Issuu on Google+

Bilancio Sociale CESTAS 2008-2009 anni di idee, esperienze e partenariati nel mondo

Organizzazione di cooperazione internazionale Ente di formazione www.cestas.org


RINGRAZIAMENTI Il Bilancio Sociale 2008-2009 è frutto dell’intenso lavoro di rendicontazione sociale che ha coinvolto numerosi soggetti interni ed esterni alla associazione durante il corso di quest'anno. Si ringraziano quindi tutti i collaboratori, i partner dei progetti, i testimoni intervistati e gli studenti, oltre allo staff CESTAS che ha partecipato a vario titolo al reperimento delle informazioni e alla redazione dei testi, in particolare relativamente ai Progetti. A nome del Consiglio D'Amministrazione voglio esprimere un riconoscimento particolare al lavoro svolto dalla dottoressa Francesca Servidio, che ha saputo dirigere questo importante progetto istituzionale con qualità e dedizione professionale. Uber Alberti Presidente CESTAS Impostazione e progetto a cura di Francesca Servidio, Uber Alberti Coordinamento Editoriale Gianluca Ulisse Redazione testi ed elaborazione dati a cura di Gianluca Ulisse, Francesca Servidio, Uber Alberti Si ringrazia tutto lo staff CESTAS e i volontari in servizio civile Foto Staff CESTAS, cooperanti e studenti frequentanti i corsi CESTAS in Italia e nel mondo Ideazione grafica e impaginazione Roberto Rubbi | www.robertorubbi.com È consentita la riproduzione totale o parziale dei testi, purchè ne venga citata la fonte.


Bilancio Sociale CESTAS 2008-2009 anni di idee, esperienze e partenariati nel mondo


INDICE

INDICE 0 IntroduzIone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 0.1 Lettera del Presidente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .6 0.2 Nota metodologica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9 1 1.1 1.2 1.3 1.4 1.4.1 1.4.2 1.4.3 1.5 1.5.1 1.5.2 1.5.3 1.6 1.6.1 1.6.2 1.6.3 1.6.4

IDENTITÀ ASSOCIATIVA E GOVERNANCE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .11 Chi siamo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12 Vision . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12 Mission e valori guida . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12 Governance . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .14 Organi Associativi, Struttura sociale e Struttura organizzativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .14 Organigramma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .14 Strategie e processo gestionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .15 Responsabilità etica e sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .16 Codice Etico e Bilancio Sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .16 Istituto Italiano Donazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .16 Raccolta Fondi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .17 Le Persone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .17 Personale interno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .17 Servizio Civile Nazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .19 Bilancio delle competenze e clima organizzativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .20 Formazione interna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .20

2 2.1 2.2 2.3 2.4 2.5 2.6 2.7 2.8

ATTIVITA’ ISTITUZIONALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .21 dipartimento Formazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .22 dipartimento europa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .22 ufficio regionale Marche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .25 ufficio regionale America Latina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .26 ufficio regionale Africa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .28 ufficio regionale Mediterraneo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .30 Gli attori delle nostre Reti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .31 I progetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .33 ForMAzIone VI Edizione Master Universitario di II Livello in “Politiche Sociali e Direzione Strategica per lo sviluppo sostenibile del territorio” A.A. 2007/2008 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .34 III Edizione Corso Alta Formazione in “Organizzazione e Management dei Servizi Socio-Sanitari in contesti differenziati”A.A. 2007/2008 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .36 Corso di Specializzazione “Pianificazione e Management di Programmi di Turismo Responsabile e Sostenibile” 2008 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .37 I Edizione - Master Universitario di II Livello in “Gestione e Valorizzazione delle risorse agro-forestali in una prospettiva di sviluppo sostenibile del territorio” A.A. 2007/2008 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .38 Corso di Alta Formazione in “Economia e Gestione delle imprese cooperative e delle risorse del territorio” A.A. 2007/2008 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .40 Corso di Specializzazione in “Pianificazione e Management di programmi di turismo responsabile e sostenibile” 2008 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .41 Corso di Alta Formazione in”Metodologie per promozione sociale in territori a differenziate tecnologie di sviluppo – nuove competenze professionali per gestire il cambiamento” A.A. 2008/2009 . . . . . . . . . . . . . . . . . .42 VII Edizione Master Universitario di II Livello in “Politiche Sociali e Direzione Strategica per lo Sviluppo Sostenibile del Territorio” A.A. 2008/2009 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .43 IV Edizione Corso di Alta Formazione in “Organizzazione e Management dei Servizi Socio-Sanitari in Contesti Differenziati” A.A. 2008/2009 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .44 AFRICA Progetto di appoggio alla disseminazione della classificazione internazionale del funzionamento della disabilità e della salute per bambini e adolescenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .45 L’agire dei giovani nella lotta all’AIDS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .46 Progetto di sostegno alla salute materno infantile ed ai servizi sanitari di base dell`area di Mavalane (Maputo) .47 Supporto al programma Nazionale integrato di lotta alla HIV/AIDS e TBC nelle Regioni di Omusati ed Otjozondjupa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .48 Supporto al programma nazionale integrato di lotta all’HIV/AIDS e TBC nella Regione di Omusati . . . . . . . . . .50 Progetto “Kilimanjaro” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .51 Sana maternità: formazione e aggiornamento per operatori sanitari nel settore materno e riproduttivo . . . .52 Miglioramento qualitativo dei servizi di salute materno-infantile negli ospedali Kamuzu e Bottom . . . . . . . . .53 Rafforzamento dei servizi di contraccezione a lungo termine e permanente negli ospedali rurali e nei centri di salute del Distretto di Dowa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .54

2.8.1 2.8.2 2.8.3 2.8.4 2.8.5 2.8.6 2.8.7 2.8.8 2.8.9

2.8.10 2.8.11 2.8.12 2.8.13 2.8.14 2.8.15 2.8.16 2.8.17 2.8.18

2 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009


INDICE

AMerICA LAtInA 2.8.19 Estensione della rete andina di centri di salute materno-perinatale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .55 2.8.20 Articolazione del sistema di difesa locale nel Municipio di Leon, comunità di Abangasca . . . . . . . . . . . . . . . . . .56 2.8.21 Programma di Sviluppo Integrato nel quartiere di Sutiaba, Municipio di Leon (Nicaragua) . . . . . . . . . . . . . . . . .58 2.8.22 Progetto di sviluppo integrato nella provincia di Morona Santiago - Regione Amazzonica . . . . . . . . . . . . . . . . .62 2.8.23 Programma di gestione integrata delle risorse forestali e non forestali in boschi temperati in 17 comunità Huilliches nel sud del Cile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .64 2.8.24 Costruire la differenza: percorsi di formazione per imprenditrici latinoamericane . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .65 2.8.25 Progetti di risanamento agroforestale nel bacino del fiume Salo (municipalità di Tupiza) . . . . . . . . . . . . . . . . . . .68 2.8.26 Estensione della rete di Centri di Salute Materno-Perinatale alla Provincia di Buenos Aires . . . . . . . . . . . . . . . . . .71 2.8.27 Programma di sostegno all’occupazione femminile in Argentina (Province di BUENOS AIRES e SANTA FE) . . .74 2.8.28 Programma di sostegno all’attività di formazione e intermediazione lavorativa per il lavoro femminile nella Città Autonoma di Buenos Aires e nelle Provincie di Buenos Aires, Mendoza e Santa Fe . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .76 2.8.29 Programma Integrale di Appoggio alla Microimpresa individuale e Associativa dei Partidos de Lomas de Zamora y Lanús . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .78 2.8.30 Potenziamento della rete di centri di salute materno perinatale in Argentina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .80 2.8.31 Programma di sostegno alle politiche di modernizzazione della Provincia di Buenos Aires . . . . . . . . . . . . . . . . .81 2.8.32 EU-LA-WIN European Union and Latin America for Welfare Integrated policies . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .82 2.8.33 Promozione della salute e dei diritti sessuali e riproduttivi nel territorio di Sutiaba, Municipio di Leon . . . . . .83 2.8.34 Sistematizzazione partecipativa del processo di articolazione del sistema di Difesa Locale nel Municipio di Leon (Diritti dei Minori) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .84 europA 2.8.35 PARTNERSHIP FOR CHANGE. The role of the Economic Partnership Agreements (EPAs) in implementing the Millennium Development Goals (MDG) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .85 2.8.36 Obiettivi del Millennio e Cooperazione Decentrata Il dibattito in occasione della sessione speciale dell’ONU sugli Obiettivi del Millennio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .86 2.8.37 La salute globale: lotta alle malattie endemiche nei Paesi dell’Africa Subsahariana, dell’Asia e in America Latina. Campagna d’informazione sulla lotta alla malaria, alla tubercolosi, all’AIDS . . . . . . . . . . . .87 2.8.38 Diritti di proprietà intellettuale e diritto allo sviluppo. Campagna di sensibilizzazione sugli effetti della tutela della proprietà intellettuale sui processi di sviluppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .88 2.8.39 Obiettivi del millennio e cooperazione decentrata sanitaria: un approfondimento sulla lotta all’HIV/AIDS . . .89 2.8.40 L’archivio della cooperazione non governativa italiana come strumento di documentazione e di sensibilizzazione alla solidarietà internazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .90 2.8.41 True Development Through Health . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .91 2.8.42 Sviluppo del partenariato tra Istituzioni pubbliche, mondo accademico e società civile per favorire una maggiore conoscenza degli Obiettivi del Millennio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .92 2.8.43 Costruire uno sviluppo possibile. Création d’un Système Permanent de Solidarité Internationale et de Coopération Décentralisée au développement . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .93 2.8.44 “Action for Global Health” AfGH Promoting European Support for Global Health . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .94 2.8.45 III edizione delle Settimane della Cooperazione Internazionale in Emilia Romagna - Costruiamo insieme una nuova stagione di solidarietà internazionale in Emilia Romagna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .95 2.8.46 Sviluppo sostenibile delle risorse forestali e comunità locali: esperienze di Ong in America Latina e Africa . . .96 2.8.47 Campagna nazionale sulla cooperazione quale strumento per la risoluzione dei conflitti internazionali e nei paesi in via di sviluppo. Alcune esperienze delle Ong in Africa, Balcani, Mediterraneo . . . . . . . . . . . . . . . .97 MedIterrAneo 2.8.48 Scuola sullo sviluppo per donne del Mediterraneo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .98 2.8.49 Supporto alla promozione sociale ed economica delle donne in differenti regioni rurali particolarmente colpite dalla guerra (Beqaa, sud del Libano) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .99 2.8.50 Supporto all’istruzione di base e alla formazione tecnica dei giovani svantaggiati delle regioni severamente colpite dalla guerra (Beqaa, Akkar) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .100 2.8.51 Costruire la Differenza: percorsi di formazione per la promozione dell’imprenditoria femminile in Libano . .102 2.8.52 Percorsi di formazione per lo sviluppo delle risorse e della promozione della microimprenditoria femminile nel sud del Libano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .105 2.8.53 Miglioramento dello status e delle condizioni lavorative delle operatrici sanitarie in Libano . . . . . . . . . . . . . .106 2.9 Comunicazione e innovazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .107 3 3.1 3.2 3.3 3.4 3.5

ASPETTI ECONOMICI E FINANZIARI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .109 Investimenti 2008 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .110 Le altre fonti di ricavo CESTAS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .110 Stato patrimoniale 2008 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .111 Rendiconto gestionale 2008 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .113 Conto economico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .114

4 IL FUTURO: QUALITÀ E INNOVAZIONE NELLA SOCIETÀ DELLA CONOSCENZA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .117

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 3


0 Introduzione

Accountability, Idee, Esperienze e Partenariati, Azione tecnica, sociale e politica, Trasparenza, Accuratezza, Attendibilità, Verificabilità, Economia civile, Raccolta fondi, Socialmente Responsabile, Sviluppo Sostenibile, Salute,Formazione,Legittimazione,Efficienza,Apprezzamento,Utilità, Partnerglocalizzati,Realismocosmopolitadellasocietàcivileglobale,Scettico e Autocritico, Organizzazione matura e realista, Cooperazione italiana allo sviluppo globale e realista, Equità ed Efficienza, Costruzione del racconto, Processo partecipato nella costruzione della conoscenza istituzionale, Sviluppo organizzativo, Trentennale cammino, ICT, web 2.0, reti sociali, high tech-high touch, post inseriti, wiki, conoscenza tacita dell’organizzazione, maturazione ecologica nei confronti dell’innovazione digitale, efficienza comunicativa, versione elettronica, Bio-Eco-Geo, Conoscenza Esplicita, Incremento delle esperienze.


LET TERA DEL PRESIDENTE

“He oído un ruido de cadenas que se rompen. Ha nacido un hombre.” Vicente Huidobro 01. LETTERA DEL PRESIDENTE Le Linee Guida per il Reporting di Sostenibilità elaborate nell’ottobre 2006 dalla Global Reporting Initiative (GRI)1 ed i“Principi di redazione del Bilancio Sociale”elaborati, per l’Italia, dal Gruppo di studio per il Bilancio Sociale (GBS)2 nel 2001, sono i pilastri metodologici che hanno guidato il CESTAS nella redazione del Bilancio Sociale 2008-2009. Bilancio che abbiamo voluto regalarci per il nostro trentennale d’attività. Il 30 marzo del 1979 nasceva il CESTAS e tutto il 2009 l’abbiamo dedicato alla sistematizzazione e valutazione delle nostre idee, esperienze e partenariati. Il bilancio sociale vuole essere uno degli strumenti di accountability della nostra azione tecnica, sociale e politica all’interno del sistema della cooperazione internazionale allo sviluppo. Nella stesura del documento che stiamo presentando ci siamo ispirati ai criteri di: • chiarezza nell’esposizione dei contenuti, anche attraverso l’utilizzo di tabelle e in generale del linguaggio visivo; • completezza dei dati e delle informazioni. Il Bilancio Sociale, redatto secondo i principi di trasparenza, accuratezza, attendibilità e verificabilità, è articolato in quattro macro capitoli: • Identità e Governance - dove sono descritti i valori e i principi che orientano l’attività associativa e l’insieme dell’assetto istituzionale; • Attività Istituzionali - dove si analizzano, con riferimento alle diverse attività e settori d’intervento, i rapporti del CESTAS con i diversi territori; • Aspetti Economici e Finanziari - dove sono evidenziati le principali voci socio-economiche derivanti dall’attività nonché alcuni significativi indicatori; • Futuro: Qualità e Innovazione - dove abbiamo voluto indicare gli obiettivi e gli impegni assunti per il prossimo triennio di gestione 2009-2011.

Questo quinto Bilancio Sociale3 ha visto la partecipazione del Dott. Gianluca Ulisse4 in veste di ricercatore e della Dott.ssa Francesca Servidio5. Il team di professionisti coinvolto ha rispettato i principi della responsabilità sociale per le organizzazioni no-profit e ha collaborato con tutte le risorse umane che compongono sia la struttura direttiva sia quella operativa dell’Ong in modo proattivo”.

Lavoro non facile per la diversità territoriale e settoriale che presentano i nostri programmi di cooperazione allo sviluppo e allo stesso tempo necessario per raccogliere l’identità e la volontà comune che abbiamo costruito insieme con i più di Quattrocento partner “glocalizzati6 Un ringraziamento a nome del Consiglio d’Amministrazione e dei nostri Soci per l’eccellente lavoro svolto da questi appassionati e competenti professionisti. La ricerca di meccanismi di presentazione trasparente e credibile dei conti è una necessità essenziale se vogliamo classificarci come Associazione“socialmente responsabile”. L’attenzione equilibrata nei confronti degli interessi legittimi ancorché diversi, che portano i nostri interlocutori interni ed esterni è la base per organizzare, gestire

1 www.globalreporting.org - “Global Reporting Initiative” è un’iniziativa dell’organizzazione non governativa Ceres con sede a Boston che riunisce, dal 1997, esponenti di importanti società di consulenza, imprese, sindacati, organizzazioni ambientaliste e religiose, investitori istituzionali, per elaborare indicatori in grado di esprimere l’incidenza economica, sociale e ambientale dell’attività delle imprese. 2 Il “Gruppo di Studio per il Bilancio sociale” è un comitato che è stato costituito nel 1998 da alcuni studiosi e operatori che in Italia si occupano della “responsabilità sociale d’impresa” per elaborare uno strumento di rendicontazione in grado di fornire un resoconto esaustivo, verificabile e comparabile sugli effetti sociali prodotti dall’attività dell’impresa. 3 Il nostro primo bilancio sociale è stato preparato e pubblicato nel 2004 e da allora abbiamo mantenuto costante la pubblicazione annuale (2005,2006,2007). Quest’anno ed in occasione del nostro trentennale abbiamo voluto percorrere una strada biennale per far rientrare anche buona parte delle attività del 2009 nel bilancio sociale preparato con i dati economici del 2008. 4 Gianluca Ulisse, esperto in comunicazione sociale. 5 Francesca Servidio, Responsabile Dipartimento Progetti, Sviluppo e Innovazione, CESTAS. 6 Glocalizzazione o glocalismo è un termine introdotto dal sociologo Zygmunt Bauman per adeguare il panorama della globalizzazione alle realtà locali, così da studiarne meglio le loro relazioni con gli ambienti internazionali.

6 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009


LET TERA DEL PRESIDENTE

e comunicare in modo idoneo le nostre attività. L’adesione ai principi dello sviluppo sostenibile ci deve guidare nel governo della efficienza ed efficacia economica, tecnica, sociale e ambientale delle nostre attività istituzionali e accessorie. Questa dimensione etica la possiamo rappresentare come la nostra “cultura organizzativa” i cui elementi qualificanti sono costituiti dalla qualità e intensità dei rapporti dell’organizzazione con se stessa (dipendenti, soci, collaboratori) e con il mondo esterno (donatori, partner, clienti, fornitori, sistema bancario, comunità locali, ambiente, associazioni, quindi la collettività nel suo insieme). Il modello di cultura organizzativa che abbiamo cercato di costruire in questi primi trent’anni di lavoro è contraddistinto dai seguenti fattori qualificanti: • Legittimazione: conformità ai valori del contesto7; • Efficienza: capacità di corrispondere alle attese di chi controlla/fornisce le risorse; • Apprezzamento: capacità di suscitare adesione emozionale dei membri dell’organizzazione; • Utilità: efficacia nel consentire ai membri del gruppo di soddisfare bisogni e interessi personali. L’asse centrale e punto di partenza del processo gestionale della responsabilità sociale è rappresentato dalla definizione dei valori e missione istituzionale, che rappresentano nel loro insieme l’essenza della cultura organizzativa, della loro formalizzazione, condivisione e comunicazione.

Per introdurre i nostri valori e la nostra missione è essenziale riconoscerci come attori del “realismo cosmopolita della società civile globale”8. Non potendo abbandonare il principio dell’empirismo storico per l’analisi dei fenomeni sociali la scelta dell’approccio realistico ci pone al riparo da derive idealistiche. Realismo Cosmopolita significa dimostrare che lo sguardo“locale e nazionale”è deficitario nella ricerca della capacità d’azione perché rimane irretito in un circuito auto confermativo e pessimista. Lo sguardo cosmopolita non è pessimista né ottimista, è “scettico e autocritico”. Il mondo che affrontiamo ogni volta che iniziamo un’azione di trasformazione sociale non ci appare oscurato dal pessimismo culturale nè illuminato dalla fede nella modernità, globalizzazione, crescita, decrescita o altre fedi religiose. La caratteristica princi-

pale del nostro sguardo realista e cosmopolita è semplicemente essere un“altro sguardo possibile”. Qual è la struttura dello sguardo cosmopolita? Quali sono le coordinate concettuali dell’osservazione, i valori, dilemmi e le contraddizioni dello sguardo realista? La struttura dello sguardo è data dalla distinzione tra: • la dimensione valoriale, teorica, utopica, normativa e politica • e quella teorica, empirica, analitica basata sulla ricerca. La seconda, dove ci riconosciamo, ci offre le coordinate concettuali nell’ambito transnazionale dove le interdipendenze e le causalità sono globali e le interferenze delle crisi e delle diseguaglianze locali, nazionali e globali sono empiricamente accertate. Storicamente il problema dello “sviluppo” è stato affrontato attraverso quattro strumenti: aiuti, sicurezza, leggi e statuti, e commercio. Ciascuno di essi ha un certo peso, eppure in questo periodo stiamo usando gli aiuti pubblici allo sviluppo alquanto malamente9. Perché il nostro governo e quelli dei paesi donatori si sono rivelati tanto incompetenti nell’affrontare la catastrofe della povertà e dell’esclusione sociale di oltre un miliardo di persone? La mitologia legata alla visione“valoriale, teorica e utopica”ci porta ad affrontare delle polarizzazioni inaccettabili nel rispetto dei diritti umani di quei 963 milioni di persone che vivono in condizioni di povertà oppure del bambino che ogni cinque secondi muore di fame o infine del miliardo e duecento milioni di persone che vivono con meno di due dollari il giorno. “La globalizzazione aggiusterà tutto” versus “bisogna proteggerli di più”; “hanno bisogno di più soldi”versus “gli aiuti alimentano la corruzione”; “hanno bisogno di democrazia”versus“sono schiavi dell’odio interetnico”; “torniamo all’impero” versus “rispettiamo la loro sovranità”. Queste polarizzazioni non appartengono al nostro orizzonte culturale e sono lontane da essere veicoli di soluzioni, in termini di cambiamenti, per gli attori sociali che interagiscono con il nostro lavoro nei venticinque paesi d’intervento. Il sistema degli aiuti pubblici allo sviluppo è prigioniero di questa polarizzazione. La coalizione che appoggia gli aiuti ha sempre guardato con sospetto la crescita economica e quella che appoggia la crescita guarda con sospetto agli aiuti. Perciò, usare gli aiuti strategicamente per promuovere il consolidamento del sistema economico locale nei paesi poveri anche attraverso una crescita rispettosa dell’ambiente e responsabile socialmente, non è la principale preoccupazione dei politici. L’opinione pubblica li spinge ad adottare l’atteggiamento caritatevole che traspare dalle foto di cui è tappezzato l’ambiente delle organizzazioni umanitarie.

7 Legittimazione diversa da “legittimità”, che consiste nella mera rispondenza dei comportamenti alle norme; il diritto, infatti, insegue sempre la dimensione dell’etica ma senza riuscire ad esaurirla; pertanto, non sempre quanto previsto dalla legge è sufficiente a prevenire comportamenti eticamente “scorretti”. 8 Vedi Ulrich Beck, Macht und Gegenmacht, Suhrkamp Verlag Frankfurt am Main, 2002. 9 ll nostro paese è al penultimo posto nell’Europa dei 15 con aiuti, nel 2008, pari allo 0,2% del PIL. I tagli al bilancio della cooperazione previsti dalla Legge finanziaria 2009 hanno determinato un’ulteriore riduzione del 56% degli stanziamenti, passati dai 732 milioni di euro del 2008 ai 321 del 2009. Con la finanziaria 2010, in questi giorni in esame al Senato, gli Aiuti Pubblici allo Sviluppo rischiano di essere ulteriormente tagliati, a fronte della promessa di un aumento dei finanziamenti da parte del governo italiano fatta al G8 di Gleneagles (2005), in sede europea e al G8 dell’Aquila del luglio 2009.

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 7


LET TERA DEL PRESIDENTE

Il sistema della cooperazione italiana allo sviluppo in modo integrato e pianificato dovrebbe incrementare la presenza nelle zone di più alta povertà. Ciò significa che dovrebbe accettare di correre maggiori rischi, andando incontro a un numero d’insuccessi più elevato. Dovrebbe compensare i rischi aumentando i controlli sui progetti, che significa aumentare i costi dedicati alla pianificazione, monitoraggio e valutazione degli interventi. Dovrebbe diventare più agile, capace di cogliere le opportunità di riforma all’interno dei paesi d’intervento non appena si manifestano. Dovrebbe condizionare l’erogazione dei fondi all’efficienza e trasparenza dei governi locali. Attualmente, il potente movimento dell’opinione pubblica che legittima l’attuale governo italiano spinge la politica sugli aiuti nella direzione opposta. Oltre al vergognoso taglio presente nella finanziaria 2009 e annunciato anche per quella del 2010, esiste la paura del fallimento che paralizza le azioni di cooperazione governativa. I costi amministrativi e gestionali devono essere ridotti perché l’idea che esistano attori consolidati e capaci di pianificare, monitorare e valutare l’efficienza e l’efficacia degli interventi è lontana dall’idea della carità subito e senza strutture pensanti. Molti finanziamenti bilaterali o multilaterali sono concessi senza nessuna condizione o verifica.

emergenti e con reddito medio. • Una partecipazione globale e paritetica nella soluzione dei problemi da parte dei paesi donatori e beneficiari. Il superamento dell’idea dei club esclusivi (vedi G-8) deve essere una prospettiva di battaglia politica da parte della società civile italiana e globale. • Includere le Organizzazioni Non Governative senza fine di lucro e più generalmente il settore del privato responsabile, come soci strategici, all’interno del sistema degli aiuti allo sviluppo. • Promuovere e attivare la conoscenza scientifica e tecnica specializzata in ognuna delle congiunture che si devono affrontare. • Appoggiare l’innovazione in tutte le fasi del percorso di mutamento e trasformazione sociale. Nelle sfide che dobbiamo affrontare, come il miglioramento delle condizioni di salute di quel miliardo di persone escluse dal diritto alla salute, il cambio climatico, la conservazione della biosfera, la lotta contro la povertà o la lotta per migliorare l’agricoltura nelle terre sempre più aride, nessuna tecnologia rappresenta da sola una panacea. Ci sono molte tecnologie che competono per esserlo oppure cercano di essere usate in modo generalizzato, però molte non sono ancora state sottoposte a un’attenta sperimentazione.

Il compito di un’organizzazione “matura e realista” come CESTAS è di proporre soluzioni che abbiano una chiara direzione verso la trasformazione sociale.

Tenendo conto di queste circostanze, le strategie d’intervento nei programmi di cooperazione allo sviluppo devono contenere, al nostro modo di vedere, almeno quattro fasi: definizione degli obiettivi, scelta tecnologica e metodologica, implementazione e finanziamento e per cercare di trasformarla in strategia “generalizzabile” territorialmente o settorialmente,

Cogliere l’occasione del nostro esame di responsabilità, efficacia ed efficienza, qual è la preparazione e pubblicazione del bilancio sociale del trettennale, per presentare anche i mutamenti che dovremmo costruire per migliorare il sistema della cooperazione italiana allo sviluppo ci sembra un dovere nel rispetto del nostro ruolo all’interno del meta potere della società civile. La costruzione di una“cooperazione italiana allo sviluppo globale e realista” deve basarsi su alcuni requisiti fondamentali: • Obiettivi e calendari chiari, come quelli che contengono le promesse dei Millennium Development Goals10. • Un finanziamento pubblico condiviso tra gli attuali paesi Dac11 e una rete sempre più grande di paesi

10 Nel settembre del 2000, in occasione del Vertice del Millennio convocato dalle Nazioni Unite, i leader mondiali, con una serie di storici accordi, si sono impegnati a liberare ogni essere umano dalla “condizione abietta e disumana della povertà estrema” ed a “rendere il diritto allo sviluppo una realtà per ogni individuo”. Questa ampia gamma di impegni, nota come gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (MDGs – Millennium Development Goals), include non solo interventi contro il degrado ambientale, le diseguaglianze di genere e l’HIV/AIDS, ma prevede anche una serie di iniziative per garantire l’accesso all’ istruzione primaria, all’assistenza medica ed all’acqua potabile. 11 Gli aiuti allo sviluppo di cui parla l’OCSE vengono da 22 stati del Comitato di aiuto allo sviluppo (DAC, Development Assistance Committee), i più ricchi tra i paesi OCSE. Quegli aiuti rappresentano quasi tutta l’assistenza internazionale allo sviluppo. Paesi come l’Arabia Saudita, l’India e la Cina hanno i loro programmi di aiuto allo sviluppo, ma non compaiono nello studio dell’OCSE, e sono esigui rispetto agli aiuti DAC.

8 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009


NOTA METODOLOGICA

è necessario rafforzare altri tre processi critici nella nostra società contemporanea:“monitoraggio d’impatto continuo”,“finanziamento pubblico per le scienze di base e per le tecnologie nelle sue prime fasi di creazione” e“strategie miste pubbliche e private per distribuire in forma massiccia le tecnologie appropriate e di efficacia dimostrata”. Il nucleo strategico e valoriale della nostra azione che passiamo a presentarvi nei capitoli che seguono, è la lotta contro le diseguaglianze e la ricerca di una transizione verso l’accesso universale al godimento dei diritti dell’uomo, promovendo uno spirito di equità, giustizia sociale e solidarietà.

Equità ed Efficienza nella promozione ed esecuzione dei programmi di cooperazione allo sviluppo sono i nostri vincoli programmatici che vogliamo continuare a seguire. Nel condividere con voi il nostro lavoro e viaggio stiamo cercando di aumentare il numero e la qualità degli interlocutori con i quali costruire mondi possibili per le generazioni presenti e future e nel farlo cerchiamo di partire dalle radici che danno significato alla nostra vita personale e associativa. Esiste un discorso politico che ha segnato la mia etica politica e voglio condividerlo come conclusione della presentazione del Bilancio Sociale CESTAS 2008-2009. Salvador Allende l’ex-presidente cileno deposto da un colpo militare, l’11 di settembre del 1973 concludeva l’ultimo discorso trasmesso via radio prima della sua morte dicendo “Sigan ustedes sabiendo que, mucho más temprano que tarde, se abrirán las grandes alamedas por donde pase el hombre libre para construir una sociedad mejor” (sappiate che, più prima che poi, si apriranno di nuovo i grandi viali per i quali passerà l’uomo libero, per costruire una società migliore).

Buon lavoro e buona lettura Dott. Uber A. Alberti Presidente di CESTAS

02. NOTA METODOLOGICA Elemento fondamentale del Bilancio Sociale di CESTAS è il processo che guida la sua realizzazione. Siamo convinti che la qualità del processo di rendicontazione incida direttamente sulla capacità del documento di rispondere alle esigenze conoscitive dei diversi interlocutori e quindi dando attuazione ad uno dei principi della responsabilità sociale. Il percorso della“costruzione del racconto della nostra responsabilità sociale” ha previsto le quattro tappe indicate dalle norme nazionali e internazionali1 che vincolano l’accontability sociale:

I – DEFINIZIONE DEL NOSTRO SISTEMA DI RENDICONTAZIONE SOCIALE Durante questa tappa gli organi direttivi hanno definito la struttura e l’obiettivo del bilancio sociale. La visione proposta dalla Presidenza e accolta all’unanimità dal Consiglio d’Amministrazione è stata quella di

promuovere un processo partecipato nella costruzione della conoscenza istituzionale e parallelamente usare quel percorso come un momento di “sviluppo organizzativo” in termini d’innovazione e qualità dei processi gestionali. La struttura di rendicontazione scelta ha voluto ripercorrere il trentennale cammino di CESTAS nel sistema della cooperazione internazionale allo sviluppo e si è strutturata in quattro capitoli: • Identità e Governance; • Attività Istituzionali; • Aspetti Economici e Finanziari; • Futuro: Qualità e Innovazione

II – LA RILEVAZIONE DELLE INFORMAZIONI I protagonisti di questa fase sono stati: • Le Information and Communication Technology (ICT), usate per ottimizzare la gestione della comunicazione tra i curatori e ogni singolo operatore CESTAS; • La web 2.0, per condividere e discutere le tematiche proposte dal racconto con le nostre reti sociali.

1 Le Linee Guida per il Reporting di Sostenibilità elaborate nell’ottobre 2006 dalla Global Reporting Initiative (GRI) ed i “Principi di redazione del Bilancio Sociale” elaborati, per l’Italia, dal Gruppo di studio per il Bilancio Sociale (GBS) nel 2001. 2 High tech - high touch è la formula per descrivere il modo in cui rispondiamo alla tecnologia. Ogni volta che una nuova tecnologia viene introdotta nella società, ci deve essere il contrappeso di una spinta umana che ristabilisce l’equilibrio – cioè high touch – se no la tecnologia viene respinta. Più c’è high tech, più occorre high touch. 3 Maslow, nel 1982, porpone un modello di crescita motivazionale, in cui vengono messe in evidenza sia la gerarchia, sia l’ontogenesi delle diverse motivazioni. Maslow è stato il primo autore a descrivere una gerarchia dei bisogni umani: man mano che l’uomo soddisfa ognuno di questi bisogni, si fa vivo un bisogno di ordine superiore e relativi problemi 4 Il termine conoscenza tacita o implicita, o anche sapere tacito (in inglese, tacit knowledge), viene utilizzato nel campo delle discipline che studiano il funzionamento delle organizzazioni (sociologia del lavoro e delle organizzazioni, teoria di impresa, economia aziendale, management science, ecc.) e nel campo delle prassi consulenziali, per identificare «una conoscenza non codificata, non contenuta in testi o manuali, non gestita attraverso flussi comunicativi strutturati; ma una conoscenza che esiste nella testa degli individui, che nasce dall’esperienza lavorativa e che - come tale - si collega alla capacità di comprensione dei contesti di azione, intuizioni, sensazioni che difficilmente possono essere comprese da chi non condivide tale esperienza».

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 9


NOTA METODOLOGICA

La scelta del modello high tech-high touch2 nelle interazioni durante il periodo di raccolta dell’informazione è stato il giusto ed efficace contrappeso all’uso massiccio delle ICT. Possiamo descrivere il vissuto di ognuno degli operatori di CESTAS, durante la fase della rilevazione dell’informazione, come:

“La tappa tra la macchinetta del caffè ed i post inseriti nei wiki o nei social network creati per la costruzione del racconto”. La macchinetta del caffè simbolizza quello che già Maslow3 e più recentemente Nonaka e Takeuchi4 descrivono come il bisogno degli individui di produrre la

“conoscenza tacita dell’organizzazione” attraverso la relazione con l’altro.

L’aggiornamento dei “post” c’invita a cogliere positivamente le potenzialità che offrono, per le organizzazioni responsabili socialmente, le nuove tecnologie digitali e in particolare l’aumento dell’efficienza comunicativa offerto dalla web 2.0. Il risultato finale del passaggio dalla conoscenza tacita a quella esplicita è stato quello della nostra“maturazione ecologica nei confronti dell’innovazione digitale”.

III – LA REDAZIONE E L’APPROVAZIONE DEL BILANCIO SOCIALE Nella stesura del Bilancio Sociale CESTAS 2008-2009, i responsabili della preparazione, redazione e pubblicazione si sono ispirati ai criteri di: • chiarezza nell’esposizione dei contenuti, anche attraverso l’utilizzo di tabelle e in generale del linguaggio visivo; • completezza dei dati e delle informazioni; • trasparenza, accuratezza, attendibilità e verificabilità dell’informazione presentata. Il bilancio è stato approvato dalla Presidenza e dal CdA nella seduta del 30 ottobre 2009.

IV – LA COMUNICAZIONE DEL BILANCIO SOCIALE Tenendo conto della maturata “ecologia digitale di CESTAS” si è deciso di stampare in carta ecologica 500 esemplari destinati agli oltre 400 stekholder con cui collaboriamo e parallelamente collocare sul nostro portale web e sui siti delle nostre reti sociali la pubblicazione elettronica sfogliabile pagina dopo pagina tipo pubblicazione cartacea in 3D in una modalità molto gradevole ed interattiva direttamente dal browser (dal nostro sito www.cestas.org) grazie al servizio Online PDF Viewer gratuito (tecnologia Web 2.0).

Il Bilancio Sociale di CESTAS è stato oggetto di reportage da parte della rivista Bio-Eco-Geo in uscita il 30 novembre 2009 nelle edicole e la presentazione ufficiale alla stampa è programmata per il mese di dicembre 2009.

GE

CONOSCENZA TACITA - CONOSCENZA ESPLICITA RIUTILIZZO E INCREMENTO DELLE ESPERIENZE

ST

RO

R BA

I

EL I M

I NA

Z IO N

E

10 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

N

U PPI D

RAPPRESENTAZIONE DELLA CONOSCENZA CLASSIFICAZIONE DELLA CONOSCENZA

INGEGNERIZZAZIONE DELLA CONOSCENZA

IO

GR

RI ER E T

HE

VO LA

CN

IC OG L O

CONOSCENZA ECOLOGICA E

E

Maturazione ecologica


1 Identità Associativa e Governance

Ong, senza fini di lucro, apartitico, contrario ad ogni forma di discriminazione, accreditato, Cooperazione Internazionale allo Sviluppo, Servizio Civile, Formazione Superiore e Continua, Formazione, EducazionealloSviluppo,Sensibilizzazione,Advocacy,Sociodell’Istituto ItalianodellaDonazione,Partenariatoglobale,Riduzione degli squilibri, Inclusivi, Capitale sociale, Condivisione delle scelte, Collaborazione, Coraggio decisionale, Partecipazione, Approccio multiculturale, Dialettica, Sviluppo sostenibile, Competenza, Fiducia, Promozione della salute, Efficienza, Qualità, Sinergie, Dialettica, Pari opportunità, Partecipazione, Impegno solidale solidarietà, Opportunità, Motivazione, Flessibilità, Apertura, Credibilità, Professionalità, Appartenenza, Trasparenza


IDENTITÀ ASSOCIATIVA E GOVERNANCE

1. IDENTITà ASSOCIATIVA E GOVERNANCE

1.1 ChI SIAmO

12 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

1.3 mISSIONE E VALORI GUIDA

CESTAS crede nella promozione di una “solidarietà partecipativa” in grado di coinvolgere un numero sempre maggiore di attori sociali, affinché sia possibile innescare cambiamenti profondi nelle relazioni politiche ed economiche tra il Nord e il Sud del mondo. Oggi CESTAS rinnova, con crescente convinzione, l’impegno per la promozione dei valori della solidarietà e della difesa dei diritti dell’uomo, partendo dalla convinzione che lo sviluppo, su scala locale e globale, non

1986

30 anni di cooperazione internazionale per lo sviluppo

CESTAS si impegna per la creazione di un partenariato globale tra Nord e Sud del mondo per la riduzione degli squilibri, caratterizzato dall’inclusività e dalla creazione di capitale sociale. Vede nella cooperazione internazionale lo strumento per la creazione di ponti tra i diversi gruppi e attori sociali, tra il locale e il globale, tra donne e uomini, per lo sviluppo di una cultura di solidarietà e di equità tra i popoli.

1981

La nostra storia:

1.2 VISION

1979

1 In ottemperanza agli artt. 14, 36 e 39 del codice civile. 2 CESTAS è iscritto la Registro UNAR presso la Presidenza del Consiglio del Ministri, Dipartimento per le Pari Opportunità. 3 CESTAS ha ottenuto l’idoneità ad operare nel settore della Cooperazione con i PVS ai sensi dell’Art. 37 della Legge 38/79 con D.M. n. 1987/128/1906/1D del 20/02/87. Tale riconoscimento è confermato ai sensi dell’art. 28, comma 3 della legge 49/87, con D.M. n. 1988/128/4168/4D del 14/09/88. 4 Iscritto come Associazione di Promozione Sociale presso il Registro Nazionale delle Associazioni di Promozione Sociale del Ministero della Solidarietà Sociale. 5 L’Associazione ha ottenuto l’autorizzazione a svolgere attività di Educazione allo Sviluppo con D.M. n.1988/128/4168/4D del 14/09/88. 6 L’Associazione ha ottenuto l’autorizzazione a svolgere attività di formazione in loco di cittadini dei Paesi in Via di Sviluppo con D.M. n. 1988/128/4168/4D del 14/09/88.

Il 30 marzo 2009 CESTAS (Centro di Educazione Sanitaria e Tecnologie Appropriate Sanitarie) ha compiuto trent’anni di vita. Un traguardo importante per l’Associazione che porta a riflettere sulla propria identità, sulla strategia di intervento e sui risultati ottenuti in questi anni di lavoro sul campo, in Italia e all’estero. CESTAS è un Organismo Non Governativo, senza fini di lucro1, apartitico, contrario ad ogni forma di discriminazione2, riconosciuto dal Ministero Affari Esteri per la gestione di progetti di cooperazione internazionale3 e riconosciuto come Ente di promozione sociale4, per le attività di Educazione allo Sviluppo5 e in qualità di Ente di Formazione accreditato in Italia e nei Paesi in Via di Sviluppo6. CESTAS è quindi accreditato come ente di Cooperazione Internazionale allo Sviluppo presso la Regione Emilia Romagna, presso la Regione Marche, presso la Regione Abruzzo, presso la Regione Basilicata; ente di Servizio Civile; per la Formazione Superiore e Continua presso la Regione Marche e per la formazione Continua presso il Ministero della Sanità. È riconosciuto come promotore d’iniziative di cooperazione internazionale presso l’Unione Europea e presso il sistema delle agenzie internazionali appartenenti alle Nazioni Unite. Le iniziative di Cooperazione allo sviluppo, di Formazione, Educazione allo Sviluppo, di Sensibilizzazione e Advocacy vengono svolte in collaborazione con altre Associazioni e le loro aggregazioni, Enti Locali, Istituti di Ricerca, Università, ed Imprese Socialmente Responsabili presenti nei territori d’intervento. CESTAS è tra i soci fondatori del COONGER (Coordinamento delle Ong dell’Emilia Romagna) e, a livello nazionale, è fondatore del COCIS (Coordinamento delle Organizzazioni non governative per la Cooperazione Internazionale allo Sviluppo), e partecipa all’Associazione Italiana delle Ong. Nel 2005 CESTAS ha fondato, insieme ad altre Ong dei PVS, un Consorzio di Organizzazioni per la Cooperazione allo Sviluppo denominato “OKO International”; inoltre fa parte della Rete Europea di Azione per la Salute Globale, degli Stati Generali della Cooperazione Italiana, della Rete di Economia Solidale nella Regione Marche, coordina la Consulta per la Pace del Comune di Jesi, è membro del Coordinamento Regionale della Pace (Regione Marche), e durante l’ottobre del 2007 ha promosso, insieme ad altre otto istituzioni latinoamericane, la costituzione della “Red

Internacional de Investigación y Formación en Salud Perinatal (Retinsap)”. Nel 2005 è stata aperta la Biblioteca Ecosostenibile CESTAS, accreditata quale biblioteca pubblica. Nel 2006 dagli studi del nostro Centro di Documentazione sul Genere e lo Sviluppo Locale è nata in collaborazione con la casa editrice“L’Orecchio di Van Gogh” la collana editoriale “Maia - Studi di Genere Salute e Sviluppo Locale”. CESTAS è diventato socio dell’Istituto della Donazione a settembre 2009 per il suo impegno nella gestione trasparente dei fondi.

Il 30 marzo 1979 nasce il CESTAS a Bologna. Presidente: Prof. Alessandro Seppilli. Inizia l’appoggio al popolo Sahraui.

1981 Corsi di formazione per personale medico e paramedico. Presidente: Prof. Corrado Corghi. 1984 Presidente: Sen. Luigi Orlandi.

1986“Programma sanitario nella regione del Wollo” Etiopia, I progetto co-finanziato MAE in Africa. Il 6 giugno diventa socio di COCIS.


IDENTITÀ ASSOCIATIVA E GOVERNANCE

dipende solamente dalla crescita economica, ma, soprattutto, dalla crescita delle capacità umane. A tal fine promuove: • progetti e programmi di cooperazione internazionale allo sviluppo in favore delle popolazioni dei PVS avvalendosi di esperti, cooperanti e volontari; • programmi d’informazione, di educazione dell’opinione pubblica, di servizio civile nazionale o internazionale, sui temi dello sviluppo, della solidarietà, e della pace; • iniziative e corsi di formazione professionale e di aggiornamento in Italia e all’estero per la promozione dello sviluppo sostenibile; • l’equità nelle relazioni di genere come fondamento dei nuovi paradigmi dello sviluppo che preveda azioni per combattere ogni forma di discriminazione. Particolare interesse è rivolto alla difesa dei diritti dei bambini, bambine ed adolescenti (art. 13 Trattato di Amsterdam); • ricerche e studi sui temi della salute, gender e sviluppo del territorio anche in collaborazione con centri di ricerca universitari; • network a livello nazionale ed internazionale per la promozione del dibattito sulle politiche di sviluppo dei popoli, sul contrasto alla povertà e la difesa dei diritti umani; • rapporti di collaborazione e cooperazione con Enti locali, Università, centri di ricerca, aziende sanitarie, imprese, fondazioni, agenzie di sviluppo, Regioni, Ministeri presenti nel territorio nazionale o all’estero per la realizzazione delle azioni, progetti, programmi associativi; • innovazione e diffusione di tecnologie appropriate inerenti gli scopi istituzionali. L’albero dei valori CESTAS sintetizza le solide radici su cui si fonda l’operare della associazione e i valori che accompagnano le scelte istituzionali.

1989

1987 Idoneità per la gestione progetti di Cooperazione allo Sviluppo dal MAE. Prime attività di sensibilizzazione in Italia.

1989 Programma“Salute Comunitaria a Villa Nonguén, Concepcion in Cile: attività di formazione, educazione sanitaria e promozione della salute”, I progetto con co finanziato UE e MAE in America Latina.

Avvio progetto nella Repubblica di Guinea “Programma di intervento sociosanitario di CESTAS nella Prefettura di Boké”, finanziato MAE.

1992

1987

CESTAS promuove in maniera trasversale l’applicazione di 4 principi base in tutti i progetti che vedono coinvolto l’aspetto della salute: • Privilegiare sempre la collaborazione con le istituzioni sanitarie locali ed il potenziamento dei sistemi sanitari pubblici nei diversi paesi di intervento. La creazione dei sistemi sanitari paralleli mette a rischio lo stesso concetto di sanità pubblica. • Non inseriamo nei nostri progetti, se non in casi assolutamente marginali, la fornitura di farmaci, in particolare di quelli non previsti dai protocolli governativi.Tale impostazione nasce dall’esigenza di evitare l’introduzione di un farmaco ex-novo, al di fuori delle politiche del governo, ed interrompere poi tale fornitura a conclu-

sione del progetto a detrimento della continuità di cura. La fornitura di farmaci resta una delle attività prioritarie dei governi. • Fondamentale è l’azione a livello comunitario attraverso azioni di sensibilizzazione ed educazione sanitaria. L’azione all’interno della comunità, con azioni mirate e concertate, dà impulso ai mutamenti culturali indispensabili per il miglioramento delle condizioni sanitarie e del rapporto fra il sistema sanitario e la popolazione. • Adottiamo sempre un approccio laico che vede a fianco della tutela della salute materno-infantile, la diffusione dei più attuali sistemi di contraccezione. La presenza di elevati tassi di mortalità maternoinfantile e di fecondità rende necessaria l’integrazione di azioni volte alla salvaguardia della salute delle donne e dei bambini, con attività mirate al family planning.

1990

AREA TEMATICA: SALUTE

1990 Avviato progetto in Guinea Bissau“Progetto di Lotta contro AIDS: attività di informazione ed educazione sanitaria”, finanziato UE.

1992“Programma di risanamento ambientale e miglioramento della produzione alimentare e delle condizioni di vita nei Campi Profughi Sahraui Regione di Tindouf”, cofinanziato UE e MAE.

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 13


IDENTITÀ ASSOCIATIVA E GOVERNANCE

1.4.2 ORGANIGRAMMA

1.4 GOVERNANCE L’assetto organizzativo di CESTAS, con le relative responsabilità ed incarichi, è strutturato in forma gerarchico-funzionale, correlato da meccanismi interni di gestione che consentono una corretta circolazione delle informazioni, al fine di creare e potenziare la sinergia delle forze e competenze che compongono l’Organismo. A tal fine CESTAS ha adottato un manuale interno che individua nel dettaglio responsabilità, competenze e procedure di lavoro standardizzate.

Assemblea dei soci

1.4.1 ORGANI ASSOCIATIVI, STRUTTURA SOCIALE E STRUTTURA ORGANIZZATIVA CESTAS è composto, come previsto dal Codice Civile italiano e riportato nell’art.6 dello Statuto, dai seguenti organi istituzionali: l’Assemblea dei Soci, il Consiglio di Amministrazione, il Collegio dei Revisori dei Conti, il Collegio dei Probiviri e il Presidente che dirige l’organismo. Il Consiglio di Amministrazione è composto da un minimo di tre ad un massimo di cinque membri eletti dall’Assemblea dei Soci per la durata di tre anni, rinnovabili. Il CdA nomina al suo interno il Presidente. Il CdA è investito di tutti i più ampi poteri per la gestione ordinaria e straordinaria della Associazione. In particolare per quanto concerne il Consiglio di amministrazione (CdA): 1 Ha la gestione ordinaria e straordinaria dell’Associazione 2 Nomina il Presidente 3 Approva i Bilanci 4 Valuta annualmnete la relazione di attività presentata dal Presidente 5 Definisce ed approva la programmazione annuale d’attività di CESTAS, presentata dal Presidente Il Presidente ha la rappresentanza politica e legale di CESTAS, convoca e presiede il CdA, rappresenta l’associazione presso gli istituti finanziari e cura i rapporti con i soci. A livello gestionale dirige la struttura, gestisce il perso-

CdA

Presidenza

Assistente di direzione

Amministrazione

Ufficio progettazione

L AV O R O T R A S V E R S A L E D E I G R U P P I T E M AT I C I

1993 I progetto economicoalimentare.“Interventi socio-economici nei villaggi rurali dell’Ouémé. Sostegno di gruppi sociali e famiglie per la produzione e la trasformazione artigianale dei prodotti agricoli”

Ufficio Regionale Mediterraneo

Ufficio Regionale Marche

Benin, finanziamento MAE. Avvio del“Programma SanitarioVeterinario di base nel Sud dell’Angola - Province di Huila, Cumene e Namibe”, in Angola finanziato UE.

14 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

1995 Apertura della progettualità in Mediooriente:“Formazione di tecnici palestinesi nel settore del recupero architettonico”, finanziamento Regione EmiliaRomagna. I progetti in Palestina

Dipartimento Europa

Servizio Civile Nazionale

1997

1995

Ufficio Regionale Africa

1993

Ufficio Regionale America Latina

passeranno dall’ambito della formazione architettonica a quello della formazione artigianale nel 1997.

1997 Primo progetto di EaS “Campagna di Sensibilizzazione per il Popolo Sahrawi”, finanziato MAE. Avvio del progetto in Cile “Centri di Intermediazione Lavorativa per il Programma di Donne Capofamiglia con scarse


IDENTITÀ ASSOCIATIVA E GOVERNANCE

Dal 2005, sono inoltre attive sia una sede operativa in Abruzzo che la Biblioteca Ecosostenibile pubblica presso la sede centrale di Bologna coordinata dal Dipartimento Formazione.

1.4.3 STRATEGIE E PROCESSO GESTIONALE CESTAS ha adottato strumenti di gestione e procedure standardizzate per tutti i dipartimenti e uffici regionali che si occupano della gestione diretta di progetti e iniziative che costituiscono le basi del lavoro operativo. A questi si aggiungono metodologie proprie di ciascun dipartimento, sempre in armonia con le procedure proprie della struttura. Relativamente ai metodi di comunicazione interna vengono svolte periodicamente riunioni interdipartimentali di programmazione oltre che valutazioni semestrali che permettono lo scambio di informazioni utili al processo gestionale. L’utilizzo di tecnologie avanzate per la gestione amministrativa oltre che qualitativa attraverso la sistematizzazione dei numerosi dati relativi ai progetti favorisce la condivisione, il monitoraggio e il continuo aggiornamento interno. L’organizzazione opera attraverso deleghe politiche e gestionali. L’Assemblea dei Soci approva un piano d’azione triennale ed elegge un gruppo dirigente. Il CdA ha potestà statutaria di decidere sull’ordinaria e straordinaria amministrazione dell’associazione. Dipartimento Formazione

La suddivisione dei compiti funzionali, attraverso deleghe

possibilità economiche delle Province di Concepciòn e Santiago”, finanziato UE. Partecipazione alla campagna informativa di educazione allo sviluppo, di interesse nazionale, “Città Solidarietà. Nuovi orizzonti per la cooperazione

non governativa e decentrata degli anni 2000”, promossa dal COCIS, finanziata dal MAE.

A tale proposito, si è scelto di implementare una struttura esecutiva decentralizzata con un centro decisionale collettivo e centralizzato. L’apertura pertanto degli uffici regionali e la partecipazione nel CdA dei consiglieri delegati a dirigere queste strutture sono conseguenze strutturali di questa decisione. Tutte le strutture periferiche e centrali sono subordinate al sopra citato Piano Strategico Triennale (PST) ed al Piano Operativo Annuale (POA) e parallelamente concorrono tecnicamente al loro adeguamento con scadenze semestrali. Il Piano Strategico Triennale è elaborato dal CdA tenendo conto dei Piani Strategici Regionali ed è approvato dall’assemblea dei soci. Il Piano Operativo Annuale è presentato dalla Presidenza al CdA che lo approva. Il POA CESTAS è sintesi coerente ed unitaria dei POA provenienti dalle strutture decentralizzate che a loro volta strutturano i POA progettuali. La Presidenza ha la prerogativa della rappresentanza politica e legale dell’associazione e parallelamente è organo di direzione, sintesi e controllo della gestione operativa e politica delle strutture decentralizzate e centrali. Inoltre, garantisce e controlla l’esecuzione dei Piani Operativi Annuali (POA) approvati dal CdA. Insieme al Dipartimento Amministrativo, Monitoraggio e Controllo di Gestione, esercita azioni di stimolo e monitoraggio amministrativo, controllo gestionale e finanziario delle diverse strutture decentralizzate. Gli investimenti finanziari sono competenza del CdA e vengono deliberati all’interno del POA. I Consiglieri Delegati esercitano le loro deleghe gestionali e politiche all’interno del Piano Strategico Triennale (PST) eseguendo il Piano Operativo Annuale (POA) CESTAS. Inoltre, hanno autonomia organizzativa nei limiti finanziari, metodologici, organizzativi e tecnici approvati dal CdA e devono rendere conto semestralmente dei risultati raggiunti. La centralità metodologica della pianificazione strategica ed operativa nel guidare il processo decisionale e l’azione istituzionale è garanzia di partecipazione tecnica e politica dei diversi soggetti - significativi (interni ed esterni) all’associazione.

1999

La struttura organizzativa di CESTAS è suddivisa in: 1 Dipartimento Formazione 2 Dipartimento Europa 3 Dipartimento Amministrazione, Monitoraggio e controllo di gestione 4 Ufficio Regionale Marche 5 Ufficio Regionale Africa 6 Ufficio Regionale America Latina 7 Ufficio Regionale Mediterraneo 8 Ufficio Progettazione

politiche e gestionali, all’interno del consiglio è l’asse portante della struttura nel triennio 2009-2011.

1998

nale, approva i budget e tutti gli aspetti finanziari; promuove i programmi di sviluppo e le reti di collaborazione, presenta le strategie di intervento; mantiene i rapporti politici e istituzionali.

1998 Avviato il“Centro di Documentazione Visuale e di Produzione Multimediale”. Partecipazione alla campagna Nazionale di Educazione allo Sviluppo“Prodotti del Sud, Consumi del Nord. Percorsi per un consumo critico”.

1999 Presidente: Antonio Zini. Progetti in aree di postemergenza nei Balcani: “Programma di Assistenza Sanitaria di base e di rieducazione motoria nell’area di Jubani”Albania;“Programma di Riabilitazione e di Assistenza

Tecnica Sanitaria per dieci ambulantas nella città di PeçPeje”Kosovo, finanziamenti Missione Arcobaleno, MAE. Nasce il Dipartimento Europa. Partecipazione alla campagna nazionale di divulgazione sul significato e le

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 15


IDENTITÀ ASSOCIATIVA E GOVERNANCE

1.5 RESPONSABILITà ETICA E SOCIALE

1.5.1 CODICE ETICO E BILANCIO SOCIALE

1.5.2 L’ISTITUTO ITALIANO DONAZIONE A proposito di trasparenza è stato assegnato a CESTAS il 18 settembre 2009 il marchio“Donare con fiducia”, l’attestato che l’Istituto italiano della donazione (www.istitutoitalianodonazione.it), rilascia alle associazioni non-profit che si segnalano per eccellenza gestionale nei fondi e che garantisce trasparenza e correttezza delle attività di raccolta e utilizzo dei fondi. È un riconoscimento per i trent’anni di cooperazione internazionale, ma è soprattutto una garanzia per i sostenitori, privati e istituzionali, e per i beneficiari finali. Il marchio garantisce non solo che i fondi siano raccolti da CESTAS in maniera corretta e trasparente, ma che siano gestiti e utilizzati secondo principi di efficacia, efficienza ed equità in tutte le attività, dalla sensibilizzazione alla formazione, ai progetti di cooperazione nel campo della sanità, dello sviluppo sostenibile e delle politiche di genere. Il marchio, insieme alla qualifica di socio aderente dell’Istituto italiano della donazione, è stato infatti rilasciato solo dopo un’attenta verifica di bilanci, contabilità, gestione finanziaria e del personale, qualità sociale e ambientale, e���ettuata da certificatori indipendenti. A ulteriore tutela di imprese, istituzioni, enti e cittadini donatori, CESTAS si impegna inoltre a rispettare i principi e le regole di comportamento sanciti dalla “Carta delle donazioni”, il primo codice italiano di autoregolamentazione (è stato pubblicato nel 1999) per la raccolta e l’utilizzo dei fondi nel settore non-profit. Tale garanzia è verificata nel tempo anche attraverso monitoraggi periodici affinché le migliori prassi internazionali condivise siano perseguite in modo continuativo. Quest’ultimo aspetto, in particolare, è rafforzato dall’adesione da parte dell’Istituto della Donazione all’I.C.F.O., In-

2002

CESTAS ha rinnovato il suo percorso di approfondimento e ricerca di identità in qualità di associazione e impresa sociale. Negli ultimi anni i problemi ambientali, le incertezze in ambito economico e sociale, hanno avuto riflessi importanti sulla fiducia che la società ripone nei confronti delle associazioni del Terzo Settore impegnate a vario titolo con progetti sul territorio, generando una maggiore domanda di accountability e trasparenza da parte sia degli attori portatori di interesse nelle organizzazioni e associazioni che da parte di donatori privati. Vista la peculiarità delle azioni delle organizzazioni non profit del Terzo Settore, tale domanda non risulta essere più circoscritta ai risultati economici, ma estesa ai modi e alle risorse impiegati per conseguirli. È nata quindi l’esigenza di maggiore trasparenza verso la società, per rendere conto anche dei valori sociali realizzati e non solo - secondo quanto prescritto dalle leggi in materia di bilancio e scritture contabili - di quelli economici, che trova una risposta nell’utilizzo di strumenti interni di adozione volontaria (quali il codice etico e la rendicontazione sociale) per“render conto”dei propri obiettivi, della propria attività e dei risultati conseguiti. Gli strumenti interni di responsabilità sociale che CESTAS ha adottato per gestire, controllare e comunicare all’esterno la propria strategia e i risultati ottenuti sono principalmente due: 1 il codice etico, che individua l’elenco dei diritti, doveri e responsabilità dell’impresa verso i diversi stakeholder o attori sociali con i quali entra in contatto nello svolgimento delle proprie attività. Questo traduce la carta dei valori in norme di comportamento alle quali si devono attenere tutti i soggetti che operano nella associazione, o in nome di essa nei rapporti con i dipendenti, i collaboratori, i clienti, i fornitori, le istituzioni pubbliche ed i gruppi di interesse. Il codice etico CESTAS è stato formulato anche sulla base dei Codici Etici espressi dalla AOI (Associazione delle Ong Italiane - www.ongitaliane.it) e il COCIS (Coordinamento delle Organizzazioni non Governative per la Cooperazione Internazionale allo sviluppo - www.cocis.it) di cui entrambe CESTAS è socio, coerenti alle linee guida e agli impegni sottoscritti. La versione integrale è pubblicata sul sito CESTAS; 2 il bilancio sociale, che rappresenta risorse difficilmente traducibili in termini finanziari, quali la cultura organizzativa, la qualificazione del personale, la capacità innovativa dell’impresa, la valutazione di indicatori rilevanti come i costi di gestione sulle donazioni ricevute.

CESTAS si impegna così nel rendere visibili gli sforzi ed i risultati ottenuti nello svolgimento della sua attività rispetto ai temi dell’etica, dell’ambiente e dello sviluppo sostenibile.

potenzialità della Convenzione di Lomé e della necessità di strumenti normativi sovranazionali per relazioni più eque tra il Nord e il Sud del mondo:“Lomé 2000, dall’accordo tra governi al partenariato tra società”, promossa dal COCIS,

finanziata MAE. Dott. Uber A. Alberti Lopez viene eletto Presidente dell’associazione. Nasce il Dipartimento Formazione. CESTAS apre a Jesi (Ancona) e inizia il processo di decentralizzazione.

16 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

2002 Inizio collaborazione accademica con L’Università degli Studi di Bologna. I edizione del Master Universitario in Politiche Sociali e Direzione Strategica per lo Sviluppo Sostenibile del Territorio, co-finanziato dal

MAE. Accordo di cooperazione tecnica e scientifica con L’Azienda Sanitaria di Bologna e lancio del progetto“Professionisti del Sistema Regionale e Azioni di Cooperazione Sanitaria nei Paesi Terzi”.

L’America Centrale (Guatemala e Nicaragua) e la Regione Andina (Perù, Bolivia ed Ecuador) si consolidano come Aree d’intervento.


IDENTITÀ ASSOCIATIVA E GOVERNANCE

ternational Committee on Fundraising Organizations, l’associazione internazionale che riunisce gli organismi nazionali preposti alla verifica sulla raccolta fondi. Le più importanti istituzioni non profit italiane sono tra i soci dell’Istituto della Donazione e aderiscono ai principi della Carta della Donazione.

1.5.3 RACCOLTA FONDI

CESTAS organizza campagne in Italia tese alla raccolta di fondi da privati con il fine di stimolare la cittadinanza a una partecipazione attiva ai processi di cambiamento sociale. Le iniziative di raccolta fondi sul territorio sono legate a specifici progetti pertanto hanno lo scopo di sensibilizzare sulle tematiche e problematiche dello sviluppo per uscire da un fund raising che esce dalla logica della filantropia per rendere il cittadino consapevole e partner dello sviluppo. Per raggiungere questi scopi, CESTAS organizza mostre fotografiche, incontri e laboratori multiculturali con il coinvolgimento degli studenti stranieri dei corsi CESTAS, concerti per la solidarietà, conferenze e seminari rivolti alla cittadinanza di approfondimento sui progetti gestiti da CESTAS nel mondo. CESTAS partecipa anche a iniziative in collaborazione con altre Ong e associazioni italiane per particolari e specifici progetti comuni. Una iniziativa di raccolta fondi che ha prodotto ottimi risultati sociali oltre che di raccolta fondi nel 2008 è stata la campagna MAMMA AFRICA 2006-2008 incentrata sul tema della salute materna in Africa per sostenere e dare continuità ed efficacia a due progetti: • “Formazione e aggiornamento per operatori sanitari nel settore materno e riproduttivo”MALAWI • “Sana maternità a Makeni”SIERRA LEONE.

Infine sono anche attivate le aste di beneficenza su Ebay all’indirizzo: http://cgi3.ebay.it/ws/eBayISAPI.dll?ViewUserPage&userid=cestas2008 Per sostenere i nostri progetti: http://www.cestas.org/index.php?option=com_content&view=article&id=2 8&Itemid=84

1.6 LE PERSONE

1.6.1 PERSONALE INTERNO L’impegno professionale della struttura operativa in Italia e all’estero costituisce il cardine su cui si sviluppa l’attività dell’associazione nella realizzazione della sua missione. Tutte le risorse umane sono per CESTAS fondamentali e di assoluta importanza visto il numero elevato di attività svolte e di progetti attivati. Sia i dipendenti che collaboratori e volontari sono considerati centrali risorse da valorizzare e per questo motivo la politica del personale è orientata a garantire stabilità e sicurezza nel pieno rispetto dei diritti del lavoratore, attraverso contratti da dipendente e nella sua grande maggioranza a tempo indeterminato.

vedono la partecipazione di oltre 200 giovani. Inizia un percorso di ammodernamento per offrire spazi e strutture adeguate alla formazione (laboratori informatici, aule attrezzate, biblioteca).

2004 Si costituisce la Rete Latinoamericana di Ospedali materno - infantili, cui partecipano oltre 20 centri di salute materno infantile tra Argentina, Bolivia, Perù ed Ecuador. Certificazione come Ente di

2005

2003 2003 CESTAS diventa Ente accreditato per il Servizio civile Nazionale. Lancio della “Scuola di Specializzazione per l’ideazione, gestione e valutazione dei programmi di cooperazione internazionale”e altri corsi professionalizzanti che

I territori maggiormente coinvolti dall’iniziativa sono state le regioni in cui CESTAS è presente quindi Marche, Emilia Romagna e Abruzzo e ha visto il coinvolgimento di numerosi soggetti istituzionali e diversi target di riferimento. Le azioni principali della campagna sono state la realizzazione di una mostra fotografica “Mothers” itinerante, reportage fotografico sui due progetti, di un video documentario (www.youtube.com/user/cestasbologna) realizzato nell’ambito del progetto Sierra Leone, dello spettacolo teatrale “Crescere come la luna” (Comune di Jesi),“Live in Milano - Life in Malawi”una serata di musica a Milano e altre iniziative di sensibilizzazione legate a eventi sportivi e culturali.

2004

Entrambi i progetti hanno mirato a contribuire al raggiungimento degli Obiettivi del Millennio in particolare al n. 5: migliorare la salute materna riducendo di 3⁄4 il tasso di mortalità entro il 2015. La campagna di raccolta fondi ha avuto l’obiettivo di co-

struire un percorso unitario di confronto e discussione con la società civile del territorio nazionale sul tema della salute materna in Africa e mobilitare risorse intellettuali e finanziarie, con il fine di potenziare gli strumenti convenzionali e tradizionali di intervento, promuovendo l’idea di partecipazione diretta dei soggetti della società civile organizzata e creando un ponte tra le istituzioni sanitarie dei territori regionali del Nord e del Sud coinvolti nei nostri progetti.

Formazione Superiore e Continua presso la Regione Marche. Il numero dei beneficiari dei progetti nei 17 paesi in cui si è presenti sfiorano il milione (oltre le 940.000 persone). CESTAS presenta il suo I° Bilancio Sociale. 2005

Nascono la Biblioteca “BEC”(Biblioteca Eco Sostenibile) a Bologna e apre la sede in Abruzzo. CESTAS si impegna come socio fondatore del Coordinamento delle Ong Emiliano Romagnole (COONGER). Accreditamento UNAR.

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 17


IDENTITÀ ASSOCIATIVA E GOVERNANCE

Profilo delle Risorse Umane CESTAS nel 2008-2009 Servizio Civile

Espatriati

Tot.

8 16%

9 18%

50 100%

7

8

2 6 1

26 22 2

52% 44% 4%

4 5

9 41

18% 82%

9

2 48

4% 96%

Collaboratori

Consulenti

16 32%

5 10%

5 10%

7 8 1

2 3

5

16

1 4

4 1

7

2 14

5

5

7

Età < 30 31-50 >50 Sesso M F Titolo di studio Diploma Laurea

8

Per i dipendenti il contratto di lavoro applicato fa riferimento al CCLN commercio settore terziario.

Dalla tabella si evidenzia che: • la maggior parte del personale CESTAS è dipendente; • l’età media del personale rappresenta un giusto equlibrio tra il segmento 31-50 anni con un 44% ed il personale giovani al di sotto dei 30 anni con il 52%; • vi è un’alta presenza femminile; • l’alta qualificazione professionale e accademica è una delle peculiatità del personale CESTAS. Oltre il 96% del personale ha almeno una laurea.

25

%

Tirocinanti Stage 7 14%

Dipendenti

Turnover dal 2006 al 2009 Da evidenziare l’aspetto di crescita delle figure dipendenti, tramutando il rapporto con i collaboratori nel perseguire una politica di rispetto della figura professionale e delle persone, al fine di rendere il rapporto lavorativo sereno ed equo.

21 Dipendenti 20

Collaboratori 16

Consulenti

15

Servizio civile 12 10

10

10

10

10

8 7

7 6 5

5

5

5

2

2

0 2006

2007

2008

2009

2005

2006

Nota: nel calcolo del turnover non sono considerati i volontari e gli stagisti data la loro natura non contrattuale; analogamente per gli espatriati essendo in carico a contratti istituzionali.

Pubblicazione dell’“Agenda per la Salute Globale 2005”. Fonda l’Ong internazionale “Oko International”.

2006 Aderisce alla Coalizione Italiana contro la Povertà e promuove la campagna “No excuse 2015” sugli Obiettivi di Sviluppo del Millennio. Lancia la collana editoriale “Maia” in collaborazione con la casa editrice“L’Orecchio di Van Gogh”

18 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

per la diffusione di studi e ricerche. La rete per la salute materna infantile http://redperinatalamba.cisap.co m.ar/ ottiene ottimi risultati fino a rispondere al 90% dei parti della provincia di Buenos Aires in

Argentina. In Europa, insieme a altre Ong provenienti da Regno Unito, Francia, Germania, Spagna e Belgio lancia la rete Azione Globale per la Salute www.actionforglobalhealth.eu che sensibilizza i governi europei

sulle necessità finanziarie e tecniche della cooperazione sanitaria.


IDENTITÀ ASSOCIATIVA E GOVERNANCE

1.6.2 IL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

Il 96% ha una laurea L’82% sono donne Il 52% del personale CESTAS ha meno di 30 anni I Responsabili di progetto (locali ed espatriati) Il personale impiegato all’estero è responsabile, insieme a quello della sede, della realizzazione dei progetti di CESTAS. La riuscita dei vari interventi è legata alla capacità degli espatriati di rendere operativa la metodologia di lavoro e di condividerla con i collaboratori in loco. La centralità che l’associazione attribuisce al personale locale in qualità promotore del proprio sviluppo in ogni fase del progetto, dall’identificazione del bisogno alla realizzazione del progetto e alla sostenibilità dello stesso è dimostrata con il numero di Responsabili di progetto non espatriati contrattati da CESTAS.

Dei 22 responsabili presenti sul campo 13 sono responsabili locali. A questi si aggiungono, qui non contemplate, le prestazioni del personale locale contrattato tramite le controparti. Personale responsabile di progetto impegnato nel corso del 2008 Responsabile di progetto Totale Espatriato Locale per Paese Argentina 0 3 3 Bolivia 1 1 2 Cile 1 3 4 Ecuador 1 0 1 Malawi 1 1 2 Mozambico 1 1 2 Namibia 2 2 4 Nicaragua 1 1 2 Libano 1 0 1 Etiopia 1 1 Totale 9 13 22

La partecipazione e l’inserimento di giovani all’interno dell’ organismo hanno sempre rappresentato una fonte di ricchezza e di stimolo in grado di alimentare in maniera costruttiva il nostro lavoro e di dare al contempo l’opportunità concreta ai giovani inseriti presso le nostre sedi di fare conoscenza diretta del mondo del lavoro tramite un processo formativo e professionalizzante nell’ambito della cooperazione allo sviluppo. In questo modo la loro esperienza, oltre a divenire uno strumento di crescita, rappresenta anche un’occasione di riflessione per un paese in cui si necessita ancora di un avvicinamento ulteriore alle tematiche della cooperazione allo sviluppo. La partecipazione dei volontari in servizio civile all’interno della nostra struttura si rivela pertanto ancora più preziosa delle altre forme di collaborazione temporanea in virtù della lunga durata, della specificità e della regolarità dell’incarico che può venire loro affidato permettendo una conoscenza profonda della configurazione del nostro organismo, dei suoi progetti e dei suoi attori, e pertanto un più efficace apporto di contributi migliorativi al nostro lavoro. L’ obiettivo generale del nostro progetto di servizio civile è accrescere la partecipazione del territorio emiliano romagnolo ai temi della cooperazione internazionale e del dialogo fra culture attraverso la promozione di percorsi formativi, di attività di sensibilizzazione e di azioni di advocacy nei confronti della società civile e delle istituzioni locali. Il percorso dei volontari del servizio civile passa, in con-

1 Codice di accreditamento NZ00457.

2007

Paese

CESTAS è Ente accreditato per l’impiego di volontari in servizio civile in Italia dal 2003 in supporto ai propri progetti1 ed è iscritto all’albo regionale Emilia Romagna. I giovani, in base a dati statistici registrati nella pubblicazione“Barometro della Solidarietà Internazionale degli Italiani”, risultano essere all’interno del contesto nazionale i soggetti maggiormente disposti ad impegnarsi in attività dirette riguardanti le problematiche dei paesi più poveri. La collaborazione temporanea con i giovani è sempre stata una costante della organizzazione, ed è stata, così com’è tutt’ora, messa in pratica e sperimentata sotto varie forme. Sono numerosi infatti i giovani desiderosi di partecipare alle attività di CESTAS a vario titolo, sia che si tratti di adesione a iniziative formative e di sensibilizzazione che di collaborazione volontaria legata ai tirocini, stage e al servizio civile.

Lancia la campagna “Mamma Africa” per informare e sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della salute materno - infantile e per raccogliere fondi per gli interventi sanitari in Africa.

2007 Viene accreditato come Associazione di Promozione Sociale ed entra a far parte del Registro Nazionale presso il Ministero della Solidarietà Sociale.

Viene riconosciuto dalla Regione Basilicata come ente di cooperazione internazionale e dal Ministero della Salute come Ente di Formazione Continua. Partecipa agli Stati Generali

della Cooperazione e alla Rete di Economia Solidale della Regione Marche. In ambito Internazionale con la costituzione della rete andina dei centri materno perinatali http://redmaternoperinatal.org/

e la fondazione della “Rete Internazionale per la Formazione e la Ricerca sulla Salute Perinatale” (Retinsap) consolida il ruolo di leadership all’interno della cooperazione sanitaria.

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 19


IDENTITÀ ASSOCIATIVA E GOVERNANCE

Il livello di innovazione è molto alto, incline alla sperimentazione, ed è sostenuto alla base da modelli e metodologie stabili ed efficaci.

1.6.3 BILANCIO COMPETENZE PROFESSIONALI E CLIMA ORGANIZZATIVO Dall’analisi del tessuto organizzativo interno, a cura di due esperti esterni2, CESTAS risulta essere un’organizzazione aperta, ma dai confini stabili, dalla leadership riconosciuta e partecipante, assertiva e autorevole. È un’organizzazione dinamica, propensa al cambiamento, con continuità di scambi interculturali improntati su valori sociali che arricchiscono e stimolano i progetti stessi della struttura e che permette l’emergere di nuovi bisogni in quanto in grado di dare risposte eccellenti alle problematiche a contenuto sociale. L’organizzazione è composta, nel suo complesso, da operatori giovani, motivati, indice di un’apertura alla sperimentazione ed alla formazione esperienziale di professionalità emergenti. Inoltre, la prevalenza di figure professionali femminili indica un’attenzione particolare per le pari opportunità, con particolare accento sulle problematiche legate alla maternità. La forma di contrattualizzazione prevalentemente adottata è l’assunzione che determina una sicurezza di ruolo e di mantenimento di indipendenza economica molto importante; questo aspetto, in controtendenza al sistema lavoro delle Ong e, in generale, valorizza e attribuisce profondo significato all’attività svolta all’interno dell’organizzazione. La cultura dell’organizzazione è centrata sulla collaborazione a carattere sia autonomo, sia di gruppo, sull’interscambio professionale e culturale e sulla costante attenzione ai valori fondativi. Inoltre, si sottolinea una predisposizione della dirigenza alla valutazione dei desideri e delle inclinazioni delle risorse umane, dalla quale è nata l’esigenza di redigere un’analisi di valutazione sul bilancio delle competenze professionali, a taglio nettamente partecipativo, per migliorare le posizioni, i ruoli e la self-efficacy delle risorse umane.

Il livello di innovazione è molto alto, incline alla sperimentazione, ed è sostenuto alla base da modelli e metodologie stabili ed efficaci. Anche il livello di soddisfazione percepita è molto alto e nasce dalla consapevolezza di utilità dell’attività svolta, dal sentimento di stima e di fiducia nelle relazioni, per la modalità contrattualistica adottata, oltre che, soprattutto, dalla condivisione dei valori della mission dell’organizzazione. Nel giugno 2009 è stato proposto allo staff interno un test sul clima aziendale in CESTAS di cui riportiamo in sintesi i risultati. CESTAS si caratterizza per un clima organizzativo pervaso da disponibilità, collaborazione, rispetto delle regole interne ed esterne, rispetto per le singole persone, rare rivalità, sentimento di appartenenza e di affiliazione. Il livello di soddisfazione percepito è piuttosto alto, il 70% del personale è risultato molto o abbastanza soddisfatto del suo ruolo; vi è un sano rapporto con le strutture direttive anche se sono state evidenziate aree suscettibili di miglioramento in particolare a livello di organizzazione e comunicazione interna. Altri aspetti su cui il personale sente di voler investire sono la pianificazione del lavoro e la relativa distribuzione delle responsabilità. Il dialogo e la raccolta dei suggerimenti per il miglioramento dei processi interni sono quasi totalmente riconosciuti, analogamente così come il valore del feedback ricevuto; tale dialogo non è solo ristretto alle figure di coordinamento, ma si estende a tutto il personale.

1.6.4 FORMAZIONE INTERNA La programmazione della formazione del personale CESTAS parte da una analisi del fabbisogno formativo a cui segue una pianificazione calibrata sui ruoli ricoperti internamente dal personale e prevede: 1 Incontri tecnici tra gli operatori sui temi di progetto. 2 Realizzazione e partecipazione dei seminari di progetto 3 Partecipazione eventi territoriali sia in termini organizzativi che come attività formative 4 partecipazione a moduli specifici dei corsi organizzati da CESTAS Ente di Formazione. 5 Supporto e collegamento tra gli studenti CESTAS e promozione presso di loro delle attività. 6 Sia per il personale interno che per i volontari e studenti costante aggiornamento area pubblicazioni CESTAS.

2007

2 Dott. Carlo Trecarichi Scavuzzo, Psicologo- Psicoterapeuta e la Dott.ssa Noemi Angelini, Psicologa del Lavoro e delle Organizzazioni.

clusione, attraverso un piano d’attuazione riassumibile nelle seguenti cinque macro-voci fortemente interrelate fra loro: • Formazione (generale e specifica iniziale): primi 2 mesi. • Inserimento nei rispettivi dipartimenti e ruoli: primo mese (parallelamente alla formazione). • Realizzazione di attività di formazione, sensibilizzazione ed advocacy con la compartecipazione dei volontari: 11 mesi. • Monitoraggio delle attività e formazione specifica continua: 12 mesi (intera durata del progetto). • Valutazione finale: ultimi 15 giorni.

In America Latina si concentra l’attività di cooperazione con programmi per l’inserimento lavorativo come il Centro d’Intermediazione Lavorativa in Cile e i “clubes de empleo” in Argentina

Nascono gli Uffici Regionali che consolidano la politica di decentralizzazione in Africa, America latina. Apre l’Ufficio Regionale Mediterraneo in Libano.

20 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

V edizione del “Master Universitario di secondo Livello In Politiche Sociali e Direzione Strategica per lo Sviluppo Sostenibile del Territorio” e VII ed. della “Scuola di Specializzazione in Ideazione, Gestione e

Valutazione dei Programmi di Cooperazione Internazionale” I ed. del corso di Alta Formazione Universitaria “Economia delle Imprese Cooperative e Gestione delle Risorse del Territorio” insieme alla sede di

Buenos Aires dell’Università di Bologna. II ed. del Corso di Alta Formazione Universitaria denominato “Organizzazione e Management dei Servizi socio-sanitari in contesti differenziati”.


2 Attività Istituzionali

Politiche Sociali, Direzione Strategica, Sviluppo Sostenibile del Territorio, Educazione allo Sviluppo, Processo attivo di apprendimento, Diritti internazionalmente riconosciuti, Politiche d’inclusione, Promozione sociale, Campagne di sensibilizzazione, Programmi di cooperazione allo sviluppo, Master Universitari, Corsi di Alta Formazione, Promozione economica degli esclusi, Advocacy Pubblica, Ricerca, Elaborazione e diffusione di Policy Paper, Action for Global Health, Partnership for Change, Società interculturale, Rafforzamento degli spazi di democrazia e giustizia sociale, Comunità locali, Crescita civile, Sviluppo umano, Sviluppo multi-dimensionale, rispettoso dei diritti umani, Antirazzismo, Approccio di genere, Gestione e Valorizzazione delle risorse agro-forestali in una prospettiva di sviluppo sostenibile del territorio, Cooperazione sanitaria, Sviluppo dei diritti di minori ed adolescenti, Promozione dell’equità, Sviluppo integrato, Costruire la differenza: percorsi di formazione per imprenditrici latinoamericane, Salute pubblica, Salute materno infantile, Lotta all’HIV/AIDS, Lotta alla tubercolosis, efficacia dei servizi, Supporto al Programma Nazionale Integrato di Lotta alla HIV/AIDS e TBC nelle Regioni di Omusati ed Otjozondjupa, Costruire la Differenza: percorsi di formazione per la promozione dell’imprenditoria femminile in Libano, Pari opportunità.


at tività istituzionali

Le attività formative rappresentano il cardine dell’attività di CESTAS.

2.1 DIpArTImeNTO FOrmAZIONe Le attività formative rappresentano il cardine dell’attività di CESTAS che, in qualità di “Ong di Sviluppo”, promuove la formazione come strumento di crescita della comunità e di cambiamento sociale, esplicitando e concretizzando così la sua mission. L’obiettivo principale del Dipartimento è promuovere una politica della formazione professionale basata sulla promozione dello sviluppo sostenibile in linea con gli obiettivi strategici europei. In tal senso CESTAS mira a facilitare e migliorare l’accesso a tutti i livelli della formazione. Il libero accesso alla formazione di qualità costituisce, infatti, la base dello sviluppo sostenibile, dell’integrazione sociale, dell’affermazione delle pari opportunità, dell’adattamento al mercato del lavoro e di una partecipazione attiva ai processi democratici. Nel corso degli anni CESTAS ha sviluppato e consolidato numerose reti istituzionali sia con partner accademici italiani (fra i quali Università degli Studi di Bologna/Dipartimento di Sociologia; Università degli Studi di Parma/Dipartimento di Economia e Facoltà di Medicina; Università Politecnica delle Marche/Facoltà di Agraria; Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”, Università Magna Grecia di Catanzaro) che del terzo settore in particolare Ong di Sviluppo, e, grazie a programmi di finanziamento specifici per la cooperazione universitaria, ha attivato processi di internazionalizzazione dei percorsi formativi con il coinvolgimento di Università europee e dei Paesi in Via di Sviluppo in cui opera. Queste forme di collaborazione hanno favorito l’integrazione e la valorizzazione delle differenti metodologie di formazione a beneficio della qualità dei contenuti e delle modalità di insegnamento. Attualmente CESTAS progetta e gestisce Master di II livello e Corsi di Alta Formazione Universitari, scuole di specializzazione post-laurea, corsi e-learning e professionalizzanti sulle tematiche del management sanitario, dello sviluppo socio-economico, della progettazione partecipata, dell’empowerment di comunità, dell’imprenditoria femminile e dello sviluppo sostenibile sempre in collaborazione con Enti Locali, Istituti di ricerca, Università ed altre Associazioni, sia in Italia che all’estero. La qualità della formazione è garantita a livello metodologico da lezioni frontali partecipative e di didattica alternativa, studi di caso, stage in Italia e all’estero e disponibilità di utilizzo del laboratorio informatico e

della Biblioteca Ecosostenibile CESTAS (parte del Centro Inter-Bibliotecario dell’Ateneo Bolognese e della rete del Servizio Bibliotecario Nazionale). Il monitoraggio dei risultati dei percorsi formativi rimane un’attività costante ed è parte integrante delle progettazione dei corsi. Le valutazioni dei corsi da parte dei beneficiari sono i punti di partenza per il miglioramento delle offerte al fine di rispondere con efficacia ai fabbisogni formativi. CESTAS è riconosciuto come Ente di Formazione Superiore e come Ente per la Formazione Continua presso il Ministero della Sanità; nel 2004 la Regione Marche ha accreditato CESTAS per l’esercizio di attività di Cooperazione ed Orientamento e Formazione Professionale, riconoscendola quale Ong ed Ente di Formazione. Il trentennale dell’Ong ha coinciso con la definizione della nuova strategia operativa di CESTAS, che vede nella web 2.0 un’importante innovazione tecnologica. È nata così la Community http://retecestas.ning.com/ un network internazionale di professionisti dello sviluppo con lo scopo di promuovere i rapporti tra i diversi attori anche attraverso nuove modalità di comunicazione (come Skype, Twitter, Facebook); è stato inoltre potenziato il sistema formativo attraverso una più ampia offerta di didattica e-learning e sono state utilizzate nuove forme di promozione dell’offerta formativa.

2.2 IL DIpArTImeNTO eUrOpA - eDUcAZIONe ALLO SVILUppO e ADVOCACY Momenti salienti della crescita di CESTAS sono stati gli anni che vanno dal 1986 al 1993 in cui è avvenuto il riconoscimento dell’idoneità presso enti finanziatori quali Ministero degli Affari Esteri ed Unione Europea, con la conseguente possibilità di gestire progetti di cooperazione internazionale in paesi in via di sviluppo. Nel periodo che va dal 1998 al 2001, si è avuta una riorganizzazione interna che ha portato, tra l’altro, alla nascita del Dipartimento Europa, dopo che nel 1997 erano iniziate le prime attività di Educazione allo sviluppo con il progetto “Campagna di Sensibilizzazione per il Popolo Saharawi”. Questo passaggio è indicativo della presa di coscienza dell’importanza di agire non solo nei paesi in via di sviluppo, ma anche in Europa. Non a caso nella ridefinizione della mission di CESTAS è presente un forte richiamo alle attività implementate dal Dipartimento Europa; si afferma, infatti, che: “Il suo compito, come «Ong di sviluppo» è promuovere l’«inter-

2008 2009

Il trentennale dell’Ong ha coinciso con la definizione della nuova strategia operativa di CESTAS, che vede nella web 2.0 un’importante innovazione tecnologica.

2. ATTIVITA’ ISTITUZIONALI

2008-2009 Settembre 2009 diventa socio certificato dell’Istituto Italiano della Donazione (IID). Il numero di partner istituzionali “glocalizzati” superano i 300. La presenza nel mondo è

consolidata in oltre 25 paesi: Africa (Mozambico, Namibia, Etiopia, Sud Africa, Malawi, Botswana e Sierra Leone) America Latina (Cile, Argentina, Perù, Bolivia, Ecuador, Nicaragua, Colombia, Uruguay e Guatemala)

22 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

Mediterraneo (Libano, Tunisia e Macedonia) Europa (Italia, Germania, Regno Unito, Francia, Spagna, Polonia, Belgio) In America Latina lancio e gestione della “Rete delle Imprenditrici Innovative” che

unisce oltre cinquanta imprenditrici latinoamericane è l’evento di cooperazione internazionale dell’anno. Il metodo innovativo d’implementazione del progetto e i risultati ottenuti fanno del Progetto“costruire la differenza”

una delle buone prassi del trentennale CESTAS (www.cestas.cl).


at tività istituzionali

Il Master di II livello in “Politiche Sociali e Direzione Strategica per lo Sviluppo Sostenibile del Territorio” alla 7° edizione nell’a.a. 2008/2009, promosso da CESTAS e dal Dipartimento di Sociologia dell’Università degli Studi di Bologna con il co-finanziamento del Ministero Italiano degli Affari Esteri/Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo/ Ufficio IX, è un programma professionalizzante diretto alla formazione specifica dei manager pubblici e privati, sia comunitari sia provenienti dai Paesi in Via di Sviluppo, che ricopriranno ruoli di responsabilità nell’elaborazione, esecuzione e valutazione dei programmi di sviluppo territoriale e di promozione della piccola e media impresa. Il Master offre ai partecipanti opportunità di studio e di valutazione comparata di diverse teorie emergenti nelle organizzazioni di servizio, con riferimento a contesti politico sociali molto diversi e in evoluzione. Vuole inoltre approfondire e verificare a livello sperimentale teorie e tecniche a supporto di un ruolo di manager che deve poter prescindere dalla specifica competenza o dal contenuto specialistico. L’esperienza maturata nelle edizioni precedenti ci consente di proporre un corso sempre aggiornato che si distingue per l’elevato grado di approfondimento teorico e pratico delle tematiche inerenti i Sistemi ed i Programmi di Promozione dello Sviluppo Sostenibile, la Pianificazione Territoriale e la Direzione Strategica e Gestionale nelle Istituzioni ed Aziende che promuovono lo Sviluppo Territoriale, i Metodi e le Tecniche per l’Ideazione, la Realizzazione, il Monitoraggio e la Valutazione dei Programmi di Promozione dello Sviluppo Territoriale Sostenibile. Il Master offre agli studenti, durante i dodici mesi d’attività formativa, la possibilità di confrontarsi con una molteplicità complessa d’esperienze. Complessità che appare chiara fin dalla costituzione della classe, che vede la presenza, in media, di oltre ventidue nazionalità diverse. Inevitabilmente, la variabile culturale è il fattore qualificante della nostra offerta accademica ed è riconosciuta come l’elemento decisivo nella scelta da parte degli oltre cento manager pubblici e privati che hanno conseguito il titolo universitario di master di secondo livello. L’iniziativa è una delle poche nell’ambito dell’Alta Formazione Universitari che prevede la composizione delle classi con una ponderazione che arriva fino al 70% di studenti“stranieri”e fin dal disegno didattico e gestionale prevede la “contaminazione” tra il mondo universitario, quello della cooperazione allo sviluppo non governativo e governativo. Tutto questo è stato possibile perché alcune premesse sono state esplicitate e rispettate dalle istituzioni coinvolte, che hanno creduto nel progetto cofinanziandolo ed accompagnandolo con competenza nell’esecuzione. Sono state recepite e assimilate alcune priorità comunitarie come quella fissata nel 2000 dove lo sviluppo delle risorse umane è stato dichiarato l’obiettivo centrale dell’Unione Europea. L’apprendimento lungo tutto l’arco della vita, attraverso l’acquisizione di competenze al passo con i tempi, rappresenta l’orizzonte dei sistemi d’educazione e formazione per le attuali e nuove generazioni. Allo stesso modo la necessità d’interazione e coordinamento tra si-

CESTAS investe nelle nuove tecnologie: lancia la Community di ex studenti “CESTAS 3.0”e introduce l’uso delle tecnologie web 2.0 nelle prassi lavorative oltre che per le attività di formazione e promozione sociale; attiva e

consolida il portale per l’erogazione della formazione E-learning. La Biblioteca Eco Sostenibile CESTAS conta 3858 monografie totali e 304 periodici con quasi 300 iscritti

stema universitario e terzo settore nell’ambito del passaggio di conoscenze tra i due settori è da vedersi come un fattore che favorisce lo sviluppo di risorse umane adeguate al mercato del lavoro. Il Master mira a fornire: • capacità nell’identificazione degli attori sociali partecipanti ai processi di sviluppo economico e territoriale sostenibile; • criteri tecnici e normativi per analizzare e definire i problemi che si devono risolvere per avviare programmi di promozione economica; • strumenti di misurazione quantitativa e qualitativa dei problemi riscontrati localmente dalle • strutture di produzione piccole e medie; • metodi d’analisi per la definizione degli obiettivi dell’azione; • tecniche di diagnosi e valutazione dei processi di sviluppo delle piccole e medie aziende; • capacità di disegno di scenari esterni che restringano gli spazi decisionali e d’azione; • tecniche per il disegno dei programmi di sviluppo locale e sostenibile; • metodi e tecniche per l’esecuzione e il monitoraggio dei programmi di promozione dello sviluppo territoriale; • capacità di comunicare in modo efficace i bisogni di specifici programmi settoriali; • capacita gestionali nella formulazione di bilanci preventivi; • capacità gestionale ed amministrativa nel controllo delle spese e nel monitoraggio della produzione; • aumento delle capacità nella gestione dei conflitti all’interno di una organizzazione sia essa aziendale o pubblica. Alcuni dati sulle sette edizioni del Master Complessivamente nelle sette edizioni del Master sono stati 133 gli studenti con borsa (pari al 72% del totale) e 51 quelli senza borsa (pari al 28% del totale) Aree geografiche di provenienza degli studenti stranieri con borsa e senza borsa nelle sette edizioni del Master:

23% Balcani

Non borsisti 28%

Asia e 3% Medioriente

17% Africa 29%

America Latina Studenti che hanno conseguito il titolo di Master: • Uomini 63 • Donne 114

La Formazione in Italia cresce: Corso di Alta Formazione “Metodologie per la promozione sociale in territori a differenziate tecnologie di sviluppo”con il Dipartimento di Sociologia dell’Università di Bologna. Corso di Alta Formazione

Universitaria“Esperti in progettazione per la cooperazione internazionale allo sviluppo”in collaborazione con Centro Universitario per la Cooperazione Internazionale dell’Università di Parma. I Master Universitario

Internazionale di II Livello in Salute Pubblica“Sanità pubblica con enfasi sulla salute materno infantile”in collaborazione con l’Università di Parma, San Sebastian (Cile), San Marcos (Perù) e Cuenca (Ecuador). Master in II livello in“Politiche

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 23


at tività istituzionali

Dal 1997 ad oggi CESTAS ha partecipato a più di 20 progetti, attivati in partenariato con Ong italiane ed europee.

Alla sensibilizzazione ed alle attività educative, CESTAS affianca attività di “pressione” sulle istituzioni locali, nazionali e sovranazionali.

CESTAS ha iniziato a cimentarsi con decisone nell’Advocacy nel 2006, con particolare attenzione ai temi della salute, grazie progetto Action for Global Health (AfGH), che vede in partenariato 15 Ong europee. Dal 1997 ad oggi CESTAS ha partecipato a più di 20 progetti, attivati in partenariato con Ong italiane ed europee. Le attività proposte hanno quindi raggiunto membri della società civile e delle istituzioni locali, nazionali ed europee. I progetti di Educazione allo Sviluppo e di Advocacy portati avanti da CESTAS si concentrano su due tematiche fondamentali: quella sanitaria e quella dello sviluppo sostenibile territorio. La metodologia seguita dal Dipartimento nella realizzazione dei progetti si basa: • sull’organizzazione di campagne di sensibilizzazione, seminari, festival, eventi culturali e mostre; • sull’organizzazione di congressi, seminari e tavole rotonde; • sull’attivazione di siti internet specifici, social network e newsletter; • sull’attività di analisi e ricerca, elaborazione e diffusione di policy paper. CESTAS fa parte della Piattaforma EaS dell’Associazione Ong italiane e da poco, grazie alle attività progettuali in corso legate a “Action for Global Health” è entrato a far parte del Comitato di Gestione della GCAP (Global Call to Action Against Poverty). Queste scelte sono dettate dalla consapevolezza che per produrre cambiamento sia necessario agire in rete. La più recente attività realizzata è l’organizzazione a Bruxelles di un seminario di carattere internazionale, nell’ambito del progetto “Partnership for Change”, che in associazione con la rete europea No-EPA, ha recentemente organizzato. Numerose infine, le pubblicazioni elaborate a corredo dei progetti, i materiali didattici proposti ai docenti coinvolti nei progetti nelle scuole, la produzione di materiale audiovisivo spesso condiviso via web, materiali fondamentali per realizzare progetti rivolti alla parte di popolazione che abita in quella porzione di mondo già “sviluppata”, chiamandola a partecipare attivamente ad un processo di cooperazione e di collaborazione, fondato su valori quali la solidarietà, l’uguaglianza e l’inclusione, partendo dalla convinzione che ogni singolo soggetto, in un contesto globalizzato come quello in cui viviamo, riveste un ruolo chiave ed influenza con il suo agire il fluire degli eventi.

2008 2009

1 Definizione del Development Education Forum (approvata da CONCORD)

mediazione sociale» per rendere i diversi attori istituzionali e sociali sempre più sensibili ai problemi dei paesi del Sud del mondo e alle implicazioni di tali problemi nei territori della Comunità Europea”. In linea di massima le attività realizzate in Europa ed in Italia vengono classificate come Educazione allo Sviluppo; questa definizione è soggetta, in questo momento, ad una analisi critica tant’è che oggi molti preferiscono parlare di Educazione alla Mondialità o alla Cittadinanza Globale. Al momento, però, non si è ancora individuata una nuova definizione condivisa dalla varie piattaforme europee delle Ong. Di conseguenza, per ora, preferiamo continuare a fare riferimento alla definizione adottata da Concord (coordinamento europeo delle Ong): L’Educazione allo Sviluppo è un processo attivo di apprendimento, fondato sui valori della solidarietà, dell’uguaglianza, dell’inclusione e della cooperazione. Essa dà la possibilità alla gente di compiere un percorso, partendo dalla consapevolezza di base delle priorità dello sviluppo internazionale e dello sviluppo umano sostenibile, e passando attraverso la comprensione delle cause e degli effetti delle questioni globali, per giungere all’impegno personale e all’azione informata. Incoraggia la partecipazione piena di tutti i cittadini allo sradicamento della povertà ovunque nel mondo e alla lotta contro l’esclusione. Il suo obiettivo è quello di cercare di influenzare le politiche economiche, sociali ed ambientali nazionali e internazionali, affinché siano politiche più giuste, sostenibili e basate sul rispetto dei diritti umani1. Pensiamo sia utile ricordare come le Ong di sviluppo e CESTAS in particolare, fin dagli anni ‘80 hanno sottolineato come la propria specificità doveva essere cercata nella capacità di coniugare l’azione concreta di cooperazione con l’azione di tutela dei diritti e della loro esigibilità. L’Advocacy è considerata non una specificità di alcuni, ma una caratteristica trasversale alle esperienze di cooperazione allo sviluppo internazionale, anzi una pre-condizione dell’agire. L’Advocacy la vogliamo definire “restrittivamente” come: “perorare la causa degli esclusi dalla festa dell’opulenza o meglio ancora dal menù dei diritti internazionalmente riconosciuti, parlare a sostegno delle politiche d’inclusione che promuoviamo o cerchiamo di promuovere congiuntamente con i nostri soci del sud e del nord del mondo”. Alla sensibilizzazione ed alle attività educative, elemento chiave dei progetti EaS di CESTAS, si affiancano quindi attività di “pressione” sulle istituzioni locali, nazionali e sovranazionali.

sociali e direzione strategica per lo sviluppo sostenibile del territorio”(disponibili borse per studenti stranieri provenienti dai Paesi in Via di Sviluppo cofinanziate da CESTAS e Ministero Affari Esteri - D.G.C.S.)

con il Dipartimento di Sociologia dell’Università di Bologna. I Master di II Livello in “Gestione e Valorizzazione delle Risorse Agro-forestali in una Prospettiva di Sviluppo Sostenibile del Territorio”in

24 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

collaborazione con Università Politecnica di Ancona e la sua Facoltà di Agraria. Web 2.0 nuovi strumenti gestionali per il non profit - Le TIC per l’Innovazione e il

cambiamento (disponibili borse di studio CESTAS). Progettazione e Management per il Turismo Responsabile e Sostenibile (disponibili borse di studio CESTAS). Strategie e strumenti per lo

sviluppo: corso di formazione per operatori di commercio equo e solidale.


at tività istituzionali

CESTAS ha iniziato con decisone a realizzare attività di advocacy, con particolare attenzione ai temi della salute, a partire dal 2006 grazie al progetto Action for Global Health (Azione per la salute globale), che vede in partenariato organizzazioni non governative (Ong) che hanno sede a Brussels e altri paesi europei: Francia, Germania, Spagna, Regno Unito e Italia (www.actionforglobalhealth.eu). Azione per la salute globale unisce organizzazioni con diverse specializzazioni nel campo della salute, per chiedere con una sola voce ai governi europei, alle istituzioni, alle imprese e a tutte le Ong di impegnarsi molto di più per promuovere il diritto alla salute. Come rete svolgiamo azione di monitoraggio sull’impatto delle politiche e degli interventi dei Governi europei sulla salute nei Paesi in Via di Sviluppo. Realizziamo anche attività di informazione e pressione sulle istituzioni nazionali e internazionali affinché vengano adottate nuove misure politiche ed adeguati stanziamenti di risorse. Chiediamo che i nostri Governi, le Istituzioni europee e il settore privato mantengano gli impegni di ridurre la mortalità infantile, migliorare la salute materna e combattere la diffusione delle malattie infettive nei Paesi più poveri del mondo, ovvero i tre Obiettivi di sviluppo del Millennio per la salute. Soprattutto, chiediamo un sostegno più ampio e mirato al rafforzamento dei sistemi sanitari, attraverso lo stanziamento di risorse

2.3 UFFICIO REGIONALE mARChE L’attività di CESTAS nella Regione Marche risale alla primavera del 2000, quando vennero realizzate le prime iniziative di educazione allo sviluppo, formazione e sensibilizzazione attraverso il potenziamento della rete di relazioni e di collaborazioni territoriali. Avere un polo di attività decentrato in una regione a forte ispirazione solidale ed aperta all’integrazione è stata per CESTAS una scelta prima di tutto politica e, in un secondo momento, tecnico-operativa. Gli obiettivi di integrazione europea ed internazionale che la Regione Marche si è data passano anche, e soprattutto, attraverso il rafforzamento della collaborazione con quegli enti ed organismi non governativi che“praticano”un modello di integrazione rivolto a realtà extra-europee, europee ed italiane. Di fronte alle grandi sfide sociali del nostro tempo, infatti, la società italiana sta dando sempre più di frequente risposte che sono di chiusura e paura, accentuando il carattere monoculturale e difensivo delle sue istituzioni e, in generale, della sua organizzazione sociale. Qui hanno origine i meccanismi che portano spesso a marginalizzare i cittadini di origine etnica minoritaria, qualunque sia il loro status (migranti, rifugiati, profughi, oppure cittadini a pieno diritto). CESTAS - per la sua storia e natura di Ong attiva nel settore della cooperazione internazionale - sente di poter dare un contributo concreto al bisogno di costruire una società interculturale aperta alla dimensione internazionale. Parallelamente ai progetti di cooperazione, infatti, CESTAS ha sempre svolto in Italia una serie di attività di sensibilizzazione dell’opinione pubblica contro il razzismo, sui temi del rapporto fra Nord e Sud e di sostegno a politiche di pari opportunità e diritti per i cittadini d’origine minoritaria, residenti in Italia e in Europa. Tale approccio e metodologia di lavoro è stato trasferito nelle attività svolte e in via di programmazione sul territorio marchigiano, con particolare attenzione alla pro-

adeguate ed un loro efficace utilizzo e la garanzia di un accesso universale ed equo alle cure sanitarie. Azione per la salute globale è membro del Comitato di Gestione della GCAP Italia (Global Call to Action Against Poverty), ed ha attivamente partecipato alle azioni di advocacy e di mobilitazione della società civile in occasione del recente G8 tenutosi in Italia. Queste scelte sono dettate dalla consapevolezza che per produrre cambiamento sia necessario agire in rete. In questa logica CESTAS ha anche aderito da due anni all’Osservatorio sull’Azione Globale contro l’AIDS (www.osservatorioaids.it). Inoltre dal giugno 2009 nell’ambito del progetto europeo “Partnership for Change” (www.africa-eu.org) è iniziata una collaborazione con la rete europea No-EPA. Obiettivo di questo progetto è contribuire alla creazione di politiche economiche europee e di azioni di cooperazione internazionale che siano coerenti con gli Obiettivi del Millennio e più efficaci nel combattere la povertà. In particolare, si stanno monitorando le implicazioni sullo sviluppo dei paesi ACP (Africa, Caraibi e Pacifico) degli Accordi di Partenariato Economico (EPA). Tali accordi non possono prescindere da un’attiva partecipazione anche degli attori del Sud del mondo. A tal fine ci siamo collegati alla rete Europea No-EPA e stiamo ampliando la rete italiana di soggetti attivi in questo ambito.

mozione dello sviluppo locale come strumento di difesa e rafforzamento degli spazi di democrazia e giustizia sociale. Temi quali la pianificazione ambientale e territoriale, la promozione dello sviluppo integrato (educazione, formazione, servizi di base), della governabilità democratica e della partecipazione civica mettono al centro l’individuo, la popolazione e il territorio, rendendo la comunità protagonista e partecipe dei propri piani di sviluppo. Un approccio di questo tipo trae forza e sostenibilità da collaborazioni efficaci tra enti locali, istituzioni e territori e costruisce quel modello di cooperazione decentrata che oggi si configura come una delle forme più riuscite e vitali di intervento nei paesi in via di sviluppo.

Metodologicamente CESTAS utilizza un approccio multi-settoriale ed inclusivo dei temi trasversali più importanti per lo sviluppo, che guidano anche la scelta dei partners territoriali con cui lavorare: • la promozione dello sviluppo delle comunità locali; • il sostegno a processi di crescita civile; • la promozione di uno sviluppo umano multi-dimensionale e rispettoso dei diritti umani; • l’antirazzismo; • l’approccio di genere; • l’interculturalità. In questo quadro i risultati ottenuti soprattutto negli ultimi anni sono considerevoli: • AccreditamentodiCESTASalRegistroRegionaledelleOng;

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 25


at tività istituzionali

• Accreditamento di CESTAS come Ente di Formazione per le macrotipologie Formazione Superiore e Formazione Continua; • Attivazione di convenzioni di cooperazione scientifica con due delle principali Facoltà universitarie del territorio (Facoltà di Economia di Urbino e Facoltà di Agraria di Ancona); • Attivazione di accordi tecnici di cooperazione su specifici programmi di sviluppo con attori chiave del sistema regionale di sviluppo locale (CNA, Camera di Commercio, Legambiente Marche, Turismo Verde, Ambito Sociale IX, Cooperativa regionale di Commercio Equo etc..); • Partecipazione alle istanze più significative di rappresentanza settoriale nel territorio: Consulta della Pace di Jesi, Rete di Economia Solidale delle Marche, Coordinamento Regionale per la Pace, Coordinamento Provinciale per la Pace; • Creazione di una collana editoriale tematica: MAIA – STUDI DI GENERE, SALUTE E SVILUPPO LOCALE.

2.4 UFFICIO REGIONALE AmERICA LATINA Dalla fine degli anni ’80, CESTAS progetta e realizza in America Latina programmi di cooperazione internazionale allo sviluppo in diversi ambiti e settori d’intervento: cooperazione sanitaria, sviluppo locale e sostenibile del territorio, promozione dei diritti di minori ed adolescenti, promozione dell’equità nelle relazioni di genere come fondamento dei nuovi paradigmi dello sviluppo umano. Per quanto riguarda la cooperazione sanitaria si ispira ai principi di Alma Ata (1979) nella promozione del Diritto all’Assistenza Primaria per la Salute con un’at-

Il Master Universitario di II Livello in “Gestione e Valorizzazione delle risorse agro-forestali in una prospettiva di sviluppo sostenibile del territorio” è stato realizzato nell’anno accademico 2007-2008 in collaborazione con la Facoltà di Agraria dell’Università Politecnica delle Marche, ed ha visto coinvolti 15 studenti beneficiari delle borse di studio CESTAS – MAE (6 donne e 9 uomini) provenienti dai seguenti Paesi: Mozambico, Malawi, Etiopia, Sierra Leone, Tunisia, Ecuador, Cile, Perù, Bolivia, Nicaragua. Gli studenti nella maggior parte dei casi possedevano una formazione scientifica con lauree specialistiche nelle scienze naturali e ambientali, scienze agro-ingegneristiche e forestali e in parte minoritaria nelle scienze politiche e relazioni internazionali. Prima del Master per la maggior parte gli studenti erano impiegati nel settore pubblico (Ministeri e Enti Governativi), in Università e Centri di Ricerca e in misura minore nel settore privato (Ong). Una delle peculiarità di questo Master è stata lo svolgimento, da parte degli studenti, di uno stage formativo della durata di 300 ore presso Enti e aziende che si occupano di tutela dell’ambiente, energie rinnovabili, certificazione biologica, pianificazione e politiche di sviluppo regionali per l’ambiente e nel settore agroalimentare, Agenzie Internazionali di promozione dello sviluppo nei Paesi Terzi e dipartimenti interni alla Facoltà di Agraria; lo stage ha offerto l’opportunità di approfondire temi trattati a lezione e di fare esperienza pratica sul campo, attraverso l’implementazione di metodi e pratiche che forniscono competenze professionali altamente specializzanti. I progetti di stage sono stati incentrati, nella maggior parte dei casi, sullo studio comparato tra metodologie

26 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

tenzione particolare per i settori vulnerabili della popolazione, cioè donne e bambini. Con questa visione CESTAS promuove in America Latina interventi orientati alla promozione della salute materno-infantile attraverso sei assi tematici: assistenza sanitaria di base, promozione dei diritti riproduttivi, trasferimento e creazione delle conoscenze specifiche e professionali, trasferimento delle tecnologie appropriate, ricerca, cooperazione Sud-Sud.

Con la finalità di promuovere la formazione scientifica e la ricerca a livello regionale nell’ambito della salute materno-perinatale e di favorire l’interscambio di professionisti e docenti, CESTAS promuove la costituzione ed il rafforzamento di Reti tematiche. In America Latina partecipa alla Red Argentina de Salud Materno Perinatal, alla Red Regional Andina de Salud Materno Perinatal www.redperinatalamba.cisap.com.ar ed alla Red Internacional de Investigación y Formación en Salud

utilizzate in Italia rispetto a quelle dei Paesi di origine degli studenti e sulla possibilità di applicare modelli e tecnologie utilizzate in Europa in altri contesti. Inoltre al termine degli stage, alcuni studenti hanno ricevuto proposte di collaborazione presso gli Enti ospitanti e altri hanno iniziato collaborazioni con docenti della Facoltà di Agraria. È inoltre da segnalare l’ottimo rapporto instaurato con la Facoltà di Agraria dell’Università Politecnica delle Marche e il buon livello di servizio erogato sia nella qualità delle docenze che nell’accesso ai laboratori di ricerca; a tal proposito è da ricordare che la Facoltà di Agraria dell’Università Politecnica delle Marche è il primo Ateneo italiano a vantare la certificazione integrata Quality Management System ai sensi della norma UNI EN ISO 9001:2000 per la progettazione, erogazione e gestione dei corsi di studio e rilascio dei titoli avente valore legale. La competenza scientifica dell’Università Politecnica delle Marche, unitamente alle competenze organizzative e ai rapporti internazionali di CESTAS si sono rivelate un’eccellente binomio nell’erogazione di Corsi di Alta Formazione specializzanti e di qualità. Nell’implementazione del programma formativo e coerentemente con le aree strategiche di attività dell’Ufficio Regionale Marche è stata posta particolare attenzione alla diffusione di esperienze e buone pratiche legate ai temi dello sviluppo locale sostenibile, dell’ economia solidale e del commercio equo e con l’obiettivo di promuovere modelli di sviluppo e produzione locale rispettosi delle persone e dell’ambiente e forieri di maggiore giustizia sociale ed economica.


at tività istituzionali

Il progetto CESTAS “Costruire la differenza: percorsi di formazione per imprenditrici latinoamericane” nasce dalla necessità di potenziare e mettere in rilievo le imprese innovatrici proprie dell’economia latinoamericana con una prospettiva di sostenibilità, accessibilità e sviluppo del genere con l’obiettivo di aumentare le capacità e opportunità dello sviluppo imprenditoriale, fornendo gli strumenti necessari alla gestione dell’impresa e all’inserimento del lavoro nella Web 2.0. Il programma include donne imprenditrici nei settori del design e dell’artigianato, dell’agricoltura di qualità e del turismo responsabile. Le partecipanti appartengono ai paesi Latinoamericani dove CESTAS lavora attivamente: Argentina, Bolivia, Ecuador, Nicaragua, Perù e Cile dove tra l’altro è stato realizzato il progetto. Sono state 253 le imprenditrici che hanno sollecitato contributi attraverso le reti CESTAS in America Latina. La selezione ha incluso 80 imprenditrici che hanno ricevuto la formazione e-learning per un periodo di 6 settimane durante le quali sono state fornite conoscenze riguardo la web 2.0, lo sviluppo delle reti sociali e l’uso di questi mezzi per potenziare le proprie attività; tutto ciò è stato realizzato presso la Facoltà di Psicologia dell’Universidad Diego Portales di Santiago del Cile. Parallelamente è entrata in funzione anche la piattaforma web tutt’oggi in funzione www.cestas.cl. la seconda tappa, presenziale, si svolge a Santiago del Cile sotto la responsabilità della Facoltà di Ingegneria dell’Università del Cile che ha svolto il Programma di formazione tecnica e gestione imprenditoriale per imprenditrici latinoamericane. Sono state sele-

Perinatal (Retinsap). Inoltre, CESTAS ha consolidato una metodologia di intervento nell’ambito dello sviluppo integrato che ha prodotto ottimi e consolidati risultati nell’area. L’approccio si basa sulla promozione di iniziative di carattere integrale che favoriscono ed appoggiano lo sviluppo locale e sostenibile del territorio, promuovendo la partecipazione ed il rafforzamento istituzionale, impegnandosi nella difesa dell’ambiente e nella promozione di forme di produzione sostenibili, difendendo e promuovendo il diritto alla salute come diritto primario dell’uomo e della donna. Nello specifico, ha realizzato in Bolivia, Cile, Nicaragua ed Ecuador progetti di ripristino dell’equilibrio ambientale e produttivo attraverso la ricostruzione di superfici boschive e con la promozione di piani di sfruttamento sostenibile delle risorse, programmi di formazione mirati al rafforzamento dell’impresa comunitaria nella prospettiva della gestione sostenibile delle risorse forestali e non forestali, iniziative di certificazione secondo standard internazionali di parcelle di boschi nativi, progetti mirati alla diffusione di esperienze di ecoturismo e di turismo rurale come alternative sostenibili allo sviluppo economico del territorio. I processi di sviluppo locale sono fenomeni neutri dal punto di vista del genere ed esistono dettagli interessanti riguardo alla forte correlazione tra sviluppo locale e uguaglianza di opportunità tra i sessi. Questi principi inspirano gli interventi di CESTAS in America Latina nell’ambito dell’empowerment femminile. Gli aspetti in cui si svolge la sua azione sono: promozione delle micro e piccole imprese femminili; formazione del capitale umano femminile; facilitazione dell’accesso al mercato del lavoro. La partecipazione delle donne al mercato del lavoro si realizza in modo significativo attraverso le imprese

zionate in totale 53 imprenditrici Latinoamericane: 39 dal Cile, 4 dall’Argentina, 4 dal Nicaragua, 3 dalla Bolivia, 1 dall’Ecuador e 2 dal Perù. Per 5 settimane le imprenditrici hanno rafforzato le proprie conoscenze riguardo la gestione imprenditoriale, il capitale sociale, l’innovazione, la responsabilità sociale imprenditoriale, i modelli di attività, il mercato e la concorrenza; hanno analizzato diverse esperienze, hanno approfondito materie specifiche dei loro settori e hanno concluso progettando le proprie attività. Quest’ultima tappa è stata monitorata in una fase di autovalutazione posteriore al corso presenziale; ogni imprenditrice racconta l’esperienza relativa ai propri obbiettivi e al tempo investito nella propria impresa. CESTAS ha svolto parallelamente uno studio chiamato “Analisi delle Reti Socioculturali e imprenditoriali delle donne inserite nel Progetto Costruire la Differenza”e costruito a partire dalle opinioni delle partecipanti, degli accademici e dell’ambiente circostante enfatizzando le reti imprenditoriali e socioculturali delle donne, le idee e i consigli per il lavoro futuro. Il corso è stato portato a compimento con successo da 43 imprenditrici. Attualmente tutte le partecipanti possiedono una pagina web più completa e con una visibilità più ampia per poter affrontare le sfide di innovazione all’interno dei propri settori. Il risultato comprende la creazione della Rete latinoamericana di Donne Imprenditrici CESTAS per collaborare allo sviluppo economico, sociale e culturale dell’America Latina attraverso la promozione dell’impresa femminile.

femminili formali o informali. Gli sforzi delle donne in questo settore sono segnati dalla discriminazione che ne limita l’accesso ai fattori produttivi, alla formazione di qualità e all’assistenza tecnica. Per questi motivi

CESTAS ha attivato in America Latina un processo di empowerment delle donne imprenditrici fin dal 1997 in Cile e che si è ramificato prima in Argentina e poi, a partire del 2008, in tutta la Regione attraverso la Rete di Imprenditrici dell’America Latina (www.cestas.cl) alla quale partecipano donne provenienti da vari paesi del centro e del Sud America. Questo processo include azioni formative, diffusione della conoscenza e appoggio nella commercializzazione. Nel continente Latino Americano CESTAS è presente in Argentina, Cile, Perù, Bolivia, Ecuador e Nicaragua. A partire dal Gennaio 2008 CESTAS ha aperto un Ufficio Regionale in America Latina con competenze di coordinamento gestionale e rappresentanza istituzionale nell’area. La sede dell’ufficio è Santiago del Cile.

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 27


at tività istituzionali

2.5 UFFICIO REGIONALE AFRICA CESTAS, nel suo ruolo di promotore di programmi e progetti di sviluppo sostenibile, vanta una lunga presenza in Africa, risalente ai primissimi anni dopo la propria fondazione. La presenza in termini geografici è stata ampia e diversificata, con una copertura delle differenti aree del continente. Gli interventi hanno abbracciato paesi e territori profondamente diversi in termini di caratterizzazione etnica, linguistica, culturale. Dai progetti per il popolo Saharawi, agli interventi in Africa occidentale; dal Corno d’Africa alla consolidata presenza in Africa australe, l’azione di CESTAS è stata multisettoriale, pur riservando coerentemente con la propria vocazione un peso preponderante all’ambito sanitario. Nei progetti realizzati in questi anni e nella maggioranza di quelli in corso le attività in Africa sub sahariana si sono focalizzate su tre macro-settori: la salute pubblica; la salute materno infantile; la lotta all’HIV/AIDS ed alla tubercolosi. Alla base di tutti gli interventi di CESTAS sta la determinazione a realizzare un approccio verso i sistemi sanitari dei paesi partner improntato al massimo rispetto delle strategie e politiche sanitarie e dal riconoscimento del protagonismo e della priorità del sistema sanitario nazionale (ad ogni livello, centralizzato e locale) del Paese in cui l’organizzazione si trova ad operare. La crisi costante delle risorse umane nel settore sanitario dei paesi africani viene considerata da CESTAS come uno dei principali ostacoli al miglioramento dell’efficacia dei servizi offerti alle popolazioni. Tale Tra gli interventi nel settore socio sanitario di CESTAS in Africa merita una menzione particolare il programma denominato “Supporto al Programma Nazionale Integrato di Lotta alla HIV/AIDS e TBC nelle Regioni di Omusati ed Otjozondjupa”, realizzato in Namibia. Il progetto si è prefisso l’obiettivo generale di contribuire alla lotta contro queste due gravissime patologie attraverso il potenziamento dei servizi sanitari esistenti e l’attuazione di programmi specifici in coordinamento con le autorità sanitarie locali. La Namibia si posiziona tra i primi cinque paesi al mondo, per quanto concerne la prevalenza ed il numero di casi HIV e AIDS. L’HIV/AIDS è diventata la prima causa di morte e di ospedalizzazione in Namibia. La TBC, malattia spesso correlata all’AIDS, vede inoltre la Namibia collocarsi al secondo posto nel mondo per gravità di diffusione della malattia, con un’incidenza media di 364/100.000. L’azione, focalizzata su due territori differenti tra loro per caratteristiche geografiche e di popolazione si è concentrata sul rafforzamento dei programmi integrati del locale ministero finalizzati a: ridurre la diffusione del virus HIV; migliorare le condizioni di vita dei malati di AIDS e delle loro famiglie; prevenire e ridurre la diffusione del bacillo della TBC; aumentare il depistaggio ed il trattamento dei malati; ridurre il tasso di abbandono del trattamento ed il tasso di casi di tubercolosi multi-farmaco resistente, tramite l’implementazione della terapia DOT (Directly Observed Treatment Short Course). Le due regioni sanitarie scelte, Otjozondjupa e Omusati, sono state inizialmente individuate sulla base dell’incidenza dei tassi di morbilità e mortalità di AIDS e TBC e sulla base di una valutazione tecnico-gestionale condotta insieme al MOHSS (Ministry of Health and Social Services).

28 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

considerazione ha indotto l’organizzazione a riservare all’interno dei propri progetti una forte componente di capacity building, fornendo assistenza alla gestione e al management ed attraverso un’offerta modulata di cicli di formazione e aggiornamento del personale amministrativo, medico ed infermieristico delle strutture beneficiarie. Nei casi in cui si renda necessario, si procede alla riabilitazione fisica delle strutture dei centri di salute, nonché all’equipaggiamento dei centri con gli arredi clinici, le attrezzature sanitarie ed i farmaci/consumabili da laboratorio che vengono richiesti dalle controparti.

I progetti prevedono costantemente una componente comunitaria al fine di promuovere il coinvolgimento delle comunità locali nelle attività e nell’educazione sanitaria. Il sostegno della sana maternità costituisce un altro asse fondamentale delle strategie d’intervento di CESTAS nel continente africano. Anche in questo caso si tende a potenziare e porre in risalto il ruolo della comunità nel dare risposte ai bisogni delle

Il progetto si è caratterizzato sin dal principio per costituire nelle intenzioni del MOHSS una opportunità unica di attivare e testare una nuova strategia e modalità di intervento integrato a livello delle due regioni prescelte. In base ai risultati raggiunti si intende successivamente standardizzare e replicare le buone pratiche nelle restanti regioni della nazione. Tutte le attività realizzate sono state disegnate e realizzate per divenire parte integrante dei programmi di lotta alla TBC a all’HIV/AIDS, sia a livello centrale che regionale, nell’ambito delle scelte strategiche del partner locale. Ciò rappresenta un elemento di forza per la sostenibilità futura del progetto, una volta terminato il supporto della Cooperazione Italiana. A conferma di ciò va sottolineata la partecipazione attiva di CESTAS ad alcuni ambiti di coordinamento nazionale. Al di là degli ottimi risultati conseguiti nelle due regioni, uno dei punti più qualificanti del progetto è stato il coinvolgimento negli incontri periodici dei comitati costituenti istanze fondamentali nella definizione di strategie ed interventi nel campo della prevenzione, cura e trattamento dell’HIV/AIDS e della Tubercolosi. Vanno citati a tale proposito: il tavolo tecnico di lavoro per la definizione di Linee Guida Nazionali riguardanti le cure domiciliari (HBC) e la definizione degli Standard per la formazione dei prestatori volontari di cure (HBCGs); lo Steering Committee del programma di lotta alla tubercolosi. Tale livello di coinvolgimento testimonia il ruolo svolto da CESTAS nei processi decisionali a livello nazionale in Namibia, segno di un’ottima integrazione del personale espatriato all’interno delle istituzioni e dell’apprezzamento suscitato dal lavoro realizzato dalla Ong sin dall’inizio del progetto. Questa cooperazione partecipativa con le istituzioni dei paesi nei quali opera contraddistingue l’agire di CESTAS nella realizzazione dei propri programmi di sviluppo.


at tività istituzionali

pari opportunità a quell’ insieme di persone appartenenti a gruppi discriminati e/o con “capacità diverse”).

AREA TEMATICA: GENDER CESTAS considera l’empowerment femminile come il principale strumento per il raggiungimento dello sviluppo umano attraverso la crescita progressiva, costante e consapevole della persona, un processo di accrescimento della propria autostima, delle proprie capacità, dello sviluppo di autonomia e dell’assunzione di responsabilità. Riteniamo fondamentale collocare al centro di tutti i processi formativi che proponiamo i seguenti tre concetti chiave: • Pari opportunità (significa riconoscere che la sperequazione di genere esiste, va affrontata e risolta); • Innovazione e Sostenibilità (crediamo che le donne siano capaci di accogliere le innovazioni in tutti i settori e sperimentare nuovi strumenti per dare concretezza alle idee al fine di migliorare la propria condizione e allo stesso tempo abbiano la capacità di preservare il capitale culturale e valorizzare le tradizioni e le risorse locali); • Accessibilità (significa stabilire i vincoli fondamentali per offrire

donne in gravidanza e delle partorienti, nonché a sviluppare le prospettive di genere e l’empowerment delle donne, soprattutto in ambito rurale. L’approccio comunitario prevede inoltre il potenziamento e/o la creazione ex-novo di Comitati Sanitari di quartiere e/o di villaggio, per portare alla ribalta in un ambito partecipativo i bisogni sanitari della comunità di riferimento. Per la trasversalità dei temi coinvolti e per la complessità delle problematiche da essa prodotte, la pandemia di HIV/AIDS rappresenta un’altra sfida con la quale CESTAS si è confrontato nella sua azione in Africa. Anche in questo caso i progetti sono concepiti per essere totalmente complementari alle strategie nazionali condotte dai paesi d’intervento. Particolare attenzione è stata rivolta ai programmi di cure domiciliari ed alle strategie di prevenzione, trattamento e cura della TBC, malattia strettamente interconnessa all’HIV/AIDS. L’allargamento in corso dell’accessibilità ai farmaci antiretrovirali impone una profonda revisione del ruolo sinora svolto dalle cure domiciliari nella terapia della malattia. CESTAS è impegnato ad affiancare i ministeri della salute nell’elaborazione di strategie innovative. In quest’ottica la trasmissione di saperi e buone pratiche costituisce un punto fondante sia delle attività formative che delle azioni di sostegno ai sistemi sanitari. In diversi casi è stato possibile raggiungere risultati ritenuti di assoluta eccellenza da parte dei partner e degli enti finanziatori. Fra gli altri vale la pena citare il sistema di rotazione sviluppato per la formazione on-the-job del personale infermieristico in Malawi e l’implementazione della terapia antitubercolare DOT (Directly Observed Treatament Short Course) in Namibia. Nell’affiancare i sistemi sanitari africani CESTAS è costretto a confrontarsi con l’inadeguatezza dei finanziamenti messi a disposizione dai donor internazionali nel settore sanitario e rileva la necessità di un sostanziale incremento degli stessi per poter conseguire gli Obiettivi del Millennio legati alla salute. La collaborazione con i governi partner africani non

Ci adoperiamo affinché le donne vengano riportate al centro dell’agenda politica nazionale e internazionale facendoci promotori di istanze quali la lotta alla violenza contro le donne, la promozione dei diritti di cittadinanza, l’inclusione delle donne nei processi decisionali e partecipando a reti e consigli costituiti a livello regionale e nazionale quali: • il gruppo delle Politiche di Genere costituitosi nell’ambito degli Stati Generali della Solidarietà e della Cooperazione internazionale; • il registro UNAR (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali) istituito presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per i Diritti e le Pari Opportunità; • la Commissione speciale per le Pari Opportunità della Provincia di Ancona.

può e non deve prescindere dalla necessità di operare una costante azione di stimolo per una sempre crescente apertura verso la partecipazione della società civile nei processi di sviluppo in campo sociosanitario. L’inclusione sistematica di organizzazioni, comunità locali, associazioni femminili e di gruppi emarginati e/o vulnerabili è considerata da CESTAS un elemento fondamentale nell’ ottenimento di progressi realmente sostenibili. Senza tale accresciuta partecipazione l’efficacia degli interventi rischia di essere fortemente limitata. Tuttavia non sempre tale impostazione risulta essere condivisa pienamente dai governanti di alcuni paesi africani.

Con questa consapevolezza CESTAS, in quanto attore responsabile ed impegnato nel duplice scenario di Nord e Sud del mondo, intende proseguire con impegno rinnovato l’opera di promozione e tutela dei diritti umani in Africa, tra i quali primeggia il diritto alla salute.

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 29


at tività istituzionali

Il progetto “Costruire la Differenza: percorsi di formazione per la promozione dell’imprenditoria femminile in Libano” interviene nel settore sociale, formativo ed educativo, nell’area di presenza del contingente italiano. Si propone infatti l’ideazione, l’esecuzione, la gestione e la valutazione di percorsi formativi per favorire la microimprenditoria femminile in Libano, nella Caza di Bint Jebel, Sud del Libano. A partire dal potenziamento, rafforzamento e tutela del lavoro femminile e delle conoscenze gestionali delle produttrici (donne capofamiglia e microimprenditrici) si è attivato un percorso parallelo di empowerment per le donne, inteso come rafforzamento del loro ruolo all’interno delle comunità, sostenuto dalle Ong locali impegnate in tal direzione e con la collaborazione con le istituzioni locali, sociali e culturali delle aree di riferimento. Il progetto si è inserito in un ambito di collaborazione già attivo sui temi di promozione economica e sociale della donna in Libano, e ha inteso rafforzare le attività di formazione alle donne microimprenditrici. Questo progetto è nato infatti dall’esperienza del consorzio ARCI/ARCS e CESTAS con il progetto finanziato dall’Ambasciata Italiana a Beirut nell’ambito del programma di emergenza ROSS, denominato “Supporto alla promozione sociale ed economica delle donne in differenti regioni rurali particolarmente colpite dalla guerra (Beqaa, Sud del Libano). A seguito delle analisi e valutazioni su tale progetto, si è deciso di intervenire sulle difficoltà comuni ai singoli progetti di microimprenditoria che ostacolano sia oggettivamente, che moralmente, la buona riuscita di ognuno di essi. In particolare, è emerso come alcune beneficiarie sentano come importante la necessità di ampliare le proprie reti di appoggio e di inserimento sociale. Il consulente stesso che ha seguito i business plans ha valutato come positiva l’eventualità di creare un progetto che rafforzi la collettività. Su questo tema è emerso inoltre come siano importanti, ma manchino, spazi di aggregazione sociale, (ad esempio biblioteche, altri spazi ricreativi, anche per i giovani). Questo progetto è perciò un esempio di come la cooperazione decentrata possa contribuire con un impatto notevole alla prosecuzione di azioni stabilite sotto programmi di emergenza (in questo caso a seguito della guerra Israelo-libanese del 2006) e possa dare continuità, oltre che un segnale importante di impegno costante della cooperazione allo sviluppo italiana, e possa contribuire al con-

solidamento di partnership con le comunità e gli attori sia istituzionali che civili dell’altra sponda del Mediterraneo. Grazie al sostegno della Regione Emilia Romagna, abbiamo potuto infatti consolidare tali rapporti e, assieme ai nostri partner libanesi, indirizzare nuove e complementari azioni a quelle criticità che si sono evinte dalle precedenti azioni. Il progetto, promosso da CESTAS, ARCI/ARCS e ARCI Comitato Territoriale di Parma, con i partner locali René Moawad Foundation e Municipalità di Ain Ebel, ha perciò sostenuto un percorso formativo sui temi della microimprenditoria, tematiche di genere, scambio di buone prassi, svolgendo uno specifico programma di Formazione per l’abilitazione lavorativa per 60 beneficiarie, donne capofamiglia e microimprenditrici. Durante l’abilitazione lavorativa, che ha previsto lo sviluppo di un sistema formativo integrato, le beneficiarie hanno frequentato diversi moduli formativi in amministrazione e gestione della microimpresa. Conclusa questa prima fase, sono stati messi a disposizione alcuni fondi di autoimpiego, cioè degli investimenti per finanziare progetti di microimprenditoria femminile. I fondi sono stati stanziati con particolare riguardo verso progetti associativi, dove cioè più di una donna ha potuto beneficiare dell’investimento. È stato poi avviato il Programma FAA (Formazione, Assistenza Accompagnamento) con lo scopo di appoggiare in modo completo il ruolo delle beneficiarie che lavorano attraverso la formazione, l’appoggio e l’accompagnamento durante l’implementazione delle proposte di microimpresa, assicurando così un adeguato inserimento professionale e un aumento dei livelli di occupabilità. Aspetto fondamentale del processo FAA è la creazione e l’appoggio di reti sociali che permettano alla beneficiaria che ha intrapreso un lavoro di includerla in circoli informali che favoriscano un atteggiamento proattivo della donna, fino al mantenimento e alla stabilizzazione nel tempo di rapporti che rafforzino il suo ruolo lavorativo. Durante tutta l’esecuzione del progetto sono state svolte attività di monitoraggio per sondare l’impatto del programma sulle beneficiarie e il corretto svolgimento delle azioni, nonché verificare il loro impatto territoriale. Il luogo di svolgimento dei percorsi formativi è stata la Caza di Bint Jebel: in particolare presso la Municipalità di Ain el Ebel, e presso la struttura preposta ai servizi sociali della Municipalità di Tebnine. Tutte le beneficiarie hanno dato feedback positivi per quanto riguarda la possibilità futura di seguire altri moduli formativi.

2.6 UFFIcIO regIONALe meDITerrANeO La storia di CESTAS nel Mediterraneo inizia fin da subito, al momento della fondazione dell’organizzazione nel 1979 nella regione maghrebina, con le attività di sostegno e aiuto umanitario al popolo Saharawi, rifugiato nel deserto del Sud dell’Algeria; in particolare attraverso progetti di formazione di Fisioterapisti e tecnici di Ortopedia Ausiliari Saharawi e miglioramento delle condizioni di vita dei disabili motori nei campi profughi Saharawi. La storia istituzionale è continuata nel Medio Oriente con i programmi dedicati al popolo palestinese, in particolare con l’avvio nel 1998 dei progetti di formazione e sviluppo di artigianato artistico tradizionale presso la scuola di ceramica di Hebron, programmi di formazione di tecnici palestinesi nel settore dell’artigianato e nel settore del recupero architettonico. Nei Balcani, CESTAS ha operato dal 1999 in Kosovo ed in Albania: in Kosovo con la riabilitazione e ristrutturazione dell’ospedale di Peje e con un programma per la salute di base, mentre in Albania, con l’avvio di

30 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

programmi di formazione e prevenzione delle patologie tumorali al seno e al collo dell’utero nella prefettura di Elbasan e con un programma di salute di base a Jubani (Scutari), nell’ambito delle Disposizioni per la partecipazione italiana alla Stabilizzazione, alla Ricostruzione e allo Sviluppo di paesi dell’area Balcanica. La storia istituzionale nell’area è proseguita fino al 2006, quando un impegno di riprogrammazione e progettazione ha portato all’apertura, nel 2007, dell’Ufficio Regionale Mediterraneo dell’organizzazione con una sede decentrata a Beirut, in Libano. Questo biennio ha visto infatti l’apertura di programmi di formazione in Tunisia e in Libano, con particolare attenzione all’empowerment femminile. Nel corso del 2007-2008 inoltre, CESTAS ha portato avanti uno studio sul settore sanitario in Libano che ha visto la collaborazione di diversi enti ed istituzioni e che, in partnership con il Ministero della Salute Pubblica Libanese e la collaborazione di Ong locali, si inserisce in un’importante programma di riforma della formazione degli infermieri.


at tività istituzionali

La scelta di lavorare nel Mediterraneo sui temi della salute, dell’empowerment femminile e dell’uguaglianza di genere, in particolare attraverso la formazione, trova ragion d’essere nella mission di CESTAS, nell’expertise consolidata dello staff interno, e nelle necessità riscontrate nei paesi in cui operiamo. 2.7 GLI ATTORI DELLE NOSTRE RETI Sono stakeholder tutti i soggetti (intesi nel senso di individui, gruppi, organizzazioni) che hanno con l’organizzazione relazioni significative e i cui interessi sono a vario titolo coinvolti nell’attività dell’associazione per le relazioni di scambio che intrattengono con essa o perché ne sono significativamente influenzati. Distinguiamo in essi due grandi tipologie: • stakeholder esterni: ovvero i beneficiari diretti e indiretti dei progetti CESTAS, donatori privati, collaboratori esterni quali istituzioni sanitarie, enti finanziatori, Università, Enti di Formazione, organizzazioni profit responsabili, fondazioni, partner di progetto; • stakeholder interni: amministratori, dipendenti e collaboratori, consulenti, cooperanti, volontari, soci e sostenitori. In questa sezione ci dedicheremo agli stakeholder esterni e precisamente alle due grandi categorie che permettono la realizzazione dei progetti, ovvero i donor e i partner . I beneficiari sono dettagliati per ogni scheda di progetto e gli stakeholder interni verranno analizzati nella sezione dedicata alle risorse umane.

Sono oltre 400 le istituzioni che collaborano con CESTAS Privato Internazionale 15%

Pubblico Nazionale 20%

63

80

140 125 Pubblico Internazionale 34%

Privato Nazionale 31%

Sono 70 le istituzioni che finanziano i nostri progetti Privato Internazionale 9% 6 Pubblico Internazionale 13%

9

42 Privato Nazionale 19%

13

Pubblico Nazionale 60%

Sono oltre 300 i nostri soci glocalizzati Privato Internazionale 57 17%

38

Pubblico Nazionale 11%

112 131

Pubblico Internazionale 39%

Privato Nazionale 33%

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 31


32 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

Cile

Peru

Equador

Bolivia

Argentina

Colombia

Nicaragua

Uruguay

Brasile

Sierra Leone

Portogallo

Spagna

Mozambico

Etiopia

Libano

Malawi

Albania

Namibia

Tunisia

Italia

Olanda Polonia Belgio Germania Francia

Gran Bretagna

PAESI PARTNER CESTAS 2008-2009

at tività istituzionali

La Carta di Peters in Italia è una iniziativa esclusiva


at tività istituzionali

2.8 I PROGETTI

Aree geografiche e ruolo ricoperto da CESTAS nei progetti Totale

20

Come capofila Come socio 16

15

13

13

10 10

9

9

8

8

6 5

3

3

3 1

1

0

Africa

3

America Latina

Europa

Formazione

Mediterraneo

I progetti considerati sono quelli in gestione nel corso del 2008 - 2009 (ovvero quelli che hanno avuto una elaborazione nel 2008 e sono divenuti operativi nel 2009) e i dati economici riportati si riferiscono all’ammontare finanziario gestito o di responsabilità di CESTAS.

Come socio

18

35

Come capofila

AREA TEMATICA: SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO Il conseguimento dello sviluppo sostenibile richiede l’integrazione di componenti economiche sociali e ambientali a tutti i livelli. L’obiettivo di CESTAS è quello di creare le condizioni per la costituzione di uno spazio di costruzione attiva attraverso la partecipazione comunitaria e per una rinascita socio-economica dove la valorizzazione del capitale umano e culturale si alimenti reciprocamente con l’attività produttiva. Attraverso l’implementazione di progetti integrati si punta a

I 53 progetti in gestione nel 2008-2009

migliorare lo stato di benessere delle comunità a tutti i livelli impegnandosi nella difesa dell’ambiente e della biodiversità, sostenendo forme di produzione sostenibili e promuovendo il ruolo economico e sociale della donna, difendendo il diritto alla salute come diritto primario dell’uomo e della donna. In Europa CESTAS partecipa attivamente a campagne di sensibilizzazione in rete con numerose Ong italiane e straniere e gestisce progetti di educazione allo sviluppo con l’obiettivo di informare e sensibilizzare la cittadinanza e gli studenti delle scuole medie e superiori su temi legati allo sviluppo sostenibile in collaborazione con Università e Istituti di ricerca.

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 33


I NOSTRI PROGET TI | FORMAZIONE

2.8.1 VI Edizione Master Universitario di II Livello in “Politiche Sociali e Direzione Strategica per lo sviluppo sostenibile del territorio” A.A. 2007/2008 Settore Formazione Area e paese Italia

Ente co-finanziatore Ministero degli Affari Esteri - Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo

Progetto promosso Dipartimento di Sociologia – Università di Bologna

Valore economico Totale progetto: 464.638 € Contributo Donor: 325.246 € Contributo CESTAS: 139.392 €

Progetto gestito da Dipartimento Formazione

Ruolo di CESTAS Gestore

Periodo di attuazione Novembre 2007 - Settembre 2008

Informazioni Responsabile Dipartimento: Cristina Falcaro Responsabile progetto: Cristina Falcaro

Motivazioni dell’intervento Il Progetto nasce dalla consapevolezza che solamente politiche di sviluppo che investono nel capitale umano hanno la capacità di rispondere in forma efficace alla sfida di uno scenario sociale in crescita economica e sostenibile dal punto di vista ambientale e sociale. Pertanto si è voluto offrire una occasione di formazione specializzata per i dirigenti privati e pubblici dei Paesi Terzi ed europei, che si occupino di programmi di sviluppo economico e territoriale. Peraltro, si deve riscontrare l’inadeguatezza dell’offerta formativa tradizionale dei paesi d’origine, specie per quelle tipologie professionali capaci di gestire processi di sviluppo sostenibile che richiedono la presenza di figure

nuove. È a questi nuovi bisogni che il Master intende fornire una risposta. L’analisi dei bisogni formativi, realizzata presso i partner dei Paesi Terzi, ha peraltro sottolineato la carenza di percorsi brevi di alta specializzazione per l’aggiornamento professionale delle figure già formate ed inserite nei quadri dirigenziali degli enti preposti al buon governo, con particolare riferimento alle politiche socio-sanitarie. I progetti di Alta Formazione sono in linea con le politiche di cooperazione allo sviluppo definite dal Ministero degli Affari Esteri. Inoltre il progetto si fonda su una ormai consolidata collaborazione fra il CESTAS e il Dipartimento di Sociologia dell’Università di Bologna.

DIRETTORE DEL MASTER: PAOLO GUIDICINI A lezione di sviluppo sostenibile Studenti siriani, libanesi, africani in aula: al via il Master in “Politiche sociali e direzione strategica per lo sviluppo sostenibile del territorio”. L’intervista al direttore Paolo Guidicini Arrivano dalla Sierra Leone, dal Mali, dall’Equador o dal Monzambico. Ma anche dal Cile, dal Venezuela e dall’Etiopia. Sono solo alcune delle nazionalità dei laureati atterrati in Italia per partecipare alle varie (oggi siamo alla settima) edizioni del Master di secondo livello in “Politiche sociali e direzione strategica per lo sviluppo sostenibile del territorio”. Un corso post laurea ad alta professionalizzazione promosso dal Dipartimento di Sociologia dell’Università di Bologna e cofinanziato da CESTAS e Ministero degli Affari Esteri, nato per soddisfare il crescente bisogno di formazione specializzata che viene dai paesi in via di sviluppo o europei aderenti all’iniziativa. A parlarne è Paolo Guidicini, direttore del Master. Come si articola l’iniziativa? “Questo Master è stato pensato per diffondere soprattutto nelle aree povere o arretrate, ma non solo, una cultura più approfondita in materia di sviluppo e di sostegno del territorio. Ci rivolgiamo a persone già impegnate nel settore e non a neo laureati. A questo scopo, ogni anno

34 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

Obiettivi Si vuole realizzare un percorso di formazione specifica e di aggiornamento dei manager pubblici o privati dei Paesi in via di Sviluppo che ricopriranno responsabilità nell’elaborazione, esecuzione o valutazione dei programmi di sviluppo territoriale e dei servizi socio-sanitari. I manager dovranno essere in grado di agire come risorse pronte a comprendere realtà mutevoli e sempre più complesse, forti di un bagaglio di competenze e qualità potenziate dall’esperienza e dalla formazione specializzata, capaci di dirigere, disegnare, eseguire e valutare programmi di sviluppo territoriale e promozione della PMI. Il Master rilascia 64 Crediti Formativi Universitari.

viene selezionato, da una apposita commissione, un certo numero di soggetti provenienti da paesi extraeuropei ai quali offrire opportunità di partecipare (con una borsa di studio annuale), oltre che giovani provenienti dall’Italia e da altri paesi europei. E per ogni nuova edizione sceglie, a rotazione, di ospitare diverse nazionalità a seconda dell’area di appartenenza: area balcanica, africana, centro o sud americana. Ma anche europea, italiana e così via”. Che requisiti bisogna possedere per partecipare al bando? “Il Master è aperto a candidati italiani o appartenenti a paesi comunitari o esteri, ma comunque in possesso di laurea quadriennale vecchio ordinamento, o di laurea specialistica nuovo ordinamento. Il titolo di laurea, meglio se conseguito in area socio-economico o territorialistica (ma abbiamo anche molti ingegneri, agronomi, letterati) deve essere accompagnato, oltre che dalla conoscenza della lingua inglese, per tutti i laureati d’Oltreconfine anche da una buona conoscenza della lingua italiana. Le lezioni vengono infatti svolte in lingua italiana. Va anche precisato che c’è un preciso numero di posti che il Master riserva ai laureati provenienti da paesi terzi: venti sono le borse di studio annuali messe a disposizione del Master da CESTAS e dal Ministero Affari Esteri.”. È previsto un periodo di tirocinio in azienda? “Lo stage finale costituisce una parte fondamentale del percorso formativo: esso offre l’occasione di sperimentare e mettere a frutto le conoscenze teoriche e pratiche acquisite frequentando le lezioni, i semi-


I NOSTRI PROGET TI | FORMAZIONE

Beneficiari I beneficiari sono 30 professionisti e laureati impegnati nella pianificazione strategica e sostenibile del territorio, in possesso di un titolo di laurea quadriennale/quinquennale del vecchio ordinamento, oppure laurea specialistica. Partner del progetto Università degli Studi di Bologna - Dipartimento di Sociologia Risultati attesi e attività previste Gli studenti iscritti hanno conseguito capacità nell’identificazione degli attori sociali partecipanti ai processi di sviluppo economico e territoriale sostenibile; criteri tecnici e normativi per

analizzare e definire i problemi che si devono risolvere per avviare programmi di promozione economica; strumenti di misurazione quantitativa e qualitativa dei problemi riscontrati localmente dalle strutture di produzione piccole e medie; metodi d’analisi per la definizione degli obiettivi dell’azione; tecniche di diagnosi e valutazione dei processi di sviluppo delle piccole e medie aziende; capacità di disegno di scenari esterni che restringono gli spazi decisionali e d’azione; tecniche per il disegno dei programmi di sviluppo locale e sostenibile; metodi e tecniche per l’esecuzione e il monitoraggio dei programmi di promozione dello sviluppo territoriale; capacità di comunicazione efficace dei bisogni di specifici programmi settoriali; capacità

gestionali nella formulazione di bilanci preventivi; capacità gestionale ed amministrativa nel controllo delle spese e nel monitoraggio della produzione; aumento delle capacità nella gestione dei conflitti all’interno di una organizzazione aziendale o pubblica. Aspetti qualificanti Nel corso degli anni, l’attivazione del Master ha permesso di ottenere risultati apprezzabili anche oltre il dato didattico, caratterizzati dalla intenzione dei partecipanti di costituire una rete di scambio, conoscenza e cooperazione internazionale. Gli studenti hanno beneficiato, oltre che del contenuto della formazione frontale, anche della conoscenza determinata dal confronto reciproco in un ambiente multiculturale, dalle visite guidate, dall’inserimento presso strutture locali, dalla conoscenza di esperti e dallo scambio di esperienze tra i partecipanti ed i loro pari europei. Lo stage ha permesso agli studenti di sperimentare e mettere a frutto le conoscenze teoriche e pratiche acquisite mediante la frequentazione di seminari e workshop. I corsisti, provenienti dai paesi terzi, hanno infine avuto accesso anche ad un corso per rafforzare la loro conoscenza della lingua italiana.

molto positivi sia sul fronte della cooperazione internazionale che dal punto di vista sociale” (la “community” CESTAS). nari e i vari workshop. I laureati sono per lo più ricercati da istituzioni, aziende private, strutture pubbliche o organizzazioni nazionali ed internazionali: enti che hanno bisogno di dirigenti altamente formati. Quasi tutti coloro che vengono da paesi extraeuropei ritornano nelle strutture di partenza con ruoli più significativi.” Che qualifica professionale raggiungono i laureati al termine del percorso formativo? “Lo scopo del Master è formare dirigenti per le strutture pubbliche, le organizzazioni non governative e gli istituti di ricerca universitaria. Il tutto, attraverso un serrato confronto culturale. Insomma, il Master è sì un corso di alta formazione manageriale, ma è anche e soprattutto un tavolo di confronto. L’aula unisce persone di diversa nazionalità e permette di creare una rete di relazioni adatta al miglioramento delle politiche del territorio praticate all’interno di ogni Paese. I corsisti, una volta rientrati nel loro Paese, restano infatti in stretto contatto con noi (è stato organizzato un vero sistema di informazioni che persiste nel tempo e unisce tutti i partecipanti ai vari anni del corso presenti, passati e, speriamo, futuri). Alla fine si crea un vero e proprio network che ha riscontri

Qual è il valore aggiunto del Master? “Le nazioni più povere sono le prime a trarre maggiore beneficio da questa attività formativa. Eppure, il vantaggio non è tutto e solo da una parte: ospitare persone che nel loro Paese hanno già un’attività più o meno conforme alle tematiche trattate dal Master, diventa strategico anche per la crescita dell’Italia. Ci si arricchisce attraverso il raffronto con l’altro, con il diverso”.

Da Maria Laura Flores - Bolivia studentessa del Master 6 Il Master mi è stato utile sia a livello academico che interculturale. Lo scambio accademico ha rinforzato e aggiornato le mie conoscenze e allo stesso tempo mi ha portato a stabilire dei collegamenti a livello lavorativo ed aziendale e ne sono molto contenta !

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 35


I NOSTRI PROGET TI | FORMAZIONE

2.8.2 III Edizione Corso Alta Formazione in “Organizzazione e

Management dei Servizi Socio-Sanitari in contesti differenziati” A.A. 2007/2008 Settore Formazione Area e paese Italia Progetto promosso Dipartimento di Sociologia – Università di Bologna Progetto gestito da Dipartimento Formazione Periodo di attuazione Aprile 2008 - Settembre 2008

Motivazioni dell’intervento Il progetto formativo nasce dalla necessità di un percorso di Alta Formazione da parte di manager e responsabili di settore che gestiscono strutture e servizi sociali e sanitari e dall’esigenza di costruire una reteterritoriale e internazionale che permetta una programmazione partecipata e integrata dei servizi e uno scambio di esperienze e di strumenti. Obiettivi Il Corso di Alta Formazione è un percorso di specializzazione post-laurea che desidera fornire strumenti appropriati ad affrontare il processo decisionale proprio del loro ruolo attraverso attività didattiche ma soprattutto gruppi di lavoro ed esperienze sul campo, creando conseguentemente un network costituito dai responsabili della gestione dei servizi territoriali italiani ed esteri. Il corso, vuole anche essere uno strumento per il miglioramento della distribuzione delle conoscenze e delle specializzazioni, contribuendo a livellare la distribuzione delle opportunità di sviluppo sul piano internazionale appoggiando i

Altin Stafa - medico- Albania (studente CAF III) Perché hai deciso di frequentare il Master? Per colmare il “gap” informativo nel campo dell’organizzazione dei servizi sanitari lasciato dal programma della Facoltà di Medicina e Chirurgia . Che valutazione dai del tuo percorso formativo (è stato utile, hai imparato cose che ti sono servite per la tua cultura personale/ per la tua carriera)? Le conoscenze sono state molto utili per la mia formazione personale e per la comprensione del sistema Salute. Cosa ti è piaciuto e cosa non ti è piaciuto e/o avresti cambiato del progetto formativo?

36 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

Ente finanziatore Ministero degli Affari Esteri - Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo Valore economico Totale progetto: 181.332 € Contributo Donor: 126.932 € Contributo CESTAS: 54.400 € Ruolo di CESTAS Gestore Informazioni Responsabile Dipartimento: Cristina Falcaro Responsabile progetto: Chiara Guidoreni

processi autogeni di “buon governo”, favorendo l’aumento dell’Indice di Sviluppo Umano e la crescita economica dei paesi interessati. Il corso rilascia 30 Crediti Formativi Universitari. Beneficiari Sono 17 operatori della pianificazione dei servizi socio-sanitari provenienti da paesi terzi in possesso di un Diploma di LaureaTriennale o superiore che hanno già conseguito una significativa specifica esperienza professionale nei servizi socio-sanitari, oltre a ricoprire posizioni dirigenziali rilevanti. Partner del progetto Università degli Studi di Bologna - Dipartimento di Sociologia; Ministero degli Affari Esteri - Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo. Risultati attesi e attività previste Gli studenti partecipanti hanno ricevuto una formazione avanzata che ha interessato numerose materie: la socio-antropologia della salute; l’organizzazione di reti sanitarie sul territorio (profit Ho apprezzato molto: il gruppo multietnico/multiculturale, la competenza e la dedizione dei docenti; la dedizione degli docenti provenienti direttamente dal territorio (gestori di servizi sanitari, medici, ecc); le visite “sul terreno”(aziende sanitarie, reparti e servizi ospedalieri). Penso si possa migliorare/evitare: la disomogeneità del gruppo riguardo la conoscenza della lingua italiana e il livello di preparazione di partenza degli studenti. Rilascia, se vuoi, un tuo commento personale. Ottimo il lavoro di tutti gli operatori e organizzatori del CESTAS. Molto utile l’idea di una preparazione ad hoc di professionisti giovani provenienti da realtà dove i sistemi sanitari sono in via di organizzazione.

e no-profit); la programmazione partecipata ed integrata dei servizi; il monitoraggio e la valutazione dei servizi e dei programmi di promozione sociosanitaria; l’organizzazione ed il controllo di gestione della ricerca e dell’innovazione in una azienda sanitaria; i modelli comparati di riorganizzazione dei sistemi sanitari; gli strumenti tecnologici per la gestione dei servizi. Aspetti qualificanti I manager hanno beneficiato di un percorso di aggiornamento che ha favorito il loro operare in una logica di partecipazione e di sostenibilità economica, sociale ed ecologica, con riferimento alla organizzazione e management dei servizi socio-sanitari. Sono stati preparati ad affrontare il processo decisionale proprio della loro collocazione istituzionale, ponendosi come strumento operativo per il miglioramento della distribuzione delle conoscenze e delle specializzazioni. Sono stati acquisiti criteri tecnici e normativi per analizzare e definire i problemi che si devono risolvere nella gestione dei servizi; metodi d’analisi per la definizione degli obiettivi dell’azione; tecniche di diagnosi e valutazione dei processi di gestione dei servizi; tecniche per il disegno di servizi, programmi e progetti; capacità di comunicazione efficace dei bisogni di specifici servizi o programmi settoriali; capacità gestionali nella formulazione di bilanci preventivi; capacità gestionale ed amministrativa nel controllo e nel monitoraggio delle spese; aumento della capacità della gestione dei conflitti all’interno di un organizzazione. È stato stimolato il coinvolgimento e l’intercambio di esperienze tra i partecipanti, i quali sono stati portati ad avvalersi delle nuove tecnologie, ed a confrontare il proprio sistema di provenienza con quello del paese che li ha ospitati, grazie a visite guidate di distretti sanitari e servizi socio-sanitari territoriali e l’inserimento presso strutture locali. I corsisti hanno beneficiato anche di un periodo di formazione sulla lingua italiana.


I NOSTRI PROGET TI | FORMAZIONE

2.8.3 Corso di Specializzazione “Pianificazione e Management di Programmi di Turismo Responsabile e Sostenibile” 2008

Settore Formazione

Ente finanziatore Corso a mercato

Area e paese Italia

Ruolo CESTAS Promotore e gestore

Progetto promosso e gestito da Dipartimento Formazione Ufficio Regionale Marche

Informazioni Responsabile Dipartimento: Cristina Falcaro Responsabile progetto: Michela Glorio

Periodo di attuazione Gennaio 2008 - Marzo 2008

Motivazioni dell’intervento Fornire un percorso di formazione specificamente rivolto al settore del Turismo Responsabile e Sostenibile in Italia e/o nei paesi del Sud del mondo. Obiettivi L’obiettivo primario del corso è fornire un metodo di lavoro e strumenti adeguati per sviluppare una competenza professionale nella pianificazione e gestione di iniziative di turismo responsabile e sostenibile.

Aspetti qualificanti Gli studenti hanno acquisito competenze relative all’economia dello sviluppo sostenibile (organizzazione economica e territoriale del turismo), alle politiche per la diffusione territoriale dello sviluppo sostenibile e alla progettazione e gestione operativa e finanziaria di programmi di Turismo Responsabile (laboratorio). Nei percorsi di specializzazione, l’uno rivolto al Turismo Sostenibile in Italia e l’altro al Turismo Responsabile nei Paesi in Via di Sviluppo, hanno potuto ap-

prendere conoscenze relative alla pianificazione strategica del territorio e alla salvaguardia ambientale nel modulo inerente l’ambito territoriale italiano. Mentre con riferimento al tema internazionale, è stato trattato il tema del Turismo Responsabile come attività di cooperazione allo sviluppo attraverso le esperienze delle Ong, e dei campi di lavoro e viaggi di conoscenza nel sud del mondo. Inoltre, tre studenti hanno potuto frequentare stage formativi presso Enti e organizzazioni che operano in questo settore.

Beneficiari Sono 10 professionisti, laureati e studenti universitari interessati ad un percorso di formazione specificamente rivolto al settore del Turismo Responsabile e Sostenibile in Italia e/o nei paesi del sud del mondo. Partner del progetto Tra i partner maggiormente significativi nell’implementazione del progetto vi sono gli enti ospitanti stage che sono: Viaggi e Miraggi, Mondo Solidale, Oasi WWF - Ripa Bianca di Jesi. Risultati attesi e attività previste Il corso, oltre che fornire informazioni relative al quadro normativo nazionale e europeo in materia di certificazioni ambientali, sulle politiche di promozione a livello locale e globale e sulle tecniche di valorizzazione del territorio, mira a fornire le competenze specifiche per: • l’ideazione e la redazione di programmi di Turismo Responsabile; • la gestione operativa e finanziaria di progetti di Turismo Responsabile; • il monitoraggio di un progetto di Turismo Responsabile. L’approfondimento di questi temi presso enti e aziende che operano nel settore permettono l’acquisizione di competenze professionali specifiche.

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 37


I NOSTRI PROGET TI | FORMAZIONE

2.8.4 I Edizione - Master Universitario di II Livello in “Gestione e

Valorizzazione delle risorse agro-forestali in una prospettiva di sviluppo sostenibile del territorio” A.A. 2007/2008 Settore Formazione Area e paese Italia (Ancona) Progetto promosso Facoltà di Agraria Università Politecnica delle Marche Progetto gestito da: Ufficio Regionale Marche Dipartimento Formazione Periodo di attuazione Settembre 2008 – Giugno 2009

Motivazioni dell’intervento Il corso nasce dalla consapevolezza del fatto per cui solo le politiche di sviluppo che investono nel capitale umano possono efficacemente rispondere alla sfida dello sviluppo sostenibile (equità, equilibrio ambientale e diritto di cittadinanza). Da questa consapevolezza si è sviluppata l’idea di offrire un opportunità di formazione specializzata per quei dirigenti pubblici e privati dei Paesi Terzi che si occuperanno di sviluppo economico ed agro-forestale, divenendo capaci di ricoprire responsabilità nell’elaborazione, esecuzione-gestione, valutazione, dei

Ente finanziatore Ministero degli Affari Esteri – Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo Valore economico Totale progetto: 410.206 € Contributo Donor: 287.144 € Contributo CESTAS: 123.062 € Ruolo di CESTAS Gestore Informazioni Responsabile Dipartimento: Cristina Falcaro Responsabile progetto: Michela Glorio

programmi di promozione agro-forestale nei Paesi Terzi. Obiettivi Il Master mira a fornire una preparazione interdisciplinare su valorizzazione e gestione dei sistemi agricoli e forestali del territorio e delle risorse naturali, su sistemi e tecnologie di produzione agricola e sul loro impatto ambientale, sulle politiche di pianificazione e sviluppo del territorio rurale, sulle dinamiche socio-economiche che sottendono lo sviluppo di queste aree.

UNIVERSITA’ POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA’ DI AGRARIA Prof. Natale Giuseppe Frega - Preside Dott. Emanuele Boselli – Membro e docente del comitato coordinatore del Master Dipartimento di Scienze Alimentari, Agro-ingegneristiche, Fisiche, Economico-agraria e del territorio (SAIFET) La Facoltà di Agraria fornisce gli strumenti metodologici per lo studio sistematico del settore primario e del relativo indotto sotto il profilo agronomico, biologico, ambientale, tecnologico, agro-alimentare e socioeconomico. La Facoltà ha individuato come fondamentale nel moderno sistema agro-produttivo la qualità sia dell’ambiente che degli alimenti, consapevole che senza una visione realmente integrata delle produzioni agrarie si aggrava la perdita di fertilità dei suoli e si contribuisce ad inquinare ulteriormente gli ecosistemi con gravi rischi per l’uomo. Con piacere ed orgoglio ricordo che la Facoltà di Agraria di Ancona è stata riconosciuta come migliore in Italia nella Classifica CENSIS 2009 delle Università Italiane Con CESTAS abbiamo realizzato la prima edizione del Master di II livello in “Gestione e valorizzazione delle risorse agroforestali in una prospettiva di gestione sostenibile del territorio”, finanziato dal Ministero Affari Esteri. Per la Facoltà è stata la prima esperienza di collaborazione con una Ong e con grande sincerità devo dire che abbiamo riscontrato elementi che ci persuadono della validità e utilità di questo percorso: efficacia nelle azioni in-

38 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

Il Master rilascia 63 Crediti Formativi Universitari. Beneficiari Sono 15 produttori e dirigenti pubblici e privati che operano nell’ambito della gestione e valorizzazione delle risorse agro-forestali ed ambientali dei Paesi in Via di Sviluppo definiti prioritari dal Governo Italiano. I beneficiari sono in possesso di un titolo di laurea quadriennale / quinquennale o laurea specialistica. Partner del progetto Facoltà di Agraria dell’Università Politecnica

traprese, trasparenza estrema nella gestione ed organizzazione delle attività, assoluta coerenza di comportamento politico nei confronti del partner e degli utenti coinvolti, elevata capacità di mobilitazione delle parti sociali interessate all’evento didattico . Se dovessi sintetizzare i maggiori risultati ottenuti in questi due anni di collaborazione scientifica e didattica con CESTAS direi: • creazione di un’efficace rete di collaborazione e scambio competenze con gli altri utenti, docenti e partner interessati a progetti comuni; • forte motivazione del personale coinvolto nei progetti; • struttura organizzativa efficiente, caratterizzata da notevoli capacità di problem solving; • pronta disponibilità verso i collaboratori esterni sulle tematiche oggetto del master e sugli aspetti organizzativi; • visione prospettica a lungo termine su obiettivi politici e sociali nel campo della cooperazione con i paesi in via di sviluppo; • notevolissima capacità di reperimento dei fondi a livello governativo, dovuta all’ottima reputazione dell’Ente. Se posso aggiungere alcune riflessioni, avendo collaborato concretamente con CESTAS nell’esecuzione del Master, abbiamo riscontrato una ottima organizzazione interna che ha portato a risolvere in modo veloce alcune difficoltà che inevitabilmente sorgono in una azione pilota come è stata questa prima edizione del Master. Abbiamo apprezzato particolarmente la capacità di CESTAS di organizzare attività interdisciplinari funzionali alla didattica che difficilmente la Facoltà da sola avrebbe potuto intraprendere. Inoltre la classe era composta da studenti provenienti da culture molto diverse con esigenze e aspettative differenti, e la disponibilità e il clima collaborativo costruito fin dall’inizio ha consentito di superare alcune iniziali difficoltà.


I NOSTRI PROGET TI | FORMAZIONE

delle Marche; Ministero Affari Esteri – Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo.

Studenti del Master Agro Forestale di Ancona

Risultati attesi e attività previste Il corso ha avuto l’obiettivo di erogare una formazione specifica rivolta a manager privati e pubblici che operano nel settore agro-forestale dei Paesi in Via di Sviluppo, che ricoprono o ricopriranno responsabilità nell’elaborazione, esecuzione-gestione, valutazione dei programmi di promozione agro-forestale nei paesi terzi o che operano con ruoli dirigenziali all’interno di realtà produttive di piccola o media dimensione. Il Piano Didattico, ha permesso di sviluppare competenze in materie differenti, afferenti all’ambito produttivo, economico, sociale e gestionale, in una prospettiva di sostenibilità ambientale ed economica. Il progetto formativo, ha dunque permesso di dare una formazione specialistica e multidisciplinare sulla valorizzazione e gestione dei sistemi agricoli e forestali del territorio e delle risorse naturali; su sistemi e tecnologie di produzione agricola sul loro impatto ambientale, sulle politiche di pianificazione e sviluppo del territorio rurale, sulle dinamiche socio-economiche che sottendono lo sviluppo di queste aree.

Diana Remache Cerda (Ecuador) Ho deciso di candidarmi per ottenere una borsa di studio per il Master perché per me la possibilità di frequentare un corso postuniversitario in Italia rappresentava un’opportunità di incrementare le mie capacità e le mie conoscenze, non solo professionali ma anche personali. L’ambito del Master includeva dei temi che si relazionavano con i miei interessi professionali e lavorativi. Inoltre, la possibilità di ottenere un titolo di studio all’estero viene molto valorizzato nei paesi del sud del mondo.

Aspetti qualificanti I partecipanti, prima dell’inizio del corso, hanno beneficiato di un corso di insegnamento della lingua italiana della durata di 100 ore. A conclusione del progetto formativo, i partecipanti sono in grado di muoversi in un contesto globale come risorse pronte a capire scenari in continua evoluzione e di crescente complessità, forti di un bagaglio di competenze e di qualità potenziate dall’esperienza e dalla formazione specializzata, capaci di dirigere, disegnare, eseguire e valutare programmi produttivi agro-forestali e di gestire, valorizzandole, le piccole e medie realtà produttive. In particolare, l’esperienza del tirocinio ha permesso loro di confrontarsi e comparare metodi e approcci presenti nelle strutture ospitanti, valutando così la pertinenza dell’informazione ricevuta all’interno del percorso formativo.

Le mie aspettative sono state soddisfatte, tanto dal punto di vista personale quanto professionale e devo dire che ci sono stati cambiamenti molto positivi nella mia situazione personale, familiare e lavorativa. Nel primo caso, l’esperienza di conoscere e condividere con persone di altri paesi e di altre culture ha contribuito a incrementare i miei valori di tolleranza e di empatia. Inoltre, ho fatto delle belle amicizie con i miei compagni di studio. Dal punto di vista familiare posso dire che i miei parenti riconoscono un cambiamento in me, un viaggio come questo è sempre un esperienza che contribuisce alla crescita di una persona. Per quanto riguarda la situazione lavorativa non posso dire che c’è stato già un cambiamento perché è solo da pochi giorni che sono rientrata nella mia città e comincerò a cercare lavoro; ma è importante dire che ho avuto un’offerta di lavoro da parte dell’organizzazione nella quale ho fatto il tirocinio, la FAO. Personalmente non posso che essere soddisfatta per l’esperienza fatta , e ringrazio CESTAS quindi per l’eccellente organizzazione e accoglienza che ha riservato a noi studenti stranieri. Carlos Orellana (Cile) Ho scelto di frequentare questo Master perche volevo un percorso di Alta Formazione che aiutasse la mia crescita professionale e personale. Sono molto soddisfatto dell’esperienza fatta anche se la diversa tipologia professionale della classe in alcuni momenti ha reso più difficile un progresso omogeneo nell’apprendimento. Adesso che sono tornato in Cile mi aspetto un grosso miglioramento nel mio inserimento professionale e nelle opportunità anche personali e familiari per la mia vita. Robert Andres Villazon Montalban (Bolivia) Ho conosciuto il CESTAS attraverso una mail ricevuta della Cámara Forestal de Bolivia e l’ho scelto per i contenuti che proponeva come una forma di complementazione alle mie conoscenze precedenti. Sono molto soddisfatto anche perchè ho avuto la possibilità di fare una ricerca presso la FAO e questa esperienza mi ha aperto molte opportunità non solo nel mio paese ma anche all’ estero. Infatti sto già lavorando come consulente in 3 progetti e sono passate solamente due settimane dal mio ritorno in Bolivia! Najet Fetoui (Tunisia) Ho scelto di partecipare a questa iniziativa perché è una esperienza di crescita a livello educativo e anche sociale oltre che una esperienza umana nuova. Nel corso del mio rapporto con CESTAS sono state soddisfatte alcune aspettative (rispetto del programma dall’inizio alla fine del master ,la tempistica e i ritmi di lavoro sono stati trattati in maniera soddisfacente) ma sull’aspetto organizzativo si può migliorare considerando che è la prima edizione. Fino ad oggi non ci sono ancora stati cambiamenti evidenti nella mia situazione personale, ma credo che con il bagaglio culturale acquisito mi si apriranno presto nuove opportunità lavorative.

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 39


I NOSTRI PROGET TI | FORMAZIONE

2.8.5 Corso di Alta Formazione in “Economia e Gestione delle

imprese cooperative e delle risorse del territorio” A.A. 2007/2008 Settore Formazione Area e paese America Latina / Europa - Argentina (Buenos Aires) Italia (Bologna) Progetto promosso Università di Bologna - sede di Buenos Aires Progetto gestito da Dipartimento Formazione Periodo di attuazione Novembre 2007- Marzo 2008

Motivazioni dell’intervento e finalità Il progetto nasce dalla consapevolezza della crescente presa di coscienza in Argentina in merito alle responsabilità individuali e collettive nella società. In questo contesto, le PMI assumono sempre maggiore rilevanza, in ambito economico e sociale, attirando l’interesse della PA e delle Agenzie di Sviluppo del territorio, soprattutto grazie alla loro capacità di favorire l’occupazione. Assume pertanto sempre più importanza il contributo del movimento cooperativo e del Terzo Settore. Con questo corso, dunque, si vuole rafforzare e caratterizzare la formazione dei cittadini, funzionari e quadri residenti nella circoscrizione consolare di Buenos Aires e in possesso della cittadinanza italiana. Si vogliono creare profili capaci di favorire lo sviluppo territoriale e creare partnership tra soggetti e sistemi produttivi locali, italiani ed europei. Si pensa, attraverso questo approccio, di arginare le carenze che caratterizzano gli ambiti organizzativi e dirigenziali, pregiudicando la pianificazione di percorsi di crescita corretti, sostenibili e di lungo periodo. Obiettivi Formare cittadini, funzionari e quadri, residenti nella circoscrizione consolare di Buenos Aires e in possesso della cittadinanza italiana. Si vogliono creare profili capaci di favorire lo sviluppo territoriale e creare partnership tra soggetti e sistemi produttivi locali, italiani ed europei, potenziando le loro capacità analitiche e le conoscenze teoriche necessarie per individuare opportunità e risorse complementari in Argentina tra i sistemi locali, europei ed italiani, o d’interesse per singole imprese italiane o dell’Unione Europea; collaborare all’elaborazione di progetti di impresa e di territorio volti a coinvolgere tali risorse/opportunità, ed a promuoverle presso gli interlocutori italiani ed europei. Il corso rilascia 30 Crediti Formativi Universitari.

40 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

Ente finanziatore Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Italiana Direzione Generale per le Politiche e per l’Orientamento e la Formazione Valore economico Totale progetto: 170.700 € Contributo Donor: 170.700 € Ruolo di CESTAS Socio Informazioni Responsabile Dipartimento: Cristina Falcaro Responsabile progetto: Chiara Guidoreni

Beneficiari Sono 20 cittadini italiani residenti in Argentina nella Circoscrizione Consolare di Buenos Aires; in possesso di diploma di maturità quinquennale; di buona e certificata conoscenza della lingua italiana. Partner del progetto Università degli Studi di Bologna – Sede di Buenos Aires (ente promotore); COOP FORM (ente cogestore, in ATS – Associazione Temporanea di Scopo- con CESTAS ). Risultati attesi e attività previste Il corso ha favorito il sostegno all’inserimento professionale ed al rafforzamento della capacità di movimento (in iniziative di collegamento e collaborazione tra i paesi coinvolti) dei venti cittadini di nazionalità italiana partecipanti; la promozione della loro crescita professionale e manageriale, allo scopo di creare i futuri gruppi dirigenti (imprenditori cooperativi) capaci di rispondere alle necessità gestionali e organizzative delle imprese recuperate argentine della provincia di Buenos Aires; la promozione dello scambio di buone pratiche finalizzate all’accrescimento delle competenze nel settore indicato dalla finalità generale; la promozione delle conoscenze e competenze di alta formazione professionale in collaborazione tra Università italiane e argentine. Si sono così sviluppate competenze spendibili tanto nell’ambito privato delle imprese cooperative, quanto nell’ambito della P.A., ricomprendendo ruoli di responsabilità nell’elaborazione, esecuzione e valutazione dei programmi di sviluppo locali e territoriali. I corsisti sono stati formati, nel primo periodo di formazione presso Buenos Aires, in materia di Macroeconomia e Microeconomia; modelli di cooperazione applicati a diversi contesti di sviluppo locale; economia e politica industriale e dei settori produttivi; Economia in-

ternazionale ed integrazione regionale; metodi quantitativi ed elementi di statistica. Nel secondo periodo, svolto in Italia, la loro formazione è stata rafforzata dagli insegnamenti di Pianificazione strategica del territorio e piani di sviluppo locale; organizzazione, gestione strategica delle PMI e monitoraggio gestionale; direzione di processi, organizzazioni complesse e gestione delle risorse umane; metodi e tecniche per ideazione, direzione, esecuzione dei programmi di promozione dello sviluppo territoriale e strumenti di valutazione della sostenibilità. Aspetti qualificanti I percorsi formativi sono stati completati da Stage di 250 ore. Il periodo di formazione e Stage in Italia, ha permesso ai corsisti di sviluppare capacità di analisi comparativa e la conoscenza approfondita della realtà socio-produttiva italiana, in particolare di quella emiliano-romagnola, rendendo l’intero percorso formativo ‘internazionale’, abituando i partecipanti a muoversi in contesti diversi e adeguarsi a culture distinte.


I NOSTRI PROGET TI | FORMAZIONE

2.8.6 Corso di Specializzazione in “Pianificazione e Management di

programmi di turismo responsabile e sostenibile” 2008 Settore Formazione

Ruolo di CESTAS Promotore e co-gestore

Area e paese Italia

Informazioni Responsabile Dipartimento: Cristina Falcaro Responsabile progetto: Rossella Petrolati

Progetto promosso e gestito da Dipartimento Formazione Periodo di attuazione Ottobre – Novembre 2008 Ente finanziatore Corso a mercato

Motivazioni dell’intervento Nel panorama nazionale risultano essere molti i percorsi sul turismo tradizionale, ma pochissimi quelli in grado di affiancare, alla tematica del turismo, quella dell’impatto ambientale e della responsabilità etica, della sostenibilità e, più in generale, del turismo mondiale. Si è dunque rafforzata una volontà di innovazione e di cambiamento del tradizionale sistema socio-economico, proponendo la visione del CESTAS che propone un cambiamento dei nostri stili di vita . Obiettivi Il corso intende sviluppare competenze specifiche nella pianificazione e gestione di iniziative di turismo responsabile e sostenibile; favorire l’acquisizione di nuove competenze e formare figure professionali, con particolare riguardo allo sviluppo imprenditoriale e manageriale nell’ambito del turismo Responsabile e Sostenibile; formare persone che sappiano progettare, comunicare e realizzare campagne di marketing, sia nell’ambito sociale che in quello imprenditoriale, facendo propri i valori della sostenibilità.

Aspetti qualificanti Gli studenti sono stati formati in materia di economia dello sviluppo, promozione e gestione di PMI turistiche e realtà del Terzo Settore. Hanno potuto beneficiare di un ulteriore approfondimento in materia di turismo responsabile e sostenibile in Italia e nei paesi del Sud del Mondo. Tutti gli studenti hanno partecipato a un laboratorio di progettazione per la gestione operativa e finanziaria di un programma di turismo responsabile; tre studenti hanno inoltre beneficiato della partecipazione a Stage presso enti e/o associazioni impegnate nel turismo responsabile , approfondendo sul campo le tematiche e le tecniche apprese all’interno dei singoli moduli. Questa opportunità ha permesso loro di meglio valutare la pertinenza dell’informazione ricevuta durante il percorso formativo.

Beneficiari I beneficiari sono 16 studenti interessati al settore turistico e alle tematiche dello sviluppo sostenibile. Partner del progetto COSPE (ente cogestore). Risultati attesi e attività previste Gli studenti partecipanti sono stati formati in materia di turismo responsabile e sostenibile, attraverso un programma variegato, completato da un percorso di Stage di 150 ore per i quattro studenti selezionati.

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 41


I NOSTRI PROGET TI | FORMAZIONE

2.8.7 Corso di Alta Formazione in”Metodologie per promozione sociale in territori a differenziate tecnologie di sviluppo – nuove competenze professionali per gestire il cambiamento” A.A. 2008/2009 Settore Formazione

Valore economico Totale progetto: 22.500 €

Area e paese Italia

Ruolo di CESTAS Gestore

Progetto promosso Dipartimento di Sociologia – Università di Bologna Progetto gestito da Dipartimento Formazione

Informazioni Responsabile Dipartimento: Cristina Falcaro Responsabile progetto: Chiara Braschi Direttore corso: Marco Castrignanò

Periodo di attuazione Maggio - Settembre 2009 Ente finanziatore Corso a mercato

Motivazioni dell’intervento Il programma nasce dalla consolidata collaborazione con il Dipartimento di Sociologia dell’Università di Bologna, partendo da un’analisi dei bisogni formativi territoriali. Obiettivi Questo Corso di Alta Formazione rappresenta un percorso di specializzazione che ha lo scopo di fornire ai corsisti gli strumenti appropriati per affrontare il processo di conoscenza delle dinamiche sociali, nonché la sperimentazione delle metodologie di ricerca di intervento e promozione sociale. Le attività didattiche puntano a fornire un metodo di lavoro e gli strumenti per sviluppare le competenze professionali per ideare, gestire e monitorare l’impatto dei programmi di promozione sociale. Si rivolge a quanti desiderano inserirsi professionalmente all’interno delle strutture pubbliche o private a livello nazionale e internazionale , nei settori di promozione e di intervento sociale e a lavoratori interessati a migliorare la propria professionalità. Il corso rilascia 30 Crediti Formativi Universitari. Beneficiari Sono 13 diplomati con esperienza professionale e laureati di qualunque disciplina. Partner del progetto Dipartimento di Sociologia, Università degli Studi di Bologna (ente promotore). Risultati attesi e attività previste Il corso offre una breve parte introduttiva teorica e una parte di approfondimento attraverso lo studio di casi, la simulazione e la progettazione partecipata. Gli studenti effettuano lavori di gruppo ed individuali di ricerca, imparando ad avvalersi dell’apporto delle nuove tecnologie per la ricerca delle informazioni.

42 | CESTAS BILANCIO Bilancio SOCIALEsociale CESTAS 2008 2008-2009

Aspetti qualificanti Al termine del corso, gli studenti acquisiscono criteri tecnici per analizzare e definire problemi che si devono risolvere all’interno di contesti differenziati; strumenti di misurazione quantitativa e qualitativa dei problemi riscontrati localmente dalle strutture di promozione sociale; metodi d’analisi per la definizione degli obiettivi dell’azione di promozione sociale; tecniche per il disegno di programmi; capacità gestionale ed amministrativa nel controllo e nel monitoraggio delle spese. Valore economico Progetto in avvio nel 2008/2009 , i dati finanziari sono di competenza del bilancio 2009.


I NOSTRI PROGET TI | FORMAZIONE

2.8.8 VII Edizione Master Universitario di II Livello in “Politiche

Sociali e Direzione Strategica per lo Sviluppo Sostenibile del Territorio” A.A. 2008/2009 Settore Formazione Area e paese Italia Progetto promosso e gestito da Dipartimento Formazione Periodo di attuazione Dicembre 2008 – Settembre 2009

Valore economico Totale progetto: 409.162 € Contributo Donor: 286.728 € Contributo CESTAS: Euro 122.884 € Ruolo di CESTAS Gestore Informazioni Responsabile Dipartimento: Cristina Falcaro Responsabile progetto: Chiara Braschi

Ente finanziatore Ministero degli Affari Esteri – Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo

Motivazioni dell’intervento Il progetto vuole contribuire al rafforzamento delle competenze tecniche e teoriche sulle politiche sociali e la direzione strategica per lo sviluppo sostenibile del territorio nei professionisti e manager pubblici e privati, provenienti dai Paesi Terzi ed europei, che ricoprono ricoprire ruoli di responsabilità nell’elaborazione, esecuzione e valutazione dei programmi di sviluppo territoriale e di promozione delle PMI. Si vuole contribuire a dare una risposta di alta formazione coordinata ed articolata alle problematiche che impediscono la crescita ed il mantenimento dei sistemi di buon governo nei paesi terzi. La difficoltà d’accesso da

parte dei manager provenienti da Paesi Terzi alla formazione specializzata; il deficit tecnologico dei paesi beneficiari; la carenza di percorsi di alta specializzazione per l’aggiornamento professionale di quelle figure già formate ed inserite nei quadri dirigenziali dei diversi enti preposti al buon governo, con particolare riferimento alle politiche di pianificazione del territorio. Obiettivi Vengono formati, attraverso questo percorso, manager in grado di muoversi in un contesto globale come risorse pronte a capire scenari mutevoli e di crescente complessità, forti di un baga-

Elenco delle realtà che hanno accolto gli studenti in stage Settore pubblico Regione Emilia-Romagna: Servizio Programmazione Territoriale e Sviluppo della Montagna, Servizio Tecnico Bacino Reno; Regione Calabria: Assessorato alle Attività Produttive; Provincia di Rimini: Unità Sviluppo Sostenibile; Comune di Bologna: Ufficio Comunicazione ai Cittadini, Quartiere Navile, Ufficio diritto allo studio, Settore Sport e Giovani; Comune di San Lazzaro di Savena (BO), Distretto socio sanitario di S.Lazzaro di Savena; Comune di Sasso Marconi, U.O. Servizi Sociali-Sanità; Comune di Grugliasco (TO); Centro Interculturale Zonarelli (BO); Radio Televisao Portugal (Lisbona). Settore privato BENTINI SpA - Faenza (RA); SIS-TER S.p.A. - Imola; Iscom Group (BO); ECOAZIONI - Gubbio, (PG); Eco & Eco (BO); ICEA – Istituto per la Certificazione Etica ed Ambientale (BO); Criteria s.r.l. – Cagliari; COOP Adriatica (BO); G.A.L. Appennino bolognese s.c.a r.l. (BO); Gruppo BolognaFiere Group - Fairsystem S.p.A. (BO). Università / Istituti di ricerca / Fondazioni Fondazione Giovanni Michelucci; Onlus - Fiesole (FI); Universidad de la Cordillera – La Paz (Bolivia); Progetto

Donna – Centro Studi (BO); Ambiente Italia – Roma. Cooperazione / Associazionismo / Ong EQUOLAND Soc. Coop. a r.l. per il Commercio Equo e Solidale - Campi Bisenzio (FI); Equinozio – Caffè de la Paix (BO); Cooperativa Dulcamara - Ozzano Emilia (Bo); Dinamica Soc.Cons. a r.l. (BO); CooperativaViaggi Solidali – Torino; Nexus Emilia Romagna (BO); Confederazione Italiana Agricoltori – Emilia Romagna - CIA (BO); TEATerritorio Energia e Ambiente - c/o Environment Park Torino; CAIRE - Cooperativa Architetti e Ingegneri - Reggio Emilia; AMISS – Associazione Mediatrici Interculturali Sociali sanitarie (BO); UCODEP – Arezzo. Agenzie Internazionali Ambasciata del Perù in Italia; UNIFEM – United Nations Development Fund forWomen –Torino; Consejo Nacional de la Magistratura - República del Perú; EUROPE DIRECT – Carrefour europeo Emilia - Eurodesk di Reggio Emilia Laboratorio Europa - Reggio Emilia; IOM – International Organization for Migration – Roma; InternationalTraining Centre of the ILO – International Labour Organization Torino; Institute for European Integration and International Cooperation of Montenegro – Bar - Montenegro.

glio di competenze e di qualità potenziate dall’esperienza e dalla formazione specializzata, capaci di dirigere, disegnare, eseguire, e valutare azioni e progetti di sviluppo territoriale in un ottica di sostenibilità ambientale e sociale. Il Master rilascia 64 Crediti Formativi Universitari. Beneficiari Sono 21 professionisti o manager africani, latinoamericani ed europei che già operano all’interno di una impresa, associazione, governo locale o centro di ricerca attiva in uno dei seguenti settori della governance: Politiche Sociali; Direzione Strategica; Pianificazione Strategica; Sviluppo Sostenibile. Partner del progetto Università degli Studi di Bologna - Dipartimento di Sociologia (ente promotore). Risultati attesi e attività previste Formare professionisti che operino in qualità di “agenti” del cambiamento all’interno delle dinamiche esistenti nei settori della pianificazione territoriale e delle politiche sociali dei paesi di provenienza. Aspetti qualificanti È previsto un corso di insegnamento di lingua italiana . Si svolgono lavori di gruppo ed individuali di ricerca con i quali gli studenti imparano ad utilizzare le nuove tecnologie; vengono organizzate visite didattiche che permetteranno agli studenti di apprendere in maniera diretta i diversi sistemi di sviluppo territoriale e di governo locale presenti in Emilia Romagna, Marche ed altre regioni italiane . Il tirocinio obbligatorio, inoltre, consente di sperimentare e mettere a frutto conoscenze teoriche e pratiche acquisite con la frequentazione dei seminari e dei workshop.

BILANCIO CESTAS SOCIALE Bilancio CESTAS sociale 2008-2009 2008 | 43


I NOSTRI PROGET TI | FORMAZIONE

2.8.9 IV Edizione Corso di Alta Formazione in “Organizzazione e

Management dei Servizi Socio-Sanitari in Contesti Differenziati” A.A. 2008/2009 Settore Formazione Area e paese Italia Progetto promosso Dipartimento di Sociologia – Università di Bologna Progetto gestito da Dipartimento Formazione

Ente finanziatore Ministero degli Affari Esteri – Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo Valore economico Totale progetto: 188.136 € Contributo Donor: 131.695 € Contributo CESTAS: 56.441 € Ruolo di CESTAS Gestore

Periodo di attuazione Maggio 2009 – Settembre 2009

Informazioni Responsabile Dipartimento: Cristina Falcaro Responsabile progetto: Chiara Guidoreni

Motivazioni dell’intervento Il progetto, attraverso la specializzazione di figure professionali nella gestione dei servizi socio-sanitari, intende contribuire all’innalzamento del livello qualitativo dei servizi socio sanitari sul territorio di appartenenza dei corsisti, formando manager che operino in una logica di partecipazione e sostenibilità economica, sociale ed ecologica. Il progetto si inserisce nell’ambito delle attività stabilite dalla cooperazione internazionale nelle aree di provenienza degli studenti. Il progetto formativo mira a contrastare le criticità principali che limitano lo sviluppo delle aree interessate: la difficoltà di accesso alla formazione specializzata manageriale , in un settore strategico specifico quale quello socio-sanitario; il deficit tecnologico dei paesi in via di sviluppo, ed il conseguente divario nell’accesso all’informazione con i paesi industrializzati, tema sul quale occorre intervenire anche grazie ai meccanismi di aiuto allo sviluppo. Il Corso, permette di rispondere alla carenza di percorsi brevi di Alta Specializzazione per l’aggiornamento professionale di quelle figure già formate ed inserite nei quadri dirigenziali dei diversi enti preposti al buon governo, con particolare riferimento alle politiche socio-sanitarie. Il progetto formativo si inserisce in un modello di cooperazione allo sviluppo capace di puntare alla formazione come elemento sostanziale del principio di “complementarietà” degli interventi e strumento privilegiato per il raggiungimento dell’obiettivo centrale della strategia italiana di cooperazione, ossia la riduzione della povertà.

socio-sanitari dei paesi di provenienza. Il corso si attua anche attraverso un laboratorio capace di sperimentare modelli di attuazione dei piani di sviluppo e di gestione dei servizi socio-sanitari, attraverso metodologie didattiche orientate al coinvolgimento degli allievi per la ricerca di progetti, idee e nuove proposte. Il corso rilascia 30 Crediti Formativi Universitari.

Obiettivi Formare manager provenienti dai paesi Terzi nel campo dell’organizzazione e del management dei servizi socio-sanitari. La formazione di queste competenze si rende utile all’innalzamento del livello qualitativo della gestione dei servizi

44 | CESTAS BILANCIO Bilancio SOCIALEsociale CESTAS 2008 2008-2009

Beneficiari Il corso è rivolto a 11 corsisti provenienti da paesi di massima priorità per il Ministero degli Affari Esteri . I beneficiari del progetto sono operatori della pianificazione dei servizi socio- sanitari provenienti da Paesi Esteri che ricoprono posizioni dirigenziali rilevanti nei servizi sociosanitari e che operano in una logica di partecipazione e di sostenibilità ecologica, innanzitutto, ma anche economica e sociale. Partner del progetto Dipartimento di Sociologia, Università degli Studi di Bologna (ente promotore); AUSL Bologna e AUSL Ferrara. Risultati attesi e attività previste I corsisti hanno beneficiato di un corso di insegnamento della Lingua Italiana, oltre che di un inquadramento teorico e normativo di base, accompagnato dell’approfondimento determinato con lo studio di casi; la simulazione e progettazione partecipata; l’organizzazione di lavori di gruppo ed individuali di ricerca; la possibilità di legare sempre le attività formative all’uso delle nuove tecnologie. Gli studenti hanno conseguito una formazione specifica in materia di socio-antropologia della salute; organizzazione di reti sanitarie sul territorio (profit e no-profit); programmazione partecipata ed integrata dei servizi; monitoraggio e valutazione dei servizi e dei programmi di promozione socio-sanitaria; organizzazione e controllo di gestione della ri-

cerca e dell’innovazione in un azienda sanitaria; modelli comparati di riorganizzazione dei sistemi sanitari; strumenti tecnologici per la gestione dei servizi. Attraverso le visite guidate, gli studenti hanno potuto conoscere i diversi sistemi di sviluppo territoriale e di governo locale presenti nell’Emilia Romagna e nelle Marche. Infine, attraverso gli Stage, gli studenti hanno potuto sperimentare e mettere a frutto le conoscenze teoriche e pratiche acquisite con la frequentazione dei seminari e dei workshop. Il confronto con esperti ed operatori di pari livello dei corsisti, ha rappresentato un ulteriore valore aggiunto alla formazione. Aspetti qualificanti I corsisti hanno potuto aggiornare le loro competenze in materia di criteri tecnici e normativi per analizzare e definire i problemi che si devono risolvere nella gestione dei servizi socio sanitari. Valore economico Progetto in avvio nel 2008/2009 , i dati finanziari sono di competenza del bilancio 2009.


I NOSTRI PROGET TI | AFRICA

2.8.10 Progetto di appoggio alla disseminazione della classificazione

internazionale del funzionamento della disabilità e della salute per bambini e adolescenti

Area e Paese Africa – Mozambico, Maputo

Valore economico Totale progetto: 83.224 € Contributo Donor: 44.673 € Contributo CESTAS: 17.669 € Contributo Altri: 20.881 €

Progetto promosso e gestito da Ufficio Regionale Africa

Ruolo di CESTAS Capofila ed ente esecutore del progetto

Periodo di attuazione Settembre 2008 – Settembre 2009

Informazioni Responsabile Ufficio Regionale: Carlo Miglioli Responsabile progetto: Giulio Borgnolo

Settore Sanitario

Ente finanziatore Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Motivazioni dell’intervento A partire dal 2001, con il“Progetto di Appoggio alla Rete Sanitaria di Base dell’ Area di Mavalane”, il CESTAS si è proposto di favorire il processo di decentralizzazione appena avviato dal Governo e dal Ministero della Sanità Mozambicani; si vuole inoltre incrementare l’accesso ai servizi sanitari e la qualità delle cure offerte dalle Unità Sanitarie di primo livello. Obiettivi Contribuire in generale alla definizione di politiche atte a permettere alle persone ed in particolar modo ai bambini con disabilità di godere appieno dei diritti civili, compreso l’accesso e la partecipazione alla istruzione ed ai servizi sanitari. L’obiettivo specifico è migliorare la conoscenza in merito al fenomeno della disabilità e potenziare le capacità di risposta da parte del territorio nei confronti delle situazioni di discriminazione nell’area di Mavalane. Beneficiari I beneficiari diretti del presente progetto sono: operatori comunitari che riceveranno formazione specifica e qualificante sull’applicazione della classificazione ICF-CY (ICF- Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute per i Bambini e per i Giovani). La selezione dei ricercatori si orienterà principalmente verso le associazioni del territorio, fra cui i community committees (comitès de saude) operanti nell’area. Attori pubblici e della società civile verranno sensibilizzati, informati e messi in relazione rispetto alle tematiche di progetto. Tali soggetti rappresenteranno gli interlocutori costanti per la disseminazione e l’applicazione dei criteri del sistema ICF-CY. Soggetti in età scolare, pre-adolescenziale e adolescenziale che vedranno la loro condizione migliorare grazie alla realizzazione del progetto.

L’intervento permetterà di identificare i soggetti diversamente abili e di conoscerne in modo accurato le condizioni e le potenzialità. In secondo luogo attraverso le attività sul campo di informazione, sensibilizzazione e networking essi consolideranno i propri diritti e vedranno ridurre la discriminazione e lo stigma. I beneficiari indiretti sono rappresentati dall’intera popolazione di Mavalane che beneficerà di un quadro istituzionale meglio preparato nei confronti della disabilità e quindi in grado di predisporre servizi ad hoc.

gruppo di operatori sanitari del Ministero della Sanità e dell’Ospedale Centrale di Maputo che si propone di diffondere il sistema di Classificazione delle Malattie (ICD 10) e di costituire un Centro Collaboratore OMS nel Paese. Il programma ha raccolto un forte consenso intersettoriale con il Ministero dell’Educazione, che si appresta a richiedere la sua estensione nell’ambito della classificazione dei giovani con necessità di apprendimento speciale e per il disegno dei profili formativi.

Partner del progetto Partner istituzionale: Ministero della Sanità (MISAU) Partner esecutivo: CESTAS Partners italiani/europei: Agenzia Regionale della Sanità del Friuli Venezia Giulia (ARSFVG)

Aspetti qualificanti Vanno sottolineati alcuni aspetti importanti rispetto alla sostenibilità istituzionale, economica e socioculturale del progetto. L’iniziativa è complementare ed integrata rispetto ai programmi nazionali formulati dal Ministero della Salute (MISAU); inoltre la metodologia proposta è compatibile con l’integrazione all’interno di un quadro di politiche nazionali di settore. Una parte significativa dei costi del progetto sarà coperta localmente e la controparte garantirà la continuità delle attività anche al termine del co-finanziamento italiano. Gli indicatori principali che saranno assunti per assicurare la piena sostenibilità del programma saranno quelli inerenti la partecipazione comunitaria, l’incremento dell’interscambio, il miglioramento delle conoscenze tecniche e più in generale, il miglioramento effettivo delle condizioni di vita della popolazione. L’iniziativa parte dall’analisi e dalla valutazione del contesto istituzionale e del quadro normativo vigente nel settore della disabilità e della lotta alle discriminazioni. Il raggiungimento della piena sostenibilità del progetto costituisce l’aspetto più rilevante e qualificante dello stesso, ed è stato l’elemento maggiormente considerato nella fase di ideazione ed elaborazione, sia tramite le missioni in loco e gli incontri in Italia sia attraverso l’esperienza che CESTAS ha maturato attraverso il lavoro di cooperazione nel Paese.

Risultati attesi e attività previste Obiettivo • Migliorare la conoscenza in merito al fenomeno della disabilità. Risultati ottenuti nel 2008 • Attori del settore di riferimento sensibilizzati sui temi della disabilità. • Conoscenza da parte delle istituzioni locali in merito al fenomeno della disabilità potenziata. Attività svolte nel 2008 • Realizzazione di una pubblicazione introduttiva sulla classificazione ICF-CY. Il programma ha incontrato il pieno sostegno istituzionale da parte di autorità e di operatori sanitari a differenti livelli. La partecipazione degli operatori sanitari della salute di base alla formazione ed alle prime fasi di raccolta informativa è stata molto vivace ed attenta. La ricerca è stata studiata e disegnata con la partecipazione degli operatori sanitari (bottom up) e ciò potrebbe pertanto aiutare a descrivere più fedelmente la disabilità in età evolutiva presente nell’area di studio. È stata strutturata una alleanza strategica con il

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 45


I NOSTRI PROGET TI | AFRICA

2.8.11 L’agire dei giovani nella lotta all’AIDS

Area e Paese Africa: Mozambico – Maputo

Valore economico Totale progetto: 121.940 € Contributo Donor: 27.470 € Contributo CESTAS: 28.456 € Contributo Altri: 66.014 €

Progetto promosso e gestito da Ufficio Regionale Africa

Ruolo di CESTAS Socio

Periodo di attuazione Maggio 2008 – Luglio 2009 (prorogato)

Informazioni Responsabile Ufficio Regionale: Carlo Miglioli Responsabile progetto: Carlo Miglioli

Settore Giovani, prevenzione AIDS, tematica di genere

Ente finanziatore Regione Emilia Romagna

Motivazioni dell’intervento Il progetto rientra nelle priorità geografiche e tematiche della Regione Emilia Romagna, espresse nel“Documento di Indirizzo Programmatico per il Triennio 2006 – 2008”. Esso si pone nell’ottica della continuità rispetto alle azioni che i tre Enti in Consorzio temporaneo (ARCS, ARCI, CESTAS) implementano in Mozambico, dando un importante rilievo alle attività di formazione, in particolare di genere. Obiettivi Obiettivo generale: contribuire alla lotta all’AIDS nei suoi aspetti sanitari, sociali e culturali, con particolare attenzione alla promozione sociale della donna. Obiettivi specifici: formazione dei giovani, ed in particolare delle giovani donne, sul tema della prevenzione dell’AIDS; contribuire alla diffusione e sensibilizzazione dei temi dell’AIDS e dei diritti delle donne in tutta la comunità attraverso utilizzo di materiale informativo ed espressioni artistiche. Beneficiari Beneficiari diretti del progetto sono: i giovani operatori e operatrici sanitari e rappresentanti comunitari; studenti in età adolescenziale; giovani coinvolti nel laboratorio teatrale; cittadine e cittadini identificati come possibili fruitori degli spettacoli del prodotto del laboratorio teatrale e la diffusione del dvd; donne delle comunità coinvolte nelle attività seminariali e di informazione sulle principali tematiche sulla salute, i diritti, le problematiche di genere; studenti e giovani del territorio dell’Emilia Romagna coinvolti nel le attività di divulgazione e sensibilizzazione e la partecipazione al seminario. Beneficiari indiretti saranno innanzitutto gli abitanti dell’area di Mavalane che, grazie al coinvolgimento dei giovani e le donne che parteciperanno alle attività, saranno sensibilizzati sui temi dell’AIDS, della prevenzione del disagio giovanile, dei diritti e dello sviluppo della persona e della comunità anche in un’ottica di genere di ugua-

46 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

glianza e pari dignità e accesso ai servizi e alla vita comunitaria. La comunità emiliana trarrà benefici indiretti dalla fruizione dei video dello spettacolo teatrale e da quello divulgativo sui temi di genere, dalle fotografie, e altri materiali prodotti dai ragazzi che parteciperanno al campo di lavoro ARCI-Arcs nel 2008. Partner del progetto Partner istituzionale: Cruz Vermelha Moçambicana, Forum Mulher, Associação Cultural Machaka Partner esecutivo: ARCS Partners italiani/europei: Associazione Arci Modena Comitato Provinciale, Azienda AUSL di Bologna, Teatro dei Venti, Comune di Modena Risultati attesi e attività previste In uno sforzo unitario coordinato con la direzione sanitaria dell’area di salute di Mavalane, nel corso del periodo in esame il CESTAS ha contribuito a mettere a punto un piano per riorganizzare e rafforzare sistematicamente il nucleo delle attenzioni di salute primarie e della salute materno–infantile (SMI) dell’area di Mavalane, che ha sede nel CDS (Centros de Saùde – Centri di salute) 1° de Maio. In questa linea di attività sono state previste la raccolta di informazioni, l’analisi della situazione ed il successivo disegno di un piano di rafforzamento dei servizi dedicati all’età evolutiva ed in particolare al funzionamento degli ambulatori dei bambini in situazione di rischio. In Mozambico la definizione di“bambino a rischio” prevede ovviamente il rischio di morte e/o di malnutrizione grave e fa riferimento ad varie situazioni: il basso peso alla nascita, l’allattamento artificiale, lo svezzamento prima dell’anno di età, il ritardo della crescita, la malnutrizione acuta, il figlio di madre HIV positiva, il bambino HIV positivo, il bambino con contatto TBC, il nato da parto gemellare, il bambino orfano o con la madre assente, ed infine quello appartenente ad un nucleo familiare con gravi problemi sociali. L’analisi della si-

tuazione ha messo in risalto una generale scarsa efficienza nella identificazione, riferimento alle strutture sanitarie e sostegno domiciliare e comunitario dei bambini in situazione di rischio ed in particolare la mancanza di partecipazione delle famiglie dei bambini con problemi di malnutrizione e di HIV/AIDS. In particolare sono criticamente carenti le attività di prevenzione della trasmissione materno fetale dell’HIV determinate da scarsa sensibilizzazione e dallo stigma che questa malattia si porta appresso. Il piano di rafforzamento della SMI prevede, tra l’altro, oltre all’arruolamento straordinario di un coordinatore specialista nell’ambito delle cure dell’HIV-AIDS e della salute materno infantile e di due infermiere per la formazione in servizio del personale dedicato dell’area di salute, un programma di formazione con l’organizzazione di corsi che comprendono anche un iniziativa dedicata alla formazione di agenti della comunità (denominata AIDI comunitario) e l’attivazione di un vero sostegno comunitario. Aspetti qualificanti La sostenibilità tecnico-finanziaria del progetto è garantita dal fatto che l’attività di prevenzione dell’Aids è ormai diventata un’attività istituzionale all’interno della CruzVermelha che ha portato a collaborare con il Governo e il Ministero della salute a varare anche un piano di lotta all’aids. In questo senso il progetto intende fornire alle associazioni, comunità e istituzioni soprattutto locali gli strumenti e le professionalità per migliorare le proprie attività e renderle più efficaci. Il rapporto stretto che il programma attiva tra i partner localmente per la gestione delle attività permette di avviare percorsi condivisi e sperimentali in cui il Forum de la Mulher e l’Associação Cultural Machaka garantiscono l’aspetto e valore aggiunto di informazione e sensibilizzazione strumentale all’intervento socio-sanitario.


I NOSTRI PROGET TI | AFRICA

2.8.12 Progetto di sostegno alla salute materno infantile ed ai servizi

sanitari di base dell`area di Mavalane (Maputo)

Area e Paese Africa - Mozambico – Maputo

Valore economico Totale progetto: 1.034.097 € Contributo Donor: 721.168 € Contributo CESTAS: 155.611 € Contributi Altri: 157.318 €

Progetto promosso e gestito da Ufficio Regionale Africa

Ruolo di CESTAS Capofila

Periodo di attuazione Aprile 2008 – Aprile 2009

Informazioni Responsabile Ufficio Regionale: Carlo Miglioli Responsabile progetto: Carlo Miglioli

Settore Sanitario (salute materno-infantile)

Ente finanziatore Ministero Affari Esteri

Motivazioni dell’intervento Tale progetto consiste nel potenziamento di un precedente programma implementato nel paese nei primi anni 2000 e co-finanziato dal Ministero Affari Esteri. Inoltre, il CESTAS vanta una lunga esperienza nel paese con interventi nell’ambito della salute materno-infantile. Infine il paese risulta strategico per la cooperazione italiana. Obiettivi Obiettivo generale: migliorare lo stato di salute della popolazione residente nell’Area di Salute di Malavane. Obiettivo specifico: favorire il processo di decentralizzazione e migliorare le condizioni fisiche, l’efficienza, l`accesso e la qualità dei servizi forniti da Centri di Salute ed Posti di Salute dell`Area di Mavalane, con particolare riguardo all`assistenza materno infantile. Beneficiari Come risulta dall’ultimo censimento del 1997 la popolazione dell’area rappresenta il 45% degli abitanti di Maputo. Fonti del Ministero della Sanità aggiungono che probabilmente si è ormai ben oltre questo dato a causa delle migrazioni di rifugiati scampati dalle alluvioni del 2000. Essendo l’intervento esteso a tutte le unità sanitarie C.d.S. (Centros de Saùde – Centri di salute) e P.d.S. (Postos de Saùde - strutture sanitarie periferiche) dell’area si può affermare che potenzialmente i beneficiari sono tutti gli abitanti in essa presenti. Inoltre beneficeranno direttamente delle attività di progetto il personale sanitario delle Unità Sanitarie corrispondente agli operatori e le comunità direttamente coinvolte nelle attività di partecipazione diretta alla vita delle Unità Sanitarie. Partner del progetto Partner istituzionale: Ministero della Sanità Direzione Sanitaria della città di Maputo, Direzione dell’Area Mavalane.

Partner esecutivo: Direzione Sanitaria della città di Maputo, Direzione dell’Area di Mavalane. Risultati attesi e attività previste • Riabilitato il Centro di Salute (CDS) di Malhangalene. • Rivitalizzati i Comitè de Saude. • Disegnato ed iniziato un piano integrato e comprensivo di rafforzamento della salute materno infantile. • Disegnato ed identificato un piano di rafforzamento delle risorse umane dell’area di Mavalane. • Contribuito costantemente al coordinamento ed alle comunicazioni tra i vari stakeholders Attività svolte • Presentazione del progetto CESTAS agli stakeholders istituzionali. • Disegno di un particolareggiato piano di lavoro in generale di sostegno al CPS ed alla salute materno infantile in particolare. • Riabilitazione del Centro di Salute di Malhangalene completata. • È stato formulato un piano per il rafforzamento della Salute Materno Infantile che ha portato alla contrattazione di due infermiere esperte per formazione in servizio e valutazione qualità. • Attuati vari incontri per pianificare “chi fa che cosa”nell’ambito delle attività riabilitative (partecipazione di tutta la cooperazione presente nell’area). • Acquisite attrezzature per il Centro di Salute di Malhangalene. • Identificati i partecipanti e la ditta esecutrice di un corso di informatica rivolto al personale sanitario. • Identificati 10 beneficiari all’interno del personale sanitario dell’area che usufruiranno di una borsa di studio a partire dal 2009. • Attivata con la contrattazione delle infermiere una formazione continua in servizio.

• Sono state attivate e finanziate tramite il progetto le strutture di rapporto con la Comunità “Comitè de Saùde”, le quali si riuniscono periodicamente, svogendo una serie di incontri preparatori alle giornate di Saùde durante le quali saranno censite e valutate CBO ed Ong che si interessano alla SMI (Salute materno-infantile) dell’area. • Svolti periodici incontri con tutte le organizzazioni internazionali presenti nell’area. Aspetti qualificanti Il programma si svolge in un’area ad alta intensità di interventi di cooperazione. Esso intende perseguire una forte integrazione dei vari programmi in corso. CESTAS si avvale inoltre delle sinergie derivanti da un sistema di altri progetti attualmente in fase di realizzazione da parte della Ong, finanziati dalla cooperazione decentrata. Questi ultimi risultano complementari rispetto al presente progetto, rafforzandone l’impatto. Si segnala inoltre il raggiungimento di un buon grado di integrazione con le controparti sia a livello dell’ospedale di Mavalane, sia a livello ministeriale centrale. Le attività oggetto dell’intervento vengono considerate dalle autorità sanitarie mozambicane un’esperienza pilota, che costituirà un riferimento sicuro per le future programmazioni delle politiche nazionali. La possibilità di garantire la sostenibilità economica finanziaria a quanto creato attraverso le risorse esterne del Progetto, è principalmente legata ad un solido sviluppo economico del Paese tale da permettere una maggiore allocazione di risorse al servizio sanitario nazionale, alla reale costituzione di una Politica di Recupero dei Costi attraverso meccanismi di partecipazione comunitaria per il finanziamento delle salute, alla crescita professionale e gestionale del personale della DSCM, delle Direzioni dell’Ospedale Generale e dell’Area di Salute di Mavalane e delle unità sanitarie periferiche.

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 47


I NOSTRI PROGET TI | AFRICA

2.8.13 Supporto al programma Nazionale integrato di lotta alla HIV/AIDS e TBC nelle Regioni di Omusati ed Otjozondjupa

Settore Sanitario (HIV-AIDS, TBC) Area e Paese Africa - Namibia (Regioni di Omusati e Otjozondjupa) Progetto promosso e gestito da Ufficio Regionale Africa Periodo di attuazione Marzo 2005 – Marzo 2009

Valore economico Totale progetto: 2.716.266 € Contributo Donor: 1.351.616 € Contributo CESTAS: 408.267 € Contributi Altri: 956.383 € Ruolo di CESTAS Capofila Informazioni Responsabile Ufficio Regionale: Carlo Miglioli Responsabile progetto: Sara Pergolizzi

Ente finanziatore Mistero degli Affari Esteri

Motivazioni dell’intervento Lunga presenza di CESTAS nel Paese con interventi in ambito sanitario. Obiettivi Obiettivo generale: miglioramento dello stato di salute della popolazione nabimiana, attraverso la riduzione della diffusione del virus HIV nella regione di Omusati, e la riduzione ed il controllo (morbilità, mortalità) della TBC nella regione di Otjozondjupa. Obiettivi Specifici: potenziamento del Programma Nazionale HBC (Home based care – Cure domiciliari)del MOHSS (Ministry of health and social services) e del Programma HBC della Regione di Omusati. Potenziamento del Programma Nazionale TBC del MOHSS e del Programma TBC nella Regione di Otjozondjupa, attraverso l’implementazione della strategia OMS nel trattamento della stessa (DOTS Directly observed treatment short course – protocollo di terapia della tubercolosi). Beneficiari I principali beneficiari diretti sono: • i PLWHA (people living with AIDS)della Regione di Omusati e di Otjozondjupa, il personale sanitario occupato nelle Unita sanitarie, la popolazione della Regione di Omusati che beneficerà di maggiori informazioni sull’HIV-AIDS. • La popolazione della Regione di Otjozondjupa che beneficerà di maggiori informazioni sulla TBC, i volontari comunitari che riceveranno una formazione specifica nelle “Home Based Cares” e riceveranno un supporto per i kits loro forniti. • I responsabili nazionale del Programma HBC e TBC del MOHSS ed i loro collaboratori regionali, distrettuali e circoscrizionali. • Saranno beneficiari indiretti alcune popolazioni limitrofe alla Regione di Omusati e di Otjozondjupa.

48 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

Partner del progetto Partner istituzionale: MOHSS (Ministero della Sanità della Namibia) Partner esecutivo: Consorzio CESTAS/AISPO. Risultati attesi e attività previste Capacità istituzionali del Programma di cure domiciliari (HBC) al MOHSS ed alla Regione Sanitaria di Omusati migliorate • Attivitá di formazione sul campo (training on the job) nella regione. • Riunioni di coordinamento con i rappresentanti della Direzione Sanitaria Regionale. • Partecipazione alle riunioni periodiche del Regional Aids Coordination Committee. • Partecipazione attiva agli incontri periodici del tavolo tecnico di lavoro per la definizione di Linee Guida Nazionali riguardanti l’HBC. • Realizzazione di un Seminario Annuale in Namibia sul progetto. Prevenzione della infezione da HIV in Omusati migliorata, attraverso l’educazione sull’HIV/AIDS delle comunità, la disseminazione di messaggi ed informazioni ed attraverso l’uso del preservativo • Partecipazione al WORLD AIDS DAY 2008 nella Regione di Omusati. • Organizzazione e realizzazione di una Mid Term Evaluation in collaborazione con la UNAM (University of Namibia) per la valutazione del progetto. Servizio domiciliare per la cura dei malati AIDS nella Regione di Omusati potenziato, sia per gli aspetti medici che psicologici • Completamento di un ciclo di 4 corsi per la formazione dei primi 100 HBCG (Home Based Care Givers - Prestatori di cure domiciliari). • Corso di formazione per il Personale Amministrativo “Common Module on HIV/AIDS, TB e STD (Sexually transmitted diseases - malattie sessualmente trasmesse). • Realizzazione del ciclo di corsi per la

formazione di HBCG. • Consegna alla Direzione Sanitaria di Omusati e distribuzione ai quattro distretti di HBC Kits refill, per le attivitá di assistenza degli HBCG. Capacità istituzionali del Programma di TB al MOHSS ed alla Regione Sanitaria di Otjozondjupa, migliorate • Partecipazione alle riunioni periodiche a livello nazionale dello Steering Committee TBC. • Partecipazione da parte del coordinatore regionale alle riunioni periodiche del RACOC (regional AIDS coordination committee) con il “DSP regional staff”. • Raccolta periodica dei dati relativi alla TBC a livello di ogni distretto. • Attivitá di formazione sul campo (training on the job) nella regione. Strategia DOTS di lotta alla TBC in Otjozondjupa, rafforzata e sostenibile • Formazione e contrattazione di DOTS Promoters aggiuntivi. • Formazione di infermiere di differente categoria, che lavorano nelle Cliniche. • Realizzazione del corso di formazione regionale sull’uso delle Linee Guida Nazionali per il controllo della TBC. • Formazione degli HBCGs della Regione di Otjozondjupa sulle nozioni di base della malattia tubercolare. • Review Meetings per la formazione continua dei DOTS Promoters. • Diffusione di messaggi radiofonici in lingua Oshiwambo, Herero, Damara, Afrikaans e Inglese. • Organizzazione e partecipazione alle iniziative per la commemorazione del World TB Day. • Organizzazione e partecipazione alle iniziative per la commemorazione nazionale del National World AIDS Day.


I NOSTRI PROGET TI | AFRICA

INTERVISTE AI DIRIGENTI Quale è stato a suo giudizio il punto qualificante del progetto realizzato dal CESTAS in Namibia? DR. LISCHEN HOASES GORASES, PRESIDE DELLA FACOLTA’ DI MEDICAL AND HEALTH SCIENCES UNIVERSITY OF NAMIBIA (UNAM) Il progetto del CESTAS, oltre all’impatto verificato in termini di miglioramento di alcuni indicatori sanitari, ha costituito per la nostra Facoltà un esempio di collaborazione tecnico scientifica ed un importante banco di prova nel campo della misurazione d’impatto e della raccolta e classificazione di dati epidemiologici. La UNAM apprezza fortemente l’azione del CESTAS in Namibia ed intende rafforzare i propri legami con il CESTAS in futuro. DR. MARCUS GORASEB, VICE DIRETTORE DEPARTMENT OF SPECIAL PROGRAMMES (MINISTRY OF HEALTH AND SOCIAL SERVICES) Sin dalle fasi preliminari del progetto CESTAS ho avuto il piacere di essere il referente all’interno del MOHSS per l’iniziativa. Ho apprezzato l’approccio aperto e collaborativo della Ong italiana e la capacità di adattare le strategie progettuali all’interno delle politiche nazionali sanitarie. I risultati raggiunti confermano l’elevato grado di interazione raggiunto tra il personale espatriato della Ong ed il nostro, a vantaggio dell’efficacia degli interventi e della sostenibilità futura di essi. ROSALIA INDONGO, COORDINATRICE TB NATIONAL PROGRAMME (MINISTRY OF HEALTH AND SOCIAL SERVICES) Il CESTAS ha svolto un ruolo importante nella lotta alla tubercolosi in Namibia nell’ultimo triennio. I risultati raggiunti nella regione di Otjozondjupa sono estremamente incoraggianti e rappresentano, insieme a quelli ottenuti nella regione di Omaheke, un esempio di buone pratiche tra i più ragguardevoli a livello nazionale. Il MOHSS è estremamente soddisfatto della priorità data dalla cooperazione italiana, grazie ai programmi promossi dal CESTAS, al sostegno alle politiche socio sanitarie namibiane. La recente approvazione di un’estensione del precedente progetto CESTAS nelle regioni di Omusati e Otjozondjupa è una conferma di questo. Anche la presenza di CESTAS all’interno dello Steering Committee nazionale per lotta alla TB ha fornito un contributo importante. SAKARIAS TAAPOPI, DIRETTORE REGIONALE OTJOZONDJUPA (MINISTRY OF HEALTH AND SOCIAL SERVICES) Il CESTAS ha assicurato un costante sostegno alle azioni intraprese dalla direzione regionale del MOHSS nella lotta alla TB. La presenza quotidiana di un coordinatore locale operante all’interno dello staff del MOHSS e la supervisione realizzata dal personale espatriato hanno assicurato una perfetta integrazione e complementarietà degli interventi nell’area. HILDA HAIPINGE, DIRETTORE REGIONALE OMUSATI (MINISTRY OF HEALTH AND SOCIAL SERVICES) Nella nostra regione CESTAS si è concentrato sul rafforzamento del sistema di cure domiciliari (HBC) per i pazienti affetti da HIV/AIDS. La formazione offerta ai prestatori volontari di cure e la fornitura di attrezzature hanno potenziato la qualità dei servizi offerti nel territorio di Omusati. Anche il ruolo svolto dal coordnatore locale CESTAS ha consentito alla direzione regionale di incrementare notevolmente il proprio grado di efficacia nelle azioni rivolte a contrastare la pandemia di AIDS.

SUOMA ANGALA, COORDINATRICE SPECIAL PROGRAMMES OTJOZONDJUPA (MINISTRY OF HEALTH AND SOCIAL SERVICES) La formazione ed il sostegno offerti ai promotori della terapia DOT dal progetto CESTAS ha rappresentato un momento di svolta nella lotta alla diffusione della TB nella nostra regione. Gli indicatori hanno mostrato dei tassi di miglioramento impressionanti. La prosecuzione della collaborazione con CESTAS ci da grandi speranze per una riduzione stabile e definitiva dei tassi di prevalenza della TB in Otjozondjupa.

INTERVISTE AI PAZIENTI Come hai scoperto di esserti ammalato di tubercolosi? Per prima cosa mi sentivo debole per parecchi giorni e poi ho cominciato a tossire per diverse settimane. Ho perso l’appetito. Vomitavo e sudavo in gran quantità durante la notte e perdevo costantemente peso. Andai all’ospedale e fui ricoverato e la mattina dopo ho preso lo Spot Sputum. Dopodichè fui informato dal dottore che soffrivo di tubercolosi polmonare. Che tipo di problemi hai dovuto affrontare? All’inizio dovevo viaggiare 82km dalla fattoria due volte al mese per ricevere il trattamento a Otjiwarongo. Spendevo N$130,00 per venire e N$130,00 per tornare. Mi servivano abbastanza pastiglie per la terapia antitubercolare per due mesi, per poter farcela con le spese dei trasporti. Come e’cambiata la tua vita da quando hai iniziato il trattamento? Ora sono contenta perché la medicina viene fornita gratuitamente dal governo e vengo seguita dai DOT promoters del progetto CESTAS. Mi sento molto meglio e sono in grado di fare il mio lavoro di coltivatrice di verdura alla fattoria. Tossisco ancora un po’, ho un miglior appetito e sono aumentata di peso. Sono molto impegnata a completare la mia cura TBC.

INTERVISTE AI PROMOTERS COME HAI DECISO DI ENTRARE A FAR PARTE DEL PROGETTO IN QUALITA’DI PROMOTORE? Ero partecipe nel risolvere problemi di salute nella comunità. Ho avuto la tubercolosi e completata la cura per la tubercolosi, ho sentito il bisogno di essere d’aiuto alla gente con la stessa malattia Ho perciò deciso di arruolarmi nel progetto per essere formato nell’aiutare i pazienti di tubercolosi. Avendo sofferto degli stessi disturbi, so come si sentono i pazienti di tubercolosi. Lo staff della direzione sanitaria regionale mi ha selezionato per essere un DOT promoter. PUOI DESCRIVERE BREVEMENTE IL TUO LAVORO? E un lavoro interessante. Un lavoro che mi consente di divenire amico dei miei pazienti. È una bella sensazione parlare con i pazienti di educazione sanitaria sulla prevenzione della tubercolosi e sull’importanza dei DOT. I pazienti sono molto cooperativi. Distribuisco le pastiglie contro la tubercolosi e li sorveglio direttamente quando le inghiottiscono. PUOI DESCRIVERE BREVEMENTE IL TUO RAPPORTO CON IL PERSONALE E LE STRUTTURE SANITARIE REGIONALI? La nostra relazione è buona. Per esempio, le infermiere vengono giornalmente a praticare iniezioni ai pazienti ai dispensari e ai DOT point che hanno bisogno di Streptomicina. Il contatto tra i dottori, le infermiere e me è molto buono. C’è un rispetto reciproco tra lo staff sanitario e io mi sento considerato uno di loro. PUOI DESCRIVERE BREVEMENTE IL TUO RAPPORTO CON I PAZIENTI? La mia relazione con i pazienti è molto buona. I miei pazienti non devono aspettarmi, ma io sono disposto ad aspettare loro.Sono contenti perché li visito a casa e fornisco loro educazione sanitaria. Ho 42 pazienti di tubercolosi che assumono la loro medicina sotto la mia sorveglianza diretta tutti i giorni.

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 49


I NOSTRI PROGET TI | AFRICA

2.8.14 Supporto al programma nazionale integrato di lotta all’HIV/AIDS e TBC nella Regione di Omusati

Settore Sanitario (HIV-AIDS, TBC) Area e Paese Africa - Namibia (Regione di Omusati) Progetto promosso e gestito da Ufficio Regionale Africa Periodo di attuazione Settembre 2007 – Marzo 2009 ( prorogato)

Valore economico Totale progetto: 63.012 € Contributo Donor: 41.794 € Contributo CESTAS: 21.224 € Ruolo di CESTAS Capofila Informazioni Responsabile Ufficio Regionale: Carlo Miglioli Responsabile progetto: Sara Pergolizzi

Ente finanziatore Regione Abruzzo/ Programma Regionale di Cooperazione Internazionale 2007

Motivazioni dell’intervento Tale progetto è complementare al programma promosso dal CESTAS e co-finanziato dal Ministero degli Affari esteri (vedi Supporto al programma Nazionale integrato di lotta alla HIV/AIDS e TBC nelle Regioni di Omusati ed Otjozondjupa). Nasce dalla volontà di potenziare l’intervento a favore della lotta all’HIV e alla TBC in Namibia. Obiettivi Obiettivo generale: contribuire a migliorare lo stato di salute della popolazione namibiana, attraverso la riduzione della diffusione del virus HIV e la riduzione ed il controllo (morbilità, mortalità) della TBC nella regione di Omusati Obiettivi specifici: 1 Potenziamento del Programma Nazionale HBC (Home based care – Cure domiciliari)del MOHSS

(Ministry of health and social services) e del Programma HBC della Regione di Omusati. 2 Potenziamento del Programma Nazionale TBC del MOHSS e del Programma TBC della Regione Sanitaria di Omusati, attraverso l’implementazione del protocollo DOTS (Directly observed treatment short course – protocollo di terapia della tubercolosi)nel trattamento della stessa. Beneficiari I beneficiari diretti del progetto sono: • i PLWHA (people living with AIDS) della Regione di Omusati e in generale la popolazione che beneficerà di maggiori informazioni sull’HIV/AIDS; • il personale sanitario occupato nelle unità sanitarie, che verrà formato e avrà meno carico di lavoro grazie al potenziamento dei servizi di cura a livello domiciliare;

• i volontari comunitari e i microscopisti che riceveranno una formazione specifica; • i responsabili nazionali dei Programmi HBC e TBC del MOHSS ed i loro collaboratori regionali, distrettuali e circoscrizionali. Beneficiari indiretti dell’intervento le popolazioni delle zone limitrofe alla Regione di Omusati. Partner del progetto Partner istituzionale ed esecutivo: Ministero della Sanità e Servizi Sociali (MOHSS) della Namibia Risultati attesi e attività previste • Riunioni di coordinamento con i rappresentanti della Direzione Sanitaria Regionale. • Realizzazione del Seminario Annuale del progetto. • Definizione dei contenuti e della selezione dei partecipati per il Corso di High Management. • Partecipazione al WORLD AIDS DAY 2008 e al WORLD TB DAY 2008 nella Regione di Omusati. • Realizzazione della Mid Term Evaluation, in collaborazione con la UNAM, sull’impatto delle attività di progetto. • Corso di formazione per il Personale Amministrativo “Common Module on HIV-AIDS, TBC e STD (Sexually transmitted diseases - malattie sessualmente trasmesse). • Realizzazione del ciclo di corsi per la formazione di prestatori di cure domiciliari (HBCG Home Based Care Givers).

Aspetti qualificanti Il contributo della Regione Abruzzo è destinato specificamente a rafforzare gli interventi previsti nella regione di Omusati dal progetto triennale del CESTAS“Supporto al programma nazionale integrato di lotta all’HIV-AIDS e TBC nelle Regioni di Omusati ed Otjozondjupa”, finanziato dal Ministero Affari Esteri ed in via di realizzazione nello stesso periodo.

50 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009


I NOSTRI PROGET TI | AFRICA

2.8.15 Progetto “Kilimanjaro”

Area e Paese Africa - Namibia (Windhoek, Katutura)

Valore economico Totale progetto: 76.820 € Contributo Donor: 50.000 € Contributo CESTAS: 9.000 € Contributo Altri: 17.820 €

Progetto promosso e gestito da Ufficio Regionale Africa

Ruolo di CESTAS Capofila

Periodo di attuazione Maggio 2008 – Maggio 2009

Informazioni Responsabile Ufficio Regionale: Carlo Miglioli Responsabile progetto: Rossella Reggente

Settore Diritti dei bambini e delle donne

Ente finanziatore Regione Basilicata

Motivazioni dell’intervento Lunga presenza del CESTAS in Namibia. Condizioni di estremo degrado a Katutura, sobborgo della capitale Windhoek. Obiettivi Obiettivo generale del progetto è rendere migliore la qualità della vita dei bambini orfani da HIV-AIDS, che nello specifico si traduce nella costruzione di un Multi Purpose Center che li accolga. La struttura in futuro verrà utilizzata dalla comunità per lo sviluppo di una serie di progetti collaterali e/o accessori e per l’offerta di ulteriori servizi alla comunità. Beneficiari I beneficiari diretti dell’intervento saranno i bambini orfani di genitori sieropositivi. I beneficiari indiretti del progetto saranno i membri delle famiglie cui i bambini appartengono e, per estensione, l’intera a comunità di Kilimanjaro. Partner del progetto Partner esecutivo: Hope Initiatives (Ong Locale) Risultati attesi e attività previste L’organizzazione generale dell’intervento si è fondata sulla necessità di coinvolgere direttamente le comunità beneficiarie e le istituzioni locali, con il preciso intento di rendere autonomo e sostenibile il progetto al termine dell’intervento finanziato dalla Regione Basilicata, onde assicurarne la continuità in termini di correttezza, efficacia ed efficienza. Si sono individuate quindi tutte le sinergie possibili tra gli operatori territoriali e le risorse umane, tecniche e finanziarie per assicurare l’esecuzione delle attività nelle modalità più appropriate. La strategia scelta da CESTAS e HISA ha riguardato principalmente il coinvolgimento

completo della comunità di Kilimanjaro. A tal proposito, si è deciso di impiegare nella costruzione del centro gli uomini residenti nell’area che circonda il lotto designato. La D HOLTZHAUSEN ha accettato benevolmente la decisione di HISA e CESTAS facendosi carico del reclutamento del personale secondo i criteri raccomandati. Attività accessorie CESTAS e Hope Initiatives hanno realizzato congiuntamente iniziative parallele di sensibilizzazione ed informazione riguardo all’intervento. La struttura essendo l’unico edificio in cemento della zona, diventerà il punto di riferimento per tutta la comunità, intorno al quale ruoterà il miglioramento sociale, alimentare ed educativo dei bambini vulnerabili. Inoltre, nel centro sarà riservato uno spazio per il reintegro sociale di un gruppo di donne della comunità di Kilimanjaro, affette e infette da HIV-AIDS. Le donne, oltre a seguire corsi di formazione sulla programmazione e gestione di piccole attività imprenditoriali, avranno il compito di prendersi cura dei bambini e garantire loro il giusto apporto nutrizionale giornaliero. Creazione di un sito web interamente dedicato alle attività della controparte locale Hope Initiatives.

a Katutura con interventi di costruzione di strutture e di formazione a sostegno dei bambini orfani e vulnerabili e delle donne socialmente emarginate. Questo ha permesso a Hope Initiatives di raggiungere un alto livello di capacità organizzativa, finanziaria e gestionale che le permette di operare in maniera del tutto efficace sul territorio. La sostenibilità del progetto è garantita, infine, dal fatto che la struttura è stata voluta e realizzata dagli abitanti della zona di Kilimajaro, in un’ottica di progettazione bottom-up, implicante il pieno coinvolgimento delle comunità locali in tutte la fasi dell’intervento. Essendo il centro l’unica costruzione in cemento dell’area, essa costituirà un punto di riferimento per la comunità. Ciò farà in modo che l’edificio diventi un centro dinamico, cui si rivolgeranno i diversi attori operanti sul territorio.

Aspetti qualificanti L’attività realizzata è parte integrante dei programmi di supporto all’infanzia e all’istruzione presenti nel Country Programme Action Plan 2006-2010 del Governo Namibiano. Ciò costituisce un elemento di forza per la sostenibilità futura del progetto, una volta terminato il supporto della cooperazione decentrata lucana. Un’altra condizione che favorirà la sostenibilità del progetto è l’esperienza vantata dall’Ong locale Hope Initiatives, la quale da anni è attiva

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 51


I NOSTRI PROGET TI | AFRICA

2.8.16 Sana maternità: formazione e aggiornamento per operatori sanitari nel settore materno e riproduttivo

Settore Sanitario – salute materno-infantile Area e Paese Africa - Malawi (Lilongwe e Dowa) Progetto promosso e gestito da Ufficio Regionale Africa Periodo di attuazione Marzo 2005 – Giugno 2009 Ente finanziatore Ministero degli Affari Esteri

Motivazioni dell’intervento Lunga presenza del CESTAS nel Paese con progetti sanitari legati alla salute materno-infantile. Obiettivi Obiettivo generale: migliorare le condizioni di salute materna e diminuire la diffusione dell’AIDS nell’area di Dowa e Lilongwe. Obiettivo specifico:potenziare la rete sanitaria di base tramite il rafforzamento strutturale e organizzativo, la formazione e l’assistenza tecnica al personale locale. Potenziare le strutture comunitarie tramite la formazione e l’assistenza tecnica ai Comitati di Sanità e alle Levatrici Tradizionali. Beneficiari Beneficiari diretti sono: il personale sanitario, che lavora nelle strutture coinvolte nel progetto, con particolare riferimento agli operatori del settore materno (membri dello staff sanitario dei Centri Sanitari ed Ospedali Rurali del distretto di Lilongwe e di Centri di Salute e OR del distretto di Dowa); le levatrici tradizionali, che operano nelle aree relative alle strutture coinvolte nel progetto; i counsellors comunitari; l’intera popolazione femminile in età fertile che fa capo ai suddetti Centri sanitari. Beneficiari indiretti: sarà beneficiaria indiretta dell’azione di prevenzione delle malattie trasmissibili tutta la popolazione dei distretti di Lilongwe e Dowa Partner del progetto Partner istituzionale: Ministero della Sanità del Malaw i- Principali Ospedali del paese Partner esecutivo: RHU/Reproductive Health Unit, DHO Lilongwe e Dowa Risultati attesi e attività previste I risultati e le attività di tale progetto sono strettamente interconnessi e complementari a quelli dei progetti cofinanziati da UNICEF e CIDA nella stessa area (vedi“Miglioramento qualitiativo dei

52 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

Valore economico Totale progetto: 1.267.109 € Contributo Donor: 586.032 € Contributo CESTAS: 190.027 € Contributo Unicef: 90.010 € Contributi Altri: 401.040 € Ruolo di CESTAS Capofila Informazioni Responsabile Ufficio Regionale: Carlo Miglioli Responsabile progetto: Mario Bacchiocchi

servizi si salute materno-infantile negli ospedali Kamuzu e Bottom”- Rafforzamento dei servizi di contraccezione a lungo termine e permanente negli ospedali rurali e nei centri di salute del Distretto di Dowa). Risultati Centri Sanitari di base potenziati a livello strutturale, nella qualità dell’assistenza prestata dal personale locale e nel coordinamento con le strutture comunitarie. Qualità e copertura dei servizi offerti a livello comunitario e dalle levatrici tradizionali migliorata. Consapevolezza in tema di prevenzione dell’HIV e di salute riproduttiva migliorata. Attività Realizzazione acquisti e installazione attrezzature sanitarie e di progetto. Realizzazione programma di formazione alle ostetriche operative nei Centri attraverso la metodologia dell’in service training e la rotazione del personale (jocker exchange programme). Creazione dei Comitati di sanità comunitari attraverso la realizzazione di incontri partecipativi. Realizzazione della formazione di levatrici tradizionali. Realizzazione della formazione di“counsellors”su argomenti relativi a AIDS. Realizzazione di una campagna di informazione e sensibilizzazione a livello nazionale, regionale, distrettuale e comunitario. Aspetti qualificanti L’intervento si basa essenzialmente sulla formazione e/o sul ri-orientamento di personale sanitario, impiegato dal Ministero di Sanità e Popolazione, e sulla formazione di operatori sanitari privati (levatrici tradizionali e Counsellors Comunitari) su argomenti riguardanti una sana maternità e HIVAIDS. Tutte le attività sono state programmate e realizzate in stretta collaborazione con i Distretti sanitari locali, rispettivamente di Lilongwe e di Dowa. Il progetto si è distinto per l’adozione di metodologie formative innovative, che hanno consentito di ridurre sensibilmente le carenze di or-

ganico derivanti dalla partecipazione ai corsi del personale coinvolto. Il programma di rotazione realizzato tramite l’in-service training permette di offrire un corso intensivo di un mese alle ostetriche che dai centri periferici si recano al Bottom Hospital, ospedale di III livello dove si eseguono 30-40 parti al giorno, senza gravare negativamente sul funzionamento del servizio, Infatti, un’ostetrica del Bottom Hospital viene inviata durante lo stesso periodo nel centro di II livello o nell’Healtn Centre, riuscendo allo stesso tempo a formare/aggiornare le ostetriche rimaste in servizio a livello periferico. Laddove l’Health Centre, dove opera l’ostetrica in formazione al Bottom Hospital, abbia carenza di personale, un’altra ostetrica indicata dal DHO viene inviata a sostituirla. Il Bottom Hospital di Bwaila, struttura di III livello, è la Maternitá pubblica più grande del Malawi con più di 12.000 parti all’anno. Un mese di formazione e di aggiornamento in questo centro per le ostetriche proveniente dalle strutture di I livello presenti sul territorio (HC, ospedali rurali), sotto la supervisione delle ostetriche di Bwaila, è uno strumento molto efficace nel processo di formazione delle ostetriche che lavorano da sole nei centri sanitari rurali e della periferia urbana. Grazie a questo sistema di formazione a rotazione si é potuta garantire l’erogazione dei servizi a tutti i livelli di assistenza che invece attraverso l’organizzazione di corsi di formazione tradizionali sarebbe stata fortemente compromessa per la riduzione/mancanza del personale in servizio. La scelta delle ostetriche da inviare al centro di III livello per la formazione é stata definita dal CESTAS in pieno accordo e collaborazione con il DHO. La selezione dei beneficiari diretti e indiretti è stata fatta dal MOHP, che ha invitato CESTAS a portare avanti il progetto nella regione centrale del Malawi, per varie ragioni, tra le quali la scarsa presenza di NGO internazionali, in confronto con la regione meridionale, l’alta densità di popolazione e la scarsa fiducia nelle strutture sanitarie.


I NOSTRI PROGET TI | AFRICA

2.8.17 Miglioramento qualitiativo dei servizi di salute materno-

infantile negli ospedali Kamuzu e Bottom Settore Sanitario – salute materno infantile Area e Paese Africa Malawi – Lilongwe e Dowa Progetto promosso e gestito da Ufficio Regionale Africa Periodo di attuazione Luglio 2007 – Luglio 2009

Valore economico Totale progetto: 84.767 € Contributo Donor: 84.767 € Ruolo di CESTAS Capofila Informazioni Responsabile Ufficio Regionale: Carlo Miglioli

Ente finanziatore UNICEF

Motivazioni dell’intervento Lunga presenza nel Paese e complementarità con il progetto co-finanziato dal Ministero Affari Esteri sulla salute materno-infantile. Obiettivi Obiettivo generale: Contribuire alla riduzione della mortalità e morbilità nelle maternità degli ospedali sopra menzionati. Obiettivi specifici: fornitura di un pacchetto di servizi di salute materno-infantile attraverso la realizzazione di interventi ad elevato impatto con ottimizzazione dei costi. Migliorare le capacità di gestione del Bottom Hospital nella fornitura di servizi e nell’offerta di formazione, nonché il coordinamento con l’Ospedale Kamuzu.

quentato le sessioni. Sono stati toccati numerosi temi inerenti i protocolli medici nonché analizzati e discussi una serie di fattori di carattere emozionale e fisico con cui le operatrici si trovano a confronto quotidianamente. Si è voluto creare dinamiche di gruppo per favorire un grado elevato di partecipazione. Sono state offerte altre sessioni di formazione “on the job” ad infermiere ed ostetriche provenienti da altre strutture periferiche della capitale e dal distretto di Dowa. I temi trattati vertevano sulla organizzazione e gestione della sala parto e su argomenti di ostetricia.

Aspetti qualificanti Il progetto va ad inserirsi nel quadro degli interventi nel settore della salute materno infantile e della pianificazione familiare realizzati dal CESTAS nelle strutture sanitarie della capitale e del distretto di Dowa. La attività formative realizzate tendono al rafforzamento del ruolo istituzionale svolto dal Bwaila Hospital nel campo dell’aggiornamento professionale del personale sanitario impegnato nelle mansioni inerenti la salute materno-infantile.

Beneficiari Infermiere ed ostetriche del Kamuzu Central Hospital and Bwaila Hospital. Partner del progetto Partner istituzionale: Reproductive Health Unit Partner esecutivo: Kamuzu Central Hospital, Bwaila Hospital Risultati attesi e attività previste Èstato un corso sulla prevenzione della trasmissione verticale (PMTCT), destinato ad ostetriche degli ospedali Bwaila e Kamuzu Central di Lilongwe. Sono state organizzate e condotte inoltre due sessioni settimanali di due ore ciascuna attraverso la metodologia dei gruppi di lavoro. Gli argomenti oggetto delle sessioni sono stati discussi in maniera interattiva all’interno dei gruppi. La formazione ha avuto luogo nella biblioteca dell’ospedale per dare modo al personale di poter essere disponibile in caso di emergenze in reparto. Un totale di 38 infermiere ostetriche hanno regolarmente fre-

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 53


I NOSTRI PROGET TI | AFRICA

2.8.18 Rafforzamento dei servizi di contraccezione a lungo termine

e permanente negli ospedali rurali e nei centri di salute del Distretto di Dowa Settore Sanitario – salute materno-infantile Area e Paese Africa Malawi – Lilongwe e Dowa Progetto promosso e gestito da Ufficio Regionale Africa Periodo di attuazione Settembre 2007 – Febbraio 2009 (prorogato)

Valore economico Totale progetto: 35.258 € Contributo Donor: 24.520 € Contributo CESTAS: 10.737 € Ruolo di CESTAS Capofila Informazioni Responsabile Ufficio Regionale: Carlo Miglioli

Ente finanziatore Cooperazione Canadese: CIDA-GESP

Motivazioni dell’intervento Lunga presenza nel Paese e complementarità con il progetto co-finanziato dal Ministero Affari Esteri sulla salute materno-infantile. Obiettivi Obiettivo generale: contribuire alla riduzione della mortalità e morbilità materno-infantile nel distretto di Dowa. Obiettivi specifici: accrescere la disponibilità, accessibilità, utilizzo e qualità dei servizi di pianificazione familiare nel distretto di Dowa. Rafforzare la capacità di decisione delle donne in tema di gravidanza consapevole Beneficiari Infermiere ed ostetriche del distretto sanitario di Dowa, Comunità di Dowa. Partner del progetto Partner istituzionale: Reproductive Health Unit Partner esecutivo: District Health Office di Dowa Risultati attesi e attività previste 1 – Raccolta dati Tutte le unità sanitarie del distretto raccolgono regolarmente dati sulle attività di panificazione familiare (dati sul numero di pazienti, sui metodi contraccettivi prescelti e sul numero di visite effettuate). Anche il personale sanitario addetto è stato formato sui metodi di raccolta dei dati. 2 – Formazione sull’implantologia del Norplant (dispositivo anticoncezionale di lunga durata con rilascio di una progestina sintetica) La Reproductive Health Unit ha stabilito nell’ambito del progetto un corso di 5 giorni per l’addestramento del personale sanitario coinvolto nelle attività di impianto del Norplant. Il corso ha ha interessato 19 operatori.

54 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

3 – Formazione di operatori e promotori sanitari Health Surveillance Assistants (HSA) e and CBDA (Community Based Delivery Assistants) Il progetto ha consentito la formazione di 176 HSA e di 60 CBDA. I primi sono salariati del locale ministero della salute e forniscono assistenza e consigli alla popolazione su una serie di temi relativi alla salute. Essi forniscono anche cure per patologie di estrema semplicità. I CBDA operano su base volontaria e forniscono informazioni alla popolazione in materia di contraccezione. Entrambe queste categorie sono state formate sulle caratteristiche del Norplant e di altri metodi contraccettivi. 4 – Monitoraggio Una costante supervisione è stata assicurata dal District Family Planning Coordinator. L’uso di specifici registri è stato attivato per l’inserimento di dati relativi alle pazienti riceventi anticoncezionali. Il numero complessivo di impianti di Norplant era di 127 nel 2007 ed è asceso a 589 nel 2008 5- Management Meetings Sono stati finanziati dal progetto 16 meeting di coordinamento a livello distrettuale ai quali hanno partecipato rappresentanti del distretto sanitario di Dowa e di CESTAS Malawi. 6- Campagne di Community Awareness Sono state realizzate campagne di mobilitazione comunitaria che hanno coinvolto le autorità tradizionali. Sono state utilizzate tecniche di comunicazione adeguate al contesto rurale. Risultati Centri di salute equipaggiati con i Norplant kits, le infermiere addestrate sull’impianto del Norplant e la sua successive rimozione. HSA in grado di fornire informazioni attendibili sui servizi di contraccezione di lunga durata e sulla

pianificazione familiare. Le autorità tradizionali, capi villaggio, promotori comunitari, donne informati dagli HSA sull’importanza dei servizi di pianificazione familiare. Supervisone dei servizi di pianificazione familiare a livello dei centri di salute garantita, le Comunità in condizione di richiedere ed utilizzare i servizi di pianificazione familiare. Sono attiviti i Registri delle prestazioni di pianificazione familiare richieste e fornite alla clientele; l’ospedale rurale di Mponela in grado di offrire il servizio di chiusura delle tube due volte alla settimana. Impatto Riduzione dei tassi di fertilità nelle aree rurali e del tasso di mortalità materna. Miglioramento delle condizioni di sana maternità con un distanziamento temporale delle gravidanze. Le donne in età fertile beneficiano delle informazioni fornite dagli HSA e CBDA riguardo all’accesso ed utilizzo dei servizi e metodi di pianificazione familiare. Aspetti qualificanti Il progetto costituisce un importante contributo alla promozione della donna nel contesto di riferimento: grazie alle decisioni informate in tema di pianificazione familiare le donne acquistano maggiore indipendenza. L’intervento realizzato ha colmato una lacuna notevole nell’area per quanto attiene alla diffusione ed all’accesso ai servizi di pianificazione familiare. L’approccio di genere è ritenuto decisivo da CESTAS nelle strategie di lotta alla povertà nel paese. Senza il reale raggiungimento di un livello di uguaglianza ed il rafforzamento del ruolo femminile non è pensabile raggiungere standard adeguati di salute riproduttiva e di sviluppo sostenibile.


I NOSTRI PROGET TI | AMERICA LATINA

2.8.19 Estensione della rete andina

di centri di salute materno-perinatale

Area e paese America Latina – Perù, Bolivia, Ecuador

Valore economico Totale progetto: 1.679.801 € Contributo Donor: 839.285 € Contributo CESTAS: 252.266 € Contributo altri: 588.250 €

Progetto promosso e gestito da Ufficio Regionale America Latina

Ruolo di CESTAS Promotore

Periodo di attuazione ottobre 2008 – ottobre 2011

Informazioni Responsabile Ufficio Regionale: Marta Scalvini

Settore Sanità

Ente finanziatore Ministero degli Affari Esteri

Motivazioni dell’intervento L’analisi dei bisogni sanitari della popolazione beneficiaria, le verifiche dirette compiute dal personale CESTAS e l’esperienza sul terreno maturata negli ultimi anni, hanno portato alla formulazione di questo intervento che si ritiene necessario ed utile al fine di intervenire in un settore specifico della salute, quello materno-perinatale, che costituisce una priorità in tutti i programmi sanitari di questi paesi, ma che, in alcuni casi, risente di profonde carenze sia strutturali che tecnico-formative. Il progetto proposto mira anche ad intervenire su un secondo aspetto, quello dell’aggiornamento scientifico del personale e del monitoraggio sul territorio, che sono elementi fondamentali per la realizzazione di una politica sanitaria efficace e rispondente alle esigenze della popolazione. Il programma proposto vuole essere uno strumento per contribuire ad affrontare e risolvere le difficoltà emerse a livello di istituzioni sanitarie nazionali, ovvero l’assenza o la carenza di una mappa epidemiologica chiara ed un quadro aggiornato dei bisogni sanitari della popolazione, soprattutto per quanto riguarda la salute materna e perinatale. Con l’inclusione nella Rete Andina di altri nove centri di salute (attualmente i centri che la integrano sono dieci) si vuole creare un punto di riferimento periferico altamente qualificato, un’antenna sanitaria sul territorio costantemente collegata con le altre della regione, aggiornata e coordinata con le politiche sanitarie nazionali. Obiettivi Obiettivo Generale: migliorare le condizioni di salute (morbilità e mortalità) materno-perinatale in Perù, Bolivia e Ecuador. Obiettivo Specifico: incrementare il livello di cooperazione tecnica tra Bolivia, Ecuador e Perú e migliorare l’accesso e la qualità dei servizi sanitari erogati nei centri associati alla rete attraverso un processo di aggiornamento scientifico

del personale ed un incremento della quantità e qualità della rilevazione dei dati sanitari. Beneficiari Gli operatori del settore (professionisti socio sanitari, ricercatori, …), dei Centri, le donne che si rivolgono ai Centri, le loro famiglie, le comunità di appartenenza nel loro insieme, il sistema sanitario pubblico a livello locale e nazionale. I beneficiari diretti del presente progetto saranno approssimativamente 136.500. Si considerano beneficiari diretti i Centri stessi, i ricercatori e gli operatori del settore che verranno coinvolti nel progetto e che trarranno beneficio dalla formazione e dell'assistenza tecnica offerta dal network. Si stimano a questo riguardo circa 1.500 contatti alla fine del progetto. Inoltre, si includono nel calcolo dei beneficiari diretti i primi utenti dei servizi sanitari di base, ovvero donne in età fertile e bambini. Per la natura particolare del progetto non è possibile stabilire a priori una modalità di selezione dei beneficiari che direttamente si rivolgeranno alle strutture attivate o che, indirettamente, ne beneficeranno. A partire dal numero medio di utenti che si sono rivolti nel corso di un anno ai Centri del network (5.000/Centro/Anno), si stima un numero di beneficiari di circa 135.000. I beneficiari indiretti saranno approssimativamente 341.250, considerando nel complesso i nuclei familiari dei beneficiari diretti (con 2,5 come moltiplicatore che rappresenta il numero medio di componenti per famiglia). Partner del progetto Partners stranieri: Ministerio de Salud y Deporte de Bolivia, Ministerio de Salud Publica de Ecuador, Ministerio de Salud de Perú, le autorità ospedaliere dei diciannove Centri appartenenti alla Rete Andina. Oltre ai Ministeri di Salute dei tre paesi coinvolti, sono coinvolte le seguenti istituzioni: Le autorità sanitarie delle comunità

Web: www.redmaternoperinatal.org

coinvolte e i rispettivi servizi sanitari di base; Le università (Facultad de Medicina de la Universidad de Cuenca - Ecuador) e le municipalità interessate direttamente alla creazione della Rete; L’Instituto de Investigación de la San Marcos (Perù) che collaborerà al progetto nelle attività di formazione, monitoraggio e definizione indicatori. Risultati attesi e attività previste Il progetto ha avuto formalmente avvio nell’ottobre 2008, quindi durante il 2008 non sono state realizzate attività o raggiunti risultati quantificabili. Aspetti qualificanti Nello specifico di questa proposta, CESTAS ha maturato una consolidata esperienza in Perù, Bolivia, Ecuador ed Argentina nella gestione di progetti relazionati al lavoro in reti di prevenzione ed azione nel campo della salute sessuale e riproduttiva, in collaborazione con istituzioni sanitarie locali, università ed istituti di ricerca. Le iniziative di maggiore rilevanza nella regione Andina sono rappresentate dal progetto recentemente concluso e denominato “Creazione di una Rete Andina di centri di salute materno perinatale” che vede coinvolti dieci centri di salute di Perù, Bolivia ed Ecuador ed i rispettivi Ministeri di Salute (www.redmaternoperinatal.org). La Rete è strumento attivo nella promozione di azioni di cooperazione sanitaria nei tre paesi e di strategie regionali per il miglioramento della qualità dei servizi sanitari, in materia di salute materno infantile. Gli ambiti d’intervento sono legati all’attivazione di un articolato processo di formazione e di aggiornamento scientifico ed all’implementazione di un sistema di monitoraggio epidemiologico tanto a livello nazionale quanto regionale, grazie all’incremento della quantità e della qualità della rilevazione di dati sanitari, attraverso il Sistema Informatico Perinatale (SIP).

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 55


I NOSTRI PROGET TI | AMERICA LATINA

2.8.20 Articolazione del sistema di difesa locale nel Municipio di Leon, comunità di Abangasca

Settore Diritti Umani Area e paese America Latina – Nicaragua Progetto promosso e gestito da Ufficio Regionale America Latina Periodo di attuazione marzo 2008 – giugno 2009

Valore economico Totale progetto: 37.298 € Contributo Donor: 30.111 € Contributo CESTAS: 7.186 € Ruolo di CESTAS Promotore Informazioni Responsabile Ufficio Regionale: Marta Scalvini Responsabile progetto: Simona Canova

Ente finanziatore Unicef (attraverso Ministero degli Affari Esteri)

Motivazioni dell’intervento Le difficili condizioni socio-economiche che si registrano nelle aree rurali del municipio di Leon, unite alla debole presenza delle istituzioni e alla prevalenza di fattori culturali escludenti, pongono l’infanzia e l’adolescenza (NNA nelle sigle spagnole) in una situazione di estrema vulnerabilità. In particolare, la mancata registrazione all’anagrafe, il lavoro minorile e le violenze fisiche e sessuali, permangono a livelli preoccupanti. L’analisi dei problemi, condotta con la Commissione Municipale di Coordinamento per l’infanzia e l’adolescenza (CCAN), ha segnalato alcuni problemi principali su cui intervenire: • La popolazione non riconosce il minore come soggetto di diritto. • Il codice dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza è poco conosciuto. • I minori non conoscono i loro diritti. • La popolazione e i minori non conoscono la rotta di accesso alla difesa e restituzione dei diritti. • Le istituzioni locali sono poco articolate. Obiettivi Obiettivo Generale: contribuire al miglior funzionamento degli organismi locali compromessi con la protezione e promozione dei diritti degli adolescenti attraverso il coordinamento tra il livello municipale di difesa (CCAN-León) e quello comunitario. Contribuire alla maggior partecipazione di adolescenti e giovani nella pianificazione e nella realizzazione degli interventi che li riguardano. Contribuire ad approfondire la sensibilizzazione degli organismi e della popolazione rispetto ai problemi che affliggono i diritti dei bambini, bambine e adolescenti (NNA). Obiettivo Specifico: contribuire a migliorare la quantità e la qualità dei servizi socio-educativi a favore degli adolescenti vulnerabili delle

56 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

comunità di Abangasca attraverso l’attuazione più effettiva del Sistema di Difesa Locale nel Municipio di Leon. Beneficiari • Istituzioni locali pubbliche e private vincolate con la promozione, la difesa e la restituzione dei diritti dei minori. • Adolescenti di tre comunità rurali di Sutiaba, Leon. • La popolazione del Municipio in generale. Partner del progetto • Partners stranieri: Commissione Municipale di Coordinamento per l’infanzia e l’adolescenza (CCAN).

adolescenti realizzato. • 67 persone partecipano al foro. Diffusione e informazione delle strategie di intervento in ambito comunitario per la prevenzione e la lotta contro la violenza. Dati quantitativi: • 5 riunioni di preparazione dei fori comunitari realizzati (18 partecipanti ad ogni riunione). • 2 fori comunitari sui diritti dei bambini e adolescenti realizzati (82 partecipanti ai fori). • 3 attività culturali realizzate. • 17 NNA costituiscono i gruppi culturali. • 83 NNA partecipano alle attività sportive. • 250 magliette realizzate.

Risultati attesi e attività previste 1. Si migliorano e si rendono funzionali le iterazioni tra il Municipio di Leon (CCAN) e gli altri attori governativi e non governativi, vincolati con la promozione e protezione dei diritti degli adolescenti e la prevenzione degli abusi e della violenza nei loro confronti. Assistenza Tecnica e formazione per la realizzazione di un modello di referenza e controreferenza dei casi di abuso e violenza dei diritti rivolto al personale delle istanze pubbliche. Dati quantitativi: • 5 intercambi tra Commissioni Municipali e Infanzia e Adolescenza (40 partecipanti in ogni incontro); • 13 seminari di formazione (19 partecipanti ad ogni incontro); • 10 riunioni per la formazione della Rete Comunitaria di difesa (16 partecipanti ad ogni riunione). Disegno e realizzazione di campagne di informazione per sensibilizzare la popolazione municipale rispetto ai principali problemi legati ai diritti dei NNA. Dati quantitativi: • 380 poster di promozione dei diritti dei NNA. • 1 foro municipale sui diritti dei bambini e

2. Si realizza una maggiore partecipazione diretta degli adolescenti e dei giovani nei processi decisionali locali, nella programmazione di azioni nel Municipio di Leon, nell’ambito della Rete di Difesa dei diritti dei NNA. Attività formative a gruppi di adolescenti nell’ambito delle azioni che si realizzano nel territorio per la difesa e restituzione dei loro diritti con particolare attenzione ai diritti sessuali e riproduttivi. Dati quantitativi: • 77 NNA partecipano alla formazione in sistema di difesa dei diritti dei bambini. • 70 NNA partecipano alla formazione in DSR. • 43 NNA partecipano alla formazione in partecipazione comunitaria. Elaborazione di materiale informativo e programmi di comunicazione diretti agli adolescenti per sensibilizzare l’opinione pubblica rispetto alle problematiche che affliggono gli adolescenti. Dati quantitativi: • 162 spot radiofonici realizzati. • 8 NNA partecipano nella creazione e realizzazione degli spot.


I NOSTRI PROGET TI | AMERICA LATINA

Aspetti qualificanti Da un punto di vista istituzionale l’intervento ha consolidato la presenza di CESTAS nel territorio di Sutiaba, ha permesso l’attivazione di un nuovo ambito di intervento (diritti umani), ha consentito la creazione di contatti con organizzazioni e istituzioni locali attive nel settore ed, infine, ha aperto le relazioni con un

donor locale (Unicef ). Dal punto di vista strategico l’intervento lascia nel territorio: • 1 rete comunitaria per la difesa dei diritti dei bambini e adolescenti, formata da 14 persone tra adulti, bambini e adolescenti. • La rete è inserita nella Commissione Municipale Infanzia e Adolescenza.

• La Commissione Municipale Infanzia e Adolescenza ha identificato un meccanismo per il funzionamento della rotta di restituzione di diritti violati. • L’ospedale dipartimentale ha riaperto l’ufficio anagrafe per la registrazione dei neonati.

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 57


I NOSTRI PROGET TI | AMERICA LATINA

2.8.21 Programma di Sviluppo Integrato nel quartiere di Sutiaba,

Municipio di Leon (Nicaragua)

Area e paese America Latina – Nicaragua

Valore economico Totale progetto: 1.512.527 € Contributo Donor 743.592 € Contributo CESTAS: 227.044 € Contributo altri: 541.889 €

Progetto promosso e gestito da Ufficio Regionale America Latina

Ruolo di CESTAS Promotore

Periodo di attuazione marzo 2005 – agosto 2009

Informazioni Responsabile Ufficio Regionale: Marta Scalvini Responsabile progetto: Simona Canova

Settore Sanità

Ente finanziatore Ministero degli Affari Esteri

Motivazioni dell’intervento Il municipio di Leon è situato nella regione occidentale del Nicaragua caratterizzata da un’elevata vulnerabilità ambientale, climatica ed economica. Dal primo punto di vista si tratta tanto di problemi legati alla presenza di vulcani attivi e alla elevata attività sismica, quanto alle conseguenze ambientali determinate dalla pressione delle attività produttive sull’ecosistema. Dal secondo punto di vista, il territorio è esposto a fenomeni stagionali tropicali (alluvioni e siccità) di intensità medio-alta. Infine, dal punto di vista economico la regione si è sviluppata fino alla fine degli anni 70 sul modello agro-esportatore, in particolare sulla coltivazione del cotone, circostanza che non ha permesso la diversificazione produttiva ed economica, e ha inciso negativamente sull’ecosistema. D’altro canto, sono noti i principali fatti storici che hanno segnato la vita del paese negli ultimi 40 anni che comportano, da un lato la debolezza delle istituzioni, dall’altro limitato sviluppo sociale. Nel contesto sopra descritto, l’analisi degli indicatori di salute ha evidenziato: una limitata copertura dei servizi di assistenza sanitaria di base; la bassa qualità dei servizi offerti; la persistenza di alti tassi di morbi-mortalità materna e infantile. L’analisi dei bisogni è stata realizzata in un contesto sociale, politico e istituzionale specifico (2001) ed ha portato alla definizione di un intervento integrato basato sulla sinergia di tre componenti che, sviluppandosi in modo coordinato e articolato sullo stesso territorio (Sutiaba) e con gli stessi attori (controparti), puntava al miglioramento delle condizioni di vita di una popolazione identificata. Nella fase di attivazione, maggio-settembre 2005, la strategia proposta ha subito un naturale riadattamento reso necessario dal nuovo contesto. La ridefinizione della strategia non ha riguardato i suoi elementi centrali ovvero: L’investimento nella formazione di capitale umano (formazione, aggiornamento e assistenza tecnica al personale del sistema sanitario locale).

58 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

Il potenziamento dell’assistenza primaria per la promozione della salute materna e infantile. Il rafforzamento dell’organizzazione comunitaria. La promozione di condizioni ambientali più salubri. Obiettivi Obiettivo Generale: Migliorare le condizioni di vita delle comunità residenti nel quartiere di Sutiaba. Obiettivo Specifico: • Migliorare la qualità dei servizi sanitari erogati alla popolazione attraverso il Centro di Salute di Sutiava e le condizioni igienico- sanitarie e ambientali della comunità residente nel bacino del Rio Chiquito. • Incrementare la produzione e migliorare la commercializzazione in campo agro-zootecnico delle comunità beneficiarie e la disponibilità sul mercato di alcuni prodotti basici, potenziando il livello tecnico e qualitativo della produzione attraverso la formazione di produttori e allevatori delle comunità di riferimento. Beneficiari La componente sanitaria ha come popolazione: donne in età riproduttiva (15-49 anni di età), bambini da 0 a 5 anni di età, medici del territorio di Sutiaba, infermieri del territorio di Sutiaba, personale tecnico e amministrativo del territorio di Sutiaba. Partner del progetto Partners stranieri: Ministero della Salute Nicaraguense (MINSA), Università Nazionale Autonoma del Nicaragua – Leon (UNAN-Leon), Comune di Leon (Alcaldia de Leon). Da un punto di vista operativo l’intervento si realizza con i seguenti attori: • Dipartimento di Salute Pubblica, Facoltà di Medicina, UNAN-Leon. • Dipartimento di ostetricia e ginecologia, Facoltà

Scienze Mediche, UNAN-Leon. • Ospedale Scuola HEODRA (SILAIS-Leon). • Centro di ricerca in demografia e salute (CIDS)della UNAN-Leon. • Sistema di Attenzione Integrale alla Salute di Leon (SILAIS-Leon). • Centro di Salute di Sutiaba. • Rete di Agenti Comunitari di Sutiaba. • Fondazione per lo sviluppo della donna indigena (Xochilt.Acalt). Risultati attesi e attività previste 1- Il Centro di Salute di Sutiaba rinnovato è in grado dierogareunservizioadeguatoaibisognisanitaridella popolazione. p Acquisto ed istallazione di strumenti diagnostici ambulatoriali. Sono state adeguate le strutture di 6 Unità di Salute (U/S) del territorio di Sutiaba. L’investimento maggiore ha riguardato l’U/S di Poneloya dagli ingenti danni provocati dalla tormenta Alma (maggio 2008). L’investimento ha riguardato tanto la struttura quanto la dotazione di attrezzature mediche minori. Beneficiari diretti sono gli assistiti dalle unità di salute potenziate: 42.453 persone di cui 4.759 minori di 5 anni di età e 14.645 donne in età riproduttiva. Il servizio di diagnosi prenatale per immagini attivo 5 giorni su sette (più emergenze) grazie alla formazione di nuovi specialisti che prestano servizio presso il C/S di Sutiaba. Sono stati realizzati complessivamente 1300 esami diagnostici ed i risultati principali raggiunti sono stati: monitoraggio adeguato della gestazione in caso di rischio ostetrico; diagnosi precoce di complicazioni. Beneficiarie del servizio sono state direttamente le 1.300 gestanti. Programma di formazione personale medico e infermieristico. Nel mese di luglio del 2008 si è concluso il secondo corso in “Ecografia di primo livello per fini gi-


I NOSTRI PROGET TI | AMERICA LATINA

necologici e ostetrici”diretto a ginecologi e ostetrici che lavorano in Attenzione Primaria. Obiettivi del corso: • Conoscere i principi base dell’ultrasonografia applicata all’ostetricia. • Conoscere l’anatomia fetale. • Realizzare ecografie del I, II, III trimestre di gestazione (biometria, situazione e vitalità fetale; studio della placenta; liquido amniotico e cordone ombelicale; interruzione della gestazione, gestazione extrauterina). Partecipanti al corso: 3 medici specialisti APS; 1 medico ginecologo ospedale, 1 medico specialista C/S Siuna Regione Autonoma Atlantico Nord RAAN. 2- Attraverso il Centro di Salute di Sutiaba monitoraggio epidemiologico p Acquisto e istallazione di strumentazione informatica e programma di monitoraggio epidemiologico. Il programma pilota realizzato nel primo anno di progetto ha evidenziato la necessità di rafforzare il sistema interno di monitoraggio epidemiologico funzionante nel territorio di Sutiaba, in particolare la necessità più evidente è il potenziamento delle capacità a livello di Unità di Salute, ovvero il livello più decentrato del sistema del servizio sanitario. Con questo obiettivo è stata avviata un’analisi di fattibilità condotta da un gruppo di lavoro interistituzionale (SILAIS, Centro di Salute, CIDS). L’analisi ha portato all’organizzazione di un programma articolato i cui elementi centrali sono: • Delimitazione e caratterizzazione del territorio assistito dalle U/S di Sutiaba. • Creazione di una base di dati. • Formazione di risorse umane. • Creazione di Sale per il Monitoraggio Epidemiologico nelle 7 U/S del territorio. Si è quindi provveduto alla fornitura di materiali e strumenti per il funzionamento della sala. Beneficiari dell’attività: 12 medici e tecnici del territorio di Sutiaba, la popolazione assistita dal Centro di Salute e dalle Unità di Salute (42.453 persone). Realizzazione di un programma di Referenza Comunitaria per promotori di salute È continuato il processo di rafforzamento quantitativo e qualitativo della Rete di Referenza Comunitaria che gioca un ruolo chiave per la promozione della salute così come per il suo monitoraggio. Ricordiamo che la Rete Comunitaria è l’insieme di volontari che, con varie specialità, mantengono il contatto costante tra Unità di Salute e popolazione. La strategia implementata dando risposta alle esigenze manifestate dai soci locali è consistita in: • 9 attività formative sui temi“Organizzazione Comunitaria” e “Sistema di Informazione Comunitaria” (SICO) che hanno coinvolto circa 261 Agenti Volontari. • 6 attività di monitoraggio della Rete Comunitaria. • 2 attività di controllo epidemiologico e promozione della salute che hanno coinvolto circa 550 persone rispetto all’igiene del territorio e la prevenzione.

• 3 attività di Monitoraggio abitazioni che ha riguardato circa 1604 abitazioni (8020 persone circa). • 43 Agenti coinvolti nelle attività di monitoraggio. • 3 attività di formazione diretta a gestanti e donne in età riproduttiva che ha coinvolto 174 persone. • 7 attività di formazione Agenti Comunitari in promozione della salute infantile che hanno coinvolto 171 persone. • 150 borse di promozione dell’iniziativa contenenti materiali didattici per gli Agenti Comunitari. • Realizzazione della Prima Fiera di Salute Comunitaria in Sutiaba. 3-AttraversoilCentrodiSalutediSutiabapromozione della salute riproduttiva e materno-perinatale. p Realizzazione di un programma di attenzione alla salute materno infantile in coordinamento con SILAIS Sono stati realizzati il secondo e il terzo Ciclo di Pratica ospedaliera in Trattamento di Emergenze Ostetriche, con l’obiettivo di rafforzare la conoscenza e le abilità del personale di salute di Attenzione Primaria nel trattamento delle principali emergenze ostetriche causa di mortalità materna in Nicaragua. Si è poi realizzato il Corso in Educazione per la Salute Base, organizzato grazie alla collaborazione di Unan-Leon (Dipartimento di Salute Pubblica) e SILAIS, C/S di Sutiaba. Il Corso si è svolto secondo 5 Moduli: • Epidemiologia Base, 40 ore, prof. Gegorio Matus. • Analisi di Dati e report tecnico, 40 ore, prof. Francisco Tercero. • Educazione alla salute, 40 ore, prof.ssa Josefina Valladare. • Gestione di Servizi di Salute, 60 ore, prof. Juan Almendares. Il corso si è concluso con la realizzazione di un Seminario internazionale realizzato dal Prof. Jaime Sepulveda, Decano della Facoltà di Scienze Mediche dell’Università San Sebastian, Cile. 4- Aumento del numero di famiglie che dispongono diunsistemadiraccoltadelleacquegrigienelReparto Carlos Nuñez, quartiere di Sutiaba. p Coordinamento tecnico scientifico con Municipio de Leon per il miglioramento dei sistemi di raccolta delle acque reflue attraverso l'istallazione di 246 fosse biologiche nel Reparto Carlos Nunez, proseguito con la costruzione dei sistemi di raccolta di acque reflue. Studio Ingegneria e acquisto materiali per le fosse biologiche Il disegno tecnico del sistema di raccolta e trattamento delle acque reflue è stato realizzato nel primo anno di progetto e sottoposto alla valutazione della Commissione Ambientale Municipale per la sua applicazione allo specifico territorio. Si è quindi proceduto a rilevare le caratteristiche fisiche delle abitazioni e le caratteristiche socioeconomiche per dare le priorità alla costruzione.

Realizzazione 246 fosse biologiche Nel corso del 2008 si è proceduto alla costruzione di 95 sistemi beneficiando altrettante famiglie per un numero totale di 475persone. L’attività si è svolta nel con accordi operativi e finanziari con il Municipio di Leon, acquisto, contrattazione e supervisione. 5- Riduzione dell’inquinamento ambientale e delle patologie legate alla presenza di acque grigie in strada. p Attivazione di un programma di formazione per la realizzazione delle fosse Per garantire la sostenibilità finanziaria e tecnica delle opere si è promossa la partecipazione della popolazione beneficiata che ha garantito la mano d’opera non specializzata per lavori minori e il completamento della fossa nei casi in cui piccole componenti non fossero previste dal progetto. Si è quindi proceduto a realizzare un seminario formativo per ogni gruppo di beneficiario. Il proposito dell’attività era, da un lato spiegare il funzionamento della fossa, dall’altro istruire circa le tecniche di costruzione. Attivazione di un monitoraggio per il corretto utilizzo e il mantenimento delle fosse Sono stati realizzati 3 moduli formativi rivolti a 79 beneficiari partecipanti. Infine, in collaborazione con UNAN-Leon si realizza il periodo di Pratica previsto per gli studenti del IV anno delle Facoltà di Medicina, Farmacia, Psicologia e Servizio Sociale nel Reparto Carlos Nuñez, ovvero nella zona di intervento. L’attività si svolge con frequenza settimanale, ogni studente ha assegnata una famiglia e, dietro la supervisione del Coordinatore Locale del Progetto, visita le abitazioni del Reparto promuovendo pratiche di igiene e prevenzione della salute. Aspetti qualificanti L’intervento ha permesso a CESTAS di aprire le attività in Nicaragua. A distanza di 4 anni dall’attivazione dell’iniziativa la presenza di CESTAS è consolidata nel Municipio e nel dipartimento di Leon. La rete di contatti istituzionali si è mantenuta e rafforzata nonostante gli importati cambiamenti politici e istituzionali. CESTAS collabora in modo continuativo con il Centro di Salute di Sutiaba e con il SILAIS-Leon grazie alla coincidenza tra gli elementi strategici dell’intervento e i programmi e le politiche nazionali di salute. Rispetto all’intervento alcuni aspetti dimostrano la sua qualità, in particolare si menziona: la promozione della collaborazione interistituzionale specie per quanto riguarda il Centro di Salute e la UNAN-Leon, la promozione di un modello di gestione più efficiente del servizio di salute, la crescente capacità di risposta del servizio di salute.

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 59


Ong, senza fini di lucro, apartitico, contrario ad ogni forma di discriminazione, accreditato, Cooperazione Internazionale allo Sviluppo, Servizio Civile, Formazione Superiore e Continua, Formazione, EducazionealloSviluppo, Sensibilizzazione,Advocacy,Sociodell’Istituto ItalianodellaDonazione,Partenariatoglobale, Riduzione degli squilibri, Inclusivi, Capitale sociale, Condivisione delle scelte, Collaborazione, Coraggio decisionale, Partecipazione, Approccio multiculturale, Dialettica, Sviluppo sostenibile, Competenza, Fiducia, Promozione della salute, Efficienza, Qualità, Sinergie, Dialettica,

Politiche Sociali, Direzione Strategica, Sviluppo Sostenibile del Territorio, Educazione allo Sviluppo, Processo attivo di apprendimento, Diritti internazionalmente riconosciuti, Politiche d’inclusione, Promozione sociale, Campagne di sensibilizzazione, Programmi di cooperazione allo sviluppo, Master Universitari, Corsi di Alta Formazione, Promozione economica degli esclusi, Advocacy Pubblica, Ricerca, Elaborazione e diffusione di Policy Paper, Action for Global Health, Partnership for Change, Società interculturale, Rafforzamento degli spazi di democrazia e giustizia sociale, Comunità locali, Crescita civile, Sviluppo umano, Sviluppo multi-dimensionale, rispettoso dei diritti umani, Antirazzismo, Approccio di genere, Gestione e Valorizzazione delle risorse agro-forestali in una prospettiva di sviluppo sostenibile del territorio, Cooperazione sanitaria, Sviluppo dei diritti di minori ed adolescenti, Promozione dell’equità, Sviluppo integrato, Costruire la differenza: percorsi di formazione per imprenditrici latinoamericane, Salute pubblica, Salute materno infantile, Lotta all’HIV/AIDS, Lotta alla tubercolosis, efficacia dei servizi, Supporto al Programma Nazionale Integrato di Lotta alla


Trent’anni di idee, esperienze e partenariati nel mondo, Collaborazione, Coraggio decisionale, Partecipazione, Approccio multiculturale, Dialettica, Sviluppo sostenibile, Competenza, Fiducia, Promozione della salute, Efficienza, Qualità, Sinergie, Dialettica, Pari opportunità, Partecipazione, Impegno solidale solidarietà, Opportunità, Motivazione, Flessibilità, Apertura, Credibilità, Professionalità, Appartenenza, Trasparenza, Pari opportunità, Partecipazione, Impegno solidale solidarietà, Opportunità, Motivazione, Flessibilità, Apertura, Credibilità, Professionalità, Appartenenza, Trasparenza

Collaborazione, Coraggio decisionale, Partecipazione, Approccio multiculturale, Dialettica, Fiducia, Promozione della salute, Efficienza, Qualità Organizzativa, Sinergie, Dialettica, Partecipazione, Impegno, Solidarietà, Opportunità, Motivazione, Flessibilità, Apertura, Credibilità, Professionalità, Appartenenza, Trasparenza, Accountability, Idee, Azione tecnica, sociale e politica, Trasparenza, Accuratezza, Attendibilità, Verificabilità, Socialmente Responsabile, Salute, Formazione, Legittimazione, Efficienza, Utilità, Partner glocalizzati, Realismo cosmopolita della società civile globale, scettico e autocritico, Innovazione, Qualità, Piano Strategico CESTAS 2010-2012, Coerenza Politica, Capacità Specializzata, Collaborazione Pianificata, Equità nella Società della Conoscenza, Efficacia Metodologica, Innovazione, Accreditamento Esterno, Investimento nel Capitale Umano, Costruzione delle capacità sociali, Promozione della Salute per Tutti, Promozione


I NOSTRI PROGET TI | AMERICA LATINA

2.8.22 Progetto di sviluppo integrato nella provincia di Morona

Santiago – Regione Amazzonica Settore Sanità, formazione, genere, territorio e sviluppo e coesione sociale Area e paese America Latina – Ecuador Progetto promosso e gestito da Ufficio Regionale America Latina Periodo di attuazione aprile 2008 – ottobre 2011

Valore economico Totale progetto: 1.313.954 € Contributo Donor: 657.029 € Contributo CESTAS: 197.085 € Contributo altri: 459.840 € Ruolo di CESTAS Promotore Informazioni Responsabile Ufficio Regionale: Marta Scalvini Responsabile progetto Marcelo Gonzalez

Ente finanziatore Ministero degli Affari Esteri

Motivazioni dell’intervento A seguito di un’attenta analisi partecipativa delle necessità degli individui e delle loro domande, definite come l’insieme dei problemi percepiti e degli interventi richiesti per risolverli, è stata delineata un’iniziativa a carattere socio-produttivo, in cui l’appoggio ad una attività economica nuova, quale è l’ecoturismo, è sostenuto ed accompagnato da azioni mirate alla formazione, al potenziamento dei servizi sanitari e alla conservazione ed adeguata gestione partecipativa delle risorse naturali del territorio. Lo studio di fattibilità ha evidenziato alcune necessità primarie per la popolazione di Macas e della zona circostante, permettendoci di focalizzare la strategia di intervento in due linee direttrici: a) l’incremento e la diversificazione di reddito per le famiglie rurali; b) la risposta ai bisogni sanitari primari di molte famiglie della zona che non hanno accesso ai farmaci e ai servizi di base. In entrambe le direttrici, lo strumento principale che garantirà sostenibilità e replicabilità all’intervento è costituito dalla formazione, che verrà organizzata e realizzata in un Centro di Formazione a cui faranno riferimento i diversi attori coinvolti nel progetto. Il progetto vuole contribuire in maniera sensibile al miglioramento delle condizioni di vita delle comunità residenti nelle aree urbane e rurali della municipalità di Macas (provincia di Morona Santiago) più marginali e disagiate, attraverso la promozione di un’iniziativa di carattere integrale concentrata su tre assi fondamentali: a Interventi finalizzati al miglioramento dell’organizzazione comunitaria. b Interventi finalizzati al miglioramento della attività eco-turistica. c Interventi finalizzati al miglioramento del servizio sanitario basico.

62 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

Obiettivi Obiettivo Generale: migliorare le condizioni di vita della popolazione residente nella provincia di Morona Santiago. Obiettivi Specifici: 1 migliorare la qualità dei servizi socio-sanitari e formativi offerti alla popolazione della municipalità di Macas; 2 migliorare il settore dell’accoglienza ecoturistica nella zona di Macas. Beneficiari I beneficiari diretti sono gli abitanti di Macas che hanno difficoltà di accesso ai servizi sociosanitari esistenti e a programmi formativi ed educativi specifici, 2.100 famiglie di contadini che verranno coinvolte nelle attività di integrazione al reddito agricolo attraverso progetti comunitari di ecoturismo e 1.000 abitanti della periferia rurale di Macas che non hanno attualmente accesso ai farmaci di base. I beneficiari indiretti dell’intervento sono i 130.000 abitanti della provincia di Morona Santiago. Partner del progetto Partners stranieri: Fundación ATASIM (controparte locale dell’intervento), Dirección Provinicial de Salud, Dirección Provinicial del Instituto Nacional de la Niñez, Familia y Adolescencia, Consejo Provincial de Morona Santiago, Gobernación de la Provinicia de Morona Santiago, Dirección Provincial de Educación Hispana y Dirección Provincial de Educación Bilingüe, Municipio del Cantón Morona. Risultati attesi e attività previste 1- Centro di Formazione La scelta di costruire a Macas un centro polifunzionale per la formazione in diversi ambiti, quali l’educazione sanitaria, l’ecoturismo e l’or-

ganizzazione comunitaria, è emersa come esigenza collettiva prioritaria. Per questo CESTAS ha iniziato la costruzione di un Centro di Formazione nella località di San Isidro circostante della città di Macas, che sarà un punto di riferimento per la popolazione locale ma anche per le istituzioni di carattere sociale che operano nella provincia. La costruzione, di quasi 700 mq, conta un salone di tipo poli-modale dove si impartiscono i diversi corsi di formazione e un area destinata all’amministrazione, ristorazione e servizi igienici. Per garantire la sostenibilità di questo Centro, CESTAS, il nostro partner e le autorità locali conformeranno un Comitato di Gestione che sarà responsabile della corretta gestione e anche di coordinare le attività, perché si stima che annualmente 1000 beneficiari diretti del progetto usufruiranno annualmente di questo Centro, a questi beneficiari si deve aggiungere una quantità non specificata di beneficiari dei corsi di formazione degli altri organismi locali. Nelle diverse aree tematiche di formazione il Centro servirà per favorire la partecipazione comunitaria, la collaborazione istituzionali sul territorio, creerà spazi di confronto con i diversi attori sociali, assisterà tecnicamente le iniziative di sviluppo economico individuali o collettive, diffonderà le informazioni tecniche, sarà punto di riferimento per la definizione di iniziative integrate e per la ricerca di sinergie locali. Mentre si concludono le opere di costruzione del centro, CESTAS ha iniziato l’esecuzione dei corsi di formazione sanitaria i cui argomenti principali sono: salute sessuale e riproduttiva, nutrizione, salute ambientale e psicosociale destinate alle donne e agli adolescenti. Nella tematica relazionata all’organizzazione comunitaria, l’intervento promuove la partecipazione della donna come risorsa centrale dello sviluppo sostenibile locale. La formazione


I NOSTRI PROGET TI | AMERICA LATINA

in questa area si focalizza sul miglioramento del tessuto sociale, la prestazione e amministrazione dei servizi sociali, la costruzione e miglioramento dell’infrastruttura fisica e la generazione di redditi economici. 2- Farmacia comunitaria La necessità di una Farmacia a disposizione di tutta la comunità di Macas è emersa dagli incontri preliminari come una delle esigenze più sentite dalla popolazione. La missione in loco per l’avvio della iniziativa ha evidenziato, in questa componente, la esistenza e funzionamento di due farmacie di tipo comunitarie gestite dal Municipio e dalla Provincia rispettivamente. Avviare una nuova impresa di questo tipo non porterebbe nessun beneficio alla popolazione locale ma uno spreco di risorse umane, materiali e finanziarie. Insieme alla Direzione Provinciale di salute si è considerato importante proporre una modifica non onerosa di questo risultato al Ministero degli Affari Esteri. Il progetto intende migliorare le condizioni sanitarie della popolazione delle aree rurale, appoggiando ai posti di salute del Canton Morona attrezzature specifiche per l’attenzione di base. 3- Sistema di organizzazione comunitaria La prima attività del progetto è stata l’implementazione di una diagnosi rurale partecipativa che ci ha permesso di stabilire una linea di base dei beneficiari, riguardo la loro partecipazione nello sviluppo della propria società. Questa diagnosi ci ha rilevato che esiste nella popolazione un forte senso di esclusione riguardo le politiche locali e anche di distinguo sociale fra donne e uomini. Il programma di formazione in organizzazione comunitaria proposto, ha lo scopo di interloquire con i beneficiari in modo di sviluppare un protocollo di monitoraggio e valutazione all’interno di ogni comunità. La formazione della popolazione è supportata da programmi televisivi informativi che permette di rafforzare i contenuti dei corsi è inoltre raggiunge le zone più lontane della provincia.

programma di formazione comune che parte dalle generalità del turismo fino alle particolarità di ogni comune, delle sue attrattive e del tipo di turismo comunitario da implementare secondo l’area di influenza (agriturismo, di avventura, ecc.) ma in modo da non generare un impatto negativo sullo stile di vita locale. Il programma proposto parte dalla formazione di base su tutto quello che riguarda l’ecoturismo e le differenze con il turismo tradizionale, allo stesso tempo i beneficiari fanno una valutazione “FODA” (Forza, Opportunità, Debolezze e Minacce) di quanto pensano possono offrire ai potenziali turisti. Dopo questo approccio al mondo del turismo, apprendono il significato di sviluppo amichevole con l’ambiente e le prime nozioni di amministrazione e gestione di imprese cooperative, per finire col conoscere e promuovere il “prodotto turismo”. Una volta che hanno finito il percorso formativo, si invitano i beneficiari ad elaborare un progetto turistico comunitario con l’intenzione che CESTAS possa appoggiare economicamente l’avvio della migliore proposta ricevuta.

che ci ha permesso di avere una “fotografia” della realtà attuale. Anche se il rapporto tecnico specifica che non ha una valore statistico, i dati emersi servono per stabilire la linea di base sulla quale il progetto potrà valutare, nel lungo termine, l’impatto dell’intervento. Aspetti qualificanti Questa iniziativa si inserisce come complemento della Rete Andina di centri di salute materno perinatale che è strumento attivo nella promozione di azioni di cooperazione sanitaria e di strategie regionali per il miglioramento della qualità dei servizi sanitari in materia di salute materno infantile. Gli ambiti d’intervento sono legati all’attivazione di un articolato processo di formazione e di aggiornamento metodologico relativo alla generazione di reddito attraverso attività di turismo amichevole con l’ambiente e di partecipazione comunitaria con un approccio di genere molto importante.

5- Realizzazione di primo diagnostico partecipativo (1° anno) Il Diagnostico Partecipativo si è realizzato fra i mesi di dicembre e gennaio 2008. Oltre alle assemblee popolari che sono servite a conoscere la problematica dell’area, la ricerca si è arricchita con i dati di una indagine familiare

4- Innovazioni tecnologiche e metodologiche del settore dell’ecoturismo in opera. Durante la fase di implementazione della diagnosi rurale partecipativa, si è evidenziato un forte interesse dei beneficiari di apprendere le diverse strategie di promozione dell’ecoturismo più adatte alle loro comunità. Insieme al nostro socio locale e ai beneficiari, si è stabilito un

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 63


I NOSTRI PROGET TI | AMERICA LATINA

2.8.23 Programma di gestione integrata delle risorse forestali e non forestali in boschi temperati in 17 comunità Huilliches nel sud del Cile

Settore territorio e sviluppo Area e paese America Latina – Cile Progetto promosso e gestito da Ufficio Regionale America Latina Periodo di attuazione dicembre 2007 – novembre 2010 Ente finanziatore Unione Europea

Motivazioni dell’intervento Il progetto si svolge nella Provincia di Osorno, 10° regione di Los Lagos, e più precisamente nei comuni di San Juan de la Costa, Purranque e Rio Negro. Lavora con 17 comunità Huilliche che in totale constano di 35.550 ettari, il 94,4 % dei quali coperto da boschi nativi. Di conseguenza la principale fonte di guadagno delle suddette comunità è lo sfruttamento forestale, e più precisamente la produzione di legna, carbone, e l’estrazione di larice morto. Senza dubbio, le attività svolte, associate a un’economia di sussistenza, hanno generato una grossa pressione sulle risorse forestali, per cui questi boschi si trovano in un alto livello di degrado. Ciò è confermato dalle diverse organizzazioni mondiali, che hanno fatto di questa zona uno dei siti di maggiore importanza per la conservazione a livello mondiale: il paesaggio di questa zona è classificato nella categoria V dalla UICN (International Union for Conservation of Nature), dato che questi boschi sono considerati come parte degli ultimi grandi boschi tra i boschi primari della Ecorregion Valdiviana e che si trovano molto minacciati dalla sostituzione di specie esotiche, abbattimenti illegali e incendi. È importante anche notare la presenza,in alcune comunità, di 1.375,5 ettari della specie Larice (Fitzroya cupressoides) considerata come endemica e con problemi di conservazione, per cui abbatterla è illegale e se ne permette solo l’estrazione del legno morto, con controlli molto specializzati. Per questi motivi, è fondamentale migliorare la gestione e la sostenibilità della attività produttive svolte tradizionalmente (legna, carbone ed estrazione di Larice), prestando un’attenzione speciale a non diminuire le capacità produttive del territorio e a mantenere le funzioni ecosistemiche delle risorse disponibili.

64 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

Valore economico Totale progetto 1.514.189 € (di competenza CESTAS 657.130 €) Contributo Donor 1.139.000 € (di cui a CESTAS 494.298 €) Contributi soci Ong 375.189 € (di cui di CESTAS 162.832 €) Ruolo di CESTAS Socio Informazioni Responsabile Ufficio Regionale: Marta Scalvini Responsabile progetto: Alejandro Vargas

Obiettivi Obiettivo Generale: rafforzare la gestione imprenditoriale comunitaria delle 17 comunità indigene Huilliche del Sud del Chile, con la prospettiva della gestione sostenibile delle sue risorse forestali e non forestali, contribuendo a incrementare le entrate delle famiglie. Obiettivi Specifici: • Consolidare la gestione medioambientale delle iniziative di produzione e commercializzazione dei prodotti forestali, non forestali e dei servizi turistici delle comunità indigene Huilliche. • Consolidare la gestione comunitaria delle nuove imprese indigene vincolate ai prodotti forestali e non forestali per influire sulla creazione di politiche specifiche in ambito locale. • Migliorare l’articolazione commerciale di ognuna delle imprese forestali, non forestali e turistiche. Beneficiari L’intervento diretto si realizzerà sulle famiglie e i rappresentanti delle 17 Comunità, raggiungendo un totale di 420 famiglie. Partner del progetto Grupo de Investigaciones Agrarias GIA (Ong Cilena) Risultati attesi e attività previste Il risultato per il 2008 è stato il progetto di gestione ambientale del bosco temperato elaborati e realizzati con la partecipazione delle comunità indigene. Le attività eseguite durante tale periodo sono le seguenti: 1 Pre-valutazione delle Risorse Naturali: diagnosi dello stato delle risorse naturali sulla base di un sistema di informazione geografico che contiene informazioni sulle 17 Comunità

Indigene partecipanti al progetto; la diagnosi contiene informazioni sull’uso attuale del territorio e una proposta di uso potenziale delle risorse naturali. 2 Attività di estensione della gestione forestale responsabile (per tecnici e professionisti): come attività di estensione si è realizzato un laboratorio di discussione sulla legge del Bosco Nativo a cui hanno partecipato i dirigenti delle comunità partecipanti al progetto, professionisti e tecnici che lavorano in zona e i rappresentanti dei Piccoli Proprietari e Comunità Indigene nel Consejo Consultivo delle legge del Bosco Nativo. 3 Elaborazione del Piano di Gestione, durante i lavori sono stati realizzati piani di gestione per lo sfruttamento del bosco nativo di cui hanno beneficiato direttamente un totale di 68 famiglie appartenenti alle 17 comunità. 4 Realizzazione del Piano di Gestione, con attività di assistenza tecnica in appoggio alla realizzazione dei progetti di gestione elaborati, in modo da attenersi ai criteri di gestione forestale sostenibile. Aspetti qualificanti Il progetto si è svolto principalmente con i produttori di legna nell’ambito della gestione forestale e si è orientato al cambiamento delle tecniche riguardanti la gestione forestale in modo da includere criteri di gestione forestale sostenibile. Senza dubbio, in questo cambiamento di tecniche occorre considerare la complessità culturale Huilliche. Durante il secondo anno si spera di rafforzare le attività di gestione forestale in modo da ottenere la certificazione di produzione di legna e un timbro “verde” che assicura una corretta gestione forestale e le attribuisce un valore connesso alla produzione di legna..


I NOSTRI PROGET TI | AMERICA LATINA

2.8.24 Costruire la differenza: percorsi di formazione

per imprenditrici latinoamericane

Area e paese America Latina – Cile

Valore economico Totale progetto: 559.169 € Contributo Donor: 279.257 € Contributo CESTAS: 119.562 € Contributo altri: 160.350 €

Progetto promosso e gestito da Ufficio Regionale America Latina

Ruolo di CESTAS Promotore

Periodo di attuazione aprile 2008 – luglio 2009

Informazioni Responsabile Ufficio Regionale: Marta Scalvini Responsabile progetto: Alejandro Vargas

Settore Formazione e Genere

Ente finanziatore Ministero Affari Esteri

Web: www.cestas.cl

Motivazioni dell’intervento Il progetto vuole essere una esperienza sperimentale di carattere annuale sui cui risultati attivare un programma triennale per il rafforzamento delle politiche pubbliche riguardanti l’imprenditorialità femminile in America Latina. Il tentativo è quello di dare una risposta coordinata ed articolata, con i sistemi della formazione professionale locale e le entità di promozione socio-economica, alle problematiche che impediscono una crescita del sistema imprenditoriale femminile. Con il progetto “Costruire la differenza: percorsi di formazione per imprenditrici innovative” CESTAS ha voluto iniziare a costruire un programma che metodologicamente si spenda per il rafforzamento delle articolazioni tra le azioni pubbliche e quelle private, metta in relazione le realtà produttive delle imprenditrici e le loro associazioni di categoria con i diversi mercati interni ed esterni e venga promosso da una società civile che senta il bisogno di collaborare con il mondo accademico e scientifico. La nostra iniziativa aspira a porsi come strumento a sostegno dei programmi pubblici locali che hanno come obiettivo ridurre gli ostacoli che trovano le imprenditrici nel tentativo di migliorare le conoscenze e competenze per poter competere in forma più adeguata all’interno delle dinamiche di mercato e di sviluppo sul piano locale. Obiettivi Obiettivo Generale: contribuire al rafforzamento delle competenze nelle imprenditrici in alcuni settori innovativi dell’economia latinoamericana in una prospettiva di sostenibilità, accessibilità e valorizzazione delle potenzialità di genere. Obiettivo Specifico: aumentare le competenze e le opportunità delle imprenditrici selezionate attraverso un percorso formativo capace di

fornire strumenti di analisi economica, sociale e di innovazione tecnologica in relazione ad alcuni settori chiave dell’economia. Beneficiari Le beneficiarie saranno professioniste ed imprenditrici che si costituiscano come “agenti” per il cambiamento delle dinamiche esistenti all’interno di alcuni settori chiave dell’economia latinoamericana. Beneficiarie dirette: imprenditrici o manager latinoamericane che già operano all’interno di una impresa attiva in uno dei seguenti settori innovativi: Agricoltura di qualità, Turismo responsabile, Energia rinnovabili, Disegno e Artigianato Beneficiare indirette: nel 2005, secondo dati ufficiali Cepal il 2,2 % delle donne occupate in America Latina erano imprenditrici. Possiamo identificare quel segmento economico come primo beneficiario indiretto di questa azione. Partner del progetto Socio locale: l’organizzazione cilena denominata Servicios de Cooperación al Desarrollo Dakeltun la cui missione è l’organizzazione, gestione e direzioni di programmi o investimenti nell’area sociosanitaria, soprattutto indirizzati ai soggetti svantaggiati e ai gruppi marginali della società; Altri partners stranieri: Universidad de Chile Escuela de Ingeniería y Ciencias de la Facultad de Ciencias Físicas y Matemáticas (FCFM) ed in particolare del Programma Programa Construyendo Mis Sueños www.construyendomissuenos.cl; Universidad Diego Portales Faclultad de Psicologia. Risultati attesi e attività previste 1- Percorso di Formazione per Imprenditrici realizzato e concluso in Cile. I.O.V (Indicatori Obiettivamente Verificabili):

68 imprenditrici concludono la fase di formazione e-learning, 53 imprenditrici sono state ammesse alla formazione di cui 13 con borsa di studio, attività realizzate per il 70% di quanto previsto, partecipazione degli interlocutori pubblici e privati alle diverse fasi previste dal programma. p Costituzione commissione di progetto e consiglio scientifico del corso. A partire dall’avvio del progetto si sono costituiti i due organismi di direzione e monitoraggio del progetto:a) la Commissione di Gestione del progetto, costituita da rappresentanti di CESTAS e DAKELTUN, con funzioni e responsabilità di programmazione, gestione e monitoraggio tecnico – finanziario; b) il Consiglio Scientifico del Corso di formazione, costituita da rappresentanti di CESTAS, DAKELTUN, la Universidad Diego Portales e la Universidad de Chile, con funzioni e responsabilità di programmazione ed esecuzione didattica. L’Universidad de Chile partecipa al Consiglio Scientifico con rappresentanti della Escuela de Ingeniería y Ciencias de la Facultad de Ciencias Físicas y Matemáticas (FCFM) ed in particolare del Programma Programa Construyendo Mis Sueños (www.construyendomissuenos.cl). La Universidad Diego Portales partecipa al Consiglio Scientifico con rappresentanti della Facultad de Psicologia. p Convocazione e selezione delle 80 partecipanti al corso. In data 23 ottobre è stato pubblicato e diffuso il bando per la selezione delle partecipanti Curso Universitario para Mujeres Empresarias de America Latina. Notizia della proposta formativa è stata pubblicata su www.cestas.org, nella pagina di progetto www.cestas.cl, in quella dell’ambasciata d’Italia a Santiago ed in

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 65


I NOSTRI PROGET TI | AMERICA LATINA

Sàez ricercatrice e sociologa dell’Universidad de Concepción per la realizzazione di uno studio denominato “Análisis de redes socioculturales y empresariales de las mujeres involucradas en el proyecto Construir la diferencia” con il proposito di: a) identificare e conoscere in maniera approfondita le reti imprenditoriali e socioculturali in cui si inseriscono le beneficiarie del progetto; b) conoscere e valutare la percezione delle beneficiarie partecipanti al progetto; c) disporre di indicazioni circa possibili linee di lavoro per il rafforzamento e l’ampliamento della Red de Empresarias Latinoamericanas. La realizzazione di tale ricerca conta con la partecipazione e l’appoggio della Universidad de Chile – Facoltà di Ingegneria, per quanto riguarda la somministrazione degli strumenti di indagine previsti.

quella di alcune organizzazioni ed istituzioni locali in Argentina, Nicaragua e Bolivia. Alla chiusura del Bando sono pervenute 253 candidature. Si evidenzia come risultato positivo l’alto numero di candidature ricevute a conclusione della fase di pubblicazione del bando, 253 candidature per 80 posti disponibili. La ripartizione per paese di provenienza, evidenzia una disomogeneità che ipotizziamo possa essere relazionata ad una diversa strategia di diffusione messa in atto nei paesi beneficiari. Una riflessione particolare merita il caso del Nicaragua da cui sono state ricevute ben 74 candidature. Nel caso di Ecuador e Perù, il basso numero di candidature ricevute è probabilmente legato al fatto che al momento dell’apertura del bando CESTAS non contava con personale stabilmente presente nel paese. Si ritiene quindi necessario rafforzare la strategia di diffusione in questi due paesi. p Realizzazione un percorso di formazione per 80 imprenditrici latinoamericane l progetto formativo prevede le seguenti fasi e modalità didattiche: 1 Fase e-learing: 150 ore di formazione. Responsabile del corso il dott. Ricardo Roman dell’Universidad Diego Portales di Santiago del Cile. 2 Fase Presenziale: 300 ore di formazione. Responsabile del corso il Solsiré Giaverini Cea. 3 Stage o tirocinio: 300 ore da realizzarsi in base ai contenuti del Plan de Negocio che ogni beneficiaria elaborerà durante la fase presenziale di formazione. La fase di formazione e-learning si è conclusa il 16 Gennaio 2009 con un atto formale che ha visto la partecipazione di 32 beneficiarie presso la Universidad Diego Portales di Santiago e la

66 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

partecipazione di almeno 15 beneficiare in modalità virtuale attraverso l’uso di Internet e di semplici tecnologie. Le attività di monitoraggio e tutoraggio rilevano indicatori molto soddisfacenti rispetto alla partecipazione delle beneficiarie alle attività di formazione. Dal portale www.cestas.cl è possibile leggere e scaricare commenti, contenuti e prodotti del primo periodo di formazione e-learning. A partire dai contenuti della valutazione delle partecipanti alla fase elearning è stata realizzata una selezione delle beneficiarie ammesse alla fase di formazione presenziale: 53 beneficiarie di cui 14 con borsa di studio a carico del progetto. La fase di formazione presenziale avviene presso la Facoltà di Ingegneria della Universidad de Chile. Per quanto riguarda la fase di formazione elearning, si registra una percentuale di abbandono pari al 15% (80 iscritte, di cui 68 hanno concluso la formazione). Si ritiene che tale percentuale rappresenti un dato accettabile e da imputare ad un fenomeno fisiologico, considerando anche la tipologia di corso. 2- Un sistema di monitoraggio, ricerca, e coordinamento in almeno uno dei settori innovativi identificati dal progetto creato e operativo. I.O.V (Indicatori Obiettivamente Verificabili) Una analisi di mercato nei settori interessati realizzata e pubblicata; tavolo di progettazione condivisa attivato tra i soggetti coinvolti nel progetto in almeno un settore; progetto di rete imprenditoriale in almeno un settore elaborato e diffuso a conclusione del corso. p Realizzazione di uno studio sull’imprenditoria femminile e analisi di mercato a livello regionale nei settori interessati dal corso. È stata contrattata la dott.ssa Beatriz Cabanillas

p Creazione di una rete di imprenditrici latinoamericane in almeno uno dei settori interessati dal progetto. Possiamo affermare che oggi la Red de Empresarias Latinoamericanas è esistente. Lo dimostra l’esistenza di una Rete di donne imprenditrici che hanno quotidianamente accesso ai diversi strumenti di supporto alla Rete (www.cestas.cl, Facebook, Bligoo) che svolgono funzione di interscambio di informazioni, esperienze, conoscenze, opportunità di business, di rafforzamento della propria identità imprenditoriale e della propria attività. Il proposito della seconda fase (che avrà inizio con la fase di formazione presenziale) è quello di rafforzare la Rete esistente e di garantire l’accesso ad altre istituzioni, imprenditrici, attori a livello regionale ed internazionale. Si ritiene di fondamentale importanza investire risorse nella seconda fase di rafforzamento della Rete, per garantire l’accesso di altre istituzioni, imprenditrici, attori a livello regionale ed internazionale, poiché il risultato di questa attività costituisce un valore aggiunto di grande importanza nella valutazione dell’impatto di questa iniziativa. Aspetti qualificanti Rispetto alle problematiche che vivono le imprenditrici latinoamericane (difficile accesso al credito, scarsa innovazione tecnologica, scarsa formazione specifica) il progetto si concentra nel terzo problema e propone una strategia formativa che vuole affrontare l’accumulo di competenza imprenditoriale da parte delle imprenditrici in un ottica di promozione economica sociale e di lotta alla povertà. Il programma orienta la propria azione nel tentativo di trasformare la crescita del settore imprenditoriale femminile in uno strumento per lo sviluppo umano. Per fare questo colloca al centro del processo formativo tre concetti chiave: • Pari opportunità. • Innovazione e Sostenibilità. • Accessibilità.


I NOSTRI PROGET TI | AMERICA LATINA

Intervista alle beneficiarie del progetto. In che modo ha influito sulla sua impresa la sua partecipazione al progetto della Rete di Imprenditrici CESTAS? R.1: Nell’utilizzo del mio blog e nelle vendite su internet che di mese in mese risultano più numerose grazie all’ampliamento della clientela. R.2: Nella qualificazione del personale dato che risulta più motivato e il livello di produttività è aumentato. Inoltre la pagina web che si aggiorna periodicamente e ha ottenuto un maggior numero di visitatori e possibili acquirenti di servizi. R.3: Ho avuto l’opportunità di entrare a far parte di un gruppo di lavoro di esportatrici e nuove clienti che appartengono alla stessa rete. Adesso i miei prodotti si vendono in internet tramite il sito della nostra azienda; una modalità che prima del corso la mia azienda non possedeva.

Altre testimonianze. In relazione al Progetto CESTAS “Costruire la Differenza, corso di formazione per imprenditrici latinoamericane innovatrici”, dal suo punto di vista, in che modo il modello, sia di formazione che di lavoro in Rete proposto da CESTAS è innovativo per lo sviluppo delle imprenditrici latinoamericane? Carolina Gilabert, Assistente ai Progetti, Programma Chile Emprendedoras. Il modello utilizzato da CESTAS mi sembra innovativo poiché permette alle imprenditrici di inserirsi nelle nuove tecnologie e utilizzarle a proprio favore in modo da avere una visione del web molto più accessibile. Ciò le spinge finalmente a costruirsi un’identità personale che le favorisce enormemente nella promozione delle proprie attività e nell’affrontare la concorrenza.

Beatriz Cabanillas, Sociologa, Master in Azione Umanitaria Internazionale, rete NOHA. Il progetto ha cercato di integrare oltre all’area imprenditoriale anche il potenziamento delle abilità direttive dello donne interessate. A questo proposito un successo significativo di questa iniziativa è che ha reso possibile la sistematizzazione e la certificazione di conoscenze che finora erano state relegate a un ambito più ristretto. Allo stesso tempo, questa formazione ha rafforzato le abilità di comunicazione effettiva, incorporando l’utilizzo di nuove tecnologie in una prima fase virtuale che ha contribuito a una autovalutazione dei percorsi personali di impresa. D’altro canto, il progetto Rete di Donne Imprenditrici Latinoamericane è stato configurato come un precedente per un lavoro altamente indispensabile allo sviluppo della regione: la promozione di reti di attività inclusive, responsabili socialmente, con un’attenzione all’integrazione delle donne che promuova e renda possibile la mobilità sociale. Sosiré Giaverini, docente presso la Facoltà di Scienze Fisiche e Matematiche dell’Università del Chile, Direttrice del Programma Construyendo mis Sueños. Questo progetto, che è stato realizzato seguendo diverse prospettive, pretende sviluppare attività imprenditoriali, incrementare le capacità nel campo dell’organizzazione e gestione imprenditoriale, potenziare l’accesso alle reti di collaborazione e inserire le imprenditrici nel mondo delle tecnologie web. Tutto questo insieme di conoscenze, saperi e competenze ha fatto di questo progetto, senza dubbio, un progetto integrale e innovativo, avendo valutato le partecipanti come persone e come imprenditrici e promuovendone l’apprendimento individuale e collettivo. Uno dei punti chiave della struttura della Rete di Imprenditrici è stata la confidenza che si è venuta a creare tra le partecipanti, e in seguito potenziata nella fase presenziale, dove le imprenditrici hanno condiviso le proprie esperienze di vita, le difficoltà e le soddisfazioni di essere donne imprenditrici.

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 67


I NOSTRI PROGET TI | AMERICA LATINA

2.8.25 Progetti di risanamento agroforestale nel bacino del fiume

Salo (municipalità di Tupiza)

Area e paese America Latina – Bolivia

Valore economico Totale progetto: 1.456.288 € Contributo Donor: 728.144 € Contributo CESTAS: 218.439 € Contributo altri: 509.705 €

Progetto promosso e gestito da Ufficio Regionale America Latina

Ruolo di CESTAS Promotore

Periodo di attuazione gennaio 2006 – gennaio 2010

Informazioni Responsabile Ufficio Regionale: Marta Scalvini

Settore Territorio e sviluppo

Ente finanziatore Ministero Affari Esteri

Motivazioni dell’intervento Nella zona sud-ovest della Bolivia, come in molte altre regioni del paese, esistono problemi di carattere ambientale quali la deforestazione, l’erosione del suolo, la perdita di produttività delle terre agricole e irregolarità nel regime di piogge. A tutto ciò si aggiunge la graduale contaminazione di acque e suoli destinati alla produzione agricola e pastorizia. Ricerche e dati raccolti su questo paese, dimostrano che vi è una grave disarticolazione tra i diversi livelli e organi delle istituzioni pubbliche in ogni campo decisionale, politico, economico, sociale e di politiche ambientali. Questo aspetto non ha fatto che aggravare una situazione già critica, quella delle politiche ambientali e dello sfruttamento delle risorse naturali. La realtà mostra un degrado ambientale derivante da uno sfruttamento aggressivo e incontrollato delle risorse del territorio: i terreni vengono coltivati senza attenzione al mantenimento della loro fertilità e vengono così compromessi in modo grave; le foreste subiscono disboscamenti incontrollati dovuti ad una grande domanda di legname da costruzione e da combustibile. Ad aggravare questa situazione vi è la mancanza di conoscenze da parte degli abitanti, riguardo al corretto utilizzo delle risorse naturali e di tecniche agro-pastorali moderne ed eco-compatibili. Le politiche territoriali statali rappresentano un’ulteriore problema: sono inefficienti a causa del mancato coordinamento tra le istituzioni e ad una mancanza di concertazione tra le politiche statali e quelle territoriali e locali. Il progetto è quindi finalizzato a ripristinare l’equilibrio ambientale e produttivo attraverso opere di recupero del bacino del fiume Salo, nella zona del Municipio di Tupiza, ricostituendo superfici boschive con un piano di sfruttamento sostenibile delle foreste, recuperando ed intervenendo sulle superfici ad

68 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

Web: www.cuencadelsalo.org

uso agricolo e pastorizio. Oltre a lavori di recupero dell’ambiente, ci si prefigge un altro importante obiettivo che è quello della formazione e dell’abilitazione degli abitanti della zona. Obiettivi Obiettivo Generale: Contribuire al miglioramento del livello di vita degli abitanti della zona corrispondente al bacino del fiume Salo, del Distretto III del Municipio di Tupiza. Obiettivo Specifico: Appoggiare lo sviluppo socio-economico delle comunità residenti nel bacino del fiume Salo migliorando l’accesso, l’utilizzo e garantendo la rinnovabilità delle risorse del territorio, contribuendo alla riduzione dei fenomeni di abbandono rurale e disgregazione dei nuclei famigliari, con enfasi sull’equità di genere e sulla partecipazione comunitaria rurale. Beneficiari I beneficiari diretti sono le famiglie che abitano il bacino del fiume Salo nel Distretto III del Municipio di Tupiza che comprende le comunità di Almona, La Torre, Salo, San Miguel e Charahota. I beneficiari indiretti sono le famiglie abitanti le zone limitrofe alla zona sopra descritta. Il bacino idrografico del fiume Salo porta infatti al fiume Tupiza, che appartiene al bacino del fiume San Juan del Oro e a sua volta corrisponde al bacino del fiume Pilcomayo. I beneficiari indiretti corrisponderanno quindi principalmente agli abitanti della città di Tupiza e a quelli delle zone corrispondenti a questi fiumi. I beneficiari diretti del presente progetto saranno approssimativamente 177 famiglie residenti nella zona di intervento del progetto I beneficiari indiretti saranno approssimativamente 8.076 famiglie residenti nella zona di

intervento del progetto Partner del progetto Socio locale del progetto: Centro de Estudios y Proyectos Alternativos de Desarrollo (CEPAD), Ong boliviana con sede a Tupiza Risultati attesi e attività previste 1- Processo di risanamento e riequilibrio dell’ecosistema del bacino del fiume Salo. p Razionalizzazione e pianificazione delle risorse naturali. Realizzazione di mappe della zona del progetto secondo un sistema di informazione georeferenziata (SIG) incorporando aspetti relativi all’ambito socioeconomico, produttivo, ambientale. p Consolidamento delle dighe del bacino del fiume Salo. Sono state stabilite – attraverso il controllo delle sponde del fiume – barriere vegetali (di specie boschive) intorno ai campi. • 41 famiglie hanno attivato barriere rompivento intorno alle aree di coltivazioni sia di frutta che di altro tipo. • 3,67 ettari di rompivento con. 5.858 piante boschive. p Creazione di 100 ettari di bosco in zone pedemontane con la rispettiva attivazione di tre sistemi di irrigazione. Diagnosi delle aree attuali e potenziali in zona pedemontana e identificazione, assieme alle comunità, delle zone più adatte all’insediamento di boschi nelle 5 comunità, assicurando una riserva di legno rinnovabile a favore della popolazione locale, per il consumo famigliare e la vendita. Costruzione di 2 sistemi irrigazione che irrigheranno 20 ettari, permettendo la sopravvivenza delle specie boschive e la riproduzione dei pascoli nativi della zona pedemontana e della produzione di foraggio. p Realizzazione di tre unità per vivai agro-


I NOSTRI PROGET TI | AMERICA LATINA

forestali (82.000 piante forestali, 23.000 piante di frutta, 5.000 piantine). Vivaio principale: • Produzione di 47.218 piante forestali (30 ettari): 7.040 di eucalipto (4 ettari), 8.000 di pino (5 ettari), 7.178 di olmo (5 ettari), 25.000 di Tara (16 ettari). • Produzione di 28.100 piante da frutto: 9.600 meli innestati su melocotogno, 500 peri, già nelle comunità, 18.000 alberi di melocotogno per innesti futuri necessari per il terzo anno. • Accordo con la Universidad Mayor y Autónoma San Francisco Xavier de Chuquisaca (Facoltà di Agraria) per la realizzazione di uno studio sulla diffusione delle piante in vivaio. Vivaio ausiliare: Riunioni con le comunità per organizzare la realizzazione del vivaio e la scelta del luogo di insediamento. Funzioni del vivaio: centro di competenza nella produzione di piantine e nell’acclimatazione e/o adattamento delle piante alla zona. p Corso di formazione “Gestione e manutenzione dei vivai” • I corsi di gestione e manutenzione dei vivai sono permanenti, con l’appoggio della Universidad Mayor y Autónoma San Francisco Xavier de Chuquisaca nelle tecniche di diffusione delle piante in vivaio. • 60 agricoltori qualificati nelle tecniche e nell’uso corretto di pesticidi. • 13 beneficiari formati in frutticoltura e produzione di mele e 20 formati in tecniche di innesto di alberi da frutto. p Corso di formazione “Gestione delle risorse naturali” Dato che la tematica delle risorse naturali è ampia, si è sviluppata un’attività di carattere permanente e trasversale a tutte le attività del progetto, focalizzata sulla sensibilizzazione e consapevolezza delle comunità.

famigliari. p Miglioria del sistema di “Gestione delle praterie e della disponibilità di pascoli foraggeri” • Identificazione di pascoli foraggeri in zona pedemontana e degli ettari utilizzati per il pascolo estensivo caprino. • Sviluppato inventario del foraggio che si produce attualmente nelle comunità, distinto in fieno o verde, grano. • Ordinamento prediale in ogni unità famigliare per l’insediamento di 26 ettari con un doppio proposito: l’arricchimento dei terreni e l’insediamento della coltivazione di alfalfa relativo alle dimensioni dei greggi. • 17 ettari si trovano già al secondo taglio e sono state iniziate le attività di seccatura e immagazzinamento della alfalfa. 3- Processo di apertura al mercato dell’economia famigliare locale attraverso l’aumento, la diversificazione e l’ottimizzazione delle attività di reddito. p Corsi di formazione per i divulgatori in “Gestione di mandrie, controllo del garrese e produzione di frutteti” • Pianificazione, ideazione e realizzazione dei moduli di formazione. • Sono state qualificati attraverso corsi specifici: 13 beneficiari su frutticoltura e produzione di mele.; 20 beneficiari su tecniche di innesto di alberi da frutto, 60 agricoltori su tecniche di produzione e utilizzo di pesticidi; 47 agricoltori su tecniche di produzione e cura delle piante da frutta; 7 allevatori su tecniche di allevamento di capre e coltivazione di alfalfa; 58 persone qualificate nell’insediamento di sistemi di irrigazione nella

comunità di San Miguel e 20 a Salo. p Razze ovine, caprine e bovine migliorate • Si è realizzato un corso pratico durante la semina di alfalfa per sensibilizzare le famiglie rispetto all’importanza di una dieta bilanciata dell’allevamento per migliorare la qualità e quantità di produzione dei suoi derivati (latte,carne). • Si è realizzato un censimento dei capi di bestiame e sono state valutate le richieste di produzione di alfalfa. • Si è realizzato un ordinamento prediale per disporre le coltivazione di foraggio in modo da ottimizzare lo spazio e le risorse idriche disponibili per ogni nucleo famigliare senza compromettere le coltivazioni tradizionali o la produzione di alberi da frutta. p Realizzare parcelle dimostrative accanto ai produttori pilota con l’introduzione delle nuove produzioni e tecnologie. I tecnici del progetto hanno identificato 60 unità produttive come possibili parcelle dimostrative nelle componenti di frutteti, gestione del bestiame e produzione del foraggio, sulla base delle caratteristiche climatologiche, morfologiche della zona e l’interesse delle famiglie. p Fornire assistenza tecnica e sorveglianza permanente le nuove coltivazioni di frutteti e le nuove razze introdotte. Assistenza nella piantagione dei frutteti, nella semina del foraggio, la gestione del bestiame e l’insediamento delle specie forestali, dei frutteti; supporto per la gestione dei prodotti agrochimici, concimazione e fungicidi. Coordinamento delle attività future e priorità alle necessità emergenti. Le visite alle comunità sono settimanali per tanto ogni nucleo famigliare riceve almeno

2- Riequilibrio ed estensione dei suoli agricoli e delle praterie destinate all’allevamento. p Razionalizzazione dell’uso delle risorse idriche È stata realizzata, per ogni unità produttiva, un’analisi degli attuali sistemi di irrigazione, con relativi migliorie. Realizzazione di due studi di prefattibilità per3 pozzi per irrigazione, per le comunità di Charahota, La Torre e Almona. p Creazione di 28 ettari di frutteto (23.000 piante) • Creazione di 16 ettari di frutteto (10.100 piante in 60 unità famigliari). • Produzione nel vivaio di circa 28.100 piante di melo e melocotogno per innesto (10.100 meli e 18.000 melocotogni necessari per l’anno III). • 10.100 alberi da frutto consegnati alle comunità (9.600 meli innestati su melocotogno e 500 peri). p Insediamento di barriere rompivento (14.500 ml) Insediati 3,67 ettari di rompivento (5.858 piante boschive di eucalipto, pioppo, pino) in 60 unità

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 69


I NOSTRI PROGET TI | AMERICA LATINA

una/due visite mensili. Viene effettuato il monitoraggio attraverso le seguenti modalità: • Riunioni comunali nelle comunità rurali del Municipio di Tupiza, analizzando assieme alle comunità l’esecuzione del progetto, le cause, gli effetti, le soluzioni, in base a questi si realizza la programmazione delle attività. • Riunioni distrettuali trimestrali con la partecipazione delle autorità delle 5 comunità e altre che appartengono al Distretto III del Municipio di Tupiza. I tecnici del progetto informa sullo stato di avanzamento; in queste riunioni si definiscono le attività inerenti al progetto e di collaborazione con la esecuzione dello stesso. • Riunioni quindicinali di pianificazione, assistenza e valutazione delle attività negli uffici CEPAD; con pianificazione di future attività e ricerca di soluzioni alle problematiche che si presentano nell’esecuzione. 4- Valorizzazione del ruolo della donna nell’economia della zona. p Analisi e formazione nella trasformazione dei prodotti agricoli. Analisi delle modalità di commercializzazione degli attuali prodotti agricoli della zona e individuazione dei possibili mercati. p Corso di formazione in commercializzazione dei prodotti Si realizzerà durante il III anno assieme ai corsi che si sta valutando di realizzare. Finora si è realizzato: • Coordinazione con i Centros de Salud e/o Puestos de Salud per la realizzazione dei corsi relativi all’igiene e alimentazione famigliare. • Incontri con gli addetti alla salute per la piani-

70 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

ficazione delle attività e la definizione delle tematiche: nozioni base di igiene relative alla preparazione del cibo; rischio e prevenzione delle malattie più diffuse nella zona; rischio relativo all’uso di fonti d’acqua contaminata. 5- Contadini, allevatori e organizzazioni di categoria qualificati nella gestione e nell’uso di tecniche agricole di allevamenti adatti e compatibili con la salvaguardia dell’ecosistema locale. p Corso di formazione “Tecniche di agricoltura e allevamento sostenibile” Sono stati realizzati corsi di formazione focalizzati sui seguenti temi: miglior utilizzo delle risorse idriche per l’irrigazione a partire da quelle già esistenti; necessità nutrizionali del terreno in relazione alla morfologia e alla coltivazione insediata; utilizzo di fertilizzanti organici autoprodotti da parte del nucleo famigliare e derivanti dalle attività di allevamento. Fino ad oggi sono stati realizzati 192 processi di formazione sul campo con: 60 agricoltori su tecniche e utilizzo di pesticidi, 47 agricoltori su tecniche di produzione e cura della piante da frutto, 7 allevatori su tecniche di allevamento di capre e coltivazione di alfalfa. Sono già state formate 55 persone attraverso corsi specifici: • 13 beneficiari formati in frutticoltura e produzione di mele. • 20 beneficiari formati in tecniche di innesto di alberi da frutto. • 22 allevatori formati in allevamento di caprini. • 35 tecnici della regione formati in elaborazione di progetti con la realizzazione del Diplomato in “Strutturazione Partecipativa di

Progetti di Sviluppo Produttivo, Associativo e Comunitario”. • 4 tecnici delle comunità formati sull’innesto e produzione di alberi da frutto. Riassumendosi ha un totale di 247 beneficiari formati in agricoltura, allevamento e gestione ecocompatibile del territorio. Aspetti qualificanti Il presente progetto si svolge in un contesto rurale caratterizzato da un’agricoltura estensiva tradizionale di mais, grano, fava e altri prodotti utilizzati principalmente per l’autoconsumo; è per questo che la sfida si fonda principalmente nel promuovere un cambiamento culturale nella zona, da una cultura tradizionale contadina a una cultura frutticola. Questo processo è stato intenso e assimilato su distinti livelli dalla popolazione beneficiaria; osservando le comunità e i nuclei famigliari che si sono appropriati molto bene degli obbiettivi e delle sfide, si può evidenziare che una caratteristica comune di questi è che hanno avuto la possibilità di uscire dalle proprie comunità, conoscere altri contesti e ampliare la propria visione del futuro. Le caratteristiche del progetto, che permetterà di vedere risultati di produzione solo su lungo termine, tendono a scoraggiare e per questo sono state prese delle misure compensatorie di motivazione e stimolazione permanente delle famiglie. All’interno delle 5 comunità rurali nelle quali si sta lavorando si riscontra che 177 famiglie inserite nel progetto hanno compreso e stanno svolgendo 270 azioni all’interno delle distinte componenti del progetto, applicando ai rispettivi nuclei famigliari tecniche di produzione e di allevamento del bestiame che portano avanti con successo; per cui queste famiglie sono già state identificate come parcelle dimostrative promuovendo così l’interesse di altre famiglie a portare avanti il progetto verso la sua seconda fase. A conclusione del secondo anno si può rilevare pertanto un’adesione significativa della popolazione locale che ha rafforzato il proprio grado di partecipazione all’iniziativa, elemento base per consolidare la creazione di unità produttive con la capacità di aumentare il profitto delle attività agricole e ovine e per tanto migliorare le condizioni socioeconomiche degli stessi beneficiari..


I NOSTRI PROGET TI | AMERICA LATINA

2.8.26 Estensione della rete di Centri di Salute Materno-Perinatale

alla Provincia di Buenos Aires Settore Sanità Area e paese America Latina – Argentina Progetto promosso e gestito da Ufficio Regionale America Latina Periodo di attuazione maggio 2007 – dicembre 2010 Ente finanziatore Ministero Affari Esteri

Totale progetto: 1.534.098 € Contributo Donor: 763.097 € Contributo CESTAS: 231.001 € Contributo altri: 540.000 € Ruolo di CESTAS Promotore Informazioni Responsabile Ufficio Regionale: Marta Scalvini Responsabile progetto: Ariel Karolinsky. Web: redperinatalamba.cisap.com.ar

Valore economico

Motivazioni dell’intervento Il programma proposto vuole essere uno strumento per contribuire a colmare lo iato alla base dei problemi di gestione della salute pubblica argentina, ovvero la difficoltà per le istituzioni sanitarie nazionali di avere una mappa epidemiologica chiara ed un quadro aggiornato dei bisogni sanitari della popolazione, soprattutto per quanto riguarda la salute materna e perinatale. Infatti la drammatica emergenza finanziaria del 2001 ha reso urgente l’intervento della cooperazione internazionale soprattutto a livello di medicinali e forniture di base, ma ha anche evidenziato un gravissimo indebolimento delle infrastrutture sanitarie con conseguente peggioramento dei servizi e dell’accessibilità agli stessi da parte di un vasto gruppo di popolazione. Il network di Centri che si propone di estendere assolverà la funzione di punto di riferimento periferico altamente qualificato, un’ antenna sanitaria sul territorio costantemente collegata con le altre della regione, aggiornata e coordinata con le politiche sanitarie nazionali. Obiettivi Obiettivo Generale: migliorare la qualità della vita della salute della popolazione di riferimento. Obiettivo Specifico: Migliorare la qualità dei servizi sanitari in materia di salute materno-perinatale nell’Area Metopolitana di Buenos Aires (AMBA) e nella Provincia di Buenos Aires (PBA) mediante un processo di aggiornamento scientifico del personale e di un incremento della quantità e qualità della rilevazione dei dati sanitari Beneficiari Gli operatori del settore, dei Centri, le donne

che si rivolgono ai Centri, le loro famiglie, le comunità di appartenenza nel loro insieme, il sistema sanitario pubblico a livello locale e nazionale. Alla fine del progetto si stima che la rete di centri di salute matero-perinatale coprirá attraverso i 30 centri una popolazione di 360.000 persone. I beneficiari diretti del progetto saranno 90.000. Si considerano beneficiari diretti i Centri stessi, i ricercatori e gli operatori del settore che verranno coinvolti nel progetto e che trarranno beneficio dalla formazione e dell’assistenza tecnica offerta dal network. I beneficiari indiretti saranno approssimativamente 270.000, considerando nel complesso i nuclei familiari dei beneficiari diretti (con 3 come moltiplicatore che rappresenta il numero medio di componenti per famiglia). Partner del progetto Partners stranieri: Secretaria de Salud del Gobierno de la Ciudad Autonoma de Buenos Aires; Ministerio de Salud de la Provincia de Buenos Aires Risultati attesi e attività previste 1- Selezione dei Centri e loro inserimento nel network esistente. La Rete risulta quindi costituita da 30 centri, di cui 12 appartenenti alla Ciudad Autonoma de Buenos Aires (CABA) e 18 alla Provincia de Buenos Aires (PBA), che sono stati formalmente inclusi nella Rete Argentina di Centri di Salute Materno Perinatale. p 1ª Riunione del Comitato Scientifico - Comité Local de la Red Perinatal AMBA extendida Nel novembre 2007 è stata convocata la 1° riunione per spiegare il senso della convocazione e le funzioni del Comitato Scientifico; illustrare la nuova conformazione del Comitato

Scientifico e di nuovi risultati ottenuti dal progetto Red Perinatal AMBA, con partecipanti: rappresentanti del Ministero di Salute della Nazione, PBA e CABA, delle Istituzioni accademiche e scientifiche, della coordinamento e degli ospedali che fanno parte del Progetto Red Perinatal AMBA „Riunioni di Coordinamento e visite ai Centri Obiettivi: aggiornare lo stato d’avanzamento del progetto, definire il piano operativo annuale, monitorare l’implementazione delle attività di formazione, ricerca e rilevamento epidemiologico, sensibilizzare e potenziare la partecipazione delle équipes ospedaliere nel progetto. Partecipanti: coordinatori dei centri, équipes ospedaliere dei centri ed équipe coordinatrice. p Costituzione Equipe di Coordinamento e consolidamento del Centro de Investigación en Salud Poblacional (CISAP) presso l’Hospital G. A. “Dr. Carlos G. Durand”. Obiettivo: formare un équipe di coordinamento per la gestione dei progetti di salute materna perinatale, con esperienza qualificata in gestione, formazione, ricerca, utilizzo delle basi di dati, attività comunitarie, supporto tecnico amministrativo e segreteria. Risultato: équipe di coordinamento consolidata e attiva per tutte le attività pianificate quali attività di rivelamento epidemiologica, formazione e ricerca. p Costituzione della Rete Internazionale di Ricerca e Formazione in Salute Materna e Perinatale (RETINSAP) Nell’ottobre 2007 è stato costituita RETINSAP con l’obiettivo di favorire lo scambio di conoscenze e la cooperazione tra gruppi di ricerca in materia di salute materna e perinatale attraverso il rafforzamento del coordinamento regionale a livello internazionale con la finalità di contribuire alla riduzione della mortalità materna e della morbilità materna severa nella

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 7 1


I NOSTRI PROGET TI | AMERICA LATINA

popolazioni delle aree di influenza delle istituzioni dei paesi partecipanti. Hanno partecipato rappresentanti di centri di ricerca di 6 paesi latinoamericani (Argentina, Bolivia, Ecuador, Nicaragua, Perù e Uruguay), CESTAS, autorità del Ministero di Salute del GCBA, rappresentanti della Segreteria di Scienza e Tecnica della Nazione e CYTED in Argentina, autorità dell’Ospedale Fernández e organizzazioni scientifiche. 2- Dotare i Centri di una struttura operativa efficiente e tecnologicamente avanzata. Si è proceduto all’acquisto delle attrezzature e delle dotazioni tecnologiche necessarie per fornire ad ogni centro la struttura idonea alla realizzazione delle attività previste dal progetto. Questa fase è stata preceduta da un monitoraggio mirato a evidenziare le esigenze di ogni centro, al fine di verificare se le indicazioni contenute nel progetto approvato risultassero ancora prioritarie o se le esigenze fossero cambiate. Le attrezzature sono state acquistate rispettando le caratteristiche e le priorità evidenziate da ogni centro. L’equipaggiamento richiesto ed acquistato è costituito per la maggior parte da strumenti informatici, in grado di assicurare collegamenti continui e scambi d’informazioni tra i Centri appartenenti alla Rete. Inoltre, con l’obiettivo di migliorare la comunicazione tra i Centri, di facilitare l’uso e l’accesso alle basi di dati, diffondere le pubblicazioni della Rete, si è proceduto all’aggiornamento del web server www.redperinatalamba.org.ar. 3- Realizzazione di due cicli di quattro workshops tecnici per anno p 1° Workshop “Prioridades de investigación en salud” Obiettivo: Presentare le priorità della ricerca in tema di salute, con enfasi nella salute materna e perinatale Partecipanti: rappresentanti del Foro Investigación en Salud de Argentina – FISA -, della

Red Global para la Investigación en Salud de las Mujeres y los Niños (NICHD/NIH, USA), e dell’Équipe Coordinatrice della “Red Perinatal AMBA”. Hanno assitito 80 professionisti degli ospedali facenti parte del Network Perinatal AMBA. p 2° Workshop “Práctica Clínica Basada en las Evidencias; Introducción a la Metodología de la Investigación Científica” Obiettivo: introdurre i concetti della Pratica Clinica basata sull’evidenza (MBE). Imparare a basare le decisioni in base alle migliori evidenze scientifiche disponibili e conoscere i modi migliori per cercarle, combinandole con l’esperienza. Partecipanti: 84 professionisti degli ospedali membri del Progetto Red Perinatal AMBA e professionisti del sistema di Residencias del Ministero di Salute della città di Buenos Aires. Organizzazione: CISAP, Centro Coordinatore del Progetto Red Perinatal AMBA, è stato il responsabile dell’organizzazione dell’evento, dello sviluppo delle attività docenti, della fornitura dei materiali, delle attività di valutazione e certificazione. Si è potuto contare con l’appoggio del Ministero di Salute GCBA. p 3° Workshop di formazione all’uso del SIP, Versioni 2000 e 2007 Obiettivi specifici: diffondere la conoscenza e l’uso del SIP nell’ambito del Network, identificare i campi che formano il formulario della Historia Clinica Perinatal (HCPL), completare correttamente la HCPL, conoscere l’insieme di indicatori minimi e contribuire al processo della loro convalida, promuovere l’uso integrale del SIP. Partecipanti: 61 professionisti e tecnici dei 30 ospedali membri del Network Perinatale AMBA. p 4° Workshop Guias clínicas en Perinatologia basadas en evidencias Partecipanti: 29 professionisti appartenenti ai Centri Della Rete Contenuti: Accompagnamento nel parto e corticosteroide. Sono state elaborate Guide in

Tomas Hector Francisco Di Pietro - Direttore Hospital General de Agudos Carlos G. Durand In che modo il modello di azione promosso da CESTAS nel Progetto di estensione della Rete Argentina di Centri di Salute Materno - Perinatale all’area Metropolitana di Buenos Aires (AMBA) e Sud della Provincia di Buenos Aires, rafforza tecnicamente i risultati di gestione nell’ospedale che lei dirige? Dalla realizzazione e continuità del Programma promosso da CESTAS si sono potuti osservare all’interno del nosocomio i seguenti risultati: Diminuzione del tasso di mortalità materna; Diminuzione del tasso di malattia materna; Aumento del numero di donne incinta che si sottopongono a visite mediche. Diagnosi precoce di patologie associate ad alto rischio come diabete, HTA, malattie genetiche, ecc. Miglioramento delle statistiche relative alla gravidanza e al parto. Rispetto delle norme di assistenza di gravidanza e parto. Ricorso a un protocollo specifico in caso di parti ad alto rischio. Riunioni di lavoro con diversi efectores

72 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

materia di utilizzo dei corticosteroidi durante il parto e prevenzione delle difficoltà respiratorie. 4- Realizzazione di seminari nazionali annuali p 1° Seminario di Inizio e di Costituzione della Rete Estesa Obiettivo: Formalizzare l’estensione del Progetto Red Perinatal AMBA Partecipanti: Ministri di Salute del CABA e della PBA, Direttrice Nazionale di Maternità e Infanzia, Rappresentanti dell’ambasciata Italiana, Presidente del CESTAS, Rappresentanti della Segreteria di Scienza e Tecnica della Nazione e organizzazioni scientifiche della specialità. Hanno partecipato anche 160 professionisti degli ospedali membri del Network. Risultati: è stato firmato l’Acta Acuerdo tra le parti, nel quale si riconosce il carattere istituzionale al progetto di estensione del Network. I partecipanti hanno ricevuto il materiale di documentazione con l’ultimo rapporto epidemiologico pubblicato dal Network e pubblicazioni recenti in materia di salute materna e perinatale. 5- Realizzazione di una Ricerca Clinica Applicata p Workshop di aggiornamento – Progetto pilota di ricerca sulla Mortalità Materna e la Morbilità Materna Severa (MM e MMS) Obiettivo: Presentare i protocolli di ricerca, discutere la definizione operativa di Morbilità Materna Severa e provare gli strumenti elaborati per la raccolta dei dati; Partecipanti: coordinatori della ricerca di 6 ospedali del Network selezionati. Risultati: dopo aver effettuato lo studio pilota, sono stati riportati un totale di 15 casi: 14 casi di MMS e 1 caso di MM; Lo studio pilota è stato utile per affinare e definire gli strumenti che si utilizzano nella ricerca attualmente in corso. p Workshop di esercitazione per i Gruppi di ricerca dei 30 ospedali nell’ambito della ricerca comune su MM e MMS Obiettivo: Analizzare il contenuto del protocollo

Rafforzamento istituzionale dell’Equipo de salud e progetto di indicatori epidemiologici. Queste conseguenze hanno un impatto positivo e diretto sull’Ospedale dove lavora il CISAP (Centro de Investigación en Salud Poblacional), l’ufficio di coordinamento della Rete, e fondamentalmente sul sistema di salute integrato del Governo della Città di Buenos Aires e della Provincia di Buenos Aires. Inoltre è un esempio positivo da seguire per le diverse istituzioni sanitarie locali. Felice Longobardi – Ambasciata d’Italia in Argentina - Direttore Unitá Tecnica Locale con Competenza in Argentina, Uruguay e Paraguay Che cosa pensa del fatto che CESTAS orienti la sua azione alla ricerca e al rafforzamento delle sinergie tematiche e programmatiche con le Politiche Pubbliche Nazionali e Regionali in Argentina? Ritengo che la ricerca ed il rafforzamento delle sinergie tematiche e programatiche con le politiche pubbliche territoriali e regionali siano scelte strategiche assolutamente corrette ed imprescindibili. L’intera azione delle cooperazione italiana e quindi anche quelle delle Ong è improntata ad appoggiare le politiche per lo sviluppo ed il rafforzamento dei diversi settori. Per quanto ho potuto constatare la Ong CESTAS ha giá posto in essere tale strategia conseguendo ottimi risultati.


I NOSTRI PROGET TI | AMERICA LATINA

di ricerca, condividere il risultato dello studio pilota, fornire strumenti, stabilire canali di comunicazione, realizzare esercitazioni nella compilazione dei formulari, stabilire la logistica per l’inizio formale della ricerca. Partecipanti: 48 professionisti membri del Gruppo di Ricerca della Rete. p Implementazione della ricerca comune su MM e MMS: Stato d’avanzamento. Obiettivo Generale: Realizzare una diagnosi della situazione della mortalità materna e della morbilità materna severa nei 30 ospedali che costituiscono il Network Perinatal AMBA (12 maternità della città e 18 maternità della provincia di Buenos Aires). Obiettivi Specifici: Determinare l’incidenza e la struttura della causa della mortalità materna e della morbilità materna severa nel Network Perinatal AMBA; Stabilire una definizione operativa di morbilità materna severa; implementare un sistema di registro e avviso di tutti i casi di MM e MMS. Partecipanti: 30 ospedali membri della Red Perinatal AMBA. Risultati: • Riunione con esperti e rappresentanti del Network per concordare la definizione operativa di MMS che sarà utilizzata nello studio. • Sviluppo degli strumenti per la rilevazione dei dati. • Sviluppo dello studio pilota e degli strumenti definitivi. 6- Realizzazione di un Diagnostico Partecipativo Avviare una ricerca orientata ad indagare

aspetti della salute riproduttiva dal punto di vista delle fruitrici dei servizi e delle loro famiglie. Viene elaborato materiale di formazione specifico, assieme alla realizzazione di workshop per generare livelli più alti di partecipazione nei servizi di salute e in tematiche di salute da parte delle fruitrici e delle loro famiglie. Il risultato è l’elaborazione del protocollo di ricerca denominato “Saberes en salud reproductiva”.

concluso, e i diversi partner istituzionali coinvolti in questo primo anno e mezzo di attività sul terreno hanno sollecitato più volte il CESTAS e la Cooperazione Italiana affinché si potesse estendere il modello di intervento ad altri centri della provincia. Il Ministero di Salute è partner del progetto all’interno della Commissione della Rete costituita nel 2003 ed è l’interlocutore privilegiato per attuare iniziative di reale impatto sul territorio e sulla popolazione beneficiaria.

Aspetti qualificanti Nello specifico di questa proposta, CESTAS ha maturato una consolidata esperienza nella gestione di progetti relazionati al lavoro in reti di prevenzione ed azione nel campo della salute sessuale e riproduttiva, in collaborazione con istituzioni sanitarie locali, università ed istituti di ricerca. La rilevanza dell’intervento proposto risiede nel fatto che il network di Centri è uno strumento di coordinamento molto utile a livello nazionale, per indirizzare e approfondire le politiche sanitarie sulla base di dati certi, verificati e aggiornati, oltre che per attivare iniziative più ampie su scala regionale. I risultati conseguiti fino ad ora sono estremamente positivi: è stata costituita la rete di 30 centri appartenenti alla città di Buenos Aires ed alla Provincia di Buenos Aires, è stata creata la Commissione di Esecuzione del Progetto e realizzata gran parte delle attività formative previste. Il bilancio complessivo del programma è positivo, sebbene esso non si sia ancora

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 73


I NOSTRI PROGET TI | AMERICA LATINA

2.8.27 Programma di sostegno all’occupazione femminile in Argentina (Province di BUENOS AIRES e SANTA FE)

Settore Genere, Formazione Area e paese America Latina – Argentina Progetto promosso e gestito da Ufficio Regionale America Latina Periodo di attuazione febbraio 2007 – maggio 2009 Ente finanziatore Regione Marche

Motivazioni dell’intervento Dalla fine degli anni ’80, CESTAS ha progettato e realizzato in America Latina, in collaborazione con istituzioni nazionali e internazionali, pubbliche e private, una serie di programmi di intervento in ambito di intermediazione lavorativa, i cui beneficiari costituiscono uno dei gruppi umani più vulnerabili della società latinoamericana: le donne. Queste iniziative hanno la finalità di raggiungere gli obiettivi strategici dell’istituzione che persegue il superamento della disuguaglianza sociale e la scarsità di risorse, che si concretano in povertà, in indigenza, in marginalità e nell’esclusione sociale delle donne e delle loro famiglie. Durante gli ultimi anni, il paese Argentina ha registrato un notevole miglioramento dal punto di vista socio-economico. Nonostante questo, persistono alti tassi di povertà, indigenza e la disoccupazione rimane molto elevata, specialmente per le donne capo-famiglia e per donne con meno di 29 anni. Per questa ragione, il presente programma è stato formulato da una prospettiva teorica che prevede una serie di tecniche qualitative di ricerca sociale applicata, che configurano la problematica dell’inserimento lavorativo nella prospettiva di un programma integrale e integrato. CESTAS con i suoi partner locali vuole con il presente programma contribuire seriamente ed efficacemente alla discussione e alla formulazione di programmi di’inserimento lavorativo femminile a livello di politiche pubbliche e programmi incentrati di carattere locali. L’idea di fondo è quella di cercare di colmare vuoti e svantaggi strutturali particolarmente accentuati per le donne che hanno a carico la famiglia, fra questi soprattutto la mancanza di esperienza e di contatti che costituiscono una barriera permanente all’entrata delle donne nel merca-

74 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

Valore economico Totale progetto: 176.189 € Contributo Donor: 140.959 € Contributo CESTAS: 35.230 € Ruolo di CESTAS Promotore Informazioni Responsabile Ufficio Regionale: Marta Scalvini Responsabile progetto: Maria Paula Di Pietro Web: www.clubesdeempleo.org

to del lavoro, con il connesso rischio di marginalizzazione sociale. Obiettivi Obiettivo Generale Contribuire al miglioramento delle condizioni di vita della popolazione femminile piú emarginata e povera della città autonoma di Buenos Aires e delle province di Buenos Aires e Santa Fé. Obiettivi Specifici: 1 Migliorare l’inserimento, la stabilità e la qualità del lavoro della donna partecipante al programma. 2 Consolidare un programma di intermediazione lavorativa che interagisca con i programmi locali e nazionali di appoggio all’occupazione femminile. Beneficiari I beneficiari diretti del presente progetto sono donne selezionate in base ad i seguenti criteri di massima: a essere cittadina argentina b essere la principale responsabile del mantenimento economico della famiglia. c avere minori a carico; d essere considerata dalla municipalità come dotata di scarsi mezzi economici; e essere alfabetizzata; f avere una età compresa tra i 17 e i 45 anni; g essere residente permanente nelle aree del progetto; h avere desiderio di lavorare e essere motivata a partecipare al progetto; i avere una salute compatibile con lo svolgimento di un lavoro specifico. I beneficiari indiretti saranno da considerare come i nuclei familiari delle beneficiarie dirette e le comunità di appartenenza nel loro insieme.

Partner del progetto Socie locale del progetto: Centro de Estudios e Investigación de la Mujer “Dra Elvira Rawson” (CEIM) nella città di San Nicolas de los Arroyos e l´Asociación Civil Palabras nella città di Santa Fe. Risultati attesi e attività previste 1- Meccanismo di Formazione ed Inserimento Lavorativo p Avvio del programma di Intermediazione Lavorativa attraverso i C.E.M. (Clubes de Empleo para Mujeres): a San Nicolàs y Santa Fé le attività proseguiranno nella struttura già attivata; con le seguenti attività: - Elaborazione del piano operativo della fase d’avvio del progetto. - Selezione del personale tecnico destinato a realizzare la fase d’avvio del progetto. - Elaborazione della strategia di diffusione del progetto e di lancio della“convocatoria”per la selezione delle beneficiarie: • Disegno ed elaborazione del testo degli annunci pubblicitari volti a diffondere il progetto. • Disegno e collocazione dei cartelli pubblicitari inerenti il progetto in vari punti dell’abitato. • Realizzazione di riunioni con organizzazioni ed istituzioni non governative, della società civile e dell’associazionismo locale per promuovere l’iniziativa e rafforzare la Rete formale in cui si collocano Ceim e Palabras. - Definizione della Pianificazione, cronogramma della fase di “Habiltación Laboral” - Inizio della “convocatoria” e selezione dei partecipanti - Sviluppo delle attività inserite nella fase“abilitazione lavorativa” - Rafforzamento economico per la fase di Abilitazione Lavorativa con l’obbiettivo di rafforzare l’impiegabilità. 2- Accesso al mondo del lavoro facilitato e con-


I NOSTRI PROGET TI | AMERICA LATINA

dizioni contrattuali migliorate per le donne partecipanti al programma. p Attivazione e realizzazione del FAS, con definizione della strategia da impiegare e svolgimento nel periodo novembre 2008 maggio 2009. Questa fase ha incluso diversi incontri, settimanali o quindicinali (sotto forma di laboratori, incontri di gruppo e colloqui individuali) nel corso dei quali sono state riesaminate e rafforzate le tematiche viste nella fase di formazione. Durante i mesi di dicembre 2008 e gennaio e febbraio 2009 è stata migliorata questa fase con l’obbiettivo di rafforzare l’impiegabilità delle partecipanti. È stato selezionato un gruppo di donne a cui è stata finanziata una qualificazione specifica che permetta loro di accedere effettivamente a un lavoro o di migliorare la situazione lavorativa attuale. In questi casi la qualificazione che hanno ricevuto è stata su“assistenza anziani e malati”,“infermeria generica” e “informatica”. p Attivazione di un fondo di autoempleo - Elaborazione della metodologia per la fase Autoimpiego e qualificazione delle istituzioni socie. - Progettazione, diffusione, convocazione e selezione per la fase Auto-impiego. - Qualificazione in Auto-impiego delle donne partecipanti ai CEM. È stato elaborato un modello di metodologia per la fase Auto-impiego (“Manuale per l’Auto-impiego” e “Strumenti per l’Auto-impiego”). Questi sono stati presentati alle istituzioni socie nel corso di una giornata di qualificazione realizzata in ogni territorio. Con categorie tanto diverse come la produzione tessile o gastronomica hanno costruito, nonostante le diverse specialità e le diverse dimensioni delle proprie attività commerciali, una solida rete di contatti e di sostegno che permetterà di rafforzare queste donne individualmente e collettivamente nel corso del tempo. 3- Meccanismo di concertazione con il mondo imprenditoriale p Organizzazione e attivazione operativa di una “Bolsa de Empleo” - Pianificazione della “Bolsa de Empleo” - Elaborazione del materiale di diffusione per la “Bolsa de Empleo” - Esecuzione delle attività della“Bolsa de Empleo” L’obiettivo principale della“Bolsa de Empleo”è ottimizzare il futuro inserimento lavorativo delle donne partecipanti. Per quanto sopra detto ogni socio ha elaborato una pianificazione dello sviluppo dell’attività. Per realizzare la pianificazione di questa richiesta di intermediazione lavorativa, sono stati costituiti vari strumenti con l’obbiettivo di gestire il lavoro: Piano di Lavoro, Bolsa de Empleo, Diario di contatti imprenditoriali, Lista di imprenditori, Lista di donne contattate e occupate. Allo stesso modo sono stati elaborati prodotti grafici e materiali di diffusione per raggiungere nel migliore dei modi il particolare gruppo dei “po-

tenziali datori di lavoro”. Le istituzioni socie hanno realizzato le seguenti attività: • Visite ai potenziali datori di lavoro e alle istituzioni che possano rappresentare un beneficio per l’impiegabilità delle partecipanti ai CEM. • Consultazione permanente degli annunci di lavoro sul quotidiano locale per ottenere un contatto e/o informare le beneficiarie. • Riunioni periodiche con le partecipanti per scambiarsi informazioni e mantenersi aggiornati sulla propria situazione lavorativa. • L’addetta dell’Area Impiego svolge le pratiche ai potenziali datori di lavoro per l’occupazione delle donne attenendosi al loro profilo personale. 4- Consolidamento dei C.E.M. come strutture di Intermediazione Lavorativa. p Realizzazione di un seminario di informazione e sensibilizzazione da attuarsi nel paese d’intervento. Partecipazione di CESTAS, CEIM e PALABRAS all’evento di Ong italiane in Argentina, Uruguay e Paraguay. CESTAS e le socie di CEIM e PALABRAS hanno partecipato all’evento di presentazione della pubblicazione “Il ruolo delle Ong italiane in Argentina, Uruguay e Paraguay”organizzato dall’Ufficio di Cooperazione per lo Sviluppo dell’Ambasciata italiana a Buenos Aires; è stato realizzato il 28 Aprile 2009 presso la Cancelleria di Buenos Aires (Ministerio de Relaciones Exteriores de la Nación). CESTAS ha fatto partecipare attivamente due istituzioni socie (CEIM e PALABRAS) e ha posto in rilievo l’importanza di questo programma e gli obbiettivi realizzati. 5- Meccanismo di coordinamento tecnico e operativo con le autorità locali e nazionali p Riunione mensile di coordinamento locale. Come uno dei risultati di queste riunioni di pianificazione e analisi del lavoro realizzato, è stato riformulato il contenuto della pagina web dei Clubes de Empleo para Mujeres (www.clubesdeempleo.org). p Realizzazione di una indagine sociologica. Realizzazione di un Manuale del Programma CEM in Argentina a carico dell’istituzione CEM. Come riassunto dei risultati finali del programma si possono indicare: • Durante il 2008 hanno portato a termine la fase di Formazione per il Lavoro 35 donne per il CEM con il Piano Individuale di Lavoro in svolgimento e 36 per la Associazione Civile Palabras con il Piano Individuale di Lavoro in svolgimento. • I gruppi di lavoro delle socie sono stati integrati con esperti di tutte le aree che vanno da psicologi a pedagoghi, avvocati, specialisti in relazioni di lavoro, docenti, ecc. Ciò ha permesso la formazione integrale delle beneficiarie.

• È stato realizzato e consegnato alle socie il materiale istituzionale del progetto con l’effetto di unificare l’immagine dello stesso: carpette, cartoleria, buste e biglietti da visita, tutto seguendo il logo e la marca del progetto. • Le Bolsas de Empleo hanno funzionato correttamente e a partire dal lavoro realizzato e la totalità delle beneficiarie ha potuto incorporarsi a queste. • Sono stati realizzati contatti istituzionali che hanno permesso di ampliare la rete di lavoro delle socie e del CESTAS. • Sono state visitate imprese e attività commerciali interessate a partecipare ai CEM e sono state invitate formalmente a integrare la base di dati della pagina web del programma. • Si è dato il via alla fase FAS (Fortalecimiento, Apoyo e Seguimiento) con un’eccellente predisposizione da parte delle donne a voler continuare a partecipare al progetto. • Ogni istituzione socia ha stabilito chi necessita di derivazione per continuare a qualificarsi, terminare gli studi o ricevere appoggio psicosociale. • Sono stati stabiliti i contatti istituzionali che permetteranno di facilitare la derivazione. Durante la realizzazione del programma sono state beneficiate in modo diretto 120 donne e il proprio nucleo famigliare. Le donne in ogni caso hanno completato un processo di formazione intensa, hanno trovato appoggio sociale e psicologico e hanno migliorato la propria condizione lavorativa. Aspetti qualificanti Il presente progetto si svolge in un contesto lavorativo nazionale e locale di difficile accesso e penetrazione per le donne, soprattutto quelle che costituiscono l’universo di beneficiarie dello stesso. La sfida fondamentale di questo programma è collaborare al cambiamento di questa situazione. Questo processo è stato intenso ma è stato assimilato. Inoltre, i contatti politici istituzionali delle socie fanno sperare in una fruttuosa rete di appoggio al programma. Il rafforzamento dell’impiegabilità tramite il finanziamento di qualificazione o di praticantato, ha permesso alle partecipanti beneficiate un vincolo reale ed effettivo con il mondo del lavoro. Per di più, le donne che hanno compiuto il processo di formazione del programma hanno incrementato le proprie competenze lavorative e hanno potuto, nella maggior parte dei casi, accedere a migliori condizioni contrattuali con benefici in materia di assistenza sociale e di previdenza per se stesse e per il nucleo famigliare. In quanto al vincolo e alla sostenibilità del programma, occorre ricordare che i municipi e i suoi ministeri sono stati interessati in questa proposta portata a termine da CESTAS ottenendo una partecipazione attiva nella realizzazione assieme alle socie.

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 75


I NOSTRI PROGET TI | AMERICA LATINA

2.8.28 Programma di sostegno all’attività di formazione e

intermediazione lavorativa per il lavoro femminile nella Città Autonoma di Buenos Aires e nelle Provincie di Buenos Aires, Settore Genere Area e paese America Latina – Argentina Progetto promosso e gestito da Ufficio Regionale America Latina e Ufficio Regionale Marche Periodo di attuazione aprile 2008 – giugno 2011 Ente finanziatore Ministero Affari Esteri

Motivazioni dell’intervento Dalla fine degli anni ’80, CESTAS ha progettato e realizzato in America Latina, in collaborazione con istituzioni nazionali e internazionali, pubbliche e private, una serie di programmi di intervento in ambito di intermediazione lavorativa, i cui beneficiari sono le donne. L’obiettivo è il superamento della disuguaglianza sociale e la scarsità di risorse, che si concretizzano in povertà, in marginalità e nell’esclusione sociale delle donne e delle loro famiglie. Durante gli ultimi anni, il paese Argentina ha registrato un notevole miglioramento dal punto di vista socio-economico. Nonostante questo, persistono alti tassi di povertá, indigenza e la disoccupazione specialmente per le donne capo-famiglia e con meno di 29 anni. Il presente programma è stato formulato da una prospettiva teorica che prevede una serie di tecniche qualitative di ricerca sociale applicata riguardo la problematica dell’inserimento lavorativo. CESTAS con i suoi partner locali vuole contribuire seriamente ed efficacemente alla formulazione di programmi di’inserimento lavorativo femminile a livello di politiche pubbliche e programmi di carattere locali. L’idea di fondo è quella di cercare di colmare vuoti e svantaggi strutturali particolarmente accentuati per le donne che hanno a carico la famiglia, fra questi soprattutto la mancanza di esperienza e di contatti che costituiscono una barriera permanente all’entrata delle donne nel mercato del lavoro, con il connesso rischio di marginalizzazione sociale. Obiettivi Obiettivo Generale: miglioramento delle condizioni di vita della popolazione femminile più emarginata e povera della città autonoma di Buenos Aires e delle province di Buenos Aires, Mendoza e Santa Fé.

76 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

Valore economico Totale progetto: 1.690.869 € Contributo Donor: 838.170 € Contributo CESTAS: 253.329 € Contributo altri: 589.370 € Ruolo di CESTAS Promotore Informazioni Responsabile Ufficio Regionale: Marta Scalvini Responsabile progetto: Maria Paula Di Pietro Web: www.clubesdeempleo.org

Obiettivo specifico: migliorare l’inserimento, la stabilità e la qualità del lavoro della donna che partecipa al programma rispetto al livello di reddito ed alle condizioni di contrattazione e di lavoro Beneficiari I beneficiari diretti del presente progetto saranno donne selezionate in base ad i seguenti criteri di massima: a) deve essere cittadina argentina. b) può essere la principale responsabile del mantenimento economico della famiglia; c) può avere minori a carico; d) deve essere considerata come dotata di scarsi mezzi economici e) deve essere alfabetizzata; f) l deve avere preferibilmente tra i 18 e i 45 anni; g) deve essere residente permanente del territorio h) deve avere desiderio di lavorare e essere motivata a partecipare al progetto; i) l deve avere una salute compatibile con lo svolgimento di un lavoro specifico. I beneficiari indiretti saranno da considerare come i nuclei familiari delle beneficiarie dirette e le comunità di appartenenza nel loro insieme. Partner del progetto Socie locale del progetto • Instituto Social y Político de la Mujer, (ISPM) nella città di Buenos Aires. • Fundación Propuesta, nella città di Lomas de Zamora, prov. di Buenos Aires. • Asociación Civil Palabras, nella città di Santa Fe. • Centro de Estudios e Investigación de la Mujer CEIM, nella Città di San Nicolas de los Arroyos, prov. di Buenos Aires e Fundación Consensos, nella città di Santa Fe. Risultati attesi e attività previste 1- Meccanismo di Formazione ed Inserimento Lavorativo Esecuzione del programma di Intermediazione La-

vorativa attraverso la generazione di una struttura di intervento sociale - C.E.M. (Clubes de Empleo para Mujeres, Clubs per l’Impiego della Donna). L’equipe del C.E.M. è composta da professionisti, di varie discipline delle scienze sociali, che hanno il compito di sviluppare le attività che costituiscono il processo della Abilitazione Lavorativa. Alla fine del 1°anno sono operativi e funzionanti 5 CEM: con compiti di convocazione, selezione, abilitazione lavorativa, auto-impiego e FAS con un Osservatorio sull’Occupazione e programma il Seminario di Diffusione; l’obiettivo finale è di elaborare un Manuale di Inserimento del programma di intermediazione lavorativa per le donne 2- Accesso al mondo del lavoro facilitato e condizioni contrattuali migliorate per le donne partecipanti al programma. Attivazione e realizzazione del F.A.S. – Programma di Formazione, Appoggio e Accompagnamento. L’obiettivo del programma F.A.S. è“appoggiare in modo integrale il ruolo delle donne lavoratrici attraverso la formazione, l’appoggio e l’accompagnamento delle differenti azioni, assicurando in questo modo un adeguato inserimento lavorativo, un miglioramento nelle condizioni contrattuali e un aumento dei livelli di occupabilitá”. La fase FAS include diversi incontri, settimanali o quindicinali, nel corso dei quali si esaminano le tematiche viste nella fase di formazione e si rafforzano le caratteristiche individuali. Questa fase avviene sotto forma di laboratori, incontri di gruppo e colloqui individuali. Attivazione Di Un Fondo Di Auto-Impiego. Si è considerato necessario stabilire una linea specifica di finanziamento per l’auto-impiego. Questa linea fu realizzata con grande successo in Cile e successivamente estesa anche in Argentina. Il finanziamento contempla, per ciascuno delle attività di micro-imprenditoria di tipo individuale o associativo, un processo di formazione all’im-


I NOSTRI PROGET TI | AMERICA LATINA

prenditoria e l’acquisto di attrezzature e tecnologia di base. Questo fondo deve essere considerato come una alternativa “straordinaria” per tutte quelle donne che possono contare su un profilo imprenditoriale, condizioni materiali e di formazione adeguate per sviluppare una attività autonoma. Conforme al modello metodologico introdotto da CESTAS nelle riunioni di qualificazione metodologica, i CEM utilizzano per la fase Auto-impiego il manuale che CESTAS con gli strumenti realizzati (mappa delle attività, profilo dell’imprenditore). Verso la fine del 1°anno si riscontra che 140 beneficiari stanno realizzando un Piano Individuale di Attività di Microimprese e tutte queste sono imprese in attività. 3- Meccanismo di concertazione con il mondo imprenditoriale attivato e funzionante. Organizzazione e attivazione operativa di una “Bolsa de Empleo” La“Bolsa de Empleo”costituisce la struttura di intermediazione fra l’offerta di posti di lavoro del mercato e la ricerca di impiego delle donne che partecipano al Programma. La creazione e il funzionamento della“Bolsa de Empleo”costituisce inoltre una forma di appoggio alla attività imprenditoriale, mediante il soddisfacimento della ricerca del personale. Tutto questo permette alle donne beneficiarie del Programma di avere l’opportunità di un adeguato inserimento professionale nel mercato del lavoro, diminuendo gli ostacoli e le restrizioni che si incontrano nell’ottenere un impiego. L’obiettivo della Bolsa de Empleo è di creare, configurare e consolidare una istanza stabile ed efficace di concertazione fra l’offerta di impiego e la ricerca di occupazione. Alla fine del 1° anno le Bolsas de Empleo che prevedono i CEM sono operative e in funzionamento presso 4 dei territori. 4- Organizzazione e attivazione operativa dell’”Osservatorio sull’Occupazione”

L”Osservatorio sull’Occupazione”è una struttura di monitoraggio delle attività lavorative nelle località e/o nelle province nei quali si realizza il CEM. Questo studio si incentra in modo specifico sul lavoro femminile, permettendo di conoscere il mercato del lavoro, le sue dinamiche e tendenze e il rapporto domanda / offerta, costituendo anche come referente per organismi pubblici e privati. Alla fine del 1° anno, l’Osservatorio sull’Occupazione si trova operativo e funzionante nel territorio della provincia di Mendoza. 5- Consolidamento dei C.E.M. come strutture di Intermediazione Lavorativa. Realizzazione di un seminario di informazione e sensibilizzazione da attuarsi nel paese d’intervento Nel programma si è prevista la realizzazione di un seminario annuale, con il proposito di informare e sensibilizzare sui differenti aspetti sviluppati nel Programma, promuovere il modello di intervento sociale che CESTAS ha ideato e utilizzato, rendere consapevoli sulla serie di inconvenienti che le donne con scarse risorse devono affrontare per trovare un lavoro, specialmente le donne capo-famiglia e quelle di etá inferiore ai 29 anni. Realizzazione di un seminario di informazione e sensibilizzazione in Italia Nel Programma si è prevista una attività di informazione e sensibilizzazione che prevede di convocare istituzioni interlocutorie italiane, con il fine di fare conoscere le attivitá promosse nel progetto. 6- Meccanismo di coordinamento tecnico e operativo con le autorità locali e nazionali avviato. Riunione mensile di coordinamento locale. Sono state realizzate varie riunioni di coordinamento con le istituzioni socie partecipanti al Programma allo scopo di coordinare e pianificare le sue fasi di esecuzione. Il proposito di queste è stato coordinare il lavoro metodologico dei CEM e i programmi di Intermediazione Lavorativa che CESTAS gestisce nel paese. L’obbiettivo è lavorare in modo unificato presso tutti i territori dei CEM rispettando

Silvia Natali, Presidentessa Instituto Social y Político de la Mujer (ISPM) – Socio Locale del Progetto Dal suo punto di vista qual’è/sono i principali vantaggi del Progetto Clubes de Empleo? Secondo la nostra opinione ed esperienza, il vantaggio principale del Programma risiede nella possibilità di dotare le donne di una nuova prospettiva su se stesse, sulle proprie capacità e potenzialità. La discriminazione verso le donne nel mondo del lavoro è un chiaro riflesso della diseguaglianza dei sessi a livello sociale. Se le donne negli ultimi anni hanno aumentato la propria partecipazione al mercato del lavoro, in generale questa si trova in relazione a situazioni di emergenza socioeconomica, cosa che le confina in posti di lavoro precari, informali e mal remunerati. La difficoltà della maggior parte delle donne di trovare un impiego che garantisca un’entrata fissa complica la loro capacità di autosostentamento e indipendenza economica, spesso rafforzando legami di dipendenza con il proprio compagno e la famiglia. Per tanto la ricerca di un impiego oltre a implicare la possibilità di un’entrata economica, secondo la nostra esperienza, alla maggior parte delle donne che ha realizzato il programma, ha consentito di raggiungere un maggiore livello di autosufficienza ed empowerment. Anche le donne che non hanno avuto accesso a un

le caratteristiche proprie di ogni popolazione e il gruppo di beneficiarie. Realizzazione di una indagine sociologica Si sta lavorando attivamente alla preparazione di una base di dati e di lavoro per realizzare un’indagine sociologica verso il secondo e terzo anno di lavoro del programma. Alla fine dell’anno I hanno partecipato ai CEM 539 donne, 399 delle quali hanno partecipato alla qualificazione in Abilitazione Lavorativa e alla Bolsa de Empleo. Le altre 140 hanno partecipato alla qualificazione in Auto-impiego. Aspetti qualificanti Il presente progetto si svolge in un contesto lavorativo nazionale e locale di difficile accesso e penetrazione per le donne, soprattutto quelle che costituiscono l’universo di beneficiarie dello stesso. La sfida fondamentale di questo programma è collaborare al cambiamento di questa situazione. Questo processo è stato intenso ma è stato assimilato. Inoltre, i contatti politici istituzionali delle socie fanno sperare in una fruttuosa rete di appoggio al programma. Per di più, le donne che hanno compiuto il processo di formazione del programma hanno incrementato le proprie competenze lavorative e hanno potuto, nella maggior parte dei casi, accedere a migliori condizioni contrattuali con benefici in materia di assistenza sociale e di previdenza per se stesse e per il nucleo famigliare. In quanto al vincolo e alla sostenibilità del programma, occorre ricordare che i municipi e i suoi ministeri sono stati interessati in questa proposta portata a termine da CESTAS ottenendo una partecipazione attiva nella realizzazione assieme alle socie. Si spera che il Manuale di Intervento Sociale in corso di elaborazione permetta di mostrare perfettamente il programma CESTAS alla comunità regionale per poter costituire un modello generale e applicabile dai vari organismi ai rispettivi paesi.

impiego all’interno della cornice del programma, hanno enormemente rafforzato la capacità individuale di formulare un progetto autonomo grazie a una maggiore autostima, energia, creatività e coscienza delle proprie capacità e diritti. In che modo l’organizzazione si è rafforzata tecnicamente e istituzionalmente grazie alla sua partecipazione all’iniziativa? Per la nostra istituzione lo sviluppo di questo progetto è di enorme importanza principalmente per i suoi piani a lungo termine visto che lo stiamo svolgendo fin dal 2003 e questa continuità permette di vedere risultati concreti, riformare metodologie e strumenti, correggere la progettazione e in questo modo migliorare notevolmente la realizzazione dello stesso. In questo modo le professioniste del gruppo hanno acquisito nuove tecniche e strumenti di lavoro e hanno fortificato il gruppo ampliando le proprie capacità di gestione. Anno dopo anno, il contatto diretto con le donne arricchisce e sviluppa la capacità di azione. Inoltre, attraverso il programma si sono stabiliti contatti con diversi organi dello Stato locale e Nazionale, istituzioni professionali, organizzazioni sociali e mezzi di comunicazione. Una tale rete di organizzazioni è di vitale importanza per l’esercizio del lavoro che realizza la nostra Ong, fortifica i progetti e amplia la percezione e la visibilità degli stessi.

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 77


I NOSTRI PROGET TI | AMERICA LATINA

2.8.29 Programma Integrale di Appoggio alla Microimpresa

individuale e Associativa dei Partidos de Lomas de Zamora y Lanús

Area e paese America Latina – Argentina

Valore economico Totale progetto: 113.189 € Contributo Donor: 94.008 € Contributo CESTAS: 14.870 € Contributo altri: 4.310 €

Progetto promosso e gestito da Ufficio Regionale America Latina

Ruolo di CESTAS Promotore

Periodo di attuazione luglio 2008 – dicembre 2009

Informazioni Responsabile Ufficio Regionale: Marta Scalvini Responsabile progetto: Maria Paula Di Pietro

Settore Genere - Formazione

Ente finanziatore Ministerio de Desarrollo Social de la Nacion Argentina (Ministero dello Sviluppo Sociale)

Motivazioni dell’intervento Il progetto consiste nel generare e appoggiare alternative lavorative indipendenti che siano sostenibili nel corso del tempo, per persone che desiderino iniziare o che già stiano svolgendo un’attività economica nelle città di Lomas di Zanora e Lanùs. Il “Processo di Appoggio Integrale all’Azione Imprenditoriale” è strutturato sulla base di un insieme di mezzi tecnico-metodologici di intervento sociale che potenziano l’inserimento sociale di persone nel mondo del lavoro attraverso l’auto-impiego. In questo modo il programma intende assicurare l’inserimento economico e sociale dell’imprenditore mettendolo in contatto con una rete di imprenditori della zona, con le istituzioni di formazione (università, centri di formazione tecnica e altri), con i servizi pubblici attraverso l’orientamento per la gestione dei permessi dei municipi e altre istituzioni di appoggio in differenti aree sociali e culturali. CESTAS tramite queste strategie intende consolidare un modello di “Intervento Sociale Integrale” che favorisca specialmente le persone in situazione di “vulnearibilità sociale” tramite una struttura operativa e di intervento sociale conosciuta come “Clubs di Impiego per Donne” (programma finanziato dal Ministero Affari Esteri). Obiettivi Obiettivo generale: generare/rafforzare le attività economiche delle città di Lomas de Zamora e Lanús della provincia di Buenos Aires. Obiettivi Specifici: • Offrire appoggio tecnico pertinente e di qualità alle persone che abbiano una chiara idea di impresa. • Fornire orientamento tecnico pertinente e di qualità alle persone che abbiano un’attività in funzionamento. • Fornire accompagnamento professionale spe-

78 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

Web: www.cestasargentina.org

cializzato durante la fase di realizzazione a tutte attività imprenditoriali del programma. Beneficiari I beneficiari diretti del presente progetto saranno donne selezionate in base ad i seguenti criteri di massima: • che possiedano un chiaro profilo imprenditoriale. • che abbiano una chiara idea di impresa e/o abbiano la formazione adeguata per inserirsi nelle reti dell’economia sociale che operano nel territorio. • che abbiano esperienza in precedenti attività produttive o di servizi. • che attualmente abbiano in funzione un’attività produttiva o di servizi. I beneficiari indiretti sono da considerare come i nuclei familiari delle beneficiarie dirette e le comunità di appartenenza nel loro insieme. Partner del progetto Fundación Propuesta nella città di Lomas de Zamora, Provincia di Buenos Aires, Argentina. Partecipa anche la Universidad Nacional de Lanus con la laurea in Economía di Impresa. Risultati attesi e attività previste Risultati attesi • Il 100% delle imprese (produttive e/o di servizi) è rafforzato attraverso l’appoggio tecnico specializzato in qualificazioni in cui viene elaborato un piano di attività. • Il 100% delle imprese (produttive e/o di servizi) ottiene appoggio tecnico specializzato durante la fase di controllo, assicurando così la sua sostenibilità. • Il 100% delle imprese è inserito nella rete di appoggio e sostegno delle attività imprenditoriali delle città di Lomas de Zamora e Lanús. Il presente programma è integrato da una serie

di fasi di lavoro che contemplano azioni che hanno come obiettivo assicurare uno svolgimento adeguato dei processi produttivi. Si pretende di offrire un “Servizio di Appoggio Integrale” alle beneficiarie che include appoggio tecnico rispondendo efficacemente e qualitativamente alle richieste personali di ognuno degli agenti e della sua impresa. Attività del Programma Le attività che si svolgono durante il processo di Appoggio all’Azione Impresariale sono le seguenti: a Laboratori di qualificazione riferiti alla formulazione del “Piano per le imprese”. Analisi dell’ambiente. Rilevamento delle opportunità e delle minacce del mercato e dei punti di forza e delle debolezze dell’imprenditore. Elaborazione e convalida del Piano per le Imprese. Appoggio nella organizzazione e commercializzazione. Assistenza ai possessori di Formulari per il MDS. b Assistenza tecnica e qualificazione in produzione e tecnologia. Uso dei macchinari; acquisizione di nuovi procedimenti e tecniche di produzione (controllo di qualità), organizzazione del processo di lavoro. c Assistenza e orientamento all’acquisto di materie prime, materiali e macchinari. d Orientamento all’inserimento nelle reti economiche, sociali e culturali. Promozione per l’inserimento dei beneficiari/e nei diversi punti di intersezione che formano le reti locali che compongono l’economia sociale. e Monitoraggio tecnico agli agenti e alle loro imprese - Creazione di una strategia tra l’istruttore e


I NOSTRI PROGET TI | AMERICA LATINA

l’agente per approfittare delle opportunità e affrontare le minacce che provengono dal mercato e per potenziare i punti forza e affrontare le debolezze del progetto. - Verifica delle condizioni materiali del progetto (stato delle macchine e installazioni) - Appoggio all’organizzazione e commercializzazione. - Controllo e valutazione del grado di inserimento degli imprenditori all’interno dell’economia sociale. L’esecuzione del Programma include la realizzazione della fase di qualificazione e formazione alle imprenditrici. Sotto le direttive del finanziamento le 70 beneficiarie sono state orientate al disegno e presentazione di progetti di impresa di tipo individuale e associativo (con un minimo di 3 partecipanti). Il processo di qualificazione ha implicato il coinvolgimento di 110 donne imprenditrici e la loro formazione integrale. In accordo ai fondi apportati dal Ministero dello Sviluppo Sociale e alle caratteristiche tecniche delle imprese si è proceduto alla presentazione di 70 schede di imprese di servizi e produttivi per la loro verifica da parte dell’organismo investitore. Si attende la conferma del finanziatore per procedere all’acquisto di materie prime e attrezzature contemplati nei progetti presentati. I beneficiari indiretti di questo progetto raggiungono le 200 persone, includendo i nuclei famigliari delle partecipanti. Aspetti qualificanti Il presente progetto si svolge in un contesto lavorativo nazionale e locale di difficile accesso e

penetrazione per le donne. In questa situazione la proposta di sviluppo e sostentamento a partire da una microimpresa acquista un’importanza fondamentale.

Marisú Devoto, Presidentessa di FUNDACION PROPUESTA Socia Locale dei due progetti Dal suo punto di vista qual’è/sono i principali vantaggi del Progetto Clubes de Empleo? I Clubes de Empleo offrono un’opportunità diversa dato che tutte le azioni sono pensate e progettate tenendo in conto la condizione femminile delle partecipanti, cosa che sicuramente fa la differenza. La modalità di lavoro in gruppo favorisce l’incontro con altre donne che hanno difficoltà nella progettazione delle ricerche: su questo aspetto si lavora promuovendo il cambiamento di condotta e rafforzando la disposizione di una rete di sostegno. Attraverso lo sviluppo della capacità di autogestione nella ricerca, si ha la possibilità di conoscere diritti, obblighi e azioni destinati alla gestione del lavoro. Si promuove la conoscenza dei nuovi paradigmi del Mercato del Lavoro, cosa che permette la attualizzazione con l’obiettivo di individuare aree specifiche di occupazione secondo le aspettative e capacità di ogni beneficiaria. In questo senso si lavora sulle risorse personali e sulle capacità ancora da sviluppare. In che modo l’impatto dell’iniziativa è potenziato dall’essere completato e rafforzato attraverso politiche pubbliche nazionali? (Programa Integral) Le politiche pubbliche sulla creazione di posti di lavoro sono fondamentali per un inserimento lavorativo delle donne che sia giusto ed equanime. L’assistenza proveniente dai sussidi è fondamentale per iniziare, in alcuni casi, sostenere e far crescere in altri, i progetti di microimprese. Sono necessarie politiche di facilitazione relative alla gestione legale dell’attività (tempi e assistenza). Nei Clubes de Empleo si lavora facilitando l’inserimento e l’integrazione in reti di imprenditrici/tori e spazi di qualificazione che migliorano i prodotti offerti. Allo stesso modo. monitorando e accompagnando lo sviluppo dell’attività, sappiamo che solo questo non è sufficiente per provocare un impatto reale nell’economia famigliare. Non dimentichiamo che molte beneficiarie sono capo e unico sostegno della famiglia.

La sfida fondamentale di questo programma è apportare alle beneficiarie un servizio di appoggio integrale per lo sviluppo sostenibile della microimpresa che ne sostenga tutte le necessità. Le imprenditrici che hanno partecipato a questo progetto hanno incrementato notevolmente le proprie conoscenze a livello di progettazione e commercializzazione. Ciò ha permesso in molti casi di migliorare l’idea che avevano di impresa e in molti altri di rifiutarla poichè poco efficiente e/o economicamente fattibile. L’esperienza di qualificazione e appoggio tecnico permette alle imprenditrici di entrare in contatto con la realtà del mondo economico e di formalizzare e migliorare le potenzialità dell’impresa. Infine il contesto del programma a livello umano ha permesso alle partecipanti creazione di legami e contatti tra le donne imprenditrici.

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 79


I NOSTRI PROGET TI | AMERICA LATINA

2.8.30 Potenziamento della rete di centri di salute materno perinatale in Argentina

Area e paese America Latina – Argentina

Valore economico Totale progetto: 186.242 € Contributo Donor: 109.542 € Contributo CESTAS: 49.700 € Contributo altri: 27.000 €

Progetto promosso e gestito da Ufficio Regionale America Latina

Ruolo di CESTAS Promotore

Periodo di attuazione febbraio 2008 – agosto 2010

Informazioni Responsabile Ufficio Regionale: Marta Scalvini

Settore Sanità

Ente finanziatore Regione Marche

Motivazioni dell’intervento Il programma proposto vuole essere uno strumento per contribuire a risolvere alcune criticità nella gestione della salute pubblica argentina, affrontando in particolare la difficoltà da parte delle istituzioni sanitarie nazionali di avere una mappa epidemiologica chiara ed un quadro aggiornato dei bisogni sanitari della popolazione, soprattutto per quanto riguarda il settore della salute materna e perinatale. La drammatica emergenza finanziaria del 2001, infatti, aveva già reso urgente l’intervento della cooperazione internazionale soprattutto a livello di medicinali e forniture di base, ed ha anche evidenziato un gravissimo indebolimento delle infrastrutture sanitarie con conseguente peggioramento dei servizi e dell’accessibilità agli stessi da parte di un vasto gruppo di popolazione. La struttura sanitaria pubblica in Argentina è ancora in difficoltà nonostante la ripresa economica oggi in atto, e risulta evidente il bisogno di un intervento specifico rivolto al rafforzamento di uno dei settori principali della salute pubblica, quello maternoinfantile, con lo scopo di potenziare le strutture e i centri che stanno mantenendo monitorato e attivo il controllo epidemiologico sul territorio. Il network di Centri che si propone di potenziare assolverà la funzione di punto di riferimento periferico altamente qualificato e antenna sanitaria sul territorio costantemente aggiornata e coordinata con le politiche sanitarie nazionali. Obiettivi Obiettivo generale: migliorare la qualità della vita e della salute della popolazione di riferimento nelle province di Buenos Aires e Santa Fe. Obiettivo specifico: migliorare la qualità dei servizi sanitari in materia di salute materno-perinatale erogati nelle province di Buenos Aires e Santa Fe, attraverso un processo di aggiornamento scientifico del personale e l’incremento della quantità e qualità dei dati sanitari per il monitoraggio epidemiologico

80 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

Web: www.cestasargentina.org

Beneficiari Gli operatori (sanitari e non) dei Centri, le donne che si rivolgono ai Centri, le loro famiglie, le comunità di appartenenza nel loro insieme, il sistema sanitario pubblico a livello locale e nazionale. Partner del progetto Partner stranieri: L’Hospital J. B. Iturraspe di Santa Fè; CISAP – Centro de Investigación en Salud Poblacional. Hospital General de Agudos Carlos G. Durand. Partner italiani:Sistema Sanitario Regionale dell’Emilia Romagna - Unità Sanitaria Locale di Ferrara. Risultati attesi e attività previste Il progetto ha avuto formalmente avvio nel febbraio 2008, ma le attività operative non hanno ancora avuto avvio in attesa del rilascio finanziamenti. I beneficiari diretti del presente progetto saranno approssimativamente 3.250. Si considerano beneficiari diretti: il Centro che sarà incluso nella Rete già esistente, i ricercatori e gli operatori del settore che verranno coinvolti nel progetto e che trarranno beneficio dalla formazione e dell’assistenza tecnica offerta dal network. Si stimano a questo riguardo circa 50 contatti alla fine del progetto. Inoltre, si includono nel calcolo dei beneficiari diretti i primi utenti dei servizi sanitari di base, ovvero donne in età fertile e bambini. Per la natura particolare del progetto non è possibile stabilire a priori una modalità di selezione dei beneficiari che direttamente si rivolgeranno alle strutture attivate o che, indirettamente, ne beneficeranno. A partire dal numero medio di utenti che si sono rivolti nel corso dell’anno 2006 al Centro si stima un numero di beneficiarie di circa 3.200. I beneficiari indiretti saranno approssimativamente 9.600, considerando nel complesso i

nuclei familiari dei beneficiari diretti (con 3 come moltiplicatore che rappresenta il numero medio di componenti per famiglia). Inoltre, si considera nel gruppo dei beneficiari indiretti, la Rete Regionale di Centri di Salute Materna e Perinatale che è operativa in Perù, Bolivia, Ecuador e che in Argentina è costituita da 30 tra le principali Maternità della Provincia di Buenos Aires. L’ampliamento territoriale della Rete alla Provincia di Santa Fè costituisce un valore aggiunto in quanto permetterà alla Rete di contare con una nuova struttura che sarà in grado di fornire dati e informazioni qualitativamente comparabili con quelle a disposizione degli altri Centri, favorendo così il rafforzamento del sistema territoriale di ricerca e monitoraggio epidemiologico. Aspetti qualificanti Il progetto proposto consiste nel potenziamento del Programma pluriennale di cooperazione sanitaria che CESTAS e i partners locali stanno promuovendo dal 2003 con la creazione di una“Rete Regionale di Centri di Salute Materno Perinatale” in Argentina, Perú, Bolivia ed Ecuador. In Argentina è operativa una rete costituita da 30 delle principali maternità dell’Area Metropolitana di Buenos Aires (AMBA) e del Sud della Provincia di Buenos Aires (www.redperinatalamba.org.ar). La rete auspica la collaborazione e il riconoscimento del Ministero di Salute della Provincia e della Ciudad Autonoma de Buenos Aires. La positiva esecuzione del programma attualmente in corso - grazie ad un finanziamento pluriennale del Ministero Affari Esteri - ha rafforzato in noi la convinzione che sia necessario ampliare il network di Centri già costituito per rendere più efficace l’azione di coordinamento territoriale tecnico e gestionale e migliorare l’efficienza e la copertura dei servizi di salute materno-infantile.


I NOSTRI PROGET TI | AMERICA LATINA

2.8.31 Programma di sostegno alle politiche di modernizzazione della Provincia di Buenos Aires

Area e paese America Latina – Argentina

Valore economico Totale progetto: 1.680.879 € Contributo Donor: 839.825 € Contributo CESTAS: 252.611 € Contributo altri: 588.443 €

Progetto promosso e gestito da Ufficio Regionale America Latina

Ruolo di CESTAS Promotore

Periodo di attuazione aprile 2009 – aprile 2012

Informazioni Responsabile Ufficio Regionale: Marta Scalvini

Settore Formazione

Ente finanziatore Ministero Affari Esteri

Motivazioni dell’intervento II progetto mira al rafforzamento della formazione e dell’assistenza tecnica a favore degli agenti (funzionari che ricoprono cariche esecutive, quadri tecnici ed impiegati) dell’amministrazione del governo della Provincia di Buenos Aires e degli agenti delle amministrazioni locali, mediante la realizzazione di programmi di formazione in politiche pubbliche, identificati all’interno dei programmi di innovazione del“Plan de Modernización del Estado de la Provincia de Buenos Aires” che è promosso e implementato da parte della Subsecretaría de Modernización del Estado de la Secretaría General de la Gobernación de la Provincia di Buenos Aires. L’iniziativa si sviluppa a partire dall’analisi dei fabbisogni di formazione dei funzionari che ricoprono ruoli esecutivi e dagli staff tecnici in cui si articola l’amministrazione del governo della Provincia di Buenos Aires, con la realizzazione di uno studio di fattibilità e pianificazione strategica, che in maniera trasversale ed attraverso differenti componenti, sia in grado di promuovere un miglioramento sostanziale nel funzionamento integrale delle politiche pubbliche e delle linee di innovazione che saranno implementate nella gestione. Infine, si pretende migliorare la qualità dei servizi rivolti ai cittadini e garantire il diritto di accesso all’informazione pubblica. All’interno di questo contesto e per rispondere ad una specifica richiesta avanzata da parte delle autorità della Provincia di Buenos Aires, viene elaborato e presentato il presente programma che pretende rispondere alla complessità che attraversa il sistema dell’amministrazione pubblica della Provincia a partire dall’analisi delle problematiche che sono alla base della proposta. Obiettivi Obiettivo generale: migliorare la qualità di vita della popolazione residente nella provincia di Buenos Aires, attraverso la modernizzazione del governo provinciale. Obiettivo specifico: favorire la modernizzazione

degli strumenti di gestione pubblica come risposta più efficace ai bisogni della cittadinanza nella provincia di Buenos Aires, attraverso la formazione dei funzionari pubblici, l’implementazione di programmi innovativi e il coordinamento interistituzionale. Beneficiari Gruppo beneficiario: agenti (funzionari con incarichi esecutivi, personale tecnico e personale di settore della APP) del governo centrale e dei governi locali della provincia di Buenos Aires e indirettamente l’intera cittadinanza della Provincia di Buenos Aires. Partner del progetto Socio Locale: Secretaría General de la Gobernación della Provincia di Buenos Aires, per mezzo della Subsecretaría de Modernización del Estado e dell’Instituto Provincial de Administración Pública – IPAP Oltre al socio locale del progetto, saranno prese in considerazione e coinvolte le seguenti istituzioni della Provincia de Buenos Aires: • Ministerios de Desarrollo Social, Salud, Educación, Trabajo, Producción. • Ministerio de Jefatura de Gabinete. • Secretaría de Promoción de Inversiones, Comercio Exterior y Cooperación Internacional. • Subsecreteria de Asuntos Municipales y Gobiernos locales municipales. • Alma Mater Studiorum - Università di Bologna (sede di Buenos Aires).

nisteri); • almeno 2.500 agenti, personale tecnico e personale di settore del governo Provinciale a livello centrale; • agenti dei governi locali (funzionari, personale tecnico e impiegati di settore). Beneficiari indiretti: Il resto degli agenti della Amministrazione Pubblica Provinciale (considerando come moltiplicatore medio un minimo di 5 agenti per ogni beneficiario diretto, i quali realizzeranno il trasferimento della conoscenza teorica - pratica acquisita); Inoltre, si considera come destinataria indiretta della presente iniziativa l’intera cittadinanza della Provincia di Buenos Aires, la maggior beneficiaria, considerando che l’impatto del progetto renderà possibile un sostanziale miglioramento della qualità dei servizi rivolti al cittadino e garantirà un maggior accesso e trasparenza rispetto all’informazione pubblica. Aspetti qualificanti È interesse di CESTAS e delle istituzioni locali coinvolte promuovere l’abilitazione e la formazione in politiche di innovazione e modernizzazione che permettano di definire i meccanismi per il miglioramento dei circuiti amministrativi, contabili e legali, per le differenti aree del governo. Inoltre, si vuole incentivare l’istruzione e l’assistenza tecnica, l’esecuzione, il monitoraggio e la valutazione delle differenti azioni, linee programmatiche e piani sociali orientati a migliorare la gestione del governo nelle differenti tematiche che si sono stabilite come priorità.

Risultati attesi e attività previste Il progetto ha avuto inizio nel aprile 2009, avendo un bacino specifico di beneficiari di seguito specificato. Beneficiari diretti: • 200 funzionari del governo provinciale a livello centrale con incarichi esecutivi (Sottosegretari, Direttori Provinciali, e Capi del Gabinetto dei Mi-

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 81


I NOSTRI PROGET TI | AMERICA LATINA

2.8.32 EU-LA-WIN European Union and Latin America for Welfare

Integrated policies Settore Formazione Area e paese America Latina / Europa – Argentina, Brasile, Colombia, Italia, Spagna, Belgio. Progetto promosso e gestito da Ufficio Regionale America Latina, Dipartimento Formazione e Ufficio Regionale Marche Periodo di attuazione Gennaio 2009 – Gennaio 2012

Valore economico Totale progetto: 139.385 € Contributo Donor: 104.538 € Contributo soci Ong: 34.846 € Ruolo di CESTAS Socio Informazioni Responsabile Ufficio Regionale: Marta Scalvini Responsabile progetto: Paula Di Pietro, Francesca Servidio

Ente finanziatore Commissione Europea

Motivazioni dell’intervento Il progetto rientra all’interno del programma URBAL della Unione Europea che dal 1995 promuove la cooperazione tra i membri della Unione Europea e i 18 paesi della America Latina incoraggiando esperienze dirette di scambio di esperienze tra i continenti per promuovere la coesione sociale e la cooperazione decentrata. Obiettivi L’obiettivo del progetto è potenziare il trasferimento delle conoscenze e esperienze correlate al disegno e implementazione delle politiche sociali integrate tra l’UE e America Latina a livello governativo sub-nazionale. Promuovere e qualificare servizi di supporto alle piccole e medie imprese, effettuare studi di fattibilità per facilitare le condizioni di scambio dei settori produttivi, sviluppare metodologie per la pianificazione locale integrate e per l’organizzazione dei servizi pubblici locali,

sviluppare strumenti metodologici per la integrazione delle politiche sociali con riferimento particolare al territorio. Beneficiari Comunità locali e popolazione delle aree coinvolte nel progetto. Partner del progetto Partner istituzionale/ leader: Regione EmiliaRomagna Servizio Politiche Europee e Relazioni Internazionali (Italy) Partner esecutivo: Italia: • Regione Marche. • XVII Municipalità di Roma. • CISP. Europa: • Mancomunidad de la Ribera Alta (Spain). America latina: • Provincia de Buenos Aires (Argentina). • Municipalidad de Mar del Plata (Argentina). • Secreteria de Estado da Agricoltura e do Abastecimiento do Paranà (Brazil). • Gobernacion de Antiouqia (Colombia). Risultati attesi e attività previste Supporto ai processi di democrazia partecipata e politiche sociali attraverso gli studi di settore (cooperativismo, turismo e sviluppo, economia sociale). Attività di formazione, capacity building, implementazione dei progetti correlati alle politiche di

82 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

sviluppo integrato e alla decentralizzazione amministrativa nei territori coinvolti nel progetto. Supporto alle politiche di protezione del patrimonio ambientale, culturale e del turismo. Creazione di ambienti favorevoli per la crescita e lo sviluppo imprenditoriale (associazioni cooperative o piccole e medie imprese). Aspetti qualificanti Il progetto è volto a migliorare lo sviluppo e l’attuazione di efficaci politiche di Welfare da parte dei governi sub-nazionali in America Latina secondo i seguenti concetti chiave: partecipazione: mira a rafforzare la partecipazione ai processi di sviluppo dei partner, delle imprese, delle parti sociali, delle autorità locali; coesione sociale: promuovere l’inclusione attiva mediante il rafforzamento delle prospettive di occupazione, lo sviluppo di capitale umano e sociale delle comunità locali e promuovere la cittadinanza attiva e responsabilità sociale, rafforzando così la coesione della società; integrazione: rafforzare il coordinamento delle politiche di protezione e inclusione sociale e il coinvolgimento di tutti i livelli di governo e degli stakeholders coinvolti nel disegno implementazione e monitoraggio delle politiche di Welfare; responsabilità: il progetto promuoverà il coordinamento e la creazione di un partenariato tra settore pubblico e privato, promuovendo la diffusione di una cultura di responsabilità sociale nella progettazione integrata di politiche di welfare con le politiche di sviluppo. Valore economico Progetto in avvio nel 2008/2009, i dati finanziari sono di competenza del bilancio 2009.


I NOSTRI PROGET TI | AMERICA LATINA

2.8.33 Promozione della salute e dei diritti sessuali e riproduttivi nel

territorio di Sutiaba, Municipio di Leon Settore Salute e Diritti Umani Area e paese America Latina – Nicaragua Progetto promosso e gestito da Ufficio Regionale America Latina e Ufficio Regionale Marche Periodo di attuazione aprile 2009 – aprile 2010

Motivazioni dell’intervento Il difficile contesto socio-economico che caratterizza il Nicaragua influenza negativamente gli indicatori di salute incidendo particolarmente sui gruppi più vulnerabili, tra cui gli adolescenti che, sia a livello nazionale, che locale rappresentano il 25% dell’intera popolazione. Purtroppo, nonostante i progressi registrati, permangono preoccupanti ritardi particolarmente evidenti nel campo della salute sessuale e riproduttiva: il Nicaragua tra i paesi latinoamericani ha i maggiori tassi di fecondità tra adolescenti (139‰) e di gravidanze adolescenziali (30% sul totale delle gravidanze). Gli adolescenti costituiscono pertanto un gruppo ad alto rischio per quanto riguarda la SSR (Salud Sexual y Reproductiva – Salute Sessuale e Riproduttiva), dato l’incremento allarmante delle ITS (Infecciones de Transmisión Sexual – Infezioni da Trasmissione Sessuale) e la persistenza di alti tassi di gravidanze non desiderate. A livello di dati specifici della comunità di Sutiaba i principali dati epidemiologici disponibili sono i seguenti: • Fecondità: 55,28‰. • Percentuale di gestazioni ad alto rischio ostetrico: 19%. • Gravidanza tra adolescenti: 17% come media, 37,4% come dato più alto. • Diagnosi precoce della gravidanza: 60%. • Copertura parto assistito: 76%. Obiettivi Obiettivo Generale: Contribuire al miglioramento degli indicatori di SSR della popolazione adolescente di Sutiaba. Obiettivo Specifico: Migliorare l’accessibilità dei servizi sanitari preventivi nell’area di Sutiaba attraverso la riqualificazione del personale medico e paramedico, la promozione comunitaria e la formazione degli adolescenti.

Valore economico Totale progetto: 60.500 € Contributo Donor: 30.000 € Contributo CESTAS: 18.200 € Contributo altri: 12.300 € Ruolo di CESTAS Promotore Informazioni Responsabile Ufficio Regionale: Marta Scalvini

Ente finanziatore Regione Marche

Responsabile progetto: Simona Canova

Beneficiari Le attività coinvolgono: • Adolescenti del territorio di Sutiaba. • Tecnici di CARAS, la controparte. • Risorse umane del servizio di salute di Sutiaba.

profondire l’azione a favore dei gruppi più vulnerabili della popolazione locale verso cui si concentra l’attenzione di molti dei donors (U.E, UNFPA, Unicef). I primi risultati dell’apertura de settore tematico diritti umani (diritti sessuali e riproduttivi) è rappresentato dall’alleanza con la Ong locale Associazione Mary Barreda che ha permesso la partecipazione ad una call nazionale della Commissione Europea. Rispetto all’intervento i principali risultati saranno: • Aumento dell’accesso ai servizi di salute da parte degli adolescenti reso ancor più necessario considerata l’eliminazione del programma Attenzione Integrale Adolescenti tra le azioni del Ministero della Salute. • Miglioramento delle capacità dei professionisti del sistema sanitario locale rispetto alle azioni che riguardano gli adolescenti. • Stimolazione di una maggior attenzione rispetto ai problemi che colpisco gli adolescenti nell’ambito della SSR.

Partner del progetto Partners stranieri: Centro Aggregazione Adolescenti Sutiaba (CARAS) Risultati attesi e attività previste Il progetto ha avuto inizio nel aprile.2009, con le seguenti attività previste: 1 Il personale delle unità di salute applica metodologie appropriate per la promozione della SSR degli adolescenti, con le seguenti attività: • Analisi necessità formative personale Unità di Salute. • Programma formazione personale Unità di Salute. • Realizzazione 1 seminario internazionale su politiche di promozione della salute degli adolescenti. 2 La popolazione di Sutiaba è sensibilizzata sulle tematiche dei diritti sessuali e riproduttivi, con le seguenti attività: • Realizzazione attività di informazione e diffusione sul territorio (radio, proiezioni etc.). • Realizzazione programma di Eventi comunitari. 3 Gli adolescenti di sutiaba migliorano la conoscenza relativa alla SSR e ai Diritti SSR, con le seguenti attività: • Formazione Promotori CARAS. • Realizzazione Programma Adolescente/ Adolescente. • Assegnazione Marchio “U/S Amica degli Adolescenti”.

Valore economico Progetto in avvio nel 2008/2009, i dati finanziari sono di competenza del bilancio 2009..

Aspetti qualificanti L’intervento permetterà a CESTAS di ap-

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 83


I NOSTRI PROGET TI | AMERICA LATINA

2.8.34 Sistematizzazione partecipativa del processo di articolazione

del sistema di Difesa Locale nel Municipio di Leon (Diritti dei Minori) Settore Diritti Umani Area e paese America Latina – Nicaragua Progetto promosso e gestito da Ufficio Regionale America Latina Periodo di attuazione maggio 2008 – luglio 2009

Valore economico Totale progetto 7.317 € Contributo Donor 5.130 € Contributi soci Ong 2.188 € Ruolo di CESTAS Socio Informazioni Responsabile Ufficio Regionale: Marta Scalvini Responsabile progetto: Simona Canova

Ente finanziatore Unicef

Motivazioni dell’intervento L’intervento è motivato dalla necessità di capitalizzare il progetto Articolazione del Sistema di Difesa Locale nel Municipio di Leon (Comunità di Abangasca), che CESTAS ha implementato, in collaborazione con la Commissione Municipale Infanzia e Adolescenza di Leon, tra marzo 2008 e giugno 2009. Entrambi gli interventi si realizzano nel quadro del progetto Articolazione del Sistema Nazionale di Difesa promosso da Unicef con fondi del MAE. Obiettivi Obiettivo Generale: • Contribuire al rafforzamento della partecipazione attiva dei NNA (Niños Niñas Adolecentes - Bambini, Bambine, Adolescenti) nella realizzazione di azioni orientate al potenziamento del loro ruolo della difesa e promozione dei diritti di NNA. • Contribuire al rafforzamento delle capacità della Commissione Municipale Infanzia e Adolescenza di elaborare strategie di comunicazione sociali. Obiettivo Specifico: Contribuire alla creazione di capacità negli attori sociali e istituzionali, di 24 comunità del Municipio di Leon, di promuovere strategie partecipative vincolate con la difesa dei diritti dei NNA attraverso un processo di sistematizzazione e formazione. Beneficiari Le attività coinvolgono: • Istituzioni locali pubbliche e private vincolate con la promozione, la difesa e la restituzione dei diritti dei minori. • Adolescenti di tre comunità rurali di Sutiaba, Leon. Partner del progetto Partners stranieri: Commissione Municipale di

84 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

Coordinamento per l’infanzia e l’adolescenza (CCAN).

vincolate con la difesa dei diritti dei NNA che partecipano all’evento.

Risultati attesi e attività previste Il progetto ha avuto inizio nel maggio.2009, con le seguenti attività previste: Elaborata una metodologia per la promozione della partecipazione dei NNA nei processi di Difesa Sociale Comunitaria. 1 Disegno della sistematizzazione dell’esperienza di partecipazione dei NNA con i seguenti aspetti quantitativi: • 1 Consulenza in sistematizzazione. • Elaborati e valicati 2 strumenti per la sistematizzazione. • 30 NNA coinvolti. • Elaborata 1 metodologia partecipativa per la partecipazione dei NNA. • 30 NNA coinvolti. • 600 documenti di memoria dell’esperienza elaborati, stampati e distribuiti.

Aspetti qualificanti Dal punto di vista istituzionale il valore aggiunto dell’intervento è rappresentato: dall’esperienza acquisita in processi di sistematizzazione partecipata; dal consolidamento delle relazioni con il territorio e gli attori sociali esistenti e dal consolidamento della relazione con il donante Unicef. Rispetto agli effetti duraturi che si spera di produrre attraverso l’intervento si menziona: • Costruzione partecipata di strumenti metodologici. • Aumento dell’autonomia operativa dei gruppi comunitari. • Incremento dell’effettività dell’operato di CCAN.

Gli strumenti adottati sono: • 3 gruppi focali con45 NNA. • 3 gruppi focali con 45 adulti. • 3 seminari FODA con 90 NNA. • 3 seminari FODA con 90 adulti. • 1 assemblea di approvazione dei risultati, 360 partecipanti. Con relativo interscambio di esperienze tra NNA, con i seguenti aspetti quantitavi: • 1 interscambio realizzato con 60 NNA. • 1 evento di chiusura con 150 persone previste. • 250 magliette realizzate. 2 Rafforzata la capacità della CCAN per l’elaborazione di una strategia di comunicazione sociale. Formazione in metodologia PECE (Pianificazione Strategica di Comunicazione Educativa) con 30 funzionari di istituzioni pubbliche e private


I NOSTRI PROGET TI | EUROPA

2.8.35 PARTNERSHIP FOR CHANGE

The role of the Economic Partnership Agreements (EPAs) in implementing the Millennium Development Goals (MDG) Settore Educazione allo Sviluppo ed Advocacy Area e paese Italia, Olanda, Gran Bretagna, Spagna Progetto promosso e gestito da Dipartimento Europa Periodo di attuazione gennaio 2008 - dicembre 2010 Ente finanziatore Unione Europea

Motivazioni dell’intervento Il progetto vuole contribuire a creare politiche economiche e di sviluppo e azioni di cooperazione internazionale coerenti con gli Obiettivi del Millennio e più efficaci nel combattere la povertà. Nello specifico Partnership for change si propone di produrre e condividere materiale utile alla conoscenza degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (MDG), degli Economic Parternship Agreements (EPA) e delle strette relazioni tra essi esistenti. Le perplessità legate ai possibili effetti negativi di questi Accordi di Partenariato Economico sulla lotta alla povertà rendono necessario un coinvolgimento diretto dell’intera società civile, dei membri delle istituzioni e delle organizzazioni di cooperazione internazionale. Risulta quindi necessaria un’azione coordinata tra Italia, Europa e Paesi ACP, che permetta di condividere il materiale di cui si è già in possesso e la produzione di nuovi contributi. Il progetto sottolinea inoltre l’interdipendenza Nord\Sud e mette in luce la necessità di politiche di sviluppo, economiche e sociali tra loro coerenti. Obiettivi Obiettivo Generale: creare politiche economiche e di sviluppo e azioni di cooperazione internazionale coerenti con gli Obiettivi del Millennio e più efficaci nel combattere la povertà. Obiettivi specifici: diffondere una conoscenza più approfondita degli Obiettivi del Millennio e degli Accordi di Partenariato Economico (EPA); proporre migliori strategie d’azione nella lotta alla povertà; proporre politiche economiche, di sviluppo e sociali che prendano in considerazione il punto di vista degli attori del Nord e del Sud del mondo; confrontare le opinioni in materia espresse dall’Europa e dai Paesi in Via di Sviluppo.

Beneficiari Membri della società civile e delle Organizzazioni che si occupano di cooperazione internazionale, membri del Parlamento Europeo e nazionale, media e membri della società civile facenti parte di associazioni anche non direttamente coinvolte nelle tematiche di progetto. Partner del progetto Promotore: Amici dei Popoli (ADP), Italia. Soci: CESTAS, World Education Berkshire (RISC)Gran Bretagna, Centrum Voor Mondiaal Onderwijs (Dutch Centre For Global Education) of The Radboud University Nijmegen (CMO) Olanda; Instituto de Estudios Sobre Desarrollo y Cooperación Internacional (HEGOA) - Spagna.

Valore economico Totale progetto: 295.194 € Contributo Donor: 221.345 € Contributo CESTAS: 73.848 € Ruolo di CESTAS Socio Informazioni Responsabile Dipartimento: Pietro Pinto Responsabile progetto: Silvia Gaiani Web: www.africa-eu.org Pubblicazioni disponibili: Appointment book [testi in italiano inglese, francese, spagnolo]; Diccionario de Campaña. [testi in italiano inglese, francese, spagnolo]. internazionali concernenti gli MDG e gli EPA previsti per l’anno in corso, una serie di testi e di fumetti, che analizzano gli effetti degli EPA nei vari settori, e la coerenza tra politiche europee e politiche di sviluppo ed economiche); produzione di una newsletter bimestrale (più di 2000 contatti). Aspetti qualificanti L’obiettivo principale del progetto risulta essere quello di promuovere politiche europee di carattere economico e concernenti lo sviluppo, finalizzate a combattere la povertà che tengano in considerazione gli MDG e i legami esistenti tra questi e gli EPA.

Risultati attesi e attività previste I risultati attesi sono la condivisione del materiale prodotto sugli EPA, MDG e sulle relazioni tra essi esistenti, una maggiore consapevolezza della società civile organizzata che opera nella cooperazione internazionale in materia di questioni economiche e di sviluppo. Un maggiore impegno dei rappresentanti europei e nazionali nell’attuazione di politiche di cooperazione più coerenti ed efficaci, l’aumento di interesse dei media specializzati e della società civile organizzata nei confronti dei temi del progetto. Le attività previste sono: analisi e produzione della documentazione; creazione di un web social network; organizzazione di 6 seminari: 2 in Gran Bretagna e 4 in Italia; produzione del Diccionario de Campagňa (dizionario della Campagna) pubblicato da Hegoa in 4 lingue: Spagnolo, Inglese, Italiano e Olandese e stampato in 950 copie; realizzazione del primo appointment book (realizzato dal CESTAS, stampato in 1200 copie in 4 differenti lingue e contente il calendario con le date degli eventi

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 85


I NOSTRI PROGET TI | Europa

2.8.36 Obiettivi del Millennio e Cooperazione Decentrata

Il dibattito in occasione della sessione speciale dell’ONU sugli Obiettivi del Millennio Settore Educazione allo Sviluppo e Advocacy

Ente finanziatore Ministero degli Affari Esteri

Area e paese Italia (le città sedi delle principali attività seminariali sono: Roma, Milano, Bologna, Torino, Padova, Genova, Firenze, Udine, Ancona, Lecce, Reggio Calabria)

Valore economico Totale progetto: 367.710 € Contributo Donor: 257.190 € Contributo CESTAS: 110.520 €

Progetto promosso e gestito da Ufficio Regionale Marche - Dipartimento Europa Periodo di attuazione settembre 2006 - dicembre 2007

Motivazioni dell’intervento Campagna di sensibilizzazione, conoscenza, informazione, formazione sugli obiettivi del millennio e sul modello di sviluppo necessario per realizzarli, rivolta agli operatori del settore e a tutta la società civile (istituzioni, opinione pubblica). La presente iniziativa, promossa dalla Piattaforma EAS dell’Associazione delle Ong italiane, e realizzata dalle Ong del consorzio, trae origine dalla volontà delle Ong italiane di partecipare attivamente alle iniziative delle campagne sugli Obiettivi del Millennio. Queste iniziative, a partire dalla sessione speciale dell’ONU, mirano a capire se gli obiettivi potranno essere raggiunti secondo i tempi a suo tempo stabiliti e quali sono le eventuali modifiche da apportare ai piani di sviluppo. La Piattaforma si propone di inserire in questo dibattito lo specifico ed originale punto di vista delle Ong. Obiettivi Obiettivi generali: migliorare la conoscenza degli Obiettivi del Millennio tra gli attori pubblici e privati impegnati sui temi dello sviluppo; sensibilizzare la società civile, gli enti finanziatori, le istituzioni e gli operatori del settore, rispetto alle potenzialità delle iniziative di cooperazione decentrata, come strumento per contribuire al raggiungimento degli obiettivi del millennio; potenziare quantitativamente e qualitativamente la rete degli attori implicati nel dibattito sugli obiettivi del millennio. Obiettivo specifico: contribuire all’identificazione di buone prassi nelle pratiche di cooperazione allo sviluppo che contribuiscano al raggiungimento degli Obiettivi del Millennio, partendo dall’analisi congiunta con i partner del sud e la diffusione dei risultati di azioni specifiche e progetti realizzati nei PVS.

86 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

Ruolo di CESTAS Promotore Informazioni Responsabile Dipartimento: Pietro Pinto Responsabile progetto: Rya Valentini

Beneficiari Docenti universitari, amministratori di enti territoriali locali, rappresentanti del mondo associazionistico, membri delle Organizzazioni dei Paesi del Sud del mondo, Associazioni e Istituzioni attive nella solidarietà internazionale (e cioè Ong, Enti locali, Agenzie delle nazioni Unite e gruppi di volontariato internazionale). Partner del progetto Promotore: CESTAS. Soci: Piattaforma EAS, VIS, Ricerca e Cooperazione, Amici dei Popoli, AIFO, ICEI, COSPE, ACRA, CRIC, CIES, COSV, CISV, CTM, PRODOCS, CELIM. Risultati attesi e attività previste Risultati: si è consolidata una rete di Ong a livello italiano attiva sugli Obiettivi del Millennio (MDG – Millennium development Goal), questo progetto ha permesso alle Ong della piattaforma EAS dell’Associazione delle Ong Italiane di partecipare attivamente alla campagna “No Excuse” e di intervenire attivamente all’interno della GCAP. Attività realizzate: 12 Eventi Locali in 12 città italiane sugli Obiettivi del Millennio [più di 1.400 partecipanti ai 12 seminari organizzati nelle 12 città italiane tra: docenti universitari, responsabili enti locali, rappresentati delle Ong italiane e del mondo associazionistico). Più di 3.000 partecipanti ai 12 eventi artistici e di aggregazione sociale organizzati al termine dei seminari nelle 12 città italiane tra: membri del mondo associazionistico giovanile, rappresentanti delle associazioni di immigrati, cittadini. Realizzazione e diffusione di un percorso didattico [stampato in 1500 copie; due seminari residenziali di 3 giorni per operatori del settore (80 persone partecipanti); attività di diffusione mediatica del tema e delle iniziative (circa 2000

persone raggiunte tramite la diffusione della newsletter: docenti universitari, amministratori di enti territoriali locali, rappresentanti del mondo associazionistico, membri delle Organizzazioni dei Paesi del Sud del mondo coinvolti dall’iniziativa). Aspetti qualificanti Come Ong della piattaforma il CESTAS ha deciso di attivare un percorso di riflessione e sensibilizzazione che ha permesso di contribuire in modo attivo a questi momenti, per evidenziare lo specifico ruolo delle Ong e delle attività di cooperazione nel raggiungimento degli Obiettivi del Millennio. Il percorso di riflessione e sensibilizzazione è basato sulla consapevolezza che le attività di cooperazione nella maggior parte dei casi perseguono obiettivi perfettamente coerenti con gli MDG e li perseguono nella concretezza e quotidianità dei progetti, da prima che gli MDG venissero codificati dall’ONU. Di conseguenza le attività di progetto hanno fatto preciso riferimenti ai progetti delle Ong del consorzio, che sono stati individuati come prassi concrete e possibili nel percorso di raggiungimento degli MDG.


I NOSTRI PROGET TI | EUROPA

2.8.37 La salute globale: lotta alle malattie endemiche nei Paesi

dell’Africa Subsahariana, dell’Asia e in America Latina. Campagna d’informazione sulla lotta alla malaria, alla tubercolosi, all’AIDS Settore Sanità Area e paese Italia Progetto promosso e gestito da Dipartimento Europa Periodo di attuazione Novembre 2007- Novembre 2008

Motivazioni dell’intervento Il progetto d’informazione nasce dall’esperienza delle organizzazioni coinvolte che da anni lavorano in Africa, Asia e America Latina per migliorare le condizioni sanitarie e sociali di milioni di persone minacciate dalle malattie endemiche (malaria, tubercolosi, HIV/AIDS). Tali organizzazioni sono attualmente impegnate anche in attività di educazione allo sviluppo nei confronti dell’opinione pubblica italiana ed europea per fare in modo che la società civile dei paesi maggiormente sviluppati prenda coscienza delle condizioni di degrado e di sottosviluppo generate dalla diffusione di tali malattie nel sud del mondo. La campagna d’informazione proposta fa riferimento agli Obiettivi di Sviluppo del Millennio e in particolare si concentra sull’Obiettivo 6 “Combattere l’HIV/AIDS, la tubercolosi, la malaria e le altre malattie”.

Valore economico Totale progetto: 38.442 € Contributo Donor: 20.342 € Contributo CESTAS: 18.100 € Ruolo di CESTAS Socio Informazioni Responsabile Dipartimento: Pietro Pinto Responsabile progetto: Annalisa Stagni

Ente finanziatore Ministero degli Affari Esteri

Web: www.lasalutefagoal.it

Risultati attesi e attività previste Risultati attesi: • Miglioramento sia in termini quantitativi che qualitativi della conoscenza da parte dell’opinione pubblica italiana delle tematiche relative all’HIV/AIDS e alle malattie endemiche che impediscono lo sviluppo del Sud del Mondo. • Miglioramento della qualità delle informazioni fornite dalla stampa quotidiana e dall’emittenza radiofonica in merito alle tematiche trattate. • Miglioramento della conoscenza da parte dell’opinione pubblica italiana delle attività di cooperazione allo sviluppo realizzate dalle Ong con l’apporto di contributi pubblici e privati. In concreto il progetto si propone di raggiungere 2000 operatori specializzati (operatori dell’in-

formazione, istituzioni, enti locali, univeersità, Ong) grazie alla newsletter tematica; almeno 1.180.000 lettori sensibilizzati regolarmente attraverso l’utilizzo dei quotidiani nazionali; almeno 1.143.000 lettori sensibilizzati regolarmente attraverso l’utilizzo dei supplementi settimanali a quotidiani nazionali; almeno 600.000 cittadini sensibilizzati regolarmente attraverso la distribuzione alle emittenti radiofoniche dei programmi realizzati; circa 10.000 visitatori in un anno per le pagine web. Aspetti qualificanti Uso massiccio dei media (radio, giornali, newsletter, sito web) e particolare attenzione verso un target giovanile, utilizzo di metafora calcistica « La salute fa goal » come richiamo ai goals (obiettivi) del millennio.

Obiettivi Diffusione, nell’opinione pubblica e in particolare tra i giovani, delle conoscenze specifiche relative alla lotta all’HIV/AIDS, malaria e tubercolosi, per favorirne la consapevolezza e porre le basi per un’attività di stimolo da parte dell’opinione pubblica agli organismi governativi preposti al finanziamento dell’aiuto pubblico allo sviluppo. Beneficiari Destinatari diretti: opinione pubblica in generale, ascoltatori trasmissioni radio, navigatori internet operatori del mondo dell’informazione e opinion makers. Destinatari specifici: fascia d’età 16/25 anni della popolazione italiana, operatori del mondo dell’informazione. Partner del progetto ActionAid International (promotore), AMREF, AIDOS.

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 87


I NOSTRI PROGET TI | Europa

2.8.38 Diritti di proprietà intellettuale e diritto allo sviluppo

Campagna di sensibilizzazione sugli effetti della tutela della proprietà intellettuale sui processi di sviluppo Settore Educazione allo Sviluppo Area e paese Italia, Francia Progetto promosso e gestito da Dipartimento Europa – Ufficio Regionale Marche Periodo di attuazione Febbraio 2006 - Febbraio 2009

Valore economico Totale progetto: 63.126 € Contributo CESTAS: 47.282 € Contributo CESTAS 15.844 € Ruolo di CESTAS Socio Informazioni Responsabile Dipartimento: Pietro Pinto Responsabile progetto: Annalisa Stagni Web: www.cocis.it/senzapatente/

Ente finanziatore Unione Europea

Motivazioni dell’intervento La relazione esistente tra protezione della proprietà intellettuale e sviluppo dei paesi del Sud del Mondo è un argomento molto attuale, eppure quasi sconosciuto al pubblico europeo e scarsamente approfondito persino dal mondo politico ed accademico. La sensibilizzazione dei cittadini europei rispetto alle suddette tematiche dovrebbe colmare le lacune conoscitive e formative, stimolando una riflessione più ampia e approfondita sulle relazioni esistenti tra protezione della proprietà intellettuale e sviluppo dei paesi del Sud, e su come tali fattori influiscano sugli equilibri tra Nord e Sud del mondo. Di riflesso, dovrebbe anche stimolare la società civile europea a mobilitarsi per il cambiamento degli attuali regimi di protezione dei Diritti di Proprietà Intellettuale (a livello nazionale e internazionale), per la denuncia e la prevenzione delle azioni di biopirateria e, più in generale, per un approccio della ricerca scientifica più orientato alle necessità dei paesi in via di sviluppo, alla sfera pubblica, alla valorizzazione e la promozione di tecnologie appropriate ai contesti e agli utilizzatori che dovranno servire. Obiettivi La società civile delle aree italiane e francesi coinvolte dal progetto è attivamente mobilitata a favore di un ruolo positivo e sostenibile dei regimi di protezione dei Diritti di Proprietà Intellettuale (DPI) negli squilibri Nord-Sud e nei processi di sviluppo dei Paesi in Via di Sviluppo (PVS). Beneficiari I beneficiari sono le organizzazioni non governative, associazioni, università, sindacati e categorie professionali interessate, aziende italiane impegnate nella ricerca nel settore dell’alimentazione, reti di associazioni dei paesi del

88 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

sud del mondo, social forum nazionali locali, studenti delle scuole superiori, rappresentanti della società civile organizzata che hanno partecipato agli eventi locali. Partner del progetto COCIS, RC, CRIC: consorzio promotore Secours Populaire Français, Terra Nuova, RE.TE, NEA, COSPE, CIES, partners Accion Ecologica; Roppa – Rete delle Organizzazioni Contadine e dei Produttori Agricoli dell’Africa Occidentale; CNS Ecologia Politica; Africa 70; ARCS (Arci Cultura e Sviluppo); CIC (Centro Internazionale Crocevia); CISS (Cooperazione Internazionale Sud-Sud); DISVI (Disarmo e Sviluppo); GUS (Gruppo Umana Solidarietà); GVC (Gruppo Volontariato Civile); ICEI (Istituto Cooperazione Economica Internazionale); MAIS (Movimento per l’Autosviluppo l’Interscambio e la Solidarietà); MEDINA; NEXUS-CGIL; ORLANDO (Associazione di donne); SVILUPPO 2000; PEACE GAMES-UISP. Risultati attesi e attività previste Il pubblico di riferimento è in grado di elaborare proposte relativamente alle conseguenze dell’applicazione degli accordi di protezione dei Diritti di Proprietà Intellettuale nei Paesi in Via di Sviluppo, con particolare riferimento alle ripercussioni nei settori delle biodiversità e delle conoscenze tradizionali, dell’agricoltura, della salute e della ricerca scientifica. La cittadinanza, le Associazioni del Terzo Settore e gli studenti delle scuole superiori coinvolti dall’iniziativa sono informati e sensibilizzati sugli effetti della protezione dei Diritti di Proprietà Intellettuale sulle questioni riguardanti lo sviluppo dei paesi del Sud del mondo. Come attività è prevista la realizzazione di materiale di divulgazione, due ricerche di campo, sito web, dieci seminari nelle Università,

due tavole rotonde nazionali, due eventi internazionali, tre cartoni animati, manuale illustrato, stand mobile della Campagna, laboratori didattici per animatori locali, 3 programmi radiofonici, tre gruppi di lavoro e di 24 workshop tematici. Nel 2008, anche a seguito dell’entrata di CESTAS come partner si sono svolti a Bologna 3 seminari nelle Università. In relazione all’attività “Produzione di uno stand mobile della Campagna” nella settimana dal 5 al 11 maggio 2008 il camper della Campagna “Senza Patente” si è trasferito a Bologna. Durante i giorni di permanenza del camper a Bologna sono state coinvolte circa 600 persone. Inoltre in relazione all’attività “Organizzazione di 10 eventi locali il CESTAS ha organizzato una serata dedicata alla conoscenza e allo scambio di tradizioni, tipicità e saperi di paesi lontani, attraverso un percorso “sensoriale”: “L’aperitivo sensoriale – Sensorial TRIPs”. Aspetti qualificanti Il progetto ha contribuito a strutturare e a consolidare rapporti e contatti tra il CESTAS e i membri del Comitato Scientifico che si sono mostrati importanti anche per collaborazioni successive (tra tutti, Nicoletta Dentico) e ha dotato la nostra Ong di competenze aggiuntive sui temi dei DPI rispetto a quelle in possesso prima dell’implementazione del progetto stesso. Sono stati prodotti interessanti materiali di analisi sul tema dei Diritti di Proprietà intellettuale, scaricabili dal sito di progetto.


I NOSTRI PROGET TI | EUROPA

2.8.39 Obiettivi del millennio e cooperazione decentrata sanitaria: un approfondimento sulla lotta all’HIV/AIDS

Settore Sanità Area e paese Italia Progetto promosso e gestito da Dipartimento Europa – Ufficio Regionale Marche Periodo di attuazione Febbraio 2008 - Febbraio 2009

Valore economico Totale progetto: 216.471 € Contributo Donor: 151.271 € Contributo CESTAS: 65.200 € Ruolo di CESTAS Promotore Informazioni Responsabile Dipartimento: Pietro Pinto Responsabile progetto: Annalisa Stagni Web: www.cestas.org

Ente finanziatore Ministero degli Affari Esteri

Motivazioni dell’intervento I potenziali soggetti di cooperazione decentrata in ambito sanitario e di promozione della salute presente nei territori italiani, nella maggior parte dei casi, non hanno ancora maturato la coscienza necessaria per divenire soggetti propulsori di questo nuovo approccio alla cooperazione. Si pone quindi la necessità di avviare una seria azione di sensibilizzazione verso target mirati che garantisca informazione, formazione e aggiornamento a partire da un ambito tematico (HIV/AIDS), in cui si sono formate in Italia “buone prassi” nella costituzione di reti di sensibilizzazione ed informazione, e con le quali creare sinergie operative. Obiettivi Diffusione tra gli attori della cooperazione decentrata delle conoscenze specifiche relative alla lotta all’HIV /AIDS, per contribuire all’identificazione di buone prassi nelle pratiche di Educazione allo sviluppo e cooperazione decentrata su questi temi. Beneficiari Beneficiari diretti: dirigenti e personale degli assessorati regionali, provinciali e comunali (in particolare cooperazione allo sviluppo, sanità, pari opportunità, diritti umani). Dirigenti e personale delle aziende sanitarie e dei consultori. Studenti e docenti universitari (in particolare delle facoltà di Medicina, Farmacia, Scienze Politiche, Giurisprudenza, Economia). Navigatori internet. Beneficiari indiretti: opinione pubblica in generale ed in particolare, lettori di giornale, utenti, operatori e persone coinvolte nelle specifiche attività di cooperazione decentrata sanitaria. Partner del progetto AIDOS

Risultati attesi e attività previste I risultati attesi sono una maggiore conoscenza, tra i soggetti della cooperazione decentrata, delle relazioni di causa/effetto esistenti tra politiche economiche e sociali e diritto alla salute. Inoltre: • Sensibilizzazione degli operatori della cooperazione decentrata e nello specifico di dirigenti e personale degli Assessorati regionali, provinciali e comunali (in particolare cooperazione allo sviluppo, sanità, pari opportunità, diritti umani) sulle tematiche trattate e sviluppo di occasioni di confronto con gli Enti locali in materia di Obiettivi del Millennio in ambito sanitario. • Diffusione di buone prassi per lo sviluppo di azioni coordinate di Educazione allo sviluppo e sensibilizzazione sui temi del progetto con i soggetti della cooperazione decentrata • Incremento quantitativo e qualitativo delle iniziative di sensibilizzazione dell’opinione pubblica sulle tematiche del diritto alla salute e lotta all’HIV/AIDS. • Aumento dei momenti di discussione e approfondimento sulle tematiche affrontate in ambito socio sanitario nelle regioni selezionate. Produzione e diffusione di materiali divulgativi sulle tematiche trattate.

1 18 aprile 2008“Diritti di proprietà intellettuale e accesso ai farmaci” (Urbino); 2 26 maggio 2008 “ Diritti di proprietà intellettuale e diritto alla salute” (Bologna); 3 26 maggio 2009 “ Cibo e salute diritti di tutti negati a molti” (Reggio Emilia); 4 11 e 12 giugno 2009 CESTAS 2.0: all’interno della 2 giorni di lancio della community CESTAS si è svolto il workshop “ Le sfide della salute globale. Assistenza sanitaria di base e Aiuto Pubblico allo Sviluppo” (Pinarella di Cervia). Aspetti qualificanti I seminari territoriali hanno permesso di consolidare i rapporti con diversi soggetti del territorio attivi sui temi del progetto, e la produzione della newsletter ha permesso di consolidare la relazione con l’Osservatorio AIDS.

Attività: seminario nazionale di incontro tra reti attive sull’HIV/AIDS e operatori della cooperazione decentrata sanitaria e sulla salute delle altre regioni italiane, campagna di diffusione mediatica del tema e delle iniziative, realizzazione di una newsletter in collaborazione con l’Osservatorio AIDS. I seminari svolti dal CESTAS sono stati 4 su 8 e hanno trattato tra gli altri argomenti quali Obiettivi di Sviluppo del Millennio e cooperazione decentrata sanitaria:

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 89


I NOSTRI PROGET TI | Europa

2.8.40 L’archivio della cooperazione non governativa italiana come

strumento di documentazione e di sensibilizzazione alla solidarietà internazionale

Area e paese Italia

Valore economico Totale progetto: 6.060 € Contributo Donor: 3.173 € Contributo CESTAS: 2.887 € Altri: 6.100 €

Progetto promosso e gestito da Dipartimento Europa

Ruolo di CESTAS Socio

Periodo di attuazione Marzo 2008 - Agosto 2009

Informazioni Responsabile Dipartimento: Pietro Pinto Responsabile progetto: Pietro Pinto

Settore Educazione allo Sviluppo

Ente finanziatore Ministero degli Affari Esteri

Motivazioni dell’intervento La presente iniziativa nasce dall’esigenza di promuovere e valorizzare il lavoro delle Ong e dalla necessità di combattere la crescente dispersione di materiali e documenti prodotti negli anni dalle organizzazioni non governative italiane, un patrimonio utile sia alle Ong stesse sia a chi vuole avvicinarsi da studioso al mondo della cooperazione. È nata l’idea di costituire un archivio informatico, che raccoglierà tutti i progetti e le pubblicazioni realizzati da ciascuna Ong dal 1997 fino ad oggi e che sarà gestito dall’Associazione Giovanni Secco Suardo in collaborazione con il COCIS e con le 15 Ong coinvolte. Obiettivi Promuovere e valorizzare l’esperienza delle Ong italiane al fine di migliorarne l’efficacia, la visibilità e il coordinamento, nonché per avvicinare la cittadinanza italiana alle tematiche della solidarietà internazionale. Beneficiari I beneficiari sono: il mondo della cooperazione non governativa italiana, in particolare le 16 Ong che parteciperanno attivamente alla realizzazione dell’archivio, altre Ong, studenti e ricercatori la cittadinanza in generale, le associazioni e i rappresentanti degli enti locali Partner del progetto Promotore: Coordinamento delle Organizzazioni Non Governative per la Cooperazione Internazionale allo Sviluppo (COCIS) Soci: • Associazione Giovanni Secco Suardo; • Ricerca e Cooperazione; • Associazione di Cooperazione allo Sviluppo (ACS); • Arci Cultura e Sviluppo (ARCS); • Centro di Educazione Sanitaria e Tecnologie

90 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

Web: www.archiviong.org

Appropriate Sanitarie (CESTAS); • Cooperazione per lo Sviluppo dei Paesi Emergenti (COSPE); • Cooperazione Internazionale Sud Sud (CISS); • Centro Internazionale Crocevia (CIC); • Centro Informazione e Educazione allo Sviluppo (CIES); • Centro Regionale d’Intervento per la Cooperazione (CRIC); • Disarmo e Sviluppo (DISVI); • Istituto Cooperazione Economica Internazionale (ICEI); • Movimento per l’Autosviluppo, l’Interscambio e la Solidarietà (MAIS); • Medina; • Napoli: Europa Africa (N:EA); • Associazione di tecnici per la solidarietà e cooperazione internazionale (RETE); • Associazioni Ong Italiane(AOI). Risultati attesi e attività previste • Rafforzato il coordinamento e lo scambio di informazioni tra gli attori della cooperazione non governativa italiana, e garantita conservazione informatica del patrimonio documentaristico prodotto dalle Ong italiane nel tempo. • Facilitato accesso da parte del mondo universitario, dell’associazionismo e delle Ong, ad informazioni e materiale, sulle attività della cooperazione non governativa italiana. • Aumentata la conoscenza da parte della cittadinanza, degli studenti universitari e degli Enti Locali alle iniziative della cooperazione non governativa italiana. Tra le attività trasversali a tutti i risultati per le realizzazione del progetto citiamo: realizzazione di tre fiere territoriali nel Nord, nel Centro e nel Sud Italia con workshop per studenti universitari, Ong e rappresentanti degli enti locali, dibattito sulla cooperazione non governativa italiana, rivolto alla cit-

tadinanza; evento artistico). È stato realizzato l’archivio digitale della cooperazione non governativa italiana assieme a un filmato sulla percezione della cooperazione non governativa italiana e un fumetto sulla storia della cooperazione non governativa italiana. Aspetti qualificanti L’aspetto qualificante del progetto è la costruzione di un archivio strutturato della cooperazione, per facilitare il reperimento delle informazioni. L’archivio sarà on line sul sito del COCIS.


I NOSTRI PROGET TI | EUROPA

2.8.41 True Development Through Health

Settore Advocacy - Salute Globale Area e paese Europa (Italia, Germania, Polonia) Progetto promosso e gestito da Dipartimento Europa

Valore economico Totale progetto: 98.176 € Contributo Donor: 73.632 € Contributo CESTAS: 24.544 € Ruolo di CESTAS nel progetto Socio

Periodo di attuazione Marzo 2007- Febbraio 2010

Informazioni Responsabile Dipartimento: Pietro Pinto Responsabile progetto: Annalisa Stagni

Ente finanziatore Unione Europea

Web: www.aidos.it/ita/progetti/index.php?idPagina=436 Mostra fotografica: www.drik.net/positivelives/ Gioco interattivo: www.tdthgame.net/

Motivazioni dell’intervento In Europa vi è una lunga tradizione di azioni di advocacy riguardanti la salute globale ma sono per la maggior parte focalizzate su una specifica tematica sanitaria, fra tutte la pandemia di HIV/AIDS. L’Azione cercherà di sviluppare un ambiente di supporto tra le Ong che lavorano sulle varie tematiche sanitarie e sviluppare un’agenda condivisa per ottenere miglioramenti nella salute globale. Svilupperà la capacità delle Ong di essere pienamente attive nel dibattito sul miglioramento della salute globale e sul raggiungimento degli Obiettivi del Millennio sanitari. L’Azione consentirà inoltre ai partner nei paesi in via di sviluppo di svolgere un ruolo attivo nel progetto e garantirà un’azione di dimensione europea tenendo conto del recente allargamento, grazie al coinvolgimento delle Ong polacche. Obiettivi Aumentare le risorse finanziarie e tecniche per la cooperazione in Italia, Germania e Polonia, dando elevata priorità alle politiche di sviluppo per la salute e all’allocazione dell’adeguata percentuale di APS per programmi e progetti legati alle tematiche sanitarie, con l’obiettivo di rendere i paesi in via di sviluppo capaci di fare sostanziali progressi nel raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio entro il 2015. Beneficiari Funzionari governativi, personale di alto livello nei Ministeri coinvolti (Tesoro, Salute, Esteri, Politiche Sociali, ecc) nei 3 paesi coinvolti, parlamentari, autorità ed enti locali coinvolti nelle attività di cooperazione decentrata, giornalisti e addetti stampa, rappresentanti e staff di Ong

che si occupano di sviluppo e tematiche sanitarie. Partner del progetto AIDOS - Associazione italiana donne per lo sviluppo – Italia (capofila) DSW – Deutsche Stiftung Weltbevölkerung – Germania (partner) FWFP - Federation for Women and Family Planning – Polonia (partner) CESTAS – Centro di educazione sanitaria e tecnologie appropriate sanitarie, Italia (partner) AAI-I - ActionAid International Italia ONLUS – Italia (partner)

Support for global health” questo progetto gioca un ruolo importante nelle attività di advocacy del CESTAS, grazie alla sua dimensione europea e alle attività di networking legate al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo del Mllennio sanitari e alle attività tese a promuovere la consapevolezza tra i cittadini e le parti interessate.

Risultati attesi e attività previste Alla fine dell’azione è auspicato che le politiche di supporto agli OdM sanitari in Italia e Germania siano migliorate e che sia aumentata sostanzialmente la percentuale di APS allocata per le tematiche sanitarie e di empowerment femminile. Un obiettivo specifico sarà definito dalle parti sulla base della prima analisi politica. È atteso che anche la Polonia aumenti il suo coinvolgimento nella cooperazione allo sviluppo. Le attività hanno creato un coordinamento tra partners, sviluppato azioni di advocacy e dialogo con decision makers, creato networking tra Ong e reti, coinvolto i media, prodotto di materiale informativo tra cui mostra fotografica su HIV/AIDS. È stato pubblicato il rapporto “Le politiche che fanno la differenza. La salute e i diritti sessuali riproduttivi per promuovere lo sviluppo”, (luglio 2008). Aspetti qualificanti Legato al progetto “Promoting European

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 91


I NOSTRI PROGET TI | Europa

2.8.42 Sviluppo del partenariato tra Istituzioni pubbliche, mondo

accademico e società civile per favorire una maggiore conoscenza degli Obiettivi del Millennio Settore Educazione allo sviluppo - territorio e sviluppo Area e paese Italia Progetto promosso e gestito da Dipartimento Europa Periodo di attuazione gennaio 2008 – maggio 2009

Valore economico Totale progetto: 49.401 € Contributo Donor: 33.734 € Contributo CESTAS: 15.668 € Ruolo di CESTAS Socio Informazioni Responsabile Dipartimento: Pietro Pinto Responsabile progetto: Arianna Blasi

Ente finanziatore Ministero degli Affari Esteri

Web: www.cospe.it

Motivazioni dell’intervento Gli Obiettivi del Millennio (MDG), individuati dalle Nazioni Unite nel 2000 come strumento per combattere e sradicare la povertà a livello globale entro il 2015, costituiscono, al momento e per i prossimi anni, il principale atto politico dei governi e della società civile a livello internazionale, entro cui muoversi per il perseguimento dei diritti e dello sviluppo umano. Questo, ovviamente, implica che è necessario intraprendere un nuovo percorso di revisione e rivalutazione, a livello economico e politico, dei rapporti tra i paesi del nord e i paesi del sud del mondo. È proprio questa ampia forma di partenariato che il progetto intende sviluppare, in un’ottica di confronto e dialogo reciproco, e non di contrapposizione, pur coinvolgendo soggetti che per propria natura hanno diversa genesi, diversi obiettivi, e diversi pubblici di ri-

ferimento. Questo verrà fatto anche con il diretto collegamento ad altre campagne già in atto a livello nazionale ed internazionale.

privato sociale, società civile, docenti e studenti universitari, giovani di diverse fasce di età, opinione pubblica.

Obiettivi Sviluppare un’ampia forma di partenariato tra istituzioni pubbliche, mondo accademico e società civile con l’obiettivo di allargare il dibattito e produrre nuove metodologie e proposte operative per la realizzazione degli Obiettivi del Millennio in Italia.

Partner del progetto Promotore: COSPE

Beneficiari Il mondo della politica a livello nazionale, parlamentari eletti nei territori di attività del progetto e relativi gruppi parlamentari, le realtà politiche a livello regionale e locale, nei territori di attività del progetto. Altri attori della cooperazione decentrata: associazioni di categoria,

Risultati attesi e attività previste Si vogliono sviluppare le conoscenze e la consapevolezza critica da parte dell’opinione pubblica sulle problematiche relative allo sviluppo e ai diritti umani, anche con lo sviluppo di un’ampia riflessione sui temi legati agli MDG e al loro raggiungimento; infine il potenziamento dei rapporti di rete e scambio tra istituzioni, mondo accademico e giovani nelle realtà territoriali sul tema specifico degli MDG. Il tutto supportato dai rispettivi centri di documentazione e con workshop territoriali. Aspetti qualificanti Il progetto riveste una dimensione europea grazie alla connessione con le campagne internazionali sugli MDG promosse sia dalle istituzioni che dalla società civile. Inoltre i principali documenti e materiali prodotti (che sono stati tradotti in inglese) vengono resi disponibili sul sito internet del progetto e diffusi attraverso i contatti attivi con le altre realtà europee impegnate in questo tema assicurandone una ampia diffusione.

92 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009


I NOSTRI PROGET TI | EUROPA

2.8.43 Costruire uno sviluppo possibile

Création d'un Système Permanent de Solidarité Internationale et de Coopération Décentralisée au développement Settore Educazione allo Sviluppo

Ente finanziatore Unione Europea

Area e paese Italia: Regione Marche, Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Piemonte. Francia : Regione dell’île de-France. Portogallo: Distretto di Lisbona e di Setúbal. Albania: Regione di Elbasan, distretto di Gramsh. Argentina: Regione di Santa Fè.

Valore economico Totale progetto: 48.550 € Contributo Donor: 36.412 € Contributo CESTAS: 12.138 €

Progetto promosso e gestito da Ufficio Regionale Marche - Dipartimento Europa

Ruolo di CESTAS Socio Informazioni Responsabile Ufficio Regionale: Valeria Bochi Responsabile progetto: Mariangela Boiani

Periodo di attuazione giugno 2009 – settembre 2011 Motivazioni dell’intervento Il Progetto vuole dare la possibilità di condividere esperienze legate alla Solidarietà Internazionale e alla Cooperazione allo Sviluppo Decentrata, attraverso l’istituzione di una rete di educazione allo sviluppo sul territorio della Regione Marche. Questa rete vuole raccogliere le esperienze più significative a livello europeo e nazionale (in collegamento all’Esperienza della Piattaforma EAS), e riproporle in un’ottica territoriale-regionale, coordinando l’azione dei numerosi attori presenti sul territorio della Regione Marche (attori pubblici ed esponenti del settore no-profit), che operano in materia di cooperazione decentrata. Obiettivi Migliorare la conoscenza a livello europeo delle tematiche riguardanti lo sviluppo e creare una più ampia presa di coscienza della società civile. L’obiettivo specifico è quello di contribuire alla creazione di un sistema regionale di educazione allo sviluppo che permetta di coordinare l’attività e le capacità di progettazione aumentandone l’efficienza e l’azione in rete. Beneficiari I beneficiari diretti sono: i partner di progetto che interverranno direttamente nella realizzazione del progetto; le istituzioni locali della Regione Marche; le istituzioni locali dei territori interessati dai progetti raccolti; operatori delle Ong e delle associazioni presenti sui territori interessati dal progetto; i dirigenti e gli operatori delle Associazioni degli immigrati presenti nei territori interessati dal progetto I beneficiari indiretti sono: i cittadini dei territori interessati dal progetto; gli studenti dei corsi di laurea attivati nella Regione Marche concernenti la cooperazione e la solidarietà internazionale; i partner del progetto, mezzi di

comunicazione, organizzazioni politiche dei settori interessati; la Regione Marche e i relativo comuni e province; le Ong socie. Partner del progetto Promotore: Regione Marche. Soci: CESTAS, MONDOSOLIDALE, COSPE, CISP, CVM, SOS MISSIONARIO, CIRCOLO AFRICA, CISV, Università di Macerata, SOLIDARITE JEUNESSE, ACID, Secretaria de desarrollo sociale, ASSOCIACAO ABRACO, WASP, Municipalité de Gramsh. Risultati attesi e attività previste I risultati attesi sono: realizzazione di un sistema informativo permanente di Educazione allo Sviluppo; rafforzamento capacità di programmazione e attivazione di una rete d’azione. Tali risultati sono perseguiti attraverso le seguenti attività: creazione di un sistema informativo permanente regionale di Educazione allo Sviluppo; realizzazione di laboratori di educazione allo sviluppo. Le metodologie di intervento adottate sono: coinvolgimento società civile; partecipazione diretta delle autorità locali e degli stakeholders; laboratori. Aspetti qualificanti Creazione di un sistema di rete che permetta di condividere esperienze di educazione allo sviluppo italiane ed europee, e creazione di un approccio sistematico a tali tematiche che possa portare ad un agire comune e sinergico nel far fronte alle sfide dello sviluppo.

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 93


I NOSTRI PROGET TI | Europa

2.8.44 “Action for Global Health” AfGH Promoting European Support for Global Health

Settore Advocacy - Salute Globale

Valore economico Totale progetto: 422.244 €

Area e paese Europa (Belgio, Germania, Spagna, Francia, Italia, Regno Unito)

Ruolo di CESTAS Socio

Progetto promosso e gestito da Dipartimento Europa

Informazioni Responsabile Dipartimento: Pietro Pinto Responsabile progetto: Annalisa Stagni

Periodo di attuazione Settembre 2006 – Settembre 2011 Ente finanziatore Bill and Melinda Gates Foundation

Motivazioni dell’intervento Aumentare il supporto governativo di Unione Europea, Regno Unito, Spagna, Italia, Germania e Francia per rendere possibili ai paesi in via di sviluppo progressi sostanziali verso gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio entro il 2015. Le tematiche sanitarie specifiche oggetto di questa proposta includono tra le altre, mortalità infantile, salute materna, HIV/AIDS, malaria e tubercolosi; un programma per sviluppare le capacità di advocacy collettiva della società civile europea riguardo alle tematiche sanitarie globali, usando come focus gli OdM sanitari. Obiettivi Maggiore impegno e azione da parte dei governi europei, in particolare le istituzioni dell’Unione Europea, la Francia, la Germania, l’Italia, il Regno Unito e la Spagna, nel favorire il raggiungimento degli obiettivi MDG legati alla salute nei paesi a reddito medio-basso; impegno che deve includere contributi finanziari maggiori e più mirati per la salute e per il consolidamento dei sistemi sanitari. Maggiore capacità, impegno ed efficacia da parte delle organizzazioni non governative a supporto degli obiettivi MDG per la salute, con una migliore analisi delle politiche e un sistema di networking con le politiche di sviluppo e delle Ong (al fine di riconoscere il ruolo della salute come leva irrinunciabile dello sviluppo). Beneficiari I beneficiari sono: Decision Makers, Parlamentari Nazionali ed Europei, stakeholders pubblici e privati legati alle tematiche sanitarie e di sviluppo, media, Ong e altre organizzazioni della società civile, giornalisti, opinione pubblica. Partner del progetto Promotore: Action Aid International:

94 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

Soci: • Plan International; • European Public Health Alliance (Brussels); • Stop AIDS Alliance (Brussels); • Welthungerhilfe (Germania); • Terre des hommes (Germania); • Federación de Planificación Familiar Estatal (Spagna); • Médicos del Mundo (Spagna); • Global Health Advocates (Francia); • Médecins du Monde (Francia); • Centro di Educazione Sanitaria e Tecnologie Appropriate Sanitarie (Italia); • Associazione Italiana Donne per lo Sviluppo (Italia); • Interact Worldwide (Regno Unito); • International HIV/AIDS Alliance (Regno Unito); • TB Alert (Regno Unito). Risultati attesi e attività previste Sostenere l’analisi politica, il dialogo con decision-makers, crare networking tra Ong a supporto degli OdM sanitari, influenzare gli stakeholders, avviare campagne pubbliche. Sono stati lanciati il 18 giugno 2008, a Roma il secondo Rapporto del network “Un Aiuto in Salute” e lo studio di caso “ L’Italia e il fondo globale per la lotta all’AIDS, Tubercolosi e Malaria”. Alla presentazione ha partecipato un pubblico numeroso comprendete staff di Ong, professori universitari, esperti di salute e sviluppo, rappresentanti del Ministero degli Affari Esteri e del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali e rappresentanti delle Agenzie delle Nazioni Unite con sede nella capitale. La Conferenza Nazionale si è svolta il 19 giungo 2008 a Bologna con una vasta partecipazione di istituzioni nazionali, internazionali e locali (università, enti locali, servizi sanitari) e società civile: più di 60 persone hanno partecipato alla conferenza. La conferenza è stata l’occasione per i

partner italiani di chiedere al Governo italiano e alle istituzioni europee che il tema dell’efficacia degli aiuti entrasse nel dibattito corrente. Aspetti qualificanti Il progetto rappresenta la più importante e completa attivtà di advocacy che il CESTAS sta portando avanti, grazie al suo carattere internazionale. Essere parte della rete Azione per la Salute Globale ha permesso al CESTAS di migliorare le sue capacità di networking e di advocacy. In più grazie alle attività di networking previste da progetto, Annalisa Stagni è membro del Comitato di Gestione della GCAP, in rappresentanza del Network. Inoltre portando avanti le attività previste da progetto il CESTAS partecipa, come membro, alle attività dell’Osservatorio Italiano sull’Azione Globale contro l’AIDS. Inoltre le tematiche sanitarie, che sono il cuore di questo progetto di advocacy, hanno una notevole correlazione con le tematiche sanitarie che Il CESTAS affronta nei progetti di cooperazioni nei paesi in via di sviluppo.


I NOSTRI PROGET TI | EUROPA

2.8.45 III edizione delle Settimane della Cooperazione

Internazionale in Emilia Romagna - Costruiamo insieme una nuova stagione di solidarietà internazionale in Emilia Romagna Settore Educazione allo sviluppo - territorio e sviluppo Area e paese Italia, Emilia Romagna Progetto promosso e gestito da Dipartimento Europa Periodo di attuazione settembre 2008- dicembre 2009

Valore economico Totale progetto: 2.000 € Contributo Donor: 2.000 € Ruolo di CESTAS nel progetto Socio Informazioni Responsabile Dipartimento: Pietro Pinto Responsabile progetto: Annalisa Stagni

Ente finanziatore Regione Emilia Romagna

Motivazioni dell’intervento e finalità Il progetto nasce dalla collaborazione tra diverse realtà del territorio emiliano romagnolo unite da un impegno comune nella cooperazione decentrata e nella promozione e tutela dei diritti umani e di una cultura di pace. In ogni edizione si sceglie un ambito tematico sul quale concentrare le iniziative ed i dibattiti. Nel primo anno il tema prescelto è stato la pace e la prevenzione dei conflitti, nella seconda edizione gli obiettivi del millennio; in questa 3° edizione si è deciso alla luce delle evoluzioni a livello globale avvenute nel corso del 2008 di puntare l’attenzione sulla sovranità alimentare. Obiettivi Consolidare la messa in rete di soggetti attivi nella cooperazione decentrata, promuovere i valori della cooperazione internazionale allo sviluppo e dell’educazione allo sviluppo, promuovere una corretta informazione sulle Ong e dare visibilità al lavoro delle Ong emiliano - romagnole, con riferimento alle aree tematiche individuate nel Piano Triennale della Regione Emilia – Romagna. Promuovere le finalità del COONGER e gli strumenti culturali che permettano un approccio critico da parte dell’opinione pubblica sui temi della cooperazione allo sviluppo. Beneficiari I destinatari diretti sono operatori sociali e del volontariato, funzionari di istituzioni regionali, enti territoriali locali, docenti, insegnanti, studenti I destinatari indiretti sono l’opinione pubblica della regione Emilia-Romagna in generale, con particolare riferimento ai potenziali attori della cooperazione decentrata, i beneficiari dei paesi del Sud del mondo coinvolti dai comitati a sostegno di un particolare diritto.

Partner del progetto Promotore: COONGER “Coordinamento delle Ong e delle Associazioni di solidarietà dell’Emilia – Romagna” di cui fanno parte: ADP, AIFO, ARCI-ARCS ER, ASVI, CEFA, CESTAS, COSPE, Educaid, GVC, ISCOS-CISL, NEXUS-CGIL, Ass. ORLANDO, OVERSEAS, PARMA PER GLI ALTRI, PEACE GAMES-UISP, RTM, ISI. Osservatori: CISP; invitati permanenti: MANI TESE Bologna.

CONOMIA” (dicembre 2008) e “Quale alimentazione per quale salute?” (maggio 2009). Aspetti qualificanti Il potenziamento della rete di Ong emiliano- romagnole, attraverso la realizzazione di attività congiunte legate al tema della sovranità alimentare, di grande attualità nel 2008 a causa delle grave crisi alimentare verificatasi.

Risultati attesi e attività previste Risultati attesi sono: un aumento della consapevolezza dei gruppi target sui temi del progetto; il rafforzamento e lo sviluppo delle reti territoriali attive nella cooperazione decentrata e nell’Educazione allo Sviluppo; un contributo alla costruzione di una corretta percezione nell’opinione pubblica dell’operato delle Ong dell’Emilia – Romagna; il consolidamento di un evento annuale sui temi della cooperazione allo sviluppo di livello nazionale. Queste risultati sono conseguiti con seminari territoriali e il Festival della Cooperazione internazionale Attività principali realizzate nel corso del 2008 e nel 2009: • Seminario territoriale in collaborazione con Amici dei Popoli dal titolo: “Dalla finanza all’economia reale Ripensare i partenariati economici per lo sradicamento della povertà” realizzato l’11 dicembre 2008 a Bologna. • Seminario territoriale in collaborazione con AIFO e RTM dal titolo “Cibo e salute diritti di tutti negati a molti Prospettive nord/sud su salute e alimentazione”realizzato il 26 maggio 2009 a Reggio Emilia. Entrambi gli eventi di tipo seminariale sono stati affiancati da workshop tematici rivolti ad insegnanti, educatori e formatori condotti da Alessio Surian: “Stop EPA: Educazione ed altrE-

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 95


I NOSTRI PROGET TI | Europa

2.8.46 Sviluppo sostenibile delle risorse forestali e comunità locali:

esperienze di Ong in America Latina ed Africa Settore Educazione allo sviluppo - territorio e sviluppo

Ente finanziatore Ministero degli Affari Esteri

Area e paese Italia (Emilia Romagna, Piemonte, Puglia, Marche) in particolare a Bologna, Torino, Lecce, Ancona.

Valore economico Totale progetto: 402.050 € Contributo Donor: 274.600 € Contributo CESTAS: 127.480 €

Progetto promosso e gestito da Dipartimento Europa – Ufficio Regionale Marche

Ruolo di CESTAS Promotore

Periodo di attuazione Aprile 2009 – Ottobre 2010

Motivazioni dell’intervento Negli ultimi 30 anni l’80% delle foreste tropicali e temperate del mondo sono state abbattute e a queste si aggiungono ogni anno tra i 10 e i 16 milioni di ettari: di questi 6 milioni sono di foresta primaria. La distruzione delle foreste è una minaccia globale: dal punto di vista ambientale e da quello socio/politico. Si ritiene che la gestione sostenibile delle foreste dipenda strettamente dalla lotta alla povertà delle popolazioni rurali e che lo sviluppo economico di queste popolazioni debba essere cercato nella gestione sostenibile delle diverse funzioni e servizi che le foreste possono rendere. Risulta quindi importante promuovere quei prodotti e servizi forestali che contribuiscono alla tutela e allo sviluppo sostenibile delle risorse silvicole nel mondo. Questo presuppone che il mercato europeo esprima una domanda crescente di prodotti e servizi forestali certificati e questo è possibile solo se si diffonde presso la popolazione, in particolare presso i giovani, una sensibilità ai temi dello sviluppo equo e sostenibile accompagnata da una consapevolezza di avere una responsabilità nelle scelte di consumo. Obiettivi Promuovere la conoscenza e l’applicazione delle pratiche di uso sostenibile delle risorse silvicole in Italia e nel mondo presso le scuole e i territori di Bologna, Torino, Ancona, Lecce – e più in generale presso l’opinione pubblica delle rispettive regioni. Beneficiari I beneficiari diretti sono: studenti e insegnanti delle scuole aderenti al progetto, formatori, altre Ong, persone partecipanti alle attività pubbliche del progetto (eventi locali, esposizioni mostra), visitatori della mostra che avranno partecipato a una delle attività correlate, amministrazioni

96 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

Informazioni Ufficio Regionale: Valeria Bochi Responsabile progetto: Mariangela Boiani

locali decentrate, enti e aziende pubbliche e private. I beneficiari indiretti sono: scuole e insegnanti, visitatori della mostra senza partecipazione ad attività correlate, persone destinatarie della comunicazione via stampa, persone raggiunte dalla comunicazione a mezzo radiofonico, tramite affissioni pubbliche, attraverso la comunicazione via cinema e\o la pubblicità on-line. Partner del progetto CISV Torino e CTM Lecce Risultati attesi e attività previste Sono state informate, sensibilizzate e mobilitate almeno 4.000 persone tra studenti, professori/educatori e famiglie di 8 scuole superiori di Bologna, Torino, Ancona e Lecce sull’uso e consumo sostenibile delle risorse naturali (silvicole in particolare). È stata creata e diffusa una rete di esperienze tra 8 scuole dei territori di Bologna, Torino, Ancona e Lecce, nonché onformata e sensibilizzata la cittadinanza di Bologna, Torino, Lecce, Ancona - e parte dell’opinione pubblica delle rispettive regioni - sul rispetto delle risorse naturali (silvicole in particolare). Le attività previste Produzione, sperimentazione e diffusione di un kit educativo sulle foreste nel mondo. Realizzazione di un corso residenziale di formazione per formatori sull’applicazione del kit educativo Realizzazione di 8 laboratori della durata di 30 ore presso le scuole superiori di Bologna, Torino, Lecce e Ancona, costituzione di un gruppo di lavoro tra insegnanti e operatori di Ong e formatori Organizzazione di riunioni di ricerca per insegnanti e formatori. Creazione di uno spazio web di lavoro. Realizzazione di un concorso per scuole a premi, con una giornata evento di confronto e scambio

Realizzazione di una mostra multimediale sulle foreste del mondo Realizzazione di 4 eventi locali nelle città sopracitate. Aspetti qualificanti Il progetto si caratterizza per la metodologia partecipativa utilizzata tra Ong, studenti e insegnanti nello svolgimento delle attività, oltre all’utilizzo di mezzi di comunicazione sociale tipo spot e video. Con l’implementazione del progetto sarà inoltre possibile sviluppare la creazione di una rete tra le scuole superiori italiane.


I NOSTRI PROGET TI | EUROPA

2.8.47 Campagna nazionale sulla cooperazione quale strumento per

la risoluzione dei conflitti internazionali e nei paesi in via di sviluppo Alcune esperienze delle Ong in Africa, Balcani, Settore Educazione allo sviluppo Area e paese Italia Progetto promosso e gestito da Dipartimento Europa Periodo di attuazione Dicembre 2008 – Maggio 2010

Valore economico Totale progetto: 25.056 € Contributo Donor: 17.708 € Contributo CESTAS: 7.348 € Ruolo di CESTAS Socio Informazioni Responsabile Dipartimento: Pietro Pinto Responsabile progetto: Irene Barbapiccola

Ente finanziatore Ministero degli Affari Esteri

Motivazioni dell’intervento Affermare che non ci può essere pace senza sviluppo significa riconoscere che il mancato accesso alle risorse economiche necessarie alla sopravvivenza e agli assets (tra cui anche la formazione e in ultima istanza l’assenza di diritti) sono spesso alla base del nascere e del protrarsi dei conflitti; ecco perché le Ong hanno fondato la loro azione su una qualità di sviluppo incentrato sui diritti. Obiettivi Accrescere e consolidare l’adesione dell’opinione pubblica ai temi della cooperazione internazionale sviluppata dalle Ong quale strumento fondamentale per favorire fra i popoli il dialogo e la risoluzione dei conflitti interni e internazionali. Beneficiari I beneficiari diretti: insegnanti coinvolti nella presentazione del percorso didattico, studenti delle scuole secondarie che partecipano alle attività di diffusione del percorso didattico, partecipanti agli eventi culturali/spettacolari, visitatori mostra, giornalisti che riceveranno comunicati stampa, partecipanti ai seminari di studio, visitatori sito web della campagna, partecipanti Convegno Internazionale. I beneficiari indiretti: lettori dei giornali dove appariranno comunicati relativi al progetto, persone che leggeranno i manifesti e le brochure relative alle iniziative, visitatori siti web Ong coinvolti nel progetto che avranno link alla campagna. Partner del progetto Promotore: COCIS – Coordinamento delle Organizzazioni non governative per la Cooperazione Internazionale allo Sviluppo Soci: ARCS, CESTAS, CIC, CIES, CISS, COSPE, CRIC, DISVI, GUS, ICEI, MAIS, N:EA, NEXUS, Ricerca e Coo-

perazione, ACS, Peace Games, Re.TE, SVILUPPO 2000 Risultati attesi e attività previste Rendere consapevole un vasto pubblico giovanile dell’importanza dei programmi e dei progetti di cooperazione per favorire processi di dialogo e pace fra i popoli e riconoscere le Ong del proprio territorio come operatrici di pace. È stato coinvolto un numero significativo di giovani e meno giovani opinion leaders in una analisi critica delle attività di cooperazione per il dialogo e la pace fra i popoli. Le attività svolte sono: elaborazione e diffusione di un percorso didattico ad uso degli insegnanti delle scuole secondarie; redazione di un quaderno divulgativo e diffusione attraverso la sponsorizzazione e la partecipazione ad eventi di grande attrazione; realizzazione della mostra e diffusione materiali divulgativi; seminari di studio in 11 città/università ( 4 seminari nazionali interni al COCIS, 7 seminari territoriali pubblici); Allestimento e mantenimento di un sito Web sul tema. Il 10 e l’11 giugno 2009 a Torino, si sono realizzate 2 giornate di tipo seminariale dal titolo“Cooperazione civile e cooperazione militare”. Il primo giorno il dibattito è stato interno al COCIS e vi hanno partecipato rappresentanti delle Ong aderenti. Il secondo giorno invece il dibattito è stato aperto a relatori esperti sul tema e agli addetti a lavori (altre Ong, associazioni, società civile).

dibattito interno, che vede le Ong aderenti al COCIS impegnate nella redazione di un documento finale condiviso sulle tematiche in questione. Nei seminari verranno presentati studi di caso dove si analizzeranno le criticità e gli aspetti positivi che gli interventi di sviluppo possono avere in contesti difficili per la prevenzione dei conflitti.

Aspetti qualificanti Nel corso del progetto verranno trattati approfonditamente temi riconducibili al binomio pace/sviluppo, in particolare si parlerà di: cooperazione civile e militare, dialogo tra le parti, emergenze e sviluppo, organizzazioni internazionali e mass media. Il progetto si caratterizza per la componente di

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 97


I NOSTRI PROGET TI | mediterraneo

2.8.48 Scuola sullo sviluppo per donne del Mediterraneo

Area e paese Mediterraneo – Tunisia, Tunisi

Valore economico Totale progetto: 69.978 € Contributo Donor: 34.990 € Contributo CESTAS: 30.475 € Altri donatori: 4.514 €

Progetto promosso e gestito da Ufficio Regionale Mediterraneo

Ruolo di CESTAS Promotore

Periodo di attuazione Aprile 2007 – Dicembre 2007

Informazioni Responsabile Ufficio Regionale: Irene Viola Responsabile progetto: Irene Viola

Settore Formazione

Ente finanziatore Anna Lindh Euro-Mediterranean Foundation for dialogue between cultures (ALF)

Motivazioni dell’intervento Nelle ultime tre decadi le donne hanno ottenuto alto profilo e riconoscimenti internazionali, ad esempio è stata inaugurata la United Nations Decade for Women (1976-1985), le donne sono state inoltre il focus di molti studi accademici e approcci emergenti alle politiche dello sviluppo; nonostante ciò, poco è stato fatto per migliorare la condizione femminile, a livello globale. Infatti, l’inclusione tra gli Obiettivi del Millennio, come terzo Obiettivo la promozione della parità di genere e dell’empowerment femminile né è la conferma. Inoltre, recenti approcci sottolineano che c’è stato un cambiamento nel considerare la condizione femminile, essi riconoscono che le donne non rappresentano un gruppo omogeneo con bisogni identici, ma considerano invece la complessità delle responsabilità delle donne, il ruolo delle classi sociali, dell’età, per nominare alcuni. Conseguentemente, lo scopo principale di un approccio olistico è di rendere capaci le donne di agire come attori del proprio sviluppo. CESTAS, assieme a CEFIR, IOM-Tunis e CESMO-Lebanon hanno concordato perciò sull’organizzazione di un corso di alta formazione professionale per donne che operano in organizzazioni dela società civile, come strumento per creare uno spazio significativo per le donne di dibattere, informarsi, imparare e scambiare opinioni sull’opportunità delle donne di essere agenti attivi dello sviluppo. Obiettivi Aumentare la partecipazione delle donne nel processo di decision making, attraverso dibattiti e scambi di idee/esperienze, e ideazione di un corso di Cooperazione allo Sviluppo che fornisca adeguate competenze per operare all’interno di organizzazioni della società civile, con particolare riguardo alla presentazione di progetti di sviluppo e alla loro gestione finanziaria.

98 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

Beneficiari I beneficiari sono16 donne provenienti da Libano, Italia, Francia e Tunisia con meno di 40 anni, attive in organizzazioni della società civile e fortemente motivate e interessate ai temi della cooperazione internazionale. Partner del progetto Partner istituzionale: nessuno Partner esecutivo: IOM-Tunis, CESMO-Lebanon, CEFIR-France Partner italiani/europei: CEFIR-France Risultati attesi e attività previste • diretti: 16 giovani donne sotto i 40 anni attive in organizzazioni non governative e della società civile in Italia, Francia, Libano e Tunisia; le 4 Ong partecipanti; • indiretti: il personale delle 4 Ong impegnate; le organizzazioni della società civile operanti nell’area del Mediterraneo, in particolare quelle attive nel campo dello sviluppo femminile; le autorità locali e regionali in Italia, Francia, Libano e Tunisia. Risultati attesi: • Migliorare le capacità tecniche e gestionali delle donne coinvolte e dare loro la possibilità di giocare un ruolo sempre più decisivo ed influente nel campo della cooperazione allo sviluppo; • produzione di uno studio fruibile da parte di ogni organizzazione partner al fine di facilitare la discussione e la creazione/implementazione di una rete strutturata di partnership; • in generale, favorire un consistente incremento del processo di Barcellona e la centralità della cooperazione mediterranea nello sviluppo sostenibile e nei processi migratori.

Aspetti qualificanti Il prezioso coinvolgimento delle università locali, degli esperti e consulenti delle agenzie delle Nazioni Unite con sede in Tunisia e delle associazioni e istituzioni tunisine ha contribuito alla qualità del progetto, oltre alle visite sul campo su progetti di alcune organizzazioni locali e agli incontri con diversi stakeholders. La partecipazione di donne qualificate, motivate provenienti da due paesi europei, un paese del Maghreb e un paese del Medio Oriente ha arricchito sia i momenti di educazione formale che di educazione informale tutto il processo formativo e il progetto stesso.


I NOSTRI PROGET TI | mediterraneo

2.8.49 Supporto alla promozione sociale ed economica delle donne

in differenti regioni rurali particolarmente colpite dalla guerra (Beqaa, sud del Libano) Settore sviluppo socio-economico delle donne Area e paese Mediterraneo - Valle della Beqaa e sud del Libano Progetto promosso e gestito da Ufficio Regionale Mediterraneo Periodo di attuazione Marzo 2007 – Marzo 2008

Valore economico Totale progetto: 14.095 € Contributo Donor: 14.095 € Ruolo di CESTAS Socio Informazioni Responsabile Ufficio Regionale: Irene Viola Responsabile progetto: Irene Viola

Ente finanziatore Ambasciata italiana a Beirut

rative composte da donne e delle microimprenditrici, rafforzando il loro ruolo di soggetti di promozione sociale e di sviluppo locale.

Motivazioni dell’intervento Nel Libano e in particolare nelle due aree di progetto, Sud e Valle della Beqaa, le conseguenze del conflitto dell’estate del 2006 si sono manifestate sia in termini di danni materiali legati alle distruzioni di strutture pubbliche e private, abitazioni civili, infrastrutture, sia che per le ripercussioni sull’economia del Paese in relazione allo sviluppo locale e alle problematiche sociali. Oltre alle vittime del conflitto, sul territorio sono state rilevate numerosi ordigni inesplosi, che hanno portato a numerosi altri morti ed incidenti anche dopo la fine del conflitto. La situazione complessiva nella Beqaa e nel Sud del Libano di occupazione in generale e delle donne in particolare, ha visto un peggioramento con le conseguenze del conflitto tra hezbollah e israeliani che dal Sud ha poi colpito l’intero Paese. Il progetto consortile di emergenza, proposto da Arcs (Ong capofila) e CESTAS, della durata di 12 mesi, ha inteso affrontare e risolvere il problema della capacità produttiva agroalimentare e di microimpresa di alcune donne che, a causa della recente guerra, hanno perso un intero raccolto e gli strumenti per la produzione agricola, la trasformazione agroalimentare, l’allevamento, altro.Ha voluto inoltre avviare un percorso di promozione sociale di genere per dare all’azione una sostenibilità basata sulla partecipazione attiva delle donne allo sviluppo delle loro comunità. Con i partner libanesi, Ong Mada e René Moawad Foudation (FRM), Arcs e CESTAS hanno costruito la progettazione condividendo obiettivi, azioni, tempi.

Partner del progetto Partner istituzionale: 4 Municipalità nella Valle della Beqaa e 3 della Caza di Bint Jebel, Ministero Affari Sociali libanese. Partner esecutivo: Mada, Fondazione René Moawad (FRM). Partners italiani/europei: Regione Puglia, Provincia di Reggio Calabria, TiForma-Toscana.

Obiettivi L’obiettivo generale è quello di contribuire al ritorno della popolazione nei villaggi abbandonati per riqualificare gli insediamenti e migliorare le condizioni sociali, economiche e ambientali; mentre l’obiettivo specifico è quello di favorire il rapido riavvio e il miglioramento della produzione agricola delle donne capofamiglia, delle coope-

Risultati attesi e attività previste Risultati attesi: • Dare a 139 donne e a 7 funzionari delle municipalità coinvolte una formazione tecnica per un migliore Utilizzo delle risorse del territorio. • Riavvio dell’attività produttiva di 2 cooperative formate da donne. • Aumentata capacità di produzione alimentare

Beneficiari L’intervento interessa le donne capofamiglia e microimprenditrici nel Sud, mentre nell’area della Beqaa sono coinvolte donne in cooperativa (2 cooperative), donne capofamiglia con figli minorenni e altre che prima della recente guerra vivevano di piccole attività di allevamento e di micro impresa: scarsamente alfabetizzate, poco formate, vivono in condizioni di estrema vulnerabilità (sociali, sanitarie, di tempi lavorativi e vita familiare), in zone rurali difficilmente accessibili; da sempre hanno problemi di riconoscimento di ruolo nella comunità come promotrici di sviluppo comunitario. In totale parliamo di 645 persone direttamente beneficiarie di cui 40 donne appartenenti a 2 cooperative agricole, 77 donne capofamiglia e i loro 308 figli, altre 100 persone di cui 20 micro imprenditrici e di almeno circa 50000 persone delle comunità rurali indirettamnente beneficiari.

destinata all’autoconsumo di 77 donne capofamiglia. • Ravvio delle attività di 20 donne microimprenditrici. • Costituzione di una“rete”per lo scambio di esperienze e di relazioni tra le donne coinvolte nel progetto. Attività: • Attività formative riservate alle donne delle 12 cooperative agricole. • Fornitura dei mezzi necessari alla ripresa e al miglioramento della produzione agricola. • Assistenza tecnica per garantire la qualità dei prodotti e la loro immissione sul mercato. • Fornitura di capi di allevamento, bovini e caprini, e materiale per il loro ricovero e cura. • Fornire assistenza veterinaria e tecnica. • Fornitura delle strumentazioni necessarie al riavvio di tutte le attività produttive. • Assistenza tecnica finalizzata al corretto uso degli strumenti. • Incontri periodici per l’analisi delle situazioni e dei bisogni a cui dare risposta. • Incontri periodici tra rappresentanti delle municipalità e dei servizi pubblici sanitari per individuare i Bisogni e definire le modalità della loro applicazione. Aspetti qualificanti Il progetto ha inciso sul ripristino di una condizione lavorativa più serena, sia attraverso la fornitura diretta di strumenti, che di assistenza tecnica e sostegno attraverso la formazione e supporto alle donne capofamiglia. Il progetto fa parte del Programma di Emergenza ROSS:“Iniziativa di Emergenza per la Riabilitazione, Occupazione, Servizi e Sviluppo”, attivato dall’Ambasciata Italiana in Libano a seguito del conflitto scoppiato nell’estate del 2006 tra Israele e Libano.

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 99


I NOSTRI PROGET TI | mediterraneo

2.8.50 Supporto all’istruzione di base e alla formazione tecnica dei

giovani svantaggiati delle regioni severamente colpite dalla guerra (Beqaa, Akkar) Settore Coesione sociale Area e paese Mediterraneo / Valle della Beqaa e sud del Libano Progetto promosso e gestito da Ufficio Regionale Mediterraneo

Valore economico Totale progetto: 1.600 € Contributo Donor: 1.600 € Ruolo di CESTAS Socio Informazioni Responsabile Ufficio Regionale: Irene Viola Responsabile progetto: Irene Viola

Periodo di attuazione Marzo 2007 - Marzo 2008 Ente finanziatore Ambasciata italiana a Beirut

Motivazioni dell’intervento Il progetto consortile ha inteso migliorare la condizione di vita dei giovani e dei bambini delle comunità interessate e delle loro famiglie favorendo la promozione di attività educative e culturali nelle due aree di azione. L’intervento si è articolato in una serie di azioni coordinate di tipo puntuale e cioè: distribuzione di kit scolastici di rientro per quelli alunni con difficoltà economiche; organizzazione di corsi di sostegno per i giovani con ritardi nell’apprendimento; organizzazione di campi estivi; laboratori tesi a favorire una crescita della sensibilità e delle competenze degli insegnanti sul tema del disagio giovanile, legato soprattutto al traumatismo post-guerra; l’organizzazione di attività culturali o artistiche nelle scuole in particolare sotto la forma di spettacoli. Tutte queste attività sono state sviluppate a partire dal Centro Culturale Comunitario e dalla Biblioteca, la cui costituzione, resa possibile dal presente progetto, permette all’associazione Culturale di Hermel, alla quale viene affidata la gestione dopo un periodo di capacity building dei suoi membri, supportata nei contenuti tecnici dai partner della proposta progettuale e dall’associazione Assabil, , di operare sul territorio e creare le condizioni affinché i ragazzi delle fasce sociali più svantaggiate frequentino la scuola e possano acquisire una formazione tecnica e siano così in grado di entrare nel mercato del lavoro con le competenze necessarie. Questo è l’obiettivo generale del progetto e tenta di arginare il fenomeno dilagante dell’abbandono scolastico e a bloccare il lavoro minorile, diffuso soprattutto nelle aree rurali. Allo stesso tempo intende sensibilizzare i ragazzi sui temi dell’ambiente e dei diritti umani, in tutti i loro aspetti, per creare una condizione culturale volta alla promozione della crescita individuale e della partecipazione attiva dei giovani allo sviluppo della comunità e del Paese.

100 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

Obiettivi L’obiettivo generale è quello di contribuire a garantire l’istruzione elementare per bambini/e, il recupero scolastico per adolescenti e giovani, la formazione tecnica dei giovani nelle aree rurali in oggetto, riducendo i fenomeni di emarginazione sociale collegati alla guerra. L’obiettivo specifico è quello di colmare l’assenza di spazi educativi, culturali e ricreativi riducendo l’abbandono scolastico e favorendo il recupero dell’educazione primaria a favore dei soggetti più svantaggiati. Beneficiari I beneficiari diretti sono in totale 2710 persone (giovani e insegnanti), tra cui i bambini che utilizzeranno i servizi della biblioteca (1000 ca.) e la sala polivalente (500 ca.), gli insegnanti della regione (90), i giovani che parteciperanno al campo estivo (120), che beneficeranno del kit scolastico (200) e del sostegno educativo (800). I beneficiari indiretti sono le comunità locali delle aree rurali oggetto dell’intervento (50000 persone ca.) e in particolare le famiglie dei giovani che riceveranno il kit, gli studenti delle scuole che partecipano al programma, il personale impiegato nel progetto, i servizi educativi e sociali locali e le realtà di aggregazione formale o informale impiegate in programmi educativi e di volontariato sociale per giovani e adolescenti. Partner del progetto Partner istituzionale: 4 Municipalità nella Valle della Beqaa e 3 della Caza di Bint Jebel, Ministero Affari Sociali libanese Partner esecutivo: Mada, Fondazione René Moawad (FRM) , Association for Forest Development and Conservation (AFDC-Lebanon) Partners italiani: Regione Puglia, Provincia di Reggio Calabria

Risultati attesi e attività previste Risultati attesi: • realizzazione di un centro culturale funzionante munito di una biblioteca e di una sala polivalente che costituisca un punto di aggregazione e un luogo di attività culturali ed educative; • riduzione del rischio di abbandono scolastico tramite il sostegno durante il periodo degli esami e nel successivo rientro a scuola, anche tramite la fornitura di un kit per i bambini delle famiglie in condizioni più svantaggiate; • promozione di scambi tra bambini provenienti da differenti regioni quale condizione per l’instaurazione di un dialogo che migliori la comprensione tra le comunità. Attività: • costruzione del centro e suo equipaggiamento; • fornitura di assistenza tecnica e formazione del personale impiegato; • organizzazione di una visita in altri centri per i volontari ed il personale; • costituzione di un comitato consultivo che inneschi un dibattito sulla condizione dell’infanzia; • organizzazione di 3 laboratori di formatori e di classi di sostegno per i bambini con un peggiore profitto scolastico; • distribuzione di un kit scolastico (libri, cancelleria, cartelle e divise) ai bambini delle famiglie più indigenti per il pieno ed effettivo rientro in classe; • organizzazione di 2 campi estivi con l’obiettivo di promuovere la riconciliazione attraverso attività di sensibilizzazione all’ambiente; • organizzazione di attività culturali, artistiche o ricreative sotto forma di spettacoli.


I NOSTRI PROGET TI | mediterraneo

Aspetti qualificanti Hermel (35.000 abitanti) è un regione situata in una zona isolata e svantaggiata del Nord-est del Libano. Nel corso del 2006 4 municipalità comprendenti 5 villaggi (Hermel, El Qasr, Chouaghir, El Kouach, Jouar el Hachich-Fissane) hanno costituito la Federazione dei Municipi di Hermel. Per la prima volta gli scontri ai confini del Sud hanno toccato direttamente questa Regione, producendo un esodo massiccio verso la Siria, un blocco delle attività produttive agricole e di allevamento e un degrado della situazione economica dell’area. La precarietà di vita dei villaggi è comunque antecedente. Dal 1993 è in funzione a Hermel una biblioteca gestita dall’Associazione Culturale di Hermel, promossa da un gruppo di insegnanti. La Biblioteca e l’Associazione Culturale che la gestisce sono il fulcro delle attività di sostegno alla scolarizzazione promosse da questo intervento, l’associazione, attraverso la biblioteca ha assunto un ruolo decisivo nel sostegno alle scuole dell’area e nel recupero dei bambini e ragazzi nelle ore del doposcuola con classi di sostegno e attività ricreative. La struttura della biblioteca, che è stata

costruita su un terreno vicino alla sede della Municipalità di Hermel, doveva essere migliorata e ampliata e ha dovuto perciò ridurre le attività culturali collegate per pagare con i soldi dei membri i costi di affitto per un altro spazio per la Biblioteca. La situazione grave legata al post conflitto, ha visto inoltre impegnata l’Associazione a garantire nel percorso educativo il sostegno alle scuole e singole famiglie direttamente e in maniera diversa danneggiate. Grazie al progetto si sono perciò riqualificati, sostenuti e rafforzati le realtà e gli spazi associativi presenti nell’area. Il progetto fa parte del Programma di Emergenza ROSS: “Iniziativa di Emergenza per la Riabilitazione, Occupazione, Servizi e Sviluppo”, attivato dall’Ambasciata Italiana in Libano a seguito del conflitto scoppiato nell’estate del 2006 tra Israele e Libano.

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 101


I NOSTRI PROGET TI | mediterraneo

2.8.51 Costruire la Differenza: percorsi di formazione per la promozione dell’imprenditoria femminile in Libano

Area e paese Mediterraneo - sud del Libano

Valore economico Totale progetto: 181.683 € Contributo Donor: 72.981 € Contributo CESTAS: 46.924 € Altri contributi: 61.779 €

Progetto promosso e gestito da Ufficio Regionale Mediterraneo

Ruolo di CESTAS Promotore

Periodo di attuazione Marzo 2008 – Novembre 2009

Informazioni Responsabile Ufficio Regionale: Irene Viola Responsabile progetto: Irene Viola

Settore Sviluppo socio-economico delle donne

Ente finanziatore Regione Emilia Romagna

Motivazioni dell’intervento Il progetto interviene nel settore sociale, formativo ed educativo, nell’area di presenza del contingente italiano. Si propone infatti l’ideazione, l’esecuzione, la gestione e la valutazione di percorsi formativi per favorire la microimprenditoria femminile in Libano, Caza di Bint Jebel, Sud del Libano. A partire dal potenziamento, rafforzamento e tutela del lavoro femminile e delle conoscenze gestionali delle produttrici (donne capofamiglia e microimprenditrici) si attiverà un percorso parallelo di empowerment per le donne, inteso come rafforzamento del loro ruolo all’interno delle comunità, sostenuto dalle Ong locali impegnate in tal direzione e con la collaborazione con le istituzioni locali, sociali e cultuali delle aree di riferimento. Nel Libano e in particolare nell’ area di progetto, le conseguenze del conflitto dell’estate 2006 e dei conflitti più recenti, sono verificabili sia in termini di danni materiali legati alle distruzioni di strutture pubbliche e private, abitazioni civili, infrastrutture, sia che per le ripercussioni sull’economia del Paese in relazione allo sviluppo locale e alle problematiche sociali.

miglie si sono trovate in una situazione estremamente precaria e con spese supplementari alle quali far fronte. La ripresa delle attività economiche si è rivelata così difficile che l’insieme della popolazione si è notevolmente impoverita. La cir-

Da qui l’esigenza di riattivare quanto prima il sistema produttivo della microimprenditoria femminile, migliorandone la qualità e intervenendo sul sistema di produzione e mercato, a partire dal potenziamento, rafforzamento e tutela del lavoro femminile nel settore, del potenziamento delle conoscenze gestionali delle produttrici (donne capofamiglia e microimprenditrici). Contemporaneamente, nelle aree rurali, vi è anche l’esigenza di ridare prospettiva ad una microimprenditorialità femminile soprattutto artigianale e di piccolo commercio (sartoria,attività di parrucchiere, panetteria, botteghe…).A questo si aggiunge l’importanza di attivare un percorso parallelo e contemporaneo di empowerment per le donne, inteso come rafforzamento del loro ruolo all’interno delle comunità,sostenuto dalle Ong locali impegnate in tal direzione e con la collaborazione con istituzioni municipali, culturali, sociali delle aree di riferimento.

Obiettivi L’obiettivo generale è il miglioramento delle condizioni di vita delle donne capo famiglia e microimprenditrici attraverso la formazione e la promozione della microimprenditorialità in Libano e nello specifico La Caza di Bent Jbeil è situata sulla linea Caza di Bint Jbeil, mentre l’obiettivo spedi frontiera internazionale sud del Libano. cifico è quello di migliorare l’inserimento, Tra le Caza del sud toccate dal conflitto Bint la stabilità e la qualità del lavoro della Jbeil era già caratterizzata da un tasso Volantino promozionale dell’attività imprenditoriale di una delle partecipanti donna che partecipa al progetto rispetto al elevato di povertà (la più alta densità di livello di reddito ed alle condizioni di lavoro. colazione monetaria nell’economia locale si è nuclei familiari che vivono al di sotto della soglia quindi enormemente ridotta a causa della didella media nazionale e con un più alto tasso Beneficiari struzione di una grande parte di mezzi di prod’analfabetismo, in particolare tra le donne). Beneficiari diretti: 60 donne, microimprendiduzione. L’impoverimento della popolazione ha L’agricoltura, il commercio così come l’artitrici, capofamiglia residenti nell’area di Bint quindi inevitabilmente un effetto recessivo sulgianato, sono i principali settori economici della Jbeil, sud del Libano. l’economia locale che ha avuto una maggiore riregione. Durante il conflitto, la maggior parte Beneficiari indiretti: 320 persone (membri dei percussione sull’abbandono del lavoro da parte della popolazione è sfuggita ai bombardamenti nuclei famigliari delle donne beneficiarie). delle donne. con una debolissima capacità di risparmio, le fa-

102 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009


I NOSTRI PROGET TI | mediterraneo

TESTIMONIANZA NAYLA MOAWAD MINISTRA DEGLI AFFARI SOCIALI DAL 2005 AL 2008, MEMBRO DEL PARLAMENTO DAL 1991, VEDOVA DELL’EX PRESIDENTE RENÉ MOAWAD ASSISSINATO NEL 1989, E PRESIDENTE DELLA FONDAZIONE RENÉ MOAWAD. Ho più di una ragione per battermi per una partecipazione forte delle donne. Prima di tutto, sono una democratica. Credo che la democrazia sia l’unica salvezza per il Libano, credo nell’importanza del Libano attraverso un progetto pilota nel mondo arabo, dove i valori democratici sono condivisi e uniscono il popolo libanese; e credo fermamente che questa sia la ragione per cui il Libano deve essere considerato, sostenuto, protetto. Il Libano rappresenta una grande ispirazione per un progetto pilota, non solo nel Medio Oriente, ma oggi è una questione globale se vogliamo: come mediare tra diverse religioni e diverse comunità, come gestire il divario tra ricchi e poveri, tra nord e sud. Credo che la società civile in Libano sia piuttosto attiva e forte (…). Dall’inizio del ventesimo secolo le donne erano molto attive nella società civile, nelle Ong, nel campo dell’educazione, in tutti i settori, tranne che in politica. Ma a poco a poco, specialmente da quando iniziò la guerra, le donne sono retrocesse, non avevano più equo accesso all’educazione, alla salute, specialmente nelle aree marginalizzate. (…) la decisione su guerra o pace non è solo interna alle istituzioni libanesi, il governo non è solo nelle nostre mani, abbiamo i rifugiati palestinesi, gli Hezbollah con forti armamenti. Abbiamo bisogno di molta sensibilizzazione consapevolezza tra i libanesi e le donne hanno da giocare un ruolo chiave in questo. (…) la rivolta del 14 marzo 2005 è stata drammatica in Libano. Le donne hanno giocato un ruolo molto importante, ma devono tenerselo questo ruolo e bisogna chiedersi perché l’hanno perso. Ci sono due-tre ragioni principali. Le donne dovrebbero essere educate, dovrebbero essere economicamente indipendenti, devono conoscere i valori democratici, devono capire l’importanza del loro ruolo e dovrebbero avere libero accesso ai servizi sanitari e al mercato. La società civile è attiva, ma la società civile senza un reale sostegno non può lavorare e qui è dove le Ong internazionali dovrebbero intervenire. Esse sono un pre-requisito, sono essenziali nel sostenere le donne perché senza istituzioni internazionali, la società libanese da sola non sarebbe

Partner del progetto Partner istituzionale: Municipalità di Ain Ebel; Fondazione René Moawad (FRM) Partner esecutivo: Municipalità di Ain Ebel; Fondazione René Moawad (FRM) Partners italiani/europei: ARCI-ARCS Cultura e Sviluppo, ARCI – Nuova associazione Comitato di Parma, Direzione Didattica Statale IX Circolo di Ravenna Risultati attesi e attività previste Risultati attesi • Meccanismo di potenziamento delle attività e dei servizi del centro attivato e funzionante. • Accesso al mondo del lavoro facilitato e condizioni lavorative migliorate per le donne partecipanti al programma. • Meccanismo di coordinamento tecnico e operativo con le autorità locali e nazionali avviato. Attività • Avvio progetto. • Percorso formativo per l’abilitazione lavorativa. • Business plan e Attivazione fondo d’auto-

in grado di fare ciò che dovrebbe essere fatto. (…) So che molte istituzioni internazionali sono venute in Libano durante I tempi più duri per aiutare questo paese, ma a volte il Libano sembra un po’ più pacifico o con meno necessità, perciò l’aiuto diminuisce e diminuisce sempre di più e ciò è molto sbagliato. Perché è proprio quando è pacifico che bisogna lavorare sull’empowerment delle donne, che dobbiamo mandarle a scuola, quando non devi fare azioni di emergenza, è li che hai tempo per lavorare con loro, educarle, incontrale nei loro villaggi, nelle loro case, farle diventare perfette cittadine e non solo spose, madri, sorelle lasciate da parte senza contribuire alla vita della loro comunità. Vorrei approfittare di questa opportunità per ringraziare il governo italiano, che è stato davvero attivo e generoso in Libano, e per essere onesta, sono stata Ministro degli Affari sociali tra il 2005 e il 2008 oltre che presidente della Fondazione e posso dire che la cooperazione italiana è molto forte e seria, sia a livello governativo che a livello di Ong. L’ambasciatore italiano è una persona molto impegnata, e il responsabile dei programmi di cooperazione lo stesso. I diplomatici, i funzionari all’ambasciata sono persone favolose. CESTAS ha condotto un lavoro magnifico nel sud del Libano. Speriamo, spero molto che saremo in grado di cooperare ancora come CESTAS e RMF, ma ciò che il CESTAS ha già fatto nel sud del Libano posso dire è davvero molto positivo, perché come presidente della RMF ma anche come Ministro degli Affari Sociali per tre anni, significa sufficiente esperienza per me per poter dire che il CESTAS è stato davvero efficiente, CESTAS nel Sud ha lavorato con persone di grande serietà, perché non tutte le Ong sono serie, ma CESTAS lo è e non posso fare altro che congratularmi per il vostro bellissimo lavoro , chiedervi di continuare e sperare che la RMF possa implementare altri progetti con voi, perché è un piacere, è un privilegio e sarebbe davvero molto fruttuoso. Davvero vi devo ringraziare perché sono una patriota appassionata ed ogni cosa voi fate per il Libano, ne saremo grati. Ne so abbastanza grazie agli ultimi 20 anni come membro del parlamento e come Ministro per 3 anni, per conoscere bene che ogni dollaro è importante in Libano, perciò quando posso incontrare Ong internazionali serie, con persone che danno dal profondo del loro cuore, che danno la propria mente e la loro coscienza, sono io che devo ringraziare.

impiego. • Avvio Programma di Formazione, Accompagnamento e Assistenza. • Monitoraggio attività formative e di auto impiego. • Realizzazione seminario di sensibilizzazione ed informazione sui risultati progettuali. Aspetti qualificanti Oltre alle attività di formazione e supporto durante tutta la fase di disegno e promozione del business plan delle beneficiarie, sono stati creati percorsi paralleli di inserimento sociale e percorsi di scambi culturali nelle scuole. Favorire l’inserimento lavorativo, l’autosufficienza economica e l’integrazione sociale delle donne ha delle ricadute importanti su tutto il nucleo familiare e in particolare sui bambini ed adolescenti. In particolare, la media dei figli nella famiglie libanesi nelle aree di riferimento è di 4, ciò significa agire sul reddito delle donne/madri significa agire sul motore economico delle famiglie e quindi sulla salute/istruzione/benessere dei bambini. L’attivazione del percorso di sostegno alle strutture scolastiche locali per la realizzazione d’at-

tività extra-scolastiche per i figli ed i compagni di classe delle donne partecipanti al progetto è una misura concreta per supportare il nucleo famigliare nella gestione del tempo lavorativo con il tempo famigliare. I bambini libanesi beneficiari indiretti del progetto) sono stati inseriti all’interno di un programma di scambio culturale con le scuole Romagnole, in particolare con la scuola V. Randi di Ravenna, che permetteranno loro conoscere “mondi culturali” diversi dal loro quotidiano.

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 103


I NOSTRI PROGET TI | mediterraneo

TESTIMONIANZA JIHAN ATWI BENEFICIARIA DEL PROGETTO “Costruire la differenza: percorsi di Formazione per la promozione dell’imprenditoria femminile in Libano” “Ho deciso di seguire i corsi di formazione per avere più esperienza, vorrei iniziare a lavorare da casa ora e quando avrò tutti gli strumenti che necessito per lavorare ai souvenir, voglio aprire un negozio nel mio villaggio, Haris. Mi piacerebbe seguire anche altri corsi di formazione e vi ringrazio”.

TESTIMONIANZA SAHAR ZAKHNOUN BENEFICIARIA DEL PROGETTO “Costruire la differenza: percorsi di Formazione per la promozione dell’imprenditoria femminile in Libano” “Lavoro con mio figlio e mia figlia, ci aiutiamo a vicenda, io do una mano per fare i manoushi e tutti i prodotti da forno, inoltre pulisco il ristorante e faccio ogni cosa necessaria relativa al locale, la formazione che ho seguito è stata di buon livello, ora ho più sicurezza personale di prima, perciò vorrei partecipare ad altri corsi di formazione, qualsiasi sia il tema. Ciò che mi aspetto sul piano lavorativo, è di sviluppare il mio business e di aumentare i benefici che posso ottenere, perciò vorrei avere la macchina per fare la shawarma”.

TESTIMONIANZA SIG. SLEIMAN, MARITO DI JOSEPHINE SLEIMAN, BENEFICIARIA DEL PROGETTO “Supporto alla promozione sociale ed economica delle donne in differenti regioni rurali particolarmente colpite dalla guerra (Beqaa, Sud del Libano)” e seguita con visite di monitoraggio e sostegno alla visibilità nel progetto “Costruire la Differenza: percorsi di formazione per la promozione dell’imprenditoria femminile in Libano” “Si può dire che il lavoro va bene, dipende dalla stagione, (…..) in inverno non ci sono molte persone in questo villaggio (…), non ci sono cambiamenti particolari, ma dei progressi, ogni tanto ci sono dei piccoli progressi, ma non cambiamenti, non cambiamenti negativi almeno, ma cambiamenti positivi, (….) Per quanto riguarda l’attività, ci siamo resi conto

104 | CESTAS BILANCIO Bilancio SOCIALEsociale CESTAS 2008 2008-2009

che questo biscotto tradizionale è il migliore, si trovano ovunque prodotti dolciari, ma questo biscotto non si trova che in questo negozio (….) vi ringrazio”

TESTIMONIANZA MAIA SAKR BENEFICIARIA DEL PROGETTO “Supporto alla promozione sociale ed economica delle donne in differenti regioni rurali particolarmente colpite dalla guerra (Beqaa, Sud del Libano)” e seguita con visite di monitoraggio e sostegno alla visibilità nel progetto “Costruire la Differenza: percorsi di formazione per la promozione dell’imprenditoria femminile in Libano” “Ho aperto la pasticceria da circa due anni e lavoro su tutto ciò che è relativo alla professione, anche se qualcuno muore, preparo le pietanze..non solo per i matrimoni. Grazie al progetto c’è stato un grande positivo cambiamento, ma mia figlia è molto malata. Vorrei reinvestire tutto ciò che guadagno per sviluppare sempre di più il mio lavoro, invece tutto ciò che guadagno va per le cure di mia figlia. Almeno ora sto lavorando e trovo che questo sia molto positivo. Vorrei ampliare il mio lavoro, ad esempio, lavorare per le feste in piscina, ecc, ma penso sempre a mia figlia e non credo che riuscirò a sviluppare il mio lavoro”

TESTIMONIANZA IMAD SADER KHOURY SINDACO DELLA MUNICIPALITà DI AIN EBEL Abbiamo cercato di aiutare le donne nel miglioramento dei loro piani di microimpresa, per migliorare il loro lavoro, la loro produzione locale, abbiamo cibi tradizionali qui e produzioni artigianali con piccole imprese, perciò abbiamo cercato di fare tutto il nostro meglio per supportare le donne che sostengono le loro famiglie, coloro che rappresentano il membro familiare che ne sostiene il reddito. Riguardo la nostra relazione con CESTAS, è stata eccellente fin dall’inizio. Non abbiamo avuto problemi, ma siamo passati attraverso fasi portanti del progetto è stato un piccolo progetto, ma con molti partner, la municipalità, le beneficiarie, CESTAS, ARCS, ARCI Parma, RMF, perciò con molti compiti da portare avanti che hanno necessitato di molta preparazione, molto tempo e finanziamenti. Questo è stato il punto nodale del progetto, oltre a ciò, guardo a ciò che abbiamo raggiunto, non importa per me se abbiamo ritardato di un mese o due, ciò che importa è che abbiamo raggiunto gli obiettivi che ci eravamo prefissati. (…) Il progetto su cui abbiamo lavorato assieme con la regione Emilia Romagna, è scaturito come rafforzamento del progetto finanziato inizialmente attraverso i fondi ROSS, di modo che le donne possano diventare davvero indipendenti e forti del loro lavoro, generando reddito per le loro famiglie. Dopo due anni, ora sappiamo quali donne sono in grado di lavorare, perciò (…) ora è il momento di concentrarci su queste donne e continuare ad investire su di loro perché possano a loro volta assumere altre donne e diventare dei buoni manager capaci di assorbire altra domanda lavorativa nel proprio villaggio.


I NOSTRI PROGET TI | mediterraneo

2.8.52 Percorsi di formazione per lo sviluppo delle risorse e della

promozione della microimprenditoria femminile nel sud del Libano

Area e paese Mediterraneo - sud del Libano

Valore economico Totale progetto: 128.067 € Contributo Donor: 61.473 € Contributo CESTAS: 36.497 € Altri contributi: 30.098 €

Progetto promosso e gestito da Ufficio Regionale Mediterraneo

Ruolo di CESTAS Promotore

Periodo di attuazione Giugno 2009 – Giugno 2010

Informazioni Responsabile Ufficio Regionale: Irene Viola Responsabile progetto: Irene Viola

Settore Sviluppo socio-economico delle donne

Ente finanziatore Regione Emilia Romagna

Motivazioni dell’intervento Con i percorsi formativi proposti, in particolare con la creazione e il sostegno ad un preciso centro di servizi di appoggio sociale dedicato alle donne, che faccia da collante a tutte le esperienze positive, delle informazioni e delle opportunità produttive disponibili nell’area e nel settore di intervento, verranno colmati vuoti e svantaggi strutturali. Fra questo soprattutto la mancanza di esperienza e di contatti che costituiscono una barriera permanente all’entrata delle donne nel mercato del lavoro, con il connesso rischio di marginalizzazione sociale. Obiettivi L’obiettivo generale del progetto è contribuire allo sviluppo socio-economico delle donne residenti nell’area della caza di Bint Jbeil, mentre l’obiettivo specifico è quello di migliorare l’inserimento, la stabilità e la qualità del lavoro delle giovani donne che partecipano al progetto. Beneficiari I beneficiari sono 80 donne di età compresa tra i 18 ed i 55 anni, alfabetizzate. L’input per la realizzazione del progetto lo ha dato il Ministero degli Affari Sociali Libanese, al fine di responsabilizzare le donne e soprattutto le giovani generazioni, ma anche per creare le basi per il rafforzamento delle capacità della società civile libanese, cosi come ogni settore che concorra allo sviluppo sociale. Infatti le statistiche disponibili, come il rapporto “Leaving Condition of Households”, pubblicato nel 2006 con dati relativi al 2004, del Ministero degli Affari sociali libanese, informavano che le donne avevano un accesso molto più basso nel mondo del lavoro rispetto a quello degli uomini. Anche se sostanzialmente il tasso di educazione è elevato, ma non ancora paritario per entrambi i sessi (15-19 anni: 73,6 % per le donne, 68,7% per gli uomini, 20-24 anni: 34,7% per le donne, 33,8% per gli uomini; 25-29

anni: 5,7% per le donne, 7.9% per gli uomini); nel sud del Libano, la percentuale di donne impiegate nelle attività economiche è di 16, 6%, mentre per gli uomini è di 65,3%). Grazie a questo importante passo del Governo Libanese beneficeranno in modo indiretto anche 320 persone legate da vincoli familiari alle candidate che partecipano del progetto. Partner del progetto Partner istituzionale: Municipalità di Ain Ebel; Fondazione René Moawad (FRM) Partner esecutivo: Municipalità di Ain Ebel; Fondazione René Moawad (FRM) Partners italiani/europei: ARCI-ARCS Cultura e Sviluppo, ARCI – Nuova associazione Comitato di Parma Risultati attesi e attività previste Risultati attesi • Meccanismo di potenziamento delle attività e dei servizi del centro attivato e funzionante. • Meccanismo di formazione e di promozione del ruolo socio economico della donna attivato e funzionante. • Meccanismo di coordinamento tecnico e operativo con le autorità locali e nazionali avviato. Attività • Avvio progetto. • Programma di potenziamento delle attività del centro di Ain Ebel per la creazione di servizi dedicati alle donne microimprenditrici. • Realizzazione del percorso di formazione e promozione del ruolo economico e sociale delle donne microimprenditrici. • Scambio di una buona prassi sulla partecipazione attiva delle donne allo sviluppo locale- Valle della Beqaa/sud del Libano. • Realizzazione seminario di sensibilizzazione ed informazione sui risultati progettuali.

• Realizzazione delle attività formali di chiusura del progetto. Aspetti qualificanti L’iniziativa è rivolta in particolar modo alle giovani donne e favorisce il dialogo tra comunità, specialmente grazie al coinvolgimento di un’area limitrofa ai villaggi cristiani a prevalenza sciita oggetto della presente iniziativa e il coinvolgimento diretto attraverso lo scambio di una buona pratica di due cooperative femminili di Hermel nel nord della valle della Bekaa. Attraverso i progetti finanziati dal programma di postemergenza ROSS dell’Ambasciata Italiana a Beirut, CESTAS ed ARCS hanno sostenuto l’avvio di due cooperative femminili ad Hermel. In Particolare la cooperativa Assyndian si è distinta per i successi ottenuti lo scorso anno e per le buone pratiche messe a frutto e continuerà a lavorare con la cooperativa Gibeluna, entrambe impegnate nella produzione agro-alimentare. Si ritiene che l’organizzazione di uno scambio, con un incontro con le rappresentanze di tali cooperative possa rappresentare un’esperienza proficua e positiva a diversi livelli; sia come incontro di due realtà diverse, per provenienza, area geografica, religione e tradizioni culturali e produttive, sia per entrare nel dettaglio delle loro esperienze pratiche nel campo della produzione. Attraverso e grazie anche alla composizione mista del gruppo, formato sia da giovani donne e delle donne microimprenditrici, le giovani donne avranno l’opportunità di capitalizzare le esperienze sia positive che negative delle donne microimprenditrici dell’area. A loro volta le donne microimprenditrici vedranno riconosciuto il loro ruolo anche a livello comunitario e fungeranno da catalizzatrici per nuove esperienze. Valore economico Progetto in avvio nel 2008/2009 , i dati finanziari sono di competenza del bilancio 2009.

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 105


I NOSTRI PROGET TI | mediterraneo

2.8.53 Miglioramento dello status e delle condizioni lavorative delle operatrici sanitarie in Libano

Settore Genere - Sanità Area e paese Mediterraneo - Libano Progetto promosso e gestito da Ufficio Regionale Mediterraneo Periodo di attuazione Gennaio 2009 – Gennaio 2012

Valore economico Totale progetto: 330.562 € Contributo Donor: 297.506 € Contributo CESTAS: 33.056 € Ruolo CESTAS Socio Informazioni Responsabile Ufficio Regionale: Irene Viola Responsabile progetto: Irene Viola

Ente finanziatore Commissione Europea

Motivazioni dell’intervento Nonostante un sostanziale miglioramento dell’accesso delle donne a lavori rispettabili, più della metà di esse è ancora impiegata in lavori vulnerabili. Il Libano non fa eccezione: una legislazione sfavorevole e stereotipi culturali obbligano molte donne a dedicarsi a lavori domestici e al matrimonio. Queste barriere spiegano la bassa partecipazione delle donne al mondo del lavoro, solo il 18,8% della popolazione in età da lavoro, (ILO, 2008). Nel caso specifico del settore sanitario, il problema è meno centrato sull’accesso al lavoro, in quanto le donne rappresentano la maggioranza degli operatori sanitari, ma piuttosto sulle condizioni lavorative. Secondo la Direzione Generale del Ministero della Salute Pubblica Libanese infatti c’è bisogno di migliorare la situazione finanziaria, accrescere lo status sociale degli infermieri, e migliorare le loro condizioni di lavoro. Le difficoltà professionali incontrate dagli infermieri possono essere spiegate da due fattori principali: • Un inefficiente management interno delle strutture sanitarie che porta ad ingiustizie e conflitto. • Una disistima e non rispetto della professione infermieristica in generale in Libano, ad esempio, medici e pazienti spesso considerano gli infermieri come bidelli o inservienti. Ciò ha forti ripercussioni sul settore sanitario libanese, il quale corre il rischio di rimanere paralizzato da una mancanza di infermieri e staff paramedico in generale. Secondo R. Nasnas, (2007) la quota di infermieri sul totale della popolazione è di 1/1600, una delle più basse al mondo, ciò crea una forte discrepanza rispetto invece all’alto numero di medici e specialisti. Gli infermieri sono inoltre spesso vittime di atteggiamenti quali bullying e mobbing, oltre che violenza psicologica e abusi verbali, mentre si registra che per quanto riguarda la violenza fisica, nell’88% dei casi, essa è perpetrata dai pazienti e dai loro famigliari. Tutto ciò è dovuto, tra le cause principali, a mancanza

106 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

di stima verso la professione, abuso di potere, discriminazione e mancanza di meccanismi di supporto istituzionale per far fronte a suddette situazioni di violenza e discriminazione. Il presente progetto mira a far fronte a queste cause con azioni specifiche e affronta la questione di parità di genere sul posto di lavoro. Obiettivi Combattere la discriminazione di genere contro le donne sul posto di lavoro in ambito medico/infermieristico. Beneficiari 90 operatori/staff medico delle aree identificate; 810 persone delle comunità identificate; 90 studenti della Facoltà di medicina; Politici e altri attori istituzionali libanesi ; Circa 200.000 persone target della campagna pubblica. In totale 990 beneficiari diretti e 222.000 beneficiari indiretti Partner del progetto Partner istituzionale ed esecutivo: AMEL Association. Risultati attesi e attività previste Maggiore informazione acquisita e diffusa sul tema, sui bisogni e sui problemi: • Formazione dei Formatori su tematiche di genere. • Sviluppo di procedure attraverso un protocollo d’azione sostenibile per combattere la violenza di genere sul posto. • Sensibilizzazione della professione medica e dei pazienti sulla violenza di genere contro le donne. • Produzione di un report e material mediatico,TV spot e sul tema di genere e la violenza contro le donne sul posto. Generale miglioramento qualitativo dell’ambiente medico, clinico e ospedaliero: • 6 focus groups (2 in ogni area) condotti per valutare la situazione.

• 180 persone (60 persons in each area) compilano il questionario sulle tema delle pari opportunità. • 6 partners (2 in ogni area) identificati per costituire il network. • 100 copie del arpporto stampate e distribuite. • 3 social workers di Amel formati. • 6 social workers del network formati. • 6 volontari sono formati. • 66 workshops oragnizzati. • 9 piani di azione (1 in ogni struttura) sviluppati. • Sistema di reporting e referral identificato e implementato in ogni struttura. • 5000 copie del report pubblicate. • 2000 posters and 10000 volantini distribuiti. • TV spot prodotto e trasmesso. Attività: • Diagnosi : Mappatura, survey e analisi del contesto, organizzazione di incontri, focus groups, costituzione del network. • Formazione: Formazione di assistenti sociali per la conduzione dei corsi e dei workshop sulla promozione delle pari opportunità e gli effetti della violenza di genere e come farne fronte; lezioni frontali, follow up e training on the job-training. • Elaborazione di un protocollo: Conduzione di workshops tra lo staff medico e formulazione di raccomandazioni, sviluppo di programmi e confronto di casi studio sugli abusi nelle strutture. • Sensibilizzazione e advocacy : azione di sensibilizzazione per gli studenti e l’opinione pubblica, produzione di un report e di materiale informativo da distribuire e tramettere ai media. Aspetti qualificanti Il progetto mira a sostenere il processo di riforma e riqualificazione degli operatori socio sanitari e degli infermieri in Libano in partnership con diversi attori rilevanti del sistema sanitario nazionale del paese, agganciando all’azione un’analisi di genere e pari opportunità nell’ambito delle professioni oggetto dell’intervento.


at tività istituzionali

2.9 COMUNICAZIONE E INNOVAZIONE

CESTAS negli ultimi anni ha fortemente investito nelle nuove tecnologie sia per sviluppare la propria efficienza operativa (strumenti di comunicazione interna) che per sviluppare e accrescere i propri contatti esterni. I cambiamenti organizzativi e il notevole aumento di complessità che investono anche il mondo del lavoro sono numerosi e sotto gli occhi di tutti. I meccanismi dell’economia globale portano infatti le organizzazioni a strutturarsi come reti per le quali diventa sempre più importante l’apporto di nuove tecnologie per ottimizzare le modalità di lavoro. Le applicazioni Web 2.0 stanno avendo sempre più un impatto importante negli ambienti di lavoro e continueranno a far evolvere il modo di organizzare il lavoro. Alcune delle operazioni tradizionali possibili oggi grazie alle tecnologie ICT sono ad esempio la gestione dell’ufficio virtuale e dei vari documenti, la comunicazione interna ed esterna, l’implementazione di processi di qualità e miglioramento e il controllo dell’attività lavorativa. Un primo esempio di strumenti informatici che CESTAS ha adottato è l’utilizzo di PB Works, strumento utilizzato sia dai dipendenti CESTAS così come da docenti e studenti dei corsi. Attraverso PB Works, si è reso possibile l’aggiornamento e la condivisione di documenti ed informazioni in tempo reale, favorendo il dialogo e la collaborazione tra gli utenti, a beneficio soprattutto di quei gruppi di lavoro impossibilitati a riunirsi fisicamente. Altri strumenti informatici, invece, sono stati predisposti soprattutto allo scopo di favorire la comunicazione esterna e la promozione delle attività, attraverso l’iscrizione a siti e social network fortemente diffusi su scala globale. Un primo esempio è quello della già richiamata pagina Facebook della B.E.C.; attraverso questo strumento, la B.E.C. promuove le proprie attività e degli eventi che organizza (documentate anche grazie alle foto), oltre a fornire informazioni su tematiche di interesse per i temi che promuove Altro importante strumento è il canale CESTAS creato su “Youtube” (principale sito al mondo per la distribuzione e condivisione di video non coperti da copyright), sul quale sono stati caricati alcuni video attraverso i quali far comprendere in maniera immediata le

attività e la cultura di riferimento del CESTAS. Altro strumento utilizzato dal CESTAS è Twitter, servizio di social network e microblogging, che fornisce agli utenti una pagina continuamente aggiornabile attraverso brevi messaggi di testo, resi immediatamente visibile all’autore ed ai suoi contatti. Lo sforzo organizzativo maggiore è stato intrapreso nella realizzazione della Community CESTAS, inaugurata nelle giornate del trentennale dell’ONG, a Pinarella di Cervia, l’11 e 12 giugno 2009. Questo strumento, ha permesso di raccogliere in un libero spazio di comunicazione studenti ed ex studenti dei corsi; dipendenti; volontari di Servizio Civile; enti che collaborano con il CESTAS in ambiti che coinvolgono le funzioni della community (Europe Direct). La Community ospita i forum sulle tematiche affrontate nelle giornate di Pinarella (afferenti alle macro-aree sanitaria; sviluppo del territorio; gender e Web 2.0); informazioni sull’offerta formativa CESTAS; gruppi di discussione organizzati dagli studenti dei corsi CESTAS, sulle attività della B.E.C., sui temi di genere (che ha visto anche la realizzazione di un Centro di Documentazione), sui progetti e bandi, sulle offerte di lavoro e/o stage, sulle notizie dal mondo. Su questa piattaforma è possibile segnalare eventi; caricare file e foto utili alla promozione dei temi del CESTAS. La comunicazione è possibile grazie ai servizi di forum, blog e chat in esso contenuti. Gli studenti possono accedere facilmente anche alla piattaforma loro riservata (DOKEOS). La piattaforma è facilmente accessibile grazie al link http://retecestas.ning.com/. Altra rete sociale CESTAS, frutto di un importante investimento progettuale in America Latina, è la rete che crea ponti tra imprenditrici latino americane. Un’ esperta in comunicazione sociale e nuove tecnologie l’ha individuata tra le prime cinque reti sociali di eccellenza dedicate al tema dell’imprenditoria1. Recentemente, inoltre, è stato predisposto il nuovo sito istituzionale del CESTAS (www.cestas.org), con le informazioni relative a struttura ed attività dell’ONG. Dal 2005 CESTAS pubblica e distribuisce l’Agenda CESTAS con all’interno dati sui progetti e sull’associazione, ma anche e soprattutto approfondimenti tematici in particolare sui diritti umani e i temi della salute. Dal 2008 CESTAS realizza e pubblica l’agenda Armadilla insieme ad ASAL e a una rete di ONG con il contributo del MAE2. L’Agenda ha diffusione nazionale e

1 http://pulsosocial.com/2009/10/02/top-5-de-redes-dedicadas-al-emprendimiento-a-nivel-hispano/ 2 Ministero degli Affari Esteri, DGCS-AID 9105

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 107


at tività istituzionali

vuole divulgare i temi dello sviluppo e sostenere i concetti di pace, solidarietà e cooperazione internazionale. Attraverso la costruzione di una rete di solidarietà, di spazio di informazione e controinformazione, di forum di discussione e comunicazione. La rete Action for Global Health è un importante network europeo di ONG impegnate in attività di Advocacy e Educazione allo sviluppo -sul tema del diritto alla salute. CESTAS fa parte del progetto e collabora nella redazione dei policy paper e pubblicazioni scaricabili dal sito del progetto http://www.actionforglobalhealth.eu/links quali per esempio: • 2009 Terzo rapporto: La salute globale al tempo della crisi. Perché, in piena crisi economica, l’Europa deve fare ancora di più per conseguire gli Obiettivi di sviluppo del Millennio per la salute. • 2008 Secondo rapporto: Un aiuto in salute. Perché l’Europa deve erogare più fondi e spenderli con più efficacia per raggiungere gli Obiettivi di sviluppo del Millennio per la salute. • 2008 L’Italia e il Fondo globale per la lotta all’Aids, Tubercolosi e malaria. Studio di un caso: salute e cooperazione in Etiopia. • 2007 Allarme salute.Perché è necessaria un’azione immediata dell’Europa per raggiungere gli Obiettivi di sviluppo del Millennio per la salute. In lingua inglese: 1) Factsheets: • Factsheet 1 - Action for Global Health • Factsheet 2 - Financing • Factsheet 3 - Gender • Factsheet 4 - MDG4 • Factsheet 5 - MDG5 • Factsheet 6 - MDG6 • Factsheet 7 - R&D • Factsheet 8 - Health System Strengthening • Factsheet 9 - MDG Contracting • Aid effectiveness in the health sector - Findings from Cambodia 2) Briefing/position papers e studi di caso: • CASE STUDY: Health aid effectiveness in Nepal • CASE STUDY: Zambia - Aid effectiveness in the health sector • CASE STUDY: Ethiopia - Aid effectiveness in the health sector • Germany’s Official Development Aid to Health • Position Paper on Innovative Financing Mechanisms • Joint NGO Briefing Paper: Health Insurance

108 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

• Action for Global Health Briefing Paper 4: Aid Effectiveness (English) • Action for Global Health Briefing Paper 2: Climate Change • An Unhealthy Prognosis • AFGH position paper on the Global Fund • Briefing 1 - MDG Contracting CESTAS collabora infine con la Casa Editrice l’Orecchio di Van Gogh con una collana editoriale Maia Studi di genere, salute e sviluppo. Il primo libro pubblicato all’interno della collana Maia è Donne e mercato del lavoro. Territori a confronto, uno studio comparato del mercato del lavoro femminile in Argentina e nella regione Marche, territorio che ha legami storici e culturali col paese sudamericano attraverso un’importante comunità d’emigrati ormai inseriti nel tessuto sociale.


3 Aspetti Economici e Finanziari

Trent’anni di idee, esperienze e partenariati nel mondo, Collaborazione, Coraggio decisionale, Partecipazione, Approccio multiculturale, Dialettica, Sviluppo sostenibile, Competenza, Fiducia, Promozione della salute, Efficienza,Qualità,Sinergie,Dialettica,Pariopportunità, Partecipazione,Impegnosolidalesolidarietà,Opportunità,Motivazione, Flessibilità,Apertura, Credibilità, Professionalità, Appartenenza, Trasparenza


Aspet ti economici e finanziari

3. ASPETTI ECONOMICI E FINANZIARI

3.1 INVESTIMENTI 2008 Nella lettura dei classici documenti finanziari riportati nelle sezioni seguenti, ci preme sottolineare alcuni aspetti rivelanti, che non si evincono facilmente dai dati contabili, quali la ripartizione delle somme investite da CESTAS nell’esercizio 2008 (sia come impegno dei donors che proprio), le altre fonti di ricavo e infine alcuni indicatori finanziari che attestano lo stato economico di CESTAS. Investimenti 2008 Investito dai Donors Investito da CESTAS su progetti Investito da CESTAS per la struttura Totale

€ 2.497.241 € 354.245 € 201.048 € 3.052.535

È importante confrontare il contributo di CESTAS rispetto a quanto investito dai donors

3.2 LE ALTRE FONTI DI RICAVO CESTAS In linea con la politica di diversificazione dei ricavi, CESTAS ha iniziato ad associare oltre alla raccolta fondi e alle donazioni, già esposta nei capitoli precedenti, l’attività di formazione anche “a mercato” in linea con le attività della associazione. L’entità per queste attività rappresenta un 13% delle entrate. Questo dato dimostra l’aumentata capacità di creare una fonte di ricavi che si distacca dalle tradizionali fonti di finanziamento. Altre fonti di ricavo Raccolta fondi Donazioni Attività profit Altre entrate Totale

€ 33.021 € 305.490 € 55.000 € 40.154 €433.665

Alcuni indicatori finanziari importanti Innanzitutto la gestione dell’esercizio 2008 si è conclusa con un utile di € 68.292. Vi sono poi particolari aspetti positivi dal riscontro con lo storico 2006-2007-2008, e sono di seguito riportati

Spesa donor vs CESTAS L’andamento dei ricavi diretti che CESTAS ha avuto è cresciuto

Speso CESTAS (progetti + struttura) 18%

2006 1.180.312

2007 2.278.312

2008 3.080.855

lo stato patrimoniale è cresciuto.

82%

2006 1.182.096

2007 1.490.677

2008 2.419.000

E di pari passo il margine industriale1 è cresciuto. Speso dai donors

Altro aspetto da sottolineare è il basso impatto che hanno i costi di struttura nel complessivo investito da CESTAS.

2006 460.490

Speso CESTAS struttura 7%

93%

Speso progetti (Donor + CESTAS)

2007 -38.581

2008 29.711

L’Acid test 2, che determina la capacità di un’impresa di coprire i debiti, nel 2008, ha superato il valore ottimale di 1. 2006 0,67

2007 0,97

1 Rappresenta il contributo della produzione alla formazione del reddito. 2 L'indicatore si ricava dal rapporto tra il totale di cassa, i crediti a breve, i titoli liquidabili immediatamente e il totale delle passività correnti.

110 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009

2008 651.517

Il Patrimonio netto: è stato ricostruito totalmente arrivando al pareggio, ovvero dal 2008 si un patrimonio positivo. 2006 -192.825

Spesa progetti vs Struttura

2007 464.660

2008 1,01


Aspet ti economici e finanziari

3.3 STATO PATRIMONIALE 2008

ATTIVO: 31-12-2008 31-12-2007 A)

B)

CREDITI V/SOCI PER VERSAMENTI ANCORA DOVUTI I) Versamenti non ancora richiamati II) Versamenti già’ richiamati

0 0

0 0

Totale crediti v/soci per versamenti ancora dovuti (A)

0

0

Totale

1.987 1.987

5.299 5.299

Totale

34.135 34.135

46.689 46.689

Totale

0 0 0 0

0 0 0

36.122

51.988

0 0 0 0 0 0

0 0 0 0 0 0

35.000 0

18.709 0

Totale

574.969 20.037 630.006

605.874 1.513 626.096

Totale

120.000 120.000

0 0

Totale

1.095.477 0 39.246 1.134.723

799.523 0 13.070 812.593

1.884.729

1.438.688

RATEI E RISCONTI I) Ratei e risconti II) Disaggio su prestiti Totale ratei e risconti (D)

498.150 0 498.150

0 0 0

Totale attivo (A+B+C+D)

2.419.000

1.490.677

IMMOBILIZZAZIONI: I Immobilizzazioni immateriali: 7) Altre

II Immobilizzazioni materiali: 4) Altri beni

III 1) 2) 3) 4)

Immobilizzazioni finanziarie: Partecipazioni in: Crediti: Altri titoli: Azioni proprie

Totale immobilizzazioni (B) C)

ATTIVO CIRCOLANTE: I Rimanenze: 1) Materie prime, sussidiarie e di consumo 2) Prodotti in corso di lavorazione e semilavorati 3) Lavori in corso su ordinazione 4) Prodotti finiti e merci 5) Acconti Totale II Crediti: 1) Verso clienti: esigibili entro l’esercizio successivo esigibili oltre l’esercizio successivo 5) Verso altri: esigibili entro l’esercizio successivo esigibili oltre l’esercizio successivo

III Attività finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni: 6) Altri titoli

IV 1) 2) 3)

Disponibilità liquide Depositi bancari e postali Assegni Denaro e valori in cassa

Totale attivo circolante (C) D)

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 111


Aspet ti economici e finanziari

3.3 STATO PATRIMONIALE 2008

PASSIVO: 31-12-2008 31-12-2007 A)

B)

PATRIMONIO NETTO: VIII Utili (perdite) portati a nuovo IX Utile (perdita) dell’esercizio

-38.581 68.292

-192.825 154.244

Totale patrimonio netto (A)

29.710

-38.581

FONDI PER RISCHI ED ONERI: 3) Altri

103.000

0

103.000

0

73.214

51.101

58.451 0

19.808 0

265.742 0

250.108 0

40.532 0

39.276 0

21.475 0

13.474 0

62.465 0

30.571 0

448.665

353.237

1.764.411 0

1.124.920 0

Totale ratei e risconti (E)

1.764.411

1.124.920

Totale passivo (A+B+C+D+E)

2.419.000

1.490.677

Totale fondi per rischi ed oneri (B) C)

D)

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO SUBORDINATO: Fondo trattamento di fine rapporto DEBITI: 3) Debiti verso banche: esigibili entro l’esercizio successivo esigibili oltre l’esercizio successivo 6) Debiti verso fornitori: esigibili entro l’esercizio successivo esigibili oltre l’esercizio successivo 11) Debiti tributari: Esigibili entro l’esercizio successivo Esigibili oltre l’esercizio successivo 12) Debiti verso istituti di prev. e di sic. sociale: Esigibili entro l’esercizio successivo Esigibili oltre l’esercizio successivo 13) Altri debiti: Esigibili entro l’esercizio successivo Esigibili oltre l’esercizio successivo Totale debiti (D)

E)

RATEI E RISCONTI Ratei e risconti Aggi su prestiti

112 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009


Aspet ti economici e finanziari

3.4 RENDICONTO GESTIONALE 2008

ONERI 1) Oneri da attività tipiche 1.1) Acquisti 1.2) Servizi 1.3) Godimento beni di terzi 1.4) Personale 1.5) Ammortamenti 1.6) Oneri diversi di gestione

146.230 2.196.833 86.275 429.299 15.866 7.847

PROVENTI E RICAVI 1) Proventi e ricavi da attività tipiche 1.1) Da contributi su progetti 1.2) Da contratti con enti pubblici 1.3) Da soci ed associati 1.4) Da non soci 1.5) Donazioni

2) Oneri promozionali e di raccolta fondi 2.1) Raccolta 1 2.2) Raccolta 2 2.3) Raccolta 3 2.4) Attività ordinaria di promozione

2) Proventi da raccolta fondi 2.1) Raccolta 1 2.2) Raccolta 2 2.3) Raccolta 3 2.4) Altri

3) Oneri da attività accessorie 3.1) Acquisti 3.2) Servizi 3.3) Godimento beni di terzi 3.4) Personale 3.5) Ammortamenti 3.6) Oneri diversi di gestione

3) Proventi e ricavi da attività accessorie 3.1) Da gestioni commerciali accessorie 3.2) Da contratti con enti pubblici 3.3) Da soci ed associati 3.4) Da non soci 3.5) Altri proventi e ricavi

4) Oneri finanziari e patrimoniali 4.1) Su rapporti bancari 4.2) Su prestiti 4.3) Da patrimonio edilizio 4.4) Da altri beni patrimoniali 5) Oneri straordinari 5.1) Da attività finanziaria 5.2) Da attività immobiliari 5.3) Da altre attività 6) Oneri di supporto generale 6.1) Acquisti 6.2) Servizi 6.3) Godimento beni di terzi 6.4) Personale 6.5) Ammortamenti 6.6) Altri oneri

18.527

134.614

4) Proventi finanziari e patrimoniali 4.1) Da rapporti bancari 4.2) Da altri investimenti finanziari 4.3) Da patrimonio edilizio 4.4) Da altri beni patrimoniali 5) Proventi straordinari 5.1) Da attività finanziaria 5.2) Da attività immobiliari 5.3) Da altre attività

19.889 305.490

13.132

55.000

25.113

15.041

17.226 3.052.716

Risultato gestionale positivo

2.687.344

68.292

3.121.009 Risultato gestionale negativo

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 113


Aspet ti economici e finanziari

3.5 CONTO ECONOMICO

31-12-2008 31-12-2007 A) VALORE DELLA PRODUZIONE: 1) Ricavi delle vendite e delle prestazioni 2) Variazioni delle rimanenze di prodotti in corso di lavorazione, semilavorati e finiti 3) Variazioni delle rimanenze dei lavori in corso su ordinazione 4) Incrementi di immobilizzazioni per lavori interni 5) Altri ricavi e proventi: 5.1) Altri ricavi e proventi 5.2) Contributi in conto esercizio Totale valore della produzione (A) B) COSTI DELLA PRODUZIONE 6) Per materie prime, sussidiarie, di consumo e merci 7) Per servizi 8) Per godimento di beni di terzi 9) Per il personale: a) Salari e stipendi b) Oneri sociali c) Trattamento di fine rapporto d) Trattamento di quiescenza e simili e) Altri costi 10) Ammortamenti e svalutazioni: a) Ammortamento delle immob. Immateriali b) Ammortamento delle immob. Materiali c) Altre svalutazioni delle immobilizzazioni d) Svalutazioni dei crediti compresi nell’attivo circolante e delle disponibilità liquide 11) Variazioni delle rimanenze di materie prime, sussidiarie, di consumo e merci 12) Accantonamenti per rischi 13) Altri accantonamenti 14) Oneri diversi di gestione Totale costi della produzione (B) Differenza tra valore e costi della prod. (A-B)

3.025.855 0 0 0

2.196.182 0 0 0

55.000 0

82.130 0

3.080.855

2.278.312

146.230 2.196.833 86.275

166.990 1.566.651 80.011

294.970 111.402 22.112 0 814

219.682 2.950 5.621 0 905

3.312 12.554 0 0 0 0 0 7.847

3.312 7.751 0 0 0 0 0 4.278

2.882.350

2.058.151

198.506

220.161

C) PROVENTI E ONERI FINANZIARI 15) Proventi da partecipazioni: 16) Altri proventi finanziari: d) Proventi diversi dai precedenti: d.4) Da altri 17) Interessi ed altri oneri finanziari: 17.4) Verso altri

25.113

9.243

18.527

22.129

Totale proventi ed oneri finanziari (15+16-17)

6.586

-12.886

D) RETTIFICHE DI VALORE DI ATTIVITA’ FINANZIARIE 18) Rivaluazioni: a) Di partecipazioni b) Di immobilizzazioni finanziarie che non costituiscono partecipazioni c) Di titoli iscritti all’ attivo circolante che non costituiscono partecipazioni 19) Svalutazioni: a) Di partecipazioni b) Di immobilizzazioni finanziarie che non costituiscono partecipazioni c) Di titoli iscritti all’ attivo circolante che non costituiscono partecipazioni

0 0 0

0 0 0

0 0 0

0 0 0

Totale delle rettifiche (18-19)

0

0

114 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009


Aspet ti economici e finanziari

31-12-2008 31-12-2007 E) PROVENTI ED ONERI STRAORDINARI 20) Proventi: 20.1) Plusvalenze da alienazioni 20.2) Altri proventi 21) Oneri: 21.1) Minusvalenze da alienazioni 21.2) Imposte relative ad esercizi precedenti 21.3) Altri oneri

0 15.041

0 49.122

0 0 134.614

0 0 88.279

-119.573

-39.157

Risultato prima delle imposte (A-B+/-C+/-D+/-E)

85.518

168.118

22) 23)

17.226 68.292

13.874 154.244

Totale delle partite straordinarie (20-21)

Imposte sul reddito dell’esercizio Utile (perdita) d’ esercizio

CONTI D’ORDINE (esposti come da ultimo comma nuovo articolo 2424 C.C.) 31-12-2008 31-12-2007 IMPEGNI DI TERZI Beni e servizi da ricevere e anticipi su tfr Totale

7.138.394 7.138.394

4.936.889 4.936.889

IMPEGNI VERSO TERZI Beni da consegnare Totale

3.151.291 3.151.291

2.435.328 2.435.328

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 115


4 Il Futuro: Qualità e Innovazione nella Società della Conoscenza

Collaborazione, Coraggio decisionale, Partecipazione, Approccio multiculturale, Dialettica, Fiducia, Promozione della salute, Efficienza, Qualità Organizzativa, Sinergie, Dialettica, Partecipazione, Impegno, Solidarietà,Opportunità,Motivazione,Flessibilità,Apertura,Credibilità, Professionalità,Appartenenza,Trasparenza, Accountability, Idee, Azione tecnica, sociale e politica, Trasparenza, Accuratezza, Attendibilità, Verificabilità, Socialmente Responsabile, Salute, Formazione, Legittimazione, Efficienza, Utilità, Partner glocalizzati, Realismo cosmopolita della società civile globale, scettico e autocritico, Innovazione, Qualità, Piano Strategico CESTAS 2010-2012, Coerenza Politica, Capacità Specializzata, Collaborazione Pianificata, Equità nella Società della Conoscenza, Efficacia Metodologica, Innovazione, Accreditamento Esterno, Investimento nel Capitale Umano, Costruzione delle capacità sociali, Promozione della Salute per Tutti, Promozione Economica degli esclusi, Promozione delle pari opportunità.


Il futuro: Qualità e Innovazione nella Società della Conoscenza

4. IL FUTURO: QUALITÀ E INNOVAZIONE NELLA SOCIETÀ DELLA CONOSCENZA

Durante il prossimo triennio 2010-2012 vogliamo che i tre ruoli che svolgiamo all’interno della nostra realtà di appartenenza (tecnico, sociale e politico) aumentino la loro interdipendenza e interconnessione. L’aumento della nostra presenza politica e il consolidarsi della nostra struttura gestionale ci obbligano a puntare sulla Coerenza politica, sulla Capacità specializzata e sulla Collaborazione pianificata. Per otte-

Società de conosc lla enza

QUA LITÀ

INNO VAZI ONE

nere le tre C dobbiamo consolidare la nostra già matura struttura utilizzando strumenti di pianificazione, gestione e controllo, aperti all’innovazione e alla qualità. L’impatto dei nostri interventi sul mutamento sociale dipenderà dalla capacità di promuovere una collaborazione specializzata e dalla qualità delle metodologie d’azione implementate all’interno dei processi di costruzione della “società della conoscenza”.

Le tre C sono un pezzo del nostro futuro!

Piano s trategi CESTA co S 2010-2 012

COLL ABOR PIAN AZIONE IFICA TA CAPA SPEC CITÀ IALIZ ZATA COER ENZ POLIT A ICA

118 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009


Il futuro: Qualità e Innovazione nella Società della Conoscenza

Equità nella Società della Conoscenza

Qualità Organizzativa

Efficacia Metodologica

Innovazione Permanente

Investimento nel capitale umano Costruzione delle capacità sociali

Promozione economica degli esclusi

Accreditamento esterno

Promozione della salute per tutti

Promozione delle Pari Opportunità

BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009 | 119


Il futuro: Qualità e Innovazione nella Società della Conoscenza

Qual è il ruolo di CESTAS, come organizzazione della società civile, nella costruzione dei“nuovi mondi impossibili”1? La caratteristica che segnerà i processi sociali dei prossimi due lustri, non sarà la velocità con la quale saremo capaci di produrre informazione e conoscenza, sarà invece la “forma” attraverso la quale riusciremo ad allargare l’accesso e la fruizione sociale della conoscenza,

“appropriazione sociale della conoscenza”. Appropriazione che passa per: • la capacità creativa degli attori sociali di generare nuova conoscenza; • il talento innovativo di usare quello che esiste o il nuovo; • la capacità di determinare la rilevanza della conoscenza necessaria per sopperire ai bisogni specifici di ogni società; • la capacità d’apprendimento, distribuzione e costruzione del capitale sociale; • il forte impegno nella difesa dei diritti umani e delle libertà d’opinione; • l’accesso equitativo all’educazione e universale alla salute; • l’accesso universale all’informazione e conoscenza ed in modo particolare attraverso la fruizione libera della produzione intellettuale; • promuovere la diversità culturale e linguistica opponendosi all’appiattimento derivante dall’uso di poche lingue a livello internazionale; • promuovere le opportunità digitali e d’inclusione sociale attraverso le ITC per la costruzione delle capacità, l’appropriazione, la governabilità e la partecipazione sociale, (rafforzare le reti, condividere informazione, creare conoscenza e capacità); • rafforzare le opportunità di ricerca scientifica e di apprendimento attraverso l’accesso ai diversi contenuti e sistemi appropriati per la socializzazione dell’informazione, anche usando le ITC per il loro intrinseco vantaggio economico. David e Foray2, sostengono giustamente che la società della conoscenza non è una realtà e quello che troviamo oggi è solo un’economia basata sulla conoscenza. Passare dall’economia alla società della conoscenza dipende dalla proliferazione delle denominate

“comunità intensive di conoscenza”. Queste comunità, e CESTAS vuole essere una di queste, sono spazi pubblici o semipubblici dove i costi

delle codificazioni e divulgazione si sono ridotti drasticamente alla luce dell’esistenza di concetti comuni e di convenzioni terminologiche. La possibilità di costruire congiuntamente la conoscenza e di usufruire liberamente delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione per codificare, trasmettere e migliorare la diffusione di nuove idee, pratiche e metodi ci consente, come CESTAS, la costruzione di RETI di individui3. Reti che sono lo spazio d’innovazione all’interno delle metodologie gestionali dei programmi di cooperazione allo sviluppo. Il ruolo che CESTAS vuole svolgere oggi e nel prossimo triennio è di attore di qualità che promuove la costruzione del capitale sociale basato sulla conoscenza attraverso l’applicazione, dove la soluzione necessariamente deve essere organizzata intorno al territorio di riferimento e il lavoro è collettivo, interdisciplinare e guidato dalla responsabilità sincronica e la solidarietà diacronica. Equità ed Efficienza nella promozione ed esecuzione dei programmi di cooperazione allo sviluppo sono i nostri vincoli programmatici che vogliamo continuare a seguire. Nel condividere con voi il nostro lavoro, all’interno delle pagine del Bilancio Sociale 2008-2009 abbiamo cercato di presentarvi le chiavi di lettura della nostra cultura organizzativa; in quest’ultimo capitolo, come Presidente dell’associazione, ho il dovere di lanciare le “encrucijadas que queremos”4. Almeno quattro: 1 Mantenere la strada della trasformazione organizzativa aumentando gli standard di qualità, efficienza ed efficacia attraverso l’innovazione e la valutazione di risultato e di processo. Dopo la certificazione all’interno della cooperazione internazionale, della formazione, della gestione amministrativa e finanziaria, delle donazioni, il prossimo futuro ci vede impegnati nella promozione della ISO 26000 all’interno delle Ong di cooperazione internazionale. 2 Sviluppare all’estero la nostra perizia nell’alta formazione delle risorse umane. La produzione interattiva di conoscenza con i discenti, i partner e gli attori scientifici e accademici è l’arena dove giocare la sfida. 3 Usare gli spazi di conoscenza localizzata territorialmente e quelli di pressione politica globale, per promuovere il diritto alla salute per tutti. 4 Attivare processi di apprendimento tra diversi attori interessati (profit, pubblici e no-profit), nella generazione responsabile d’intercambi sociali ed economici. Formazione di reti di economia civile, generazione di rapporti fiduciari con i nostri interlocutori, trasferimento di conoscenze appropriate ed efficaci, restano i palcoscenici della nostra storia istituzionale.

1 P.I.L. - F.I.L. - R.I.L. / Prodotto Felicità o Reciprocità Interna Lorda? Nuovi mondi impossibili da costruire - Uber Alberti in http://retecestas.ning.com/forum/topics/pil-fil-ril-prodotto 2 Economia della Conoscenza, Dinamica strutturale e Ruolo delle Istituzioni, Franco Angeli, 2004 3 vedi le reti CESTAS: www.cestas.cl http://retecestas.ning.com http://redperinatalamba.cisap.com.ar http://www.clubesdeempleo.org http://redmaternoperinatal.org http://www.actionforglobalhealth.eu http://oko-international.org 4 le sfide che vogliamo

120 | BILANCIO SOCIALE CESTAS 2008-2009


CONTATTI

CESTAS ARGENTINA Defensa 1440 Dpto. 6 D San Telmo 1143 C.A. de Buenos Aires Tel. +54 11 4361-5780 E-mail: cestasargentina@cestas.org Tel. Movil +54 91160424334

CESTAS LIBANO Sleilaty Bldg, 1st floor, rue Chaiban, Furn el Chebback, Beirut, Lebanon. Tel Fisso: 00961 1424550 Tel Cell: 00961- 70362833 E-mail: cestaslibano@cestas.org

CESTAS BOLIVIA Calle Capitán Ravelo 2077 entre Montevideo y Goitia, La Paz Tel. +591 2 2110944 E-mail: cestasbolivia@cestas.org Tel. Movil + 591 79680328

CESTAS MALAWI - PRESSO SSLPP RHU Dpt. Office - Bwaila District Hospital, Lilongwe . Tel. +265 1726703 Cell. +265 8385388 E-mail: cestasmalawi@cestas.org

CESTAS CILE Av. Libertador Bernardo O`Higgins 2289 Dpto. 411, Santiago de Chile Tel. +56 2 6711520 E-mail: alejandro.vargas@cestas.org E-mail: americalatina@cestas.org CESTAS ECUADOR Calle Ambrosio Zabala y Don Bosco (la casa de Leopoldo Jaramillo) MACAS, Ecuador Tel. +593 93 55 97 09 E-mail: cestasecuador@cestas.org CESTAS ITALIA Sede Centrale Via Ranzani 13/5/F, 40127 Bologna Tel. +39 051 25 50 53 Fax +39 051 42 11 317 E-mail: cestas@cestas.org Sede Formazione Emilia-Romagna Via Ranzani 13/5/A, 40127 Bologna Tel. +39 051 25 30 01 E-mail: segreteriadidattica@cestas.org E-mail: altaformazione@cestas.org Biblioteca Ecosostenibile Cestas Via Ranzani 19/d, 40127 Bologna Tel. +39 051 25 50 53 E-mail: biblioteca@cestas.org Community Cestas 3.0 E-mail: communitycestas@cestas.org Sede Marche Via Jugoslavia 15, 60035 Jesi (AN) Ufficio cooperazione/educazione allo sviluppo Tel. +39 0731 221881 Ufficio formazione Tel./Fax +39 0731 64 299 E-mail: cestasmarche@cestas.org Sede Abruzzo c/o Sede Civica via Rubicone, 15 65128 Pescara E-mail: cestasabruzzo@cestas.org

CESTAS MOZAMBICO Rua de Castro 898 Casa 24 Maputo Tel.+258 21 493325 E-mail: cestasmozambico@cestas.org CESTAS NAMIBIA E-mail: cestas@africaonline.com.na CESTAS NICARAGUA Chinchunte 2 c. sur, 10 vrs. Este Casa 605 Leon Tel\Fax: +505 2 3154681 E-mail: cestasnicaragua@cestas.org CESTAS PERÙ Calle Bolívar 241 – Dpto. 803, Miraflores Lima 18, Perú Tel. +51 1 654 3992 E-mail: cestasperu@cestas.org CESTAS SIERRA LEONE E-mail: cestassierraleone@cestas.org CESTAS SUDAFRICA CESTAS South Africa c/o Italian Cooperation 9, Lancaster Street 5247 Vincent, East London, South Africa tel 0027437210260 fax 0027437210285



BIlancio Sociale Cestas 2008-2009