Issuu on Google+

Anno XXV n. 32 SABATO 30 OTTOBRE 2010

www.forzacosenza.it

SETTIMANALE SPORTIVO

Copia omaggio

COSENZA, IN…SOMMA! Insomma è un avverbio. Come ogni lemma della lingua italiana può essere usato in diversi modi a seconda dell'accezione con la quale si intende usare. Dopo aver visto la vittoria contro il Foligno, noi, che non vogliamo farci mancare niente, vogliamo usare il termine in tutti i modi possibili. Cominciamo dal primo, il significato assoluto: insomma viene usato, confidenzialmente, per dire che le cose vanno così così, né bene né male. Insomma, che volete che vi dica? dopo la vittoria di oggi non possiamo certo esultare esaltandoci. Uno spettatore pagante (a proposito, quanta poca gente quando le cose non vanno bene...) avrebbe tutto il diritto di strabuzzare gli occhi e scuotere la testa. Se Mazzeo pare giocare con la pressione bassa; se Fanucci sembra uscito da una balera; se Coletti ha gettato la bussola, la nostra navigazione non può che procedere a... vista. E per fortuna che Ciccio IV De Rose (prossimamente parleremo della dinastia dei Ciccio rossoblù) si traveste da Marchese di Carabas, altrimenti sarebbero guai seri per tutti. Ma il prode Ciccio, così facendo, è costretto ad usare dardi che non fanno parte del suo turcasso. Non solo c'è il rischio di mettere in mostra il lato meno bello del nostro gioiello, quanto quello di bloccargli una crescita che promette davvero gran-

di cose. A proposito di crescita, ma cosa mangiano tutti i calciatori delle squadre che vengono a giocare al San Vito? Concediamo a tutti centimetri e corsa in quantità e modalità imbarazzanti. Daud e Degano ne sono l'emblema, fai fatica a pensare che voleranno con i campi leggeri; nel frattempo volano per davvero, ma lo fanno ad ogni contrasto. In tempi di crisi si prende quello che passa il convento, per carità, ma è difficile sentirsi satolli. Perciò, la vittoria sul Foligno ci soddisfa ma, insomma, maturando al termine di una partita così così, dopo un periodo buio, non può certo appagarci. Insomma, però, è un termine che può essere usato anche come esclamazione: "insomma, tornate a giocare come sapete!" Quanti hanno pensato di gridarlo ai calciatori rossoblù? Beh, magari, sgolandosi dalle tribune, avranno usato parole diverse... ma il significato può essere condiviso da molti. Insomma! Ora basta pettinare le bambole! Volete giocare o no? A volte, l'atteggiamento indolente di alcuni sembra davvero oltrepassare la soglia dell'irritazione. L'ultimo significato, quello che, tra tutti, preferiamo deriva dal latino: in summa, in tutto, alla fine, concludendo. Alla fine di ogni genere di ragionamento, uno striscione che avrebbe diritto all'eternità recitava: "il Cosenza non si discute, si ama". Alla fine di tutto, dunque, pur considerando le incertezze nei rinvii di Petrocco; pur tenendo presente i confini Di Bari; pur ricordando ogni genere di infortunio e, soprattutto, i biblici tempi di recupero; insomma, alla fine di tutto ciò, non possiamo non valutare la parte dogmatica del calcio. Quando si arriva al nocciolo, infatti, bisogna decidere da che parte stare: tifiamo Cosenza solo quando i risultati sono esaltanti? O accettiamo di esaltare al buio nella speranza di esaltarci alla... luce del sole? Insomma, alla fine di un pomeriggio nuvoloso, un raggio di sole può ancora farsi spazio fra i nembi. E in quel momento radioso può anche capitare di vedere Raffaele Biancolino scattare come una gazzella e azzannare come un leone. Insomma, per fortuna s'è scordato di fare il... pitone, ed è andata com'è andata. Ma, alla fine, consentiteci, il significato più... significativo di insomma, non lo troverete sul vocabolario. Se provate a maggiorare la S, inSomma, potrete percepire la vera potenzialità di questa parola. Dopo aver visto il miracolo Matteini, in Somma (Mario) noi speriamo e ci affidiamo a lui per ravvivare una fiamma che sembra ancora troppo tenue per darci la luce che vorremmo.


2

SABATO 30 OTTOBRE 2010

N U M E R I Diagnostica Echo doppler Fotoringiovanimento del viso - Epilazione definitiva Trattamento inestetismi cutanei e fibrolipomatosi degli arti con elettroporazione Chirurgia laser Varicole - Varici - Nevi - Angiomi - Fibromi - Tatuaggi Trattamento emorroidi col metodo Hal-Doppler

CENTRO S.I.P.I.C. del Dott. RENATO COSCARELLA

COSENZA Viale degli Alimena, 69 - Tel. 0984 25228

www.renatocoscarella.it PISCINA COMUNALE DI COSENZA Via Veterani dello Sport - 87100 Cosenza Tel. 0984.483115 - Fax 0984.506921 PISCINA COMUNALE DI LAMEZIA Località Chianta 88046 Lamezia Terme (CZ) Tel.&Fax 0968.4332297

DIVISIONE IMPIANTI SPORTIVI

PISCINA COMUNALE DI MALITO Contrada Cona - Malito (CS) Tel&Fax 0984.968888

Via G. Marconi · Pal. Grimoli · Cosenza info e prenotazioni 328.7956819 · 349.2831278

www.cogeis.com - info@cogeis.com

CROCIERA NEL MEDITERRANEO a partire da euro 525,00 (tasse ed assicurazioni escluse)

concorso n. 87

ore 15,00

domenica 24 ottobre

ore 15,00

domenica 31 ottobre

ANDRIA - JUVE STABIA ATLETICO ROMA - FOGGIA CAVESE - LUCCHESE COSENZA - FOLIGNO GELA - VIAREGGIO PISA - BENEVENTO SIRACUSA - VIRTUS LANCIANO TARANTO - BARLETTA TERNANA - NOCERINA ANDRIA - BARLETTA BENEVENTO - LUCCHESE FOGGIA - SIRACUSA FOLIGNO - PISA GELA - COSENZA JUVE STABIA - ATLETICO ROMA NOCERINA - TARANTO VIAREGGIO - TERNANA VIRTUS LANCIANO - CAVESE

ore 15,00

domenica 7 novembre

PROSSIMO TURNO 12a giornata

LE PARTITE DI DOMANI 11a giornata

TURNO PRECEDENTE 10a giornata

CENTRO PRENOTAZIONE CROCIERE RENDE - VIALE KENNEDY,1 TELEFONO 0984 46.46.85

ATLETICO ROMA - ANDRIA BARLETTA - BENEVENTO CAVESE - VIAREGGIO COSENZA - VIRTUS LANCIANO LUCCHESE - NOCERINA PISA - FOGGIA SIRACUSA - GELA TARANTO - FOLIGNO TERNANA - JUVE STABIA

0-1 3-3 1-0 1-0 0-0 1-1 0-0 2-2 0-3

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14

RISULTATI PARZIALI

del 31 ottobre 2010

RISULTATI COLONNA FINALI VINCENTE

PALERMO - LAZIO BARI - UDINESE BRESCIA - NAPOLI CAGLIARI - BOLOGNA CESENA - SAMPDORIA PARMA - CHIEVO CREMONESE - SALERNITANA PAVIA - COMO BENEVENTO - LUCCHESE ALESSANDRIA - REGGIANA SPEZIA - RAVENNA FOLIGNO - PISA VIAREGGIO - TERNANA CATANIA - FIORENTINA

CLASSIFICA I N 1^ DIVISIONE G I R O N E B PT NOCERINA ATLETICO ROMA GELA TARANTO BENEVENTO VIRTUS LANCIANO FOGGIA JUVE STABIA COSENZA FOLIGNO PISA LUCCHESE CAVESE VIAREGGIO ANDRIA TERNANA SIRACUSA BARLETTA SERIE B

21 20 19 18 18 16 15 13 13 12 12 11 10 10 9 9 8 6 PLAYOFF

G E N E R A L E PARTITE RETI G V N P F S 10 9 10 10 10 9 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10

6 6 6 5 5 4 4 4 3 3 2 3 2 2 2 2 2 1

3 2 1 3 3 4 3 1 4 3 6 2 4 4 3 3 2 3

1 1 3 2 2 1 3 5 3 4 2 5 4 4 5 5 6 6

PLAYOUT

16 16 16 12 12 10 24 11 8 14 8 12 10 9 8 4 5 10

9 7 9 9 10 7 21 9 9 14 9 13 13 12 11 13 13 17

C MI 0 +1 -2 -3 -2 -2 -3 -6 -5 -6 -6 -7 -7 -6 -8 -8 -9 -10

A S A PARTITE RETI V N P F S

F

4 2 4 5 3 4 1 2 2 1 2 2 2 2 1 2 2 1

2 4 2 0 2 0 3 2 1 2 0 1 0 0 1 0 0 0

1 1 1 1 2 1 2 0 2 2 3 1 2 1 3 1 1 2

0 1 0 0 0 0 1 3 1 2 1 2 1 1 1 2 2 2

8 3 9 6 9 3 11 6 7 3 8 3 10 10 6 5 4 3 5 7 6 6 7 4 6 6 6 4 3 3 3 5 3 2 7 8

U O R I PARTITE RETI V N P F S 2 1 0 2 1 3 1 1 2 1 3 1 2 3 0 2 1 1

1 8 6 0 7 1 3 7 6 2 1 3 2 5 7 1 2 4 2 14 11 2 5 4 2 4 6 2 9 7 1 2 3 3 5 9 3 4 7 3 3 8 4 5 8 3 1 8 4 2 11 4 3 9

2^ DIVISIONE

IL PUNTO AL CAMPIONATO Cambio al vertice del girone B di prima divisione. L’Atletico Roma, nell’anticipo di sabato, rischia un nuovo ko in casa con il Foggia ma, grazie a Baronio, a 9’ dal termine agguanta i rossoneri sul 3-3. La Nocerina sbanca Terni con una doppietta di Catania ed una rete di Filosa, e adesso guarda tutti dall’alto, aspettando il recupero di mercoledì 27 tra Atletico Roma e Virtus Lanciano. Il Gela, dopo quat-

tro vittorie consecutive al “Vincenzo Presti”, deve dividere la posta in palio con il Viareggio. Il Benevento deve accontentarsi di un punto all’“Arena Garibaldi” di Pisa: in vantaggio con un rigore di Clemente al 43’, i nerazzurri pareggiano dopo nove minuti con Miani. Il derby pugliese tra Taranto e Barletta finisce 2-2. I delfini, dopo ben cinque vittorie consecutive tra le mura amiche, passano in vantaggio con il solito Innocenti, alla sua quinta rete stagiona-

le, poi subiscono le reti di Bellomo e Simoncelli. Ad otto minuti dal termine ci pensa Ferraro ad evitare la prima sconfitta casalinga. Prima sconfitta per l’Andria in casa: le “vespe” stabiesi si impongono con il minimo scarto con una rete di Albadoro. Seconda vittoria interna per il Cosenza che, senza non poche difficoltà, batte il Foligno con una rete di un ritrovato Biancolino. La Cavese si sbarazza di una Lucchese in piena crisi con una rete di Zampa. 0-0 è il risultato finale di Siracusa-Virtus Lancia-

no. 18 le reti realizzate alla decima giornata; per la prima volta i gol segnati fuori casa (10) superano quelli realizzati in casa (8). Il totale è di 205, con una media-partita di 2,30. 118 le reti realizzate in casa, 87 quelle fuori casa. 27 i pareggi, di cui 11 terminati 0-0. Dopo dieci giornate sono quattro i cambi di panchina: dopo Ugolotti a Siracusa, Somma a Cosenza e Orsi a Terni, in settimana è toccato a Giancarlo Favarin lasciare il posto a Paolo Indiani. Ernesto Pescatore


3

SABATO 30 OTTOBRE 2010

N E W S

COSÌ DOMENICA SCORSA 10ª Giornata – Domenica 24 ottobre 2010 – ore 15:00 Cosenza – Stadio comunale “San Vito”

COSENZA FOLIGNO

1 0

COSENZA: Petrocco, Matteini, Di Bari, Raimondi, De Rose (81' Olivieri), Fanucci, Degano, Coletti, Biancolino (89' Wagner), Mazzeo, Daud (64' Roselli). A disposizione: De Luca, Scarnato, Martucci, Essabr. All. M. Somma. FOLIGNO: Rossini, Iacoponi, Severini (84' La Mantia), Fondi, Merli Sala, Bassoli, Coresi, Sciaudone, Falcinelli, Cavagna, Giacomelli (59' Papa). A disposizione: Zandrini, Fiorucci, Castellazzi, Civilleri, Della Penna. All. S. Matrecano. ARBITRO: Bellutti Stefano di Trento. ASSISTENTI: Pentangelo Giovanni di Nocera Inferiore (SA) e Mauro Gianluca di Agropoli (SA). MARCATORE: 41' Biancolino. NOTE: giornata nuvolosa. Terreno di gioco in discrete condizioni. Spettatori paganti 2.210 per un incasso di € 19.508,00; abbonati 180. Chiusi i settori di tribuna B scoperta e curva nord anello superiore. Cosenza con la classica maglia rossa davanti e blu dietro; Foligno in completo bianco. Osservato 1' di raccoglimento per ricordare la scomparsa di Salvatore Chianello, papà dell’ex ad Pino e nonno del calciatore Luca. Espulso Essabr al 72' per proteste dalla panchina. Ammoniti: 28' Fanucci, 34' Di Bari, 36' Iacoponi, 65' Matteini. Annullata una rete a Degano al 43' per posizione di fuorigioco. Assenti nel Cosenza Giacomini squalificato; Musca, Adriano e Stefano Fiore, Bernardi, Ungaro e Chianello infortunati; Galeano per scelta tecnica. Calci d’angolo x-x per il Cosenza. Tempo recuperato: p.t. 2'; s.t. 5'.

CLASSIFICA MARCATORI 8 reti 7 reti 6 reti 5 reti 4 reti 3 reti

2 reti

GIUDICE SPORTIVO

Ciofani (2) (Atletico Roma); Sau (Foggia); Ciano C. (1) (Cavese) e Catania (Nocerina); Innocenti (Taranto); Corona (2) (Juve Stabia), Marotta (Lucchese), Marolda (Viareggio); Franchini (Atletico Roma), Bellomo (Barletta), D’Anna e Pintori (Benevento), Agodirin, Laribi e Insigne (Foggia), Giacomelli (Foligno), Stamilla e Franciel (1) (Gela), Biggi e Castaldo (Nocerina), Carparelli (Pisa), Rantier (Taranto), Longobardi (1) (Viareggio), Turchi e Di Cecco (Virtus Albadoro (Juve Stabia) Lanciano); Berretti (Andria Bat), Balzano (Atletico Roma), Lucioni (Barletta), Clemente (1) (Benevento), Romagnoli (Foggia), Coresi, Cavagna, Sciaudone e Falcinelli (Foligno), Albadoro e Raimondi A. (Juve Stabia), Docente, Bigazzi e D’Anna (Gela), Bertoli (Lucchese), Negro e Galizia (1) (Nocerina), Mosciaro (1) (Pisa), De Angelis e Mancino (Siracusa), Tozzi Borsoi (1) (Ternana);

Comunicato Ufficiale n. 50/div del 26 ottobre 2010 Lega Italiana Calcio Professionistico Gare del 24 ottobre 2010 – Decima giornata d’andata Il Giudice Sportivo Not. Pasquale Marino, assistito dal Rappresentante dell'A.I.A. Sig. Roberto Calabassi, nella seduta del 25 - 26 Ottobre 2010 ha adottato le deliberazioni che di seguito integralmente si riportano: 1a divisione - Girone B Società: ammenda di € 3.000,00 al Gela; € 1.500,00 al Pisa; € 500,00 alla Cavese. Dirigenti: inibizione a svolgere ogni attività in seno alla FIGC, a ricoprire cariche federali ed a rappresentare la società nell’ambito federale a tutto il 2 novembre 2010 a Pitino Marcello (Barletta), Alabiso dott Antonio (Gela) e Belli Daniele (Pisa). Allenatori: ammonizione con diffida a Rossi Marco (Cavese), per condotta non regolamentare in campo durante la gara (espulso). Ammonizione a Cuoghi Stefano (Pisa), per proteste verso l'arbitro durante la gara (espulso). Calciatori espulsi: squalifica per due gare effettive a Clemente Pietro (Benevento) e Essabr Oussama (Cosenza), per comportamento offensivo verso l’arbitro. Squalifica per una gara effettiva a Iozzia Andrea (Foggia), Bizzotto Nicola e Pugliesi Maurizio (Pisa). Squalifica per una gara effettiva per doppia ammonizione a Frezza Giammarco (Barletta). Calciatori non espulsi: ammenda di € 300,00 a Zito Antonio (Benevento), per avere spintonato un raccattapalle a bordo campo che ritardava la restituzione del pallone. Squalifica per una gara effettiva per recidività in ammonizione (IV infr.) a Ceppitelli Luca (Andria Bat), Longobardi Christian (Viareggio), Mbakogu Jerry (Juve Stabia), Baldanzeddu Ivano (Lucchese), Migliaccio Vincenzo (Taranto) e Antonioli Paolo (Virtus Lanciano).

BIANCOLINO, IL RITORNO DEL “PITONE” L’ATTACCANTE SILANO: " SIAMO PIÙ SERENI E DOBBIAMO RIPARTIRE DA QUESTO SUCCESSO PER FARE ANCORA MEGLIO"

E’ Raffaele Biancolino l’indiscusso protagonista della vittoria maturata domenica scorsa contro il Foligno. Il “pitone” oltre alla pesante rete messa a segno allo scadere della prima frazione, ha messo in mostra uno stato di forma eccellente, mettendo disordine nella difesa di Matrecano. Queste le impressioni dell’attaccante campano sul ritorno alla vittoria dei lupi. “Sono contento per la rete ma soprattutto per una vittoria che finalmente ci da respiro. Ci serviva un successo per chiudere un capitolo negativo e ripartire con grinta e voglia di ritrovare il posto che meritiamo in classifica. Oggi siamo riusciti a piegare la resistenza del Foligno e con questi tre punti va via anche quel pizzico di paura e tutti quegli ostacoli che ci hanno penalizzato in questo avvio di stagione”. Grinta e determinazione. Queste le caratteristiche della truppa rossoblù che hanno permesso a Somma di vincere la sua prima gara in campionato. Biancolino rappresenta pienamente la voglia di vincere ed in campo ha dimostrato di poter far male a chiunque. Poi un messaggio a chi spesso lo critica. “E’ Direttore Responsabile FEDERICO BRIA Direzione, Redazione e amministrazione: Via G. Barrio (pal. Filice) COSENZA Tel. 0984.462190

sempre stato così nella mia carriera. Ci sono abituato e sinceramente non sento questo tipo di pressioni. Se Biancolino segna è indispensabile e se non lo fa deve lasciare il posto ai compagni in avanti. E’ normale che il pubblico abbia mugugnato dopo gli ultimi risultati ma tutti hanno visto una prova di carattere e sacrificio contro il Foligno. E’ questa la strada da seguire per centrare successi pertanto dobbiamo lavorare senza sosta e macinare punti fin da subito”. In chiusura un pensiero sul torneo che riserva ogni domenica tante sorprese. “E’ una stagione strana ma in Prima Divisione spesso accade. Siamo consci del fatto che se vinci qualche partita di fila puoi trovare subito la vetta della classifica e dobbiamo pensare ad inanellare una serie positiva di risultati perché le prime in classifica non sono lontane. Ora siamo un po’ più sereni ed abbiamo tutte le carte in regola per fare ottime cose”. Lavoro ed impegno. Il campionato del Cosenza inizia dal match contro il Foligno e Biancolino vuole essere fra i protagonisti della rinascita rossoblù. a.g. www.forzacosenza.it Reg. Trib. Cosenza n. 434/1986 Foto e statistiche: Ernesto Pescatore

MATTEINI

“NON BISOGNA FERMARSI” E’ un Matteini felice quello che commenta la gara vinta contro il Foligno. “E’ stato molto importante il risultato finale perché il morale della squadra in questa settimana era davvero a terra. Questa vittoria, che è arrivata con tanto sacrificio da parte di tutti, è un segnale importante che potrà aiutare ancor di più il gruppo dal punto di vista mentale”. Il campionato è ancora lunL’ESTERNO go ma l’ex giocatore delAMMETTE: l’Empoli si è già fatto “ALLA LUNGA un’idea delle altre squaLE SQUADRE dre. “Sono convinto che le D’ALTA CLASSIFICA compagini che in questo MOLLERANNO momento si trovano nei ED IL COSENZA piani alti della classifica POTRÀ DIRE alla lunga molleranno perLA SUA” ciò il Cosenza deve lavorare tanto e crederci. Bisogna ripar tire da questa vittoria per cercare di fare un filotto di successi e recuperare così il terreno perso”. Non ha giocato nel suo ruolo naturale ma bensì da esterno basso ma la sua prestazione è stato molto positiva. “Ho detto al mister che potevo sostituire Musca perché avevo già giocato in quel ruolo in alcune partite in serie A. Sono contento della prestazione ma molto di più per la vittoria. Se il mister mi dovesse chiedere ancora di giocare come esterno basso mi sacrificherei volentieri per il bene della squadra”. f.p.

Per la tua pubblicità TEL. 0984.462190 CELL. 337.872482 Grafica e impaginazione www.melaodesign.com

Stampa LA GRAFICA COMMERCIALE di MARIO TOCCI Via De Cardona, 18-20-32/A Tel. 0984.394140 - COSENZA martocci@tin.it - www.mariotocci.com


4

SABATO 30 OTTOBRE 2010

F O T O S T O R I A

C A M P I O N AT O

COSENZA VS FOLIGNO LE IMMAGINI DELL’ULTIMO SUCCESSO ROSSOBLU click di Ernesto Pescatore

o ntro il bullism L'iniziativa co

Anccora il Folign o in are a cose ntina

i calciatori La gioia di tutti

Sulla c ollinetta gran

tifo dei diffidati

viene atterrato Un irresistibile Biancolino in stile rugby

La prim a

azione peric Petrocc olosa è del F oligno o para

tutti i modi Biancolino è fermato in

L'arbitro Bellutti alla pan ha qualcosa d china s a dire ilana

rocco Grande intervento di Pet

C'è il tempo per l'esordio casalingo del brasiliano Wagner

la mira Ci prova Biancolino ma non è delle migliori

Bianco lino in c ontropie de reali zza l'1-0

ma l'arbitro Degano realizza il 2-0 oco rigi fuo per ulla ann

lva il risultato uperabile e sa Petrocco è ins

L'abbra ccio fin ale

di tutti i

calciato ri silani


5

SABATO 30 OTTOBRE 2010

F O T O S T O R I A

C O P PA

I TA L I A

COSENZA VS CATANZARO LE IMMAGINI DELL’ULTIMO SUCCESSO ROSSOBLU click di Ernesto Pescatore

Le due squadre sce con i b ndono in cam ambini po

n Vito E' festa al Sa

Il portie re Scerb o antic ipa Ros elli

rva sud Sciarpata in cu

Un tiro di Daud

termina nella

sud

...ma l'arbitro annulla oco per posizione di fuorigi

in calcio d'angolo Il tiro di Roselli è deviato

Bianco li davanti no si presenta a Scerb tu o e rea tto solo lizza l'1 -1

icoloso Il Catanzaro si rende per ma De Luca è attento

Anche la rete di Essabr è annullata per fuorigioco

in Essabr prova ad entrare

area di rigore

Il tiro d i Martu cci è d eviato da Sce rbo

o Mazzeo tunnel a Boyom

te... o termina in re a di Biancolin Il colpo di test

Il rigore dec dal port isivo realizza to iere De Luca


6

SABATO 30 OTTOBRE 2010

G E L A

v s

C O S E N Z A

I PRECEDENTI A GELA

IL GELA

SOLO UNA VITTORIA A GELA A CURA DI ERNESTO PESCATORE In campionato Partite disputate:

5

Vittorie Cosenza:

1

Pareggi:

1

Vittorie Gela

3

Reti Cosenza:

1

Reti Gela:

7

Prima partita disputata 21.03.1954 Gela-Cosenza

4-0

Ultimo pareggio 04.05.1975 Gela-Cosenza

N.

Cognome

Nome

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 All.

Aliperta Avantaggiato Bigazzi Cardinale Cruciani Cunzi D’Amico D’Anna Docente Erbini Giardina Italiano Manfrè Maraglino Nordi Opoku Petrassi Piano Piva Porcaro Porpora Puccio Stamilla Vegnaduzzo Zummo Provenza

Domenico Daniele Mirko Roberto Michele Evangelista Tony Simone Benito Emilio Mario Salvatore Francesco Vincenzo Angelo Emanuele Davies Marco Luca Simone Pasquale Gennaro Ignazio Alessio Matias Alessio Nicola

Ruolo D C A D C A C A A A C C A P P C D C D D D D C A P

0-0

Ultima vittoria 02.12.1979 Gela-Cosenza

L’ULTIMA PARTITA GIOCATA

0-1

Ultima sconfitta

Decima giornata, domenica 24 ottobre 2010 Gela (CL), Stadio comunale “Vincenzo Presti”

26.10.2008 Gela-Cosenza

Salvatore Giardina, ex di turno

GELA VIAREGGIO

1-0

IL TABELLINO DELL’UNICA VITTORIA

SQUADRA CHE VINCE NON SI CAMBIA? Formazioni che vince…non si cambia! Un motto che gli allenatori, spesso e volentieri, hanno sottolineato nel momento della rinascita. L’impressione è che anche Somma sia indirizzato a dare fiducia alla stessa squadra che, domenica scorsa, è riuscita a superare il Foligno in casa. L’unica eccezione dovrebbe essere rappresentata da Giacomini che rientrerà dal turno di squalifica. Il terzino sostituirà Di Bari che sarà l’unico escluso dell’undici di sette giorni fa. Dall’altra parte Provenza ha il problema Franciel. Se quest’ultimo dovesse dare forfait è pronto a giocarsi le sue carte Vegnaduzzo, ex attaccante della Rossanese. Di sicuro anche il tecnico siciliano sembra intenzionato a confermare l’undici che in queste settimane è riuscito ad entusiasmare tutti. for.cos. Stadio “Vincenzo Presti” - Gela (CL) Domenica 31 ottobre - ore 15,00 GELA COSENZA NORDI PETRASSI PORCARO © CARDINALE PIVA STAMILLA D'AMICO PIANO BIGAZZI DOCENTE FRANCIEL

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

PETROCCO MATTEINI GIACOMINI DE ROSE © RAIMONDI FANUCCI DEGANO COLETTI BIANCOLINO MAZZEO DAUD

ALLENATORE PROVENZA SOMMA

Campionato Serie C2 girone D, 1979-80 Decima giornata 2 dicembre 1979

TERRANOVA GELA COSENZA

0 1

TERRANOVA GELA: Gazzola, Agrò, Vaccaro, Marretta (11' Farrauto) Ammirata, Bragatto, Castorina, Mormile, Canturi, Torre, De Maria. A disposizione: Cascino, Rinelli. COSENZA: Lattuada, Capiluongo, D’Astoli, Tortelli, Rocco, Reggiani, Rappa, Liguori (68' Missiroli), Perrotta, Ranieri, Berardi. A disposizione: Pingitore, Tucci. All. N. Sonetti. ARBITRO: Lorenzetti di Macerata. MARCATORE: 66' Perrotta. NOTE: cielo sereno. Terreno di gioco in buone condizioni. Spettatori 2.000 circa. Ammoniti: Tortelli, Reggiani, Agrò ed Ammirata. Calci d’angolo 3-3. Siciliani rimaneggiati poiché privi di Giudice squalificato, Mencio e Di Giacomo infortunati. Sonetti schiera per la prima volta dall’inizio della gara il giovane Perrotta escludendo Labellarte; il piccolo attaccante ripaga subito la fiducia del mister segnando il gol-partita. Al 66' Berardi batte il terzo calcio d’angolo, la palla carica d’effetto taglia l’intera difesa dei giallorossi gelesi e perviene a Perrotta che la sfiora di quel tanto per ingannare Gazzola ed infilarsi nell’angolo basso. E’ il gol della vittoria.

0 0

GELA (4-4-2): Nordi 7; Petrassi 6 Porcaro 5,5 Cardinale 7 Piva 6,5; Stamilla 5,5 D’Amico 6 Piano 5,5 (72' Giardina 6) Bigazzi 6; Docente 5,5 (66' D’Anna 6) Franciel 6 (85' Vegnaduzzo sv). A disposizione: Maraglino, Italiano, Aliperta, Cunzi. All.: N. Provenza. VIAREGGIO (4-3-3): Pinsoglio 7; Carnesalini 6 Massoni 7 Fiale 6,5 Bertolucci 6 (82' Brighenti 6); Castiglia 6 Pizza 6 Cristiani 6 (79' Calamai 5,5); Marolda 6 (85' Kras sv) Longobardi 6,5 Taormina 6,5. A disposizione: Merlano, Malacarne, D’Onofrio, D’Antoni. All.: G. Scienza. ARBITRO: Marini di Roma 1. ASSISTENTI: Atta Alla Mostafa di Roma 1 e Grispigni di Roma 1. NOTE: giornata piovosa; terreno di gioco allentato. Spettatori 2.000 circa, per un incasso di euro 14.000, compreso quota abbonati. Ammoniti: Piano (G), Stamilla (G) e Longobardi (V). Calci d’angolo 5-4 per il Viareggio. Tempo recuperato: p.t. 2'; s.t. 3'.

IL CAMMINO IN CAMPIONATO Prima giornata – 22 agosto Benevento - Gela 2-1 35' Pintori (B) - 45' Piva (G) - 46' Pintori (B) Seconda giornata – 29 agosto Gela - Andria Bat 2-1 43' Giardina (G) - 52' Cunzi (rig.) (G) - 55' Sibilano (A) Terza giornata – 5 settembre Taranto - Gela 2-1 36' Innocenti (T) - 68' D’Anna (G) - 81' Di Deo (T) Quarta giornata – 12 settembre Gela - Cavese 2-1 18' Cruciani (G) - 35' Ciano C. (C) - 94' D’Anna (G) Quinta giornata – 19 settembre Virtus Lanciano - Gela 1-0 87' Improta Sesta giornata – 26 settembre Gela - Lucchese 3-0 24' Stamilla - 71' Franciel (rig.) - 91' Bigazzi Settima giornata – 03 ottobre Foligno - Gela 1-4 1' Severini (F) - 3' Stamilla (G) - 26' e 33' Franciel (G) - 93' Docente (G) Ottava giornata – 10 ottobre Gela - Foggia 2-1 2' Bigazzi (G) - 14' Stamilla (G) - 80' Regini (F) Nona giornata – 17 ottobre Juve Stabia - Gela 0-1 65' Docente Decima giornata – 24 ottobre Gela – Viareggio 0-0


8

SABATO 30 OTTOBRE 2010

D E R B Y

DE LUCA, UN EROE IN UN DERBY Del derby di Coppa Italia di mercoledì scorso porteremo con noi solo e soltanto la gioia dei rigori finali. Vincere è importante, se lo fai contro il Catanzaro, seppur dal dischetto, ha sempre un sapore particolare. Sarebbe da folli, però, far finta di niente su quanto visto al San Vito contro i cugini giallorosi. Iniziamo dall’allenatore che ha deciso, in una gara delicata come un derby, di provare esperimenti assurdi (vedi Degano regista o Roselli trequartista) o di ostinarsi a lasciare in campo Daud. Per quanto riguarda i giocatori, poi, in pochi si sono salvati (De Luca e De Rose su tutti). La gioia dei rigori, alla fine, ha evitato che contro il Cosenza si scatenasse un inferno. E’ stata senza dubbio la serata di De Luca. Un giocatore che, quando Aita ci fece gioire per l’ultima volta contro i giallorossi, neppure era nato e tantomeno aveva assaporato mai una gioia tanto grande. Due rigori parati ed uno realizzato. In una notte da dimenticare (sotto il profilo del gioco) c’è una stella che brilla (De Luca) e che si spera possa realmente aver cambiato il futuro di una squadra che ha

COSÌ NEL DERBY Mercoledì 27 ottobre 2010 ore 20,30 Cosenza Stadio “San Vito”

COSENZA CATANZARO

bisogno necessariamente di ritrovarsi. Ritornando su Somma, è possibile che un allenatore della sua portata non sappia quanto conta un derby? Non parliamo poi se si tratta di Cosenza-Catanzaro con i rossoblù che non ne vincono uno da più di vent’anni. Provare esperimenti in una partita tanto particolare non ha fatto altro che facilitare il compito di un Catanzaro che,

fino ad ora, le aveva prese a destra e a sinistra e soprattutto in una categoria inferiore a quella del Cosenza. Bocciata la scelta di Degano regista e quella di Roselli trequartista. Per non parlare dei cambi scellerati che hanno rischiato, e non poco, di compromettere la gara. Perché sostituire Roselli? Non era il caso forse di richiamare in panchina Daud (o Essabr) per riportare Degano

nella sua posizione e consentire a Roselli di affiancare De Rose rendendo più corposo il centrocampo? Si spera che la sua ostinazione non sia deleteria per Daud e soprattutto non incida troppo sulla gara di domenica a Gela. Perché in Sicilia non ci saranno scusanti. Se il Cosenza in Coppa Italia ha giocato 120 minuti lo deve anche al suo tecnico. f.c.

7 D.C.R. 6

COSENZA (4-2-3-1): De Luca 8, Matteini 5, Giacomini 5,5, Raimondi 6, De Rose 6,5 (25' sts Coletti sv), Di Bari 5,5, Martucci 5 (61' Mazzeo 6), Roselli 5,5 (61' Biancolino 6,5), Essabr 5,5, Degano 4,5, Daud 4. A disp: Petrocco, Scarnato, Wagner, Coletti, Olivieri, Mazzeo, Biancolino. All: Somma 4,5 CATANZARO (4-4-2): Scerba 6,5, Lauteri 5,5, Boyomo 5,5, Ciano 6,5, Ngadira 6, Gaglione 5,5 (72'Capicotto 5), Benincasa 6, Morello 5,5, Corapi 6,5 (88' Basile sv), Puntoriere 7 (90' Bella sv). A disp: Vomo, Biondi, Basile, Giampà, Capicotto, Santaguida, Bella. All: Ze Maria 6,5 ARBITRO: Affinito di Frattamaggiore 5 MARCATORI: 59' Puntoriere, 71' Biancolino. NOTE: Terreno pesante. Spettatori 2648. Ammoniti: Matteini, De Rose, Essabr (Cs) Gaglione, Scerba, Corapi, Capicotto (Cz). Espulso: Matteini. Angoli: 6-3. Recuepro: 2'pt, 5'st


Forza Cosenza n. 32