Page 7

Moriremo tutti?!?? seeee... 21 dicembre 2012: l'ennesima presunta, e ripeto... ENNESIMA PRESUNTA fine del mondo. Francamente sono stufo marcio di tutte queste cavolate: il mondo sarebbe dovuto finire con la caduta di Roma, nel 1000 d.C., con Nostradamus, con il passaggio del millennio, in ogni singola data palindroma, e ora? La “nuova” data qual è? Il 21 dicembre 2012. Wow. Ora, potete dirmi che sarà di sicuro la fine del quarto “ciclo” (e con ciclo non intendo quello delle ragazze) previsto dai Maya, potete dirmi che ci prendevano sempre, o che quando avevano previsto la fine (allegria!) del loro mondo si sono suicidati in massa o che, in effetti, due secoli dopo è arrivato Cortez a devastare le loro terre ma...accidenti! Hanno sbagliato di due secoli! DUE SECOLI!!! No, non stiamo parlando di solo due ore, sono due secoli! E soprattutto il solo fatto che loro lo hanno previsto non vuol certo dire che sia vero o fondato! Di sicuro il terremoto di Haiti, quello in Cile, l'eruzione del vulcano in Islanda, l'invasione delle cavallette che hanno devastato i raccolti in molte località, l'Inter che batte il Barcellona sono tutti eventi tragici che ci suggeriscono uno scenario da terza guerra mondiale o da Silent Hill, ma, vi prego, non venitemi a dire che sono tutte catastrofi collegate al 2012! Basta con questo allarmismo, basta con quest'ansia, basta con questa irrazionalità. Sì, irrazionalità, perché programmi come “Voyager” o “Mistero” non hanno ALCUNA PROVA a sostegno di questa teoria, e quindi rimane una domanda... perché diavolo continuano a smartellarci le scatole con questa paura? Audience. Perché fa notizia. Che tristezza. A tutti coloro che predicano questa teoria, che la diffondono e soprattutto che sostengono che tutte quelle catastrofi sono collegate con il 2012, coloro che sostengono fosse necessario perché c'era questa stramaledetta fine di un ipotetico quarto ciclo, beh dico solo una cosa: provate solamente un attimo a mettervi nei panni dei familiari delle vittime e provate, provate a dire “era necessario” o “era previsto”. In ogni caso, al di là di moralismi vari, una cosa so per certo: la razza umana per quanto imperfetta, stupida, o crudele è forte, è sopravvissuta a tre pesti, al raffreddore quando ancora era mortale, a svariate guerre che hanno devastato questo mondo, al tifo, alla lebbra, alla febbre gialla, persino al programma-spazzatura “Uomini e Donne”. Quindi, vi assicuro, dovesse o non dovesse accadere la catastrofe del 2012 la razza umana, ne sono certo, ce la farà sempre e comunque. Alessandro Bendicente

07

GaliluiGalilei #4 - a.s. 2009/2010  
GaliluiGalilei #4 - a.s. 2009/2010  

Giornalino d’Istituto del Liceo Scientifico Statale “Galileo Galilei” di Verona Anno scolastico 2009/2010 - Numero 4 Stampato nel mese di Ma...

Advertisement