Page 1

riqualificazione di uno spazio urbano Valorizzazione edificio Vecchia Pescheria e di Piazza Gramsci, Civitanova Marche

Accademia di Belle Arti di Macerata Disciplina: Metodologia della progettazione Docente: Andrea Trevisi

Francesca Vergari Corso Light Design A.A. 2016/2017


Vecchia Pescheria


INDICE

pag.03

• INTRODUZIONE

....................................... pag. 05

• LUOGO, SPAZIO E STORIA

....................................... pag. 06

• RILIEVO AMBIENTALE PERCETTIVO

....................................... pag. 07

• RILIEVO ILLUMINOTECNICO

....................................... pag. 08

• CONCEPT E PROGETTAZIONE DELLA PIAZZA

....................................... pag. 09

• IPOTETICO PREVENTIVO PER LA REALIZZAZIONE

....................................... pag. 10

• INSPIRATION E PROGETTO ILLUMINAZIONE

....................................... pag. 11

• PROGETTAZIONE ESECUTIVA ILLUMINAZIONE

....................................... pag. 12


pag.04


introduzione

pag.05

Il corso di Metodologia della progettazione ha lo scopo di introdurre lo studente alla valutazione dello spazio urbano, che diventa elemento di studio e d’intervento artistico. I due obiettivi formativi principali del corso sono: fornire allo studente una metodologia che consenta di sviluppare un progetto artistico articolato, raccogliendo informazioni utili per tracciare il percorso d’intervento; dall’altro lato lo studente è stimolato a rivolgere una diversa attenzione nei confronti dello spazio urbano inteso non come semplice luogo pubblico, ma come un’opportunità di espressione artistica tesa ad aumentare la percezione e l’uso, fino ad arrivare ad una sua valorizzazione. La mia scelta personale di concentrare l’attenzione sulla piazza e l’edificio della Vecchia Pescheria di Civitanova Marche è stata dettata da un’osservazione più critica di uno dei luoghi centrali della città, spazio di passaggio per la maggioranza dei cittadini. Esso si perde nell’anonimato e non risulta affatto valorizzato, si notano infatti diverse problematiche che riguardano il mantenimento e la fruizione del luogo, inoltre in particolar modo di notte, la piazza appare molto buia e questo sicuramente contribuisce a creare una percezione negativa dell’ambiente. La mia analisi parte da una piccola intervista rivolte ad alcuni residenti di Civitanova. Le domande loro rivolte sono state: • • • •

Quali sono le problematiche che si notano al primo sguardo? Che cosa manca alla piazza per essere più frequentabile? Come vorresti vedere questo luogo? Quali sensazioni di suscita la sua illuminazione nelle ore notturne?

Dall’analisi delle risposte ho potuto dedurre quali sono le problematiche principali e cercare alcune soluzioni: • Mancanza di verde e di panchine più innovative e funzionali • Necessità di vedere uno spazio più pulito, colorato e accogliente • Illuminazione notturna insufficiente alla grandezza dello spazio e mal distribuita Le soluzioni e ipotesi di progetto riguardano la creazione di un luogo più attraente per i cittadini, dove essi possano riunirsi e trascorrere del tempo, sia di giorno che di notte. La piazza dovrà diventare un luogo di sosta e non solamente un semplice luogo di passaggio. Di seguito illustrerò e spiegherò in dettaglio la proposta di intervento che riguarda il rifacimento dell’arredo urbano e del sistema di illuminazione della piazza. Verranno creati e inseriti nuovi spazi verdi, nuove panchine più moderne e funzionali e l’illuminazione notturna sarà completamente sostituita e riqualificata. Lo scopo dell’intervento è sicuramente quello di riqualificare lo spazio e di dargli una nuova vivibilità.


luogo, spazio, storia

pag.06

GEOLOCALIZZAZIONE, STORIA E ANALISI DELL’AREA

LOCALITÀ: Civitanova Marche, Macerata Civitanova Marche è un comune italiano di 42 251 abitanti della provincia di Macerata nelle Marche. Il territorio comunale si sviluppa per 46,07km² ed ha conformazione di collina litoranea, con un livello di altitudine compreso fra 3 e 223 m s.l.m. area di progetto

area circostante

punti di vista

strade

STORIA VECCHIA PESCHERIA L’edificio della Vecchia Pescheria fu costruito subito dopo la Prima Guerra Mondiale, di pianta rettangolare, presenta le decorazioni tipiche dello stile liberty ed acroteri a forma di delfino che adornano il tetto. Un tempo centro del commercio del pesce fresco locale, oggi viene utilizzata per la vendita al dettaglio di pesce ed ortaggi.

PIAZZA GRAMSCI

La piazza antistante l’edificio è di forma trapezoidale non regolare, si sviluppa infatti in lunghezza soprattutto mentre i due lati sono di due misure differenti. La pavimentazione è in mattoni/cemento di colore giallo chiaro, con una decorazione rettangolare di colore bruno. Al centro è posizionata una fontana costituita da 2 cerchi concentrici in pietra e una sfera centrale. Sono presenti quattro panchine di legno agli angoli della piazza.

SPAZIO L’edificio della pescheria ha una lunghezza totale di 40 metri e una profondità di 22 metri. La struttura superiore è collocata al centro del tetto e ha una larghezza di 8 metri circa. L’altezza del primo piano è di 3,5 m mentre la struttura superiore si presenta di circa 1 m. La piazza antistante non ha una pianta regolare, un lato ha una lunghezza di 17 metri mentre l’altro di soli 13 metri. Lungo la piazza esternamente è collocato un marciapiede sufficientemente ampio.

ANALISI DELL’AREA Lo spazio prescelto per la realizzazione del progetto si trova nella zona centrale di Civitanova Marche, poco distante anche dall’area portuale. Nell’area circostante alla si trovano diverse attività commerciali, bar, ristoranti e alberghi, questo fa si che la zona sia molto frequentata sia da pedoni che da automobilisti. Nella zona posteriore all’edificio è situato un piccolo parcheggio auto. La piazza ha diversi punti di vista: dalla strada principale che si trova frontalmente all’edificio, dalle due strade secondarie laterali di destra e sinistra e dalla zona retrostante.


rilievo ambientale percettivo

RILIEVO FOTOGRAFICO E CROMATICO DELL’AREA DI PROGETTO RILIEVO CROMATICO CLASSIFICATO SECONDO IL SISTEMA NCS - Natural Color System NCS S 1010-Y10R NCS S 5502-Y NCS S 1502-B NCS S 2005-Y

pag.07

PROBLEMATICHE EVIDENZIATE DAL RILIEVO Dall’analisi visiva e percettiva della piazza e della facciata dell’edificio si notano la poca manutenzione e la scarsa pulizia dello spazio. Sia le pareti della struttura che la pavimentazione della piazza infatti risultano scolorite e sporche, diverse parti del muro mostrano cedimenti di intonaco. La fontana al centro della piazza non è in funzione ed ha molte tracce scure e ruggine. Per quanto riguarda l’arredo urbano, tutto lo spazio appare spoglio in quanto le panchine sono collocate solamente ai quattro angoli; realizzate in legno, sono molto piccole e poco invitanti, sono presenti due grandi aiuole a vaso di forma circolare a ridosso del marciapiede con all’interno installati dei grandi pannelli pubblicitari. Per tutta la lunghezza della piazza inoltre sono collocati diversi cartelli pubblicitari che occultano la visione dell’ edificio e ostruiscono in parte l’accesso pedonale alla piazza dalla parte frontale. Gli ingressi laterali verso la piazza sono molto circoscritti a causa della presenza di due muretti laterali e delle barriere protettive in metallo. Nel complesso, tutta l’area rimane anonima e non è affatto valorizzata, lasciata all’incuria e alla quasi assenza di manutenzione.


rilievo illuminotecnico

CLASSIFICAZIONE DEGLI APPARECCHI E PROBLEMATICHE

pag.08

Le decorazioni poste sul tetto sono illuminate da dei proiettori spot con sorgenti a scarica che producono un colore bianco neutro e il consumo è di circa 70 watt. La loro funzione è quella di fornire un’illuminazione d’accento, essi però risultano mal indirizzati e producono fasci troppo concentrati. Sulla facciata dell’edificio sono presenti sei apparecchi sotto gronda molto visibili, producono fasci luminosi intensi e con contorni netti. Il colore della luce è bianco caldo e il probabile consumo di ogni apparecchio è di 70 watt.

PROBLEMATICHE RILEVATE L’illuminazione appare non uniforme a causa della presenza di molte zone buie, infatti il piano calpestabile della piazza non è sufficientemente visibile. La facciata è illuminata solamente a fasci, in modo discontinuo e “puntiforme”. L’illuminazione della struttura superiore non ha alcuna funzionalità pratica in quanto gli apparecchi sono indirizzati verso i vetri delle finestre. I proiettori che illuminano le decorazioni del tetto risultano non correttamente indirizzati e hanno una potenza troppo elevata, creano forti contrasti luminosi e ombre molto nette che invadono anche gli edifici circostanti. I proiettori attualmente utilizzati hanno una scarsa efficienza luminosa ed un elevato consumo energetico.

TIPOLOGIE DEGLI APPARECCHI PRESENTI Nella zona sono presenti diversi lampioni stradali con sorgente a vapori di sodio ad elevato consumo energetico, ovvero di circa 500 watt a lampada; il colore della luce è aranciato ed è un’ illuminazione strettamente funzionale per rivolta al piano stradale. Due lampioni stradali in “stile antico” con 5 sfere sono collocati al confine con il marciapiede, dotati di lampade ad incandescenza che consumano circa 250 watt ognuna. Anch’essi producono una luce di colore aranciato e hanno solamente un’apparente funzione decorativa. Sulla struttura superiore dell’edificio sono collocati due apparecchi a parete lungo il cornicione inferiore, risultano equipaggiati con sorgenti a scarica con un consumo di 70 watt. Il colore della luce risulta piuttosto freddo e l’orientamento verso l’alto del fascio luminoso appare senza alcun significato funzionale.


progettazione della piazza

pag.09

CONCEPT D’INTERVENTO E PROGETTAZIONE PROGETTO Lo spazio analizzato necessita di una ristrutturazione nelle diverse parti, in tal modo esso si può trasformare in un luogo nuovo e più stimolante per l’incontro e la sosta dei cittadini. Innanzitutto la progettazione di nuove aree verdi diventa fondamentale per dare un valore estetico aggiuntivo allo spazio. L’idea della forma geometrica delle nuove aiuole parte dalla scomposizione del cerchio che descrive la fontana già presente nella piazza, in questo modo si creano degli spazi che siano conformi morfologicamente con l’esistente arredo, anche il muretto che circonda le aiuole progettato in pietra bianca per riprendere il materiale della fontana. I cespugli inseriti sono del tipo Daphne Odora Aureomarginata, un arbusto sempreverde, di crescita ordinata, con fiori profumatissimi, ama il terreno ricco, fresco; come esposizione preferisce mezzombra; raggiunge un’altezza massima di 100 cm - 120 cm. Questa tipologia di pianta si rivela adatta a ricoprire uno spazio di piccole dimensioni, ma pur sempre rimanendo di piacevole impatto visivo, nonostante le dimensioni contenute. Successivamente si è progettata la collocazione delle nuove panchine che forniranno alla piazza una maggiore vivibilità. La loro forma si mantiene semplice e lineare, ma con un dettaglio curvo nella parte inferiore interna, che va a richiamare le linee della fontana e delle nuove aiuole, ed inoltre ha la funzione aggiuntiva di convogliare il fascio luminoso di una barra LED posta sotto la seduta.

Questo espediente permette di evitare il problema dell’abbagliamento diretto dei passanti. La scelta del materiale è stata dettata dall’esigenza di creare arredi durevoli nel tempo e che non richiedano manutenzione frequente, inoltre il colore grigio permette l’integrazione cromatica nell’ambiente cittadino circostante. La maggiore disponibilità di posti per sostare e la loro collocazione omogenea nello spazio della piazza invita i passanti a fermarsi. Ogni elemento è conforme morfologicamente e cromaticamente al contesto in cui è inserito e segue una disposizione geometrica regolare, non risultando così d’intralcio per il passaggio dei pedoni lungo la piazza.

RIEPILOGO • 4 AIUOLE realizzate con bordo di pietra bianca • 4 CESPUGLI di Daphne Odora Aureomarginata • 6 PANCHE IN CEMENTO con armature in ferro


IPOTETICO PREVENTIVO PER LA REALIZZAZIONE

pag.10

COSTI PER LA REALIZZAZIONE DELL’ARREDO URBANO

ELEMENTO

LAVORI

DIM.

COSTO

Formazione di aiuola compresa la realizzazione del 1,99 m x 1,99 m 8,74 € al mq. piano, carico e trasporto in discarica dei materiali di ciascuna risulta compreso, inoltre, lo scavo di sbancamento fino alla profondità’ di cm 40 e la fresatura per una profondità’ di cm 30

AIUOLE

CESPUGLI Daphne Odora Aureomarginata Cemento monoblocco PANCHE

Altezza iniziale 17 cm

22 €

Ø cm. 190 x 45 Ø cm. 240 x 45 Altezza cm. 45 Peso kg. 360

da 130 €

0,45 m

1.99

0,96 m

1.99

0,45 m

1,90 m

2,40 m


progetto illuminazione

pag.11

CONCEPT D’INTERVENTO E PROGETTAZIONE CONCEPT D’INTERVENTO L’ispirazione per il progetto dell’illuminazione della piazza e dell’edificio nasce dall’osservazione di diverse immagini di progetti illuminotecnici già realizzati da Lighting designers professionali. Queste idee applicate allo spazio preso in analisi necessitano di un riadattamento in quanto sia l’edifcio che la piazza sono di dimensioni ridotte e non presentano molti elementi architettonici particolari e decorazioni. Il progetto è studiato in base alle esigenze dello spazio e dei suoi fruitori, gli obietivi principali che si propone di seguire sono: 1. CREATIVITÀ 2. FUNZIONALITÀ 3. VALORIZZAZIONE

All’edifico sono dedicati due tipi di illuminazione: Un’illuminazione d’accento dedicata alle decorazioni poste sul tetto e ulteriori prodotti posti a terra e sul tetto per l’illuminazione della facciata inferiore e della struttura superiore. L’edificio in questo modo risulta illuminato in modo uniforme senza presentare discontinuità e senza creare problemi di abbagliamento.

LA SCELTA DEI PRODOTTI Per il progetto è stato scelto di utilizzare alcuni prodotti illuminotecnici realizzati dall’azienda iGuzzini, con sede a Recanati, in quanto essa produce elementi di alta qualità e si trova a poca distanza dal territorio di Civitanova, oltre ad essere una delle aziende leader del settore che ha già realizzato alcuni progetti per il comune della città.

La nuova illuminazione è volta a creare un maggiore Per l’illuminazione della facciata sono stati scelti dei procomfort visivo per il fruitore dello spazio. dotti di dimensioni ridotte e dalla forma circolare, essi sono collocati incassati al terreno di fronte all’edificio; La piazza necessita una maggiore visibilità: lo spazio cen- mentre per illuminare la struttura superiore è stato sceltrale della piazza viene valorizzato grazie ai particolari to lo stesso tipo di prodotto, ma in versione applique da luminosi applicati alle nuove panchine e alla fontana fissare alla parete. riqualificata emette una luce bianca. Le panchine creano dei punti luminosi che guidano il fruitore nello spazio e la fontana così modificata permette innanzi tutto di avere un risparmio di manutenzione in quanto non emette più acqua, ma luce, grazie ad un proiettore inserito all’interno di una sfera centrale con dei fori. Il fascio fuoriesce creando degli effetti luminosi suggestivi.

Inoltre per l’illuminazione d’accento delle decorazioni del tetto sono stati selezionati dei proiettori di dimensioni davvero contenute, infatti il diametro del corpo dell’apparecchio è di soli 30 mm, questo permette di ridurne al minimo la visibilità. Ogni prodotto deve mantenere al minimo l’intrusività nell’ambiente circostante.


progettazione esecutiva dell'illu minazione SPECIFICHE TECNICE DEI PRODOTTI SCELTI E COLLOCAZIONE

1 pezzo Collocazione: Fontana

IGUZZINI BH92 Proiettori ad immersione 12W Articolo No.: BH92 Flusso luminoso (Lampada): 203 lm Temperatura colore: Bianco 6000 K Potenza lampade: 12.0 W Classificazione lampade secondo CIE: 100 CIE Flux Code: 92 99 100 100 70 Dotazione: 1 x A09L (Fattore di correzione 1.000)

8 pezzi Collocazione: a 1 m di distanza dalla facciata Incasso nel terreno

IGUZZINI BU09 Trick 2W Articolo No.: BU09 Flusso luminoso (Lampada): 107 lm Temperatura colore: calda 3000 K Potenza lampade: 2.0 W Classificazione lampade secondo CIE: 91 CIE Flux Code: 42 69 88 91 41 Dotazione: 1 x LX62 (Fattore di correzione 1.000)

pag.12

IGUZZINI BU14 Trick 3W 6 pezzi Articolo No.: BU14 Collocazione: a parete struttura Flusso luminoso (Lampada): 164 lm Temperatura colore: calda 3000 K superiore Potenza lampade: 3.0 W Classificazione lampade secondo CIE: 86 CIE Flux Code: 39 65 85 86 47 Dotazione: 1 x LX64 (Fattore di correzione 1.000) 12 pezzi Collocazione: 3 x ogni decorazione del tetto

IGUZZINI Palco InOut 2,6 W Articolo No.: Q687 Potenza lampade:2,6W Temperatura colore: Neutral 4000K CRI 80 Driver Elettronico Ottica: F - Flood 25° Dimensioni (mm): ø30x53 Ambiente di utilizzo: Esterno

8 pezzi Collocazione: 1 x ogni panca sing. 2 x panche doppie

IGUZZINI E680_NO Side Bend 6 mm 2,1W Articolo No.: E680_NO Flusso luminoso (Lampada): 72 lm F lusso luminoso (Lampadine): 73 lm Potenza lampade: 2.1 W Classificazione lampade secondo CIE: 74 CIE Flux Code: 34 62 84 74 100 Dotazione: 1 x A36G (Fattore di correzione 1.000)

Per quanto riguarda i lampioni in stile antico già presenti, si provvede solamente alla sostituzione della sorgente luminosa ad incandescenza con sorgenti LED ad alta potenza e a basso consumo, con temperatura di colore bianco neutro di 4000 K.

Nota: Il preventivo ipotetico per il progetto illuminotecnico è a carico dell’azienda, quindi non è stato possibile fornirlo.


Relazione metodologia della progettazione  
Relazione metodologia della progettazione  
Advertisement