Page 206

EDILIZIA

Meno vincoli per l’accesso al credito Le maggiori difficoltà attese riguardano il mercato delle vendite di appartamenti, ma anche i rapporti con le banche che continuano a limitare l’accesso al credito. Sergio Furini fa un quadro del settore edile Anastasia Martini La Cile Spa ha sede a Milano www.cilemilano.it

a situazione generale del mercato è pessima; se teniamo conto che la Lombardia è l’area più produttiva dell’Italia e che la stessa avrebbe dovuto essere influenzata in modo assai positivo dai lavori relativi all’Expo 2015, ci si domanda cosa starà succedendo nel resto del

«L

paese». Il quesito, formulato da Sergio Furini, amministratore della Cile, impresa di costruzioni attiva sul mercato da oltre sessant’anni, trova una parziale e non troppo incoraggiante risposta «Molte aziende – continua Furini – acquisiscono lavori nella nostra zona; nel fatto in sé, non ci sarebbe nulla di male, in quanto si tratta sempre di Italia, e il mercato dell’edilizia non è più un mercato ad alta tecnologia che permette, in virtù di un importante valore aggiunto, di pagare personale in trasferta; i lavori però vengono acquisiti a prezzi di dumping e poi magari abbandonati. In questo grigio panorama, si punta a lavori di nicchia; ma anche queste opere sono sempre più rare, a fronte di una fortissima concorrenza». La società, che è specializzata nella realizzazione di edifici commerciali, monumentali e destinati ad uffici e servizi, sulla base di richieste crescenti del mercato di riferimento si è dovuta rivolgere all’ambito delle residenze. Le difficoltà connesse al momento storico, però sono lampanti per Furini «In generale, il nostro business continua a decrescere; dai nostri momenti migliori, nel 2008,

DLombardia122012  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you