Issuu on Google+

EDITORIALE Si è riaccesa la Lucho IL DETECTIVE Avanti col decreto “Salva Roma” ATTUALITÀ Il secondo, nuovo Taddei L’AVVELENATA Da noi l’omertà fa sempre Over

Foto MAURO PENZO

IL DOPPIO POSTER Osvaldo Taddei


QUINDICINALE DI SPORT, CULTURA E SPETTACOLO Anno XV - Numero 1 - Domenica 8 gennaio 2012

Direttore responsabile Massimo Limiti m.limiti@forzaroma.info

Impaginazione Renato Bosco Fotografie Mauro Penzo Direzione e redazione Via dei Giornalisti, 55 - 00135 Roma Cell. 334.3405952

Stampa : MORCONIA PRINT spa Zona Industriale,18 82026 Morcone (BN) Reg. Trib. Roma n. 485/96 del 1.10.96 Del contenuto degli articoli e degli annunci economici e pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. È vietata la riproduzione anche parziale di testi, grafica, immagini e spazi pubblicitari realizzati dalla Publimas.

Si è riaccesa la Lucho icominciare da dove si è finito l’anno solare. Le prestazioni contro Juventus, Napoli e Bologna ci hanno riconsegnato una Roma più veritiera rispetto a quella che non riusciva a trovare il bandolo della matassa e che fino a Firenze compreso aveva fatto nascere forti dubbi sul nuovo progetto tecnico. Oggi serve una conferma, quella che ci dirà se la squadra ha risentito o meno della sosta natalizia e dei tanti (troppi) giorni di riposo dati da Luis Enrique i suoi ragazzi. C’è una tifoseria da convincere ma soprattutto una classifica da risalire in una stagione che presenta un campionato

R

ancora da decidere dove l’obiettivo terzo posto è ancora a portata di mano. Saranno giorni decisivi anche per capire il nuovo assetto societario. Oggi in tribuna dovrebbe esserci anche James Pallotta, il socio più “potente” della cordata americana e si avvicina il termine per l’aumento di capitale. Ma quelli che stiamo vivendo sono soprattutto i giorni che ci tengono in ansia per il futuro di Daniele De Rossi. Una telenovela che ci sta stremando tutti per l’attesa infinita: firma o non firma? Resta o se ne va? Mi sa che non lo sa ancora nessuno, nemmeno le parti in causa….


entusiasmo e da una voglia di costruire qualcosa che ci piace molto. Non è venuta per vivacchiare o peggio per trarre facili guadagni (come, poi?) e lasciare terra bruciata alle spalle. Il 2012, in questo senso, dovrà essere l'anno dele idee, della volontà razionale di pensare a una Roma migliore, moderna nelle strutture manageriali e competitiva in quelle tecniche. E' un obiettivo ambizioso al limite dell'utopia, ma ineludibiile: non c'è altra strada per collocare il club nel Pantheon dell'eccellenza italiana e internazionale.

Avanti col decreto “Salva Roma” rascorso il Natale più "bianco" degli ultimi 30 anni (Monti dice che è per "salvare l'Italia, sarà...) e scossi dallo tsunami scommesse, si ricomincia. A voler esser provinciali, alla Roma c'è se non proprio una tempesta, almeno una devastante grandinata (l'affaire De Rossi) che, al solito, è fatto di una ridda inesausta di chiacchiere in libertà nella quale estrapolare le briciole di verità è esercizio facile come far diventare Balotelli un cadetto di Harvard. Diciamo subito che, qualora il ragazzo di Ostia decidesse per la fuga dei cervelli, non premeremmo di certo il grilletto della facile retorica (la bandiera ammainata, ha tradito la

T

sua storia, non è tifoso della Roma e via cianciando); è però innegabile che la proprietà stelle e strisce sta facendo oltre le sue possibilità (non dimentichiamo mai che deve, con il supporto di Unicredit, accollarsi la voragine dell'ultima Rosella Sensi e, al contampo, progettare nuovi investimenti) per trattenerlo. Non basterà? Va bene-si fa per dire- ma sarebbe il caso che la coppia De Rossi-Berti uscisse dal nascondiglio e facesse chiarezza. Cornuti sì, mazziati no. Ed ora passiamo al campo, che prevede una gara sulla carta fatta apposta per dare nuova linfa alle ambizioni di una Roma rigenerata dagli ultimi prestazioni e risultati. Sulla carte è una locuzione che andrebbe abolita come ha fatto Monti con le lire, perché foriera di traumatihe itrappole. Il Chie-

P.S. Complimenti vivissimi a Carlo Ancelotti che, scevro da ogni amoroso senso con il denaro (che volgarità, direbbe Fiorello-Carla Bruni) ha scelto il Psg, club che, com'è noto, ha stipato la sua bacheca, negli ultimi anni, di Ligue 1 e Champions League... vo del Di Carlo bis è squadra che gioca al calcio, non si schiera asserraglita dentro al fortino e questo probabilmente è un vantaggio per la banda di Luis, che "cerca" la partita dal fischio d'inizio al fischio finale e che spesso ha fatto dello (sterile) possesso palla l'unico vanto da esibire ai taccuini e alle telecamere nei consuntivi di fine gara. Lo ribadiamo: si possono - è umano - sbagliare delle scelte, fare errori ma questa dirigenza ci sembra animata da un

4

www.forzaroma.info

www.forzaroma.info

5


Attualità

Il secondo, nuovo Taddei

uardandosi indietro, avrebbe fatto tutto così. Di nuovo. La storia di Rodrigo Taddei è quella della Roma più recente: c’era da scegliere, tanti anni fa, a chi votare il proprio futuro, pochi secondi per decidere di legare il destino ai colori giallorossi, snobbando platealmente il fascino e il carisma della Vecchia Signora. Entrato a Trigoria in punta di piedi, silenzioso ma sempre sorridente, Taddei aveva cominciato a respirare l’aria della capitale, attingendo a piene mani dal bagaglio culturale della città che lo

G

6

avrebbe adottato: serietà, professionalità e devozione, tre caratteristiche regalate alla squadra sin dai primi momenti. Con Spalletti c’è subito feeling: il tecnico di Certaldo apprezza la duttilità del calciatore, capace di ricoprire diversi ruoli,

www.forzaroma.info

di Mirko Porcari facendone uno dei punti cardine del suo progetto di calcio spettacolo. Sono gli anni di Calciopoli, di una Roma divertente e, a tratti, entusiasmante; si vincerà poco, è vero, ma alcune perle rimangono impresse nell’immaginario collettivo come fossero racchiuse in una favola: l’Aurelio è tutto di Rodrigo, gesto di inimmaginabile bravura tecnica che ammutolisce i tifosi dell’Olimpiakos nell’ottobre del 2006, consacrando il brasiliano nelle primissime posizioni nelle gerarchie degli idoli romanisti. La storia recente si dipana tra lunghe pause e lampi di orgoglio: dopo Spalletti, per Taddei c’è quasi sempre il vuoto. Ci prova Ranieri, Montella lo saluta da lontano, nessuno crede nella possibilità di rivedere lo splendido giocatore dei primi

anni giallorossi. “Io mi sento di Roma e sono romanista… È come se fossi nato qui.” Nessuna frase di circostanza, solamente ciò che è scritto nel cuore: l’essenza di Taddei è questa, una relazione che va oltre lo sport e che, per colpa del campo, i tifosi cominciano a dimenticare. Servono Luis Enrique e un briciolo di follia: Rodrigo terzino, con buona pace del suo istinto offensivo. Qualcosa che scavalca l’esperimento, avvicinandosi molto all’azzardo: la prima è stata a Milano, l’apoteosi nella perfezione di Bologna, un gol e la certezza che ci può sempre essere un lieto fine.

7


chievo

DOMENICA 8 GENNAIO 2012 - STADIO OLIMPICO

Da Cenerentola a realtà assoluta

l Chievo torna all’Otrocampista Thereau, e i suoi limpico quindici compagni di reparto Bradley, ed giorni dopo aver rischiato di battere la Lazio. Il paregHetemaj, giocatore finlandese gio contro i biancocelesti ha lasciato molti rimpianti in che il Chievo ha ingaggiato dal casa veronese, ma ha dato ulteriore fiducia ai ragazzi Brescia. In difesa, oltre al sopradi Mimmo Carlo, che cercheranno di fermare la Roma. citato Mandelli, ci sono sempre L’ultima volta che il Chievo ha preso punti all’Olimpico l’esterno di fascia destro Frey e il fu nella stagione 2008-2009, (0-0), proprio sotto la suo compagno di reparto opposto guida del tecnico sopracitato, che è tornato a guidare i Jokic; i due centrali, invece, sono giallo blu dopo la sfortunata espesempre Cesar, e rienza con la Sampdoria. L’obiettivo l’ex romanista Andella società del piccolo sobborgo dreolli. Malgrado veronese è di restare in Serie A val’uscita di scena di lorizzando i giovani. Il primo arrivo Rosella Sensi i della sessione di mercato del 2012, rapporti tra le due infatti, dovrebbe essere il diciannosocietà sono semvenne Jacopo Dezi, centrocampista pre ottimi: la Rocentrale del Napoli, che verrà acquima, infatti, ha prestato in comproprietà. Al tempo so in prestito l’atstesso, però il presidente Campedelli e il suo staff taccante Tallo, che nella primavehanno sempre fatto leva anche sui giocatori di grande ra di De Rossi sta facendo molto esperienza, affinché possano prendere per mano le bene, e non è detto alla fine delgiovani leve nei momenti più difficili. Il primo nome è l’anno la giovane punta venga acquello di Sorrentino, portiere sottovalutato che da quistata a titolo definitivo. due anni a questa parte è sempre vicino alla Roma, ma alla fine non viene mai. Ol54 tre alle grandi parate di questo portiere, SORRENTINO però, la squadra vive dei gol di Pelissier, oppure dell’esperienza di Luciano. Non 3 21 12 13 dimentichiamoci, però, anche dell’eFREY ANDREOLLI CESAR JOKIC sperienza di un difensore come Mandelli, e di un altro attaccante, Mo56 10 6 scardelli. Quest’ultimo tifa Roma e HATEMAJI LUCIANO BRADLEY gioca con i parastinchi con l’immagine di Totti, ma quando vede 77 giallorosso sono sempre dolori. THEREAU 23 31 Altri giocatori fondamentali del PALOSCHI PELLISSIER IL MODULO 4-3-1-2 di Di Carlo sono il cen4-3-1-2

I

8

www.forzaroma.info

ROMA-CHIEVO PROBABILI FORMAZIONI ROMA Stekelenburg 24 Rosi 87 Juan 4 Heinze 5 Taddei 11 Simplicio 30 De Rossi 16 Pjanic 15 Lamela 8 Osvaldo 9 Totti 10 Luis Enrique

CLASSIFICA JUVENTUS MILAN UDINESE LAZIO INTER NAPOLI ROMA CATANIA PALERMO GENOA

CHIEVO 54 Sorrentino 21 Frey 3 Andreolli 12 Cesar 13 Jokic 10 Luciano 6 Bradley 56 Hetemaj 77 Théréau 23 Paloschi 31 Pellissier

All. All.

ATALANTA CHIEVO PARMA FIORENTINA CAGLIARI SIENA BOLOGNA NOVARA CESENA LECCE

20 20 19 18 18 15 15 12 12 9

MARCATORI: 12 Denis (Atalanta) 11 Ibrahimovic (Milan) 10 Di Natale (Udinese) 9 Cavani (Napoli), Klose (Lazio)

Di Carlo

A DISPOSIZIONE ROMA: 18 Lobont, 77 Cassetti, 44 Kjaer, 19 Gago, 20 Perrotta, 92 Viviani, 14 Bojan CHIEVO: 1 Puggioni, 93 Dramé, 2 Morero, 7 Sammarco, 8 Cruzado, 25 Vacek, 9 Moscardelli

34 34 32 30 26 24 24 22 21 21

PROSSIMI TURNI

(15-1-2012) CATANIA LAZIO CESENA CHIEVO FIORENTINA GENOA JUVENTUS PARMA MILAN NAPOLI

ROMA ATALANTA NOVARA PALERMO LECCE UDINESE CAGLIARI SIENA INTER BOLOGNA

(22-1-2012)

CAGLIARI ROMA ATALANTA BOLOGNA LECCE NOVARA PALERMO SIENA UDINESE INTER

FIORENTINA CESENA JUVENTUS PARMA CHIEVO MILAN GENOA NAPOLI CATANIA LAZIO


Da noi l’omertà fa sempre Over oberto Di Martino è, senza dubbio, un italiano di cui andare fieri; non perché sia un eroe e neppure perché sia in procinto di vincere un Nobel piuttosto che un Oscar. E' semplicemente uno che svolge la sua professione in maniera scrupolosa e senza guardare in faccia nessuno. Per chi avesse letto distrattamente i giornali in questi giorni di cenoni un po' meno calorici del solito, Roberto Di Martino è anche il magistrato che si sta occupando dell'ennesimo scandalo-scommesse e che a breve avrà il problema di dover gestire, oltre a questo, anche altri casi gravi ed annosi della cronaca giudiziaria italiana e quasi sicuramente non si troverà a disposizione tutte le risorse umane necessarie e compiti così gravosi. Lo apprendiamo dall'intervista che ha rilasciato, la settimana scorsa, ad Andrea Ramazzotti del Corriere dello Sport. Dell'intervista in questione ci ha colpito soprattutto un passaggio, tra gli altri e cioè quello in cui il magistrato afferma di aver avuto la sensazione, appena fatto capolino nell'ambiente del nostrano calcio professionistico, di non poter toccare la Serie A, con le sue indagini. A suo dire, finché sulla graticola ci finiscono i campionati professionistici fino alla B, non c'è alcun problema e la cassa di risonanza è comunque di rilievo; non appena si comincia a vociferare di un coinvolgimento della massima serie, allora si alza un muto di reticenze, omissioni, forse addirittura depistaggi.

R

Le parole di Di Martino nell'intervista non lasciano dubbi circa le nostre conclusioni, che nulla hanno a che fare con le sentenze: in Italia scherza coi fanti ma lascia stare i santi, in questo caso i nababbi del massimo campiionato, i loro dirigenti e quella mentalità medievale che tuttora permea un ambiente e lo rende spesso vittima della stessa sua retorica e della sua stessa paura. Al di là degli esiti ultimi delle indagini e del verminaio che ancora una volta, dopo essere stato scoperto, verrà presto ricoperto di sabbia, non è squalificante per un ambiente e di conseguenza per gli organismi che lo gestiscono e lo amministrano, sentirsi dire da un inquirente che durante le indagini egli prova la sensazione di trovarsi di fronte ad un muro di gomma? Non dovrebbe questo indurre quantomeno a meditare sull'istituto delle dimissioni tutti quei dirigenti che rappresentano questa o quella istituzione, nella fattispecie calcistica? Tranquilli, che anche stavolta non udiremo alcun tonfo, perché pure questo interrogativo, come tutti quelli che lo hanno preceduto, è destinato a cadere nel vuoto.

www.forzaroma.info

11


Foto MAURO PENZO


Foto MAURO PENZO


Maurizio Battista

“Nel calcio il vero campione è il tifoso” l vero campione nel calcio è solo uno: il tifoso” con questa frase Maurizio Battista, attore teatrale e cinematografico i cui monologhi spopolano in televisione e nel web, rende merito a quello che per lui è l’assoluto e legittimo protagonista del gioco più bello del mondo. Secondo il comico romano – e, ovviamente, romanista – il supporter è la sola persona pura e vera in un mondo, quello della pelota, ormai devastato da scandali di varia na-

“I 16

tura: “Chi va allo stadio – dice Battista – non lo fa per soldi, ma per passione e con la speranza di gioire per una vittoria della propria squadra”. Dopo una falsa partenza, la Roma ha chiuso l’anno positivamente. Molti pensano che ormai il peggio sia alle spalle, lei come la vede? Le ultime prestazioni mi hanno rinfrancato e spero anch’io che la fase negativa sia passata del tutto. All’inizio non ero affatto convinto del nuovo corso tecnico, ora mi pare che qualcosa sia cambiato. Attendo altre buone prestazioni, prima di sciogliere le ultime riserve. Il mercato in entrata, compreso il rinnovo di De Rossi, da questo punto di vista potrebbe aiutare la squadra. Spero e credo che la società possa operare bene. Su questo argomento, però, ho delle idee particolari. Quali? Ritengo che in un momento di crisi economica e sociale, come quello che sta attraversando l’Italia, i giocatori continuino il loro quieto vivere su un’altra dimensione. Non si rendono conto, infatti, che la

www.forzaroma.info

“Su Luis Enrique mi sto ricredendo, ma attendo ulteriori conferme prima di sciogliere le ultime riserve” gente normale fatica ad arrivare a fine mese, mentre loro, pur guadagnando cifre astronomiche, pretendono sempre di più e non s’accontentano mai. Fosse solo una faccenda che riguarda i loro stipendi, non mi arrabbierei tanto. Il problema, però, è che poi ti trovi a leggere di fatti come il calcio scommesse. Una cosa che ovviamente non riguarda la nostra Roma, ma il calcio in generale. Quelli che dovrebbero proteggere il giocattolo, ovvero i calciatori e i dirigenti, lo stanno distruggendo. Stanno cercando di allontanare, in ogni modo possibile e immaginabile, l’unico e vero padrone del pallone: Il Tifoso. La sola persona che ci rimette nel dorato mondo del calcio, ma che va, ogni santa domenica allo stadio, spinto dalla passione e dalla speranza di poter gioire anche solo

per un gol della propria squadra. Sa chi meriterebbe un pallone d’oro ogni anno? Chi? Il tifoso. E’ lui, infatti, l’unico e vero Campione. Tifoso della Roma, al quale non dispiacerebbe che la Roma vincesse qualcosa. Crede che questa stagione porterà qualcosa a Trigoria? Questo non so dirglielo. Da tifoso romanista spero, naturalmente, che la Roma divenga sempre più forte. Cosa porterà in dote, invece, questo 2012 al Maurizio Battista attore? Il 2011 si è chiuso positivamente con il film di Pieraccioni (Finalmente la Felicità, ndr). Per quel che riguarda l’anno che è appena cominciato, c’è molta carne che arde sul mio braciere. Il 16 gennaio su Raidue (è stato registrato il 30/12/2011, ndr) andrà in prima serata lo spettacolo teatrale “Dalla Cantina al Sistina”, con cui ho chiuso la scorsa stagione al Sistina. Dal 14 febbraio fino all’11 marzo, sempre al Sistina, andrà in scena “Il mio secondo Matrimonio”, spettacolo in cui reciterò accanto a Lallo Circosta, Riccardo Graziosi e Francesca Nunzi. Sempre da marzo, infine, sarò anche al cinema, accanto a Bianca Guaccero, nel filmcommedia “Non si può fare l’amore vestiti”

www.forzaroma.info

17


Questo spazio è riservato a tutti i Fans Club o Gruppi organizzati che vogliano far conoscere la propria esistenza e le loro iniziative. L’indirizzo per mandare testi e foto è: redazione@forzaroma.info

Maria Rossi e Stefania Marella consigliere UTR

Le piccole Ginevra, Sofia e Giulia con i titolari del Ristorante Baffone

Natale a Dubai per Mauro Penzo del Roma Club Frascati

Un’immagine di gruppo del pranzo natale UTR il tradizionale incontro per gli auguri per il Personal JetUTR al ristorante Baffone a Nemi

I lupi Internazionali sempre presenti sugli spalti per tifare sempre e comunque Roma.

18

www.forzaroma.info


Il nostro sito internet si è fatto bello

Il nuovo volto di ForzaRoma.info stato il nostro regalo di Natale per i lettori del portale. ForzaRoma.info, uno dei siti internet giallorossi più visitati, si è rifatto il volto. Nuova veste grafica, ed una maggior velocità e completezza nel raggiungere le news aggiornate sempre in tempo reale. Tante indiscrezioni della nostra redazione ed interviste esclusive. Messi in maggior risalto gli spazi riguardanti i Video di nostra produzione e la Fotogallery che a fine gara illustra le migliori azioni del match e le più belle esultanze o scatti del pubblico presente. Su ForzaRoma.info è possibile anche sfogliare in formato Pdf i numeri di questa nostra rivista, compresi gli arretrati e partecipare ad interessanti sondaggi sull’attualità della squadra. Dalle

È

7 di mattina fino alle 23 vengono inserite tante news in tempo reale per consentire al lettore di essere informato a 360 gradi. Ai nostri assidui lettori rinnoviamo l’appuntamento quotidiano sulle nostre pagine web, a quelli che ancora non ci conoscono li aspettiamo tutti i giorni su www.forzaroma.info. Non ve ne pentirete! Massimo Limiti


Roma-Chievo nel passato

Daje de punta! rancesco

all’inizio

che Roma non fa-

premon-

ceva più per lui e

diale 2005-’06, aveva già se-

per il suo ingaggio

gnato in serie A oltre 100 gol,

da fallito di succes-

aveva superato il record (fino

so e se ne era an-

ad allora detenuto da Roberto

dato, insalutato e-

Pruzzo) di marcature con la

sule, a Madrid.

maglia della Roma, era nelle

E così, quando an-

primissime

i

che per le contingenze sopra-

Natale. Ma che sarà anche e

marcatori nel massimo cam-

descritte, Spalletti vara il suo

soprattutto la prima tappa di

pionato ancora in attività. Ma,

4-2-3-1, che prevede nel ruo-

una corsa favolosa che por-

in realtà, da attaccante puro

lo

trequartista-incursore

terà la Roma a inanellare 11

non aveva mai davvero gio-

Perrotta, per il ruolo di attac-

vittorie consecutive, il record

cato.

sublime,

cante centrale unico si fa a-

per la serie A fino a quel mo-

con una magica capacità rea-

vanti proprio il Capitano. Can-

mento. Totti, da prima punta,

lizzativa, era stato visto più

ticchiando. “…Daje de pun-

continuerà in quella galoppa-

che altro come un attaccante

ta…”, si appresta ad inscenare

ta magica a bombardare le

appoggiato da un ariete cen-

una delle sue più riuscite in-

reti avversarie fino a mettere

trale, non certo uno sportella-

terpretazioni del ruolo. Dopo

insieme 15 gol. Sollecitando

tore da area di rigore, unica

un rapido rodaggio nella gara

ovviamente le particolari at-

punta a far legna lì davanti.

del 18 dicembre del 2005

tenzioni nei confronti delle

Ma in quella prima stagione

contro la Samp a Genova, il

sue caviglie da parte dei di-

spallettiana,

così

debutto casalingo del nuovo

fensori delle altre squadre. Fi-

tormentato ed alterno, tutti

modulo e del “nuovo” Totti

no a quando, il 19 febbraio

gli attaccanti in rosa avevano

avviene tre giorni dopo, il 21

del 2006, Vanigli dell’Empoli

avuto, chi più chi meno, pro-

dicembre, contro il Chievo. Il

lo toglie di mezzo frantuman-

blemi ed impedimenti ad as-

Capitano, nel giro di 7’ fra il

dogli una gamba nella quale

sumersi il ruolo. Nonda, dopo

32’ e il 39’, ha già messo al si-

Totti porta ancora segni im-

un inizio stuzzicante, condito

curo il risultato con un tiro

portanti. Ma non gli impedirà

da un gol alla Reggina e una

dalla distanza e un calcio di

di vincere i mondiali del 2006,

doppietta rifilata alla quarta

rigore. Sarà vittoria tranquil-

la Scarpa d’Oro la stagione

giornata al Parma, era evapo-

la, completata dai gol di Per-

successiva, superare i 200 gol

rato nei suoi problemi fisici;

rotta e Taddei, un 4-0 che ci

in A… e chissà ancora quali al-

Antonio Cassano aveva deciso

farà trascorrere un sereno

tre magie ci riserva.

F

della

22

Totti,

stagione

posizioni

Trequartista

dall’inizio

fra

di

www.forzaroma.info

ABBIGLIAMENTO SPORTIVO, CASUAL E CALZATURE

Viale Giustiniano Imperatore 167 Metro San Paolo - tel.: 065417466/9 Viale Leonardo da Vinci 124 - Tel.: 065417488 c/o Centro Commerciale Gran Pavese Viale Cesare Pavese, 100 B I - Tel. 065020530



Forza Roma di Roma-Chievo del 08/01/2011