Page 242

NOTARIATO

❯❯

Per i manager di età inferiore ai 35 anni è stato previsto un esonero dei costi notarili per la costituzione di Srl. Qual è la sua opinione in merito? «Ritengo che il notariato debba sempre e comunque andare incontro a particolari categorie di cittadini e quindi possa e debba concordare o proporre atti a costo ridotto o agevolato. Sono, per converso, contrario all’offerta di atti completamente gratuiti, in quanto viene svilito un basilare principio dell’economia liberale, cioè che il lavoro debba essere comunque retribuito in maniera corrispondente alle energie, ancorché solo intellettuali, profuse. Lo spazio perché un notaio svolga attività di beneficenza non manca mai nella vita di tutti i giorni e quindi le prestazioni gratuite possono essere sempre fornite senza necessità di farne oggetto di un obbligo giuridico». Come giudica la reazione del notariato

Andrebbero potenziate le scuole gestite sotto l’egida del notariato, in modo da portare al concorso soggetti già sufficientemente preparati e qualificati

292 • DOSSIER • VENETO 2012

italiano dinnanzi ai nuovi provvedimenti? «Al di là di alcune critiche doverose – espresse per lo più in maniera civile e composta –, penso che i notai siano stati l’unica categoria professionale che, profondamente incisa dalle cosiddette liberalizzazioni, non abbia svolto né minacciato azioni eclatanti per portare a conoscenza dei terzi le criticità rilevate. Non abbiamo fatto serrate, né siamo venuti mai meno ai doveri istituzionali che l’ordinamento impone». Lei teme, dinnanzi al provvedimento, una perdita di spessore del ruolo e della funzione pubblica? «Indubbiamente qualche rischio esiste. Ritengo allo stesso tempo però che i notai abbiano a disposizione una sufficiente preparazione giuridica e un livello culturale tale da potersi, sempre e comunque, riproporre come un soggetto cardine della società civile, anche di fronte a un mondo sociale ed economico che sta profondamente cambiando». Su cosa può fare leva la sua categoria per affermare ulteriormente il suo valore sociale e giuridico, giocando un ruolo da protagonista nei piani di rilancio del sistema paese? «I notai devono essere sempre più pronti – per loro sensibilità e per loro grado di preparazione – a fornire risposte a categorie di cittadini sempre più ampie e diversificate: imprenditori, consumatori, acquirenti di abitazioni, risparmiatori. Il mezzo per raggiungere il fine non può che risiedere, al di là della disponibilità individuale, nel fornire sempre maggiori servizi e sempre più qualificati. Il che si sostanzia nella necessità di potenziare gli strumenti della cosiddetta formazione permanente, attraverso riunioni di studio, convegni e congressi. Il tutto senza mai dimenticare il ruolo, determinante per il notaio, di soggetto terzo operante sempre al di sopra delle parti e nell’interesse generale della collettività».

DossVeneto032012  

AGROALIMENTARE............................80 Mario Catania Sergio Marini Franco Manzato Alberto Valente MERCATI ESTERI.........................