Page 65

Notizie in breve vendemmie, ma a tutte le attività agricole di carattere stagionale effettuate da casalinghe, pensionati e da giovani con meno di 25 anni di età regolarmente iscritti ad un ciclo di studi presso l’università o un istituto scolastico di ogni ordine e grado e alle attività agricole svolte a favore dei produttori agricoli con un volume di affari annuo non superiore a 7.000 euro. La circolare Inps illustra le modalità e gli adempimenti a carico dei diversi soggetti per instaurare attività occasionali di tipo accessorio. L’estensione alla figura della casalinga, come anche le prestazioni dei giovani nel fine settimana, scaturisce come noto, da una azione sindacale di Coldiretti finalizzata soprattutto a rendere trasparenti le prestazioni rese da tali soggetti nell’ambito delle attività connesse di agriturismo. -------------------------------------------------------------------------------------LAVORATORI EXTRACOMUNITARI - La legge 125/2008 ha inasprito il regime sanzionatorio per il datore di lavoro che assuma un lavoratore privo di permesso di soggiorno o con un permesso scaduto per il quale non sia stato richiesto il rinnovo nei termini di legge. Per ogni lavoratore assunto privo di permesso di soggiorno è prevista la reclusione da 6 mesi a 3 anni e la sanzione pecuniaria di 5.000 euro. -------------------------------------------------------------------------------------ASSUNZIONE DI PARENTI ED AFFINI - ULTERIORMENTE ALLARGATO L’AMBITO DI OPERATIVITÀ DELL’ART.74 DEL DLGS - In particolare possono rendere prestazioni meramente occasionali, o ricorrenti di breve periodo nell’ambito delle attività agricole, anche i parenti ed affini fino al quarto grado (cugini, prozii, e pronipoti) del titolare, senza per questo che si instauri un rapporto di lavoro subordinato o autonomo. Queste prestazioni presentano le seguenti caratteristiche: • devono essere svolte in modo meramente occasionali o ricorrenti di breve periodo; significa che l’attività è prestata senza carattere di abitualità, in via eccezionale e straordinaria, anche ripetutamente nel corso dell’anno, ma sempre per brevi intervalli di tempo; • devono essere svolte esclusivamente a titolo di aiuto, mutuo aiuto,obbligazione morale; • devono essere gratuite, ovvero senza corresponsione di compensi. Se il parente o l’ affine che lavora in azienda percepisce una retribuzione anche in natura, rispetta un determinato orario di lavoro e sottostà alle direttive del datore di lavoro, il rapporto di lavoro è esattamente come un qualsiasi altro e pertanto deve sottostare alle normali ordinarie regole ( assunzione, busta paga ecc). -------------------------------------------------------------------------------------ASSUNZIONE MINORI: OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO - L’età minima per l’ammissione al lavoro è di 16 anni; il minore deve avere osservato per almeno dieci anni le norme sull’obbligo scolastico; per tutti i minori è obbligatoria la visita medica preventiva e periodica. A tal proposito la Direzione generale del Ministero del Lavoro, con una lettera del 7 maggio 2009, ha risposto per quanto attiene all’abolizione dell’obbligo di presentazione delle certificazioni di idoneità al lavoro – da parte dei minori residenti in Emilia Romagna.Il Ministero ha evidenziato la persistenza dell’obbligo della visita medica di idoneità fisica dei minori in ambito nazionale ed il rilascio della relativa certificazione. In considerazione di ciò, il Ministero del Lavoro ritiene che i medici di base, convenzionati con il servizio sanitario nazionale, possono sostituirsi alle ASL ed effettuare la visita di cui all’art. 8 della Legge n.977/1967. LE SANZIONI: la violazione della normativa in materia di tutela del lavoro minorile comporta a carico del datore di lavoro l’applicazione di un sistema sanzionatorio molto oneroso con sanzioni amministrative da € 516 a € 2.582, ma soprattutto penali (arresto fino a 6 mesi o ammenda fino a € 5.164). -------------------------------------------------------------------------------------LIBRO UNICO DEL LAVORO SCADENZA 16 FEBBRAIO 2010 - I datori di lavoro , committenti e soggetti intermediari tenutari, devono stampare il Libro Unico del lavoro o, nel caso di soggetti gestori, consegnare copia a chi è obbligato alla tenuta, riferito al periodo di paga precedente. Il processo avviene mediante stampa meccanografica su fogli mobili vidimati e numerati su ogni pagina oppure su stampa laser previa autorizzazione Inail e numerazione. -------------------------------------------------------------------------------------VERSAMENTI UNIFICATI - IL 16 FEBBRAIO 2010 - I contribuenti titolari di partita iva devono versare con F24 telematico i seguenti contributi ed imposte: • le ritenute alla fonte sui redditi di lavoro dipendente e assimilati trattenute dai

FEBBRAIO 2010

sostituti d’imposta nel mese precedente; • ritenute d’acconto su redditi di lavoro autonomo; • contributi previdenziali dovuti all’Inps dai datori di lavoro per il periodo di paga scaduto nel mese precedente; • contributi dovuti dai committenti alla gestione separata Inps per collaborazioni coordinate e continuative pagate nel mese precedente. -------------------------------------------------------------------------------------ASSUNZIONI - Tutti i datori di lavoro titolari di un rapporto di lavoro devono comunicare l’assunzione del lavoratore ai Centri per l’Impiego dove è ubicata la sede di lavoro, con modalità on-line. Il termine per inviare la comunicazione di assunzione scade alle ore del 24 del giorno precedente l’inizio del rapporto di lavoro anche se trattasi di giorno festivo. Il datore di lavoro deve consegnare al lavoratore copia della comunicazione preventiva di assunzione; l’omessa consegna prima dell’inizio della prestazione lavorativa comporta l’applicazione di una sanzione per ogni lavoratore. Casi di urgenza: per esigenze produttive tecnico-organizzative o per evitare danni a persone o impianti, l’inoltro può essere effettuato entro cinque giorni dall’instaurazione del rapporto di lavoro, fermo restando l’obbligo di comunicare entro il giorno antecedente, alcuni dati essenziali quali data di inizio della prestazione, generalità del lavoratore e del datore di lavoro. L’assunzione dovrà poi essere comunicata entro il primo giorno utile e comunque non oltre il 5° giorno. -------------------------------------------------------------------------------------CESSAZIONE E TRASFORMAZIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO - Tutti i datori di lavoro titolari di un rapporto di lavoro devono comunicarne la cessazione e la trasformazione ai Centri per l’Impiego entro i 5 giorni successivi, con modalità on-line. -------------------------------------------------------------------------------------SANZIONI - La mancata osservanza dei termini e delle prescrizioni legate ad assunzione, trasformazione ovvero cessazione di un rapporto di lavoro, possono comportare le seguenti sanzioni: • mancata consegna al lavoratore delle dichiarazione di assunzione:sanzione amministrativa pecuniaria pari da euro 250 a euro 1.500; • mancata comunicazione di assunzione:sanzione amministrativa da euro 100 a euro 500; • mancata comunicazione di variazioni del rapporto:sanzione amministrativa da euro 100 a euro 500; • mancata comunicazione della cessazione:sanzione amministrativa da euro 100 a euro 500. -------------------------------------------------------------------------------------TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE: NUOVE ASSUNZIONI E DESTINAZIONE DEL TFR - Al momento di una nuova assunzione l’azienda deve acquisire le informazioni relative alle scelte precedentemente effettuate dai lavoratori, nonché la relativa documentazione al fine di essere in grado di gestire il tutto conformemente alle disposizioni di legge. -------------------------------------------------------------------------------------PAGHE OPERAI E IMPIEGATI AGRICOLI - Le aziende interessate sono invitate a consegnare agli uffici di zona i dati mensili relativi ai propri dipendenti entro il 30 di ogni mese. Ciò per consentire la corretta gestione delle buste paga. -------------------------------------------------------------------------------------SCAMBIO DI MANODOPERA - La legge 83/1970 prevede lo scambio di manodopera tra piccoli imprenditori agricoli, indicato anche dall’art. 2139 del codice civile, che ne fornisce anche la seguente definizione: “sono piccoli imprenditori agricoli i coltivatori diretti del fondo che esercitano un’attività professionale organizzata prevalentemente col lavoro proprio e dei componenti la famiglia”. Quindi i soggetti che possono effettuare lo scambio di manodopera devono essere piccoli imprenditori, in possesso di partita Iva o unità attive Inps collegate ad una posizione imprenditoriale. Lo scambio di manodopera deve essere attuata a titolo gratuito. -------------------------------------------------------------------------------------ENPAIA – 25 FEBBRAIO 2010 I datori di lavoro agricolo devono presentare la denuncia contributiva all’Enpaia (Ente Nazionale di Previdenza per gli Addetti e per gli Impiegati Agricoli in agricoltura) a mezzo mod. DIPA/01e DIPA/02 per posta o via telematica degli impiegati occupati nel mese precedente, nonché procedere al versamento dei contributi a mezzo Mav bancario o in mancanza, tramite bollettino c/c postale.

63

La Voce dei Coltivatori  

La Voce dei Coltivatori - Coldiretti di Piacenza

La Voce dei Coltivatori  

La Voce dei Coltivatori - Coldiretti di Piacenza

Advertisement