Page 1

ATENEO AL VOTO

affitti & servizi

Più studenti, case più care Nel capoluogo i soldi da spendere per un posto letto diventano sempre di più. Quattro studenti ci raccontano le loro esperienze tra studi e bollette.

C

aro affitti a Perugia? Se c’è, è solo agli inizi: il costo medio di una stanza è di 230 euro, circa 40 euro in più rispetto a Rende, in Calabria, dove ha sede l’Unical, ma anche 120 euro in meno a confronto di Pavia, dove gli affitti toccano anche picchi di 450 euro. Il capoluogo, dunque, si pone un po’ nel mezzo: chissà se nei prossimi anni cambierà qualcosa, per ora il caro appartamenti sembra essere appena agli inizi. I numeri dell’università in crescita fanno aumentare anche gli appartamenti e le stanze in affitto per i fuori sede. Tanti studenti, da ogni parte d’Italia, hanno deciso di iscriversi all’Unipg per iniziare o proseguire il proprio percorso formativo e, per fare questo, si sono trasferiti stabilmente nel capoluogo: «Sono arrivata a settembre – ci racconta Martina, 23 anni, di Cosenza – ed ho trovato una “doppia” in zona Monteluce: pago 250 euro spese escluse. È un po’ pesante specialmente se consideriamo le bollette che sono una vera e propria mazzata». Lei e la sua coinquilina ci mostrano l’ultimo pagamento relativo all’utilizzo dell’acqua, 85 euro per i mesi di novembre e dicembre: «E noi a dicembre siamo state qui appena una settimana, siamo tornate in Calabria per il weekend dell’Immacolata e siamo ritornate solo a gennaio. Questo rincaro è dovuto alle nuove politiche del Comune di Perugia che non agevolano gli studenti fuori sede», conclude la ragazza.

12

quattrocolonne-news.it

Diversa la storia di Verdiana, collega di Martina, che vive in centro e paga 180 euro «spese escluse: certo soffro anche io il caro acqua – ci dice – ma l’affitto è meno caro e vivo vicino a negozi, supermercati e bar». Viene dal Molise ed abita con la sorella: «L’unica cosa per cui mi allontanerei dal centro sarebbe una casa con le spese incluse, ad un costo maggiore. Anche se le bollette arrivano direttamente a Campobasso, dove vivono i miei, non mi dispiacerebbe farle risultare nel costo totale della casa». Non solo dalle regioni del Sud: Giuliana viene da Foligno, a mezz’ora da Perugia, ma ha deciso comunque di prendere casa nel capoluogo per comodità. «Pago 250 euro e sto in via delle Viole, spese escluse. Delle volte penso che sia troppo caro rispetto allo stile di vita che ci può essere qui». È una studentessa lavoratrice: «Faccio la cameriera in un ristorante a Foligno, cerco di mantenermi da sola ma è difficile restare concentrati quando si devono seguire corsi, fare esami e, nel weekend, lavorare». Leonardo, invece, è al primo anno di Fisica e paga soltanto 130 euro: «Vivo a pochi passi dalla facoltà, sto in appartamento con altre cinque persone ma è abbastanza grande e ci viviamo bene». Quella di Leonardo, comunque, è una storia unica: i prezzi medi e soprattutto il caro acqua rischiano di mettere in seria difficoltà i tanti studenti che frequentano l’Unipg. Q

In foto da sinistra a destra: Giuliana, Martina, Leonardo e Verdiana. Tutti studiano all’Università di Perugia e vivono in affitto

di

FRANCESCO LA LUNA @cicciolaluna

febbraio 2019

Profile for Francesco La Luna

Più studenti, case più care  

Nel capoluogo i soldi da spendere per un posto letto diventano sempre di più. Quattro studenti ci raccontano le loro esperienze tra studi e...

Più studenti, case più care  

Nel capoluogo i soldi da spendere per un posto letto diventano sempre di più. Quattro studenti ci raccontano le loro esperienze tra studi e...

Advertisement