Page 1

â‚Ź 0,50 - MercoledĂŹ 16 novembre 2011

Anno 2 - N. 194


Anno 2 - N. 194

€ 0,50 - Mercoledì 16 novembre 2011

uN’iTalia comBaTTiva scoNFiTTa dall’uruguay - Nello sporT

il presideNTe del coNsiglio iNcaricaTo QuesTa maTTiNa scioglierà la riserva e preseNTerà la lisTa dei miNisTri e le liNee guida del programma di goverNo

Monti oggi da Napolitano “Il nostro Paese ce la farà”

garimberti e mattera alle pagg. 2 e 3 mercaTi

graNde successo

Borse europee nel mirino della speculazione

Nuova sTagioNe

la polemica

emiliano “prescrive” un’ora di Fb agli assessori

Treni soppressi botta e risposta tra capone e Trenitalia petruzzelli: galan e Fitto salvano la “prima”

la rai esulta con Fiorello superstar: ascolti record Neri a pag. 4

a pag. 21

l’ulTima iNiziaTiva

a pag. 7

a pag. 13

colucci a pag. 17


pOlItIca

2

GOVERNO

Mercoledì 16 novembre 2011

Napolitano censura le raccomandazioni e chiede apertura verso i ragazzi immigrati “Il più rapidamente possibile l’Italia deve diventare un Paese aperto ai giovani, anche ai giovani immigrati. L’Italia deve offrire opportunità non viziate da favoritismi, deve creare sistemi di assunzioni trasparenti al lavoro. Dobbiamo smentire la convinzione che le raccomandazioni servano più dell’impegno personale”. è il messaggio lanciato dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano al Quirinale durante l’annuale udienza riservata ai “nuovi cittadini”: agli immigrati di recente diventati italiani.

VIA LIBERA DA PDL, PD E TERzO POLO, MA RESTANO DUBBI

le vIttIMe della crISI

Si riparte da donne e giovani

Il giorno di Monti al Colle Il prof: il Paese ce la farà federIcO garIMbertI

I

l governo Monti vedrà la luce oggi quando il professore salirà al Quirinale per sciogliere la riserva e comunicare al capo dello Stato la lista dei ministri per poi giurare nel pomeriggio. Il presidente incaricato parla di “quadro delineato” e si dice “sereno”. Ma in realtà al puzzle faticosamente composto dall’ex commissario in queste lunghe giornate di consultazioni mancano ancora due pezzi importanti: i nomi dei due tecnici-politici che potrebbero far la differenza, Gianni Letta e Giuliano Amato. Tanto che la trattativa, nonostante lo scetticismo che regna nel Pdl sui due nomi, va avanti fino a tarda sera. La giornata inizia in salita per l’ex commissario Ue: una frase di Italo Bocchino che indica Monti come il prossimo candidato premier del Pd manda su tutte le furie il Pdl. Parte il fuoco di fila da via dell’Umiltà, con Daniele Capezzone che arriva a definire “a rischio” il nascente Esecutivo Monti. A palazzo Giustiniani arriva la delegazione del Pd guidata da Pier Luigi Bersani, che ribadisce pieno e incondizionato sostegno al Professore. Poco dopo sono Angelino Alfano e i capigruppo del Pdl a entrare nello studio di Monti. L’incontro va avanti per oltre un’ora e mezza e alla fine, pur con il paletto del programma concordato da Silvio Berlusconi con l’Europa, arriva il via libera ufficiale del Pdl. Dentro, racconteranno poi a via dell’Umiltà, un Monti “indispettito” ha rassicurato i presenti che le parole di Bocchino non hanno fondamento. Ottenuto il sostegno dei due principali partiti, il premier incaricato si concentra sull’altro suo desiderio, condiviso con il Quirinale: avere nella squadra i “rappresentanti” dei due principali partiti. Monti sa che la presenza di Letta e Amato darebbe ossigeno alla sua compagine, facendo anche da camera di decompressione fra un governo di tecnici e il Parlamento. Dal Pd arrivano indiscrezioni di un via libera a Letta.

Voci però smentite poco dopo da una nota ufficiale. Segno della confusone che regna fra i democratici, come dimostrano le aperture di Rosy Bindi. Nel Pdl, invece, è Alfano a confermare il via libera ad Amato, a condizione che cada il “no” dei democratici sul sottosegretario e che i due ruoli siano equivalenti: ministero per entrambi o vicepremiership. Ma è stallo. In serata, nel Pdl, prevale il pessimismo. Diversi dirigenti e ministri uscenti danno l’ipotesi per tramontata. Ma qualcosa continua a muoversi dietro le quinte. Altrimenti non si spiega la nota diffusa da via dell’Umiltà che nega veti del Pdl sul nome di Livia Pomodoro, presidente del tribunale di Milano, per il ministero della Giustizia. La trattativa, dunque, sembra andare avanti: per qualcuno su altre ipotesi, per altri ancora sul tandem Letta-Amato. Monti, nel frattempo, non può che fare buon viso a cattivo gioco. “Dopo questa esplorazione vasta voglio trasmettervi la mia convinta e motivata fiducia nella solidità delle nostre istituzioni”, premette il premier in pectore comparendo per la seconda sera consecutiva davanti alle telecamere dopo aver incontrato, oltre ai due principali partiti, le parti sociali e le rappresentanze di giovani e donne. Dalla giornata di consultazioni, sostiene di uscire con la “serenità” derivante dalla “convinzione” che questa “fase” si possa superare. Arriva a dire che anche le parti sociali, compresi i sindacati, “hanno offerto contributi concreti di possibili sacrifici parziali in vista di un risultato positivo più generale”. Insomma, conclude guardando alla visita di oggi al Colle, “sono in grado di assicurarvi che nelle prossime ore potrò definire un quadro già delineato e che sarò in grado di presentare al capo dello Stato la sintesi di questo lavoro”. Nel tondo il premier incaricato, Mario Monti

IL CARROCCIO DIChIARA “GUERRA AL PALAzzO” E TORNA ANChE LA SECESSIONE

la lega contro tutti: è rottura con il pdl “Non facciamo sconti a nessuno”. la lega Nord dichiara “guerra” al “palazzo” e torna alle sue origini: partito di lotta arroccato al Nord e pronto ad evocare nuovamente la “secessione”. Il carroccio ribadisce “l’opposizione al governo Monti” e giura battaglia a tutti. anche agli alleati del pdl che, decidendo di appoggiare il nuovo esecutivo tecnico - spiega roberto Maroni (nella foto) - “hanno segnato la rottura” dell’asse

del Nord. così dopo 17 anni il cammino della lega e quello di Silvio berlusconi si dividono, almeno in parlamento. da ridiscutere l’alleanza per il futuro. Il pronostico del ministro dell’Interno uscente è da tripla totocalcio: “rinnovo, alternativa o la lega che corre da sola? 1 X 2”, replica Maroni che ha anche parole di solidarietà nei confronti del cavaliere, vittima di un vero e proprio “linciaggio”.

Ossimporent. Il iumqui ad que vendunt quidunt aut porem sit quiassi moluptate dolupta quam res alitaque nullorum ressi doluptatur a expliam fugit dolenis dit pro volorup tatusci qui volorro te conet eum explibus corem rest occus ene odiaepr estius


3

Mercoledì 16 novembre 2011 Incontra tutti. E ascolta tutti. A partire dalle parti sociali. Non mancano le donne, per la prima volta, e anche il Forum dei giovani, addirittura “per la prima volta in Europa”, come raccontano loro con orgoglio. Eccolo, di nuovo, il “Monti style”: sobrio, pacato nei toni, sempre gentile. Un atteggiamento soft che maschera però la capacità del professore di “rompere gli schemi”.

Da Berlusconi arriva il via libera all’ex commissario Ue ma con la riserva di conoscere la squadra di governo L’appoggio a Mario Monti, dato per scontato da giorni, ha l’ufficializzazione. Ma per Silvio Berlusconi e il Popolo della Libertà manca ancora un passaggio cruciale e cioè conoscere nei dettagli la composizione della squadra di governo che oggi il professore consegnerà a Giorgio Napolitano. L’idea di fondo del partito resta sempre la stessa e cioè che l’esecutivo non avesse dei ministri “politici”, unica eccezione per Gianni Letta che, a detta di via dell’Umiltà, dovrebbe servire a “bilanciare” la presenza di Giuliano Amato.

TRATTATIVE

PREMIER INCARICATO VERSO L’INTERIM ALL’ECONOMIA

Sprint per i ministri

Tensione fra i partiti per Amato e Letta sErENEllA MAttErA

G

ianni Letta, Giuliano Amato. Sono i nomi che per tutto il giorno tengono in stand by la lista dei ministri di Mario Monti. Il nodo della presenza dei due politici nella squadra di governo si conferma decisivo. Tanto da impedire di anticipare lo scioglimento della riserva e l’annuncio della composizione del governo già a ieri sera. Si saprà stamattina, alle 11, dopo una notte di contatti e trattative. Perché lo schema di massima era già disegnato, ma alcuni dettagli restavano da definire. “Nelle prossime ore metterò a punto i diversi aspetti di un quadro ben delineato”, sono le poche parole che ga concesso Mario Monti in serata. Al termine di una giornata, iniziata con le consultazioni di Pd e Pdl, fitta di colloqui e incontri. Monti ha pranzato con Napolitano dopo che il capo dello Stato aveva parlato per un’ora anche con Pier Luigi Bersani. Il professore ha in testa i nomi di Letta e Amato e sarebbe supportato in questa convinzione dal Capo dello Stato. Dal segretario del Pd non è però arrivato il via libera auspicato all’ingresso nel governo di Gianni Letta: i democrat confermano il no ai politici nell’esecutivo. Un no che però, spiegano, per senso di responsabilità non si traduce in un veto. Se dunque Monti, concorde Napolitano, riterrà utile chiamare in squadra Letta e Amato, i democrat non si opporranno. Salvo precisare che il nome dell’ex premier “non è una candidatura del Pd”. Non di uno scambio Pdl-Pd, dunque, si tratterebbe. Dall’altro lato il Pdl sarebbe disponibile all’ingresso dei due politici nel governo Monti, ma mette in chiaro che se viene escluso Letta, si esclude anche Amato. Un tentativo di mediazione in questa direzione sarebbe stato messo in campo anche dal Terzo polo. Che con i suoi vertici (Casini e Fini) ha incontrato Alfano e lo stesso Letta nel pomeriggio alla Camera. Ma in serata il nodo politico non

solo sembra lontano dall’essere sciolto, ma talmente intricato da rischiare di tagliare fuori sia Letta che Amato. Ecco dunque la lunga nottata, per cercare soluzioni in extremis (trovare nomi alternativi non appare impresa facile) e garantire una presenza politica nella squadra di Monti. Se così sarà, potrebbe trovare spazio, si dice in ambienti parlamentari, anche un esponente del Terzo polo. Si fa ad esempio il nome di Franco Bassanini (magari alla Pubblica amministrazione), ma in ambienti parlamentari circola addirittura l’ipotesi Gianfranco Fini. Il presidente della Camera, è la voce senza riscontro, potrebbe lasciare lo scranno più alto di Montecitorio, magari a Maurizio Lupi. Intanto, la trattativa politica tiene in stand by l’intera squadra del professore e sembra in grado di muovere all’ultimo anche la casella di qualche tecnico. Chi ha parlato con Monti si sbilancia solo su una quasi certezza: il premier terrà per sé l’interim all’Economia, con al fianco 3 o 4 viceministri, tra i quali forse Tabellini e Grilli. Mentre in pole position per lo Sviluppo economico resta Carlo Secchi (ma si cita pure Passera). Se sarà nel governo, a Giuliano Amato dovrebbero andare gli Esteri (in alternativa, in pole è Giampiero Massolo). Agli Interni Anna Maria Cancellieri sembra non avere più rivali (si parlava di Carlo Mosca). Alla Difesa Vincenzo Camporini avrebbe la meglio su Rolando Mosca Moschini. Per la Giustizia si parla di Cesare Mirabelli, ma il Pdl fa sapere di non avere veti su Livia Pomodoro. Al Welfare potrebbe arrivare, ma la partita non è chiusa, Carlo Dell’Aringa. All’Istruzione Lorenzo Ornaghi appare in calo e si rafforza il nome di Francesco Profumo. Andrea Riccardi viene citato alla Cultura (in alternativa a Salvatore Settis) o proprio all’Istruzione. All’Agricoltura potrebbe approdare Federico Vecchioni, alle Infrastrutture Antonio Catricalà, all’Ambiente Corrado Clini. Alla Pubblica amministrazione Luisa Torchia, ai Rapporti col Parlamento Antonio Malaschini.


4

Mercoledì 16 novembre 2011 caMBi

econoMia

Valore

MERCAtI

Dollaro USa Sterlina Franco Svizzero Yen corona Danese corona Svedese corona norvegese corona ceca

1 euro

1,4386 0,8555 1,2393 104,3719 7,4441 9,1186 7,7833 25,765

1,3545

0,7383

PERdOnO LE BORSE EUROPEE, tItOLI BAnCARI In dISCESA, SPREAd A 450

Speculazione sull’europa la Francia sotto attacco alFonSo neri

T

utti guardano all’Italia, ma in realtà è ancora attacco all’euro. Questo ha detto la giornata dei mercati, che ha registrato il nuovo record storico per lo spread tra i titoli di Stato francesi e tedeschi, con differenziali da brivido anche per quelli italiani e spagnoli. Risultato: l’euro è sceso sotto 1,35 dollari, attestandosi a quota 1,349 da un valore di 1,363 dollari registrato alla vigilia. Ma quello che fa pensare a un attacco consistente contro la moneta unica è un fatto: anche quando le Borse migliorano, gli spread non si muovono. E l’esempio più evidente viene dall’Italia, osservata speciale in tutto il mondo anche per l’evolversi del quadro politico. All’inizio del pomeriggio infatti Piazza Affari si è mossa da sola al rialzo sulla corrente di ottimismo generata dal via libera da parte dei partiti maggiori al presidente del Consiglio incaricato, Mario Monti. Per circa mezz’ora è stata l’unica Borsa europea in positivo, quando quasi tutte perdevano oltre un punto percentuale. Ma lo spread tra i titoli di Stato italiani e i Bund tedeschi è rimasto inchiodato oltre i 500 punti, per concludere le contrattazioni ufficiali vicino a quota 540, con o btp decennali sopra il 7% di rendimento. Il record di 572, registrato poco prima dell’incarico a Monti, non è molto lontano. I Btp italiani hanno fatto peggio di tutti: per i decennali il rialzo di rendimento è stato di 38 punti base rispetto ai Bund tedeschi, i belgi sono saliti di 31 ‘basis point’ (con nuovo record storico), i francesi di 26 Pur non essendo un paese sotto salvataggio, l’Italia resterà sotto stretta sorveglianza internazionale “con la Commissione Ue, la Bce e il Fmi che continueranno un monitoraggio molto stretto”. Parlando a Bruxelles, il presidente della Ue Herman van Rompuy continua a martellare sulla necessità di una sorveglianza continuativa sull’evoluzione dei conti italiani e lo stato di applicazione delle misure di riforma promesse ai partner europei. “Il caso italiano evidenzia come i problemi di un paese siano diventati problemi dell’intera Eurozona”, motiva van Rompuy, spiegando che per l’Italia “é giunto il momento della verità” e che ogni paese sarà chiamato a lasciare un pezzo della propria sovranità per creare una vera Unione economica. Al pressing del presiden-

punti, gli spagnoli di 23. Anche loro hanno macinato record negativi: è un primato lo spread francese a 191 punti, quello spagnolo a 455 e quello belga a 313. Stabili, per un giorno, i titoli greci (al rendimento ormai mostruoso del 25%) ma la Borsa di Atene è caduta, chiudendo in calo del 3,5% nell’indice generale e del 4,7% nel listino dei 20 titoli ellenici principali. Ma che l’obiettivo non siano solo la Grecia e l’Italia viene chiarito proprio dagli andamenti di Borsa: al ‘boom’ dei rendimenti dei titoli francesi contro i Bund ha fatto seguito la cattiva seduta della piazza azionaria di Parigi, che ha chiuso in calo di quasi due punti percentuali (-1,9%), il peggiore della giornata tra i mercati azionari principali. E, a parte lo scivolone delle banche greche, sono stati proprio gli istituti di credito francesi i più pesanti, con Bnp Paribas che ha ceduto il 5,77% e Societe generale il 5,21%. Bene non è andata nemmeno per Unicredit, che ha perso il 4,46%, anche se ad appesantire Piazza Affari (che ha perso un punto percentuale) è stata soprattutto Finmeccanica, in calo finale del 20% dopo i conti del trimestre, il piano di dismissioni, la mancanza del dividendo 2011 e l’incertezza sul futuro dei vertici. “Ma queste sono in fondo piccole cose, il problema rimane l’attacco all’euro”, commenta un operatore di Borsa. E i numeri sono lì a testimoniarlo: le uniche piazze azionarie che hanno tenuto in questa seduta difficile per la crisi del debito sovrano sono quelle al di fuori dalla zona euro: Londra ha chiuso con il marginale calo dello 0,03%, Zurigo in crescita dello 0,06%.

IL PRESIdEntE UE / PER IL nOStRO PAESE AnCORA StREttO MOnItORAGGIO

Van rompuy: “Per l’Italia il momento della verità” te Ue, si aggiunge l’allarme che arriva da Peter Bofinger, uno dei ‘saggi’ consulenti del cancelliere tedesco Angela Merkel. La situazione del debito italiana “sta diventando davvero seria”, dichiara Bofinger in un’intervista a Bloomberg television. “Credo che ci stiamo avvicinando ad una sorta di crisi sistemica che ricorda il 2008”. Ma mentre nel 2008 “i titolari dei depositi avevano paura dei depositi”, oggi “gli investitori delle banche hanno paura dei titoli di Stato” nel

portafoglio delle banche. Una situazione che “si riflette nel rialzo dei rendimenti, un circolo vizioso che deve essere fermato al più presto”. L’Italia spiega Bofinger - ha bisogno “di poter pagare tassi del 4%, non l’attuale 7%. Ecco perché serve uno sforzo”. Il consiglio dei saggi ha proposto “una garanzia illimitata dei Paesi dell’area euro per il debito italiano”. Ma secondo Bofinger è necessario anche che la Bce faccia da “ultimo argine” sulla

crisi dei titoli di Stato, intervenendo decisamente con acquisti massicci se la politica fallisce. In queste ore, con gli spread in salita, tutti i riflettori europei sono puntati sull’Italia. La fiducia nel premier incaricato Mario Monti a Bruxelles è molto alta, ma non sfugge la complessità della sua impresa. “Monti è una persona brillante, ma questo non significa niente se non ha una maggioranza in parlamento che lo sostiene”, commenta tra l’altro van Rompuy.

“Le sfide da affrontare sono molto grandi”, rincara il commissario Ue agli affari economici Olli Rehn. “Ora la palla è nel campo dell’Italia e sta a Monti giocarla”, aggiunge Rehn. Secondo van Rompuy, “Monti è molto motivato e sarà capace di applicare austerità e crescita allo stesso tempo. Si tratta di un esercizio molto delicato ma necessario”, dice il presidente, augurando all’ex commissario Ue un grande: “buona fortuna!”. Sull’Europa incombe immutato il rischio del contagio della crisi dei debiti sovrani, come dimostra l’attenzione della speculazione internazionale che oggi si è allargata anche a Spagna, Belgio e Francia. “Sfortunatamente non ci sono nuovi elementi che hanno cambiato questa situazione”, commenta il portavoce di Rehn.


5

Mercoledì 16 novembre 2011

attualità

Cassazione: gli eccessi dei media ci sono ma per il processo Scazzi nessun trasferimento Non ha giovato alla difesa di Sabrina Misseri aver giocato - in Cassazione - la carta dell’invadenza dei media, e del brusio dei social network, per chiedere il trasferimento del processo per il delitto di Avetrana. I supremi giudici spiegano che l’attenzione mediatica esagerata sull’omicidio di Sarah ci sarebbe lo stesso anche cambiando città. E che proprio il fatto che i media nazionali si occupino della vicenda, esclude turbative di tipo locale, le sole che giustificherebbero il trasloco a Potenza.

SOCCOrSI

UNA CADUtA DI trE MEtrI LE AvEvA CAUSAtO UNA DOPPIA FrAttUrA

Speleologa ferita nel Bresciano oltre trentasei ore per salvarla MariSa alaGia

P

iù di 40 ore al buio di una grotta, poi la luce tenue dell’alba nella fredda mattina di novembre, accoglie Anna e i suoi soccorritori. La disavventura della speleologa bresciana si chiude tra qualche applauso, le pacche sulle spalle dei soccorritori. Anna sta bene e le sue prime parole sono per loro, gli alpini e gli speleologi addestrati per questi interventi. “Sono stati i miei eroi - dice - con loro non ho mai avuto paura”. Ci sono volute oltre 36 ore per riportare in superficie Anna Bonini, caduta, a 250 metri di profondità, nel crepaccio acquoso della grotta “’Omber del bus del zel’’ (in dialetto grotta del buco del gelo), domenica alle 14. Un volo di 3 metri che le ha causato una doppia frattura alla caviglia sinistra. Impossibile per gli amici che erano con lei aiutarla. Sono dovuti intervenire i corpi specializzati dei soccorsi che alle 18 di domenica hanno cominciato il lento cammino per uscire da sotto terra. Anna, sedata, la caviglia

steccata, un casco in testa, è stata assicurata ad una barella. Un percorso di 3 chilometri che gli appassionati percorrono tra le 2 e le 3 ore è diventato un complicato cammino di pochi metri all’ora. Per allargare gli spazi in cui la barella non passava sono state utilizzate anche delle microcariche di esplosivo. Squadre di 40 uomini, tra cui fisso un medico, si sono dati più volte il cambio. Stanchi, sporchi di fango, riportata Anna in superficie, hanno raccolto le loro cose sono saliti sui loro mezzi e se ne sono andati. “Mi raccomando - ripeteva uno di loro con il megafono - non lasciate in giro neppure una lattina”. I miei eroi li ha definiti la giovane bresciana, 36 anni, che ha tenuto tutti con il fiato sospeso per due giorni e due notti. Ora è nell’ospedale di Brescia, dove dovranno sistemarle la caviglia rotta. La sua passione per la speleologia è piuttosto recente. Da poco aveva terminato il corso. “Forse era meglio se aspettava ancora un po’ prima di cimentarsi con queste grotte”, ha detto

un tecnico del soccorso alpino. L’Altopiano di Cariadeghe, che non supera in altezza i 700/800 metri, è definito monumento naturale proprio anche per le sue grotte. Chilometri e chilometri di tunnel, che scendono a centinaia di metri di profondità e dove, come in un cantina, la temperatura è sempre stabile, 7 o 8 gradi. Il giro scelto da Anna e i suoi amici non è tra i più difficile, ma neppure adatto ai principianti. La prima parte, una settantina di metri è una discesa a gradini, aperta a tutti. Poi un cancello sbarra l’imbocco per le grotte vere e proprie. “Lo so, ho fatto uno sciocchezza, ma è stato un incidente - ammette Anna uscita dalla grotta -. Ma non ho mai avuto paura, soprattutto dopo che sono arrivati loro, i soccorritori, sono stati bravissimi, organizzatissimi”. Nelle 36 ore trascorse insieme, Anna ha soprattutto dormito. “Lo facevo racconta - anche per non creare ulteriori fastidi, me ne sono stata buona buona, mentre loro lavoravano”.

CONDANNA A 16 ANNI E MEzzO PEr L’AMMINIStrAtOrE DELEgAtO

Thyssen: fu omicidio volontario Colpevole di omicidio volontario per la “scelta sciagurata” di “non fare nulla” in materia di sicurezza, per avere bloccato un investimento nel tentativo di rispettare “l’interesse economico dell’azienda”: ecco perché Herald Espenhahn, amministratore delegato della thyssenkrupp, è stato condannato a 16 anni e sei mesi di reclusione. Così si legge nella sentenza del processo per i morti causati dall’incendio che si scatenò il 6 dicembre 2007 nello stabilimento di torino della multinazionale dell’acciaio. è la prima volta che in Italia viene applicato questo articolo del Codice a una tragedia sul lavoro. La tragedia di sette operai che, mentre erano in servizio alla linea 5 cercarono di spegnere uno dei tanti fuocherelli che si attaccavano ai macchinari ma che all’improvviso furono investiti da una violentissima vampata. Certo, ad Espenhahn è stato concesso “il minimo

della pena” e gli sono state riconosciute le attenuanti del buon comportamento processuale e del risarcimento del danno ai familiari delle vittime. Ma la condanna per omicidio volontario segna ugualmente un punto di svolta nella giurisprudenza: se la linea della Corte d’Assise di torino verrà confermata in appello e in Cassazione, le inchieste e i processi in materia di sicurezza, di prevenzione e di morti bianche dovranno passare per una rivoluzione copernicana. Nelle 465 pagine della sentenza il giudice Paola Dezani divide le responsabilità dei sei imputati e distingue, in punta di diritto, fra omicidio colposo “con colpa cosciente” e omicidio volontario “con dolo eventuale”: è la differenza tra chi, alla thyssenkrupp, era convinto che non sarebbe successo nulla (come i cinque dirigenti condannati a pene comprese fra i 10 e i 13 anni e mezzo) e chi, come Espenhahn, ha “accettato il rischio” di un disastro.

le altre NeWS indignati: linea dura a New York 200 arresti, ma la protesta continua Dopo due mesi la polizia di New York ha scelto la linea dura e a sorpresa ha cacciato gli indignati di ‘Occupy Wall Street’. Ma loro non mollano, e nonostante gli oltre 200 arresti, hanno deciso di proseguire la protesta.

ancora sangue in Siria ma regime libera 1180 manifestanti le ultime 24 ore sono state tra le più sanguinose in Siria, con decine di vittime tra civili, militari e disertori, impegnati in scontri armati che evocano lo spettro di una guerra civile. Ma annunciato il rilascio di 1.180 manifestanti arrestati.

Safia: “io, schiava sessuale di Gheddafi” il racconto a le Monde della 22enne “Sono diventata la sua schiava sessuale. Mi ha violentata per cinque anni”. Safia ha 22 anni ma se ne sente il doppio addosso. al quotidiano le Monde la giovane libica racconta cinque anni di calvario trascorsi nell’harem dell’ex rais.


regione & provincia

6

Mercoledì 16 novembre 2011

il presidente introna “animatore” del BTp Day al consiglio regionale Celebrato ieri il BTP Day, per “ricomprare” il debito pubblico nazionale. In occasione della giornata, il presidente del Consiglio regionale, Onofrio Introna ha invitato tutti i “regionali” - assessori, consiglieri in carica, ex consiglieri, dirigenti e dipendenti - a recarsi allo sportello di Tesoreria del Banco di Napoli e gli altri sportelli del Gruppo, per acquistare titoli di Stato a condizioni agevolate. “Serve un esempio, è un atto di buona volontà”, ha detto.

ITALy SyMPOSIUM

I DATI SUGLI ARRIVI DEGLI STRANIERI. VENDOLA: NON SOLO BUSINESS

Turismo estero in 5 anni cresciuto del 25%

“i

n Puglia il turismo non è solo business, ma una sintesi armonica delle politiche pubbliche, dello spirito imprenditoriale e della capacità di investire sul territorio. Viviamo le nostre bellezze regionali come un dono da fare agli altri, senza mai chiuderci in un micro nazionalismo regionalistico”. Lo ha detto il presidente della Regione Nichi Vendola, ieri, durante l’apertura di “Italy Symposium Usa 2011” Parte I, alla Fiera del Levante, davanti ad una platea di 250 operatori del turismo statunitensi, protagonisti di un educational tour iniziato lunedì e che terminerà il 19 novembre. “Il turismo è l’incrocio di tutte le vocazioni e ambizioni di un territorio - ha aggiunto Vendola - in questi anni abbiamo voluto pro-

teggere la natura, il nostro patrimonio, i nostri 60 milioni di alberi di ulivo come monumenti secolari, la biodiversità, senza per questo trasformarci in museo. Siamo anche i primi produttori di energia rinnovabile, facciamo enormi progressi nel campo dell’innovazione, siamo in perfetto equilibrio tra il

Un momento dei lavori dell’italy Symposium. nelle due foto a destra la platea di operatori del turismo statunitensi

miglior passato e il miglior futuro. Il turismo, in Puglia, continua ad essere concepito come promozione della ricchezza culturale, strumento di pace, integrazione e benessere”. Ed è stato invece l’assessore regionale al Mediterraneo, Silvia Godelli, a descrivere al pubblico

statunitense “una regione speciale, terra di attraversamenti, caratterizzata da un patrimonio naturale fatto di luce, sapori autentici e antichità. Oggi contiamo in Puglia tre luoghi riconosciuti dall’Unesco (Alberobello, Castel del Monte e Monte Sant’Angelo) che sono la nostra prima carta d’identità. Il

C’è IL VIA LIBERA ANChE ALLA “FONDAzIONE CASA PUGLIA”

La giunta decide i giorni del saldi Stabilite le date dei saldi per il prossimo anno, ieri, nel corso della seduta della giunta regionale: per i saldi invernali fissato il primo giorno feriale antecedente l’epifania, per quelli estivi, si comincerà il primo sabato di luglio. confernate le date di fine al 28 febbraio ed al 15 settembre.

La regione, poi, si è dotata della Fondazione casa puglia “quale strumento giuridico del quale verranno chiamati a far parte, oltre alle associazioni dei pugliesi nel mondo, enti locali, privati investitori, compresi istituti di credito e fondazioni bancarie”.

calore della nostra popolazione, le tradizioni dell’accoglienza sono tutt’ora per il nostro turismo uno strumento di crescita”. Una crescita confermata anche dai dati sul turismo incoming dagli Stati Uniti e dall’estero: dal 2005 al 2010, infatti, gli arrivi internazionali in Puglia sono cresciuti del 25% (da circa 367mila a 459mila turisti), così come le presenze (da 1,476 milioni a 1,850 milioni circa), in linea con il tasso di crescita medio complessivo (italiani e stranieri) dei flussi verso la regione. Nello specifico il mercato americano si posiziona al 5° posto con 26.381 arrivi e 80.208 presenze nel 2010. La permanenza media in Puglia è di circa 3,04 giorni, inferiore alla media degli stranieri (4,03 giorni e a quella media regionale di 4,17 giorni).

GLI SPeCIALI DI

22 novembre 2011

Ma di che pasta sei fatto? con la collaborazione di

PASTIFICIO

Ancora


7

Mercoledì 16 novembre 2011

regione & provincia

Schittulli oggi ritira le dimissioni? Ha tempo fino a fine settimana Il giorno del dietro front dovrebbe essere oggi: il presidente della Provincia di Bari Francesco Schittulli dovrebbe formalizzare la retromarcia, ritirando le dimissioni presentate lo scorso 31 ottobre, in polemica con la sua Giunta. Dopo una serie di incontri con le forze di centrodestra, il cerchio sembra chiuso e il sole sarebbe tornato a splendere sulla maggioranza. Per il ritiro, Schittulli ha tempo comunque fino alla fine della settimana.

reGIone

l’aSSeSSore lamentava carenze Per taranto e lecce

La Capone attacca ma Trenitalia replica

“i

collegamenti di lecce con roma si riducono a un terzo, soppresso l’espresso, l’Intercity solo la domenica. I treni regionali per taranto la sera scompariranno. Detta così sembra una dichiarazione di guerra ai lavoratori, agli studenti, alle loro famiglie”. lo ha dichiarato la vicepresidente della regione, loredana capone, che ha scritto una lettera all’amministratore delegato di trenitalia mauro moretti per sottolineare “la situazione sconfortante che interessa lecce, ultimo lembo della ferrovia”. capone ha definito anche “condivisibile il sit-in dei sindacati di venerdì mattina in stazione, nell’ambito del quale - ha detto - porterò il mio appoggio e sostegno”. Per capone, la scelta di trenitalia “pregiudica il Sud e lo relega in una condizione di marginalizzazione assoluta, frutto di politiche

leghiste che si muovono nella direzione di assumere il potere esclusivo del mercato mirando alla sola tutela del nord”. e, in un’altra nota, è stata trenitalia a voler fare chiarezza su

alcune “informazioni imprecise e fuorvianti diffuse negli ultimi giorni sulla nuova offerta ferroviaria da e per la Puglia, prevista a partire dal prossimo dicembre”. “è previsto che continuino a cir-

colare cinque coppie di treni notte (espressi e Intercity notte) - 4 coppie giornaliere sull’adriatica e 1 coppia periodica su roma - e 6 coppie di treni giorno (Intercity) da e per la Puglia (5 coppie sull’adriatica e 1 coppia su roma). modifiche e cancellazioni sono previste solo alla programmazione dei treni periodici, che venivano effettuati esclusivamente in brevi periodi dell’anno. all’offerta di servizi universali – è stato specificato nella nota - si aggiunge poi quella dei cosiddetti servizi a mercato, i treni Frecciargento (eS) e Frecciabianca (eS city) per i quali trenitalia non percepisce alcun contributo pubblico e la cui programmazione viene effettuata direttamente e autonomamente dall’azienda sulla base della domanda di mercato. anticipiamo al riguardo cheå dal prossimo 12 dicembre, in Puglia l’offerta sulla linea adriatica verrà potenziata e velocizzata”.

la ProteSta

“Bonomo” i lavoratori chiedono chiarezza

I dipendenti del centro ricerche Bonomo di andria hanno manifestato ieri davanti alla Provincia di Bari (nella foto), per chiedere certezze sullo sviluppo dell’ente, che si occupa di ricerca applicata all’agricoltura. I lavoratori non percepiscono lo stipendio da maggio e temono che la struttura venga smantellata durante il passaggio di gestione dalla Provincia di Bari alla Bat. “la liquidazione – ha detto la ricercatrice Francesca De cillis – è avviata, ma la Bat, che promette la creazione di un nuovo ente, non ci comunica né le modalità né i tempi”.

In ProGramma altre novItà nell’IntereSSante InIzIatIva che coInvolGe 330 eSercIzI

Zona centro: così andria sostiene i negozianti Trecentotrenta attività commerciali affiliate ad andria. Tante tipologie di esercizi presenti, tra cui centri benessere, bar con tavoli all’aperto, gallerie d’arte, e due centri culturali. Servizio park&ride con parcheggio custodito. Tutto questo, ma molto altro, è Zona centro, il più grande centro commerciale naturale di puglia e Basilicata. il progetto coinvolge diverse strade della città: via Firenze, via regina Margherita, corso cavour, viale crispi, viale roma e altre, estendendosi per un area pedonale pari a 1,8km. Zona centro si pone diversi obiettivi. Far parte del centro commerciale naturale Zona centro vuol dire aumentare, attraverso un’azione collettiva di Marketing Territoriale, lo sviluppo della zona moltiplicando le occasioni di crescita. Un sistema di offerta collettiva ed integrata che offra servizi ai visitatori (parcheggio custodito, bus navetta, informazione iniziative, politiche

di promozione saldi), aumenta l’appeal dell’area e delle singole attività presenti rispetto al visitatore. in particolare si cerca di richiamare clienti, magari non residenti, con l’obiettivo di agevolare il flusso di clientela dei paesi limitrofi, attirandoli in città spronandoli con questa particolare forma di promozione. Una bella fisionomia di investimento promozionale, in un periodo di crisi generale. La presenza poi di un parcheggio custodito e

del servizio navetta, è stata una particolarità richiesta dai commercianti, che da sempre lamentano al mancanza di posti auto per le auto dei possibili clienti. Largo appiani ospita il park&ride, dove chi vi si reca, può lasciare l’auto e farsi accompagnare per i negozi dalla navetta, pagando la semplice corsa 50 cent. il servizio è a costo 0 per il comune ed è in collaborazione con l’a.S.a. Un‘iniziativa che i commercianti hanno ben visto. inoltre il progetto prevede altre forme di promozione. 25 totem i totale verranno posizionati nelle zone che interessano il percorso Zona centro. Lì dove non sarà possibile metterli, ci saranno delle bandiere ai pali, che segnaleranno la zona. infine tra qualche settimana, partirà la fidelity card, una carta convenzionata con alcune attività commerciali e non, che agevolerà lo shopping dei clienti con diverse forme di promozione. Francesco conversano


8

MercoledĂŹ 16 novembre 2011


9

Mercoledì 16 novembre 2011

Ladri in azione nella facoltà di Economia: aule a soqquadro

aGGUaTo IN VIa DEI GELSomINI

bari

Ladri in azione alla facoltà di Economia e Commercio di via Camillo Rosalba (nella foto), al quartiere Poggiofranco. L’altra notte qualcuno si è introdotto nell’archivio forzando la serratura all’ingresso. Tutti le stanze sono state messe a soqquadro: il disordine era tale che il responsabile, arrivato in ufficio e accorgendosi del furto, non è stato in grado di capire cosa fosse stato rubato. Sul posto sono intervenuti gli agenti della squadra Volante.

INDaGINI a TUTTo CamPo PER RISaLIRE aI kILLER

Caccia ai killer di Campanella

Lupello fuori pericolo, presto sentito dagli investigatori dario bissanti

nEws

U

no sgarro, oppure l’ennesimo capitolo della lotta fra i clan per la ridefinizione degli equilibri criminali? Gli inquirenti non trascurano nessuna pista per cercare di dare una spiegazione alla morte di Francesco Campanella, il 48enne ucciso l’altra sera a due passi dalla sua abitazione di via dei Gelsomini, alla Zona Industriale di Bari. Insieme alla vittima, è stato ferito ai reni e al fegato anche Nicola Lupello, di 34 anni. Dopo l’agguato, i due, che risultano noti alle forze dell’ordine, erano stati trasportati da alcune persone a bordo di una monovolume scura davanti all’ingresso visitatori dell’ospedale San Paolo. Lupello, ricoverato inizialmente in gravi condizioni, è stato operato ed è adesso fuori pericolo di vita. Gli investigatori sperano di avere utili indicazioni da lui per le indagini. Le indagini, coordinate dal pm Desirèe Digeronimo e condotte dai carabinieri, si muovono a 360 gradi. Un fatto appare comunque certo: quella dell’altra sera è stata un’esecuzione in piena regola, con i sicari che hanno scaricato sui due una raffica di almeno 10

CoLLEgE orLando a PaLEsE

Furto in un asilo Perfino gli asili nel mirino dei ladri: l’altra giorno è stato rubato un computer completo di stampante nella scuola per l’infanzia “College orlando”, in via Napoli, nella ex frazione di Palese. I ladri hanno forzato una porta sul retro della struttura, entrando negli uffici amministrativi e agendo indisturbati nel primo pomeriggio, approfittando dell’assenza dei proprietari. Sul posto sono intervenuti gli agenti della squadra Volante. L’azienda con annessa abitazione in cui c’è stato l’agguato mortale. nel riquadro a sinistra investigatori lunedì sera

colpi calibro 9. Intanto, sul cadavere di Campanella è stata effettuata l’autopsia. I carabinieri stanno passando al setaccio le reti di conoscenze dei due uomini, anche alla ricerca di eventuali collegamenti con gli ultimi episodi di violenza che stanno insanguinando le strade del capoluogo. Con l’agguato di lunedì sera, infatti, sale a quattro il numero

delle sparatorie avvenute in città in poco più di un mese. L’ultima in ordine di tempo risale al 7 novembre scorso, quando a modugno, un uomo con precedenti, Cosimo Santoro, è stato ferito alle gambe da un colpo di pistola sparato in via Carmine, in pieno centro storico, da sicari incuranti della presenza di numerosi passanti. Una settimana prima, il 30 ottobre, a Bari i killer hanno freddato

un ragazzo di 21 anni, alessandro marzio, ucciso a colpi di pistola in via dei mille, al rione San Pasquale, poco prima che salisse in sella al suo scooter. Un omicidio probabilmente collegato all’agguato in cui il 28 agosto scorso perse la vita il boss Cesare Diomede - che marzio conosceva - assassinato con le stesse modalità in strada Borrelli, al quartiere Carrassi.

L’aSSEmBLEa DEI PENaLISTI BaRESI aLLaRGaTa aLL’aNm, L’oN. SISTo E IL DoTT. maGRoNE

“Troppi attacchi alla... difesa”

“Troppi, gli attacchi ai diritti della difesa”. Gli avvocati penalisti di tutta Italia si asterranno dalle udienze fino a venerdì prossimo: per spiegare le ragioni della protesta, ieri mattina nel Tribunale di via Nazariantz, la Camera Penale di Bari ha organizzato un incontro con il presidente regionale dell’associazione Nazionale magistrati marco Guida, l’ex procuratore Nicola magrone e il deputato PdL Francesco Paolo Sisto. I lavori sono stati aperti dal presidente della Camera Penale Egidio Sarno. “Gli esempi delle violazioni ai diritti della difesa - ha detto - sono molteplici: dall’arresto di clienti negli studi degli avvocati, all’utilizzo indiscriminato di intercettazioni tra cliente e

difensore”. L’on. Sisto ha rincarato la dose. “è necessario - ha spiegato - che si attui davvero la figura del giudice terzo e la separazione delle carriere. In tutti i paesi d’Europa è dato per scontato che chi giudica non può anche accusare. è un concetto addirittura banale, eppure ci sono delle difficoltà”. Di parere opposto, marco Guida. “Io - ha controbattuto - non vedo tutte queste terribili lesioni dei diritti nelle aule dei tribunali. I problemi veri sono altri: la durata dei processi, il personale costretto a lavorare immerso tra i faldoni, senza computer, e l’assenza di investimenti nonostante la ricchezza che, con i sequestri, la giustizia produce”.

Un momento dell’assemblea a Palazzo di giustizia

arrEstato CaMionista

tir carico di afghani Quarantadue afghani, nascosti in un tir proveniente dalla Grecia appena sbarcato nel porto di Bari, sono stati scoperti da polizia di frontiera e GdF. Il conducente, un turco di 64 anni, è stato arrestato per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Gli afghani sono stati rimpatriati in Grecia. Il tir era stato manomesso alle paratie laterali del rimorchio per fare entrare i clandestini senza manomettere i sigilli doganali. in via CrisPi

rapina in farmacia Ennesima rapina nel capoluogo: l’altra sera, intorno alle 19, un gruppo di 4 persone ha fatto irruzione nella farmacia Castellaneta di via Crispi, a Libertà, col volto coperto da passamontagna, facendosi consegnare l’incasso sotto minaccia di un coltello da sub. Si tratta della terza farmacia assaltata con lo stesso tipo di arma: tra settembre e ottobre furono rapinate la farmacia abbrescia, a Carrassi, e la Ruscigno, a Carbonara.


10

MercoledĂŹ 16 novembre 2011


11

Mercoledì 16 novembre 2011

Le condizioni del Ferrhotel presto all’esame del Prefetto

CORSO CAVOUR

BARI

Due delegati dalla commissione consiliare Qualità dei servizi del Comune, Massimo Maiorano (Pd) e Filippo Melchiorre (Pdl, nella foto) hanno visitato ieri la sede del Ferrhotel annesso alla stazione ferroviaria. La visita sarà al centro della seduta di commissione che si terrà questa mattina. Per adesso si sa che i due intendono chiedere un incontro urgente al Prefetto Mario Tafaro per informare del grave degrado igienico sanitario e di sicurezza dei luoghi.

“NON VOGLIO UN ALTRO CASO COME PIAZZA CESARE BATTISTI”

Emiliano rompe il silenzio “Il parcheggio non si farà” non fanno piacere né ai sindaci né agli imprenditori. Far durare - continua - così a lungo un cantiere non fa mai bene a nessuno. Una volta, quando si rubava, allungare i tempi aveva un senso. Ma adesso, che non credo si faccia più, allungare i tempi non ha più senso e dunque prima di dare il via libera al parcheggio dobbiamo pensarci molto a lungo”. Come detto, corso Cavour è la terza opera del pacchetto di altrettante gare d’appalto vinte, nel 2003, dalla Dec. Il primo è stato per la costruzione del parcheggio sotterraneo di piazza Giulio Cesare, nei pressi del Policlinico, il secondo quello di piazza Cesare Battisti, tra l’Ateneo e la facoltà di Giurisprudenza e il terzo, appunto, nel cuore di una tra le più famose trade della città, fondamentale arteria di scarico del traffico in entrata e in uscita dal Borgo murattiano. (a.col.)

PRE PRESTITI PERSONALI CESSION CESSIONI QUINTO STIPENDIO PPRESTITI DELEGA SOSTIT SOSTITUZIONE MUTUI CCONSOLIDAMENTO DE DEBITI MUTUI FFIDEJUSSIONI, CAUZIONI, LLEASING, FACTORING

UIC A96637

SOLUZIONI FINANZIARIE

MUTUI IPOTECARI

MUTUO DI

100.000 150.000 200.000 250.000 300.000 350.000

10 anni 995,00 1.490,00 1.990,00 2.490,00 2.985,00 3.485,00

15 anni 720,00 1.080,00 1.440,00 1.805,00 2.165,00 2.525,00

20 anni 585,00 880,00 1.175,00 1.470,00 1.760,00 1.760,00

25 anni 505,00 760,00 1.015,00 1.270,00 1.525,00 1.780,00

30 anni 455,00 685,00 910,00 1.140,00 1.370,00 1.595,00

SEDI

il tasso variabile è del 3,65% e lo spread è del 2,15%.

Via De Rossi n. 161 - 70122 Bari Piazza Gloriosi n. 25 - 84100 Salerno Via del Gallitello n. 113 - 85100 Potenza Viale del Poggio Fiorito n. 27 - 00144 Roma Piazza Cesare Battisti n. 27 - 71121 Foggia

800-11.33.23

CESSIONE DEL QUINTO

L’opera da realizzare in corso Cavour sarebbe imponente, “quattro forse cinque volte più di piazza Battisti” specifica il sindaco e questa amministrazione non ha alcuna voglia di imbarcarsi in un’esperienza del genere. Al momento non vi sono neppure ipotesi alternative, Emiliano le scarta tutte e ribadisce di essere favorevole ai garage sotterranei pertinenziali, ossia per i residenti, ma non di turnazione che, soprattutto in centro, “richiamano macchine, fanno crescere il traffico, mentre questa amministrazione tenta da sempre di scoraggiare, in tutti i modi, l’utilizzo delle automobili”. Quindi, per adesso e non si sa neppure per quanto tempo, le ruspe della Dec resteranno ferme. “Anche all’impresa - fa presente il sindaco - non credo farebbe piacere imbarcarsi in un’opera sulla cui durata ci sono tanti dubbi. Cose del genere

RATA 100,00 150,00 200,00 250,00 300,00 500,00

L’incrocio fra corso Cavour e via Putignano snodo del traffico

Netto ricavi 60 mesi 5.080,00 7.628,00 10.176,00 12.724,00 15.272,00 25.463,00

Netto ricavi 120 mesi 8.900,00 13.376,00 17.839,00 22.303,00 27.075,46 26.766,00

Esempio su donna di 40 anni con 15 anni di servizio TAN 3,75%

PRESTITO PERSONALE

I

l parcheggio sotterraneo di corso Cavour, per ora, non si farà. Michele Emiliano rompe un silenzio lungo mesi per dichiarare di assumere su di sé “la responsabilità di tenere fermi tutti quei cantieri che potrebbero creare problemi alla città”. Primo tra tutti, come lui stesso specifica, quello del parcheggio appaltato, insieme ad altri due già costruiti, alla Dec otto anni fa, durante l’amministrazione Di Cagno Abbrescia. Il sindaco sostiene essere ancora troppo fresco il ricordo, doloroso, del cantiere del parcheggio di piazza Cesare Battisti - sul quale pende un’inchiesta che conterebbe 48 indagati tra cui, pare, i vertici della Dec e alcuni dirigenti aziendali - che “ha fatto soffrire la città e se ogni volta dobbiamo provocare queste cose è evidente che prima di andare avanti dobbiamo pensarci bene”.

RATA 100,00 150,00 200,00 250,00 300,00 500,00

Netto ricavi 60 mesi 5.000,00 7.500,00 10.000,00 12.000,00 14.500,00 24.000,00

Netto ricavi 120 mesi 8.500,00 12.500,00 17.000,00 20.500,00 25.000,00 40.600,00

TAN 7,20%

w w w. m o n ey m i n d. i t


12

MercoledĂŹ 16 novembre 2011


13

Mercoledì 16 novembre 2011

Legambiente a congresso conferma Tarantini presidente

FONDAZIONE

BARI

Si è svolto a Bari il decimo Congresso regionale di Legambiente Puglia. Oltre 150 i delegati dei circoli giunti da tutta la regione. “Abbiamo visto un’associazione in buona salute, numerosa come mai prima e autorevole” ha dichiarato Sebastiano Venneri, vicepresidente nazionale. L’assemblea ha poi votato il documento congressuale e il direttivo regionale. Francesco Tarantini (foto) è stato riconfermato presidente regionale, mentre Maurizio Manna è stato eletto direttore.

OGGI INTANTO SI RIUNISCE IL CDA CHE DECIDERÀ COSA FARE PER S. NICOLA

Petruzzelli, 300mila euro

Fondi dal Governo per l’inaugurazione della stagione Emiliano: ringrazio Fitto, meglio tardi che mai. Ma ugualmente non potremo aprire il 6 dicembre

S

ul tavolo, i membri del cda della Fondazione Petruzzelli, che si riuniranno questo pomeriggio, troveranno la comunicazione ufficiale dello stanziamento, da parte del ministero dello Spettacolo - che dal Fus aveva stornato 6,5 milioni di contributo - di 300mila euro per l’inaugurazione della stagione, prevista per il 6 dicembre, il cui programma, per una questione puramente economica, era stato retrocesso dall’allestimento di un’opera - si era parlato del “Macbeth”- ad un concerto sinfonico. Un sostegno, che il ministro Giancarlo Galan ha deciso di stanziare su precisa sollecitazione del collega Raffaele Fitto. Solo che, com’era prevedibile, si è innescata una violenta polemica tra chi, come il sindaco Michele Emiliano, che è anche presidente della Fondazione, sostiene che i fondi siano arrivati troppo tardi e chi, come il suo vice in via Putignani (sede della Fondazione), Nuccio Altieri, invece ritenga si tratti “di un segno di straordinaria attenzione”, insieme a numerosi esponenti del Pdl come Antonio Distaso e Luigi d’Amborosio Lettieri. “Meglio tardi che mai, ringrazio il ministro Fitto. Meglio poco che niente - attacca Emiliano - Ovviamente questa somma non consentirà di recuperare il “Macbeth” e neppure di svolgere il 6 dicembre l’inaugurazione della stagione d’opera. Potremo al

L’INIZIATIVA DI BARIPARTECIPA

La cultura è un’altra cosa

Altieri: questa somma consentirà alle masse artistiche di poter avere gli stipendi a Natale massimo organizzare un nuovo spettacolo non operistico, che consentirà di non interrompere i contratti di lavoro dell’orchestra e del coro e di scusarci con il nostro pubblico e con San Nicola per non aver potuto aprire la stagione come previsto”. Di senso completamente opposto l’intervento di Altieri che sottolinea come “questo stanziamento straordinario consentirà la programmazione della prima, ma soprattutto permetterà alle masse artistiche di poter percepire gli stipendi a Natale, riaprendo i contratti di lavoro chiusi il 12 novembre per mancanza di fondi. Tale salvataggio operato da Fitto - prosegue - deve però fungere da monito ad una migliore e più realistica taratura dei bilanci della Fondazione”. Dunque la prima si farà o non si farà? “Aspetto di sapere cosa deciderà il cda”, spiega deciso il segretario artistico della Fondazione, Luigi Fuiano che aggiunge che “per un’opera mancano proprio i tempi tecnici a meno che non si voglia rivedere una cosa già vista. Per come stanno le cose - afferma, riferendosi ai tempi - possiamo organizzare solo un concerto per orchestra e coro”. L’ultima parola, dunque, sta al cda e, per come si stanno delineando le posizioni, di certo quella di oggi non sarà una seduta tranquilla. (a.col.)

Dalla segnalazione della signora Paola Lopez

Scatto vincente

Se sventolano brandelli d’Italia

“La Cultura? È un’altra cosa”. Si intitola così il convegno organizzato ieri sera nel Fortino dall’associazione BariPartecipa (foto) per discutere delle politiche culturali messe in atto dal Comune negli ultimi anni. Certezze, speranze - la candidatura di Bari a capitale europea della cultura per il 2019 - ma anche qualche dubbio sulle modalità di programmazione degli eventi. Secondo l’associazione esiste il rischio che la cultura dei festival possa capovolgersi nella “festivalizzazione” della cultura.

“Quel brandello d’Italia che sventola sul Petruzzelli”. Così la signora Paola Lopez ha commentato le foto che vedete a destra inviandole a EPolis Bari. È un’amara constatazione nel vedere il teatro-monumento, un simbolo così fortemente definito e considerato dall’amministrazione comunale che nel punto più alto non ha più il Tricolore ma uno straccio scolorito e sbrindellato. Certo, la Fondazione Petruzzelli in queste settimane ha problemi ben più importanti a cui pensare (il bilancio, la nuova stagione, i contratti in scadenza, ecc.) ma un occhio al cupolone se non altro per scrutare il cielo ogni tanto i funzionari, consiglieri di amministrazione o dipendenti, potrebbero rivolgerlo. Come un... pensiero su ali dorate.

BE CC AT O!


14

MercoledĂŹ 16 novembre 2011


15

Mercoledì 16 novembre 2011

Contributo alloggiativo: occhio alla domanda nel modello c’è un errore (ora corretto)

trAFFICO

DeCArO: MANterreMO L’IMPeGNO

Via Argiro senza auto entro la fine del 2011 Accolte le richieste di Ferorelli

E

ntro la fine dell’anno via Argiro chiuderà al traffico e non si tratterà di un’iniziativa strettamente legata al Natale ma di una scelta precisa, duratura, che, in questa maniera, creerà una seconda isola pedonale, dopo via Sparano. Il delegato del sindaco per la Mobilità Antonio Decaro (Pd) assicura che il procedimento amministrativo andrà a buon fine entro i tempi dettati nei mesi scorsi e, al tempo stesso, risponde al presidente della IX Circoscrizione, Mario Ferorelli, specificando che “i paletti che ci sono stati indicati saranno rispettati”. Nei giorni scorsi, infatti, Ferorelli (Pdl) aveva messo i puntini sulle i, lanciando un vero e proprio ultimatum a Decaro e spiegando che “se l’ordinanza per la

chiusura al traffico di via Argiro non avrà i tre requisiti fondamentali ci sganceremo, non vogliamo che il provvedimento diventi un boomerang”. I tre requisiti erano l’inversione del senso di marcia di via Melo, cinquanta posti in più per i residenti da ricavare sulle strade adiacenti a via Argiro e un “progetto serio, concreto, per l’arredo urbano” come aveva sottolineato più volte Ferorelli. Oggi Decaro risponde spiegando che il Comune “accoglierà quanto richiesto e, a meno di catastrofi, via Argiro chiuderà”. Gli unici problemi potrebbero arrivare dalla questione dell’arredo urbano, per il quale il Comune ha stanziato 20mila euro - “ma speriamo di trovarne altri” dichiara Decaro - e il doppio la Circoscrizione. Il progetto era stato

affidato alla matita dell’architetto Francesca Mallardi che, però, è andata in pensione e, dunque, tutto l’incartamento, attualmente, si trova sulle scrivanie della ripartizione Lavori pubblici. Insomma, se la Circoscrizione pare avare intenzioni minacciose nei confronti del Comune, soprattutto in considerazione del fatto che è partito il conto alla rovescia per lo shopping natalizio, il Comune risponde di essere pronto e annuncia che “il senso di marcia di via Melo sarà cambiato contestualmente alla chiusura di via Argiro, i commercianti sono d’accordo con il progetto - precisa Decaro - e senza dubbio riusciremo a mantenere l’impegno”. Dunque, dalle parole si potrebbe davvero passare ai fatti, stavolta. (a.col.)

in alto shopping in via argiro. a sinistra Decaro, a destra Ferorelli

bari

La ripartizione Solidarietà sociale fa sapere che erroneamente, nel secondo foglio del modello di domanda per il contributo alloggiativo 2011, è stato indicato “fotocopia della ricevuta di versamento della imposta di registro per l’intero anno 2009” anziché 2010.Precisando che tale errore è solo un refuso tipografico, la ripartizione specifica che nulla viene modificato in merito alla presentazione dei documenti. Su www.comune.bari.it il modello di domanda è stato corretto.


16

MercoledĂŹ 16 novembre 2011


17

Mercoledì 16 novembre 2011

il grazie del sindaco ai Matarrese “Ma ora pensiamo al futuro del bari e dello stadio”

l’iNiziativa

a gioRNi uNa dEliBERa di iNdiRizzo CoN la pERENtoRia iNdiCazioNE

Ora Emiliano prescrive un’ora di Fb agli assessori alESSaNDra ColUCCi a.colucci@epolisbari.com

U

bari

Ringrazia “i Matarrese per quanto è stato fatto”, ma adesso deve stare “accanto agli imprenditori locali che vogliono salvare la squadra”. Chiusa, per ora, la questione fallimento, il sindaco Michele Emiliano interviene nella trattativa per la cessione del Bari, garantendo appoggio a chi vorrà acquistare la società e auspicando, in futuro, che l’impegno possa allungarsi anche su un eventuale acquisto dello stadio San Nicola che il Comune vorrebbe rimettere a nuovo e rilanciare anche come contenitore culturale e di eventi.

n’ora sola li vorrebbe, anzi, li vuole, seduti davanti allo schermo a rispondere alle domande che i cittadini pongono sulla sua pagina facebook. Non si tratta di un invito ma di un vero e proprio “diktat” che il sindaco Michele Emiliano ha deciso di fare nei confronti dei suoi undici assessori. una posizione ufficiale che, come spiega lo stesso primo cittadino, a breve diventerà “una delibera di indirizzo che sto facendo preparare”. insomma, nero su bianco, l’ex magistrato chiederà ai suoi assessori di trascorrere un’ora della loro giorna-

ta di lavoro ad interagire con i cittadini. “Non posso obbligarli ad aprire un profilo personale o una pagina, ma sulla mia dovranno intervenire quotidianamente” è l’ordine perentorio dell’ex magistrato che, proprio sul social network più famoso del mondo, dispone sia di un profilo personale che di una fan page, utilizzata praticamente ogni giorno per rispondere alle istanze, replicare alle critiche, ringraziare per i complimenti, interagire, insomma, con i poco meno di trentamila fan che ha. in realtà, molti dei suoi assessori già dispongono di un profilo personale: c’è chi, come il delegato al Welfare ludovico ab-

Michele Emiliano grande frequentatore del social network. Nel riquadro la sua fan page

baticchio la aggiorna con una certa frequenza o chi, come la delegata all’innovazione tecnologica, l’unica donna in giunta, annabella de gennaro, ha sia un profilo personale che una pagina istituzionale o, ancora, c’è chi come giovanni giannini (Bilancio), Marco lacarra (lavori pubblici), gianluca paparesta (Marketing territoriale), Elio Sannicandro (urbanistica) e alfonso pisicchio (aziende) hanno un profilo personale che non usano con frequenza. E poi c’è il delegato alle politiche giovanili fabio losito che conta due profili personali. Ma in giunta c’è anche chi come filippo Barattolo (toponomastica), franco albore

(Commercio) e geni palmiotti (patrimonio) non è presente su facebook e la cosa, visto che il sindaco l’ha praticamente ordinato, potrebbe rivelarsi imbarazzante. Emiliano, obbliga solo all’interazione, non all’apertura di un profilo personale. una propria bacheca l’aveva anche lino pasculli, che Emiliano ha dimesso dalla giunta a fine ottobre e, proprio su quella pagina, l’ex delegato al Contenzioso ha ricevuto decine di messaggi di sostegno e, ancora da quella pagina, pasculli polemizza spesso con la bufera giudiziaria e politica che lo ha investito. insomma, chi di facebook ferisce…

Novità / uNa figuRa Mai SpERiMENtata pRiMa iN italia. SaRà uN aiuto pER i CittadiNi

Il Comune si affida al Mediatore

presentato ieri il “Mediatore del cittadino”, una figura, mai sperimentata prima in italia, che promuove la cultura della legalità e si pone al servizio della comunità, favorendo “il dialogo e la partecipazione su tematiche di interesse collettivo - come ha spiegato il sindaco Michele Emiliano - al fine di prevenire o dirimere eventuali conflitti attraverso l’individuazione di soluzioni condivise”. l’incarico, gratuito, è stato affidato ad un avvocato, Massimo Melpignano, che ha illustrato le sue nuove mansioni insieme all’assessore all’innovazione, annabella de gennaro. “Questo progetto - ha detto Emiliano - mira a fare in modo che le conquiste di dialogo con la città maturate in questi anni restino anche in futuro. È ancora una vera

e propria sperimentazione, indice del fatto che vogliamo dimostrare come per noi continui a essere importante superare le distanze tra cittadini e amministrazione. peraltro, in questo modo i cittadini, prima di adottare altre strade più impegnative e costose, hanno la possibilità di presentare le proprie istanze al mediatore”. gli obiettivi principali dell’azione del mediatore del cittadino consistono nella promozione di politiche di partecipazione alla gestione e valorizzazione delle attività del territorio, con particolare riguardo alle attività commerciali. “il mediatore non è solo un buon ascoltatore - ha sottolineato Melpignano - ma lavora al fianco delle parti interessate, i cittadini e l’amministrazione”.

l’avv. Massimo Melpignano, Mediatore del cittadino

RaCCoNti aMERiCaNi

Fontane chiuse delusi i baresi in Usa

Nessuno è profeta in patria. Neppure il sindaco, rientrato lunedì da un viaggio negli Stati Uniti. Dove, incontrando un gruppo di emigrati baresi, ha ricevuto “lodi per le fontane del lungomare” come lui stesso ha raccontato ieri. Con rammarico in quanto i dodici getti - che costano alla città 100mila euro all’anno per funzionare meno di sei mesi - sono stati spenti, dopo il fiorire di dure polemiche. agli emigrati nostalgici, dunque, il sindaco ha dovuto raccontare la dolorosa decisione ossia, in tempo di crisi e di tagli, di non provvedere alla manutenzione di dodici, poco utili, getti di acqua. Molto salata. (a.c.)


18

MercoledĂŹ 16 novembre 2011


19

Mercoledì 16 novembre 2011

Chiesta al sindaco un’apertura da via Liuzzi per il mercato di via Vaccarella

IL CENTRo CoMMERCIALE “No FooD” A SANTA CATERINA

Due anni di proroga per aprire il “Globo”

L’

apertura era stata ipotizzata per la fine di quest’anno, in concomitanza con le settimane dello shopping natalizio ma, dalla Conferenza dei servizi della Regione, lunedì scorso è spuntata una proroga fino a due anni per l’apertura del centro commerciale “Il Globo” che sta sorgendo a Santa Caterina. Per come si sono messe le cose potrebbe esserci un’apertura parziale, ma si tratterà comunque di aspettare ancora qualche mese. “Vi erano le condizioni per dare la proroga - ha spiegato il direttore della ripartizione Attività commerciali Nicola Marzulli - anche in considerazione del fatto che i lavori sono stati ritardati a causa di alcuni interventi aggiuntivi prescritti dagli assessorati all’Urbanistica della Regione e del Comune”.

i lavori di realizzazione del centro commerciale il Globo

Nel dettaglio, si è trattato dei canali di scolo per la raccolta delle acque. La sistemazione di queste opere ha fatto perdere tempo prezioso e fatto slittare il taglio del nastro. Tirano il fiato i commercianti

della città, spaventati dai numeri da record della nuova megastruttura che fa capo alla società Mareblu srl: 64mila metri quadri complessivi di cui circa 24mila destinati alla vendita. Si tratta di quello che diventerà il più gran-

de centro commerciale “no food” della città, destinato alla vendita prevalentemente di scarpe ed accessori, tutto questo a pochi passi da un altro commerciale, “La Mongolfiera Ipercoop”, andando così a fissare una densità di occupazione di megastrutture da record in quella zona. Il Comune, in passato, ha espresso posizioni estremamente critiche nei confronti del nuovo colosso, “ma più di tanto non si poteva insistere” ha precisato l’assessore alle Attività economiche Franco Albore che, nel giugno dello scorso anno, quando i lavori del cantiere presero il via, tranciò giudizi durissimi, spiegando che era come se stessero “aprendo contemporaneamente 48 negozi non alimentari da 500 metri quadri ciascuno”. a.col.

bari

In un’interrogazione al sindaco Michele Emiliano e all’assessore al Commercio Franco Albore, il capogruppo della Lista Simeone al Comune, Giuseppe Loiacono, chiede le ragioni per le quali, a proposito del nuovo mercato coperto giornaliero di via Vaccarella, non sia stato aperto l’accesso da via Trisorio Liuzzi. Al tempo stesso, Loiacono ne chiede quindi l’immediata apertura “al fine di una maggiore affluenza al mercato giornaliero coperto”.

A PoGGIoFRANCo

Da oggi i divieti per la fiera di Natale Al via il conto alla rovescia per l’allestimento della struttura mobile che, dal 6 dicembre di quest’anno al 6 gennaio dell’anno prossimo, ospiterà l’ormai tradizionale “Fiera di Natale”. Ancora per quest’anno, dopo il trasferimento da parco Due giugno, la fiera si terrà a Poggiofranco, come è successo anche l’anno scorso. Dunque, con apposita ordinanza è stato istituito dalle 9 di oggi, mercoledì 16 novembre, alle 24 di lunedì 10 gennaio 2012 e comunque sino allo smontaggio della struttura, il divieto di sosta - zona rimozione - e il divieto di transito su viale Madre Teresa di Calcutta, esclusivamente per la carreggiata centrale, tratto compreso tra viale De Laurentis e via Camillo Rosalba.


20

MercoledĂŹ 16 novembre 2011

recitazione artistica musical teatro classico dizione

Space Fun


21

Mercoledì 16 novembre 2011

I decibel, nella zona del Nokia Theater di Downtown Los Angeles, erano al limite del sopportabile. Migliaia di fan, quasi tutte donne, molte adolescenti ma non sono mancate le mamme, persino qualche nonna, hanno urlato per due ore e mezzo la loro passione per Robert Pattison (nella foto), Kristen Stewart, Taylor Lautner e tutti gli altri protagonisti di Twilight Breaking Down, part 1, la cui premiere si è tenuta l’altro ieri sera, cinque giorni prima dell’uscita americana del film.

RECORD

SFIORATI I 10 MILIONI DI SPETTATORI: L’ORgOgLIO DELLA TV PuBBLICA

Fiorello superstar ora la Rai esulta

F

cultura & spettacoli

twilight Breaking Down (part 1) in scena e le donne vanno in delirio a los angeles

iorello come Re Mida. Ieri quasi dieci milioni di spettatori hanno seguito il suo ritorno su Rai1 con il nuovo show “ilpiùgrandespettacolodopoilweekend”. Con 9 milioni 796mila spettatori, share del 39.18%, è il programma più visto del 2011 dopo il Festival di Sanremo. Lo showman siciliano ha superato così anche se stesso, visto che l’ultima edizione di Stasera pago io nel 2004 all’esordio su Rai1 aveva ottenuto 9 milioni 365 mila spettatori (35,62%). Il varietà per tutti, chiuso ieri con la dedica da Fiorello al Presidente della Repubblica giorgio Napoli-

tano dell’Inno di Mameli in versione rap, ha ottenuto un’ondata di ascolti trasversali che hanno investito anche la fascia più giovane del pubblico. E viale Mazzini esulta. Il Dg Rai Lorenza Lei dice: “E’ sempre più difficile raggiungere risultati come questo. La media raggiunta e le punte del 49% di share con 12 milioni e 800 mila spettatori sono risultati che si commentano da soli”. La Rai, sottolinea il Dg, “ha dimostrato ancora una volta di saper svolgere appieno il suo ruolo di servizio pubblico” con un “nuovo grande evento televisivo che sicu-

Nuova grande performance di Fiorello

ramente resterà negli annali della televisione, così come i grandi show che l’azienda ha prodotto e realizzato nel corso della sua storia”. Per il presidente della Rai Paolo garimberti, quello di ieri “é un risultato straordinario che riempie di soddisfazione e orgoglio: un Fiorello formato ‘mundial’ che, visti gli ascolti, entra di diritto nella storia della tv”. un matrimonio, quello tra Fiorello e servizio pubblico, “che ha sempre funzionato e che - conclude - speriamo duri il più a lungo possibile”. Lo show, quattro puntate, è costato circa 12 milioni

di euro, una cifra che si conferma un investimento, anche in termini di immagine, per la Rai, che ha sottolineato che si tratta anche del primo spettacolo prodotto totalmente in Alta Definizione proposto con la qualità HDTV in diretta su Rai1 e sul canale RAI HD del digitale terrestre. Il direttore di Raiuno Mauro Mazza parla di consacrazione di Fiorello come “mattatore assoluto, protagonista di un evento che premia, con lui, la nostra scelta di mettere in campo una potente macchina editoriale e produttiva degna di una grandissima azienda televisiva”.

CONVEgNO A PALERMO / ATTuALITà E INTuIzIONE DELL’AuTORE DEL gIORNO DELLA CIVETTA

Sciascia il pioniere dell’antimafia

Quando uscì, mezzo secolo fa, “Il giorno della civetta” di Leonardo Sciascia si impose subito come un evento culturale e civile. Italo Calvino lo definì un “racconto documentario”. E in effetti era la prima volta che la denuncia del potere mafioso trovasse spazio nella letteratura. Cinquant’anni fa l’esistenza della mafia veniva perfino negata oppure ridotta a una dimensione criminale. Se ne parlava solo negli articoli e nelle inchieste del giornale L’Ora con il quale lo scrittore di Racalmuto collaborava già assiduamente. La lettura critica del romanzo, ora riproposta dagli “Amici di Sciascia” in un convegno di due giorni a Palermo, sottolineava l’intuizione storica sul rapporto tra mafia e politica. Il legame con il potere, in quel contesto, veniva visto da Sciascia come un pericolo per il progresso civile e per la stessa democrazia. Il romanzo ebbe un grande successo editoriale amplificato dalla versione cinematografica (quelle teatrali sa-

rebbero arrivate più tardi) di Damiano Damiani. Tanto che è diventato il primo romanzo di Sciascia più diffuso e più tradotto. Ma anche il più discusso. Se il mondo della cultura e del giornalismo lo ha sempre riconosciuto, quasi all’unisono, come un’opera di forte impianto civile non sono mancate le stroncature e le polemiche - Sebastiano Vassalli e Pino Arlacchi tra le ultime voci critiche - che hanno segnalato ora una “codardia civile” ora il rischio di un’operazione di mitizzazione della mafia e di recupero della tradizione scettica della cultura siciliana. Accuse, a volte espresse con il tono dell’invettiva, puntualmente e vivacemente rintuzzate soprattutto da Vincenzo Consolo che a Sciascia fu molto vicino. Per descrivere gli assetti del potere mafioso e le nascenti sensibilità di una nuova generazione di servitori dello Stato (Falcone e Borsellino erano ancora studenti liceali) Sciascia si é affidato a due figure fortemente

connotate e contrapposte: don Mariano Arena, “galantuomo” con amicizie influenti, e il capitano Bellodi, giovane ufficiale dei carabinieri di Parma con un passato da partigiano e sensibilità azioniste. L’uno e l’altro si muovono in uno scenario popolato da personaggi che don Mariano, figura di padrino saggio e tradizionale, usa descrivere attraverso le categorie diventate celebri di “uomini, mezz’uomini, ominicchi, piglianculo e quaquaraquà”. Il capitano Bellodi indaga con intelligenza e nel sacro rispetto della legge. Ma quando è vicino alla verità che incastra don Mariano e la sua corte viene trasferito. E’ proprio questo disperato epilogo del romanzo ad attirare le critiche su Sciascia che pure aveva lucidamente delineato le differenze tra le due Italie, un Nord sviluppato e moderno raffigurato attraverso il giovane ufficiale e un Sud attanagliato dai poteri illegali protetti dalla politica rappresentato da don Mariano.

LA NIPOTE RIVELA

l’appello di Gagarin: “rispettate la terra” la cosa più importante che ricorda del suo viaggio nello spazio è l’appello a rispettare la terra: Filatova tamara Dmitrievna è la nipote di Yuri Gagarin. “Yuri è stata la prima persona a vedere la terra dallo spazio ed è stato anche il primo a capire che il nostro pianeta è piccolo”, ha detto nella città dove la famiglia del cosmonauta ha vissuto a partire dal dopoguerra e che è stata intitolata a Gagarin. un garofano per salutare il monumento al cosmonauta che domina la piazza principale è d’obbligo arrivando a Gagarin, che si trova a circa 150 chilometri da Mosca e a breve distanza dal villaggio di Klushino, dove Yuri era nato e dove sono stati ricostruiti fedelmente la casa modesta della sua famiglia, compreso il bunker nel quale l’invasione nazista li aveva costretti a vivere.


sport

22

AMIChEvOLE

Mercoledì 16 novembre 2011

L’Under 21 di Ferrara batte 2-0 l’Ungheria per l’Europeo 2013 è quasi fatta E sono cinque. A Casarano, in un stadio esaurito e colorato di azzurro, l’Under 21 di Ciro Ferrara (nella foto) ottiene il “pokerissimo”, conquista la leadership del girone di qualificazione e ottiene virtualmente il lasciapassare per l’Europeo del 2013. Bastano solo una magia di Gabbiadini nel primo tempo ed una rete di Paloschi nella ripresa per il 2-0 all’Ungheria, che anche ieri sera ha dimostrato di essere la cenerentola del girone.

SUBITO GOL DI FERNANDEz, IL CUORE NON BASTA

L’onda azzurra si ferma

NazIoNaLE IN qUIrINaLE Da NapoLItaNo

“Giorgio, A Roma vince l’Uruguay per 1-0 l’Italia tifa per te” pIErCarLo prEsUttI

L’

annunciata festa all’Olimpico c’è stata: ma con una squadra azzurra piuttosto sbiadita, a godersela è stata la “Celeste” uruguayana, capace di vincere fuori casa l’ennesima partita di questo suo travolgente 2011. Si è imposta giocando una gara vera e a tratti anche cattiva, la squadra di Oscar Tabarez, ed ha così portato in suo vantaggio un bilancio di scontri diretti che era finora in perfetto equilibrio: due successi a testa, e tre pareggi. Per l’Italia, invece, è arrivata la seconda sconfitta in amichevole dell’anno dopo quella con l’Eire di Trapattoni, e si è registrato un passo falso casalingo dopo cinque anni. E’ stata lanciata la partenza dell’Italia, con un appoggio in profondità di Osvaldo a Balotelli seguito da tiro fiacco: ma è stata devastante la prima proiezione offensiva della Celeste, al 3’, quando Caceres ha superato Balzaretti sulla destra per poi crossare basso: una dormita inaspettata di Ranocchia ha offerto a Fernandez la possibilità di realizzare con un “piatto” destro. La reazione azzurra al colpo avversario è stata un po’ macchinosa: perché la manovra è apparsa subito meno fluida che venerdì scorso a Breslavia, e anche la serata di Balotelli, pure dignitosa, è apparsa di minore vena: così l’inseguimento del pari ha prodotto nella prima mezz’ora di gioco un tiro lemme di Monto-

Balotelli a terra soccorso da De rossi dopo un colpo subito

livo al 7’ e soprattutto un destro fulminante del bad boy, il ragazzo cattivo Balotelli, respinto da Muslera al 17’. In realtà il cattivo di giornata più che l’attaccante azzurro è sembrato il capitano uruguayano, Lugano, che lo ha martellato di falli finendo ammonito con altri tre sudamericani nel primo tempo. In chiusura di tempo la pressione degli esterni azzurri è cresciuta, ma l’unica altra vera opportunità di andare a rete

è stata al 35’ quando, su angolo di Pirlo, Osvaldo ha colpito di testa indisturbato, ma ha sbagliato la mira mandando la palla a lato. Nella ripresa Prandelli ha ripresentato gli azzurri con Pepe al posto di Montolivo, trasformando il modulo 4-3-1-2 iniziale in un vero e proprio 4-3-3: Tabarez invece ha preso atto del rischio espulsione per Lugano e lo ha sostituito. Non si è però placato il clima rissaiolo, e Balotelli si è preso la

sua vendetta in un contrasto aereo “aprendo” con una gomitata l’arcata sopraccigliare di Perez, e rimediando un cartellino giallo anche lui. Al 7’ si è fatto finalmente vivo anche Cavani (colpo di testa parato da Buffon). Un lampo di Pepe, gran destro su cross di Maggio, ha acceso le speranze azzurre al 10’, ma la reazione in tuffo di Muslera è stata perfetta. Allora un minuto dopo ci ha provato Maggio, lanciato da De Rossi, ma la botta di destro è finita in curva, come pure qualche minuto dopo un sinistro di Osvaldo su appoggio di Pepe. Prandelli sostituiva allora il romanista, inserendo Matri. Lo juventino è andato subito al tiro dopo scambio con Pepe (fuori di poco). Erano anche fortunati, gli azzurri, quando M.Pereira rimpallava un gran tiro del compagno di squadra Cavani. Ma l’occasionissima azzurra è capitata alla mezz’ora sul piede sbagliato, il destro di Balzaretti, che da solo ha sprecato da un passo. E un minuto dopo un tiro di Matri è stato respinto sulla linea da Cavani. Un fallo di mano su cross di Pepe è costato la seconda ammonizione e conseguente espulsione ad Alvaro Pereira, e così gli azzurri hanno giocato l’ultimo quarto d’orta in superiorità numerica. Prandelli ha tentato il tutto per tutto con Pazzini al posto di Marchisio. Ma è stato ancora Balotelli a provarci, con un destro fuori di poco al 90’, che ha dato di fatto l’avvio alla “fiesta” celeste.

PRESENTATA ALL’OLIMPICO “CARTA vIvA wEB” PER PAGAMENTI DEDICATI AL COMMERCIO ELETTRONICO

La Nazionale promuove l’e-commerce L’innovazione tecnologica arriva anche nello sport e in particolare tra gli azzurri. è stata presentata ieri, prima del fischio di inizio di Italia-Uruguay all’olimpico di roma, “Carta Viva Web”, la prima carta di credito nata per l’e-commerce che consente di effettuare acquisti online in sicurezza grazie ad un

codice numerico usa e getta. Carta Viva Web di Compass sfrutta la tecnologia Codesure di Visa con la quale viene generata una otp (one time password) utilizzabile per una singola transazione. Così, l’eventuale sottrazione del numero non comporta l’accesso al saldo disponibile sulla carta.


23

Mercoledì 16 novembre 2011

SPORT

Le azzurre della pallavolo contro la Germania L’Olimpiade c’è, si punta alla Coppa del Mondo Alle 7 Italia in campo per affrontare la Germania. Il momento della verità è arrivato, ma ora gli obiettivi della nazionale femminile di pallavolo sono due: il primo, la qualificazione a Londra 2012 è praticamente raggiunto, dovendo le azzurre affrontare nell’ultima partita il Kenya, ora le ragazze di Barbolini puntano anche a vincere la classifica generale che consentirebbe di riportare la Coppa del Mondo in Italia, come già accaduto nel 2007.

Presidente, ora la partita più difficile è la sua, tifiamo per lei. “Grazie, non è facile”. Giorgio Napolitano accoglie al Quirinale la nazionale di calcio. E riceve da tutta la squadra un appoggio pieno. “In un momento come questo, la gente ha bisogno di una classe politica coesa, colta e responsabile per riprendersi dalle difficoltà”, è il discorso a braccio di Gigi Buffon, capitano di una nazionale multietnica e spesso in passato ingaggiata in duelli verbali con esponenti della Lega.

Balotelli a terra. Qui sopra: a sinistra Claudio Marchisio, a destra Andrea Pirlo. In alto Giorgio Napolitano con Gianluigi Buffon

CALCIOPOLI

IL PRESIDENTE: LA FEDERAZIONE È SUPER PARTES

Abete replica alla Juve “Danneggiata è la Figc”

A

cque ancora mosse sulla vicenda calciopoli all’indomani della richiesta di risarcimento danni presentata dalla Juventus al Tar del Lazio contro la Federcalcio. È il presidente della Figc, Giancarlo Abete, a tornare sulla questione con un’intervista a Sky dove sottolinea che ad essere danneggiata da quanto avvenuto è stata soprattutto la Federazione. Nell’intervista, Abete ammette di essere rimasto stupito dalla tempistica dell’azione della Juventus, non nel merito, in quanto la società bianconera aveva preannunciato una richiesta risarcitoria. “La Federazione - spiega - è molto serena perché, naturalmente, ritiene di aver svolto i suoi compiti con attenzione e, peraltro, la Federazione post Calciopoli è la prima a essere stata danneggiata da quello che è avvenuto e, come hanno testimoniato le sentenze sportive, fermo restando che siamo al primo grado per quanto riguarda le sentenze penali, ha altri livelli di responsabilità, non certo quelli della Federazione”. La Juventus avrebbe quantificato i danni subiti in oltre 400 milioni sostenendo che la Figc abbia usato per Juventus e Inter due pesi e due misure, prima assegnando all’Inter lo scudetto 2005/2006, la stagione in cui scoppiò Calciopoli e la squadra bianconera fu retrocessa in serie B, e poi non revocando quella decisione. In proposito, Abete ricorda che in caso di condanna per

DOPO C’È IL BARÇA

Allegri avvisa: “Milan, a Firenze vietato distrarsi”

Il presidente della Figc, Giancarlo Abete

illecito sportivo è inevitabile che una società perda dei soldi: “Lo abbiamo detto prima delle pronunce di Napoli, qualunque fosse stato il loro esito, che esistono due ordinamenti e che quello penale non incide su quello sportivo. Quest’ultimo attiene a riferimenti normativi che all’epoca sono stati oggetto di una valutazione da parte di tutti gli organi di giustizia. Anche la Juventus non diede seguito a interventi presso i Tribunali amministrativi, accettando quella che sarebbe stata la decisione degli organi di giustizia del Coni”. Abete conclude l’intervista sostenendo di avere la coscienza a posto. “Sono un uomo di regole - afferma - Ho ricordato spesso di aver attaccato il doppio designatore, in quanto era stata una

scelta di sette società che avevano forzato la mano sia all’Aia che alla Federazione. Quindi sono sereno, ci può essere amarezza, ma con l’amarezza bisogna conviverci, però sono sereno dell’operato della Federazione che deve essere super partes e vorrà sempre essere super partes al di là dei comportamenti che vengono portati avanti dai singoli dirigenti e dai singoli club”. Intanto il Tribunale nazionale di arbitrato per lo sport (Tnas) si è dichiarato incompetente a decidere sul ricorso della Juventus contro la mancata revoca dello scudetto 2006. La richiesta della Juventus non è “materia arbitrabile” - afferma il Collegio arbitrale - e comunque la controversia deve rimanere nell’ambito della giustizia sportiva.

LA SFIDA DI SABATO / RIENTRANO IN GRUPPO DONATI E GAROFALO

Bari, dopo gli stipendi c’è la Samp Pagati gli stipendi grazie allo “sforzo” dei Matarrese (l’ultimo?) - e ancora in stallo per la cessione della società alla Meleam - per il Bari è ora di pensare al campionato. Ieri sono ripresi dei lavori in vista della gara interna di sabato prossimo contro la Sampdoria, in cui il tecnico Torrente (nella

foto) dovrà rinunciare agli squalificati Polenta e Dos Santos. Allenamento differenziato in piscina per Forestieri (affaticamento flessore coscia destra), Dos Santos, Bogliacino, De Paula (affaticamento) e Sini. Rientrano in gruppo Donati e Garofalo. Oggi prevista una seduta pomeridiana.

Pep Guardiola è praticamente lì dietro, oltre un fine settimana di campionato che vede il Milan andare a casa della nuova Fiorentina targata Delio Rossi. Il diavolo però si vede nei dettagli. E il Diavolo rossonero, dunque, cercherà di trovare energie e concentrazione contro un’avversaria che non avrà una caratura di calcio totale alle spalle, ma è pur sempre un ostacolo da non sottovalutare. “Il Barcellona è la squadra più forte e dobbiamo interpretare la partita come una finale - ha detto Massimiliano Allegri - ora, però, conta più la sfida con la Fiorentina”.


24

Mercoledì 16 novembre 2011

TV

PRoGRaMMi

in TELEViSionE

Raiuno 09:35 10:55 11:00 11:05 12:00 13:30 14:00 14:10 15:15 16:35 17:00 18:50 20:00 21:10 23:20

RUBRICA Linea Verde PREVISIONI DEL TEMPO TELEGIORNALE TG 1 RUBRICA Occhio alla spesa GIOCO La prova del cuoco TELEGIORNALE TG 1 RUBRICA TG1 Economia SHOW Verdetto Finale RUBRICA La vita in diretta RUBRICA TG Parlamento SHOW 54° Zecchino d’Oro GIOCO L’Eredità TELEGIORNALE SHOW Questi fantasmi TALK SHOW Porta a Porta

RaiDuE 10:00 RUBRICA TG2punto.it 11:00 TALK SHOW I Fatti Vostri 13:00 TELEGIORNALE TG 2- GIORNO 13:30 RUBRICA TG 2 Costume e Società 13:50 RUBRICA TG2 Medicina 33 14:00 RUBRICA Italia sul Due 16:15 TELEFILM Ghost Whisperer 17:00 TELEFILM Hawaii Five-0 17:45 TELEGIORNALE TG 2 Flash L.I.S 17:50 RUBRICA Rai TG Sport 18:15 TELEGIORNALE TG 2 18:45 TELEFILM Numb3rs 19:30 TELEFILM Squadra Speciale Cobra 11 20:30 TELEGIORNALE TG 2

QuESTi FanTaSMi

iL DESTino Di un GuERRiERo

Alle 21.10 su RaiUno. Terza commedia del ciclo di rappresentazioni dedicate a Eduardo De Filippo, con la rielaborazione televisiva di Massimo Ranieri (nella foto): Pasquale accetta di abitare in un palazzo antico con sua moglie per dimostrare che non ci sono fantasmi.

Alle 23.30 su ReteQuattro. Nella Spagna imperiale del XVII secolo, Diego Alatriste (Viggo Mortensen, nella foto), sta combattendo una guerra nelle fredde Fiandre. Un suo amico e compagno in armi, cade in un’imboscata e lui gli assicura che si prenderà cura di suo figlio…

21:05 TELEFILM L’ispettore Coliandro 23:00 TELEGIORNALE TG 2 23:15 RUBRICA Delitti Rock 23:40 RUBRICA Ritratti musicali

11:30 11:54 11:58 12:00 12:02 13:00 13:50

RaiTRE

14:05

10:00 RUBRICA La storia siamo noi 11:00 RUBRICA Apprescindere 11:10 TELEGIORNALE TG3 Minuti 12:00 TELEGIORNALE TG3 12:25 RUBRICA TG3 Fuori TG 12:45 RUBRICA Le storie - Diario italiano 13:10 TELEFILM La strada per la felicità 14:00 TELEGIORNALE TG Regione 14:20 TELEGIORNALE TG3 14:50 RUBRICA TGR Leonardo 15:00 TELEGIORNALE TG3 LIS 15:05 RUBRICA Il Richiamo della foresta 15:10 TELEFILM The Lost World 15:50 RUBRICA Cose dell’altro Geo 17:40 RUBRICA Geo & Geo 19:00 TELEGIORNALE TG3 19:30 TELEGIORNALE TG Regione 20:00 RUBRICA Blob 20:15 TELEFILM Sabrina vita da strega 20:35 TELEFILM Un posto al sole 21:05 RUBRICA Chi l’ha visto? 23:30 SERIE TV Boris

15:10 16:15 16:50

RETE 4

18:50 19:44

09:55 TELEFILM R.I.S. Delitti imperfetti 10:50 RUBRICA Ricette di famiglia 11:25 TELEGIORNALE Anteprima tg4

19:45 20:00 20:30

18:50 18:55 19:19 19:23 19:35 20:30 21:10 23:25 23:30

TELEGIORNALE Tg4 NEWS Meteo TELEGIORNALE Tg4 NEWS Vie d’italia Notizie sul traffico TELEFILM Detective in corsia TELEFILM La signora in giallo RUBRICA Il tribunale di forum - Anteprima RUBRICA Sessione pomeridiana: il tribunale di forum TELEFILM Hamburg distretto 21 SOAP OPERA Sentieri FILM Un marito per Cinzia TELEGIORNALE Anteprima tg4 TELEGIORNALE Tg4 NEWS Meteo TELEGIORNALE Tg4 TELEFILM Tempesta d’amore TELEFILM Walker Texas ranger ATTUALITA’ I pilastri della terra RUBRICA I bellissimi di Rete 4 FILM Il destino di un guerriero

CanaLE 5 10:00 11:00 13:00 13:39 13:41 14:10 14:45 16:20 17:20 17:25

TELEGIORNALE Tg5 RUBRICA Forum TELEGIORNALE Tg5 NEWS Meteo 5 SOAP OPERA Beautiful SOAP OPERA Centovetrine TALK SHOW Uomini e donne NEWS Pomeriggio cinque TELEGIORNALE Tg5 minuti NEWS Pomeriggio cinque GIOCO Avanti un altro TELEGIORNALE Tg5 - Anticipazione GIOCO Avanti un altro TELEGIORNALE Tg5 NEWS Meteo 5

ToRo

GEMELLi

CanCRo

LEonE

VERGinE

Non fate sempre gli stessi errori: riflettete bene sulle conseguenze e cercate di mantenere salda la vostra posizione. In amore pretendete comprensione. Mettete subito tutte le cose in chiaro per non rischiare di arrivare al punto di non poter più rimettere le cose a posto soprattutto per il vostro bene. Siate pazienti e comprensivi con il partner, cercando di sostenerlo anche se non condividete alcune scelte: il tempo vi darà ragione. Sforzatevi di andare oltre le apparenze e cercate il significato più profondo di ciò che vi sta succedendo: alla fine saprete esattamente cosa fare. Non fatevi prendere dallo sconforto: reagite e operate a modo vostro. In poco tempo ripristinerete l’ordine necessario per voi e per i vostri cari. Non cercate nei posti sbagliati ciò che vi preme trovare ormai da molto tempo. Siate strategici e perseveranti in amore. È tempo di conquiste.

iTaLia 1 09:45 TELEFILM Una mamma per amica 10:35 TELEFILM Grey’s anatomy 12:25 TELEGIORNALE Studio aperto 12:45 RUBRICA Cotto e mangiato 13:00 NEWS Studio sport - anticipazioni 13:02 NEWS Studio sport 13:40 TELEFILM I Simpson 14:35 CARTONI ANIMATI What’s my destiny Dragon Ball 15:00 SITUATION COMEDY Big bang theory 15:35 TELEFILM Chuck 16:25 SITUATION COMEDY La Vita secondo Jim 16:50 TELEFILM Giovani Campionesse 17:45 CARTONI ANIMATI Dragon Ball 18:28 TELEGIORNALE Studio aperto - Anticipazioni 18:30 TELEGIORNALE Studio aperto 18:58 NEWS Meteo 19:00 NEWS Studio sport 19:25 TELEFILM Dr house - Medical division 20:20 TELEFILM C.S.I. - Scena del crimine 21:10 SHOW Le Iene Show

La SETTE

BiLanCia

SCoRPionE

SaGiTTaRio

CaPRiCoRno

aCQuaRio

PESCi

Concedetevi una pausa romantica con il partner o se siete single con gli amici: divertitevi e rilassatavi, così da sentirvi meglio anche con voi stessi. Valutate bene gli atteggiamenti dei colleghi: potrebbero nascondere qualcosa che non potevate immaginare e che è giusto sapere. Affrontate una cosa alla volta, sul lavoro e in famiglia, e riuscirete a portare avanti tutti i progetti che avete in mente. In amore grandi scoperte. Occupatevi di voi stessi e della vostra salute in primis: siate tranquilli e pensate alle cose belle che avete intorno, soprattutto l’amore. Un ultimo sforzo e presto si vedranno realizzati tutti i vostri sforzi. Non gettate la spugna e presto l’entusiasmo che vi circonda vi contagerà. Siate più attenti e meticolosi nelle cose più importanti e in breve tempo riprenderete in mano la situazione. Cercate l’ appoggio di chi vi ama.

11:05 RUBRICA (ah)iPiroso 12:00 SHOW G’ Day 12:25 RUBRICA I menù di Benedetta 13:30 TELEGIORNALE Tg La7 14:05 FILM Alle donne piace ladro 16:15 DOCUMENTARIO Atlantide Storie di uomini e mondi 17:30 TELEFILM J.A.G. - Avvocati in divisa 19:30 SHOW G’ Day 20:00 TELEGIORNALE Tg La7 20:30 RUBRICA Otto e Mezzo 21:10 FILM Che - L’Argentino 23:50 RUBRICA Delitti

MTV 10:00 11:00 12:00 12:05 13:00 13:05 14:00 14:05

TELEFILM Jersey Shore SHOW Made NEWS MTV News SHOW Disaster Date NEWS MTV News TELEFILM Jersey Shore NEWS MTV News SITUATION COMEDY Scrubs NEWS MTV News REPORTAGE Ginnaste: Vite parallele SHOW Made TELEFILM 16 & Pregnant SHOW Disaster Date NEWS MTV News REPORTAGE Ginnaste: Vite parallele TELEFILM Vita segreta di una teenager americana TELEFILM 16 & Pregnant NEWS Speciale MTV News TELEFILM South Park

15:00 15:05 16:00 17:00 18:00 19:00 19:05 20:00 21:00

09:40 RUBRICA Coffee Break 10:30 RUBRICA L’aria che tira

aGEnDa

L’oRoSCoPo aRiETE

20:31 SHOW Striscia la notizia 21:10 FICTION TV Un amore e una vendetta

Mercoledì 16 novembre 09.00

il Riscatto del Lavoro: incontro Si terrà a Bari, nella sede della UIL Regionale (corso Alcide De gasperi 27) l’incontro “Il Riscatto del lavoro”, con dibattito sul tema della flessibilità possibile e dei rapporti di lavoro individuali e la rete collettiva di lavoro.

23:00 23:30

agenda@epolisbari.com sarà una conversazione con il critico d’arte Antonella Marino, docente di Storia dell’Arte all’Accademia delle Arti di Bari, dal titolo “Percorsi della giovane arte in Italia”, a cura della Sezione di Bari dell’Associazione “Italia Nostra”. 18.00

Seminario sulle nuove professioni Si terrà a Bari, nella Fiera del Levante (padiglione 152 bis) il primo appuntamento del Consiglio Regionale della Puglia, al Salone dello Studente, con un seminario dal titolo “Nuove professioni. Quali sono i profili più richiesti?” .

“Mercoledì con la storia” Nella libreria Laterza a Bari (via Sparano), in occasione dei “mercoledì con la storia” promossi dal Centro Studi Normanno Svevi, ci sarà un incontro con Gérard DeLille e Saverio Russo in occasione della pubblicazione del lavoro di Gèrard Delille “Famiglia e potere locale. Una prospettiva mediterranea”.

15.00

18.00

10.00

Giovani imprenditori a lezione Si terrà nell’Hotel Oriente (C.so Cavour) a Bari, l’appuntamento dei giovani imprenditori a lezione di inglese a ritmo di musica con DJ Clive di radio Montecarlo. 16.30

Percorsi della giovane arte Nella Biblioteca Provinciale “De Gemmis”, a Bari (Strada Lamberti 4), ci

Presentazione volumi su aldo Moro Nella libreria La Feltrinelli a Bari (via Melo), Franco Botta, Luca Riccardi e Beppe Vacca presenteranno i volumi “Aldo Moro e la pace nella sicurezza. La politica estera del centro-sinistra 1963-1968” di Federico Imperato e “Aldo Moro, l’Italia repubblicana e i Balcani 1963-1978” a cura di Italo Garzia, Luciano Monzali e Massimo Bucarelli.

Questo spazio è dedicato agli appuntamenti di associazioni, enti, club, circoli ecc. inviate le segnalazioni ad agenda@epolisbari.com


25

Mercoledì 16 novembre 2011

IN SALA IL PAESE DELLE SPOSE INFELICI

Dopo il loro matrimonio, Bella ed Edward partono per la luna di miele dove finalmente possono amarsi, ma durante il viaggio Bella scopre di essere incinta: il bambino è metà umano e metà vampiro e la gravidanza va avanti troppo velocemente...

Veleno, quindici anni, ha dei nuovi nuovi amici: Cimasa, Capodiferro e Natuccio, che si dividono fra strada e campi di gioco e che hanno un capo indiscusso, Zazà, autentico talento del calcio. Il loro allenatore, Cenzoum, confida che presto un club importante si accorgerà di lui...

IL NOSTRO TEMPO

THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN

CINEMA ANDRIA

Sala 2 - Tognazzi

Sala 2

Sala 4

Multisala Cinemars C. Barbadangelo Ipercoop Mongolfiera Tel. 0883261022

Sala 3 - Gassmann

Sala 3

Sala 5

Sala 1

Immortals 3D 18.00 - 20.15 - 22.30

Sala 2

Il cuore grande delle ragazze 18.00 - 20.00 - 22.00

Sala 3

La peggior settimana della mia vita 18.00 - 20.00 - 22.00

Sala 4

I soliti idioti 18.10 - 20.20 - 22.30

Sala 5

The Twilight Saga: Breaking Dawn parte 1 19.30 - 22.15

Sala 6

The Twilight Saga: Breaking Dawn parte 1 18.30 - 21.15

Sala 7

Il Re Leone 3D 18.15 - 20.15 - 22.30

Sala 8

Il Re Leone 18.00 One day 20.00 Warrior 22.15

Sala 9

Immortals 19.30 - 21.45

I soliti idioti 17.30 - 19.30 - 21.45 BARI

ABC - Circuito d’Autore Via Marconi, 41 - Tel. 080 9644826 Il paese delle spose infelici 18.15 - 20.00 - 21.30 Ambasciatori Via Toma, 67 - Tel. 080 5425000

La kriptonite nella borsa 17.00 - 18.50 - 20.50 - 22.35

Sala 2

Opera - Circuito d’autore Via Imbriani, 27 - Tel. 0883510231

Sala 1

Il cuore grande delle ragazze 18.00 - 20.00 - 22.00

Sala 2

One day 18.00 - 20.00 - 22.00

Sala 3

Il paese delle spose infelici 18.00 - 20.00 - 22.00 Paolillo C.so Garibaldi, 27 - Tel. 0883531022

Sala 1 - Manfredi

The Twilight Saga: Breaking Dawn parte 1 17.00 - 19.30 - 22.00

Lezioni di cioccolato 2 16.15 - 18.20 - 20.40 - 22.45

Sala 3

Il Re Leone 3D 16.00 - 18.05 - 20.30 - 22.30

Sala 4

The Twilight Saga: Breaking Dawn parte 1 15.50 - 18.10 La peggior settimana della mia vita 20.20 - 22.35

Sala 5

Immortals 3D 16.00 - 18.15 - 20.30 - 22.45

Sala 6

I soliti idioti 16.20 - 18.25 - 20.45 - 22.45 Multisala Showville Trav. Conte Giusso, 9. Bari-Mungivacca Tel. 0809757084

Sala 1

Il Re Leone 3D 16.20 - 18.20 - 22.40 Insidious 22.40

Sala 9

The Twilight Saga: Breaking Dawn parte 1 16.40 - 19.30 - 22.15

Alfieri - Circuito d’autore L.go Aregano - Tel. 080 3588551

Sala 1

Royal C.so Italia, 112 - Tel. 080 5211668

Sala 2

Sala 10

Sala 8

Riposo settimanale

The Twilight Saga: Breaking Dawn parte 1 17.30 - 20.15 - 22.40

Sala 7

CORATO

Pina 18.30 - 20.30 - 22.30

Il Piccolo - Circuito d’Autore Via Giannone 4 - Santo Spirito Tel. 080 5333100

Sala 9

La peggior settimana della mia vita 18.30 - 20.30 - 22.30 I soliti idioti 18.40 - 20.50 - 22.40

The Twilight Saga: Breaking Dawn parte 1 17.00 - 19.15 - 21.30 Politeama Italia Via Montello, 6 - Tel. 0803968048

Sala A

Sala 3

Lezioni di cioccolato 2 17.10 - 19.20 - 21.30

I soliti idioti 17.00 - 19.15 - 21.30

Insidious 18.10 - 20.15 - 22.25 SPINAZZOLA Supercinema C.so Umberto 206/A - Tel. 0883681862

Impero Via Pagano, 192 - Tel. 088358344

Sala A

The Twilight Saga: Breaking Dawn parte 1 17.30 - 20.00 - 22.00

Sala B

Il cuore grande delle ragazze 17.30 - 20.00 - 22.00 MOLA

Sala 2 - Truffaut

Metropolis - Circuito d’Autore Via Baracca - Tel. 080 4713038

Le avventure di Tin Tin 17.45 I soliti idioti 19.30 - 21.45

Sala 1

Immortals 3D 18.00 - 20.15 - 22.30

CASAMASSIMA

Sala 12

La peggior settimana della mia vita 17.45 - 19.30 - 21.45

Multisala Uci Cinemas Ss 16/bis usc. Z.I. c/o Fashion District Molfetta Outlet - tel 892960

Sala B

Warrior 17.00 - 19.45 - 22.30

TRANI

MOLFETTA

Il cuore grande delle ragazze 17.15 - 19.30 - 21.45

Sala 11

Sala 2

Sala 1 - Fellini

Nuovo Via Piave, 85 - Tel. 0803921022

One day 17.40 - 20.00 - 22.15

La peggior settimana della mia vita 19.00 - 21.00

Cinema Elia d’Essai C.so Garibaldi, 36-38 - Tel. 080 3588581

BISCEGLIE

Lezioni di cioccolato 2 17.50 - 20.10 - 22.20

The Twilight Saga: Breaking Dawn parte 1 17.00 - 19.20 - 21.40 Immortals 3D 17.00 - 19.15 - 21.30

Il cuore grande delle ragazze 18.30 - 20.45 - 22.30

Sala 8

Sala 6

Il cuore grande delle ragazze 16.00 - 18.00 - 20.00 - 22.00

Sala 6

Il cuore grande delle ragazze 18.20 - 20.20 - 22.15 I soliti idioti 18.30 - 20.30 - 22.25

Sala 8

Esedra Largo Mons. Curi 17 - Tel. 080 5537760

Sala 1

BARLETTA

Lezioni di cioccolato 2 16.30 - 18.30 - 20.30 - 22.30

Splendor Via Buccari, 24 - Tel. 080 5569729

Sala 1

Quando la notte 17.15 - 19.15 - 21.15

Sala 5

Sala 7

The Twilight Saga: Breaking Dawn parte 1 17.25 - 20.00 - 22.35

I soliti idioti 15.30 - 17.30 - 19.45 - 22.00

One day 18.30 - 20.30 - 22.30

Multicinema Galleria C.so Italia, 15 - 17 - Tel. 080 5214563

Sala 3

Il cuore grande delle ragazze 17.15 - 19.15 - 21.15

Armenise Via Pasubio, 178 - Tel. 080 5562590

Multisala Roma Circuito d’autore Via F. Giugno 6 - Tel. 0883542622

Il paese delle spose infelici 17.30 - 19.30 - 21.30

Sala 4

Sala 7

Sala 1

Il Re Leone 3D 15.45 - 17.55 - 20.10 - 22.15

Immortals 3D 17.15 - 19.40 - 22.20

The Twilight Saga: Breaking Dawn parte 1 18.15 - 21.00

I primi della lista 18.15 - 20.00 - 21.30

Sala 2

Le avventure di Tin Tin 3D 16.15 Immortals 3D 18.10 - 20.15 - 22.40

Il cuore grande delle ragazze 17.15 - 19.00 - 21.00 - 22.40

Lezioni di cioccolato 2 18.00 - 20.15 - 22.30

Il cuore grande delle ragazze 17.30 - 19.30 - 21.30

The Twilight Saga: Breaking Dawn parte 1 17.15 - 20.00 - 22.40

The Space Cinema Centro commerciale Auchan Via Noicattaro 2 - Tel. 080 892111

Sala 2

Sala 1

Sala 3

The Twilight Saga: Breaking Dawn parte 1 17.00 - 19.30 - 22.00

Sala 1

The Twilight Saga: Breaking Dawn parte 1 19.20 - 21.50

Sala 2

Il cuore grande delle ragazze 19.00 - 21.20

Sala 3

I soliti idioti 19.10 - 21.30

Sala 4

Lezioni di cioccolato 2 19.20 - 21.40 POLIGNANO

Le avventure di Tin Tin 3D 15.35 - 17.55 I soliti idioti 20.15 Insidious 22.30

The Twilight Saga: Breaking Dawn parte 1 16.00 - 18.30 - 21.30

Multis. Vignola - Circ. d’Autore Viale Rimembranza, 13 - Tel. 080 4249910

Sala 4

Sala 1

Sala 2

Sala 5

Sala 2

Sala 3

Sala 6

Sala 3

The Twilight Saga: Breaking Dawn parte 1 15.00 - 17.30 - 20.00 - 22.30

La peggior settimana della mia vita 15.40 - 17.50 - 20.00 - 22.10 The Twilight Saga: Breaking Dawn parte 1 16.00 - 19.00 - 22.00

Il Re Leone 3D 17.40 - 20.00 - 22.100 La peggior settimana della mia vita 18.05 - 20.10 - 22.20

The Twilight Saga: Breaking Dawn parte 1 18.00 - 19.45 - 22.00 I soliti idioti 18.30 - 20.15 - 22.00 Immortals 3D 19.45 - 21.45

METTI I TUOI SMS O LE TUE E-MAIL IN INVIA LE TUE SEGNALAZIONI O I TUOI SUGGERIMENTI AL N. 345 828 2845 O A REDAZIONE@EPOLISBARI.COM

Redazione: Via delle Orchidee, 1 - 70026 Modugno (Ba) Tel.: 080 5857350 - info@epolisbari.com


26

Mercoledì 16 novembre 2011

COLLEGAMENTI AEREI ORARI IN VIGORE dal 30/10/2011 al 23/03/2012

Partenze da BARI Compagnia

Part.

BERLINO Airberlin 18:05 BOLOGNA Ryanair 08:15 Ryanair 08:35 Ryanair 12:00 Alitalia 14:30 Alitalia 14:30 Ryanair 18:00 Ryanair 22:15 Ryanair 22:15 Ryanair 22:15 Ryanair 22:30 Ryanair 22:35 BUCAREST W!ZZ 08:30 W!ZZ 18:20 BUDAPEST W!ZZ 22:20 W!ZZ 22:20 CAGLIARI Ryanair 10:20 Ryanair 18:05 Ryanair 18:30 CATANIA Blu-Express 21:20 Blu-Express 21:50 COLONIA Germanwings 12:50 Germanwings 12:50 Germanwings 13:45

Arr.

Frequenza

20:20

MaV

09:35 LMaMeGVS 09:35 LMaMeGVS 13:20 D 15:50 LMaMeGVSD 15:50 LMaMeGVS 19:20 S 23:35 L 23:35 LS 23:35 L 23:50 V 23:55 D

da 01/11/11 a 23/03/12 da 27/12/11 a 24/03/12 da 31/10/11 a 24/12/11 da 30/10/11 a 18/12/11 da 07/11/11 a 24/12/11 da 26/12/11 a 31/12/11 da 31/12/11 a 31/12/11 da 31/10/11 a 05/12/11 da 12/12/11 a 19/12/11 da 26/12/11 a 26/12/11 da 04/11/11 a 23/03/12 da 30/10/11 a 18/12/11

11:10 21:00

LV Me

da 31/10/11 a 23/03/12 da 21/12/11 a 11/01/12

23:45 23:45

Ma MaS

da 27/12/11 a 03/01/12 da 01/11/11 a 20/12/11

11:45 19:30 19:55

LMe V S

da 31/10/11 a 21/03/12 da 04/11/11 a 23/03/12 da 05/11/11 a 17/12/11

22:30 23:00

LMeV D

da 02/11/11 a 23/03/12 da 30/10/11 a 18/03/11

15:05 15:05 16:00

D MeD V

da 13/11/11 a 18/12/11 da 21/12/11 a 25/12/11 da 11/11/11 a 23/03/12

Ma S G

da 01/11/11 a 20/03/12 da 05/11/11 a 17/12/11 da 22/12/11 a 05/01/12

L S S MaS Ma G L

da 19/12/11 a 19/12/11 da 31/12/11 a 31/12/11 da 24/12/11 a 24/12/11 da 01/11/11 a 20/12/11 da 27/12/11 a 27/12/12 da 03/11/11 a 22/03/12 da 26/12/11 a 26/12/11

LMeV D

da 31/10/11 a 23/03/12 da 30/10/11 a 18/12/11

D LMeV S S Ma

da 30/10/11 a 18/12/11 da 31/10/11 a 23/03/12 da 31/12/11 a 31/12/11 da 17/12/11 a 17/12/11 da 20/12/11 a 03/01/12

DUSSELDORF WEEZE Ryanair 07:00 09:30 Ryanair 19:10 21:40 Ryanair 20:25 22:55 FRANCOFORTE HAHN Ryanair 09:20 11:30 Ryanair 12:20 14:30 Ryanair 13:30 15:40 Ryanair 17:15 19:25 Ryanair 17:15 19:25 Ryanair 18:30 20:40 Ryanair 18:50 21:00 GENOVA Ryanair 16:05 17:30 Ryanair 17:00 18:25 LONDRA STANSTED Ryanair 06:35 08:30 Ryanair 14:15 16:10 Ryanair 16:40 18:35 Ryanair 19:50 21:45 Ryanair 19:55 21:50 MADRID Ryanair 14:10 Ryanair 16:00 Ryanair 18:50 Ryanair 18:50 Ryanair 20:00 MALTA Ryanair 14:00 Ryanair 14:05 Ryanair 21:25 Ryanair 22:00 MILANO LINATE Alitalia 06:40 Alitalia 06:40 Alitalia 06:40 airItaly 09:00 airItaly 09:20 airItaly 09:20 Alitalia 09:25 Alitalia 09:25 Alitalia 09:25 Alitalia 09:25 Alitalia 09:25 Alitalia 09:25 Alitalia 09:25 Alitalia 09:25 Alitalia 12:25 Alitalia 12:25 Alitalia 12:25 Alitalia 12:25 Alitalia 12:25 Alitalia 12:25 Alitalia 15:15 Alitalia 15:15 Alitalia 15:15 Alitalia 15:15 Alitalia 15:15 Alitalia 15:15 Alitalia 15:15 Alitalia 15:15 Alitalia 15:15 Alitalia 17:20 Alitalia 17:20 Alitalia 17:20 Alitalia 17:20 Alitalia 17:20 MeridianaFly 19:40 MeridianaFly 19:40 MeridianaFly 20:15 Alitalia 20:55 Alitalia 20:55 Alitalia 20:55 Alitalia 20:55 Alitalia 20:55 MILANO MALPENSA Alitalia 09:40 Alitalia 10:40 Easyjet 14:05 Easyjet 16:20 Easyjet 16:20 Easyjet 16:20 Alitalia 18:45 Easyjet 18:55 Alitalia 19:45 Easyjet 21:30

Note

17:00 18:50 21:40 21:40 22:50

S S G GS L

da 24/12/11 a 24/12/11 da 31/12/11 a 31/12/11 da 29/12/11 a 29/12/11 da 03/11/11 a 22/12/11* da 31/10/11 a 19/12/11

15:20 15:25 22:45 23:20

S S S Ma

da 24/12/11 a 24/12/11 da 31/12/11 a 31/12/11 da 05/11/11 a 17/12/11 da 01/11/11 a 20/03/12

08:10 08:10 08:10 10:30 11:00 11:00 10:55 10:55 10:55 10:55 10:55 10:55 10:55 10:55 13:55 13:55 13:55 13:55 13:55 13:55 16:45 16:45 16:45 16:45 16:45 16:45 16:45 16:45 16:45 18:50 18:50 18:50 18:50 18:50 21:10 21:10 21:45 22:25 22:25 22:25 22:25 22:25

LMaMeGV LMaMeGV LMaMeGV S LMaMeGV LMaMeGV LMaMeGVS D LGD MaMeVS LMaMeGVS D MaMeGS V S LMaMeGVD D LMaMeGVD LMeGV MaSD LMa MeGVD LMaMeG VD LMaMeG VD LMaG V MeVS LMaMeGVD S LMaMeD LMaMeGVD MaMeGVSD LMaMe LMaMeGVD G D LMaMeGV L MaGV LMaMeGV

da 08/11/11 a 06/12/11 da 12/12/11 a 23/12/11 da 27/12/11 a 23/03/12 da 19/11/11 a 24/03/12 da 14/11/11 a 23/12/11 da 27/12/11 a 23/03/12 da 07/11/11 a 03/12/11 da 13/11/11 a 04/12/11 da 05/12/11 a 11/12/11 da 06/12/11 a 10/12/11 da 12/12/11 a 24/12/11 da 18/12/11 a 25/12/11 da 27/12/11 a 31/12/11 da 30/12/11 a 30/12/11 da 05/11/11 a 24/12/11 da 07/11/11 a 09/12/11 da 11/12/11 a 11/12/11 da 12/12/11 a 23/12/11 da 26/12/12 a 30/12/11 da 27/12/11 a 01/01/12 da 08/11/11 a 22/11/11 da 16/11/11 a 27/11/11 da 28/11/11 a 01/12/11 da 02/12/11 a 04/12/11 da 08/12/11 a 15/12/11 da 11/12/11 a 18/12/11 da 19/12/11 a 26/12/11 da 30/12/11 a 30/12/11 da 21/12/11 a 24/12/11 da 30/10/11 a 04/12/11 da 05/11/11 a 24/12/11 da 05/12/11 a 11/12/11 da 12/12/11 a 25/12/11 da 27/12/11 a 01/01/12 da 14/11/11 a 16/11/11 da 18/11/11 a 23/03/12 da 17/11/11 a 17/11/11 da 13/11/11 a 18/12/11 da 14/11/11 a 02/12/11 da 05/12/11 a 05/12/11 da 06/12/11 a 09/12/11 da 12/12/11 a 05/01/12

11:15 12:15 15:40 17:55 17:55 17:55 20:20 20:30 21:20 23:05

LMaMeGVS D S LMaMeGV LMaMeGVD LMeVD S S LMaMeGVD LMaMe

da 31/10/11 a 24/03/12 da 06/11/11 a 18/12/11 da 03/12/11 a 10/12/11 da 22/12/11 a 30/12/11 da 06/12/11 a 18/12/11 da 31/10/11 a 15/12/11 da 05/11/11 a 24/03/12 da 17/12/11 a 07/01/12 da 30/10/11 a 23/03/12 da 19/12/11 a 21/12/11

note: *La frequenza 6 del volo è cancellata dal 19/11/2011 al 03/12/2011;

MILANO ORIO AL SERIO Ryanair 06:30 08:00 LMaMeGVSD Ryanair 06:30 08:00 MaMeGVS Ryanair 08:30 10:00 S Ryanair 08:30 10:00 S Ryanair 08:35 10:05 GS Ryanair 11:05 12:35 Ma Ryanair 13:05 14:45 V Ryanair 14:15 15:45 S Ryanair 14:15 15:45 S Ryanair 14:20 15:50 LMaMeG Ryanair 14:20 15:50 MaMeG Ryanair 14:35 16:05 D Ryanair 15:25 16:55 S Ryanair 15:30 17:00 L Ryanair 21:00 22:30 LMaMeGV Ryanair 21:00 22:30 LMaMeGVSD Ryanair 21:20 22:50 D MONACO Lufthansa Airberlin Airberlin PALERMO Blu-Express Blu-Express Blu-Express

11:55 13:35 LMaMeGVSD 13:00 14:45 S 14:15 16:10 L

da 30/10/11 a 23/03/12 da 05/11/11 a 24/03/12 da 31/10/11 a 23/03/12

13:00 14:00 15:00 16:10 19:05 20:15

D D MaG

da 11/12/11 a 11/12/11 da 06/11/11 a 18/03/12 da 03/11/11 a 22/03/12

09:25 12:30 12:50 12:50

G LMeV SD SD

da 22/12/11 a 05/01/12 da 31/10/11 a 23/03/12 da 31/12/11 a 24/03/12 da 30/10/11 a 24/12/11

14:40 18:25 18:55 18:55 19:55

LV LMeV MaGS MaGS D

da 31/10/11 a 23/03/12 da 31/10/11 a 23/03/12 da 01/11/11 a 22/12/11 da 27/12/11 a 24/03/12 da 30/10/11 a 18/12/11

23:45 23:45

MeD MeD

da 28/12/11 a 21/03/12 da 30/10/11 a 21/12/11

PARIGI BEAUVAIS Ryanair 06:55 Ryanair 10:00 Ryanair 10:20 Ryanair 10:20 PISA Ryanair 12:15 Ryanair 17:00 Ryanair 17:30 Ryanair 17:30 Ryanair 18:30 PRAGA W!ZZ 21:50 W!ZZ 21:50 ROMA CIAMPINO Ryanair 08:35 Ryanair 08:35 Ryanair 13:35 Ryanair 17:30 Ryanair 21:05 Ryanair 21:15 ROMA FIUMICINO Alitalia 06:50 Alitalia 07:20 Alitalia 07:20 Alitalia 07:20 Alitalia 07:20 Alitalia 11:15 Alitalia 12:15 Alitalia 12:15 Alitalia 12:15 Alitalia 12:15 Alitalia 15:05 Alitalia 15:05 Alitalia 19:20 Alitalia 19:20 Alitalia 19:20 Alitalia 19:20 Alitalia 19:20 STOCCARDA Germanwings 12:50 Germanwings 13:15 TIMISOARA Carpatair 13:45 TIRANA Belleair 09:50 Belleair 17:30 Belleair 21:30 TORINO Ryanair 06:50 Alitalia 09:15 Ryanair 10:20 Alitalia 14:25 Alitalia 14:25 Alitalia 14:25 Alitalia 14:25 Alitalia 14:55 Alitalia 14:55 Ryanair 18:30 Ryanair 19:45 Ryanair 19:50 Ryanair 19:50 TREVISO Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair VALENCIA Ryanair Ryanair VENEZIA Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair Alitalia Alitalia Alitalia Alitalia Ryanair VERONA Air Italy Air Italy Air Italy Ryanair Ryanair ZURIGO Helvetic

da 30/10/11 a 24/12/11 da 27/12/11 a 31/12/11 da 17/12/11 a 17/12/11 da 31/12/11 a 07/01/12 da 22/12/11 a 29/12/11 da 20/12/11 a 03/01/12 da 04/11/11 a 23/03/12 da 05/11/11 a 17/12/11 da 31/12/11 a 24/03/12 da 26/12/11 a 29/12/11 da 01/11/11 a 22/12/11 da 06/11/11 a 18/12/11 da 24/12/11 a 24/12/11 da 31/10/11 a 19/12/11 da 19/12/11 a 30/12/11 da 31/10/11 a 17/12/11 da 18/12/11 a 18/12/11

09:35 LMaMeGVSD 09:35 MaMeGVS 14:35 S 18:30 S 22:05 LMaMeGV 22:15 SD 08:00 08:30 08:30 08:30 08:30 12:25 13:25 13:25 13:25 13:25 16:15 16:15 20:30 20:30 20:30 20:30 20:30

da 30/10/11 a 23/12/11 da 27/12/11 a 31/12/11 da 24/12/11 a 24/12/11 da 31/12/11 a 31/12/11 da 31/10/11 a 23/03/12 da 30/10/11 a 18/12/11

LMaMeGVSD da 30/10/11 a 24/03/12 LMaMeGVS da 02/11/11 a 01/12/11 LMaMeGVS da 02/12/11 a 08/12/11 LMaMeGVS da 12/12/11 a 24/12/11 LMaMeGVS da 27/12/11 a 05/01/12 LMaMeGVSD da 30/10/11 a 08/01/12 LMeGV da 04/11/11 a 02/12/11** Ma da 08/11/11 a 20/12/11 LMeD da 05/12/11 a 11/12/11 LMeGV da 12/12/11 a 26/12/11 LMaMeGVSD da 31/10/11 a 24/12/11 MaMeGVS da 27/12/11 a 31/12/11 LMaMeGVSD da 31/10/11 a 04/12/11 L da 05/12/11 a 19/12/11 MaMeGVSD da 06/12/11 a 24/12/11 LD da 26/12/11 a 08/01/12 MaMeGVS da 27/12/11 a 07/01/12

14:45 15:10

D V

da 13/11/11 a 18/03/12 da 11/11/11 a 23/03/12

16:15

LMeV

da 31/10/11 a 24/03/12

10:40 18:20 22:20

LMaMeS V GD

da 31/10/11 a 24/03/12 da 04/11/11 a 23/03/12 da 10/11/11 a 23/03/12

08:35 10:55 12:05 16:05 16:05 16:05 16:05 16:35 16:35 20:15 21:30 21:35 21:35

S L MaG LMaMeGV LMaMeV LMaMeGV LMaMeGV D S Ma Me LVD LVD

da 05/11/11 a 24/03/12 da 26/12/11 a 26/12/11 da 01/11/11 a 22/03/12 da 31/10/11 a 02/12/11 da 05/12/11 a 09/12/11 da 12/12/11 a 23/12/11 da 27/12/11 a 23/03/12 da 13/11/11 a 18/12/11 da 24/12/11 a 31/12/11 da 20/12/11 a 03/01/12 da 02/11/11 a 21/03/12 da 30/10/11 a 23/12/11 da 26/12/11 a 23/03/12

06:30 06:30 10:20 11:10 12:35 13:05 20:40

07:50 07:50 11:40 12:30 13:55 14:25 22:00

LMeV LMeV V S MaG D D

da 05/12/11 a 23/12/11 da 28/12/11 a 23/03/12 da 09/12/11 a 23/03/12 da 10/12/11 a 24/03/12 da 06/12/11 a 22/03/12 da 11/12/11 a 18/12/11 da 11/12/11 a 18/12/11

16:50 16:50

19:25 19:25

MaGS MaG

da 01/11/11 a 22/12/11 da 27/12/11 a 29/12/11

06:30 10:20 11:10 12:35 13:05 16:00 16:00 16:20 16:50 20:40

07:50 11:40 12:30 13:55 14:25 17:15 17:15 17:35 18:05 22:00

LMeV V S MaG D LMaMeS V D G D

da 31/10/11 a 02/12/11 da 04/11/11 a 02/12/11 da 05/11/11 a 03/12/11 da 01/11/11 a 01/12/11 da 30/10/11 a 04/12/11 da 31/10/11 a 24/03/12 da 04/11/11 a 23/03/12 da 30/10/11 a 18/12/11 da 03/11/11 a 22/03/12 da 30/10/11 a 04/12/11

S LMaMeGVD LMaMeGVD D LMeV

da 05/11/11 a 24/03/12 da 30/10/11 a 16/11/11 da 18/11/11 a 23/03/12 da 30/10/11 a 18/12/11 da 31/10/11 a 23/03/12

08:45 10:35 LMaMeGVSD

da 30/10/11 a 24/03/12

09:10 10:30 14:50 16:10 14:50 16:10 16:20 17:40 20:45 22:05

**Volo cancellato il giorno 30/11/2011

Arrivi a BARI Compagnia

BERLINO Airberlin Airberlin BOLOGNA Ryanair Ryanair Ryanair Alitalia Alitalia Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair BUCAREST W!ZZ W!ZZ BUDAPEST W!ZZ W!ZZ CAGLIARI Ryanair Ryanair Ryanair CATANIA Blu-express Blu-express

Part.

Arr.

09:05 11:25 10:00 12:15

Frequenza

Ma V

Note

da 01/11/11 a 20/03/12 da 04/11/11 a 23/03/12

06:30 06:30 10:15 12:30 12:30 16:15 20:30 20:30 20:30 20:45 20:50

07:50 LMaMeGVS 07:50 LMaMeGVS 11:35 D 13:45 LMaMeGVSD 13:45 LMaMeGVS 17:35 S 21:50 LS 21:50 L 21:50 L 22:05 V 22:10 D

da 31/10/11 a 24/12/11 da 27/12/11 a 24/03/12 da 30/10/11 a 18/12/11 da 07/11/11 a 24/12/11 da 26/12/11 a 31/12/11 da 31/12/11 a 31/12/11 da 12/12/11 a 19/12/11 da 26/12/11 a 26/12/11 da 31/10/11 a 05/12/11 da 04/11/11 a 23/03/12 da 30/10/11 a 18/12/11

07:10 17:00

08:00 17:50

LV Me

da 31/10/11 a 23/03/12 da 21/12/11 a 11/01/12

20:20 20:20

21:50 21:50

MaS Ma

da 01/11/11 a 20/12/11 da 27/10/11 a 03/01/12

12:10 16:25 20:20

13:25 17:40 21:35

LMe V S

da 31/10/11 a 21/03/12 da 04/11/11 a 23/03/12 da 05/11/11 a 17/12/11

19:45 20:55 20:20 21:25

LMeV D

da 02/11/11 a 23/03/12 da 30/10/11 a 18/03/12

MeD D V

da 21/12/11 a 25/12/11 da 13/11/11 a 18/12/11 da 11/11/11 a 23/12/11

Ma S G

da 01/11/11 a 20/03/12 da 05/11/11 a 17/12/11 da 22/12/11 a 05/01/12

L S S Ma MaS L G

da 19/12/11 a 19/12/11 da 31/12/11 a 31/12/11 da 24/12/11 a 24/12/11 da 27/12/11 a 27/12/11 da 01/11/11 a 20/12/11 da 26/12/11 a 26/12/11 da 03/11/11 a 22/03/12

LMeV D

da 31/10/11 a 23/03/12 da 30/10/11 a 18/12/11

D S S Ma LMeV

da 30/10/11 a 18/12/11 da 31/12/11 a 31/12/11 da 17/12/11 a 17/12/11 da 20/12/11 a 03/01/12 da 31/10/11 a 23/03/12

S S G GS L

da 24/12/11 a 24/12/11 da 31/12/11 a 31/12/11 da 29/12/11 a 29/12/11 da 03/11/11 a 22/12/11* da 31/10/11 a 19/12/11

S S S Ma

da 24/12/11 a 24/12/11 da 31/12/11 a 31/12/11 da 05/11/11 a 17/12/11 da 01/11/11 a 20/03/12

LMaMeGVD LMaMe LMaMeGV L Ma LMaMeGV MaMeG V G S LMaMeGVD D LMaMeGVD LMeGV MaS LMa MeGVD LMaMeG VD LMaMeG VD LMaG MeVS V LMaMeGVD S LMaD LMaMeGVD MaMeGVSD LMaMe LMaMeGVD G D LMaMeGVS L LMaMeGVS LMaMeGVD LMaGVD LMaMeGVD LMaMeGVD

da 18/11/12 a 23/03/12 da 14/11/12 a 16/11/12 da 07/11/11 a 02/12/11 da 05/12/11 a 05/12/11 da 06/12/11 a 06/12/11 da 12/12/11 a 23/12/11 da 27/12/11 a 29/12/11 da 30/12/11 a 30/12/11 da 17/11/12 a 17/11/12 da 05/11/11 a 24/11/11 da 07/11/11 a 09/12/11 da 11/12/11 a 11/12/11 da 12/12/11 a 25/12/11 da 26/12/11 a 30/12/11 da 27/12/11 a 31/12/11 da 08/11/11 a 22/11/11 da 16/11/11 a 27/11/11 da 28/11/11 a 01/12/11 da 02/12/11 a 04/12/11 da 07/12/11 a 15/12/11 da 11/12/11 a 18/12/11 da 19/12/11 a 26/12/11 da 21/12/11 a 24/12/11 da 30/12/11 a 30/12/11 da 30/10/11 a 04/12/11 da 05/11/11 a 24/12/11 da 05/12/11 a 11/12/11 da 12/12/11 a 23/12/11 da 27/12/11 a 01/01/12 da 14/11/11 a 16/11/11 da 18/11/11 a 07/12/11 da 17/11/11 a 17/11/11 da 13/11/11 a 18/12/11 da 14/11/11 a 03/12/11 da 05/12/11 a 05/12/11 da 06/12/11 a 07/01/11 da 07/11/11 a 04/12/11 da 05/12/11 a 11/12/11 da 12/12/11 a 23/12/11 da 26/12/11 a 01/01/12

LMaMeGVS D S LMeVD LMaMeVD LMaMeGV S S LMaMeGVD LMaMe

da 31/10/11 a 24/03/12 da 06/11/11 a 18/12/11 da 03/12/11 a 10/12/11 da 31/10/11 a 05/12/11 da 06/12/11 a 18/12/11 da 22/12/11 a 30/12/11 da 05/11/11 a 24/03/12 da 17/12/11 a 07/01/12 da 30/10/11 a 23/03/12 da 19/12/11 a 21/12/11

GS

da 29/12/11 a 31/12/11

COLONIA Germanwings 10:05 12:15 Germanwings 10:05 12:15 Germanwings 11:00 13:10 DUSSELDORF WEEZE Ryanair 09:55 12:10 Ryanair 16:30 18:45 Ryanair 17:45 20:00 FRANCOFORTE HAHN Ryanair 06:50 08:55 Ryanair 09:50 11:55 Ryanair 11:00 13:05 Ryanair 14:45 16:50 Ryanair 14:45 16:50 Ryanair 16:20 18:25 Ryanair 21:05 23:05 GENOVA Ryanair 17:55 19:20 Ryanair 18:50 20:15 LONDRA STANSTED Ryanair 08:55 12:40 Ryanair 12:30 16:15 Ryanair 15:40 19:25 Ryanair 15:45 19:30 Ryanair 16:35 20:20 MADRID Ryanair 10:55 13:45 Ryanair 12:45 15:35 Ryanair 15:35 18:25 Ryanair 15:35 18:25 Ryanair 16:35 19:25 MALTA Ryanair 12:15 13:35 Ryanair 12:20 13:40 Ryanair 19:40 21:00 Ryanair 20:15 21:35 MILANO LINATE Meridiana Fly 06:45 08:15 Meridiana Fly 06:45 08:15 Alitalia 06:55 08:25 Alitalia 06:55 08:25 Alitalia 06:55 08:25 Alitalia 06:55 08:25 Alitalia 06:55 08:25 Alitalia 06:55 08:25 Meridiana Fly 07:00 08:30 Alitalia 10:10 11:40 Alitalia 10:10 11:40 Alitalia 10:10 11:40 Alitalia 10:10 11:40 Alitalia 10:10 11:40 Alitalia 10:10 11:40 Alitalia 13:00 14:30 Alitalia 13:00 14:30 Alitalia 13:00 14:30 Alitalia 13:00 14:30 Alitalia 13:00 14:30 Alitalia 13:00 14:30 Alitalia 13:00 14:30 Alitalia 13:00 14:30 Alitalia 13:00 14:30 Alitalia 14:55 16:25 Alitalia 14:55 16:25 Alitalia 14:55 16:25 Alitalia 14:55 16:25 Alitalia 14:55 16:25 airItaly 17:20 18:50 airItaly 17:20 18:50 airItaly 18:00 19:30 Alitalia 18:35 20:05 Alitalia 18:35 20:05 Alitalia 18:35 20:05 Alitalia 18:35 20:05 Alitalia 22:00 23:30 Alitalia 22:00 23:30 Alitalia 22:00 23:30 Alitalia 22:00 23:30 MILANO MALPENSA Alitalia 07:30 09:00 Alitalia 08:30 10:00 Easyjet 11:50 13:30 Easyjet 14:05 15:45 Easyjet 14:05 15:45 Easyjet 14:05 15:45 Alitalia 16:35 18:05 Easyjet 16:40 18:20 Alitalia 17:35 19:05 Easyjet 19:15 20:45 MILANO ORIO AL SERIO Ryanair 06:35 08:05

Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair MONACO Lufthansa Airberlin Airberlin PALERMO Blu-Express Blu-Express Blu-Express

06:35 06:40 08:25 08:25 09:05 11:20 12:20 12:20 12:25 12:25 12:40 13:30 13:35 19:05 19:05 19:25

08:05 S 08:10 G 09:55 LMaMeGVSD 09:55 MaMeGVS 10:35 Ma 12:50 V 13:50 S 13:50 S 13:55 MaMeG 13:55 LMaMeG 14:10 D 15:00 S 15:05 L 20:35 LMaMeGV 20:35 LMaMeGVSD 20:55 D

da 17/12/11 a 24/12/11 da 22/12/11 a 22/12/11 da 30/10/11 a 24/12/11 da 27/12/11 a 31/12/11 da 20/12/11 a 03/01/12 da 04/11/11 a 23/03/12 da 05/11/11 a 17/12/11 da 31/12/11 a 24/03/12 da 01/11/11 a 22/12/11 da 26/12/11 a 29/12/11 da 06/11/11 a 18/12/11 da 24/12/11 a 24/12/11 da 31/10/11 a 19/12/11 da 19/12/11 a 30/12/11 da 31/10/11 a 17/12/11 da 18/12/11 a 18/12/11

09:25 11:05 LMaMeGVSD 10:25 12:05 S 11:55 12:45 L

da 30/10/11 a 23/03/12 da 05/11/11 a 24/02/12 da 31/10/11 a 26/03/12

11:20 12:35 13:20 14:30 17:30 18:40

D D MaG

da 11/12/11 a 11/02/11 da 06/11/11 a 18/03/12 da 03/11/11 a 22/03/12

12:10 15:15 15:35 15:35

G LMeV SD SD

da 22/12/11 a 05/01/12 da 31/10/11 a 23/03/12 da 30/10/11 a 24/12/11 da 31/12/11 a 24/03/12

11:50 16:35 17:05 17:05 18:05

LV LMeV MaGS MaGS D

da 31/10/11 a 23/03/12 da 31/10/11 a 23/03/12 da 01/11/11 a 22/12/11 da 27/12/11 a 24/03/12 da 30/10/11 a 18/12/11

21:20 21:20

MeD MeD

da 28/12/11 a 21/03/12 da 30/10/11 a 21/12/12

PARIGI BEAUVAIS Ryanair 09:50 Ryanair 12:55 Ryanair 13:15 Ryanair 13:15 PISA Ryanair 10:30 Ryanair 15:15 Ryanair 15:45 Ryanair 15:45 Ryanair 16:55 PRAGA W!ZZ 19:35 W!ZZ 19:35 ROMA CIAMPINO Ryanair 07:00 Ryanair 07:00 Ryanair 12:00 Ryanair 15:55 Ryanair 19:30 Ryanair 19:40 ROMA FIUMICINO Alitalia 08:45 Alitalia 08:45 Alitalia 08:45 Alitalia 09:15 Alitalia 10:00 Alitalia 10:00 Alitalia 10:00 Alitalia 10:00 Alitalia 10:00 Alitalia 10:00 Alitalia 10:00 Alitalia 10:20 Alitalia 13:15 Alitalia 13:15 Alitalia 17:25 Alitalia 17:25 Alitalia 17:25 Alitalia 17:25 Alitalia 17:25 Alitalia 20:35 Alitalia 20:35 Alitalia 20:40 Alitalia 21:30 STOCCARDA Germanwings 10:20 Germanwings 10:45 TIMISOARA Carpatair 12:35 TIRANA Belleair 08:30 Belleair 16:10 Belleair 20:10 TORINO Alitalia 07:00 Ryanair 09:00 Alitalia 12:10 Alitalia 12:10 Alitalia 12:10 Alitalia 12:10 Alitalia 12:40 Alitalia 12:40 Ryanair 12:30 Ryanair 20:40 Ryanair 21:55 Ryanair 22:00 Ryanair 22:00 TREVISO Ryanair 08:15 Ryanair 08:15 Ryanair 12:05 Ryanair 12:55 Ryanair 14:20 Ryanair 14:50 Ryanair 22:25 VALENCIA Ryanair 20:00 Ryanair 20:00 VENEZIA Ryanair 08:15 Ryanair 12:05 Ryanair 12:55 Alitalia 14:00 Alitalia 14:00 Alitalia 14:20 Ryanair 14:20 Ryanair 14:50 Alitalia 14:55 Ryanair 22:25 VERONA Air Italy 07:00 Air Italy 12:40 Air Italy 12:40 Ryanair 18:05 Ryanair 22:30 ZURIGO Helvetic 20:10

08:10 LMaMeGVSD 08:10 MaMeGVS 13:10 S 17:05 S 20:40 LMaMeGV 20:50 SD

da 30/10/11 a 23/12/11 da 27/12/11 a 31/12/11 da 24/12/11 a 24/12/11 da 31/12/11 a 31/12/11 da 31/10/11 a 23/03/12 da 30/10/11 a 18/12/11

09:55 LMaMeGV 09:55 LMaMeGV 09:55 LMaMeGV 10:25 SD 11:10 LMaMeGV 11:10 MaV 11:10 LG 11:10 LMe 11:10 LMeG 11:10 V 11:10 Ma 11:30 D 14:20 LMaMeGVSD 14:20 MaMeGVS 18:30 LMaMeGVSD 18:30 L 18:30 MaMeGVSD 18:30 LD 18:30 MaMeGVS 21:40 LMaMeGVD 21:40 LMaMeGVD 21:45 LMaMeGVD 22:35 LMaMeGVSD

da 14/11/11 a 16/11/11 da 26/12/11 a 06/01/12 da 19/12/11 a 23/12/11 da 19/11/11 a 24/03/12 da 12/12/11 a 26/12/11 da 11/11/11 a 29/11/11 da 14/11/11 a 17/11/11 da 16/11/11 a 21/11/11 da 23/11/11 a 07/12/11 da 02/12/11 a 02/12/11 da 06/12/11 a 06/12/11 da 11/12/11 a 11/12/11 da 31/10/11 a 24/12/11 da 27/12/11 a 31/12/11 da 31/10/11 a 04/12/11 da 05/12/11 a 19/12/11 da 06/12/11 a 24/12/11 da 26/12/11 a 08/01/12 da 27/12/11 a 07/01/12 da 01/12/11 a 23/12/11 da 26/12/11 a 01/01/12 da 01/11/11 a 30/11/11 da 30/10/11 a 24/03/12

12:15 12:40

D V

da 13/11/10 a 18/03/12 da 11/11/10 a 23/03/12

13:05

LMeV

da 31/10/11 a 24/03/12

09:20 17:00 21:00

LMaMeS V GD

da 31/10/11 a 24/03/12 da 04/11/11 a 23/03/12 da 10/11/11 a 22/03/12

08:30 10:40 13:40 13:40 13:40 13:40 14:10 14:10 14:10 22:20 23:35 23:40 23:40

L S LMaMeGV LMaMeV LMaMeGV LMaMeGV D S MaG Ma Me LVeD LVeD

da 26/12/11 a 26/12/11 da 05/11/11 a 24/03/12 da 31/10/11 a 02/12/11 da 05/12/11 a 09/12/11 da 12/12/11 a 23/12/11 da 27/12/11 a 23/03/11 da 13/11/11 a 18/12/11 da 24/12/11 a 31/12/11 da 01/11/11 a 22/03/12 da 20/12/11 a 03/01/12 da 02/11/11 a 21/03/12 da 30/10/11 a 23/12/11 da 26/12/11 a 23/03/12

09:35 09:35 13:25 14:15 15:40 16:10 23:45

LMeV LMeV V S MaG D D

da 05/12/11 a 23/12/11 da 28/12/11 a 23/03/12 da 09/12/11 a 23/03/12 da 10/12/11 a 24/03/12 da 06/12/11 a 22/03/12 da 11/12/11 a 18/12/11 da 11/12/11 a 18/12/11

22:30 22:30

MaGS MaG

da 01/11/11 a 22/12/11 da 27/12/11 a 29/12/11

09:35 13:25 14:15 15:15 15:15 15:35 15:40 16:10 16:10 23:45

LMeV V S LMaMeS V D MaG D G D

da 31/10/11 a 02/12/11 da 04/11/11 a 02/12/11 da 05/11/11 a 03/12/11 da 01/11/11 a 24/03/12 da 04/11/11 a 23/03/12 da 30/10/11 a 18/12/11 da 01/11/11 a 01/12/11 da 30/10/11 a 04/12/11 da 03/11/11 a 22/03/12 da 30/10/11 a 04/12/11

08:20 14:00 14:00 19:25 23:25

S LMaMeGVD LMaMeGVD D LMeV

da 05/11/11 a 24/03/12 da 30/10/11 a 16/11/11 da 18/11/11 a 23/03/12 da 30/10/11 a 18/12/11 da 31/10/11 a 23/03/12

22:00 LMaMeGVSD

da 30/10/11 a 24/03/12


27

Mercoledì 16 novembre 2011

oggi

doMani

Sereno

Poco nuvoloso Nuvoloso

oggi

doMani

min 9° max 16° Molto nuvoloso

Coperto Variabile/Temporali

Variabile/Pioggia

giorno e notte

sorge tramonta

min 10° max 15° Variabile/Neve Pioggia Pioggia forte

Meteo

min 7° max 15°

dopodoMani

Sole

Neve

06,41

16,38

luna 21,29

11,44

Temporale VENTO: Debole Moderato Forte

MARE: Calmo Mosso Agitato Molto agitato

le previSioni nord: Ancora bello ma con foschie e banchi di nebbia in Val Padana a tratti persistenti. Temperature stabili, massime tra 11 e 16°C. Venti deboli nordorientali con mari poco mossi o mosso il Ponente. Centro: Soleggiato sulle Tirreniche con cieli sereni o poco nuvolosi. Poco o parzialmente nuvoloso sulle Adriatiche, maggiori variabilita’ in Sardegna. Temperature stazionarie, massime tra 12 e 17°C. Venti moderati orientali. Mari poco mossi o mossi attorno alla Sardegna. Sud: Tempo instabile tra mediobassa Sicilia e Calabria meridionale con piogge in assorbimento nel corso della giornata. Temperature perlopiù stabili, massime tra 14 e 19°C. Venti moderati orientali. Mari poco mossi o localmente mossi.

teMperature in italia

dopodoMani

AnconA AostA BAri BolognA cAgliAri cAmpoBAsso cAtAnzAro Firenze genovA l’AquilA milAno nApoli pAlermo perugiA potenzA romA torino trento trieste veneziA

Min. 2 -1 7 2 13 5 7 3 9 -1 2 6 13 0 4 5 1 0 5 3

Max. 12 13 15 13 18 11 14 16 16 12 13 17 19 14 12 15 12 11 15 13

teMperature in europa Amsterdam Atene Barcellona Belgrado Berlino Bucarest Copenaghen Dublino Helsinky Kiev Lisbona Londra Madrid Monaco Parigi Stoccolma Tirana Valletta Varsavia Vienna Zurigo

Min. -2 9 14 2 1 1 5 8 1 -1 15 5 8 8 1 1 3 16 1 0 1

Max. 9 14 19 10 6 10 7 11 6 3 17 14 15 14 13 6 15 18 3 8 10


28

Mercoledì 16 novembre 2011

www.epolisbari.com Direttore responsabile Dionisio Ciccarese Direttore editoriale Vito Raimondo Redazione Via delle Orchidee, 1 70026 Z.I. Modugno - Bari Tel. 080 5857350-1-2-3 Fax 080 5857349 redazione@epolisbari.com segreteria@epolisbari.com Responsabile trattamento dati personali Dionisio Ciccarese Società editrice

P.Q.S.

Periodici e Quotidiani del Sud

Via delle Orchidee, 1 70026 Z.I. Modugno - Bari Tel. 080 5857439 Fax 080 5857427 amministrazione@sedit.biz Reg. Trib. Bari n. Reg. Stampa 51 del 07/12/2010 Copyright P.Q.S. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo quotidiano può essere riprodotta con mezzi grafici, meccanici, elettronici o digitali. Ogni violazione sarà perseguita a norma di legge. Pubblicità

Area4 S.r.l. Via delle Margherite, 20/22 70026 Modugno - Bari Tel. 080 5857450 Fax 080 5857426 segreteria@area4.biz Su

trovate i nostri gruppi e la nostra pagina ufficiale Di EPolis Bari sono stampate e distribuite ogni giorno 18mila copie che i Lettori possono ritirare gratuitamente e senza obblighi di alcun genere nei punti distribuzione. Segnalazioni (per le quali garantiamo la totale riservatezza) di eventuali violazioni possono essere inviate a info@epolisbari.com.


EpolisBari  

cronaca bari