Issuu on Google+

t

Michele Rota


Michele Rota Studio via rose, 21 Lovere Bg cell 3406765576 www.ceramicherota.com E-mail: rotaorama@gmail.com

Realizzato in collaborazione con: Sistemi & Computer di Rota Gabriel Via rose, 19 24065 Lovere -Bg-

Ceramiche Artigianali Rota Giuseppe Via Rose,21 24065 Lovere -Bg-


t

Michele Rota

..importanza degl’istanti


..importanza degl’istanti

M. ROTA

Cos’e “Arte” in questa epoca che si evolve cos velocemente, da non riuscire pi a suscitare un interesse pi generale verso essa? Anticamente, serva delle pi svariate societ veniva usata come mezzo durevole per le propagande alla popolazione per indottrinare, elogiare ed esaltare nel ricordo eventi e cariche. Con la diffusione dei “Media Veloci” le arti classiche vengono private della connotazione di principali celebratrici della storia e si evolvono seguendo le pi svariate teorie astratte. Personalmente ho dato e interpretato l’arte come una visione di sfogo, l’affermazione di attimi re-interpretati a seconda dei sentimenti e dei momenti. Gi, perché l’arte  soggettiva; come ogni visione  e deve continuare ad esserlo. Ogni lavoro non diventa cos la semplice immobilizzazione di un attimo, ma l’interpretazione di esso secondo la personale e soggettiva visione delle situazioni vissute, capace quindi di muoversi di persona in persona. Questa  l’affascinante particolarit del mondo dei pezzi unici. Ogni attimo, cos come ogni oggetto, nell’interpretazione viene visto da ognuno a seconda delle esperienze vissute, guidate dai conflitti che ogni giorno attraversano le nostre menti, con un sentimento diverso.  proprio quando questi momenti si sfogano in qualcosa di concreto che l’oggetto resta pregno di sensazioni metafisiche e diventa opera. Oggi questa  la mia interpretazione dell’arte. Con il susseguirsi delle epoche e l’evoluzione delle ricerche, i mezzi e i materiali con cui l’estro si manifesta si sono evoluti a loro volta e sono diventate pressoché infinite le possibilit di fare arte.


Con il susseguirsi delle epoche e l’evoluzione delle ricerche, i mezzi e i materiali con cui l’estro si manifesta si sono evoluti a loro volta e sono diventate pressochè infinite le possibilit di fare arte. Da amante del “non finito” ho sempre prediletto l’utilizzo del carbone classico per progettazione ma trovo pi intriganti, vigorosi e nervosi il modellato e la scultura, dove l’espressione assume forme tridimensionali. Queste predilezioni nascono dalla mia formazione che non esclude comunque l’utilizzo di altri materiali. In particolar modo nell’ambiente ceramico utilizzo una tecnica antica e moderna allo stesso tempo: il raku, dove il lavoro diventa un’espressione multipla del concetto d’istante. In ogni fase della lavorazione dell’argilla gi si concentrano una serie di attimi ed esperienze, ma  con la successiva cottura raku che queste esperienze diventano capaci di esprimere la profondit spirituale di questa tecnica antica e il lavoro assume preziosit, forza e movimento. Inoltre genera un certo piacere cuocere in riduzione di ossigeno, cosciente di unire al modellato, dunque alla terra, gli altri tre elementi: fuoco, acqua e aria. Questi quattro componenti, alla base della filosofia zen, si amalgamano nell’opera e nella coscienza dell’uomo che li sfrutta per intrappolare qualcosa di unico e irripetibile: l’amore per l’istante e per il sentimento. La consapevolezza di dare un’unione armoniosa a queste entit fisiche riesce a rendere piacevole la vita, oltre che la cottura, come recita l’ideogramma dal giapponese che descrive la tecnica come il “vivere con gioia e armonia la giornata, tra gli uomini e le cose”.


L’inquietudine della tecnica scultorea dell’istante, sta nel riuscire a diffonderla oggettivamente rendendola assoluta, slegata cio da ogni altro elemento circondariale, ma capace di vivere in armonia col tempo e in comunicazione con l’ambiente esterno. Perché l’arte  comunicazione Comunicazione che non deve esser perfetta e unidirezionale (trasportata in scultura la paragonerei al modello greco, minuzioso ed equilibrato ma per me sterile e con unico fine votivo) ma deve essere intrigante, vivace e interessante (come le opere di G.Pomodoro o Valentini che sono piacevoli ma non “finite”). Nella mia comunicazione cerco di muovere i miei interessi nella mediazione tra immagine, cultura e massa ritrattandoli in temi personali, messi in relazione a tutto ci che mi circonda: la societ moderna, post moderna o quello che  diventata. Questo  possibile perché facendone parte ognuno pu intravedere i movimenti di questa collettivit organizzata. La descrizione della contemporaneit da parte dell’impulsivit artistica si  sempre amalgamata con le esperienze personali di ognuno e la Mtv generation, come si sente chiamare la mia generazione, descrive una societ seduta, impersonale e in mezzo a questo piattume manca qualcosa di autentico, che stimoli e che sproni. …il concetto : non si pu vivere di solo design Questo  un altro compito che ha l’arte nelle societ e nelle case. La mia capacit, la fortuna di avere 25 anni di attivit artigianale nel campo ceramico e la conoscenza sin da giovane di diversi artisti veri e giocosi (primi tra tutti i miei genitori) capaci di comprendere, fare vivere e vivere le vibrazioni dell’esistenza, hanno generato in me il bisogno dello “sfogo dalle inquietudini”e facendomi scoprire la chiave delle arti: una passione sempre viva e continuamente stimolata.


Le espressioni delle teste, le torsioni dei busti, le faglie ...di terra, i satelliti sono tutte descrizioni di attimi autentici che voglio prolungare nell’esistenza mia e di tutti Maybe L’Inaspettanze Interstellar Overdrive Rosso Imbrigliato Le varie poesie di terra Veleno Torsione Velata sono si tutte frutto di descrizioni e ricerche sulle emozioni, ma anche personali omaggi agli attimi stessi e alle persone e situazioni che li hanno generati. Per questo ringrazio chi mi conosce e mi lascia qualcosa di sé, perché con la solitudine nulla si muove …e di conseguenza non andremmo avanti. M Rota 02/02/2007


“Bianca..” ceramica raku, cm 30 x 10 x 1, 2006


“Inaspettanza” marmo e ceramica raku (dx), cm 16 x 20 x 42, 2006


Inaspoettanza RAKU


..senza titolo ceramica raku, cm 20 x 10 x15, 2006


“Interstellar Overdrive� ceramica raku, singole cm 35 x 11 x 1, 2006


“Faglia” ceramica raku, cm 100 x 35 x 3 2006


“..orizz..” ceramica raku, cm 50 x 15 x 2 2006


“Daemon” ceramica raku, cm 50 x 75 x 20, 2006


“rosso Imbrigliato� ceramica raku, cm 40 x 18 x15, 2006


“Maybe..” ceramica raku, cm 30 x 35 x 43, 2006


“mezzoBusto� ceramica terra mista raku, cm 35 x 25 x 40, 2006


“Torsione Velata” ceramica raku, cm 28 x 28 x 80, 2006


Da amante del “non finito” ho sempre prediletto l’utilizzo del carbone classico per progettazione ma trovo pi intriganti, vigorosi e nervosi il modellato e la scultura, dove l’espressione assume forme tridimensionali. Queste predilezioni nascono dalla mia formazione che non esclude comunque l’utilizzo di altri materiali. In particolar modo nell’ambiente ceramico utilizzo una tecnica antica e moderna allo stesso tempo: il raku, dove il lavoro diventa un’espressione multipla del concetto d’istante. In ogni fase della lavorazione dell’argilla gi si concentrano una serie di attimi ed esperienze, ma  con la successiva cottura raku che queste esperienze diventano capaci di esprimere la profondit spirituale di questa tecnica antica e il lavoro assume preziosit, forza e movimento. Inoltre genera un certo piacere cuocere in riduzione di ossigeno, cosciente di unire al modellato, dunque alla terra, gli altri tre elementi: fuoco, acqua e aria. Questi quattro componenti, alla base della filosofia zen, si amalgamano nell’opera e nella coscienza dell’uomo che li sfrutta per intrappolare qualcosa di unico e irripetibile: l’amore per l’istante e per il sentimento. La consapevolezza di dare un’unione armoniosa a queste entit fisiche riesce a rendere piacevole la vita, oltre che la cottura, come recita l’ideogramma dal giapponese che descrive la tecnica come il “vivere con gioia e armonia la giornata, tra gli uomini e le cose”.


Curriculum Rota Michele nasce a Lovere il 30/12/1982. Sin da giovanissimo si trova a contatto con l’arte grazie alla presenza dei genitori Rota Giuseppe e Conter Silvana, che lo portano a contatto della realt artistica e in particolare della ceramica italiana e internazionale. Negli svariati viaggi dalla met degli anni ’80 dei genitori da nord a sud della penisola, ha modo di vedere, apprendere e conoscere realt dell’arte che assimila inconsciamente. In maniera particolare l’ambiente creativo calabrese formato da Antonio La gamba, Nino Forestieri, Angelo Savelli e Nik Spatari lo influenzeranno come esempi nella sua formazione artistica. Nel 1996 entra nel Liceo Artistico Decio Celeri di Lovere dove ha come professori in materie artistiche Massimo Facchini, Bruno Visinoni e Carlo Previtali con il quale collabora tuttora come ceramista. La sua formazione scolastica si conclude con una tesi sullo sviluppo e sulla ricerca delle tecniche ceramiche sino al movimento futurista e il 5anno di liceo. Da sempre collaboratore nel laboratorio di Ceramiche Artigianali del padre, dopo i doveri statali, ci si dedica quasi a tempo pieno unendo la ricerca di nuove tecniche e di nuovi materiali alle sue opere e di conseguenza alle realizzazioni del negozio. Ha partecipato a molte mostre e mostre-mercato nelle Valli del bergamasco e del bresciano anche come dimostratore di tecniche come il Raku e Raku Nudo, tra le quali quelle di Bienno, Pescarzo di Capo di Ponte, Sellero, Pisogne, Parre… e della Lobardia in genere: Fiera di Bergamo, svariati paesi della bassa Lodigiana e le ultime manifestazioni dell’ AF a Milano. Appassionato del lavoro d’artigiano ceramista e di scultura artistica continua a la sua ricerca artistica a Lovere. Riconoscimenti da me riconosciuti Riceve il 1 premio della sezione ceramica alla manifestazione “Premio d’arte citt di Breno” 13-14/20-21 maggio 2006


Dedico questo primo catalogo ai miei genitori, my brother... e alla correttrice del testo Grazie


Michele Rota ...importanza degl’istanti Studio via rose, 21 Lovere Bg cell 3406765576 www.ceramicherota.com E-mail: rotaorama@gmail.com

Realizzato in collaborazione con:

Sistemi & Computer di Rota Gabriel Via rose, 19 24065 Lovere -Bg-

Ceramiche Artigianali Rota Giuseppe Via Rose,21 24065 Lovere -Bg-


Studio via rose, 21 Lovere Bg cell 3406765576 www.ceramicherota.com E-mail: rotaorama@gmail.com


Catalogo Artistico Michele Rota