Issuu on Google+

BILANCIO DI MANDATO 2012/2013

FRANCESCA BALZANI Relatore generale al Bilancio europeo 2012


Indice Pag. 1

Pag. 2

Pag. 4

Il mio quarto anno al Parlamento europeo Verso Europa 2020 L’attività al Parlamento europeo nel quarto anno di mandato L’Europa da Bruxelles a Milano • Milano/Bruxelles • Il nuovo settennato

Pag. 10

Il negoziato per lo sblocco del Fondo di solidarietà per il terremoto in Emilia-romagna

Pag. 12

FOCUS Le prospettive finanziarie: il timone delle spese europee su un arco di 7 anni La programmazione 2014-2020 per far ripartire l’Europa su nuove basi Europa 2020: il futuro sostenibile, intelligente, inclusivo

Pag. 8

DOSSIEr

Pag. 14

Comunicazione e relazioni con gli elettori e i cittadini Informazione sull’attività e apertura al dialogo • Bilancio di mandato annuale • Sul web • Newsletter mensile • Principali eventi propri e di terzi • Relazioni con i media • Visite dei gruppi al Parlamento europeo • Contatto diretto con cittadini e organizzazioni pubbliche e private FOCUS Europoli: un’iniziativa sul bilancio dedicata ai giovani

Il lavoro parlamentare Variazioni al bilancio e negoziati

Pag. 16 Pag. 18

Il rapporto con chi si occupa di Europa Selezione di eventi nei quali Francesca Balzani è intervenuta da agosto 2012 a luglio 2013


Verso Europa 2020 Il mio quarto anno al Parlamento europeo è stato ancora una volta un anno quasi interamente trascorso sul bilancio. In qualità di relatrice generale per il bilancio del 2012 ho avuto la responsabilità di seguire per conto del Parlamento anche la fase più delicata di ogni budget: quella della sua attuazione concreta. L’Unione europea sta attraversando una crisi che è anche e soprattutto la crisi dei suoi Stati membri che vogliono imporre alle politiche dell’Europa ingiusti tagli. L'attuazione del bilancio, pertanto, è stata soprattutto una costante difesa dei programmi e dei progetti dal rischio di pesantissime e ingiustificate riduzioni. Basti pensare che a novembre abbiamo assistito al blocco di Erasmus per carenza di fondi. Questa tensione nell’attuazione delle azioni europee è dovuta al fatto che l’Unione non dispone di entrate proprie e, pertanto, ogni risorsa da investire deve essere decisa e messa sul bilancio direttamente dagli Stati. In tempi di crisi questo meccanismo, evidentemente, rischia di indebolire proprio quelle azioni che potrebbero essere determinanti per la ripresa. Nell’ambito dell'attuazione del bilancio ho seguito anche il negoziato per il Fondo di solidarietà per il terremoto dell’Emilia che si è concluso con il più alto stanziamento mai erogato nella storia del fondo. Risorse importanti, fondamentali per ricostruire strade, ponti, linee ferroviarie. Risorse che danno il senso più netto di un’Europa reale e solidale.

IL MIO QUARTO ANNO AL PARLAMENTO EUROPEO

IL MIO QUARTO ANNO AL PARLAMENTO EUROPEO

Francesca Balzani

1


L’ATTIVITÀ AL PARLAMENTO EUROPEO NEL QUARTO ANNO DI MANDATO L’Europa da Bruxelles a Milano Eletta a giugno 2009 Francesca Balzani ha concluso a luglio 2013 il suo quarto anno di mandato al Parlamento europeo.

Oltre che del bilancio annuale si è occupata del bilancio settennale dell’Unione partecipando ai lavori della Commissione Prospettive Finanziarie (SURE), una commissione straordinaria che ha operato per un anno e ha definito le linee di indirizzo dei finanziamenti europei 2014-2020.

Quale deputato del Partito Democratico fa parte del Gruppo dell’Alleanza Progressista dei Socialisti e Democratici al Parlamento europeo.

è membro effettivo della Commissioni Bilanci (BUDG) e Controllo del Bilancio (CONT).

Il tema centrale del suo lavoro al Parlamento europeo è il bilancio. Nel corso del suo mandato è stata Relatore Ombra al Bilancio 2010 e al Bilancio 2011 per il suo gruppo politico e hai poi assunto il ruolo di Relatore generale al Bilancio europeo 2012, incarico che prevede la definizione per conto del Parlamento della strategia per il bilancio, in continua relazione con la Commissione e il Consiglio.

2

Fino a maggio 2013 ha fatto parte anche della Commissione Commercio Internazionale (INTA). Da giugno è membro della Commissione Trasporti e Turismo (TRAN). è stata Relatrice per il Fondo di solidarietà per l’alluvione del 2011 in Liguria e Toscana e a settembre 2012 ha assunto l’incarico di Relatrice per il Fondo di solidarietà per il terremoto in Emilia-Romagna. Il negoziato si è concluso con lo stanziamento più alto mai erogato dall'istituzione del Fondo. Da marzo 2013 Francesca Balzani affianca al ruolo di europarlamentare quello di assessore al bilancio al Comune di Milano.


l’incarico di assessore per allineare il bilancio comunale alla prospettiva europea Ho accettato l’incarico a Milano per cogliere una sfida importante, quella di portare l’impostazione e gli indirizzi del bilancio europeo nell’amministrazione di una grande città. Il nostro futuro è nella prospettiva europea, che non significa solo una politica di rigore ma è soprattutto trasparenza nell’agire, condivisione ampia delle scelte e innovazione nel metodo e nella sostanza. A Milano come a Bruxelles il tema centrale è quello di coniugare la responsabilità nell’uso delle risorse pubbliche con lo sforzo per investire creando occupazione e sviluppo.

Il nuovo settennato: un’occasione per costruire insieme una nuova Europa Sta per aprirsi una nuova fase per l’Europa. Un nuovo ciclo di sette anni in cui nuove risorse saranno disponibili per investimenti destinati a obiettivi precisi, alla creazione di un’Europa sostenibile, inclusiva e capace di operare in modo “intelligente”, attraverso scelte efficaci ed efficienti in tutti i settori, dall’industria all’ambiente, dal sociale alla ricerca. Dobbiamo rigenerarci per dare vita a nuovi modelli in tutti i campi con l’obiettivo di tornare ad essere competitivi. In questo l’Europa ci viene incontro con una visione chiara e innovativa e finanziamenti destinati a realizzarla. Non resta che allinearsi a tutti i livelli, dalle decisioni che riguardano i territori, fino alle scelte nazionali, per entrare nel futuro.

L’ATTIVITÀ AL PARLAMENTO EUROPEO NEL QUARTO ANN0 DI MANDATO

Milano/Bruxelles:

3


FOCUS Le prospettive finanziarie: il timone delle spese europee su un arco di 7 anni

La programmazione 2014-2020 per far ripartire l’Europa su nuove basi

Europa 2020: il futuro sostenibile, intelligente, inclusivo


Le prospettive finanziarie: il timone delle spese europee su un arco di 7 anni Le prospettive finanziarie sono un accordo interistituzionale tra il Parlamento europeo, il Consiglio e la Commissione nell’ambito del quale si stabiliscono in anticipo le grandi categorie di spesa e il loro ammontare per un periodo pluriennale, definito in sette anni. In pratica si definisce il quadro della spesa comunitaria (il quadro finanziario pluriennale o MFF Multiannual financial framework) il cui scopo è rafforzare la disciplina di bilancio, contenere l'aumento totale delle spese e contribuire all'armonioso svolgimento della procedura di bilancio indicando il massimale e la composizione della spesa previsionale europea. Il primo quadro finanziario pluriennale è rimasto noto come “pacchetto Delors I” e ha orientato le risorse necessarie per attuare gli investimenti nel periodo 1988-1992. Dopo di allora ci sono stati il “pacchetto Delors II” e i settennati 2000-2006 (Agenda 2000) e 2007-2013. Dal 2014 prenderà avvio il nuovo settennato che si svilupperà nel segno della strategia Europa 2020. Il percorso di approvazione del prossimo bilancio settennale è stato molto complesso.

5

Attraverso il Consiglio gli Stati europei hanno chiesto di investire meno risorse nel bilancio per fronteggiare la crisi nei rispettivi territori.

Oggi, infatti, circa il 75% del budget europeo viene dagli Stati membri ed è calcolato in base al Prodotto Interno Lordo (PIL). Il Parlamento europeo si è opposto fortemente chiedendo, al contrario, di aumentare le risorse e di avere un bilancio a lungo termine adeguato e flessibile per rafforzare l’economia e il mercato del lavoro europeo. Il compromesso è stato raggiunto a giugno 2013 dopo un lungo negoziato interistituzionale. L’accordo prevede flessibilità nel trasferimento dei fondi non utilizzati da un anno all'altro e per gli stanziamenti d'impegno sia tra un anno e l'altro, sia fra le diverse categorie di spesa. Ciò renderà più semplice finanziare le politiche di ricerca e per l'occupazione giovanile, l'Erasmus e tutti i programmi di supporto per le piccole e medie imprese, garantendo che ogni euro del bilancio sia speso dove è più necessario. Il Parlamento ha ottenuto anche una "clausola di revisione" a partire dal 2016 con l'obiettivo di dare al prossimo Parlamento – che sarà eletto a maggio 2014 - e alla prossima Commissione la possibilità di dire la loro su un bilancio che altrimenti non sarebbe modificabile fino al termine del loro mandato.


La programmazione 2014-2020 per far ripartire l’Europa su nuove basi Seguendo il filo conduttore indicato dalla strategia Europa 2020 la prossima tranche di finanziamenti europei dovrà sostenere la crescita intelligente, sostenibile e inclusiva. Tra i capisaldi della nuova programmazione: • un deciso aumento dei finanziamenti per la ricerca e l’innovazione, l’istruzione e lo sviluppo delle PMI; • la valorizzazione del potenziale del mercato unico e quindi il finanziamento delle infrastrutture necessarie per farlo funzionare (trasporti, IT etc.); • la distribuzione più efficiente delle risorse destinate alla Politica Agricola Comune, in modo da garantire prodotti di alta qualità, e al contempo gestire le problematiche ambientali e lottare contro i cambiamenti climatici.

6

Tutto ciò attraverso programmi e strumenti finanziari che avranno caratteristiche specifiche: • attenzione ai risultati che devono mirare ad attuare in modo chiaro la strategia Europa 2020 e i suoi obiettivi. Poche priorità e un forte impegno per evitare la frammentazione e aumentare invece il coordinamento tra i progetti; • semplificazione delle norme generali di finanziamento e delle norme specifiche dei singoli programmi, in modo da ridurre gli oneri amministrativi a carico di chi realizza i progetti; • condizionalità dei finanziamenti, soprattutto nella politica di coesione e in quella agricola: gli Stati e i beneficiari delle risorse dovranno dimostrare che i finanziamenti ricevuti servono al raggiungimento degli obiettivi dell’Unione; • effetto leva degli investimenti sul territorio lavorando con il settore privato su strumenti finanziari innovativi e stimolando un maggior numero di investimenti strategici.


Europa 2020: il futuro sostenibile, intelligente, inclusivo

Puntata verso “un’economia competitiva basata sulla conoscenza e la sostenibilità per il lavoro e la coesione sociale” la Strategia di Lisbona si è dovuta confrontare con un contesto economico di crisi in Europa e al di fuori di essa. Da ciò la necessità di fissare nuovi obiettivi capaci di rilanciare la crescita e lo sviluppo. “L'Europa sta vivendo una fase di trasformazione. La crisi ha vanificato anni di progressi economici e sociali e messo in luce le carenze strutturali dell'economia europea. Nel frattempo il mondo si sta rapidamente trasformando e le sfide a lungo termine (globalizzazione, pressione sulle risorse, invecchiamento) si accentuano. L'Unione deve prendere in mano il proprio futuro. Per ottenere buoni risultati l'Europa deve agire in modo collettivo, in quanto Unione. Abbiamo bisogno di una strategia che ci consenta di uscire più forti dalla crisi e di trasformare l'Ue in un'economia intelligente, sostenibile e inclusiva caratterizzata da alti livelli di occupazione, produttività e coesione sociale”.

In particolare la strategia prevede che l’Unione possa raggiungere una crescita: • intelligente, attraverso lo sviluppo delle conoscenze e dell'innovazione; • sostenibile, basata su un'economia più verde, più efficiente nella gestione delle risorse e più competitiva; • inclusiva, indirizzata a promuovere l'occupazione, la coesione sociale e territoriale. Diversi gli obiettivi concreti da raggiungere entro il 2020: • Occupazione: portare al 75% il tasso di occupazione delle persone di età compresa tra 20 e 64 anni. • Ricerca e sviluppo/innovazione: investire il 3% del Prodotto Interno Lordo in ricerca e sviluppo. • Cambiamenti climatici/energia: ridurre le emissioni di carbonio al 20% (e al 30% se le condizioni lo permettono), aumentare del 20% la quota di energie rinnovabili e l'efficienza energetica. • Istruzione: ridurre il tasso di abbandono scolastico a meno del 10% e portare al 40% il tasso dei giovani laureati. • Povertà/emarginazione: ridurre di 20 milioni il numero delle persone a rischio o in situazione di povertà ed emarginazione.

FOCUS

La strategia Europa 2020 ha la sua origine nel 2010, anno in cui la Strategia di Lisbona - avviata nel 2000 - si stava concludendo.

Questo il percorso indicato dalla strategia Europa 2020 che dovrà compiersi grazie alle risorse messe in gioco dalla prossima programmazione.

7


IL LAVORO PARLAMENTARE

Variazioni al bilancio e negoziati Francesca Balzani è attualmente 18ma su 754 deputati quanto al numero di dossier trattati, vale a dire relazioni istruite e negoziate per conto del Parlamento europeo (fonte Votewatch) nel corso del suo mandato. Sedute Plenarie: presenze Da luglio 2012 a luglio 2013 si sono tenute 16 sedute plenarie (una in due parti) di cui 12 a Strasburgo e 4 a Bruxelles.

81,07% Francesca Balzani è stata presente all’81,07% delle sedute plenarie nei quattro anni di mandato europeo 8

(fonte Votewatch).

Interventi in aula: • 11 dicembre 2012 Progetto di bilancio rettificativo n.6/2012, entrate da risorse proprie e altre risorse, aumento degli stanziamenti di pagamento nelle rubriche 1a, 1b, 2, 3 bis e 4 del quadro finanziario pluriennale, riduzione del livello degli stanziamenti d'impegno iscritti in bilancio, nuovo bilancio generale dell'Unione europea per l'esercizio 2013.


7 dicembre 2012 Progetto di relazione sulla posizione del Consiglio sul progetto di bilancio rettificativo n.6/2012 dell'Unione europea per l'esercizio 2012.

4 ottobre 2012 Emendamenti sui finanziamenti europei a favore delle PMI per facilitare l'accesso al credito e sostenere l’internazionalizzazione.

4 ottobre 2012 Progetto di relazione sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio recante disposizioni generali sul Fondo Asilo e migrazione e sullo strumento di sostegno finanziario per la cooperazione di polizia, la prevenzione e la lotta alla criminalità.

25 settembre 2012 Progetto di relazione sulla posizione del Consiglio sul progetto di bilancio rettificativo n. 4/2012 dell'Unione europea per l'esercizio 2012.

18 luglio 2012 Progetto di parere sul programma per la competitività delle imprese e delle piccole e medie imprese (2014-2020).

Inoltre, insieme al Gruppo S&D Francesca Balzani ha presentato una serie di emendamenti per ripristinare il progetto di bilancio della Commissione e incrementare le risorse in alcuni capitoli di bilancio legati alle politiche di crescita e alla creazione di posti di lavoro, soprattutto per i giovani, in particolare: • Programma quadro per la competitività e l'innovazione (CIP): 214 milioni di € in impegni e 130 in pagamenti. • Programma quadro per la competitività e l'innovazione (CIP) - intelligent energy: 142 milioni di € e 100 in pagamenti. • Fondo per migliorare e monitorare le condizioni di lavoro: 805 milioni di € sia in pagamenti che in impegni. • Servizio EURES primo impiego: 22.8 milioni di € in impegni e 16 in pagamenti. • VII Programma Quadro di Ricerca - area energia: 300 milioni di € e 198 in pagamenti. • Misure volte a migliorare le relazioni industriali e il dialogo sociale: 17 milioni di € in impegni e 13,5 in pagamenti. • Informazioni e misure di formazione per i lavoratori: 18 milioni di € e 14,5 in pagamenti. • Erasmus Mundus: 114 milioni di € e 97 in pagamenti. • Programma “Frutta nelle scuole”: 90 milioni di € e 90 anche in pagamenti. • Programma LIFE: 325,5 milioni di € in impegni e 225 in pagamenti. • Programma Progress - Boost the employment: 21 milioni di € e 18 in pagamenti. • Protezione ed inclusione sociale: 29 milioni di € e 25.5 in pagamenti. • Programma “Latte nelle scuole”: aumento rispetto alla proposta della commissione di 24 milioni di € per un totale di 90 milioni.

IL LAVORO PARLAMENTARE

Emendamenti presentati

9


Dossier Nell’ambito del suo mandato sul bilancio europeo Francesca Balzani è stata responsabile dei negoziati per l’attribuzione degli stanziamenti del Fondo di solidarietà europeo per fronteggiare le conseguenze del terremoto in Emilia-Romagna del maggio 2012.

10


Il negoziato per lo sblocco del Fondo di solidarietà per il terremoto in Emilia-Romagna

Il Parlamento europeo ha reagito con fermezza dimostrandosi pronto a bloccare tutti i negoziati in corso se non fosse arrivato in tempi rapidi il via libera ai fondi per il terremoto. Dopo una lunga negoziazione condotta per conto del Parlamento dai deputati italiani Francesca Balzani (S&D, relatrice per il Bilancio 2012 e responsabile dei negoziati per il Fondo di solidarietà Ue per il terremoto in Emilia-Romagna) e Giovanni La Via (PPE, relatore per bilancio 2013) il Consiglio ha dato il suo assenso allo sblocco delle risorse.

IL LAVORO PARLAMENTARE

A novembre 2012 il negoziato relativo ai 670 milioni di euro del Fondo di Solidarietà da destinare alle zone colpite dal sisma del maggio 2012 sembrava arenato. Cinque Paesi europei (Germania, Olanda, Finlandia, Svezia e Gran Bretagna) nel corso di una riunione dell'Econfin sul bilancio europeo avevano chiesto di bloccare gli aiuti adducendo difficoltà legate alla crisi.

Lo stanziamento accordato all’Emilia-Romagna è una cifra record per il Fondo di solidarietà dell'Unione europea che dal 2002 interviene per rispondere alle grandi calamità naturali ed esprimere la solidarietà europea alle regioni europee colpite. Mai in passato si è raggiunto un tale importo, neppure nel caso del terremoto dell’Aquila, a cui nel 2009 il Fondo assegnò 492 milioni di euro. Secondo le stime dell’Italia il danno complessivo causato dal terremoto ammonta a 13,3 miliardi di euro, che rappresentano lo 0,86% del PIL italiano.

11


COMUNICAZIONE E RELAZIONI CON GLI ELETTORI E I CITTADINI Informazione sull’attività e apertura al dialogo Bilancio di mandato annuale Anche nel 2012, come ogni anno, è stato distribuito il bilancio di mandato di Francesca Balzani che rendiconta la sua attività. I bilanci degli anni scorsi sono disponibili sul sito. Sul Web Francesca Balzani aggiorna circa la sua attività in Europa attraverso il sito web www.francescabalzani.eu che riporta anche un aggiornamento settimanale dei bandi aperti per i finanziamenti europei diretti. Ha anche una pagina Facebook, che per scelta è aperta e accessibile a tutti. Newsletter mensile Dall’inizio del mandato Francesca Balzani diffonde una newsletter contenente i principali atti legislativi votati durante le sedute plenarie del Parlamento europeo a Strasburgo e a Bruxelles. Dall’inizio del mandato sono state inviate 45 newsletter.

12

Principali eventi propri e di terzi Nel corso dell’anno Francesca Balzani ha partecipato a numerosi eventi, molti dei quali improntati sulla prossima programmazione europea che partirà nel 2014; tra questi, ad esempio, il convegno “I fondi comunitari a favore delle imprese” che si è tenuto a ottobre 2012 presso la sede di Confindustria a Genova. Ha partecipato all’incontro “Europa in città Reti transeuropee di trasporto” organizzato a Genova a ottobre 2012 dall’Ufficio d’Informazione del Parlamento europeo in Italia insieme alla Rappresentanza in Italia della Commissione europea e al Dipartimento Politiche Europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Ha contribuito a promuovere un convegno di sensibilizzazione sul tema dei senza dimora che si è svolto a Bruxelles il 17 ottobre 2012: “Homelessness and Research. Awareness, understanding and planning. Research in Italy in light of the Eu proposals”.


A giugno 2013 è stata la relatrice del convegno “Il Piano Pluriennale dell’Unione Europea in relazione ai bilanci dei Comuni” organizzato dalla Federazione Ligure di AICCRE, l'Associazione Italiana per il Consiglio dei Comuni e delle Regioni d'Europa. Sempre a giugno 2013, insieme ad altre parlamentari europee ha promosso una conferenza sul femminicidio a Bruxelles a cui ha fatto seguito il reading “Ferite a morte”.

Relazioni con i media Francesca Balzani intrattiene in via diretta relazioni con i media, per i quali è un punto di riferimento sulle tematiche che riguardano il bilancio europeo. Suoi interventi di approfondimento sono usciti su “Quaderni Europei” del Partito Democratico e sulla rivista “In Europa”.

COMUNICAZIONE E RELAZIONI CON GLI ELETTORI E I CITTADINI

A marzo 2013 in occasione dell’anniversario del Mercato Unico – una delle maggiori conquiste della Ue, nato nel 1992 con l'obiettivo di permettere la libera circolazione delle merci, dei servizi e dei capitali – Francesca Balzani ha partecipato a “Vent’anni di Mercato Unico: opportunità per uscire dalla crisi”, evento tenutosi nella sede della Facoltà di Economia dell’Università degli Studi di Genova.

Visite dei gruppi al Parlamento europeo Hanno visitato il Parlamento europeo grazie alle visite in carico ad ogni europarlamentare gruppi organizzati da AICRRE, Auser e alcuni istituti scolastici. Contatto diretto con cittadini e organizzazioni pubbliche e private Gli uffici di Francesca Balzani a Bruxelles e in Italia hanno risposto ai quesiti più diversi rivolti da cittadini, giovani in cerca di lavoro e tirocini nelle istituzioni europee, organizzazioni pubbliche e imprese interessati ad accedere ai finanziamenti comunitari.

13


FOCUS

Europoli: un’iniziativa sul bilancio dedicata ai giovani Si è svolta il 30 ottobre 2012 presso la Sala delle Compere di Palazzo San Giorgio a Genova nell’ambito del Festival Scienza la partita finale di Europoli, il gioco didattico sul bilancio europeo voluto e sviluppato da Francesca Balzani per promuovere tra i giovani la conoscenza delle risorse dell’Unione e delle politiche europee. Hanno partecipato ad Europoli cinque classi di altrettanti istituti secondari di secondo grado di Genova. Ciascuna classe ha sviluppato in aula il proprio bilancio avendo in mano 150 miliardi di euro, il valore del bilancio europeo, e il potere di decidere come spenderli seguendo regole reali e tenendo conto di alcune limitazioni, quali i tetti di spesa previsti o la necessità di investire in alcuni settori chiave. Nel match finale di Europoli i diversi bilanci sono stati messi a confronto: gli studenti hanno illustrato le loro scelte, affrontato situazioni critiche e imprevisti che richiedono finanziamenti specifici (quali crisi, catastrofi naturali etc.).

14

Ha vinto la “squadra” che ha dimostrato di essere capace di costruire il bilancio migliore, vale a dire quello più equilibrato, insieme al miglior “progetto pilota”, un’iniziativa nuova da proporre all’attenzione dell’Unione europea. Il premio è andato alla classe IV D del Liceo Classico C. Colombo che ad aprile 2013 è andata in visita al Parlamento europeo a Strasburgo durante la settimana della seduta plenaria.


Ogni cittadino europeo dà all’Unione quasi 240 euro all’anno e deve pretendere che siano ben spesi, in investimenti che producano benefici economici e valore sociale. Spesso ci chiediamo quale sia la sorte di queste risorse, come siano indirizzate e sulla base di quali scelte. Per questo abbiamo creato Europoli. E’ un gioco ma le regole sono quelle vere. Confrontarsi e anche scontrarsi, mediare, prendere decisioni con responsabilità e per il bene comune è un esercizio civico utile per formare i giovani cittadini europei.

FOCUS

Conoscere il bilancio per diventare cittadini europei consapevoli

15


IL RAPPORTO CON CHI SI OCCUPA DI EUROPA

Nello svolgimento dell’attività di mandato Francesca Balzani intrattiene rapporti con le istituzioni e le organizzazione che si occupano di Europa. In primis gli uffici del Parlamento europeo a Milano e a Roma, l’ufficio relazioni internazionali della Regione Liguria a Genova e il suo ufficio a Bruxelles, CasaLiguria. Ha partecipato inoltre alle iniziative di AICCRE Liguria (Federazione Regionale del Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa), di Antenna Europe Direct del Comune di Genova, di Antenna Europe Direct della Spezia, del Movimento Federalista Europeo e del Centro In Europa.

• Regione Liguria www.regione.liguria.it/argomenti/affari-efondi-europei.html • CasaLiguria www.casaliguria.org • AICCRE Liguria www.aiccreliguria.it • Antenna Europe Direct Genova www2.comune.genova.it/portal/page/categoryItem?contentId=444173 • Antenna Europe Direct La Spezia www.lavoro.laspezia.it/europedirect/ • Movimento Federalista Europeo www.mfe.it/genova • Centro In Europa www.centroineuropa.it

16


17

IL RAPPORTO CON CHI SI OCCUPA DI EUROPA


SELEZIONE DI EVENTI NEI QUALI FRANCESCA BALZANI È INTERVENUTA DA AGOSTO 2012 A LUGLIO 2013 8 settembre 2012 Alla Festa Democratica di Genova per l’incontro dal titolo “Smart City” con Marta Vincenzi, Responsabile nazionale del Partito Democratico sul tema Smart City, e Enzo Lavolta, Assessore al progetto Smart City del Comune di Torino.

18 settembre 2012 Incontro della delegazione italiana al Parlamento europeo con il Ministro per gli Affari Europei Enzo Moavero Milanesi.

21 settembre 2012 A Genova alla conferenza stampa di presentazione della proposta di legge sul reddito minimo, insieme al sindaco di Genova Marco Doria, all’europarlamentare Sergio Cofferati, all’ex sindaco di Genova Marta Vincenzi, in qualità di membro del Comitato Ligure Reddito Minimo Garantito, e a Marco Furfaro, del Comitato Nazionale Reddito Minimo Garantito. Seconda edizione del “Welcome Day” organizzato a Genova da Legacoop Liguria per dare il

18

benvenuto ai nuovi cooperatori Legacoop; con Giuliano Poletti, Presidente Nazionale Legacoop, Luciano Pasquale, Presidente di Unioncamere Liguria, il Direttore di SWG Enzo Risso e Gianluigi Granero Presidente di Legacoop Liguria. Alla Festa nazionale dei diritti del Partito Democratico ospitata dalla Federazione metropolitana di Milano per partecipare al dibattito “Risparmiatori e cittadini: trasparenza, informazione, partecipazione” insieme ad Enrico Letta, Marilena Adamo, Cinzia Fontana, Gianmario Mocera e Pippo Ranci.

4 ottobre 2012 Incontro della delegazione italiana al Parlamento europeo con il Ministro per la Coesione Territoriale Fabrizio Barca.

5 ottobre 2012 Presentazione di Europoli, il gioco didattico sul bilancio europeo sviluppato da Francesca Balzani, presso la classe IV D del Liceo Classico C. Colombo di Genova in preparazione della partita prevista in occasione del Festival della Scienza 2012.


realizzata da Fio.PSD con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Caritas Italiana e Istat.

A Genova, presso Palazzo San Giorgio, per la terza tappa del progetto “Europa in città”, un ciclo di incontri tra cittadini e deputati europei, promosso in partenariato da Commissione Europea, Parlamento Europeo e Dipartimento Politiche Europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri, in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri. L’evento, dedicato al tema “Le reti transeuropee”, ha visto la partecipazione del Sindaco di Genova Marco Doria e degli europarlamentari Sergio Cofferati, Cristiana Muscardini e Oreste Rossi.

Presentazione, nell’ambito del Festival della Scienza 2012, del volume “Tutela transanazionale dell’ambiente”, presso la Sala delle Letture Scientifiche di Palazzo Ducale a Genova. Tra i relatori gli autori del libro, Francesco Munari e Lorenzo Schiano Di Pepe, professori presso l’Università degli Studi di Genova, e Armando Zingales, presidente nazionale dell’ordine dei Chimici.

30 ottobre 2012 Finale di Europoli il gioco didattico sul bilancio europeo voluto da Francesca Balzani per far conoscere ai giovani le politiche europee. L’evento, realizzato nell’ambito del Festival della Scienza 2012 presso Palazzo San Giorgio a Genova, ha visto la partecipazione di cinque classi di altrettanti Istituti secondari di secondo grado di Genova.

15 ottobre 2012 All'incontro organizzato da Confindustria Genova dal titolo “2014-2020. I Fondi Comunitari a favore delle imprese”. Hanno partecipato il presidente di Confindustria Genova Giovanni Calvini, Fabrizio Spada, Direttore della Rappresentanza della Commissione europea a Milano, Giuseppe Mele, Vice direttore del Centro Studi Confindustria e Renzo Guccinelli, Assessore regionale allo Sviluppo Economico.

17 ottobre 2012 Presso la sede del Parlamento europeo a Bruxelles all’incontro “Homeless e ricerca”, presentazione della ricerca sulle persone senza dimora

13 novembre 2012 Incontro con il presidente del Parlamento europeo Martin Schulz sullo stato dell’arte del bilancio 2012-2013.

SELEZIONE DI EVENTI NEI QUALI FRANCESCA BALZANI È INTERVENUTA DA AGOSTO 2012 A LUGLIO 2013

29 ottobre 2012

16 novembre 2012 “Caffè Europa” presso il Salone di Rappresentanza del Comune di Genova. Tema dell'incontro - a cui hanno partecipato gli studenti della Facoltà di Scienze Politiche, il Sindaco di Genova Marco Doria, gli europarlamentari Sergio Cofferati, Lara Comi e Oreste Rossi, e Antonio Padoa-Schioppa, docente presso l’Università Statale di Milano – “A quando la democrazia europea?”.

19


23 novembre 2012 Al primo Salone delle Identità Territoriali presso la Fiera di Genova per partecipare all’incontro “EXPO 2015: quali opportunità di promozione per i territori?”. Hanno partecipato insieme a Francesca Balzani il Sindaco di Genova Marco Doria, Sara Armella, Presidente di Fiera di Genova, Franco D’Alfonso, Assessore alle Attività Produttive, Turismo e Marketing Territoriale del Comune di Milano, e Bruno Busacca, Responsabile delle Relazioni Istituzionali di LegaCoop Nazionale.

24 novembre 2012 Alla Sala Chiamata del Porto di Genova per la chiusura della campagna di Pierluigi Bersani per le primarie del Partito Democratico.

30 novembre 2012 Presso la Sala Consiliare della Provincia della Spezia per il convegno, organizzato da Commissione europea in Italia, Provincia della Spezia e Antenna Europe Direct, dal titolo “La programmazione europea 2014-2020: nuove opportunità di sviluppo per il territorio”. Hanno partecipato in qualità di relatori Marino Fiasella, Commissario Straordinario della Provincia della Spezia, Renzo Guccinelli, Assessore regionale allo Sviluppo economico, Massimo Bonati, funzionario della Provincia della Spezia, Marco Valenti, funzionario del Dipartimento per le Politiche di Coesione del Ministero dello Sviluppo Economico, e Marzio Favini, Sindaco di Castelnuovo Magra e Presidente CAL Liguria. “La riforma della Politica Comune della Pesca: obiettivi e proposte a sostegno della piccola pesca costiera”, incontro organizzato da Lega-

20

coop Liguria presso il Teatro della Gioventù di Genova. Il convegno ha visto la partecipazione di Felicio Angrisano, Comandante della Capitaneria di Porto di Genova, Francesco Saverio Abate, Direttore Generale della pesca marittima e dall’acquacoltura presso il Ministero delle Politiche Agricole, Giovanni Barbagallo, Assessore regionale all’Agricoltura, floricoltura, pesca e acquacoltura, Ettore Ianì, Presidente nazionale Lega Pesca, e del Presidente regionale di Legacoop Liguria e coordinatore regionale Legacoop Lega Pesca Liguria Gianluigi Granero.

10 dicembre 2012 Incontro con il Ministro per gli Affari Europei Enzo Moavero Milanesi sull’accordo relativo al bilancio 2012-2013.

22 gennaio 2013 Incontro con l’ambasciatore Ferdinando Nelli Feroci, Rappresentante Permanente dell’Italia presso l’Unione Europea a Bruxelles.

29 gennaio 2013 Incontro della delegazione italiana al Parlamento europeo con un gruppo di parlamentari nazionali sul tema del “semestre europeo” e sul coordinamento tra bilancio nazionale ed europeo.

4 febbraio 2013 Incontro con il Ministro per gli Affari Europei Enzo Moavero Milanesi sull’accordo relativo al bilancio 2012-2013.

9 febbraio 2013 Alla Conferenza Programmatica del Partito Democratico: intervento nell’ambito dell’incontro


19 febbraio 2013 “Più Europa, più Università, più Ricerca”, incontro organizzato a Genova da Marco Meloni, candidato del Partito Democratico alla Camera dei Deputati e Carla Olivari, candidata del Partito Democratico al Senato della Repubblica.

21 febbraio 2013 Testimonianza al Master Isforcoop “Project management e finanziamenti comunitari”. Al Teatro Ariston di Sanremo per partecipare all’incontro “Liguria, regione d'Europa”, organizzato dal Partito Democratico, insieme a Donatella Albano, capolista del Partito Democratico al Senato, e Leandro Faraldi, candidato del Partito Democratico alla Camera.

1 marzo 2013 All’incontro, organizzato in collaborazione con la rappresentanza a Milano della Commissione europea e il Centro In Europa, “Vent’anni di mercato unico: opportunità per uscire dalla crisi” presso l’Università degli Studi di Genova. Tra i relatori Paolo Comanducci, Preside della Scuola di Scienze Sociali dell’Università di Genova, Fabrizio Spada, Direttore della rappresentanza a Milano della Commissione europea, Carlotta Gualco, Direttore del Centro In Europa, Letizia Radoni, Direttore della sede di Genova della Banca d’Italia, Antonio Bettanini, Professore presso l’Università La Sapienza di Roma, Mario Altavilla di Unioncamere Roma, Clara Caselli e Giovanni D’Alauro, professori

presso il Dipartimento di Economia dell'Università di Genova.

4 marzo 2013 Incontro della delegazione italiana al Parlamento europeo con il Ministro per gli Affari Europei Enzo Moavero Milanesi.

5 marzo 2013 Intervento al Dipartimento di scienze politiche e sociali dell’Università di Pavia.

17 giugno 2013 “Il Piano Pluriennale dell’Unione Europea in relazione ai bilanci dei Comuni”, incontro organizzato da AICCRE Liguria presso la Regione Liguria. Tra i partecipanti il segretario AICCRE Liguria Luca Pastorino e gli assessori regionali Giovanni Boitano e Pippo Rossetti.

26 giugno 2013 A Bruxelles per la conferenza sul femminicidio organizzata dalle europarlamentari italiane Francesca Balzani, Francesca Barracciu, Rita Borsellino, Silvia Costa e Patrizia Toia. A seguire il reading “Ferite a morte”, dal testo scritto da Serena Dandini con l’aiuto di Maura Misiti, con Sonia Bergamasco, Paola Cortellesi, Lella Costa, Orsetta De Rossi e Alba Rohrwacher.

SELEZIONE DI EVENTI NEI QUALI FRANCESCA BALZANI È INTERVENUTA DA AGOSTO 2012 A LUGLIO 2013

“La nuova frontiera degli investimenti, connessi allo sviluppo” con il Presidente della Regione Liguria Claudio Burlando e il Presidente dell’Autorità Portuale di Genova Luigi Merlo.

21


Fonti di alcuni contributi testuali: Europarl Fotografie: Archivio Parlamento Europeo Questo documento è stato realizzato da: • Danae Communications Consulting (contenuti) • Frog adv (grafica) • Grafica KC (stampa)


Contatti

Link europei

Per contattare Francesca Balzani: info@francescabalzani.eu

L’Unione Europea: europa.eu

Ufficio Bruxelles Bât. Altiero Spinelli 15G318 60, rue Wiertz / Wiertzstraat 60 B-1047 Bruxelles / Brussel Tel.: +32 (0)2 2845891 Fax: +32 (0)2 2849891 francesca.balzani@europarl.europa.eu Ufficio Strasburgo Bât. Louise Weiss T06056 1, avenue du Président Robert Schuman CS 91024 F-67070 Strasbourg Cedex Tel.: +33 (0)3 88175891 Fax: +33 (0)3 88179891 francesca.balzani@europarl.europa.eu Assistente parlamentare: Francesca Lazzaroni Ufficio di Genova Coordinamento e comunicazione Piazza De Marini 3/76 - 16123 Genova Tel.: +39 010 8997020 Fax: +39 010 8608110 info@francescabalzani.eu Assistente locale e comunicazione: A. Cristina Pizzorno Segreteria generale: Polliana Parodi

Il Parlamento europeo: www.europarl.europa.eu Il Parlamento europeo in Italia: www.europarl.it/ La Commissione europea: ec.europa.eu La rappresentanza in Italia della Commissione europea: ec.europa.eu/italia Il Consiglio europeo: www.european-council.europa.eu Il Comitato delle regioni: cor.europa.eu Schede su Francesca Balzani: • Nel sito web del Parlamento europeo: www.europarl.europa.eu/members/expert/co mmittees/view.do?language=EN&id=96979 • Nel sito web del Gruppo S&D www.sdprofiles.eu/profile1/81/mep.aspx


WWW.FRANCESCABALZANI.EU


Bilancio di mandato 2012/2013