Page 13

LAST THOUGHTS IN POETIC PROSE Siamo soli e soli viviamo, circondati da un mondo in cui ogni tanto cadiamo. Soli in un’adolescenza troppo stretta. Soli in questa continua, maledetta incertezza. Sono le mie ultime parole, scritte con mente tremolante e cuore pesante; l’ansia del cambiamento. Le ultime parole a cui ancora devo dare un senso, un motivo, una causa: il perché scrivo. Forse scrivo per sognare di essere vivo. Vivo per allontanare quest’oppressione di una fine che già provoca tensione. Scorro foto, per rievocare il passato… 5 anni.. Chi, chi mi ha rubato? Scorrono le stagioni: autunno, inverno, primavera, estate.. Ti ricordi, ti ricordi, che risate? Come, come stare tranquilli vedendo il sangue sui cigli? Come conciliare te stesso sentendosi represso? Come volare senza sempre pensare al sesso? E poi? E poi ti senti ancora dare del depresso. E siamo sempre soli, soli nella nostra camera, soli nei corridoi, soli giocando a calcio, soli a una festa, soli riversi per terra, soli a un concerto, soli in discoteca, soli in motorino, soli nel letto, soli parlando, soli fumando, soli nel prato, soli nei sogni e nei pensieri, soli in classe, soli in bus, soli in tv, soli con le nostre condivisioni fallite, soli con sorrisi poco sinceri, soli con le nostre paure, soli con o senza soldi. Soli con noi stessi. Allora, mi trascino. Cerco giustizia nelle canzoni: fiducioso di un futuro fallibile ma almeno incendiabile. E le lacrime? Hanno più un senso? Magari è soltanto il fumo della tua sigaretta nei miei occhi… Un bacio? Questo che aspetti? L’illusione o il ricordo di quel raggio di sole libero da nuvole. Un qualche saggio filosofo diceva che il dolore è l’unica via per acquisire profondità… E il compenso vale il prezzo? Ma soprattutto, il prezzo vale il compenso?? Just live, don’t think; Forever young; I don’t care what people think, people are stupid.. Frasi e motti che ti caratterizzarono.. Cos’è meglio? Un eterno mettersi in discussione e un continuo rifletter per comprendere o correre e basta? Dubbi poco risolvibili. Ma se è vera e dimostrabile l’equazione che a maggior scavo interiore e maggior immersione/comprensione corrisponde un’emozione vera, e se è vera la legge che noi uomini siamo fatti e mossi per il piacere e il sentire allora, compagno, hai perso la scommessa.. Cerco i tuoi occhi per guardarti dentro: fermato dal riflesso delle tue lenti scure. Vedo le vostre facce ma non riesco ad abbracciarvi mai.. Parlo con il cuore..e a Te cosa t’importa? Chieditelo mentre leggi. Ultime frasi di un ex-adolescente che ebbe la presunzione di voler usare la Poesia per esprimere il casino che ha in testa.. La poesia è altro. E mai più tornerà il tempo perduto anche se quello che resta è ancora molto. E mai smetterò di immaginare la felicità al cospetto delle mie colline o seduto sulla sabbia ad osservare un tramonto sul mare. Fammi, però, conoscere la TUA vita: se davvero è felice, se tu il Tuo senso l’hai trovato o neanche ci hai pensato, se sei disposto a un confronto vero.. Altrimenti, buona vita indifferente. Salutami il tuo muro, bianco, grigio o nero che sia. Il mio, non lo trovo più. Tuliooo7=Pedrotti Michele

13

GaliluiGalilei #4 - a.s. 2009/2010  
GaliluiGalilei #4 - a.s. 2009/2010  

Giornalino d’Istituto del Liceo Scientifico Statale “Galileo Galilei” di Verona Anno scolastico 2009/2010 - Numero 4 Stampato nel mese di Ma...

Advertisement