Page 1

Chiocciol@PUBBLICITÀ 035 972217

Mensile d’informazione del Sebino Dal Mondo

Chiocciol@PUBBLICITÀ 035 972217 Anno VI, n° 05 - Maggio 2011 € 1,00

Osama Bin Laden è stato ucciso in Pakistan

Osama bin Laden ha opposto resistenza armata quando le forze speciali americane sono entrate nel suo rifugio La notizia è stata diffusa dal presidente americano Barack Obama, che ha affermato "giustizia è fatta". Una marea di persone si è radunata, davanti alla sede presidenziale a Washington, per festeggiare.

Provincia

Ciclopista tra i laghi di Iseo e Endine Venerdì 22 aprile nella sala riunioni della sede provinciale di via Sora a Bergamo, è stato sottoscritto il protocollo d'intesa per la progettazione del percorso ciclopedonale di collegamento tra il lago d'Iseo e la Valle Camonica con il lago di Endine e la Val Cavallina. Hanno partecipato alla firma: l'Assessore provinciale alle Grande infrastrutture...

Seriate

Il Cav. Luigi Cortesi è il Responsabile dell’Ufficio Pubblica Tutela dei diritti degli utenti dell’Azienda Ospedaliera Il 10 marzo 2011 l’Azienda Ospedaliera Bolognini di Seriate, che raggruppa gli ospedali di Alzano Lombardo, Gazzaniga, Piario e Lovere, ha nominato Luigi Cortesi, Responsabile dell’Ufficio Pubblica Tutela dell’Azienda.

Sarnico

A nuovo tutta la costa lacustre

2 4 6

Il rendering del progetto per riqualificare la sponda del lago davanti al Cocca Hotel di Sarnico è redatto dall’ingegner Dario Catalini Alcuni tra gli investimenti più significativi individuati dall'Amministrazione comunale di Sarnico e inseriti, per essere finanziati, nel piano delle opere pubbliche 2011-2013 sono riferiti alla riqualificazione della piazza Santissimo Redentore adiacente la parrocchiale (per un importo di 800 mila euro)

Lovere

www.ilgiornalesebino.it

Strage di Viareggio: si faranno alla Lucchini Rs le prove sull'asse del treno Gli accertamenti irripetibili sull'asse, la cisterna, il picchetto e altri componenti ferroviari nell'ambito delle indagini preliminari sul disastro ferroviario di Viareggio del 29 giugno 2009 si svolgeranno nelle officine della Lucchini RS di Lovere.

7 8


Maggio 2011

PROVINCIA

2

Osama Bin Laden è stato ucciso in Pakistan

Osama bin Laden ha opposto resistenza armata quando le forze speciali americane sono entrate nel suo rifugio all'agenzia France Presse. Sulla testa di Osama Bin Laden era stata posta una taglia da 25 milioni di dollari. Il blitz sarebbe stato predisposto, sempre secondo gli esperti della Cnn, dopo cinque riunioni fra il presidente Obama e i servizi segreti in questi ultimo periodo. Un coordinatore dei servizi segreti pachistani ha rivelato che l'intervento militare è avvenuto a Abbottabad, città a soli 75 chilometri da Islamabad, e Bin Laden si trovava in un luogo di alta sicurezza, circondato da una recinzione e protetto da una doppia cancellata. Osama Bin Laden ha opposto resistenza armata quando le forze speciali americane sono entrate nel suo rifugio, hanno riferito fonti del Pentagono. Nella sparatoria e' stato ucciso ed il suo corpo e' stato prelevato dai militari americani giunti in elicottero sul luogo dell'operazione.

La notizia è stata diffusa dal presidente americano Barack Obama, che ha affermato "giustizia è fatta". Una marea di persone si è radunata, davanti alla sede presidenziale a Washington, per festeggiare. Un responsabile dei servizi segreti pachistani ha confermato che Osama Bin Laden è stato ucciso "nel corso di un'operazione molto forte": "posso confermare che è stato ucciso" ha affermato

Nato il 10 marzo 1957, diciassettesimo dei 52 figli del più ricco costruttore dell'Arabia Saudita, avrebbe scoperto la propria intensa religiosità dopo essere rimasto folgorato dai luoghi santi islamici della Mecca e di Medina. Comincia a formare la sua rete terroristica fin dal 1979. In quell'anno, dopo essersi laureato in ingegneria all'università di Gedda, si unisce alle truppe della resistenza afgana, i mujahedin, per combattere le truppe sovietiche che occupano l'Afghanistan. Nel 1980, infatti, decide di lasciare la casa paterna per prendere parte alla Jihad afghana contro l'Unione Sovietica, trasformandosi in un eroe nella regione. Un'esperienza che lo porta a radicalizzare il suo odio nei confronti degli Stati Uniti ma anche a prendere le distanza dal paese di origine, l'Arabia Saudita, la cui famiglia regnante viene considerata

''troppo poco islamica''. Terminata l'esperienza di guerra contro i sovietici, torna in Arabia Saudita, dove comincia a lavorare per l'azienda di costruzioni di famiglia, il "Saidi Binladen Group". Nel 1996 lancia il primo "fatwah", editto religioso in cui invita i musulmani a uccidere i soldati americani stazionati in Arabia Saudita e Somali. A questo ne segue un secondo, nel 1998. Nel mirino di bin Laden, stavolta, ci sono anche i civili statunitensi. Nell'ottobre 1993, 18 militari statunitensi impegnati nell'operazione umanitaria in Somalia vengono uccisi nel corso di un'operazione a Mogadishu. Bin Laden viene condannato nel 1996 con l'accusa di aver addestrato i responsabili dell'attacco. Il 7 agosto 1998, otto anni dopo il dispiegamento delle truppe americane in Arabia Saudita, l'esplosione di alcune autobombe fa saltare in aria le ambasciate americane

a Nairobi, in Kenya e a Dar es Salaam, in Tanzania, uccidendo centinaia di persone. Il 29 maggio 2001 quattro suoi collaboratori vengono condannati al carcere a vita. Tra questi, Ahmed Ressam, reo confesso di aver partecipato al piano fallito di far esplodere l'aeroporto internazionale di Los Angeles durante i festeggiamenti del capodanno 2000 Dopo il tragico attentato alle Torri Gemelle di New York, bin Laden è diventato il pericolo numero uno per gli Stati

Uniti, che hanno unito le loro forze, insieme a numerosi alleati internazionali, per dare la caccia a quello che è ormai considerato a tutti gli effetti il responsabile morale e materiale della strage newyorchese. Il 2 maggio 2011 durante un intervento militare avvenuto a Abbottabad, città a soli 75 chilometri da Islamabad, Bin Laden, che si trovava in un luogo di alta sicurezza, è stato ucciso dalle forze speciali americane.

Disoccupazione giovanile record La disoccupazione totale è arrivata al 9 %, quella giovanile addirittura al 30 %

di Facchinetti Nicola La crisi economica scoppiata negli Stati Uniti nel 2008 e diffusasi in tutta Europa ha portato agli Stati europei come l' Italia, la Francia e la Gran Bretagna un aumento considerevole della disoccupazione . La fine del 2010 è stata l' occasione per tutti i governi di

fare il punto della situazione, paesi come la Grecia e l' Irlanda già falliti, fanno da esempio ai politici che hanno il diritto ma soprattutto il dovere di fare meglio di quanto visto in queste occasioni. La cura data da questo o da quell' economista non sembra migliorare di molto le cose, tanto che la disoccupazione sale a livelli mai visti in molti

Stati Europei . In Italia da un recente sondaggio ISTAT si è verificato che la disoccupazione si è stabilizzata intorno al 9 % ma il dato allarmante è per i giovani che arrivano addirittuara al 30 % . Questo dato amplifacato dalla situazione del mercato, deve far riflettere oltre che sulle condizioni della società

odierna anche sulle prospettive che i giovani non hanno in una società futura . Per risollevare questa situazione di profonda crisi c' è bisogno della collaborazione di tutti i cittadini, non solo dello Stato centrale o degli Enti sovracomunali ma anche delle amministrazioni comunali che hanno il dovere di trovare soluzioni accettabili e duratu-

Raimondi firma l'intesa

L'Assessore all'Ambiente, Energia e Reti della Regione Lombardia, Marcello Raimondi, ha sottoscritto venerdì 8 aprile, a Berga-

mo, l'Accordo territoriale per la promozione della conciliazione dei tempi di vita e di lavoro. L'intesa coinvolge Comu-

ne di Bergamo, Provincia, Camera di Commercio, Ambiti Territoriali, Consiglio provinciale di parità e Azienda ospedaliera.

Raimondi, delegato per il Comitato di Coordinamento dell'Accordo Quadro di Sviluppo Territoriale (AQST) di Bergamo,

Anno di fondazione 2006

Direzione e redazione:

Via Nazionale, 135 - 24062 Costa Volpino (BG) - Tel 035.972217 - Fax 035.4346933 E-mail: indrosrl@libero.it - info@chiocciolapubblicita.com Editrice: Indro srl - via Nazionale, 135 - 24062 Costa Volpino (BG) Registrazione: Tribunale di Bergamo decreto n°30 del 21/11/2006

Paolo Ferrari,

Stampa: Centro Servizi editoriali srl Impaginazione Grafica: Macario Michela per Chiocciola Pubblicità srl

Laura Arrighetti.

Questo numero de “il Giornale del Sebino” è stato chiuso alle ore 15,00 di sabato 30.04.2011

re nel tempo, per i giovani che finito il loro percorso di studi intendono lanciarsi nel mondo del lavoro . Indipendentemente dalle ideologie e dalle esperienze personali chi sarà in grado di trovare una risposta efficente al problema occupazionale, contribuirà in modo significativo al miglioramento del futuro dei nostri giovani .

è intervenuto per illustrare i contenuti dell'Accordo insieme ai rappresentanti degli altri enti coinvolti.


Maggio 2011

PROVINCIA

4

"Sebino innova” 14 imprese artigiane della gomma plastica in rete Il progetto del valore di 430.000 euro, di cui è capofila la Provincia di Bergamo, ha ottenuto il cofinanziamento della Regione Lombardia per sviluppare attività di ricerca e analisi

Martedì 12 aprile, nello spazio Viterbi della Provincia di Bergamo, si è svolta la presentazione dei risultati del progetto "Sebino innova”, che ha coinvolto 14 aziende artigiane della rete di eccellenza del Sebino del settore della gomma plastica. Erano presenti: l'Assessore alle Attività produttive della Provincia di Bergamo Giorgio Bonassoli, Licia Ponno di Unitre e, per l'associazione Artigiani Bergamo, il presidente Angelo Carrara, Marina Redondi, i consulenti Cristian Pellegrini e Alessandra Garlini. Il progetto del valore di 430.000 euro, di cui è capofila la Provincia di Bergamo, ha ottenuto il cofinanziamento della

Regione Lombardia per sviluppare attività di ricerca e analisi di soluzione applicative delle nuove tecnologie Ict nell'ambito della comunicazione e della commercializzazione di servizi e prodotti a livello europeo. Le 14 aziende, tutte iscritte all'associazione Artigiani, sono state affiancate dai consulenti coordinati dall'Associazione Artigiani di Bergamo, che hanno potuto operare dall'ufficio di via Locatelli 33 a Trescore, avviato in modalità sperimentale per il progetto. Oltre 1.000 ore di consulenza e di formazione manageriale e tecnica sono state dunque destinate alle imprese per sviluppare nuovi clienti avvalendosi di strumenti innovati-

vi e di un portale web in quattro lingue (www.sebinoinnova.com), che ha messo in atto strategie di web marketing mirate, registrando circa 3.000 visite e 7 richieste di offerte. L'obiettivo è stato quello di promuovere il concetto di servizio più che di azienda, dando importan-

za al prodotto in un'ottica di costruzione di un network di tipo collaborativo. "L'individualismo esasperato della nostra tradizione imprenditoriale è oggi un ostacolo che deve essere superato. Dobbiamo cambiare approccio al mercato, imparare a metterci insieme per puntare

all'obiettivo”, spiega Angelo Carrara. "L'aver tracciato questa via è un risultato eccezionale, che ora bisognerà allargare ad altre settori di eccellenza della Bergamasca, settori su cui dobbiamo puntare per uscire dalla crisi”, conclude l'Assessore Bonassoli. Un progetto di successo, dunque, che ha generato circa 2.000 contatti per le imprese, la gran parte provenienti dai paesi europei, ma anche da Cina, Russia e paesi arabi. I contatti si sono poi concretizzati per il 21% in incontri di affari, per il 30% in ordini e per un 85% in richieste di offerta.Il progetto Sebino innova nasce dal programma regionale DRIADE che, con l'azione "ARTEMIDE"

"ARTigianato E MicroImprese per DIffondere l'Eccellenza), consente di valorizzare e rafforzare il sistema delle reti di eccellenza carraterizzanti alcuni segmenti del tessuto produttivo locale, in particolare del mondo artigiano bergamasco. da U.C.P.R.

L'Assessore alle Attività produttive Giorgio Bonassoli

Ciclopista tra i laghi di Iseo e Endine

Venerdì 22 aprile nella sala riunioni della sede

provinciale di via Sora a Bergamo, è stato sottoscritto il protocollo d'intesa per la progettazione del percorso ciclopedonale di collegamento tra il lago d'Iseo e la Valle Camonica con il lago di Endine e la Val Cavallina. Hanno partecipato alla

firma: l'Assessore provinciale alle Grande infrastrutture, Pianificazione territoriale ed Expo Silvia Lanzani, il Presidente della Comunità montana dei laghi bergamaschi e i rappresentanti dei Comuni di Castro, Costa Volpino, Endine Gaiano, Lovere,

Monasterolo del Castello, Pianico, Sovere, Solto Collina, Rogno. La ciclopista crea un collegamento "dolce” tra il lago d'Endine e il lago d'Iseo: parte  da Endine Gaiano e costeggiando il lago della "Rova” in territorio di Solto Collina, pro-

segue sul territorio di Sovere e Pianico per arrivare a Lovere, riutilizzando in parte anche sul territorio di Castro il percorso della vecchia tramvia Bergamo. L'opera riveste particolare interesse ai fini cicloturistici, perché dà continuità nel territorio bergamasco

alla ciclovia della Valle Camonica e completa un percorso di circa 50 km da Trescore Balneario a Breno, con derivazioni di collegamento da Costa Volpino con entrambe le strade costiere del Lago d'Iseo e il sistema delle ciclabili bresciane.


Maggio 2011

PROVINCIA

Autopalco: nuovo territorio musicale

5

l 26 e 27 maggio la rassegna musicale nata da un’idea di Bruno Santori in collaborazione con Le Due Torri. Testimonial Roby Facchinetti, Don Antonio Mazzi, Franz Di Cioccio, Francesco Baccini e Giorgio Giuffra, Presidente di Sanremo Promotion

Un palco, buona musica e tanta voglia di esibirsi e di incontrare discografici e professionisti del settore. Saranno questi gli ingre-

SERIATE

dienti principali di Autopalco, momento musicale organizzato al secondo livello del Centro Commerciale Le Due Torri, dedicato agli emergenti (senza limiti di età) in programma il 26 e 27 maggio prossimi. La due giorni, nata da un'idea del Maestro Bruno Santori - direttore stabile e artistico dell'orchestra Sinfonica di Sanremo e componente del comitato artistico di Area Sanremo – è in questa occasione realizzata in collaborazione con il centro commerciale Le Due Torri di Stezzano, sarà interamente dedicata alla musica e alla libera esibizione di quegli artisti che oggi trovano poco spazio per proporsi e fare

conoscere al pubblico il proprio talento. Scopo dell’iniziativa è offrire un territorio musicale capace di accogliere e ascoltare nuove proposte artistiche nonché portare la musica live sempre più vicino alla gente. E quale posto migliore per farlo di un centro commerciale, divenuto oggi alternativo punto di aggregazione e luogo di incontro tra le persone. A supporto di questi artisti, durante la manifestazione, come spettatori d’eccezione saranno presenti alcuni degli artisti che hanno scritto la storia della canzone italiana: Roby Facchinetti, Franz Di Cioccio, Francesco Baccini, oltre al Presidente di Sanremo

promotion (Area Sanremo) Giorgio Giuffra. In particolare durante la serata del 27 maggio sarà presente ad Autopalco Don Antonio Mazzi. Una sessantina in totale gli artisti provenienti da tutta Italia che nelle due giornate si alterneranno sul palco bergamasco. Le esibizioni avranno inizio alle 14,30, pausa alle 20,00 e ripresa alle 21,00 fino alle 23,00. Lo stesso format verrà ripetuto per i due giorni dell’evento. A condurre la maratona musicale sarà Luca Viscardi, direttore di Radio Number One. La partecipazione è libera e gratuita e il centro commerciale Le Due Torri offrirà un buffet agli artisti.

Partner dell'iniziativa saranno Radio Number One, Videobergamo, Giornale di Bergamo e Bergamonews. Videobergamo (canale digitale 85 – Sky 931) seguirà in diretta la serata finale dell’evento, venerdì 27 maggio, a partire dalle 20,30. L’evento ha ottenuto il patrocinio del Comune di Stezzano. Al termine della maratona di Autopalco, tra coloro che avranno partecipato, verranno selezionati dalla commissione artistica dieci artisti ai quali verrà data la possibilità di esibirsi all'evento "school is over", in programma l'11 giugno all'Acquasplash Franciacorta, realizzato in collaborazione con Radio

Number One. Autopalco sta attualmente selezionando i talenti da proporre. Per partecipare alla selezione è necessario scrivere un’e-mail a: iscrizioni@autopalco.net, allegando mp3 di un brano di propria composizione, foto, recapito telefonico e un breve curriculum artistico. Per qualsiasi tipo di info www.autopalco.net o sul sito del Centro Commerciale www.leduetorri.net.

Aperto il bando a favore delle famiglie disoccupate Continua il sostegno alle famiglie da parte del Comune di Seriate. Per arginare la crisi economica e la contrazione del mercato del lavoro, l’Amministrazione comunale ha istituito anche per l’anno 2011 il bando “Credito a favore delle famiglie interessate da problematiche connesse alla contrazione del mercato del lavoro”: 51 mila euro comunali. A questa cifra si aggiungono 20 mila euro dell’Ambito di Seriate, per un totale di oltre 70

Oltre 70 mila euro a disposizione per il 2011

mila euro a favore di cittadini con problemi lavorativi. Lontano dalla logica dell’assistenzialismo, il fondo attribuisce un contributo sottoforma di microcredito temporaneo, erogato a titolo di anticipo, alle famiglie aventi diritto, in base ai requisiti previsti dal bando, aperto lo scorso 4 aprile. Chi fosse interessato, sino al 13 giugno 2011, può presentare domanda, corredata di tutta la documentazione richiesta, all’Ufficio dei Servizi Sociali Scuola

Sport, nel palazzo comunale in piazza Alebardi. I moduli sono scaricabili dal sito www.comune.seriate.bg.it sotto la voce “modulistica”. Verrà data priorità ai nuclei familiari di Seriate che nel 2010 non hanno beneficiato del fondo. Possono accedere i cittadini che: - dal primo gennaio 2008 sono interessati da licenziamento per chiusura dell’azienda o per riduzione del personale, cessazione e successivo mancato rin-

novo di contratto di collaborazione o a tempo determinato. La durata minima del contratto, cessato o non rinnovato, deve essere di sei mesi, come stabilito dalla Giunta comunale; - hanno accesso agli ammortizzatori sociali, quali cassa integrazione ordinaria e straordinaria, indennità di mobilità, indennità di disoccupazione, contratto di solidarietà. L’accesso al credito è ammesso solo ai cittadini che nell’anno 2011 non hanno

ricevuto altri benefici similari o si avvalgono di contributi di un importo inferiore. In tal caso il beneficio erogato è pari alla differenza fra beneficio spettante e beneficio analogo ricevuto. Tra i requisiti che una famiglia deve avere per accedere al contributo, quello di una situazione economica inferiore ai 7.000 euro. Il contributo verrà risarcito al Comune, senza interessi, dopo 13 mesi dalla definitiva cessazione del problema lavorativo.


Maggio 2011

SERIATE

6

È il Cav. Luigi Cortesi di Seriate il Responsabile dell’Ufficio Pubblica Tutela dei diritti degli utenti dell’Azienda Ospedaliera Bolognini

dei Servizi che è il documento di base che regola ogni rapporto tra l’Ospedale e il paziente.» Allora si tratta, da parte della Regione Lombardia, del ripristino e della riorganizzazione di un Ufficio che già esisteva ma che non era stato messo nelle condizioni di funzionare, o perlomeno di funzionare così come ci si aspettava … «Esattamente. La Regione Lombardia ha approvato recentemente le Linee Guida relative all’organizzazione e al funzionamento degli UPT, configuIl Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera Bolognini rando un modello integrato di Dr. Amedeo Amadeo con Il Cav. Luigi Cortesi ascolto del cittadino che può avvalersi sia dell’Ufficio di ReAntonio Federico Brevi idoneo a ricoprire questo pre- lazioni con il Pubblico (U.R.P.) che dell’Ufficio di Pubblica stigioso incarico. Il 10 marzo 2011 l’Azienda Cav. Cortesi, la Sua recente no- Tutela (U.P.T). Il Responsabile Ospedaliera Bolognini di Se- mina di Responsabile dell’ U. P. UPT è un funzionario onorario riate, che raggruppa gli ospe- T. cioè dell’ufficio di Pubblica che non riceve alcuna retribudali di Alzano Lombardo, Tutela dell’Azienda Ospedalie- zione e opera in modo assolutaGazzaniga, Piario e Lovere, ha ra Bolognini di Seriate fregia mente autonomo e indipendennominato Luigi Cortesi, Re- l’Azienda di un componente di te dall’Azienda Ospedaliera di sponsabile dell’Ufficio Pubbli- rilievo e rincuora gli utenti del riferimento». Chi si può rivolgere all’Ufficio ca Tutela dell’Azienda. servizio. Uomo, questo, di grandi doti, Ci vuole illustrare con parole di Pubblica Tutela e con quali che il 7 Aprile scorso in Pre- sue di cosa si tratta e in che modalità? «Nessuna modalità particolare. fettura di Bergamo, per mezzo consiste tale incarico? del Prefetto Camillo Andreana, «Volentieri. L’ufficio di Pubbli- All’UPT possono rivolgersi sia ha ricevuto l’onorificenza di ca Tutela, che opera all’interno cittadini sia associazioni porCavaliere dell'Ordine al Merito di ogni azienda ospedaliera tatrici di interessi diffusi per della Repubblica Italiana, per della Lombardia così come segnalare inadempienze o difessersi distinto nella sua attivi- all’interno di ogni ASL, è un ficoltà riscontrate nell’accesso tà, onorando famiglia, lavoro e istituto voluto dal Servizio Sa- ai servizi. società. nitario Regionale Lombardo Il Responsabile dell’UPT può Un anno ricco di meritate già alcuni anni fa, ma che in anche attivarsi autonomamente soddisfazioni, dunque che co- effetti non era mai stato reso sulla base di qualsiasi elemento ronano con il giusto merito il operativo per una serie di diffi- informativo. Ferme restando le tempo dedicato con passione coltà burocratiche e organizza- competenze che la legislazione al servizio dei cittadini e della tive che in sostanza ne avevano nazionale assegna agli Uffici comunità. vanificato il ruolo. Solo recen- Relazioni con il Pubblico, va Una vita contrassegnata da una temente la Regione Lombardia sottolineata una distinzione di fede profonda e dai più nobili ha voluto riconfigurare e asse- ruoli: l’URP è a tutti gli effetti valori fondanti della società gnare un nuovo significato a una struttura aziendale retta da italiana, da una famiglia nume- tale Ufficio, proprio per offrire personale interno. rosa e unita, dalla passione per ai cittadini che accedono ai ser- L’Ufficio di Pubblica Tutela la politica e per la partecipazio- vizi socio sanitari un ulteriore invece, che rappresenta una ne, con grandi contributi, a nu- strumento che garantisca loro specificità della Regione Lommerose Associazioni. Una car- prestazioni erogate nel rispet- bardia, è un organismo indiriera professionale esemplare. to del diritto degli utenti e alle pendente che opera al di fuori Quindi chi meglio di lui è più condizioni previste dalla Carta di ogni rapporto di gerarchia, la

cui azione è motivata dal solo obiettivo di fornire ai cittadini e soprattutto ai più fragili, un supporto per la tutela dei propria diritti. Le due strutture sono naturalmente impegnate a collaborare, nell’interesse del cittadino e di un sistema sanitario che si fa carico di trasformare le segnalazioni provenienti dall’utenza in occasioni di miglioramento». Più precisamente, quali sono le competenze di un Ufficio di Pubblica Tutela e le caratteristiche che dovrebbero “distinguere” il Responsabile di tale ufficio? «Le competenze specifiche di un UPT le possiamo così riassumere: a) raccogliere richieste, segnalazioni e reclami avanzati dal cittadino che ritenga leso un proprio diritto o abbia riscontrato disservizi nei settori sanitari e socio sanitari; b) accogliere proposte di miglioramento organizzativo e funzionale, per presentarle alle Direzioni competenti per l’adozione di eventuali provvedimenti; c) rapportarsi con le organizzazioni sindacali, del volontariato e dell’associazionismo, per favorire una corretta informazione sulla fruizione dei servizi sanitari e socio sanitari. Per quanto riguarda la seconda domanda invece, ho già avuto modo in altra seda di precisare che tre sono le direttrici che mi guideranno: la saggezza, l’equilibrio e la presenza. Queste sono le doti basilari e personali che mi impegno a mettere in pratica nello svolgimento del mio ruolo: per quanto riguarda un certo tipo di preparazione, tuttavia, dirò che l’anno scorso presso la Scuola di Direzione Sanità della Regione Lombardia, assieme ad una quarantina di Responsabili UPT di tutte le provincie

lombarde ho frequentato alcuni corsi di preparazione durante i quali siamo stati informati su alcune modalità di approccio rispetto ai problemi che eventualmente ci verranno sottoposti, nel senso che dovremo affinare le capacità di ascolto; cercare di utilizzare uno stile comunicativo simile a quello dell’interlocutore per arrivare ad una comunicazione efficace; tutelare i diritti e gli interessi della “persona” (assistito o famigliare che sia) e garantire il rispetto della riservatezza. E così via». Senta, in linea generale si dice che il servizio sanitario nazionale in Italia è a un livello più che discreto, ma che quello della Regione Lombardia è assai buono, con punte di eccellenza in alcuni casi, vista la operatività in certi ospedali della Lombardia di alcune specializzazioni di primo livello: alla luce di questo innegabile fatto, perché la Regione Lombardia ha ritenuto di dover confermare, riorganizzare, rendere effettivamente operanti gli Uffici di Pubblica Tutela che, a dire il vero, potrebbero far sorgere ad alcuni il dubbio che, allora, non è tutto oro quel che riluce nella sanità lombarda: che ne pensa?! «Penso che lei mi ha posto questa domanda ma che, implicitamente, si è già dato anche la risposta, che confermo. E’ vero tutto quanto si pensa e si dice attorno al nostro servizio sanitario, che comunque per raggiungere e mantenere più alti livelli ha bisogno di un continuo monitoraggio, di controllo, di progettazione per raggiungere altri traguardi; tuttavia, siccome tutto si basa sulla competenza, sulla professionalità e sulla sensibilità dell’uomo, ovverossia sul personale medico, paramedico, infermieristico

e amministrativo ecco come nasce che, a volte, possano verificarsi casi di inadempienza, di indifferenza, di pressapochismo. Non dico malasanità, questo non credo avvenga in Lombardia, ma qualcosa che le assomigli qualche volta può capitare anche da noi. Ecco, di fronte a casi del genere, la Regione ha voluto questi UPT che, appunto, si mettono dalla parte dell’utente, del paziente, del cittadino che, purtroppo, si trova nella condizione di aver subito, o di pensare di aver subito un torto o un servizio non corrispondente ai suoi diritti. L’UPT opera anche in rappresentanza delle istituzioni sociali e civili, perché siano resi effettivi e fruibili i diritti degli utenti sanciti dalla legislazione nazionale e regionale nell’area dell’informazione, umanizzazione delle prestazioni e superamento del disagio e della fragilità». Molto bene. E’ tutto chiaro. A questo punto allora, cav. Cortesi, non ci resta che farle gli auguri di buon lavoro e chiederle di indicare gli elementi indicativi del suo ufficio. «Grazie mille per gli auguri che ricambio a lei e a “Il Giornale Sebino” che ringrazio per la gentile ospitalità che mi ha concesso. Il sottoscritto responsabile dell’’Ufficio di Pubblica Tutela dell’Azienda Ospedaliera Bolognini di Seriate, alla quale fanno capo anche gli Ospedali di Alzano Lombardo, Gazzaniga, Piario e Lovere, riceve il pubblico ogni mercoledì dalle ore 10 alle ore 13 in un ufficio collocato all’interno dell’ospedale Bolognini. Tale ufficio risponde al numero telefonico 035/3063787 anche durante gli orari d’ufficio negli altri giorni lavorativi .


Maggio 2011

SARNICO

7

Trading elettrico cresce la Edelweiss Energia La società ha conseguito un balzo in avanti del 392% negli ultimi tre anni Edelweiss Energia spa, realtà nata nel 2005 è un operatore elettrico con quartier generale a Sarnico, attivo nel business della compravendita di energia rinnovabile che si afferma come una delle realtà emergenti del panorama imprenditoriale bergamasco. Trading di commodity come core business: vale a dire commercio internazionale di energia elettrica, gas e certificati ambien-

tali sono le specificità di questa azienda. Le sue performance degli ultimi anni indicano una «esplosione» da «grandi passi», confermata dall'andamento dei fatturati: 96 milioni di euro nell' anno 2008, 230 milioni nell'anno 2009 e sino ai 377 milioni nell'ultimo esercizio 2010. Risultati, che hanno permesso alla società di conseguire un balzo in avanti del 392% negli ul-

timi tre anni. Il fatturato di Edelweiss Energia è orientato all'export europeo, sorretto da un portafoglio clienti di circa 500 nomi, tra cui sono presenti aziende di livello primario, quali Barilla, Ferrari (Fiat), Enel, Edison e Statkraft, operatore norvegese impegnato a livello mondiale nel settore delle fonti rinnovabili. A partire dal 2008 si è avuta un'espansione costante dell'operatività

A nuovo tutta la costa lacustre

sui mercati energetici internazionali, settore che occupa una parte consistente dell'intero volume d'affari (circa il 40%). Una internazionalizzazione, che ha interessato in particolar modo i mercati di Svizzera, Francia, Slovenia, Grecia e Austria, nei quali l’azienda è parte attiva. Il volume globale di energia commercializzata lo scorso anno è stato pari a 6 miliardi di kWh».

Il rendering del progetto per riqualificare la sponda del lago davanti al Cocca Hotel di Sarnico è redatto dall’ingegner Dario Catalini Alcuni tra gli investimenti più significativi individuati dall'Amministrazione comunale di Sarnico e inseriti, per essere finanziati, nel piano delle opere pubbliche 2011-2013 sono riferiti alla riqualificazione della piazza Santissimo Redentore adiacente la parrocchiale (per un importo di 800 mila euro),alla realizzazione di due nuove rotatorie, alla sistemazione della piazzola ecologica, al progetto per il recupero dell'ul-

tima sponda di Sarnico, quella che parte da Villa Surre e, passando davanti al Cocca Hotel, arriva a Predore, alla quale sarà affiancata una pista ciclopedonale che partirà dal lido Nettuno e, una volta completata, permetterà di andare a piedi o in bici, in tutta sicurezza, dal parco dei Lazzarini fino a Predore, percorrendo in pratica tutta la sponda del Sebino di Sarnico. Un preciso intento dell’Amministrazione è quello di

disegnare una cittadina più piacevole, appetibile e vivibile, compatibilmente con le risorse economiche disponibili per continuare la nostra attività di sviluppo del turismo e del tempo libero. Particolare attenzione sarà prestata all’area adiacente il Cocca Hotel, una superficie di 4.000 metri quadrati in riva al Sebino, oggetto di un progetto curato dallo studio dell'ingegner Dario Catalini di Lovere.


LOVERE

Maggio 2011

Debuttano le figurine del Porto Turistico

8

Protagonisti i giovani atleti delle società sportive del centro turistico

Come i più grandi e famosi giocatori di calcio anche gli atleti del Porto Turistico di Lovere avranno il loro album di figurine. A partire

dai primi di maggio nelle edicole dell’Alto Sebino arriva la collezione «Porto Turistico di Lovere album delle figurine, anno 2011».

La raccolta è composta da 420 figurine adesive che possono essere attaccate in un coloratissimo album di circa 50 pagine. Le immagini ritraggono tutti i giovani sportivi della Canottieri Sebino, del circolo velico Avas, del Tennis Lovere, delle squadre di nuoto delle Piscine Lovere, del gruppo ciclistico Team Bar Blanco e della società di calcio Sebinia.

L’iniziativa è del Porto Turistico di Lovere. La collezione è prodotta da Foot Print, giovane casa editrice che vanta collaborazioni di prestigio con società professionistiche di calcio come Juventus, Bari, Catania, Siena, Livorno, Bologna, Sampdoria, Scavolini Volley; e Paris Saint Germain, Lille, Saint Etienne, Athletic Bilbao, Racing Santander, per la quali ha realizzato album

di figurine personalizzati. Proprio come accade per i campioni della Serie A, grazie a questa iniziativa i ragazzi che giocano nelle piccole società sportive del Porto Turistico di Lovere possono realizzare il sogno di collezionare la propria figurina con quelle dei compagni di squadra e vederla poi stampata all’interno di un almanacco da tenere nel tempo come un ricordo spe-

ciale. La collezione sarà in tutte le edicole di Lovere e presso le società sportive aderenti dal mese di maggio. L’album è diviso per società sportive: ognuna ha una o più pagine in cui si presenta e presenta i suoi atleti. Gli sportivi sono ritratti singolarmente con fotografia e nome e anche in gruppo quando appartengono a squadre.

Strage di Viareggio: si faranno alla Lucchini Rs le prove sull'asse del treno

Disposti gli accertamenti irripetibili che serviranno a ricostruire le cause del deragliamento e dello squarcio nella cisterna Gli accertamenti irripetibili sull'asse, la cisterna, il picchetto e altri componenti ferroviari nell'ambito delle indagini preliminari sul disastro ferroviario di Viareggio del 29 giugno 2009 si svolgeranno nelle officine della Lucchini RS di Lovere (Bergamo). Il disastro fu provocato da un treno merci che trasportava Gpl e che deragliò, il gas uscito da una delle cisterne, lacerata, provocò un

devastante incendio. Trentadue le vittime. Il tribunale di Lucca ha stabilito il calendario dell’incidente probatorio disposto per accertare le cause del disastro. All’udienza hanno partecipato una settantina fra avvocati, periti del gip e consulenti della procura e delle 349 parti offese. Il primo appuntamento alla Lucchini è per il 16 di maggio. Gli accertamenti serviranno a ricostruire le cause del de-

ragliamento e dello squarcio che si creò nella cisterna, e dovrebbero concludersi a fine giugno. Per il 2 novembre, in tribunale a Lucca, è previsto il confronto fra parti e periti sulla relazione che verrà stilata al termine degli accertamenti. In Procura, a Lucca, si guarda al processo breve come a un'incognita che potrebbe incidere sull'accertamento delle responsabilità della strage.

Non si teme tanto la prescrizione breve, dati i reati contestati, quanto lo sbarramento nei vari gradi del processo, che potrebbe far "morire" prima della sentenza un procedimento complesso come quello sul disastro ferroviario. Ma soltanto quando sarà approvata la versione definitiva della legge sul processo breve se ne potranno valutare appieno i riflessi sul processo per la strage di Viareggio.

Inaugurata la centrale operativa della Polizia Provinciale Venerdì 25 marzo è stata inaugurata a Lovere la nuova sede operativa della Polizia provinciale alla presenza del Presidente della Provincia Ettore Pirovano, dell'Assessore bergamasco alla Polizia provinciale Fausto Carrara e del suo omologo bresciano Ma-

L'obiettivo di aumentare l'efficacia del servizio di vigilanza sul lago

rio Maisetti, del Comandante della Polizia provinciale di Bergamo Alberto Cigliano, del Presidente della Comunità montana dei Laghi Simone Scaburri, dell Sindaco di Lovere Giovanni Guazzetti e di numerose autorità militari giunte da tutta la provincia.

Il Presidente Pirovano aveva preso l’impegno a Sarnico durante la sottoscrizione della convenzione con la Provincia di Brescia per lo svolgimento del servizio di polizia locale sullo specchio d'acqua del Sebino con l'obiettivo di aumentare l'efficacia del ser-

vizio di vigilanza sul lago superando il vincolo della delimitazione territoriale tra le due Province. «Avremo più sicurezza e maggiore velocità di intervento a beneficio di tutta la cittadinanza - aveva sottolineato allora il Presidente -, e il prossimo

traguardo sarà quello di portare le polizie sulle sponde del lago». Quella inaugurata venerdì è la prima sede del Corpo di Polizia provinciale situata sul territorio provinciale al di fuori della sede di via Tasso, e permetterà una maggio-

re funzionalità e operatività nell'esercizio delle funzioni di polizia locale, anche con riferimento alle funzioni di vigilanza lacuale che viene svolta attraverso l'imbarcazione ormeggiata nel porto di Lovere.


9

Maggio 2011

LAVORO e SICUREZZA

CORSI DI AGGIORNAMENTO PER ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDIO, LOTTA ANTINCENDIO E GESTIONE DELLE EMERGENZE Con una circolare del 23 febbraio 2011, il Ministero dell’Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco ha ribadito l’obbligatorietà dell’aggiornamento periodico, previsto dal D.Lgs. 81/2008, per i corsi in qualità di addetto antincendio e gestione delle emergenze, definendo altresì durata e contenuti degli stessi. Nella tabella di seguito riportata se ne dà un breve estratto. CORSO A: (Durata: 2 Ore)

AGGIORNAMENTO ADDETTO ANTINCENDIO IN ATTIVITA’ A RISCHIO BASSO Esercitazioni pratiche

ARGOMENTO

2 ore

DURATA

CORSO B: (Durata: 5 Ore)

AGGIORNAMENTO ADDETTO ANTINCENDIO IN ATTIVITA’ A RISCHIO MEDIO ARGOMENTO

L’incendio e la prevenzione

1 ore

Esercitazioni pratiche

3 ore

Protezione antincendio e procedure da adottare in caso d’incendio

DURATA

1 ore

CORSO C: (Durata: 8 Ore)

AGIORNAMENTO ADDETTO ANTINCENDIO IN ATTIVITA’ A RISCHIO ALTO ARGOMENTO

L’incendio e la prevenzione

2 ore

Esercitazioni pratiche

3 ore

Protezione antincendio e procedure da adottare in caso d’incendio

DURATA

3 ore

Il nostro studio si sta attivando per organizzare tali aggiornamenti, seguirà quindi informativa specifica con date ed orari.

Informazioni

Allrent S.r.l. S.int. S.r.l.

tel. e fax 035/19964449 tel. 035. 973140 fax. 035. 5095514

info@allrentsrl.it.com formazione@s-int.it


Maggio 2011

LOVERE

10

Maggio ricco di iniziative all’asilo nido comunale i prospettano settimane di intensa attività per l'asilo nido comunale di via S. Maurizio a Lovere: nel corso del prossimo mese di maggio, infatti, saranno davvero molte le occasioni di incontro, confronto e approfondimento dedicate non solo ai genitori dei bimbi che già frequentano la struttura, ma anche a chiunque abbia bambini piccoli. Sarà quindi possibile incon-

COSTA VOLPINO

trare al nido figure professionali, quali la psicologa e il pediatra, per confrontarsi serenamente sulla “normalità” di ogni storia che ha per protagonista un bambino piccolo; tramite laboratori, i bambini e i genitori avranno inoltre la possibilità di sperimentare nuovi modi per interagire e per crescere. Il programma delle iniziative (inizio ore 16.00):

Mercoledì 4 maggio 2011 Caffe' al nido: conversazione informale con la psicologa del servizio - dr.ssa Bordegari - e rinfresco. Chiusura ore 17.30; Lunedì 9 maggio 2011 Lettura animata ''le mucche senza macchia'', a cura di Clara Grassi. Merenda. Lunedì 16 maggio 2011 Pediatra al nido: conversa-

zione informale con il pediatra del servizio dr. Magnini. Rinfresco. Lunedì 23 maggio 2011 Laboratorio manuale ''piccolo blu e piccolo giallo'', a cura di Clara Grassi (per bimbi, mamma e papà). Merenda. “Le iniziative - commenta Nicoletta Castellani, Assessore ai Servizi Sociali del Comune di Lovere - da un lato confermano ancora una volta

la volontà degli operatori di aggiornare in continuazione le caratteristiche della propria offerta formativa, adeguandola alle nuove esigenze dell’utenza, dall’altro vanno nella direzione di un’apertura al territorio e a tutte le famiglie, che possono scegliere liberamente una o più iniziative in base alle necessità”. L’asilo nido comunale è aperto da settembre a luglio, dal

lunedì al venerdì, dalle ore 7.30 alle ore 17.30/18.00 e accoglie bambini dai 3 ai 36 mesi. Per maggiori informazioni è possibile contattare l'asilo nido comunale telefonando al numero 035-983708 oppure visitare il sito internet del Comune di Lovere www.comune.lovere.bg.it

Morì nel crollo del cavalcavia Due condanne, 4 assoluzioni

Due condanne e quattro assoluzioni per il crollo del cavalcavia di Capo di Ponte (Brescia) in cui il 27 giugno del 2005, durante il collaudo della struttura, morì Gianfranco Bariselli Maffignoli, camionista di 55 anni di Costa Volpino. Bariselli era su uno dei camion che stavano effettuando le prove di carico

FRANCIACORTA

Nel mese della fioritura delle rose, che accompagnano i filari dei vigneti di Franciacorta, sull’onda del successo nazionale – e ormai anche internazionale – che la contraddistingue, questa mostra botanica primaverile, che dalla scorsa edizione ha l’onore di fregiarsi della Me-

per valutare la stabilità del cavalcavia lungo la variante della statale 42. Il collegio della seconda sezione penale del tribunale di Brescia ha condannato in primo grado a tre anni Pietro Corona, Amministratore unico dello studio a cui l'Anas affidò il progetto, l'elaborazione e le prove di carico

del viadotto; e a due anni Fabrizio Cardone, direttore dei lavori nominato dall'Anas per il completamento della superstrada. Corona è stato dichiarato interdetto dai pubblici uffici per 5 anni, ma la pena è stata condonata; così come la sospensione condizionale è stata concessa anche a Cardone.

Le imputazioni erano disastro colposo, omicidio colposo e lesioni colpose. A carico dei due imputati anche il risarcimento all'Anas che si è costituita parte civile. Nicola De Riso Carpinone, Presidente della commissione di collaudo dell'Anas è stato assolto, così come Roberto Lu-

13 – 15 Maggio 2011 Torna maggio e…Franciacorta in fiore

daglia d’Oro del Presidente della Repubblica, si prepara ad accogliere i visitatori con numerose novità e partner d’eccellenza, per un programma ricco di eventi collaterali, che faranno da sfondo alle splendide rose e alle coloratissime erbacee perenni, protagoniste indiscusse delle

tre giornate in cui si svolgerà la rassegna. Dopo la Fattoria di Villa Maggi e, prima ancora, Villa Monte Rossa, che le hanno fatto da cornice per due interi lustri, nel bel mezzo di maggio, come da tradizione, torna Franciacorta in fiore, per la 13^ edizione a Palazzo

Guarneri e a Palazzo Bettoni-Cazzago, due importanti dimore storiche del territorio franciacortino. La manifestazione è organizzata dal Comune di Cazzago San Martino (provincia di Brescia) e dalla Pro Loco Comunale e gode del patrocinio di numerosi enti pubblici,

fra i quali importanti ministeri, la Regione Lombardia, la Provincia di Brescia, la Camera di Commercio di Brescia, l’Unione Nazionale delle Pro Loco d’Italia (UNPLI) e la Presidenza della Repubblica. Anche quest’anno la Delegazione FAI di Franciacorta

cietti e Filippo Rubino, membri della commissione e Ivan Collino, coordinatore delle operazioni di collaudo. La sentenza è arrivata dopo molte ore di camera di consiglio e un lungo processo, iniziato il 12 novembre del 2009 e riavviato nel febbraio del 2010.

– Sebino – Valle Camonica sarà partner attivo nell’organizzazione di Franciacorta in fiore, a garanzia della difesa, della conservazione e della promozione del patrimonio storico, architettonico e paesaggistico di questo territorio.


Maggio 2011

FRANCIACORTA

11

Anteprima Festival dei Laghi 2011: gli Etruschi “in gita” sul Sebino

Mentre fervono i preparativi per l’attesissima seconda edizione del Festival dei Laghi Italiani, la kermesse in programma dal 27 maggio al 2 giugno, Iseo offre già una

colta anteprima. Il 7 maggio apre i battenti la mostra “Gli Etruschi nelle terre di Siena”: uno spaccato dell’epoca etrusca nelle toscane Val di Chiana e Val d’Orcia.

Una pagina culturale che sarà possibile “leggere” anche a Festival concluso, fino al 10 luglio. In mostra preziosi reperti databili tra l’età del Ferro e l’epoca ellenistica,

provenienti dai musei di Monte Cetona, Chianciano Terme, Montepulciano, Pienza, Sarteano, Sinalunga e Chiusi. Un concorso mette poi in palio tra i visitatori della mostra bellissimi weekend da trascorrere nella terra degli Etruschi. Agli specchi d’acqua più belli, dal Friuli alla Sicilia, è dedicato il Festival dei Laghi Italiani, che ha esordito con grande successo lo scorso anno a Iseo (Brescia). Fin dalla prima edizione il Sebino, il più piccolo dei grandi laghi lombardi, si propone di risvegliare la curiosità e l’orgoglio degli italiani, chiamati ad apprezzare, se non addirittura a scoprire, i paesaggi più luccicanti e rasserenanti di questo nostro Belpaese e tutte le loro tipicità. In attesa di tuffarsi di nuovo, a partire dal prossimo 27 maggio, nelle

tradizioni, nel folklore e nella gastronomia dei nostri laghi, il pubblico è subito invitato a sfogliare la storia e la cultura di quella fetta di Toscana che è bagnata dalle acque dei laghi di Chiusi e Montepulciano. Anteprima del Festival è infatti la mostra “Gli Etruschi nelle terre di Siena”, allestita dal 7 maggio al 10 luglio nelle sale dell’Arsenale, in pieno centro storico di Iseo. Promossa da APT Chianciano Terme-Val di Chiana, Provincia di Siena, Comune di Iseo e Fondazione l’Arsenale-Iseo, l’esposizione offre al pubblico uno spaccato della storia e dello sviluppo culturale del territorio tra Val di Chiana meridionale e Val d’Orcia, i cui musei hanno per l’occasione prestato reperti di raro pregio e significato. Tra le meraviglie in mostra a Iseo, manufatti pri-

mitivi, vasi d’impasto, ceramiche etrusco-corinzie, anfore decorate, tirabrace, fibule, frammenti di statue, candelabri in bronzo, calici e fiasche, oggetti d’uso quotidiano, utensili e armi, gioielli ecc. In palio tra i visitatori della mostra che compileranno l’apposita cartolina bellissimi weekend nella terra degli Etruschi, offerti dall’APT Chianciano Terme Val di Chiana. Per info. tel. 030.981011


CULTURA

Dal 7 maggio fino al 19 giugno 2011, lo spazio Viterbi della Provincia di Bergamo ospiterà una mostra di dipinti di Frà Galgario (Bergamo, 16551743), frutto della collaborazione tra Assicurazioni Generali - Agenzia Generale di Bergamo (ideatrice del progetto "La Camera delle Meraviglie”) e la Provincia di Bergamo settore Cultura, Spettacolo, Identità e Tradizioni. Un'esposizione che si dipana tra arte, scienza, moda, musica e pigmenti preziosi. Per la prima volta, verrà proposta un'immersione nell'alchimia del colore nei dipinti di Fra' Galgario, svelando il segreto di quella sua strepitosa lacca

Aprile 2011

Frà Galgario e il segreto della lacca rossa, dalle tonalità vinose e brillanti, che è rimasta unica e inconfondibile nella storia dell'arte. Una ricerca che ha condotto storici dell'arte e scienziati a incrociare la tradizione della tintura della seta, e che ci riporta, anche attraverso la ricostruzione di strumenti e materiali di un atelier del Settecento, ad un' epoca precedente all'invenzione dei colori "in tubetto”, quando Fra' Galgario, pittore-alchimista, preparava personalmente i suoi colori. La magia del colore Vittore Ghislandi detto Fra' Galgario (Bergamo, 1655-1743) è stato fino ad oggi indagato come uno dei più grandi e originali ritrattisti del Settecento italiano. La mostra "Fra' Galgario e il segreto della lacca" si propone, invece, di invitare il pubblico ad ammirare Fra' Galgario da un nuovo e straordinario punto di vista: IL COLORE, consentendo, anche con la ricostruzione dei materiali e degli strumenti di una

bottega del Settecento, ad entrare nel vivo dei metodi pittorici e dei materiali usati dal ritrattista, tra i più abili nella sua epoca a utilizzare un variegato e straordinario ventaglio di pigmenti. Il Ghislandi, infatti, era famoso già nel suo tempo per quelle luminosissime "lacche rosse”, "forti come sangue raggrumato”, che l'artista produceva personalmente e che nei suoi ritratti stendeva su rossi opachi come il cinabro, o anche da sole, per velare gli incarnati e far brillare i tessuti sfarzosi indossati da nobili e dame. È così che celebri artisti del suo tempo, come Sebastiano Ricci, erano disposti a fare carte false e a scomodare - come testimoniano i carteggi le loro illustri amicizie a Bergamo, perché il pittore concedesse loro una libbra di quella lacca finissima e ineguagliabile, dalle tonalità brillanti e vinose. In mostra, un gruppo di capolavori di Fra' Galgario, accesi da lacche rosse

L’ULTIMA PAGINA

e blu e da una strabiliante resa ottica e materica delle stoffe: tra gli altri, il celebre Ritratto di Elisabetta Piavani Ghidotti, lo scenografico Ritratto del conte Giovan Battista Vailetti, il sontuoso Ritratto di Claudia Erba Odescalchi Visconti, fino allo straordinario doppio Ritratto del conte Giovanni Secco Suardo col servo. Con la sorpresa Della riscoperta di un Ritratto di giovane, del tutto sconosciuto in Italia e mai visto dal 1928. Una sezione particolare della mostra è dedicata a un affascinante ciclo di tre dipinti, finora poco indagati, raffiguranti l'Allegoria dei Sensi, nei quali la mano di Fra' Galgario si intreccia a quella dei suoi allievi, con i quali, come dimostrano le indagini scientifiche, aveva probabilmente condiviso quei "segreti” che noi riusciamo solo oggi, almeno in parte, a dipanare. Infine, due ritratti femminili, di autore ignoto ma coevo a Fra' Galgario, ben

documentano, anche nella resa di tessuti e merletti, il magistero esercitato dal Ghislandi. Alle tele di Fra' Galgario sono accostati preziosi tessuti coevi provenienti dalle ricche collezioni conservate in particolare a Gandino in Val Seriana, che dal XV al XVIII secolo fu un importante centro di produzione di pannilana e di raccolta di tessuti di alto pregio provenienti da tutta Europa. Damaschi, broccati in filo d'oro e d'argento e tessuti bizarri, documentano così la produzione tessile più esclusiva del tempo. La mostra si propone quindi di approfondire anche il tema della moda, che entrando a viva forza nei ritratti di Fra Galgario li rende documenti iconografici imprescindibili per lo studio delle fogge e dei tessuti in voga all'inizio del Settecento, che l'artista seppe interpretare con accentuato gusto per il travestimento esotico. I percorsi nel colore proposti dalla mostra ci ripor-

12

tano quindi ad un'epoca precedente all'invenzione dei colori "in tubetto”, quando Fra' Galgario, pittore-alchimista, sperimentava personalmente la preparazione dei propri colori, a partire da sostanze di origine animale, vegetale e minerale. A conclusione del percorso espositivo i visitatori potranno idealmente entrare nel "laboratorio” di Fra' Galgario, per conoscere gli ingredienti dei suoi colori, tra polveri preziose di cocciniglia, carminio e lapislazzuli, ma anche un antico manichino, simile a quello che il pittore utilizzava come "modello” da abbigliare di tessuti preziosi. Ad accompagnare la visita alla mostra sarà anche un percorso musicale attraverso autori e brani sacri e profani diffusi a Bergamo - e a Venezia - nella prima metà del Settecento, ricreando anche nel suono le atmosfere che avvolgevano le dimore della sontuosa aristocrazia immortalata dal Ghislandi.

Il Libro del mese

Il romanzo si articola in tre parti. La prima e l’ultima , scritte al tempo presente, descrivono l’oggi di Lorenza Maver, la protagonista della storia. La parte centrale, costituisce la trave portante del racconto e si riferisce al passato di Lorenza, attraverso il quale si snodano, in un crescendo di colpi di scena, gli avvenimenti che le segneranno profondamente la vita futura. E’ la parte più corposa perché racconta la sua storia giovanile, che si svolge a Roma tra la fine degli anni settanta e l’inizio del decennio successivo e dipinge sentimenti e valori di una società meno smaliziata di quella attuale, ma comuni a qualsiasi epoca. L’Ultima Pagina di:Olivia Gobetti Edizioni: Albatros – Il Filo Per richieste: ordini@ilfiloonline.it


IMPRESE E SALUTE

Maggio 2011

13

DAL MONDO DEL LAVORO

PRIMO MAGGIO FESTA DEI LAVORATORI: GARANTIRE SICUREZZA SUL LAVORO La ricorrenza del primo maggio ci invita anche quest’anno a riflettere sull’importanza fondamentale del lavoro, non solo pilastro dell’economia e della società ma vero strumento di realizzazione della persona. Da un lato occorre garantire una piena ed effettiva sicurezza sui luoghi di lavoro sia per quel che riguarda la salubrità dei luoghi di lavoro sia per ciò che riguarda la conformità di macchina ed attrezzature di lavoro, dall’altro è necessario far crescere sempre più gli aspetti legati alla professionalità e soprattutto alla Cultura della sicurezza in tutti gli operatori dal Datore di Lavoro passando attraverso i Dirigenti ed i Preposti fino ai Lavoratori. Far crescere la cultura del lavoro significa avere operatori più coinvolti, formati ed addestrati. Ben Vengano da questo punto di vista gli spot televisivi e radiofonici del Ministero del Lavoro sulla sicurezza sul lavoro e ben vengano tutte le iniziative formative finalizzate ad aumentare la sensibilità sulla sicurezza sul lavoro.

INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA FORMAZIONE FORMAZIONE – si rammenta che è possibile accedere a formazione gratuita/finanziata/agevolata tramite i fondi interprofessionali e/o tramite le camere di commercio e/o altri enti. I Fondi Paritetici Interprofessionali nazionali per la formazione continua possono finanziare i progetti di formazione del personale interno alle aziende, attingendo al “Conto Formazione Aziendale” proveniente dai versamenti all’INPS, effettuati da tutte le aziende. In altre parole, è possibile utilizzare un accantonamento previsto di legge per il miglioramento interno. SERVIZI & SISTEMI ORGANIZZA I SEGUENTI CORSI: • Corso per Responsabili servizio di Prevenzione e Protezione • Corso per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza • Corso di formazione per dirigenti e i Preposti / Capocantiere • Corso per Addetti Antincendio • Corso per Addetti al Primo Soccorso • Corso per uso sistemi anticaduta e dpi di terza categoria anticaduta • Corso per auditor sistemi di gestione (9001 – 14001 – 18001) • Corso per Addetti montaggio ponteggi utilizzo sistemi anticaduta. • Corso per addetti e preposti ai lavori in fune • Corsi di formazione uso attrezzature (carrelli, carroponti, piattaforme, gru, autogru, ecc.) • Corsi di qualifica per addetti e responsabili saldatura; • Corsi di qualifica per addetti ai controlli non distruttivi (CND). • Corso per addetti ai Parchi Avventura

CONTRIBUTI ALLE IMPRESE CERTIFICAZIONE AMBIENTALE ISO 14000 – l ministero dell’Ambiente ha a disposizione 3,5 milioni di euro per servizi alle imprese alla certificazione ambientale ISO 14000 o registrazione regolamento EMAS. Possono essere finanziati i costi ottenuti: a) per consulenza qualificata finalizzata alla definizione/progettazione del Sistema di Gestione ambientale; b) per l’ente di verifica/certificazione; c) per la realizzazione delle indagini finalizzate all’analisi ambientale iniziale (a titolo di ese pio: analisi delle emissioni, analisi degli scarichi, carotaggi, analisi fonometriche) d) per la formazione specifica, sia gli addetti dell’impresa sia per il Responsabile del Sistema di Gestione ambientale della stessa.

AGENZIA ENTE ACCREDITATO

a marzo Servizi & Sistemi è agenzia di ente accreditato sul territorio e promuove quindi una serie di servizi qualificati molto importanti per le imprese tra i principali servizi offerti rientrano: - Verifiche per ATEX (atmosfere esplosive) e PED (apparecchi a pressione). - Marcatura CE macchine/attrezzature: Verifica macchine; Fascicolo tecnico. - Marcatura CE prodotti: Iter marcatura prodotti/materiali; Iter certificazione centri di trasformazione acciaio; Iter per certificazione 3834 (saldatura). - Sistemi di gestione e assistenza audit vari: ISO 9000/14000/18000 - VERIFICHE ENTE TERZO: Impianti messa a terra; Impianti di sollevamento.

INCONTRO TECNICO CON LE CARPENTERIE

A seguito dell’incontro con le carpenterie di VENERDI’ 15 APRILE 2011 sul tema centri di trasformazione acciai e sui i processi di saldatura. Servizi & Sistemi organizza in collaborazione con RINA SERVICES io seguenti corsi: - corso di qualifica per coordinatori per la saldatura (welding inspectoreTWI) - corso di qualifica per addetti alla saldatura - coro di qualifica per addetti ai controlli non distruttivi (CND)

SCADENZA SISTRI - INCONTRO TECNICO

Fino al 30 MAGGIO 2011 è possibile la tenuta del sistema cartaceo (Registro e Formulari) dopodiché partono le nuove disposizioni (Chiavetta USB e BlackBox) per riuscire a comprendere meglio l’iter burocratico Servizi & Sistemi organizza un incontro tecnico sul SISTRI rivolto a tutti gli interessati nella gestione dei rifiuti (datori di lavoro, responsabili interni, ecc.). L’incontro si terrà il giorno 20 maggio 2011 dalle 14:15 presso la sala formazione di Servizi & Sistemi srl in via Mandalossa, 9 a Pisogne (Bs). L’incontro è aperto a tutti e la partecipazione è gratuita per tutte le aziende convenzionate con Servizi & Sistemi srl. Per ulteriori informazioni e chiarimenti rivolgersi direttamente presso Servizi & Sistemi o telefonicamente allo 0364880853.

VERIFICHE APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO

È stato approvato il Decreto del Ministero del Lavoro 11 aprile 2011 che consente al datore di lavoro di avvalersi anche di soggetti privati abilitati per le verifiche obbligatorie annuali in ottemperanza art. 71 del 81/2008. Servizi & Sistemi è agenzia di ente accreditato sia per le verifiche di apparecchi di sollevamento quali carroponti, argani, gru, piattaforme, sollevatori telescopici (Merlo Manitou, ecc.) sia per le verifiche periodiche obbligatorie delle MESSE A TERRA previste dal DPR 462.


Maggio 2011

VETERINARIO

La mixomatosi del coniglio Seconda parte

Epidemiologia

La trasmissione della patologia può av­venire per contatto diretto tra animale malato e animale sano sia durante le ma­nifestazioni cliniche della malattia che in fase di incubazione, o in seguito a guari­gione per un periodo variabile dalle 2 al­le 3 settimane; il contagio diretto avvie­ ne attraverso secrezioni nasali, congiun­tivali e ano-genitali, e per mezzo di san­gue e del materiale gelatinoso presente all'interno dei mixomi, riconoscendo co­me porte di ingresso la cute lesa e le mu­cose dell'apparato respiratorio, digeren­te e genitale. La trasmissione per via indiretta può av­venire tramite contaminazione alimen­tare, per scarse condizioni igieniche dei ricoveri, magari precedentemente utiliz­zati per ospitare animali infetti, per via iatrogena o attraverso indumenti e scar­ pe del personale addetto o di eventuali vi­sitatori all'interno dell'allevamento. Il vettore ematofago riveste il ruolo più importante nella diffusione indiretta del­la malattia che assume spesso un marca­ to carattere di stagionalità con picchi a partire dal periodo tarda primavera-

esta­te fino all'autunno inoltrato, in funzione della biologia del vettore in questione; tra gli ematofagi più importanti si annove­rano culicidi (Cu] ex, Simulium, Anophe­ 1es, ed Aedes), pappataci (Phlebotomum), afanitteri ( Ctenocephalides e Spiropsylus), zecche (Ixodes) e, anche se più raramen­te, pidocchi (Haemodipsus ventricosus) e acari (Cheyletiel] a parasitivorax, Psorop­ tes cunicoli e Sarcoptes scabiei) che en­trano in contatto con il virus prevalente­mente attraverso le lesioni cutanee e mu­cosali provocate all'animale, ma anche a partire dal sangue in fase viremica. Al­l'interno dell'apparato buccale dell'in­setto il virus può rimanere vitale per pe­ riodi prolungati, come avviene ad esem­pio per Aedes, Anopheles e Cu] ex che ri­mangono infettanti fino a 220 giorni; per questo, vista la capacità di alcuni insetti di percorrere distanze anche notevoli, spesso si spiega come fenomeni epide­mici si possano verificare a molti chilo­ metri dal focolaio iniziale. D'altra parte, le pulci Chtenocephalides felis e Spillopsilus cuniculi, grazie alla permanenza sull'animale anche nei pe­riodi freddi, sono

in grado di mantener­ si come serbatoio anche nella stagione in­vernale mentre è ancora in discussione la possibilità di una replicazione virale al­l'interno del vettore. La presenza di co­nigli selvatici ed allevamenti cunicoli rap­presenta una "incognita epidemiologica" e la presenza di acqua stagnante (pozze, sottovasi, ecc.) predispone alla presenza di vettori, soprattutto zanzare.

Sintomatologia Nella forma iperacuta, più frequente nei conigli di giovane età, si ha ipertermia e morte improvvisa senza sintomi specifi­ci: il tasso di mortalità si aggira intorno al 100% dei soggetti colpiti. Nella forma acuta classica la morte sopraggiunge do­po 1-2 settimane ed è preceduta dalla for­mazione di numerosi mixomi secondari accompagnati da edemi sottocutanei, con­giuntivite con scolo dapprima sieroso e poi muco-purulento, difficoltà respira­toria e, in seguito, anoressia e dimagra­mento. Dopo un rialzo febbrile iniziale (fino a 42 °C) si osserva una caduta a pic­co della temperatura corporea, conse­guenza della cachessia. In seguito a

ul­cerazione dei mixomi non è infrequente l'impianto di batteri secondari (Pasteu­rella, Streptococcuse Staphilococcus) con conseguenti infezioni che complicano la sintomatologia. Alcuni soggetti possono sopravvivere, mantenendo così una pro­tezione anticorpale, ma molto spesso que­sti stessi soggetti, oltre a presentare ci­catrici evidenti come esito dei mixomi se­condari, potrebbero risultare sterili a cau­sa delle lesioni genitali. In alcuni casi la mixomatosi si presenta nella sua forma respiratoria, meno grave ma più subdola e difficile da eradicare, ad opera di cep­pi meno virulenti con morbilità elevata ma mortalità contenuta entro il 50% dei soggetti colpiti. In questo caso i mixomi saranno meno accentuati e la sintomato­ logia meno evidente e caratterizzata da forme respiratorie e abortigene e, di con­seguenza, con una maggiore probabilità di persistenza in allevamento. Diagnosi La diagnosi, sulla base dei rilievi clinici, è per lo più sufficiente per l'identifica­zione della malattia vista la

14

Dott. Tino Consoli Cell: 335 7238425 patognomo­nicità delle lesioni. In ogni caso è bene considerare nella diagnosi differenziale eventuali lesioni cutanee ascessuali da pasteurellosi ed eventuali forme respira­torie. Di valido ausilio risulta la diagno- stica di laboratorio che si avvale della sie­rologia mediante sieroneutralizzazione ed ELISA nonché la possibilità di una dia­ gnosi precoce attraverso l'utilizzo del "cor­nea test" (immunofluorescenza diretta). In sede autoptica, è possibile riscontra­re in più, oltre alle lesioni mixomatose, splenomegalia e adenomegalia con foco­lai emorragici, edema delle mucose e qua­dri di polmonite. Terapia Attualmente non esistono terapie speci­

fiche per la mixomatosi e gli animali de­ceduti, infetti o sospetti tali, andrebbero isolati e distrutti. In linea teorica, un sup­porto terapeutico può essere fornito dal­la somministrazione di antibiotici a lar­go spettro, per limitare le infezioni se­condarie, fluidoterapia e alimentazione forzata con "critical care" per contrasta­re l'anoressia ed evitare la disidratazio­ne e l'indebolimento, e infine la sommi­nistrazione di calore mediante camera ri­scaldata o lampada rossa per gli animali che vanno incontro a ipotermia. Si trat­ta però di metodi eventualmente appli­cabili più ai conigli da compagnia che non agli animali ad uso zootecnico.


Maggio 2011

MODA

SMALTO, MON AMOUR!

Per stare al passo con la moda non serve nulla di costoso, solo un piccolo accessorio.

di Laura Arrighetti Quest' anno il gruppo degli accessori ha un nuovo membro. Non si parla solo di borse, orecchini e anelli: il nostro look si completa con smalti coloratissimi. Tutte le grandi marche propongono, oltre ai classici rossi, una tavolozza di colori da far invidia a Monet: blu, verde, arancio, lilla..... Tutti così affascinanti che può capitare di scegliere prima lo smalto del vestito. Il colore must della prossima stagione sarà il giallo. Non ci sono dubbi, basta guardare le più importanti passerelle e scoprire che questo colore dilaga ovunque: dagli abiti fluo di Ferretti alle scarpe di Mascarò. E perchè non tingersi anche le unghie di giallo

canarino? Detto fatto. Le grandi marche di make – up hanno preso spunto dalle sfilate e hanno lanciato immediatamente la loro variante di questa splendida tonalità, per esempio Chanel, che con il suo ''mimosa'' ha fatto da portavoce di questa tendenza. Oltre al giallo, i colori più in dell' estate saranno quelli della frutta: arancio, fragola e verde kiwi. Se non amate avere unghie troppo appariscenti potete scegliere il color cioccolato, il marrone e il bronzo, perfetti per donare quel tocco di eleganza e raffinatezza. Inoltre, è possibile giocare con le finiture: pastello per mascherare eventuali imperfezioni e se le unghie sono troppo affusolate, perlati per

donare subito un tocco glamour e glitterati per sentirsi subito un po' bambine. Dopo un po' di teoria, vi riporto alcuni consigli pratici del grande esperto di immagine Diego Dalla Palma per una manicure da sogno. Per prima cosa se scegliete uno smalto colorato, aspettate che si asciughi e stendete uno strato leggero di smalto trasparente per proteggere ulteriormente il colore e per evitare che diventi opaco, immergete le dita in acqua fredda per qualche minuto. Dopo questi piccoli consigli, non vi resta che giocare con le vostre unghie e sfoggiare ogni volta che volete l' accessorio più in di stagione, con il vantaggio di non spendere un capitale per essere sempre trendy.

15


Il Giornale Sebino e della Franciacorta - mese di maggio 2011  

Il Giornale Sebino e della Franciacorta - mese di maggio 2011