Issuu on Google+

LA GAZZETTA DI F1-FULLSIM N° 9 – Giugno 2007 – Anno III°

Major League Ceccarelli “Mazzata Finale” Driver League Strenuamente Vins78 Open4yert Armando90 torna in alto PAGINA 1


LA GAZZETTA DI F1-FULLSIM N° 9– Giugno 2007 – Anno III°

Sommario: Pagina 2

– Lettera dal redattore

Pagina 3

– Cek save the Queen

Pagina 4

– Cek save the Queen

Pagina 5

– Conferenza Stampa Major

Pagina 6

– I Numeri della Major – Inghilterra 2007

Pagina 7

– I Numeri della Major–Classifiche 2007

Pagina 8

– Major League- Il Film della gara

Pagina 9

– Vins78 c’è…

In Collaborazione

Pagina 10 – Vins78 c’è… Pagina 11 – Conferenza Stampa Driver Pagina 12 – I Numeri della Driver – Inghilterra 2007 Pagina 13 – I Numeri della Driver – Classifiche 2007 Pagina 14 – Driver League- Il Film della gara

Lettera dal Redattore…

Redazione: Capo Redattore: MaverickOne Inviato Major: MaverickOne Inviato Driver: DFP-Client Grafica e Impaginazione: MaverickOne

Per una volta non parlo di questo o quel campionato, per una volta non voglia far di tutta un erba un fascio, no, mi va di spiluccare e dare bacchettate oppure complimenti ai benemeriti, sempre restando nel lecito è chiaro. Quindi se mi è lecito bacchetto Veon che anche se molto forte, visto l’andazzo del campionato Major, vista la stagione, si sia messo già in costume e lo si vede giare così per il paddock, caro Veon tu sei l’anti Ceccarelli, concentrati, hai tutti i mezzi per farlo sudare, e facciamolo sudare allora. Abbiamo visto Ceccarelli girare per il paddock con la tuta, e nonostante due ore di gara non aveva bisogno neache della doccia per come era fresco il ragazzino, fresco come una rosellina appena colta, allora caro Veon tira fuori dal box il taglia erbe e diamo una rasata a questo giardino, sempre che la rosellina non sia più veloce e continui a spostarsi per non farsi prendere, altrimenti un colpo di telefono in quel di Catania per allertare il vecchio giardiniere “Fausto” puoi sempre farlo, una mano lui la dà. Ragazzini crescono, eh si porca miseria in Driver League ci sono personaggi niente male cavoli, gente che fa sul serio, gente che sotto il piedino ha la dinamite, ma se riescono a controllarla anche senza gli aiuti bè allora sono davvero forti. Saltano da un campionato all’altro da veri stambecchi senza colpo ferire, a volte si commettono passi falsi, si scivola dal dirupo ma questo per dei giovani scalatori con poca esperienza è da mettere in conto, coraggio ragazzi, forza e coraggio, nessuno nasce “imparato” quindi nessuno scoramento tipo quelli uditi al termine della gara Major sull’eperienza da fare prima di tornare ecc. ecc.. L’esperienza la si fa sui campi di gara, correndo con chi lo fa da più tempo nella categoria maggiore, è solo girando con loro che capisci i tuoi limiti e i tuoi punti di forza, per giocarteli in nuove situazioni , più adrenalina, più eccitazione, ma più controllo e alla fine sarete soddisfatti. Quindi via quei musi arrendevoli, quelle dichiarazioni del troppo presto, devo maturare, siate consapevoli, quando è il momento giusto e fatta la scelta, dentro a capofitto senza ripensamenti, dedicato alle tre leghe Mav. PAGINA 2


LA GAZZETTA DI F1-FULLSIM N° 9– Giugno 2007 – Anno III°

S

ilverstone, la tana del lupo, qui nei dintorni di questo tracciato, ricavato da un aeroporto della seconda guerra mondiale, si accentrano i maggiori Team inglesi, team che hanno fatto la storia della F1, alcuni di essi sono scomparsi, altri assorbiti nell’impazzito mondo della globalità, dove un unico marchio automobilistico riesce a comprare i diritti di una casa in difficoltà, assorbendone non solo la storia ma anche il mito, utilizzandone poi il marchio in favore della propria tecnologia. Questa gente veniva mortificata dall’altro mito dell’automobilismo, Enzo Ferrari da Maranello, il quale definiva questi inglesotti di campagna degli assemblatori, gli vedeva pieni di pezzi da montare poi nelle loro Factory, niente a che vedere con le sue opere d’arte, niente a che fare con le sue perle, ma quello che traspariva verso l’ambiente, i giornalisti, non era certo quello che lui in fondo pensava, aveva grande rispetto di questi Inglesi, il vecchio, anche se non ne condivideva la filosofia, vedeva che andavano forte, che imparavano in fretta, e quindi oltre che rispetto nutrivano odio, l’odio verso chi prima o poi tenterà di usurparti il trono. Silverstone è un circuito che nasce iper veloce, da medie mozzafiato, ma per dare sicurezza a questa pista la FIA, con la collaborazione di alcuni piloti dell’epoca, nella fattispecie Damon Hill, modificò con una serie di curve detto Complex la parte finale del circuito, ed andando a variare con le tre curve in sequenza molto veloci appena dopo la curva Copse. E’ un bellissimo circuito, molto ritmato, dove la continuità dell’azione sono una prerogativa imprescindibile oltre che un buon mix tra veloce lento. Le qualifiche vedono 7 piloti in meno di un secondo, davvero molto serrate le file, la pole è ad appannaggio di Ceccarelli che stacca di 2 decimi Veon e la sua Renault, nella perenne lotta che ha avuto inizio ormai nella lontana Australia. Seguono in terza posizione Vin78 sulla seconda Renault, ed in quarta da Hugomir e la sua McLaren. Davvero bravi questi due piloti della

Di MaverickOne Driver e collaudatori Major, non hanno nessun timore reverenziale e mettono in mostra davvero un gran bel piede. Quinta piazza per The Drake e la sua Toro Rosso che anch’esso proveniente dalla Driver non vuol certo esser da meno dei suoi colleghi precedentemente menzionati. Sesta piazza per Grigo e la sua Williams, settima posizione per Hamtak e la seconda Ferrari, ottava posizione per DFP-client e la sua Midland, nona piazza per la seconda Williams di Magkas, chiude la top ten MaverickOne sull’altra Midland. Siamo al termine del giro di formazione, pian piano le vetture si schierano prendendo posto nelle piazzole assegnate dalle qualifiche, le luci rosse si accendono una dopo l’altra, si spengono, Via partiti. Ceccarelli prende un piccolo vantaggio che gli permette di affrontare la Copse in maniera apparentemente tranquilla, Veon lo segue ad un passo da dietro e a queste velocità è difficile insidiare che ti precede. Il resto del gruppo, ben avviato, si sgrana senza grandi stravolgimenti di classifica, c’è solo qualche pilota nelle retrovie con qualche problema di aderenza che non gli permette una regolare accelerazione in uscita di curva andando in lieve difficoltà. Si chiude il primo giro con non molti sussulti, se non qualche tentativo di sorpasso non riuscito anche se sarebbe più giusto definirli azioni di disturbo con questa classifica, Ceccarelli, Veon, Vins78, Hugomir, The Drake, Grigo, Hamtak, DFP-client, MaverickOne, Franz71, Evinrude, Coletta, Magkas, Gio-Jordy. Chi decide che è ora di verificare il buon lavoro svolto in tutto il fine settimana, le scelte, la strategia, cioè che tutto sia perfettamente come preventivato è Veon che al secondo giro attacca Ceccarelli alla curva Farm, e lo passa, complice anche una piccola sbandata molto controllata dall’esperto Ceccarelli rischi zero e si accoda. Intanto va ai box Evinrude che con la sua Honda deve far sistemare l’avantreno della sua vettura la quale ha subito qualche modifica non prevista alla veloce curva della Copse. Ma sono due piloti che ci fanno

particolarmente divertire in questa frazione di gara, bisogna far loro i complimenti perché la sera prima avevano effettuato la loro gara con l’aiuto del traction controll, e la sera dopo in Major League senza traction controll, effettuando giri molto veloci e duellando davvero alla grande. Al sesto giro ad esempio percorrono appaiati l’accelerazione della Club e via verso la Farm ingresso ed uscita senza regali ma in approccio della Bridge, Vins78 fa valere la mezza macchina di vantaggio e tiene la posizione, ma statene certi gli rivedremo. Dietro di loro il gruppo si sta scomponendo come in un gioco delle coppie, davanti Ceccarelli segue Veon, dietro loro due c’è Vins78 e Hugomir, alle loro spalle The Drake e Grigo, a un secondo Hamtak e DFPclient, i quali sono seguiti da molto vicino da MaverickOne e dal rimontante Franz71, intanto dobbiamo registrare il primo ritiro di Magkas che sbatte violentemente alla Farm e deve abbandonare. Ma la pressione è in aumento, Hugomir decide di forzare i tempi ed alla staccata della Club forza il passaggio all’interno, Vins78 chiude la traiettoria perché in vantaggio, la collisione, anche se non violenta c’è ed mette le due vetture in testa coda coinvolgendo anche The Drake le gli seguiva da vicino ed Avvantaggiando Grigo che passa in terza posizione. I due ripartono in nona e decima posizione, con Hugomir che aspetta il rivale per cedergli la posizione e ricominciare a gareggiare. Questo stravolgimento di posizione mette molte vetture ancor più vicine di quanto già fossero con piloti con un passo più veloce vicino ad altri con un passo meno sostanzioso. Bella lotta tra MaverickOne Hugomir e Franz7, con Hugomir che vede prima Franz passare MaverickOne alla Stowe, e MaverickOne con pari manovra lo ripassa nel giro successivo, purtroppo Franz anticipala frenata di qualche metro e Hugomir che con la sua McLaren lo segue da molto vicino istintivamente deve scartare per evitare il contatto andando in testa coda, ripartirà senza problemi. La gara va avanti con il duello tra Ceccarelli e

PAGINA 3


LA GAZZETTA DI F1-FULLSIM N° 9– Giugno 2007 – Anno III°

Veon che fanno l’elastico, i tre della Driver che pur correndo molto bene commettono qualche errorino che gli ributta indietro dovendo ricominciare tutto da capo. Ci sono continui scambi di classifica, tutti generati da errori altrui e pochi da effettive manovre di attacco, molto duro il contatto tra Franz71 e Hugomir alla Priory dove Franz71 perde il controllo della vettura in accelerazione arrivando lungo per la frenata successiva, Hugomir che era largo va a stringere la traiettoria per fare la curva vedendosi centrare dalla Honda che aveva perso ogni controllo, il contatto vede far alzare da terra le due vetture che incredibilmente ripartono senza riportare danni. Registriamo intanto anche il ritiro di Coletta il quale dopo una gara di rincorsa fino quasi alla zona punti, a causa di una perdita di controllo sbatte e deve abbandonare la gara. Altra situazione pericolosa, che compromette la gara di MaverickOne vede protagonista The Drake. Il forte pilota della Toro Rosso che fino a quel momento aveva effettuato una buona gara si gira in accelerazione alla curva Farm sfiorando la macchina del leader che sopraggiungeva nel tentativo di riallinearsi con una violenta accelerazione, la macchina va verso l’esterno della curva, The Drake innesta la prima e riparte, fermandosi subito dopo di traverso alla pista ed in piena traiettoria. Nel frattempo sopraggiunge MaverickOne il quale approccia la prima della curva Farm, vede la vettura muoversi verso l’esterno e sceglie di andare verso l’interno, solo che la Toro Rosso invece di continuare la manovra si ferma e viene colpita. Risultato sospensioni danneggiate e gomma anteriore destra bucata. La Midland rientra ai box effettua una sosta molto lunga e vede compromesso un eventuale lotta con la Honda di Franz, ma meno male che c’è l’altra vettura gemella. Bella la gara di DFP-client il quale inizia a ridosso dell’altro protagonista Hamtak su Ferrari, tiene duro per uno stint intero in compagnia della rossa vettura che lo precede, tenta anche di sopravanzarla, ma poi guai alla guidabilità della vettura

Di MaverickOne inducono il buon pilota Midland a controllare fino al traguardo portando al termine una buona 5° posizione. Anche Hamtak è da elogiare, ha iniziato tenendo il passo senza andare a cercare il di più, ha avuto il suo bel da fare per controllare DFP-client, ma alla fine liberatosi di un po’ di pressione è andato a raggiungere e superare Grigo sula Williams, era il terzo pilota in pista più veloce ed è per questo che era soddisfatto alla fine un buon gran premio ed un’ottima doppietta per lui e la Ferrari. Alla Honda sono soddisfatti per il modo in cui hanno portato a casa la 6° e 7° posizione, se si guardava ad inizio gara era quasi un incubo con Franz che lottava per stare aggrappato alla zona punti ed Evinrude addirittura doppiato per un contatto contro le barriere. Ma questi qui, come a me piace sottolineare appena ne ho l’occasione, vengono dal posto di “Fatti e non Pugnette”, si mettono di buzzo buono e dai e dai arrivano dove potevano arrivare, grazie a qualcuno, grazie a qualcosa, ma loro c’erano e se la sono presa senza troppi rimpianti, quindi bravi. L’altro ottimo protagonista è Grigo che sale finalmente sul podio, una bella sorpresa per questa stagione, non di certo per il pilota che nelle scorse stagioni siamo stati abituati a vederlo lassù festeggiare con lo champagne, ma pareva che questa fosse per lui una stagione nata male e che doveva finire peggio, invece è venuto questo piazzamento che lo rinfranca e che lo ripaga di qualche sfortuna di troppo, buon punto di partenza Grigo da cui iniziare, bravo. Peggio è andata per il suo compagno di squadra che ha dovuto abbandonare molto presto per aver danneggiato la sua vettura all’ingresso della farm, peccato, non era brillantissimo fino quel momento ma magari alla distanza sarebbe balzato in zona punti peccato sarà per la prossima. Altro team che va via da Silverstone rabbuiato è la BMW, sia Coletta che Gio-Jordy hanno avuto un sacco di problemi nel mantenere il passo presumibilmente a causa di un assetto non loro soddisfacente, Coletta ha tentato forzando il passo e dopo

varie vicissitudini era arrivato a sfiorare la zona punti ma poi un errore lo ha definitivamente tolto di gara, stessa sorte per Gio-Jordy, peccato. Quei due ragazzi scatenati anzi tre arrivati dalla Driver hanno dimostrato che possono cavarsela molto egregiamente anche in Major, manca loro un po’ di esperienza, alcuni episodi specie ripetuti che hanno causato qualche pericolo sono lì a dimostrarlo, ma loro hanno tanta passione e voglie di correre e sapranno certo interpretare al meglio i prossimi appuntamenti, comunque davvero molto bravi a prescindere dai risultati, Hugomir e la sua McLaren classificato terzo, ha reso pazzo chi leggeva il grafico delle sue posizioni tenute durante la gara con salti dall’apice al pedice della classifica con relative rimonte davvero spettacolare, e bravo anche a The Drake, anche se arrivato fuori dalla zona punti quando in gara aveva occupato a lungo la 4à e la 5° posizione, ma a causa di un contatto ha dovuto rinunciare. Ma la cosa più incredibile di questa gara è stata l’eliminazione delle due Renault, si signori quella di Veon e di Vins che sono andate a toccarsi violentemente alla Chapel. E permettetemi di usare, tra poche righe un modo alla “Milanese” di pronunciare questa curva. Siamo in piena bagarre, Ceccarelli sta fuggendo e Veon lo segue a pochi secondi e spinge da pazzi per cercare di riacciuffarlo, effettua le velocissime Maggots, Becketts, ma in uscita della Chapel perde il controllo e si gira restando fermo in piena traiettoria, il sopraggiungente Vins non può fare nulla per evitare il suo compagno nonché capitano, anzi un tentativo lo fa scartando verso destra destinazione muro ma purtroppo non è abbastanza e alla curva Chapel, Vins78 "Chapa" il suo compagno volando contro le barriere è ritiro per entrambi. Vince Ceccarelli, che ha fatto un primo stint dietro la Renault di Veon ad una manciata di secondi ma con molta più benzina a bordo, aggettivi? Finiti, bisogna inventarli e basta, una sola cosa Bravo Ceccarelli ha vinto Ceccarelli. Il Vs inviato Maverickone

PAGINA 4


LA GAZZETTA DI F1-FULLSIM N° 9– Giugno 2007 – Anno III°

Ceccarelli Ennesima tripletta, ormai è una fuga per la vittoria, certo che fino a che la matematica non lo dirà non si sa mai ma il trend è quello. Sì, è andata bene anche stavolta ma solo perché le due Renault hanno avuto quel problema, se no credo che sarebbe stata una bella volata fino alla fine con Veon. Delle qualifiche che hanno regalato cinque piloti in meno di mezzo secondo, poi in gara vari errorini hanno allungato le distanze, come hai visto la tua gara. Sì, in qualifica si sapeva che saremo stati tutti vicini, a Silverstone diciamo che è una costante. Per quanto riguarda la mia gara facevo un po’ l'elastico con Veon, c'erano dei momenti in cui le mie gomme andavano meglio ed altri in cui andavano meglio le sue. Tutto sommato stavamo facendo una gara parallela e ce la saremo giocata. Una doppietta per il team che allunga in classifica generale in modo significativo. Sì, infatti, sono molto contento anche per il mio compagno di Team Hamtak, stiamo lavorando per sistemare anche la seconda Ferrari ed il frutto del nostro lavoro comincia a vedersi concretamente. Speriamo vada sempre meglio per lui da qui fino alla fine della stagione. Hai avuto problemi nel gestire le gomme, qui tutti lamentavano temperature elevate, oppure hai trovato una soluzione accettabile? Esatto, avevo una macchina non rapidissima ma che mi consentiva di consumare bene le gomme e alla fine è stata la scelta giusta.

Hamtak Complimenti per la prestazione, buona qualifica

Di MaverickOne

e ottimo risultato finale cosa ci racconti. Sono molto contento del risultato, soprattutto perché non l'ho conquistato come al solito perché io non sbaglio approfittando degli errori degli altri piloti ( a parte Veon), ma perché ero realmente il più veloce in pista dopo Cek e Veon...una volta tanto ho fatto una gara aggressiva. Ad inizio gara hai avuto molto da fare per controllare le due Midland, in particolare quella di DFP, poi hai vissuto il ritorno di Vins e Hugomir, e tanti altri duelli, come gli hai vissuti. A inizio gara ho visto subito che i 4 piloti che mi precedevano non erano in grado di staccarmi, cosi ho solo controllato Dfp che era vicinissimo aspettando qualche spiraglio per attaccare... dopo gli errori di Vins, Hugo e Drake sono passato e loro non sono più stati in grado di impensierirmi e mi sono dedicato al lungo duello con Grigo... dopo aver capito che faceva 3 soste, dopo la sua seconda, (in quel momento ero 2 sec dietro di lui) ho spinto molto per tutti i dieci giri che mi rimanevano prima del mio ultimo pit, ho guadagnato moltissimo e dopo il mio pit ero davanti di 6 sec, sapendo che lui si fermava ancora mi sono messo a girare in 1.23 e ho controllato fino alla fine. In Germani pensi che le caratteristiche del tracciato siano a te favorevoli. Nürburgring è una bella pista, se non avrò grossi problemi di frame, cercherò di fare ancora una bella gara possibilmente all'attacco.

Grigo E con enorme piacere che ti rivediamo sul podio, in questa stagione ne hai passate di tutti i colori, sulle

qualità nessun dubbio, tanta sfortuna o anche altro? Penso che fosse un po’ di sfortuna, un po’ le poche prove che faccio ultimamente ma anche la mancanza di concentrazione dopo tutti questi anni che corro. Diciamo che ero un po’ deluso non essendo competitivo e questo aveva come risultato una guida troppo rilassata. Gara davvero tirata, hai comunque fatto esperienze degli errori passati nella gestione del motore, oppure hai tenuto un passo più accorto. Sicuramente l'esperienza fatta conta e come. Pero dopo tanti ritiri causa motore alle ultime gare vado anche decisamente più lento appena vedo quale posizione posso ottenere e cerco semplicemente di mantenerla senza cercare di guadagnare. Che sensazioni hai a ritrovarti sul podio, e quali sono state le sensazioni in gara. Mah le sensazioni provate le avevo quasi dimenticate alle ultime gare:).Ovviamente sono molto contento. Per quando riguarda la gara diciamo che non potevo chiedere di più, anche se non risparmiavo il motore visto che Ceccarelli ed altri piloti cmq anno un passo molto più veloce. Questo mi delude un po’ dopo tanti anni che ero competitivo pero devo provare di più per capire cosa c'e che non va con il set up o altre regolazioni. Cambiare il mio stile di guida dopo tutti questi anni che corro per vedere se magari e questa la ragione e fuori questione. Comunque complimenti a Cek per la vittoria e a tutti gli altri piloti per la bella gara.

PAGINA 5


LA GAZZETTA DI F1-FULLSIM N° 9– Giugno 2007 – Anno III°

I NUMERI DELLA MAJOR LEAGUE

RISULTATI INGHILTERRA 2007

PAGINA 6


LA GAZZETTA DI F1-FULLSIM N° 9– Giugno 2007 – Anno III°

I NUMERI DELLA MAJOR LEAGUE

CLASSIFICA 2007

PAGINA 7


LA GAZZETTA DI F1-FULLSIM N° 9– Giugno 2007 – Anno III°

Partenza

Vins78 su Hugomir

Bel podioi Grigo

Nuova Renault “Erase”

MAJOR LEAGUE - Il Film della gara

Veon attacca Cek e passa

MaverickOne

DFP-client in action

Bravo Hamtak, secondo

Hugomir passa Vins78

4 auto in un secondo

Resistente Franz71

Vince Ceccarelli PAGINA 8


LA GAZZETTA DI F1-FULLSIM N° 9– Giugno 2007 – Anno III°

P

er la nona gara del campionato Fullsim Driver league ci si sposta in Inghilterra sul circuito di Silverstone, circuito che alterna tratti veloci ad altri lenti e che fu ricavato da un aeroporto della seconda guerra mondiale. In qualifica brillano le Mclaren: è di Vins infatti la pole-position con il notevole tempo di 1.19.956, mentre secondo, staccato di circa 2 decimi, è il compagno di squadra Hugomir. Terzo, a mezzo secondo, si qualifica Crazy Ivan; quarto è Piedone, mentre in terza fila troviamo Emanuele e Beppe16v. A seguire gli altri. Inizia la gara e Hugomir riesce subito a bruciare sullo scatto Vins, mentre Crazy Ivan e Piedone mantengono la terza e quarta posizione. Anche dietro di loro passano tutti indenni le insidiose prime curve, a parte Visioner che alle “Becketts” finisce sull’erba e va in testacoda ripartendo ultimo. Partono male anche Fabracher e Semiasso che vengono passati da numerosi piloti. Arrivati alla staccata della “Vale” Mariofire sorprende Manuel e passa 9°. Stessa manovra anche da parte di Gio_jordi (che diventa così 13°), ma ai danni di ben due piloti contemporaneamente e cioè Angy Speed e Fabracher. Alla fine del primo giro le due RedBull si ostacolano involontariamente da sole con Panos che si gira sulla sconnessione dell’asfalto in ingresso al rettilineo finale e con Visioner che per scartarlo finisce nell’erba. Alla “Stowe” Viper esce dalla scia di Cheyenne e lo supera portandosi così in 7a posizione. Al giro seguente il pilota Sauber BMW supera, sempre alla “Stowe”, anche Beppe16v che poi alla staccata della “Vale” arriva lungo nell’erba e deve far sfilare il gruppo (riparte 13°). Intanto più avanti Emanuele aveva superato Piedone diventando 4°, mentre alle loro spalle Mariofire (7°)

Di DFP_client

supera Cheyenne. Piedone però arriva lungo in staccata alla “Vale” e si fa passare anche da Viper. Nel frattempo da segnalare che Visioner, in grande rimonta, è già 15°. Nel corso del 4° giro Piedone riesce a risuperare Viper, Visioner supera a sua volta Cobra, mentre nelle retrovie The Drake ed Angy Speed si girano. Al 5° giro Viper supera nuovamente Piedone e torna 5°, mentre subito dietro di loro Cheyenne e Manuel passano sempre alla “Stowe” Mariofire; Manuel però viene a contatto col pilota Reanult e va a sbattere con il retrotreno contro un muro di protezione (riuscirà a raggiungere i box ma si dovrà ritirare). Intanto Piedone sbaglia la staccata successiva e si riaccoda proprio ai sopraggiungenti Cheyenne e Mariofire in ottava posizione. Arrivati nel complex, Fabracher riesce ad infilare Maverick e ad arrivare all’ultima curva davanti, ultima curva che affronta però leggermente troppo larga, permettendo così il recupero del pilota Williams che nella riaccelerazione lo spinge fuori pista in maniera discutibile. Il pilota Ferrari perde così la posizione anche nei confronti di Beppe e Kekkonen. Al 6° giro Mariofire ritorna 6° superando Cheyenne, mentre Beppe arriva ancora lungo in frenata alla “Vale” e si fa passare da Kekkonen. Alla tornata successiva sempre alla staccata della “Vale” questa volta è Kekkonen ad avere problemi venendo così superato sia da Beppe che da Fabracher, mentre alle sue spalle si presenta anche la sagoma minacciosa della RedBull di Visioner. Poco dopo sempre il pilota Super Aguri finisce in testacoda alla “Copse” e riparte 17° dietro a The Drake. Non dimentichiamoci però delle posizioni di testa dove Hugomir e Vins continuano a fare l’andatura con un leggero vantaggio su

Crazy Ivan ed Emanuele che al momento riescono però a tenere il passo del duo delle frecce d’argento Probabilmente è per questo motivo che nel corso dell’ottavo giro avviene lo scambio di consegne fra Hugomir e Vins, che passa quindi a condurre grazie agli ordini di scuderia. Intanto Cheyenne e Piedone riconquistano rispettivamente la 6° e 7° posizione grazie ad un errore in frenata di Mariofire. Nelle retrovie invece Angy Speed supera Panos. Si accende adesso una grande lotta fra Maverick, Beppe, Fabracher e Visioner per il nono posto. Alla “Abbey” Beppe frena troppo in anticipo e Fabracher lo passa non senza aver corso un bel rischio. Al giro seguente complice un piccolo errore di Fabracher, c’è un passaggio a tre lungo il breve rettilineo che porta alla “Abbey” con Beppe che ha la meglio su Fabracher e Visioner. Poi nel complex Maverick si intraversa e viene di conseguenza superato sia da Beppe che da Fabracher. Dopo però il pilota Williams compie all’ingresso delle “Becketts” uno spettacolare sorpasso ai danni del ferrarista. Alla fine dei giochi prevalgono Beppe e Visioner (9° e 10°), mentre Maverick e Fabracher vanno in testacoda (ripartono 13° e 14°). Da segnalare in questi frangenti anche il sorpasso riuscito di Cheyenne ai danni di Viper che gli frutta la 5a piazza. Tornando al leader della corsa Vins, da quando ha potuto avere strada libera davanti a sé ha abbassato notevolmente i tempi ed è riuscito a costruirsi un discreto vantaggio dell’ordine di 3-4 secondi nei confronti del compagno di squadra Hugomir, che al contrario ha visto calare drasticamente il suo margine su Crazy Ivan. Già al dodicesimo giro si fermano per la sosta sia Emanuele che Piedone, il pilota Toro Rosso rientra 8° appena PAGINA 9


LA GAZZETTA DI F1-FULLSIM N° 9– Giugno 2007 – Anno III°

davanti a Visioner, mentre quello Toyota 15° davanti a The Drake. Al giro successivo si fermano anche Mariofire e lo stesso The Drake. Al 15° giro vanno ai box Hugomir, Beppe e Panos , mentre al 16° è il turno del leader della corsa Vins, di Visioner e di Cobra. Resta in pista invece Crazy Ivan che passa quindi a condurre. Dopo il rimescolamento di carte troviamo Crazy Ivan al comando, seguito da Cheyenne, Viper, Vins, Hugomir, Fabracher, Maverick81 e Semiasso. Da notare che Emanuele è precipitato nelle retrovie a causa di un precedente testacoda in uscita delle “Becketts”. Al 18° giro sconforto in casa Renault per l’uscita di scena di Cheyenne autore fino a quel momento di un’ottima prova. Il ritiro è causato dal cedimento del propulsore (dopo un’analisi dei dati telemetrici forniti dalla casa francese, sembra che il guasto sia da imputare ad una settima marcia troppo corta). Al 19° giro distrazione per Mariofire sul rettilineo che porta alla “Stowe” con conseguente uscita sull’erba e testacoda Intanto anche Maverick sbaglia nel complex e si fa passare da Semiasso che diventa 6°. Al 20° e al 21° giro ci sono le soste di Kekkonen e Semiasso, al 22° quella di Viper, Fabracher ed Angy Speed; al 23° si ferma Maverick, mentre al 24° è il turno di Crazy Ivan. Dopo la fermata di quest’ultimo, torna in testa alla corsa Vins con circa 5 secondi di vantaggio sul pilota Midland. Terzo è Hugomir staccato di 8 secondi dal leader, poi Viper a quasi mezzo minuto. Da segnalare in questi frangenti i ritiri di Panos24 (incidente), Cobra (motore) e Piedone59 (motore). Intanto Visioner ha raggiunto Mariofire, inizia così una lotta serrata per il settimo posto, ma alla fine del 26° giro in un tentativo di attacco finisce largo e perde un po’ di terreno. Vede così comparire negli

Di DFP_client

specchietti la sagoma di Fabracher, che però scompare presto visto che il pilota Ferrari si gira nel complex. Sempre nel complex avviene il sorpasso al 29° giro di Hugomir ai danni di Crazy Ivan che aveva iniziato a soffrire di problemi di surriscaldamento ai pneumatici. Poco prima c’era stato un brivido per Vins a causa del doppiaggio di Maverick che era finito in testacoda proprio davanti a lui. Sempre al 29° giro Mariofire si ferma per la seconda sosta, mentre Emanuele la effettua alla tornata successiva; il primo rientra 10° dietro Maverick ed il secondo 7° dietro a Visioner. Al 31° giro è la volta della sosta per Hugomir, Crazy Ivan riesce così a tornare secondo nonostante la perdita di tempo dovuta all’involontario ostacolo rappresentato dal doppiaggio del compagno di squadra che gli si era girato davanti. Al 33° giro rientra anche Vins e Crazy Ivan scala un’ulteriore posizione riportandosi in testa alla corsa, ma con un vantaggio che ammonta a soli 4 secondi sulla Mclaren del leader della classifica piloti. Al 34° giro sono invece Beppe e Visioner a fermarsi, che rientrano in pista rispettivamente 6° (dietro ad Emanuele) e 8° (dietro a Fabracher). Per completare il quadro quindi, troviamo al momento Hugomir 3°, Viper 4° e più dietro 9° Maverick ed a seguire Mariofire, Semiasso e Kekkonen . Ritirati nel frattempo The Drake (problemi tecnici) e, dopo l’ennesima uscita di pista, Gio_jordi (gara decisamente da dimenticare in fretta per lui). Al 39° giro Crazy Ivan si intraversa leggermente alla curva “Club” perdendo così tutto il vantaggio che aveva su Vins, il quale si incolla immediatamente ai suoi tubi di scarico. Nel giro seguente il pilota Mclaren approfitta infatti di un leggero errore dell’avversario e lo passa in accelerazione in uscita dalla

“Club”, ma viene ripassato subito da Ivan alla staccata della “Abbey”. Al 41° giro è invece Vins a compiere un errore che sembrerebbe decisivo ai fini del risultato finale: all’uscita dell’ultima curva che immette sul rettilineo del traguardo tocca il cordolo esterno e finisce in testacoda. E’ molto fortunato però, sia perché dopo un 360° si ritrova con la vettura diritta, ma soprattutto perché sfiora un muretto che a quella velocità sarebbe stato molto probabilmente fatale per la sua corsa. Ma si sa la fortuna aiuta gli audaci e Vins non si dà per vinto credendo nella buona stella e nonostante i pochi giri al termine si rimette sotto per colmare il gap che ora ammonta a circa tre secondi. Ed infatti a soli due giri dal termine, Crazy Ivan sbaglia nel complex e si fa superare da Vins che non crede ai suoi occhi quando vede lo spazio per infilarsi in frenata. Finale quindi simile per certi versi a quello dello scorso anno quando Konch riuscì a beffare Therapy all’ultima curva dell’ultimo giro. Vins riesce poi nel finale a controllare gli attacchi della Midland e a chiudere la gara in testa. La vittoria va quindi al “cannibale” Vins, secondo è l’astro nascente Crazy Ivan e terzo un consistente Hugomir. Ai piedi del podio troviamo Viper, poi Beppe16v, Fabracher. 7° è Maverick che supera Visioner (8°) proprio all’ultimo giro. Fuori dai punti Semiasso, Angy Speed, Emanuele, Kekkonen e Mariofire (Emanuele e Mariofire si erano fermati qualche giro prima per problemi al motore). In classifica piloti Vins consolida ulteriormente il primato così come la Mclaren in quella costruttori. Prossimo appuntamento il 25 giugno in Germania sul circuito del Nurburgring.

PAGINA 10


LA GAZZETTA DI F1-FULLSIM N° 9– Giugno 2007 – Anno III°

VINS78 Pole position, giro veloce e vittoria: proprio una bella dimostrazione di forza la tua, che sottolinea ancora una volta il tuo ottimo stato di forma. Grazie, riuscire a ottenere il magico tris (pole, giro veloce e vittoria) è sempre una bella soddisfazione; anche se in questo è complice la strategia aggressiva scelta dal team. Su questa pista abbiamo optato per le due soste perchè, nei test, ci siamo resi conto che con la vettura più leggera il vantaggio era notevole...e alla fine abbiamo avuto ragione. Bèh....direi che per la Mclaren è stato un weekend perfetto! Con il primo e terzo posto abbiamo allungato ancora in classifica costruttori e per me anche nella classifica piloti. La gara però non è stata per niente facile, raccontaci del duello con Crazy Ivan. Infatti.....la gara è stata molto dura e incerta fino alla fine. Il mio primo stint era stato programmato per 16 giri...ma nei primi 7-8 purtroppo non sono riuscito a imprimere il ritmo che volevo. La prima parte è stata difficile perchè il tempo perso all'inizio poteva rivelarsi fatale alla fine. Dopo un secondo stint tiratissimo arriviamo all'ultima parte di gara con Crazy Ivan di poco davanti. Pochi giri dopo, grazie ad un suo errore in accelerazione alla Club, gli arrivo a pochi decimi. Da lì è iniziato un bellissimo duello risolto solo all'ultimo giro. Quando duelli con un pilota così forte come Ivan non è facile organizzare una manovra d'attacco....mi facevo vedere spesso nei suoi specchietti ma non trovavo il momento giusto per passare.....poi a 4-5 giri dalla fine (credo) un bellissimo incrocio in uscita alla Club e un controsorpasso suo alla S successiva.....ma subito dopo commetto un errore stupido...esco un po’ largo dall'ultima curva sul cordolo e mi giro; ho perso circa 3 sec....è finita! Continuo comunque a tirare e un giro dopo è Ivan a commettere un errore nel complex. Quando arrivo su di lui vedo uno spazio al'interno in ingresso all'ultima curva....è l'unica occasione che il pilota Midland mi ha concesso....non dovevo sbagliare! In testa negli ultimi 2 giri e con l'adrenalina a mille sono riuscito a difendermi e a portare a casa un'altra vittoria. Ma i miei complimenti vanno a Ivan per la tenacia e l'abilità dimostrata fino alla fine. E' un grande pilota e oggi lo ha dimostrato ancora una volta!! Sono contento di poter duellare con lui. Cosa prevedi per il Nurburgring? La pista ti è congeniale? Al Nurburgring ho dei bei ricordi....la mia prima gara in driver come

Di DFP_client collaudatore Toyota....e la mia prima vittoria. Bèh...spero di poter bissare questo risultato! La pista mi piace ma già nei test abbiamo notato che il setup non è semplice. Comunque lavoreremo duramente per essere competitivi nel week end del GP. Sono sicuro che Crazy Ivan vorrà subito rifarsi di Silverstone.....sarà un lungo duello con lui anche qui. Ciao alla prossima.

CRAZY IVAN Complimenti per la gara e per la vittoria sfiorata, raccontaci i momenti salienti. Beh…una gara ricca di emozioni, con una nuova sfida sul filo del rasoio con Vins con tanto di duello finale al cardiopalma! Entrambi ci siamo presentati qua a Silverstone a strategie invertite rispetto a Magny Cours (mettersi d’accordo una volta no, eh?) e penso che un po’ ci siamo spiazzati vicendevolmente, quindi fino al suo secondo pit la battaglia era sul ritmo di gara, e a quel punto mi sono trovato davanti a lui di pochi secondi e ce la siamo giocata fino alla fine. A segnare la mia gara un errore di valutazione dopo il mio unico pit, trovandomi davanti a Hugomir e pensando erroneamente non pittasse più ho chiesto un po’ troppo a me stesso e mi sono bruciato il treno di gomme, quindi gran controllo fino alla fine che mi è costato 3 errori di guida, l’ultimo dei quali fatale al penultimo giro che ha permesso a Vins di ottenere l’ennesima vittoria. Ciò che mi porterò dietro dall’Inghilterra è sicuramente il mio primo vero duello in pista. Devo aggiungere che a battagliare con Vins ho trovato molta correttezza, in alcuni frangenti è difficile tenere la testa connessa quando tutto il sangue affluisce al piede destro, eppure anche nella bagarre più intensa non c’è stato mai un contatto o una scorrettezza reciproca. Grande Vins, tanto di cappello! Visto che sei da poco in Driver, credi di avere ancora un margine di crescita, oppure sei già al top delle prestazioni? Mi auguro di sì, e comunque conosco i punti in cui devo ancora migliorare molto. Cerco sempre di essere critico con le mie performance valutando cosa ho fatto bene o meno bene o male. Finora sono riuscito ad avere una crescita continua, che mi ha portato a giocarmela da subito con i migliori della driver league, con i quali però accuso ancora un gap soprattutto a livello di esperienza. Sicuramente da lavorare ce n’è e tanto, sulla conoscenza della vettura e del setup, sul mio limite personale e sulla scelta della strategia di gara, infine uno dei miei obiettivi è imparare a guidare

senza il TC, ma pian piano ci sto lavorando. Pensi che al Nurburgring sarà ancora un duello tra te e Vins? Onestamente ritengo che il Nurburgring sia un tracciato complesso e tecnico, che necessiti di molto allenamento. Tuttavia difficilmente troverò molto tempo per allenarmi e probabilmente la mia prestazione sarà più opaca delle ultime. Se riuscirò da subito a trovare un buon feeling ed un setup competitivo comunque proverò a difendermi e portare a casa un po’ di punti prima della pausa estiva, che male non fanno. Sicuramente ci sarà gran battaglia, perché se è vero che Vins ha ormai un oceano di vantaggio in classifica di campionato, è pur vero che molti piloti possono contendersi agevolmente la seconda posizione. Che vinca il migliore (anzi no, lui no, che quest’anno non corre, fa solo da marshall….eheh).

HUGOMIR Complimenti per il terzo posto, anche se forse avresti sperato in un gradino più alto del podio. Grazie.....si bel risultato...anche se onestamente speravo in qualcosa in più, ma l'importante è esserci stato....,anche se non per tutta la gara,....insieme ai 2 diavoletti davanti a me.....davvero veloci!!! Non sei riuscito a tenere il passo dei primi due, hai avuto qualche problema particolare oppure qui loro erano semplicemente troppo veloci? Si....purtroppo non so il perchè...ma in gara succede sempre qualcosa che mi fa perdere almeno 0.5 sec. dal mio ritmo....,effettivamente nei test Vins78 (grande compagno e leader) era di pochissimo più veloce…ma eravamo lì....Crazy invece secondo me aveva un piccolo margine in più (su questa pista) rispetto a tutti...è riuscito con 1 sosta ad avere un ottimo ritmo di gara (bravo Crazy).... In definitiva.....quei 2 andavano davvero come un treno....BRAVI.....!!!! In classifica costruttori continuate ad allungare sugli avversari, che però sembrano crederci ancora…tu al momento come vedi la situazione? Si…davvero un'annata fantastica....il Team sta raggiungendo una costanza di punti eccezionale...direi inaspettata!!! Adesso il margine dalla BMW si è allungato ancora...ma non mi piace dormire su sonni tranquilli.....i rivali sono sempre lì a sfruttare un tuo errore..., quindi mi auguro al momento di continuare così...cercando di allungare sino ad una tranquillità matematica del punteggio......Forza Frecce d'Argento!!!!

PAGINA 11


LA GAZZETTA DI F1-FULLSIM N° 9– Giugno 2007 – Anno III°

I NUMERI DELLA DRIVER LEAGUE

RISULTATI INGHILTERRA 2007

PAGINA 12


LA GAZZETTA DI F1-FULLSIM N° 9– Giugno 2007 – Anno III°

I NUMERI DELLA DRIVER LEAGUE

CLASSIFICA 2007

PAGINA 13


LA GAZZETTA DI F1-FULLSIM N° 9– Giugno 2007 – Anno III°

DRIVER LEAGUE - Il Film della gara

Partenza

Viper su Cheyenne

Trio di testa

Visioner su Cobra

Fabracher e Maverick81

Mav,Beppe,Fab,Visioner

Cheyenne out

Hugomir su Crazy Ivan

Mariofire e Semiasso

Crazy Ivan vs Vins

Vins infila Crazy Ivan

Vince Vins78 PAGINA 14


Inghilterra 2007