Page 156

CHIMICA E MATERIALI

La ricerca sui materiali per il comfort abitativo Benessere ed ecosostenibilità. Performance ed efficienza energetica. Qualità prima che quantità. Queste le parole chiave dell’edilizia contemporanea. Quali risposte sta dando a queste domande l’industria chimica? Ne parliamo con Lionello Caregnato Valerio Germanico

e linee di sviluppo della ricerca nel mondo delle costruzioni in questo momento hanno come obiettivo la costruzione di edifici con un maggiore rendimento energetico delle strutture, con un maggiore benessere e piacere dell’abitare. E questo con una generale riduzione dei costi, che è possibile ottenere solo con prodotti “intelligenti”, che permettano di aumentare le prestazioni in tutte le fasi di costruzione diminuendo i tempi di posa. Secondo Lionello Caregnato, presidente di Nord Resine, industria chimica che ricerca e sviluppa prodotti e tecnologie per l’industria delle costruzioni: «Uno dei temi più importanti di cui si occupa la chimica in edilizia è come aumentare le prestazioni – estetiche, meccaniche, energetiche – delle superfici e delle strutture, riuscendo a produrre garantendone anche la migliore durata nel tempo. Per raggiungere questo obiettivo noi siamo partiti dal modo in cui si costruiva nei secoli precedenti – e in questo senso l’Italia rappresenta una delle aree del pianeta che ha i maggiori esemplari della storia delle costruzioni». Su quali prodotti si è concentrata la vostra innovazione? «La nostra specializzazione è nell’utilizzo dei polimeri liquidi come leganti per realizzare superfici fun-

L Lionello Caregnato, presidente della Nord Resine Spa di Susegana (TV) www.nordresine.com

196 • DOSSIER • VENETO 2012

zionali, per esempio gli elastomeri per l’impermeabilizzazione degli edifici, i rivestimenti per le pavimentazioni con specifiche performance in base alle necessità operative del committente. Questi polimeri ci permettono soprattutto di dare fascino e bellezza alle superfici funzionali. Questo è soprattutto il campo nel quale investiamo di più: cioè la ricerca estetica agganciata alle alte prestazioni delle superfici». Quanto investite ogni anno in ricerca e sviluppo? «Mediamente la società ha investito negli ultimi dieci anni fra il 3 e 4 per cento del fatturato, considerando che la particolare struttura aziendale e la redditività progettuale ci consente di costruire internamente la maggior parte delle strumentazioni e delle macchine di test. Ma siamo stati impegnati anche in una notevole attività interna di evoluzione, dedicata soprattutto a sviluppare una mentalità di gruppo orientata all’efficienza e alla velocità di trasmissione dell’informazione. Questa crescita culturale e aziendale ha portato con sé una dote di valore inestimabile che ci ha permesso di lanciare sul mercato tre nuove società che stanno iniziando a coprire nuovi settori di business generati dalla ricerca. Oggi il gruppo si sente pronto ad affrontare altre due sfide importanti: l’ingresso nelle commodity del settore e una notevole accelerazione dello sviluppo all’estero». Quali sono i rapporti che Nord Resine ha nei confronti del mercato internazionale? «Quando abbiamo iniziato a commerciare con l’Europa del Nord, ci siamo subito accorti che ci

DossVeneto032012  

AGROALIMENTARE............................80 Mario Catania Sergio Marini Franco Manzato Alberto Valente MERCATI ESTERI.........................

Advertisement