Issuu on Google+

INFORMATIZZAZIONE

ANNO 56 NUMERO 34 • 10 SETTEMBRE 2012

9

NUOVE TECNOLOGIE / IL PUNTO

www.sprintesport.it tel 011-197.40.111

Bacchetta senza meriti Lombardia, Milesi sarà della partita di CLAUDIO VERRETTO

Q

ualcuno obietterà che siamo di parte e noi non solo non cerchiamo di difenderci, anzi, ci teniamo a dire che è vero. Siamo dalle parte delle società perché sono loro che finanziano il calcio italiano. Non sono i grandi club, i miliardari della Serie A a tenere in piedi il sistema, sono i presidenti, i dirigenti, i genitori del calcio giovanile e dilettantistico che con la loro smisurata passione si autotassano e permettono al calcio italiano di prosperare. Semmai i “ricconi”, tranne qualche rara eccezione, cercano di succhiare risorse ai Dilettanti riuscendo ad entrare, e quindi condizionare, nelle stanze dei bottoni. Ne sono esempi, per citarne uno, la regola dei giovani fuoriquota, la modifica ottenuta sui premi alla carriera, passata da 100mila euro a poco più di 15mila, i premi di preparazione. Se poi qualcuno vuole possiamo parlare dei brand che vanno per la maggiore in tema di abbigliamento tecnico-sportivo. I Dilettanti però sono bravi, in qualche circostanza, a farsi del male anche da soli. A volte scegliendosi pessimi rappresentanti. Vuoi per disinteresse, spesso e volentieri per pigrizia. A tal proposito a breve ci saranno le elezioni che chiameranno a votare i club per eleggere i propri rappresentanti e la bagarre sta entrando nel vivo. In Piemonte ci saranno almeno due liste se non addirittura tre dal momento che oltre a Bacchetta, il presidente in carica, ci sarà anche Chiaffredo Gallo e forse l’ex presidente Giovanni Inversi. In Lombardia la storia sembra ripetersi perché, oltre a Felice Belloli, Stefano Chiari questa settimana farà sapere se sosterrà l’attuale governo oppure proporrà una nuova lista. Di sicuro ci sarà l’ex presidente del Cr Lombardia Giuliano Milesi che sta raccogliendo le firme e ha ormai raggiunto il quorum. Ed è proprio nel momento del voto che le società dovrebbero dimostrare maggior compattezza e soprattutto una maggiore capacità di analisi al fine di scegliere il rappresentante migliore. Spesso invece si finisce per cedere proprio alla pigrizia perché siamo portati a credere che «tanto non cambia nulla». Non è vero. E la dimostrazione ci viene dal numero uno dei Dilettanti e cioè Carlo Tavecchio che da quando è presidente della Lnd ha dato grande impulso al movimento. Certo lui non è abituato a prendersi i meriti di altri come il buon Ermelindo Bacchetta che sventola nelle riunioni piemontesi il tesseramento online come una sua invenzione quando in realtà è farina del sacco altrui.

INFORMATIZZAZIONE / Meno costi molti più servizi

La Lombardia è avanti

Informatizzazione. Parola magica per alcuni, grattacapo per altri. Ma nell’era del digitale nemmeno il “nostro” mondo, quello del calcio giovanile e dilettantistico, può rimanerne immune. Se fino a qualche anno fa il Comitato regionale Piemonte Valle d’Aosta era stato tra i precursori dell’informatizzazione, l’innovazione delle iscrizioni online prima, e il tesseramento via web poi, sono risultati ottenuti grazie al Comitato regionale Lombardia. Vero e proprio centro pilota, la regione governata dal presidente Felice Belloli ha introdotto alcune innovazioni che hanno rivoluzionato il modo di interagire tra i club, il governo regionale e la Federcalcio stessa. L’esigenza era reale e altri sport, che siamo soliti definire minori ma che minori non sono, tipo la Federbasket, utilizzavano da tempo, e utilizzano tutt’ora, le nuove tecnologie con risultati che hanno portato grandi benefici ai club. Ben prima del calcio.

Meno costi Ovviamente uno dei primi benefici che le società hanno avuto è stato dal punto di vista economico. Benefici avuti fin dai tempi in cui venne abolita la stampa e la spedizione a tutte le società del Comunicato Ufficiale. Si potrà obiettare che probabilmente alcune stamperie e l’Ente Poste hanno avuto un danno se si calcola che alla fine degli anni novanta, ricorda un vecchio dirigente, il Comitato regionale Piemonte Valle d’Aosta spendeva circa 700 milioni delle vecchie lire per raggiungere settimanalmente le società, ma certamente non i club. Ma i vantaggi non sono solo in termini economici, basti pensare alla tempestività con cui si viene informati piuttosto che la comodità che hanno le segreterie. Prima non vi era nemmeno la certezza che il Comunicato Ufficiale arrivasse nella settimana in cui veniva spedito e non a caso molti segretari che potevano farlo, per via della vicinanza con gli uffici, si presentavano a ritirarne una copia direttamente in Comitato. La Lombardia centro pilota, dicevamo, perché l’entrata in vigore della procedura informatizzata risale alla stagione sportiva 2010-2011 e fu senza ombra di dubbio merito di questo governo regionale e del presidente Belloli che ne fece un cavallo di battaglia. Tutto sommato abbastanza modesto l’impegno economico, se si pensa ai benefici, dal momento che la spesa è stata all’incirca intorno ai 60mila euro. Quindi questa, per la Lombardia, è già la terza stagione sportiva mentre per il Piemonte Valle d’Aosta

CRONISTORIA / Informatica

Dai Comunicati postali ai tesseramenti on-line «Tredici anni fa ci armavamo di colla, forbici, cartellino e una sana stretta di mano; era, per così dire, un tesseramento ‘nature’». Parola di Giò Frassinelli, colonna portante del calcio piemontese e uomo di Federazione.

1999 Il Piemonte è il primo Comitato Regionale italiano a stamparsi autonomamente i Comunicati per poi spedirli. Con computer e stampanti all’avanguardia si salta in questo modo il ‘vincolo’ tipografico e i relativi costi di tipografia. 2001 Questa è la data della prima

Carlo Tavecchio

so ci si affidava alla sola parola del giocatore o dei genitori del ragazzo.

2002 Piemonte in prima linea con il sito www.sportregione.it; grazie a questo portale viene definitivamente eliminato l’invio dei Comunicati via posta. Il Comunicato viene redatto e caricato sul portale dal quale tutte le società possono direttamente scaricarlo e stamparlo autonomamente, con una drastica diminuzione dei costi. Nel 2002 venne anche approvato, in occasione del Consiglio federale della FIGC, lo svincolo per decadenza. Con questa disposizione si applicò il diritto per i calciatori dilettanti (25° anno di età compiuto) di richiedere lo svincolo dalla propria società.

informatizzazione federale; prima di questa data la difficoltà era soprattutto nel riconoscimento dei cosiddetti tesseramenti “doppioni”, poiché fino al momento dell’inserimento di una 2003 Dopo il Piemonte, anche il matrice di riferimento, le società non Comitato Regionale Lombardia si aterano in grado di sapere se un gioca- trezza per i Comunicati scaricabili tore era realmente libero o no e spes- on-line attraverso il portale http://

PRESIDENTE / Felice Belloli, Comitato regionale Lombardia della Lega Nazionale Dilettanti appena la seconda.

Molti pro nessun contro A ben vedere nessuna controindicazione e per far capire che cosa stia rappresentando la procedura informatica basta analizzare alcuni dati che provengono da una delle più grandi Delegazioni della nostra Penisola e cioè Milano. «Avevamo un errore medio del 10-12% sui tesseramenti - spiega l’attuale Delegato provinciale Luigi Dubini - ma un anno siamo arrivati a dover respingere quasi 4mila tesseramenti su un totale di 21mila. Un lavoro imponente se si calcola che ogni cartellino veniva inserito manualmente da noi». La nuova procedura ha invece diminuito drasticamente l’errore: «Assolutamente sì - prosegue Dubini - su 5mila cartellini inseriti ad oggi abbiamo respinto solo 7 cartellini». E il vantaggio non è solo economico perché si risparmia tempo e, ammettiamolo, anche qualche bella arrabbiatura. Scoprire, dopo aver magari percorso cinquanta chilometri, di

non riuscire a fare un tesseramento per via di un errore magari veniale, può procurare più che un fastidio. E visto che si parla della Delegazione di Giovanni Inversi Milano vale la pena di ricordare che il giovedì e il venerdì gli uffici, in questo particolare periodo dell’anno, sono aperti dalle 11:00 del mattino fino a sera (possiamo anche dire inoltrata). «Ho dei colleghi fantastici - minimizza Dubini - e comunque non dobbiamo mai dimenticare che siamo al servizio delle società. Abbiamo messo i numerini e in questo modo rendiamo la coda che inevitabilmente si forma meno sgradevole. I dirigenti scendono in cortile aspettando il loro turno a fumarsi una sigaretta e socializzano tra loro». Politica dei servizi, socializzare, agevolare i dirigenti, parole che in Piemonte purtroppo non siamo più abituati a sentire. Le telefonate che raggiungono i dirigenti in questo periodo sono solo per sollecitare un timbro e una firma. Sul modulo della candidatura di Bacchetta. Cla. Ve. Andrea Coppo

Il presidente della Lega Nazionale Dilettanti è sempre stato uno dei maggiori sostenitori dello sviluppo informatico come mezzo di comunicazione tra la Federazione e le Associazioni L’ex presidente del Comitato Regionale Piemonte Valle d’Aosta è stato precursore nel trasformare il Comitato piemontese in una Regione all’avanguardia da un punto di vista informatico

L’ex Consigliere Federale ha indicato la via dello sviluppo dei Comunicati stampati autonomamente, evitando il vincolo tipografico previsto fino a quel necessario cambiamento

Il Comitato Lombardia sposò per primo in Italia, in via sperimentale, i benefici del tesseramento telematico. Pur restando il tesseramento un contratto da firmare, il cambiamento rappresenta sicuramente una svolta per l’immediatezza e la precisione, anche nei frangenti di provvisorietà del tesseramento. Questa stagione va anche ricordata per l’iscirizione on-line ai campionati attraverso l’Area Società.

2011 La stagione della consacrazione negli altri Comitati. La quasi totale eliminazione del “mezzo posta” nelle comunicazioni, oltre a essere più funzionale, è un considerevole risparmio per le società, che eliminano, anche in caso di dimenticanze o neCARTELLINO / Uno storico tesserino della Federazione Italiana Giuoco calcio datato 1990; categoria Esordienti cessità di allegare documenti, le spega Nazionale Dilettanti ha assunto nale Dilettanti che per il Settore Gio- se postali a loro carico. informacalcio.quotidiano.net/ funzioni relative al tesseramento, alle vanile Scolastico. Indimenticabile per 2004 Nasce il sito della LND, punto affiliazioni, alle iscrizioni ai campio- ogni dirigente di associazioni sporti- 2012 Il sistema entra a far parte deldi partenza nella realizzazione di un nati nonché all’organizzazione degli ve la corsa al 1° Luglio per l’acquisto la quotidianità con una prerogativa sistema con sempre meno problemi stessi, relativi all’attività giovanile a dei cartellini e per le operazioni di di sostegno e assistenza da parte del legati a iscrizioni nei campionati, co- livello territoriale». Una data signifi- tesseramento dei calciatori, con tanto Comitato; un servizio necessario per municati e tesseramenti dei calciato- cativa, quindi, per l’incremento della di disguidi e code chilometriche sia quelle società non ancora abituate alri; un sistema in grado di creare una struttura LND in tutte le sue ramifi- nelle Delegazioni Provinciali che nei le nuove modalità di iscrizione. Ogni Comitati Regionali. comunicazione immediata e diretta, cazioni territoriali. genere di problema (certificati, alleuna vera e propria rete. gati, documentazioni, ecc.) può esse2009 Fino alla stagione 2009/10 il 2010 La stagione 2010/11 è da ricor- re risolto direttamente attraverso 2007 E’ esattamente a partire dalla tesseramento dei calciatori è stato an- dare soprattutto come la fase pionie- l’Area Società. stagione sportiva 2007/08 che «la Le- cora cartaceo sia per la Lega Nazio- ra di test per il tesseramento on-line. Eugenio Giannetta


n.34 - SPRINT&SPORT