euro 3.750.000,00. Rilancio minimo Euro 20.000,00. Domande di partecipazione entro 21/03/2011 ore 12.30. Custode: Avv. Barbara Stanchi tel. 063722800. Maggiori info in cancelleria IV Sez. EE.II., su www.tribunale.roma.it e www.astegiudiziarie.it (cod. A122583). TRIBUNALE DI ROMA Sezione Fallimentare Il Giudice Delegato al Fallimento di Kirby’s s. r. l. (proc. n. 348/2007), ha pronunciato la seguente ORDINANZA DI VENDITA IMMOBILIARE SENZA INCANTO Letta la nota del Curatore del 08.10.2010, al fine di procedere alla vendita del ramo di azienda di proprietà della Fallita, affittato a Boma s. r. 1., concernente l’attività di ristorante, pizzeria e pub, con sede in Roma, via Casilina, n. 1800, per come descritta dalla dott. Franca Cieli nella integrazione della consulenza; ritenuto che appare opportuno provvedere alla vendita del bene predetto esperendo la procedura di vendita senza incanto e rinnovando la stessa a seguito del precedente esperimento andato deserto; visto il programma di liquidazione; visti gli artt. 104 ter, 107 L.F., 570 e ss. c.p.c. ORDINA La vendita senza incanto del ramo di azienda di proprietà della Fallita, affittato a Boma s. r. 1., concernente l’attività di ristorante, pizzeria e pub, con sede in Roma, via Casilina, n. 1800, per come descritta dalla dott. Franca Cieli nella consulenza depositata il 27.10.2009; Il bene sarà posto in vendita al prezzo base, ridotto di circa il 20%, di E 166.000,00, nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, in base alla perizia di stima ed integrazione della dott. Franca Cieli, depositata nel fascicolo fallimentare, cui si intende fatto integrale riferimento e che si intende richiamata nella presente ordinanza, per la indicazione di tutte le eventuali pertinenze, accessioni, ragioni ed azioni; che la vendita è a corpo e non a misura; che eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; che la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore, per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evi-

denziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni. Il ramo di azienda viene venduta libero da vincoli. Se esistenti al momento della vendita saranno cancellate a spese e cura della procedura. L’azienda risulta condotta in locazione da Boma s. r. l.; 1. le offerte di acquisto, dichiarate espressamente irrevocabili per un periodo minimo di 120 giorni dal deposito, a pena di perdita della cauzione, dovranno essere effettuate mediante dichiarazione sottoscritta da presentarsi nella Cancelleria Fallimentare, in busta chiusa. Sulla busta deve essere indicato il nome di chi deposita materialmente l’offerta (che può anche essere persona diversa dall’offerente), il nome del giudice e la data della vendita. Le offerte dovranno pervenire entro il termine massimo del 01.03.2011, a partire dalla data della presente ordinanza, con l’assunzione espressa dell’obbligo di partecipare alla eventuale gara, in caso di pluralità di offerte, a pena di perdita della cauzione; l’offerta dovrà contenere l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima. L’offerta, peraltro, non dà diritto all’acquisto del bene, restando piena facoltà del giudice di valutare se dar luogo o meno alla vendita, e ciò anche in caso di unico offerente. La persona indicata nella offerta come futura intestataria del bene è tenuta a presentarsi all’udienza sopra indicata; in mancanza, il bene potrà essere aggiudicato anche ad altro offerente per minore importo. Se invece la offerta dell’assente fosse l’unica, l’aggiudicazione avverrà a favore dell’unico offerente, anche se assente alla udienza; Fissa l’udienza per la deliberazione dell’ offerta e per la eventuale gara tra gli offerenti ai sensi dell’art. 573 c. p. c. per il giorno 02.03.2011, ore 13,00; 2. l’ammissione alla vendita è subordinata al deposito presso la Cancelleria Fallimentare di un assegno circolare intestato al Curatore per la seguente somma: 10% del prezzo offerto a titolo di cauzione; si rende noto che il Curatore, anche sulla base della relazione del prezzo di stima del bene, dichiara la vendita soggetta ad IVA/imposta di registro, a seconda della natura del bene; tutte le spese sono a carico dell’aggiudicatario, nessuna esclusa, ed il decreto di trasferimento è condizionato all’integrale pagamento del prezzo; in particolare, l’importo degli oneri tributari sarà indicato all’aggiudicatario dopo la aggiudicazione ed essi dovranno essere versati nello stesso termine del prezzo e delle spese. In caso di inadempimento, la aggiudicazione sarà revocata e l’aggiudicatario perderà tutte le somme versate. 1) ciascun offerente, in possesso dei requisiti di legge per partecipare alla vendita, dovrà eseguire il deposito per cauzione, producendo in cancelleria l’assegno, unitamente alla domanda di partecipazione, che dovrà riportare le complete generalità dell’offerente ( cognome, nome, luogo e data di nascita, domicilio, recapito telefonico), l’indicazione del codice fiscale e, in caso di persona fisica coniugata, il regime patrimoniale prescelto con la indicazione delle generalità del coniuge; - segue

Il sito internet www.aste.eugenius.it della Guido Talarico Editori Spa è stato iscritto nell'elenco ministeriale dei siti gestiti dai soggetti in possesso dei requisiti professionali di cui all'Art. 3 e 4 del D.M. 31/10/2006 con provvedimento del 28.06.2010. In base a tale provvedimento il sito www.aste.eugenius.it è autorizzato a effettuare la pubblicità delle vendite giudiziarie per tutti i Tribunali appartenenti ai Distretti di Corte d'Appello italiani


Gennaio 2011

AsteInfoappalti

36

www.astepress.it

www.asteinfoappalti.it

Elenco dei bandi Se l’offerente è minorenne, l’offerta dovrà essere sottoscritta dai genitori previa autorizzazione del giudice tutelare; in caso di offerta presentata per conto di una società dovrà essere prodotto certificato del registro delle imprese dal quale risulti la costituzione della società, regolarmente iscritta ed i poteri conferiti all’ offerente; la domanda dovrà inoltre contenere: l’indicazione del bene per il quale l’offerta è proposta; l’indicazione del prezzo offerto ( che non potrà esser inferiore al prezzo minimo indicato in ordinanza di vendita, a pena di esclusione); il termine di pagamento del prezzo e degli oneri tributari, non superiore a 60 giorni; Gli offerenti dovranno, altresì, dichiarare la propria residenza od eleggere domicilio in Roma; 2) in caso di pluralità di offerte, il Giudice procederà ad una gara fra gli offerenti, nello stesso giorno, riservandosi di dettare ulteriori modalità di gara; 3) il termine per il versamento del residuo dovrà avvenire conformemente alla offerta; 4) le spese relative alla vendita ed al passaggio di proprietà saranno poste interamente a carico dell’ aggiudicatario; 5) agli offerenti, che non siano divenuti aggiudicatari, verrà restituito il deposito per cauzione subito dopo la effettuazione della gara. MANDA al Curatore per la notifica della presente ordinanza a ciascuno dei creditori ipotecari iscritti ed ai creditori ex art. 108 u. c. legge fallimentare; DISPONE Che la presente ordinanza deve essere resa pubblica, a cura della cancelleria, mediante affissione per tre giorni consecutivi nell’ Albo di questo Tribunale; che oltre alla prescritta affissione all’albo del Tribunale prescritta dall’art. 490, I° comma, c.p.c., a cura del curatore, un estratto della presente ordinanza dovrà essere redatto e pubblicato nel mese di dicembre 2010 e nel mese di gennaio 2011 sul quotidiano La Repubblica e sul giornale Asteinfoappalti. L’ordinanza unitamente alla perizia di stima dovrà essere pubblicata sul sito internet www.aste.eugenius.it. Tra il compimento delle suddette forme di pubblicità e la scadenza dovrà decorrere un termine non inferiore a 45 gg liberi. Il testo della inserzione sui giornali e su internet dovrà essere redatto secondo le indicazioni disponibili presso la Cancelleria e dovrà contenere, in particolare, la ubicazione e tipologia del bene, la superficie in mq, prezzo base, giorno e ora dell’asta, con indicazione del giudice, del numero della esecuzione; dovrà altresì contenere la indicazione del nome del curatore, il recapito e la .indicazione, quanto all’avviso su quotidiani e periodici, del sito internet sui cui rinvenire la perizia. Saranno invece omessi l’importo del rilancio minimo, i dati catastali e i confini del bene. Manda alla Cancelleria per gli adempimenti di rito. Roma, il 23.11.2010. Il Giudice delegato Dott. Aldo Ruggiero TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE FALLIMENTARE FALLIMENTO N.133/08 G. D. DOTT. FABRIZIO DI MARZIO Vendita all’incanto, il giorno 20.1.2011, ore 12.00, della partecipazione in "Telecontatto" S.r.l. pari al 12,25% del

www.aste.eugenius.it

capitale sociale, del valore nominale di E. 4.165,00. Prezzo base E 24.000,00 Domanda di partecipazione da presentare in cancelleria entro le ore 13 del giorno 19.1.2011, accompagnata da assegno circolare non trasferibile intestato alla procedura di una somma pari al 30% del prezzo base, di cui il 20% a titolo di cauzione e il 10% per spese, salvo eventuali integrazioni. Offerte in aumento non inferiori ad E 1.000,00. La partecipazione all’asta comporta la piena conoscenza ed accettazione dello stato di fatto e di diritto della partecipazione, sia in merito al conferimento di azienda in Telecontacto Group S.r.l. sia in merito alle condizioni economico-finanziarie in cui versa Telecontatto S.r.l. Ordinanza e perizia in Cancelleria e sul sito www.astegiudiziarie.it. Info al Curatore tel 06.3700077

• TRIBUNALE DI •

SIRACUSA

TRIBUNALE DI SIRACUSA AVVISO PUBBLICO DI OFFERTA A TRATTATIVA PRIVATA Il Commissario Liquidatore del Concordato Preventivo con cessione dei beni 1/98 R.G. Tribunale di Siracusa omologato con sentenza di detto Tribunale n. 464/00 della I.M.S. - Industrie Meccaniche Siciliane s.r.l. in Liquidazione con sede in Priolo Gargallo Contrada Vallone del Feudo rende noto che è stata avanzata da parte di società terza una richiesta di locazione atipica dei beni mobili ed immobili di proprietà della preindicata I.M.S. per per un periodo di un anno con facoltà di proroga di un altro anno, a fronte di un canone mensile di E 10.000,00 oltre IVA da corrispondere anticipatamente per una somma pari a 12 mensilità, con rilascio di polizza fideiussoria alla scadenza del primo anno e con opzione per l’ acquisto dei beni e del sito alle condizioni da specificare al momento della stipula del contratto di locazione. I beni I.M.S., oggetto della suindicata proposta, ricomprendono tra l’ altro: A) un terreno esteso 79.498 mq, sito nel territorio di Priolo Gargallo (Siracusa) con i fabbricati ivi insistenti costituiti: da Palazzina Uffici, da Fabbricato Mensa e Spogliatoio, da Laboratorio Tecnologico, da un Capannone ad uso magazzino, da un altro Capannone, comprensivo di locale per raggi x, da ulteriori sei Capannoni, di cui uno privo di assenso urbanistico, da Prefabbricati per ufficio tecnico, da locale portineria, da varie costruzioni leggere non assentite urbanisticamente nè accatastate, da una serie di tettoie, da Prefabbricati per Uffici e da un Deposito Bombole; B) un terreno sito in territorio di Melilli (Siracusa), esteso circa 163.917 mq, (con esclusione di una fascia di mq. 4000 circa oggetto di richiesta di trasferimento a titolo gratuito in favore del

Consorzio ASI di Siracusa in virtù di convenzione del 26/7/93), con i fabbricati ivi insistenti costituiti da opere di sistemazione ed impianti, da tre Capannoni, di cui due prefabbricati; trattasi di area sottoposta a caratterizzazione ai fini ambientali ai sensi dell’ art. 17 D.Lgs. 22/97 e successive integrazioni e modifiche, in riferimento alla quale è stato presentato correlativo piano di caratterizzazione, allo stato in attesa di approvazione da parte del Ministero dell’ Ambiente. C) Beni ricadenti su area di circa 60.000 mq, limitrofa all’ area descritta alla lettera B), di proprietà del Consorzio per l’Area Sviluppo Industriale di Siracusa, attualmente utilizzata da parte dalla società già locataria dei beni della I.M.S. in regime di concessione con scadenza al 31.03.2012, consistenti in Opere di sistemazione, Strutture Fisse di lavoro ed Impianti, due fabbricati, e complessi mobili prefabbricati, e di cui, per le infrastrutture fisse, venne prevista l’acquisizione gratuita in favore del Consorzio per l’Area Sviluppo Industriale alla scadenza della concessione. D) Beni mobili consistenti in macchinari, attrezzature grandi e minute, macchine per uso ufficio, attrezzature logistiche, autovetture e mezzi di trasporto, dotazione di magazzino, meglio descritti nelle relazioni tecniche, liberamente visionabili unitamente alla ulteriore documentazione utile, previo appuntamento, presso lo studio del Commissario Giudiziale e Liquidatore del Concordato Avv. Giovanni Randazzo in Siracusa Via Zopiro 7 tel 0931-413765. Si specifica che tutti i sopraindicati beni sono in atto detenuti dalla società già locataria dei beni medesimi che ha continuato a mantenerne in via di fatto il godimento anche dopo la scadenza della locazione, precisando che è stato in proposito già convalidato il correlativo sfratto da parte del Tribunale di Siracusa - Sez. Augusta - con fissazione per il rilascio della data del 5/1/2011, senza che ad oggi i beni siano stati tuttavia ancora riconsegnati. Eventuali interessati alla proposizione di offerte di locazione o di acquisto migliorative, relative al compendio aziendale anzidetto, potranno avanzare le correlative proposte da recapitare presso la Cancelleria della Sezione fallimentare del Tribunale di Siracusa, entro venti giorni dalla pubblicazione del presente avviso. Siracusa, 3/1/2011 Il Commissario Liquidatore Avv. Giovanni Randazzo

ta 23/5/2008 comunica che in data 16/12/2010 il Giudice Delegato ha autorizzato la vendita senza incanto ex art.570 c.p.c. del seguente bene immobile di proprietà del concordato preventivo n. 7 / 2007 nello stato di fatto e di diritto in cui si trova: Lotto 1: Capannone sito in Castelnuovo del Garda (VR), Via Meucci n. 6, distinto al N.C.E.U. dello stesso Comune, Foglio 19, mappale 1246 sub. 2 Cat. D/1 mq. 620 Rendita Euro 2.334,39 del valore stimato a corpo di euro 450.000,00 (il tutto come da perizia del Geom. Flavio Segattini, nominato dal G.D. quale perito estimatore della procedura, depositata in cancelleria in data 25/01/2008) alle seguenti CONDIZIONI - la vendita avverrà al prezzo base di perizia; - le offerte, non inferiori al prezzo base, dovranno pervenire in busta chiusa da depositare nella Cancelleria Fallimentare del Tribunale di Verona entro le ore 12.00 del giorno 17/2/2011 unitamente ad un assegno circolare non trasferibile, intestato al Concordato Preventivo, nella misura del 10% del prezzo offerto a titolo di cauzione; - qualora vengano depositate più offerte il Giudice Delegato provvederà ai sensi dell’art. 573 c.p.c., dando comunicazione a tutti gli offerenti dell’udienza che all’uopo verrà fissata, nonché delle modalità della gara. - entro 60 giorni dall’aggiudicazione dovrà essere versato il residuo prezzo, al netto della cauzione, presso la Cancelleria Fallimentare del Tribunale di Verona a mezzo assegno circolare non trasferibile intestato al Concordato Preventivo. Le imposte e spese tutte, comprese quelle per la cancellazione di ipoteche ed altri oneri, nonché eventuale sanatoria, sono a carico dell’aggiudicatario. Documentazione e informazioni potranno essere acquisiti presso il Liquidatore giudiziale: Dott. Avv. Silvia Zenati, Via Isonzo, 11, 37126 VERONA - tel. 045/8300468 fax 045/8305615 - e-mail: segreteria@studiozenati.it o presso la Cancelleria Fallimentare del Tribunale di Verona. Verona, 14 gennaio 2011 Il Cancelliere "C1/S" Lucia Fongaro

• TRIBUNALE DI •

PER PUBBLICAZIONI SU ASTEINFOAPPALTI

VERONA

System Comunicazione Pubblicitaria

Piazza Indipendenza 23 b/c 00185 ROMA TRIBUNALE DI VERONA SEZIONE FALLIMENTARE AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE Il Liquidatore Giudiziale del Concordato preventivo n.7/07 Dott.Avv.Silvia Zenati nominata con il decreto di omologa del Tribunale di Verona in da-

TEL. 06-30226100 FAX 06-6786715 E-MAIL: legale@ilsole24ore.com

Il sito internet www.aste.eugenius.it della Guido Talarico Editori Spa è stato iscritto nell'elenco ministeriale dei siti gestiti dai soggetti in possesso dei requisiti professionali di cui all'Art. 3 e 4 del D.M. 31/10/2006 con provvedimento del 28.06.2010. In base a tale provvedimento il sito www.aste.eugenius.it è autorizzato a effettuare la pubblicità delle vendite giudiziarie per tutti i Tribunali appartenenti ai Distretti di Corte d'Appello italiani


Gennaio 2011

AsteInfoappalti

37

www.astepress.it

www.asteinfoappalti.it

TRIBUNALE DI FERRARA Aste immobiliari con incanto nelle apposite aule del Tribunale di Ferrara www.asteferrara.it perizie, foto, dati catastali, confini, bandi, inventari CUSTODI GIUDIZIARI ESECUZIONI IMMOBILIARI Istituto Vendite Giudiziarie, Via Gulinelli,9, Ferrara,tel. 340-3047861 – tel. 0532/56655 fax 0532/774331 e.mail estenseaste@gmail.com Dott.ssa Eleonora Permunian via Cortevecchia 39, FE; Cell. 331/9950657, Tel. 0532/242107; fax. 0532/242107 e-mail eleonorapermunian@esecuzioniimmobiliarife.com Dott.ssa Emanuela Patroncini via Garibaldi, 39 FE tel. 0532/242371 - fax 0532/242376 e-mail emanuelapatroncini@studiomarinari.com DELEGATI ALLE VENDITE Dott. Antonio Baraldi Notaio: studio in Ferrara, Via Frizzi, 19 tel 0532/209968, fax 0532/216378 Dott. Angelo Adamini Commercialista: studio in Ferrara, Corso Isonzo, 109, tel 0532/767316, fax 0532/764783 Dott. Roberto Faveri Commercialista: studio in Ferrara Via Cortevecchia, 39, telefono e fax 0532/242107 Dott. Aristide Pincelli Commercialista: studio in Ferrara, Via Garibaldi, 39,tel 0532/242371, fax 0532/242376 IMMOBILI NEL COMUNE DI FERRARA Es. 68/08 riunita ed all’es. 464/09 vendita senza incanto Mercoledì 09 febbraio 2011 ore 9.00 (Secondo esp.) FERRARA Via Terranova, 27, Piano Terzo Lotto 1) Porzione di appartamento ad uso civile ABITAZIONE Diritto venduto: Piena proprietà Offerta minima E. 256.000,00 (*) credito fondiario Lotto 3) PORZIONE DI UN PIÙ AMPIO APPARTAMENTO Diritto venduto: Piena proprietà Offerta minima E. 104.000,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Angelo Adamini Custode giudiziario: Dott.ssa Emanuela Patroncini Es. 233/05 vendita senza incanto Mercoledì 16 febbraio 2011 ore 9.00 (Quarto esp.) FERRARA Via M.M. Boiardo n. 2/D, Piano Quarto con ascensore Lotto unico) Porzione di fabbricato ad uso abitativo costituita da ABITAZIONE con cantina nel seminterrato e garage in corte comune Diritto venduto: Quota indivisa di 1/2 (un mezzo) di piena proprietà Offerta minima E 68.000,00 Delegato alla vendita: Dott. Antonio Baraldi Es. 170/08 vendita senza incanto Mercoledì 16 febbraio 2011 ore 9.00 (Terzo esp.) FERRARA Via Nazario Sauro N. 6 Lotto unico) NEGOZIO con retro e servizio Diritto venduto: Piena Proprietà Offerta minima E. 26.000,00 Delegato alla vendita: Dott. Antonio Baraldi Custode Giudiziario: Istituto Vendite Giudiziarie Es. 428/08 vendita senza incanto Mercoledì 23 febbraio 2011 ore 10.00 (Terzo esp.) FERRARA Via Zanatta N. 100, Piani Seminterrato, Terra e Primo Lotto unico) VILLA INDIPENDENTE di recente costruzione della superficie lorda di oltre mq. 700, con annessa piscina esclusiva e ampio scoperto attrezzato, con ottime finiture ed opere complementari di pregio. Diritto venduto: Piena Proprietà Offerta minima E 890.000,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Roberto Faveri Custode Giudiziario: Dott.ssa Eleonora Permunian Divisione Giudiziale R.G. 4470/09 contenzioso civile R.G.E. 47/98 vendita senza incanto Mercoledì 23 febbraio 2011 ore 11.00 (Primo esp.) FERRARA FRAZ. BAURA(FE) Via Monte Oliveto Lotto 1) 3 UNITÀ IMMOBILIARI comprese in un vecchio fabbricato inagibile Diritto venduto: Piena Proprietà Offerta minima E. 15.000,00 BAURA (FE) Via Monte Oliveto Civico 38 Lotto 2) EX UFFICIO POSTALE (mapp. 123 sub.3) consiste di un locale al P.T. con retro e servizio igienico. Civico 40 MONOLOCALE al P. Primo Diritto venduto: Piena Proprietà Offerta minima E. 30.000,00 BAURA (FE) Via Monte Oliveto Civico 36, int. 3 e 4 Lotto 3) FABBRICATO RURALE Diritto venduto: Piena Proprietà Offerta minima E. 58.000,00 BAURA (FE) Via Monte Oliveto Civico 36 Lotto 4) DUE VECCHI MAGAZZINI Offerta minima E 12.000,00 Delegato alla vendita: Dott. Aristide Pincelli Es. 201/08 (con subentro fallimento 40/2010) vendita senza incanto Mercoledì 16 febbraio 2011 ore 9.00 (Quinto esp.) FERRARA FRAZ. CASAGLIA (FE) Via G. Ranuzzi N° 130 Lotto 2) CAPANNONE ad uso magazzino con locali di deposito ed accessori (mq 400 circa Diritto venduto: Intera Piena Proprietà Offerta minima E 68.000,00 Delegato alla vendita: Dott. Antonio Baraldi Custode Giudiziario: Istituto Vendite Giudiziarie Es. 134/08 vendita senza incanto Mercoledì 09 febbraio 2011 ore 11.00 (Settimo esp.) FERRARA FRAZ. DENORE (FE) Via Soffritti, 27, Piani Terra e Primo Lotto unico) ABITAZIONE libera su tre lati Diritto Venduto: Piena Proprietà Offerta minima E. 14.100,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Aristide Pincelli Custode Giudiziario: Dott.ssa Emanuela Patroncini Divisione Giudiziale R.G. 232/10 contenzioso civile R.G.E. 189/03 vendita senza incanto Mercoledì 23 febbraio 2011 ore 9.00 (Primo esp.) FERRARA LOCALITA’ POROTTO Via Emilio Zola, 60-62 Piani Terra e Primo Lotto Unico) Fabbricato indipendente ad uso civile ABITAZIONE Diritto venduto: Piena Proprietà Offerta minima E. 132.000,00 Delegato alla vendita: Dott. Angelo Adamini

Delegato alla vendita: Dott. Angelo Adamini Custode: Dott.ssa Emanuela Patroncini IMMOBILI NEL COMUNE DI ARGENTA E ALFONSINE Es. 255/08 vendita senza incanto Mercoledì 23 febbraio 2011 ore 10.00 (Settimo esp.) ALFONSINE (RA) E FILO (FE) Via Antonellini N. 5 Lotto Unico) COMPLESSO IMMOBILIARE situato tra Alfonsine (RA) e Filo (FE) ma costituente un’unica unità abitativa, dotata della proprietà esclusiva di un proservizio in corte, composto da ripostigli e da un unico garage, e di circostante area cortiliva Diritto Venduto: Piena Proprietà Offerta minima E. 52.000,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Roberto Faveri Custode Giudiziario: Dott.ssa Eleonora Permunian Es. 317/07 riunita all’es. 337/07 vendita senza incanto Mercoledì 16 febbraio 2011 ore 9.00 ARGENTA (FE) Via Paolo Benati, 10 (Terzo esp.) Lotto 1) Porzione di fabbricato di civile ABITAZIONE di tipo bifamiliare Diritto venduto: Piena Proprietà Offerta minima E. 112.000,00 (*) credito fondiario ARGENTA (FE) Via Paolo Benati, 12 (Quarto esp.) Lotto 2) Porzione di fabbricato di Civile ABITAZIONE di tipo bifamiliare Diritto venduto: Piena Proprietà Offerta minima E. 92.000,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Antonio Baraldi Custode Giudiziario: Istituto Vendite Giudiziarie Es. 194/08 vendita senza incanto Mercoledì 23 febbraio 2011 ore 10.00 (Quarto esp.) ARGENTA FRAZ.CONSANDOLO (FE) Via Provinciale N. 48 Piano Primo Lotto Unico) Porzione di fabbricato costituita da ABITAZIONE Diritto Venduto: Piena Proprietà Offerta minima E. 21.500,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Roberto Faveri Custode Giudiziario: Dott.ssa Eleonora Permunian Es. 157/08 vendita senza incanto Mercoledì 09 febbraio 2011 ore 11.00 (Settimo esp.) ARGENTA FRAZ. S. BIAGIO (FE) Via Patuzza, 40/6, Piano Terra Lotto unico) ABITAZIONE in villetta a schiera, con piccolo scoperto esclusivo Diritto Venduto: Quota Intera di Proprietà Offerta minima E. 33.300,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Aristide Pincelli Custode Giudiziario: Dott.ssa Emanuela Patroncini Es. 88/08 vendita senza incanto Mercoledì 23 febbraio 2011 ore 9.00 (Primo esp.) ARGENTA FRAZ. SANTA MARIA CODIFIUME (FE) via Cervellati, in prossimità del civico 32 Lotto unico) PICCOLO FONDO AGRICOLO CON VECCHIO MAGAZZINO RURALE Diritto venduto: Piena Proprietà Offerta minima E. 44.000,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Angelo Adamini Custode Giudiziario: Dott.ssa Emanuela Patroncini Es. 28/08 vendita senza incanto Mercoledì 09 febbraio 2011 ore 11.00 (Nono esp.) ARGENTA FRAZ. S. NICOLÒ (FE) Via Della Botte N°14 Lotto unico) Porzione di fabbricato di vecchia costruzione, costituita da una modesta ABITAZIONE con sviluppo su due piani Diritto Venduto: Piena Proprietà Offerta minima E. 19.800,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Aristide Pincelli Custode Giudiziario: Dott.ssa Emanuela Patroncini

Es. 70/09 vendita senza incanto Mercoledì 23 febbraio 2011 ore 10.00 (Quarto esp.) BERRA (FE) Via Pennacchiera N.8 Lotto unico) ABITAZIONE INDIPENDENTE. La superficie commerciale dell’abitazione è di mq. 135 circa, mentre quella dell’area scoperta è di mq. 680 circa. Diritto Venduto: Piena Proprietà Offerta minima E. 34.300,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Roberto Faveri Custode Giudiziario: Dott.ssa Eleonora Permunian Es. 260/07 vendita senza incanto Mercoledì 09 febbraio 2011 ore 9.00 (Nono esp.) BERRA FRAZ. SERRAVALLE (FE) Via Canal Bianco N.150, Piani Terra e Primo Lotto Unico) FABBRICATO ABITATIVO indipendente da cielo a terra e su tre lati Diritto Venduto: Piena Proprietà Offerta minima E. 22.400,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Angelo Adamini Custode Giudiziario: Dott.ssa Emanuela Patroncini Es. 129/08 vendita senza incanto Mercoledì 09 febbraio 2011 ore 9.00 (Settimo esp.) BERRA FRAZ. SERRAVALLE (FE) Via Pivanti 102, Piano Primo Lotto Unico) Porzione immobiliare facente parte di uno stabile condominiale costituito da quattro unità e precisamente un APPARTAMENTO ed un GARAGE al P. Terra con pertinenziale area di corte. Diritto Venduto: Piena Proprietà Offerta minima E. 11.600,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Angelo Adamini Custode Giudiziario: Dott.ssa Emanuela Patroncini

Diritto Venduto: Piena Proprietà Offerta minima E. 10.600,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Roberto Faveri Custode Giudiziario: Dott.ssa Eleonora Permunian Es. 424/08 vendita senza incanto Mercoledì 23 febbraio 2011 ore 10.00 (Quarto esp.) CODIGORO FRAZ. MEZZOGORO (FE) via Località per Codigoro n. 14/a, piani terra e primo Lotto 1) Porzione di fabbricato uso APPARTAMENTO Diritto venduto: Piena Proprietà Offerta minima E 79.400,00 CODIGORO FRAZ. MEZZOGORO (FE) via Località per Codigoro s.n.c. LOTTO 2) Porzione di fabbricato uso MAGAZZINO, GARAGE, TETTOIA e RIPOSTIGLI, CON CORTE ESCLUSIVA Diritto venduto: Piena Proprietà Offerta minima E 13.900,00 Delegato alla vendita: Dott. Roberto Faveri Custode Giudiziario: Dott.ssa Eleonora Permunian Giudizio Divisorio R.G. 5992/2008 cont. Civ. R.G. 158/06 vendita senza incanto Mercoledì 16 febbraio 2011 ore 9.00 (Sesto esp) CODIGORO FRAZ. PONTELANGORINO (FE) Via Rione Case Popolari N. 9, Piani Terra e Primo Lotto unico) ABITAZIONE della consistenza di quattro vani ed accessori Offerta minima E. 26.000,00 Delegato alla vendita: Dott. Antonio Baraldi IMMOBILI NEL COMUNE DI COMACCHIO

IMMOBILI NEL COMUNE DI BONDENO Es. 11/09 vendita senza incanto Mercoledì 23 febbraio 2011 ore 10.00 (Quarto esp.) BONDENO FRAZ. CASUMARO (FE) Via Ferrarese N° 73 Int. 2, Piano Primo Lotto unico) APPARTAMENTO, situato in stabile plurifamiliare Diritto Venduto: Piena Proprietà Offerta minima E. 40.300,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Roberto Faveri Custode Giudiziario: Dott.ssa Eleonora Permunian Es. 9/09 vendita senza incanto Mercoledì 16 febbraio 2011 ore 9.00 (Quarto esp.) BONDENO FRAZ. GAVELLO (FE) Via Comunale N. 100/A-102 Lotto unico) ABITAZIONE monofamiliare indipendente su due piani, con pollai, legnaie e portico in adiacenza, bassocomodi in corpo staccato e diritto su scoperto comune Diritto venduto: Piena Proprietà Offerta minima E. 31.000,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Antonio Baraldi Custode Giudiziario: Istituto Vendite Giudiziarie Es. 143/08 vendita senza incanto Mercoledì 09 febbraio 2011 ore 9.00 (Ottavo esp.) BONDENO FRAZ. SCORTICHINO (FE) Via Argine Diversivo 36, Piani Terra e Primo Lotto Unico) Porzione di ABITAZIONE INDIPENDENTE Diritto Venduto: Piena Proprietà Offerta minima E. 39.500,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Angelo Adamini Custode Giudiziario: Dott.ssa Emanuela Patroncini IMMOBILI NEL COMUNE DI CENTO

Es. 253/08 vendita senza incanto Mercoledì 23 febbraio 2011 ore 10.00 (Quarto esp.) COMACCHIO FRAZ. LIDO DEGLI SCACCHI (FE) Via Auriga n. 1, (ex Viale Patrignani n. 47) Lotto Unico) ABITAZIONE BALNEARE indipendente Diritto Venduto: Piena Proprietà Offerta minima E. 73.800,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Roberto Faveri Custode Giudiziario: Dott.ssa Eleonora Permunian Es. 277/07 riunita all’es. 280/08 vendita senza incanto Mercoledì 16 febbraio 2011 ore 9.00 (Settimo esp.) COMACCHIO FRAZ. VACCOLINO (FE) con accesso Dalla S.S. Romea N. 113 Lotto unico) Complesso immobiliare composto da TRE APPARTAMENTI, UN GARAGE ed altri immobili ad uso ufficio e laboratori con ampia area cortiliva pertinenziale Diritto venduto: Intera Piena Proprietà Offerta minima E. 71.000,00 Delegato alla vendita: Dott. Antonio Baraldi Custode Giudiziario: Istituto Vendite Giudiziarie IMMOBILI NEL COMUNE DI COPPARO Es. 391/08 vendita senza incanto Mercoledì 16 febbraio 2011 ore 9.00 (Quinto esp.) COPPARO FRAZ. AMBROGIO (FE) Via Igea 3 Lotto unico) ABITAZIONE INDIPENDENTE (MQ 150) disposta su due piani fuori terra con ampia area cortiliva e piccolo ripostiglio diroccato Diritto venduto: Piena Proprietà Offerta minima E. 13.000,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Antonio Baraldi Custode Giudiziario: Istituto Vendite Giudiziarie

Es. 32/07 vendita senza incanto Mercoledì 23 febbraio 2011 ore 10.00 (Quarto esp.) CENTO (FE) Via A. De Gasperi N. 15, Sesto Piano/Sottotetto Lotto unico) Appartamento per civile ABITAZIONE Diritto Venduto: Quota di proprietà pari a 1/2 Offerta minima E. 19.000,00 Delegato alla vendita: Dott. Roberto Faveri Custode Giudiziario: Dott.ssa Eleonora Permunian

Divisione Giudiziale R.G. 5409/08 vendita con incanto Mercoledì 23 febbraio 2011 ore 9.00 (Primo esp.)COPPARO (FE) Via Mazzini, 23/A Lotto Unico) Porzione di fabbricato di civile ABITAZIONE Diritto venduto: Piena Proprietà Delegato alla vendita: Dott. Angelo Adamini Offerta minima E. 55.000,00 Aumento Minimo E 2.000,00

IMMOBILI NEL COMUNE DI BERRA

Es. 281/08 vendita senza incanto Mercoledì 23 febbraio 2011 ore 10.00 (Quarto esp.) CENTO (FE) via F.lli Rosselli n. 11, Piani Secondo e Seminterrato Lotto 1) Porzione di fabbricato di tipo condominiale, costituita da APPARTAMENTO Diritto venduto: Piena Proprietà Offerta minima E 107.500,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Roberto Faveri Custode Giudiziario: Dott.ssa Eleonora Permunian

Es. 346/08 vendita senza incanto Mercoledì 23 febbraio 2011 ore 10.00 (Quarto esp.) COPPARO (FE) via Pisacane n.23 int.2 piani primo e sottotetto Lotto unico) APPARTAMENTO in complesso condominiale di tipo a schiera, oltre a garage nel fabbricato retrostante e corte esclusiva. Diritto venduto: Piena Proprietà Offerta minima E 64.600,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Roberto Faveri Custode Giudiziario: Dott.ssa Eleonora Permunian

Es. 265/07 riunita all’es. 360/08 vendita senza incanto Mercoledì 09 febbraio 2011 ore 9.00 (Quinto esp.) BERRA (FE) Via Montessori N°4, Piani Terra e Primo Lotto Unico) Porzione di fabbricato da cielo a terra, costituita da un LOCALE AD USO UFFICIO e archivio, di superficie complessiva lorda mq. 40 circa Diritto Venduto: Quota di 1/1 della piena proprietà Offerta minima E. 17.700,00 Delegato alla vendita: Dott. Angelo Adamini Custode Giudiziario: Dott.ssa Emanuela Patroncini

Divisione Giudiziale R.G. 465/10 contenzioso civile R.G.E. 50/05 vendita senza incanto Mercoledì 23 febbraio 2011 ore 11.00 (Primo esp.) CENTO FRAZ. RENAZZO (FE) Via di Renazzo, 20/11, Piano Secondo Lotto unico) APPARTAMENTO ad uso civile abitazione e garage Diritto venduto: Piena Proprietà Offerta minima E. 175.000,00 Delegato alla vendita: Dott. Aristide Pincelli

Es. 106/08 vendita senza incanto Mercoledì 09 febbraio 2011 ore 9.00 (Ottavo esp.) ARGENTA FRAZ. BANDO (FE) Via XXIV Maggio 1918 N° 11, Piani Terra e Primo Lotto Unico) Tipico fabbricato dell’Ente Delta Padano, indipendente ad uso civile ABITAZIONE di tipo monofamiliare, libero su quattro lati Diritto Venduto: Quota di 1/1 della Piena Proprietà Offerta minima E. 33.300,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Angelo Adamini Custode Giudiziario: Dott.ssa Emanuela Patroncini

Es. 221/08 vendita senza incanto Mercoledì 09 febbraio 2011 ore 9.00 (Settimo esp) FERRARA FRAZ. GALLO (FE) Via Francia, 2, Piano Primo Lotto unico) APPARTAMENTO Diritto Venduto: Piena Proprietà Offerta minima E. 51.900,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Angelo Adamini Custode Giudiziario: Dott.ssa Emanuela Patroncini

Es. 200/08 vendita senza incanto Mercoledì 23 febbraio 2011 ore 10.00 (Settimo esp.) BERRA (FE) Via Bellaria N. 239 Lotto unico) Vecchia porzione di fabbricato destinato ad ABITAZIONE Diritto Venduto: Piena Proprietà Offerta minima E. 7.500,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Roberto Faveri Custode Giudiziario: Dott.ssa Eleonora Permunian

Es. 117/09 vendita senza incanto Mercoledì 09 febbraio 2011 ore 9.00 (Secondo esp.) FERRARA FRAZ. POROTTO (FE) Via Bondeno n. 57, Piani Seminterrato, Rialzato e Primo Lotto unico) Fabbricato ad uso residenziale ed UFFICIO COMPLETO DI CANTINA/MAGAZZINO E DUE GARAGES Diritto venduto: Piena Proprietà per 1/1 Offerta minima E. 125.600,00

Es. 158/08 vendita senza incanto Mercoledì 23 febbraio 2011 ore 10.00 (Settimo esp.) BERRA (FE) Via Albersano, 35, Piani Terra E Primo Lotto unico) APPARTAMENTO di sette vani e accessori Diritto Venduto: Piena Proprietà Offerta minima E. 15.300,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Roberto Faveri Custode Giudiziario: Dott.ssa Eleonora Permunian

IMMOBILI NEL COMUNE DI CODIGORO Es. 123/08 vendita senza incanto Mercoledì 09 febbraio 2011 ore 11.00 (Settimo esp.) CODIGORO FRAZ. MEZZOGORO (FE) Via Bengasi, 183, Piani Terra e Primo Lotto unico) Porzione di edificio ad uso civile ABITAZIONE, libera su due lati Diritto Venduto: Piena Proprietà Offerta minima E. 12.800,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Aristide Pincelli Custode Giudiziario: Dott.ssa Emanuela Patroncini Es. 312/07 vendita senza incanto Mercoledì 23 febbraio 2011 ore 10.00 (Nono esp.) CODIGORO FRAZ. MEZZOGORO (FE) Via Bengasi N. 213, Piani Secondo e Rialzato Lotto Unico) APPARTAMENTO CON CANTINA

Divisione Giudiziale 2216/2009 vendita senza incanto Mercoledì 16 febbraio 2011 ore 9.00 (Primo esp.) COPPARO (FE) località TAMARA Via Brusabò, 2 Lotto 1) APPARTAMENTO, inserito in un più ampio fabbricato ex rurale, con locali magazzino posti in edificio ex stalla/fienile Diritto venduto: intera proprietà, gravato da diritto di abitazione a favore di persona nata nell’anno 1924 Offerta minima E. 104.000,00 COPPARO località SABBIONCELLO SAN PIETRO, via Saltarello Lotto 3) TERRENO AGRICOLO, individuato nel Catasto Terreni del Comune di Copparo al foglio 135 con i mappali: 109, semin. cl. 2^, Ha. 1.54.90, RDE 142,84, RAE 84,00; 110, semin. cl. 2^, Ha. 0.03.10, RDE 2,86, RAE 1,68; 111, semin. cl. 2^, Ha. 0.01.30, RDE. 1,20, RAE 0,70. 6, fabb. rur., Ha. 0.02.70 (ex macero); i mappali 109-110-111 derivano dal mappale 4. Diritto venduto: intera piena proprietà Offerta minima E. 36.500,00 Delegato alla vendita: Dott. Antonio Baraldi Custode Giudiziario: Istituto Vendite Giudiziarie Es. 30/08 vendita senza incanto Mercoledì 16 febbraio 2011 ore 9.00 (Quinto esp.) COPPARO FRAZ. GRADIZZA (FE) Via Faccini c.n. 121, - segue a pag 39


ESTRATTO DI BANDO DI GARA PER PROCEDURA RISTRETTA

ESTRATTO DI BANDO DI GARA PER PROCEDURA RISTRETTA

1) Ente Appaltante: Aeroporti di Roma Società per Azioni - Via dell’Aeroporto di Fiumicino n. 320 - 00054 - Fiumicino (RM) - Telefono 0039/06/65951, http://www.adr.it. 2) Appalto di servizi: Manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria e assistenza tecnica biennale sui sistemi e sulle apparecchiature di automazione, sicurezza e prevenzione, ubicati nel sedime dell’Aeroporto “Leonardo da Vinci” di Fiumicino. 3) Importo biennale complessivo dell’appalto € 3.155.000,00 così articolato: € 1.280.000,00 (di cui € 2.000,00 per oneri di sicurezza da rischi per interferenze ed € 130.000,00 per attività da eseguirsi a richiesta) per assistenza tecnica e manutenzione ordinaria ed € 1.875.000,00 per manutenzione straordinaria. 4) Aggiudicazione ai sensi dell’art. 83 del D.Lgs. 163/2006; offerta economicamente più vantaggiosa in base ai criteri indicati di seguito con i relativi pesi loro attribuiti: - Prezzo € 65% - Composizione dell’organico e profili professionali offerti 20% - Strumentazioni, parco mezzi e magazzino parti di ricambio disponibili 15% 5) Le domande di partecipazione, comprensive di tutte le dichiarazioni e/o documenti richiesti nella sezione terza del bando di gara integrale, dovranno, a pena di esclusione, essere inserite, firmate digitalmente, sul Portale acquisti ADR, in apposita busta chiusa digitale, entro e non oltre le ore 10.00 del 11/01/2011. 6. Non è stata pubblicata preinformazione. Il bando di gara integrale è stato inviato all’Ufficio delle Pubblicazioni Ufficiali dell’Unione Europea il 17/12/2010, che lo ha ricevuto in pari data ed è pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 5^ Serie Speciale n. 148 del 24/12/2010 e sul sito web dell’Ente Appaltante www.adr.it. Aeroporti di Roma S.p.A. L’Amministratore Delegato Giulio Maleci

1. Ente Appaltante: Aeroporti di Roma Società per Azioni - Via dell’Aeroporto di Fiumicino n. 320 - 00054 - Fiumicino (RM) - Telefono 0039/06/65951, http://www.adr.it. 2. Appalto di servizi: manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria e assistenza tecnica biennale sui sistemi TVCC e Controllo accessi, ubicati nel sedime dell’Aeroporto “Leonardo da Vinci” di Fiumicino. 3. Importo biennale complessivo dell’appalto € 2.890.000,00 così articolato: € 1.080.000,00 (di cui € 2.000,00 per oneri di sicurezza da rischi per interferenze ed € 130.000,00 per attività da eseguirsi a richiesta) per assistenza tecnica e manutenzione ordinaria ed € 1.810.000,00 per manutenzione straordinaria. 4. Aggiudicazione ai sensi dell’art. 83 del D.Lgs. 163/2006; offerta economicamente più vantaggiosa in base ai criteri indicati di seguito con i relativi pesi loro attribuiti: – Prezzo € 65% – Composizione dell’organico e profili professionali offerti 20% – Strumentazioni, parco mezzi e magazzino parti di ricambio disponibili 15% 5. Le domande di partecipazione, comprensive di tutte le dichiarazioni e/o documenti richiesti nella sezione terza del bando di gara integrale, dovranno, a pena di esclusione, essere inserite, firmate digitalmente, sul Portale acquisti ADR, in apposita busta chiusa digitale, entro e non oltre le ore 10.00 del 11/01/2011. 6. Non è stata pubblicata preinformazione. Il bando di gara integrale è stato inviato all’Ufficio delle Pubblicazioni Ufficiali dell’Unione Europea il 17/12/2010, che lo ha ricevuto in pari data ed è pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 5^ Serie Speciale n. 148 del 24/12/2010 e sul sito web dell’Ente Appaltante www.adr.it.

Aeroporti di Roma S.p.A. L’Amministratore Delegato Giulio Maleci

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA DIREZIONE GENERALE Direzione centrale per l’attività amministrativa e gestione del patrimonio Servizio Acquisizione Beni e Servizi

AVVISO DI GARA L’ ISTAT indice una gara a procedura aperta, in 5 lotti, come sotto specificato: - Lotto n. 1: TITOLO RCT-RCO (CIG 06438791 C2) ; - Lotto n. 2: TITOLO INFORTUNI (CIG 064391 OB54); - Lotto n. 3: TITOLO Sub A) INCENDIO; Sub B) Furto; Sub C) All Risks Elettronica (CIG 064392795C); - Lotto n. 4 :TITOLO RC Patrimoniale (CIG 0643945837); - Lotto n. 5: TITOLO FINE ART (CIG 06439647E5); ai sensi del D.Lvo n.163 /2006 e s.m.i, del Regolamento di gestione e contabilità dell’ISTAT, relativa all’affidamento dei servizi assicurativi relativi ai beni e all’attività istituzionale dell’Istituto. I soggetti interessati che sono in possesso dei requisiti indicati nel bando di gara, dovranno presentare offerta entro le ore 12,00 del 28/01/2011. Il bando di gara con i relativi allegati è disponibile sul sito Istat www.istat.it e può essere ritirato o richiesto dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00 alle ore 13,00 presso la sede Istat di Roma, Via Agostino Depretis 77, 5° piano, stanza 503 - Tel. 06.4673/3478-3345 - Fax 06.46733479. IL DIRETTORE ad interim (dott. Giovanni Fontanarosa)

POLITECNICO DI BARI ESTRATTO BANDO DI ASTA PUBBLICA PER ALIENAZIONE IMMOBILIARE Il Politecnico di Bari, in esecuzione della delibera del Consiglio di Amministrazione del 28 dicembre 2010, rende nota l’intenzione di alienare in lotto unico, con riserva, in subordine, di valutare anche offerte parziali non inferiori ad un terzo del valore economico complessivo, il seguente compendio immobiliare sito nel Comune di Bari, localizzato in via Amendola n. 132, per una superficie di circa 19.188,41 mq., così composto: 1. Tre capannoni, costituenti un unico edificio a tre campate con fronte di 68,30 m.l. e profondità 71,50 m.l., per un superficie complessiva lorda di 4.883,45 mq. 2. Palazzina uffici composta da piano terra della superficie di 213 mq. e da primo piano della superficie di 226 mq. 3. Due locali a piano seminterrato, serviti da scala autonoma esterna, ad uso centrale termica, per una superficie complessiva di circa 24 mq. 4. N. 4 locali di servizio, per una superficie complessiva di 108,11 mq. 5. Guardiola di controllo, di superficie di 32 mq. 6. Terreno pertinenziale, per una superficie di circa 14.067 mq. Il valore stimato del bene posto a base d’asta è pari ad e 9.740.000,00 (novemilionisettecentoquaranta mila euro) al netto di imposte. Scadenza presentazione offerte: 18 febbraio 2011. Le condizioni di vendita, i requisiti di partecipazione, le modalità di aggiudicazione e di consultazione della documentazione tecnica sono descritte nel bando di gara, disponibile in versione integrale sul sito web di Ateneo: www.poliba.it/bandieconcorsi/bandidigara. Responsabile del Procedimento: dott.ssa Anna Benegiamo 080/5962517, e-mail a.benegiamo@poliba.it. IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO Dott. Marco Rucci

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA DIREZIONE GENERALE

AVVISO DI GARA L’Istat indice una procedura aperta internazionale da aggiudicarsi al prezzo più basso per la fornitura di una licenza "Microsoft Campus Agreement Subscription" della durata di n. 36 mesi costituita dalla piattaforma base "Desktop Campus" per n. 2.300 utenti e da prodotti Microsoft aggiuntivi. Codice Identificativo Gara (CIG): 0566731137. Entità totale massima stimata dell’appalto, iva esclusa: euro 574.533,00. Le offerte dovranno pervenire entro le ore 12.00 del giorno 24.01.2011. Il bando con i requisiti per l’ammissione e gli altri documenti necessari per partecipare alla gara sono disponibili sul sito www.istat.it link “Gare e appalti” e possono essere ritirati presso la sede ISTAT di Via A. Depretis, 77 – 00184 – Roma – Stanza 503/B (Tel. 06/4673.3345 - 06/4673.3478) nei giorni feriali, escluso il sabato, dalle ore 9.00 alle ore 13.00. IL DIRETTORE GENERALE ad interim (dott. Giovanni Fontanarosa)


Gennaio 2011

AsteInfoappalti

39

www.astepress.it

www.asteinfoappalti.it

TRIBUNALE DI FERRARA Piani Terra, Primo e Sottotetto Lotto unico) Porzione di fabbricato ad uso civile ABITAZIONE (mq 138) con corte di pertinenza esclusiva (mq 70) e piccolo deposito su corte comune oggi demolito Diritto venduto: Intera Proprietà Offerta minima E. 38.000,00(*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Antonio Baraldi Custode Giudiziario: Istituto Vendite Giudiziarie IMMOBILI NEL COMUNE DI JOLANDA DI SAVOIA Es. 311/07 vendita senza incanto Mercoledì 09 febbraio 2011 ore 9.00 (Nono esp.) JOLANDA DI SAVOIA, (FE) Via Bonaglia , VI Traversa N.C. 38, Piano Primo Lotto Unico) Porzione di fabbricato, ad uso civile ABITAZIONE composta di tre locali Diritto Venduto: Quota di 1/1 della Piena Proprietà Offerta minima E. 18.000,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Angelo Adamini Custode Giudiziario: Dott.ssa Emanuela Patroncini IMMOBILI NEL COMUNE DI MASSAFISCAGLIA Es. 26/08 vendita senza incanto Mercoledì 16 febbraio 2011 ore 9.00 (Quinto esp.) MASSAFISCAGLIA (FE) Via Giordano Bruno N° 56, Piano Terra, Primo e Sottotetto Lotto unico) Porzione di FABBRICATO AD USO ABITATIVO (mq 153) su tre piani (terra, primo e sottotetto) Diritto venduto: Piena Proprieta’ Offerta minima E. 26.000,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Antonio Baraldi Custode Giudiziario: Istituto Vendite Giudiziarie IMMOBILI NEL COMUNE DI MESOLA Es. 132/08 vendita senza incanto Mercoledì 09 febbraio 2011 ore 9.00 (Settimo esp.) MESOLA FRAZ. ARIANO FERRARESE (FE) Via Degli Eroi n. 7 Lotto Unico) APPARTAMENTO Diritto Venduto: Piena Proprietà Offerta minima E. 18.000,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Angelo Adamini Custode Giudiziario: Dott.ssa Emanuela Patroncini Es. 7/08 vendita senza incanto Mercoledì 09 febbraio 2011 ore 9.00 (Ottavo esp.) MESOLA FRAZ. ARIANO (FE), LOCALITÀ GARBINA Via Garbina, 18 Lotto Unico) Complesso immobiliare costituito da CAPANNONE ad uso artigianale e TRE FABBRICATI AD USO MAGAZZINO Diritto Venduto: Piena Proprietà Offerta minima E. 36.800,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Angelo Adamini Custode Giudiziario: Dott.ssa Emanuela Patroncini Giudizio Divisorio R.G. 3704/2009 Cont. Civ. R.G.E. 229/06 vendita senza incanto Mercoledì 16 febbraio 2011 ore 9.00 (Quarto esp.) MESOLA (FE) Via Boschetto 10/1 E 10/2, Piani Terra e Primo Lotto unico) Lotto di TERRENO CON SOVRASTANTI FABBRICATI costituiti da due abitazioni ai piani terra e primo in un sol corpo, ex porcile, ex pollaio e altri ripostigli Diritto venduto: Intera e Piena Proprietà Offerta minima E. 46.000,00 Delegato alla vendita: Dott. Antonio Baraldi

OSTELLATO FRAZ. LIBOLLA (FE) Strada Dianti, 17 Lotto Unico) Piccola ABITAZIONE Diritto Venduto: Piena Proprietà Offerta minima E. 9.900,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Roberto Faveri Custode Giudiziario: Dott.ssa Eleonora Permunian

ZIALE CIRCOSTANTE Diritto venduto: Usufrutto vitalizio, commisurato alla vita di persona nata nell’anno 1958 Offerta minima E. 122.000,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Antonio Baraldi Custode Giudiziario: Istituto Vendite Giudiziarie

Giudizio Divisorio R.G. 4176/2008 vendita con incanto Mercoledì 16 febbraio 2011 ore 9.00 (Secondo esp.) OSTELLATO (FE) Via C. Covoni, 50, Piano Terra Lotto unico) APPARTAMENTO al piano terra (mq 55) con ingresso autonomo e due cortiletti di pertinenza esclusiva Diritto venduto: Intera e Piena Proprietà Offerta minima E. 55.000,00 Delegato alla vendita: Dott. Antonio Baraldi

Es. 125/09 vendita senza incanto Mercoledì 16 febbraio 2011 ore 9.00 (Quarto esp.) RO FERRARESE FRAZ. ZOCCA (FE) Via Castello C.N. 54 Lotto unico) Porzione di fabbricato ad uso civile ABITAZIONE (mq 80) Diritto venduto: Intera Piena Proprietà Offerta minima E. 29.000,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Antonio Baraldi Custode Giudiziario: Istituto Vendite Giudiziarie

Es. 352/08 riunita all’es. 136/09 vendita senza incanto Mercoledì 16 febbraio 2011 ore 9.00 (Quarto esp.) OSTELLATO FRAZ. SAN GIOVANNI OSTELLATO (FE) Via Lidi Ferraresi n. 209 Lotto unico) ABITAZIONE a due piani (mq 220 circa) con autorimessa, magazzino in corpo distaccato ed area cortiliva di proprietà esclusiva Diritto venduto: Piena Proprietà gravata da diritto di abitazione a favore del coniuge ex art. 540 c.c., Offerta minima E. 77.000,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Antonio Baraldi Custode Giudiziario: Istituto Vendite Giudiziarie IMMOBILI NEL COMUNE DI POGGIO RENATICO

IMMOBILI NEL COMUNE DI TRESIGALLO

Es. 195/08 vendita senza incanto Mercoledì 09 febbraio 2011 ore 11.00 (Terzo esp.) POGGIO RENATICO (FE) via R. Santi c.n. 5/b, piani primo, secondo e seminterrato Lotto unico) Fabbricato di civile ABITAZIONE di tipo condominiale. Diritto venduto: Piena proprietà Offerta minima E 59.600,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Aristide Pincelli Custode Giudiziario: Dott.ssa Emanuela Patroncini

Es. 130/08 vendita senza incanto Mercoledì 09 febbraio 2011 ore 9.00 (Settimo esp.) TRESIGALLO (FE) Via Vittoria, 4, Piani Primo e Rialzato Lotto Unico) ABITAZIONE inserita in contesto condominiale composta da: ingresso, 2 disimpegni, bagno, 2 vani letto, cucina-pranzo e loggia chiusa, cantine al P Seminterrato con accesso dalla scala limitrofa e garage in corte. Diritto Venduto: Piena Proprietà Offerta minima E. 14.000,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Angelo Adamini Custode Giudiziario: Dott.ssa Emanuela Patroncini

IMMOBILI NEL COMUNE DI PORTOMAGGIORE Es. 341/08 vendita senza incanto Mercoledì 16 febbraio 2011 ore 9.00 (Quinto esp.) PORTOMAGGIORE (FE) Via Valmolino N° 54, Piano Primo Lotto unico) APPARTAMENTO (mq 119) con accesso indipendente, con annesso vano ad uso autorimessa (mq 17,50) al piano terra Diritto venduto: Piena ed intera Proprietà Offerta minima E. 28.000,00. (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Antonio Baraldi Custode Giudiziario: Istituto Vendite Giudiziarie Es. 137/07 riunita all’es. 251/07 vendita senza incanto Mercoledì 23 febbraio 2011 ore 9.00 (Ottavo esp.) PORTOMAGGIORE (FE) via Linaroli, 22 Lotto 1) Porzione indipendente su 3 lati di immobile per civile ABITAZIONE di complessivi mq 400 ca, in contesto trifamiliare, corte comune pertinenziale circostante di mq. 2.000 ca; Diritto venduto: Quota di 1/2 di Piena Proprietà Offerta minima E. 87.200,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Angelo Adamini

Es. 149/08 vendita senza incanto Mercoledì 23 febbraio 2011 ore 10.00 (Ottavo esp.) MIGLIARINO (FE) Via A. Travaglio 186 Lotto unico) PORZIONE DI FABBRICATO "ABITAZIONE" a destinazione residenziale, dotato di proservizi e piccolo scoperto. L’immobile sorge in area golenale compresa tra la Via Travaglio ed il Po di Volano. Diritto Venduto: Piena Proprietà Offerta minima E. 31.200,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Roberto Faveri Custode Giudiziario: Dott.ssa Eleonora Permunian

Es. 374/08 vendita senza incanto Mercoledì 16 febbraio 20110 ore 9.00 (Terzo esp.) PORTOMAGGIORE FRAZ. PORTOVERRARA (FE) via Rangona cn 15, Piano Terra Lotto 1) APPARTAMENTO di civile abitazione, censito Diritto venduto: Piena Proprietà Offerta minima E. 35.000,00. (*) credito fondiario PORTOVERRARA (FE) via Rangona cn 15/b, Piano Terra Lotto 3) APPARTAMENTO Diritto venduto: Piena Proprietà Offerta minima E. 48.000,00. (*) credito fondiario PORTOVERRARA (FE) via Rangona cn 15 Lotto 4) BOX AUTO IN LAMIERA ED AREA DI SEDIME di tettoia in legno, ora smantellata Diritto venduto: Piena Proprietà Offerta minima E. 5.000,00. (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Antonio Baraldi Custode Giudiziario: Istituto Vendite Giudiziarie

IMMOBILI NEL COMUNE DI MIGLIARO

IMMOBILI NEL COMUNE DI RO FERRARESE

Es. 218/08 vendita senza incanto Mercoledì 23 febbraio 2011 ore 10.00 (Quarto esp.) MIGLIARO (FE) Via Estense 29/D, Piano Primo Lotto unico) Porzione di fabbricato di civile ABITAZIONE, comprendente un appartamento ed una autorimessa al piano terra. Diritto Venduto: Piena Proprietà Offerta minima E. 33.300,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Roberto Faveri Custode Giudiziario: Dott.ssa Eleonora Permunian

Es. 396/08 riunita all’es. 295/09 vendita senza incanto Mercoledì 09 febbraio 2011 ore 9.00 (Terzo esp.) RO FERRARESE LOC. GUARDA (FE) Via Marabino 1 Lotto Unico) FONDO AGRICOLO CON SOVRASTANTI FABBRICATI RURALI costituiti da tre nuclei edilizi Diritto Venduto: Piena Proprietà Offerta minima E. 215.100,00 Delegato alla vendita: Dott. Angelo Adamini Custode Giudiziario: Dott.ssa Emanuela Patroncini

IMMOBILI NEL COMUNE DI MIGLIARINO

IMMOBILI NEL COMUNE DI OSTELLATO Es. 212/08 vendita senza incanto Mercoledì 23 febbraio 2011 ore 10.00 (Sesto esp.)

IMMOBILI NEL COMUNE DI SANT’AGOSTINO Es. 281/08 vendita senza incanto Mercoledì 23 febbraio 2011 ore 10.00 (Quarto esp.) SANT’AGOSTINO (FE) via Statale n. 252 Lotto 2) Fabbricato ad uso ABITAZIONE Diritto venduto: Piena Proprietà Offerta minima E 230.400,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Roberto Faveri Custode Giudiziario: Dott.ssa Eleonora Permunian

Es. 58/09 vendita senza incanto Mercoledì 16 febbraio 20110 ore 9.00 (Quarto esp.) RO FERRARESE (FE) Via Po N° 14 Lotto 1) VILLA MONOFAMILIARE CON PARCO PERTINEN-

Es. 112/08 vendita senza incanto Mercoledì 09 febbraio 2011 ore 11.00 (Settimo esp.) TRESIGALLO (FE) Via D. Alighieri, 1/Int. 3, angolo Via Vittoria, Piano Rialzato Lotto unico) APPARTAMENTO posto in complesso condominiale denominato "Condominio Letizia" Diritto Venduto: Quota di 1/1 di Piena Proprietà Offerta minima E. 10.600,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Aristide Pincelli Custode Giudiziario: Dott.ssa Emanuela Patroncini Es. 205/08 vendita senza incanto Mercoledì 16 febbraio 2011 ore 9.00 (Settimo esp.) TRESIGALLO (FE) Via Roma n° 99, Piano Primo Lotto unico) APPARTAMENTO (mq. 71) Diritto venduto: Intera Piena Proprietà Offerta minima E. 15.000,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Antonio Baraldi Custode Giudiziario: Istituto Vendite Giudiziarie Es. 243/08 vendita senza incanto Mercoledì 09 febbraio 2011 ore 11.00 (Sesto esp.) TRESIGALLO (FE) Via Vittoria N°18, Piano Terzo Lotto unico) APPARTAMENTO Diritto Venduto: Quota di 1/1 di Piena Proprietà Offerta minima E. 11.600,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Aristide Pincelli Custode Giudiziario: Dott.ssa Emanuela Patroncini Es. 125/08 vendita senza incanto Mercoledì 23 febbraio 2011 ore 10.00 (Settimo esp.) TRESIGALLO (FE), LOC. RONCODIGÀ Via Frassino, 25, Piano Primo Lotto Unico) APPARTAMENTO Diritto Venduto: Piena Proprietà Offerta minima E. 18.400,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Roberto Faveri Custode Giudiziario: Dott.ssa Eleonora Permunian IMMOBILI NEL COMUNE DI VOGHIERA Es. 430/08 vendita senza incanto Mercoledì 16 febbraio 2011 ore 9.00 (Quarto esp.) VOGHIERA FRAZ. GUALDO (FE) Via Cesare Battisti 5 Lotto unico) Fabbricato costituito da ABITAZIONE su due piani (mq 170 circa) Diritto venduto: Quota di comproprieta’ pari a 23/24 (=958,333/1000) Offerta minima E. 88.000,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Antonio Baraldi Custode Giudiziario: Istituto Vendite Giudiziarie Es. 191/08 vendita senza incanto Mercoledì 09 febbraio 2011 ore 9.00 (Ottavo esp.) VOGHIERA, (FE) Via Provinciale, 97/A Lotto2) OPIFICIO INDUSTRIALE/ARTIGIANALE con uffici, magazzini, sale confezione-taglio-cucito e servizi, libero su tut-

ti i lati, con area cortiliva esclusiva. Diritto Venduto: Piena Proprietà Offerta minima E. 298.000,00 (*) credito fondiario Delegato alla vendita: Dott. Angelo Adamini Custode Giudiziario: Dott.ssa Emanuela Patroncini Aste Fallimentari avanti il Giudice Delegato ai Fallimenti Dott. S. Giusberti nell’aula delle pubbliche udienze Concordato Preventivo 03/2008 vendita senza incanto, quarto esperimento, Mercoledì 02 febbraio 2011 ore 10:00 in Contrada della Rosa 18 presso lo studio del notaio incaricato alla vendita Dott. Alessandro Riccioni OCCHIOBELLO (RO) Via Eridania Lotto 1) Trattasi di un immobile in corso di costruzione su area di risulta da demolizione di precedente fabbricato, sorgente nei pressi dello svincolo autostradale della A13 Bologna Padova Diritto venduto: Piena Proprietà Offerta minima E 972.000,00 BELFORTE MONFERRATO (AL) Lotto 2) TERRENO EDIFICABILE ED AGRICOLO Diritto venduto: Piena Proprietà Offerta minima E 648.000,00 VOGHIERA (FE), LOC. GUALDO Via F.lli Navarra 4 Lotto 3) TERRENO EDIFICABILE con sovrastante piccolo capannone in prossimità dello svincolo della superstrada Fe-Mare Diritto venduto: Piena Proprietà Offerta minima E 421.200,00 MIZZANA DI FERRARA Via E. da Rotterdam Lotto 4) TERRENO EDIFICABILE di Ha 03.97.80 di forma irregolare della superficie catastale di Ha 03.97.80 in zona artigianale industriale, in prossimità del casello autostradale Ferrara-Nord Diritto venduto: Piena Proprietà Offerta minima E 2.073.600,00 FERRARA Via G. Bongiovanni Lotto 5) TERRENO EDIFICABILE di Ha 00.36.93 privo di edifici, di forma irregolare, recintato in parte con muretti prefabbricati Diritto venduto: Piena Proprietà Offerta minima E 712.800,00 FERRARA C.so E. I°D’Este 63 e Via Leopardi 20-22 Piani Seminterrato, Rialzato, Primo e Sottotetto Lotto 6) VILLA INDIPENDENTE SU TRE LATI, CON GIARDINO. Le superfici commerciali sono le seguenti:P. Seminterrato mq. 340; P. Rialzato mq. 268; P. Primo mq. 159; Sottotetto mq. 80; Giardino esclusivo mq. 960. Diritto venduto: Piena Proprietà Offerta minima E 2.592.000,00 FERRARA P.zza F. Beretta 23 Lotto 7) Complesso denominato "ASTRA CASINO’". Trattasi di PORZIONE DI FABBRICATO composta da un locale ristorante con annessi servizi ed accessori al piano terra, una sala da gioco (Bingo) con accessori al P. Primo, salotto ospiti al P. Secondo con servizi nonché camere con bagno per uso foresteria e del personale al P. Terzo. Le superfici commerciali sono le seguenti: P. Terra mq. 465, P. Primo mq. 495; P. Secondo mq. 467; P. Terzo mq. 283; Giardino esclusivo mq. 213 catastali. Diritto venduto: Piena Proprietà Offerta minima E 3.207.600,00 FERRARA C.so Porta Po 119/A, Piano Terra Lotto 8) NEGOZIO con deposito nel P. Interrato, facente parte del condominio Embassy. Diritto venduto: Piena Proprietà Offerta minima E 90.720,00 FERRARA C.so Porta Po 115/A, Piano Terra Lotto 9) NEGOZIO già adibito a bar, con deposito nel P. Interrato, facente parte del condominio Embassy Diritto venduto: Piena Proprietà Offerta minima E 110.160,00 FERRARA P.zza Cacciaguida 24, Piano Terra Lotto 10) NEGOZIO posto nel condominio "Le Crocette" Diritto venduto: Piena Proprietà Offerta Minima E 149.040,00 FERRARA P.zza Cacciaguida 22 - scala E - int. 1, Piano Primo Lotto 11) UFFICIO di ampie dimensioni posto nel condominio "Le Crocette" Diritto venduto: Piena Proprietà Offerta minima E 200.880,00 FERRARA Via del Lavoro 8 Lotto 12) COMPLESSO IN CORSO DI RISTRUTTURAZIONE di superficie coperta di mq. 1727 con volume esistente di mc. 1488 Diritto venduto: Piena Proprietà Offerta minima E 1.231.200,00 Commissario liquidatore Dott. Valter Bignozzi Fallimento n. 35/06 vendita senza incanto Martedì 08 marzo 2011 ore 9.15 (Quarto esp.) avanti al Giudice Delegato Dott. Stefano Giusberti MIRABELLO, (FE) Via Imperiale, 9/A Lotto unico) COMPLESSO IMMOBILIARE costituito da un capannone artigianale con annesse tettoie/deposito in prefabbricato di c.a., palazzina con uffici e appartamento ed area scoperta circostante. Offerta minima E. 536.400,00 Diritto venduto: Piena Proprietà Curatore: Dott. Paolo Pifferi

Istituto Vendite Giudiziarie Ferrara

Condizioni di vendita Immobiliare

Inventari e Foto www.asteferrara.it Informazioni 0532/56655 - 335/6740955 Istituto Vendite Giudiziarie Tribunale di Ferrara Aste Giudiziarie Mobiliari, Fallimenti via Gulinelli 9 Ferrara “Sala Aste” ore 16.00

Esecuzioni con incanto e senza incanto: a) I concorrenti dovranno depositare nel luogo, alla data e all’ora stabilita nel bando d’asta, la domanda in carta da bollo da € 14,62, fotocopia di un documento di identità, del codice fiscale e l’estratto per riassunto dell’atto di matrimonio o certificato di stato libero unitamente a n. 2 distinti assegni circolari intestati al professionista incaricato della vendita, salvo integrazione di queste ultime, a pena di decadenza dalla aggiudicazione, ai sensi art. 587 c.p.c. da calcolarsi sul prezzo base; b) saldo prezzo entro 60 giorni dall’aggiudicazione, dedotta la cauzione, pena la rivendita in danno, da versarsi a mezzo di assegno circolare non trasferibile intestato al notaio medesimo; c) gli aggiudicatari potranno, ricorrendone i presupposti, avvalersi delle disposizioni di cui agli art.17 5° comma e 40 6° comma L. 47/85; controllare attentamente il bando d’asta prima del deposito. Nota Bene Esecuzioni (*) credito fondiario = Immobile con la possibilità per gli aggiudicatari che non intendano avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto di finanziamento prevista dal comma 5, dell’art. 41 T.U.D.LGS. 1.9.93.n.385, di versare direttamente alla banca, nel termine di 20 giorni dalla data di incanto, la parte del prezzo corrispondente al complessivo credito della stessa. L’eventuale residuo prezzo, dedotta la cauzione, dovrà essere versato al Notaio Delegato entro 60 giorni dall’aggiudicazione, pena la rivendita in danno. Fallimentari con incanto: a) I concorrenti dovranno depositare c/o la Cancelleria Fallimentare entro le ore 12 del giorno precedente l’asta la domanda in carta da bollo da euro 14,62 e n. 2 assegni circolari intestati al Fallimento in persona del Curatore pari al 10% per cauzione e 10% per fondo spese da calcolarsi sul prezzo base; b) saldo prezzo entro 60 giorni dall’aggiudicazione, dedotta la cauzione, pena la rivendita in danno c) informazioni c/o la Cancelleria Fallimentare tel. 0532/205880 e c/o i Sigg. Curatori Per tutte le vendite: l’immobile si acquista nello stato di fatto e di diritto in cui si trova e così come meglio specificato nella perizia; Le spese inerenti il trasferimento della proprietà sono a carico dell’aggiudicatario. Per le vendite in sede di gara di aumento di sesto la aggiudicazione è definitiva Gli interessati dovranno controllare la perizia ed il bando prima dei depositi cauzionali per verificare possibili errori dei testi pubblicitari, anomalie o irregolarità sugli immobili Ci scusiamo per eventuali errori di testo

Calendario 2010 Febbraio Lunedì 14 Marzo Lunedì 14 Aprile Lunedì 11 Maggio Lunedì 09 Giugno Lunedì 06 Luglio Lunedì 04 Visione dei beni i giorni che precedono l’asta Inventari e foto www.asteferrara.it

INFORMAZIONI ASTE MOBILIARI E IMMOBILIARI Istituto Vendite Giudiziarie Ferrara: via Gulinelli 9, Ferrara dal lunedì al venerdì dalle ore 9/ 13 0532/56655 – 335/6740955 Fax 0532/774331 - estenseaste@gmail.com TUTTE LE VENDITE MOBILIARI E IMMOBILIARI Inventari e Foto www.asteferrara.it SERIZIO GRATUITO ISCRIVITI SU WWW.ASTEFERRARA.IT SARAI AGGIORNATO SETTIMANALMENTE SU TUTTE LE VENDITE MOBILIARI E IMMOBILIARI DEL TRIBUNALE DI FERRARA


AVVISO D’ASTA

Avviso prot. n. 44959 del 17.12.2010 LOTTO N.1 – EX CASERMA SANI

LOTTO N.2 – CASERMA MASINI

PREZZO A BASE D’ASTA: 41.899.536,00 - CAUZIONE: 4.189.953,60 Dati Identificativi Comune: Bologna, Via Ferrarese, 199 Catasto Terreni: Foglio 117, Particelle 100, 102, 17, 18, 192, 195, 196, 197, 20, 203, 24, 26, 29, 30, 31, 32, 33, 34, 35, 37, 38, 40, 41, 42, 43, 44, 45, 46, 47, 49, 77, 79, 82, 83, 84, 88, 89, 90, 91, 92, 93, 94, 95, 96, 97, 98, 99. Superficie territoriale: mq 108.369 Superficie utile lorda: mq 40.031 Volume: mc 204.206 Stato Manutentivo: mediocre Stato occupazionale: libero ad eccezione di cinque alloggi in fase di rilascio. Referente: Giuseppe Martelli Consistenze di Progetto SUL massima: …………. mq 53.900 di cui: - usi di iniziativa privata mq 48.750 - edilizia sociale pubblica mq 2.700 - attrezzature e spazi collettivi mq 2.450

Descrizione: trattasi di un'ampia area militare di ca.11 ha all’interno della quale sono presenti 26 edifici diversi per dimensioni, epoca di costruzione, tipologia e stato di conservazione. Sono presenti magazzini, palazzine in linea e edifici specialistici produttivi, fra cui 2 silos e un fabbricato destinato ad ospitare le celle frigo. Il compendio è ubicato in località Casaralta (quartiere Navile), fra via Ferrarese e via Stalingrado, a nord della stazione ferroviaria e nei pressi della Fiera. La sua posizione è strategica, in quanto cerniera fra centro storico, periferia, zona fieristica e tessuti edificati limitrofi. L’ampiezza e le potenzialità di trasformazione ne fanno una delle principali aree di trasformazione della Bolognina est. La Caserma è stata dichiarata di interesse storico-artistico ai sensi del D.Lgs.42/2004. Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali ne ha autorizzato l’alienazione. Funzioni ed Usi Amm essi: usi abitativi di tipo urbano, servizi economici ed amministrativi, servizi commerciali ed artigianato di servizio, servizi ricettivi e ristorativi, servizi ricreativi, servizi sociali e di interesse generale.

PREZZO A BASE D’ASTA: 13.420.845,00 - CAUZIONE: 1.342.084,50 Dati Identificativi Comune: Bologna, tra Via S. Stefano, Borgolocchi e Orfeo Catasto Terreni: Foglio 205, Particelle 167, 168, 169 (sub 1), 171, 319, 322 Superficie territoriale: 7.490 mq Superficie utile lorda: 8.120 mq+600 mq di interrati Volume: 27.184 mc Stato manutentivo: mediocre Stato ccupazionale:libero ad eccezione di un alloggio, occupato senza titolo, in fase di rilascio. Referente: Giuseppe Martelli

Descrizione: Il Complesso è composto da diversi corpi di fabbrica che comprendono anche la chiesa interna del convento con l'annessa cripta, un lungo edificio a due piani che veniva adibito ad uffici, un edificio a tre piani e dei capannoni, dove è presente l’entrata principale e carrabile. Tali corpi di fabbrica, disposti lungo i quattro lati, delimitano un’ampia area a piazzale. Il compendio è localizzato nel centro storico (quartiere Santo Stefano), in zona di grande pregio urbanistico e spiccata vocazione residenziale (zona Galvani). Il complesso è ubicato tra le vie S. Stefano, Borgolocchi e Orfeo, all’interno del centro urbano e poco distante dalla porta Santo Stefano. A breve distanza il complesso storico del Conservatorio del Baraccano, con la relativa Chiesa, ed i Giardini Margherita. I poli funzionali di riferimento sono gli Uffici Giudiziari, il Policlinico S.Orsola-Malpighi e l’Università. Il complesso è stato dichiarato di interesse storico-artistico ai sensi del D.Lgs.42/2004. Il Ministero per i Beni e le Attività culturali ha autorizzato l’alienazione del bene. Funzioni ed Usi Am mess i: usi abitativi di tipo urbano, usi industriali ed artigianali, servizi economici ed amministrativi, servizi commerciali ed artigianato di servizio, servizi ricettivi e ristorativi, servizi ricreativi, servizi sociali e di interesse generale.

L’AGENZIA DEL DEMANIO

RENDE NOTO CHE

1.

2.

3. 4. 5. 6.

La procedura di alienazione promossa con Avviso di gara prot. n. 38594 del 28.10.2010, avente ad oggetto il lotto n. 1, ex Caserma Sani, il lotto n. 2, Caserma Masini ed il lotto n. 3, ex Caserma Minghetti (aliquota) e chiusa in data 15.12.2010, si è infruttuosamente conclusa per i lotti n. 1, ex Caserma Sani e n. 2, Caserma Masini, non essendo pervenuta alcuna offerta nei tempi stabiliti nel bando di gara. Intende, comunque, procedere all’alienazione dei citati lotti già posti in vendita con avviso di gara prot. n. 38594 del 28.10.2010, con la stessa procedura, condizioni e termini ivi stabiliti, che qui devono intendersi integralmente richiamati e trascritti e disponibile sul sito internet dell’Agenzia. Le offerte dovranno essere presentate entro e non oltre le ore 16.00 del 14.02.2011, pena l’esclusione dalla procedura. Il giorno 15.02.2010, 2011 alle ore 11.00 presso la sede di Bologna della Filiale Emilia Romagna dell’Agenzia del Demanio, una Commissione, appositamente costituita, procederà all’apertura pubblica delle buste. Per informazioni è possibile rivolgersi alla Filiale Emilia Romagna sede di Bologna tel. 051.6400311. Consultando il sito internet www.agenziademanio.com, alle sezioni “vendita immobili” e “vendita immobili valorizzati”, potranno essere scaricate le brochure illustrative dei beni ed il relativo bando di gara. Per informazioni e sopralluoghi è possibile rivolgersi alla Filiale Emilia Romagna, sede di Bologna, tel. 051.6400311.

Data 17.12.2010 DIRETTORE DELL’AGENZIA f.to Maurizio Prato

AsteInfoappalti  

Ed. Nazionale - Gennaio 2011 (Con il provvedimento del 28/06/2010 è stata disposta l'iscrizione della società Guido Talarico Editore S.p.a.,...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you