Page 75

Giuseppe Sampietro

Sotto, Giuseppe Sampietro, titolare della Vemati Srl di Mercogliano (AV) vemati@tin.it



Solo un impiego massiccio delle energie rinnovabili porterà alla realizzazione e di conseguenza alla vendita di impianti termoidraulici e termosanitari dalle prestazioni perfette



ting adottate. «Sin dall’inizio del nostro operato, siamo stati grandi fautori della penetrazione nel mercato attraverso lo sport business, motivo per cui ad oggi siamo tra i principali sponsor della squadra cittadina di basket militante nel campionato di serie A, la Sidigas Avellino. Inoltre, grazie anche alla nostra presenza all’interno del gruppo Idroexpert, abbiamo pensato e poi realizzato un catalogo riepilogativo di tutti i prodotti trattati dalla Vemati. In questo modo disponiamo di uno strumento assai utile sia per noi che per tutti gli operatori del settore, in quanto possono avere una panoramica totale di ciò che commercializziamo». Un’altra mossa strategica portata avanti dalla società è stata quella di inglobare tra i prodotti venduti anche le cera-

miche e l’arredobagno. «Per essere certi di proporre sul mercato componenti e arredi d’avanguardia e appetibili, abbiamo messo insieme un personale altamente qualificato e aggiornato sulle mode e gli stili del momento, e partecipiamo in modo costante a fiere ed esposizioni del settore. Negli ultimi anni, la tendenza per i componenti e gli arredi da bagno è quella di un design rigoroso e minimalista, capace di rendere la stanza da bagno di un’abitazione o di un ufficio una parte funzionale e bella da vedere». Tutte le varie peculiarità della Vemati le hanno consentito di raggiungere un buon successo, di rimanere incolume alle oscillazioni del mercato e di sentirsi gratificata dalla propria attività. «Attualmente possiamo vantare un fatturato consolidato che si aggira intorno ai 10 milioni di euro e che si dimostra in costante crescita. La nostra continua espansione ci ha anche permesso di avere, oltre alla sede principale di Avellino, una filiale a Salerno e una a Lioni, per un totale di circa 20 unità lavorative, che svolgono il proprio compito con trasparenza e correttezza». CAMPANIA 2011 • DOSSIER • 99

Dossier Campania 10 2011  

dossier campania

Advertisement