Issuu on Google+


2


Questa pubblicazione è realizzata nell’ambito del progetto di incubazione di impresa “Techno Seed”, finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della legge 388/2000, bando 2 maggio 2001.

Il progetto, di durata quinquennale, è stato promosso e gestito da Friuli Innovazione Centro di ricerca e di trasferimento tecnologico, dall’Università degli Studi di Udine e dall’Ires FVG.

1


2


Techno Seed a supporto dell’imprenditorialità A quali condizioni una brillante intuizione o una scoperta scientifica possono diventare un’impresa in grado di creare valore per l’inventore e, più in generale, per la società? Gli avanzamenti della frontiera delle conoscenze realizzati attraverso progetti di ricerca di base e applicata dischiudono continuamente opportunità imprenditoriali che solo individui particolarmente attenti e dotati di spirito imprenditoriale sanno cogliere e trasformare in nuovi prodotti e tecnologie. Lo sviluppo di un’impresa da un’idea imprenditoriale è un percorso a ostacoli, nel quale il rischio che l’iniziativa venga abbandonata ancor prima di vedere la luce è elevatissimo: lo sfaldamento del team imprenditoriale, l’impossibilità di venire a contatto con finanziatori disposti a scommettere su idee innovative, l’incapacità di definire una “value proposition” capace di

soddisfare i bisogni del mercato potenziale sono tra i più tipici fattori di insuccesso dei progetti di impresa. Soprattutto nei settori ad alta tecnologia, dove le insidie di fallimento sono amplificate, le start up destinate al successo sono quelle che sanno sviluppare, coniugando ambizione e umiltà, una chiara visione strategica capace di sostenere il processo di crescita duratura dell’impresa. Il contributo degli incubatori d’imprese è proprio quello di irrobustire i team imprenditoriali con risorse e competenze complementari a quelle tecnologiche così da sostenerli nelle fasi di pre-startup, quando sono più vulnerabili, di accelerarne la crescita nelle prime fasi di vita – quando la priorità è affermarsi rapidamente sul mercato – e accrescerne le probabilità di sopravvivenza e sviluppo nel medio termine. Techno Seed può essere considerato a buon riguardo una best practice a livello nazionale – e non solo – di infrastruttura di supporto all’innovazione e all’imprenditorialità. L’incubatore del Parco Scientifico e Tecnologico di Udine si è distinto per la capacità di centrare con rapidità l’obiettivo della generazione di nuove imprese hi-tech: con un anno di anticipo rispetto alla tabella di marcia, quindici idee imprenditoriali si sono trasformate da progetto “su carta” in imprese regolarmente costituite e operanti. Ma quali sono le determinanti del successo del “modello Techno Seed”? In estrema sintesi, il fattore chiave sembra essere la capacità di creare capitale relazionale.

Una capacità che si traduce in primo luogo nel modello di governance, che vede il contributo del Ministero dello Sviluppo Economico convergere con quello di attori del territorio, quali Friuli Innovazione, Università di Udine e Ires FVG che hanno promosso il progetto. Il capitale relazionale ha permesso ai team incubati di accedere ai servizi in ambito tecnologico, manageriale e imprenditoriale offerti da una rete di professionisti selezionati; ma soprattutto, grazie al contributo di Friulia, Mediocredito FVG e di tutto il sistema creditizio regionale, alle start up viene finalmente reso possibile l’accesso al capitale di debito e di rischio. A questo proposito, va ricordato quello che è uno dei fiori all’occhiello di Techno Seed: il “Fondo speciale per start up innovative” che, unico in Italia, in tre anni renderà disponibili alle imprese incubate 1.100.000 Euro. La sfida che ora attende Techno Seed è quella dell’uscita dalla fase di start up per consolidarsi come istituzione del sistema regionale dell’innovazione collocata nella delicata fase della filiera della conoscenza che chiude il cerchio della valorizzazione della ricerca scientifica, portando le imprese nate dalla ricerca sul mercato.

Cristiana Compagno è Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Udine e professore ordinario di Strategie di Impresa. E’ stata Direttore Scientifico di Start Cup Udine e di Techno Seed. 3


4


Il progetto

5


6

Il quadro di riferimento

I partner

Techno Seed è uno degli 11 progetti di incubazione - unico nel Nord Est - finanziati a livello nazionale dal Ministero dello Sviluppo Economico nell’ambito del primo bando della legge 388/2000. L’obiettivo di tale bando è stato quello di promuovere ed attivare percorsi di formazione imprenditoriale nel campo dell’ICT (Information & Communication Technology), finalizzati alla creazione, a livello regionale, di nuove iniziative imprenditoriali ad alto contenuto tecnologico. Il progetto Techno Seed, formulato e presentato in conformità alle indicazioni del bando 2 maggio 2001, è stato approvato nel marzo 2003 e ha preso ufficialmente avvio un anno dopo. Il documento progettuale sottolineava l’esigenza di intervenire su una criticità peculiare dell’economia regionale all’inizio degli anni 2000: la difficoltà, rispetto al dato medio nazionale e all’area del Nord Est, nel creare nuove imprese e imprenditori. A tale criticità se ne associava una seconda: il ritardo della Regione Friuli Venezia Giulia relativamente alla dinamica di sviluppo aziendale nei settori dell’informatica e delle telecomunicazioni. Il progetto nasce quindi con l’obiettivo di creare nuove imprese nel settore di riferimento, stimolare la diffusione di una cultura imprenditoriale e rafforzare il rapporto dialettico tra l’Università e il sistema economico regionale, sia attraverso l’apporto di capitali e relazioni con il mercato da parte dell’universo produttivo, sia mediante una maggiore finalizzazione dell’attività di ricerca accademica alla dimensione operativa e applicativa.

Il partenariato è stato composto in modo da poter contenere al suo interno le competenze e le strutture logistiche necessarie per la realizzazione delle azioni previste dall’intervento.

Friuli Innovazione, Centro di Ricerca e di Trasferimento Tecnologico Friuli Innovazione nasce nel 1999 per favorire la collaborazione tra l’Università di Udine e il sistema economico friulano attraverso lo scambio di conoscenze tra ricercatori e imprese e l’utilizzo industriale dei risultati scientifici e tecnologici sviluppati all’interno dell’Ateneo. Nel 2004 la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia affida a Friuli Innovazione l’avvio e la gestione del Parco Scientifico e Tecnologico Luigi Danieli di Udine, lo spazio ideale dove trasformare idee in progetti, ricerca in prodotti. Friuli Innovazione offre servizi integrati e personalizzati per le imprese, la ricerca, le nuove idee di business, funzionali alla messa a punto di strategie, processi, tecnologie e risorse umane, per supportare e sviluppare l’innovazione in ogni sua fase. In particolare: ○○ promuove la collaborazione tra Impresa e Sistema della Ricerca Scientifica e Tecnologica rilevando le esigenze, ricercando e individuando le competenze tecnico scientifiche più idonee, attivando collaborazioni e fornendo supporto nella gestione di progetti di sviluppo; ○○ supporta le imprese e i ricercatori nelle attività di individuazione degli strumenti di finanziamento più adatti, nella ricerca di partner, nella verifica dei criteri di eleggibilità su programmi europei di ricerca


e sviluppo tecnologico, fondi strutturali europei, fondi nazionali, regionali e provinciali; ○○ assiste potenziali imprenditori nella creazione di imprese hi-tech e supporta la crescita e lo sviluppo di quelle già costituite; ○○ supporta le imprese insediate con l’offerta di spazi attrezzati.

Università degli Studi di Udine Nata nel 1978, l’Università di Udine si è rapidamente affermata tra le sedi accademiche di recente istituzione più innovative e complete, sia a livello nazionale che internazionale. Oltre a impegnarsi nella formazione superiore e nello sviluppo delle conoscenze scientifiche, compiti riconosciuti delle università, l’Ateneo udinese si è posto al servizio della società e del mondo produttivo ed economico, puntando in particolare sul trasferimento di tecnologie e conoscenze innovative. Udine è sede storica, in Italia, di corsi come Conservazione dei beni culturali, Ingegneria gestionale, Tecnologie alimentari ed Economia bancaria, ed è stata fra le prime università del Nord Italia ad attivare un polo informatico. La sua ampia offerta didattica si distingue oggi per la presenza di corsi legati allo sviluppo della società e delle nuove professioni. Dal 2004 l’Università di Udine ha attivato la sua Scuola Superiore, istituto per l’eccellenza, cui accedono per concorso i migliori studenti, fin dal primo anno di università. L’impegno nel campo della ricerca, di base e applicata, è testimoniato da diverse strutture ad alta specializzazione come l’Azienda agraria universitaria, l’Azienda ospedaliero-universitaria, i consorzi Friuli

Formazione, Cirmont e Friuli Innovazione. Oltre alla sede centrale di Udine, l’Ateneo è presente sul territorio friulano, con sedi a Pordenone, Gorizia, Cormòns, Gemona del Friuli e con varie iniziative a Tolmezzo, Cividale, Gradisca, Palmanova, Lignano Sabbiadoro, nonché a Mestre nel vicino Veneto.

Ires FVG L’Ires FVG – Istituto di Ricerche Economiche e Sociali del Friuli Venezia Giulia – è un’associazione no profit con personalità giuridica riconosciuta dalla Regione, attiva dal 1983. L’Istituto si occupa di attività di analisi e ricerca, consulenza ad aziende ed enti pubblici, formazione e orientamento, finalizzate alla promozione dello sviluppo economico, sociale, ambientale e culturale del Friuli Venezia Giulia. La presenza di tali molteplici fronti di attività e di specifiche aree tematiche di competenza, oltre che il forte legame con il territorio e il tessuto socioeconomico e istituzionale locale, rappresentano le caratteristiche peculiari dell’Istituto, che hanno permesso di condurre interventi di carattere innovativo fortemente radicati nel contesto di riferimento, assicurando l’elaborazione di progetti e attività di elevato livello qualitativo e rigore scientifico, oltre che di grande concretezza e rilevante carattere applicativo. L’Ires FVG è in possesso della certificazione del sistema qualità per le attività di progettazione, sviluppo, gestione ed erogazione di interventi formativi, in conformità alla norma UNI EN ISO 9001:2000.

7


Il percorso

imprenditoriali per l’accesso alle successive fasi del progetto.

Friuli Innovazione, Università degli Studi di Udine e Ires FVG, con questa iniziativa, hanno inteso fornire un servizio di accompagnamento a 36 potenziali imprenditori al fine di redigere il business plan della loro iniziativa economica. L’obiettivo finale originario di Techno Seed era quello di avviare 12 nuove aziende e supportarle per il primo triennio di attività. Il progetto ha coperto territorialmente tutta la Regione Friuli Venezia Giulia, con particolare riferimento al suo universo accademico e produttivo. Destinatari privilegiati dell’intervento sono stati infatti laureati, laureandi, dipendenti, ricercatori, professori, dottorandi, assegnisti e dottori di ricerca delle Università regionali; insegnanti in discipline scientifiche delle scuole medie superiori regionali; quadri, tecnici e altre risorse umane operanti nel settore dell’informatica e delle telecomunicazioni o in ambiti ad esso collegati. Il progetto Techno Seed si è articolato in tre fasi interconnesse l’una all’altra:

2. Sviluppo del progetto imprenditoriale: ha fornito consulenza e supporto necessari alla messa a punto di un piano di impresa completo (Business Plan Definitivo) attraverso l’attivazione di due laboratori, uno tecnologico ed uno imprenditoriale. L’ammissione ai laboratori ha consentito ai gruppi di fruire di un supporto continuo da parte dei tutor e di accedere ad altri servizi quali consulenze professionali, borse di studio, attrezzature informatiche per lo sviluppo tecnico del trovato e ricerche di competenze scientifiche. L’attività all’interno dei laboratori si è conclusa con l’elaborazione di un documento definitivo finalizzato ad un ulteriore processo di selezione ad opera del Comitato Tecnico Scientifico che, da progetto originario, poteva ammettere alla fase di avvio e incubazione fino a 12 gruppi imprenditoriali.

1. Formazione imprenditoriale: ha fornito un primo approfondimento sulle competenze necessarie ad avviare e gestire un’impresa, attraverso incontri formativi, seminari tematici relativi ai vari aspetti del “fare impresa” e corsi di formazione sul business planning, integrati da un servizio di tutoraggio individualizzato per la redazione di un piano di impresa preliminare (Business Plan Provvisorio) della propria idea imprendioriale. Alla fine della fase di formazione il Comitato Tecnico Scientidico ha selezionato 36 gruppi 8

3. Avvio dell’impresa e incubazione: ha fornito servizi avanzati di consulenza strategica e finanziaria attraverso un albo di competenze altamente qualificate in campo tecnologico e aziendale, assistenza nella fase di start up, networking, supporti finanziari per l’avvio d’impresa e ricerca di ulteriori fonti, incubazione all’interno degli spazi del Parco Scientifico e Tecnologico di Udine, mentoring. Nella fase iniziale, il progetto e i suoi servizi sono stati presentati su scala regionale al fine di promuovere l’iniziativa nei confronti dei potenziali destinatari. Tra i molteplici contatti, nazionali ed esteri, nello specifico, si contano: 430 imprese operanti nel settore ICT, 66 organizzazioni (associazioni di categoria, agenzie di consulenza, enti pubblici e privati impegnati nel campo della formazione, creazione d’impresa e ricerca scientifica, ecc.), 18 scuole secondarie superiori regionali e 30 incubatori (di cui due statunitensi). Molti utenti sono stati raggiunti attraverso il sito Internet del progetto: www.technoseed.it (30.000 contatti) e la partecipazione a varie edizioni di fiere quali “InnovAction”, “S.I.G.L.A.”, “Salone dello studente”, durante le quali sono state fornite informazioni sull’attività e le opportunità offerte dall’incubatore.


Organizzazioni contattate

Formazione imprenditoriale L’azione di formazione imprenditoriale è stata attivata con l’obiettivo di sviluppare e diffondere una cultura imprenditoriale presso il mondo universitario, scolastico e produttivo e di stimolare la nascita e l’adesione al progetto da parte di team imprenditoriali portatori di nuove idee nel campo dell’ICT. Considerato che i gruppi imprenditoriali, spesso formati da ottimi tecnici e/o ricercatori, non sempre potevano contare su competenze in campo economico, amministrativo o di comunicazione, il contenuto delle azioni formative ha riguardato temi quali la

Utenti raggiunti

redazione di un business plan, la tutela della proprietà intellettuale, le forme giuridiche e gli adempimenti per l’avvio d’impresa, la fiscalità delle imprese. Secondo il progetto originario la formazione doveva concretizzarsi attraverso l’organizzazione di 20 seminari formativi e di orientamento imprenditoriale per un totale di 400 destinatari raggiunti. In fase realizzativa poi, considerata l’esigenza di approfondire alcuni aspetti peculiari del fare impresa, manifestata durante la varie edizioni della business plan competition Start Cup, si è deciso di offrire un percorso formativo di base completo nel quale associare ai seminari già previsti, corsi di orientamento più ampi e finalizzati alla costituzione d’impresa. In dettaglio, sono stati organizzati 6 corsi relativi ai metodi e alle tecniche di redazione di un business plan che hanno trattato tematiche quali la descrizione della business idea, l’attrattività del mercato, l’analisi della concorrenza e le strategie di marketing, gli assetti organizzativi e la composizione del management team, la protezione della proprietà intellettuale e il piano economicofinanziario. Sono stati inoltre progettati e realizzati 32 seminari (12 in più rispetto alla quota prevista in fase di progettazione). Le tematiche trattate sono state molte, ad esempio: i finanziamenti per le imprese e le start up innovative; la pianificazione e il controllo di gestione; la comunicazione aziendale, la tutela dei risultati, il lavoro di gruppo, ecc… I partecipanti ai corsi e seminari, potenziali futuri imprenditori, sono stati complessivamente circa 1000. Nel 28% dei casi si è trattato di persone diplomate, mentre nel 72% dei casi di laureati o persone in possesso di un titolo di studio superiore (dottorato, master, …). Il 31% dei partecipanti è provenuto dalla reatà accademica, mentre il 69% dal mondo produttivo. Nel corso degli anni si è registrato un continuo ampliamento dei partecipanti provenienti dal sistema delle imprese; questo ha costituito un importante presupposto per la creazione di nuova imprenditorialità. In particolare, lo sviluppo dei team e la nascita delle imprese hanno reso possibile 9


una progettazione di corsi e seminari formativi in linea con le reali esigenze dei potenziali utenti e neo imprenditori, consentendo di focalizzare i momenti di formazione sugli argomenti più importanti per la creazione d’impresa.

Selezione delle idee imprenditoriali La valutazione dei piani d’impresa partecipanti al progetto Techno Seed è stata effettuata da un Comitato Tecnico Scientifico (CTS), presieduto dal Direttore Scientifico del progetto e costituito da 9 membri con competenze economico-finanziarie e nel campo dell’ICT. Il Compito del CTS è stato quello di valutare i business plan provvisori per l’accesso dei potenziali imprenditori alla fase di sviluppo nonché selezionare i piani d’impresa definitivi per la fase di avvio. L’analisi delle domande è avvenuta attraverso una prima valutazione sull’affinità del progetto al settore di riferimento (ICT) e sulla realizzabilità tecnica, che hanno rappresentato i requisiti di ammissibilità. In seguito il Comitato ha proceduto con la valutazione e la selezione dei progetti in base a due macro-criteri: 1. composizione della compagine imprenditoriale (con un peso del 20% sul totale) in termini di coerenza dei curricula vitae dei proponenti con l’idea imprenditoriale; 2. coerenza e qualità del progetto d’impresa (con un peso dell’80% sul totale) tenendo conto del tasso di innovazione dell’idea risultato della ricerca, dello stadio di avanzamento e del grado di appropriabilità dei risultati inventivi, dell’attrattività del mercato di riferimento e della fattibilità economico-finanziaria del progetto, delle strategie di marketing e della completezza del business plan. Il CTS ha valutato le domande basandosi su un principio di eccellenza, atto a riconoscere meritevoli esclusivamente i progetti di elevato profilo tecnico-scientifico. Gli individui facenti parte i team che hanno proposto le loro idee sono stati in totale 180, dei quali il 72% della provincia di Udine, il 15% delle altre province regionali mentre il rimanente 13% di fuori Regione. 10

Proponenti di idee imprenditoriali per area geografica

Delle persone che hanno proposto i business plan, il 58% dei candidati è in possesso di una laurea, il 22% ha un titolo di studio superiore (dottorato, master), mentre il 20% è diplomato.

Proponenti di idee imprenditoriali per titolo di studio

Sviluppo del progetto imprenditoriale Su 51 progetti presentati, sono stati ammessi a questa fase di sviluppo 36 idee d’impresa proposte da gruppi di aspiranti imprenditori. Lo scopo di questa fase è stato quello di indagare, utilizzando lo strumento del Business Plan, la realizzabilità concreta dei progetti


imprenditoriali. Proprio per questo è stato adottato un indice molto dettagliato del piano d’impresa che include sia elementi di analisi strategica, di mercato e tecnologica, sia elementi di natura organizzativa e finanziaria.

○○ tutoraggio imprenditoriale; ○○ tutoraggio tecnologico; ○○ utilizzo di attrezzature informatiche; ○○ accesso a borse di studio; ○○ consulenze.

Business plan provvisori

L’accompagnamento durante la fase di stesura del business plan ha permesso ai potenziali imprenditori di fare una approfondita valutazione della business idea e di sviluppare il progetto nei minimi particolari al fine di ridurre l’incertezza nella fase di avvio. Anticipare certe decisioni e prefigurare come potrà svilupparsi l’azienda nel prossimo futuro consente infatti di avere dei parametri di controllo del corretto andamento del business, e di predisporre come riserva delle alternative strategiche al verificarsi di eventi prevedibili o del tutto imprevisti. I principali supporti previsti in questa fase sono stati:

Nel processo di sviluppo dei progetti imprenditoriali all’interno di Techno Seed sono state coinvolte principalmente due figure professionali: il tutor imprenditoriale e il tutor tecnologico. Il primo ha accompagnato il potenziale imprenditore o il gruppo in tutte le analisi economiche necessarie allo sviluppo dell’iniziativa fino alla stesura di un business plan completo. Il tutor tecnologico invece ha seguito in particolare la valutazione della fattibilità tecnica dell’idea, la pianificazione delle attività di sviluppo tecnologico e ha offerto consulenza in merito agli strumenti da utilizzare più adatti allo scopo. Nell’arco della vita del progetto, sono state erogate 180 consulenze imprenditoriali (tutorship), inerenti: la scelta della forma giuridica e degli assetti organizzativi dell’impresa; l’analisi di mercato; le strategie di comunicazione e marketing; le problematiche relative al finanziamento degli investimenti; l’assetto strategico dell’area d’affari e lo sviluppo di potenziali opportunità e collegamenti con le realtà già esistenti; la strumentazione necessaria per una corretta preventivazione economica e finanziaria. Il tutor imprenditoriale all’interno di Techno Seed ha svolto anche il ruolo di tutor aziendale erogando servizi di consulenza alle imprese già avviate (v. Avvio

Paolo Emilio Zilli Tutor imprenditoriale e aziendale

Paolo Omero Tutor tecnologico

11


dell’impresa e incubazione). Per quanto riguarda il laboratorio tecnologico, nell’arco dei cinque anni di durata del progetto, sono state erogate 152 tutorship che hanno riguardato temi quali la valutazione della fattibilità tecnologica e delle potenzialità di sviluppo dell’idea, l’identificazione e valutazione del materiale informatico necessario per lo sviluppo tecnologico, la ricerca del laboratorio di riferimento in ambito universitario per lo sviluppo del progetto. Sono inoltre stati implementati i business plan, con accertamento e risoluzione delle criticità inerenti gli aspetti tecnologici e l’individuazione di nuovi scenari applicativi e di possibili partner commerciali. I due tutor si sono avvalsi del contributo di consulenti specifici quali

sviluppo tecnologico delle loro idee.

Avvio dell’impresa e incubazione Nel momento in cui l’idea imprenditoriale è risultata realizzabile, il percorso è proseguito con la valutazione del business plan da parte del CTS e la successiva nascita della nuova attività. I supporti previsti per le aziende che sono giunte alla fase di Avvio sono stati i seguenti: ○○ tutoraggio aziendale; ○○ consulenze professionali specifiche; ○○ contributi e assistenza finanziaria; ○○ incubazione; ○○ mentoring.

Tutorship erogate

esperti di piano e di strategia d’impresa, di brevettazione, avvocati, commercialisti, consulenti di marketing, tecnici informatici, la cui consulenza si è dimostrata essenziale per i gruppi imprenditoriali. Techno Seed ha previsto inoltre l’erogazione di una borsa di studio annuale per un componente di ogni gruppo imprenditoriale. In particolare, sono state erogate 25 borse di studio a persone disoccupate o inattive, per un totale di 73 rate trimestrali di oltre 1.500 Euro ciascuna. Un ulteriore supporto è consistito nella messa a disposizione, per i gruppi imprenditoriali, di strumenti software e hardware per lo 12

Il primo servizio è stato attivato grazie alla realizzazione di un laboratorio aziendale nel quale il tutor si è messo a disposizione dell’imprenditore come supporto esperienziale per affrontare le scelte più importanti dell’avvio della nascente iniziativa. Il tutor ha rappresentato un punto di riferimento, specialmente nelle decisioni di particolare rilevanza per la vita dell’azienda e nei momenti di maggiore difficoltà. L’attività di tutoraggio ha favorito il superamento della fase di avvio dell’impresa facendone diminuire i rischi tipici ma ha anche migliorato le capacità gestionali dei titolari d’azienda. Complessivamente il laboratorio aziendale ha erogato 92 tutorship a favore delle imprese, trattando nello specifico le problematiche legate alla costituzione delle società, alla programmazione e controllo dello stato di avanzamento delle attività. Sono stati inolte affrontati temi quali l’approccio commerciale al cliente e i supporti per rendere l’azione promozionale maggiormente efficace, l’analisi della situazione finanziaria ed economica e della sua prevedibile evoluzione nel tempo. Il tutor, ove necessario, ha potuto anche attivare consulenze specifiche. Per favorire la ricerca dei professionisti/specialisti esterni


rispetto al team attuatore del progetto sono stati individuati ed iscritti in un apposito Albo 126 consulenti, raggruppati in tre liste distinte:

quelle relative alla tutela dei trovati. A sostegno dell’avvio delle start up, il progetto ha previsto un supporto finanziario, che si è concretizzato nell’erogazione di un contributo a fondo perduto di 20.000 Euro a favore di ognuna delle imprese costituite.

Albo dei consulenti

○○ esperti in business administration (76); ○○ esperti in management dell’innovazione, trasferimento tecnologico e tutela della proprietà intellettuale (25); ○○ esperti in project management nel campo dell’ICT (25). Gli iscritti all’Albo provengono nel 72% dei casi dalla provincia di Udine, nel 6% da quella di Pordenone; nel 4% dalla provincia di Gorizia e nel 3% da quella di Trieste. Il 15% degli iscritti risiede fuori regione. Alle imprese costituite e ai gruppi imprenditoriali sono state complessivamente erogate 33 consulenze con professionisti iscritti nelle liste. Le consulenze, nella maggior parte dei casi, hanno riguardato l’approfondimento dei temi legati alla costituzione della società. Sono state numerose anche le consulenze relative ai molteplici aspetti del marketing e della definizione dell’immagine aziendale. Grande peso hanno avuto infine le consulenze di tipo informatico e

Tipologia di consulenza erogata

Le start up hanno potuto così investire nell’acquisto di beni o di diritti strumentali all’attività avviata, in consulenze accessorie rispetto a quelle previste e finanziate dal laboratorio aziendale o, infine, in personale addetto alle attività di ricerca svolte dall’azienda. A completamento dei servizi di assistenza finanziaria ed in risposta alla necessità generalizzata di maggiore accessibilità dei meccanismi di sostegno finanziario, sono stati creati alcuni strumenti “ad hoc”, ideati all’interno di un tavolo di lavoro. E’ stato così costituito il Comitato Finanziario (CF), formato dai rappresentanti di alcuni istituti di credito localizzati in Regione, dalla Finanziaria regionale e da alcuni enti di supporto alle imprese. Il Comitato ha dato vita al “Fondo speciale per start up innovative”, grazie al quale le imprese nate all’interno dell’incubatore hanno potuto contare su due nuovi strumenti finanziari (v. Best Practice). Rispetto a quanto originariamente previsto, il progetto ha dato la possibilità alle imprese coinvolte di essere ospitate all’interno 13


del Parco Scientifico e Tecnologico di Udine. In particolare, le start up hanno potuto usufruire di un ufficio arredato e perfettamente funzionale di 20 mq. con alcune postazioni lavoro ed una reception centralizzata, avendo a disposizione connessioni Internet e ADSL e strumentazione d’ufficio (fax, fotocopiatrice, ecc..), nonché spazi pubblici per eventi e manifestazioni (sale riunioni, video conferenze, ecc…) ad un canone agevolato. Di questa opportunità hanno usufruito 13 aziende presso la sede centrale del Parco Scientifico e Tecnologico in Via Jacopo Linussio a Udine o presso le due sedi decentrate nella zona artigianale udinese (via Oderzo) e nei locali di Tavagnacco (via Nazionale). Uno degli aspetti più importanti per le start up, garantito dal fatto di essere localizzate all’interno del Parco Scientifico e Tecnologico, è stato il networking, ossia l’incremento delle opportunità di contatto e di collaborazione tra realtà diverse (imprese operanti nell’alta tecnologia, banche e fondazioni, Università e centri di ricerca, istituzioni locali) che ha favorito la crescita delle imprese e la nascita di idee e sinergie poi tradotte in nuovi progetti e prodotti. Nell’ultimo periodo di riferimento del progetto, al fine di potenziare lo sviluppo delle imprese, Techno Seed ha messo a disposizione il servizio di mentoring. I mentori sono volontari qualificati che provengono da comunità accademiche, imprenditoriali e associazionistiche. Le loro carriere comprendono un’ampia gamma di professionalità e ruoli che vanno da soci fondatori di società a presidenti, da amministratori delegati a responsabili tecnico-scientifici, da esperti di finanza a direttori di associazioni e partnership di successo. Essi sono reclutati per la loro esperienza in ambito imprenditoriale e finanziario, in pianificazione strategica e gestione manageriale, per le competenze tecniche nonché per il loro impegno al supporto dell’imprenditorialità. L’idea di attivare un servizio di mentoring è nata a seguito della collaborazione con il Venture Mentoring Service del Massachussetts Institute of Technology (M.I.T.) di Boston che promuove attività a favore delle idee imprenditoriali e start up tecnologiche. In particolare, il servizio del M.I.T. è nato nel 2000 dal presupposto che un’impresa in fase di avvio ha maggiori probabilità di successo se 14

nasce dalla combinazione tra un’idea, un buon business plan e un imprenditore con esperienza. Il Venture Mentoring Service eroga i propri servizi attraverso mentori volontari selezionati per la loro esperienza ed entusiasmo nei confronti del progetto. Allo sviluppo del servizio di mentoring di Techno Seed ha contribuito anche l’ingresso dell’incubatore nella rete europea di incubatori ICT Achieve (v. Best Practice). Techno Seed ha infine attivato una partnership con Confindustria di Udine, per offrire alle imprese incubate assistenza, consulenza

Business plan definitivi

e, soprattutto, l’accesso alla rete di conoscenze e di relazioni di Confindustria. Dei 20 progetti definitivi presentati al Comitato Tecnico Scientifico, 15 sono diventati impresa, 4 non hanno superato la selezione del CTS, mentre uno ha abbandonato successivamente l’idea di costituirsi. Le imprese nate da Techno Seed sono tutte costituite da una compagine composita (dai 2 agli 8 soci con una media di 4) e mai da un imprenditore individuale. Questo è dovuto probabilmente al fatto che per realizzare idee complesse dal punto di vista tecnologico generalmente è necessaria la collaborazione di un team multidisciplinare che segue i diversi aspetti tecnologici alla


base dell’idea imprenditoriale e contemporaneamente gli aspetti strategico-gestionali dell’impresa. Riguardo alle attività svolte dalle imprese nate nell’incubatore Techno Seed all’interno del macro settore ICT, si può affermare che prevalga la progettazione e lo sviluppo di software per applicazioni aziendali o di ricerca (33%); una percentuale importante, il 20%, è relativa alle aziende che si occupano di software applicativi nel

Soci e dipendenti delle imprese Techno Seed

Specializzazione delle imprese

campo dei dispositivi mobili quali cellulari e palmari. Il 13% delle imprese si occupa di tecnologie per l’ambiente, un altro 13% è rappresentato da start up che svolgono un’attività legata alla sicurezza, mentre il restante 21% è suddiviso tra le start up che offrono servizi di architettura informatica alle imprese (7%), strumenti di e-learning (7%) e di misurazione (7%). Le 15 imprese create occupano, alla fine del progetto, 74 persone e sono in continuo aumento le assunzioni di nuovo personale e le collaborazioni attuate. Poichè il percorso che porta un individuo a divenire imprenditore è un processo molto complesso, per il quale non è necessario solo disporre di una valida idea imprenditoriale, bensì di una forte

Percorso dei progetti imprenditoriali

motivazione e di una determinata esperienza professionale, non tutti i progetti selezionati per l’accesso alla fase di sviluppo sono diventati impresa. Tre progetti sono stati selezionati per la creazione d’impresa senza il passaggio attraverso la fase di sviluppo, perché già analizzati e valorizzati in un business plan definitivo, ma dei 36 progetti che 15


hanno avuto accesso alla fase di sviluppo, solo 12 sono diventati impresa con un tempo medio per lo sviluppo del business plan di circa 9 mesi. In termini percentuali, dei progetti imprenditoriali che hanno avuto accesso alla fase di sviluppo, il 36% è diventato impresa (il 33% grazie proprio a Techno Seed), il 22% è invece ancora nella fase di sviluppo e necessita di un’ulteriore periodo di analisi. Il 28% dei progetti non è stato realizzato perché abbandonato durante il percorso, mentre il 14% dei piani è stato concretizzato ed è quindi in atto, anche se non attraverso la costituzione dell’impresa.

Le caratteristiche distintive La contiguità con il progetto Start Cup Techno Seed è stato implementato in stretta contiguità con iniziative progettuali come Start Cup Udine, della quale ha costituito un ideale complemento per il concreto impatto economico e territoriale. Start Cup Udine è una business plan competition promossa dall’Università di Udine e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Udine e Pordenone al fine di stimolare la creazione di spin off da ricerca e mettere i partecipanti in condizione di affrontare adeguatamente la fase di start up. La competizione non prevede la messa a disposizione delle risorse e strutture necessarie per coltivare e incubare le imprese da attivare, opportunità al contrario offerta nell’ambito di Techno Seed. Il valore aggiunto del progetto è consistito quindi nella possibilità di accogliere i business plan già elaborati e assicurare la fornitura dei servizi a “valle” di incubazione e consulenza allo start up.

16

La dimensione specialistica Una della caratteristiche principali di Techno Seed è stato anche il carattere fortemente tecnologico delle imprese da avviare. L’intervento, infatti, ha messo in gioco un know-how ad alto valore economico come quello specificamente riferito alla produzione di beni e servizi nel settore dell’Information & Communication Technology, entro il quale divengono preminenti i comparti delle telecomunicazioni e dell’informatica classica (hardware, software e servizi). Particolare importanza, nel dare forma concreta a questa dimensione specialistica, ha assunto il laboratorio tecnologico attivato nell’ambito dell’azione di sviluppo imprenditoriale. Esso ha utilizzato le conoscenze scientifiche maturate nel contesto universitario della ricerca per fornire assistenza tecnica ai neo-imprenditori nell’avviare aziende innovative in grado di veicolare rapidamente la loro specializzazione e favorire così cambiamenti strutturali per la crescita del mercato e la qualificazione della forza lavoro. La dimensione specialistica dei progetti ha interessato e interessa, in particolare, le tecnologie innovative per lo sviluppo dei software e per il web, le nuove architetture di reti e servizi telematici, la progettazione di programmi per la pianificazione e la schedulazione della produzione, ecc. Si tratta di attività che si diversificano rispetto a quelle delle imprese tradizionali del settore ICT e costituiscono un valore aggiunto per il contesto economico regionale.

I processi di spin off Il progetto Techno Seed è ricorso espressamente alla strategia dello spin off, promuovendo processi di generazione di imprese da un’idea innovativa o


dalla ricerca. La caratteristica di novità può essere individuata negli effetti derivanti dall’applicazione della strategia dello spin off: la sinergia tra l’Università e il sistema produttivo, oltre ad avvicinare due mondi tradizionalmente “distanti”, va a beneficio delle realtà produttive già esistenti che possono avviare processi di gemmazione in attività diverse da quelle originarie e caratteristiche, oppure avvalersi delle nuove tecnologie commercializzate e diffuse dalle neo-imprese. Il valore aggiunto dello spin off, inoltre, risiede nell’apportare modifiche al contesto industriale in essere e costituire un valido indicatore di quanto lo sviluppo di un’area possa caratterizzarsi per l’incidenza di nuovi insediamenti.

Best Practice L’obiettivo principale di Techno Seed nei 5 anni di durata, ovvero la creazione di 12 imprese, è stato raggiunto e superato, visto che già quasi un anno prima della conclusione del progetto le imprese costituite erano 15. Alcuni risultati non previsti dal progetto originario, ma voluti al fine di rendere l’incubatore sostenibile in futuro, sono diventati delle vere e proprie best practice.

Strategia Finanziaria Innovativa Oltre al contributo a fondo perduto messo a disposizione dal Ministero dello Sviluppo Economico per ogni start up, è stato creato il “Fondo speciale per start up innovative”, grazie al sostegno di alcuni dei maggiori istituti di credito regionali (Mediocredito del Friuli Venezia Giulia Spa, Banca Popolare FriulAdria Spa, Cassa di Risparmio del Friuli Venezia Giulia Spa, Federazione delle Banche di Credito Cooperativo del Friuli Venezia Giulia, Banca di Cividale Spa e Nord Est Banca Spa) e della finanziaria regionale Friulia Spa. Le nuove imprese hanno potuto contare su due strumenti finanziari innovativi che

supportano, e continueranno a farlo in futuro, progetti d’impresa sulla base della validità del business plan tecnologico: 1. da un lato la finanziaria regionale Friulia Spa ha dato la disponibilità ad investire nel capitale di rischio delle start up, fino ad un massimo di 200.000 Euro all’anno per tre anni; 2. dall’altro, è stato costituito un fondo rotativo gestito da Mediocredito FVG e formato dal capitale erogato dai singoli istituti di credito, per l’erogazione di finanziamenti da 10.000 a 50.000 Euro a tasso agevolato e senza garanzie. Questo fondo rappresenta un risultato d’eccellenza ed è l’esempio di come l’innovazione possa esse applicata anche al settore del credito. Una volta entrato a regime, il “Fondo speciale per start up innovative” prevede la gestione di un totale di 1.100.000 Euro di cui 600.000 Euro destinati ad operazioni Equity, 250.000 Euro per operazioni non Equity che vanno a sommarsi ai 250.000 Euro erogati come contributo a fondo perduto. Alcune delle imprese nate all’interno di Techno Seed hanno già potuto usufruire di questo strumento essenziale per la loro crescita.

Collaborazioni a livello internazionale Dal 2007 Techno Seed è partner della rete Achieve, un network che riunisce oltre una ventina tra i migliori incubatori europei specializzati nel settore ICT. La rete, finanziata dalla Comunità Europea e coordinata dal Centro per l’imprenditorialità dell’Università di Cambridge, offre agli incubatori la possibilità di migliorare le proprie performance attraverso l’impiego di metodologie per lo sviluppo di competenze manageriali, l’applicazione di strumenti avanzati a supporto delle start up tecnologiche, l’utilizzo di strategie di coaching e 17


mentoring. In particolare, attraverso l’adozione dell’approccio valutativo definito TTA – Technology Transfer Acceleration, messo a punto dal Fondo Europeo per l’Investimento, si vuole garantire alle start up selezionate un accesso più rapido ai finanziamenti privati, la cui mancanza risulta spesso motivo di insuccesso per le nuove imprese. Tra gli obiettivi ultimi della rete Achieve è necessario sottolineare la definizione di uno standard di certificazione europeo per gli incubatori specializzati nel settore ICT che garantisca la qualità del percorso formativo offerto ai neo imprenditori e l’innovatività tecnologica proposta dalle start up incubate, per facilitare successive operazioni di investimento a favore dell’impresa e per agevolare un ingresso efficace sul mercato.

Conclusioni

Nel 2007, Techno Seed ha ricevuto l’Award di qualità nell’ambito di “Sfide: dalla buona pratica alla buona amministrazione”, iniziativa promossa a livello nazionale da Forum PA e dalla presidenza del Consiglio dei Ministri, per la valorizzazione e lo sviluppo del territorio. In particolare, il tema di Sfide 2007, “Scelte strategiche di sviluppo: valorizzare le vocazioni e gli asset territoriali”, è stato rivolto a progetti per lo sviluppo del territorio che – sulla base di una analisi delle potenzialità e delle opportunità – si sono proposti di rafforzare una o determinate vocazioni del territorio individuate come fattore chiave di sviluppo e caratterizzazione economico-produttiva.

Con Techno Seed è stato creato in Friuli Venezia Giulia un modello di incubatore d’impresa nel settore dell’ICT. Questa struttura ha permesso, grazie ai soggetti promotori, ma anche grazie ad altri enti e istituti che si sono aggiunti in seguito, di offrire una rete di servizi ad alto valore aggiunto destinati ai gruppi imprenditoriali. Tra questi, anche servizi non previsti nel progetto originario, quali l’incubazione, il mentoring, l’accesso a nuovi strumenti di finanziamento agevolato, una rete di contatti a livello internazionale, la ricerca di partner e il supporto nella partecipazione a bandi per il raggiungimento di contributi regionali, nazionali e comunitari nell’ambito delle attività di ricerca tecnologica. L’integrazione dell’offerta rispetto alle previsioni iniziali e la complementarietà e lavoro di gruppo dei promotori dell’iniziativa hanno senz’altro favorito il raggiungimento e il superamento dell’obiettivo principale del progetto, giungendo alla creazione di 15 nuove imprese operanti nel settore dell’ICT.

Techno Seed nel 2008 è stato inserito nell’elenco dei casi di eccellenza pubblicato dal Ministero per la

Alla sua conclusione per l’incubatore si aprono alcune importanti sfide:

Riconoscimenti

18

Pubblica Amministrazione e l’Innovazione, guidato dal Ministro Renato Brunetta. L’iniziativa è nata per valorizzare gli esempi di grande professionalità, di innovazione, di coraggio nella sperimentazione di nuove soluzioni tese a ridurre i costi, migliorare i servizi, rispondere al meglio alle esigenze di cittadini e imprese. L’elenco dei progetti è pubblicato nella sezione “Casi selezionati” del sito Internet www.nonsolofannulloni. forumpa.it, realizzato dal Ministero in collaborazione con Forum PA.


○○ la capacità di mantenere e ampliare l’offerta attraverso l’ottenimento di nuovi finanziamenti sia di natura pubblica che privata; ○○ l’ampliamento dei settori delle imprese incubate, all’interno dell’ambito hi-tech; ○○ l’allargamento del confine di azione dell’incubatore, attualmente regionale, a livello nazionale e comunitario in particolare grazie alle partnership con il progetto Achieve, ora Achieve More, e la rete dei Parchi scientifici e tecnologici italiani Apsti; ○○ il potenziamento dei servizi finanziari di supporto ai neo imprenditori con il maggiore coinvolgimento dei finanziatori informali; ○○ il consolidamento del servizio di mentoring. Così facendo, Techno Seed potrà continuare a offrire i servizi sperimentati e dar vita a nuove imprese, con ricadute sotto il profilo dell’occupazione, dell’innovatività del tessuto produttivo e del potenziamento del trasferimento tecnologico tra il mondo della ricerca e il sistema economico locale.

19


20


Staff Friuli Innovazione, coordinatore del progetto (da sinistra) Elisa Micelli Claudia Baracchini Samantha Sanfilippo Elena Piccinato

Staff Ires FVG (da sinistra) Michela Comuzzo Elisa Candotti Alessia Comar Sabina Puppo Monica Serra

Staff UniversitĂ  di Udine (da sinistra) Sandra Salvador Manuela Croatto Serena Marchetti 21


22


Le imprese

23


AllTeK Innovation Tecnologie e conoscenze per l’innovazione nelle misure e nel controllo dei processi.

AllTeK Innovation, acronimo di All Technologies and Knowledge for Innovation, è una società fondata nel 2004, come proseguimento delle attività di ricerca e sviluppo svolte da un team di ricercatori in seno ai laboratori APL (Artificial Perception Laboratories) del Dipartimento di Elettrotecnica Elettronica e Informatica dell’Università di Trieste per vari enti pubblici ed aziende, quali ad esempio gruppi internazionali leader nel campo dei sensori per applicazioni industriali e domestiche, nel supporto all’innovazione dei loro prodotti e servizi. Il gruppo dei soci fondatori è composto da due ingegneri elettronici ed un esperto in chimica farmacologica. Una rete di esperti esterni appartenenti ad ambiti sia industriali che universitari garantisce il supporto necessario per lo svolgimento di un’attività tipicamente multidisciplinare.

Attività e servizi Il “core business” di AllTek Innovation è l’attività di Ricerca e Sviluppo nell’ambito dei sensori, della strumentazione di misura e del supporto alle decisioni. Tra i servizi offerti:

E-mail: info@alltekinnovation.com Sito Web: www.alltekinnovation.com 24

`` consulenza e attività di ricerca e sviluppo nell’ambito di sensori per la misura di grandezze chimiche, fisiche, biologiche; `` ricerca e sviluppo nell’ambito della strumentazione di misura dedicata, come ad esempio sistemi di acquisizione dati,

strumentazione assistita dal computer, Virtual Instruments, strumentazione remota etc.; `` le “Prospezioni Tecnologiche”, strumenti di supporto alle decisioni che permettono di individuare a priori l’approccio migliore nell’affrontare lo sviluppo di un nuovo prodotto o servizio. In particolare possono essere impiegate con successo per: oggettivare e codificare informazioni soggettive; ottimizzare la ricerca e pianificare le risorse; ottimizzare le decisioni in ambito industriale; `` sviluppo e progettazione di hardware, firmware e software; sviluppo di sistemi di trattamento ed elaborazione dei dati; realizzazione e sperimentazione di dimostratori e prototipi; assistenza nell’ottenimento di marcature e certificazioni. AllTek Innovation ha in attivo varie collaborazioni per la ricerca e sviluppo di strumentazione innovativa sia con il dipartimento di Elettronica Elettrotecnica e Informatica dell’Università degli Studi di Trieste che con la Direzione Regionale della Protezione Civile.


Barbara Piuzzi

Barbara Piuzzi, laureata in

gruppo APL (Artificial Perception

di consulenza tecnico-scientifica

ingegneria elettronica nel 2001

Laboratories) dell’Università di

e imprenditoriale, l’incubatore ci

e con un dottorato in ingegneria

Trieste, molto attivo con il sistema

ha dato la possibilità di entrare

dell’informazione, indirizzo

delle imprese. È proprio grazie a

in una rete, di farci conoscere, di

strumentazioni di misura conseguito

questa esperienza che ci è venuta

collegarci con un mondo ad alta

due anni fa, è la responsabile di

l’idea di trasformare l’attività di

tecnologia non soltanto accademico.

AllTek Innovation, società fondata da

ricerca in business. Non abbiamo

Il futuro? Se i nuovi prodotti avranno

tre soci.

assunto ancora degli addetti,

successo, la crescita sarà assicurata

“La nostra società – spiega -

avendo privilegiato una serie di

e potremmo avviare anche un nuovo

fornisce conoscenze e strumenti per

collaborazioni con società esterne.

ramo dell’attività, con l’assunzione di

supportare l’innovazione di piccole

Progetti per il futuro?

personale.”

e medie imprese e di enti. Uno dei

Molti. Se fino ad oggi ci siamo

primi lavori che abbiamo portato a

concentrati prevalentemente nel

termine è stato con il Sincrotrone di

settore della ricerca e sviluppo

Trieste per il quale abbiamo messo

su commessa, ora vorremmo

a punto un misuratore che rileva

conquistarci un nostro mercato

intervalli di tempo non ripetitivi

con prodotti innovativi che stiamo

dell’ordine dei 2 picosecondi. Poi

sviluppando. Un esempio? Con la

abbiamo realizzato un sensore di

Protezione Civile stiamo testando un

forza per applicazioni biomediche

misuratore di velocità delle acque

e un misuratore di velocità per

per canali e fiumi che ha scopi

applicazioni ambientali. Tutti prodotti

prevalentemente di monitoraggio

che sono stati ideati, concepiti e

ambientale. Gli affari? Bene, con

realizzati per dare una soluzione

utili che possiamo reivestire nello

a problemi che i clienti ci avevano

sviluppo di nostri prodotti. Per

posto. La nostra idea di impresa

noi l’esperienza in Techno Seed è

nasce in ambito accademico, nel

stata importante. Oltre ai servizi 25


Card Tech

L’impronta dell’innovazione: PINKEY

Card Tech ha progettato e brevettato un sistema di autenticazione biometrica da applicare alle tradizionali smart card, che consente di verificare l’identità del titolare attraverso la sua impronta digitale. Questa tecnologia è in grado di garantire ai possessori di smart card la protezione totale da frodi e contraffazioni, in quanto i dati (l’impronta del polpastrello) e l’algoritmo di verifica si trovano all’interno della carta e non lasciano mai il supporto impedendo così l’intercettazione da parte di un possibile “pirata”. La card progettata da Card Tech, piccola come una carta bancomat, è la nuova sfida della sicurezza informatica che promette di liberare l’utente dalla schiavitù di memorizzare decine di codici alfanumerici – le vecchie password – sostituendole con l’impronta del dito. Il livello di autenticazione rende di fatto inviolabile la smart card che sarà utilizzabile esclusivamente dal legittimo proprietario.

Attività e servizi La tecnologia sviluppata da Card Tech ha tra le sue applicazioni:

E-mail: info@card-tech.it Sito Web: www.card-tech.it 26

`` la carta bancaria o EMV: l’applicazione del sensore biometrico a bordo della card consente di apporre un livello di sicurezza aggiuntivo alla soluzione standard laddove l’utente prima di poter digitare il PIN o di poter avere accesso al mondo bancario dovrà autenticarsi cedendo la propria impronta digitale consentendo il processo di “match on card” così come descritto;

`` le ID solutions. In questo caso l’autenticazione rappresenta la certa identificazione ed identificabilità di una persona nei confronti di un ente o di un’autorità (ad es. per la carta d’identità, la patente di guida, ecc). L’azienda ha progettato due prototipi funzionali delle nuove card biometriche: la PINKEY Wireless e la PINKEY Smart Card. La prima sarà una carta elettronica multifunzione, interoperabile che comunica e interagisce con tutti gli apparati dotati di wireless, trasmettendo, memorizzando e ricevendo dati di ogni genere e potrà ospitare e gestire diversi servizi quali abbonamenti, ticket, pagamenti, firma digitale, home banking, dati sanitari. La seconda invece sarà fruibile da qualsiasi dispositivo di lettura ISO standard a prescindere dall’applicazione dedicata che la carta sarà destinata a contenere.


Fabrizio Borracci

E’ davvero singolare il percorso

smart card così da risolvere anche

“Techno Seed per noi – conclude

che ha portato Fabrizio Borracci

i problemi imposti dalla privacy.

Borracci – è stata fondamentale:

sulla strada della ricerca e

Nasce così in Techno Seed Card Tech

non solo ci ha incubato dandoci

dell’innovazione. La sua idea nasce

che, fondata da 4 soci, ha già tre

molti servizi e le risorse necessarie

infatti da una truffa per clonazione

dipendenti.

all’avvio dell’impresa, ma ci ha

della sua carta di credito. Dopo

Attualmente Card Tech si sta

creato contatti con società di nuova

essersi accorto che qualcuno gli

concentrando sullo sviluppo di

tecnologia in tutto il mondo, e ci ha

sfilava modeste somme di danaro,

due progetti. Borracci ne illustra

dato visibilità in modo che fossimo

tali da non accorgersene subito,

soltanto uno, che vedrà la luce

contattati da società internazionali.

non si è limitato alla denuncia

alla fine di aprile di questo anno:

Futuro? Scintillante. Esplosivo, solo

e ovviamente alla sospensione

“una Smart Card con uno schermo

se avessimo già il prodotto”.

della carta, ma ha approfondito

dalla dimensione di una carta di

il fenomeno scoprendo così una

credito e con a bordo tecnologie

realtà davvero allarmante con cifre

fortemente innovative come il

enormi che passavano di mano

Wireless, USB, Wi-Fi, Blue Tooth

grazie alla clonazione delle carte.

e la nuova tecnologia a radio

Non basta. Borracci ha pensato

frequenza NFC che permetteranno

anche di risolvere il problema. Così

di archiviare, con la biometria a

è nata l’idea di creare più sicurezza

bordo, tutti i dati personali, di pagare

nella gestione delle carte bancarie.

on line in sicurezza senza utilizzare

Grazie all’Università di Udine, ha

codici, di effettuare pagamenti

dato vita nel 2005 a un gruppo di

in radio frequenza utilizzando la

ricerca, che ha partecipato a quella

propria impronta senza che venga

edizione di Start Cup. La soluzione

trasmessa a terzi”. Una rivoluzione

al problema è stata individuata

delle carte di credito, un prodotto

grazie alle tecnologie biometriche,

che permette di caricare on line

implementandole all’interno della

ogni tipo di servizio. 27


Cosmarpi Controlli-amo Organizzi-amo Simuli-amo Memorizzi-amo Archivi-amo Ricarichi-amo Pubblicizzi-amo Informi-amo

Cosmarpi nasce per realizzare un’idea innovativa di tre giovani imprenditori nel settore della telefonia mobile prepagata e porta avanti un progetto di ricerca industriale focalizzato sulla promozione dell’innovazione tecnologica e della ricerca applicata in questo settore. Il progetto di Cosmarpi è finalizzato alla realizzazione di un innovativo sistema che migliori il servizio di ricarica delle sim prepagate grazie alla personalizzazione, alla maggiore affidabilità, alla semplificazione, alla accentuata praticità e lo renda vantaggioso rispetto ai metodi tradizionali oggi in uso. Grazie al deposito di un brevetto industriale e all’avanzato stato di sviluppo del proprio servizio, Cosmarpi riuscirà a proporre a breve sul mercato un processo innovativo e tecnologicamente avanzato per l’acquisto di servizi immateriali che soddisferà anche i clienti “tecnologicamente” più esigenti.

Attività e servizi

E-mail: info@cosmarpi.it Sito Web: www.cosmarpi.it 28

La società ha per oggetto l’attività di progettazione, sviluppo, realizzazione e gestione di sistemi utilizzati nelle diverse applicazioni nel campo della telefonia mobile. A tal fine opera nelle fasi di ingegnerizzazione, sviluppo, realizzazione e personalizzazione di sistemi hardware e software di scambio dati con integrazione dei gestionali asserviti. Cosmarpi, inoltre, progetta, sviluppa e realizza software per ambiti gestionali, di analisi e trasmissione dati. Nell’ultimo anno di attività Cosmarpi ha ampliato

il proprio campo di azione anche al settore delle energie rinnovabili, collaborando con Energy System Srl per lo sviluppo di sistemi personalizzati di gestione da remoto e tele letture di impianti di generazione di energia rinnovabile (Fotovoltaica ed Eolica).


Michele Cossa

Michele Cossa, dopo aver ottenuto

subito dopo, grazie al sostegno

della distribuzione automatica è in

nel 2002 la laurea in ingegneria

dell’incubatore, assume anche una

crescita”. “L’incubatore Techno Seed

meccanica all’Università di Udine,

risorsa umana per sviluppare un

per noi – conclude Cossa – è stato

si impiega nella Self Group,

progetto di ricerca. Arrivano i primi

il catalizzatore: per la nascita della

un’azienda friulana specializzata in

incarichi da imprese primarie del

nostra società, per l’assistenza nella

prototipazione rapida. Lascia però

settore con le quali Cosmarpi utilizza

predisposizione del business plan e

il lavoro per riprendere il percorso

i prototipi e le tecnologie sviluppate

per la consulenza dal punto di vista

formativo grazie a un master

al Parco. Le prospettive di business,

tecnico-scientifico”.

che la Danieli ha organizzato con

nonostante la crisi, sono ottime e

l’Università di Udine sul project

sono date proprio dalla capacità

management e dopo uno stage di

di collaborazione già in essere con

6 mesi viene assunto dalla Danieli

imprese leader del settore, nazionali

dove lavora per un anno e mezzo. Mentre lavora in Danieli, nelle pause

ed estere. “A breve – spiega Cossa -

caffè, assieme ai soci, sviluppa

produrremo un distributore

un’idea: rendere i distributori

automatico multifunzione parlante.

automatici capaci di dialogare e di

Sarà in grado anche di comunicare

offrire servizi agli utenti come la

direttamente con l’assistenza per

possibilità di acquistare ricariche

risolvere alcuni problemi da controllo

telefoniche, i biglietti per il teatro e il

remoto o, se necessario, sollecitare

cinema, informazioni sulle condizioni

automaticamente l’intervento di un

meteo. L’idea diventa un progetto

tecnico, riducendo notevolmente i

grazie all’edizione di Start Cup

costi di gestione”. Per questi motivi

2005. Anche se Cossa non vince, il

il futuro non preoccupa affatto

progetto piace e viene indirizzato in

Cosmarpi. “Lo sviluppo di questo

Techno Seed. Nasce così nel 2007,

prodotto sta riscuotendo molto

fondata da 3 soci, Cosmarpi che,

interesse - dice Cossa - e il mercato 29


Credra

CREative Development RApidly

Credra nasce nell’Agosto 2006 dalla volontà dei due soci fondatori di creare un’azienda in grado di fornire prodotti e servizi ideati e sviluppati ad hoc per il cliente. In particolare Credra sviluppa sistemi informatici per il monitoraggio di processi industriali e applicativi web per aziende di servizi basandosi su tecnologie open source. Tali tecnologie, secondo i soci dell’azienda, rappresentano una soluzione economica e performante per l’industria, le piccole aziende e i professionisti.

Attività e servizi Il Software Libero (o Free Software) è un ingrediente importante di ogni prodotto e servizio di Credra. Il progetto più importante sviluppato dall’azienda è Credra Automation, un sistema informatico ibrido pensato per i responsabili di produzione che permette di monitorare i processi produttivi. Credra Automation consente di ottenere diversi benefici, come ad esempio: la riduzione della manodopera fino al 15%, la gestione della comunicazione in produzione, il monitoraggio della produttività delle macchine e del loro status e il monitoraggio dei tempi lavorati.

E-mail: info@credra.com Sito Web: www.credra.com 30

Tra gli altri prodotti sviluppati da Credra c’è PyJdbc, un database driver open source. L’azienda inoltre offre servizi nel settore della progettazione, sviluppo e testing di sistemi industriali e di controllo numerico e si occupa anche di: `` costruzione veloce di siti web chiamati portali

collaborativi che permettono lo scambio dei documenti aziendali sia all’interno dell’azienda che sulla Rete e una facile, sicura e veloce gestione dei contenuti (cataloghi, eventi e news…); `` consulenza informatica per migliorare la gestione delle informazioni di aziende e associazioni.


Marco Paolini

Marco Paolini, laureato in

di provarci. Si licenziano, entrano

alla gestione aziendale. Di grande

informatica all’Università di Udine

nell’incubatore e fondano Credra.

importanza le relazioni con il

nel 2002, ha lasciato un lavoro per

Credra si è specializzata in

sistema delle imprese con le quali i

inseguire un’idea e farne un’impresa.

sistemi di controllo su macchine

rapporti iniziali sono stati fortemente

Un’impresa che non teme la crisi,

utensili soprattutto per l’industria

facilitati dalla presenza di Credra

anzi, dalla crisi ha nuovo impulso.

metalmeccanica: installa sistemi

in Techno Seed. Assunzioni per il

Paolini, con la laurea in tasca, trova

di controllo moderni in macchine

momento non sono previste, anche

occupazione in un’industria friulana

operatrici meccanicamente in

perché Credra ha puntato sullo

come responsabile tecnico della

ottime condizioni ma con sistemi

sviluppo di progetti in team con altre

gestione dei sistemi informativi e dei

di controllo superati. Torni,

imprese e liberi professionisti.

sistemi di automazione industriale:

frese tornano così ad essere

modifiche a software dei macchinari,

efficienti. Affari? Bene. La crisi,

selezione dei fornitori, installazione

paradossalmente, sta dando loro

di nuovi macchinari. Lavorando, la

una mano perché le imprese

sua attenzione viene catalizzata dal

preferiscono ammodernare i

mondo dell’open source e con Monia

macchinari anziché acquistarne di

Morra, allora collega, ora socia,

nuovi. “In questa fase – spiega poi

inizia a sviluppare soluzioni software

Paolini – c’è anche più tempo per

per l’azienda che lo coinvolgono

riflettere e per cercare soluzioni

sempre di più mettendo in secondo

innovative che rendono le imprese

piano la parte gestionale del suo

più competitive”.

lavoro. Comincia quindi a maturare

Anche Credra deve tutto a Techno

l’idea di aprire una propria impresa.

Seed: non solo per lo spazio fisico e il

Ma come? Dove? Morra e Paolini

sostegno economico, pur importanti,

vengono a conoscenza del progetto

ma soprattutto per le consulenze e

Techno Seed, prendono contatti

il tutoraggio tecnico-scientifico oltre

con il Parco scientifico e decidono

che imprenditoriale, dal marketing 31


DataMind

Advanced Knowledge Discovery

DataMind si occupa di progettare ed implementare algoritmi innovativi e soluzioni flessibili sia in ambito scientifico che industriale per l’analisi, l’esplorazione visuale di dati, l’estrazione di conoscenza e per l’ideazione di prodotti end-user che portino tali algoritmi nella vita di tutti i giorni. Nei primi 3 anni di attività ha intrapreso diverse attività di consulenza con realtà scientifiche ed industriali regionali (tra cui INFN, OGS, SISSA, Oblò Multimedia Srl, Video Systems Srl). I soci fondatori di DataMind hanno una comprovata esperienza di ricerca e sviluppo in ambiti che vanno dalla fisica alla matematica, dall’informatica allo sviluppo di software scientifico avanzato, con molti anni di collaborazione in progetti internazionali di ricerca alle spalle.

Attività e servizi

E-mail: info@datamind.biz Sito Web: www.datamind.biz 32

L’offerta di DataMind è centrata sull’analisi, la progettazione e lo sviluppo di soluzioni software per l’analisi di dati, il mining dei dati e l’estrazione di conoscenza, l’image processing e la visione artificiale grazie ad esperienze che spaziano dagli esperimenti scientifici alle applicazioni industriali. Tale offerta si concretizza sia in servizi di consulenza mirati, sia nello sviluppo di prodotti end-user. Tra i principali campi di operatività: `` analisi dati `` data mining

`` modellazione di dati `` esplorazione grafica di dati `` estrazione di conoscenza `` riconoscimento di pattern e algoritmi di clustering `` algoritmi neurali `` metodi statistici `` visione artificiale e grafica computerizzata `` analisi di immagini `` realtà virtuale e augmented reality `` graphics user interfaces `` applicazioni 3D interattive e 3D rendering `` sviluppo software avanzato multipiattaforma.


Sebastian Raducci

Sebastian Raducci, laureato in

maggio 2006, in Techno Seed.

Il business funziona, il futuro non

fisica computazionale all’Università

L’esperienza di incubazione è stata

ci fa paura. Ormai ci riteniamo

di Udine, ha dato vita, con 3 soci,

molto positiva e fondamentale per

indipendenti. Grazie a Techno Seed e

a DataMind. La società è nata per

la nascita stessa dell’impresa. Fra i

a Friuli Innovazione”.

sviluppare software scientifico per

servizi maggiormente apprezzati, i

gli enti di ricerca e per operare un

corsi sull’imprenditorialità, su come

efficace trasferimento tecnologico

si redige un bilancio e su come si

ad imprese hi-tech. Il software che

scrive un business plan. Importante

DataMind sviluppa su commessa,

anche il contributo iniziale di 20.000

in sintesi, è capace di analizzare,

Euro ed il successivo finanziamento

visualizzare e di estrapolare i dati

di 30.000 Euro, a tasso agevolato,

sensibili in esperimenti scientifici.

che ci ha consentito di effettuare

I programmi, dopo aver analizzato

ulteriori investimenti in ricerca e

i dati, estraggono in altre parole le

mettere a punto nuovi prodotti, che

conoscenze e le informazioni che

commercializziamo con successo.

possano essere utilizzate a scopo di

Anche se DataMind è nata come

ricerca.

società di consulenza per centri di

L’idea è nata al Dipartimento

ricerca, poi, come accennato, ha

di fisica dove i soci lavoravano

sviluppato propri prodotti come Jade,

ad esperimenti di astrofisica,

un software per il fotoritocco venduto

in particolare Glast e Magic.

in migliaia di copie in tutto il mondo.

Dall’ambito scientifico DataMind

“Stiamo ultimando - spiega Raducci

si è poi gradualmente affacciata

- nuovi prodotti, che contengono

sul mercato dei software end-

al loro interno algoritmi complessi

user che utilizzano l’esperienza

e che consentono di correggere

maturata nella ricerca. DataMind

automaticamente nelle foto gli occhi

è fra le prime società create, il 26

rossi. Siamo davvero soddisfatti. 33


DerMap

We simplify the vision of your “world”

DerMap nasce a seguito della premiazione quale una delle dieci migliori idee innovative di “Start Cup Trieste 2007” ed ha l’obiettivo di offrire servizi WebGIS e GIS, integrati con sensoristica elettronica, a supporto del monitoraggio ambientale marino e terrestre. L’azienda è costituita da un gruppo multidisciplinare di ricercatori che vanta notevoli esperienze nel settore del monitoraggio ambientale e dei Sistemi Informativi Territoriali. Inoltre, il rapporto pluriennale di collaborazione dei soci con il Dipartimento di Biologia dell’Università degli Studi di Trieste, con altri istituti di ricerca sia nazionali che internazionali nonché con enti pubblici statali e locali, ha permesso di costituire una rete di esperti e consulenti tecnico-scientifici di massimo livello a supporto dell’attività della società.

Attività e servizi DerMap offre a privati, società, industrie ed Enti Pubblici il proprio “know-how” universitario nel campo: `` dei GIS e della Cartografia digitale (Location based systems, Geomarketing, Internet Mapping, GPS, Telerilevamento, Urbanistica);

E-mail: info@dermap.com Sito Web: www.dermap.com 34

`` dell’Information Management (Basi di dati, Data warehousing, E-Commerce, soluzioni Web); `` dell’Information Technology (servizi di Rete, Sicurezza Informatica, Mobile Services); `` del Consulting (consulenza Software

e Hardware, Formazione ad alto livello e consulenza ambientale, Progettazione di soluzioni GIS, Monitoraggio, Indagini e Certificazioni ambientali). Tra le soluzioni innovative messe a punto c’è il servizio “RSU Monitoring”, che nasce dalla necessità dei Comuni di ottimizzare la gestione della raccolta dei rifiuti (RSU) permettendo il totale controllo del volume rifiuto all’interno del cassonetto e la conseguente raccolta programmata in base alle informazioni consultabili via Web.


Daniele Gulic

Daniele Gulic, laureato in ingegneria

vera e propria comincia a settembre-

dai 4 ai 5 anni, sensori e dispostivi.

informatica nel 1998 all’Università

ottobre.

Fondamentale l’esperienza in

di Trieste, dopo aver collaborato

DerMap produce supporti a livello

Techno Seed, soprattutto per

per oltre 10 anni nel Dipartimento

web per il monitoraggio ambientale,

quanto riguarda il marketing e le

di Biologia dell’Università giuliana

sia terrestre sia marino. Si

relazioni con il mondo scientifico e

nell’ambito dei sistemi informativi

specializza però nel settore dei

tecnico e con le istituzioni a livello

geografici e del monitoraggio

rifiuti. Mette a punto un sistema

europeo che ci ha consentito di

ambientale, decide di portare

centralizzato automatizzato per il

partecipare a bandi Ue. Gli affari?

all’esterno le conoscenze acquisite.

monitoraggio costante dei contenuti

Bene. Nonostante la crisi globale

Nasce così l’idea, assieme a due

dei cassonetti che consenta la

non ci possiamo lamentare. Siamo

soci, un naturalista e una biologa

gestione ottimale dei percorsi per

ottimisti”.

marina, di fare impresa. Partecipa

la raccolta degli stessi riducendo i

all’edizione del 2007 di Start Cup

costi e migliorando il servizio per

Trieste e subito dopo cerca di

gli utenti. “Il sistema - spiega Gulic

creare uno spin off all’Università

- è attualmente sperimentato da

di Trieste. Ostacoli burocratici

Acegas e ci sono trattative in corso

e tempi lunghi, e l’incontro

con altri gestori anche al di fuori

con l’allora magnifico rettore

del territorio regionale. Il sistema,

dell’Università di Udine e presidente

che può essere applicato per la

di Friuli Innovazione, Furio Honsell,

rilevazione di qualsiasi altro tipo di

consigliano a Gulic di rivolgersi a

elemento, ha un’importantissima

Techno Seed dove nasce, nel 2008

peculiarità: è autonomo dal punto

DerMap, nome che raffigura le

di vista del fabbisogno energetico

iniziali dei tre soci e “map” perché

e della trasmissione dei dati.

svolge prevalentemente servizi di

L’alimentazione è garantita da una

carattere cartografico, geografico e

cellula fotovoltaica che alimenta,

monitoraggio territoriale. L’attività

con l’ausilio di una batteria che dura 35


EasyStaff Tech in Time – soluzioni per l’ottimizzazione

EasyStaff fornisce consulenza di alto livello e soluzioni informatiche nel campo dell’ottimizzazione delle risorse umane attraverso l’impiego di tecniche algoritmiche innovative. Le tecniche utilizzate da EasyStaff permettono infatti di trovare dei piani di turni del personale, nel pieno rispetto dei vincoli contrattuali e sindacali, e un buon livello di servizio al cliente finale consentendo loro benefici economici e organizzativi, personalizzando i prodotti secondo le caratteristiche peculiari dell’azienda e facendo uso del web, in modo da permettere la gestione e il controllo delle proprie risorse semplicemente con un click.

Attività e servizi `` Analizzare in dettaglio le problematiche del cliente nell’ambito dell’ottimizzazione delle risorse, studiare tutte le caratteristiche intrinseche dell’ambiente aziendale e modellarle opportunamente per il risolutore. L’idea di EasyStaff è quella di fornire un servizio di consulenza di alto livello nel campo dell’ottimizzazione delle risorse, avvalendosi dell’esperienza pluriennale dei ricercatori e dei docenti universitari che lavorano costantemente a fianco del gruppo. E-mail: info@easystaff.it Sito Web: www.easystaff.it 36

`` Creare una linea di prodotti software per la soluzione di problemi di schedulazione del personale. I diversi prodotti saranno sviluppati massimizzando il riutilizzo del software grazie

anche all’impiego di metodologie di sviluppo orientate agli oggetti e all’uso del framework EasyLocal++. Inoltre i vari prodotti potranno condividere gli strumenti di gestione e interfacciamento con l’utente. Infine, ciascun prodotto dovrà essere facilmente personalizzabile per poter essere adattato alle esigenze di ciascun cliente specifico. `` Produrre motori algoritmici basati sulla ricerca locale da integrare all’interfaccia utente. Tra le collaborazioni di rilievo, si segnala la creazione di soluzioni Software per l’organizzazione della didattica delle facoltà e degli atenei e la realizzazione di prototipi software per la turnazione del personale dei reparti ospedalieri e degli operatori di un call-center. Sono inoltre attive collaborazioni con diversi player di mercato nel settore del WorkForce Management e per l’integrazione dei motori algoritmici di EasyStaff con i Software gestionali HR del Partner.


Fabio De Cesco

Fabio De Cesco, laureato in

senza l’incubazione all’interno del

innovative, un prestito agevolato

ingegneria gestionale, assieme ad

progetto Techno Seed. Non ci è stata

messo a disposizione da un pool

altri 3 soci, ha dato vita a EasyStaff,

data l’opportunità di avere solo

di banche locali coordinate da

una società che offre servizi alle

uno spazio fisico dove studiare e

Mediocredito Fvg. Tale strumento

imprese per l’implementazione di

lavorare, ma di vivere in un ambiente

ci ha permesso di investire

soluzioni ad alto livello per quanto

ricco di stimoli e di creatività. Al

maggiormente sul nostro business

riguarda le problematiche legate alla

Parco abbiamo sviluppato delle

e di sviluppare ancor di più le nostre

turnazione del personale in aziende

soluzioni innovative per la gestione

tecniche algoritmiche, puntando sul

private ed enti pubblici. “Abbiamo

e l’ottimizzazione della turnazione.

personale oltre che sulla ricerca e

tradotto – spiega De Cesco - in

Ci siamo in particolare concentrati

velocizzando i nostri progetti di R&S.

impresa una ricerca condotta dal

sulle problematiche legate alla

Progetti? Sviluppare ulteriormente il

Dipartimento di Ingegneria Elettrica

didattica in ambito accademico.

parco clienti in campo accademico

Gestionale e Meccanica della

Le facoltà hanno problematiche

e trovare partnership strategiche

Facoltà di Ingegneria dell’Università

molto complesse come l’orario

con dei player verticali di mercato

di Udine il cui obiettivo era lo

delle lezioni, l’organizzazione degli

al fine di integrare i nostri motori

sviluppo di tecniche algoritmiche

appelli d’esame e più in generale

algoritmici con le loro soluzioni di

innovative per la risoluzione di

la progettazione delle varie attività.

interfaccia utente e concentrarci

problemi complessi di turnazione del

Tornando ai servizi di Techno Seed,

maggiormente sulle nostre tecniche.

personale. L’idea è nata in ambito

fondamentali sono stati quelli in

Il futuro, grazie agli investimenti in

accademico fra alcuni ricercatori.

ambito imprenditoriale: abbiamo

ricerca, non ci fa paura”.

Il primo passo è stato un’analisi di

sviluppato un business plan, svolto

mercato che ha evidenziato come ci

analisi del mercato concorrenziale.

fosse una richiesta forte in questo

Grazie all’incubatore - continua De

settore e così, grazie a Techno Seed,

Cesco - oltre al contributo assicurato

abbiamo dato vita a EasyStaff.

a tutte le start up, abbiamo potuto

Tengo a sottolineare che la nostra

utilizzare risorse aggiuntive previste

idea non si sarebbe potuta realizzare

dal Fondo speciale per le start up 37


e-laser Mapping differently, real mapping!

e-laser offre prodotti e servizi legati al telerilevamento del territorio e dell’ambiente avvalendosi, in particolare, di metodologie innovative per il trattamento di dati laser scanning da aeromobile. L’azienda è costituita da un gruppo multidisciplinare di ricercatori che vanta notevoli esperienze nel settore del Telerilevamento, dei Sistemi Informativi Territoriali, dello sviluppo software, del trattamento informatico dei dati dell’ingegneria, delle Scienze Ambientali e Forestali. Il principale strumento di innovazione realizzato da e-laser è un database geografico tridimensionale (DBFP) che consente la ricostruzione 3D delle foreste e dei singoli alberi con possibilità di censire il patrimonio forestale con tempi e costi decisamente vantaggiosi rispetto alle tecniche in uso. Il prodotto offerto consente dunque di acquisire in modo puntuale, rapido e su grandi superfici tutti i parametri necessari per la caratterizzazione strutturale delle aree forestali.

Attività e servizi `` Inventari forestali automatici realizzati sulla base dei singoli individui arborei. `` Elaborazione dei dati laser scanning aerei e terrestri. E-mail: info@e-laser.it Sito Web: www.e-laser.it 38

`` Realizzazione di banche dati territoriali e analisi di qualità. `` Progettazione e consulenza nell’ambito dei Sistemi Informativi Geografici.

`` Analisi ed elaborazione di dati scientifici e/o statistici dei settori ambientale, forestale e territoriale a partire da tecnologie innovative di rilevamento topografico, fotogrammetrico, laser scanning e telerilevamento in genere. `` Elaborazione di cartografie tematiche di distribuzione della biomassa, della vulnerabilità al dissesto, dei cambiamenti dell’uso del suolo e altre carte a valenza ambientale come quelle della biodiversità e habitat dell’avifauna. `` Rilievi topografici, territoriali e monitoraggio ambientale mediante telerilevamento. `` Posizionamento satellitare e cartografia numerica. L’azienda vanta già diverse collaborazioni di natura scientifica, per la fornitura di materiale e lo scambio di dati in Italia con vari enti pubblici e società private, Università e istituti di ricerca e all’estero con l’Istituto Geodetico della Slovenia, il Ministero delle Foreste del Camerun, l’Università di Yaoundè e l’Istituto Geodetico della Finlandia.


Andrea Barilotti

Andrea Barilotti, laureato in Scienze

parametri inventariali forestali ed

Futuro? Roseo, siamo l’unica

Ambientali all’Università di Urbino,

in particolare: di sapere tutta una

azienda in Italia che si occupa di

un Master in Sistemi Informativi

serie di attributi che riguardano

queste tematiche, siamo innovativi.

Territoriali all’Università di Udine

intere foreste, a partire dal dettaglio

Occorre continuare così. Gli affari?

dove frequenta il terzo anno del

dei singoli alberi; di calcolare gli

Siamo appena nati. Posso però dire

Dottorato di ricerca in Economia,

attributi biometrici, la struttura

che c’è molto interesse per i nostri

ecologia e tutela dei sistemi

verticale del bosco, la struttura del

prodotti e per le nostre attività. Sia in

agricoli e paesistico-ambientali.

fusto, la posizione degli alberi, la

Italia sia all’estero”.

Nel frattempo ha avviato, con

dimensione della chioma e tutti gli

sette soci, compresa l’Università,

altri parametri che servono per la

e-laser, uno spin off dell’ateneo

pianificazione delle aree forestali.

friulano. L’idea nasce dall’attività

Abbiamo partecipato all’edizione

di ricerca all’Università nell’ambito

2007 di Start Cup vincendo il primo

di un progetto Interreg Italia-

premio; poi l’incubazione in Techno

Slovenia: lavorando al progetto si è

Seed, un’esperienza fondamentale.

sviluppata l’idea innovativa legata

Al di là dell’accoglienza e delle

al telerilevamento, ad oggi unica

risorse per la nostra nascita, l’essere

esperienza in Italia.

stati incubati è stato determinante

La società si occupa di sistemi

per una crescita rapida e soprattutto

di telerilevamento del territorio e

“indolore”. Di grande importanza,

di Sistemi Informativi Territoriali.

oltre al supporto logistico-

“Nello specifico - spiega Barilotti

amministrativo e di tutoraggio,

- elaboriamo dati laserscanning

l’assistenza per la partecipazione a

rilevati da aeromobile che, attraverso

progetti e a bandi di ricerca a livello

i nostri metodi di analisi ed algoritmi,

nazionale e internazionale. Essere

ci consentono di effettuare stime

al Parco, infine, ci ha dato visibilità

dettagliate e puntuali dei principali

oltre che una rete di relazioni. 39


Eye-Tech Soluzioni di visione artificiale

Eye-Tech è uno spin-off dell’Università degli Studi di Udine nato per portare sul mercato la specializzazione sviluppata da un gruppo di ricercatori nel Laboratorio di Visione Artificiale e Sistemi Real-Time dell’Ateneo. Il business di EyeTech si focalizza su soluzioni di visione artificiale per la sicurezza e l’intelligenza d’ambiente.

Attività e servizi Il know-how maturato dal gruppo nell’ambito dell’elaborazione e della trasmissione delle immagini consente ad Eye-Tech di fornire soluzioni software per: `` acquisire flussi di immagini da sensori eterogenei (videocamere a colori, infrarosso, statiche, brandeggiabili, network cameras, etc.); `` elaborare i flussi video al fine di rilevare gli oggetti in movimento nella scena osservata; `` classificare gli oggetti osservati (es. persona, veicolo); `` seguire gli spostamenti degli oggetti nella scena osservata; `` rilevare e riconoscere volti; `` effettuare delle analisi statistiche sugli spostamenti osservati; E-mail: info@eye-tech.it Sito Web: www.eye-tech.it 40

`` comprendere il comportamento degli oggetti in movimento nella scena; `` rilevare comportamenti dannosi o pericolosi; `` trasmettere flussi di immagini attraverso la

rete Internet a postazioni remote. Tra i prodotti e servizi forniti dall’azienda: `` Software stand-alone personalizzabile per il cliente finale (es. software di videosorveglianza automatica, conteggio persone, controllo processo); `` moduli software integrabili in altri sistemi (librerie); `` consulenza.


Claudio Picciarelli

Claudio Picciarelli, laureato in

sistema di riproduzione video on-line

intellettuale e la tutela del diritto

informatica, ha dato vita nel 2007,

che consente all’utente la visione di

d’autore. Techno Seed, ci ha dato

assieme ad altri tre soci, ad Eye-

una situazione in diretta attraverso

modo di partecipare a corsi di

Tech. La società, che ha già due

il cellulare. Un modo molto efficace

formazione e di avvalerci della

collaboratori, si occupa di visione

per controllare siti remoti. Un altro

consulenza di esperti del settore.

artificiale, cioè di elaborazione

prodotto è il controllo degli accessi

Progetti per il futuro? Crescere.

al Pc di immagini e sequenze

attraverso un sistema di video

Stiamo puntando molto su nuove

video. Le applicazioni di queste

sorveglianza. Commesse parecchie,

soluzioni software; speriamo che

tecnologie sono innumerevoli ed

molte le manifestazioni d’interesse.

vadano in porto consentendoci

Eye-Tech ha puntato su alcuni

“Noi – spiega Picciarelli - siamo

anche di assumere stabilmente

settori strategici come i controlli

nati in Techno Seed nel 2007 e

nuova manodopera”.

al video delle produzioni in catena

dico subito che non esisteremmo

di montaggio, così da valutare

se non ci fosse stato l’incubatore.

la qualità e la corrispondenza al

Sono talmente tante le incombenze

campione dei pezzi prodotti; la

burocratico-amministrative legate

video sorveglianza e il controllo

alla nascita di un’impresa che

degli accessi. I primi lavori della

non ce l’avremmo mai fatta senza

società sono stati di carattere

il supporto di Techno Seed. Al

consulenziale, assicurando alle

di là del sostegno finanziario,

imprese soluzioni personalizzate.

fondamentale è stata poi l’analisi

La società successivamente ha

delle nostre potenzialità che si è

cominciato a sviluppare una propria

sviluppata attraverso la redazione

linea di prodotti che commercializza

di un business plan. Altrettanto

con discreto successo. Fra questi

importante l’assistenza, la

particolarmente interessante è un

consulenza e la formazione su temi

servizio di streaming di sequenze

per noi, che sviluppiamo software,

video su dispostivi mobili. E’ un

fondamentali come la proprietà 41


Fill In The Blanks

L’informatica che serve. Dove serve.

Fill In The Blanks (FITB) si propone sul mercato come “architetto del sistema informativo aziendale”, in grado, cioè, di progettare e realizzare architetture informatiche ad alto contenuto tecnologico e professionale, funzionali alle esigenze complessive del cliente e ad un ottimale rapporto costo/efficienza. L’obiettivo di FITB è quello di convogliare le competenze e la propria professionalità assieme a quelle di altre società ICT di piccola e media dimensione, per renderle fruibili, nel loro insieme, anche alle PMI che non hanno a disposizione i budget per potersi avvalere dei servizi delle multinazionali ICT. L’impresa si propone di far emergere i “blanks” di competenza o conoscenza, identificando le criticità dei sistemi, e di individuare le soluzioni adeguate a colmarli, affrontando le problematiche con un approccio architetturale “complessivo”.

Attività e servizi `` Analisi e progettazione di Architetture di rete e di sistemi. `` Business Continuity e consolidamento di server attraverso architetture virtualizzate. E-mail: info@fitb.it Sito Web: www.fitb.it 42

`` Progettazione di soluzioni di backup dei dati. `` Sicurezza. `` Sviluppo/gestione applicazioni Internet, Intranet e Group-Ware.

Tra i servizi erogati: `` progetti di “instant-consulting” e consulenza con servizi a medio termine; `` contratti periodici o partnership tecnologica ICT in qualità di outsourcer; `` sviluppo di applicazioni su commessa; `` formazione end-user e personale tecnico delegato; `` supporto tecnico-sistemistico (help desk); `` monitoraggio preventivo dei sistemi ICT; `` progetti di gestione della conformità al D.Lgs. 196/2003 e manutenzione e aggiornamento del DPS; `` rivendita hardware/software e gestione del licensing. FITB collabora fattivamente con alcune società per lo sviluppo di progetti di ricerca, per i quali attiverà anche una collaborazione con la Facoltà di Scienze MM.FF.NN. dell’Università degli Studi di Udine.


Andrea Bertoni

Andrea Bertoni, laureato in

laurea? “Certamente, se ci sono

apprezzato soprattutto le consulenze

informatica nel 1987, dopo aver

idee da sviluppare e la possibilità

di professionisti e le esperienze

lavorato in aziende ICT per 20 anni,

di sperimentarle”, risponde Bertoni

imprenditoriali con le quali siamo

ultimamente come responsabile

riferendosi all’esperienza vissuta

venuti a contatto”.

dei sistemi informativi, ruolo

in Techno Seed. “L’evoluzione delle

Ma come vanno gli affari? “Molto

che gli ha permesso di maturare

tecnologie informatiche è tale che

bene. Consideriamo di mantenere il

esperienze tecniche e costruire

si rinnovano di anno in anno, anzi

trend e di sfruttare questo momento

relazioni commerciali, ha deciso di

di mese in mese. Basta aver la

per consolidarci e per trovare

reinventarsi e di tornare allo studio

voglia di camminare nel processo

nuove aree di mercato. Adesso, per

e alla ricerca. Assieme ad uno dei

di rinnovamento e che ci siano le

esempio, abbiamo iniziato l’iter

propri collaboratori, Emanuele

condizioni per farlo”.

per l’assunzione di due manager

Aliberti, decide di costituire

Ma come giudica Bertoni

a tempo per sviluppare un nuovo

un’azienda ad hoc per sviluppare

l’esperienza in Techno Seed? “Più

progetto triennale, e abbiamo

in maniera innovativa l’attività che

che positiva – precisa -. Siamo

assunto un’altra persona dal profilo

insieme svolgevano da dipendenti

uno dei frutti dell’incubatore. Gli

tecnico. Il futuro, nonostante la

come sistemisti ed integratori

step della nostra crescita sono

crisi? Da buon imprenditore lo vedo

di sistemi, implementandola di

intrinsecamente legati a ciò che

roseo: sapremo far fruttare le nostre

nuove conoscenze. Nasce così,

Techno Seed ha saputo metterci a

capacità”.

nel gennaio del 2007, Fill In The

disposizione facendoci diventare

Blanks. In Techno Seed ci arrivano

imprenditori molto più in fretta. E

per caso, anche se il progetto

non parlo - prosegue - solo della

imprenditoriale era comunque

sede o dei contributi a fondo perso

definito. L’incubatore, esaminato

per l’acquisto dei beni strumentali,

il progetto, accoglie Bertoni ed

ma soprattutto delle collaborazioni,

Aliberti togliendo di fatto ogni

delle osmosi e delle interazioni con

incertezza sull’avviamento. Ma si

altre aziende che ci hanno permesso

può fare innovazione a 20 anni dalla

di bruciare molte tappe. Ho 43


Gestiware La giusta soluzione per la gestione d’impresa

Gestiware è nata nel 2006 con l’obiettivo di sviluppare un sistema gestionale innovativo, utilizzabile anche attraverso il Web, che integrasse funzionalità tipicamente gestionali legate ai normali flussi aziendali, e funzionalità di workflow, di comunicazione (CRM), di gestione elettronica documentale, di connettività mobile e di sicurezza, partendo dalla creazione dell’ambiente di sviluppo necessario alla generazione in tempi brevi di funzionalità stabili e facilmente mantenibili. La società dispone di un laboratorio dove vengono analizzate le tematiche relative alla piattaforma di sviluppo e realizzate le customizzazioni vere e proprie.

Attività e servizi L’attività di Gestiware interessa tre aree principali: `` prodotti software; `` consulenze architetturali e organizzative; `` realizzazioni di progetti enterprise.

E-mail: info@gestiware.it Sito Web: www.gestiware.it 44

F12 è il gestionale di proprietà che copre tutte le aree e i flussi organizzati dell’azienda, integrabile e integrato con programmi BI e con procedure web dipartimentali che ricoprono la gestione delle diverse aree aziendali, dalla produzione in linea alla gestione della logistica, dal controllo qualità alla gestione di specifici flussi commerciali (listini rivenditori, ordini agenti e consultazioni).

Il prodotto è attualmente in uso in differenti realtà aziendali: dall’industria del mobile, alla produzione di protesi sanitarie, di elettrodomestici, alimentare, all’industria chimica, alla cartotecnica, metalmeccanica, elettronica, carpenteria, ai porti turistici/cantieri. Un altro prodotto innovativo è il gestore documentale ED12, integrabile con il gestionale F12 e comunque aperto all’interazione con altri ambienti di gestione.


Mauro Majeroni

Mauro Majeroni, libero

Ma dove fare ricerca e sviluppo?

Ora Gestiware è un’azienda attiva,

professionista, consulente nel

Nasce così l’idea di rivolgersi a Friuli

gestita da 5 soci, che produce e

campo informatico, entra in Techno

Innovazione che stava dando vita

commercializza F12, un gestionale

Seed per dare risposta alla necessità

al progetto Techno Seed. “Techno

per aziende che copre tutte le parti

di innovare la professione che già da

Seed – spiega Majeroni - aveva tutte

funzionali principali di una impresa:

anni svolge per affrontare al meglio

la caratteristiche per darci risposte

produzione, amministrazione,

il mercato dei programmi gestionali.

adeguate sia dal punto di vista

logistica e commerciale . Dopo tre

Gestiware non nasce quindi

tecnologico sia imprenditoriale. Non

anni ha assunto 3 dipendenti a

all’interno del mondo accademico e

ci siamo sbagliati. Il trasferimento

tempo indeterminato, ha chiuso un

nemmeno da un gruppo di giovani

tecnologico è stato superiore alle

accordo di collaborazione con altre

laureati, ma direttamente dal

aspettative; la vita stessa nel Parco

due software-house ed è prevista

mondo del lavoro che si interroga

è stata di enorme importanza

l’assunzione a breve almeno di un

e decide di innovarsi. “Più che su

per l’acquisizione di informazioni,

commerciale. Il futuro? Nonostante

un nuovo programma gestionale -

in maniera semplice e diretta,

la crisi, abbastanza roseo”.

spiega Majeroni - avevamo bisogno

attraverso la frequentazione di

di riflettere sulle nuove tecnologie.

ricercatori e di colleghi. Fra i servizi

Bisognava capire cosa si sarebbe

del Parco maggiormente apprezzati

potuto fare di più e meglio con le

quelli relativi al trasferimento

nuove tecnologie informatiche e

tecnologico: abbiamo potuto

tutto ciò che di innovativo potevano

contare sulla collaborazione di

e possono offrire il mercato e la

personale altamente qualificato,

rete. Tutto questo sfruttando le

su docenti e ricercatori universitari.

piattaforme collaborative, in modo

Importante anche l’assistenza in

da poter distribuire la conoscenza

campo imprenditoriale: la stesura

e le idee con i gruppi di sviluppo

di un business plan e il successivo

software di altre società che

monitoraggio sono stati altamente

condividessero la nostra idea”.

positivi. 45


MoBe Being Mobile (Essere mobili) Le informazioni e le applicazioni giuste, nel posto e al momento giusto

MoBe è specializzata in attività di consulenza e sviluppo software per dispositivi mobili (computer palmari, cellulari, smartphone). L’innovazione sviluppata da MoBe consiste nel rendere le funzionalità offerte dai comuni cellulari adattabili al contesto in cui si trova l’utente, interagendo in modo intelligente con l’ambiente circostante e scaricando in modo automatico nuove applicazioni che estendano le capacità del dispositivo. A seconda del fatto che l’utente sia in viaggio con la propria auto, piuttosto che si trovi a far la spesa in un supermercato, sia in attesa del proprio volo all’aeroporto o stia semplicemente seduto nel salotto di casa, il suo dispositivo mobile gli metterà a disposizione di volta in volta servizi e funzionalità diversi (interazione con l’elettronica on-board dell’auto, possibilità di tener traccia della lista della spesa, consultazione degli orari dei voli in partenza, possibilità di interagire con gli elettrodomestici della propria abitazione).

Attività e servizi `` Realizzazione ed installazione di infrastrutture per la fornitura di servizi ad alto valore aggiunto dipendenti dall’ambiente.

E-mail: info@mobe.it Sito Web: www.mobe.it 46

`` Servizi di consulenza software per la programmazione di dispositivi mobili (cellulari, smartphone, palmari, ecc.). `` Servizi di consulenza software nell’ambito delle tecnologie wireless (es.: Bluetooth, Wi-Fi, RFID, ecc.).

Il campo di applicazione delle tecnologie sviluppate da MoBe è esteso e riguarda aziende ed enti: `` messaggistica via Bluetooth; `` tracciamento dell’utente; `` raccolta di dati tramite dispositivi mobili; `` offerta di accesso remoto a database e archivi multimediali da PDA/cellulari; `` possibilità di controllare l’ambiente circostante dal proprio PDA/cellulare. MoBe collabora attivamente con la CRS Srl di Gemona del Friuli, il Laboratorio di Sistemi Mobili Dipendenti dal Contesto (SMDC Lab.) del Dipartimento di Matematica e Informatica dell’Università degli Studi di Udine e il Laboratorio di Telemedicina e e-Health del Dipartimento di Matematica e Informatica dell’Università degli Studi di Udine.


Ivan Scagnetto

Ivan Scagnetto, laureato in Scienze

di dispositivi mobili che hanno

commerciale e imprenditoriale. Ci

dell’informazione all’Università di

compreso che l’utilizzo dei telefonini

hanno indirizzato bene, aiutandoci

Udine nel 1997, ha fondato nel

era piuttosto banale viste le loro

a mettere a fuoco le possibili

2006, assieme a 6 soci, MoBe Srl,

potenzialità. Così è nata l’idea di

problematiche di un’attività come

che significa essere mobili (MObile

renderli capaci di relazionarsi con

la nostra. Progetti per il futuro?

BEing), avere attenzione per tutto

l’ambiente. Infinite le potenzialità:

Intanto consolidarci nella struttura e

quanto riguarda i dispositivi mobili

dalle informazioni sugli oggetti

nel fatturato. Ci serve una maggiore

e le tecnologie wireless. “Noi

esposti in un museo o in un parco

stabilità economica per sviluppare le

sviluppiamo e forniamo – spiega

archeologico alle indicazioni per

idee più avveniristiche che abbiamo

Scagnetto - soluzioni e prodotti

raggiungere un ufficio. Ma gli affari

nel cassetto”.

che rendono il funzionamento del

come vanno? “Bene – spiega

dispositivo mobile dipendente

Scagnetto - nonostante nessuno

dall’ambiente in cui è inserito.

di noi soci sia un imprenditore.

In altre parole le funzionalità del

Il fatturato e il giro dei clienti

dispositivo cambiano a seconda

aumentano costantemente di anno

di dove sia l’utente (in casa,

in anno. Stiamo dando lavoro a due

all’aeroporto, ...), interagendo in

addetti”.

maniera intelligente con i sistemi

Anche MoBe deve la sua vita a

informatici presenti: il dispositivo

Techno Seed. “Non credo saremmo

riconosce la “fonte informativa”,

mai sorti se non avessimo avuto

si adatta, scarica le applicazioni

l’opportunità di essere incubati in

cambiando le proprie funzionalità e

Techno Seed. Indispensabili sono

dà all’utente tutte le informazioni e i

state per noi la disponibilità di uno

servizi offerti dal luogo in cui si trova.

spazio, le risorse per la nascita

L’idea è nata nei primi anni

dell’impresa ma soprattutto i servizi

2000 da un gruppo di ricercatori

di consulenza dei tutor, sia dal punto

dell’Università di Udine, appassionati

di vista tecnologico – scientifico sia 47


Mobile3D Dimensioni in movimento

Mobile3D nasce dal Laboratorio di Interazione Uomo-Macchina (HCI Lab) dell’Università di Udine. L’impresa sfrutta le più recenti innovazioni tecnologiche nei settori dei dispositivi mobili (computer palmari e sistemi di navigazione satellitare), dei sistemi GIS (Geographic Information Systems) e della computer grafica 3D per sviluppare prodotti informatici innovativi. La principale linea di prodotti realizzata è Tech4Tourism (T4T) ed è destinata agli enti pubblici e privati che si occupano della promozione turistica (Province, Comuni, AIAT, Consorzi ed Aziende Autonome per il Turismo, riviste specializzate). Mobile Guide, il prodotto di punta della linea T4T, è un software che può essere utilizzato su computer palmari e su telefoni cellulari di ultima generazione. Attraverso il sistema GPS, la guida rileva la posizione del turista, presentando su computer palmare informazioni relative al percorso da seguire e ai luoghi visitati. In base alla posizione del turista e al suo profilo, la guida presenta automaticamente le informazioni relative ai punti di interesse raggiunti lungo il percorso, che consistono in descrizioni sintetiche ed efficaci sia in formato audio che attraverso testi e immagini.

Attività e servizi E-mail: info@mobile3d.it Sito Web: www.mobile3d.it 48

Servizi e prodotti nei settori mobile e 3D, in particolare nel settore turistico e manifatturiero: `` guide turistiche mobili su computer palmari e telefoni cellulari di ultima generazione;

`` progettazione e sviluppo di software per dispositivi mobili; `` grafica 3D su dispositivi mobili; `` contenuti in grafica 3D interattiva per il Web (cataloghi virtuali, ricostruzioni 3D, …); `` simulazione e Realtà Virtuale.


Demis Corvaglia

Demis Corvaglia, laureato alla

che raggruppa le due dimensioni

continuo dello sviluppo della

Facoltà di informatica dell’Università

della società: quella mobile e quella

società”. Il futuro? “E’ un po’ difficile

di Udine nel 2002, lavora come

della grafica interattiva.

capire come la crisi possa nuocere

ricercatore del laboratorio di

Per la prima, la società realizza

ad una azienda come la nostra.

interazione uomo-macchina del

diversi software, in particolare

Trattiamo prodotti innovativi,

Dipartimento di Matematica e

uno di guida turistica mobile.

avanzati tecnologicamente e penso

Informatica, nell’ambito del quale ha

Sugli smart phone o sui cellulari

che questa sia la nostra fortuna così

svolto la tesi di laurea. Il laboratorio

appaiono informazioni e descrizioni

come sia la chiave per uscire da

si occupa di grafica 3D, di realtà

dei monumenti che un turista si

questa crisi”.

virtuale, di sviluppo di software

trova di fronte anche grazie alle

per dispositivi mobili. Corvaglia si

tecnologie GPS per le localizzazioni.

concentra in particolare sulla grafica

Nel settore 3D realizza ricostruzioni

3D, sulla simulazione in grafica 3D

virtuali in tre dimensioni per il

e sulla realtà virtuale ed infine, con

settore del mobile e per l’industria

i colleghi, sulle tecnologie mobili.

manifatturiera in generale in modo

E’ quindi dalla ricerca pura che

che il potenziale cliente possa

nasce l’idea di fare un’impresa,

apprezzare sul web il prodotto

trasformando in prodotti alcune

in tutte le sue dimensioni e

delle ricerche svolte nel laboratorio.

funzionalità. La società è stata

Si fa spazio così l’idea di partecipare

fondata nel 2007 da 4 persone e la

all’edizione 2005 di Start Cup, nella

commercializzazione dei prodotti è

quale Corvaglia si piazza fra i primi

appena cominciata. Incoraggianti

tre classificati e successivamente

le prime risposte. Fondamentale

di trasformare il “gioco” in impresa

l’esperienza in Techno Seed. “Fra

vera e propria chiedendo di essere

i servizi dell’Incubatore - spiega

incubati in Techno Seed. E’ qui che

Corvaglia - abbiamo apprezzato i

viene creata Mobile 3D, una sigla

corsi formativi e il monitoraggio 49


SmartPath Europe

L’osservatorio permanente per governare gli scenari complessi della mobilità

SmartPath Europe opera nel settore dei sistemi di trasporto di persone e merci offrendo alle Pubbliche Amministrazioni, in particolare nelle loro funzioni di coordinatori dei processi decisionali, procedure innovative per la calibrazione di modelli di domanda di spostamento sistematico e non sistematico delle persone, modelli di trasporto delle merci e modelli di flussi di traffico. I servizi offerti da SmartPath consentono di migliorare le tecnologie esistenti fornendo il supporto, attualmente carente, alla conoscenza qualitativa e quantitativa della domanda di spostamento. L’offerta di SmartPath si basa principalmente su due servizi sinergici: uno strumento gestionale a supporto del mobility management in grado di soddisfare le necessità in materia delle Aziende e della Pubblica Amministrazione; e uno strumento in grado di generare matrici O/D a priori calibrate in continuo e di facile integrazione in qualsiasi programma di modellazione.

Attività e servizi

E-mail: info@smartpath.it Sito Web: www.smartpath.it 50

`` Creazione, progettazione, sviluppo, gestione, pianificazione, consulenza ed esecuzione di servizi riguardanti i piani, la regolamentazione, la riorganizzazione e la gestione del traffico e della mobilità, in genere volti anche a migliorarne l’efficienza e la qualità. `` Esecuzione e gestione di osservatori, ricerche, sondaggi di opinione e statistiche.

`` Creazione e distribuzione di software applicativo. `` Supporto alla realizzazione di piani di traffico ed urbanistici.


Luca Mascherin

Il percorso di Luca Mascherin,

Su questa idea Mascherin propone

della struttura ormai indilazionabile.

laureato a Udine nel 1987 in

nel 2004 un progetto che partecipa

Fra i servizi migliori di Techno Seed?

ingegneria civile, difesa del suolo

all’edizione di Start Cup, vincendo

Le relazioni internazionali. Noi

e pianificazione del suolo, è

la sezione dedicata ai progetti

abbiamo puntato molto sulla ricerca

particolare. A distanza di molti

internazionali. Nel 2006, dopo

internazionale e la facciamo con

anni dalla laurea e con uno studio

aver migliorato il business plan,

spagnoli, greci, austriaci, romeni,

avviato, dopo essere stato mobility-

il progetto viene presentato alla

italiani. Ricercare, riconoscere e

manager al Comune di Udine dal

commissione di valutazione di

creare relazioni con i partner è stato

2003 al 2006 e dopo aver sviluppato

Techno Seed che lo accoglie.

ed è per noi fondamentale. Senza

una grande esperienza nel settore

Nasce così Smart Path. “Siamo

Techno Seed non avremmo mai

della pianificazione dei trasporti,

entrati in Techno Seed –spiega

potuto allacciare questi rapporti”.

decide infatti di tornare allo

Mascherin – perché consente di

studio e alla ricerca per sviluppare

effettuare ricerca di alto livello

e costituire un Osservatorio

senza perdere il collegamento

permanente della mobilità.

con il mondo del lavoro. I parchi

Uno strumento che consenta di

scientifici e gli incubatori hanno

acquisire, attraverso metodiche

questa prerogativa, sono una via

scientifiche, un’approfondita

intermedia fra università e impresa,

conoscenza del fenomeno della

quindi fra ricerca pura e mercato.

mobilità; conoscenza che sia

Benissimo quindi consulenza,

continua, calibrata, accessibile e

rapporti internazionali, relazioni

soprattutto utilizzabile dai decisori

con il mondo accademico, ricerca

- gli amministratori pubblici - non

e sperimentazione; meno bene la

propriamente esperti del settore

logistica. Gli spazi sono insufficienti

e che debbono contemperare le

e spero che le pubbliche autorità

decisioni anche con le spinte del

trasferiscano maggiori risorse a Friuli

territorio.

Innovazione per un ampliamento 51


The Business Game The Management & Learning Experience

The Business Game è specializzata nella consulenza e formazione manageriale attraverso la simulazione della gestione di impresa. Ha messo a punto un software che può essere personalizzato sulla base dello specifico settore di attività e del modello di business di un’azienda o sulle richieste specifiche di una business school. I vantaggi del prodotto sviluppato da The Business Game sono l’adattabilità alle esigenze del cliente in termini di aspetti grafici, tempi e modalità di erogazione; la versatilità, dal momento che i clienti possono ottenere un adattamento del modello economico del software (ad esempio a quale ambito aziendale dare più importanza, su quali prestazioni valutare la gestione aziendale…) e la flessibilità, attraverso la ridefinizione del modello economico.

Attività e servizi Tra i servizi offerti dall’impresa ci sono: `` formazione sia frontale che a distanza attraverso l’impiego di strumenti avanzati di e-learning a elevata interazione; `` sviluppo e personalizzazione di business games e software di business simulation; E-mail: info@thebusinessgame.eu Sito Web www.thebusinessgame.eu 52

`` reclutamento e networking attraverso lo sviluppo dell’immagine aziendale; `` consulenza strategica, organizzativa e di processo grazie a strumenti innovativi di supporto alle decisioni;

`` employer branding attraverso l’utilizzo di business simulation; `` train-the-Trainer ovvero la formazione diretta di docenti esterni; `` White Label, la personalizzazione grafica dei propri prodotti web-based. La società collabora e ha collaborato in passato con diverse aziende a livello nazionale quali la Trelleborg Wheel Systems, Il Sole 24 Ore, Elea e Mastra Consulting.


Fabio Nonino

Fabio Nonino, laureato in ingegneria

di manager per imprese private e

amministrativi oltre che lo sviluppo

gestionale all’Università di Udine 6

per la pubblica amministrazione. Il

di un business plan che definisca

anni fa, un dottorato di ricerca in

meccanismo è semplice e geniale

chiaramente i rischi e le opportunità

ingegneria gestionale all’Università

al tempo stesso: si formano alcuni

di creazione d’impresa. Il futuro?

di Padova, è l’amministratore

team che rappresentano ognuno

No problem, davvero. Crediamo

di The Business Game Srl, una

il management di una azienda e

– conclude Nonino – di avere le

delle ultime start up nate in casa

li si mette in competizione come

conoscenze, le competenze e le

Techno Seed. L’idea imprenditoriale

se fossero delle aziende vere. In

capacità per sviluppare ulteriore

nasce all’interno del Laboratorio di

realtà sono imprese virtuali che

ricerca che ci consentirà di

ingegneria gestionale dell’Università

operano su un mercato simulato,

affrontare a viso aperto le sfide del

di Udine, diretto dal prof. Alberto

grazie al programma realizzato da

futuro”.

Felice De Toni che diventa anch’egli

The Business Game. Vince il gruppo

uno dei soci fondatori di The

che si dimostra più bravo a gestire

Business Game assieme all’ing.

l’azienda. La finalità del servizio è

Nicola Baldissin, appassionato

duplice: sviluppare la capacità di

conoscitore dei serious game e

team-working delle persone che

coinvolto nel progetto sin dal periodo

partecipano al gioco e insegnare le

della tesi. Nel Laboratorio viene

più avanzate tecniche di gestione

sviluppato il prototipo software che è

aziendale.

alla base dello spin-off accademico

“Per noi – spiega Nonino –

e che darà poi vita alla start up nei

l’esperienza in Techno Seed è stata

primi mesi del 2008. L’azienda, in

ed è fondamentale soprattutto per

continua crescita, ha sviluppato

il supporto imprenditoriale. Fare

un “gioco” web-based formativo

impresa concretamente va al di là

per manager. In effetti propone

delle conoscenze tecniche della

al mercato strumenti e-Learning

materia. I problemi più difficili da

per la formazione e la selezione

risolvere sono quelli burocratico53


54


55


Hanno collaborato a questo progetto: Gianni Badini Claudia Baracchini Arianna Barazzutti Fulvio Beltrame Corrado Bentivegna Michele Bortolussi Marco Bovolini Andrea Buffon Clara Canci Maurizio Canciani Elisa Candotti Giorgio Candusso Maurizio Caschi Roberto Cassina Claudio Castellano Gianfranco Cecot Roberto Cerniani Cristina Colautti Alessia Comar Cristiana Compagno Michela Comuzzo Sergio Copetti Carlos Corvino

Manuela Croatto Antonio D’Andrea Annachiara Danieli Marco De Anna Carlo De Monte Annachiara Del Missier Simonetta Di Zanutto Moreno Falaschi Fabio Feruglio Gianluca Foresti Narciso Gaspardo Roberta Giorgiutti Stefano Govetto Enrico Guglielmi Furio Honsell Andrea Kassabian Daniele Lattanzi Alessandro Lombrano Vilma Longo Andrea Lucatello Ezio Lugnani Serena Marchetti Gianluca Masotti

Alessandro Mazzi Antonio Meucci Elisa Micelli Marco Michelloni Marino Miculan Marilena Migliorati Mauro Nalato Guido Nassimbeni Severino Neri Gilberto Noacco Paolo Omero Sergio Paroni Geni Pascut Sabrina Passone Andrea Paulin Elena Piccinato Alessandra Picciolo Gigliola Piccolo Daniel Pittino Igino Piutti Nello Polesello Flavio Pressacco Francesca Procino

Sabina Puppo Silvia Pusiol Alberto Rainis Massimo Rampogna Paolo Rimanich Sandra Salvador Samantha Sanfilippo Anna Maria Scarpa Monica Serra Andrea Sgobbi Renato Spoletti Andrea Tabarroni Carlo Tasso Alberto Toffolutti Stefano Tonchia Alessandro Trovarelli Francesca Visintin Maurizio Zanette Paolo Emilio Zilli Giordano Zoppolato

Progetto Grafico: FREEco.it design _ Impaginazione: Gianluca Prizzon _ Foto: G. Prizzon, C. Vidoni, M. BaĂš, M. De Anna _ Stampa: Tipografia Srl_anno 2009 56



Friuli Innovazione - Techno Seed