Page 54

EXPORT

UU di mercato che si sono recentemente sviluppate

nell’ambito food e nell’ambito packaging. Settori che con molta probabilità porteranno a crescite importanti nel prossimo futuro. Anche in ottica export. In questo momento, i mercati più importanti per il packaging sono la Cina e gli Usa, e ci sono buone opportunità di sviluppo in Brasile, nel Sud-Est Asiatico e in Medio Oriente, che danno prospettive di una crescita a doppia cifra». I paesi emergenti per il patron della Cft sembrano costituire più una risorsa che una minaccia. «Dobbiamo tenerli in considerazione. Non mi riferisco solo ai mercati, cosiddetti, nascenti, ma anche a nuove nicchie di produzione che stanno prendendo piede in realtà già ampiamente industrializzate. Queste stanno dimostrando una forte vitalità». Sul fronte della competizione, la ricerca non può che avere un ruolo strategico decisivo. «Complessivamente, tra divisione process e divisione packaging, investiamo circa il due per cento del fatturato in ricerca e sviluppo. Gli investimenti fatti nel packaging sono stati rivolti alla riprogettazione di tutta la gamma dei prodotti per il settore beverage e al completamento della gamma

82 • DOSSIER • EMILIA-ROMAGNA 2013

c

Ci sono buone opportunità di sviluppo in Brasile, nel Sud-Est Asiatico e in Medio Oriente, che danno prospettive di una crescita a doppia cifra

d

delle aggraffatrici che rende Cft leader nel settore i cui competitor sono solo multinazionali americane. Questo sforzo ha già portato risultati tangibili, in primis la significativa crescita registrata dalla divisione “beverage” negli ultimi tre anni . Continueremo a investire per mantenere la nostra competitività di prodotto, nonché consolidare la posizione di mercato nel medio lungo termine configurandosi come partner tecnologico unico. Dobbiamo essere in grado di fornire soluzioni di engineering integrate, tali da affiancare il cliente nello studio di soluzioni tecnologiche dedicate, e fornire linee complete dalla trasformazione del prodotto grezzo al confezionamento del prodotto finito. Le soluzioni più ricercate, infatti, sono le cosiddette fabbriche o linee “chiavi in mano”, la nostra filosofia pertanto continua a incontrare il favore del mercato. Possiamo progettare linee complete di processo integrate con quelle per il packaging, strutturate ovviamente secondo le esigenze di produzione, qualità e logistica del caso. La possibilità di avere un unico interlocutore che si occupa di tutto il processo permette non solamente di evitare eventuali problemi di coordinamento tra differenti fornitori, ma anche la certezza che vengano assicurati standard qualitativi elevati sia di prodotto che di processo».

Dosser092013  
Dosser092013  
Advertisement