Page 1


LINEA


nel paesaggio Parliamo di paesaggio? Dove? Cosa? Quale?


MONDOVI’

CUNEO

DRONERO

BUSCA

FOSSANO

Dove?


Cosa?


natura+cultura [Alberto Seita. Tratto da “Campane a Festa”.]

Gilles Bruni, Marc Babarit . Le Pont. S’avancer pour mieux s’entrendre.

Cosa? “il paesaggio non è solo lo sfondo, la scena del nostro vivere quotidiano, ma è anche un’entità, un’immagine rielaborata dalla memoria di sensazioni legate al vissuto nei luoghi, oppure attraverso le immagini di un film, oppure ancora attraverso l’interpretazione delle pagine di un romanzo che lo descrive”

[Paolo Mellano. Tratto da “Boschi e Rovine”.]


Cosa?

[Padiglione italiano. 11^ Mostra Internazionale di Architettura Biennale di Venezia 2008.]


Quale?

Il paesaggio pedemontano


Quale? colline

acqua paesi

mais

ferrovia

frutta


ferrovia

Busca

STAZIONI

Castelletto

diBusca

Dronero

Monastero

Pratavecchia


ferrovia

1

2

CASELLI

[9meno1]

3

4

5

6

7

8


ferrovia fabbricati accessori Dronero

Torre dell’acqua La piccola

Servizi igienici Deposito locomotive


ferrovia piccoli elementi Dronero

misuratore di sagome

gru

illuminazione

pompa dell’acqua

croce di S.Andrea


“l’architetto attinge ciò che è utile dalla storia e lo trasforma in qualcosa di nuovo” [Renzo Piano. Tratto da “La responsabilità dell’architetto”.]

storia Come strumento


2domande2risposte PerchÊ considerare l’esistente come risorsa da riqualificare, recuperare? Come abbiamo immaginato l’esperienza del viaggio?


2domande2risposte

l’esistente come risorsa da riqualificare, recuperare

In Italia 5700 km di tratte ferroviarie dismesse

“uno dei segni più vistosi nel paesaggio italiano” “l’impronta che queste infrastrutture lasciano sul territorio, è permanente, anche laddove non sono più utilizzate” fanno parte “del patrimonio culturale di un paese, hanno contribuito a fare la storia recente, segnando il passaggio e costruendolo, dando un senso a un luogo e al suo attraversamento”.

“la loro utilità può cambiare quando mutano i contesti storici, sociali ed economici” [Tratto dalla rivista QUI TOURING, luglio-agosto 2009, dall’articolo “dismesse ma non utili”]


2risposte

“Riqualificarle diventerebbe uno strumento di salvaguardia dell’ambiente”

[Tratto dalla rivista QUI TOURING, luglio-agosto 2009, dall’articolo “dismesse ma non utili”]

Marco Navarra. Parco Lineare. San Michele di Ganzaria. Sicilia. Italia.

l’esistente come risorsa da riqualificare, recuperare


Perché considerare l’esistente come risorsa da riqualificare, recuperare?

2domande

“Un vero viaggio di scoperte non è cercare nuove terre, è avere nuovi occhi” [Marcel Proust]

Workshop Pic nic al Tempio #3. COSTRUIRE NATURA_LE. 2007. San Michele di Ganzaria.

Come abbiamo immaginato l’esperienza del viaggio?


2domande

Perché considerare l’esistente come risorsa da riqualificare, recuperare?

“cosicché piedi, occhio e mente siano i suoi strumenti di indagine” [Ulf Peter Hallberg. Trattoda “Lo sguardo del flâneur”]

Come abbiamo immaginato l’esperienza del viaggio?

LENTA

“camminare lentamente [infatti] significa osservare e interpretare la realtà, anche nelle sue manifestazioni più banali” [ibidem]

Lentezza come necessità Rallentare per guardarsi attorno

per SVELARE

“assaporandone la realtà sensoriale secondo ritmi più meditati” [Piero Biancucci. Tratto da prefazione “Osteria d’Oriente”]

“per ritrovarsi [come noi] incredibilmente arricchiti da una esperienza nuova, diversa”

[ibidem]

“soltanto i piedi o la bicicletta possono misurare davvero le distanze e lasciare nella memoria tracce durature di un itinerario” [Piero Biancucci. Tratto da prefazione “Osteria d’Oriente”]


2risposte

Come abbiamo immaginato l’esperienza del NOSTRO viaggio?

A PIEDI DISEGNANDO

OSSERVANDO

FOTOGRAFANDO


2risposte

Come abbiamo immaginato l’esperienza del NOSTRO viaggio? STRADE

PERCORSI

SUPERFICI NATURALI/ARTIFICIALE

COLTIVAZIONI

CONSUMO SUOLO URBANO CORSI D’ACQUA FERROVIA LANDMARK

una lettura a vari strati


Come abbiamo immaginato l’esperienza del NOSTRO viaggio? “ l’architettura è un’arte di frontiera perché è

continuamente contaminata da mille cose, è fecondata da mille espressioni artistiche che appartengono ad altre discipline” [Renzo Piano. Tratto da “La responsabilità dell’architetto”.]

MULTIDISCIPLINARIETA’

RPBW. “La bottega”

2risposte


Come abbiamo immaginato l’esperienza del NOSTRO viaggio?

METODO

il metodo dell’architetto

“ lavorare insieme sulle piante e sulle

sezioni facendo in modo che si completino vicendevolmente”

[Frederick Matthew. Tratto da “101 microlezioni di architettura”]


METODO

la sezione

LONGITUDINALE TRASVERSALE vs spina dorsale


una questione di scala

MICRO& MACRO oggetto paesaggio

[Padiglione italiano. 11^ Mostra Internazionale di Architettura Biennale di Venezia 2008.]


La lezione di MUNARI

METODO


La lezione di MUNARIMETODO

[Bruno Munari. Tratto da “Da cosa nasce cosa”.]


La lezione di MUNARIMETODO

[Bruno Munari. Tratto da “Da cosa nasce cosa”.]


La lezione di MUNARIMETODO

“È chiaro che prima di pensare a qualunque possibile soluzione è meglio documentarsi se per caso qualcuno non vi abbia già pensato prima di noi.”

[Bruno Munari. Tratto da “Da cosa nasce cosa”.]

“Si analizzano i vari tipi di lampade raccolte (in immagine) per cercare di scoprirne i difetti […] L’analisi di tutti i dati raccolti può fornire dei suggerimenti su come non si deve fare per progettare bene una lampada e può orientare bene la progettazione verso altri materiali, altre tecnologie, altri costi.”


La lezione di MUNARI METODO

“È chiaro che prima di pensare a qualunque possibile soluzione è meglio documentarsi se per caso qualcuno non vi abbia già pensato prima di noi.” [Bruno Munari. Tratto da “Da cosa nasce cosa”.]

RAILS-TO-TRAILS CONSERVANCY stati uniti / RAVeL belgio / VìAS VERDES spagna / NORTH SEA CYCLE ROUTE belgio, danimarca, inghilterra, germania, norvegia, scozia, svezia, olanda / RESEAU NATIONAL CYCLABLE lussemburgo / VOIES VERTES francia / NATIONAL CYCLE NETWORK inghilterra

Mentalità all’estero


La lezione di MUNARI METODO

“È chiaro che prima di pensare a qualunque possibile soluzione è meglio documentarsi se per caso qualcuno non vi abbia già pensato prima di noi.” [Bruno Munari. Tratto da “Da cosa nasce cosa”.]

PROGETTI DI

PERCORSO GUIDA PROGETTI


progetti di

percorso

parco lineare

san michele di ganzaria - italia

Marco Navarra


progetti di

percorso

parco lineare

san michele di ganzaria - italia

Marco Navarra


progetti di

percorso

parco lineare

san michele di ganzaria - italia

Marco Navarra


progetti di

percorso

the high line

manhattan – new york

Diller Scofidio + Renfro


progetti di

percorso

the high line

manhattan – new york

Diller Scofidio + Renfro


progetti di

percorso

the high line

manhattan – new york

Diller Scofidio + Renfro


progetti di

percorso

the high line

manhattan – new york

Diller Scofidio + Renfro


progetti di

percorso

the high line

manhattan – new york

Diller Scofidio + Renfro


progetti di

percorso

promenade plantĂŠ paris -france

Vergely, Mathieux, Berger


progetti di

percorso

promenade plantĂŠ paris -france

Vergely, Mathieux, Berger


progetti di

percorso

promenade plantĂŠ paris -france

Vergely, Mathieux, Berger


progetti di

percorso

pista d’atterraggio maurice rose

frankfurt/main - deuthschland

GTL Gnuchtel Triebswetter Landscape Architects


progetti di

percorso

pista d’atterraggio maurice rose

frankfurt/main - deuthschland

GTL Gnuchtel Triebswetter Landscape Architects


progetti di

percorso

pista d’atterraggio maurice rose

frankfurt/main - deuthschland

GTL Gnuchtel Triebswetter Landscape Architects


progetti

guida

stazione di uta-villaspeciosa cagliari - italia

2+1


progetti

guida

stazione di uta-villaspeciosa cagliari - italia

2+1


progetti

guida

stazione di uta-villaspeciosa cagliari - italia

2+1


progetti

guida

stazione di uta-villaspeciosa cagliari - italia

2+1


progetti

guida

stazione di uta-villaspeciosa cagliari - italia

2+1


progetti

guida

muro di sormano como - italia

Ifdesign


progetti

guida

muro di sormano como - italia

Ifdesign


progetti

guida

muro di sormano como - italia

Ifdesign


progetti

guida

muro ex-ilva

follonica (gr) - italia

ego vitamina creativa


progetti

guida

i piedi della memoria un codice urbano per i luoghi del ricordo milano - italia

Giulio Iacchetti


metodo legato al

progetto di

progetto

architettura architettura oltre l’edificio “architecture beyond buildings”

[Aaron betsky. Tratto da “architecture beyond building”, manifesto 11^ mostra internazionale di architettura biennale di venezia 2008]


architettura oltre l’edificio architecture beyond building Che cosa vogliamo da questa cosa che chiamiamo architettura? Vogliamo che faccia ciò che gli edifici non riescono più a fare. Vogliamo che ci faccia sentire a nostro agio in un mondo moderno sempre più mutevole, disorientante e, in apparenza, incontrollabile. Vogliamo che ci aiuti a conoscere quel mondo attraverso le cornici tipiche dell’architettura. Possiamo anche sperare che, grazie alle strutture, alle cadenze, ai ritmi e alla coreografia dello spazio, ci sarà possibile scoprire la strada per percorrere questo mondo moderno. Dobbiamo trovare l’architettura al di là del costruire. Possiamo trovarla in esperimenti puri nell’ambito della forma, della struttura e dello spazio. Possiamo trovarla nella deformazione della nostra realtà fisica o della sua manifestazione. Possiamo trovarla in visioni utopiche, distopiche o eterotopiche. Possiamo trovarla reinscenando il nostro mondo così da poter assumere in esso i ruoli che vogliamo recitare. Possiamo trovarla in strutture temporanee o enigmatiche, mediante azioni che ci rendano proprietari dello spazio, oppure in semplici bozzoli. Ma dobbiamo trovarla. Se il territorio cessa di essere un’estensione indistinta, ma si può leggere piuttosto come una rete, l’inserimento puntuale e calcolato dei progetti di architettura rompe un (secondo) luogo comune. Infatti, non si tratta più di definire precisamente e di controllare tramite il disegno vaste aree descrivendo conformazioni totalizzanti relative al futuro di un territorio. Piuttosto i progetti assumono una natura “omeopatica”, agendo come una sorta di agopuntura su pochi punti nevralgici, snodi centrali del sistema che innerva il paesaggio, localizzati ma in grado per la propria natura strategica di riverberare qualità e forma sull’intero paesaggio, pur non manipolandolo direttamente.

AARON BETSKY, ARCHITECTURE BEYOND BUILDING, MANIFESTO 11^ MOSTRA INTERNAZIONALE DI ARCHITETTURA BIENNALE DI VENEZIA 2008


Uso lento del territorio Percorso più ricco della semplice linea asfaltata

“togliere il velo dalle poltrone”

[Luca Barello]


REAGIRE A Ciò CHE STA INTORNO mediante

conoscenze sensibilità esperienze caso


Il nostro progetto è il SITO è il CONTESTO è il PAESAGGIO


è GRAFICA è COSTRUITO Bob Noorda. Progetto grafico per la nuova linea della

Il nostro progetto


La grafica


grana

Il percorso

colore

PLURISENSORIALITÀ


L’architettura

SOTTILE leggera “un foglio”


L’architettura

SOTTILE leggera “un foglio”


L’architettura

reinterpretare le tettoie ferroviarie

leggere

semplici

funzionali

sottili

SOTTILE leggera “un foglio�

essenziali

metalliche


che il viaggio abbia inizio‌


…sulla nuova linea


Busca

Studio funzionale

nuova stazione


punto vendita

casello3


abaco scritte


parco agricolo

casello4


Giolitti

stazione castelletto


punto di osservazione

casello6


punto di sosta

stazione monastero-pratavecchia


abaco scritte


steps

torrazza abaco scritte


lifting

casello8


memoria

casello9


camera oscura

garitta dronero


parco

stazione dronero


casello-tipo casello6 casello6casello-tipo le nostre monastero-pratavecchia VISIONI casello-tipocasello6casello-tip casello6 monastero-pratavecchia casello-tipo casello6 casello-tipocasello-tipo casel monastero-pratavecchia casello-tipo casello6 monastero-pratavecchia


critical mass. Manifesto.


bibliografi a LIBRI E PUBBLICAZIONI

AA.VV. The European Greenways good practice guide: Examples of Actions Undertaken in Cities and the Periphery, European Greenways Association, Namur, Belgique Aymonino Aldo, Mosco Valerio Paolo

Spazi pubblici contemporanei. Architettura a volume zero, Skira, Milano, 2006 Barello Luca e Mellano Paolo (a cura di)

CAMPANE A FESTA. La ricostruzione del campanile della parrocchiale e il ridisegno di Piazza Vittorio Emanuele II a Nole, BLU Edizioni, Torino, 2008 Baumeister Nicolette

New landscape architecture, Braun, Berlino, 2007 Berre Nina

Omveg: Arkitektur og design langs 18 nasjonale turistvegar = Detour: architectural design along 18 national tourist routes, ed. Norsk form, Oslo, 2006 Bodino David (a cura di)

Boschi e Rovine. Recupero dei resti della grangia certosina del Castellar a Chiusa Pesio, Stilgraf, Vicoforte, 2006 Bonicco Claudio e Garelli Roberto (a cura di)

nomadismi. 10 contributi provinciali e 5 tracce trasversali su architettura e paesaggio, Polincontri, Torino 2002 Careri Francesco

Walkscape -Camminare come pratica estetica, Einaudi, Torino, 2006 Calvino Italo

Le città invisibili, Oscar Mondadori, Verona, 2006 Cortese Isotta

Il progetto del vuoto: pubblic space in motion 2000-2004, Alinea, Firenze, 2004 Declementi Sergio, Frosini Ghio Giovanna, Olivero Roberto

Il treno di Giolitti. Costruzione, attività, aneddoti e documenti della ferrovia BuscaDronero, L’Arciere, Dronero, 2007 De Pieri Filippo (a cura di)

Gilles Clément, Manifesto del Terzo Paesaggio, Quodlibet, 2005 capitolo 10 .allegati + bibliografi a Eco Umberto

Come si fa una tesi di laurea, Bompiani, Milano, 1977 Godoli Ezio, Cozzi Mauro (a cura di)

Architettura ferroviaria in Italia. Ottocento, Dario Flaccovio Editore, Palermo, 2004 Godoli Ezio, Lima Antonietta Iolanda (a cura di)

Architettura ferroviaria in Italia. Novecento, Dario Flaccovio Editore, Palermo, 2004


Hallberg Ulf Peter

Lo sguardo del fl âneur, edizioni Iperborea, 2002 Maniquet Florence, Daubechies Anne

4eme Conference Europeenne sur les Voies Vertes “Voies Vertes urbaines et periurbaines”, Actes du Colloque, Association Européenne des Voies Vertes, Namur, Belgique, 2006 Munari Bruno

Da cosa nasce cosa, appunti per una metodologia progettuale, Editore Laterza, Roma-Bari, 2007 Navarra Marco

In walk about city. Il paesaggio riscritto. Un parco lineare tra Caltagirone e piazza Armerina, Biblioteca del Cenide, 2002 Piano Renzo

La responsabilità dell’architetto -conversazione con Renzo Cassigoli, Passigli Editori, Firenze, 2007 Rovelli Roberto, Senes Giulio, Fumagalli Natalia

Ferrovie dismesse e greenways. Il recupero delle linee ferroviarie non utilizzate per la realizzazione di percorsi verdi, Associazione Italiana Greenways, Milano, 2004 Rovelli Roberto, Senes Giulio, Toccolini Alessandro

Greenways di Sicilia. Il progetto di recupero delle ferrovie dismesse: una risorsa del passato per lo sviluppo futuro, Associazione Italiana Greenways, Milano, 2006 Scagliola Renato e Scagliola Davide

Osteria d’oriente: avventure piemontesi, Gribaudo, Cavallermaggiore, 1994 capitolo 10 .allegati + bibliografi a bibliografi a White Edmund

Il fl âneur, edizioni Guanda, 2001

TESI DI LAUREA e LAVORI DI RICERCA De Stefani Rossella, Postiglione Gennaro, con Poli Matteo

“Binario zero: colonizzazione del viadotto ferroviario Lambrate-Bovisa a Milano”, Politecnico di Milano, c.d.l.s. in Architettura e Società, 2008 Delfi no Ilaria, Giaccone Valentina

“La linea ferroviaria Dronero-Busca: problemi di conservazione e rifunzionalizzazione”,

tesi di laurea, rel. Vinardi M. G., Politecnico di Torino, c.d.l.s. in Architettura (restauro e valorizzazione), 2008 Zanetti Chiara “Ri-ciclare la Martesana. La riscoperta del paesaggio lungo il naviglio attraverso

la trasformazione dell’alzaia in una greenway”, tesi di laurea, rel. Postiglione G., co-rel. Mosci A., Politecnico di Milano, 2005


Barbieri Marco, Giusiano Mattia

“Filari, guard-rails, recinti. La nuova tangenziale di Saluzzo come occasione per ripensare il territorio”, tesi di laurea, rel. Mellano P., co-rel. Delpiano A.,Governa F., Politecnico di Torino, c.d.l.m. in Architettura (ambiente e paesaggio), 2006 RIVISTE

ABITARE, numero 488, Special Issue-Ossigeno italiano, dicembre ‘08-gennaio ‘09 CASABELLA, numero 774, febbraio 2009 CLUSTER -città design innovazione, numero 07; numero speciale dal titolo “Trasmitting Architecture”, 2008

Columbia, A Magazine of Poetry & Prose, numero 8, 1983 La Repubblica delle Donne, ottobre 2008 QUI TOURING, luglio-agosto 2009 Ri-vista, ricerche per la progettazione del paesaggio, Firenze University Press, gennaio-giugno 2009 capitolo 10 .allegati + bibliografi a SITOGRAFIA http://www.ferrovieabbandonate.it/ [DATABASE DELLE FERROVIE NON PIÙ UTILIZZATE] http://www.ferroviedismesse.com/ [DATABASE DELLE FERROVIE DISMESSE] http://www.greenwaysitalia.it/ [PORTALE DELLE VIE VERDI ITALIANE] http://www.thehighline.org/ [THE OFFICIAL WEB SITE OF THE HIGH LINE AND FRIENDS OF THE HIGH LINE] http://www.viasverdes.com/ViasVerdes [PORTALE DELLE VIE VERDI SPAGNOLE] http://www.comune.busca.cn.it/ [PORTALE ISTITUZIONALE] http://www.comune.dronero.cn.it/ [PORTALE ISTITUZIONALE] http://issuu.com/ [PORTALE DI PUBBLICAZIONI DIGITALI] http://europaconcorsi.com/ [PORTALE DI ARCHITETTURA] http://www.dillerscofi dio.com/ [STUDIO D’ARCHITETTURA] http://www.duepiuuno.net/ [STUDIO D’ARCHITETTURA] http://www.ego06.com/ [STUDIO D’ARCHITETTURA] http://www.studionowa.com/ [STUDIO D’ARCHITETTURA]

"A THIN SLOW LINE"  

Presentazione del lavoro di Tesi di laurea in Architettura per il Progetto dal titolo "UNA SOTTILE LINEA LENTA. La ciclopista sulla linea Bu...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you