Page 1

Anno XXV n. 35 SABATO 20 NOVEMBRE 2010

www.forzacosenza.it

SETTIMANALE SPORTIVO

Copia omaggio

SOMMA: “ORA BISOGNA ACCELERARE” IL TECNICO SULLA SITUAZIONE SOCIETARIA: “MAI FARE IL PASSO PIÙ LUNGO DELLA GAMBA” La conferenza stampa tenuta nei giorni scorsi da Mario Somma ha abbracciato un po' tutti gli aspetti che in questo periodo ruotano attorno al Cosenza 1914. Come è giusto che fosse, si parte dall'argomento societario. "Non voglio entrare nel merito della vicenda perché sono arrivato a Cosenza non pensando ad un discorso economico, ma sfruttando l'opportunità che la piazza mi offriva. Se esiste un problema, va però risolto nell'immediato. Ho visto la squadra serena e posso garantire di aver saputo solo venerdì delle controversie in essere, ad ogni modo i ragazzi stanno affrontando tutto con la massima professionalità e nulla ha inciso sulle prestazioni del gruppo. Valuteremo quanto andranno ad incidere queste vicende sul mercato di gennaio e sulla classifica. E' ovvio tuttavia che è rischioso fare passi più lunghi del dovuto e che se ho disponibilità di spendere 500 per comprare una casa, non la prendo per mille". Chiusa la parentesi societaria, si passa ad analizzare l'aspetto tecnico. "Prendere gol subito dopo il pronti via non modifica il nostro atteggiamento, ma favorisce quello di squadre votate al contropiede e ad una difesa chiusa e arcigna. Per

noi cambia poco. Le note positive di Andria sono due: il non mollare mai e l'intensità di gioco. Ancora una volta gli avversari sono usciti con i crampi, segnale che il ritmo del Cosenza dà fastidio. E' vero, tuttavia parliamo di 30 minuti discreti in confronto ad un'ora in cui abbiamo rischiato di subire quattro gol e segnarne uno soltanto". Per il match interno contro il Siracusa Somma dovrà fare i conti con i soliti problemi di organico. Il tecnico prova a disegnare la difesa. "I siciliani hanno due esterni pericolosi, ragion per cui dovrò valutare bene chi sistemare come laterale basso. La situazione che si presentò a Gela era favorevole all'impiego di Scarnato a destra e di Matteini a sinistra. Studierò se riproporlo. Giocherà Wagner dall'inizio visto che Raimondi e Di Bari sono squalificati. Conferme per la cerniera di centrocampo formata da Coletti e De Rose visto che in situazione d'emergenza dobbiamo proteggere la retroguardia". Chiusura dedicata alla classifica. "C'è un grande rammarico se, nonostante mille infortuni, siamo lì ancora aggrappati alle zone calde della graduatoria". a.g.


2

SABATO 20 NOVEMBRE 2010

N U M E R I Diagnostica Echo doppler Fotoringiovanimento del viso - Epilazione definitiva Trattamento inestetismi cutanei e fibrolipomatosi degli arti con elettroporazione Chirurgia laser Varicole - Varici - Nevi - Angiomi - Fibromi - Tatuaggi Trattamento emorroidi col metodo Hal-Doppler

CENTRO S.I.P.I.C. del Dott. RENATO COSCARELLA

COSENZA Viale degli Alimena, 69 - Tel. 0984 25228

www.renatocoscarella.it PISCINA COMUNALE DI COSENZA Via Veterani dello Sport - 87100 Cosenza Tel. 0984.483115 - Fax 0984.506921

®

ApenGroup aermaxline

PISCINA COMUNALE DI LAMEZIA Località Chianta 88046 Lamezia Terme (CZ) Tel.&Fax 0968.4332297

DIVISIONE IMPIANTI SPORTIVI

PISCINA COMUNALE DI MALITO Contrada Cona - Malito (CS) Tel&Fax 0984.968888

www.cogeis.com - info@cogeis.com

CROCIERA NEL MEDITERRANEO a partire da euro 525,00 (tasse ed assicurazioni escluse)

concorso n. 95

ore 14,30

domenica 14 novembre

ore 14,30

domenica 21 novembre domenica 28 novembre

ANDRIA - COSENZA BENEVENTO - CAVESE FOGGIA - TERNANA FOLIGNO - BARLETTA GELA - ATLETICO ROMA JUVE STABIA - NOCERINA SIRACUSA - PISA VIAREGGIO - LUCCHESE VIRTUS LANCIANO - TARANTO BARLETTA - VIAREGGIO BENEVENTO - ANDRIA CAVESE - ATLETICO ROMA COSENZA - SIRACUSA LUCCHESE - FOLIGNO NOCERINA - FOGGIA PISA - VIRTUS LANCIANO TARANTO - JUVE STABIA TERNANA - GELA

ore 14,30

TURNO PRECEDENTE 13a giornata LE PARTITE DI DOMANI 14a giornata PROSSIMO TURNO 15a giornata

CENTRO PRENOTAZIONE CROCIERE RENDE - VIALE KENNEDY,1 TELEFONO 0984 46.46.85

ANDRIA - PISA ATLETICO ROMA - TERNANA FOGGIA - BENEVENTO FOLIGNO - NOCERINA GELA - BARLETTA JUVE STABIA - CAVESE SIRACUSA - TARANTO VIAREGGIO - COSENZA VIRTUS LANCIANO - LUCCHESE

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14

RISULTATI PARZIALI

del 21 novembre 2010

RISULTATI COLONNA FINALI VINCENTE

BRESCIA - CAGLIARI CATANIA - BARI CESENA - PALERMO CHIEVO - INTER LECCE - SAMPDORIA PARMA - LAZIO SORRENTO - ALTO ADIGE CAVESE - ATLETICO ROMA NOCERINA - FOGGIA MONZA - CREMONESE PAVIA - ALESSANDRIA COSENZA - SIRACUSA LUCCHESE - FOLIGNO NAPOLI - BOLOGNA

CLASSIFICA I N 1^ DIVISIONE G I R O N E B PT NOCERINA BENEVENTO ATLETICO ROMA FOGGIA (-1) GELA VIRTUS LANCIANO TARANTO COSENZA FOLIGNO (-1) SIRACUSA JUVE STABIA ANDRIA PISA LUCCHESE TERNANA CAVESE (-5) BARLETTA VIAREGGIO SERIE B

26 25 24 20 19 19 19 18 15 15 14 14 14 13 12 11 11 11 PLAYOFF

G E N E R A L E PARTITE RETI G V N P F S 13 13 12 13 13 13 13 13 13 13 12 13 13 13 12 13 13 12

7 7 7 6 6 4 5 4 4 4 4 3 2 3 3 4 2 2

5 4 3 3 1 7 4 6 4 3 2 5 8 4 3 4 5 5

1 2 2 4 6 2 4 3 5 6 6 5 3 6 6 5 6 5

PLAYOUT

19 16 18 30 18 11 13 13 18 11 14 10 12 14 6 14 13 10

11 12 9 24 16 10 13 12 18 15 13 12 14 16 18 14 18 15

C MI 0 -2 -1 -4 -7 -5 -6 -5 -8 -9 -8 -9 -8 -9 -9 -7 -10 -8

A S A PARTITE RETI V N P F S

F

5 5 2 2 4 4 5 2 1 3 2 1 2 2 3 3 1 2

2 2 5 4 2 0 0 2 3 1 2 2 0 1 0 1 1 0

1 2 2 2 1 2 1 3 3 2 1 5 3 2 1 2 3 2

0 0 2 2 2 1 1 1 3 2 3 1 2 2 2 1 2 1

9 3 10 4 9 7 14 12 11 8 8 5 12 9 5 4 6 10 7 4 8 7 4 4 7 8 7 4 5 6 8 6 8 9 7 5

U O R I PARTITE RETI V N P F S 4 2 1 1 0 5 3 3 1 1 1 0 5 2 2 2 2 3

1 10 8 2 6 8 0 9 2 2 16 12 4 7 8 1 3 5 3 1 4 2 8 8 2 12 8 4 4 11 3 6 6 4 6 8 1 5 6 4 7 12 4 1 12 4 6 8 4 5 9 4 3 10

2^ DIVISIONE

IL PUNTO AL CAMPIONATO Con il pareggio di Casteallammare di Stabia, la Nocerina resta in vetta alla classifica. In svantaggio con una rete di Fabbro, prima pareggia con Negro e poi passa con Catania; Albadoro ristabilisce la parità. Il Benevento batte al “Santa Colomba” la Cavese con una rete di Clemente e vede la vetta sempre più vicina. Terza sconfitta consecutiva per il Gela, seconda tra le mura amiche; l’Atletico Roma passa con le reti di Padella e Franchini.

Di Bigazzi la rete della bandiera gelese. Poker del Foggia alla Ternana; la squadra di Zeman non ha difficoltà a battere i rossoverdi con Insigne su rigore, Sau, Agostinone e Kone. La sconfitta provoca l’esonero di Ferdinando Orsi, ma dopo poche ore il presidente Angelo Deodati cambia idea. Virtus Lanciano e Taranto non si fanno male; partita deludente e giusto 0-0 finale. Il Cosenza strappa un punticino sul campo dell’Andria; la solita distrazione iniziale regala a Moro la rete del vantaggio biancoblu. Il so-

malo Daud ad otto minuti dal termine evita la quarta sconfitta stagionale ai silani. Sfortunato il Siracusa di Ugolotti: in vantaggio per 2-0 al “De Simone” con le reti di Petta e Cosa, prima subisce la rete di Miani poi al 93’ Mosciaro su rigore firma il 2-2, con la squadra nerazzurra in dieci per l’espulsione di Reccolani. Seconda vittoria per il Barletta, la prima fuori dalle mura amiche. A Foligno segnano Bellomo e Simoncelli e la squadra umbra subisce la terza sconfitta interna. Il derby toscano tra Viareggio e Lucchese termina in parità: segna il

rossonero Marotta e pareggia il bianconero D’Onofrio. Nei recuperi dell’undicesima giornata, disputati mercoledì 17 novembre, il Viareggio batte la Ternana per 1-0 con una rete di Marolda, mentre l’Atletico Roma si arrende a Castellammare di Stabia per 3-2: in vantaggio le “vespe” con Mbakoku, l’Atletico prima pareggia con Doudou e poi passa con Esposito. Mezavilla e Corona, che riprende la respinta di Ambrosi su calcio di rigore, regalano alla squadra di Piero Braglia il secondo successo casalingo. Ernesto Pescatore


3

SABATO 20 NOVEMBRE 2010

N E W S

COSÌ DOMENICA SCORSA 13ª Giornata – Domenica 14 novembre 2010 – ore 14:30 Andria – Stadio comunale “Degli Ulivi”

ANDRIA BAT COSENZA

1 1

ANDRIA BAT: Spadavecchia, Fazio, Di Simone, Ceppitelli, Sibilano, Moro (77' Evangelisti), Lacarra (83' Cavalli), Paolucci, Del Core, Chiaretti, Doumbia (70' Pierotti). A disposizione: Locatelli, Thackray, Carretta, Anaclerio. All. A. Papagni. COSENZA: Petrocco, Matteini, Di Bari, Raimondi, De Rose (68' Fiore S.), Fanucci (80' Gagliardi), Daud, Coletti, Biancolino, Degano, Roselli (61' Fiore A.). A disposizione: De Luca, Wagner, Scarnato, Olivieri. All. M. Somma. ARBITRO: Bindoni Daniele di Venezia. ASSISTENTI: Ascione Alfonso di Napoli e Maruccia Vanessa di Avezzano (AQ). MARCATORI: 2' Moro, 82' Daud. NOTE: giornata di sole. Terreno di gioco in discrete condizioni. Spettatori 2.500 circa, di cui 1.828 abbonati, per un incasso di € 12.400,00. Presenti una trentina di tifosi del Cosenza. Andria in maglia blu; Cosenza in completo bianco. Ammoniti: 29' Spadavecchia, 40' Daud, 54' Di Bari, 73' Raimondi, 75' Di Simone. Al 24' Biancolino ha colpito il palo; al 63' Chiaretti ha colpito la traversa. Cosenza privo degli infortunati Bernardi, Essabr, Mazzeo, Giacomini, Musca, Martucci, Chianello e Ungaro; per scelta Galeano. Ex della partita Luca Pierotti e Raffaele Biancolino. Calci d’angolo 6-2 (p.t. 2-1) per il Cosenza. Tempo recuperato: p.t. 2'; s.t. 4'.

CLASSIFICA MARCATORI

GIUDICE SPORTIVO

8 reti Ciofani (2) (Atletico Roma) e Ciano C. (2) (Cavese), Sau (Foggia); 7 reti Catania (Nocerina); 6 reti Innocenti (1) (Taranto); 5 reti Insigne (1) Foggia), Corona (2) (Juve Stabia), Marotta (Lucchese), Carparelli (Pisa), Marolda (Viareggio); 4 reti Franchini (Atletico Roma), Bellomo (Barletta), Evacuo (1) (Benevento), Agodirin (Foggia), Giacomelli (Foligno), Castaldo (Nocerina), Mancino (Siracusa), Turchi (Virtus Lanciano); 3 reti Clemente (1), D’Anna e Pintori (Benevento), Mazzeo (2) (Cosenza), Laribi (Foggia), Coresi e Falcinelli (Foligno), Bigazzi, Stamilla e Franciel (1) (Gela), Albadoro (Juve Stabia), Negro (Nocerina), Biggi (Lucchese), Mosciaro (2) (Pisa), Rantier (Taranto), Miani Simone (Pisa) Longobardi (1) (Viareggio), Di Cecco (Virtus Lanciano); 2 reti Ceppitelli e Berretti (Andria Bat), Balzano ed Esposito (Atletico Roma), Infantino, Lucioni e Simoncelli (Barletta), Schetter (Cavese), Biancolino e Daud (Cosenza), Kone e Romagnoli (Foggia), Fondi, Cavagna e Sciaudone (Foligno), Raimondi A. (Juve Stabia), Docente e D’Anna (Gela), Tarantino (Juve Stabia), Grassi (1) e Bertoli (Lucchese), Galizia (1) (Nocerina), Miani (Pisa), Cosa e De Angelis (Siracusa), Tozzi Borsoi (1) (Ternana);

Comunicato Ufficiale n. 67/div del 16 novembre 2010 Lega Italiana Calcio Professionistico Gare del 14 novembre 2010 Tredicesima giornata d’andata Il Giudice Sportivo Not. Pasquale Marino, assistito dal Rappresentante dell’A.I.A. Cav. Giulio Ciacci, nella seduta del 15 Novembre 2010 ha adottato le deliberazioni che di seguito integralmente si riportano: 1a divisione - Girone B: Società: ammenda di € 5.000,00 alla Juve Stabia; € 3.500,00 al Gela; € 1.500,00 alla Nocerina. Allenatori: squalifica per due gare effettive a Rossi Marco (Cavese), per comportamento offensivo verso la terna arbitrale durante la gara; Masi Simone (Viareggio), per comportamento offensivo verso un assistente arbitrale durante la gara (all. in seconda). Ammonizione con diffida a Braglia Piero (Juve Stabia), per proteste verso l'arbitro durante la gara (espulso). Calciatori espulsi: squalifica per tre gare effettive a Coresi Matteo (Foligno), perché alzatosi dalla panchina avvicinava un calciatore della squadra avversaria che stava per entrare in campo e gli rivolgeva una frase offensiva e di discriminazione territoriale (calc. sostituito). Squalifica per due gare effettive a D’Amico Tony (Gela), per comportamento offensivo verso l’arbitro. Squalifica per una gara effettiva a Palermo Simone (Foggia), per atto di violenza verso un avversario in azione di gioco, Franciel Rodrigo Hengemuhle (Gela), per atto di violenza verso un avversario a gioco fermo, in reazione. Squalifica per una gara effettiva per doppia ammonizione a Simoncelli Daniele (Barletta), entrambe per condotta non regolamentare, Michelotti Emanuel (Lucchese), entrambe per condotta scorretta verso un avversario, Reccolani Alberto (Pisa), per condotta scorretta verso un avversario e per condotta non regolamentare. Calciatori non espulsi: squalifica per una gara effettiva per recidività in ammonizione (IV infr.) a Alfano Gerardo (Cavese), Di Bari Vito e Raimondi Diego (Cosenza), Stamilla Alessio (Gela), Cazzola Riccardo (Juve Stabia), De Franco Ciro (Nocerina), Artistico Mario e Borghetti Pierluigi (Ternana).

IL CAPITANO DEL COSENZA. "C’È BISOGNO DELLA MASSIMA CONCENTRAZIONE"

FIORE: “SERVE PIÙ GRINTA” E DI BARI AFFERMA: “IL CAMPIONATO È ANCORA LUNGO. TUTTO PUÒ ACCADERE” Due settimane fa nel secondo tempo contro il Lanciano, Stefano Fiore, è rientrato in campo dopo un lungo stop che lo aveva costretto a restare fuori dai campi da gioco per un paio di mesi. Adesso il capitano rossoblù è rientrato a tutti gli effetti e non vede l'ora di poter dare una mano ai suoi compagni. "Non mi sono piaciute alcune cose che sono state dette sul mio conto durante l'infortunio e adesso finalmente sul campo posso rispondere con i fatti. Colgo l'occasione per ringraziare il Dott. Costabile che durante una situazione di poca chiarezza sulle mie condizioni si è preso tutta la responsabilità. Ovviamente non era colpa sua ma non mi va di dire di chi erano le responsabilità perché qui ci sono tutti professionisti e tutti possiamo sbagliare". La squadra ancora non riesce ad esprimersi al meglio ed anche contro l’Andria il gioco ha lasciato a desiderare. "Purtroppo nonostante la buona volontà e l'impegno non sempre riusciamo ad essere lucidi e belli. Ancora andiamo a sprazzi e siamo alla ricerca di una quadratura completa". Con il ritorno di Fiore in mezzo al campo la squadra risulta essere a trazione anteriore. "Sicuramente non sarà semplice

giocare con il sottoscritto e quattro attaccanti. In queste categorie non basta la qualità per vincere le partite. Bisogna cercare di mettere la stessa determinazione degli avversari e la qualità deve essere quel qualcosa in più per fare la differenza. Da questo punto di vista dobbiamo cercare un equilibrio". Nei giorni scorsi mister Somma ha fatto riferimento al mercato di riparazione. "Credo che il mister abbia fatto quella dichiarazione semplicemente per stimolare il gruppo e per far capire che chi viene a Cosenza lo deve fare solo per vincere". Finora in campionato non si è vista una squadra capace di recitare un ruolo da protagonista indiscussa. "E' un torneo di livello non eccelso. Il potenziale di questa squadra ancora non è stato espresso. Appena riusciremo a trovare un nostro equilibrio ci esprimeremo al meglio". Finalino dedicato al prossimo avversario dei Lupi. "Domenica sarà una tipica partita di questa categoria e sarà sulla falsariga delle gare precedenti. Perciò dovremo stare molto attenti e scendere in campo con la giusta grinta e determinazione per portare a casa i tre punti". DI BARI. Vito Di Bari in questo inizio di campionato si è dimostrato

Direttore Responsabile FEDERICO BRIA Direzione, Redazione e amministrazione: Via G. Barrio (pal. Filice) COSENZA Tel. 0984.462190

un utile jolly. Somma lo sta schierando indifferentemente come centrale e anche come laterale basso sinistro. Le sue caratteristiche permettono di equilibrare il reparto quando dall'altro lato c'è uno come Matteini abituato a spingere. "Sono un marcatore centrale, è sotto gli occhi di tutti, ma questo non mi impedisce mica di dare il massimo apporto alla squadra in posizione defilata. Mi sono calato nel ruolo di esterno con la massima umiltà, anche se non ho le stesse doti di Giacomini nel trovare il fondo e scodellare traversoni pericolosi verso il centro dell'area di rigore". Il difensore dice di essere ottimista per natura e tiene a sottolineare. "Il campionato è ancora lungo e in Prima divisione tutto è possibile. Purtroppo il Cosenza paga quelle tre sconfitte consecutive, ma per il resto siamo in crescita. Contro L’Andria si poteva e doveva vincere, ma il punto è servito a dare continuità ai risultati. Ecco, la parola giusta in questo momento è continuità". Il futuro prossimo metterà di fronte Cosenza al Siracusa. "Sono gare difficili. Dovremo stare attenti e concentrati per novanta minuti sfruttando le occasioni che ci capiteranno". Fra.Pal.

www.forzacosenza.it Reg. Trib. Cosenza n. 434/1986 Foto e statistiche: Ernesto Pescatore

Per la tua pubblicità TEL. 0984.462190 CELL. 337.872482 Grafica e impaginazione www.melaodesign.com

Stampa LA GRAFICA COMMERCIALE di MARIO TOCCI Via De Cardona, 18-20-32/A Tel. 0984.394140 - COSENZA martocci@tin.it - www.mariotocci.com


4

SABATO 20 NOVEMBRE 2010

N E W S

DIECI ANNI FA CI LASCIAVA L’AVV. FRANCESCO VETERE EX COMMISSARIO DELL’AS COSENZA

VETERE, UNA PASSIONE CHIAMATA COSENZA Dieci anni fa ci lasciava un grande tifoso del Cosenza. Perché questo era l’avvocato Francesco Vetere, ex commissario della vecchia AS Cosenza nella stagione 1974/75. Sabato scorso i familiari e le persone a lui più care lo hanno ricordato a dieci anni dalla sua scomparsa. Insieme al dott. Trotta fecero miracoli in una stagione che, purtroppo, si chiuse con una retrocessione in D a causa della differenza reti. Eppure la gestione societaria fu eccellente tanto da chiudere il bilancio in attiva di ben 35 milioni di lire che, all’epoca, valevano quando fior di milioni di euro nel calcio moderno. Anche noi del Forza Cosenza vogliamo ricordare chi, per tanti anni, si è speso per la causa del Cosenza calcio. Un uomo che verrà sempre ricordato per quell’amore sfrenato verso la squadra della sua città. Anche se a distanza di anni il suo ricordo è sempre vivo e lo sarà nei secoli. Del resto la storia non si dimentica mai! for.cos.

IL BIVACCO Cos'è lo sport nel XXI secolo? Una definizione letta su internet dice così: "lo sport è l'insieme di attività individuali o collettive che impegnano e sviluppano determinate capacità psicomotorie, proposte anche per fini ricreativi salutari". Se fosse così, pochi si lascerebbero affascinare da questo genere di attività e nessuno, probabilmente, passerebbe il suo tempo a seguirne le evoluzioni. Invece, per fortuna, lo sport non è un freddo genere di esercizio fisico. È impegno, determinazione, competizione, e tante altre cose ancora, talmente coinvolgenti che hanno finito col caratterizzare tutto il secolo scorso. Oltre che impegno diretto, lo sport è anche un'attività con un enorme seguito sociale che è da tempo al centro di analisi sociologiche. Queste ultime, purtroppo, illuminano momenti e aspetti specifici ma non sono in grado di spiegare cos'è che determina quel coacervo di passioni in cui si scatenato tempeste d'entusiasmo o di sconforto. Ogni "piazza" ha le sue caratteristiche, d'altronde, e ogni momento è diverso dall'altro. Cosenza non fa eccezione, nel senso che ha peculiarità proprie, legate alle... caratteristiche personali

Quando la società è implosa, nell'estate del 2003, anche chi non vive direttamente di calcio, giornalisti e fotografi in primis, ha avvertito l'enorme distanza tra una serie e un'altra. Ora stiamo galleggiando in quella che una volta era chiamata C1. Non possiamo esserne soddisfatti, tant'è che i programmi societari puntano apertamente alla promozione. Nonostante questo, però, registriamo ancora un certo ritardo in classifica. Ad Andria, ancora una volta, siamo entrati in campo già sul risultato di 1-0 per i nostri avversari. Di questo passo giochiamo partite ad handicap, che recuperiamo con grandi prove d'orgoglio, rischiando l'indicibile ma, alla fine, riuscendo, perlomeno, a riacciuffare il pareggio. Poco se pensiamo alla promozione, tantissimo se vogliamo ancora crederci. Qui torniamo alla lunga premessa: abbiamo tutti voglia di crederci? Mister Somma ha indicato il mercato di mezza stagione come una tappa fondamentale. "Siamo tutti sotto esame", ha detto, ed è vero perché andando avanti di questo passo non si riuscirà neanche a sfiorare l'obiettivo. La

stessa società sta vivendo ore di travaglio, con ciò amplificando le difficoltà di uno spogliatoio non ancora assestato. La prossima settimana rischia di essere determinante. In questo clima da notte dei fantasmi, qualcuno pensa di bivaccare in attesa dell'alba. C'è chi lo fa per autentica passione, passando la notte all'addiaccio per mostrare al mondo il proprio attaccamento ai colori rossoblù. Chi bivacca intorno al Cosenza? Molti sono addetti ai lavori, ed è comprensibile poiché loro, per primi, dovrebbero pensare al bene della squadra. Non solo chi è nella sala dei comandi, ma anche chi ne è escluso, perché la sfera non si ferma mai, per cui vale sempre la regola "oggi a tedomani a me". Anche tra chi bivacca intorno al pallone, senza interessi visibili o confessabili, dovrebbe valere la stessa regola, poiché non solo il giardino ma anche la campagna della serie B è del tutto diversa da quella dell'interregionale. Tuttavia, non per tutti è cosi. Intorno al San Vito, nel chiaroscuro della notte, c'è chi trema e c'è chi spera; chi è accigliato e chi sorride. Agli uni e agli altri va il nostro pensiero... f.b.

DAUD: “POSSO ANCORA CRESCERE” IL COLORED DEL COSENZA ANCORA IN RETE. "ED ORA DOBBIAMO RITORNARE ALLA VITTORIA" Il Cosenza continua la striscia positiva di risultati che dura dalla gara casalinga con il Foligno. Il merito del pareggio ottenuto al Degli Ulivi di Andria è sicuramente di Ayub Daud che ancora una volta con una buona prestazione ed un bellissimo gol ha regalato un punto importantissi-

MERCATO: LA TERNANA VUOLE GATTI, I TIFOSI NO! La Ternana, secondo quanto riportato da Sporterni.it, già in fermento per la vicenda sul tecnico Orsi, prima esonerato e poi richiamato, deve risolvere ora un'altra "grana” riguardante le voci che danno il centrocampista Fabio Gatti, ex capitano del Perugia, in maglia rossoverde nei prossimi giorni. Mentre Alberto Gianni, invece, sta lavorando per portare in dote al tecnico Orsi, Antonio Cardo-

dei protagonisti e delle comparse. Quello che sorprende, da noi, è la continuità con la quale reiteriamo gli stessi comportamenti pur in momenti diversi e in condizioni, all'apparenza, lontane tra loro. Proviamo a fare una radiografia della situazione: teoricamente tutti vorrebbero la squadra sempre più alto. Chi vive di calcio ne avrebbe un immediato interesse, anche economico. In tanti anni di militanza nelle diverse categorie, è nata, anche dalle nostre parti, una classe di "tecnici" che, nel Cosenza o altrove, ha sviluppato la propria vita professionale nel mondo del pallone. Non solo nel ruolo di calciatore, intendo. Nell'ultimo quarto di secolo abbiamo avuto la fortuna di vivere molti campionati di Serie B che, per quanto sia alle spalle del paradiso, rappresenta una rampa di lancio molto interessante. È da lì che hanno preso il volo Beppe Bozzo, Maurizio Guido e Luigi Novello, per non parlare di chi corre in mezzo al campo. Ma, anche senza allontanarsi troppo dai confini regionali, sono tanti i cosentini che "vivono di calcio" ad ogni latitudine. Per loro, se la squadra è in serie B o in serie D fa una grande differenza.

INTORNO AL SAN VITO, NEL CHIAROSCURO DELLA NOTTE, C'È CHI TREMA E C'È CHI SPERA; CHI È ACCIGLIATO E CHI SORRIDE. AGLI UNI E AGLI ALTRI VA IL NOSTRO PENSIERO...

na, un ternano purosangue che la tifoseria vorrebbe rivedere in squadra al più presto. Un giocatore, Cardona, che farebbe al caso della Ternana perché è quel giocatore che manca attualmente in mediana. Insomma, la piazza vorrebbe senza mezzi termini il ritorno di Cardona in maglia rossoverde e non l'arrivo di Gatti che, negli anni passati, è stato il simbolo dei cugini perugini.

mo ai Lupi. “Siamo contenti per il pareggio ottenuto anche se c’è un po’ di rammarico per non aver conquistato i tre punti. Per quanto riguarda il gol ho sfruttato un grandissimo assist di Matteini e di testa ho battuto Spadavecchia”. I lupi hanno avuto un inizio di gara non brillante ri-

trovandosi poi nel secondo tempo. “Abbiamo avuto una partenza a rilento e siamo stati freddati dal gol dei pugliesi nei primi minuti. Nella ripresa con l’ingresso dei fratelli Fiore abbiamo cominciato a far girare la palla e a creare pericoli agli avversari. “ Dado come nella gara di

Gela anche in questa trasferta è risultato decisivo andando ancora una volta in rete. “Sono molto felice per il gol e spero di continuare a segnare ancora tanto per dimostrare il mio valore e dare tante soddisfazioni a tutti i tifosi rossoblù”. Antonello Greco


5

SABATO 20 NOVEMBRE 2010

C O S E N Z A

v s

S I R A C U S A

IL SIRACUSA

I PRECEDENTI AL “SAN VITO”

SIRACUSA SCONFITTO 19 VOLTE A CURA DI ERNESTO PESCATORE

Cosenza e Siracusa si sono affrontate nella Città dei Bruzi per ben 29 volte. In vantaggio i “lupi” con 19 vittorie; tra queste, ricordiamo quelle con punteggi eclatanti, quali il 4-2 nel 1931-32, il 5-1 nel 1933-34, il 6-0 nel 1945-46 e, per finire, lo “storico” 4-3, di cui riportiamo il tabellino.

In campionato Partite disputate

29

Vittorie Cosenza

19

Pareggi Vittorie Siracusa

6 4

Reti Cosenza

52

Reti Siracusa

19

In Coppa Italia Partite disputate:

1

Vittorie Cosenza:

0

Pareggi:

1

Vittorie Siracusa:

0

Reti Cosenza:

0

Reti Siracusa:

0

2-0

Ultimo pareggio 09.12.1973

AL SAN VITO ARRIVA L’EX Dopo una settimana interminabile ecco che l’attenzione si sposta sul campo da gioco. Il Cosenza, in serie utile, è pronto ad ospitare il Siracusa che, dopo un inizio difficile, è riuscito a risalire la china. Il tecnico di Latina, Mario Somma, per la gara contro i siciliani dovrà praticamente inventarsi la difesa visto che il giudice sportivo ha squalificato per un turno Raimondi e Di Bari. Sicura sarà la presenza di Wagner in mezzo alla difesa al fianco di Fanucci. Per quanto riguarda gli esterni, invece, Matteini dovrebbe agire sulla corsia di destra mentre Bernardi, che oggi si è regolarmente allenato con il gruppo, potrebbe essere inserito sulla sinistra. Sul giocatore lametino, però, ci sono molto dubbi visto che non gioca da molto tempo e nella scorsa settimana si era fermato a causa del solito fastidio al ginocchio. Da non escludere un possibile utilizzo come terzino destro di Scarnato con Matteini spostato a sinistra. In avanti previsto il rientro di Mazzeo. Nel Siracusa previsto l’utilizzo dell’ex Vincenzo Cosa. tdf Cosenza, stadio comunale “San Vito” Domenica 21 novembre 2010 – ore 14:30 COSENZA SIRACUSA PETROCCO SCARNATO MATTEINI DE ROSE FANUCCI WAGNER DEGANO COLETTI BIANCOLINO MAZZEO DAUD

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

BAIOCCO STRIGARI LUCENTI DI SILVESTRO PETTA IGNOFFO BONGIOVANNI MANCOSU COSA MANCINO GIORDANO

ALLENATORE MARIO SOMMA GUIDO UGOLOTTI

0-0

Ultima sconfitta 19.12.2004 Cosenza – Siracusa

Giovanni Domenico Davide Daniele Paolo Daniele Liborio Valerio Vincenzo Marco Davide Antonio Massimo Carmine Giorgio Giovanni Giovanni Giorgio Nicola Marco Davide Andrea Angelo Ottavio Luca Fernando Horacio Antonio Guido (dalla 6ª)

Ruolo A C A C P C A D A A C C P C C D D C C C D D A P C D

2 2

SIRACUSA (4-4-2): Baiocco 5,5 Strigari 5,5 Lucenti 6, Di Silvestro 5,5 Petta 6 (81' Iodice), Ignoffo 5,5, Bongiovanni 7 (76' Desideri sv), Mancosu 6,5 (85' Bufalino sv), Cosa 6,5 Mancino 6,5 Giordano 7. A disposizione: Fornoni, Giurdanella, Biondo, Provenzano. All.: G. Ugolotti. PISA (4-4-2): Lanni 6, Ton 6,5 Gimmelli 5 (56' Audel 6), Amoroso 6,5 Calori 5,5 Bizzotto 6,5 Tabbiani 6 (69' Mosciaro 6,5), Reccolani 5,5 Miani 6,5 Carparelli 6 (59' Obodo 6), Favasuli 6,5. A disposizione: Pugliesi, Anania, Cerone, Perez. All.: S. Cuoghi. ARBITRO: Cifelli di Campobasso. ASSISTENTI: Tiburzi di Roma 1 e Felici di Ciampino. MARCATORI: 7' Petta (S), 17' Cosa (S), 18' Miani (P), 93' Mosciaro (rig.) (P). Note: giornata soleggiata, temperatura mite. Spettatori 2.674, compresa quota abbonati; incasso di euro 21.400, compresa quota abbonati. Espulso al 56' Reccolani (P) per doppia ammonizione. Calci d’angolo 7-4 per il Pisa. Tempo recuperato: p.t. 1'; s.t. 4'.

0-0

13.04.2008

Cosenza – Siracusa

Abate Aliperta Arigò Avvantaggiato Baiocco Biondo Bongiovanni Capocchiano Cosa De Angelis Desideri Di Silvestro Fornoni Giordano Giurdanella Ignoffo Iodice Lucenti Mancino Mancosu Moi Petta Rosella Scordino Spinelli Strigari Ugolotti

SIRACUSA PISA

Ultima vittoria Cosenza – Siracusa

Nome

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 All.

L’ULTIMA PARTITA

31.01.1993

Vincenzo Cosa

Cognome

Tredicesima giornata, domenica 14 novembre 2010 Siracusa, Stadio comunale “Nicola De Simone”

Prima partita disputata Fidelis Andria-Cosenza

N.

1-2

IL CAMMINO IN CAMPIONATO LA PARTITA STORICA Campionato 78-79 Serie C2, girone D - 20ª giornata Domenica 18 febbraio 1979

COSENZA SIRACUSA

4 3

COSENZA: Lattuada, Luxoro, Riva, Cecilli, Gatti, Spadaro (20' De Chiara), Braglia, Canetti, Mauti, Liguori, Berardi. A disposizione: Tanagli, Iurlo. All. A. Soncini. SIRACUSA: Bellavia, Favero, Culotti, Agosti, De Simone, Crippa, Petraccini, Biasiolo, Biagetti, De Pasquale (67' Lorusso) Ballarin. A disposizione: Fazzino, Belfiore. All. C. Facchin. ARBITRO: Mele di Bergamo. MARCATORI: 5' Biasiolo, 11' Biagetti (aut.), 52' Biagetti, 54' Liguori, 65' Braglia, 83' Petraccini, 84' De Chiara. NOTE: pomeriggio fresco. Spettatori 8.000 circa per un incasso lordo di 18 milioni circa. Espulso al 71' Favero per somma di ammonizioni. Ammoniti: Agosti, Riva e Gatti. Calci d’angolo 113 (p.t. 8-2) per il Cosenza. Gara emozionante e risultato mitico, di messicana memoria. Gara ricca di finezze stilistiche e caratterizzata da continui capovolgimenti di fronte: l’incessante altalena delle segnature ha tenuto gli spettatori col fiato sospeso per tutti i novanta minuti per un successo tra i più belli degli ultimi anni.

Prima giornata – 22 agosto Siracusa - Atletico Roma 0-1 83' Ciofani Seconda giornata – 29 agosto Viareggio - Siracusa 1-0 39' Marolda Terza giornata – 5 settembre Siracusa - Andria Bat 0-1 80' Paolucci Quarta giornata – 12 settembre Juve Stabia - Siracusa 5-0 57' e 70' Corona - 78' Albadoro - 91' Raimondi - 92' Valtulina Quinta giornata – 19 settembre Benevento - Siracusa 1-0 29' Evacuo Sesta giornata – 26 settembre Siracusa - Nocerina 2-0 14' Mancino - 44' De Angelis Settima giornata – 03 ottobre Cavese - Siracusa 3-1 8' Turienzo (C) - 11' Mancino (S) - 42' Di Napoli (C) - 55' Ciano C. (C) Ottava giornata – 10 ottobre Siracusa - Barletta 1-0 90' Moi Nona giornata – 17 ottobre Foligno - Siracusa 1-1 6' De Angelis (S) - 88' Cavagna (F) Decima giornata – 24 ottobre Siracusa - Virtus Lanciano 0-0 Undicesima giornata – 31 ottobre Foggia - Siracusa 0-2 22' e 33' Mancino Dodicesima giornata – 07 novembre Siracusa - Gela 2-0 27' Bongiovanni - 58' Cosa Tredicesima giornata – 14 novembre Siracusa - Pisa 2-2 7' Petta (S) - 17' Cosa (S) - 18' Miani (P) - 93' Mosciaro (rig.) (P)


6

SABATO 20 NOVEMBRE 2010

N E W S

COVISOC: DALLE SCADENZE ALLE PENALIZZAZIONI Nei giorni scorsi è stato pubblicato dal sito calciopress.com un articolo molto interessante su quanto concerne i controlli Covisoc oltre che su date e termini ultimi. Riproponiamo l’articolo convinti che possa essere utile a tutti quei lettori che vogliono realmente capire come avvengono i controlli e quali possono essere le possibili sanzioni in caso di inadempienze. Per i club professionistici del calcio italiano, a partire dal 15 novembre 2010, si prospettano tempi duri in materia di verifiche contabili effettuate dalla Covisoc per conto della Figc. Le società di Serie A, grazie ai soldi iniettati nel sistema dalle pay tv, resteranno verisimilmente indenni dalla stretta sui controlli introdotta dalle nuove norme federali. Per la Serie B e soprattutto per la Lega Pro, viceversa, il futuro si prospetta piuttosto incerto. Le 132 società italiane previste dal format statutario della Federcalcio erano già apparse in grande difficoltà al termine della stagione scorsa scorsa, soprattutto in Prima e Seconda Divisione di Lega Pro: il Consiglio Federale, nel luglio scorso, escluse dai rispettivi campionati ben venti club tra terza e quarta divisione. A partire dal 15/11/2010 sarà introdotto dalla Covisoc, sulla effettiva liquidazione degli stipendi dovuti a giocatori e dipendenti, un regime di controllo molto più rigoroso e stringente che in passato. Dopo le modifiche statutarie apportate agli art. 77 e seguenti delle NOIF, il sistema delle verifiche sulla regolarità nei pagamenti dovuti dai club professionistici risulta allo stato profondamente modificato. Dalla stagione sportiva 2010/11 viene infatti notevolmente ridotto il lasso di tempo entro cui le società devono dimostrare di aver saldato gli stipendi. Inoltre, sono state introdotte sanzioni molto severe in caso di violazioni dei parametri normativi (art. 10 CGS). Esaminiamo, nel dettaglio, le novità principali. Un elenco apparentemente arido di re-

gole che, in realtà, cela una pioggia di deferimenti alla Commissione Disciplinare Nazionale da parte della Procura Federale - Pagamento delle ultime mensilità della stagione sportiva 2009/10 - Entro il 15 settembre 2010. Le società di Serie B dovranno saldare le mensilità residue di aprile, maggio e giugno 2010 con relativi obblighi fiscali e previdenziali e le società di Serie A e Lega Pro (Prima e Seconda Divisione) quelle di maggio e giugno 2010. Se queste prescrizioni non saranno osservate, le società saranno sanzionate con la penalizzazione di 1 punto in classifica da scontarsi nel campionato 2010/11. E’ importante tuttavia sottolineare che i calciatori non devono necessariamente attendere il 15 settembre per ottenere il pagamento delle tre o due mensilità arretrate (si tratta di un termine che può essere concesso alle società): a partire dell’1 luglio 2011 hanno infatti il diritto di chiedere al Collegio Arbitrale la condanna della società a corrispondere tutte le mensilità residue. - Stipendi, ritenute e contributi previdenziali relativi alla stagione sportiva 2010/11. Le società devono documentare alla Figc entro 45 giorni dalla chiusura di ciascun trimestre, l’avvenuto pagamento di tutti gli emolumenti nonché delle ritenute Irpef, dei contributi Enpals e Fondo Fine Carriera dovuti, sino alla chiusura del predetto trimestre ratificati. Gli stipendi devono essere corrisposti esclusivamente a mezzo bonifico bancario sul conto corrente indicato dai calciatori in sede di sottoscrizione del contratto. Pertanto, a puro titolo di esempio, per evitare sanzioni gli stipendi relativi ai mesi di luglio, agosto e settembre dovranno essere corrisposti non più entro il 31 dicembre, ma entro il 15 novembre 2010. Sanzioni – Le penalizzazioni inflitte in caso di inadempienza alle scadenze di cui al punto 2. sono molto pe-

santi, i controlli assumeranno cadenza trimestrale e la prima scadenza è quella del 15 novembre 2010. Vediamole in sintesi: a) Il mancato pagamento entro il 15 novembre 2010 degli emolumenti dovuti fino alla chiusura del primo trimestre (30 settembre 2010) comporta l’applicazione della sanzione pari ad almeno 1 punto di penalizzazione in classifica. La stessa sanzione verrà inoltre applicata in caso di mancato di mancato pagamento delle ritenute Irpef, dei contributi Enpals e del Fondo di Fine Carriera. b) Il mancato pagamento entro il 15 febbraio 2011 degli emolumenti dovuti fino alla chiusura del secondo trimestre (31 dicembre 2010), comporta l’applicazione della sanzione pari ad almeno 1 punto di penalizzazione in classifica + 1 punto per il persistente mancato pagamento degli emolumenti relativi al I° trimestre. Le stesse sanzioni verranno inoltre applicate in caso di mancato di mancato pagamento delle ritenute Irpef, dei contributi Enpals e del Fondo di Fine Carriera. c) Il mancato pagamento entro il 15 maggio 2011 degli emolumenti dovuti fino alla chiusura del terzo trimestre (31 marzo 2011) comporta l’applicazione della sanzione pari ad almeno 1 punto di penalizzazione in classifica da scontarsi nella stagione sportiva successiva al trimestre di riferimento. Inoltre, per il persistente mancato pagamento degli emolumenti relativi al I e II trimestre andranno aggiunti ulteriori 2 punti di penalizzazione. Le stesse sanzioni verranno inoltre applicate in caso di mancato di mancato pagamento delle ritenute Irpef, dei contributi Enpals e del Fondo di Fine Carriera. d) Infine, il mancato pagamento entro il 15 agosto 2011 degli emolumenti dovuti fino alla chiusura del quarto trimestre (30 giugno 2011), comporta l’applica-

zione della sanzione pari ad almeno 1 punto di penalizzazione in classifica da scontarsi nella stagione sportiva successiva al trimestre di riferimento. Inoltre, per il persistente mancato pagamento degli emolumenti relativi al I e II trimestre andranno aggiunti ulteriori 3 punti di penalizzazione. Le stesse sanzioni verranno inoltre applicate in caso di mancato di mancato pagamento delle ritenute Irpef, dei contributi Enpals e del Fondo di Fine Carriera. Licenze Nazionali. Si deve peraltro precisare che le disposizioni relative al pagamento degli emolumenti relativi al quarto trimestre andranno necessariamente coordinate con quelle fissate annualmente dal Consiglio Federale e valide per l’ottenimento delle Licenze Nazionali propedeutiche all’iscrizione ai campionati. SPETTATORI. Sempre calciopress ha proposto qualche giorno fa i dati di afflusso negli stadi della terza serie nazionale inglese, tratti dal sito web britannico della categoria. Un elemento di riflessione e di confronto per gli addetti ai lavori che si occupano di calcio professionistico minore in Italia. Sempre calcio press ha provato a fare la stessa cosa anche per la Prima Divisione di Lega Pro (ex serie C1) per trarre altrettanti spunti di meditazione. Il sito web ufficiale della Lega di Firenze non riporta però alcun dato statistico, nonostante sia stata già disputata la sesta giornata di campionato nel girone A e nel girone B. Già su questo punto ci sarebbe parecchio da dire. Pertanto i dati sono stati tratti dal sito specializzato del web Digilander, che da anni fa fede in materia. Mancano i dati relativi al Foggia, che ha giocato le prime due gare interne della stagione a porte chiuse. Di seguito i dati riportati sul sito calcio press.com.

A (54) e Girone B (50). Le presenze totali sono 247.294, per una media generale per gare pari a 2.173 (2.173 nel raggruppamento A e 2.559 in quello B). Nel Girone A gli spettatori sono stati 117.337. Di questi 37.553 (circa un terzo) sono imputabili a due sole società: Hellas Verona (20.761) e Salernitana (16.792). Nel Girone B le presenze ammontano a 129.957.

PRIMA DIVISIONE (dati generali). I numeri si riferiscono a un totale di 104 partite disputate tra Girone

La partita più vista è stata Pisa-Nocerina (6.000), quella meno Atletico Roma-Benevento (550)

GIRONE A. Sono state prese in considerazione 54 partite, alle quali hanno assistito 117.337 spettatori (media/gara pari a 2.173). La classifica delle prime cinque posizioni, calcolata sulla media/gara, è la seguente: 1.Hellas Verona 2. Salernitana 3. Spezia 4. Cremonese 5. Reggiana

10.381 5.597 3.461 3.081 3.001

Questa invece la classifica delle ultime posizioni: 16. Pergocrema 17. Sorrento 18. Lumezzane

910 854 350

La partita più vista è stata Hellas Verona-Sudtirol (10.690), quella meno Lumezzane-Spal (500) GIRONE B. Sono state prese in considerazione 50 partite, alle quali hanno assistito 129.957 spettatori (media/gara pari a 2.599). La classifica delle prime cinque posizioni, calcolata sulla media/gara, è la seguente: 1. Pisa 2. Taranto 3. Cosenza 4. Nocerina 5. Barletta

5.763 5.087 3.736 3.667 3.297

Questa invece la classifica delle ultime posizioni: 16. Foligno 1.173 17. Viareggio 852 18. Atletico Roma 465


7

SABATO 20 NOVEMBRE 2010

N E W S

BERRETTI: RIECCO IL COSENZA! VITTORIA PESANTE CONTRO IL TRAPANI (2-1). LUPACCHIOTTI IMBATTIBILI FRA LE MURA AMICHE Dopo il passo falso in un match comunque ben giocato contro la Cavese, ritorna alla vittoria la Berretti di Marulla che spazza via anche il Trapani. E lo fa con il piglio della grande squadra perché l’undici di rossoblù, sull’uno a uno ed in un secondo tempo nervoso ha trovato il nuovo vantaggio e ha gestito il risultato senza subire, anzi sfiorando a più riprese il tris. Il match, dopo il fischio d’inizio, è stato equilibrato per i primi quindici minuti, in cui le squadre hanno giocato prevalentemente a centrocampo senza regalare grosse emozioni. Al 18’ però i rossoblù hanno trovato il punto del vantaggio. Angelico è caparbio nel conquistare la sfera, vincere un rimpallo e dribblare un uomo in

area prima di battere Giunta. Piromallo e soci spingono ancora e il Trapani sembra frastornato. Ci prova Maestri ma il portiere ospite fa buona guardia. Viscardi invece non trova la sfera poco dopo su un assist di Sisca. Gli ospiti si riorganizzano e al 38’ arriva il pareggio. Da una verticalizzazione dalla sinistra nasce l’occasione per Sassano, il migliore dei suoi, che entra in area e trova il diagonale vincente. La compagine siciliana ci crede e nel finale della prima frazione cerca il vantaggio ma la difesa rossoblù, guidata da Terranova e Napolitano fa buona guardia. La ripresa inizia con le due squadre determinate e pronte a vincere. Gli ospiti ci provano con Vitale e Virardo ma in entrambi i

casi Muto è bravo. Il Cosenza gioca con ordine e al 61’ passa. Maglione infatti sistema la sfera e batte una punizione da posizione centrale. Palla sotto la traversa e raddoppio meritato. Il vantaggio scuote gli ospiti e la partita si incattivisce. I lupacchiotti però non perdono la testa e sfiorano il tris con Terranova prima e Maestri poi, ma i giocatori, entrambi bravi a colpire la sfera di testa, trovano i guantoni del portiere siciliano. Al 90’ è festa grande per la squadra di Marulla che migliora di giornata in giornata dimostrando di essere un gruppo compatto con grandi qualità e soprattutto tanta voglia di emergere e vincere. Francesco Palermo

COSENZA TRAPANI

2 1

COSENZA: Muto, Sisma M, Maglione, Piromallo (46’ Gerace), Napolitano, Terranova, Sisca F, Naccarato (58’ Altomare), Viscardi (58’ Santoro), Maestri, Angelico. A disp: Perri, De Rose O, Di Martino, De Rose F. All: Luigi Marulla. TRAPANI: Giunta, Turturici, Sercia R, Alletto, Conigliaro, Martinez, Sassano, Vitale, Sercia G, Bono (62’ Sparantino), Verardo. A disp: Maniguerra, Scuderi, Alogna, Cangelusi, Pellegrino, Corso. All: Gabriele Mariano. MARCATORI: 18’ Angelico, 34’ Sassano, 61’ Maglione. NOTE: Spettarori 200 circa. Amm: Gerace, Napolitano, Sisca F. Angoli: 5-1. Recupero 1’ pt, 5’ st.


Forza Cosenza n. 35  

Forza Cosenza settimanale sportivo Rosso Blu

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you