Issuu on Google+


FATTI DAL MONDO DELLA DANCE

Un’estate a tutto gas per Giulia Regain

Giulia Regain non si fermerà un attimo nelle prossime settimane. Il 26 luglio sarà a Porto Cesario (Lecce), alla Bhaia del Sol. Dal prossimo 16 luglio, invece, sarà protagonista, in compagnia alle sue Satin Girls, del Nastro Azzurro Tour. Ritmo serrato anche per le produzioni. Presto infatti uscirà “Vanite”, il suo remake - in chiave attuale - di un classico di Natthy Jay, un artista molto in voga tra le popolazioni mauriziane (che questa dj ama alla follia). Ma Giulia, attraverso la 2djs4love, etichetta che possiede da tempo con un altro top dj nostrano, ossia Flavio Vecchi, darà spazio anche ai giovani. Tra i nomi della “new generation 2djs4love” segnaliamo: Alberto Puccini, Emilio Piacente, Matijia, Nicola Minella e Ricardo Lugli & Filippo...” Sweet Paradise”, infine, sarà il titolo della produzione che Giulia sfornerà molto presto assieme alla collega Samantha Garofalo (sempre sulla sua label). (Leonardo Filomeno)

BRAND NEW RELEASES FULL MIXES ON MAXI CD’S DAVID TAVARE’ Hot Summer Night / Call Me Baby rmx: Crotti & Rodriguez, Jerry Ropero

CHANEL If You Love Me rmx: Wez Clarke, Steve Smart & Daniel Dove

BOOTY LUV Some Kinda Rush [ 2009 Remixes ] rmx: Brizi & Nos, Moko & Vignaroli

WARREN CLARKE & TARA McDONALD Love Crazy rmx: Jonni Black, Andy Daniels & David Dunne

WAWA & HERD ft. Amanda Wilson The Right Way rmx: Chris Ortega, Marc Leaf, Jeson Herd

PULSE ft. Antoine Robertson The Lover That You Are rmx: Marlon D. & George Mena, DJ's Rule

JONNI BLACK vs. SHENA Bitch Is Back rmx: Warren Clarke, Tristan Chase

ALI PAYAMI Dancin' rmx: Steve Smart & Daniel Dove

www.energyprod.it www.energyprod.it

www.myspace.com/dvisionrec www.myspace.com/dvisionrec


FATTI DAL MONDO DELLA RADIO

HEARTBEAT,

IL CUORE DE

LLA hOUSE

Fidget, vocal, deep, electro, latin: tutto questo è Heartbeat, il nuovo programma che Leonardo Filomeno si è inventato per Radio Italia Network e che abbraccia proprio tutti i sottogeneri della house. L’unica costante è la qualità. di Lorenzo Tiezzi Si chiama “Heartbeat” ed è il cuore della rinata emittente, l’appuntamento house per eccellenza del weekend, quello in cui i classici del genere si mescolano con le novità e con le anteprime. Mente e anima del programma è quel Leonardo Filomeno che ha creato anche la rivista che avete tra le mani, mentre i jingles vocali sono di Dhany, una delle più importanti voci del panorama house internazionale. Heartbeat va in onda ogni sabato e domenica dalle 15 alle 17, si ascolta in fm o in streaming su Rin.it ed è diviso in 4 sessioni da mezz’ora molto diverse tra loro. Lo scopo è quello di proporre sempre musica colorata, che non annoia.


PAGELLINE

LE CLUB DE LA CLASSI-FIK

HEARTBEAT

La classifica di Radio Italia Network a cura di Alex Nocera in onda ogni sabato e domenica dalle 17 alle 19 www.radioitalianetwork.fm – www.rin.it

Il nuovo programma di musica house selezionata e mixata da Leonardo Filomeno. In onda ogni sabato e domenica - dalle 15 alle 17 - su Radio Italia Network. Voce ufficiale dei jingles: Dhany

1.FEDDE LE GRAND “Scared Of Me” 2.JAVI MULA “Come On” 3.AIAL “Leave The World Behind” 4.BOB SINCLAR “Lala Song” 5.MAX ZOTTI “Shiver” 6.LISSAT & VOLTRAXX “Release Yourself” 7.BIMBO JONES “And I Try” 8.BLACK RAW “Jet Lag” 9.TOMMY VEE & MAURO FERRUCI “Stay 2009” 10.BOYS AT WORK “In The Sky” 11.MEPHISTO “The Beat Of The Bee” 12.J. JABRE “Vicious Circle” 13.J. HERD, ROLAND CLARK “I Feel Good” 14.RICHARD GREY “One More Time” 15.MAD8 “Just Another Spleeplees Night” 16.EDDIE THONEICK “Don’t Let Me Down” 17.STEREO PALMA “Miami Bitch” 18.INAYA DAY, RALF GUM “Reap” 19.MENINI, VIANI “La La Land” 20.DJ EAKO “Follow Me” 21. W. GARTNER “Push & Rise” 22.CHELLEY “Took The Night” 23.BEN DJ “Sorry” 24.FEDO “Gypsy” 25.DJ HERMAN, COLEMAN “What Does Love – M + N + M” 26.D. CHRISTOPHER “Set It Off” 27.A. VIALE “Sweet Little Thing” 28. HARRISON CRUMP “Gone” 29.B. LEGEND “You See The Trouble With Me 2009” 30.SOUL AVANGER “Heard It All Before”

LIVIN’ JOY “Dreamer” MEMO SOLINAS “Just As Long As We’re Together - Samuele Sartini Sunny Mix” WARREN CLARK, JONNI BLACK, SHENA “Bitch Is Back” LISSAT & VOLTAX “Release Yourself” KNIGHTS OF THE ROUND TABLE “Rumours - Soul Preachers Remix” MOGADOR, HOLLY DJ, KARLY “People Of The World - Rudeejay Remix” SERGIO MAURI “I Gotta Feel It” PAIN & ROSSINI “Hands Up Everybody 2009 Re-work” EDDIE AMADOR “Lonely - M + N + M” FERRY CORSTEN “We Belong - Bingo Player Remix” BINGO PLAYER & CHOCOLATE PUMA “Disco Electrique” PLATINUM “Love Shy - Soul Avangerz” ZAAR Feat. MANUELLE “Keep Pushin - Re. Light Orchestra Remix” MOKO, DJ BRIZI “Sunrise” A.T.F.C “Savannah” SWARED “Glass Guitar” BOB SINCLAR “Lala Song - Spancer & Hill Remix” MASSIVDRUM, DILEK TASKIN, PM “Fiesta 2009 - Nick Corline remix” MAX MOROLDO VS. LES & FRANKIE GADA “Aquamarina - Moroldo Red Sea Mix” FORMENTERA 13.15 “Herbasana On The Rocks - Francesco Rossi Remix” MICHEL CLEIS, TOTO LA MOMPOSINA “La Mezcla” MIHALISSA FRAS “Chicas Latina” FRANCESCO GEMELLI “Blue Berry” DJ T “Dis” DJ T “Switch” GLITCH & CLAVE “Pina La Ladra”

MASSIVE NEW SINGLES ON SPECIAL CD FORMAT MICHEL CLEIS La Mezcla feat. Toto La Momposina

YASMEEN Ready Or Not rmx: Copyright

BINGO PLAYERS vs CHOCOLATE PUMA Disco Electrique

DENNIS FERRER Sinfonia Della Notte rmx: Objektivity

SOUL AVENGERZ Someday rmx: Timi lubaj & Ziga Tement, Ben Webb & Chris Jordan

DANIEL BOVIE & ROY ROX ft. Nelson Love Me rmx: Bovie & Rox, Rene Cox

KNIGHTS OF THE ROUND TABLE Rumours rmx: Soul Avengerz, Soul Preachers

THE WIZARD BRIAN COXX Soulgasm Sessions vol. 1 rmx: DJ Brian Coxx, Alias Rhythm,

www.energyprod.it

www.myspace.com/dvisionrec


IN DA CLUB

A tu per tu con: ALEX

NOCERA

Il nome di Alex Nocera è strettamente legato alla storica Gas Records, una delle etichette techno più rinomate del nostro paese, all’attivissimo team di produzione M+N+M e alla rinata Radio Italia Network. L’ho incontrato per farci quattro chiacchiere. Ed ecco come è andata...

dio, comprese quelle via internet. Ma il modo di fare radio in Italia, secondo me, rimane il migliore...” A proposito di web-radio. Perché da noi il fenomeno non decolla? “Perché siamo abituati ad ascoltare ancora la radio in macchina. E perché è la rete a non essere ancora esplosa qui in Italia. Ma ormai è solo questione di tempo...”.

di Leonardo Filomeno Quando i primi approcci con la dance? “Nel 1988. Complici i Depeche Mode. In quell’anno mi innamorai del loro sound. Ed iniziai ad apprezzare la musica elettronica. Nel ‘89, poi, ebbi la mia prima consolle...”. Come avvenne l’incontro con Enzo Martino e con la sua struttura? “Tutto iniziò con una sua proposta: un pezzo per la mia TNMC. Subito dopo quella proposta, però, ad Enzo venne in mente di fondare un’etichetta per conto suo: la Net’s Work & Songs. Io aderì di buon grado a questa sua iniziativa. E i nostri rapporti si intensificarono ancora di più nel 2004, quando io decisi di chiudere la mia di etichetta. Da allora nacque l’esigenza, con Enzo ma anche con Maurizio Montanari, di fondare un nostro team di produzione”. A proposito di questo team (M+N+M), quali sono i vostri progetti per il futuro in termini di releases e di remix? “Di recente, assieme a Max Zotti, abbiamo remixato la sua “Shiver”. Ma stiamo realizzando anche il mio nuovo singolo (con Maurizio Montanari) e altri remix per artisti del calibro di Eddie Amador, John Dahlback o Dj Herman”.

Secondo te, come è cambiata la dance dai tempi della tua Gas Records? “La dance si è mossa verso sonorità più house. Si sono abbassati i bpm delle tracce, si sono addolciti i suoni”. Noti dei segnali di ripresa per questo genere? “Sì. Anche se i numeri di vendita non sono paragonabili a quelli di una volta, vedo comunque un interesse maggiore da parte della gente”. Alex, hai avuto altre esperienze radiofoniche prima di Radio Italia Network? “Certamente. Ho cominciato a lavorare in radio all’età di 16 anni. E da allora non ho più smesso”. Raccontaci un po’ la “tua” Radio Italia Network... “Radio Italia Network è, secondo il mio parere, la radio che in Italia mancava. E’ la radio con una programmazione capace di far apprezzare ad un pubblico più adulto la musica da club. Il prodotto, se noti, è semplice, di facile ascolto. E’ tecnico al punto giusto. La mia

speranza, quindi, è che questa radio riesca a regalare, proprio come è accaduto negli anni ‘90, tante emozioni al suo pubblico, pur avendo nuovi programmi e nuovi personaggi”. Avete dei progetti lì in radio? Puoi anticiparci qualcosa? “I progetti sono veramente tanti...Ti posso solo anticipare che partiranno molto presto tre nuovi programmi. Uno di questi si chiama Eurytmia. Gli altri due, invece, nasceranno da una nostra collaborazione con due prestigiose case discografiche italiane”. Ascolti sono radio italiane o anche straniere? “Ascolto un po’ tutte le ra-

Raccontaci qualcosa della tua vita, parlaci un po’ dei tuoi interessi... “Uomo, 33 anni, single. Figli? Un giorno (forse). I miei interessi, in realtà, sono pochi. Non amo il calcio, non amo i motori. Non mi piacciono nemmeno la pesca o la caccia. Adoro però il cinema, la musica, che resta la mia più grande passione, e le donne...”. Se non fossi diventato un dj, cosa avresti fatto nella vita? “Guarda, mio padre ha un impresa edile. E io ho un diploma di geometra. Secondo te?”.


DANCE GOES POP:

Intervista a

SAGI REI

E’ un periodo d’oro per il cantante israeliano (ma italiano d’adozione) Sagi Rei. La sua cover de “L’Amour Toujurs”, un classico di Gigi D’Agostino, è stata scelta come colonna sonora dello spot di INTIMISSIMI (per la campagna primavera/estate ‘09). E lui, dopo il grande successo di “Emotional Songs”, “Emotional Songs Part 2” e dell’ep “Trilogy”, si è rimboccato subito le maniche, mettendosi al lavoro su un nuovo album. Mi ha raccontato questo (e molto altro) nell’intervista che segue... di Leonardo Filomeno Sagi, il tuo esordio nella dance risale a “People On The Beat”. Poi, sempre per con il dj Mario Fargetta, hai realizzato due altre grandi hits europee come “Shining Star” e “All I Need”... Lavorerete ancora insieme? “E’ probabile. Perché la collaborazione con questo dj mi ha regalato enormi soddisfazioni”. Grazie alla dolcezza e all’intimità che riesci a trasmettere attraverso tue canzoni, sei anche riuscito a crearti una vasta schiera di fan. Come vivi il tuo rapporto con loro?

“Adoro i miei fans. Con loro cerco sempre di stabilire un rapporto diretto, specie durante i concerti. Non posso fare altro che ringraziarli tutti di cuore...”.

Da qualche mese, grazie all’inserimento della tua splendida cover de “L’Amour Toujour” nello spot di Intimissimi, sei di nuovo al massimo della notorietà. Quali sono i tuoi progetti (a livello discografico) per i prossimi mesi? “Sto lavorando ad un nuovo album. Questo lavoro comprenderà sia cover che inediti”. Di recente ti abbiamo visto nello show notturno del pluridecorato Piero Chiambretti. Come hai vissuto questa esperienza? “Piero Chiambretti è un grande professionista. Una persona intelligente, divertente. E con un grande senso dell’umorismo... Questa esperienza l’ho vissuta nel migliore dei modi: se mi dovessero invitare nuovamente, quindi, non esiterò a ritornarci...”. Parlaci un po’ della tua vita, dei tuoi interessi... “Sono una persona semplice. Amo stare in mezzo alla gente, amo viaggiare. E questo lavoro mi permette di conoscere sempre posti nuovi, persone diverse...Nel tempo libero mi piace leggere, fare sport e stare assieme agli amici più intimi”.


IN DA CLUB/2

A tu per tu con:

FEDDE LE GRAND

Nome di punta della scena house internazionale e produttore – negli anni passati – di grandi successi come “Put Your Hands Up For Detroit”, “Take No Shhh” o ”Let Me Think About It Feat. Ida Corr”, il talentuoso dj olandese Fedde Le Grand sta per uscire con un album intitolato “Output”. E la prima traccia estratta da questo suo lavoro è proprio “Scared Of Me, graffiante (ed orecchiabile) produzione electro-house interpretata dall’amico Mitch Kroon. Grazie all’etichetta che lo rappresenta per l’Italia, ossia la Net’s Work & Songs, ho avuto modo di intervistare Fedde e di farmi raccontare come sta vivendo questo periodo di grande (e meritato) successo...

“Non è cambiato molto rispetto a prima. A parte il fatto che vedo i miei parenti meno spesso. Le persone che mi circondano, però, sono sempre le stesse, e in qualche modo sono cresciute assieme a me in questo lasso di tempo...”. L’esperienza che hai accumulato in questi anni ti aiutato non poco... “Certamente. Tutte le esperienze e tutti i viaggi degli ultimi anni mi hanno letteralmente cambiato. Ho una visione molto più chiara sull’orientamento della mia musica”. Parlaci un po’ della scena dance olandese...

di Leonardo Filomeno “Scared Of Me” è il primo singolo estratto da “Output”, il tuo nuovo album...

“La scena olandese, anche se è un po’ stretta, gode davvero di ottima salute. Ed è cosi da decenni. Ci sono tanti talenti in giro. E questo mi rende felice.

“E’ vero. Ed è anche la mia prima traccia dal sapore crossover da un po’ di tempo a questa parte. Ma “Scared Of Me” - ci tengo a precisarlo - rappresenta solo un lato del mio “Output”. Vi farete un’idea più ampia dei suoni che ho utilizzato in questo lavoro con il secondo singolo. Che però uscirà nel mese di agosto...”.

Ti troveremo ad Ibiza quest’estate? Se sì, dove? E in quali altre nazioni ti esibirai?

Riesci a darci una data precisa per l’uscita di “Output”?

Parlaci un po’ dei tuoi hobbies, cosa fai quando non sei in studio o in giro per le serate?

“Dovrete aspettare ancora un po’ di tempo prima di metterci le mani sopra. Credo che il tutto si concretizzerà per settembre”. Fedde, dopo “Put Your Hands Up”, il brano che ti ha fatto conoscere al mondo intero, in che modo è cambiato il rapporto con i tuoi famigliari, con i tuoi amici...

“Porterò avanti, ogni giovedì, la mia serata al Pacha: la Flamingo Nights. Non vedo l’ora!”.

“Succede di rado che mi ci possa dedicare, perché sono devoto al lavoro. Ma se trovo un po’ di tempo, mi piace passarlo davanti alla Playstation 3 (con i miei amici) o davanti ad un film”.


BOB Concepito attorno ai temi “flower power” e “peace & love” e realizzato tra Los Angeles, Parigi e la Giamaica, si chiama “Born In 69” l’ultimo lavoro del top dj francese Christophe Le Friant, alias BOB SINCLAR. “Questo album – ci racconta lo stesso dj - è uscito in tutto il mondo l’11 maggio 2009, esattamente un giorno dopo il mio quarantesimo compleanno, quale miglior regalo?”. Ma “Born In 69”, aggiungiamo noi, è un album ricco di magia, di grandi tracce e di grandi collaborazioni. Si va infatti da Steve Edwards (già vocalist per la recente “Together”) a Christopher Martin, da Tony Rebel alla Sugarhill Gang, storica formazione con la quale Christophe ha sfornato il tormentone estivo “Lala Song”... di Leonardo Filomeno E’ uscito il tuo nuovo album. Sei soddisfatto? “‘Western Dream’ e ‘Soundz of Freedom’ sono stati gli album che mi hanno fatto conoscere al grande pubblico. Con l’uscita di “Born in 69”, non volevo deludere le aspettative di chi si aspettava un certo tipo di prodotto da me. Ma volevo comun-

COVER

SINCL

que rinnovarmi. E fare un altro disco di qualità. Ho scelto di inserire nuovi generi nei miei pezzi, ecco il motivo della scelta reggae per le prime tracce dell’album…Il risultato, lo ammetto, mi soddisfa molto”. Parlaci un po’ della collaborazione con la Sugarhill Gang... “Sono forti, non è vero? Ho sempre amato il genere Hip Hop/Old School. E la Sugarhill Gang ha fatto la storia del Rap con la pubblicazione del primo album del genere ad entrare nella classifica americana���. Dove trovi l’ispirazione per le tue canzoni? “Ascoltare e riascoltare le produzioni del passato mi è stato di grande aiuto. Per creare questo album ho passato parecchio del mio tempo insieme a preziosissimi dischi vintage, soprattutto di black music, studiando la miglior combinazione con le sonorità sentite nelle novità discografiche più recenti. Ho sempre cercato di rimanere fedele al mio suono. Sempre vicino a questa musica black, con melodie tendenti all-afro-americano e l’ho introdotto nella dance music. Per rendere attuale una produzione arricchita da contaminazioni vintage è fondamentale darle una veste il più fresca possibile. Credo di riuscirci grazie anche al mio animo sempre un po’ “da ragazzino”. L’innocenza dei ragazzi è ciò che permette loro di conservare i sogni, e i sogni sono un importante motore della vita. Ecco perché i bambini sono sempre presenti nei videoclip degli ultimi anni…”.

AR

Niente Los Angeles? In fondo ci hai vissuto un anno... “Sì.Dopo il grande successo di “Love Generation”, nel 2005, ho voluto concedermi un anno di relax in questa città. Passavo la giornata ad ascoltare musica. Eppoi comperavo anche 200 dischi alla settimana...”. Bob, tu sei spesso a Miami… “E’ vero. Miami è un luogo speciale. Lì è sempre estate, ci sono i migliori locali e i migliori party al mondo. E’ un’ottima vetrina per noi DJ! Ci vado sempre per promuovere i miei album e testare le reazioni del pubblico… Devo ammettere che Miami regala soddisfazioni non indifferenti per chi vive di musica!”. Gary “Nesta” Pine, Ron Carrol, Steve Edwards... Quale collaborazione ricordi come la più importante nella tua carriera? “Ce ne sono diverse, è impossibile ricordarle, ognuna di queste resta un momento magico per me. Ora sono entusiasta della Sugarhill Gang!”.


ABOUT TRANCE

Intervista ai Cancello cosmico. Il loro nome significa proprio questo, ossia potresti aspettarti che chi se l’è scelto abbia un po’ di pretese mistiche, proprio come i Doors di Jim Morrison (per chi non lo sapesse, le porte erano quelle della percezione). Invece no. Nic Chagall e Dj Bossi parlano solo e soltanto di musica, nient’altro. “Il nostro ultimo album si chiama Sign of the times (segno dei tempi) perché speriamo proprio che la nostra musica sia cambiata nel tempo”, spiegano praticamente all’unisono prima di prendere un aereo per la Spagna. “Abbiamo 10 anni di carriera alle spalle e non rinnegheremo mai la trance, anche se oggi non è più ‘hype’ come un tempo siamo certi che tornerà ad esserlo… Ma il fatto è che col tempo si cambia ed è giusto che sia così. Il primo dovere di un artista è quello di non ripetersi”. Che differenza c’è tra l’album e la compilation legata al Privilege? “Parecchia. Come dj siamo molto aperti e suoniamo anche tracce house, mentre il nostro è un album trance e solo trance”. Che vantaggi e svantaggi ci sono a suonare a mixare in due? “Ci sono solo vantaggi. Due dj sono come una band, devono andare d’accordo, ma se lo fanno il risultato è sempre soddisfacente. In due si legge la pista meglio che da soli… e poi, mentre l’altro mixa, c’è molto più tempo per bere qualcosa e per chiacchierare!” (Lorenzo Tiezzi)


ABOUT RADIO

Intervista ad ALESSIO DJ, cantante, musicista, giornalista, conduttore radiofonico (e televisivo). Tutto questo è Alessio Bertallot: un artista poliedrico, uno dei nomi di punta di Radio Deejay, emittente sulla quale conduce, da ben 13 anni,”B Side”. Un appuntamento che è diventato un punto di riferimento assoluto per la club culture nostrana. Da poche settimane è uscita la compilation che prende il nome dall’omonimo programma. Quale miglior occasione per fare quattro chiacchiere con Alessio? di Leonardo Filomeno Tanti ruoli per un solo artista. A quale, tra quelli sopracitati, ti senti più affezionato? “A quello del musicista. Ma dovrei imparare ad esserlo fino in fondo. Ho cercato sempre di fare anche tutte le altre cose come se si trattasse di “suonare”. Non di parlare, scrivere e organizzare una scaletta. E questo credo che mi abbia dato perlomeno della personalità” Alessio, da qualche settimana è uscita la compilation di “B Side”. Vuoi parlarcene?

“I trentaquattro brani migliori di due stagioni di B Side. Vuol dire molti dei brani più forti di un lavoro di ricerca fra i generi non considerati, fra i musicisti non famosi ma spesso innovatori. Viviamo un po’ in provincia dell’impero. E questo ci fa sembrare “Lato B “ cose che magari all’estero sono normali… In ogni caso B Side è sempre stato attento all’evoluzione della musica, che poi va ad influenzare il pop, il rock, l’hip hop: ecco, questo trovate nei due cd”. B Side è un programma assai longevo. Ti andrebbe di fare un bilancio di questi primi 13 anni “on air”? “A volte il bilancio me lo fanno gli ascoltatori

BERTALLOT

che incontro e che mi dicono: “Senza di te non avrei mai scoperto questa musica”. Questo mi tiene nella cosiddetta “nicchia” ma mi dà longevità, perché il valore di B Side è fondato sulla positiva sensibilità alla cultura musicale e non sui complimenti o sui fenomeni di moda”. Tu sostieni che la carenza di nuove idee nella musica italiana sia legata anche (e sopratutto) a delle cose che non vanno nella nostra vita e nel nostro sistema... “Penso che lo stato di degrado culturale, economico e istituzionale di questo paese si rifletta anche sulle produzioni musicali. Il non essere proiettati verso il futuro,

perché troppe fazioni di disonesti sono occupate a contendersi il nostro presente, impedisce di pensare in grande, di dare forma al futuro, di non essere solo ricchi ma anche signori, di non fare solo musica che imita modelli altrui, ma di inventarla. Vedo tanti bravi musicisti, ma troppo isolati: ci stiamo abituando a pensare che vivere mediocremente, senza pretendere qualità migliori, sia utopico, sia l’effetto malato della solitudine in cui hanno costretto chi non si adegua ad uno standard basso”. Tu hai scoperto (e lanciato) personaggi del calibro di Amalia Grè, Diego Mancino o Ivan Segreto. Hai qualche nuovo nome da segnalarci? “Sì: Gianluca Massaroni, Bud Spencer Blues Explosion, Joe Barbieri, Calibro 35 e Les Fluer Usb”. Ti piace l’attuale panorama radiofonico italiano? “Non molto. Ascolto Radio 3, Radio 24, Radio Deejay e un po’ Radio Capital. Faccio molta fatica a trovare musica buona e parole che non siano gossip o superficialità”.


FROM DISCO 2 DISCO SUMMER ‘09 Che dire dell’estate 2009 dal punto di vista del clubbing? Dei festival dell’anno scorso non resta traccia se non fosse per Megalopolis, il 4 luglio a Ghedi (suonano Tiefschwarts, Satoshi Tomiie e Cyberpunkers). E visto che i soldini per farsi lunghe settimane notturne a Ibiza o in Riviera scareseggiano, l’opzione di restare in città per vivere ogni notte diventa vincente. Il primo agosto, all’Amnesia di Milano suona Luca Fabiani, ormai buon protagonista su Beatport con le sue release, mentre il Garda, a pochi km da tutte le città lombarde (ma anche vicino al Veneto e all’Emilia) diventa una location appetibile. Al Mazoom di Sirmione il 14 agosto suona un certo Richie Hawtin (M-nus), profeta della minimal, mentre chi cerca un clubbing più chiccoso lo trova sempre nello stesso locale ma ogni venerdì (suonano Mark Livella e Rallo) oppure poco lontano all’esclusivo Coco Beach, dove al mixer segna il tempo Michele Menini. Chiudiamo col Fura Lonato (Bs), che propone un venerdì molto chic con Jacopo, Santini & Space e un sabato giovane & potente curato dall’art director Christian Luzzardi. (Lorenzo Tiezzi)

COMPILATION

Privilege, Rivera e niente Canalis Tra le mille compilation in uscita quest’estate, non vi consigliamo quella selezionata da Elisabetta Canalis. Si chiama Top Hits e contiene la stessa musica che ascoltiamo alla radio, perfetta da scaricare (legalmente) da iTunes risparmiando decine di euro. Passiamo invece alle uscite importanti. Robbie Rivera pubblica la sua versione di Ibiza, chiamata Juicy Ibiza, ossia un doppio cd pieno di bombe house ed electro. Tra le altre segnaliamo quelle che chiudono il lavoro: Clockwork (Helvetic Nerds Mix) di Deadmau5 e Be Near (Maurizio Gubellini Mix) dello stesso Robbie. In ambito Ibizenco molto interessante anche Privilege (World’s Biggest Club). I due cd sono mixati da Cosmic Gate (leggete la mia intervista) ed Hardwell, ossia sono molto diversi tra loro, proprio come le notti del club. Chiudiamo con Flamingo Nights Vol One. Mixata da Fedde Le Grand (leggete l’intervista di Filomeno) and Funkerman, è una raccolta di tracce electro house davvero perfetta per un viaggio in auto pieno d’energia. (Lorenzo Tiezzi)


NIGHT RMX

ITALIAN CLUB CHART

summer 2009 edition compiled by Leonardo Filomeno 1) BOB SINCLAR “Lala Song” (d:vision / Universal) 2) PITBULL “I Know You Want Me” (Jolly Roger / Do It Yourself) 3) MICHEL CLEIS Feat. TOTO LA MOMPOSINA “La Mezcla” (d:vision / Strictly /Cadenza) 4) MASTIKSOUL “Run 4 Cover” (Rise) 5) BIMBO JONES “And I Try” (Ego) 6) PAIN & ROSSINI “Hands Up Everybody 2009 Re-Work” (Motivo) 7) AXWELL, ANGELLO, INGROSSO, LUKE “Leave The World Behind” (Net’s Work) 8) MARTIN SOLVEIG “One.2.3.Four” (d:vision) 9) FEDDE LE GRAND “Scared Of Me” (Net’s Work) 10) JAVI MULA “Come On” (Time) 11) CHUCKIE “Aftershock” (Net’s Work) 12) YVES LAROCK “Listen To The Voice Inside” (d:vision) 13) EDDIE THONEICK “Don’t Let Me Down” (Net’s Work) 14) DAVID GUETTA, KELLY ROWLAND “Loves Takes Over” (Emi / Virgin) 15) DANILO ROSSINI “I Just Can’t Get Enough” (Stereo Seven) 16) MAX ZOTTI “Shiver – M + N + M” (Net’s Work) 17) DADA, HARRIS, OBERNIK “Stereo Flo” (Rise) 18) SAM-PROJECT “Love Shine” (Glitter) 19) WARREN CLARKE, JONNI BLACK, SHENA “Bitch Is Back” (d:vision) 20) SONO “Keep Control Plus – Fedde Le Grand” (Kontor) 21) MEMO SOLINAS “Just As Long As We’Re Together – Samuele Sartini Sunny” (Glitter) 22) CRISTIAN MARCHI “Disco Stobe” (Molto) 23) DENNIS CHRISTOPHER “Set It Off (Ian Carey & Brad Holland” (Net’s Work) 24) GAUDINO, STEVE EDWARDS “Take Me Down” (Rise) 25) BLACK LEGEND “You See The Trouble With Me – A.T.F.C” (Rise) 26) EDDIE AMADOR “Lonely – M + N + M” (Net’s Work) 27) MOLELLA, HEAVEN 17 & FAST EDDIE “With This Ring Let Me Go 2009” (Time) 28) BEN MACKLIN “The Best Things” (Ego) 29) SIMIOLI, VIANI, SHENA “Touch Me – Gaudino & Rooney” (Rise) 30) PLATINUM “Love Shy – S. Avangerz” (d:vision) 31) SHAGGY, GARY “NESTA” PINE “Fly High” (Time) 32) R.I.O “After The Love” (d:vision) 33) GOLD & MENCK “Everybody Be Somebody” (Rise) 34) DAVID TAVARE, RUTH “Call Me Baby – T 33” (d:vision) 35) FEDO Feat. ASK “Gypsy” (d:vision) 36) SWARED “Glass Guitar” (Net’s Work) 37) TOMMY VEE, MAURO FERRUCCI “Stay 2009 – Thomas Gold” (Rise) 38) MIHALISSA FRAS “Chicas Latina” (Cinnamon Flava) 39) BINGO PLAYERS, CHOCOLATE PUMA “Disco Electrique” (d:vision) 40) NO M3RCY, SPOONFACE “Wunna Be” (Time)

di Enrico Maria Magli * LAURENT WOLF FEAT. ERIC CARTER “Explosion” (Armada Music / Rise) Con il video di “Seventies” ci aveva abituato fin troppo bene il DJ d’oltralpe; per questo pezzo di impatto immediato il team alla regia poteva regalarci qualcosa in più, invece abbiamo semplicemente un serrato montaggio di immagini che testimoniano l’incessante lavoro di Wolf in giro per tutto il mondo in un mega-backstage: cambiano i nomi delle città ma la folla (giustamente) in delirio è sempre quella. Successo planetario, non si discute, ma l’auto-celebrazione rischia di rendere antipatici; attento Laurent: (almeno per i videoclip) ti preferivamo prima. FEDDE LE GRAND FEAT. MITCH CROWN - “Scared Of Me” (Flamingo Recordings / Net’s Work) - regia: Michael Greive Per il primo singolo dal nuovo album “Output”, l’artista olandese incontra lo stile di Martin Solveig (che figura fra gli autori del pezzo) e con il video ci porta in Giappone, in un ipotetico Talent Show televisivo con tanto di giuria, conduttore improbabile e tanti personaggi strampalati, per uno dei clip più divertenti e colorati dell’anno. Fedde compare nel video per una micro-frazione di secondo nel “dietro le quinte” televisivo (per chi non riesce a notarlo è a 24” dall’inizio). Produzione da dieci e lode: ottima idea di base, semplicità disarmante nel proporla, ma grande cura nei singoli dettagli. DADA / OBERNIK / HARRIS “Stereo Flo” (Destined / Rise) - regia: Lily Smith Il clip è quasi interamente centrato sulla figura della cantante Sam Obernik, ormai un nome che si presenta da sé per gli amati del genere. La ragazza non punta certo tutto sulla sua bellezza, ma ha carisma da vendere (di voce non ne parliamo). Dada e Paul Harris sono i mattatori di una “esclusiva” festa indoor; tutti si divertono, osservati dalla nostra Sam in un circuito chiuso di telecamere, poi la protagonista raggiunge gli invitati e balla insieme a loro. Il pezzo è da pelle d’oca ma rimangono due domande insolute: 1) come mai a momenti la cantante diventa in miniatura ma fa come se niente fosse? - 2) ma come

si sono vestiti tutti quelli in pista? DAVID GUETTA FEAT. KELLY ROWLAND “When Love Takes Over” (GumProd / Virgin) - regia: Jonas Åkerlund Non c’è storia, quando il DJ francese decide di produrre un video lo fa sempre alla grande. Invece del solito regista (connazionale) compagno di avventure Denis Thybaud, stavolta per il lancio dal nuovo album “One Love” è invece nelle mani sapienti dello svedese che ha prodotto clip per i più grandi del pop. Venice Beach, sole che scende, la magnifica Kelly Rowland cammina verso il mare, e Guetta a sua volta che spinge un carretto pieno di attrezzature raggiungendo il luogo del party. Ormai è buio, tutti si incontrano sulla spiaggia e fanno festa insieme sulle note del sicuro successo mondiale! CALVIN HARRIS “I’m Not Alone” (Fly Eye / Columbia) - regia: Christian Holm-Glad È da apprezzare se un artista/produttore, dopo essersi imposto con un certo sound, all’improvviso decide di non continuare sullo stesso comodo filone ma punta a uno stile diverso. Questo pezzo fa centro, lo conferma il difficile mercato inglese dove ha raggiunto la vetta nella prima settimana di vendita. Lo scandinavo regista (già del fortunatissimo “Beggin’” dei Madcon) racconta un Calvin Harris in camice bianco novello “Dr. Frankenstein”, alle prese con algide bellezze trattate come cavie da esperimento. Il video è un capolavoro di stile: coreografie da manuale, fotografia cinematografica. Una particolare menzione agli occhiali! *Enrico Maria Magli è la geniale mente di “Night Rmx”, un programma nel quale vengono proposti i video musicali dance più forti di oggi e di ieri...”Night Rmx” va in onda sull’emittente musicale All Music ogni sabato (dalle 23 all’una di notte) e dal lunedì al venerdì (dalle 23 alle 24).


I DISCHI DELL’ ESTATE

AA.VV “d:vision Club Session Volume 11” (d:vision / Audioglobe)

Nonostante i nomi contenuti nel decimo capitolo siano di strettissima attualità, la d:vision ha deciso di sfornare un nuovo volume di questa rinomata collana. E lo ha fatto mantenendo invariata la sua oramai collaudata formula: formato digipack, due cd - il primo decisamente radio-friendly” e il secondo di stampo un po’ più underground - , 26 tracce unmixed e tanta qualità, tanti nomi di primo livello (si va infatti da Bob Sinclar a Martin Solveig, da Yves Larock a Richard Grey...). “d:vision Club Session 11”, inoltre, è l’unica compilation a contenere il floor-killer “La Mezcla” (di Michel Cleis e Toto La Momposina), un brano edito originariamente dalla Cadenza e licenziato per l’Italia dalla stessa label di Ugolini e Raimondi proprio grazie alla partership con la Strictly. Da acquistare ad occhi chiusi. (Leonardo Filomeno)

AA. VV “Primavera - compiled by Jose Maria Ramon” (Pschent / Wagram / Audioglobe)

Jose Maria Ramon, responsabile della programmazione di “Ibiza Global Radio”, prestigiosa emittente radiofonica on line (con sede ad Ibiza) specializzata in elettronica d’avanguardia, ha da poco selezionato “Primavera”, un’autentica summa delle produzioni electro e mid-tempo più interessanti degli ultimi mesi. Una raccolta che include gli ultimi singoli di artisti quali Shazz (With Michael Robinson), Massivan (la sua “2 B @ 1 With The World” è una delle canzoni più dolci e belle di tutto il cd), Marbet Rocel, Aura o Hessismore. E che rispecchia appieno il sound di “Melodias Para Tu Sofa”, un programma (in onda sulla sopracitata stazione radiofonica) che porta la firma dello stesso Ramon. Distribuisce Audioglobe. (Leonardo Filomeno)

AA. VV “Global Underground Dj 001 by Nic Fanciulli” (Global Underground / Audioglobe)

Photek (con la storica “Glamourama”), Steve Mac, Dubfire, Mark Broom, Metro Area o Rolando. Sono solo alcuni dei nomi reperibili nel nuovo lavoro che il dj inglese Nic Fanciulli (aka Skylark), fondatore di labels come Portent o Saved e resident a Radio 1, ha realizzato per la prestigiosa Global Underground. Un lavoro che porta il suo stesso nome e che condensa – in ben 2 cd mixati – 29 tracce che spaziano tra house, deep, techno ed elettronica. (Leonardo Filomeno)

AA. VV “Mix the vibe: Osunlade” LP (King Street)

Per il nuovo capitolo dell’ apprezzata serie “Mix The Vibe”, la King Street incontra la Yoruba e propone una compilation selezionata e mixata da Osunlade, il DJ/Producer anima ed immagine della Yoruba. La selezione musicale rispecchia fedelmente il genere di sound amato da Osunlade, deep ed avvolgente, con venature soulful, arricchito da calde ritmiche afro-tribali e voci intense ma mai troppo invadenti. L’atmosfera che si respira in tutto il mixed-set è notturna ed underground. mai scontata e di grande qualità, grazie ad una selezione azzeccata che include brani di Blaze & Palmer Brown, Mateo & Matos, Ananda Project, Studio Apartment, Kerri Chandler, Tiger Stripes e Urban Soul, solo per fare dei nomi. (Franco Martinelli)

PAUL VAN DYK “Volume - The Best Of” (New State Music/ Audioglobe)

Edito dalla scatenata New State Music e distribuito per l’Italia dalla Audioglobe, s’intitola “Volume” questo greatest hits di Paul Van Dyk, uno dei dj trance più forti del pianeta. “Volume” ripercorre, in ben 3 cd, i primi quindici anni sulla cresta dell’onda di questo artista tedesco. E lo fa proponendoci sue autentiche gemme come “For An Angel” (disponibile anche nella versione 2009), “Let Go”, “Tell Me Why” o “The Other Side, giusto per citarne alcune, ma anche splendidi remix realizzati per nomi del calibro di Justin Timberlake, Sven Vath, U2, Depeche Mode, New Order e Deep Dish. Fondamentale. (Leonardo Filomeno)

HANNA HAIS “Love Paradise” LP (Atal)

Hanna Hais non sbaglia un colpo e dopo averci deliziato con una splendida serie di singoli nel corso negli ultimi anni, esce ora con un’ interessantissimo album. “Love paradise” mescola elementi house di chiara scuola francese con ritmiche latine, sonorità funky e divagazioni 70’s disco, il tutto impreziosito da un’interpretazione vocale intensa e cristallina. Assieme alle gia conosciute “Jungo”, “Jazz Samba”, “Une journèe avec toi” e “I love America” (cover della superhit di Patrick Juvet), nell’album ci sono una manciata di fresche e solide tracce che sicuramente lasceranno il segno nel corso dell’estate. (Franco Martinelli)


DANCE AROUND THE WORLD Nuovo appuntamento con le migliori novità dance provenienti dal globo. Collaborazione importante tra gli inglesi Freemasons e Sophie Ellis-Bextor, che si materializza con il singolo “Heartbreak (Make me a dancer)”, un sicuro successo dell’estate 2009. Torna anche Darren Bailie, membro dei Guru Josh Project, che presenta “Protect your mind 2009”, con in primo piano il campione di “Braveheart”. Sulla stessa scia e dalla riproposizione di uno storico riff di Chris Rea (poi ripreso nel 2000 da York) nasce “On the beach” dei Sonic Palms, direttamente dalla terra austriaca. “Brighter day” è invece il nuovo singolo di Yanou, che con il socio Manian e lo pseudonimo R.i.o. firma anche una delle versioni del singolo. Partita un po’ in sordina, “And I try” dei Bimbo Jones è uno dei dischi che si faranno sentire di più nella stagione più calda dell’anno, così come un paio di pezzi alternativi che strizzano l’occhio al crossover, ovvero “Took the night” di Chelley e il nuovo di Dizzee Rascal che si ripresenta insieme ad Armand Van Helden per “Bonkers”. Infine, citazione doverosa per i nuovi singoli di Michael Mind “Love’s gonna get you” (con remix di Laurent Wolf) e The One Hundred “Break me down”, sicuramente tra gli“outsider”della prossima estate. (Luca Giampetruzzi)

PAIN & ROSSINI “Hands Up Everybody 2009” (Motivo)

“Hands Up Everybody divenne, sul finire del 2005, un grossa hit in tutta Europa. E veramente tanto fu il successo in termini di passaggi in radio, di supporto da parte dei djs, di vendite e di inserimento nelle più svariate compilation. Per l’estate’09, a distanza di quasi quattro anni dall’uscita della versione originale, il duo formato dai top dj nostrani Danilo Rossini e Stefano Pain ha deciso di rispolverare, sempre in attesa del nuovo singolo (la cui uscita è prevista per settembre), questa sua storica produzione. E lo ha fatto in grande stile. Realizzando un ottimo re-work (con delle sonorità sempre house ma decisamente più tirate, più attuali), affidando gli altri remix ai djs del calibro di Chriss Ortega, Jerry Ropero o Cristian Marchi, giusto per citarne alcuni, e pianificando, assieme alla bresciana Motivo, tre uscite in digitale e una su cd singolo. (Leonardo Filomeno)

DANILO ROSSINI Ft. MARTIN MICHEALSON “Just Can’t Get Enough” (Stereo Seven)

Esordio da solista per Danilo Rossini, mentor ufficiale di Nokia Trends Lab. Da pochissime settimane, infatti, è reperibile (sia su cd che su vinile) il suo remake di “Just Can’t Get Enough”, un classico dei Transformer 2 che per l’occasione è stato egregiamente reinterpretato dal bravo Martin Michealson. Il brano in questione, elegante ma al tempo stesso molto potente, da pista, è uscito sulla Stereo Seven di Andrea Bertolini, un altro grande nome della musica elettronica di casa nostra. E può farsi forte di due versioni “spaccapista” ad opera dell’attivissimo Ee-sma (l’artefice della club-hit internazionale “Speak”) e del duo Deep Work/Nick Olivetti. (Leonardo Filomeno)

ALEX GAUDINO & STEVE EDWARDS “Take Me Down (To The Water)” (Rise Records)

Nonostante il successo di ‘I Love Rock N’ Roll’ non si sia del tutto esaurito, l’a&r della Rise Records esce con un nuovo disco: Take Me Down (To The Water)”, un brano brioso, orecchiabile. Ed impreziosito da un’ottima traccia vocale ad opera di Steve Edwards, turnista che ha già collaborato con djs del calibro di Mike Gray, Bob Sinclar o Yves Larock. Il singolo in questione è reperibile dai primi di giugno (sia su cd che su supporto vinilico). E’ può vantare, oltre all’efficace versione originale, che è stata realizzata dallo stesso Alex e dall’inseparabile Jason Rooney, anche un remix di Nicola Fasano. (Leonardo Filomeno)

MAX ZOTTI “Shiver” (Net’s Work International)

Direttamente dalla costiera amalfitana, riecco in scena il dj produttore Max Zotti. Da qualche giorno, infatti, la Net’s Work & Songs ha reso reperibile “Shiver”, il suo nuovo singolo. Prodotto dallo stesso Zotti e dal collaudato team Martin/Nocera/Montanari, “Shiver” è un disco che ricorda parecchio, almeno se parliamo della versione principale, le sonorità del precedente floor-killer europeo “Deep Fear”, un brano prodotto - durante lo scorso anno - dallo stesso Zotti. Degni di menzione, infine, sono i potenti remix ad opera di Daniele Petronelli, che di recente ha pure remixato i Vandalism, e di Maurizio Gubellini. Voto: 8. (Leonardo Filomeno)

CHANEL “If You Love Me” (d:vision)

Dopo il grande successo ottenuto con “My Life” (2006) e “Dance” (2007), Chanel Perry ci riprova con “If You Love Me”, una traccia pop edita dall’accoppiata Hed Kandi/Ministry Of Sound e prontamente licenziata (per lo stivale) dalla d:vision. Di questo lavoro vanno evidenziate due cose: il livello della produzione, che è altissimo, e il fatto che sia il vocal che l’arrangiamento sono brillanti, estivi, proprio come vuole la tradizione “Hed Kandi”. Fossi in voi, comunque, avrei un occhio di riguardo per la coloratissima “disco lips remix”, che è stata realizzata da Wez Clarke, e per il remix di Danny Dove & Steve Smart. (Leonardo Filomeno)

WARREN CLARKE & TARA MCDONALD “Love Crazy” (d:vision)

Quale partner italiana della Ministry Of Sound, e quindi anche della sua sublabel Hed Kandi, una delle music factory più glam del pianeta, la d:vision non smette di deliziare i palati dei djs nostrani...Di recente uscita, infatti, è “Love Crazy”, una produzione riconducibile a Warren Clarke e Jonni Black, già artefici, assieme alla turnista Shena, della incantevole “Bitch Is Back”. La traccia vocale di “Love Crazy” è di Tara McDonald (che in passato, tra l’altro, ha prestato la sua voce per dei grandi successi di Todd Terry o David Guetta). E sul cd singolo, che è attualmente reperibile nei negozi di dischi, potete trovare, oltre all’ottima ‘original mix’, una altrettanto valida versione ad opera dei Triple D. (Leonardo Filomeno)

MEMO SOLINAS “Just As Long As We’Re Together” (Glitter)

In forma più che mai, la Glitter di Max Moroldo ha da poco sfornato il vinile di “Just As Long As We’Re Together”, splendida cover (in chiave house) della b-side di ben due dischi di Prince, ovvero “I Wanna Be Your Lover” e “For You”, ma anche singolo di debutto dell’eclettico Memo Solinas. Che ha potuto avvalersi dell’appoggio del grande John Biancale (voce del progetto) e di due eccellenti remixer quali Samuele “Sam-Project” Sartini e Steve Forest. (Leonardo Filomeno)

SIMIOLI, VIANI, SHENA “Touch Me” (Rise)

Ecco un’altra “release” con la Erre maiuscola per la Rise Records: “Touch Me”, energica (ed orecchiabile) traccia house nata dalla collaborazione tra due djs di fama internazionale come Nello Simioli, artefice, tra gli altri, di progetti come Back To Basics, e Gianluca Viani, anch’esso attivo da anni sul fronte discografico


(lui è stato uno dei produttori di Livin ‘ Joy).Cantata dall’affascinante e brava - Shena, già nota per le sue collaborazioni con artisti del calibro di Warren Clarke, Full Intention o di Alex Gaudino (storico a&r della sopracitata Rise), “Touch Me” può vantare ben 3 versioni: l’original, la “blu planet remix” e la “Alex Gaudino & Jason Rooney Remix”; che resta, secondo il mio parere, una delle migliori tra quelle reperibili. (Leonardo Filomeno)

DJ JORI Feat. MICHELLE WEEKS & BYRON STINGLY “Back 2 Me” (Stalwart)

Come ogni anno la Stalwart non manca l’appuntamento estivo e propone un caldissimo Soulful release che nasce dalla collaborazione del DJ/ Producer austriaco DJ Jorj con due artisti del calibro di Michelle Weeks e Byron Stingly, che troviamo a duettare splendidamente in “Back 2 me”. La versione Originale è fresca ed avvolgente, in classico stile soulful, con basso trascinante, organo funky e la magistrale interpretazione vocale. Il “Club mix” è più scarno musicalmente, ma arricchito di elementi percussivi, mentre la versione “Souled out edit” è davvero sublime, con un gran lavoro di Hammond ed un sapore marcatamente funky. Infine i remixes curati da DJ Rork a Juan Kid proiettano la traccia in una dimensione più elettronica. (Franco Martinelli)

PEVEN EVERETT “Party of the year” LP (Trippin’)

Peven Everett ritorna quest’estate con un nuovo strepitoso album. “Party of the year” è un disco eclettico e coinvolgente, riduttivo considerarlo un album di musica house, infatti Peven Everett combina alla perfezione elementi House, Funky, Hip-hop, R&B, 70’s Soul, Deep e Jazz. Il disco scorre che è una meraviglia, districandosi elegantemente tra le varie sonorità, accomunato dal personalissimo stile vocale di Everett, intenso, delicato e decisamente soul. Tante, forse troppe le tracce che meriterebbero una menzione, quindi il mio consiglio è quello di godersi l’album dall’inizio alla fine, senza pregiudizi, lasciandosi trasportare dalla musica di Peven Everett. (Franco Martinelli)

EDDIE THONEICK FEAT. MICHAEL FEINER “Don’t let me down” (Net’s Work International)

Protagonista delle ultime stagioni estive a livello discografico, il noto dj tedesco Eddie Thoneick continua a stupire, e si rilancia grazie a questo nuovo singolo che vede la presenza alla parte vocale di Michael Feiner, già conosciuto per altre recenti collaborazioni con nomi noti del panorama dance. Caratterizzato da un sound sempre molto incisivo, oramai marchio di fabbrica di questo dj, il brano è impreziosito anche da diversi remix, tra cui quelli di Joachim Garraud e David Tort. Già supportato dai migliori dj mondiali, il brano si prospetta come un sicuro riempipista estivo. (Luca Giampetruzzi)

INUSA DAWUDA & SEBASTIAN COURTIER “Children of the night” (Molto)

Nell’ultimo periodo ha cantato davvero una moltitudine di pezzi dance, che grazie alla sua voce inconfondibile hanno assunto un sapore decisamente più reggae. Lui è Inusa Dawuda, artista che ora si affianca al produttore tedesco Sebastian Courtier per questo brano perfetto per l’imminente estate. Due le versioni, “Original mix” più radiofonica e remix di Slin Project invece sulla scia della dance europea con un arrangiamento maggiormente electro. Un progetto ambizioso e molto solare dunque che potrebbe dare parecchie soddisfazioni all’attivissima etichetta modenese. (Luca Giampetruzzi)

DAB FEAT. SUSHY “Grease” (Melodica)

Nuovo progetto da parte di Diego Abaribi, titolare dell’etichetta bresciana e produttore di successo (anche negli anni ’90 grazie ad Aladino) che si propone in prima persona rispolverando il celebre tema di “Grease” e abbinandogli uno stile molto attuale che, come succede spesso ultimamente, riprende (nella “Club mix”) quello che ha reso famoso il tedesco Klaas. Prodotto insieme a Paolo Sandrini e Valerio Gaffurini e con la voce della bella Sushy, il pezzo fa leva su due diverse versioni e soprattutto su un’accattivante video che farà sicuramente breccia nelle tv musicali. (Luca Giampetruzzi)

SANDY CHAMBERS “This is me” (Off-Limits)

Una delle voci più famose della dance italiana fin dagli anni ’90, nascosta dietro pseudonimi o progetti che hanno riscosso grande successo mondiale, la bella Sandy Chambers si è resa protagonista negli ultimi tempi anche con il progetto Benassi Bros. A distanza di due anni da “Play my music”, questa vocalist torna alla sua carriera da solista con il nuovo singolo, orecchiabile brano prodotto da Alle Benassi e contenente svariate versioni, da quella più radiofonica del sopracitato producer a quella maggiormente alternative di Favretto e di D-Bag. Un gradito e valido ritorno. (Luca Giampetruzzi)

BASSFACES Come sempre cominciamo col ricordare BASSFACES.BLOGSPOT. COM il blog che raccoglie gli articoli passati, musica, links e tanti extra! In questo numero vogliamo parlarvi di un personaggio che da 15 anni e più è in giro per la penisola a bombardarci di basse frequenze e beats infuocati: LELEPROX. di Milano e con un passato punk ci racconta che si avvicina alla bass culture aver perso il concerto di Bob Marley a San Siro. Il “rammarico” come lo definisce lo porta ad espandere in direzione basso le sue selezioni che comprendevano già James Brown, i primi Police, Marley, i Clash, Killing Joke, Siouxsie, Bauhaus, Gary Numan, Kraftwerk, l’afro e le cose dub thing. La svolta vera però avviene a meta degli anni ‘80 quando nella borsa di Leleprox entrano reggae, rap e nuovo dub inglese, complici gli Zion Train che bazzicavano la penisola al tempo. Poi arrivarono jungle e drum and bass (che ancora oggi Lele propone con grande energia!) fino ad arrivare al dubstep. Dice Lele ‘Alcune tracce potrebbero non darmi molto, come mi accade spesso, perchè hanno un che di già sentito ma in verità ritorna l’eccitazione per il basso gigante sorprendentemente proposto in chiave fresca e assolutamente nuova almeno per quanto riguarda la ricerca dei suoni dei talentuosi giovani produttori’. Ora che conoscete LELEPROX correte ad ascoltarlo e a ballarlo dal vivo il 19 Giugno a Roma al ZK Squatt, 26 e 27 Giugno a Milano, dal 3 a 5 luglio al DNB2 festival ad Alioche (ci saremo anche noi! e praticamente l’intera scena dubstep nazionale! www.dnb2festival.com DA NON PERDERE!), 12 Luglio a Palermo con i Dirtyphonics, 31 Luglio e 1/2 Agosto a Palermo ancora per il Pollina Festival. Ringraziamo LELEPROX per aver scambiato due parole con noi, non vi resta che andarlo a sentire e seguirlo su myspace.com/leleprox, segnaliamo degli OTTIMI mixtapes! Passiamo ora alle novità discografiche: l’attivissima ELASTICA continua a sfornare big tunes su big tunes, seguitela su myspace. com/elasticalabel, mentre ERBA continua a sfasciare le yard col già segnalato remix di Herbalist. Parliamo quindi dei NUMA CREW che sbarcano anche negli USA con un EP su FOULPLAY. MOTHER INCnon sta a guardare e per la prossima release propone De Niro (myspace. com/d3n1ro) con la lisergica MWork, e ascolti su myspace.com/ motherincsound. Basata a Londra, ma creazione dell’italianissimo KILLERALIEN, segnaliamo GAMMA AUDIO (myspace.com/gammaudio), label votata ai suoni più dark e influenzati dalla neuro dnb più acida e magmatica. In uscita segnaliamo TRAVELOGUE REMIXED EP, in un progetto che unisce le scene americana, australiana e italiana: gli originali sono di B1T CRUNCH3R,ADAPT (USA) e PHONETIC SYSTEM (AU) mentre i remix sono a opera di KELLY DEAN (USA), KILLERALIEN e MOUCH (ITA); da tenere d’occhio e d’orecchio! Ma se siete impazienti e volete ascoltare da subito cosa vi stanno riservando le etichette italiane e non, allora l’ultimo mix di FOSTERe GANJIfa al caso vostro, DUBSPENCER SOUNDda Ancona colpisce ancora (myspace.com/dubspencersound)! Una nuova realtà che spinge il basso a 360° si chiama 4WEED, netlabel audiovisuale molto ambiziosa ed è una creazione di Mr Dill LW. Al confine tra dub e dubstep si pone la loro ottima release che segnaliamo con RIDDIM GUERRILLA. www.4weed.netper il download, GRATIS! Nuovi segnali ‘step arrivano dalla Sicilia, la connection si chiama PALERMO DUBSTEP (myspace.com/palermodubstep), correte ad ascoltarvi le produzioni di SUNDR-F, RAJAZe GIULIO MADDALONI nonchè i mixati dell’eclettico RESONANCEDJ. poi anche questo nome THE NAKED LUNCH perchè ne sentirete parlare. Ancora basse frequenze per STATE OF BASS da Bassano del Grappa/Vicenza (myspace.com/stateob) progetto multimediale di Kristian e Alessia, check! Infine novità sul fronte radio a cura di DJ JEFF, date uno sguardo a www.askyourself.it. Per questa puntata è tutto, al prossimo drop! EZ! (Cosimo D’Amicis)


REVOLUTION

Danilo Rossini 1) Danilo Rossini Ft. Martin Michaelson - “Just Can’t Get Enough” 2) David Guetta Ft Kelly Rowland - “Love Takes Over” 3) Pain & Rossini - “Hands Up Everybody (ReWork 2009)” 4) Axwell - Angello - Ingrosso - “Leave The World Behind (Dirty South Remix)” 5) Javi Mula - “Come On”

Giulia Regain 1) Paul Ritch - “Split the line (Dubfire mega rmx)” 2) Djuma Soundsystem –”Bipolar (dop morning rmx)” 3) Faitheless – “Music matter feat Cass Fox (MarKnight)” 4) Plastikman – “Plastik” 5) Doll’s House Prj – “Metropolitan (Giulia Regain rmx)”

Cyberpunkers 1) Cyberpunkers - “Check This Out2 2) C. Chocolate Cookies - “This is Massive - C. Punkers Rmx” 3) Cyberpunkers “Is Alternative - We Are Terrorist Rmx” 4) The Deafness & Alex D’Elia “Bela Lugosi’s Dead - C. Punkers Rmx” 5) The Toxix Avanger - “Toxic is Dead - C. Punkers Rmx”

Samuele Sartini 1) Sam-Project -“Love Shine” 2) Sagi Rei - “L’amour Toujur - Sartini Rmx” 3) Memo Solinas - “Just As Long... - Sartini Rmx” 4) Bimbo Jones - “And I Try” 5) Mood Velvet - “Every One’s The Winner - Sartini Rmx”

Jason Rooney 1) Alex Gaudino & Steve Edwards - Take Me Down (To The Water) 2) David Guetta Feat. Kelly Rowland - When Love Takes Over 3) Axwell,Ingrosso,Angello,Laidback Luke Feat. Deborah Cox Leave The World Behind 4) Michael Cleis - La Mezcla 5) Dirty South - We Are”

Mattara 1) Mat’s - “Hungry For Love” 2) Ce Ce Peniston - “Finally 2009 - bootleg” 3) Bacon Popper - “Free 2009” 4) S.A.D - “Heroes” 5) Javi Mula - “Come On”

Alex D’Elia 1) Broombeck - “Mono Turn – D’Elia, Young Rmx” 2) F. Sonik - “Vertigo – D’Elia, Young Rmx” 3) Alex D’Elia, Leo Martera - “Kuh Kuh” 4) N. Young - “Bye Bye My Brain – Ramon Tapia” 5) Skate - “Reserved”


Paul & Luke 1) Spankers - “Sex On the Beach (Paolo Ortelli vs Degree Mix)” 2) Mike Candys & Jack Holiday - “La Serenissima (Work That Body Remix)” 3) Coolio - “Lady Vs Beat Nouveau Feat. Storm Lee (Uppermost Remix)” 4) Paul & Luke feat. John Biancale - “Billie Jean” 5) Javi Mula - “Come On”

Jonnhy Dee 1) A.I.A.L. - “Leave The World Behind” 2) Max Zotti - “Shiver” 3) Daddy’s Groove - “Bleeding Heart” 4) Boys At Work - “In The Sky” 5) Dr Kucho - “Holy Spirit”

Sergio Mauri 1) Sergio Mauri “I Gotta Feel It” 2) Andrea Paci “Kiss Me - Mauri, Marchesini, Karim” 3) Snatch Bros “Living On Own - Mauri, Marchesini, Karim” 4) Jack Floyd “Move Your Feet - Mauri, Marchesini, Karim” 5) Javi Mula “Come On”

Daniele Petronelli 1) Daniele Petronelli - “CBM64 (Emrah Celik Rmx)” 2) Max Zotti - “Shiver (Daniele Petronelli Rmx)” 3) Andrea Roma & Alberto Fracasso - “Sorority Sisters” 4) Nihil Young - “Bye Bye My Brain - Ramon Tapia” 5) Keira - “Alegria (Daniele Petronelli Rmx)”

Mark Livella 1) Dj T “Dis” 2) Adriano Flippucci - “Rio Bazar” 3) Julien Chaptal - “Mamdaye” 4) Veztax - “whatup We - Valentino Kanziani remix” 5) Mark Livella - “Say What?”

Gio Di Leva 1) Cedric Gervas - “Mauri’s Dream” 2) Faithless - “Music Matters” 3) Christian Cheval - “Storm 2009” 4) Mark Knight & Funkagenda - “Good Times 2009” 5) Gio di Leva, Chrstian Cheval, Nello Simioli - “Kick The Small”

www.global-net.it info@global-net.it

CHILL OUT UNIVERSE: SHAZZ, KYLIE & QUANTIc Tra le uscite più importanti di questo periodo, al posto delle consuete compilation, segnaliamo volentieri un intero album, Heritage. Prodotto da Shazz e cantato da Micheal Robinson, è un disco perfetto per accompagnare una cena romantica o la prima parte di una serata in discoteca visto che non fa certo addormentare, bensì rilassa e fa venire voglia di muoversi. “Non sono un clubber, non lo sono da un bel po’”, racconta Shazz. “Negli anni ’90 andavo ai rave, oggi non più. Sono i giovanissimi ad aver voglia di quel tipo di musica, io no, io preferisco la dolcezza… ma mi piace quando certi dj remixano le mie canzoni, perchè gli danno un nuovo beat”. Sempre in ambito album rilassanti, segnaliamo volentieri il nuovo disco di Kylie Auldlist, Made of stone. La sua voce è dolcissima e le atmosfere black sono quelle di una Aretha Fraklyn degli esordi, ossia perfette. Molto atteso dagli amanti del genere anche il nuovo album di Quantic e del suo Combo Barbaro, Tradition In Transition. Da tempo l’artista vive in centroamerica ma resta inglese fino in fondo per la sua classe, per cui il mix non può essere che avvincente. (Lorenzo Tiezzi)

DRUM ANd BASS IN ITALIA, IL PUNTO dELLA SITUAZIONE (SEcONdA PARTE) Ci siamo lasciati lo scorso numero parlando di Milano ma

qualcosa di simile succede nel resto d’Italia. A Torino da 4 anni ogni sabato si balla al Puddhu Barai Murazzi del Po (lato destro) con la serata The Dreamers, proposta dei Rollers Inc. Vi è poi la serata (al momento in pausa per l’estate) al Maffia Clubdi Reggio Emiliache ogni mese propone i suoni più scuri e potenti della dnb con guest internazionali, organizzata da The Familycon DJ NK(from Hallucinator) come resident. Inoltre DJ NKha mixato anche l’ultima ITALIAN BASSLINE, ormai storica compilation che raccoglie i produttori italiani che propongono dnb, a cura di DIGITAL BOX Rec. Info e ascolti su myspace.com/ italianbassline4. Al Thermosdi Ancona DJ No Namee Waxdi Hydrophobicsuna volta al mese presentano Subwarfare, mentre a Romaorganizzano grandi nomi come Soundgate Promotioncon Andypope Ale Gcome resident. Poi vi sono mille altri posti dove vengono proposte anche cose più piccole ma che comunque rappresentano questo suono e questa cultura. Tra le release vi segnaliamo quella di Killeraliensu Subculture, myspace.com/ subculturednb. Alla prossima! (Roberto Todeschini) GOD IS A DJ numero 2 in attesa di registrazione al tribunale di Bari fanzine di informazione musicale distribuita gratuitamente all’interno dei negozi di dischi DIRETTORE EDITORIALE: Leonardo Filomeno (leonardofilomeno.info) COVER: Chiara La Corte PROGETTO GRAFICO E STAMPA: V&G – Bari REDAZIONE: Leonardo Filomeno, Lorenzo Tiezzi, Cosimo D’Amicis, Luca Giampetruzzi, Roberto Todeschini, Enrico Maria Magli, Alex Nocera, Franco Martinelli



god is a dj