Page 1

IN PRIMO PIANO Format Morning News 13 giugno 2014 Dalle principali testate giornalistiche

www.formatresearch.com


Prima Pagina


Parlano di Noi


ECONOMIA

CRISI: CONFCOMMERCIO, CRESCE FIDUCIA GIOVANI IMPRENDITORI 13:11 ROMA (MF-DJ)--Primi segnali positivi per un ritrovato clima di fiducia da parte dei giovani imprenditori del terziario con l'inizio del 2014 (sale al 6,5% la quota di chi indica un miglioramento rispetto al 4,4% del trimestre precedente), a testimonianza di una, seppur lieve, inversione di tendenza rispetto all'anno passato. Si conferma su livelli decisamente insoddisfacenti l'andamento dei ricavi (solo per il 2,9% dei giovani imprenditori e' positivo) e resta preoccupante la situazione occupazionale (in peggioramento per il 39,8% delle imprese "giovani"). E' quanto emerge da un'indagine - sintetizzata da una nota - realizzata dai Giovani Imprenditori di ConfcommercioImprese per l'Italia, in collaborazione con Format Research, sul sentiment dei giovani imprenditori del terziario rispetto alla situazione economica del Paese, presentata in apertura della due giorni dei Giovani Imprenditori di Confcommercio "L'Italia che verra'" al via oggi a Bari. Non si arrestano le difficolta' dei giovani imprenditori del terziario nel fare fronte al proprio fabbisogno finanziario (in peggioramento per il 33,7%), condizione che li spinge a tornare a rivolgersi alle banche con meno timidezza rispetto al passato (il 12%). Resta problematica la situazione credito, anche se, in qualche modo, la stretta creditizia per i giovani imprenditori del commercio, del turismo e dei servizi sembra lievemente allentarsi con l'inizio del 2014: rimane bassa, seppur in leggera crescita, la percentuale di "giovani" imprese del terziario che ottengono il credito con un ammontare pari o superiore rispetto alla richiesta (il 24,8% contro il 24% del periodo precedente) e diminuisce la quota di imprese che si sono viste accordare un credito inferiore rispetto a quello richiesto e di quelle che non se lo sono viste accordare (il 53% rispetto al 57,7% del trimestre precedente). com/gug (fine) MF-DJ NEWS 1213:11 giu 2014 fonte articolo http://www.corriere.it/notizie-ultima-ora/Economia/CRISI-Confcommercio-crescefiducia-giovani-imprenditori/12-06-2014/1-A_012943456.shtml


TORNA LA FIDUCIA TRA I GIOVANI IMPRENDITORI MA LA RIPRESA ANCORA NON SI VEDE (Teleborsa) - L'inizio del 2014 ha portato i primi segnali positivi di un ritrovato clima di fiducia da parte dei giovani imprenditori del terziario. L'indicatore di fiducia, infatti, segna una salita al 6,5% rispetto al 4,4% dell'ultimo scorcio del 2013, a testimonianza di una, seppur lieve, inversione di tendenza rispetto all'anno passato. A rilevarlo è l'indagine Confcommercio-Format sul sentiment dei giovani imprenditori del terziario rispetto alla situazione economica del Paese da cui emerge, invece, che resta preoccupante la situazione occupazionale (in peggioramento per il 39,8% delle imprese “giovani”). Si conferma su livelli decisamente insoddisfacenti, invece, l'andamento dei ricavi (solo per il 2,9% dei giovani imprenditori è positivo). Non si arrestano poi le difficoltà dei giovani imprenditori del terziario nel fare fronte al proprio fabbisogno finanziario (in peggioramento per il 33,7%), condizione che li spinge a tornare a rivolgersi alle banche con meno timidezza rispetto al passato (il 12%). Resta problematica la situazione del credito, anche se, in qualche modo, la stretta creditizia sembra lievemente allentarsi con l'inizio del 2014: rimane bassa, seppur in leggera crescita, la percentuale di “giovani” imprese del terziario che ottengono il credito con un ammontare pari o superiore rispetto alla richiesta (il 24,8% contro il 24% del periodo precedente) e diminuisce la quota di imprese che si sono viste accordare un credito inferiore rispetto a quello richiesto e di quelle che non se lo sono viste accordare (il 53% rispetto al 57,7% del trimestre precedente). fonte articolo http://economia.ilmessaggero.it/flashnews/torna-la-fiducia-tra-i-giovani-imprenditorima-la-ripresa-ancora-non-si-vede/741243.shtml


TERZIARIO: CONFCOMMERCIO SU GIOVANI IMPRENDITORI, FIDUCIA SI’, RIPRESA NO Posted on 12 giugno 2014 by Ilenia Miglietta (AGENPARL) – Roma, 12 giu – Primi segnali positivi per un ritrovato clima di fiducia da parte dei giovani imprenditori del terziario con l’inizio del 2014 (sale al 6,5% la quota di chi indica un miglioramento rispetto al 4,4% del trimestre precedente), a testimonianza di una, seppur lieve, inversione di tendenza rispetto all’anno passato. Si conferma su livelli decisamente insoddisfacenti l’andamento dei ricavi (solo per il 2,9% dei giovani imprenditori è positivo) e resta preoccupante la situazione occupazionale (in peggioramento per il 39,8% delle imprese “giovani”). Non si arrestano le difficoltà dei giovani imprenditori del terziario nel fare fronte al proprio fabbisogno finanziario (in peggioramento per il 33,7%), condizione che li spinge a tornare a rivolgersi alle banche con meno timidezza rispetto al passato (il 12%). Resta problematica la situazione credito, anche se, in qualche modo, la stretta creditizia per i giovani imprenditori del commercio, del turismo e dei servizi sembra lievemente allentarsi con l’inizio del 2014: rimane bassa, seppur in leggera crescita, la percentuale di “giovani” imprese del terziario che ottengono il credito con un ammontare pari o superiore rispetto alla richiesta (il 24,8% contro il 24% del periodo precedente) e diminuisce la quota di imprese che si sono viste accordare un credito inferiore rispetto a quello richiesto e di quelle che non se lo sono viste accordare (il 53% rispetto al 57,7% del trimestre precedente). Questi, in sintesi, i principali risultati che emergono da un’indagine realizzata dai Giovani Imprenditori di Confcommercio-Imprese per l’Italia, in collaborazione con Format Research sul sentiment dei giovani imprenditori del terziario rispetto alla situazione economica del Paese, presentata in apertura della due giorni dei Giovani Imprenditori di Confcommercio “L’ITALIA CHE VERRA’” che inizia oggi a Bari. CLIMA DI FIDUCIA I mesi iniziali del 2014 fanno registrare un leggero miglioramento del clima di fiducia delle imprese “giovani” del terziario sull’andamento dell’economia. Nel primo trimestre del 2014 sale al 6,5% la quota di giovani imprenditori che ritiene che la situazione sia più favorevole rispetto al periodo precedente (nell’ultimo trimestre del 2013 era il 4,4%) e al 6,6% la quota di chi dichiara che migliorerà nei prossimi tre mesi (nell’ultimo trimestre del 2013 era il 3,9%). Scende al 64,5% la quota di giovani imprenditori che ritiene che la situazione sia peggiorata (nell’ultimo trimestre del 2013 era il 68,3%). Qualche timido segnale positivo anche sul clima di fiducia relativo alla situazione economica della propria impresa. Per il 4,7% dei giovani imprenditori l’andamento economico della propria impresa è migliorato rispetto ai tre mesi precedenti (nell’ultimo trimestre del 2013 era il 2,8%). Un trend favorevole confermato anche per il prossimo futuro (per il 6%; nell’ultimo trimestre del 2013 era il 4,7%). Resta sostanzialmente invariata la quota di giovani imprenditori che ritiene che la situazione sia peggiorata (57,1%; nell’ultimo trimestre del 2013 era il 57,7%). CONGIUNTURA Si conferma su livelli del tutto insoddisfacenti, anche se in piccolo miglioramento, la

percezione delle


imprese “giovani” del terziario circa la situazione dei propri ricavi: solo per il 2,9% dei giovani imprenditori sono migliorati nel primo trimestre di quest’anno rispetto al precedente (nell’ultimo trimestre del 2013 era l’1,3%), mentre per il 56,7% sono peggiorati (nell’ultimo trimestre del 2013 era il 59,2%). Ancora preoccupante la situazione dell’occupazione: il 39,8% dei giovani imprenditori ritiene che si sia ridotta rispetto alla parte finale dell’anno precedente (nell’ultimo trimestre del 2013 era il 37,4%). Una tendenza sfavorevole destinata a consolidarsi anche per i prossimi mesi (per il 37,7%; nell’ultimo trimestre del 2013 era il 35,7%). Migliora, seppur di poco, il rapporto tra imprenditori e fornitori, almeno dal punto di vista dei prezzi praticati da questi ultimi. Nel primo trimestre del 2014 per il 7,8% dei giovani imprenditori è più vantaggioso rispetto al periodo precedente (nell’ultimo trimestre del 2013 era il 4,4%) ed in prospettiva continuerà il miglioramento. Sostanzialmente invariata la valutazione sui tempi di pagamento da parte dei clienti: il 4,1% dei giovani imprenditori ritiene che nel primo trimestre 2014 la situazione sia migliorata rispetto al periodo precedente (nell’ultimo trimestre del 2013 era il 4,6%) e il 6% dichiara che migliorerà nei prossimi tre mesi (nell’ultimo trimestre del 2013 era il 6,9%). FABBISOGNO FINANZIARIO Si deteriora la condizione finanziaria dei giovani imprenditori del terziario: il 33,7% non è riuscito a far fronte al proprio fabbisogno finanziario nei primi tre mesi dell’anno rispetto al trimestre precedente (nell’ultimo trimestre del 2013 era il 28,7%). Per i prossimi mesi ci si attende un nuovo peggioramento (per il 38,4%; nell’ultimo trimestre del 2013 era il 36,6%). DOMANDA E OFFERTA DI CREDITO Aumenta la quota di imprese “giovani” del terziario che si rivolge agli istituti di credito per chiedere un fido, un finanziamento, o la rinegoziazione di un fido o di un finanziamento esistente: sono il 12% nel primo trimestre 2014 contro il 10% del trimestre precedente. 2 Resta problematica la stretta creditizia, anche se, in qualche modo, la riduzione del credito concesso alle imprese da parte delle banche sembra lievemente allentarsi con l’inizio del 2014. Rimane bassa la cosiddetta area di stabilità, ovvero la percentuale di coloro che ottengono il credito con un ammontare pari o superiore rispetto alla richiesta (il 24,8% nel primo trimestre del 2014 rispetto al 24% del periodo precedente) e diminuisce l’area di irrigidimento, corrispondente alla quota delle imprese che si sono viste accordare un credito inferiore rispetto a quello richiesto e delle imprese che non se lo sono viste accordare affatto (53% dei primi tre mesi del 2014 rispetto al 57,7% del trimestre precedente). Sono lievemente migliorati i giudizi dei giovani imprenditori sulla situazione dei tassi di interesse praticati dalle banche sui crediti erogati e sulle “altre condizioni” applicate dalle banche ai crediti concessi. COSTO DEI SERVIZI BANCARI Varia di poco la situazione del costo dei servizi bancari nel loro complesso: nel primo trimestre del 2014 è peggiorata per il 63,5% dei giovani imprenditori rispetto al 66,4% degli ultimi tre mesi del 2013. fonte articolo http://www.agenparl.com/?p=53702


CONFCOMMERCIO: SALE CLIMA FIDUCIA GIOVANI IMPRENDITORI Con l’inizio del 2014 torna a salire il clima di fiducia da parte dei giovani imprenditori del terziario. Nel primo trimestre sale al 6,5% la quota di chi ritiene che la situazione sia più favorevole: un miglioramento rispetto al 4,4% del periodo precedente. Il dato emerge da un’indagine realizzata dai Giovani Imprenditori di Confcommercio-Imprese per l’Italia, in collaborazione con Format Research sul sentiment dei giovani imprenditori del terziario rispetto alla situazione economica del Paese. L’analisi, presentata in apertura della due giorni a Bari dal titolo ‘L’Italia che verrà’, rileva che rimane su livelli ancora insoddisfacenti l’andamento dei ricavi: solo il 2,9% degli imprenditori è positivo. Preoccupante anche la situazione occupazionale, che secondo il 39,8% dei giovani imprenditori è peggiorata. Difficoltà anche sul fronte delle condizioni finanziarie: nel primo trimestre del 2014 il 33,7% non è riuscito a far fronte al proprio fabbisogno, mentre nell’ultimo trimestre del 2013 era il 28,7%. Una condizione che, secondo Confcommercio, spinge i giovani imprenditori a tornare a rivolgersi alle banche con meno timidezza rispetto al passato (il 12%). Problematica la situazione credito. Nei primi tre mesi dell’anno il 24, 8% è riuscito a ottenere il credito con un ammontare pari o superiore alla richiesta, mentre negli ultimi 3 mesi del 2013 era il 24%. Va meglio per i giovani imprenditori del commercio, del turismo e dei servizi, per i quali la stretta sembra lievemente allentarsi con l’inizio del 2014. In diminuzione la quota di imprese che si sono viste accordare un credito inferiore rispetto a quello richiesto e di quelle che non se lo sono viste accordare: il 53% nel primo trimestre del 2014 rispetto al 57,7% del trimestre precedente. fonte articolo http://www.adnkronos.com/soldi/lavoro/2014/06/12/confcommercio-sale-clima-fiduciagiovani-imprenditori_uqz7KAOcbD8nLcZHVKvKHM.html


CONFCOMMERCIO: TORNA FIDUCIA TRA GIOVANI IMPRENDITORI DEL TERZIARIO 12 Giugno 2014 - 10:33 (ASCA) - Roma, 12 giu 2014 - ''Primi segnali positivi per un ritrovato clima di fiducia da parte dei giovani imprenditori del terziario con l'inizio del 2014'' con la quota di chi indica un miglioramento che sale dal 4,4% del trimestre precedente al 6,5% ''a testimonianza di una, seppur lieve, inversione di tendenza rispetto all'anno passato''. E' quanto emerge da un'indagine realizzata dai Giovani Imprenditori di Confcommercio-Imprese per l'Italia, in collaborazione con Format Research sul sentiment dei giovani imprenditori del terziario rispetto alla situazione economica del Paese, presentata in apertura della due giorni dei Giovani Imprenditori di Confcommercio ''L'ITALIA CHE VERRA''' che inizia oggi a Bari. Secondo la ricerca, pero', ''si conferma su livelli decisamente insoddisfacenti l'andamento dei ricavi'' (solo per il 2,9% dei giovani imprenditori e' positivo) e resta preoccupante la situazione occupazionale (in peggioramento per il 39,8% delle imprese ''giovani''). Non si arrestano neanche le difficolta' dei giovani imprenditori del terziario nel fare fronte al proprio fabbisogno finanziario (in peggioramento per il 33,7%), condizione che li spinge a tornare a rivolgersi alle banche con meno timidezza rispetto al passato (il 12%). ''Resta problematica la situazione credito - prosegue lo studio - anche se, in qualche modo, la stretta creditizia per i giovani imprenditori del commercio, del turismo e dei servizi sembra lievemente allentarsi con l'inizio del 2014: rimane bassa, seppur in leggera crescita, la percentuale di ''giovani'' imprese del terziario che ottengono il credito con un ammontare pari o superiore rispetto alla richiesta (il 24,8% contro il 24% del periodo precedente) e diminuisce la quota di imprese che si sono viste accordare un credito inferiore rispetto a quello richiesto e di quelle che non se lo sono viste accordare (il 53% rispetto al 57,7% del trimestre precedente)''. fgl/ fonte articolo http://www.asca.it/newsConfcommercio__torna_fiducia_tra_giovani_imprenditori_del_terziario-1395827-ECO.html


Primo Piano


BUFERA RIFORME: 13 SENATORI SI AUTOSOSPENDONO DA GRUPPO PD Boschi: non ci fermiamo per dieci senatori. Processo va avanti. Infondato che Costituzione violata fonte articolo http://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2014/06/12/bufera-riforme-13-senatori-siautosospendono-da-gruppo-pd-_9596a5bc-5d98-4d3e-bcd3-eefbf29ea339.html

ALLEANZE UE, M5S SCEGLIE FARAGEL’UKIP VOLA SUL BLOG: 23 MILA VOTI Chiuso il referendum online sul sito di Grillo. per l’Ecr 2.930, per i «Non iscritti» 3.533. Il leader del movimento inglese: «Dream team da incubo per Bruxelles» 12 giugno 2014 fonte articolo http://www.corriere.it/politica/14_giugno_12/alleanze-ue-partito-voto-bloggrillo-esclusi-verdi-2fc5254c-f217-11e3-9d0d-44dc1b5aab8c.shtml


EUROSTAT, NELL'EUROZONA CRESCE LA PRODUZIONE INDUSTRIALE Ad aprile l'industria cresce dello 0,8% rispetto a marzo: a trainare la ripresa della è stato soprattutto il settore energetico che ha registrato un incremento del 2,5%. La produzione di beni di consumo non durevoli, come il pane o il caffè, è aumentata anche del 2,1% fonte articolo http://www.repubblica.it/economia/2014/06/12/news/eurostat_nell_eurozona_cresce_la_produzione_i ndustriale-88729935/

LA BCE SULL’ITALIA: “BENE SUL DEFICIT, MA DARE PRIORITÀ A DISCESA DEL DEBITO” Per la Banca centrale il Paese ha fatto sforzi apprezzabili ma l’intervento di correzione pianificato da Roma per quest'anno "è inferiore ai requisiti stabiliti" dagli obiettivi europei. Nell'Eurozona, poi la ripresa è "più debole delle attese". Il board presieduto da Mario Draghi ribadisce di essere pronto a ricorrere "anche a strumenti non convenzionali" per evitare i rischi connessi al periodo prolungato di bassa inflazione fonte articolo http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/06/12/la-bce-sullitalia-bene-sul-deficit-ma-servono-ancorasforzi-di-risanamento/1024253/


COSTO ENERGIA, IN ARRIVO TAGLIO DEL 10% PER LE IMPRESE. ASSORINNOVABILI: “UN DISASTRO” La norma, che dovrebbe essere approvata dal Cdm entro giugno, avrebbe un costo compreso tra 1,9 e 2,9 miliardi di euro. Le associazioni che si occupano di energie green in polemica per l'effetto retroattivo della norma fonte articolo http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/06/12/pmi-in-arrivo-il-taglia-bollette-che-riducedel-10-il-costo-dellelettricita/1025311/

BANCHE: ROSSI (BANKITALIA), QUELLE ESTERE DEVONO ACCRESCERE RUOLO IN ITALIA fonte articolo http://www.corriere.it/notizie-ultima-ora/Economia/Banche-Rossi-Bankitalia-quelle-esteredevono-accrescere-ruolo-Italia/12-06-2014/1-A_012945549.shtml


VISCO: ECCO COME RECUPERARE 58 MLD DALL'EVASIONE PER TAGLIARE 43 MLD DI TASSE La riforma dell'Iva al centro di una proposta per combattere il fenomeno del "nero" e cosĂŹ ridurre subito il prelievo, a cominciare dall'Irap. Dallo scontrino elettronico al "reverse charge", tutte le misure fonte articolo http://www.repubblica.it/economia/2014/06/12/news/visco_proposte_anti_evasione_riduzion e_tasse-88751855/

SQUINZI: RIFORME DOVERE INELUDIBILE fonte articolo http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2014-06-12/squinzi-riforme-dovereineludibile-201131.shtml?uuid=ABbaGXQB


L'FMI: «ATTENZIONE, CON I PREZZI DELLE CASE RISCHIO DI NUOVA BOLLA» fonte articolo http://www.ilgiornale.it/news/economia/lfmi-attenzione-i-prezzi-delle-case-rischionuova-bolla-1027301.html

FISCO E IMPRESE: DOVE SI PAGA DI PIÙ (E DOVE MENO) Roma in testa alle città italiane per pressione fiscale sulle imprese dove si lavora per lo Stato fino al 29 settembre. Ma a Reggio Calabria l’aumento più significativo del 2014 fonte articolo http://www.wired.it/economia/lavoro/2014/06/13/fisco-imprese/


Si Segnala


NEL 2013 I MILIONARI SONO CRESCIUTI DEL 19%, PATRIMONIO DI 152MILA MILIARDI La lunga corsa dei listini favorisce l'ampliamento del divario tra ricchi e poveri. Un rapporto di Bcg censisce i ricchi nel mondo: dominano gli Usa, la Cina scavalca il Giappone, la Russia ha il primato dei "super ricchi". Italia stabile al nono posto. fonte articolo http://www.repubblica.it/economia/finanza/2014/06/11/news/nel_2013_i_milionari_sono_cresciuti_d el_19_patrimonio_di_152mila_miliardi-88692541/?ref=HRLV-5


Le Fonti

IL MESSAGGERO: http://www.ilmessaggero.it LA REPUBBLICA: http://www.repubblica.it LA STAMPA: http://www.lastampa.it AVVENIRE: www.avvenire.it IL GIORNALE: http://www.ilgiornale.it IL FATTO QUOTIDIANO: http://www.ilfattoquotidiano.it QUOTIDIANO NAZIONALE (GIORNO; NAZIONE, RESTO DEL CARLINO): http://qn.quotidiano.net/ IL TEMPO: http://www.iltempo.it IL VELINO: http://www.ilvelino.it/it TG LA7: http://tg.la7.it SKY TG24: http://tg24.sky.it/tg24/ TM NEWS: http://www.tmnews.it/web/home.shtml ASCA: www.asca.it IL MANIFESTO: www.ilmanifesto.it L’UNITA’: www.unita.it RAI: http://www.rai.it IL GIORNALE: http://www.ilgiornale.it EURONEWS: www.euronews.com ITALIA GLOBALE: http://www.italiaglobale.it L’OPINIONE http://www.opinione.it/Home.aspx


OSSERVATORE ROMANO: http://www.osservatoreromano.va IL GIORNO: http://www.ilgiorno.it SECOLO XIX: http://www.ilsecoloxix.it ON LINE NEWS http://www.online-news.it LIBERO: http://www.liberoquotidiano.it

In primo piano rassegna stampa 13 giugno 2014 a cura di format research  

nella rassegna di oggi un ricco parlano di noi - TORNA LA FIDUCIA TRA I GIOVANI IMPRENDITORI MA LA RIPRESA ANCORA NON SI VEDE - e poi BUFERA...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you