Page 209

Demetrio Grassenis

genere sui tetti degli stabilimenti possono produrre energia elettrica utile all’esecuzione delle lavorazioni e risparmiare i costi che invece deriverebbero dall’impiego di energia fossile tradizionale». Sempre attenta alla cura dell’ambiente e alla salute di chi vi abita, la Duesse Coperture si è specializzata anche nella rimozione e bonifica di amianto ed eternit, attività che per essere svolta al meglio deve seguire in modo scrupoloso le normative vigenti. «Sempre più spesso – continua ancora Demetrio Grassenis – gli interventi di cui dobbiamo occuparci prevedono la rimozione di amianto e la conseguente bonifica delle coperture di capannoni industriali. Il trattamento per eliminare l’amianto e l’eternit parte con una stabilizzazione delle fibre di amianto, così da impedire la dispersione delle polveri altamente nocive per l’ambiente e le persone, e continua con l’incapsulamento delle lastre attraverso sostanze sintetiche, la bonifica delle coperture e lo smaltimento delle scorie di amianto ed eternit. Rispetto al passato, relativamente a questo ramo della nostra attività, abbiamo notato un cambiamento importante: se prima, eliminato l’amianto, montavamo un pannello di 4 centimetri d’altezza, oggi sta crescendo il numero di clienti che richiedono pannelli coibentati

Attualmente, una volta rimosso l’amianto, ricopriamo i tetti con pannelli coibentati di 10 centimetri d’altezza

di almeno 10 centimetri, composti da due lastre di lamiera con in mezzo il poliuretano. Questa scelta non viene fatta solo da grandi o piccole aziende, ma anche dai privati che desiderano ristrutturare le coperture della propria abitazione». L’elevata qualità di queste lavorazioni e degli altri servizi messi a disposizione del cliente dalla Duesse Coperture, quali installazione di lattonerie, interventi di impermeabilizzazione e coibentazione civili e industriali e realizzazione di sistemi anticaduta, hanno permesso alla società di affrontare con grinta il momento di crisi vissuto dal comparto edile e di registrare una costante crescita del proprio volume d’affari. «Partiti con un fatturato 2009 pari a 6 milioni di euro – conclude Demetrio Grassenis – siamo riusciti a raddoppiarlo in appena

tre anni, passando per un 2010 che ha fatto segnare un fatturato di 9,5 milioni e giungendo a fine 2011 con un volume d’affari di circa 11 milioni di euro. La strategia che più di ogni altra ha consentito tale risultato è stata senza dubbio quella di investire sull’azienda, in particolare sulla formazione del personale, che ha un’età media di trent’anni. Importantissimi sono poi stati gli investimenti dedicati al potenziamento delle capacità tecniche e all’aggiornamento dei mezzi e degli strumenti fondamentali per il nostro lavoro». Per l’immediato futuro, la Duesse Coperture si augura di migliorare ulteriormente i traguardi finora raggiunti e di partecipare in modo più costante alle gare di appalto pubbliche, che a oggi rappresentano per l’azienda solo l’1 per cento del fatturato. LOMBARDIA 2012 • DOSSIER • 247

DLombardia122012  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you