Page 17

Marzo 2013

17

• Maggiori informazioni Presso il delegato c/o CEG 0321/397588 - fax 0321/640583, dal lun. al ven. h. 14.30 - 17.00 e Custode IVG di Novara tel. 0321/627393 - fax 0321/392892 e sui siti www.tribunale.novara.it e www.astegiudiziarie.it. (A213534).

TRIBUNALE DI PALERMO

SEZIONE FALLIMENTI Fallimento n. 81/2012 RICHIESTA DI MANIFESTAZIONE D’INTERESSE Con perizia sintetica datata 12.12.2012, successivamente integrata e modificata, il Ctu nominato dal Giudice delegato, Ing. Mario D’Amore, ha stimato gli immobili, acquisiti all’attivo fallimentare della procedura 81/2012, come segue: 1) “Complesso in Collesano (PA), contrada Bertuccelli, esteso ha 61 circa, sul quale insistono: campo da golf a 18 buche con percorso di m. 6035 classificato come “par 72”, con pitching green, putting green e driving green; club house, dependance; trentadue villette; albergo su tre elevazioni con 26 camere parzialmente arredate, reception, sala con-

vegni, beauty farm (allo stato grezzo) tre grandi saloni, ristorante, bar, cucine e servizi; aggregazioni composte da 14 corpi a monte dell’albergo con 46 stanze, 14 junior suite e 2 suite presidenziali parzialmente arredate; grande piscina da ripristinare; capannone officina; oleificio; due campi da tennis con tribune; impianto di cogenerazione. Il complesso è piantumato con, tra l’altro, circa 3000 alberi di olivo e circa 2000 di agrumi; 2) “Villetta unifamiliare in Campofelice di Roccella, SS 113, con annesso pozzo”. Valore di mercato (per entrambi i beni): € 63.000.000,00. 3) “Azienda agricola in Collesano, contrada Ivuoni (o Vuoni) estesa ha 24 circa, alberi di olivo, vigneto, capannone, fabbricato rurale e rudere”. Valore di mercato € 1.600.000,00. • Con la stessa perizia il Ctu ha determinato il valore locativo di tutti i predetti beni, per i primi tre anni di locazione (considerato che appaiono necessari diversi interventi di manutenzione anche straordinaria, che resterebbero interamente a carico dell’eventuale conduttore che dovrà obbligarsi ad effettuarli) in € 350.000,00 annui, e per i successivi in € 800.000,00 annui. • Chiunque fosse interessato all’acquisto potrà presentare in Tribunale entro il 15 aprile 2013 ore 13 offerta corredata da cauzione nelle forme dei depositi giudiziari pari al 10% del prezzo offerto (valendo al riguardo le norme del codice di procedura civile in tema di vendite immobiliari) ovvero presentare offerta di acquisto con impegno a versare detta cauzione a semplice richiesta della curatela qualora l’offerta dovesse essere accettata. • Chiunque fosse interessato alla locazione potrà presentare offerta in busta

chiusa da fare pervenire al Tribunale di Palermo, sezione fallimenti, piazza V.E. Orlando Palermo, alla c.a. del Giudice delegato Dott.ssa Gabriella Giammona, entro il 15.04.2013 ore 13.00, indicando il prezzo offerto, e corredata tra l’altro da dettagliate informazioni sull’offerente (in particolare sulla pregressa esperienza nel settore) sulle condizioni di pagamento, sulle garanzie che si intendano offrire (che dovranno permanere per tutta la durata della locazione), sul periodo per il quale si è interessati alla locazione e sul mantenimento dei livelli occupazionali dei dipendenti della società fallita. • Il Tribunale valuterà anche eventuali domande di acquisto o di affitto dell’azienda, comprendente anche i beni mobili che insistono nel sito. • Chiunque volesse ulteriori informazioni potrà contattare il curatore fallimentare Avv. Massimo Pensabene, via Principe di Villafranca n. 46, Palermo, tel. 091/6110695, mail studiolegpensabene@libero.it. • La presente non costituisce offerta al pubblico ex art. 1336 cod. civ. e non impegna in alcun modo la curatela. Il curatore fallimentare Avv. Massimo Pensabene

TRIBUNALE DI PARMA

PRODUTTORI RIUNITI s.r.l. a socio unico in concordato preventivo – n. 15/2011 del Tribunale di Parma VENDITA DI MACCHINARI ED ATTREZZATURE I sottoscritti Liquidatori comunicano che il giorno 02 aprile 2013, alle ore 10.00, presso il Consorzio Agrario di Parma in Parma – strada dei Mercati n. 17, si procederà alla vendita dei seguenti beni: lotto 1: linea lavorazione del burro per il prezzo base di euro 61.500; lotto 2: linea taglio e confezionamento del formaggio per il prezzo base di euro 131.000; vendita singolarmente di n. 47 contenitori refrigerati per panna ai rispettivi prezzi base. • I prezzi base dei contenitori sono evidenziati in apposito prospetto che potrà essere richiesto al n. 0521 928211, al quale gli interessati potranno altresì rivolgersi per ogni informazione circa i beni. • Chiunque intenda partecipare alla vendita dei suddetti beni deve fare pervenire offerta scritta almeno pari ai

UFFICIO DELLA LIQUIDAZIONE COATTA AMMINISTRATIVA DECRETO ASSESSORIALE N.68 DEL 27/01/1988 AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO L’Ufficio della Liquidazione Coatta Amministrativa in intestazione vende area edificabile sulla quale insistono n. 2 capannoni originariamente adibiti a stoccaggio di vini ed alcool, ubicati nel territorio del Comune di Marsala (TP) tra la via Verdi ed il Lungomare Mediterraneo e, segnatamente: LOTTO UNICO: Area sulla quale insistono due capannoni contrassegnati in perizia come CAPANNONE 1 superficie coperta di mq 1.437,48, volumetria 22.758,48 m3, struttura portante in acciaio zincato peso 38.723,08 KG, comprendente anche palazzina servizi, uffici ed alloggi estesa 200 mq e CAPANNONE 2 superficie coperta di 1.163,08 mq, volumetria di 18.446,00 m3, struttura portante in acciaio zincato di 36.998,50 KG, censiti al NCEU del Comune di Marsala al foglio 412, particella 316 sub 1; 316 sub 2; 316 sub 3 e particella 317. • Per una migliore individuazione del compendio, dei dati catastali e quant’altro necessario, ci si riporta alle relazioni di consulenza tecnica ed alla relazione notarile agli atti della procedura. • Per la individuazione della destinazione d’uso del compendio immobiliare e per le possibili formule di intervento edilizio compatibile con lo zoning urbanistico del Comune di Marsala, ci si riporta espressamente agli elaborati tecnici e di stima agli atti della Procedura. • L’Ufficio della Liquidazione venderà l’intero compendio in unico lotto senza incanto, fissandosi quale prezzo base la somma complessiva di euro 2.533.000,00 (duemilionicinquecentotrentatremile/00) oltre imposte, somma comprensiva del valore dell’immobile come da relazione in atti e del valore delle strutture metalliche costituenti i capannoni, oggetto di separata valutazione, pure agli atti della procedura. La vendita avverrà nello stato di fatto e di diritto nel quale il compendio si trova e chiunque, eccetto il soggetto in liquidazione coatta, è ammesso a presentare offerte, personalmente o a mezzo procuratore legale ai sensi dell’art. 579 ultimo comma c.p.c. • L’intero compendio è libero per essere stati venduti ed asportati i tini in acciaio originariamente allocati all’interno dei capannoni. • Ogni offerente dovrà presentare offerta in busta chiusa, contenente cauzione per importo pari al 10% del prezzo offerto mediante assegno circolare non trasferibile intestato a “Ufficio della Liquidazione Coatta D.A. N.68 del 27/01/1988” deposito che sarà immediatamente restituito all’offerente non aggiudicatario. • Le offerte dovranno specificare il cognome, nome, luogo e data di nascita dell’offerente, con la indicazione del codice fiscale, stato civile e autodichiarazione in ordine al regime patrimoniale del coniugato (con la indicazione dei corrispondenti dati del coniuge in caso di offerente coniugato in regime di comunione legale dei beni), se persona fisica; ovvero denominazione, sede legale, partita IVA e codice fiscale, ed indicazione del legale rappresentante, se società od altro (allegando, in tal caso, anche idoneo certificato del Registro delle imprese, dal quale risulti l’attuale vigenza della società o dell’ente, con enunciazione dei poteri di rappresentanza legale). In caso di domanda presentata da minorenne, la stessa dovrà essere sottoscritta dai genitori esercenti la potestà, previa autorizzazione del Giudice Tutelare. L’offerta dovrà altresì contenere l’indicazione dei dati identificativi del bene per il quale la stessa è proposta o la indicazione del lotto. • L’offerente dovrà dichiarare la residenza ovvero eleggere domicilio presso il Comune di Palermo. Dovrà essere indicato indirizzo di posta elettronica certificata o numero di fax al quale potranno essere indirizzate tutte le comunicazioni inoltrate dall’Ufficio della LCA. In mancanza, le comunicazioni verranno fatte presso l’Ufficio della Liquidazione Coatta Amministrativa in Palermo, nella via Emerico Amari 32. • Le offerte dovranno pervenire a mezzo raccomandata a/r o depositate dall’offerente o da persona da esso delegata, previa identificazione con esibizione di valido documento d’identità, presso i locali l’Ufficio della Liquidazione Coatta Amministrativa in Palermo, nella via Emerico Amari 32, scala A, piano 2, entro le ore 18,00 del giorno 08 aprile 2013. • L’offerta dovrà essere contenuta in busta chiusa e sigillata con soprascritta la dicitura “offerta di acquisto beni Liquidazione Coatta Amministrativa D.A. N.68 del 27/01/1988 “. • Il giorno 09 aprile 2013, alle ore 17,00 l’Ufficio della Liquidazione Coatta procederà presso la sede dell’Ufficio della L.C.A. all’apertura delle buste, all’esame e alla deliberazione sulle stesse. In caso di pluralità di offerte valide, si inviteranno gli offerenti ad una gara sull’offerta più alta, ai sensi dell’art. 573 c.p.c., da espletarsi contestualmente. In caso di gara l’offerta in rialzo non potrà essere inferiore ad euro 10.000,00 (DIECIMILA/00). • In caso di unica offerta aumentata di un quinto del prezzo base d’asta, è fatta salva, ai sensi dell’art. 572 comma 3 c.p.c., la facoltà dell’Ufficio della Liquidazione di non procedere alla aggiudicazione ed alla vendita ove ritenga opportuna una vendita all’incanto, acquisita l’autorizzazione della Autorità di Vigilanza. • L’aggiudicatario dovrà depositare il prezzo, dedotta la cauzione già versata, entro sessanta giorni dall’aggiudicazione, a mezzo assegni circolari non trasferibili intestati all’Ufficio della Liquidazione Coatta Amministrativa come sopra, da consegnarsi presso la sede dello stesso. In caso di mancato deposito del saldo prezzo entro il termine stabilito, l’aggiudicatario sarà dichiarato decaduto con perdita della cauzione a titolo di multa. • Il compendio è posto in vendita nello stato di fatto, di diritto ed urbanistico in cui si trova e meglio e più specificatamente descritti nelle relazioni del perito in atti, alle quali si fa espresso riferimento, con tutti i relativi diritti ed obblighi, pertinenze, accessioni, dipendenze, vincoli, ragioni ed azioni, servitù attive e passive; la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo. La vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. • Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere – ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore – per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati nella perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni e nella determinazione del prezzo. • Depositato il saldo prezzo e comunque non oltre 15 giorni dal detto deposito, sarà rogato l’atto pubblico di trasferimento della proprietà presso notaio da indicarsi da parte acquirente o, in mancanza, dall’Ufficio della L.C.A. • Tutte le spese di trasferimento della proprietà, ivi incluse imposte, tasse ed onorari del notaio, sono ad esclusivo carico della parte acquirente, così come ogni onere economico relativo alla cancellazione delle formalità pregiudizievoli da richiedersi al Conservatore dei RR.II. con onere a carico dell’aggiudicatario e previa emissione del decreto di cancellazione di cui all’art. 5 L.400/1975. • Per quanto non espressamente previsto, si rimanda alle disposizioni di cui agli articoli 570 e SS c.p.c. • Il presente bando sarà pubblicato per estratto per una sola volta sul quotidiano Il Sole 24 Ore almeno 45 giorni prima della data fissata per la vendita e pubblicato per esteso, unitamente alla relazione peritale, sul sito www.astegiudiziarie.it nel medesimo termine. • Informazioni presso i Commissari Liquidatori tel. 091/333844, e.mail avv.pasqualerusso@libero.it, PEC pasquale.russo@pecstudio.it ovvero presso l’Assessorato Regionale alle Attività Produttive, Servizio Ispettivo e Vigilanza Cooperative. I COMMISSARI LIQUIDATORI Rosaria Cassarà Pasquale Russo Vincenzo Graziano

AsteInfoappalti  
AsteInfoappalti  

Ed. Nazionale Marzo 2013 (Con il provvedimento del 28/06/2010 è stata disposta l'iscrizione della società Guido Talarico Editore S.p.a., sit...

Advertisement