Page 1

FRANZOSINI SOLUTIONS FOCUS MAGAZINE NUMBER 2015/03

NOVEMBRE - FEBBRAIO

Intervista al Presidente dell’ASTAG Waldo Bernasconi

06

Franzosini Italia S.r.l. Nuovo Centro Doganale

11

Scheda Paese Stati Uniti d’America

18

La Palmira e Franzosini a ga sem anca nüm!

28


RESTARE INFORMATI

FOCUS MAGAZINE DELLA FRANZOSINI SA, PER RESTARE INFORMATI Approfondimenti sul mondo delle spedizioni internazionali, della logistica, della politica dei trasporti e delle novitĂ doganali elvetiche e comunitarie. Aggiornamenti per fornire gli strumenti volti a semplificare ed indirizzare il lettore verso le corrette modalitĂ  operative da tenere nelle pratiche quotidiane del lavoro.


WELCOME Essere opportunamente informati sulle normative dei vari Paesi è indispensabile per gestire al meglio ogni spedizione internazionale.

Alessandro Borghi Vice director

Una rivista informativa, per poter stare al passo con i

accordi commerciali odierni, risultino superati in un

tempi, deve sapersi adattare e mutare in corsa. Questo

periodo temporale molto breve. Nell’era del “4.0”,

nuovo taglio, caratterizzato dall’inserimento di nuove

siamo tuttavia dell’opinione che dedicare del tempo

e dettagliate tematiche specifiche, si è reso necessario

all’approfondimento normativo di uno specifico Paese,

per poter offrire una rivista – seppur di settore – con complementi economici e storici che consentano di valorizzarla e di renderla di maggior interesse per quanti volessero approfondire i dettagli del commercio internazionale con i vari interlocutori di altre nazioni. Così, con il numero odierno, abbiamo deciso di inserire una panoramica approfondita riguardante uno specifico Paese, un importante partner commerciale con cui la

tracciandone una sorta di radiografia che vada al di là dei meri aspetti economici, possa permettere al lettore di comprendere meglio il complesso mondo nel quale ci muoviamo. Essere

opportunamente

informati

e

conoscere

approfonditamente le regole di un Paese può migliorare inoltre il rapporto interpersonale con il proprio cliente,

Svizzera ha costanti e consolidati rapporti: gli Stati Uniti

consolidando con lui il legame già instaurato; senza

d’America.

tralasciare il fatto che, ovviamente, tutto ciò che accresce

E’ indubbio che l’informazione al giorno d’oggi viaggi

la conoscenza, può fare risparmiare soldi all’azienda.

ad una velocità tale che le notizie, così come gli

Buona lettura

www.franzosini.ch | Tel. +41 (0)91 695.50.10

3


VENDITE NELL’UE ED EXTRA UE: GLI ERRORI PIU’ FREQUENTI NELLE

ESPORTAZIONI

Le compravendite internazionali sono piene di insidie amministrative e burocratiche e gli errori che vengono commessi si ripetono con troppa frequenza. Le nostre merci recano la dicitura «Made in Switzerland»

È sempre necessario verificare – per ogni singolo

e per questo motivo non abbiamo rilasciato nessuna

accordo di libero scambio e Paese di destinazione – le

prova dell’origine per l’ottenimento della franchigia

regole della lista relative alle singole voci di tariffa. In

doganale.

questo caso concreto è stato preso in considerazione un criterio di valore (ad es. un massimo del 40% di componenti privi di carattere di prodotto originario), ma era necessario anche un cambiamento di voce doganale. Simili dichiarazioni erronee possono avere come conseguenza l’obbligo di effettuare versamenti di regolarizzazione a livello di dazi doganali oppure di pagare multe, ma possono anche provocare gravi danni d’immagine alle imprese coinvolte. Ho spedito merce verso la Germania ed ero convinto

Bisogna prestare attenzione alle diciture commerciali

che, in virtù dell’accordo di libero scambio, non vi

«Made in Switzerland» e «Swiss made»: queste sono

fossero dazi doganali. Invece, il destinatario ha dovuto

delle indicazioni di provenienza per il cui utilizzo esistono

pagarne.

regole specifiche, ma tali designazioni non hanno niente a che vedere con l’origine così come intesa negli accordi di libero scambio. Per ottenere una franchigia doganale è sempre necessaria l’emissione di un certificato di circolazione delle merci oppure l’apposizione di una dichiarazione di origine in fattura. Le regole per l’utilizzo del marchio «Swiss made» sono molto diverse dalle regole dell’origine degli accordi di libero scambio ed è importante non confondere le due cose.

4

I nostri componenti provengono per l’80% dalla Svizzera

Le agevolazioni doganali non valgono automaticamente

e dall’UE. Ciononostante, l’autorità doganale sostiene

senza l’intervento dell’esportatore. Infatti, a condizione

che

l’origine

che si tratti di prodotti originari esportati in modalità di

svizzera. Noi pensavamo che l’80% di origine svizzera

abbiamo

dichiarato

preferenza tariffale, l’esportatore deve comprovarne

e dell’UE bastasse ampiamente per dichiarare l’origine

l’origine tramite un certificato di circolazione delle merci

preferenziale.

oppure una dichiarazione di origine sulla fattura.

Forwarding and logistics services

indebitamente


Inoltre, nonostante gli

accordi di libero scambio in

alla normativa doganale, la fattura proforma è un

vigore, non tutte le merci sono in franchigia doganale al

documento molto particolare che deve essere utilizzato

100%: ad esempio su alcune merci ben determinate non

solo in specifiche casistiche, come le operazioni di

vi è addirittura alcuna agevolazione doganale, mentre

importazione o esportazione temporanea. Su tali

su altre merci sono previste soltanto riduzioni (molto

documenti deve essere indicato un valore - cosiddetto

variabili) dei dazi.

“ai fini doganali” - per consentire il corretto calcolo ed il pagamento dei tributi all’importazione (IVA e dazi) nel

Un cliente tedesco mi ha ordinato della merce che io gli

Paese di destinazione.

ho fatto pervenire direttamente in Germania tramite il

Proprio a tal fine, il valore delle merci indicato nella

mio fornitore che si trova in Austria. Ora però mi viene

fattura proforma deve corrispondere ad un valore

fatturato il pagamento dell’IVA estera. Cosa posso fare?

veritiero. In pratica, non è consentito dichiarare le merci ad un prezzo più basso. Nel caso in cui il dichiarante doganale si trovi di fronte a valori non accettabili potrà provvedere ad un “aggiustamento” sul prezzo nella dichiarazione doganale, così da far pagare i tributi doganali nella misura corretta. La nostra azienda esegue forniture verso ditte clienti che si trovano in Brasile. A tale scopo, abbiamo rilasciato un certificato di origine EUR1. Perché l’importazione non è in franchigia doganale?

Questo tipo di operazioni commerciali «a catena» con l’UE sono più complicate di quanto si possa pensare, proprio per quanto riguarda l’imposta sul valore aggiunto. Per analizzare tali operazioni bisogna sempre guardare agli Incoterms utilizzati e vedere se si tratta di una fornitura o di un ritiro. In base a tali distinzioni, la fornitura risulta quindi essere imponibile nel Paese di destinazione o in quello di partenza; ne scaturisce di conseguenza l’obbligo di farsi registrare per l’IVA in uno degli Stati membri dell’UE. In casi del genere è sempre meglio consultarsi preventivamente con il proprio operatore doganale per impostare l’esportazione in maniera corretta.

Il certificato di circolazione delle merci EUR1 o l’apposizione in fattura di una dichiarazione di origine

Nella fattura proforma abbiamo indicato un valore della

consentono, come noto, l’esenzione daziaria nelle

merce inferiore rispetto al valore effettivo della merce.

operazioni internazionali; peraltro questi documenti

È corretto?

esplicano la loro efficacia unicamente se la Svizzera ha siglato con il Paese di destinazione un accordo di libero

Nella prassi comune le aziende sono solite utilizzare

scambio in corso di validità.

la fattura proforma in maniera alquanto impropria,

In questo caso va specificato che tra la Svizzera ed

indicando dei valori delle merci a loro favorevoli e

il Brasile non sono mai stati stipulati accordi di libero

spesso al fine di pagare minori tributi doganali.

scambio e per questo motivo non esiste alcuna

In questa sede é doveroso ribadire che, in base

franchigia doganale.

Marco Tepoorten General Manager & CEO Tel. +41 (0)91 695.50.12

Angelo Piffaretti Vice Director & Key Account Manager Tel. +41 (0)91 695.50.15

www.franzosini.ch | Tel. +41 (0)91 695.50.10

5


INTERVISTA AL PRESIDENTE DELL’ ASTAG TICINO

WALDO BERNASCONI

Una lunga chiacchierata tra il Direttore della Franzosini Marco Tepoorten ed il Presidente dell’Associazione svizzera degli autotrasportatori Waldo Bernasconi, nella quale si sono toccate molteplici tematiche. Una breve introduzione: cos’è l’ASTAG e quale scopo si

mancheranno 25’000 autisti”. Ad oggi a che punto

prefigge.

siamo?

L’ASTAG è l’Associazione svizzera degli autotrasportatori

Ad oggi osserviamo che i giovani si avvicinano sempre

e dei proprietari di autocarri. In pratica esiste il trasporto

più a tale professione e gli apprendisti autisti riescono,

“conto terzi”, ma anche il trasporto “conto proprio”

dopo il tirocinio, a mantenere la loro professione

effettuato con mezzi propri dalle aziende di produzione

presso le aziende formatrici o in altre realtà aziendali,

che posseggono dei camion e che si associano all’ASTAG

poiché magari vogliono fare altre esperienze o andare

per avere l’assistenza per quanto riguarda la formazione

all’estero, etc…

degli autisti, degli apprendisti autisti e per reperire

La principale difficoltà che riscontriamo e che potrebbe

le informazioni sui trattati con l’UE e le informazioni

davvero ripercuotersi negativamente nel 2020, riguarda

doganali.

l’accesso alla professione tramite gli esami: i testi arrivano dalla Svizzera interna con traduzioni imprecise

Cosa ha fatto l’Associazione ASTAG di importante, in

ed abbiamo rilevato che i primi tempi su 10 candidati che

sintesi, negli ultimi anni?

si presentavano agli esami, solo uno riusciva a superare la prova. Inoltre riprovare l’esame in una seconda

La

prima cosa da citare, anche se trae origine da

sessione risultava difficile in quanto i costi sono davvero

un’iniziativa partita trent’anni fa con il Sig. Bruno

elevati e soprattutto in tempi di difficoltà economiche,

Planzer,

gli autisti stanno ben attenti al bilancio familiare.

riguarda

l’assicurazione

dell’ASTAG:

per

gli autotrasportatori associati vi è la possibilità di

Questi fattori hanno inevitabilmente ridotto il numero

usufruire di un programma assicurativo all’avanguardia

della forza lavoro nel settore.

e vantaggioso, in particolare per quanto riguarda il

Attualmente

secondo pilastro, la perdita di salario ed anche per le

professione gli aspiranti autisti con la creazione di un

RC dei veicoli.

Centro di istruzione a Biasca.

La seconda iniziativa portata a termine dall’Associazione

Avevamo

è la scuola per apprendisti in Ticino: ad oggi possiamo

coinvolgere le scuole guida del Canton Ticino e gli

contare più di 30 autisti apprendisti nel Cantone e

istruttori al fine di fare la preparazione degli autisti per

possiamo dire che funziona molto bene.

l’esame, ma purtroppo non è andata in porto.

In ultimo segnalo che abbiamo realizzato il Centro

D’altro canto, l’ASTAG non poteva occuparsi di fare la

di Competenza di Gordola, che è il primo in Svizzera

preparazione in quanto è lei stessa l’ente incaricato a far

e che sta dando buoni risultati, tant’è che anche il

eseguire gli esami. Adesso il Consiglio Federale ha deciso

Canton Argovia a breve seguirà il nostro esempio con la

di delegare nuovamente all’ASTAG anche la preparazione

creazione del secondo Centro di Competenze.

degli esami in quanto i risultati erano preoccupanti ed in

stiamo

cercando

di

invogliare

alla

tentato anche un’altra possibilità: ovvero

effetti stiamo ottenendo ottimi risultati con percentuali

6

Nel 2011 l’Associazione ASTAG ha lanciato “un grido

prossime al 100% di superamento degli esami sugli

di allarme” assai preoccupante: “Nel 2020 in Svizzera

iscritti.

Forwarding and logistics services


Non crede che la professione rimane poco ambita

problema e con l’intervento della Sig.ra Pantani e del

e saremo sempre costretti a reperire manodopera

Sig. Regazzi del Consiglio Nazionale, ma nonostante

dall’estero?

tutto le dogane fanno ancora finta di non capire o non vedere.

Noi ci auguriamo che gli sforzi che stiamo facendo -

Abbiamo quindi optato per le maniere “forti”, portando

come la partecipazione a varie manifestazioni, eventi

alla loro attenzione dei casi reali dove fatti similari

di settore, EXPO professioni ed altre esposizioni

vengono sanzionati in Italia con il sequestro del veicolo,

specifiche - possano invogliare sempre più i giovani alla

mentre da noi non vengono presi provvedimenti.

professione di autista, mansione sempre più delicata

Stiamo ora valutando la possibilità del supporto

e soggetta a regolamentazioni particolari, a partire

un avvocato per portare avanti la nostra causa al fine

dall’apprendistato. Proviamo a sensibilizzare i giovani

di individuare le soluzioni a questo annoso problema.

per sperare in un futuro roseo…

Sono assolutamente certo che la nostra posizione

di

corrisponda alla ragione ed appena avremo ottenuto Quali scenari si stanno delineando concretamente per il

tale riconoscimento richiederemo il risarcimento per

settore dei trasporti in Ticino e in Svizzera alla luce delle

questi venti anni in cui gli autotrasportatori ticinesi

recenti fluttuazioni dei tassi di cambio, soprattutto il

hanno perso qualcosa. Insomma la Confederazione

franco a confronto con l’euro?

dovrà rimborsare chi ha perso questi soldi, perché questi sono stati rubati!

La difficoltà principale sta nel fatto che in genere i maggiori costi che il trasportatore subisce li trasferisce

Per quale motivo le Dogane non avrebbero interesse ad

sul cliente finale e di conseguenza infine è il cittadino

aprire gli occhi su questo problema?

che paga. Per quanto riguarda le relazioni con l’estero vediamo che le recenti turbolenze del cambio delle

Secondo noi i motivi principali sono due: o perché

valute franco - euro si sono fatte sentire: basti pensare

il troppo lavoro stanca, o perché a toccare certi

alla nostra offerta di corsi, che interessano l’Italia con

argomenti… forse qualcuno avrà detto che è meglio

prezzi in euro, che noi offriamo all’importo del vecchio

lasciar perdere e così siamo andati avanti come siamo

cambio e per i quali ne subiamo delle perdite secche da

andati avanti fino ad adesso.

subito. Immaginiamo che per questi fattori, sulla piazza ticinese, ci sia chi soffre… anche se poi in altri settori

Vi sono e in caso affermativo, quali sono le responsabilità

specifici, come l’edilizia,

per le industrie che affidano i loro trasporti nazionali a

la materia prima (mattoni,

sabbia, cemento, etc…) costa meno.

vettori con targhe estere? (divieto cabotaggio).

Come giudica la situazione del trasporto merci su strada

Abbiamo avuto dei casi di aziende che hanno affidato

per quanto concerne le varie infrazioni al divieto di

il trasporto a veicoli italiani: siamo intervenuti e le

cabotaggio?

sanzioni sono state molto pesanti. In un caso, il direttore dell’azienda incriminata – si trattava di un municipale

Il cabotaggio esiste, sia per il trasporto delle merci

di un comune ticinese – ha dovuto dare le dimissioni

che delle persone. Purtroppo è un mal vezzo del

dall’incarico pubblico in quanto era in corso anche la

trasportatore ticinese quello di controllare dove va il suo

denuncia penale. Lui ha dovuto pagare le sanzioni, il

collega ticinese, cosa trasporta etc, e non preoccuparsi

camion è stato sdoganato, sequestrato e per riportarlo

di quello che succede intorno a lui, dove ci sono poi

in Italia hanno dovuto sdoganarlo una seconda volta.

effettivamente degli abusi di cabotaggio.

L’autista è stato sanzionato insieme al proprietario del

Abbiamo riscontrato questi abusi già 20 anni fa ed io

camion.

l’avevo segnalato alle Dogane, ma mi hanno sempre

In uno degli ultimi casi che abbiamo scoperto noi

detto che non si trattava di cabotaggio. Con i contatti

dell’ASTAG, il camion è stato sequestrato ed è rimasto

con l’UE e l’UETR (European Road Haulers Association)

fermo fino a quando il proprietario del veicolo non ha

ed assistendo alle varie riunioni di questi organismi,

versato 24.000 franchi alla dogana: solo in quel momento

rileviamo che l’UETR reclama perché pare che la Svizzera

l’operazione si è sbloccata con lo sdoganamento ed

sia l’unico Paese che non fa rispettare il cabotaggio.

il camion è rientrato in Italia. Poi ci sono anche i casi

Abbiamo colto l’occasione per tornare a sollevare il

riguardanti il trasporto di persone: un giorno, da comune

www.franzosini.ch | Tel. +41 (0)91 695.50.10

7


saliva su un pullman turistico targato italiano. Mi sono

e non basterà un intervento lieve: bisogna fermarla,

avvicinato ed ho chiesto informazioni al responsabile

“smontarla” e rifarla completamente; quindi per

del gruppo della comitiva, che mi aveva confermato che

fare questo lavoro bisogna avere un’altra galleria già

si trattava di una visita alla città di Basilea. A quel punto

predisposta e realizzata con tutti i criteri per poter

li ho avvisati che avrei segnalato il fatto alla Polizia,

garantire il transito dei veicoli.

notando lo stupore di fronte a tale notizia.

Un domani ci troveremo con due gallerie che potremo

Il medesimo fatto si è ripetuto: un agente di Polizia che

utilizzare in due versi opposti, con una corsia di

segue da noi i corsi ADR, pratico del mestiere, mi ha

emergenza.

riferito di aver notato una domenica una comitiva che

Abbiamo dei filmati che dimostrano che, in caso di

saliva su un bus targato italiano. Lo ha seguito e poco

incidenti, gli interventi in una galleria con due sensi

dopo ha fermato il mezzo chiedendo ai passeggeri dove

di marcia e senza corsia di emergenza, sono quasi

fossero saliti. In questo caso ha fatto scendere tutti

impossibili; addirittura vi è un esempio di un vero e

imponendo loro di chiamare l’autopulman, in quanto il

proprio disastro avvenuto a causa di un’autovettura

bus targato italiano è stato sequestrato.

rimasta senza carburante in una galleria. In definitiva,

Si tratta però di casi fortuiti, perché è una pura

senza corsia di emergenza non si possono avere i due

coincidenza che si trovi sul posto una persona esperta

sensi di marcia.

che segnala i fatti. La grande difficoltà l’abbiamo ancora in dogana in quanto di fronte alle nostre segnalazioni

Dal 1° gennaio 2015 è entrata in vigore in Germania

telefoniche ci viene detto di “richiamare domani perché

una legge antidumping sul salario minimo, che riguarda

non c’è nessuno”… ma se il caso è adesso, domani risulta

anche i lavoratori subordinati stranieri che operano

troppo tardi.

all’interno del territorio tedesco. La norma si applica anche ai trasporti internazionali

L’ASTAG è favorevole alla realizzazione di una seconda

con origine o destinazione Germania e ai trasporti

galleria sotto il San Gottardo. Quali sono i motivi

di cabotaggio. La Spagna sta adottando una nuova

principali di questa presa di posizione?

legge sull’autotrasporto estero contro la concorrenza sleale e il dumping sociale degli autisti e la Francia ha

Il primo motivo risiede nel fatto che la prima galleria

introdotto delle leggi che vietano il pernottamento degli

era stata costruita quando i camion misuravano, in

autisti sul camion durante il fine settimana. La Svizzera

larghezza, 2,30 metri e da allora i mezzi sono diventati

cosa sta facendo per difendere il proprio settore

decisamente più larghi.

dell’autotrasporto?

Il popolo è stato chiamato alle urne, ma è stato ingannato perché prima la larghezza del camion era fissata

In Svizzera abbiamo dei contratti collettivi di lavoro, ma

nella Costituzione, invece adesso questa misura va a

purtroppo nel nostro settore non sono obbligatori.

discrezione del Consiglio Federale che può aumentare

Diventa obbligatorio il rispetto del contratto collettivo

la larghezza, la lunghezza e l’altezza a suo piacimento.

di lavoro, non la sua trascrizione, quando si lavora

È successo che due mesi dopo la votazione, per varie

per lo Stato. In questo caso lo Stato impone che gli

ragioni tecniche, la dimensione è stata aumentata di

autisti percepiscano determinati stipendi e che le loro

2,55 metri ed il Gottardo sta diventando sempre più

prestazioni siano coperte dalle dovute prestazioni ed

stretto ed ora bisogna rimediare.

assicurazioni sociali.

Noi abbiamo fatto una richiesta all’Ufficio Federale delle

Per tutti gli altri settori il mercato del lavoro è demandato

Strade di proibire per tutti i camion la possibilità di

alla contrattazione privata e c’è un diffuso malcostume

effettuare sorpassi nelle gallerie, ma ci è stato risposto

sotto questo punto di vista.

che non esiste alcun pericolo ed i camion possono

8

tranquillamente fare dei sorpassi anche sotto le gallerie.

Possiamo dire che in questo ambito la Svizzera va un

Si capisce che tale risposta non è stata data da un autista,

po’ controcorrente: è come la politica dell’immigrazione,

che conosce bene le misure dei mezzi, ma da qualcuno

quando altri chiudono le frontiere noi le teniamo

che non sa davvero cosa sia un camion.

aperte e anche per gli autisti siamo gli ultimi a prendere

Adesso ci troviamo a dover revisionare questa galleria

provvedimenti…

Forwarding and logistics services


“Alcuni autisti percepiscono stipendi da 600 euro al mese e devono anche versare un deposito per l’affitto della cabina del camion”

La Svizzera per il momento si limita ai controlli sull’autostrada,

specialmente

nelle

ore

notturne

vengono controllati i veicoli fermi e coloro i quali stanno effettuando il riposo. Quello che non hanno mai detto è che fuori dalle cabine dei camion si trovano anche delle siringhe. Noi siamo a stretto contatto con questi controlli e ne siamo venuti a conoscenza, purtroppo… il fatto riguarda gli autisti! Abbiamo fatto una proposta: distribuire un volantino in dogana, un semplice biglietto con il quale diamo varie raccomandazioni, ad esempio di mantenere i 150 metri di distanza tra due camion, ma nessuno ha voluto

Noi abbiamo segnalato ai sindacati ed ai politici che

farlo né la Polizia né le Dogane perché hanno detto che

bisognerebbe applicare una normativa tale per cui è

non hanno tempo di distribuire volantini. Poi vediamo

concesso l’attraversamento del nostro Paese solo agli

che nel Canton Grigioni, ed io l’ho visto perché ci sono

autisti che possano dimostrare di ricevere uno stipendio

andato, c’è un cartello all’inizio del territorio cantonale,

dignitoso. Abbiamo ricevuto dall’UETR l’informazione che

dopo Lumino, che raccomanda di tenere la distanza dei

la Germania ha fissato a 2950 euro mensili lo stipendio

150 metri tra camion e camion e lo stesso Cantone si è

medio mensile di un autista, nel caso in cui questo sia un

dotato di uno strumento radar particolare che misura la

principiante tale importo può scendere fino a 2000 euro

distanza tra i mezzi.

al mese. Non ci sono stipendi paragonabili ai nostri…

Di recente poi, parlando con un membro ASTAG del Canton Ticino, ho saputo che aveva preso una multa nei

Certo, però potremmo risolvere molte problematiche

Grigioni di 450 franchi, più altri 450 franchi per spese

dicendo che la maggior parte degli autisti che varcano i

perché non aveva rispettato la distanza tra camion e

nostri confini e viaggiano sul nostro territorio prendono

camion: reclamava, ma inutilmente perché la norma è

ancora meno, stipendi molto più bassi: basti pensare

chiara e va rispettata.

agli stipendi pagati dalla Bulgaria di circa 600 euro!

Vediamo che in alcuni casi si fa qualcosa, ma in Canton Ticino la Polizia dice che non hanno gli agenti

Come ASTAG, siamo in effetti andati a fare delle interviste

specializzati, come una volta c’erano nella Polizia

agli autisti in autostrada ed abbiamo riscontrato che

stradale, per poter fare questo tipo di controlli in cui

alcuni percepiscono stipendi di 600 euro al mese e

serve una specializzazione sul traffico stradale.

devono versare un deposito a cauzione per l’affitto della cabina del camion. Ho visto di persona numerosi

Le aziende di trasporto elvetiche sono sottoposte ad

autisti che mangiano vicino al loro camion, accampati

una forte concorrenza da aziende estere, soprattutto

alla “buona” per fare una pausa e questa una situazione

dell’est Europa: queste operano sul territorio svizzero

che accomuna la maggior parte della manodopera del

rispettando

settore dei trasporti.

di immatricolazione dei mezzi e quindi con costi

ovviamente

le

normative

dei

Paesi

decisamente più bassi rispetto alle aziende nostrane. Sig. Bernasconi, Lei ha circa 70 anni e Le fa onore il fatto

Sono ipotizzabili secondo Lei interventi legislativi a

che una persona della sua età, per la passione che mette

tutela del nostro settore?

nel lavoro, vada in autostrada a fare delle interviste agli autisti e si renda conto di persona delle loro condizioni

Come dicevo poc’anzi, abbiamo chiesto alle autorità

lavorative. Da questi fatti è purtroppo inevitabile

competenti di applicare una normativa tale per cui sia

rilevare che le condizioni economiche a cui lavorano

concesso l’attraversamento del nostro Paese solo agli

molti autisti, creano inevitabilmente delle condizioni di

autisti che possano dimostrare di ricevere uno stipendio

dumping salariale nel settore…

dignitoso. Inoltre va detto che noi siamo sottoposti

Cambiando ambito, cosa sta facendo la Svizzera ed in

a collaudi annuali per i nostri mezzi e l’ASTAG sta

specifico il Canton Ticino in tema di sicurezza stradale?

spingendo per effettuare tali controlli ogni 4 anni.

www.franzosini.ch | Tel. +41 (0)91 695.50.10

9


Inoltre va detto che noi siamo sottoposti a collaudi

che devono presentarsi al collaudo con un peso

annuali per i nostri mezzi e l’ASTAG sta spingendo per

corrispondente ad almeno il 75% del loro peso totale,

effettuare tali controlli ogni 4 anni.

è corretto pensare che molte aziende si presentano

La nostra Polizia ci riferisce dati allarmanti riferiti alle

con merce commerciale, senza regolare mandato di

condizioni in cui si trovano i rimorchi che vengono

trasporto, con i vari rischi che ne conseguono qualora vi

trainati da motrici, tutte nuovissime, estere: in alcuni

sia un danno alla merce?

casi sono talmente obsoleti da avere l’impianto frenante totalmente fuori uso o pneumatici usurati oltre misura.

Si, è corretto. Non si dovrebbe fare, ma la gente non

Sono tutte condizioni che consentono alle aziende

pensa e c’è questo rischio… In caso di incidente il valore

estere di risparmiare sui costi di gestione, ma creano dei

della merce non viene rimborsato dall’assicurazione.

gravi rischi alla sicurezza stradale e creano dei costi alla collettività in caso di incidenti stradali.

Con un rapporto di misurazione dei freni rilasciato da un’azienda specializzata riconosciuta ufficialmente dalle

Dal 1 settembre 2013 gli autocarri, i trattori a sella

autorità, tutti questi veicoli potrebbero tuttavia essere

pesanti e i loro rimorchi devono essere presentati al

presentati al collaudo vuoti, ma devono comunque

collaudo carichi, con un peso effettivo corrispondente

presentarsi. Non ritiene questa una soluzione banale se

ad almeno il 75% del loro peso totale. E’ corretto pensare

non inutile, considerando che non riduce (anzi aumenta)

che a partire da quella data vi sia un aumento di viaggi di

il chilometraggio ed i costi?

automezzi pesanti in direzione di Camorino di migliaia di TIR, quasi tutti a pieno carico?

Noi abbiamo degli incontri periodici e dei contatti stretti con Camorino nei quali spingiamo per trovare

Con l’ufficio di Camorino siamo in costante contatto per

le soluzioni più semplici e più vicine agli operatori: una

varie questioni, tra cui quella dei collaudi, sia per i mezzi

ditta che compra dei mezzi nuovi e si rivolge all’officina

nuovi che per quelli già in circolazione, per i quali, come

del venditore per i collaudi dovrebbe avere la garanzia

detto, abbiamo richiesto che vengano fatti ogni 4 anni.

che tale officina possa rilasciare un collaudo esaustivo.

Per il collaudo dei semirimorchi l’ufficio di Camorino

Dovrebbero organizzarsi in questo senso e le autorità

ci viene incontro cercando di abbinare il collaudo del

dovrebbero limitarsi a fare dei controlli nelle officine

trattore e del semirimorchio in un unico momento; ci

autorizzate per verificare che i collaudi vengano

sono delle ditte che si sono attrezzate tenendo pronte

effettuati nel rispetto di determinati parametri.

delle palette con del materiale qualunque appositamente per i collaudi e poi, va detto, che l’ufficio di Camorino da la possibilità alle ditte che hanno particolari esigenze di prenotare telefonicamente il collaudo quando magari si trovano già a dover fare un viaggio a pieno carico. Comunque quasi tutti arriveranno al collaudo carichi. Peraltro va detto che se un trasportatore va a fare un collaudo con il semirimorchio carico di merce di un cliente e capita un incidente, non vi è alcuna copertura assicurativa, poiché manca il mandato del cliente stesso. Purtroppo ha ragione: non c’è copertura assicurativa e questo è un bel problema. Ribadisco, perché lo ritengo importante: considerando

Marco Tepoorten General Manager & CEO Tel. +41 (0)91 695.50.12

10

Forwarding and logistics services

Waldo Bernasconi


NUOVO CENTRO DOGANALE

FRANZOSINI ITALIA S.R.L. In allestimento il nuovo centro doganale al valico di Gaggiolo: 10’000 mq di piazzale, un magazzino di 1’000 mq e uffici di 250 mq. La Franzosini Italia S.r.l. nasce dalla volontà della SA

enorme piazzale doganale privato.

Luciano Franzosini, sua casa madre, di avere un proprio

La nuova sede si trova a 800 metri dalla Dogana di

corrispondente sul territorio italiano per gestire al

Gaggiolo, in Via Cantello 43/B a Clivio, lungo la Strada

meglio ed autonomamente l’intero percorso di una

Provinciale dell’Elvetia (dalla rotonda di Gaggiolo in

spedizione internazionale.

direzione Clivio/Viggiù): inserita in un’area di circa

Franzosini può garantire al cliente il totale controllo

10’000 mq, sarà dotata di uffici doganali di 250 mq

di ogni singola fase di ogni operazione internazionale:

che opereranno con sdoganamenti in procedura

partendo dal magazzino degli esportatori, con il trasporto

domiciliata, pre-dichiarazione abbinata con la Svizzera,

effettuato dai nostri mezzi, presso le dogane italiane e

piazzale doganale con possibilità di parcheggio e

svizzere, con l’ausilio dei nostri uffici doganali, fino al

sosta per circa 50 camion, magazzino doganale per la

magazzino del destinatario della merce, comprendendo

procedura domiciliata ed ampio magazzino dedicato

in questo percorso anche la fase assicurativa espletata

allo stoccaggio di medio-lungo periodo delle merci dei

presso la sede principale di Chiasso.

clienti di 1’000 mq.

In questi anni Franzosini Italia ha avuto un’espansione

Agli autisti saranno dedicate delle sale d’attesa

che ha visto seguire, alla prima apertura dell’ufficio al

accoglienti e ben attrezzate per godere di una degna

valico di Ponte Chiasso (CO) nel 2007, le inaugurazioni

pausa: 2 sale d’attesa, locale con distributori di caffè,

delle sedi di Gaggiolo e di Ponte Tresa, entrambe nella

snacks e bevande e bagni riservati completi di docce

provincia di Varese, l’ottenimento dell’Autorizzazione

ed accessibili dalle 05:00 alle 22:00. Gli orari degli

alla “procedura domiciliata”, della Certificazione AEO

sdoganamenti interni saranno estesi dalle 06:00 alle

Custom e delle Certificazioni ISO sul management

18:30 ed i cancelli d’ingresso al piazzale doganale interno

e sull’ambiente. Il percorso di crescita di un’azienda

saranno aperti dalle 05:00 alle 22:00.

si manifesta quasi sempre con modifiche strutturali

L’intera area, a norma sotto ogni prescrizione di legge,

interne e cambiamenti visibili dall’esterno.

sarà controllata da sistemi di videosorveglianza ed

Si tratta di un percorso lungo e composto da varie

allarmi per garantire ai clienti ed agli autisti la sicurezza

fasi che vanno necessariamente rispettate nella loro

del carico durante la sosta presso Franzosini Italia

sequenzialità per mantenere la solidità finanziaria

ed un piano di sicurezza interna e di viabilità esterna

dell’azienda.

tuteleranno anche tutti gli utenti della Strada Provinciale,

Così nel corso degli anni, Franzosini Italia ha trasferito

sulla quale sarà posto l’imponente ingresso all’azienda.

le prime sedi operative presso nuovi uffici doganali

Insomma, stiamo facendo grandi investimenti per

per agevolare la rapidità delle operazioni doganali, ha

guardare con ottimismo al futuro della nostra azienda,

chiuso e riaperto magazzini doganali in zone più adatte

dei nostri dipendenti e dei nostri clienti che troveranno

a servire gli sdoganamenti e sempre mantenendo la

nella nuova sede di prossima apertura a Gaggiolo la

solidità di un bilancio che le consente oggi, alla fine del

consueta professionalità, competenza e cordialità e

2015, di poter investire notevoli risorse in una nuova

tutti i servizi di cui necessitano per le loro spedizioni

sede operativa presso il valico doganale di Gaggiolo

internazionali.

completa di ampio magazzino, uffici operativi ed un

www.franzosini.ch | Tel. +41 (0)91 695.50.10

11


LA CRIMINALITÀ NEI TRASPORTI

OPERAZIONE “FELIX CARGO” Continuano le truffe nel settore dei trasporti: finte società sottraevano le merci spedite per poi rivenderle ad altri sotto costo! Nel marzo 2015 la Polizia di Rovigo ha sgominato

L’associazione per delinquere finalizzata alla truffa e

un’associazione per delinquere che rilevava aziende in

ricettazione è accusata di aver messo a segno decine di

difficoltà, oppure ne costituiva di false, per acquisire

colpi: secondo le accuse, i responsabili di questo gruppo

ingenti carichi di merce di qualsiasi tipo, che poi

avevano escogitato un meccanismo per costituire

rivendeva a prezzi stracciati ad altri acquirenti,

o acquisire società che operavano nel settore degli

soprattutto all’estero, specie in Ungheria.

autotrasporti.

La banda aveva base tra Rovigo e Brescia ed operava

Grazie a queste società acquisivano incarichi da

attivamente in tutta Italia. L’indagine ha preso il via nel

spedizionieri ignari di affidare il trasporto delle proprie

2013 dall’autodenuncia presentata da un amministratore

merce a degli impostori.

di una società coinvolta nel sodalizio criminale. In seguito il gruppo, utilizzando autisti compiacenti, poi Un

giro d’affari milionario, andato avanti per anni,

denunciati, dirottava gli stessi carichi in luoghi diversi

con autotrasportatori compiacenti, finti intermediari

dalla loro destinazione, per rivenderli a terzi acquirenti

ed imprenditori senza scrupoli. Le indagini portate

che acquistavano la merce al 20% o 30% del loro valore.

avanti per sei mesi da Squadra Mobile e Polstrada sono culminate con l’operazione “Felix-Cargo” e l’esecuzione

La banda commerciava illegalmente ogni tipo di merce:

di otto misure cautelari, i tre leaders agli arresti

dal materiale idraulico a quello elettrico, dai prodotti

domiciliari e cinque con obbligo di presentarsi alla

alimentari al legname, fino addirittura ad un carico

Polizia giudiziaria.

di Coca Cola. La merce rubata veniva poi stoccata in magazzini allestiti ad hoc, uno di questi era sito nella

In tutto le persone indagate sono 35 e le accuse a loro

Bassa padovana.

imputate sono gravi: associazione a delinquere, truffa, ricettazione, falsità in scrittura privata, sostituzione di

Franzosini si impegna a collaborare solo con partners

persona.

qualificati, in regola sotto ogni punto di vista e che possano garantire i più alti standard di sicurezza e di

Nel corso dell’attività è stata recuperata merce varia per un valore complessivo di circa 2.000.000 di euro.

Alessandro Borghi Vice Director Tel. +41 (0)91 695.50.13

12

Forwarding and logistics services

qualità dei servizi.


STAMPA 3D SIGILLI DI SICUREZZA

FALSIFICATI!

Sigilli falsificati per mascherare furti di interi carichi di merce nelle spedizioni marittime. Probabilmente avete già sentito parlare dello sviluppo

qui riportate per sensibilizzare altri spedizionieri e

tecnologico denominato Stampa 3D. Degli oggetti

importatori.

tridimensionali vengono costruiti a strati con apparecchi

Un invio di prodotti farmaceutici è stato caricato nel

a prezzi relativamente vantaggiosi. La fabbricazione,

contenitore da parte del trasportatore (“shipper’s load

assistita dal computer, avviene partendo da uno o più

& seal“). Il contenitore fu munito di un sigillo di sicurezza

materiali liquidi o solidi. Tali materiali specifici sono

intatto e di un sigillo della compagnia di navigazione.

resine artificiali, materie plastiche, polveri ceramiche

All’arrivo del contenitore presso il cliente finale vennero

e metalli. Questa nuova tecnologia offre ulteriori

tolti i sigilli e aperto il contenitore. Una sorpresa

possibilità nel campo della fabbricazione di prodotti.

spaventosa: la maggior parte della merce caricata nel

Purtroppo però non sono solo i fabbricanti seri e

contenitore era stata rubata. I sigilli originali erano infatti

onesti che approfittano della procedura di stampa 3D.

stati rimossi da qualche parte, durante il trasporto, la

I vantaggi di questa tecnica sono già stati scoperti dalla

merce era stata rubata e il contenitore nuovamente

criminalità organizzata.

munito di sigilli nuovi, ma falsi. Dagli

Una ditta membro dell’Associazione Spedlogswiss ed il

effettuati in seguito è emerso che i sigilli, falsificati in

suo cliente sono rimasti vittima di una falsificazione e

modo impeccabile, erano stati riprodotti con stampante

hanno gentilmente messo a disposizione le immagini

3D. Un’operazione che dura meno di dieci minuti!

accertamenti

www.franzosini.ch | Tel. +41 (0)91 695.50.10

13


EXPERIENCE ARE IMPORTANTS TO WELL WORK Full Photo Site Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit. Proin nibh augue, suscipit a, scelerisque sed, lacinia in, mi. Cras vel lorem. Etiam pellentesque aliquet tellus. Phasellus pharetra nulla ac diam. Quisque semper justo at risus. Donec venenatis, turpis vel hendrerit interdum, dui ligula ultricies purus, sed posuere libero dui id orci. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit. Proin nibh augue, suscipit a, scelerisque sed, lacinia in, mi. Cras vel lorem. Etiam pellentesque aliquet tellus. Cras vel lorem. Etiam pellentesque aliquet tellus. Phasellus pharetra nulla ac diam. Quisque semper justo at risus. Donec venenatis, turpis vel hendrerit interdum, dui ligula ultricies purus, sed posuere libero dui id orci. Cras vel lorem. Etiam pellentesque aliquet tellus. Cras vel lorem. Etiam pellentesque aliquet tellus. Phasellus pharetra nulla ac diam. Quisque semper justo at risus. Donec venenatis, turpis vel hendrerit interdum, dui ligula ultricies purus, sed posuere libero dui id orci.


lNNOVAZIONE TECNOLOGICA AL SERVIZIO DEL CLIENTE L’INNOVAZIONE TECNOLOGICA COME OPPORTUNITÀ La tecnologia informatica è sempre più determinante nelle strategie di un’azienda e l’utilizzo dei sistemi computerizzati ha assunto da tempo un ruolo di primo piano. Franzosini dispone di un settore specifico che elabora le esigenze interne e trova le soluzioni per adattarsi ai continui aggiornamenti normativi ed alle richieste della clientela. Supportati da tecnici informatici preparati e costantemente aggiornati sulle principali novità tecnologiche, possiamo guardare alle continue innovazioni informatiche del settore dei trasporti e doganali con serenità e con lo spirito giusto, per affrontare l’evoluzione tecnologica come sfida: un’ opportunità di miglioramento e non mero ostacolo.


QUALI VALUTE DI FATTURAZIONE VENGONO UTILIZZATE DALLE

AZIENDE SVIZZERE?

L’Amministrazione federale delle dogane ha pubblicato un’interessante statistica riguardante le valute che vengono utilizzate maggiormente dalle aziende svizzere nelle operazioni internazionali. L’euro costituisce la principale valuta di fatturazione sia per le merci in entrata che per quelle in uscita dal territorio elvetico. Nel 2014, il 36% delle esportazioni e rispettivamente il 55% delle importazioni è stato fatturato in euro. Gli esportatori – tre degli undici gruppi di imprese considerati – che hanno emesso prevalentemente fatture in euro si sono assunti rischi di cambio. UTILIZZO % DELLE MONETE, TRA IL 2012 E IL 2014 *

EXPORT

MONETA

IMPORT

2012

2013

2014

2012

2013

2014

Euro (EUR)

30.6 %

36.0 %

35.9 %

55.3 %

54.5 %

54.8 %

Franco svizzero (CHF)

42.0 %

34.6 %

33.7 %

32.2 %

32.1 %

31.5 %

Dollaro US (USD)

15.3 %

6.7 %

17.8 %

9.5 %

10.3 %

10.5 %

Atre monete dell’UE (GBP, DKK, etc.)

2.8 %

2.6 %

2.7 %

1.1 %

1.1 %

1.1 %

Altre

9.3 %

10.1 %

9.9 %

1.9 %

2.0 %

2.1 %

*

I valori si riferiscono al commercio estero senza il commercio dell’oro in lingotti, metalli preziosi, monete, pietre preziose ed oggetti d’arte e antiquariato.

Nel 2012 il franco svizzero era la valuta di fatturazione di esportazione principale con una quota del 42%, ma da allora l’euro e il dollaro USA hanno guadagnato terreno. Nel 2014, il 36% del valore è stato fatturato in euro contro il 34% in franchi svizzeri e il 18% in dollari USA. Nel complesso, queste monete hanno coperto l’88% delle vendite, il restante 12% è stato fatturato con altre valute utilizzate nell’Unione europea o al di fuori, come lo yen giapponese o il renminbi cinese. All’importazione, la valuta europea ha mantenuto nel 2014 la quota degli anni precedenti: circa il 55%. Il 32% delle importazioni sono state fatturate in franchi svizzeri e l’11% in dollari USA. Tre settori dell’economia fatturano più della metà delle loro esportazioni in euro Nel 2014, tre settori dell’economia su undici hanno fatturato in valuta europea, seguiti dal franco svizzero e il dollaro USA: l’industria della carta e delle arti grafiche (67%) e plastiche (64%) guidano la classifica delle esportazioni fatturate in euro. Questo risultato non è sorprendente dal momento che entrambe le industrie ottengono i quattro quinti del loro fatturato con esportazioni nell’UE. Anche nel settore della metallurgia, la moneta unica è stata un punto di riferimento per il 57% delle spedizioni, contro il 33% del franco svizzero.

16

Forwarding and logistics services


VALUTE PER SETTORE DI ESPORTAZIONE, ANNO 2014

euro

franco svizzero

dollaro USA

altre

altre monete UE (DKK, GBP, etc.)

Le fatturazioni in valuta delle esportazioni di prodotti chimici e farmaceutici e macchine per l’industria hanno seguito una prassi di fatturazione opposta. Considerando che il primo settore fatturava il 37% delle sue vendite in euro, il 25% in dollari USA ed il 19% in franchi svizzeri, nel secondo settore è il franco svizzero che è stato favorito con una quota di fatturazione del 46%, contro il 42% dell’euro ed il 10% in dollari statunitensi. Per l’orologeria, il franco svizzero (69%) si è guadagnato la parte del leone rispetto alle altre valute (17%), come lo yen o il dollaro di Hong Kong. L’importanza della valuta di fatturazione Dal 1° gennaio 2012, le dichiarazioni di importazione ed esportazione registrano la valuta di fatturazione. Ciò è possibile grazie agli accordi di cooperazione statistica (Accordi bilaterali II) tali per cui la Svizzera si impegna ad armonizzare le proprie statistiche con quelle dell’UE. Queste informazioni vengono utilizzate per misurare l’importanza di una moneta nel contesto del commercio estero e permettono anche di studiare il comportamento dei vari settori durante le fluttuazioni monetarie. I settori di esportazione che redigono le loro fatture in euro adattano i loro prezzi di vendita poco frequentemente, nonostante le fluttuazioni delle valute, tuttavia si espongono al rischio che i tassi di cambio si muovano a loro sfavore. Fonte: Amministrazione federale delle dogane.

www.franzosini.ch | Tel. +41 (0)91 695.50.10

17


FACT SHEET

STATI UNITI IN BREVE Gli Stati Uniti hanno una delle economie più avanzate del mondo e sono di gran lunga la più grande potenza economica mondiale. Il valore del settore estero tuttavia, come percentuale del PIL, è comparativamente basso. L’economia statunitense è estremamente diversificata ed autosufficiente per l’approvvigionamento della maggior parte delle materie prime, ad eccezione del petrolio. Le industrie di punta includono quelle dei veicoli a motore, aerospaziali, delle telecomunicazioni, chimiche, elettroniche e dell’Information & Communication Technology (ICT). I servizi di distribuzione commerciale, immobiliari, dei trasporti, finanziari, sanitari e per le attività d’affari detengono la parte più importante del mercato. L’impatto delle nuove tecnologie sui servizi è stato molto forte, soprattutto l’utilizzo di internet. In quella che viene definita la “new economy” è molto difficile distinguere tra servizi ed industria manifatturiera nel senso tradizionale del termine. Laddove la base manifatturiera definita in senso stretto, rappresenta ora il 12% del PIL, rispetto a più

18

Forwarding and logistics services

del 17% di metà anni ‘90. Sebbene di piccole dimensioni il settore agricolo è altamente produttivo.

DATI GENERALI Gli Stati Uniti hanno concluso accordi di libero scambio con 20 paesi: Australia, Bahrain, Canada, Cile, Colombia, Costa Rica, Repubblica Dominicana, El Salvador, Guatemala, Honduras, Israele, Giordania, Corea del Sud, Messico, Marocco, Nicaragua, Oman, Panama, Perù, Singapore. Attualmente è in corso la negoziazione di un accordo commerciale regionale Asia-Pacifico, conosciuto come Trans-Pacific Partnership (TPP) Agreement, con l’obiettivo di migliorare il commercio e gli investimenti tra i paesi partner, promuovere l’innovazione, la crescita economica e lo sviluppo, e sostenere la creazione e il mantenimento di posti di lavoro. Un altro importante tipo di accordo commerciale è il Trade and Investment Framework Agreement (TIFA). I TIFA costituiscono dei forum per gli Stati Uniti e gli altri


D’AMERICA governi per discutere questioni di reciproco interesse con

tariffarie. Il via libera al negoziato è stato dato a febbraio

l’obiettivo di migliorare la cooperazione e le opportunità per

2013 da parte degli USA e a giugno 2013 da parte dell’UE.

il commercio e gli investimenti.

La struttura tariffaria del paese è piuttosto favorevole. Il

Gli Stati Uniti sono membri del WTO dal 1 gennaio 1995.

profilo tariffario degli Stati Uniti HS4 si compone di 1224

Nelle loro relazioni con l’Unione Europea, gli Stati Uniti hanno

codici doganali. Di questi, 47 sono non ad valorem o misti.

sviluppato una intensa cooperazione attraverso riunioni

Le imprese dell’Unione Europea incontrano una pluralità di

regolari annuali (Summit) ed attraverso la realizzazione

ostacoli commerciali a seconda del settore di produzione

nel 2007, di un Consiglio economico transatlantico il cui

interessato. La grande maggioranza delle problematiche

obiettivo è di abolire le barriere regolamentari al commercio

riscontrate attiene alle diverse norme e regole applicate

tra i due partner e di favorire la convergenza delle future

negli Stati Uniti.

regolamentazioni in un certo numero di campi (proprietà

Il campo dei controlli sanitari e fitosanitari è quello in

intellettuale, settore automobilistico, prodotti farmaceutici

cui UE e Stati Uniti presentano le difformità più marcate

ecc.).

nell’applicazione

Il dialogo tra i due principali attori nel commercio

tracciabilità dei prodotti o rispetto ai sistemi di valutazione

mondiale è sfociato nel negoziato per l’instaurazione del

dei rischi.

TTIP, Transatlantic Trade and Investment Partnership,

Norme

che prevede l’instaurazione di un’area di libero scambio

internazionale e procedure complicate, spesso poco

tra Unione Europea e Stati Uniti. L’accordo porterebbe

trasparenti, comportano aggravi in termini di tempi e costi

all’abolizione dei dazi e alla riduzione delle barriere non

per le aziende UE.

più

degli

restrittive

standard

di

quelle

internazionali,

previste

a

nella

livello

www.franzosini.ch | Tel. +41 (0)91 695.50.10

19


REGOLAMENTAZIONE DEGLI SCAMBI

è proibita sono: alcuni oggetti d’arte precolombiana

The US Customs and Border Protection (CBP) del Department

alle leggi internazionali di copyright, armi da fuoco non

provenienti dai Paesi sudamericani, materiale contrario

of Homeland Security è l’ente governativo che svolge le funzioni della nostra Direzione delle Dogane. In particolare, il CBP sovraintende al commercio internazionale da e per gli Stati Uniti, con compiti di controllo sui prodotti provenienti dall’estero e di riscossione dei relativi dazi, tasse e tariffe; ad esso sono assegnate, inoltre, funzioni antiterrorismo di tutela delle frontiere dall’ingresso illegale di armi, munizioni, sostanze tossiche, stupefacenti e materiali pedopornografici. Le dogane statunitensi dispongono, inoltre, di una rete internazionale di informazione ed assistenza, dislocata nelle ambasciate dei principali partner commerciali. Sdoganamento e documenti di importazione: entro 15 giorni dall’ingresso delle merci nel territorio, devono essere presentati agli uffici doganali i seguenti documenti: a) Entry Manifest (modulo 7533), Entry/Immediate Delivery (modulo 3461) o altra documentazione eventualmente richiesta dalla direzione locale delle dogane; b) documentazione relativa al trasporto negli USA (polizza di carico, lettera di vettura rilasciata dal corriere); c) fattura commerciale o pro-forma indicante il porto di ingresso, nomi di venditore ed acquirente, Paese di origine, descrizione dettagliata della merce, indicazione di quantità e valore, indicazione della valuta, nome dello spedizioniere; d) documentazione descrittiva della natura e della quantità delle merci (Packing list); e) eventuale ed ulteriore documentazione tesa a comprovare l’ammissibilità delle merci all’interno degli USA. Per merci in arrivo dal Canada o dal Messico, forniture ad agenzie governative, campioni destinati a fiere, merci specificamente

autorizzate

dall’amministrazione

delle

dogane, esiste una procedura automatizzata (Automated Manifest System) che consente il rapido sdoganamento. L’ispezione di beni appartenenti a determinate classi o di quantità limitate è effettuata presso i terminal o presso i magazzini dell’importatore. Negli altri casi, il servizio di dogana effettua la valutazione e classificazione solo su un campione. I beni inviati tramite servizio postale (di importo non superiore a USD 2.000) sono ammessi, salve eccezioni, dietro compilazione di una “mail entry” da parte di un impiegato del servizio di dogana. Classificazione doganale delle merci: il testo normativo di riferimento in materia di importazioni è l’Harmonized Tariff Schedule, che prevede una tariffa generale per beni provenienti da Paesi membri del WTO; una tariffa speciale per beni soggetti a trattamenti differenziati e una di carattere residuale. Restrizioni alle importazioni: le categorie la cui importazione

20

Forwarding and logistics services

approvate dal Bureau of Alcohol Tobacco and Firearms, specie animali in via d’estinzione, prodotti derivati da specie animali protette, quasi tutti i tipi di carne fresca, narcotici e farmaci pericolosi (alcuni tipi di steroidi), merci provenienti da Paesi destinatari di embargo commerciale. Per l’importazione di bevande alcoliche, è invece richiesto un apposito permesso, rilasciato dall’Alcohol and Tobacco Tax and Trade Bureau (TTB) del Treasury Department. Per altre categorie di prodotti sono necessari il rilascio di specifici documenti da parte di uffici governativi e il rispetto di stringenti requisiti sostanziali. Si tratta, per lo più, di prodotti agro-ortofrutticoli ed alimentari (es. latte e derivati, alcuni tipi di frutta e noci, bestiame e carni macellate, pollame, piante e semi). Importazioni temporanee: alcune tipologie di merci, specificamente individuate, se destinate all’esportazione, possono entrare negli Stati Uniti, per periodi di tempo limitati (in genere un anno), senza il pagamento di alcun dazio. Per questo tipo di importazioni, viene rilasciato un certificato di garanzia, chiamata Admission Temporaire / Temporary Admission (ATA).

DOCUMENTI a) Fattura commerciale Redatta lingua inglese o in un’altra lingua ma provvista di adeguata traduzione in inglese e presentata in unica copia; ulteriori copie possono essere richieste per specifiche esigenze di importazione. I dati della fattura possono essere inviati anche elettronicamente attraverso l’Automated Invoice Interface o EDIFACT. Se la fattura non è disponibile al momento dell’ingresso, i funzionari della dogana degli Stati Uniti possono accettare una documentazione sintetica, a condizione che l’importatore fornisca una dichiarazione scritta in cui si impegna a presentare successivamente la fattura vera e propria. Se i funzionari doganali accettano tale presentazione ritardata, gli importatori devono lasciare una cauzione che copra il valore fatturato della merce più un’ulteriore metà. La fattura deve essere presentata entro 120 giorni dall’entrata, o, se la fattura è richiesta per fini statistici, entro 50 giorni dall’entrata. b) Certificato di origine Viene emesso dalle Camere di Commercio e deve essere consegnato in originale. Necessario solo se espressamente richiesto dall’importatore o per altri motivi. c) Certificato di analisi


Necessario per il vino. Può essere richiesto in alcuni casi

condizionamento, imballaggio o stoccaggio dei prodotti

dall’Alcohol and Tobacco Tax and Trade Bureau nel caso

alimentari).

siano necessari chiarimenti. La certificazione consiste in una

È richiesta obbligatoriamente una dichiarazione verso

dichiarazione rilasciata da autorità del Paese di produzione

la FDA per qualsiasi importazione verso gli Stati Uniti di

o da un organismo preposto al controllo delle pratiche

prodotti alimentari (comprese le bevande) destinate al

enologiche.

consumo umano o animale. Nel dicembre 2003 “The United

d) Certificato fitosanitario

States Food and Drug Administration” (FDA) e “The US

Attesta che una data partita di merce, costituita da vegetali o

bureau of Customs and Border Protection” (CBP) hanno

prodotti vegetali (piante, legname, tuberi, ortaggi, sementi,

definito una “compliance policy guide” individuando una

ecc.) sia perfettamente conservata e conforme ai requisiti

strategia che tuteli i consumatori dal bioterrorismo e nello

richiesti dalla normativa fitosanitaria e, in particolare, che

stesso modo non interrompa, o turbi in qualsiasi modo, il

non sia contaminata da organismi nocivi (insetti, batteri,

flusso del commercio internazionale, anche in accordo con

parassiti e altri organismi patogeni). I Servizi Fitosanitari

il “Bioterrorism Act” (Public Health Security and bioterrorism

Regionali rilasciano la certificazione Fitosanitaria per i

Preparedness and Response Act of 2002).

vegetali e per prodotti vegetali destinati ai paesi terzi, su

Questa legge presenta due principali provvedimenti:

richiesta dell’esportatore. Le autorità veterinarie degli

- registrazione degli impianti: il FDA richiede che gli

Stati Uniti accettano il certificato rilasciato dall’autorità

stabilimenti nazionali e stranieri che producono, lavorano,

competente di uno Stato Membro dell’Unione europea, se

confezionano o conservano cibi destinati al consumo

tutte le informazioni specifiche sono fornite.

umano o animale negli Stati Uniti, si registrino presso

e) Certificato sanitario

il FDA. Aziende agricole con sede negli U.S.A., negozi al

Necessario per lo sdoganamento e l’accesso al mercato,

dettaglio, ristoranti e strutture non-profit che preparano o

deve essere scritto in inglese e presentato in originale.

servono prodotti alimentari direttamente al consumatore,

f) Codice di Identificazione Produttore (MID)

sono esenti da questi obblighi. Inoltre la registrazione dello

Codice che identifica il produttore (non statunitense) di

stabilimento non è richiesta per spedizioni da privato a

un bene, in conformità con le disposizioni di legge; può

privato (ad esempio regali natalizi);

essere un prerequisito per la dichiarazione doganale di

- notifica di preavviso dell’importazione di alimenti: il FDA

importazione o per l’entrata/consegna immediate.

richiederà che chi importa o esporta prodotti alimentari

L’autorità responsabile è la Customs and Border Protection

negli U.S.A., inclusi agenti o spedizionieri, sottoponga al FDA

(CBP).

una “notifica di preavviso” (prior notice) per ogni articolo

Il MID deve essere

predisposto dall’importatore

in

spedito, a partire dal 12 dicembre 2003.

conformità con le disposizioni di legge statunitense di cui al 19 CFR 102.

CHI DEVE REGISTRARSI

Il codice MID contiene fino a 15 caratteri senza spazi:

È obbligatorio registrare ogni stabilimento, industria,

- codice ISO del paese (due caratteri);

laboratorio con cui il cibo destinato all’esportazione verso

- nome del fabbricante (primi tre caratteri di ciascuno delle

gli Stati Uniti sia venuto in contatto; dunque tutti quegli

prime due parole);

stabilimenti che producono, trasformano, sintetizzano,

- indirizzo del fabbricante (prime quattro cifre del numero

preparano, trattano, modificano o manipolano gli alimenti

maggiore nel tratto di strada di indirizzo);

definiti ed elencati dal Federal Food, Drug and Cosmetic

- nome della città (prime tre lettere).

Act ovvero tutti quei prodotti solidi o liquidi destinati al

Per articoli aventi più di un produttore, il codice MID va

consumo da parte dell’uomo o degli animali.

indicato per ciascun produttore, separatamente.

Tagliare, sbucciare, lavare, incerare, imbottigliare, marchiare

Nel caso in cui la fattura elenchi più ragioni sociali o indirizzi,

o impacchettare vengono considerati tutti indistintamente

le informazioni del MID devono essere relative alla sede

processi di trasformazione. Dovranno essere registrati anche

legale della società.

quegli stabilimenti che si occupano del confezionamento dei prodotti e che quindi vengono a diretto contatto con i

IL BIOTERRORISM ACT

prodotti stessi, le società di stoccaggio, i magazzini, i silos e i

La Food and Drug Administration (FDA) ha adottato una

serbatoi per lo stoccaggio di liquidi.

regolamentazione che obbliga le società straniere e

Se un’azienda possiede più stabilimenti dislocati in più

americane a registrarsi presso i suoi uffici quando queste

punti, ciascun stabilimento che produce alimenti destinati

sono impegnate nella catena agroalimentare (produzione,

agli Stati Uniti dovrà essere registrato.

www.franzosini.ch | Tel. +41 (0)91 695.50.10

21


Non hanno bisogno di registrazione multipla invece le

pescherecci possono anche lavorare e congelare il pesce

aziende con più edifici situati in un’unica località e aventi

che hanno a bordo);

indirizzo unico. Se, al contrario, più stabilimenti che

- stabilimenti che ricadono esclusivamente nella giurisdizione

producono alimenti diversi sono concentrati in un unico

del U.S. Department of Agriculture (USDA) come quelli

edificio, ognuno di essi dovrà essere registrato.

che producono esclusivamente prodotti a base di carne,

Non avrà bisogno di registrazione l’azienda che – nonostante

pollame e uova. In generale, è valida la regola secondo

produca, trasformi, confezioni e manipoli alimenti – li

cui gli stabilimenti in cui le attività sono di carattere misto

invii, prima dell’esportazione verso gli Stati Uniti, a un

devono necessariamente essere registrati (per esempio,

secondo stabilimento per ulteriori trasformazioni, per il

aziende agricole che producono arance e poi le trasformano

confezionamento o per qualsiasi altra manipolazione. In tal

producendo spremute o succhi di frutta).

caso, solo il secondo stabilimento dovrà essere registrato presso il FDA. Nel caso in cui tale secondo stabilimento si

CHI DEVE PROCEDERE ALLA REGISTRAZIONE

limiti a una attività marginale (quale la sola etichettatura

La registrazione deve essere presentata obbligatoriamente

del prodotto), entrambi gli stabilimenti sono soggetti a

da proprietari, operatori o agenti responsabili di uno

registrazione.

stabilimento che produce, trasforma (a partire da uno o più ingredienti), confeziona o stocca prodotti alimentari, siano

CHI NON HA BISOGNO DI REGISTRAZIONE

essi destinati a essere consumati dall’uomo o da animali.

- abitazioni private di individui anche se vi si producono

Ognuno dei soggetti sopra elencati ha la facoltà di delegare

confezionano o depositano alimenti;

terzi a effettuare la procedura di registrazione.

- stabilimenti di raccolta e distribuzione di acqua potabile

È importante sottolineare che gli stabilimenti stranieri (non

non in bottiglia, come ad esempio i servizi di distribuzione

statunitensi) devono registrarsi obbligatoriamente tramite

comunali;

un agente che vive o mantiene una sede commerciale negli

- veicoli che in qualità di vettori trasportano alimenti

Stati Uniti ed è ivi fisicamente presente.

esclusivamente lungo il percorso predefinito;

L’agente può essere una persona fisica, una associazione

- aziende agricole (“farms” nella versione inglese) ossia

o una società. La funzione dell’agente è quella del trait

stabilimenti che coltivano e raccolgono (lavaggio, pulitura,

d’union fra il FDA e lo stabilimento, sia per quel che riguarda

surgelamento, sono da considerarsi parte della coltivazione)

le comunicazioni di routine che per quelle relative a

e/o allevano animali (inclusi gli allevamenti di frutti di

emergenze. Il FDA può trasmettere tutte le comunicazioni

mare). Il termine “farm” in questo specifico caso si riferisce

dirette allo stabilimento straniero registrato direttamente

esclusivamente agli stabilimenti che lavorano, confezionano

all’agente statunitense incaricato.

o stoccano alimenti a condizione che tutti gli alimenti trattati

22

siano stati coltivati e raccolti nella stessa azienda agricola o

MODALITÀ DI REGISTRAZIONE

in un azienda agricola dello stesso proprietario;

Le modalità operative della registrazione sono illustrate

- ristoranti, ossia stabilimenti che preparano e vendono

dalla stessa FDA nel proprio sito, che riporta tutte le

alimenti direttamente ai consumatori per il consumo

informazioni sulla procedura di registrazione e i relativi

immediato. Non possono essere considerati Ristoranti

moduli da compilare on-line. Ai fini della registrazione

quegli stabilimenti che forniscono cibo a mezzi di trasporto

presso la FDA, gli esportatori dovranno nominare un agente

internazionali (per esempio treni o aerei);

che risieda e svolga la propria attività negli Stati Uniti. I

- stabilimenti che si occupano di vendita al dettaglio

prodotti di un’impresa estera non registrata non potranno

(se tali stabilimenti contemporaneamente producono,

essere ammessi negli Stati Uniti.

trasformano, confezionano o stoccano cibo, non devono

La registrazione presso la FDA è gratuita; è raccomandata

essere registrati se la loro funzione primaria rimane quella

la registrazione on-line da effettuarsi collegandosi al sito

di distribuire direttamente al consumatore);

“www.access.fda.gov” operativo 24 ore al giorno, tutti i

- stabilimenti alimentari non-profit (definiti dal § 501 c. 3

giorni della settimana. Il sistema creato dall’agenzia è in

dell’Internal Revenue Code statunitense) come ad esempio

grado di accettare la registrazione elettronica da qualsiasi

opere di carità che preparano o servono cibo direttamente

parte del mondo, assegnando il numero di registrazione

al consumatore o che forniscono pasti o cibo da distribuire

istantaneamente, non appena saranno inserite tutte le

negli Stati Uniti e destinati sia al consumo sia umano che

informazioni richieste che riguardano: la ragione sociale e

animale;

l’indirizzo completo della ditta con l’indicazione del contatto

- pescherecci che pescano e trasportano pesce (tali

telefonico per eventuali emergenze; in modo analogo

Forwarding and logistics services


dovranno essere riportati i dati del proprietario o del

- nome e, se conosciuto, indirizzo del produttore;

direttore della ditta e dell’agente designato negli Stati Uniti;

- paese di produzione;

le categorie di prodotti trattati, i nomi commerciali utilizzati

- nome e indirizzo del mittente;

e infine la dichiarazione di veridicità delle informazioni

- paese di spedizione o mailing;

fornite resa da persona autorizzata.

- nome e indirizzo dell’importatore; - nome e indirizzo del proprietario;

PRIOR NOTICE

- nome e indirizzo del destinatario finale;

Le imprese registrate saranno tenute a dare preavviso (prior

- nome e indirizzo del vettore e modalità di trasporto;

notice) alla FDA di ogni spedizione di prodotti alimentari

- informazioni sulla spedizione (tipo e tempistica);

negli Stati Uniti, pena la non ammissione delle merci

- denominazione di qualsiasi paese in cui non sia stato

nel Paese e il loro blocco nel porto di arrivo. Il preavviso

consentito l’ingresso al prodotto.

permetterà all’FDA di avere il tempo di esaminare e valutare le informazioni prima dell’arrivo di un prodotto alimentare,

Sono soggetti alla prior notice anche i campioni commerciali,

per pianificare eventuali ispezioni o bloccare gli alimenti

gli omaggi e le merci in transito. Nel preavviso devono essere

contaminati.

incluse informazioni relative al prodotto inviato, dovranno

Sono soggetti alla prior notice tutti i prodotti alimentari e

essere indicati il porto di destinazione e le altre modalità

le bevande, ad eccezione dei prodotti trasportati come

di trasporto, l’orario di arrivo previsto, la ditta produttrice

bagaglio personale, di carne, pollame, uova e prodotti a base

o esportatrice, il soggetto che effettua la notifica con

dei medesimi in quanto soggetti a normative specifiche del

l’indicazione del numero di registrazione e il destinatario

ministero dell’agricoltura.

della merce stessa.

La notifica anticipata può essere redatta da chiunque

Inoltre, a gennaio del 2011 è entrato in vigore il Food

abbia le informazioni necessarie, cioè dal proprietario

Safety Modernization Act (FSMA). Questo atto mira ad una

o dall’esportatore che spedisce l’articolo alimentare;

maggiore prevenzione delle malattie di origine alimentare

essa può essere trasmessa al FDA da una terza persona,

e a garantire la sicurezza alimentare attraverso controlli e

diversa da colui che la redige. Ad ogni modo, essa deve

ispezioni.

essere compilata nel paese di origine della merce, che per

Anche i prodotti alimentari importati sono compresi, per

il FDA coincide con l’ultimo paese in cui la merce è stata

esempio attraverso la verifica del fornitore o la certificazione

trasformata o confezionata.

di conformità con i requisiti di sicurezza alimentare.

La prior notice deve essere inviata elettronicamente

Diverse disposizioni specifiche concernenti l’attuazione

collegandosi al Prior Notice System Interface (PNSI) della

della legge sono ancora in fase di elaborazione da parte

FDA (www.access.fda.gov) o tramite l’Automated Broker

della FDA.

Interface (ABI), del Sistema Commerciale ACS, qualora il preavviso venga inviato da un broker doganale. I termini per

TRASPORTO E IMBALLAGGIO

la presentazione del preavviso sono i seguenti:

a) Assicurazione trasporto. Non vi è obbligo di assicurazione

- non più di 15 giorni prima della data prevista di arrivo,

locale;

per invii effettuati tramite il PNSI (Prior Notice Systems

b) Lista dei colli;

Interface);

c) Trattamento degli imballaggi in legno:

- non più di 30 giorni prima della data prevista di arrivo, per

gli Stati Uniti adottano lo Standard internazionale ISPM-15

la presentazione fatta attraverso l’ABI/ACS.

FAO.

CONTENUTO MINIMO DEL DOCUMENTO

SPEDIZIONE TEMPORANEA - CARNET ATA

- nome e indirizzo della persona che presenta la notifica

L’esportazione temporanea negli Stati Uniti è possibile

anticipata e il nome e l’indirizzo della sua azienda;

tramite la procedura dei Carnet ATA per le seguenti

- tipo di ingresso e “Customs and Border Protection”

casistiche:

Identificativo CBP se disponibile);

- campioni commerciali;

- descrizione dei beni comprendente: nome comune e nome

- materiale professionale;

commerciale, codice prodotto della FDA, quantità stimata

- merce in transito;

del lotto, numeri di codice o altri elementi di identificazione

- merci destinate a esposizioni fieristiche, mostre ecc..

(se del caso); - nome e indirizzo del fabbricante;

www.franzosini.ch | Tel. +41 (0)91 695.50.10

23


ORDINARIE SPEDIZIONI “ECCEZIONALI”

DAL TICINO A NEW YORK Il nostro reparto dedicato ai carichi eccezionali in azione per organizzare alcune varie spedizioni per gli Stati Uniti d’America: anche le operazioni particolari rientrano nell’ordinario. In Franzosini siamo abituati a soddisfare tutte le esigenze di trasporto dei nostri clienti e non facciamo distinzioni: per noi organizzare una spedizione per l’altro capo del mondo è come imbastirla da Como a Mendrisio… le procedure sono le stesse, l’attenzione ai dettagli è la medesima e l’entusiasmo è il solito che ci contraddistingue! Così ci è capitato nel mese di maggio di dover organizzare una spedizione per conto di un nostro cliente del Mendrisiotto, di un macchinario del valore di diversi milioni di euro dal Ticino agli Stati Uniti, precisamente a New York. Appena ricevuto l’ordine è apparso subito chiaro che avremmo dovuto gestire la spedizione con il nostro reparto specifico per i trasporti eccezionali: si trattava di 3 casse, di cui la più grande era di 10 metri di lunghezza, 2.50 metri di larghezza, 4.20 metri di altezza, il tutto per un peso complessivo di 56.000 kg. Risultava inoltre indispensabile coordinarci con l’azienda per una tipologia di imballaggio molto particolare, in quanto determinati macchinari necessitano di essere trasportati in casse di legno realizzate ad hoc presso la ditta costruttrice e “sacchi barriera” interni, proprio al termine del processo produttivo e del collaudo. Per l’esecuzione materiale del trasporto abbiamo impegnato diverse tipologie di mezzi di trasporto: in primis trasporti eccezionali via terra fino al porto di Genova, per il successivo imbarco su piattaforme flat rack e viaggio fino negli USA ed infine l’ultima tratta, dal porto di arrivo alla ditta destinataria, con altri trasporti eccezionali. Così abbiamo contattato i partners da coinvolgere nelle varie tratte del trasporto, richiedendo anche le tempistiche per poter coordinare al meglio le spedizioni. La gestione amministrativa della spedizione richiedeva una certa attenzione alla gestione delle rese Incoterms e dell’assicurazione della merce, oltre alla preparazione dei documenti necessari all’espletamento delle pratiche doganali di partenza, di transito e di arrivo a New York. In ultimo è stato necessario reperire e gestire con particolare attenzione tutta la documentazione tecnica a corredo del macchinario stesso, al fine di poter essere pronti per eventuali richieste delle autorità doganali interessate durante l’intera tratta della spedizione. Come si può immaginare è lo “studio preliminare” dell’operazione che richiede il maggior impegno, in quanto nella realizzazione di quello che è un vero e proprio “progetto” rientrano tutti i dettagli tecnici ed operativi di una spedizione ed in questa fase non bisogna commettere alcun errore. Se questa fase ottiene il vaglio di fattibilità e successivamente viene approvata dal cliente, è sufficiente poi attenersi ai vari steps da seguire in base a i programmi stabiliti.

24

Forwarding and logistics services


Nella pratica, organizzare una spedizione per l’altro capo del mondo non è proprio come imbastirla da Como a Mendrisio, in quanto sebbene l’attenzione da porre sui vari dettagli sia la solita che ci contraddistingue, le procedure operative sono molto differenti ed i dettagli da curare sono molteplici e necessitano di una competenza specifica. Malgrado ciò, anche queste spedizioni particolari rientrano nel nostro lavoro “ordinario”, ancor di più, queste diventano per noi un impegno sfidante da cogliere, come una scommessa da vincere!

Angelo Piffaretti Vice Director & Key Account Manager Tel. +41 (0)91 695.50.15

www.franzosini.ch | Tel. +41 (0)91 695.50.10

25


FREQUENTLY ASKED

QUESTIONS Che differenza c’è tra l’ origine preferenziale ed origine

può essere utile rispondere alla seguente lista di

non preferenziale?

controllo: 1. Si tratta di un contratto commerciale con un volume

L’origine preferenziale dà diritto all’esenzione o ad

elevato di fornitura?

una riduzione dei dazi doganali all’esportazione della

2. La vostra offerta è stata accettata molto rapidamente,

merce in uno Stato contraente. L’adempimento delle

senza né grandi trattative ulteriori né richieste di sconti?

regole d’origine non preferenziali non dà diritto ad

3. I partner commerciali cinesi usano indirizzi di posta

un’esenzione dei dazi doganali all’importazione della

elettronica «Yahoo», «Hotmail»‚ «136.com» o altri server

merce in un paese terzo; le regole d’origine si applicano

gratuiti?

solo se il Paese di destinazione richiede la presentazione

4. La comunicazione con gli interlocutori commerciali

dei certificati di origine.

cinesi si svolge principalmente tramite email, fax e numeri di telefono cellulare?

Chi decide qual è la giusta voce di tariffa?

5. Finora siete riusciti a raggiungere qualcuno al numero di telefono fisso indicatovi dall’interlocutore

In Svizzera, l’Amministrazione federale delle dogane

commerciale cinese?

informa sulle voci di tariffa doganali da applicare e previa

6. L’azienda cinese ha una pagina internet propria?

richiesta scritta, fornisce informazioni vincolanti relative

7. Sono stati discussi i dettagli e le specifiche tecniche?

alle tariffe. Peraltro normalmente la ditta esportatrice

8. Avete ricevuto informazioni sullo scopo d’utilizzo

è già in grado di fornire la classificazione doganale dei

preciso, rispettivamente sul cliente finale dei vostri

propri prodotti; in altri casi tale studio viene affidato

prodotti?

all’operatore doganale che effettua lo sdoganamento.

Se avete risposto «si» alle domande da 1 a 4 e «no»

Le prime sei cifre della voce di tariffa sono costituite da un

alle domande da 5 a 8, è altamente probabile che le

codice armonizzato a livello internazionale (Harmonized

intenzioni commerciali delle ditte cinesi che vi hanno

System Code). Le voci di tariffa svizzere sono costituite

contattato non sono serie.

da 8 cifre. In altri Paesi, queste voci possono contenere più cifre o meno cifre.

Dov’è possibile trovare informazioni sul controllo

Per l’esportazione dalla Svizzera deve essere utilizzata

all’esportazione per i beni a duplice impiego e per il

la voce di tariffa svizzera. Per l’importazione nel Paese

materiale bellico?

di destinazione, la voce di tariffa viene definita dalle autorità doganali estere. Per incongruenze in merito

I controlli di merci particolari concordati a livello

alle voci di tariffa a sei cifre, entrambe le parti hanno

internazionale, in Svizzera sono regolamentati da due

la possibilità di richiedere una decisione in materia di

leggi: la Legge sul controllo dei beni a duplice impiego

classificazione all’organizzazione mondiale delle dogane

(LBDI) e la Legge sul materiale bellico (LMB). Soggiacciono

(OMD).

a questo tipo di controllo obbligatorio i cosiddetti beni a duplice impiego (ovvero i beni utilizzabili a fini civili

Siamo inondati da richieste di forniture dalla Cina. Come

e militari), nonché il materiale bellico e i beni militari

possiamo verificarne la serietà?

speciali. In Svizzera la responsabilità circa la sorveglianza spetta

Per verificare la serietà dei partner commerciali cinesi

26

Forwarding and logistics services

alla SECO.


Cosa significa «standard d’imballaggio ISPM15»?

Di norma le imprese svizzere non possono rilasciare dichiarazioni a lungo termine del fornitore. Come prova

L’ISPM15 è lo standard fitosanitario d’imballaggio

dell’origine preferenziale, negli scambi di merci tra

adottato

impedire

l’UE e la Svizzera, è necessario utilizzare il certificato

l’entrata di parassiti del legno sul proprio territorio.

di circolazione delle merci (EUR1) o la dichiarazione di

L’importazione di merci in tali Paesi può avvenire

origine su fattura. Molte imprese europee non sono

unicamente in imballaggi di legno (casse, palette, ecc.)

a conoscenza di questa disposizione e richiedono alle

precedentemente sottoposti a un apposito trattamento

aziende svizzere una dichiarazione del fornitore: le

disciplinato da regole molto precise.

dichiarazioni del fornitore rilasciate da aziende svizzere

da

sempre

più

Paesi

per

non sono valide nell’UE. Dobbiamo avere un numero di partita IVA nell’UE? A chi posso richiedere i moduli necessari per la Il numero di partita IVA è obbligatorio:

dichiarazione di origine?

1) quando agite come importatore nell’UE (p.es. con la clausola Incoterm DDP);

I moduli dei certificati di circolazione delle merci EUR1

2) in alcune operazioni a catena;

o EUR MED sono ottenibili presso l’Amministrazione

3) in caso di forniture infra-nazionali (all’interno di un

federale delle dogane o presso le Camere di Commercio

paese).

cantonali. Nel rispetto di determinate condizioni, gli stessi certificati possono essere emessi, già compilati,

Dove e come posso farmi registrare come esportatore

direttamente dall’operatore doganale.

autorizzato? Il mio cliente o spedizioniere chiede il mio numero La richiesta di autorizzazione va inoltrata alla Direzione

EORI. Ho bisogno di questo numero se di solito effettuo

delle dogane competente (Sciaffusa, Basilea, Ginevra o

operazioni di esportazione dalla Svizzera?

Lugano). Per ulteriori informazioni e moduli è possibile consultare il sito web dell’ AFD, nella sezione “esportatori

No, essendo un’azienda svizzera ha bisogno di un

autorizzati”.

numero EORI solo se opera nell’UE in qualità di dichiarante doganale o di importatore (ad esempio per

Forniamo prestazioni di servizi, ad esempio consulenze,

spedizioni con clausola DDP degli Incoterms).

ad una ditta estera. Come dobbiamo conteggiare l’IVA? Il nostro cliente UE ci chiede una certificazione AEO In questo caso, cioè in relazione con l’UE, si applica la

(Authorized Economic Operator). Di cosa si tratta?

cosiddetta procedura del «reverse-charge»: l’obbligo di pagare l’imposta sul valore aggiunto viene trasferito al

All’interno dell’UE lo status di AEO è un nuovo standard

destinatario delle prestazioni. Come fornitore svizzero

di sicurezza nell’intera catena di distribuzione. Non è

di prestazioni, potete dunque redigere la vostra fattura

obbligatorio, ma sempre più clienti UE fanno questo tipo

senza la componente IVA, aggiungendo però la seguente

di richiesta ad aziende svizzere. I vantaggi e gli svantaggi

frase: “L’obbligo di pagare l’imposta sul valore aggiunto

di una certificazione AEO o di una mancata certificazione

viene trasferito al destinatario delle prestazioni».

dipendono da diversi fattori e devono essere valutati attentamente prima di decidere di aderire alla categoria

Il mio cliente nell’UE vuole una dichiarazione a lungo

di operatori cerificati. La Svizzera ha introdotto lo status

termine del fornitore. Posso rilasciargliela?

di AEO dal 1° aprile 2011.

Filippo Vallone IT & Quality Assurance Specialist Tel. +41 (0)91 695.50.26

Sabino Civita IT & Quality Assurance Manager Tel. +41 (0)91 695.50.01

www.franzosini.ch | Tel. +41 (0)91 695.50.10

27


LA PALMIRA E FRANZOSINI:

A GA SEM ANCA NÜM! Che legame esiste tra una Compagnia teatrale del Mendrisiotto e la Franzosini?

Per quale motivo un’azienda di trasporti internazionali,

Le battute secche, i tratti caratteriali dei personaggi

che già solo per i servizi offerti - appunto “internazionali”

schietti e sinceri e la riscoperta dei valori delle cose

- mostra una chiara apertura verso l’estero, dovrebbe

semplici sono la base sulla quale la trama del film si

ostentare

territorio?

sviluppa con armonia e raccontando una storia che si

Quale ragione spinge un’azienda in cui si parlano

potrebbe definire “giallo-comica” divertente ed originale.

un

legame

con

il

proprio

quotidianamente quattro lingue ad esaltare l’importanza del proprio dialetto locale? Che legame esiste tra una

In questa sede non vi racconteremo la trama del film,

Compagnia teatrale del Mendrisiotto ed un’azienda di

per non togliervi la curiosità di andare di persona a

spedizioni?

vedere la pellicola al cinema; qui spiegheremo che La Palmira, Franzosini, i ticinesi ed il loro territorio sono

Sembrerebbero domande poco sensate o con risposte

accomunati da valori genuini e “cose” semplici e sta

scontate, ma con questa breve lettura dimostreremo

proprio in questo concetto il senso del nostro sodalizio.

al lettore che quando si parla di Franzosini il termine ”ovvio” non esiste…

Il Ticino è nota terra di lavoro, è vero, ma vanta anche delle tradizioni culturali che attirano turismo e curiosità

Ritornando alle domande, in effetti qualsiasi realtà

da ogni parte del mondo.

aziendale con vocazione ed orientamento spiccatamente internazionali probabilmente vorrebbe legare la propria

Le strade affollate durante il giorno, le piazze e le vie

immagine ad eventi di portata mondiale, o comunque

delle città ordinate e pulite, la gente che si incontra

la più ampia possibile. Invece Franzosini ha ben gradito

per una chiacchierata, un panino “veloce” od una

la possibilità di comparire in un film comico che

cena “al grottino …” e i spetegulat di paese sono

interesserà probabilmente solo il Ticino ed il nord Italia:

cose che solo chi vive in questa terra può capire.

il secondo film sul grande schermo della “Palmira”, della Compagnia Comica-dialettale di Mendrisio.

Rientrare a casa dopo una giornata di duro lavoro e cenare con i propri familiari con un piatto caldo

28

Il film appena uscito nelle sale il 15 ottobre ed intitolato

seguito dalle caldarroste, guardare la neve imbiancare il

“La Palmira, complotto nel Mendrisiotto”, segue al

paesaggio circostante o godersi la bellezza delle lunghe

primo film apparso al cinema intitolato “La Palmira ul

giornate estive nel bel Ticino non lo si può descrivere

film” nel 2013, ed è tutto in dialetto stretto del basso

in italiano… sono cose che si possono spiegare solo

Mendrisiotto: potete immaginare che sarà compreso

se raccontate in dialetto, magari da qualcuno come

pienamente, per la tipologia di “humor” e battute

l’attore principale del film Rodolfo Bernasconi, che in

dialettali recitate, solo da Ticinesi DOC.

una breve intervista con lui ed il regista Alberto Meroni,

Forwarding and logistics services


trasformatasi poi in una chiacchierata amichevole ed informale, ha raccontato di come la sua Compagnia teatrale ha sempre trattato storie attuali e profondamente legate al contesto storico-culturale del momento, ma rigorosamente in dialetto. È la forza delle storie quotidiane che colpisce la gente, va al cuore e lascia qualcosa di importante nei ricordi: fotografie di persone reali e paesaggi indelebili su territori vissuti da tutti, parole semplici ma incisive per esprimere concetti difficili, battute da far venire il mal di pancia come quelle che si sentivano al “circolino” o alla “festa del Paese”. Qui vogliamo raccontare che il teatro, il cinema, le persone, le aziende di un territorio, i paesi, le città, le montagne ed i laghi fanno tutte insieme parte della quotidianità dei nostri giorni ed il filo invisibile che li lega può essere capito solo se certe sensazioni si vivono di persona: è il nostro bel Ticino parlato e magari raccontato con il suo dialetto originale e spiritoso. Sono ticinese: conosco, lavoro e vivo nella mia terra da sempre e ritrovo qui la stessa passione che viene recitata nelle grandi opere teatrali dialettali dei grandi maestri come Eduardo De Filippo: anch’ esse in dialetto, piene di vita reale, di storie quotidiane e spiccatamente legate al loro territorio. La scelta di Franzosini è forse ora più chiara per il lettore: vogliamo ricordare e ribadire le nostre origini e rimarcare l’appartenenza al nostro territorio per distinguerci dalle aziende che non hanno questi valori, che mirano solo al profitto, che colgono le opportunità di business che il mercato offre e poi spariscono. Franzosini esiste da 80 anni, come la Palmira ed il suo teatro esistono da oltre 40 anni… tra qualche annetto si parlerà ancora di noi, ma bén, ma sa racumandi!

Christian Valsangiacomo Sales Manager Tel. +41 (0)91 695.50.17

www.franzosini.ch | Tel. +41 (0)91 695.50.10

29


CONTACT

OUR BRANCHES

Sede Chiasso

Filiale Zurigo

Filiale Ponte Tresa

Filiale Gaggiolo

SA LUCIANO FRANZOSINI

SA LUCIANO FRANZOSINI

SA LUCIANO FRANZOSINI

FRANZOSINI ITALIA SRL

Sede Principale

Internationale Transporte

Ufficio doganale

Ufficio doganale

Via R. Simen, 3

Gebäude G1

Vicolo del Portico

Via Monte Generoso, 3

CH-6830 Chiasso

CH-8423 Embrach

CH-6988 Ponte Tresa

I-21050 Gaggiolo (VA)

Tel. +41 (0)91 695 50 10

Tel. +41 (0)44 865 07 44

Tel. +41 (0)91 606 58 16

Tel. +39 0332 41 43 57

Fax +41 (0)91 695 50 11

Fax +41 (0)44 865 07 45

Fax +41 (0)91 606 61 33

Fax +39 0332 41 43 79

Filiale Chiasso strada

Filiale Novazzano

Filiale Stabio

Filiale Lavena Ponte Tresa

SA LUCIANO FRANZOSINI

SA LUCIANO FRANZOSINI

SA LUCIANO FRANZOSINI

FRANZOSINI ITALIA SRL

Ufficio doganale

Magazzino Logistico

Ufficio doganale

Ufficio doganale

Via Brogeda, 3

Via Torraccia, 17

Via Gaggiolo, 53

Piazza Cesare Battisti, 3

CH-6830 Chiasso strada

CH-6883 Novazzano

CH-6855 Stabio

I-21037LavenaP.teTresa(VA)

Tel. +41 (0)91 695 50 28

Tel. +41 (0)91 683 61 85

Tel. +41 (0)91 647 45 15

Tel. +39 0332 55 21 60

Fax +41 (0)91 695 50 16

Fax +41 (0)91 683 21 54

Fax +41 (0)91 647 45 16

Fax +39 0332 55 04 50

www.franzosini.ch | Tel. +41 (0)91 695.50.10

31


info@franzosini.ch www.franzosini.ch

Profile for Franzosini

Franzosini Solutions Focus Magazine N. 3  

Focus Magazine Number 2015/03 Novembre - Febbraio Una rivista della SA Luciano Franzosini di Chiasso (Ticino) Svizzera

Franzosini Solutions Focus Magazine N. 3  

Focus Magazine Number 2015/03 Novembre - Febbraio Una rivista della SA Luciano Franzosini di Chiasso (Ticino) Svizzera