Page 49

Eros Gherardi

L’azienda si fa “snella” In che modo i vostri processi produttivi tengono in considerazione l’impatto ambientale? «Quello del rispetto ambientale è un tema che ci sta a cuore, come dimostra il sistema fotovoltaico ora in funzione nel nostro stabilimento per la generazione di energia elettrica. Abbiamo installato un impianto da 160 KW che ci ha consentito di limitare il consumo energetico di quasi il venti per cento. Da sempre la CMI è attenta non solo al rispetto dell’ambiente interno e della condizione di lavoro del proprio staff ma anche al rispetto dell’ambiente esterno attraverso l’utilizzo di fonti di energia alternative ed ecologiche. La nostra filosofia continuerà a essere quella di perseguire uno sviluppo eco sostenibile nel rispetto dell’uomo e dell’ambiente nel quale vive». Quanto è importante nel vostro settore il ruolo della ricerca? «A livello di competitività credo sia fondamentale investire molto in ricerca e sviluppo: i brevetti ottenuti e le domande depositate in attesa di valutazione sono la dimostrazione del nostro impegno. Se non si innova non si mantiene competitività e questo per CMI è

In inglese è lean thinking (pensare snello), cui si aggiunge subito dopo lean production (produzione snella), ed è una strategia operativa che punta ad aumentare l'efficienza ed eliminare gli sprechi. Ne parla Eros Gherardi, amministratore della CMI. «Negli ultimi tre anni – spiega Gherardi – la CMI ha attuato un progetto di lean thinking che ha interessato l’azienda nella sua totalità. Questo ci ha permesso di valutare e migliorare gli sprechi lungo tutta la catena del valore, per accrescere la nostra flessibilità e competitività, e ci ha portato a investire in risorse umane: soprattutto grazie a questo è stata possibile la conversione snella. Gli interventi più sostanziosi hanno riguardato tutta l’organizzazione del lavoro. Per essere efficaci ed efficienti in una logica simile, infatti, è stato per noi necessario rivedere i processi in chiave lean, per evitare tutte le fonti di sprechi e mantenere il livello di costi che ancora oggi ci permette di essere competitivi in un mercato difficile, alla continua ricerca del risparmio».

chiaro da molti anni: per questo destiniamo il cinque per cento del nostro fatturato a questa voce. In questo momento, stiamo lavorando a una cerniera con chiusura soft per il forno e abbiamo realizzato un’innovativa cerniera che consente la traslazione del pannello per le lavastoviglie a incasso. Il mercato sta andando in quella direzione e il nostro obiettivo deve essere quello di realizzare prodotti innovativi accessibili a tutti e non solo a una nicchia alta». EMILIA-ROMAGNA 2013 • DOSSIER • 77

Dosser092013  
Advertisement