Page 8

intervista conclusiva ai

RAPPRESENTANTI In vista della conclusione dell'anno scolastico, la Redazione ha deciso di proporre ai lettori un’intervista ai nostri rappresentanti di istituto (Tubini non ha potuto partecipare per motivi di salute): questo è quanto ne è uscito, speriamo di aver aiutato a fare chiarezza sul misterioso lavoro dei Rappresentanti. (Per facilità, MC corrisponde a Massimo Vareschi, GaliluiGalilei, DC a Davide Corraro, 3C, AD ad Alberto Dalla Riva, 5F, e MP a Michele Pedrotti, 5F) MV: Secondo voi, come è andato quest'anno scolastico? DC: È stato un anno ricco di vittorie, abbiamo fatto tutto quello che avevamo promesso in campagna elettorale, a parte lo spazio bar proposto da Listarsky e Hutch. Il ballo d'istituto è stato fatto, le magliette, le feste d'istituto sono state quasi tutti i mesi, le assemblee sono state tutti i mesi, tranne in maggio perché abbiamo avuto dei disguidi con il Preside. Penso che anche l'obiettivo comune delle nostre liste, la partecipazione, sia stato centrato, in quanto siamo arrivati a 600 presenze in aula magna, una cosa che non si era mai vista. MV: A proposito dei programmi, che ne è delle serate a scuola promesse dalla Shock List? AD: Questa era una proposta fatta dalla candidata Laura Santi: si era pensato di fare una serata a scuola a Maggio, ma il Preside non ha dato l'autorizzazione per venire a scuola la domenica sera. Il Preside aveva sottolineato che l'attività sarebbe stata contata come un'assemblea. MP: È stata una nostra mancanza, diciamo che non abbiamo avuto il tempo e l'energia per concentrarci anche su questo. MV: Quale è stata la vostra più grande vittoria? AD: Il ballo è stato ciò che ci ha dato più soddisfazione, ci siamo messi molto in gioco. È stato molto difficile da gestire, anche per i rischi economici che ci siamo assunti. Alla fine il risultato è stato molto bello, anche se tornando indietro non so se lo rifaremmo, perché è stata molto dura. DC: Secondo me la partecipazione alle assemblee, siamo passati dai 50-100 dell'anno scorso a un massimo di 600. I partecipanti all’ultima assemblea non li abbiamo contati ma penso fossero almeno 500. Era il nostro obiettivo e l'abbiamo raggiunto con il gioco di squadra. MP: Io di vittoria non parlo, perché l'unico grande obbiettivo che avevamo fissato era quello di portare avanti un'altra idea di scuola, cosa che sto dicendo da settembre e che ho scritto sul Giornalino. Lo stiamo cercando di trasmettere con il nostro lavoro che è secondo me molto coerente. L'idea di una scuola che non sia la solita menata per prendere bei voti, ma una scuola in cui si cresce e che ci prepara al nostro futuro. Non siamo stati perfetti ma c'è stata una grande differenza rispetto alle attività studentesche degli altri anni. MP: Per inciso: alcuni professori ci hanno dato una mano e si sono interessati, mentre altri si sono opposti alla nostra attività. C'è stato anche qualche attrito con Preside e Vicepreside. MV: Una domanda solo per Davide: hai pensato alla possibilità di ricandidarti l'hanno prossimo? DC: Allora, l'idea ci sarebbe, ma qualche volta è stata veramente dura. Mi piacerebbe, ma credo che gli obiettivi che si sono raggiunti quest’anno difficilmente si potranno raggiungere l'anno prossimo. AD: Anche perché non avrai dei collaboratori alla nostra altezza. MP: Noi speriamo che il nostro modo di lavorare, come le riunioni per organizzare le assemblee, oppure il Comitato studentesco come occasione di dibattito, non venga abbandonato. DC: Tornando alla domanda che mi hai fatto, mi piacerebbe forse candidarmi in Consulta, anche per renderla un organo più presente all'interno della scuola, visto che quest'anno non ci è stato dato tanto aiuto dalla Consulta, ad essere sinceri. MV: Che consigli vorreste dare a chi volesse candidarsi l'anno prossimo? AD: Bisogna avere entusiasmo, ti da molto come esperienza ma ti richiede anche molto. Bisogna avere tanta voglia e sapersi mettere in gioco. Magari mentre sei nella tempesta soffri, ma se poi guardi la cosa da fuori, ti rendi conto di quello che hai fatto e c'è molta soddisfazione. Fatelo, ne vale la pena. MP: Io consiglio inoltre di rivolgersi agli ex-rappresentanti, se ci sarà Davide, o comunque anche noi credo che l'anno prossimo faremo ancora dei giri a scuola. Se ci chiedessero aiuto per i moduli, saremmo lieti di darlo, e i nuovi rappresentanti si troverebbero metà del lavoro fatto.

08

GaliluiGalilei #4 - a.s. 2009/2010  
GaliluiGalilei #4 - a.s. 2009/2010  

Giornalino d’Istituto del Liceo Scientifico Statale “Galileo Galilei” di Verona Anno scolastico 2009/2010 - Numero 4 Stampato nel mese di Ma...

Advertisement