Page 11

Marzo 2013

11

TRIBUNALE DI CAMPOBASSO

SETTORE FALLIMENTARE Fallimento N° 15/05 Sentenza dichiarativa Tribunale di Campobasso n° 15/05 del 17/11/2005 Avviso di vendita immobiliare con incanto L’anno 2013 il giorno 16 del mese di maggio, alle ore 12:00, presso il Tribunale di Campobasso, Via Elena, dinanzi al Giudice Delegato al fallimento Dott.ssa Elena Quaranta, assistito come per legge, si procederà alla vendita con incanto degli immobili di seguito indicati – come da Relazione di Consulenza Tecnica d’Ufficio del 10/03/2011 depositata in Cancelleria il 18/03/2011, a firma dell’Ing. Antonio Lamenta, nominato perito estimatore nella procedura fallimentare dal Giudice Delegato al fallimento - in numero quattro lotti: LOTTO PRIMO Località Monteverde – Comune di Bojano (CB). Il lotto è costituito da: 1. Appezzamenti di terreno privi di edificazione Dati Catastali: Catasto Terreni del Comune di Bojano foglio 28, particella 380, qualità seminativo, classe 3, superficie are 16 ca 50, reddito dominicale euro 2,98, reddito agrario euro 5,97. Destinazione urbanistica di zona. 2. Stabilimento tessile Impianto di depurazione Appezzamento di terreno su cui insistono un intero impianto di depurazione delle acque ed un fabbricato ad uso stabilimento per la lavorazione di tessuti. Dati Catastali: Catasto Fabbricati del Comune di Bojano: -foglio 28, particella 368, sub 1 e sub 2, zona cens. 2, categoria D/7, rendita euro 154.937,07 -foglio 28, particella 368, sub 3, categoria area urbana. Catasto Terreni del Comune di Bojano: -foglio 28, particella 368, qualità ente urbano, superficie ha 7 are 92 ca 00. Destinazione urbanistica di zona. In dettaglio: 2.1 Lo stabilimento può essere suddiviso in due blocchi: Nucleo centrale destinato alla produzione: si sviluppa su di un unico livello avente superficie lorda complessiva pari a circa mq 20.765,92 ed una distribuzione interna costituita da: aree destinate alla lavorazione dei tessuti, sia di tintoria che di stamperia; area controllo qualità; area nobilitazione; cucina colori per stamperia; cucina colori per tintoria con annesso laboratorio; magazzini di stoccaggio per prodotto finito; magazzini di stoccaggio per prodotto semilavorato; deposito cilindri con annessa area per fotoincisione; deposito colori; aree ospitanti una centrale termica ed una cabina di trasformazione; aree adibite a filtro antincendio; aree di servizio, costituite da spogliatoi e bagni.

Edificio secondario destinato ad uffici: a pianta rettangolare allungata, è costituito da un piano terreno e un piano primo, ciascuno di superficie lorda pari a circa mq 1070,60 e per un totale di circa mq 2141,20. Per quanto riguarda gli impianti, all’interno del complesso sono individuabili i seguenti volumi tecnici: Centrale termica dello stabilimento da 27.900 kW per il ciclo produttivo, alimentata a gas di rete; Centrale termica da 345 kW per climatizzazione degli uffici; Due serbatoi interrati per olio diatermico; Serbatoio percloroetilene; Cabina di trasformazione Enel. E’ presente un sistema di condizionamento dell’aria composto da centrale termica e una centrale frigorifera. 2.2 L’impianto di depurazione delle acque reflue: è costituito da un fabbricato e da altre componenti formanti due linee legate l’una all’altra dal punto di vista funzionale: linea liquami e linea fanghi. Il fabbricato dell’impianto risulta composto da un locale compressori, un locale filtri, un locale quadro elettrico, un locale reagenti, un laboratorio ed un locale filtro pressa, quest’ultimo previsto ma non realizzato. Le altre strutture che compongono l’impianto risultano: vasca di accumulo e di sollevamento; vasca di decantazione; vasca di ossidazione biologica; vasca di accumulo e di omogeneizzo acque reflue di scarico; vasca di recupero; vasca per acqua dura; vasca per acqua depurata. Sono inoltre presenti ulteriori n. 10 piccole vasche utili ai processi depurativi. 3. Piccolo appezzamento di terreno su cui insiste un singolo fabbricato, non di proprietà della omississ, ospitante un impianto di adduzione metano. L’appezzamento di terreno è posto leggermente a Nord del citato depuratore ed interno alla particella 802 foglio 28, dalla quale si ha accesso. Il terreno in questione, interamente recintato con rete metallica, si sviluppa perimetralmente ad un piccolo fabbricato monopiano in c.a. in cui è collocato un impianto di decompressione del gas metano. La società omississ non risulta proprietaria dello stabile ma risulta utente degli impianti presenti. Dati Catastali: Catasto Fabbricati del Comune di Bojano foglio 28, particelle 369, 663, 664, 665, 666, 667, 669, 690, 775, 803, 804, zona cens. 2, categoria D/1, rendita euro 3.615,20. Catasto Terreni del Comune di Bojano foglio 28, particella 803, qualità ente urbano, superficie are 01 ca 10. Destinazione urbanistica di zona. Confini: Le particelle relative allo stabilimento ed al depuratore confinano a Nord con le part. 802 e 804 foglio 28, a Sud con la part. 432 foglio 28 ed il torrente Rio Bottone, ad Ovest con una strada comunale e ad Est con la strada provinciale Bojano-Baranello, collegata con la viabilità principale rappresentata dalla SS 17. PREZZO BASE Euro 9.694.357,00 RILANCIO MINIMO Euro 193.900,00 (2% prezzo base con arrotondamento) LOTTO SECONDO Località Monteverde – Comune di Bojano (CB) Il lotto è costituito da: Appezzamento di terreno su cui insiste una Cabina Metano posta in adiacenza alla portineria dello stabilimento “omississ”. Dati Catastali:

Catasto Fabbricati del Comune di Bojano foglio 28, particelle 369, 663, 664, 665, 666, 667, 669, 690, 775, 803, 804, zona cens. 2, categoria D/1, rendita euro 3.615,20. Catasto Terreni del Comune di Bojano foglio 28, particella 690, qualità ente urbano, superficie are 00 ca 55. Destinazione urbanistica di zona. Confini: Il lotto confina a Nord-Est con la strada di accesso allo stabilimento “omississ”, da cui si ha accesso, e a Sud-Ovest con la particella 794 foglio 28. PREZZO BASE Euro 11.000,00 RILANCIO MINIMO Euro 220,00 (2% prezzo base) LOTTO TERZO Località Monteverde – Comune di Bojano (CB) Il lotto è costituito da: insieme di appezzamenti di terreno su cui insiste un impianto di depurazione biologica “omississ” con cabina Enel. Dati Catastali: Catasto Fabbricati del Comune di Bojano foglio 28, particelle 369, 663, 664, 665, 666, 667, 669, 690, 775, 803, 804, zona cens. 2, categoria D/1, rendita euro 3.615,20. Catasto Terreni del Comune di Bojano: -foglio 28, particella 369, qualità ente urbano, superficie are 08 ca 00 -foglio 28, particella 663, qualità ente urbano, superficie are 00 ca 30 -foglio 28, particella 664, qualità ente urbano, superficie are 00 ca 40 -foglio 28, particella 665, qualità ente urbano, superficie are 00 ca 40 -foglio 28, particella 666, qualità ente urbano, superficie are 00 ca 20 -foglio 28, particella 667, qualità ente urbano, superficie are 04 ca 80 -foglio 28, particella 669, qualità ente urbano, superficie are 07 ca 80 -foglio 28, particella 775, qualità ente urbano, superficie are 09 ca 50 -foglio 28, particella 804, qualità ente urbano, superficie are 45 ca 70. Destinazione urbanistica di zona. Confini: Il lotto confina a Nord con la Particella 802 foglio 28, da cui si ha accesso, e con la particella 368 foglio 28 in corrispondenza dei lati rimanenti. Il presente depuratore è costituito dalle seguenti strutture: vasche di ossigenazione; vasche di accumulo; chiarificatore; vasca di denitrificazione; vasca di agitazione lenta; edificio ospitante sala comandi e sala gruppi elettrogeni; Cabina Enel; n. 1 fossa center; n. 1 sistema di pompe di rilancio acque depurate. PREZZO BASE Euro 393.375,00 RILANCIO MINIMO Euro 7.870,00 (2% prezzo base con arrotondamento) LOTTO QUARTO Località Pietre Cadute – Comune di Bojano (CB) Il lotto è costituito da: 1. Appezzamenti di terreno su cui insiste un impianto di pompaggio. Dati Catastali:

Catasto Fabbricati del Comune di Bojano foglio 65, particelle 403, 413, 414, zona cens. 1, categoria D/1, rendita euro 568,10. Catasto Terreni del Comune di Bojano: -foglio 65, particella 403, qualità ente urbano, superficie are 10 ca 80 -foglio 65, particella 413, qualità ente urbano, superficie are 00 ca 63 -foglio 65, particella 414, qualità ente urbano, superficie are 00 ca 07. Destinazione urbanistica di zona. Confini: gli appezzamenti di terreno su cui insiste l’impianto di pompaggio confinano a Nord con una strada comunale e con la particella 399 foglio 65, ad Est con la particella 44 foglio 65 e a Sud ed Est con la particella 398 foglio 65. Sulle particelle n. 414 e n. 413 sorgono due edifici in c.a., rispettivamente: (a) un pozzo piezometrico (b) uno stabile in cui sono presenti sia impianti per il pompaggio dell’acqua che impianti elettrici (allacci Enel). 2. Impianto di sollevamento sito in corrispondenza della sorgente del fiume Biferno e dalla condotta che da qui si dirama fino alle vasche di accumulo (part. 147, foglio 28) poste in prossimità dello stabilimento “omississ”. L’impianto di sollevamento è interrato ed è costituito da n. 3 pompe, mentre la condotta misura circa 3650,00 ml. PREZZO BASE Euro 70.750,00 RILANCIO MINIMO Euro 1.415,00 (2% prezzo base) • Per l’indicazione dei principali vincoli ed oneri gravanti sui beni, per i dati relativi alle licenze o concessioni edilizie, e per ogni ulteriore approfondimento si rimanda all’Ordinanza di vendita e alla perizia in atti. • La vendita avverrà con le seguenti modalità e condizioni: a) gli immobili sono posti in vendita in numero quattro lotti, al prezzo base segnato in calce alla descrizione degli stessi e l’aumento minimo non potrà essere inferiore all’importo ugualmente segnato in calce alla descrizione del lotto da aggiudicare; b) le domande di partecipazione all’incanto dovranno essere presentate in busta chiusa indirizzata alla Cancelleria fallimentare del Tribunale di Campobasso, entro le ore 12 del giorno precedente l’udienza fissata per l’espletamento dell’incanto. • Sulla busta devono essere indicati un nome o una sigla di fantasia che consenta all’offerente di identificare la propria busta all’udienza di cui sopra, la data della vendita e il nome del giudice. Nessuna altra indicazione – né numero o nome della procedura né il bene per cui è stata fatta l’offerta né altro – deve essere apposta sulla busta; c) la domanda dovrà contenere: 1) per le persone fisiche il cognome, nome, luogo e data di nascita, codice fiscale, domicilio e recapito telefonico dell’offerente, per le società la ragione sociale, partita IVA, domicilio e recapito telefonico; 2) i dati identificativi del bene per il quale la domanda è proposta; d) alla domanda dovrà essere allegato un assegno circolare non trasferibile intestato a “Tribunale di Campobasso – Curatore Fallimento n. 15/05 ”, per un importo pari al 10% del prezzo base, a titolo di cauzione, ed un assegno circolare non trasferibile intestato a “Tribunale di Campobasso – Curatore Fallimento n. 15/05”, per un importo pari al 15% del prezzo base, a titolo di copertura approssimativa delle spese di vendita e salvo conguaglio da versare in prosieguo; • in caso di mancata aggiudicazione en-

AsteInfoappalti  

Ed. Nazionale Marzo 2013 (Con il provvedimento del 28/06/2010 è stata disposta l'iscrizione della società Guido Talarico Editore S.p.a., sit...

Advertisement