Page 1

IN PRIMO PIANO Format Morning News 29 OTTOBRE 2013 Dalle principali testate giornalistiche

www.formatresearch.com


Le Prime Pagine Le Notizie Le Fonti L’Agenda


GRILLO: NON ANDARE AL QUIRINALE NON È UNO SGARBO. LETTA: L'ATTACCO A NAPOLITANO È DA RESPINGERE CON FERMEZZA 28 ottobre 2013

… Fonte articolo completo http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2013-10-28/beppe-grillo-sorpresa-uffici--m5s-senato-154015.shtml


29/10/2013 06:03

BARBARA ATTACCA IL PARTITO E MARINA SI SFILA ANCORA La «piccola» Berlusconi: mio padre circondato da incompetenti interessati solo al potere La si può mettere come si vuole, ma alla fine il dibattito nel centrodestra non può che ruotare attorno a Berlusconi. Anche se a tenere banco, ieri, non è stato il Cavaliere, ma le sue figlie. Con la primogenita Marina a ribadire ancora una volta la propria indisponibilità a scendere in campo al posto del padre, e la più giovane Barbara, dirigente del Milan, a levarsi qualche sassolino dalla scarpa, puntando l’indice sui dirigenti di partito e sull’entourage di Palazzo Grazioli: «Mio padre è circondato da incompetenti». Praticamente una bomba. Barbara affida il proprio j’accuse a un’intervista all’ Huffington Post . «Ci sono tanti - attacca la figlia dell’ex premier - che hanno finto di sposare le sue idee politiche, ma che in realtà agivano per interesse personale. Per le poltrone e per il potere. Il loro interesse privato, unito a una palese inadeguatezza, oggi si manifesta in una totale assenza di idee e contenuti politici». Naturale poi che Barbara Berlusconi difenda il padre da chi vuole vederlo annientato, epurato dalla scena politica a colpi di sentenze. «Chi sta cercando un atto di sottomissione - dice - o di umiliazione quasi se Silvio Berlusconi dovesse espiare la colpa di esistete è fuori strada. Mio padre non si cospargerà la testa di cenere per dare a qualcuno la soddisfazione dello spettacolo che sostituisce la ghigliottina». «La condanna di mio padre è una condanna infame e infamante - ribadisce Barbara - Mio padre ha fatto molto per l’Italia. È da tutti riconosciuto come un grande imprenditore, ha creato decine di migliaia di posti di lavoro, ha segnato una fase della storia politica del nostro Paese che non si è ancora conclusa e non può essere considerato un criminale. Io, come mio padre, questa sentenza Mediaset non posso rispettarla perché è il ribaltamento della verità. Un altro Tribunale, quello di Roma, ha giudicato gli stessi fatti e ha assolto mio padre riconoscendo per vera tutta la ricostruzione dei fatti. E questo prima del Tribunale di Milano. È incredibile che si possa essere giudicati due volte per lo stesso fatto. Questo non è da mondo civile». «Mio padre conclude Barbara - non accetta che il Pd, mentre governa insieme a lui, voglia ucciderlo politicamente perché teme ancora, e forse a ragione, di non essere in grado di batterlo democraticamente attraverso le elezioni». … Dan. Dim. fonte articolo completo http://www.iltempo.it/politica/2013/10/29/barbara-attacca-il-partito-e-marina-si-sfila-ancora-1.1184763


POLITICA 28/10/2013 - RETROSCENA

DA SINISTRA A DESTRACRESCE LA TENTAZIONE DI TORNARE ALLE URNE Alleanza di governo più fragile, incognite sui tempi FEDERICO GEREMICCA ROMA E adesso, dopo l’incoronazione in quella che fu la stazione di partenza di un’avventura che pareva senza futuro, l’interrogativo si è fatto ancor più semplice. Quanto tempo ci vorrà, dopo l’8 dicembre, perché il Pd di Matteo Renzi e la nuova-vecchia Forza Italia a trazione berlusconiana (Silvio o Marina non cambia granché) entrino in rotta di collisione e facciano finire il governo a gambe all’aria? Di ottimisti, cioè di entusiasti pronti a pronosticare lunga vita per Letta e i suoi ministri, in giro se ne trovano sempre meno. Dario Franceschini - per la prima volta alla Leopolda - ieri ha provato a fingere grande convinzione: «Il governo dura, e c’è il tempo per fare le riforme, come chiesto dal Presidente della Repubblica: Renzi ha spazzato via tutti i sospetti su cosa vuole fare». Ma deve averlo fatto in maniera così poco convincente, Renzi, che il furbo Brunetta l’ha messa, invece, così: «A provocare le elezioni sarà Renzi. E’ superficiale e ondivago, ma non sciocco: sa che per tenere assieme Civati e D’Alema, Cuperlo e la Puppato, l’unico modo è andare a votare subito». ... fonte articolo completo http://www.lastampa.it/2013/10/28/italia/politica/da-sinistra-a-destra-cresce-latentazione-di-tornare-alle-urne-dDBbcc6yrsSrVNjKoG3seM/pagina.html


CRI SI, LA FIDUCIA DELLE IMPRESE TORNA A CALARE. SPREAD STABILE, CALA PIAZZA AFFARI La fiducia delle imprese a ottobre torna in calo, interrompendo una serie positiva che durava da tre mesi: in base ai dati Istat, l'indice scende da 82,8 a 79,3. Sul ribasso pesano i peggioramenti subiti nel commercio al dettaglio e nei servizi di mercato, mentre il comparto manifatturiero raggiunge il livello più alto dopo agosto 2011.Debole Piazza Affari, spread poco mosso. … Lunedì 28 Ottobre 2013 fonte articolo completo http://www.ilmessaggero.it/economia/economia_e_finanza/istat_fiducia_imprese_borse_spread_piazza_a ffari/notizie/346297.shtml


28 ottobre 2013

LE IMPRESE SONO SEMPRE PIÙ GIOVANI UNIONCAMERE: 1 SU 3 È DI UNDER 35 Nel terzo trimestre il saldo tra aperture e chiusure è di +13mila: il peggiore degli ultimi dieci anni. L'artigianato il settore che soffre di più. La spesa mensile delle famiglie crolla a quota 2.400 euro Secondo i dati forniti da Unioncamere, emerge un "esercito" di italiani under 35 che ha deciso di tentare la via del lavoro in proprio. Delle quasi 300mila imprese (296.008) nate tra gennaio e la fine di settembre, infatti, oltre 100mila (100.321, il 33,9%) hanno alla guida uno o più giovani con meno di 35 anni. … fonte articolo competo http://www.tgcom24.mediaset.it/economia/2013/notizia/le-imprese-sonosempre-piu-giovani-unioncamere-1-su-3-e-di-under-35_2006163.shtml


STUDIO CRISIS D&B

UN’IMPRESA SU OTTO CHIUDE IN ROSSOPER IL PRESSING DEL FISCO Su un campione di 300mila bilanci il 40% delle aziende registra un risultato negativo Su otto imprese che hanno chiuso in perdita l’ultimo bilancio, almeno una ha registrato un passivo unicamente a causa della pressione fiscale. Analizzando un campione di 300mila bilanci, un terzo delle societá attive in Italia, relativi agli anni tra il 2007 e il 2012, lo studio di Cribis D&B rivela che nell’ultimo anno il 40,9% delle imprese ha chiuso in perdita. Emerge dallo studio che il 12,33% di queste attivitá aveva registrato un risultato ante imposte (Ebit) positivo. Senza la pressione fiscale queste imprese avrebbero chiuso il 2012 in attivo. Questo quanto emerge dall’indagine di Cribis D&B, societá del gruppo Crif specializzata nelle business information, sull’incidenza delle imposte sulle performance delle imprese. La situazione, secondo Cribis, potrebbe anche peggiorare ulteriormente nel 2013. La dinamica è spiegabile se si considera l’incremento di 21 punti percentuali del tax rate medio, ossia del tasso di incidenza delle imposte sul reddito delle imprese, che dal 38,74% del 2007 ha raggiunto il 59,83%. Dato altrettanto preoccupante che emerge dallo studio è che dal 2008 al 2012 l’11,07% delle imprese analizzate ha sempre chiuso il bilancio in passivo, senza essere mai riuscire a raggiungere il pareggio. … 28 ottobre 2013 fonte articolo completo http://www.corriere.it/economia/13_ottobre_28/impresa-otto-chiude-rosso-ilpressing-fisco-bd6909ce-3feb-11e3-9fdc-0e5d4e86bfe5.shtml


STA NGATA TRISE SULLA PRIMA CASAI COSTRUTTORI: COSTERÀ IL 72% IN PIÙ Matteo Palo ROMA LA TASSAZIONE sulle prime case aumenta del 72 per cento. E quella sulle seconde case sfitte del 19 per cento. Dopo tante simulazioni ufficiose, sono questi i numeri sui quali ragionerà il Parlamento nel corso della discussione sulla legge di Stabilità. L’associazione nazionale dei costruttori (Ance) ieri ha scattato la fotografia della nuova tassa sugli immobili, la Trise, durante le audizioni pomeridiane con le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Il conto per le famiglie, stando alle simulazioni, sarà salatissimo. Una smentita secca per l’esecutivo, che aveva parlato di uno sgravio. …

fonte articolo completo http://qn.quotidiano.net/primo_piano/2013/10/29/973418stangata_trise_sulla_prima_casa.shtml


TASI, CAMBIO DI ROTTA: DETRAZIONI CONTRO LA STANGATA. BONUS IRPEF SOLO A REDDITI BASSI Accordo nel governo, modifiche subito in Parlamento. Lo sgravio aumenta ma riguarderà solo retribuzioni fino a 22mila euro di ROBERTO PETRINI ROMA - Tassa sulla casa e cuneo fiscale si cambia. Il governo, dopo il vertice di ieri tra il premier Letta, Alfano e il ministro dell'Economia Saccomanni, ha deciso di mutare rotta. La prima modifica, che avverrà in Parlamento, secondo quanto riferiscono fonti di Palazzo Chigi, dovrebbe riguardare la nuova Tasi, la tassa sulla casa che dal prossimo anno sostituirà l'Imu: è ormai certo che benché l'aliquota della Tasi sia più bassa dell'Imu, la mancanza di detrazioni fa pesare di più la nuova tassa. … L'ARTICOLO INTEGRALE SU REPUBBLICA IN EDICOLA E SU REPUBBLICA +

(29 ottobre 2013) fonte articolo completo http://www.repubblica.it/economia/2013/10/29/news/tassa_sulla_casa_cambio_di_rotta_detrazioni_c ontro_la_stangata_bonus_irpef_limitato_ai_redditi_bassi-69702582/?ref=HREA-1


BANCARI IN PIAZZA GIOVEDÌ 31 CONTRO L'ABI I bancari scendono in piazza giovedì 31 ottobre. In occasione dello sciopero indetto unitariamente da tutti i sindacati, il primo dopo tredici anni, saranno organizzate manifestazioni a Ravenna, città del presidente dell'Abi, Milano, Roma, Padova, Genova, le città dove hanno sede i maggiori gruppi bancari italiani. … fonte articolo completo http://www.italiaoggi.it/news/dettaglio_news.asp? id=201310281531319487&chkAgenzie=ITALIAOGGI&titolo=Bancari%20in%20piazza%20giovedì %2031%20contro%20l%27Abi


PRIVATIZZAZIONI: I PRO E I CONTRO DEI PIANI DI SACCOMANNI Il governo vuol liberarsi delle partecipazioni pubbliche per fare cassa. Ma vendendo le quote di Terna o Eni, perderebbe una montagna di dividendi 28-10-2013

di Andrea Telara Un piano di privatizzazioni entro la fine dell'anno. E' il programma rilanciato ieri dal ministro dell'Economia, Fabrizio Saccomanni , che ha ribadito ancora una volta la volontà del governo (e del premier Enrico Letta) di vendere una parte dei gioielli di stato per ridurre l'indebitamento pubblico. PRIVATIZZAZIONI: IL TESORETTO DELLO STATO Le privatizzazioni, ha sottolineato il ministro dell'Economia, non serviranno per finanziare nuove spese ma per alimentare una specifica voce del bilancio statale. Si tratta del fondo di ammortamento del debito pubblico che, già in passato, ha beneficiato dei consistenti flussi finanziari ricavati con le grandi privatizzazioni messe in cantiere negli anni '90. Ora, dopo quell'enorme piano di dismissioni durato oltre un decennio, da vendere c'è rimasto ben poco (almeno nel breve periodo): a parte gli immobili pubblici (che richiedono un'operazione complessa) ci sono le quote azionarie in alcune società partecipate dal ministero dell'Economia o dalla Cassa Depositi e Prestiti (Cdp), come Eni, Terna, Finmeccanica, oltre a Enel, le Poste e le Ferrovie, anche se Saccomanni non ha escluso neppure una parziale dismissione della Rai (con tanto di polemiche al seguito). …

fonte articolo competo http://economia.panorama.it/aziende/privatizzazioni-saccomanni-eni


NELL'UNIONE EUROPEA LA BICI GENERA BENEFICI ECONOMICI PER 200 MILIARDI DI EURO 28/10/2013 ore 16.25

Come è cambiata e come cambierà la mobilità urbana in Italia. In questi giorni se ne parla a Milano al convegno "Citytech e la mobilità nuova". Il traffico nuoce all'ambiente e alla salute, ma danneggia anche l'economia degli Stati. Ogni anno in Italia si spendono quasi 16 miliardi di euro, circa, l'1% del Pil per un fenomeno ben noto ad ogni automobilista: la congestione da traffico. Nell'Unione Europea, invece, secondo Bikeconomics, l'utilizzo delle biciclette genera benefici economici per 200 miliardi di euro: tutto merito di un nuovo concetto di mobilità urbana, la cosiddetta mobilità dolce. … Arianna Filippini fonte articolo competo http://www.radio24.ilsole24ore.com/notizie/2013-10-28/nellunione-europeabici-genera-161643.php


STAGIONE INVERNALE ALLE PORTE: STIMATI 9,4 MILIARDI DI FATTURATO In crescita prezzi alberghi e skipass; il 54% turisti stranieri. Inversione del trend negativo degli ultimi due anni

Bologna, 29 ott. (TMNews) - Dopo due anni in negativo, la stagione invernale alle porte segnerà un'inversione di tendenza: il sistema neve in Italia, infatti, è pronto a fatturare 9,4 miliardi di euro (+1,5%), grazie all'aumento del 6,5% degli arrivi degli sciatori e del 2,8% delle presenze nei luoghi di villeggiatura. Rispetto il 2012, si stimano però incrementi del 3,2% per i prezzi di alberghi e appartamenti, del 2,5% del costo dello skipass e degli impianti e del 2% dei prezzi dei corsi di sci collettivi. Sono le stime dell'Osservatorio del turismo montano promosso dallo Studio Lobo e Modena Fiere. … Pat fonte articolo completo http://www.tmnews.it/web/sezioni/top10/stagione-invernale-alle-porte-stimati94-miliardi-di-fatturato-20131029_073238.shtml


PER APPROFONDIRE LE NOTIZIE

IL SOLE 24 ORE: http://www.ilsole24ore.com IL CORRIERE DELLA SERA: http://www.corriere.it IL MESSAGGERO: http://www.ilmessaggero.it LA REPUBBLICA: http://www.repubblica.it LA STAMPA: http://www.lastampa.it AVVENIRE: www.avvenire.it IL GIORNALE: http://www.ilgiornale.it IL FATTO QUOTIDIANO: http://www.ilfattoquotidiano.it QUOTIDIANO NAZIONALE (GIORNO; NAZIONE, RESTO DEL CARLINO): http://qn.quotidiano.net/ IL TEMPO: http://www.iltempo.it IL VELINO: http://www.ilvelino.it/it TG LA7: http://tg.la7.it SKY TG24: http://tg24.sky.it/tg24/ TM NEWS: http://www.tmnews.it/web/home.shtml ASCA: www.asca.it IL MANIFESTO: www.ilmanifesto.it L’UNITA’: www.unita.it RAI: http://www.rai.it IL GIORNALE: http://www.ilgiornale.it


EURONEWS: www.euronews.com ITALIA GLOBALE: http://www.italiaglobale.it L’OPINIONE http://www.opinione.it/Home.aspx OSSERVATORE ROMANO: http://www.osservatoreromano.va IL GIORNO: http://www.ilgiorno.it SECOLO XIX: http://www.ilsecoloxix.it LIBERO: http://www.liberoquotidiano.it

Fmn in primo piano rassegna stampa 29 ottobre 2013 a cura di format research  

Nella Rassegna di oggi GRILLO: NON ANDARE AL QUIRINALE NON È UNO SGARBO; DA SINISTRA A DESTRA CRESCE LA TENTAZIONE DI TORNARE ALLE URNE; CRI...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you