Page 38

XXXXXXXXXXX STRATEGIE PER LO SVILUPPO



Saranno finanziati solo i progetti delle imprese vere e in grado di reggere da un punto di vista tecnico, produttivo e finanziario

70% DOMANDE Secondo Invitalia, la maggior parte delle richieste di finanziamento proviene dal Mezzogiorno, in particolare da Campania, Puglia e Calabria

500 PROGETTI

È l’ammontare delle richieste, a fronte di 122 domande di finanziamento, pervenute a Invitalia a pochi giorni dall’entrata in vigore dei contratti di sviluppo

 sportello sono arrivate a Invitalia 122 domande per circa 500 progetti e investimenti pari a 6 miliardi di euro. La parte del leone l’ha fatta il Sud da cui è pervenuto il 70% delle richieste e, in particolare, dalle regioni Campania, Puglia e Calabria. Se le richieste fossero tutte approvate e finanziate avremmo di gran lunga già esaurito le risorse disponibili». A Invitalia spetta il compito di verificare la compatibilità delle domande: quali sono le priorità per ottenere i finanziamenti? «Ci sarà una forte selettività e soprattutto un dialogo diretto tra Invitalia e le imprese per verificare la sostenibilità e l’effettiva capacità dei proponenti di realizzare gli investimenti

54 • DOSSIER • CAMPANIA 2011



programmati. Saranno finanziati solo i progetti delle imprese vere e in grado di reggere da un punto di vista tecnico, produttivo e finanziario». Nei contratti di sviluppo trova spazio il settore turistico: qual è l’identikit dell’impresa che vuole accedere al finanziamento e cosa si propone di incentivare? «Secondo i primi dati disponibili delle domande arrivate a Invitalia, emerge in maniera netta il buon andamento dei progetti di investimento nel settore del turismo. Ben 59 richieste su un totale di 122 riguardano, infatti, questo comparto, il 48,4% del totale, per un valore complessivo degli investimenti pari a 3,8 miliardi di euro. Considerate le caratteristiche principali della misura si tratta per lo più di medie e grandi aziende». La dotazione finanziaria iniziale messa in campo dal Mise, con il contributo delle Regioni, è di 400 milioni di euro. Si prevede l’impiego di altre risorse? «Per ora i 400 milioni sono interamente coperti dai fondi del Pon ricerca e competitività. Si tratta, quindi, di risorse europee. A questi fondi le singole Regioni possono aggiungerne altre, a seconda delle loro disponibilità. Nel caso di Termini Imerese, ad esempio, dove nel sito della Fiat sarà utilizzato proprio il contratto di sviluppo, l’amministrazione siciliana è intervenuta con propri fondi. Si spera in una risposta positiva anche da parte delle altre Regioni, soprattutto meridionali».

Dossier Campania 10 2011  

dossier campania

Advertisement