Page 1

Anno XXVI n. 11 SABATO 8 APRILE 2011

www.forzacosenza.it

SETTIMANALE SPORTIVO

Copia omaggio

CHI VUOLE INVESTIRE? Partiamo da una dichiarazione dell'attuale presiden- difensore. Chi non conosce Totti e Buffon nel monte del Palermo, Maurizio Zamparini. Quest'ultimo in- do? Chi non conosce il nome Roma nel mondo? tervistato nei giorni scorsi ha affermato: "Chi investe Non c'è bisogno di tradurlo, non c'è bisogno di spienel calcio nel nostro paese è un pazzo". Aggiungia- gare all'America, alla Cina o a nessuno il perché si è mo noi: perché bisognerebbe farlo a Cosenza? Inu- acquistato la Roma e, con essa, il brand della città tile spiegarlo a chi, di questi tempi, cerca non uno eterna da sfruttare. Insomma, strategie che hanno uno scopo ben preciso: spendere ma ben settanta (70) imprenditori 1 per guadagnare 5. Non è detto per risollevare le sorti di un club Due le domande: che accada ma quantomeno c'è sempre più in difficoltà. Facile che c'è una strategia in atto un piano e degli attori ben precisi. rimanga amareggiato quando, alcon uno scopo preciso? Detto questo ritorniamo al calcio di la fine dei conti, riesce a trovarne Chi sono gli imprenditori casa nostra. Due le domande. La un paio. Il calcio di casa nostra, ed pronti ad investire? prima: c'è una strategia in atto con è giusto dirlo, non attira nessuno se non vecchi soci o facce già no- Ad oggi per entrambi i quesiti uno scopo preciso? La seconda: la risposta è negativa te. Chi mai investirebbe a Cosenchi sono gli imprenditori pronti ad za e nel Cosenza calcio? In Italia investire? Ad oggi per entrambi i ormai le società sono al collasso e gli unici che pos- quesiti la risposta è negativa. Ben venga chi sostiesono investire sono gli stranieri. Prendiamo la Roma. ne il contrario ma ad un patto: argomentare e spieGli americani sono più abituati degli italiani ai piani in- gare ad una città intera qual è il piano e chi sono le dustriali e agli affari. Non mettono soldi tanto per persone che mettono mano al portafogli. Del resto metterli. Vogliono gli utili. In quest'ottica va visto l'ac- la storia dei settanta (70) benefattori non regge. Qui quisto della società capitolina con il conseguente, ag- servono fior di soldoni e gente che, da fuori, ha vogiungeremmo immediato, interessamento per Buf- glia di investire in questo territorio che, più passano fon della Juventus. Il tutto fa parte di un disegno im- gli anni, e sempre meno ha da offrire. prenditoriale che va ben oltre la bravura dell'estremo for.cos.

Scanga Francesco Concessionaria Ufficiale di Vendita Mercedes-Benz Rende (CS) - Contrada Lecco

Audi Q5 2.0 Tdi 170cv F.A.P. Quattro Anno 2009 65.000 Km €  35900,00

Ford Kuga 2.0 Tdci 136 Cv Titanium Anno 2009 Km 35.000 € 24.500,00

DISPONIB ILITA' DI VAR ANNI DI IMMATRIC I COLORI E OLAZION E. PER EVENTUALI INFORMAZIONI CONTATTARE I NUMERI:

LE OCC ASIO DELL’US NI ATO

Tomasi Paolo 0984/831527 - Alessandro Cherubino 0984/831591 - Rosa Molinaro 0984/831560 - Gianluigi Bonanno 0984/831551

Mercedes Benz C 220 Cdi Avantgarde Autom. Anno 2007 95.000 Km € 24.900,00

Peugeot 1007 1.4 Hdi Sporty Anno 2007 25.000 Km   € 8.900,00

Fiat Sedici 1.9 Mjt 4x4 Emotion Anno 2009 27.000 Km € 15.900,00

Lancia Ypsilon 1.3 Mjt 16v Anno 2010 6.000 Km € 11.300,00


2

SABATO 8 APRILE 2011

N U M E R I Diagnostica Echo doppler Fotoringiovanimento del viso - Epilazione definitiva Trattamento inestetismi cutanei e fibrolipomatosi degli arti con elettroporazione Chirurgia laser Varicole - Varici - Nevi - Angiomi - Fibromi - Tatuaggi Trattamento emorroidi col metodo Hal-Doppler

CENTRO S.I.P.I.C. del Dott. RENATO COSCARELLA

COSENZA Viale degli Alimena, 69 - Tel. 0984 25228

www.renatocoscarella.it PISCINA COMUNALE DI COSENZA Via Veterani dello Sport - 87100 Cosenza Tel. 0984.483115 - Fax 0984.506921 PISCINA COMUNALE DI LAMEZIA Località Chianta 88046 Lamezia Terme (CZ) Tel.&Fax 0968.4332297

DIVISIONE IMPIANTI SPORTIVI

PISCINA COMUNALE DI MALITO Contrada Cona - Malito (CS) Tel&Fax 0984.968888

www.cogeis.com - info@cogeis.com

CROCIERA NEL MEDITERRANEO a partire da euro 525,00 (tasse ed assicurazioni escluse)

concorso n. 35

ore 15

domenica 27 marzo

ore 15

domenica 10 aprile

ATLETICO ROMA - JUVE STABIA BARLETTA - ANDRIA CAVESE - VIRTUS LANCIANO COSENZA - GELA LUCCHESE - BENEVENTO PISA - FOLIGNO SIRACUSA - FOGGIA TARANTO - NOCERINA TERNANA - VIAREGGIO ANDRIA - ATLETICO ROMA BENEVENTO - BARLETTA FOGGIA - PISA FOLIGNO - TARANTO GELA - SIRACUSA JUVE STABIA - TERNANA NOCERINA - LUCCHESE VIAREGGIO - CAVESE VIRTUS LANCIANO - COSENZA

ore 15

domenica 17 aprile

PROSSIMO TURNO 30ª giornata

LE PARTITE DI DOMANI 29ª giornata

TURNO PRECEDENTE 28ª giornata

CENTRO PRENOTAZIONE CROCIERE RENDE - VIALE KENNEDY,1 TELEFONO 0984 46.46.85

ATLETICO ROMA - GELA BARLETTA - FOLIGNO CAVESE - BENEVENTO COSENZA - ANDRIA LUCCHESE - VIAREGGIO NOCERINA - JUVE STABIA PISA - SIRACUSA TARANTO - VIRTUS LANCIANO TERNANA - FOGGIA

1-0 3-2 0-0 2-0 1-2 1-0 1-0 2-1 3-2

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14

RISULTATI PARZIALI

del 10 aprile 2011

RISULTATI COLONNA FINALI VINCENTE

BARI - CATANIA BOLOGNA - NAPOLI CAGLIARI - BRESCIA LAZIO - PARMA PALERMO - CESENA SAMPDORIA - LECCE REGGIANA - RAVENNA FOGGIA - PISA FOLIGNO - TARANTO CREMONESE - COMO SPEZIA - SPAL HELLAS VERONA - SALERNITANA GELA - SIRACUSA FIORENTINA - MILAN

CLASSIFICA I N 1^ DIVISIONE G I R O N E B PT NOCERINA BENEVENTO ATLETICO ROMA JUVE STABIA TARANTO FOGGIA (-2) SIRACUSA VIRTUS LANCIANO LUCCHESE PISA COSENZA (-3) TERNANA (-2) BARLETTA GELA ANDRIA FOLIGNO (-2) VIAREGGIO CAVESE (-6) SERIE B

62 52 46 45 45 41 41 40 37 32 31 31 30 29 28 27 27 24 PLAYOFF

G E N E R A L E PARTITE RETI G V N P F S 28 28 28 28 28 28 28 28 28 28 28 28 28 28 28 28 28 28

18 15 14 13 12 13 12 9 10 7 7 8 7 7 7 7 6 7

8 7 4 6 9 4 5 13 7 11 13 9 9 8 7 8 9 9

2 6 10 9 7 11 11 6 11 10 8 11 12 13 14 13 13 12

PLAYOUT

43 41 38 34 29 59 25 25 34 28 29 22 26 26 23 28 26 24

23 29 28 27 25 48 26 24 29 34 31 34 34 36 31 35 38 28

C MI +3 -5 -10 -10 -9 -12 -14 -11 -15 -17 -15 -17 -19 -20 -21 -20 -21 -19

A S A PARTITE RETI V N P F S

F

10 10 7 10 11 7 10 8 6 6 4 6 4 5 4 2 5 5

8 5 2 21 13 5 3 6 18 21 7 1 6 16 14 3 5 6 11 14 1 8 5 6 11 6 1 7 26 24 2 2 9 8 19 1 10 3 10 14 4 3 7 14 19 1 5 8 11 21 3 6 5 15 18 2 5 7 5 17 3 4 7 11 17 2 3 9 12 24 3 1 10 11 23 5 2 7 19 20 1 5 8 11 21 2 4 8 10 15

3 4 3 1 1 3 3 3 4 6 7 4 5 5 6 6 4 5

0 0 4 3 2 4 2 3 4 2 3 4 5 4 4 6 5 4

22 23 22 23 23 33 17 15 20 17 14 17 15 14 12 9 15 14

10 8 14 13 14 24 7 10 10 13 13 17 17 12 8 15 17 13

U O R I PARTITE RETI V N P F S

2^ DIVISIONE

IL PUNTO AL CAMPIONATO Seconda sconfitta per la Nocerina in campionato: la formazione di Gaetano Auteri alza bandiera bianca a Taranto, dopo ben 21 turni di imbattibilità. I rossoblu ionici passano in vantaggio con una sfortunata autorete di Catania; pareggia il rossonero Petrilli e Rantier mette il sigillo alla gara, davanti a ben 8.500 spettatori, di cui 700 tifosi campani. Il Benevento non si lascia scappare l’occasione di accorciare le distanze dalla vetta e torna da Lucca con i tre punti gra-

zie ad una doppietta di Clemente realizzata in tre minuti, dal 79’ all’82’; il rossonero Marotta aveva portato in vantaggio i toscani. Secondo successo consecutivo per l’Atletico Roma al Flaminio: la Juve Stabia è battuta e superata da una rete di Ciofani su calcio di rigore. La Virtus Lanciano porta via da Cava de’ Tirreni un punto per sperare ancora nella lotta ai play-off: da segnalare due rigori sbagliati: al 46' del primo tempo il portiere Pane della Cavese para un rigore a Di Gennaro del Lanciano ed all’84' il portiere Aridità del Lanciano respin-

ge il penalty calciato da Camillo Ciano della Cavese. Nella zona calda della classifica, ben quattro scontri diretti. Il Pisa ottiene tre punti di vitale importanza contro il Foligno, grazie al solito Carparelli. Il Cosenza torna alla vittoria dopo più di tre mesi, esattamente dal 12 dicembre: Stefano Fiore ed un contestatissimo Biancolino sono gli autori del 2-0 sul Gela. La Ternana riesce a battere il Viareggio quasi sui titoli di coda: segnano Sinigaglia e Nolè, accorcia Bocalon e pareggia Fiale; all’85’ è il rossoverde Sinigaglia a chiudere il match. Vittoria anche per il Barletta che tra

le mura amiche si sbarazza dell’Andria, alla quinta sconfitta consecutiva. I biancorossi segnano tre reti, due con Infantino (una su calcio di rigore) ed una con Lucioni; Minesso e Del Core su rigore accorciano le distanze. Nei recuperi di domenica 3 aprile, la Cavese batte il Barletta per 10, rete di Del Sorbo, e riaccende le speranze di lasciare l’ultimo posto in classifica. Il Siracusa batte al “De Simone” il Foggia per 1-0 con rete di Bufalino ed aggancia proprio la squadra pugliese al quinto posto. Ernesto Pescatore


3

SABATO 8 APRILE 2011

N E W S

COSÌ NELL’ULTIMO TURNO Domenica 27 marzo 2011 – ore 15:00 Ventottesima giornata Cosenza – Stadio comunale “San Vito”

COSENZA GELA

2 0

COSENZA: Marino, Cotroneo, Giacomini, Ungaro, Fernandez, Matteini, Aquilanti, Roselli (86' Scarlato), Essabr (75' Biancolino), Fiore S., Degano (65' Evola). A disposizione: De Luca, Musca, Sommario, Viscardi. All. L. De Rosa.

CLASSIFICA MARCATORI 17 reti 16 reti 15 reti 14 reti 12 reti 11 reti 10 reti 9 reti

GELA: Nordi, Petrassi, Aliperta, Cossentino, Giardina, Cardinale, Bigazzi, Zaminga (81' Piano), Docente, Carbonaro (71' Saani), D’Anna (77' Porcaro). A disposizione: Maraglino, Crivello, Italiano, Avantaggiato. All. A. Ammirata. ARBITRO: Borriello Francesco di Mantova. ASSISTENTI: D’Amato Christian di Battipaglia (SA) e Mauro Gianluca di Agropoli (SA). MARCATORI: 43' Fiore S., 88' Biancolino.

8 reti

7 reti

NOTE: giornata di sole. Terreno di gioco in discrete condizioni. Spettatori 1.500 circa di cui 1.150 paganti e 178 abbonati per un incasso di € 11.900,00. Ammoniti: 16' Matteini, 39' Fernandez e Carbonaro, 61' Giacomini, 72' Roselli, 88' Biancolino. Al 4' Degano ha colpito la traversa, al 17' Zaminga ha colpito il palo. Assenti nel Cosenza Thackray squalificato; Adriano Fiore e Rizzo infortunati; Galeano, Martucci, Chianello e Scarnato per scelte tecnica. Gela privo di Puccio per scelta tecnica. Ex della partita Mariano Fernandez e Salvatore Giardina. Calci d’angolo 7-2 per il Cosenza. Tempo recuperato: p.t. 1'; s.t. 4'.

6 reti

5 reti

GIUDICE SPORTIVO

Sau (Foggia); Insigne (2) (Foggia); Ciofani (6) (Atletico Roma); Marotta (Lucchese); Negro (Nocerina); Innocenti (1) (2 Barletta, 9 Taranto); Clemente (1) (Benevento), Ciano C. (2) (Cavese), Carparelli (1) (Pisa); Corona (5) (Juve Stabia), Castaldo (1) e Catania (Nocerina) e Tozzi Borsoi (3) (Ternana); Evacuo (1) e Pintori (Benevento), Grassi (2) (Lucchese) e Mancino (1) (Siracusa); Albadoro (Juve Stabia); Il capitano della Nocerina De Liguori (C) Franchini (Atletico Roma), Biancolino (Cosenza), Marolda (Viareggio), Mosciaro (2) (Pisa) e Di Gennaro (1) (Virtus Lanciano); Del Core (2) (Andria Bat), Mazzeo (2) (3 Cosenza, 2 Atl. Roma), Esposito (Atletico Roma), D’Anna (Benevento), Agodirin (Foggia), Coresi (2), Giacomelli e Sciaudone (1) (Foligno), Turchi (Virtus Lanciano);

Comunicato Ufficiale n. 140/div del 29 marzo 2011 Lega Italiana Calcio Professionistico Gare del 26-27 marzo 2011 Undicesima giornata di ritorno Il Giudice Sportivo Not. Pasquale Marino, assistito dal Rappresentante dell’A.I.A. Sig. Roberto Calabassi, nella seduta del 2829 Marzo 2011 ha adottato le deliberazioni che di seguito integralmente si riportano: 1a divisione – girone B: Società: ammenda di € 2.000,00 al Pisa; € 1.500,00 alla Cavese; € 1.000,00 alla Juve Stabia; € 1.000,00 alla Nocerina; € 750,00 al Taranto. Allenatori: squalifica per due gare effettive a Barbato Cristoforo (Cavese), per comportamento offensivo verso un assistente arbitrale durante la gara (allenatore in seconda, espulso). Squalifica per una gara effettiva a Giordano Bruno (Ternana), per atteggiamento irriguardoso verso un assistente arbitrale durante la gara (espulso). Medico: squalifica per una gara effettiva a Massa Antonio (Cavese), per atteggiamento irriguardoso verso un assistente arbitrale al termine del primo tempo di gara. Calciatori espulsi: squalifica per due gare effettive a Pani Claudio (Lucchese), per aver volontariamente colpito un avversario con un calcio sulla coscia. Squalifica per una gara effettiva per doppia ammonizione a Ceppitelli Luca (Andria Bat), entrambe per condotta scorretta verso un avversario; Ciano Camillo (Cavese) entrambe per condotta scorretta verso un avversario. Calciatori non espulsi: squalifica per una gara effettiva per recidività in ammonizione (VIII infr.) a Miglietta Crocefisso (Atletico Roma), Giacomini Andrea (Cosenza), Castiglia Luca (Viareggio), Cazzola Riccardo (Juve Stabia), Sacilotto Luiz Gabriel (Virtus Lanciano). Squalifica per una gara effettiva per recidività in ammonizione (IV infr.) ad Angeletti Marco (Atletico Roma), Lucioni Fabio (Barletta), Albadoro Diego e Maury Donovan Eric (Juve Stabia).

BIANCOLINO “QUALCUNO HA REMATO CONTRO” IL CENTRAVANTI SENZA PELI SULLA LINGUA: “CHI MI HA DELUSO DI PIÙ? DA BUON NAPOLETANO NON FACCIO NOMI, MA CI SONO STATE PERSONE CHE, ANZICHÉ AIUTARE, CI DAVANO MAZZATE PURE DOPO I RISULTATI POSITIVI” "Giuro di dire tutta la verità", parola di Raffaele Biancolino. Inizia così, con il sorriso sornione del "pitone" l'intervista di Cosenzachannel che ha intervistato l’attaccante rossoblù in esclusiva. Partito dalla panchina, contestato dagli ultrà, nell’ultima gara contro il Gela è entrato a venti minuti dalla fine segnando un gol e sfiorandone un altro in acrobazia. Quasi come se i fischi lo avessero spronato a dimostrare qualcosa. Ma il rapporto del centravanti napoletano con il Cosenza è stato un po' come le montagne russe. "E' così, inutile nasconderlo: non sono riuscito ad esprimermi al massimo in questa piazza. La stagione scorsa sono arrivato in ritardo e quando stavo carburando ho commesso un errore. Quest'anno invece ho fatto un bel ritiro, ma dopo sono saltate fuori tante voci sul mio conto". Attaccante chiacchierato, si è trovato spesso al centro di veri e propri casi. "Non sono uno che rompe lo spogliatoio o che va contro la società. Sono umile, parlo quando devo parlare senza mandarle a dire: forse è per questo che sono visto male". Senza peli sulla lingua, poi inizia con l'excursus de-

gli ultimi tribolati dodici mesi. "I clan nello spogliatoio? Piccoli problemi, ma niente fazioni sebbene ci fosse qualche romano e calabrese in più di adesso. Io ero e sono per le cose giuste e non ho difficoltà a schierarmi". Nodo cruciale l'argomento dirigenziale. "Partiti a luglio sembravamo il Real Madrid per l'organizzazione che c'era. Credevo fosse l'anno giusto, ora lottiamo per non retrocedere e si dice anche per non fallire: non lo auguro a nessuno. Chi mi ha deluso di più? Da buon napoletano non faccio nomi, ma ci sono state persone che, anziché aiutare, ci davano mazzate pure dopo i risultati positivi. Sono del parere che qualcuno dal di fuori lo spogliatoio e alle spalle abbia remato contro trovando dei problemi che non esistevano". Mai banale nelle sue affermazioni, Biancolino si sente di sbilanciarsi anche su Funari. "Se continua a mantenere le parole date non ci saranno problemi, così come all'inizio avevo fiducia in Pagliuso e negli altri ne ripongo pure in lui. Ripeto: quando vedo le cose che vanno come non devono farò guerra sempre". GD Direttore Responsabile FEDERICO BRIA Direzione, Redazione e amministrazione: Via G. Barrio (pal. Filice) COSENZA Tel. 0984.462190

www.forzacosenza.it Reg. Trib. Cosenza n. 434/1986 Foto e statistiche: Ernesto Pescatore

Per la tua pubblicità TEL. 0984.462190 CELL. 337.872482 Grafica e impaginazione www.melaodesign.com

Stampa LA GRAFICA COMMERCIALE di MARIO TOCCI Via De Cardona, 18-20-32/A Tel. 0984.394140 - COSENZA martocci@tin.it - www.mariotocci.com


4

SABATO 8 APRILE 2011

F O T O S T O R I A

COSENZA VS GELA LE IMMAGINI DELL’ULTIMA VITTORIA ROSSOBLU click di Ernesto Pescatore

no... nza con Dega ne è del Cose La prima azio

...arriva Stefano Fiore

e insac ca- 1-0

no... Il tiro di Dega

Mattein i ha la p ma No alla del raddo rdi resp ppio inge

tteini Biancolino riceve da Ma . ta.. e sbilanciato tira in por

...il pall o ma va ne supera il p a sbatt ere con ortiere Nordi tro la tr aversa

il portiere Nordi a L'esultanza di Fiore ed

troarea... Assist di Matteini a cen

terra

...entr oltre la a in rete ed E linea d i porta ssabr resping ma non e per l'arb itro

lino... La rovesciata di Bianco

...e sigla la rete del 2-0 che chiud e l'incontro

Giacom ini ha u n ma No a buona occ rdi lo a a nticipa sione

a Essabr Il portiere Nordi anticip

co a ...termina di po

lato

La risp osta è la da ai fischi dei ti fo nza de l pitone si


5

SABATO 8 APRILE 2011

N E W S Eugenio Funari ha sfruttato la trasmissione Raplay in onda su Ten per precisare diversi concetti e lanciare messaggi chiari a Carnevale che ha tenuto un lungo summit con Lamacchia nei suoi studi rendesi. Prima di entrare nel vivo della discussione, l'amministratore unico del Cosenza 1914 ha informato che l'appuntamento fissato dal notaio Scornajenghi per ratificare l'ingresso di nuovi soggetti privati nei quadri dirigenziali è slittato. Il tema più caldo è stato proprio l'imminente offerta che pare stia per arrivare dai due ex presidenti dei Lupi. "Ad oggi nessuno si è presentato da me - ha detto Funari - Mi sembra strano, inoltre, che chi prima mi ha aggredito verbalmente quando si è saputo del mio intento di risollevare quel Cosenza ritenuto da loro oberato di debiti, ora voglia riavvicinarsi con 400mila euro. Questi si rimettono in gioco per salvare il 1914 o per rimettere le mani sulle carte contabili ed amministrarle come fatto fino a ieri? Sono disponibile a cedere l'82% rimanente del mio pacchetto a persone che dimostrino in maniera concreta la disponibilità di risanare il club. Io voglio esserne testimone, perché in caso contrario non darò via nulla. I soldi versati dovranno essere utilizzati direttamente per pagare gli F24 e gli stipendi ai calciatori. Comunque sia, sto battendo anche altre vie. Valutiamo l'idea di avvicinarci ad imprenditori di altre città o di stringere partnership con club più blaso-

FUNARI “VOGLIO VEDERCI CHIARO” L'AMMINISTRATORE UNICO AMMETTE. "L'ASSEMBLEA DI LUNEDÌ PROSSIMO È SOLO UN'OPERAZIONE TECNICO-CONTABILE E AD OGGI NON HO RICEVUTO ALCUNA OFFERTA"

nati. I miei viaggi a Roma e Napoli si sono svolti in quest'ottica". L'attuale numero uno di Viale Magna Grecia non si ferma qui ed affonda sempre di più il colpo. "Dedicherò il mese di aprile a spulciare le carte contabili, cosa che non ho po-

tuto fare sinora. Infilerò il naso ancora più a fondo nelle vicende societarie visto che già al 30 giugno ho trovato delle problematiche di bilancio. E' vero, la squadra si è iscritta, quindi federalmente eravamo a posto ma subito dopo si è iniziato a zop-

picare e nessun F24 si è mai pagato. Questo nonostante ci sia stato un introito di mercato di 7-800mila euro. Il bilancio chiuso al 30 giugno vantava crediti di tale portata, ma ci sono o no? Se non ci sono, non sono reali e quindi sono stati in-

cassati". Funari affronta di petto pure la questione relativa all'assemblea straordinaria dell'11 aprile. "All'ordine del giorno c'è il richiamo dei versamenti sulle quote non ancora corrisposte e il discorso legato all'abbattimento del capitale sociale per coprire le perdite. Nonostante sia una semplice operazione tecnico-contabile, la ritengo poco opportuna al momento perché potrebbe comportare un ritardo nei nuovi ingressi dei soci. Vorrei posticiparla di 30 giorni". Ce n'è anche per il collegio sindacale. "Vuole dimettersi? Magari. Con loro sono arrabbiato: io sono in carica da febbraio, mentre loro da agosto. Hanno approvato un bilancio facendo un pastrocchio: che vuol dire con riserva? Spero recuperino serenità e non alzino la voce con chi sta lavorando per fare il bene del Cosenza da molto meno tempo di loro". Chiusura dedicata all'immediato futuro. "Ci aspettiamo solo un -2 dalla Commissione Disciplinare perché assieme all'avvocato Chiacchio non crediamo sia possibile pagare una seconda volta per la stessa infrazione". Da sottolineare le telefonate in studio del membro del collegio sindacale Petrassi e di Pino Chianello che ha chiesto con cortesia e fermezza a Funari di informarsi meglio sul suo conto prima di tirarlo in ballo. "E' al corrente del mutuo presso la BCC che reca pure la mia firma nonostante non sia più in società?" ha evidenziato l'ex ad. FOR.COS.

CITRIGNO: “OGNUNO FACCIA IL SUO” L'EX PRESIDENTE SI DICE POSSIBILISTA PER LA SALVEZZA DEL CLUB: "NON MI RIFERISCO SOLO AI SOCI MA ANCHE AGLI IMPRENDITORI CHE HANNO FEDE ROSSOBLÙ" Pino Citrigno è forse la figura più apprezzata degli ultimi anni per due semplici considerazioni: ha sempre fatto il suo dovere dal punto di vista economico sia quando deteneva l'11% che l'1% ed ha palesato in tutte la sue espressioni la cosentinità che in molti hanno sempre richiesto a gran voce. Da qualche giorno a questa parte si vocifera che possa incrementare il suo pacchetto, ma l'ex presidente frena. "Fa piacere che due imprenditori abbiano preso due quote a testa e per questo vanno ringraziati - dice dalle colonne di Calabria Ora - ma questa azione non basta a tenere in vita la società che continuando a navigare a velocità del genere potrebbe trovarsi brutte sorprese a fine stagione. Io sono convinto che il Cosenza possa essere salvato". Citrigno poi pone due condizioni sine qua non. "Innanzitutto che tutti gli imprenditori di fede rossoblù si avvicinino alla nostra causa, anche con quote minoritari. Ma quando parlo di imprenditori mi riferisco a un numero ben diverso da quello che Fu-

nari è riuscito ad ottenere in questi giorni. Dovranno esserci una quarantina di soggetti pronti a versare nelle casse sociali anche somme di basso taglio". La seconda condizione è ancora più dettagliata. "Aspetterò l'assemblea straordinaria per conoscere le reali intenzioni degli attuali soci. Se tutti quanti parteciperanno all'aumento di capitale, io non mi tirerò indietro, ma in caso contrario chi non farà questo passo dovrà assumersi tutte le responsabilità del caso. E mi riferisco anche a chi ha la sua firma sulle fidejussioni". Infine una considerazione che sa di monito: “Se il futuro sarà nero senza una via d'uscita, non si dovrà realizzare nessun altro progetto calcistico oltre il Campagnano, perché questa città, e quindi noi cosentini, non accetterà che si torni al passato. Vuol dire che in caso di fallimento ripartiremo da zero, ma da soli". CARNEVALE E LAMACCHIA. Che Peppino Carnevale sia indeciso se tornare a ballare col vestito rossoblù è risaputo,

che Bonaventura Lamacchia si stia interessando a dare un futuro al Cosenza pure. I contatti fra i due ex presidenti sono sempre più frequenti al punto che l'ingegnere scenderà in Calabria da Roma, città dove risiede da un po' di tempo. Esporrà al "signor Fata" il progetto che ha elaborato e che ruota attorno alla figura di Ernesto Cotti, esponente della Fimotec capitolina. Lamacchia intanto ha cooptato altri due imprenditori, il romano Claudio Duranti e un soggetto di cui ancora non si conoscono le generalità, ma si sa che è originario dell'alto Tirreno cosentino. Assieme formuleranno un'offerta a Funari entro l'11 aprile e la renderanno pubblica nei prosismi giorni con un comunicato o più presumibilmente con una conferenza stampa. Cotti fu ad un passo dal diventare socio di maggioranza del 1914 già lo scorso nove gennaio quando, dopo due giorni di riunioni fittissime con la famiglia Pagliuso, alla fine arrivò la fumata nera. Fu fotografato in tribuna assieme a Carnevale e sottoli-

neò prima di Cosenza-Ternana che l'affare era "concluso positivamente al 90%". Poi arrivarono gli intoppi del caso e non se ne fece nulla. Adesso, grazie alla mediazione di Lamacchia (che potrebbe occupare il prestigioso ruolo di vice-presidente mentre Auriemma un posto di spicco nell'area tecnica), i fili di quella trattativa potrebbero riallacciarsi seppur con co-protagonisti differenti. Nel sodalizio di imprenditori che si affiancherebbe a Carnevale, figurano anche De Rose e Salerno. Qualche dubbio invece sul sì di Chianello. NUOVI INGRESSI. Sono stati resi noti i nomi dei due imprenditori che hanno deciso di sposare il progetto dell'amministratore unico Funari. Entrambi con quote del 2% hanno ratificato l'accordo presso lo studio del notaio Scornajenghi. Si tratta di Mario Gervasi, il titolare di una società di distribuzione di videogiochi e di Orazio Caruso, proprietario di un supermercato. Si aggiungono a Luca Bruni che ha aumentato le quote in

suo possesso attestandosi anche lui al 2%. Entro la giornata di lunedì il socio di maggioranza del Cosenza 1914 conta di piazzare un altro 5% per poi far partire i bonifici ai calciatori al massimo per mercoledì. Di questo aspetto sono stati informati gli uomini di De Rosa che hanno avallato la cosa con tranquillità. Ad ogni modo, Funari ha rilasciato ai giornali delle dichiarazioni che si commentano da sè. "La città deve darsi una mossa - ha spiegato - altrimenti dovremo pensare di battere altri sentieri". Intanto è stata fissata per giovedì nel primo pomeriggio l'udienza davanti alla Commissione Disciplinare. Prima si terrà un colloquio con gli ispettori della Covisoc al quale parteciperanno l'avvocato Chiacchio, Funari e Bruni. Così il legale del club rossoblù. "Il nostro obiettivo è quello di limitare a due i punti di penalizzazione che sono riconducibili a mancanze incontestabili. Nello specifico, tuttavia, la procura contesterà quattro inadempienze". T.D.F.


6

SABATO 8 APRILE 2011

V I R T U S

L A N C I A N O

v s

C O S E N Z A

I PRECEDENTI A “LANCIANO”

IL CAMMINO IN CAMPIONATO

A LANCIANO PER IL BIS VITTORIA NELL’UNICO INCONTRO DISPUTATO

Domani al “Guido Biondi” il Cosenza incontrerà la Virtus Lanciano per la seconda volta. L’unico precedente è relativo alla stagione scorsa: il sette febbraio, la squadra silana si impose per 1-0 con rete di Biancolino. Questa la cronaca dell’incontro. Il Cosenza ritorna in Abruzzo, dopo i successi di Giulianova ed Avezzano, per affrontare la Virtus Lanciano e cercare di interrompere il trend negativo delle ultime tre gare. La formazione di casa fra le mura amiche non è un fulmine ed i silani cercano di approfittare della situazione. Già al 3' la prima occasione per il Cosenza: lancio in profondità per Scotto, su di lui è in vantaggio il difensore Moi che accompagna la sfera che sta lentamente scivolando a fondo campo, Scotto pressa con le braccia ben larghe per non commettere fallo, quando il difensore di casa si lascia cadere per terra ed afferra la palla con le mani. Per il signor

La formazione della Virtus Lanciano a Cosenza nella gara d’andata

Del Giovane non ci sono dubbi, rigore fra le vibranti proteste di giocatori e pubblico rossoneri. Dopo gli ultimi errori non è Biancolino ad andare dal dischetto ma Fiore; Biancolino se la prende con Toscano ma l’allenatore è irremovibile. Fiore calcia alla sinistra del portiere, ma Chiodini si tuffa e respinge, sulla ribattuta Scotto è anticipato. Ed è il terzo rigore sbagliato dal Cosenza su sei ottenuti, una media da orrore. Il Cosenza ci mette un po’ a riprendersi dallo shock e la Virtus Lanciano ha il pallino del gioco in mano

ma colleziona soltanto calci d’angolo, fino al 36' quando Improta impegna Petrocco in una respinta. Al 46' del primo tempo su un lancio del portiere silano, Antonioli va per colpire di testa ma la sfera, dopo aver rimbalzato per terra, lo scavalca, Moi, alle sue spalle cerca di appoggiare, sempre di testa, indietro a Chiodini ma non si avvede di Biancolino che si avventa sulla sfera e con una mezza girata al volo infila in rete dopo aver colpito il palo. Cosenza in vantaggio e fischio dell’arbitro che manda tutti

negli spogliatoi. La ripresa inizia con un attacco veemente della Virtus Lanciano che già al 50' con Turchi costringe Petrocco ad un difficile intervento, bissato al 59' su Sacilotto. Poi tocca ad Improta dopo qualche minuto ma ancora una volta Petrocco è pronto. Al 63' il Cosenza potrebbe passare ancora: su un cross dalla destra di Bernardi, Biancolino colpisce di testa superando Chiodini, ma il signor Del Giovane annulla la rete su segnalazione del suo collaboratore Napolano per fuorigioco dell’attaccante rossoblu. All’81' discesa sull’out destro di La Canna, cross al centro e conclusione di Biancolino senza esito. Un minuto dopo, sempre su un assist di La Canna, conclusione di Marsili fermata a terra da Chiodini. Il tempo passa e la Virtus rallenta tanto che Biancolino al 91' ha ancora una buona occasione ma, sul servizio di Roselli, alza troppo la mira. Ernesto Pescatore

A LANCIANO PER DARE CONTINUITÀ Lanciano (CH), Stadio comunale “Biondi” Domenica 10 aprile 2011 – ore 15:00 V. LANCIANO COSENZA CHIODINI 1 VASTOLA 2 ROMITO 3 ANTONIOLI 4 FERRARO 5 TAMÀSI 6 SACILOTTO 7 © AMENTA 8 TURCHI 9 DI GENNARO 10 TITONE 11

MARINO COTRONEO THACKRAY ROSELLI SCARLATO FERNANDEZ MATTEINI FIORE S. © BIANCOLINO ESSABR DEGANO

ALLENATORE CAMPLONE DE ROSA Ha lavorato sodo il gruppo rossoblù nella sosta che ha preceduto la trasferta di Lanciano. Dopo la vittoria con il Gela il morale è alto e la compagine silana ha capito che il traguardo salvezza non è un miraggio ma un obbiettivo ampiamente alla portata di Fiore e soci. Gigi De Rosa non abbassa la guardia e i calciatori hanno sostenuto diverse sedute tattiche ed atletiche. Il tecnico infatti, si è occupato del pacchetto arretrato. Scarlato e soci hanno rivisto i movimenti in fase di copertura ed è ormai chiaro che la difesa sarà schierata a quattro. Il centrale campano è stato provato con la pettorina gialla sulle spalle al centro della difesa insieme a Fernandez, mentre a sinistra l'allenatore barese ha sistemato Thackray e a destra Ungaro. Su quest'ultima corsia, tuttavia, potrebbe muoversi Cotroneo che nelle ultime settimane ha palesato grande affidabilità. A Lanciano sarà assente Giacomini per squalifica. F.C.

L’ULTIMA PARTITA L’ultima partita 28ª giornata, domenica 27 marzo 2011 Cava de’ Tirreni (SA), Stadio “Lamberti”

CAVESE VIRTUS LANCIANO

0 0

CAVESE (4-3-3): Pane 7; Ciano M. 5,5 Cipriani 5,5 Troise 5,5 Sirignano 6; Siano 5,5 (63' Di Napoli 6) D’Amico 5 Bacchiocchi 5,5; Ciano C. 5 Bernardo 5,5, Schetter 5,5 (79' Santaniello sv). A disposizione: Botticella, D’Orsi, Piscitelli, Pascucci, Conti. All.: M. Melotti. VIRTUS LANCIANO (4-2-3-1): Chiodini sv (28' Aridità 7); Vastola 6 Romito 5,5 Antonioli 6 Ferraro 5; Tama’si 5,5 (77' Volpe sv) Sacilotto 6 Amenta 5,5; Turchi 5 (69' Zeytulaev 5) Di Gennaro 5 Titone 5,5. A disposizione: Dall’Agnol, Tarquini, Improta, Colussi. All.: A. Camplone. ARBITRO: Saia di Palermo. ASSISTENTI: Raimondi di Fermo e Serpilli di Ancona. NOTE: spettatori 1.243 per un incasso di euro 12.243. Espulso all’87' Ciano C. (C) per somma di ammonizioni. Ammoniti: Romito (L), Cipriani (C), Sacilotto (L), Ferraro (L), Ciano M. (C). Al 46' (pt) Pane (C) para un rigore a Di Gennaro (L) ed all’84' Aridità respinge il penalty calciato da Ciano C. (C). Calci d’angolo 4 a 1 per la Cavese. Tempo recuperato: p.t. 3'; s.t. 3'.

1a giornata – 22 agosto Foligno - Virtus Lanciano 1-1 7' Giacomelli (F) - 50' Turchi (V) 2a giornata – 29 agosto Virtus Lanciano - Benevento 1 - 0 32' Di Cecco 3a giornata – 5 settembre Virtus Lanciano - Foggia 5-3 19' Di Cecco (V) - 36' Romagnoli (F) - 51' Sau (F) - 56' Di Cecco (V) - 60' Turchi (V) - 65' Sau (F) - 74' Antonioli (V) - 89' Mammarella (V) 4a giornata – 12 settembre Viareggio - Virtus Lanciano 3 - 1 23' Zeytulaev (L) - 63' Marolda (V) - 80' Longobardi (V) - 90' D’Antoni (V) 5a giornata – 19 settembre Virtus Lanciano - Gela 1-0 87' Improta 6a giornata – 26 settembre (27.10) A. Roma - Virtus Lanciano 0-0 — 7a giornata – 03 ottobre Virtus Lanciano - Juve Stabia 1 - 0 14' Turchi 8a giornata – 10 ottobre Andria Bat - Virtus Lanciano 0 - 0 — 9a giornata – 17 ottobre Virtus Lanciano - Ternana 0-0 — 10a giornata – 24 ottobre Siracusa - Virtus Lanciano 0-0 — 11a giornata – 31 ottobre Virtus Lanciano - Cavese 0-2 51' (rig) e 57' Ciano C. 12a giornata – 07 novembre Cosenza - Virtus Lanciano 1-1 3' Turchi (V) - 80' Biancolino (C) 13a giornata – 14 novembre Virtus Lanciano - Taranto 0-0 — 14a giornata – 21 novembre (22.11) Pisa - Virtus Lanciano 1-1 16' Carparelli (P) - 61' Mammarella (V) 15a giornata – 28 novembre Virtus Lanciano - Lucchese 0 - 0 — 16a giornata – 05 dicembre Barletta - Virtus Lanciano 0-2 18' e 60' Di Gennaro 17a giornata – 12 novembre Virtus Lanciano - Nocerina 1-2 32' Bolzan (N) - 49' Castaldo (N) - 86' Di Gennaro (V) 18a giornata – 18 dicembre Virtus Lanciano - Foligno 2-1 40' Amenta (V) - 45' Falcinelli (F) - 48' Di Gennaro (V) 19a giornata – 09 gennaio Benevento - Virtus Lanciano 1 - 1 79' Pintori (B) - 93' Turchi (L) 20a giornata – 16 gennaio Foggia - Virtus Lanciano 5-2 10' Insigne (F) - 12' Sacilotto (V) - 25' Farias (F) - 40' Sau (F) 56' Insigne (F) - 65' Sacilotto (V) - 80' Insigne (F) 21a giornata – 23 gennaio (30.01) Virtus Lanciano - Viareggio 1 - 2 34' Bocalon (VI) - 48' Di Gennaro (VL) - 63' Bocalon (rig.) (VI) 22a giornata – 06 febbraio Gela - Virtus Lanciano 1-1 21' Di Cecco (V) - 63' Cunzi (rig.) (G) 23a giornata – 13 febbraio Virtus Lanciano - Atl. Roma 1 - 0 52' Artistico 24a giornata – 20 febbraio Juve Stabia - Virtus Lanciano 1 - 0 86' Corona (rig.) 25a giornata – 27 febbraio Virtus Lanciano - Andria Bat 1 - 0 26' Di Gennaro (rig.) 26a giornata – 13 marzo Ternana - Virtus Lanciano 0-0 — 27a giornata – 20 marzo Virtus Lanciano - Siracusa 1-0 32' Titone 28a giornata – 27 marzo Cavese - Virtus Lanciano 0-0 —


Forza Cosenza n. 11  

Forza Cosenza settimanale sportivo RossoBlu