Page 232

CONSULENZA AMBIENTALE

Per una gestione più semplice, dei rifiuti L’Italia rientra tra i 12 paesi dell’Unione Europea che registrano basse performance di gestione dei rifiuti. Questo perché nel sistema normativo italiano, permane una radicata incertezza su numerose questioni operative. Ne parliamo con Ines Bertoli Nicoletta Bucciarelli

Al centro Ines Bertoli, Socio e Responsabile dello Studio Amb di Bergamo www.studioamb.it

276 • DOSSIER • LOMBARDIA 2012

a gestione dei rifiuti in Italia presenta grandi criticità, nonostante il Rapporto Banca dati sulla raccolta differenziata 2011, registri come dato positivo un calo del 1,88 per cento dei rifiuti prodotti rispetto al 2010. La percentuale di raccolta differenziata, secondo i dati del rapporto, è passata infatti dal 33,26 per cento del 2010 al 35,5 per cento del 2011, ma in Europa occupiamo solo il 20° posto su 27 Stati membri e rientriamo tra i 12 paesi della classifica che hanno basse perfor-

L

mance di gestione dei rifiuti. Questo a causa di politiche deboli o inesistenti di prevenzione dei rifiuti e per le difficoltà esistenti nella gestione generale. «Le imprese che operano nel campo della gestione dei rifiuti – spiega Ines Bertoli, Socio e Responsabile dello Studio Amb di Bergamo – si trovano spesso a doversi districare tra le operazioni necessarie sia dal punto di vista amministrativo che pratico». Lo Studio Amb nasce nel 1992 dall’intuizione che nel futuro le tematiche ambientali avrebbero assunto un ruolo

DLombardia122012  
DLombardia122012  
Advertisement