Page 116

Diversificare, l’imperativo anti-crisi Come affrontare le innumerevoli possibilità offerte dal mercato? Per Massimo Vezzoni la soluzione è coglierle, seguendo l’intuito, senza paura di sostenere le buone idee. «Per uscire dall’empasse della crisi è necessario investire. Anzi, obbligatorio» Renato Ferretti

136 • DOSSIER • LOMBARDIA 2012

uno dei criteri a cui sempre più spesso l’imprenditoria ricorre per formulare le proprie strategie. Ma anche per la diversificazione, com’è ovvio, non basta la parola. Per ottenere i risultati sperati serve intuito, più idee in cui credere e il coraggio di investire su alcune di queste con tutte le proprie risorse. Com’è facile immaginare, non sono tanti gli esempi di aziende in grado di soddisfare queste condizioni e imporsi con più prodotti su mercati e settori diversi. Massimo Vezzoni, presidente della cremonese Distram, ha fatto proprio il concetto, lasciando libero sfogo a tutte le idee che riteneva vincenti. Dal building supply, all’elettronica di consumo, fino al campo delle tecnologie di comunicazione per imprese e hospitality: Distram è riuscita negli anni a inserirsi in tutti i settori in cui vedeva opportunità concrete, sostenendo il peso che ogni iniziativa richiede. «Gli investimenti per crescere sono necessari o addirittura obbligatori – dice Vezzoni –, volti ad agevolare l’uscita dalla situazione di empasse, nella quale il sistema economico

È

DLombardia122012  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you