Issuu on Google+


ANALISI DELLE SPECIE ESISTENTI

POLITECNICO di MILANO FACOLTA di ARCHITETTURA e SOCIETA’ CORSO di LAUREA SPECIALISTICA in “Architecture” a.a 2011-2012 Laureanda : Gabriella Milo matricola: 755716 Relatore: Prof. Alessandro Rocca Titolo tesi : Progetto per il Giardino dei Giusti -Monte Stella Milano


INTRODUZIONE Il giardino dei giusti sorge alle pendici del Monte Stella, a circa 4 km verso Nord-Ovest del centro di Milano. Il paesaggio attuale è costituito da diverse specie arboree, muretti in mattonato e terrazzamenti artificiali costruiti sui cumuli delle macerie della seconda Guerra Mondiale. L’area verde fu completata agli inizi degli anni ‘60, destinata a parco urbano, ed arricchita di alberi a partire dal 1971 ed a seguire tra gli anni ‘70 e ’90. il 24 gennaio 2003 è stato inaugurato il “Giardino dei giusti di tutto il mondo”, ossia la commemorazione dei “giusti” , di tutti coloro che aiutarono a salvare gli ebrei durante il periodo delle leggi razziali. L’area adibita a giardino attualmente versa in condizioni di degrado ed ha un aspetto incolto. Il giardino vero e proprio è costituito unicamente da due file semicircolari di alberi di ciliegio “Prunus avium”, piantati circa 10 anni fa, e da delle piccole targhe cilindriche in marmo su cui è inciso il nome del giusto poste alla base con albero a sua cerimonia. La restante parte, non è stata mai progettata. A seguire verranno mostrate le specie arboree esistenti, le loro caratteristiche e specificità. Nella attuale progettazione dell’area verde, si intende mantenere le stesse specie arboree con l’eventuale eliminazione di quelle non ritenute idonee. Le diverse specie che verranno selezionate verranno piantumate alcune vicino a quelle esistenti mentre le altre saranno ridistribuite all’interno dell’area verde, per una migliore fruizione del giardino stesso.


STATO DI FATTO

IV


V


La vegetazione esistente -Cedrus atlantica

VII

-Cedrus deodara

IX

-Picea abies L. Karsten

XI

-Prunus avium

XIII

-Celtis australis

XV

-Punica granatum

XVII

-Hibiscus Syriacus L.

XIX

-Carpinus betulus l.

XXI

-Robinia pseudoacacia L. -Aesculus hippocastanum L.

XXIII XXV

-Ulmus glabra

XXIX

-Platanus acerifolia

XXXI

-Acer pseudoplatanus

XXXIII

VII


Cedrus atlantica

Originario del nord Africa DIMENSIONI E PORTAMENTO Pianta con potamento conico-piramidale con chioma molto espansa e allargata alla base,l‘apice rimane affusolato anche negli esemplari,presenza inoltre fessurazioni piĂš o meno incise. TRONCO E CORTECCIA Albero con fusto dritto ramificato fin dalla base, con palchi inferiori quasi orizzontali. Scorsa grigia scura con sfumature bruno-nerastre.

IX


Cedrus atlantica

FOGLIE GEMME E RAMETTI Pianta a foglie persistenti,aghiformi,con aghi riuniti n fasce o gruppi di 20-35 elementi,inseriti come il larice,su piccoli rami a loro volta posti su rami adulti.

X


Cedrus deodara

Originario dell’Himalaya DIMENSIONI E PORTAMENTO Pianta con chioma e potamento conico-piramidale, meno regolare del Cedrus atlantica e con tendenza ad allargarsi ed espandersi con gli anni. Raggiunge altezze di 40-50 metri. TRONCO E CORTECCIA Albero con fusto dritto, ramificato fin dalla base, con vegetazione molto compatta. L’apice si mantiene abbastanza pronunciato e diviene tipicamente pendulo, così come tutti i germogli delle varie ramificazionIi. La scorza è bruno-grigiastra e rugosa negli esemplari adulti.

XI


Cedrus deodara

FOGLIE GEMME E RAMETTI Pianta a foglie persistenti con strutture riproduttive o infioriscenze maschili. Le strutture femminili sono formate da piccoli coni ovoidali.

XII


Picea abies L. Karsten

Originario dell’Europa centro settentrionale DIMENSIONE E PORTAMENTO Pianta e portamento conico-piramidale, regolare. Raggiunge altezze di 40-50 metri. TRONCO E CORTECCIA Fusto dritto e colonnare, ramificato fin dalla base con palchi secondari quasi orizzontali. La scorza è ocra rossiccia nelle piante giovani, bruno-grigiastra in quelle adulte.

XIII


Picea abies L. Karsten

FOGLIE GEMME E RAMETTI Le foglie sono persistenti, aghiformi, con aghi a sezione quadrangolare, rigidi di color verde scuro, appuntiti e pungenti.

XIV


Prunus avium

Originario dell’Asia occidentale. DIMENSIONE E PORTAMENTO Il portamento è arboreo, con cima conica globosa ed espansa, piuttosto regolare. Raggiunge altezze comprese fino a 3-8 metri. TRONCO E CORTECCIA Possiede un fusto eretto, ramificato nella parte medio alta, formando esemplari arborei con chioma molto espansa. La scorza è brunastra-rossiccia è lisica nei giovani esemplari e bruni-grigiastra e rugosa in quelli adulti.

XV


Prunus avium

FOGLIE GEMME E RAMETTI Pianta a foglia caduca, di tipo semplice, con lamina obovata o oblunga, e margine seghettato.

XVI


Celtis australis

Originario del bacino mediterraneo e dell’Asia Minore. DIMENSIONE E PORTAMENTO Raggiunge i 20 25 m il portamento è arboreo.La chioma si forma ad una certa distanza dal suolo e tende ad allargarsi regolarmente mantenendo una buona densità. TRONCO E CORTECCIA Il tronco si presenta regolare, con la corteccia liscia ed omogenea di colore grigiastro e tende a fessurarsi negli esemplari più vecchi. I rami primari raggiungono diametri consistenti assumendo andamento laterale e verticale, mentre quelli secondari tendono a ricadere.

XVII


Celtis australis

FOGLIE GEMME E RAMETTI Le foglie sono caduche, semplici e bifacciali. La pagina superiore è di colore verde intenso, quella inferiore, piÚ chiara possiede una fine peluria che le conferisce un aspetto tormentoso.

XVIII


Punica granatum L.

Pianta originaria delle regioni asiatiche sud-occidentali. DIMENSIONE E PORTAMENTO Il portamento a volte alboreo, è spesso arbustivo e cespuglioso, con chioma molto irregolare ed espansa. Raggiunge un’ altezza di 3-4metri.

TRONCO E CORTECCIA Il Melograno è caratterizzato da un fusto sinuoso e contorto, spesso diviso e ramificato fin dalla base con rami assurgenti contorti e spinosi. La scorza è grigio-ocraceo e brunastra.

XIX


Punica granatum L.

FOGLIE GEMME E RAMETTI Albero a foglia caduca, semplice, con lamina obovata o ovoidale con apice arrotondato e margine intero a volte leggermente sinuoso. Le foglie hanno consistenza coriacea e un corto picciolo, di colore verde chiaro-lucido. I giovani rametti hanno sezione quadrangolare e sono verdastri.

XX


Hibiscus Syriacus L.

Pianta originaria dell’India e della Cina DIMENSIONE E PORTAMENTO Portamento arbustivo-cespuglioso, con chioma densa e compatta, di forma ovoidale e regolare. Raggiunge un altezza di 3-4metri

TRONCO E CORTECCIA E’ un arbusto molto ramificato e compatto con rami eretti e diritti. La scorza è di colore grigiastro, e presenta delle rugosità più scure.

XXI


Hibiscus Syriacus L.

FOGLIE GEMME E RAMETTI Pianta a foglia caduca, di tipo semplice, con lamina ovata o lobata, con lobi ben incise ad apice acuto e margine denticolato. Foglie verdi nella pagina superiore e pi첫 chiare in quelle inferiori.

XXII


Carpinus betulus l.

Pianta originaria dell’Europa e delle regioni Caucasiche DIMENSIONI E PORTAMENTO Raggiunge i 20 m di altezza; ha per lo più un portamento arboreo, ma lo si può osservare anche con portamento arbustvo, specie se coltivato a scopo ornamentale o come essenza da siepe.

TRONCO E CORTECCIA Il tronco è diritto con corteccia grigiastra, liscia leggermente solcata. La chioma è fitta con andamento tendenzialmente verticale che fornisce alla pianta un aspetto slanciato.

XXIII


Carpinus betulus l.

FOGLIE GEMME E RAMETTI E’ una pianta a foglia caduca, di tipo semplice, bifacciale, con inserzione alterna. I rametti sono brunastri; la lamina fogliare ha forma ovale, con margine a doppia dentatura.

XXIV


Robinia pseudoacacia L.

Originaria del nord America DIMENSIONI E PORTAMENTO Raggiunge i 20-25 m di altezza, può avere portamento sia arboreo che arbustivo, i rami si dipartono dal tronco con angoli molto aperti originando una chioma folta ed irregolarmente allargata.

TRONCO E CORTECCIA Il tronco eretto è notevolmente ramificato, la corteccia brunastra possiede delle fessurazioni e dei rilievi longitudinali che si possono intersecare.

XXV


Robinia pseudoacacia L.

FOGLIE GEMME E RAMETTI Le foglie sono caduche, composte, di tipo mparipennato; l’inserzione è alterna, e avviene medante un picciolo. Le foglie lunghe sono costituite da foglioline picciolate, con lamina fogliare ellittica ed apice arrotondato. Foglie di colore grigio-verdastro.

XXVI


Aesculus hippocastanum L.

Pianta originaria della Penisola Balcanica diffuso in tutte le regioni d’Italia specialmente quelle settentrionali. DIMENSIONI E PORTAMENTO Raggiunge e supera i 25 m di altezza; presenta un portamento arboreo elegante ed imponente, a chioma espansa fino ad 8-10 m, molto fitta di aspetto tondeggiante o piramidale per i rami inferiori orizzontali. TRONCO E CORTECCIA Il tronco eretto, regolare e di diametro notevole, forma il palco principale ad una certa distanza dal suolo, i rami sono numerosi, soprattutto verso la parte terminale della chioma, la corteccia molto scura, con l’età tende a solcarsi e a formare delle placche irregolari.

XXVII


Aesculus hippocastanum L.

FOGLIE GEMME E RAMETTI Pianta con fiori ermafroditi, costituiti da un pcalice pentalobato ed una corolla con 5 petali bianchi.I Fiori sono con 7 stami.

XXVIII


Ulmus glabra

Pianta originaria delle regioni Europee caucasiche. DIMENSIONI E PORTAMENTO E’ un albero di prima grandezza che in condizioni ottimali può raggiungere i 30-(40) m di altezza e un diametro del tronco di 1,5-2 m. Latifoglia nobile dei nostri boschi. TRONCO E CORTECCIA Tronco dritto che tende ben presto a ramificarsi.Nella pianta giovane la corteccia è omogenea e liscia,di colore grigiastro,ma con l’invecchiamento tende a fessurarsi, a screpolarsi ed imbrunirsi.

XXIX


Ulmus glabra

FOGLIE GEMME E RAMETTI Foglia caduca, semplice bifaciale, lamina ovale con apice acuminato. Il frutto è una samara ovalizzata.

XXX


Platanus acerifolia

E’ un albero ottenuto mediante incroci è un genere di piante appartenente alla famiglia Platanaceae. DIMENSIONE E PORTAMENTO Raggiunge i 30 m di altezza e possiede portamento esclusivamente arboreo. La ramificazione avviene ad una certa altezza dal suolo e crea una chioma globosa che può raggiungere il diametro di 10 metri. TRONCO E CORTECCIA Tronco eretto e regolare da cui si dipartono grossi rami ad andamento irregolare. La corteccia è chiara, di colore grigio con riflessi verdi-giallastri, e liscia. Il tronco presenta desquamazioni dovute al cambiamento di corteccia durante il periodo vegetativo. Spesso alla base si formano numerosi polloni.

XXXI


Platanus acerifolia

FOGLIE GEMME E RAMETTI Il fogliame è deciduo, le foglie sono di tipo semplice, bifacciali, con inserzione alterna, foglie palmate e di dimensioni molto variabili generalmente hanno 5 lobi che possono variare da 3 o 7.

XXXII


Acer pseudoplatanus L.

Originario dell’ Europa, diffusa in quasi tutte le regioni italiane DIMENSIONI E PORTAMENTO Il portamento risulta alboreo con chioma molto larga, espansa e compatta, con cappello tondeggiante più o meno ad ombrello, raggiunge e va oltre i 15-30 metri. TRONCO E CORTECCIA L’ acero di monte è un albero a fusto eretto, ramificato nella parte medio-alta con rami larghi e quasi orizzontali negli esemplari piu vecchi.La scorsa è color grigrio-brunastro più o meno scuro ed è solcata longitudinalmente con striature più o meno grossolane negli esemplari adulti.

XXXIII


Acer pseudoplatanus L.

FOGLIE GEMME E RAMETTI Pianta a foglia caduca, di tipo semplice con lamina palmatolobata a 5 lobi incisi, il margine è seghettato. Le foglie hanno la lamina lunga.

XXXIV


XXXV



BOOK_1