Page 1

PUGLIA Linea A.2 – PROGETTARE Miglioramento dei programmi, dei progetti e della performance LABORATORIO Smartpuglia REPORT DEI LAVORI "SMART PUGLIA Verso la strategia di specializzazione intelligente 2014-2020" Living Lab Salute: verso Smart Puglia 2020 Sala convegni Padiglione Regione Puglia - Fiera del Levante di Bari 21 settembre 2013 - ore 10:30-13:00


PREMESSA .....................................................................................................3 CAPITOLO 1 – “Puglia una regione per star bene”: il confronto ..................... 4 1.1 - Note introduttive.................................................................................. 4 1.2 – Gli interventi in sala.............................................................................5 1.3 - Le conclusioni..................................................................................... 13 ALLEGATI .................................................................................................... 15 Allegato I - Programma .............................................................................. 15 Allegato II - Elenco dei partecipanti ........................................................... 18

2


PREMESSA Il progetto Capacity SUD, finanziato dal Programma Operativo Nazionale "Governance e Azioni di Sistema" (PON GAS), ha la finalità di migliorare la capacità istituzionale delle amministrazioni delle Regioni dell’Obiettivo Convergenza supportandole nella programmazione di interventi che rispondano alle loro esigenze prioritarie e nel rafforzamento delle competenze necessarie per la loro efficace attuazione. La Capacità Istituzionale, Asse del Programma, oltre a fornire un supporto strategico per una gestione maggiormente efficiente dei Programmi Operativi, assume un rilievo fondamentale in prospettiva della programmazione comunitaria nel quadro di Europa 2020. La Linea A.2 di Capacity SUD, denominata PROGETTARE, propone attività di sviluppo delle capacità delle persone impegnate nelle Amministrazioni a progettare strategie della futura programmazione, interventi su politiche e servizi pubblici, azioni di miglioramento organizzativo e gestionale del ciclo delle politiche. Tali attività, nella Linea di Progetto, promuovono processi collaborativi, che includono nella progettazione diversi attori e si realizzano con metodologie partecipative. In particolare, PROGETTARE si articola in 2 azioni: sviluppo della cultura del PCM (Linea A.2.1 – Progettare le politiche) e Progetti mirati per il miglioramento del ciclo di programmazione e di gestione (Linea A.2.2 – Progettare lo sviluppo organizzativo). Formez PA nell’ambito della linea “Progettare le politiche” ha organizzato, con la Regione Puglia, e precisamente con l’Area Politiche per lo Sviluppo economico, il Lavoro e l’Innovazione e il Servizio Ricerca Industriale e Innovazione, incontri di approfondimento tematico, finalizzati al miglioramento di programmi, progetti e performance delle politiche regionali per l’Innovazione. IL LABORATORIO “SMARTPUGLIA” Il Laboratorio SmartPuglia si rivolge, per quanto riguarda il target regionale, a tutti i Servizi dell’Area Politiche per lo sviluppo economico, lavoro e innovazione, in raccordo con il Servizio Programmazione sociale ed integrazione socio-sanitaria, con il Servizio Politiche di Benessere sociale e Pari Opportunità e con le Aree Mobilità e Qualità urbana e Politiche per la riqualificazione urbana, la tutela e la sicurezza ambientale e per l’attuazione delle opere pubbliche e organizza alcuni incontri allargati al sistema territoriale dell’Innovazione, col coinvolgimento attivo degli Stakeholder, attori strategici dell’innovazione e dello sviluppo, nella convinzione che l’ascolto e la condivisione con gli attori del territorio siano condizione dell’efficacia degli interventi di policy. L’incontro in oggetto, tenutosi nell’ambito del programma di eventi organizzati dalla Regione Puglia presso il proprio padiglione all’interno della manifestazione “Fiera del Levante 2013”, in collaborazione con Innova Puglia, prosegue il percorso laboratoriale svolto finora, seguito e costruito dagli stessi partecipanti nel suo sviluppo attraverso le diverse fasi. In particolare, a partire dal coinvolgimento attivo nell’incontro di autovalutazione sulle politiche di innovazione della Regione Puglia tenutosi a febbraio scorso, questo stesso target ha contribuito - in termini di coprogettazione e potenziamento della comunità di pratica degli innovatori - all’individuazione di indicazioni e prospettive utili per la scrittura della strategia regionale della Smart Specialization. 3


Successivamente al laboratorio tenutosi a luglio scorso - che ha rappresentato una occasione di approfondimento e confronto finalizzato all’individuazione in maniera partecipata delle traiettorie strategiche regionali sul tema delle c.d. “Key Enabling Technologies (KETs)” - l’incontro in oggetto ha visto la partecipazione di rappresentanti di associazioni, soggetti socio-economici ed enti locali alla raccolta dei fabbisogni nell’ambito del progetto Apulian ICT Living Labs quale momento di confronto su temi, esigenze e problematiche in ambito salute richiedenti l’impiego di tecnologie ICT per loro gestione/risoluzione. Per l’elenco completo dei partecipanti si veda ALLEGATO I.

CAPITOLO 1 – “Puglia una regione per star bene”: il confronto 1.1 - Note introduttive La sessione laboratoriale si è aperta con la relazione introduttiva a cura di Francesco Surico, Direttore della Divisione Consulenza e Assistenza Tecnica di INNOVAPUGLIA (di cui è possibile visionare la versione integrale della presentazione utilizzata al seguente link). In avvio dei lavori, dopo aver sottolineato che il presente incontro di focus si inserisce nel percorso di costruzione di SmartPUGLIA2020 co-progettato nell’ambito del progetto Capacity Sud di FormezPA, ringraziato per la collaborazione, Surico evidenzia l’esigenza di fare progettazione attraverso il coinvolgimento diretto del sistema territoriale, a partire anche da rappresentanti della ricerca, del sistema delle imprese e della stessa PA regionale e locale. In quest’ottica, la finalità dei lavori è il cogliere dagli intervenuti una serie di bisogni, attraverso lo scambio, l’ascolto e la condivisione del percorso che si sta seguendo, anche in merito agli interventi di sanità elettronica in atto in Puglia. Questo approccio è in sintonia con la scelta metodologica dei “living lab” nella costruzione delle policy di ricerca e innovazione della Regione Puglia per la nuova programmazione dei fondi comunitari. A seguire, nel corso del proprio intervento, ha offerto una panoramica sugli scenari delineati dall’Agenda2020 e la nuova programmazione comunitaria, gli interventi in atto in particolare per quanto riguarda il settore della salute, i temi prioritari su cui la Puglia è chiamata a costruire la propria programmazione dall’UE e DPS (secondo la differente impostazione dei fondi 2014-2020) nello specifico sull’ambito Ricerca e Innovazione e in particolar modo su innovazione digitale. Nello specifico: Europa 2020 e le 7 iniziative faro, Horizon 2020, le azioni dell’Agenda Digitale Europea, il contesto regionale, gli obiettivi di SmartPUGLIA e dell’Agenda Digitale Regionale, i Living Labs e il settore salute.

4


1.2 – Gli interventi in sala La sessione di confronto aperto “Open Living Lab” è stata caratterizzata da un’impostazione metodologica di facilitazione finalizzata a raccogliere in maniera ragionata e focalizzata i contributi dei numerosi portatori di interesse intervenuti attraverso interventi liberi per manifestazioni di interesse su temi, esigenze e problematiche in ambito salute che richiedano l’impiego di tecnologie ICT per loro gestione e risoluzione. Gli interventi, aventi la durata di 5-7 minuti contengono le risposte, e quindi le proposte legate ai fabbisogni su 3 domande : COSA può essere proposto, COME e CON CHI può essere realizzato. Nella fase introduttiva sono stati offerti alla discussione un quadro sulla mappatura dei fabbisogni raccolti con l’azione “Apulian ICT Living Labs” nel dominio “Inclusione sociale e Invecchiamento attivo in salute” e le azioni in atto in merito alla sanità elettronica, secondo le priorità nazionali ed europee in tema di digitalizzazione. La visualizzazione in tempo reale dei contenuti emersi dai diversi interventi, dalle risposte individuali e dai contributi del dibattito, attraverso la proiezione della scrittura dei principali punti esposti, ha supportato questo approccio innovativo, permettendo di seguire in maniera chiara e sintetica i punti chiave dei punti di vista condivisi. Le adesioni ad intervenire sono state raccolte sia attraverso prenotazione all’atto dell’iscrizione all’evento o della registrazione all’arrivo in sala, sia attraverso la possibilità aperta a tutti di prenotarsi per intervenire nel corso della mattinata. Di seguito, una sintesi dei principali contributi raccolti. Nicola A. COLABUFO, docente di Chimica Farmaceutica (Dipartimento di Farmacia – Università di Bari) Presidente Spin off “Bio for drug” COSA Sviluppato già Kit diagnostico per diagnosi precoce per l’ Alzheimer sul siero dei pazienti. Test fruibile, processati sieri che arrivano da Centri nazionali ed europei. COME - CON CHI Intersecare quanto lo spin off sta realizzando in quest’ambito con le richieste del territorio COSA Avviate attività su diagnosi precoce della malattia rara “morbo di Wilson” e territorio per screening

camminare col

COME - CON CHI Camminare col territorio per screening per creare un “modello” da poter esportare fuori anche fuori Regione COSA In ambito di diagnosi precoce per l’Alzheimer puntare su sviluppo di radio traccianti PET, brevetto dello spin off in sperimentazione COME - CON CHI Al fine di creare un “modello” da poter esportare, camminare col territorio per intersecare know 5


how con necessità del territorio

Tino GESUALDO, nefrologo (Università di Bari) COSA Malattie croniche degenerative: puntare su “smart health” attraverso strumenti semplici legati a sistemi ICT (quali domotica, ecc.) al fine di dare empowerment al paziente per renderlo “deospedalizzato”. Per realizzare ciò occorre fare education, vedi il progetto “Ubi CARE” basato sul formare il paziente per dargli strumenti di conoscenza e gestione della malattia. Si stanno sviluppando anche biosensori, bio marcatori e piccoli strumenti per il tele monitoraggio dei pazienti al fine di rendere la loro casa più adeguata alla cura COME Strumenti di telemedicina e telecontrollo, per realizzare tutto in modalità sostenibile CON CHI Coinvolgimento delle associazioni di pazienti, classe medica dedicata alla patologia, esperti “multidisciplinari” (fisico, chimico, bio.informatico,ecc.)

Maria SVELTO, Presidente Distretto H-BIO COME Proseguire nella logica di interdisciplinarità, anche con chi fa impresa. Occorre creare la cultura del dialogo, in grado di andare oltre il proprio ambito per capire il linguaggio delle “culture diverse”. Dal punto di vista delle aspettative, l’errore da evitare è creare l’illusione che tutto possa essere sconfitto e, di conseguenza, che è necessario rispettare la nostra natura CON CHI Affinché la fruizione dei servizi innovativi realizzati sia reale, occorre anche un“intervento formativo” orientato verso il cittadino e il paziente

Domenico FAVUZZI, Presidente CONFINDUSTRIA PUGLIA COSA Ci sono risorse economiche contenute nella nuova programmazione che vanno ottimizzate. La strada da percorrere per creare imprenditoria è legata all’esigenza di avere disponibilità di “dati aperti” al fine di avere una migliore disponibilità di servizi. In tal senso, la Puglia si sta muovendo 6


già molto bene in termini di informatizzazione (vedi quanto realizzato col sistema informativo regionale, anagrafica regionale dei pazienti, rete dei medici di medicina generale, portale della salute con i servizi al cittadino, ecc.) in una situazione avanzata in grado di sviluppare servizi specializzati. Occorre cercare di completare questo tipo di interventi sulla strada verso il “fascicolo sanitario elettronico”, tema di sanità digitale prioritario a livello di agenda digitale nazionale che potrà consentire di supportare la realizzazione di applicazioni avanzate. Realizzare, quindi, applicazioni su scala regionale, integrando i diversi sistemi di repository di dati: centralizzazione del dato legata al controllo dei costi COME Proseguire con l’approccio metodologico Living Lab, creare la cultura del dialogo, oltre il professionismo aprirsi al linguaggio delle “culture diverse” CON CHI Collaborazione con i Distretti, Università, Politecnico, Centri di Ricerca: si vince attraverso le sinergie, che nel terzo millennio rappresenta l’unico modo per vincere

Piero SCHINO, Presidente Associazione Alzheimer - Bari COSA Patologia cronica “Alzheimer” COME Come associazione nell’’ambito dell’iniziativa Living Lab si è presentato un progetto per creare un DataBase di tipo interattivo, modificabile e aggiornabile che segua il paziente nei diversi stadi nel tempo, cui sono associati servizi diversificati. In merito all’anticipo della diagnosi, specie nel caso di malattia cronica è decisivo, per cui ben venga il lavoro sul marcatore realizzato dallo spin off “Bio for drug”. Il paziente “Alzheimer” non richiede l’ospedalizzazione e, in tal senso, serve disporre di una rete di servizi “informatizzata” che vada dall’ assistenza domiciliare alla formazione complessa con medici e ASL, che dovrebbe essere obbligatoria. Serve, anche approntare una campagna informativa sui mass-media.

Paolo SCHENA, Pres. Consorzio CARSO – Responsabile della Rete dei Laboratori di Omiche

7


COSA Progetto premiato da Regione Puglia su studio del genoma per malattie, che ha permesso di disporre di una rete di piattaforme di Omica, approccio fondamentale anche ai fini di medicina preventiva. Occorre valorizzare quello che già c’è, valorizzare la rete e la piattaforma già disponibile, senza duplicare gli strumenti e salvaguardando la sostenibilità alla luce degli elevati costi e scarse risorse COME Serve fare sinergia: sapere che esistono le professionalità disponibili sul tema che possono essere valorizzate nelle progettualità per Horizon2020 CON CHI Coinvolgendo ospedali, ricercatori, ecc.

Ettore ATTOLINI, Ares Puglia COSA Occorre che venga posta la questione del rapporto tra “tecnologia” e “relazione”, al fine di evitare il rischio di considerare “passivo” il paziente, specie in caso di malattia cronica, le tecnologie dovrebbero aiutare a risolvere i problemi relazionali che questo tipo di malattia induce, vera sfida del futuro

Vincenzo POMO, Direttore Area Salute – Regione Puglia COSA Servono modelli e strumenti che rendano sostenibili richieste di assistenza domiciliare. Occorre garantire la qualità dell’assistenza attraverso il recepimento delle esigenze dei singoli. A tale fine, serve aprire un tavolo di discussione per selezionare i prodotti di interesse “sostenibili” per migliorare la qualità dell’erogazione, anche a fronte della riduzione delle risorse. Tutto ciò è possibile solo attraverso lo sviluppo di tecnologie in grado di rispondere a questa esigenza

Aldo SICILIANO, Presidente Aggregazione Pubblico Privata INNOVAL

8


COSA Occorre individuare nuovi modelli di welfare, basati sulla multidisciplinarità. Una delle colonne di Horizon2020 riguarda le “tecnologie abilitanti” che va coniugata con quelle che sono le sfide sociali, tra le quali compare “salute e benessere”. Con INNOVAL si cerca di mettere insieme le questioni legate alla salute con quelle riguardanti l’inclusione sociale puntando dal punto di vista tecnologico sulla domotica e sulle smart cities stesse, che possono rappresentare una strada per cercare di andare oltre il semplice “assisted living”, ma anche “active and assisted living” COME Si sta già lavorando già in modalità Living Lab, che non deve essere inteso come obiettivo finale, ma come momento di transizione che partendo dal coinvolgimento dell’utente nella prima fase di elaborazione del progetto di ricerca, permette di arrivare ad una validazione/punto di rilancio che indica le opportunità di mercato anche per le imprese, oltre ai notevoli vantaggi rispetto ai fabbisogni dell’utenza. Si sta cercando, quindi, di creare un bacino di utenza regionale che permetta di scambiarsi informazioni e non solo, anche attraverso l’apertura a nuove professioni possibili quali “l’imprenditore sociale”: si è già avviata partnership di 20 attori tra cui 16 imprese. Per realizzare tutto ciò serve una riorganizzazione più ampia della sanità e un nuovo ruolo del medico in futuro CON CHI Occorre il coinvolgimento di nuovi attori, azione da portare avanti col pubblico, il “privato”, il sistema della ricerca e il sistema dell’utenza, ciascuno contribuente per il proprio ruolo

Paolo GIANNINI, Neurologo, vice Presidente Associazione “Apulian Educational Task Force” COSA L’associazione si occupa di inclusione a livello scolastico anche in ottica di bisogni educativi speciali, secondo le nuove impostazioni ministeriali. Grande contributo è dato dalla tecnologia in ambito di didattica speciale. Quando si parla di formazione si parla anche di salute, con notevole ricaduta di risparmio di risorse, grazie al notevole ricorso alle tecnologie. Quanto si vuole realizzare, rappresentando più stakeholder coinvolti sul tema, è una risposta tecnologica al fabbisogno di migliorare l’inclusione dei disabili (e non solo) nelle scuole, accompagnate da pedagogie consone (vedi es. la mancanza di formazione anche al prossimo cambiamento verso l’ebook, ecc.)

9


Francesco BUX, Direttore Generale ARES – Puglia COSA La priorità è individuare il bisogno e la tecnologia adeguata, fermo restando i vincoli di sostenibilità COME L’ARES aspira da tempo a fare da ponte tra i dettati del “government” e gli atti della “governance” per rispondere alle diverse esigenze, sia in ambito “salute” che “ricerca”

LUIGI DI PACE, Direttore Innovation Lab – Exprivia COSA Ottimizzazione delle risorse e dei costi rappresenta un passaggio necessario per evolvere continuamente sulla strada intrapresa dalla Regione in ambito di integrazione dei dati, business intelligence per efficientare il sistema sanitario. L’informatica attraverso l’utilizzo dei dati resi disponibili permette di rispondere al meglio ai bisogni di salute. Si pongono, quindi, due questioni: 1) di fronte alla necessità di come recuperare efficienza sugli investimenti, una strada fondamentale è rappresentata dagli open data, perché le imprese creino servizi adeguati; 2) per quanto riguarda il futuro è importante gestire la “qualità della vita” con costi accettabili per tutti (anche meno abbienti). Puntare, quindi, su soluzioni low cost immediate per rendere la persona più attiva, cittadini più soddisfatti, aiutare le imprese a fare nuovi business COME La modalità del Pre Commercial Procurement è fondamentale, spingendo su progetti piccoli che portino subito ad un progetto pilota, attraverso la valorizzazione di sistemi, anche già esistenti, semplici efficaci e accessibili a chiunque, con l’effetto di liberare risorse per poter realizzare anche progetti strategici CON CHI Coinvolgimento delle Associazioni di pazienti, oltre al sistema sanitario

Vito BEVILACQUA, Docente Politecnico BARI – Responsabile scientifico di spin off COSA

10


Partendo dall’esempio di un caso di virtuosità singola che oltre alla soluzione del proprio problema presenta anche la volontà di commercializzazione, si è attivata una proficua rete di collaborazione. In merito all’ambito “Alzheimer”, si stanno diffondendo diversi algoritmi sulla caduta della persona, sarebbe auspicabile trovare una modalità sia per verificare che non vi sia ridondanza, sia per tracciare la ricaduta dei progetti , una volta terminato il finanziamento

Francesco SAPONARO, Direttore Generale Innova PUGLIA COME, CON CHI In fase di riprogrammazione vi sono sempre diversi problemi e diverse possibili soluzioni possibili; la difficoltà consiste nell’individuare i criteri di selezione pertinenti. In tal senso come selezionare progetti innovativi, considerando sostenibilità ed efficacia? Come sostenuto da più parti, la questione vera in sanità è legata a innovazioni di processo (socio-organizzativo) più che di prodotto. In questo senso, da questo punto di vista il criterio di scelta può essere quello di puntare su soluzioni che garantiscano efficacia e razionalizzazione dei costi, secondo l’attore pubblico. A seguire, si possono immaginare iniziative promosse dall’attore pubblico che vedano un partenariato pubblico privato anche con coinvolgimento sul risultato (da parte dei privati), secondo l’obiettivo posto dall’UE, su come implementare partenariato pubblico privato. Infine, occorrerebbe studiare la possibilità di ricorrere, in ambito sanità, a temi svolti da attori privati con meccanismi riconducibili al modello del “project financing”, bisogna quindi cogliere l’occasione della nuova agenda della programmazione 2014-2020 per verificare possibili strade Domenico FAVUZZI Rispetto a quanto detto, vi è sicuramente l’intenzione da parte dei soggetti privati del comparto ICT iniziare a proporre delle metodologie di interazione con la PA che possono mirare ad individuare alcuni oggetti di sperimentazione al fine di aumentare la qualità e ridurre i costi. Si stanno avviando iniziative per provare a costruire questo tipo di partnership Ettore ATTOLINI In riferimento a ciò, si pone una questione ampia “chi dovrà regolare l’accesso alle risorse tra i diversi gradi di cronicità?”. Si tratta di un problema complesso, in cui il ruolo attuale del decisore pubblico, e dei tecnici, potrà essere quello di individuare modelli di cura per il futuro, più che soluzioni specifiche, individuare i modi di assistenza sostenibili Paolo GIANNINI

11


A proposito della questione della multifragilità e a sostegno della questione “formazione” c’è da dire che è stata messa su UVM (unità di valutazioni multidimensionali) che devono funzionare e per fare ciò servono le risorse perché si possa davvero parlare di territorio. Per quanto riguarda, invece, i Medici di medicina generale serve coordinamento, aggiornamento e formazione perché il processo sia avviato e seguito passo dopo passo al fine di abbattere le resistenze al cambiamento

Giuseppe RICCARDI, Presidente CNA PUGLIA COSA Le imprese, specie di minori dimensioni, hanno bisogno che queste rappresentino i fabbisogni espressi dall’utenza, in tal senso la comunicazione della Regione verso queste a chiarire che questo diviene un canale di investimento importante, può contribuire moltissimo a far crescere nelle imprese la voglia di innovazione. A tale fine, occorre che il livello regionale debba svolgere un ruolo decisivo sulla liberazione e diffusione dei dati COME Le piccole imprese, come anche l’utenza, sono interessate alle soluzioni utili ai problemi posti come obiettivi. Deve esserci un livello di competizione continuamente innovativa CON CHI Occorrono sinergie con chi coinvolgibile sul tema specifico (ad es. Università), il tutto secondo la volontà dell’imprenditore che decide di volta in volta con chi cooperare, tutto ciò al fine di riuscire a “scatenare gli imprenditori”

Sergio FONTANA, Amministratore unico FarmaLAb COSA, COME Invito a individuare parametri di valutazione dei risultati degli investimenti, occorre verificare le ricadute su tutte le azioni di partenariato, spin-off, ecc. Serve un’attenzione reale all’occupazione, ottimizzando il valore del sistema di ricerca regionale, oltre ad una verifica generale dei risultati, anche con la previsione di premialità per i bandi successivi CON CHI Si sono svolte attività con una compagine allargata, investendo con il Distretto H-BIO coinvolgendo diverse aziende. Occorre che la Regione prosegua questo suo cammino di 12


implementazione della meritocrazia di aziende, Università, spin-off e altri stakeholders

Alessandra PEPE, Responsabile progetto Fascicolo sanitario elettronico -InnovaPuglia COSA Esistono una serie di progetti di ricerca in grado di dare un contributo significativo a quanto già in essere, che costituirebbero delle parti aggiuntive interessanti ai progetti in essere. Per facilitare ciò, occorrerebbe che i progetti di ricerca fossero organizzati in modo conforme all’indirizzo di carattere tecnologico dato da InnovaPuglia in questi anni a livello regionale

Ester TATTOLI, Presidente associazione “Produrre Salute” COSA, COME A proposito di “cronicità”, molto deve essere ancora realizzato in termini di “prevenzione” anche per quanto riguarda le tecnologie. Occorre porre forte attenzione nell’integrazione delle discipline per tutto ciò che attiene la prevenzione in ambito di malattia cronica. Bisogna tenere alta l’attenzione su ciò che è “tecnologia” e ciò che è “scienza (bisogno)” per evitare il rischio per cui sistemi di business influenzano il rilevamento dei fabbisogni, causando duplicazioni, ecc. CON CHI I pazienti e cittadini sono informati e disponibili ad essere presenti sui tavoli

1.3 - Le conclusioni Pasquale CHIECO, Presidente INNOVAPUGLIA In relazione di azione di sostegno pubblico all’innovazione tecnologica, vi sono due imperativi da seguire: occorre seguire questo percorso di individuazione dei fabbisogni che risponda a una logica di efficienza di capacità di selezione delle priorità; inoltre, occorre che tutto ciò sia sostenibile, date le risorse limitate disposizione, grazie anche ai processi partecipati. Ciò è perseguibile con la metodologia dei Living Labs, che permettono di evitare ridondanze di rifinanziamento degli stessi progetti e rappresentano uno stimolo al mercato al fine di sostenere progetti innovativi che aprano nuovi orizzonti. La stessa formazione dei pazienti, come altri interventi in ambito ICT, può garantire interessanti ritorni anche in termini occupazionali. 13


Per quanto riguarda la questione degli “open data”, anche in ambito sanitario, rappresenta una via prioritaria per le finalità informative necessarie, mentre in tema di innovazione dei processi, legati al fascicolo sanitario elettronico, l’implementazione dei processi amministrativi in sanità, inoltre, permette la concreta liberazione e risparmio di risorse utili. L’auspicio è che anche il nuovo bando in oggetto possa dare risultati utili in questo senso. Per concludere, si ricorda che i contenuti di tutti questi lavori saranno raccolti nella sezione “Speciale Salute” del sito dedicato ai Living Labs.

Elena Gentile, Assessore al Welfare REGIONE PUGLIA Apprezzato per contenuti e modalità del confronto di questa giornata, rappresenta un passaggio importante per la Regione che sta cercando di tenere insieme i diversi livelli del sistema in questo momento particolare, considerando il conflitto tra diritti e sostenibilità, al centro delle politiche future che si devono interrogare su come sia possibile tenere dentro diritti, salute e mercato. Vi è interesse a condividere tutte le suggestioni che continueranno ad emergere in questo percorso legato alla salute, secondo questa modalità di partecipazione e dialogo. In questi anni si è già cercato di avviare esperienze di “avvicinamento alla tecnologia” e al mercato, secondo gli obiettivi dell’inclusione dei cittadini (vedi SAX, INNOVABILIA, ecc.). Oggi tutto ciò si è evoluto secondo la costruzione di un percorso di coinvolgimento anche del mercato. Occorre ripartire spostando l’obiettivo di orientare il sistema verso la nuova domanda di salute che vede solo il 13% dei pazienti fare riferimento alle grandi strutture ospedaliere e questo tema non può essere avulso dal percorso di portare la salute nei luoghi della vita del cittadino (casa, lavoro, scuola). Si cercherà di usare al meglio i dati disponibili per analizzare al meglio i fabbisogni e la possibilità di erogare servizi sempre più efficaci e sostenibili. Occorre, dunque, che la politica metta in campo sistemi accessibili, rappresentando questa una questione non più rinviabile.

14


ALLEGATI Allegato I - Programma

21 settembre 2013 ore 10:30-13:00

Living Lab Salute: verso Smart Puglia 2020 Fiera del Levante Sala convegni Padiglione Regione Puglia

Introducono i lavori Elena Gentile - Assessore regionale al Welfare, Regione Puglia Pasquale Chieco - Presidente InnovaPuglia

Confronto aperto Interventi liberi per manifestazioni di interesse su temi, esigenze e problematiche in ambito salute che richiedano l’impiego di tecnologie ICT per loro gestione/risoluzione.

15


Hanno già confermato la propria adesione: Area Politiche per la promozione della salute, delle persone e delle pari opportunità, Regione Puglia - Area Politiche per lo Sviluppo Economico, il lavoro e l’innovazione, Regione Puglia - ARES Puglia - ARTI Associazione Alzheimer Bari - Associazioni aderenti al coordinamento regionale Malattie rare - Centri ausilii regionali per la domotica sociale - Confindustria Puglia – Consiglio Nazionale delle Ricerche IMM InnovaPuglia - Politecnico di Bari - Università di Bari – Policlinico di Bari – Politecnico di Bari.

Sono state invitate le associazioni, i soggetti socio-economici e gli enti locali che hanno partecipato alla raccolta dei fabbisogni nell’ambito del progetto Apulian ICT Living Labs.

Il dibattito sarà facilitato con il supporto del progetto Capacity Sud del Formez, “Laboratorio Smart Puglia”.

Conclude Loredana Capone, Assessore regionale allo Sviluppo economico

La manifestazione è organizzata con il contributo di: PON GOVERNANCE E AZIONI DI SISTEMA ASSE E – Capacità Istituzionale – Obiettivo Specifico 5.1

PUGLIA Linea A.2 – PROGETTARE Miglioramento dei programmi, dei progetti e della performance Laboratorio “Smartpuglia” 16


Progetto realizzato in collaborazione con

17


Allegato II - Elenco dei partecipanti n

COGNOME

NOME

UFFICIO/SETTORE

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45

ABBINANTE AGRIMI ARDINO BALDUCCI BELLOSGUARDO BEVILACQUA BISCEGLIA BUGANO BUNGARO CANDELA CAPOZZI CAVONE CIRCIETTA COLABUFO D’AMBROSIO D’ELIA DE GENNARO DE ROBERTIS DI CAPUA DICIANO DIELE DIMATTIA FAUZZI FIDANZIA FIORE FIORINO GAROFALO IACOVIELLO LACALANDRA LEPORE LEPORE LOCONSOLE LOMASTINO LOPRIERNO MAIORANO MALERBA MOLFETTA MORAGLIA MUSENNA PALATINO PANTALEO PINTO RICCARDI SAVINO SCHENA

MICAELA ADRIANA ANTONELLA MARIATERESA MICHELE VITANTONIO LUCIA SALVATORE GIUSEPPE ANNAMARIA ROSA MARIA MARIANNA GIOVANNA NICOLA MARCO DOMENICA GIANLUIGI ALESSANDRO GIANCARLO MARCO FASMA MARINA DOMENICO TERESA DANIELA GIUSEPPE LAMBERTO MASSIMO ANNALISA VITO ANTONIO CLAUDIO MARIANGELA MARCO GIUSEPPE MARIA ANNAMARIA CESAREO MARINA MAURO MICHELE GIOVANNA GIUSEPPE NICOLA F.PAOLO

ASL REGIONE PUGLIA GIORNALISTA DER ESCOOP POLITECNICO DI BARI ARES PUGLIA EDILTECNO DITTA BUNGARO REGIONE PUGLIA CNR INNOVAPUGLIA INNOVAPUGLIA UNIBA IL TACCO D’ITALIA CNR UNIBA CENTRO DOMOS INNOVAPUGLIA INNOVAPUGLIA CNR BARI IL TACCO D’ITALIA EXPRIVIA INNOVAPUGLIA INNOVAPUGLIA ITEM COMUNE DI MODUGNO UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI BARI CENTRO DOMOS ARES PUGLIA STUDIO DELTA REGIONE PUGLIA UNISALENTO INNOVAPUGLIA INNOVAPUGLIA CGM ITALIA SPA INNOVAPUGLIA TERME MARGHERITA DI SAVOIA AMT BARI CRC PUGLIA CNA BARI CETMA UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI BARI

18


46 47 48 49 50 51

SCHINO SCORELLI SEMERARO SPALLUTO TANCREDI TULLO

PIETRO NINO MARGHERITA GIANFRANCO ROSA APOLLONIA

ASSOCIAZIONE ALZHEIMER COOP MINERVA MATRIX SPA ITB CNR

19


PUGLIA Linea A.2 – PROGETTARE Miglioramento dei programmi, dei progetti e della performance Riferimenti STAFF DI LINEA Elena Tropeano Donatella Spiga

Responsabile di Linea Staff di progetto

070 67956202 070 67956246

TASK FORCE REGIONALE Rosa Carlone Task Force Regione Puglia Fedele Congedo Task Force Regione Puglia Andrea Gelao Task Force Regione Puglia Nicola Recchia Task Force Regione Puglia Ornella Cirilli Task Force Regione Puglia Renata Brandimarte Task Force Regione Puglia

etropeano@formez.it dspiga@formez.it rosacarlone68@gmail.com fedelecongedo@gmail.com andrea.gelao@conetica.it nic.recchia@gmail.com ornella.cirilli@hotmail.it r_brandimarte@yahoo.it

20

Report LAB Smartpuglia Bari 21.09.13  

Report dell’incontro “Living Lab Salute: verso SmartPuglia 2020”, momento del laboratorio Smartpuglia, realizzato il 21 settembre 2013 a Ba...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you