Page 1


LA MOTIVAZIONE  come  motore   La   motivazione   (muovere   verso)   è   un   processo   di   attivazione   dell’organismo   verso   la   realizzazione  di  un  obiettivo.  È  il  processo  finale  di  una  ricerca  che  parte  dalla  comprensione   della  situazione  fino  al  raggiungimento  dello  scopo.   La  motivazione  attraversa  alcuni  passaggi  fondamentali:   la  comprensione  (il  mantenimento  dell’attenzione  sulla  situazione  prioritaria)   l’attenzione  (fattore  limitante  all’apprendimento  teorico-­‐pratico)   l’apprendimento  (come  raggiungere  lo  scopo)   il  miglioramento  (svolgimento  del  compito  al  raggiungimento  dello  scopo)    

  Questo   percorso   si   svolge   secondo   l’ordine   descritto,   ma   prosegue   nell’ordine   contrario.   Il   miglioramento   infatti   è   uno   stimolo   all’apprendere   quindi   all’attenzione;   l’aumento   della   comprensione,  infine,  influenza  la  motivazione  nel  far  ripartire  il  processo.     IL  GRUPPO  E  LE  DINAMICHE  DI  RELAZIONE   “Io  sono  fatto  così!!!”   “Io  ho  questo  carattere!!!”   “Io  sono  sempre  stato  abituato  così!!!”   “Io  ho  sempre  fatto  così!!!”   “Per  me  va  bene  così!!!”   “Io  la  penso  così!!!”     Quando  si  inizia  un  nuovo  percorso,  bisogna  sapersi  rinnovare,  mettersi  in  discussione.  


COSTRUIRSI UNA  LEADERSHIP   (da  Gestione  delle  risorse  umane,  P.  Drucker,  2009)  

•   La   leadership   non   è   un   diritto   calato   dall’alto   ,   ma   è   qualcosa   che   viene   riconosciuto   dal   basso   •  Il  leader  deve  continuare  a  essere  un  riferimento  credibile  e  riconosciuto  nel  tempo   •  Oltre  al  consenso  e  al  coinvolgimento  nel  tempo,  è  imprescindibile  il  raggiungimento  di  un   alto  livello  di  coerenza   •  Aggiungere  l’elemento  temporale  (persone  e  risultati)  impone  di  considerare  la  leadership   come  qualcosa  di  mutevole   •  Il  “cambiamento”  è  diventato  una  dimensione  con  cui  è  necessario  che  “tutti”  -­‐  ma  nel  nostro   caso   ALLENATORI,   dirigenti   e   organizzazioni   sportive   -­‐   debbano   prenderne   atto.   Il   “cambiamento”   prevede   la   messa   in   discussione   delle   proprie   abitudini,   della   propria   stuttura   mentale,  del  proprio  modo  di  porsi,  di  fare,  di  parlare,  di  insegnare,  di  organizzare,  di  vedere  la   propria   interazione   con   l’attività   da   un   punto   di   vista   diverso,   nuovo,   quindi   comprendere   e   condividere  i  nuovi  obiettivi  e  la  struttura  necessaria  per  raggiungerli.   •  Chi  non  si  adatta  al  cambiamento  è  destinato  a  rimanere  fuori  dalle  dinamiche  comunicative,   dall’interazione  tra  soggetti   •  Non  è  più  possibile  pensare  di  raggiungere  risultati  eccellenti  rimanendo  sempre  gli  stessi,   rifiutando  di  mettersi  in  discussione   •   Questo   potrebbe   significare   anche   mettere   in   dubbio   ciò   che   fino   a   ieri   ha   portato   risultati   o   ciò  che  negli  anni  è  sempre  stato  considerato  punto  di  forza   •   Il   mettersi   in   gioco,   nei   rapporti,   dovrebbe   valere,   naturalmente,   a   tutti   i   livelli:   quello   organizzativo,  di  team,  del  singolo  dirigente,  del  tecnico,  dell’atleta  di  tutto  l’indotto.   I  CARDINI  DELLA  MOTIVAZIONE:  “passare  dalla  parola  ai  comportamenti”    

Sviluppare il  senso  di  appartenenza   Valorizzare  il  ruolo  e  il  contributo  di  ognuno   Promuovere  il  consenso  sulle  decisioni   Mediare  i  conflitti,  tutelando  soprattutto  i  deboli  senza  condannare  i  più  forti   Da  gratificare  a  RESPONSABILIZZARE  

Un   po’   di   teoria   non   fa   mai   male,   questa   è   una   piccola   dose,   che   è   necessaria   per   iniziare   la   fase   del   cambiamento.   La   Pallavolo   Velletri   negli   ultimi   anni   ha   avuto   molti   mutamenti   dovuti   a   tanti   fattori   che   non   credo   sia   il   caso   di   sottolineare,   il   dato   rilevante   è   che   tutti   siamo   d’accordo   che   per   migliorare   la   qualità   occorre   modificare   alcuni   costumi   e   abitudini   (purtroppo  negative)  che  lentamente  hanno  affondato  le  radici  nel  quotidiano  della  palestra,   occorre  “UN  CAMBIAMENTO”.  Per  produrre  il  “cambiamento”  bisogna  estirpare  queste  radici,   questo  processo  ha  bisogno  di  5  elementi  fondamentali:     Condivisione   Disponibilità   Tempo   Pazienza   Coerenza     COSTRUZIONE  di  un  MODELLO    

Lo scopo   Costruire  un  ambiente  positivo,  formativo  e  motivante,  promuovere  la  qualità,  l’educazione,  la   motivazione,   la   partecipazione,   non   subire,   o   limitare   all’8-­‐10%,   gli   abbandoni.   Promuovere   il   talento,  ma  anche  la  pratica  dell’attività  sportiva.  


Io nel  progetto   La  completa  condivisione  ci  impone  di:   “Sentirsi  funzionali  al  sistema  e  non  satelliti  di  un  sistema”   “Se  decido  di  stare  dentro…  scelgo  di  essere  un  protagonista”     Iniziare  per  gradi.  Per  costruire  un  modello,  bisognerà  definire  alcuni  aspetti  importanti:   Il  metodo   Le  regole   Il  controllo   La  qualità     IL  METODO     “ALLENARE  non  vuol  dire  solo  far  crescere  un  atleta,  ma  soprattutto  far  crescere  una  persona,   chi   è   deputato   alla   formazione   deve   essere   disposto   anche   al   cambiamento,   se   necessario,   dello   stile   personale.   Deve   essere   disposto   a   studiare,   apprendere   e   applicare   i   principi   pedagogici  elementari.  “ALLENAMENTO  è  un  PROCESSO  PEDAGOGICO  GUIDATO…”     Modificare  l’habitat,  attraverso  la  scelta  dello  stile.  

  “AUTORITÀ  O  AUTOREVOLEZZA”   G.  Esposito,  RU.  Management  A.  

La   differenza   sostanziale   tra   autorevolezza   e   autorità   è   rappresentata   dall’origine   dell’assegnazione  dell’una  o  dell’altra.  

L’autorità è  corrispondente  al  livello  gerarchico,  quindi  al  potere  del  grado.   L’autorevolezza  è  invece  riconosciuta  dagli  altri.  

In genere,   l’autorità   è   legata   allo   stile   direttivo   (ad   esempio   per   comunicare   ordini   non   negoziabili),   quindi   al   superiore   gerarchico,   al   “capo”;   l’autorevolezza,   invece,   più   efficacemente   si   associa   allo   stile   partecipativo,   quindi   al   consenso   e   alla   capacità   di   convincere  e  di  vendere,  anche  un’idea.   L’autorevole   è   un   capo   che   non   ha   paura   di   perdere   credibilità,   al   contrario,   interviene   con   rapidità   nel   prendere   decisioni   e   nel   negoziare   con   la   propria   gerarchia.   Il   capo   autorevole,   quindi,  ha  anch'esso  una  sua  azione  autoritaria,  ma  la  sua  dote  maggiore  è  rappresentata  dalla   capacità,   soprattutto   comportamentale,   di   comunicare   con   i   suoi   collaboratori   individualmente,  con  tutto  il  gruppo  ed  esercitare  quando  necessario  la  propria  gerarchia.     Nell’ambito   sportivo  autorità  e  autorevolezza  devono  essere  entrambe  presenti  nella  persona   dell’allenatore,  lo  stile  autoritario  risulterà  fondamentale  nella  conduzione  di  allenamenti  e  nei   momenti   di   vita   comune,   lo   stile   autorevole   sarà   invece   indispensabile   nel   difficile   lavoro   di   equilibrio   tra   i   rapporti   allenatore-­‐atleti-­‐regole,   tra   atleti-­‐atleti-­‐dinamiche   di   gruppo,   tra   allenatore-­‐dirigente-­‐società,  tra  allenatore-­‐atleta-­‐genitori.   Il  tutto  guidato  da  una  grande  dose  di  BUON  SENSO.    

LE REGOLE  

Priorità di  scelta:   1. Educazione   e   comportamento   (linguaggio   e   regole   comportamentali   durante   tutta   l’attività)   2. Rispetto  di  persone  e  strutture  (allenatori,  compagni  di  squadra,  allenamenti,  dirigenti,   genitori,  palestre,  spogliatoi,  pulmino)  


3. Comportamento sportivo  (arbitro,  avversari,  pubblico,  trasferte)    

PROCEDURE

Condivisione del  regolamento  interno  da  parte  di  tutte  le  componenti   Lettura  e  spiegazioni  delle  regole  a  inizio  stagione   Condivisione  attraverso  uno  scambio  di  impressioni  

Sul  singolo  episodio   In  caso  di  comportamento  scorretto,  intervenire  secondo  le  seguenti  procedure:   1. Invitare  l’atleta  a  un  comportamento  idoneo   2. Richiamare  l’atleta  a  un  comportamento  idoneo   3. Intimare  all’atleta  provvedimenti   4. Presa  di  provvedimenti   Su  episodi  frequenti   1. 1°  richiamo  amichevole  davanti  alla  squadra   2. 2°  richiamo  autorevole  davanti  alla  squadra   3. 3°  richiamo  autoritario  e  preavviso  di  provvedimento  ai  genitori   4. Presa  di  provvedimento  annunciato     COMPETENZE   Se   il   comportamento   scorretto   viene   rilevato   dal   tecnico   durante   gli   allenamenti,   interviene  direttamente  secondo  procedure   Se   il   comportamento   scorretto   viene   rilevato   da   un   dirigente   o   da   altro   allenatore,   dovrà  avvisare  il  tecnico  che  sta  gestendo  l’allenamento   Se   il   comportamento   scorretto   viene   rilevato   durante   il   gioco,   il   tecnico   se   lo   ritiene   opportuno  prende  immediatamente  provvedimenti  tecnici  e  a  fine  gara  insieme  con  il   dirigente  interviene  secondo  procedure   Se   il   comportamento   scorretto   viene   rilevato   fuori   dalle   attività   tecniche   (spogliatoi,   corridoi,   esterno   palestra,   tribune…),   chiunque,   della   società,   lo   rilevi   interviene   immediatamente  per  sedare  il  comportamento,  non  appena  possibile  avvisa  il  tecnico   dell’atleta  per  la  presa  di  provvedimenti  secondo  procedure.    

IL CONTROLLO  

ATTEGGIAMENTO COERENTE:  “alle  parole  seguono  i  fatti…  sempre”   1. Profondo  rispetto  per  la  persona/atleta/giovane   2. Stesso  stile  con  tutti   3. Stessa  quantità  comunicativa  con  tutti   4. Stessa  qualità  comunicativa  con  tutti   5. Stessa  interazione  con  tutti   6. Stessa  attenzione  tecnica  con  tutti   7. Un  obiettivo  tecnico  e  agonistico  per  tutti   8. Sviluppo  per  tutti  del  senso  di  appartenenza  al  gruppo  e  all’attività   9. Campo  per  tutti  in  proporzione  alle  capacità  …  MA  PER  TUTTI!!!    

ERRORI DA  NON  COMMETTERE  

Non lasciarsi  influenzare  da  simpatie  e  antipatie   Non  lasciarsi  condizionare  dai  furbetti   Non  lasciarsi  condizionare  dalla  bravura  tecnica   Non  lasciarsi  condizionare  da  genitori  antipatici   Non  parlare  mai  di  altre  cose  se  non  dell’accaduto   Non  usare  “mai”  parole  offensive  neanche  per  scherzo   Non  usare  “mai”  parole  lesive  neanche  per  scherzo  


Non usare  mai  parole  che  indichino  punizioni  “corporee”   Non  scendere  mai  sul  personale   Non  alzare  mai  la  voce   Non  perdere  mai  la  calma   Non  sentirsi  chiamato  in  causa  

PERDITA di  COERENZA  INDIVIDUALE  

Avere un  comportamento  poco  attento  e  superficiale   Mostrare,  con  parole  e  comportamento,  poca  motivazione,  poco  entusiasmo   Avere  un  linguaggio  demotivante  e  scoraggiante  anche  se  per  scherzo   Partecipare   passivamente   all’allenamento   (allontanarsi   dalla   palestra,   stare   seduti,   parlare  con  altri,  parlare  al  telefonino)   Usare  due  pesi  e  due  misure   Lasciarsi  condizionare  dal  proprio  umore  giornaliero   Accanirsi  sempre  contro  gli  stessi   Non  considerare  tutti  gli  atleti  “persona”  allo  stesso  modo   Non  dare  a  tutti  le  opportunità  tecniche,  in  allenamento  e  gara   Essere  poco  propositivi  in  allenamento  e  gara  perdendo  subito  la  pazienza   Essere  assenteisti   Incoerenza  tra  il  dire  e  il  fare  

PERDITA di  COERENZA  AMBIENTALE  

Non rispettare  il  regolamento  e  le  procedure   Avere  un  atteggiamento  buonista  per  apparire  più  bravi  degli  altri   Mettere  in  dubbio  l’operato  di  un  altro  tecnico  o  dirigente   Parlare  privatamente,  esponendo  la  propria  contrarietà  al  regolamento,  alle  procedure,   a   un   episodio   e   a   un   provvedimento,   sia   con   i   diretti   interessati   che   con   chiunque   appartenga  all’ambiente   Contraddire   pubblicamente   l’applicazione   del   regolamento   e   delle   procedure,   ma   discuterne  privatamente   Prendere   provvedimenti   immediati   con   atleti   di   altri   gruppi   senza   attivare   le   procedure   Scendere  sul  personale  con  altri  tecnici,  dirigenti,  genitori  

LA  QUALITÀ   PROCEDURE  PER  UN  ALLENAMENTO  ORGANIZZATO     PRESUPPOSTI   Puntualità   Avvisare  con  sms/tel/allenamento  precedente  per  assenze,  ritardi  e  permessi  vari   (pena  l’applicazione  delle  procedure)   Si  arriva  in  palestra  15’  prima  dell’ora  di  allenamento  (non  un’ora  prima)   Comportamento  corretto  negli  spogliatoi  e  corridoi     ATLETI   Divisa  da  allenamento  obbligatoria  per  tutti  (si  vedrà  di  organizzarsi  con  le  maglie)   Bottiglia  o  borraccia  per  bere  durante  l’allenamento  (3  porta  bottiglie,  18  posti)   Elastico  individuale,  ginocchiere  (obbligatorie)     ALLENATORE   Rete  ben  messa,  carrello,  palloni,  altra  attrezzatura  necessaria,  borsa  medicinali   In  tuta,  con  cartellina  e  programma  di  allenamento  e  registro  presenze   Si  entra  il  palestra  solo  al  momento  di  inizio  allenamento  e  non  prima  


Raduno in   cerchio   al   centro   del   campo,   per   verifica   presenze,   presentazione   allenamento   Allenamento:  non  si  parla,  non  si  perde  tempo,  non  ci  si  distrae   Spiegazione   esercizio   breve   e   chiara,   correzioni   se   possibile,   individuali   senza   interrompere,  di  squadra  con  brevissime  interruzioni   Ogni  blocco  di  lavoro  30’  circa,  sosta  per  bere  45’’   Al  termine  raduno  al  centro  del  campo  per  comunicazioni  e  programmi   Controllo  finale  negli  spogliatoi  per  verificare  il  comportamento  

DA  EVITARE   Organizzare  esercizi  che  escludono  alcuni  atleti   Organizzare  esercizi,  cambi  e  rotazioni  che  limitano  sempre  gli  stessi  atleti   Organizzare  esercizi  troppo  complicati  e  tecnicamente  complessi   Organizzare  allenamenti  sempre  con  la  stessa  struttura   Organizzare  esercizi  che  non  abbiano  una  progressione  crescente   Provare  sempre  il  sestetto  che  gioca  senza  mai  provare  gli  altri   Abbassare  il  livello  qualitativo  dell’allenamento  per  provare  tutti   Interrompere  con  frequenza  gli  esercizi   Non  interrompere  mai  gli  esercizi     GARE  E  TORNEI   Coinvolgere  tutti  nelle  convocazioni  senza  abbassare  il  livello  qualitativo   Convocazioni   ufficiali   nel   raduno   al   centro   del   campo   alla   fine   dell’allenamento   precedente   Se   un   convocato   è   assente,   avvisare   immediatamente   (almeno   un   giorno   prima   della   gara)  tramite  sms/tel   Se   ci   sono   dei   non   convocati   assenti,   avvisare   immediatamente   (almeno   un   giorno   prima  della  gara)  tramite  sms/tel   Siano  esposti  chiaramente  e  ripetuti  “luogo  di  appuntamento  e  orario”   Coinvolgere  “il  maggior  numero  di  giocatori”  nelle  gare  ufficiali  (regola  prioritaria  per   il  futuro)     CONSIGLI  PER  FAR  GIOCARE  TUTTI  SENZA  ABBASSARE  TROPPO  LA  QUALITÀ   OLTRE  AI  CAMBI  CLASSICI  PER  RUOLO,  DURANTE  GLI  ALLENAMENTI:   Specializzare  alcune  riserve  sulla  battuta  (per  un  cambio  in  battuta)   Specializzare  alcune  riserve  per  la  difesa(per  un  giro  dietro)   Specializzare  alcune  riserve  per  il  muro  o  attacco  per  un  giro  avanti     I  CAMBI,  QUANDO?   Nella  prima  parte  del  set  (fino  a  16)   In  set  con  uno  scarto  positivo  o  negativo  di  4  punti   Al  3°  set  di  una  partita  compromessa  (che  si  poteva  vincere)   In  set  con  scarti  superiori  ai  6  punti   Distribuiti  al  1°  2°  3°  set  di  una  partita  che  si  può  vincere   Mai  2/3  cambi  insieme  quando  si  è  in  vantaggio  di  2-­‐0  (set)   Distribuiti   con   parsimonia   e   in   maniera   strategica   in   un   set   o   partita   equilibrata   (cambio   in:   battuta,   a   muro   sul   centrale   avanti,   in   difesa   sull’opposto   in   2ª   linea   che   non   riceve,   al   posto   del   palleggiatore   basso   per   una   posizione   avanti,   cambio   avanti   su   un  attaccante  che  non  attaccherà  comunque  …)     RAPPORTO  CON  I  GENITORI   Per  gli  allenamenti  la  palestra  resterà  chiusa  a  genitori,  parenti  e  amici  


Periodicamente, con  i  genitori  più  presenti,  fare  un  resoconto  dell’attività  sportiva  dei   figli  e  del  loro  comportamento,  evitando  di  esprimere  valutazioni  o  previsioni   Evitare  rapporti  preferenziali  con  alcuni  genitori   Se   il   genitore   ricopre   il   ruolo   di   dirigente   accompagnatore   nella   stessa   squadra   del   figlio/a,  non  potrà  sedere  in  panchina  durante  le  gare  ufficiali  

RAPPORTI  SPORT/STUDIO   L’istruzione   deve   rimanere   la   prima   priorità   nel   percorso   formativo   di   una   persona,   per   cui   nell’attività   si   dovrà   tenere   in   considerazione   questo   punto.   Chiaramente   bisognerà   giocare   d’anticipo,  con  alcuni  passaggi  importanti:   1. Chiedere  periodicamente  agli  atleti  il  loro  andamento  scolastico   2. Chiedere  periodicamente  ai  genitori  l’andamento  scolastico  dei  figli   3. Concedere  ogni  tanto  la  pausa  studio   4. Chiedere  la  copia  del  pagellino/pagella   5. In   caso   di   scarso   rendimento   scolastico,   scegliere   il   periodo   strategicamente   “MIGLIORE”   per   una   sospensione   dalle   attività,   concordata   con   i   genitori,   per   permettere  il  recupero   6. Non  sovraccaricare  troppo  gli  atleti,  occupando  ogni  giorno  con  allenamenti  e  gare   7. Ricordarsi   sempre   che   si   ha   a   che   fare   con   soggetti   in   fase   di   CRESCITA   a   360°   e   lo   sport  deve  essere  scelto  e  non  imposto    

Aspetti psicologici pallavolo  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you