Page 30

STRATEGIE

30.000

GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI, SECONDO UNA RICERCA CONDOTTA DA ITALIA STARTUP IN COLLABORAZIONE CON HUMAN HIGHWAY



scere quelle piccole già esistenti». Per il 31 per cento degli aspiranti imprenditori il modello di riferimento è il self made man all’italiana, per il 18 per cento il manager imprenditori, per il 29 le grandi famiglie imprenditoriali, mentre un giovane imprenditore su quattro è attratto dai guru dell’informatica e della new economy. Ma qual è l’approccio migliore a suo avviso? «Non esiste l’approccio ideale. Ad esempio io, che posso essere considerata la seconda generazione, lavoro in maniera completamente diversa da come lavorava mio padre. Certamente ho avuto la fortuna di avere un modello a cui ispirarmi e l’opportunità di cimentarmi in una realtà già esi36 • DOSSIER • EMILIA-ROMAGNA 2013

stente assieme alle responsabilità che inevitabilmente un giovane imprenditore sente sulle sue spalle, ma se potessi dare un consiglio a un ragazzo che inizia a intraprendere gli direi di valutare bene se ha le caratteristiche giuste per fare questo mestiere e di annusare il momento, il mercato, per catturare le opportunità e dare una propria impronta a quello che rimane uno dei mestieri più belli ma più difficili del mondo». C’è oggi una consapevolezza diversa da parte dei giovani su temi quali l’impatto ambientale o le nuove tecnologie? E come questo si può trasformare in risorsa per l’impresa? «Sicuramente i giovani di oggi, anche rispetto alla mia generazione,

hanno una consapevolezza diversa della green e new technology. È stata un’evoluzione naturale, a cui negli ultimi anni abbiamo assistito e che ha portato a una consapevolezza quasi civica in ognuno di noi che ha creato anche nuovi mercati. Sono occasioni di cui non è facile approfittarne ma tutto ciò che è amico dell’ambiente, tecnologicamente sostenibile o che riguarda l’impiego di fonti rinnovabili, è un filone destinato inevitabilmente a crescere nei prossimi anni. Anche aziende come la mia, che venivano da prodotti più tradizionali, hanno compiuto questa svolta e, così come molte altre aziende che hanno investito su questi asset, hanno mediamente delle performance migliori rispetto alle altre».

Dosser092013  
Advertisement