Page 54

La trafileria italiana cresce all’estero L’internazionalizzazione è ormai una necessità per le aziende meccaniche, in una situazione di mercato che, negli ultimi mesi, sta replicando quella del 2009, con un crollo di ordini, compensati solo dalla crescita all’estero. Il punto di Monica, Gisella e Riccardo Colombo Roberta De Tomi

n settore export-oriented, che proprio grazie a questa vocazione, “tiene”, pur risentendo delle condizioni del mercato interno, sempre più in stallo. I dati resi noti dalla Federazione delle associazioni nazionali dell’industria meccanica varia e affine di Confindustria lo provano: se nel 2010 la crescita dell’export si è attestata intorno al 2,5 per cento, nel 2011 la quota si è avvicinata al 4 per cento; resta in attesa di conferma il più 2,7 per cento già previsto per il 2012. Tra le aziende che hanno avviato il processo di internazionalizzazione, in tempi non ancora “sospetti”, la Trafileria Colombo è attiva sul mercato da oltre sessant’anni, specializzata nella produzione di piatti e quadri trafilati e di profili trafilati, a spigoli vivi e bordi tondi, crudi o ricotti. Questi articoli sono destinati a diversi ambiti: dai com-

U

72 • DOSSIER • LOMBARDIA 2012

ponenti per i motori delle automobili, alle guide di precisione per automatismi e per i morsetti per la falegnameria, passando per le griglie dei fornelli, i profili per ascensori, le armi, le applicazioni per l’edilizia e l’agricoltura, le valvole per oleodinamica. A proposito del processo di internazionalizzazione, come spiega Monica Colombo, questo

Monica, Gisella e Riccardo Colombo della Trafileria Colombo Srl di Magnago (MI) www.trafileriacolombo.com

DLombardia122012  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you